Pubblicazioni. Sola, tu t immergi dentro il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazioni. Sola, tu t immergi dentro il"

Transcript

1 Pubblicazioni di Giancarlo Celeri Bellotti 38 Sola, tu t immergi dentro il vero dolor di quei conflitti! : l intervento delle Infermiere Volontarie della C.R.I. nella 1 A guerra mondiale Spiega il vessillo tuo, mite milizia, che segui ovunque la pugnante schiera! Per te più santa l opera s inizia, dove la rabbia umana urge più fiera. Pia retroguardia, tu rimani in campo quando già i forti son trascorsi via: essi han veduto in un fulmineo lampo questo ferir, questo morir che sia: ma tu t indugi, e paziente tergi e fasci e vegli i pallidi trafitti, ad uno ad uno: sola, tu t immergi dentro il vero dolor di quei conflitti Con questi versi il poeta e letterato Giovanni Bertacchini nel 1915 esaltò simbolicamente l opera muta e sommersa di migliaia di Infermiere Volontarie della C.R.I., idealizzando, nell immaginario comune, che la propaganda politica e militare interna ben sfruttava, volti, gesti, sguardi e parole di queste donne che volontariamente, con abnegazione e poco curanti del pericolo, prestarono soccorso e conforto ai feriti di tutte le Nazioni coinvolte nel 1 conflitto mondiale, la grande guerra. Ma quante e chi erano queste infermiere, com erano istruite e organizzate, com era una loro giornata tipo in un ospedale da campo o in un ospedale territoriale e quali attività svolgevano, quante di loro rimasero ferite o morirono, quante di loro vennero fatte prigioniere o decorate al valore? La sintetica descrizione di queste epiche

2 pagine della storia infermieristica inizia nel Dicembre del 1906 a Milano, quando ad opera di Sita Meyer Camperio, Rosa Curioni De Marchi, la Duchessa Matilde Visconti di Modrone ed altre nobildonne milanesi filantrope venne organizzato il 1 corso per Infermiere Volontarie della C.R.I., frequentato l anno successivo da ben 327 signore. Le idee ed i primi passi per questa iniziativa reale, come la Duchessa d Aosta Elena di Francia o, più tardi durante gli anni trenta, Maria Josè del Belgio futura moglie di Umberto di Savoia. Tuttavia, fu solo nel Febbraio del 1908, a Roma alla presenza di S.A.R. la Regina Elena, che i corsi ed il Corpo delle Infermiere Volontarie della C.R.I. vennero ufficialmente istituiti e riconosciuti. Di anno in anno in vennero tutta Italia nascevano mossi sulla base di racconti del fratello comitati e centri della C.R.I. che organizzavano della Camperio, anche i corsi Filippo, che avendo per infermiere volontarie: visto direttamente nel 1915 nei l opera delle circa periodi immediatamente infermiere precedenti coinvolte nel conflitto l entrata in guerra russo-giapponese dell Italia la C.R.I. del , ne poteva contare su descrisse con ammirazione le loro gesta, in particolare dopo la cruenta e decisiva battaglia della Manciuria, che vide la vittoria dell esercito nipponico. Il sopraccitato corso, che in maniera semplice trattava di teoria e pratica nei soccorsi d urgenza, si tenne per la prima volta direttamente nella casa della famiglia Meyer Camperio con la partecipazione di poche donne, che in seguito coinvolsero entusiasticamente le altre che vi parteciparono, a partire dalle oltre infermiere pronte alla mobilitazione, disposte ad assistere i feriti ed i malati e servire la patria sia negli ospedali territoriali, sia in quelli situati a ridosso del fronte. Appena l Italia consegnò la dichiarazione di guerra all Austria-Ungheria e alla Serbia, si incominciò nel nostro paese una gara di solidarietà dettata, soprattutto al nord, dal fervente patriottismo e incoraggiata dalla propaganda interventista; il risultato fu quello di ottenere sia popolane fino alle donne della casa fondi e donazioni da privati ricchi citta- 39

3 prima linea: poco più di 600 tra attenda- dini ed associazioni, sia consensi e adesioni anche nel campo dell organizzazio- corpo istituito nel menti e Ospedali della Sanità Militare, ne sanitaria militare: nel corso dei tre Va precisato che molti degli Ospedali anni di guerra moltissimi ospedali civili della Sanità Militare erano cascinali, diedero disponibilità di posti letto, di ville, scuole, conventi, ecc. requisiti dal uomini e mezzi per poter assistere i feriti ed i malati che già dai primissimi mesi A differenza dei territoriali essi erano, Regio Esercito e trasformati all uso. vi affluivano dalla prima linea. Tali ospedali vennero appunto denominati territo- potenzialmente sotto il tiro delle artiglie- ovviamente, più insicuri, disagevoli e riali. Essi ammontarono a 204 per un rie nemiche, sebbene la convenzione totale di circa posti letto, i pazienti curati assommarono a circa , vieta tuttora) tale riprovevole pratica. internazionale di Ginevra ne vietasse (e ad assisterli furono impiegate, nei tre In questo ambiente a diretto contatto anni, infermiere. con le operazioni militari le infermiere In particolare, a Milano, si contarono 11 che là prestavano la loro opera impararono a convivere sia con la paura, man- territoriali per un totale di posti letto. tenendo la calma ed il sangue freddo Si può, ad esempio, ricordare l Ospedale necessari ad affrontare momenti di grande tensione e pericolo, sia con la man- Principessa Jolanda - Territoriale n 8, tra l altro sede della prima Scuola per canza di mezzi e materiali per l assistenza, favorendo spirito d iniziativa e di Infermiere Professionali, nella città meneghina, dal 1912; oppure l Opera Pia corpo, arrivando a prestare cure, nei tre delle Specialità Medico-Chirurgiche anni di conflitto, a circa di persone tra feriti e malati e prestazioni di Territoriale n 7 con 30 posti letto della sezione chirurgica. semplici cure ambulatoriali! Nei territoriali le infermiere agivano in Inoltre la scarsa igiene favoriva l insorgenza di infestazioni parassitarie, epide- regime di maggior sicurezza sia fisica che organizzativa che di facilità di mie e la presenza di topi. approvvigionamenti. Anche numericamente erano nettamente Altra situazione fu invece quella degli inferiori alle loro compagne (sorelle si ospedali da campo e dei posti di prima chiamavano e si chiamano ancora) dislocate presso i territoriali: solo nei medicazione che erano praticamente a ridosso della zona di guerra e della tre anni. 40 L organizzazione sia burocratico ammini-

4 strativa che assistenziale era subordinata rigidamente alla gerarchia militare: infatti anche le infermiere erano graduate, equiparate ad ufficiali del Regio Esercito e soggette alle leggi e regolamenti militari e di guerra. Tale riconoscimento fu sancito fin dai primi momenti del conflitto, cioè dal Luglio del In una società molto maschilista come quella di allora, le infermiere faticarono molto ad essere accettate in questo nuovo ambiente a potere e dominio esclusivamente maschile soprattutto per l ostilità di moltissimi ufficiali medici che non credevano nelle capacità e resistenza fisica di queste donne, molte delle quali giovanissime; vi furono anche episodi di vera e propria intolleranza e poco rispetto nei loro confronti in particolar modo da parte di alcuni graduati di truppa, che non volevano prendere ordini da un graduato femmina, anche se ufficiale. Nonostante questo ostruzionismo, anch esse compirono atti di eroismo, dimostrando così che anche il ruolo femminile poteva essere valorizzato: la guerra non era più subita passivamente, ma partecipata significativamente ed attivamente anche dalla donna. In particolare, si possono descrivere episodi come quello, ad esempio, che vide tre infermiere rivestire anche il ruolo di prigioniere: invece di fuggire e abbandonare il posto dopo lo sfondamento di una linea da parte degli austriaci che travolgentemente avanzavano, preferirono rimanere accanto ai feriti intrasportabili e moribondi assicurando loro assi- 41

5 stenza ed un ultimo conforto. Così Maria Andina, Maria Antonietta Clerici e Maria Concetta Chludzinska, furono deportate nel campo di prigionia di Katzenau e liberate poi nel Tutte e tre vennero decorate nel 1920 con medaglia d argento al Valor Militare volontarie della C.R.I. assistevano indistintamente e con lo stesso spirito anche i feriti ed ammalati nemici, ricevendo encomi e riconoscimenti anche dagli Stati avversari. La vita quotidiana che le infermiere erano chiamate a vivere era, come già e con la prestigiosa medaglia Florence Nightingale. Per azioni dirette ed indirette di guerra morirono 44 infermiere, mentre altre 3 rimasero gravemente ferite ed invalide; al Sacrario dei Caduti a Redipuglia in Friuli si può osservare la tomba di un infermiera caduta durante un combattimento, Margherita Parodi di anni 21, con il seguente epitaffio: A noi tra bende fosti di carità l ancella, morte fra noi ti colse. Resta con noi Sorella!. Nel 1918 le venne conferita una medaglia d argento al valore post mortem. Al termine del conflitto ben 743 infermiere vennero decorate in vario modo e a vario titolo, mentre altre 542 ricevettero attestati di merito, a testimonianza del grande senso di solidarietà, del dovere e dell amor di patria che espressero. accennato, soggetta a regole e leggi militari, resa ancora più rigida e difficoltosa dalla guerra. Le attività che svolgevano erano in stretta relazione con l andamento del teatro di guerra o con l eventuale instaurarsi di epidemie che scoppiavano improvvisamente tra i soldati, passando da momenti di attività routinaria e leggera a momenti di attività frenetica e spossante, al di là della sopportazione fisica e che richiedevano ore ed ore di duro lavoro continuativo. 42 Va ricordato inoltre che le infermiere I feriti che giungevano a migliaia negli

6 ospedali territoriali avevano già subito una prima selezione e prime cure negli ospedali da campo, posti di medicazione e ambulanze della prima linea, ed erano stati trasportati, principalmente, con treni ospedali, per la precisione 24, alcuni dei quali potevano trasportare fino a 300 feriti assistiti su ognuno di essi da 8-12 infermiere; questi treni, nei tre anni di guerra, trasportarono complessivamente feriti e malati! Quando questi arrivavano in ospedale era compito delle infermiere, insieme ai militi ed infermieri di miere volontarie si dimisero. Le attività di assistenza si svolgevano in tutti i reparti, ma la maggior parte delle infermiere ambiva lavorare in sala operatoria o in reparto di chirurgia a detta loro più gratificanti e, per alcune, più Sanità Militare, l ispezione del corpo, la consoni al loro ceto sociale perché non pratica igienica e la disinfestazione dai gradivano molto espletare attività di parassiti prima dell ammissione definitiva e lo smistamento nelle varie sezioni. pio, lavare i feriti o imboccarli, oppure base ritenute più umili, quali, ad esem- I turni di sorveglianza e guardia all interno dei reparti erano principalmente svol- o, ancora, riordinare o disinfestare mate- lavare, disinfettare e riavvolgere bende, ti al mattino e al pomeriggio, mentre la riale lettereccio. notte, considerata faticosa e comunque In determinati orari della giornata portavano a passeggio nei giardini o nei viali mal vista dai Direttori degli ospedali che pensavano che la promiscuità maschile e degli ospedali i convalescenti, oppure femminile potesse favorire atteggiamenti leggevano, per gli analfabeti e i ciechi, licenziosi, era garantita da personale libri, riviste e quotidiani, o scrivevano militare maschile o da suore, che entrarono in scena soprattutto verso la fine Le infermiere erano anche addette al lettere per chi non era in grado di farlo. del conflitto in particolare dopo la disfatta di Caporetto nell Ottobre del 1917, zione ai reparti, alla preparazione delle controllo dei materiali e farmaci in dota- quando per stanchezza o demotivazione sale e dei presidi di medicazione, dei generata dal prolungarsi del conflitto e ferri chirurgici e della loro sterilizzazione, delle sale operatorie e potevano age- dalla perdita di consensi, molte infer- 43

7 44 nuti idonei e guariti, anche se moltissimi volarsi dell aiuto di militi, graduati di truppa e aiutanti di vario genere, anche pazienti convalescenti e abili ad attività. di loro vennero condannati a molti anni di reclusione o addirittura a morte a causa di diserzione o di autolesionismo, Somministravano la perché chiamati a terapia prescritta e combattere per una assistevano i medici durante le visite, gli interventi chirurgici o l esecuzione di esami diagnostici radiologici e di laboratorio, eseguivano medicazioni, guerra alla quale non credevano più o perché avevano già avuto esperienza di ferimenti anche seri. Al termine dei vari turni di guardia le verbalizzavano ed infermiere erano esponevano a voce la consegna del reparto comunque a disposizione e potevano riposarsi ad ogni cambio di e svagarsi in turno. La riabilitazione dei alloggi e sale riservate a loro; le licenze erano feriti che avevano richieste al Direttore subìto mutilazioni agli arti era pure affidata, in parte, alle infermiere, che avevano anche il compito di aiutarli ad imparare una nuova attività artigianale da svolgere una volta ritornati alla vita civile: infatti in molti ospedali territoriali furono istituite scuole artigianali e professionali di rieducazione al lavoro. Un altra attività svolta dalle infermiere insieme ai cappellani militari era il sostegno morale ai soldati, il cui scopo era recuperare le motivazioni e l entusiasmo per il rientro al fronte una volta rite- dell ospedale e rilasciate da egli stesso, mentre erano permesse le libere uscite. Non mancò anche il fiorire di storie d amore, culminate poi con matrimoni tra la crocerossina e il giovane bell ufficiale ferito. L assistenza prestata e la convivenza coi feriti favorì l instaurarsi di rapporti tra uomini e donne che accumunati dalla condivisione della sofferenza, dei drammi e delle speranze, sfociarono, in alcuni casi, con veri e propri fenomeni di riconoscenza perpetua e legame d amicizia profonda. Scrive nel Febbraio del

8 1917 Cini Rosano giornalista corrispondente di guerra: É per le corsie, sulle quali scende il sonno ristoratore, le bianche angeliche infermiere vanno lievi, di capezzale in capezzale e recano la dolcezza d un sorriso, il conforto di una parola buona, un fiore, un materno gesto che rassetta le coltri, che solleva contributi per l assistenza ai feriti, ai mutilati, agli orfani e vedove di guerra. Concludendo, questo è in sintesi il resoconto di tre anni di guerra costata, per la prima volta nella storia, più di 13 milioni di morti tra militari e civili di tutte le Nazioni coinvolte e centinaia di migliaia di invalidi permanenti, vissuta nel corpo un capo dolorante, e nell anima da che abbassa la luce donne, semplici che ferisce l occhio quotidiane eroine ammalato, che che assistevano, ristora arse. le labbra curavano e confortavano un umanità E gli occhi grandi di buoni fanciulli miti sommersa e rabbiosa forgiata, più o le seguono con meno coscientemente dolce meraviglia di gratitudine perché e volontaria- mente, nella fucina essi, i grandi fanciulli di Marte e che ammalati, rav- visano nelle bianche figure immerse armata di sete di potere, intolleranza, presunzione e nella penombra prepotenza trascinò, della corsia che si e trascina addormenta, o tutt ora, l uomo nel avvolte dal vivido baratro di se stesso, fulgore del mattino che canta la gioia annullandolo. della vita, altre dolci figure di donne lontane e care. La già citata propaganda militare e di Croce Rossa negli anni della guerra produsse moltissime cartoline illustrate che mostravano volti di infermiere e scene di soccorso ai feriti, che suscitavano sentimenti di umanità e patriottismo e sensi- A queste infermiere di allora, così come a moltissimi volontari di oggi impegnati nei processi di pace e nel risollevare e difendere le sorti politiche, sociali, culturali e di salute in molte parti del mondo martoriate dalla guerra, dall odio e dalla diseguaglianza va il nostro rispetto ed bilizzavano la popolazione a donare onore

Pubblicazioni della Sezione Storica della C.R.I. di Pavia ***

Pubblicazioni della Sezione Storica della C.R.I. di Pavia *** Pubblicazioni della Sezione Storica della C.R.I. di Pavia E possibile richiedere le pubblicazioni, nonché notizie sull importo delle spese postali, presso la Segreteria del Comitato Locale C.R.I. di Pavia:

Dettagli

LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA

LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA di Angelo Nataloni Fig. 1 - Cartolina Italiana dell epoca Fig. 2 - Cartolina Austriaca dell epoca Il 2008 non è stato solo il

Dettagli

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime

ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime ALL 05 Fonti visive: monumenti ai caduti, musei della guerra, francobolli, propaganda di regime Contestualizzazione: La guerra ha prodotto anche un esaltazione di se stessa (attraverso la propaganda di

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo

Prefazione. Saluto del Commissario Straordinario C.R.I. Saluto del Commissario Regionale C.R.I. Abruzzo Prefazione Il calendario 2011 della Croce Rossa Italiana della Provincia di Teramo è dedicato agli oltre mille tra Volontarie e Volontari che, dopo aver svolto la loro attività lavorativa, impegnano parte

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Storia della Croce Rossa

Storia della Croce Rossa Storia della Croce Rossa Istruttore di Diritto Internazionale Umanitario: Emanuele Biolcati Gruppo Pionieri di Torino 1 Area Pace Storia della Croce Rossa Sommario 1 Origini della Croce Rossa 2 Emblema

Dettagli

Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative

Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative Paola Serranò UOCP ASP Reggio Calabria Federazione cure palliative Definizione cure palliative art 2 Quando le terapie causali sono terminate e la malattia evolve, perde progressivamente di importanza

Dettagli

Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Il Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Argomenti Storia della Croce Rossa: fondatori e precursori Convenzioni di Ginevra del 1949 Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Storia della Croce Rossa CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale VV.d.S. Per favore grazie!!! Henry Dunant 1859 Battaglia Solferino Esercito Austro-Ungarico

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE

CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE La Croce Rossa Italiana è un Ente Statale, soggetto alle leggi e regole dello Stato sia come forma giuridica che amministrativa. Lo scopo per il quale

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa

Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Il Museo Internazionale della Croce Rossa conserva le testimonianze scritte, gli

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

I numeri del soccorso che fanno unità

I numeri del soccorso che fanno unità I numeri del soccorso che fanno unità L unità d Italia è fatta anche dalla solidarietà, nell ambito sanitario essa si concretizza nella catena del soccorso. La Croce Rossa Italiana, il 118, il trapianto

Dettagli

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA

CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA CAPITOLO VII IL SACRIFICIO DI FILIPPO MERLINO A NASSYRIA Filippo Merlino Nato a Sant Arcangelo il 25/02/1957, era entrato nei carabinieri a soli 17 anni. Maresciallo Maggiore comandava la stazione dei

Dettagli

LA CROCE ROSSA ITALIANA

LA CROCE ROSSA ITALIANA BUFFAGNI LUCIA 1A LA CROCE ROSSA ITALIANA La C.R.I (croce rossa italiana) fu fondata da Henry Dunant, dopo aver assistito alla tragica Battaglia di Solferino (1859). Dunant, infatti, impressionato dal

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Le Componenti Volontarie

CROCE ROSSA ITALIANA. Le Componenti Volontarie CROCE ROSSA ITALIANA Le Componenti Volontarie Le Componenti Volontarie 1. Il Corpo Militare 2. Le Infermiere Volontarie 3. I Volontari del Soccorso 4. Il Comitato Nazionale Femminile 5. I Pionieri 6. I

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 1 dicembre 2002 La domenica con Gesù Tempo di Avvento Domenica 1 dicembre Vegliare per non essere sorpresi L'artista della settimana Alessandro Ferraro Internet

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

MUSEO INTERNAZIONALE CROCE ROSSA

MUSEO INTERNAZIONALE CROCE ROSSA Castiglione delle Stiviere MUSEO INTERNAZIONALE CROCE ROSSA Castiglione delle Stiviere Museo Internazionale Croce Rossa Il Museo Internazionale della Croce Rossa conserva le testimonianze scritte, gli

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Indice. Presentazione. Parte 1 Da donna a infermiera: origini ed evoluzioni della professione dall Unità d Italia al secondo conflitto mondiale

Indice. Presentazione. Parte 1 Da donna a infermiera: origini ed evoluzioni della professione dall Unità d Italia al secondo conflitto mondiale Autori Prefazione Presentazione xi xiii xvii Parte 1 Da donna a infermiera: origini ed evoluzioni della professione dall Unità d Italia al secondo conflitto mondiale Capitolo 1 Il problema infermieristico

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA III SERVIZIO SANITARIO E SALUTE Percorsi di cittadinanza 1 Brainstorming su salute e malattie Attività 1. Rispondi a ognuna delle domande. Attività Ascolta o leggi il dialogo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA TRINCEA La Prima Guerra Mondiale fu caratterizzata da combattimenti in TRINCEA una tattica di guerra che vide gli eserciti nemici fronteggiarsi per lunghi periodi di tempo.

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale. Guida per i genitori AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA Clinica Neonatologica e Terapia Intensiva Neonatale Guida per i genitori introduzione L a nascita di un bambino è vissuta come un evento meraviglioso e felice, anche

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

VOLONTARIATO & SERVIZIO

VOLONTARIATO & SERVIZIO www.tolentini.it GRUPPO VOLONTARIATO & SERVIZIO Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date. (Matteo 10, 8) Il Gruppo Volontariato e Servizio della Pastorale Universitaria è formato da studenti di

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO

DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO DISCORSO DEL SINDACO DI MILANO GIULIANO PISAPIA ALLA CERIMONIA DEI GIUSTI DEL 17 APRILE 2012, GIARDINO DEI GIUSTI DI TUTTO IL MONDO, MILANO Cari amici, oggi siamo qui per ricordare e per testimoniare la

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin

IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA. Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin IL RUOLO DELLE DONNE DURANTE LA RESISTENZA Lavoro a cura della 2^B dell Istituto Comprensivo di Vado Ligure Peterlin Le donne occuparono un ruolo molto importante durante la seconda guerra mondiale. Prima

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Genio ALTRE ARMI E CORPI

Genio ALTRE ARMI E CORPI ALTRE ARMI E CORPI I Caduti varesini che militavano in altre Armi, Corpi e Servizi, oltre alla Fanteria e all Artiglieria, furono 487 così suddivisi: Genio Zappatori 73 Genio Telegrafisti 31 Genio Pontieri

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi

Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Il TdP incontra gli ex esposti all Amianto: una Storia fatta di Persone Oristano 27 maggio 2011 M. FADDA - Asl Oristano Da dove cominciare? Dalla mia Tesi Mentre costruivo la mia Tesi di Laurea non immaginavo

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI

Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI Puzzle di pensieri Pietro Lo Moro PUZZLE DI PENSIERI poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Pietro Lo Moro Tutti i diritti riservati Puzzle di pensieri Il dragone rosso 1 deicidio 33 d.c. Palestina,

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 31 Aiuto, Controllo e Conoscenza Una delle cose di cui necessita sempre

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA

Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA Comando Regionale Veneto Guardia di Finanza COMUNICATO STAMPA APERTURA DELLA MOSTRA LA GUARDIA DI FINANZA NELLA GRANDE GUERRA 1915-1918. IL LUNGO CAMMINO VERSO VITTORIO VENETO VENEZIA, PALAZZO DUCALE 9

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

"Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo."

Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo. "Don Bosco realizza la sua personale santità mediante l'impegno educativo." (Giovanni Paolo II, Lettera Juvenum Patris, 5) Egli comincia subito a cercare collaborazione a tutti i livelli: educativa, religiosa,

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Leggere, ascoltare, navigare

Leggere, ascoltare, navigare Leggere, ascoltare, navigare L AMORE CONTA di Maurizio Ermisino Fausto Podavini ha seguito per due anni una coppia: un marito malato di Alzheimer, una moglie che l ha seguito con devozione. È nato così

Dettagli

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare

Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare Medaglia e Croce di Guerra al Valor Militare fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Siamo al vostro fianco ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generale del progetto sarà migliorare la realtà

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

pastorale della salute diocesi di brescia

pastorale della salute diocesi di brescia pastorale della salute diocesi di brescia PROGRAMMAZIONE 2009/2010 Un solo pane, un unico corpo FORMAZIONE E SPIRITUALITÀ Formazione pastorale nelle comunità parrocchiali, gruppi, associazioni Se un membro

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Pubbliche Assistenze. La Storia

Pubbliche Assistenze. La Storia Pubbliche Assistenze La Storia nell 800 L 800 è un secolo di fermento per tutta l Europa: operai, giovani, studenti, chiedono maggiori spazi di libertà, maggiore democrazia. In Italia i reduci delle guerre

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE!

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE DIAMOCI UNA MANO PRENDENDOCI PER MANO 2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO DI 2 SETTIMANE È una forma di volontariato che

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus

I Genitori... n i s o ro avale F. M ola N cus I Genitori... Per i loro figli desiderano una vita ordinata, vissuta nel rispetto delle regole; vorrebbero una scuola impegnata con docenti di livello e che non cambino continuamente, con istruttori capaci

Dettagli

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo

IL CUBISMO. Immagine esempio visi da Les demoiselles d Avignon. Ritratto di Dora Maar visto di fronte e di profilo IL CUBISMO Nei primi anni del 1900 i pittori cubisti (Pablo Picasso, George Braque) dipingono in un modo completamente nuovo. I pittori cubisti rappresentano gli oggetti in modo che l oggetto appare fermo,

Dettagli