Pubblicazioni. Sola, tu t immergi dentro il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazioni. Sola, tu t immergi dentro il"

Transcript

1 Pubblicazioni di Giancarlo Celeri Bellotti 38 Sola, tu t immergi dentro il vero dolor di quei conflitti! : l intervento delle Infermiere Volontarie della C.R.I. nella 1 A guerra mondiale Spiega il vessillo tuo, mite milizia, che segui ovunque la pugnante schiera! Per te più santa l opera s inizia, dove la rabbia umana urge più fiera. Pia retroguardia, tu rimani in campo quando già i forti son trascorsi via: essi han veduto in un fulmineo lampo questo ferir, questo morir che sia: ma tu t indugi, e paziente tergi e fasci e vegli i pallidi trafitti, ad uno ad uno: sola, tu t immergi dentro il vero dolor di quei conflitti Con questi versi il poeta e letterato Giovanni Bertacchini nel 1915 esaltò simbolicamente l opera muta e sommersa di migliaia di Infermiere Volontarie della C.R.I., idealizzando, nell immaginario comune, che la propaganda politica e militare interna ben sfruttava, volti, gesti, sguardi e parole di queste donne che volontariamente, con abnegazione e poco curanti del pericolo, prestarono soccorso e conforto ai feriti di tutte le Nazioni coinvolte nel 1 conflitto mondiale, la grande guerra. Ma quante e chi erano queste infermiere, com erano istruite e organizzate, com era una loro giornata tipo in un ospedale da campo o in un ospedale territoriale e quali attività svolgevano, quante di loro rimasero ferite o morirono, quante di loro vennero fatte prigioniere o decorate al valore? La sintetica descrizione di queste epiche

2 pagine della storia infermieristica inizia nel Dicembre del 1906 a Milano, quando ad opera di Sita Meyer Camperio, Rosa Curioni De Marchi, la Duchessa Matilde Visconti di Modrone ed altre nobildonne milanesi filantrope venne organizzato il 1 corso per Infermiere Volontarie della C.R.I., frequentato l anno successivo da ben 327 signore. Le idee ed i primi passi per questa iniziativa reale, come la Duchessa d Aosta Elena di Francia o, più tardi durante gli anni trenta, Maria Josè del Belgio futura moglie di Umberto di Savoia. Tuttavia, fu solo nel Febbraio del 1908, a Roma alla presenza di S.A.R. la Regina Elena, che i corsi ed il Corpo delle Infermiere Volontarie della C.R.I. vennero ufficialmente istituiti e riconosciuti. Di anno in anno in vennero tutta Italia nascevano mossi sulla base di racconti del fratello comitati e centri della C.R.I. che organizzavano della Camperio, anche i corsi Filippo, che avendo per infermiere volontarie: visto direttamente nel 1915 nei l opera delle circa periodi immediatamente infermiere precedenti coinvolte nel conflitto l entrata in guerra russo-giapponese dell Italia la C.R.I. del , ne poteva contare su descrisse con ammirazione le loro gesta, in particolare dopo la cruenta e decisiva battaglia della Manciuria, che vide la vittoria dell esercito nipponico. Il sopraccitato corso, che in maniera semplice trattava di teoria e pratica nei soccorsi d urgenza, si tenne per la prima volta direttamente nella casa della famiglia Meyer Camperio con la partecipazione di poche donne, che in seguito coinvolsero entusiasticamente le altre che vi parteciparono, a partire dalle oltre infermiere pronte alla mobilitazione, disposte ad assistere i feriti ed i malati e servire la patria sia negli ospedali territoriali, sia in quelli situati a ridosso del fronte. Appena l Italia consegnò la dichiarazione di guerra all Austria-Ungheria e alla Serbia, si incominciò nel nostro paese una gara di solidarietà dettata, soprattutto al nord, dal fervente patriottismo e incoraggiata dalla propaganda interventista; il risultato fu quello di ottenere sia popolane fino alle donne della casa fondi e donazioni da privati ricchi citta- 39

3 prima linea: poco più di 600 tra attenda- dini ed associazioni, sia consensi e adesioni anche nel campo dell organizzazio- corpo istituito nel menti e Ospedali della Sanità Militare, ne sanitaria militare: nel corso dei tre Va precisato che molti degli Ospedali anni di guerra moltissimi ospedali civili della Sanità Militare erano cascinali, diedero disponibilità di posti letto, di ville, scuole, conventi, ecc. requisiti dal uomini e mezzi per poter assistere i feriti ed i malati che già dai primissimi mesi A differenza dei territoriali essi erano, Regio Esercito e trasformati all uso. vi affluivano dalla prima linea. Tali ospedali vennero appunto denominati territo- potenzialmente sotto il tiro delle artiglie- ovviamente, più insicuri, disagevoli e riali. Essi ammontarono a 204 per un rie nemiche, sebbene la convenzione totale di circa posti letto, i pazienti curati assommarono a circa , vieta tuttora) tale riprovevole pratica. internazionale di Ginevra ne vietasse (e ad assisterli furono impiegate, nei tre In questo ambiente a diretto contatto anni, infermiere. con le operazioni militari le infermiere In particolare, a Milano, si contarono 11 che là prestavano la loro opera impararono a convivere sia con la paura, man- territoriali per un totale di posti letto. tenendo la calma ed il sangue freddo Si può, ad esempio, ricordare l Ospedale necessari ad affrontare momenti di grande tensione e pericolo, sia con la man- Principessa Jolanda - Territoriale n 8, tra l altro sede della prima Scuola per canza di mezzi e materiali per l assistenza, favorendo spirito d iniziativa e di Infermiere Professionali, nella città meneghina, dal 1912; oppure l Opera Pia corpo, arrivando a prestare cure, nei tre delle Specialità Medico-Chirurgiche anni di conflitto, a circa di persone tra feriti e malati e prestazioni di Territoriale n 7 con 30 posti letto della sezione chirurgica. semplici cure ambulatoriali! Nei territoriali le infermiere agivano in Inoltre la scarsa igiene favoriva l insorgenza di infestazioni parassitarie, epide- regime di maggior sicurezza sia fisica che organizzativa che di facilità di mie e la presenza di topi. approvvigionamenti. Anche numericamente erano nettamente Altra situazione fu invece quella degli inferiori alle loro compagne (sorelle si ospedali da campo e dei posti di prima chiamavano e si chiamano ancora) dislocate presso i territoriali: solo nei medicazione che erano praticamente a ridosso della zona di guerra e della tre anni. 40 L organizzazione sia burocratico ammini-

4 strativa che assistenziale era subordinata rigidamente alla gerarchia militare: infatti anche le infermiere erano graduate, equiparate ad ufficiali del Regio Esercito e soggette alle leggi e regolamenti militari e di guerra. Tale riconoscimento fu sancito fin dai primi momenti del conflitto, cioè dal Luglio del In una società molto maschilista come quella di allora, le infermiere faticarono molto ad essere accettate in questo nuovo ambiente a potere e dominio esclusivamente maschile soprattutto per l ostilità di moltissimi ufficiali medici che non credevano nelle capacità e resistenza fisica di queste donne, molte delle quali giovanissime; vi furono anche episodi di vera e propria intolleranza e poco rispetto nei loro confronti in particolar modo da parte di alcuni graduati di truppa, che non volevano prendere ordini da un graduato femmina, anche se ufficiale. Nonostante questo ostruzionismo, anch esse compirono atti di eroismo, dimostrando così che anche il ruolo femminile poteva essere valorizzato: la guerra non era più subita passivamente, ma partecipata significativamente ed attivamente anche dalla donna. In particolare, si possono descrivere episodi come quello, ad esempio, che vide tre infermiere rivestire anche il ruolo di prigioniere: invece di fuggire e abbandonare il posto dopo lo sfondamento di una linea da parte degli austriaci che travolgentemente avanzavano, preferirono rimanere accanto ai feriti intrasportabili e moribondi assicurando loro assi- 41

5 stenza ed un ultimo conforto. Così Maria Andina, Maria Antonietta Clerici e Maria Concetta Chludzinska, furono deportate nel campo di prigionia di Katzenau e liberate poi nel Tutte e tre vennero decorate nel 1920 con medaglia d argento al Valor Militare volontarie della C.R.I. assistevano indistintamente e con lo stesso spirito anche i feriti ed ammalati nemici, ricevendo encomi e riconoscimenti anche dagli Stati avversari. La vita quotidiana che le infermiere erano chiamate a vivere era, come già e con la prestigiosa medaglia Florence Nightingale. Per azioni dirette ed indirette di guerra morirono 44 infermiere, mentre altre 3 rimasero gravemente ferite ed invalide; al Sacrario dei Caduti a Redipuglia in Friuli si può osservare la tomba di un infermiera caduta durante un combattimento, Margherita Parodi di anni 21, con il seguente epitaffio: A noi tra bende fosti di carità l ancella, morte fra noi ti colse. Resta con noi Sorella!. Nel 1918 le venne conferita una medaglia d argento al valore post mortem. Al termine del conflitto ben 743 infermiere vennero decorate in vario modo e a vario titolo, mentre altre 542 ricevettero attestati di merito, a testimonianza del grande senso di solidarietà, del dovere e dell amor di patria che espressero. accennato, soggetta a regole e leggi militari, resa ancora più rigida e difficoltosa dalla guerra. Le attività che svolgevano erano in stretta relazione con l andamento del teatro di guerra o con l eventuale instaurarsi di epidemie che scoppiavano improvvisamente tra i soldati, passando da momenti di attività routinaria e leggera a momenti di attività frenetica e spossante, al di là della sopportazione fisica e che richiedevano ore ed ore di duro lavoro continuativo. 42 Va ricordato inoltre che le infermiere I feriti che giungevano a migliaia negli

6 ospedali territoriali avevano già subito una prima selezione e prime cure negli ospedali da campo, posti di medicazione e ambulanze della prima linea, ed erano stati trasportati, principalmente, con treni ospedali, per la precisione 24, alcuni dei quali potevano trasportare fino a 300 feriti assistiti su ognuno di essi da 8-12 infermiere; questi treni, nei tre anni di guerra, trasportarono complessivamente feriti e malati! Quando questi arrivavano in ospedale era compito delle infermiere, insieme ai militi ed infermieri di miere volontarie si dimisero. Le attività di assistenza si svolgevano in tutti i reparti, ma la maggior parte delle infermiere ambiva lavorare in sala operatoria o in reparto di chirurgia a detta loro più gratificanti e, per alcune, più Sanità Militare, l ispezione del corpo, la consoni al loro ceto sociale perché non pratica igienica e la disinfestazione dai gradivano molto espletare attività di parassiti prima dell ammissione definitiva e lo smistamento nelle varie sezioni. pio, lavare i feriti o imboccarli, oppure base ritenute più umili, quali, ad esem- I turni di sorveglianza e guardia all interno dei reparti erano principalmente svol- o, ancora, riordinare o disinfestare mate- lavare, disinfettare e riavvolgere bende, ti al mattino e al pomeriggio, mentre la riale lettereccio. notte, considerata faticosa e comunque In determinati orari della giornata portavano a passeggio nei giardini o nei viali mal vista dai Direttori degli ospedali che pensavano che la promiscuità maschile e degli ospedali i convalescenti, oppure femminile potesse favorire atteggiamenti leggevano, per gli analfabeti e i ciechi, licenziosi, era garantita da personale libri, riviste e quotidiani, o scrivevano militare maschile o da suore, che entrarono in scena soprattutto verso la fine Le infermiere erano anche addette al lettere per chi non era in grado di farlo. del conflitto in particolare dopo la disfatta di Caporetto nell Ottobre del 1917, zione ai reparti, alla preparazione delle controllo dei materiali e farmaci in dota- quando per stanchezza o demotivazione sale e dei presidi di medicazione, dei generata dal prolungarsi del conflitto e ferri chirurgici e della loro sterilizzazione, delle sale operatorie e potevano age- dalla perdita di consensi, molte infer- 43

7 44 nuti idonei e guariti, anche se moltissimi volarsi dell aiuto di militi, graduati di truppa e aiutanti di vario genere, anche pazienti convalescenti e abili ad attività. di loro vennero condannati a molti anni di reclusione o addirittura a morte a causa di diserzione o di autolesionismo, Somministravano la perché chiamati a terapia prescritta e combattere per una assistevano i medici durante le visite, gli interventi chirurgici o l esecuzione di esami diagnostici radiologici e di laboratorio, eseguivano medicazioni, guerra alla quale non credevano più o perché avevano già avuto esperienza di ferimenti anche seri. Al termine dei vari turni di guardia le verbalizzavano ed infermiere erano esponevano a voce la consegna del reparto comunque a disposizione e potevano riposarsi ad ogni cambio di e svagarsi in turno. La riabilitazione dei alloggi e sale riservate a loro; le licenze erano feriti che avevano richieste al Direttore subìto mutilazioni agli arti era pure affidata, in parte, alle infermiere, che avevano anche il compito di aiutarli ad imparare una nuova attività artigianale da svolgere una volta ritornati alla vita civile: infatti in molti ospedali territoriali furono istituite scuole artigianali e professionali di rieducazione al lavoro. Un altra attività svolta dalle infermiere insieme ai cappellani militari era il sostegno morale ai soldati, il cui scopo era recuperare le motivazioni e l entusiasmo per il rientro al fronte una volta rite- dell ospedale e rilasciate da egli stesso, mentre erano permesse le libere uscite. Non mancò anche il fiorire di storie d amore, culminate poi con matrimoni tra la crocerossina e il giovane bell ufficiale ferito. L assistenza prestata e la convivenza coi feriti favorì l instaurarsi di rapporti tra uomini e donne che accumunati dalla condivisione della sofferenza, dei drammi e delle speranze, sfociarono, in alcuni casi, con veri e propri fenomeni di riconoscenza perpetua e legame d amicizia profonda. Scrive nel Febbraio del

8 1917 Cini Rosano giornalista corrispondente di guerra: É per le corsie, sulle quali scende il sonno ristoratore, le bianche angeliche infermiere vanno lievi, di capezzale in capezzale e recano la dolcezza d un sorriso, il conforto di una parola buona, un fiore, un materno gesto che rassetta le coltri, che solleva contributi per l assistenza ai feriti, ai mutilati, agli orfani e vedove di guerra. Concludendo, questo è in sintesi il resoconto di tre anni di guerra costata, per la prima volta nella storia, più di 13 milioni di morti tra militari e civili di tutte le Nazioni coinvolte e centinaia di migliaia di invalidi permanenti, vissuta nel corpo un capo dolorante, e nell anima da che abbassa la luce donne, semplici che ferisce l occhio quotidiane eroine ammalato, che che assistevano, ristora arse. le labbra curavano e confortavano un umanità E gli occhi grandi di buoni fanciulli miti sommersa e rabbiosa forgiata, più o le seguono con meno coscientemente dolce meraviglia di gratitudine perché e volontaria- mente, nella fucina essi, i grandi fanciulli di Marte e che ammalati, rav- visano nelle bianche figure immerse armata di sete di potere, intolleranza, presunzione e nella penombra prepotenza trascinò, della corsia che si e trascina addormenta, o tutt ora, l uomo nel avvolte dal vivido baratro di se stesso, fulgore del mattino che canta la gioia annullandolo. della vita, altre dolci figure di donne lontane e care. La già citata propaganda militare e di Croce Rossa negli anni della guerra produsse moltissime cartoline illustrate che mostravano volti di infermiere e scene di soccorso ai feriti, che suscitavano sentimenti di umanità e patriottismo e sensi- A queste infermiere di allora, così come a moltissimi volontari di oggi impegnati nei processi di pace e nel risollevare e difendere le sorti politiche, sociali, culturali e di salute in molte parti del mondo martoriate dalla guerra, dall odio e dalla diseguaglianza va il nostro rispetto ed bilizzavano la popolazione a donare onore

LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA

LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA LE INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DURANTE LA GRANDE GUERRA di Angelo Nataloni Fig. 1 - Cartolina Italiana dell epoca Fig. 2 - Cartolina Austriaca dell epoca Il 2008 non è stato solo il

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE

CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE CROCE ROSSA ITALIANA CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE La Croce Rossa Italiana è un Ente Statale, soggetto alle leggi e regole dello Stato sia come forma giuridica che amministrativa. Lo scopo per il quale

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO

CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CROCE ROSSA ITALIANA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO Perché questa lezione? E compito di ogni volontario di Croce Rossa comprendere e diffondere i principi e gli scopi del Diritto Internazionale Umanitario,

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario

Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Diritto internazionale umanitario (DIU) Le categorie protette dal diritto internazionale umanitario Elena Castiglione Vds Roma Nord Istruttore DIU Monitore CRI Istruttore TI PS Che cosa è il Diritto Internazionale

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 DI CORSA FINO AL MIDOLLO 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 Di corsa fino al Midollo è una corsa non competitiva organizzata da ADMO Peperoncino Running in collaborazione con ADMO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme

Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme Nascere all Ospedale San Giuseppe Guida pratica per future mamme Indice Nascere all Ospedale San Giuseppe. Guida pratica per future mamme La storia Pag. 2 Benvenuta Pag. 3 L accoglienza Pag. 4 L assistenza

Dettagli

Filatelia Tematica I CAPPELLANI MILITARI PREMESSA

Filatelia Tematica I CAPPELLANI MILITARI PREMESSA I CAPPELLANI MILITARI Filatelia Tematica PREMESSA Nei giorni scorsi è passato in sordina un evento che non esiterei a definire storico. Eppure la stampa ne ha dato appena qualche cenno, la TV l ha addirittura

Dettagli

ROTARY INTERNATIONAL Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best

ROTARY INTERNATIONAL Service Above Self - He Profits Most Who Serves Best INFERMIERE VOLONTARIE DI CROCE ROSSA IN MISSIONE DI PACE Relatrici: Sorella Mariabeatrice Corona e Sorella Ornella Gorla. Soci presenti: Gilberto Ballasina, Mario Beschi, Dino Bonatti, Giovanni Gerelli,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

SEDE DI MILANO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE MILANO ASSICURAZIONI

SEDE DI MILANO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE MILANO ASSICURAZIONI CENTENARIO GRANDE GUERRA SUGLI ALTIPIANI DI FOLGARIA LAVARONE LUSERNA 11 / 14 SETTEMBRE 2015 Ricorre quest anno il centenario della Prima guerra mondiale (1915-1918); un evento che ha cambiato la storia

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Pronto! Io ci sono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A01 OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il Progetto la P.A Ente Corpo Volontari Protezione Civile

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme si può ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: A08 OBIETTIVI DEL PROGETTO Per meglio descrivere gli obiettivi che il progetto Insieme si può

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA

PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA PERCORSI DI FORMAZIONE CIVICA III SERVIZIO SANITARIO E SALUTE Percorsi di cittadinanza 1 Brainstorming su salute e malattie Attività 1. Rispondi a ognuna delle domande. Attività Ascolta o leggi il dialogo

Dettagli

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo

Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Viaggio della memoria 29 30 31 gennaio 2013, noi c eravamo Il sottocampo di Gusen All inizio del dicembre 1939 ebbe inizio la costruzione di Gusen I, campo di lavoro dipendente da quello centrale di Mauthausen

Dettagli

STORIA DELLA CROCE ROSSA

STORIA DELLA CROCE ROSSA STORIA DELLA CROCE ROSSA Corso Base Volontari Trento 28 gennaio 2013 Istruttore DIU Michele Beretta Perché?!?! Battaglia di Solferino/San Martino 24.06.1859 JEAN HENRY DUNANT (08.05.1828 30.10.1910) Creazione

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

ART. 1 - OGGETTO DEL BANDO

ART. 1 - OGGETTO DEL BANDO Sede Via Brescia, 207 26100 Cremona centralino: 0372 533511 P.E.C.: protocollo@pec.cremonasolidale.it AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO

Dettagli

A ttualità. Viaggio nel mondo. del volontariato sanitario: l impegno quale garanzia per la tutela dei diritti negati

A ttualità. Viaggio nel mondo. del volontariato sanitario: l impegno quale garanzia per la tutela dei diritti negati A ttualità di Martin Hoffmann CONSIGLIERE Viaggio nel mondo del volontariato sanitario: l impegno quale garanzia per la tutela dei diritti negati Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL.

L Hospice fa parte della Rete Ligure di Cure Palliative ed è integrato con tutti i reparti e i servizi dell ASL. L Hospice è una struttura dell ASL 1 Imperiese che accoglie prevalentemente pazienti con tumore in fase avanzata o terminale che necessitano di cure palliative di livello specialistico o che non possono

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Testimonianze dei Pazienti

Testimonianze dei Pazienti Testimonianze dei Pazienti Ho scritto una lettera Al mio donatore Per dire grazie a lui E a quanti nel mondo Si rendono disponibili A donare il midollo Per salvare la vita Di un fratello Che non conoscono

Dettagli

CORPO INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA AUSILIARIO DELLE FF.AA. 07 LUGLIO 2011

CORPO INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA AUSILIARIO DELLE FF.AA. 07 LUGLIO 2011 CORPO INFERMIERE VOLONTARIE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA AUSILIARIO DELLE FF.AA. 07 LUGLIO 2011 L associazione Italiana della Croce Rossa Italiana è dotata di personalità giuridica di diritto pubblico, ha

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

L Associazione Comboni Centre di Sogakofe in Ghana Onlus è stata costituita per sostenere il Comboni Centre di Sogakofe in Ghana.

L Associazione Comboni Centre di Sogakofe in Ghana Onlus è stata costituita per sostenere il Comboni Centre di Sogakofe in Ghana. L Associazione Comboni Centre di Sogakofe in Ghana Onlus è stata costituita per sostenere il Comboni Centre di Sogakofe in Ghana. Lo scopo dell'associazione è di fornire un supporto alle necessità del

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Studio dei medici di famiglia San Tiziano via Postumia di Camino n.6 Tel. 0422.207424 ODERZO ( TV )

Studio dei medici di famiglia San Tiziano via Postumia di Camino n.6 Tel. 0422.207424 ODERZO ( TV ) Studio dei medici di famiglia San Tiziano via Postumia di Camino n.6 Tel. 0422.207424 ODERZO ( TV ) San Tiziano vescovo patrono di Oderzo Benvenuti negli studi dei medici di famiglia! In questa struttura,

Dettagli

ASP Cav. Marco Rossi Sidoli

ASP Cav. Marco Rossi Sidoli ALLEGATO A) SCHEMA DI DOMANDA (da redigere in carta semplice) (Avvertenze per la compilazione: barrare e compilare tutte le voci ad esclusione di quelle che non interessano indicate con la voce eventuale).

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Istituto Figlie della Misericordia e della Croce L'Istituto delle Figlie della Misericordia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PIERO BARGAGLI

REGOLAMENTO DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PIERO BARGAGLI REGOLAMENTO DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE PIERO BARGAGLI 1 Regolamento gestione Casa di Riposo La Casa di Riposo Piero Bargagli della Ven. Arc. di Misericordia di Sarteano si occupa della persona

Dettagli

Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu.

Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu. Informazioni sulla donazione delle cellule staminali. Il rimedio migliore contro la leucemia sei tu. Martin Q., donatore di cellule staminali registrato Salvare una vita umana è così semplice. Friederike

Dettagli

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Dr. Atanasio Kiriazopulos 20/06/2010 1 Argomenti della discussione Generalità Finanziamento Ospedali Medicina di Base Personale Medico Personale Infermieristico

Dettagli

HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum

HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum HOSPITALITÉ CUORE IMMACOLATO DI MARIA Stage al Salus Infirmorum Lourdes 2010 INDICE 1. PROLOGO... 1 2. ATTO COSTITUTIVO... 2 3. AMBITI DI SERVIZIO... 3 4. REGOLE DELLA CASA... 4 5. COME CI SI ISCRIVE...

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

Progetto Pasqua in Siria

Progetto Pasqua in Siria Progetto Pasqua in Siria L idea Il progetto Pasqua in Siria nasce da un idea di Lorenzo Locati, professore di educazione fisica presso il Liceo Artistico di Monza che, rimasto umanamente colpito dal conflitto

Dettagli

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica Ospedale di Sestri Levante Responsabile Dott. Guido GIGLI Capo Sala: I.P. Marisa PAGLIARI DOVE SIAMO Il reparto è situato al QUINTO piano dell

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

A B R O G A T O. Art. 1. Art. 1729 (D.L. 66/2010)

A B R O G A T O. Art. 1. Art. 1729 (D.L. 66/2010) Art. 1 Art. 1729 (D.L. 66/2010) Il Corpo delle infermiere volontarie della C.R.I. istituito nel 1908, composto di socie dell'associazione, fa parte del personale dell'associazione stessa a norma dell'art.

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus

Un Naso Rosso per Sognare Vip Verbano Onlus Spett.le RSD Fondazione Piatti Onlus San Fermo - Varese Oggetto: Richiesta di collaborazione per Servizio di Volontariato (Clownterapia) L Associazione di Volontariato Un Naso Rosso per Sognare - Vip Verbano

Dettagli

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave

Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Fonte: http://www.cavarzereinfiera.it/artisti/beppinodirorai/index.html scaricato 210814 Capitano dei Granatieri Giuseppe (Beppino) di Rorai medaglia d'oro, eroe del Cengio, del Carso e del Piave Personificazione

Dettagli

SOTTOSEZIONE DI PALERMO

SOTTOSEZIONE DI PALERMO SOTTOSEZIONE DI PALERMO 2014 VIA CARTAGINE 39 90135 PALERMO TEL 091 340994-5 FAX 091 307795 E-mail: palermo@unitalsi.it Sito: www.unitalsipalermo.it Orario di segreteria Lunedì e Venerdì dalle ore 9,00

Dettagli

ATTIVITA della Croce Rossa Italiana

ATTIVITA della Croce Rossa Italiana ATTIVITA della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI ATTIVITA OBIETTIVI: - Conoscere le ATTIVITA della Croce Rossa Italiana - Conoscere gli AMBITI di intervento - Individuare le

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori per un Regno di Pace. Nel Trigesimo

Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori per un Regno di Pace. Nel Trigesimo Non piangete la mia assenza: sono beato in Dio e prego per voi. Io vi amerò dal Cielo come vi ho amati sulla terra. Consolatevi con me voi tutti che mi eravate tanto cari. Io lascio un mondo di dolori

Dettagli

Attività del Servizio Civile Nazionale Progetto Cure leggère... Lèggere cura! [2009/2010]

Attività del Servizio Civile Nazionale Progetto Cure leggère... Lèggere cura! [2009/2010] Servizio Formazione Innovazione Clinica e Biblioteca Osservatorio ricerca e innovazione aziendale Attività del Servizio Civile Nazionale Progetto Cure leggère... Lèggere cura! [2009/2010] Seduta del 9

Dettagli

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE!

2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO INTERNAZIONALE DIAMOCI UNA MANO PRENDENDOCI PER MANO 2 SETTIMANE DEDICATE AGLI ALTRI FANNO BENE ANCHE A TE! CAMPUS DI VOLONTARIATO DI 2 SETTIMANE È una forma di volontariato che

Dettagli

1. Per favore spiega brevemente con parole tue come definiresti un Disastro (Ti preghiamo di dare una tua definizione o scrivere non so)

1. Per favore spiega brevemente con parole tue come definiresti un Disastro (Ti preghiamo di dare una tua definizione o scrivere non so) Dipartimento Sanità Pubblica e Malattie Infettive Area Infermieristica Prof. Julita Sansoni Tel.06.4959255 w3.uniroma1.it/nursing Mail: julita.sansoni@uniroma1.it Roma 21.04.2011 Gentile Collega, sono

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI

COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI COME DIFENDERSI DAGLI ABUSI La legge è veramente uguale per tutti? Non sembra che sia uguale quando si tratta di rispettare il ruolo istituzionale dell infermiere. Quando si deve decidere chi debba svolgere

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Regolamento concernente l uso e la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa

Regolamento concernente l uso e la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa Regolamento concernente l uso e la protezione dell emblema e del nome della Croce Rossa (Regolamento sull emblema della Croce Rossa) del ( ) Approvato dal Consiglio federale il L Assemblea della Croce

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Il Policlinico nelle tue mani. Guida all'utilizzo dei servizi dell'azienda Ospedaliera Universitaria Gaetano Martino di Messina

Il Policlinico nelle tue mani. Guida all'utilizzo dei servizi dell'azienda Ospedaliera Universitaria Gaetano Martino di Messina Il Policlinico nelle tue mani Guida all'utilizzo dei servizi dell'azienda Ospedaliera Universitaria Gaetano Martino di Messina UNA BREVE INTRODUZIONE Il Policlinico Universitario Gaetano Martino è una

Dettagli

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE

UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE UNA RETE DI SOSTEGNO PER I BAMBINI AMMALATI E PER LE LORO FAMIGLIE Mi chiamo claudia e sono la mamma di due splendidi bambini, Federico ed Andrea. Federico oggi avrebbe i capelli biondi ed un simpatico

Dettagli

ENTE DI GESTIONE DEL PARCO REGIONALE LA MANDRIA E DEI PARCHI E DELLE RISERVE NATURALI DELLE VALLI DI LANZO

ENTE DI GESTIONE DEL PARCO REGIONALE LA MANDRIA E DEI PARCHI E DELLE RISERVE NATURALI DELLE VALLI DI LANZO ENTE DI GESTIONE DEL PARCO REGIONALE LA MANDRIA E DEI PARCHI E DELLE RISERVE NATURALI DELLE VALLI DI LANZO Il Direttore, in esecuzione della Determinazione n. 15/10R del 31/01/2008 rende noto art. 1 -

Dettagli

La soddisfazione lavorativa del personale ospedaliero. Prof. Alberto Franci - Brescia 2012 1

La soddisfazione lavorativa del personale ospedaliero. Prof. Alberto Franci - Brescia 2012 1 La soddisfazione lavorativa del personale ospedaliero. Prof. Alberto Franci - Brescia 2012 1 Quadro dei vari elementi della soddisfazione lavorativa dei professionisti dei servizi socio - sanitari Si constata:

Dettagli

Prot. n. 0004446 lì 04 novembre 2010

Prot. n. 0004446 lì 04 novembre 2010 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASA PER ANZIANI Viale Trieste, n. 42 Cividale del Friuli - C.A.P. 33043 (UD) Tel. 0432 731048/732039 - Fax 0432 700863 - Part. IVA e C.F. 02460260306 e-mail: casaperanziani@casaperanzianicividale.net

Dettagli

Il loro sacrificio è sempre stato e sempre sarà monito ed esempio per tutti.

Il loro sacrificio è sempre stato e sempre sarà monito ed esempio per tutti. Prolusione dell Ispettore Generale della Sanità Militare, Ten. Gen. Federico Marmo, in occasione della cerimonia commemorativa del 180 anniversario della costituzione del Corpo Sanitario dell Esercito

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE Ospedale di Chiavari DOVE SIAMO Presso l Ospedale di Chiavari, SECONDO, TERZO e QUARTO piano, corpo centrale. La Residenza Sanitaria Assistenziale è un presidio sanitario

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia

Integrazione IIPP e personale di supporto. Collegio IPASVI Como e Provincia Integrazione IIPP e personale di supporto Collegio IPASVI Como e Provincia 1 Agenda Le figure di supporto dell assistenza infermieristica in ambito sanitario e sociale: ricognizione storica L ASA e l Operatore

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli