Come cambia il Tempo libero. Lo sport

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come cambia il Tempo libero. Lo sport 1950-1982"

Transcript

1 Come cambia il Tempo libero Lo sport

2 Il dopoguerra Se lo sport era stato strumentalizzato dal fascismo, con la fine della guerra esso non cessò di essere un efficace metodo di reperimento del consenso, capace di iniettare un rinnovato senso di fiducia ed ottimismo in un paese messo in ginocchio dalla guerra e sconfitto Ci troviamo di fronte alla tradizionale duplicità del rapporto degli italiani e delle istituzioni con lo sport e le attività sportive. Da una parte il suo fine strumentale e funzionale per il paese (da cui deriva la mitizzazione del campione e l entusiasmo popolare), dall altra la difficile, diseguale diffusione della pratica sportiva e di una sua cultura Differenze di genere, differenze di classi ripropongono per lunghi anni l atteggiamento e la sostanza del tradizionalismo italiano.

3 Il dopoguerra L associazionismo riprende vigore e si allarga decisamente anche verso le attività sportive Le istituzioni e il governo intuiscono l importanza dello sport e delle attività dilettantistiche Si assiste ad un rinnovato e più deciso interesse delle forze partitiche verso il movimento sportivo dilettantistico. Il CONI venne trasferito alle dirette dipendenze della Presidenza del Consiglio ed entrò nella gestione politica della maggioranza di governo. Le organizzazioni dopolavoristiche e giovanili nate sotto il fascismo vennero riorganizzate in senso democratico, così come le singole Federazioni che vennero mantenute all interno della preesistente struttura organizzativa, facente capo al CONI

4 L associazionismo Il 5 gennaio 1944 nasce, su iniziativa dell Azione Cattolica, il Centro Sportivo Italiano (CSI) che idealmente si raccorda con la FASCI disciolta dal fascismo nel Il mondo ecclesiastico muta approccio e si distacca, con l impostazione di Pio XII che seppe cogliere l aspetto divulgativo e la portata organizzativa ed aggregante dello sport, dalla posizione di chiusura prebellica. Lo sport in questa prospettiva preserva dall adesione alle teorie materialiste, esalta il valore etico, di disciplina e educativo, limitando all indispensabile la componente di agonismo individuale del praticante La valenza dello sport è confermata dalla nascita di società sportive cattoliche attorno ed in contatto con gli uffici sportivi diocesani, rappresentando l espressione delle attività parrocchiali e sommandosi alla tradizione dell oratorio.

5 I partiti, lo sport e il consenso Similmente i partiti si dotarono di proprie strutture associative sportive come fattore aggregante, in grado di consolidare il consenso dei giovani attorno alle organizzazioni politiche La DC creò la Libertas (1945) con l obbiettivo di contribuire alla ricostruzione materiale e morale del paese. Libertas, oltre all attività di diffusione sportiva, svolse attività di tipo sociale, attività di formazione professionale, nella protezione civile, nel solidarismo Il PSI e il PCI (uniti nella politica del Fronte Popolare ) si dotarono di una simile struttura nel 1948, l UISP (Unione Italiana Sport per Tutti)

6 I partiti, lo sport e il consenso L impostazione dell UISP si differenzia da quello del CSI perché esplicitamente rivolto alla promozione del diritto alla pratica sportiva per tutti, prediligendo (all inizio) gli sport popolari ed economici e quelle attività ludico/sportive tradizionali (il gioco delle bocce). L UISP creò, inoltre, un circuito agonistico autonomo, alternativo al CONI, con competizioni locali e nazionali. Nel 1948 anche l MSI fondò i gruppi sportivi Fiamma che proponevano agganciandosi alla tradizione ed all immagine dello sport durante il fascismo un modello fortemente agonistico

7 I miti degli anni 40 e 50: "...gli è tutto sbagliato, tutto da rifare" Coppi parte al Falzarego e allunga sul Pordoi, mentre Bartali buca e arranca, mai domo, alle sue spalle. Quanti Giri d'italia si sono decisi con colpi di scena come questo, nell'infinita battaglia tra i due campionissimi? Le Dolomiti hanno deciso, recita lo speaker, mentre le tappe successive ci portano senza altri sussulti verso il gran finale di Milano. Era un Giro degli anni Cinquanta... Coppi e Bartali

8 I miti degli anni 40 e 50: Coppi e Bartali Gino Bartali è nato in provincia di Firenze nel La sua carriera professionistica durò vent'anni: dal 1935, quando si laureò campione d'italia, al Con Fausto Coppi, suo eterno rivale, ha segnato una stagione mitica del ciclismo. Tra il 1931 e il 1954 corse 988 gare vincendone 184. E' morto nel Fausto Coppi è nato in provincia di Alessandria nel Nel 1937 disputa la sua prima corsa. Mentre lui pensa al ciclismo, sopra la sua testa scoppia la seconda guerra mondiale. Uscito incolume da questa esperienza nel 1945 riprende gli allenamenti. Il "campionissimo" vinse 110 corse tra cui due Tour de France e cinque Giri d'italia. Morì nel 1960

9 I miti degli anni 40 e 50: Alberto Ascari e Ribot Alberto Ascari Alberto Ascari, nato a Milano nel 1918, fu il più grande pilota italiano dopo Tazio Nuvolari. Conquistò due titoli mondiali di Formula Uno disputando 32 Gran Premi e vincendone 13. Fu l'unico pilota al mondo in grado di rivaleggiare seriamente con Manuel Fangio Corse con macchine Alfa, Ferrari, Lancia e Maserati. La sua morte, nel 1955, venne accolta come una perdita per l'intera nazione Ribot Nel 1952 nasceva Ribot, il più grande purosangue della storia dell'ippica. La carriera agonistica di Ribot termina con il tanto atteso e forse temuto sedicesimo trionfo: il terzo in terra straniera, il secondo a Parigi. Davanti a spettatori in delirio vola e lascia gli avversari a 6 lunghezze di distacco

10 Il Calcio Campionato serie C girone A 1962/63-12/01/63 - XVII giornata d'andata. Gigi Riva L Atalanta calcio,

11 I miti del calcio

12 La speranza e la domenica: la Sisal/Totocalcio L'istituzione del concorso pronostici sui risultati delle partite di calcio è stato lo strumento concreto della ripresa dell'attività sportiva in Italia dopo il Il CONI fece suo ed appoggiò il progetto del giornalista Massimo Della Pergola che aveva costituito appositamente la SISAL ed il 5 maggio 1946, con un costo della giocata di 30 lire, uscì la prima schedina che fece registrare un montepremi di lire. Nel biennio la stessa SISAL gestì il concorso per conto del CONI. Dalla stagione seguente il CONI assume direttamente la gestione del concorso attraverso il proprio Servizio Totocalcio. La prima schedina del Totocalcio è del 19 settembre Dalla stagione venne introdotta la doppia colonna che portò la giocata minima a 100 lire. Due provvedimenti legislativi in quegli anni contribuirono alla maggiore diffusione del gioco. La legge sull'imposta Unica (22 dicembre 1951, n.1379) stabilì che i premi vinti fossero al netto delle ritenute e la legge "fifty-fifty" (23 settembre 1965, n. 1117) sancì un più equilibrato criterio nella ripartizione delle entrate tra CONI ed Erario. Con la legge finanziaria del 1991 il costo della colonna aumentò. Il 24 novembre 1991, nel concorso n. 14, venne superato il muro dei 34 miliardi di montepremi e nel concorso n.17 del 5 dicembre 1993, con di lire, fu stabilito il record assoluto. La vincita più alta in assoluto al Totocalcio venne registrata il 7 novembre 1993, concorso n. 13, quando una schedina con un 13 e cinque 12 regalò al suo possessore lire. Dal campionato il regolamento è stato significativamente modificato.

13 1956: le Olimpiadi invernali di Cortina d Ampezzo Nel 1956 (anno determinante nella storia contemporanea) l Italia è sede dei giochi olimpici invernali, i primi teletrasmessi. La sede di rinomate e antiche tradizioni turistiche aristocratiche è la prima vera occasione di presentare come sede di eventi sportivi internazionali Non và un molto bene ma il risultato, abbinato al fresco annuncio dell assegnazione dei giochi estivi a Roma, ha una portata ed un senso storico di assoluto rilievo

14

15 1960: le Olimpiadi di Roma La candidatura di Roma e dell Italia come sede dei giochi olimpici estivi non era una novità, già il fascismo aveva provato ad ottenere l organizzazione del 1940 poi franata nella guerra e ancor prima un timido tentativo era stato compiuto ai tempi dell Italia liberale (1905) Nel 1955 l approvazione della candidatura da parte del CIO assume una valenza plurima perché riassume elementi di natura sportiva, ma soprattutto politica e di relazioni internazionali, giungendo dopo un quindicennio dalla fine del conflitto e per l Italia al vertice del boom economico. Su questi due aspetti si possono sviluppare molte osservazioni e tracciare un bilancio sia del significato della XVII Olimpiade, sia il suo effetto in termini sociali, sia in termini turistici. L indiscusso valore simbolico della città, le garanzie di ritorno alla democrazia, il periodo di forte crescita economica, l efficienza ed i risultati organizzativi dell edizione invernale di Cortina furono i punti di forza, non altrettanto la situazione politica interna che vide nel luglio del 1960 uno dei momenti di maggiore tensione.

16 1960: le Olimpiadi di Roma Dopo due falliti esperimenti di governi DC, il 25 marzo 1960 si era insediato un governo di transizione, con alla presidenza del consiglio il democristiano Fernando Tambroni; si trattava di un governo monocolore democristiano, appoggiato dall esterno dal Movimento Sociale Italiano, che immediatamente tradì alcune aspirazioni autoritarie. La situazione interna raggiunse un elevato grado di tensione nella primavera del 1960, quando si assisté a numerose manifestazioni di protesta contro il governo ad opera delle sinistre, le quali culminarono in scontri di piazza tra i manifestanti e le forze di polizia a Genova, a Reggio Emilia e in Sicilia. Il bilancio fu pesante, poiché dagli scontri risultarono dieci vittime, che ebbero l effetto di inasprire il dissenso e di indurre la stessa DC a sconfessare Tambroni, che si dovette dimettere per cedere il posto ad un nuovo governo DC, presieduto da Amintore Fanfani, insediatosi grazie all astensione dei socialisti in parlamento. La tensione toccata e l aspro dibattito politico che ne seguì fecero inevitabilmente passare in secondo piano, nell immaginario di molti, la celebrazione dei Giochi Olimpici che vennero inaugurati il 25 agosto 1960, a circa un mese dalla nomina del nuovo governo.

17 1960: le Olimpiadi di Roma Lasciandosi alle spalle la burrascosa vicenda politica, l inaugurazione fu grandiosa e la capillare diretta televisiva, novità assoluta nella storia dei giochi estivi, riuscì ad accattivarsi il pubblico, facendo penetrare l evento nelle case della gente. Si crearono dei veri e propri miti intorno ad alcuni atleti, quali il podista Livio Berruti che conquistò la medaglia d oro nei duecento metri, e intorno ai successi riscossi nella scherma e nel ciclismo. Grandi gli effetti di natura economica sia in termini di investimenti nella città (oltre gli impianti, vennero costruiti l aeroporto di Fiumicino ed altre infrastrutture), sia in termini di presenze turistiche, sia in termini di presentazione dell Italia e della sua capitale.

18

19

20 Lo sport dilettantistico L Italia del dopoguerra è un paese sconfitto e povero. Lo sport e le attività sportive amatoriali sono relegate ad un ruolo secondario. Nel dopoguerra italiano, infatti, nonostante le tante dichiarazioni ufficiali, non si scorge un intervento organico almeno fino alla fine degli anni settanta. Al di là della nascita del Ministero del turismo, dello sport e dello spettacolo e al di là della citata querelle sulla ripartizione dei proventi del totocalcio che alimenta la macchina sportiva nazionale (CONI) che trova soluzione nel 1965, sembra essere assente una vera politica di sviluppo delle attività e degli impianti sportivi e per il tempo libero

21 Lo sport dilettantistico I mutamenti che intervennero in quella che stava per diventare una delle facce del tempo libero e in una scelta di un passatempo sportivo di un certo impegno (sci, tennis, nuoto), quindi, derivano principalmente dalla crescita del benessere, dall attivismo associativo, piuttosto che da un piano di diffusione e di offerta popolare che doveva essere definito e garantito dalle istituzioni e dagli enti locali Per larga parte della popolazione, l attività sportiva rimaneva quella povera dei calci al pallone in strada o in qualche campetto, oppure della bicicletta, mantenendo ancora a lungo una stabilità sociale nella possibilità di accedere a determinati tipi di sport.

22 Lo sport dilettantistico Montecatini Piano d Orta (CH) e Tra stabilimenti industriali e tempo libero per lo sport

23 Gli italiani, lo sport e la politica Nei decenni si assiste ad una lunga definizione dello spazio che gli italiani dedicano allo sport ed all attività sportiva recuperando in buona parte la tradizione e la cultura che avevano conosciuto nell Italia liberale ed in quella fascista E una sorta di spazio collettivo che si compone di molti elementi esterni alla pratica reale, allacciandosi e fondendosi con comportamenti individuali e collettivi, sui quali influiscono molti fattori della società (ad esempio la tradizione, ovvero la possibilità di svolgere un attività, il contesto nel quale si vive, il livello economico). Dividersi pro o contro, partecipare alle sconfitte come giudici implacabili, esaltare le vittorie in forma collettiva, suddividere i campioni e le squadre secondo un criterio di appartenenza politica, sono stati e sono comportamenti noti, sui quali riflettere per la definizione del tempo libero dedicato all interesse per lo sport piuttosto che ad una effettiva pratica sportiva. In questo senso non si può non affermare come l assistere ad un evento sportivo, significava (e sotto molti punti di vista è ancora così) partecipare direttamente, ricreando le divisioni e le appartenenze della vita quotidiana

24 Gli italiani, lo sport e la politica Il problema se, al fianco di un interesse e una partecipazione crescente, la mancanza di una politica culturale ed infrastrutturale per lo sport conseguente alla scarsa attenzione riservata alla parte dilettantistica ed amatoriale nella prima parte della repubblica (sia da parte delle istituzioni centrali sia da parte soprattutto degli enti locali), abbia negativamente influito sul rapporto degli italiani con lo sport e con la pratica sportiva rimane un problema aperto specie per il ruolo svolto dal CONI che si trovò a dover essere il traino del destino (nel senso più ampio del termine) dello sport italiano sia in senso organizzativo, sia in senso culturale, sia in senso politico(posizione che si modifica solo alla fine degli anni 80 in un clima e in un contesto completamente diverso) La complessità e le tante implicazioni di tipo localistico, nazionali e di programmazione abbinata alle indubbie difficoltà collegate alla ricostruzione materiale, economica e sociale del paese rendono questa azione praticamente impossibile, spingendo il CONI su posizioni istituzionali formalizzate in aggiunta nel libro verde dello sport del 1971 (curato dallo stesso CONI) al cui interno si legge: Coni, Federazioni e società costituiscono la struttura dello sport agonistico. Altri organismi debbono amministrare lo sport inteso come educazione, formazione, divertimento, tempo libero

25 Gli italiani, lo sport e la politica Se questa situazione di delega ad altri delle funzioni formative e educative di una cultura dell attività sportiva rappresenta l approccio a questo problema che si può registrare nell Italia dalla ricostruzione agli anni Settanta, dal punto di vista istituzionale, possiamo tuttavia individuare un passaggio/cesura importante. Dagli anni settanta e ancor più dal decennio successivo gli italiani sull onda di un mutamento culturale legato all ambiente ed ai benefici collegati ad una forma di attività sportiva mutano atteggiamento, affacciandosi e rendendo popolari sport sempre più collegati alla vacanza, al tempo libero, al weekend. Lo sci, il nuoto, giochi di squadra non di tipo calcistico, il tennis, le palestre e la ginnastica complice la ripresa economica ma anche una maggiore disponibilità di tempo e di risorse finanziarie per le famiglie e per le imprese crescono nell interesse individuale e collettivo. Ancora si ripete un meccanismo supplente che altre volte ha accompagnato le vicende della società italiana: l associazionismo, l impresa individuale tendono ad occupare lo spazio di una programmazione scolastica, infrastrutturale e culturale assente o gravemente deficitaria, tutta rivolta al professionismo come esclusivo motore della trasformazione della base delle attività sportive

26 Gli italiani, lo sport e la politica Nelle contraddizioni di cui è ricchissima la storia italiana, assistiamo così ad una supplenza duplice: Da una parte le strutture altre continuano a svolgere il lavoro di base, mentre le istituzioni deputate si interessano solo dell agonismo Dall altra la politica interviene nello sport (in particolare nel calcio) rendendolo funzionale o strumentale all immagine nazionale ovvero all impresa.

27 Gli italiani, lo sport e la politica Quattro sono i momenti e gli aspetti che occorre sottolineare rispetto alle evoluzioni dagli anni 80 in avanti: la vittoria ai mondiali di calcio del 1982; l ingresso nella scena sportiva di Silvio Berlusconi (1986); il linguaggio sportivo che entra nella dimensione politica (parallelamente all interesse diretto e a una diversa gestione del sistema sport (e del sistema calcio in particolare) La trasformazione istituzionale con la cosiddetta privatizzazione del CONI e con l unificazione presso i monopoli di stato dell organizzazione e gestione delle scommesse. Un passaggio molto importante perché trasla il ruolo chiave presso il Ministero dell Economia e delle Finanze in quanto azionista del CONI servizi e titolare dell amministrazione autonoma dei Monopoli

28 I luoghi, i mezzi e gli strumenti dello sport vissuto in modo collettivo Lo stadio: il luogo collettivo delle emozioni Il bar, il totocalcio, la piazza, le discussioni La strada, il campetto, l oratorio La radio: Tutto il calcio minuto per minuto (muta in parte con le radio libere) La televisione: La domenica sportiva (muta in parte con le televisioni libere e le altre forme della tecnologia televisiva), la partita trasmessa solo in parte la domenica alle (poi modificata con le dirette degli eventi) I quotidiani sportivi nazionali: Corriere dello Sport, Tuttosport, La Gazzetta dello sport (fino agli anni settanta esisteva Stadio oltre 28 periodici sportivi) che in uno dei paesi a più basso indice di lettura dei quotidiani dice molto sul comportamento collettivo rispetto allo sport Le figurine Panini

Dichiarazione di Amsterdam

Dichiarazione di Amsterdam L.B. Dal P A R E R E del Comitato economico e sociale in merito alla ʺProposta di decisione del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce lʹanno europeo dellʹeducazione attraverso lo sport 2004

Dettagli

Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica. Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012

Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica. Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012 Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012 Il Compeed Golden Gala : Verso Londra 2012 Atletica: la disciplina sportiva per eccellenza, regina delle

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. .01.02

CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. .01.02 dal 1976 CLUB Il Tennis Club Ca del Moro nasce, nel 1976, al Lido di Venezia, vicino a Malamocco, per l iniziativa di un privato. Situato a due passi dal mare, tra la vegetazione tipica dell isola e gli

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015

Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015 Emozione Bici Il nuovo circuito di Granfondo Ciclismo Stagione 2015 Lascia crescere la Passione! Il Ciclismo in Italia. Agonismo, Sport, Turismo Il ciclismo, in Italia come in Europa, continua ad essere

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee

Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche sognare, non solo pianificare, ma anche credere nelle nostre idee PROGETTO VOLARE VOLLEY 2013/2014 INSIEME per VOLARE 1983-2013: 30 anni di Pallavolo

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO PROGETTO SPORT E CARCERE SAN VITTORE 2013 / 2014 Il Centro Sportivo Italiano Il Centro Sportivo Italiano (C.S.I.) è una associazione non profit (cioè

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 774 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FOSSATI Disposizioni per la tutela dei segni distintivi delle società sportive, enti e federazioni,

Dettagli

Luca Rivani a cura di Pietro Scasciafratte

Luca Rivani a cura di Pietro Scasciafratte Il giornalismo sportivo Luca Rivani a cura di Pietro Scasciafratte COS E LO SPORT (etimologia inglese Disport = divertimento) E un attività fisica praticata con specifiche regole per fini ricreativi o

Dettagli

Panini: in edicola l'album "Calciatori 2014-2015". Novità: le figurine delle maglie, il calciomercato, l'italia che verrà e

Panini: in edicola l'album Calciatori 2014-2015. Novità: le figurine delle maglie, il calciomercato, l'italia che verrà e Panini: in edicola l'album "Calciatori 2014-2015". Novità: le figurine delle maglie, il calciomercato, l'italia che verrà ed il Quiz del tifoso di Alessandro Ferro - 08, gen, 2015 http://www.siciliajournal.it/panini-in-edicola-lalbum-calciatori-2014-2015-novita-le-figurine-delle-maglieil-calciomercato-litalia-che-verra-ed-il-quiz-del-tifoso/

Dettagli

Circuito regionale Aquagol 2014

Circuito regionale Aquagol 2014 Federazione Italiana Nuoto EDIZIONE 2014 SETTORE PROPAGANDA nati 2003-2004-2005 e seguenti (m/f) Circuito regionale Aquagol 2014 Definizione di categoria: il Circuito Aquagol viene svolto dal all interno

Dettagli

G. S. ESEDRA LA CRONOLOGIA

G. S. ESEDRA LA CRONOLOGIA G. S. ESEDRA LA CRONOLOGIA Primo periodo 1960 1975 L Esedra è affiliata al CSI (Centro Sportivo Italiano) e partecipa all attività Calcio di questo ente, concentrandosi soprattutto sulle categorie Giovanili

Dettagli

RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT

RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT RELAZIONE DELL ASSESSORE ALLA P.I. E SPORT OGGETTO: Impianti sportivi comunali - determinazione tariffe d uso. Premesso che: - con delibera consiliare n.2 del 07/02/2011 è stato approvato il Regolamento

Dettagli

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna

F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna F.I.G.C. Settore giovanile e scolastico Sardegna CORSO CONI F.I.G.C. OTTANA TESINA INDIVIDUALE DI DONATELLA SANNA CATEGORIA PICCOLI AMICI OBIETTIVI FATTORE TECNICO COORDINATIVO colpire la palla e capacità

Dettagli

3 Torneo Daniele Ghillani

3 Torneo Daniele Ghillani A.S.D. Montanara Calcio dal 1961 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 3 Torneo Daniele Ghillani dal 4 al 5 giugno 2015 CATEGORIA PICCOLI AMICI- ANNO 2007 Presentazione e sorteggio del 16 marzo 2014 Con

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

Un po di storia. Stagione 2006/07 Nuoto Club Monza Pag. 2

Un po di storia. Stagione 2006/07 Nuoto Club Monza Pag. 2 Un po di storia L'idea e il coraggio di portare la pallanuoto a Monza nascono alla fine degli anni '80 da un gruppo di amici della sezione brianzola della Società Nazionale Salvamento. Dal 1998, dopo tanto

Dettagli

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte)

QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) 1 QUESTIONARIO CONOSCITIVO PER GENITORI 09 10 (sommatoria delle risposte) (ALLEGATO N 2) Sono pervenuti 90 questionari compilati ma non tutti completi. Non è stata prevista una differenziazione per categorie

Dettagli

DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. 2015/2016 DATI PERSONALI

DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. 2015/2016 DATI PERSONALI DOPPIA CARRIERA - CURRICULUM SPORTIVO - UNIFG A.A. /06 DATI PERSONALI Sono informato/a che i dati personali raccolti saranno trattati, anche con mezzi informatici, ai sensi e per gli effetti dell'art.3

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Comune di Potenza. Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport

Comune di Potenza. Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport Comune di Potenza Unità di Direzione Decentramento Istituti di partecipazione popolare Sport Politiche giovanili Ricostruzione Ufficio Sport Oggetto: TARIFFE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI ANNO 2013 Relazione

Dettagli

LE ATTIVITA DELLA FICTS

LE ATTIVITA DELLA FICTS LE ATTIVITA DELLA FICTS LA FICTS PER IL SOCIALE Responsabilità Sociale, Giovani I PROGETTI DI RESPONSABILITA SOCIALE - DIRITTO ALLO SPORT L efficace azione della FICTS è caratterizzata da un grande coinvolgimento

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri

Prua su Rio 2016 la nostra sfida. Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Prua su Rio 2016 la nostra sfida Vittorio Bissaro - Silvia Sicouri Silvia e Vittorio sono velisti giovani e con molte vittorie alle spalle. Un equipaggio affiatato e determinato che ha lanciato una sfida:

Dettagli

Il Tchoukball: una breve presentazione

Il Tchoukball: una breve presentazione FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA Via Varese, 172 21047 Saronno (Varese) Tel. 0238595552 Fax 029625552 Email tchoukballitalia@yahoo.it www.tchoukball.it Il Tchoukball: una breve presentazione www.tchoukball.it

Dettagli

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale. In queste affermazioni, riportate peraltro su un documento-video ufficiale, si richiama l attenzione circa i modelli educativi a cui si devono riferire tutte le attività promosse, organizzate e praticate

Dettagli

La scherma del futuro. Primo documento di sintesi del gruppo di lavoro promosso dal Club Scherma Roma

La scherma del futuro. Primo documento di sintesi del gruppo di lavoro promosso dal Club Scherma Roma La scherma del futuro Primo documento di sintesi del gruppo di lavoro promosso dal Club Scherma Roma 1 La scherma del futuro Premesse di carattere generale 1. Obiettivo: costruire una scherma nuova, seguita

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Sport ed Economia: analisi della situazione e dati Treviso, 22 giugno 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl 1 Premessa Il fenomeno sportivo nelle sue diverse sfaccettature ha

Dettagli

Bosisio: il ciclista Moser si racconta a La Nostra Famiglia

Bosisio: il ciclista Moser si racconta a La Nostra Famiglia casateonline.it http://www.casateonline.it/articolo.php? idd=95513&origine=1&t=bosisio%3a+il+ciclista+moser+si+racconta+a+%26lsquo%3bla+nostra+famiglia%26rsquo%3b Bosisio: il ciclista Moser si racconta

Dettagli

IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO

IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO SCHEDA N. 1 IPOTESI DI RIFORMA DEL VINCOLO SPORTIVO Norme da modificare: Regolamento organico. Tempi previsti: Approvazione del Consiglio Federale entro dicembre 2014, entrate in vigore 1 luglio 2015.

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti

MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti MISSIONE: Un mondo senza povertà e ingiustizia sociale in cui le persone possano esercitare i propri diritti LA NOSTRA MISSIONE NEL SUD DEL MONDO: Lottare e lavorare a fianco delle comunità più povere

Dettagli

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara Dieci regole d oro per una scrittura più chiara 1. Mantieni corte le frasi; 2. Preferisci il semplice al complesso; 3. Preferisci le parole familiari, più conosciute; 4. Evita le parole inutili; 5. Metti

Dettagli

A.S. ACQUACHIARA Sabato, 21 febbraio 2015

A.S. ACQUACHIARA Sabato, 21 febbraio 2015 Sabato, 21 febbraio 2015 Sabato, 21 febbraio 2015 21/02/2015 La Gazzetta dello Sport PALLANUOTO 1 21/02/2015 TuttoSport Pagina 22 Brescia, c' è Posillipo in affanno Recco, la Lazio non fa paura 2 21/02/2015

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO 10. DURANTE IL FASCISMO svolta politica di Mussolini: dall anticlericalismo laicista all affermazione che l universalismo cattolico è il titolo più significativo della grandezza

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AETHALIA TRIATHLON TITOLO I NATURA, SCOPI E FINALITA Art. 1 Costituzione È costituita l Associazione sportiva denominata Associazione Sportiva Dilettantistica

Dettagli

Prof. Paolo Del Bene Direttore Sportivo ASD LUISS

Prof. Paolo Del Bene Direttore Sportivo ASD LUISS Prof. Paolo Del Bene Direttore Sportivo ASD LUISS L Associazione Sportiva LUISS Il progetto LUISS: STUDIO E SPORT è nato nella stagione agonistica 1999/2000, come primo tentativo di introdurre in Italia

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

rivolte ai minori per la promozione dello Sport

rivolte ai minori per la promozione dello Sport COMUNE DI RODENGO SAIANO Assessorato allo sport rivolte ai minori per la promozione dello Sport PRESENTAZIONE Finalmente inizia una nuova stagione sportiva. Questo semplice opuscolo vuole essere una sorta

Dettagli

SOMMARIO. Foto: Charlie Crowhurst. Foto: Charlie Crowhurst. Foto: Tiziano Ballabio Photographer

SOMMARIO. Foto: Charlie Crowhurst. Foto: Charlie Crowhurst. Foto: Tiziano Ballabio Photographer FACT & FIGURES SOMMARIO Location 3 Staff 5 Challenge nel mondo 6 Percorsi gara 8 Media 10 Dati & Fatti 12 Sprint & Junior 14 Proposte di collaborazione 16 Special thanks 18 RIMINI Rimini ha ospitato il

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

As roma nuoto. stagione 2015-16 WWW.ROMANUOTO.COM

As roma nuoto. stagione 2015-16 WWW.ROMANUOTO.COM As roma nuoto stagione 2015-16 WWW.ROMANUOTO.COM migliorare ogni giorno È il nostro motto. È il principio che ci ispira nel lavoro quotidiano e che ha permesso al nostro progetto, la Roma Nuoto, di diventare

Dettagli

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI

E QUI LA FESTA! SPORT, GIOVANI, SPETTACOLO E SOLIDARIETA 20 MAGGIO 2012 DALLE 14 CENTRO SPORTIVO TOTI IN CASO DI MALTEMPO, LA MANIFESTAZIONE VERRÁ POSTICIPATA A DOMENICA 27 MAGGIO (con possibili variazioni del programma) AD Cordani show-box Stampa: Arti Grafiche Grillo INFO: UFFICIO SPORT 02 91084630 WWW.COMUNE.PADERNO-DUGNANO.MI.IT

Dettagli

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES

PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES PROGETTO SALTO OSTACOLI SENIORES Analisi della realtà attuale 1) Carenza di binomi competitivi nella fascia sportiva più alta 2) Difficoltà dell ambiente del salto ostacoli senior a programmare un attività

Dettagli

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA

DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PAVIA Via Tasso 44/46-27100 PAVIA Tel. 0382/539153 0382/532218 Fax 0382/29480 Internet: http://www.lnd.it e-mail: del.pavia@lnd.it Stagione

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI Se dovesse capitarvi di vedere un corpo muoversi con grazia femminile alternando movimenti di danza ad altri di velocità e di potenza e se facilmente potreste comprendere

Dettagli

REGOLAMENTO REV 2015.06

REGOLAMENTO REV 2015.06 REV 2015.06 REGOLAMENTO Indice 1 L asta iniziale... 3 1.1 Il metodo: il DRAFT... 3 1.2 L ordine di chiamata... 3 2 La Formula... 4 2.1 I partecipanti e il nome del Team... 4 2.2 Il calendario... 4 2.3

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012 Roma, 16 gennaio 2010 1. PREMESSA Con i piani di comunicazione e marketing, la FISO si è dotato di due strumenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DELLE BENEMERENZE SPORTIVE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA Principi Generali Articolo 1 ( Le Benemerenze Sportive ) Il Consiglio Federale della FIPE istituisce le Benemerenze

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI

ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI ANGELI CHE POSSONO VOLARE SENZA LE ALI Se dovesse capitarvi di vedere un corpo muoversi con grazia femminile alternando movimenti di danza ad altri di velocità e di potenza e se facilmente potreste comprendere

Dettagli

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI.

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI. JUNIOR TIM CUP 2013 IL CALCIO NEGLI ORATORI REGOLAMENTO Premessa: Il Regolamento è applicato integralmente nella fase Nazionale di JUNIOR TIM CUP 2013. Per la fase territoriale, organizzata dal CSI Milano,

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu...

..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani. Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Carlo Giorgi.. Comandante vigili urbani Gne volevino tutti bè, era 'n gigante bbonu... ..Gaetanu.. Ù mattu canta li stornelli de Genzano: N mezzo a lo petto tuo ce sta n canale, ce curre l acqua e nun

Dettagli

Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014

Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014 Il Mondiale di Pallavolo Femminile 2014 La pallavolo in Italia 11,5 milioni Appassionati di pallavolo di cui il 28% tra 25 e 34 anni 5.000 Società di pallavolo affiliate alla FIPAV 340.000 Atleti Tesserati

Dettagli

CIPOLLINI BIKE ACADEMY

CIPOLLINI BIKE ACADEMY CIPOLLINI BIKE ACADEMY CIPOLLINI BIKE ACADEMY M a r i o C i p o l l i n i Mario Cipollini è nato a Lucca il 22 marzo 1967. Talento precocissimo, si aggiudica un ottantina di gare nelle categorie giovanili

Dettagli

I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età.

I tesserati Under 10 possono partecipare al solo Campionato del proprio settore di età. NUOVA EDIZIONE REGOLAMENTO CAMPIONATI A SQUADRE (RCS) Applicazione nuove norme da gennaio 2014 (in corsivo modifiche ed integrazioni rif. Atti Ufficiali FIT circolari n. 8/9/10 agosto/settembre/ ottobre

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015

Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 Federazione Italiana Giuoco Calcio Consiglio federale, 26 marzo 2015 1 INDICE MISSION SCENARIO ATTUALE CRITICITA AZIONI 2 MISSION Avviare un programma di rilancio del movimento calcistico femminile nel

Dettagli

Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo

Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo Saper vincere e saper perdere la gestione dell agonismo a cura di Beppe Basso & Stefano Faletti Corso allenatori LEZIONE COMUNE CSI - VARESE 15 aprile 2013 dal seggiolone alla Coppa del Mondo ABILITA TECNICHE

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25

Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25 Successo di pubblico per il Raduno Auto Storiche Città di San Lorenzo Nuovo In: Motori, San Lorenzo Nuovo, Sport 8 settembre 2012-11:25 SAN LORENZO NUOVO Grande successo di iscritti e di pubblico alla

Dettagli

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche PROGETTO LONDRA 2012 SOCHI 2014 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche Premessa Il Progetto Londra

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO L'Agorà rappresenta il tentativo del Centro Sportivo Italiano di raccontarsi nel terzo millennio. Attraverso convegni, dibattiti, iniziative sportive, animazione, spettacoli, ecc. si cercherà di individuare

Dettagli

ATLETICA: MARATONA ROMA, GIA' RECORD DI ISCRITTI STRANIERI = Roma, 27 dic. - (Adnkronos)

ATLETICA: MARATONA ROMA, GIA' RECORD DI ISCRITTI STRANIERI = Roma, 27 dic. - (Adnkronos) ATLETICA: MARATONA ROMA, GIA' RECORD DI ISCRITTI STRANIERI = Roma, 27 dic. - (Adnkronos) La 17esima Maratona di Roma, in programma il 20 marzo 2011, ha gia' ottenuto un record: la partecipazione dall'estero,

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE MTB ANNO SPORTIVO 2015

REGOLAMENTO PROVINCIALE MTB ANNO SPORTIVO 2015 REGOLAMENTO PROVINCIALE MTB ANNO SPORTIVO 2015 Art. 1 I campionati CSI di Mountain Bike sono riservati a tutti i tesserati al Centro Sportivo Italiano in regola con il tesseramento che ha validità dal

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI

PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO GRUPPI SPORTIVI ORATORIANI PROGETTO EDUCATIVO LO SPORT LO SPORT come tempo di crescita personale, come mezzo per educare, come scoperta di valori, come proposta ludica, come attività

Dettagli

Coordinamento Ippodromi

Coordinamento Ippodromi Il presente documento elaborato dall Associazione Coordinamento Ippodromi Si articola in due parti: 1)STORIA, VALORI, ED ECONOMIA DELL IPPICA ITALIANA. 2)INTERVENTI E PROPOSTE PER USCIRE DALLA CRISI. PARTE

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016

REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO FANTACALCIO 2015/2016 1.1. ISCRIZIONE E QUOTE L iscrizione è di 25,00 e deve essere versata al momento dell Asta iniziale. Sarà versata un ulteriore quota di 25,00 il

Dettagli

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013

I MONDIALI DELLA PALLAVOLO. 27 Giugno 2013 I MONDIALI DELLA PALLAVOLO 27 Giugno 2013 La pallavolo in Italia 5.000 Società di pallavolo 11,5 milioni affiliate alla FIPAV 340.000000 Appassionati di pallavolo di Atleti Tesserati cui il 28% tra 25

Dettagli

www.fiorentinacamp.it fiorentinacamp.tarvisio@gmail.com TARVISIO info line +39 335 7863079

www.fiorentinacamp.it fiorentinacamp.tarvisio@gmail.com TARVISIO info line +39 335 7863079 TARVISIO www.fiorentinacamp.it info@fiorentinacamp.it MAURIZIO GANZ El segna semper lu - (Tolmezzo, 13 ottobre 1968) Presenze Reti Campionato italiano Serie A 260 77 Serie B 215 73 Capocannoniere Serie

Dettagli

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Allegato 1 Pag. 1 di 12 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Stagione sportiva 2013/2014 Di seguito si illustrano nel dettaglio le attività

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica

Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Statuto dell Associazione sportiva Motoclub S.S. 309 Chioggia-Associazione dilettantistica Titolo I Denominazione, Sede, Scopo, Durata Art. 1) E costituita con sede in Chioggia, l Associazione Motoclub

Dettagli