Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino"

Transcript

1 Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste 1

2 Le imposte indirette Alcune cifre Più di un terzo del prelievo tributario italiano è realizzato mediante imposte indirette: Imposte indirette del bilancio dello Stato: 185,8 mld Imposte sugli affari: 136,5 mld IVA: 119,2 mld Registro, bollo e sostitutiva: 11,4 mld Assicurazioni: 2,9 mld Imposte sulla produzione: 27,6 mld Oli minerali: 20,3 mld Gas metano: 4,0 mld Energia elettrica: 1,3 mld Spiriti e birra: 0,6 mld Monopoli e lotto: 21,6 mld Tabacchi: 9,8 mld Lotto e lotterie: 11,8 mld 2

3 Definizione - 1 IMPOSTE DIRETTE IMPOSTE INDIRETTE colpiscono direttamente la ricchezza nelle sue manifestazioni colpiscono indirettamente la ricchezza in determinati momenti: Reddito Patrimonio Trasferimento (vendita di beni) Consumo (di servizi) Definizione - 2 IMPOSTE DIRETTE non si trasferiscono: rimangono in capo al soggetto obbligato dalla legge titolare del reddito proprietario, usufruttuario IMPOSTE INDIRETTE si possono trasferire dal soggetto obbligato ad altri soggetti Esempio: il commerciante liquida l IVA, ma l imposta è trasferita al consumatore finale 3

4 Definizione - 3 IMPOSTE DIRETTE IMPOSTE INDIRETTE Non provocano variazione dei prezzi di prodotti e fattori, ovvero non vi è divario tra i prezzi pagati dal produttore e quelli pagati dal consumatore Possono provocare un divario tra i prezzi netti pagati dal produttore e quelli pagati dal consumatore, in quanto l imposta viene trasferita dal soggetto passivo ad altri soggetti. Le imposte indirette in Italia Le principali sono Imposta sul valore aggiunto Accisa Imposta di registro Imposta ipotecaria Imposta catastale Imposta di bollo Imposta sulle pubblicità 4

5 L Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) È un imposta generale sui consumi Colpisce l aumento di valore che un bene o un servizio acquista ad ogni passaggio economico il cosiddetto valore aggiunto Fonte normativa: DPR 633/1972 Ha sostituito nel 1974 l IGE (Imposta Generale sull entrata) 5

6 IVA - funzionamento Mediante un sistema di detrazione e rivalsa, l imposta è neutrale per il soggetto passivo e ricade completamente sul consumatore finale Il soggetto passivo d imposta paga l IVA al fornitore al momento dell acquisto Addebita l IVA a titolo di rivalsa ai suoi acquirenti al momento della vendita Detrae l IVA sull acquisto dall IVA dovuta sulle vendite IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 100+IVA al 20% = 120 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 20 IVA da versare all Erario: = 0 6

7 IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 200+IVA al 20% = 240 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 40 IVA da versare all Erario: = 20 IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 50+IVA al 20% = 60 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 10 IVA da versare all Erario: = 10 a credito d imposta 7

8 IVA artt. 17 e 18 del 633/72 Chi cede beni o presta servizi nell esercizio d imprese, arti o professioni deve addebitare l IVA al cliente, e versare all Erario la differenza tra tale imposta e quella assolta sugli acquisti inerenti all esercizio dell attività L impresa o professionista è il contribuente di diritto Il consumatore finale non imprenditore è il contribuente di fatto: alla fine della catena, non può detrarre l IVA (solo chi opera in regime d impresa può ), quindi l imposta grava effettivamente su di esso. IVA la liquidazione per masse Il soggetto passivo IVA non liquida l imposta operazione per operazione, bensì per masse, mensilmente o trimestralmente a seconda del proprio volume d affari Il calcolo (liquidazione) sull ammontare dell IVA su acquisti e vendite risulta da appositi registri contabili obbligatori: Registro delle fatture emesse (art. 23) Registro dei corrispettivi (art. 24) Registro degli acquisti (art. 25) 8

9 IVA ambito d applicazione Quando un operazione rileva ai fini del tributo? Art /72 definisce i requisiti: Deve trattarsi di cessioni di beni (art. 2) o prestazioni di servizi (art. 3) Effettuate (art. 6) nel territorio dello Stato (art. 7) Nell esercizio di impresa (art. 4) o di arti e professioni (art. 5) Esistono però operazioni Assoggettate ad obbligo formali ma non gravate da imposta: operazioni non imponibili ed esenti Non assoggettate né agli obblighi formali né all imposta: operazioni fuori campo IVA IVA presupposto oggettivo - 1 Caratteristiche delle cessioni di beni: Trasferimento di un diritto reale o di godimento su un bene a titolo oneroso DEROGHE Sono imponibili alcune cessioni gratuite: Cessione gratuita, destinazione estranea all impresa ed autoconsumo di beni prodotti o scambiati come finalità d impresa, a parte i campioni omaggio di modico valore Sono espressamente escluse: Cessioni di denaro Conferimenti e cessioni di aziende 9

10 IVA presupposto oggettivo - 2 Caratteristiche delle prestazioni di servizi: Prestazioni verso corrispettivo, aventi come oggetto un obbligo di fare DEROGHE Sono imponibili diverse prestazioni gratuite destinate al consumo personale o familiare dell imprenditore, o ad altre finalità estranee all impresa IVA profilo soggettivo Le operazioni devono essere poste in essere nell esercizio d imprese, arti o professioni Tutte le operazioni effettuate da società commerciali o da enti il cui oggetto principale è l attività commerciale, con pochissime eccezioni (abitazioni e mezzi di trasporto dai in uso gratuito ai soci) Se il soggetto IVA è una persona fisica o un ente non commerciale, sono irrilevanti le operazioni poste in essere come consumatore privato L esercizio di arti o professioni deve essere abituale 10

11 IVA il momento della rilevanza Art. 6 D.P.R. 633/72: momenti di effettuazione Cessioni di immobili: stipula dell atto Cessioni di beni mobili: consegna o spedizione Somministrazione: pagamento del corrispettivo Prestazioni di servizi: al pagamento del corrispettivo L emissione della fattura prima di tali momenti è equiparata all effettuazione dell operazione Una volta effettuata l operazione, l IVA diviene esigibile, ovvero pagabile all Erario o detraibile, indipendentemente dall incasso/pagamento delle fatture IVA territorialità - 1 Il principio generale è la tassazione nel paese di destinazione nuovo art. 7bis Le cessioni di beni si considerano effettuate nel territorio dello Stato se hanno per oggetto beni immobili ovvero beni mobili nazionali, comunitari o vincolati al regime della temporanea importazione, esistenti nel territorio dello stesso ovvero beni mobili spediti da altro Stato membro installati, montati o assiemati nel territorio dello Stato dal fornitore o per suo conto 11

12 IVA territorialità - 2 In realtà, la tassazione nel paese di destinazione in ambito UE è un regime transitorio; il regime definitivo prevede l applicazione del principio d imposizione nello Stato membro d origine Art. 402 Direttiva 2006/112/CE Dovrebbe perciò essere possibile, per un cliente italiano, detrarre l IVA imposta in Germania tecnicamente molto complesso; il regime transitorio prevede invece l utilizzo dell inversione contabile o reverse charge IVA le operazioni intracomunitarie 1 All interno della CEE (ora UE) doveva essere garantita la libera circolazione dei beni, evitando la doppia imposizione Due le strade possibili: Tassazione esclusiva nel paese dove avviene il consumo: principio di destinazione Tassazione esclusiva nel paese in cui avviene la produzione: principio dell origine 12

13 IVA le operazioni intracomunitarie 2 Inizialmente, si propende per il principio di destinazione: Il gettito IVA avviene ragionevolmente nel luogo del consumo Le merci sono tassate equamente nello stesso mercato, a prescindere dalla provenienza Dopo il 1993, cadono le barriere doganali: diventa problematico controllare i movimenti dei beni! IVA le operazioni intracomunitarie 3 Attualmente, si pensa di passare al principio dell origine ma ci sono questioni aperte sull argomento: Il gettito si distribuisce in maniera incoerente anche nel paese d origine La differenza delle aliquote tra paesi può creare distorsioni nei prezzi Nel frattempo, si continua a mantenere il principio della destinazione in forma ibrida mediante il meccanismo del reverse charge 13

14 IVA le operazioni intracomunitarie 4 Acquisti intracomunitarie di merci D.L.331/1993 DE DE vende merce ad IT, con relativo trasporto della merce da DE ad IT DE fattura ad IT SENZA IVA tedesca IT IT riceve la merce e la fattura; non c è passaggio in dogana, quindi IT deve autoliquidare l IVA: la annota sia sull IVA a debito (per pagarla ) sia a credito (per poterla detrarre): questo è il reverse charge IVA le operazioni intracomunitarie 5 Cessioni intracomunitarie di merci D.L.331/1993 IT vende merce a DE, con relativo trasporto della merce da IT ad DE IT fattura ad DE un operazione non imponibile IVA IT ha diritto alla detrazione dell IVA sugli acquisti, e genera plafond IT DE 14

15 IVA le operazioni intracomunitarie 6 Come contrastare l evasione fiscale su questo tipo di operazioni? Mediante un fitto scambio di informazioni tra i paesi dell Unione: tutti le cessioni e gli acquisti intracomunitari sono segnalati mediante i modelli Intrastat, che raccolgono dati statistici e fiscali per effettuare controlli incrociati IT DE IVA le operazioni intracomunitarie 7 Quanto appena esposto vale solo per le operazioni Business to Business (B2B), ovvero tra due soggetti passivi IVA; Per le operazioni Business to Consumer (B2C), in cui un soggetto passivo IVA vende ad un privato di un altro paese, vale il principio dell origine! Se DE vende ad IT e la merce si sposta da DE ad IT, DE emette fattura con IVA tedesca! 15

16 IVA le operazioni intracomunitarie 8 Le prestazioni di servizio intracomunitarie vengono trattate in modo differente. Con il recepimento della c.d. Direttiva Servizi (2008/8/CE) le prestazioni di servizi sono normate dal nuovo art. 7 del D.P.R. 633/72 La norma è complessa, ci sono molte casistiche possibili IVA le operazioni intracomunitarie 9 Principi generali: Operazioni B2B: imponibili nel paese del committente Operazioni B2C: imponibili nel paese del prestatore del servizio Le deroghe sono legate a criteri che individuano con precisione il luogo di consumo della prestazione Servizi su immobili, ristorazione e catering, attività culturali, fiere ed esposizioni 16

17 IVA le operazioni intracomunitarie 10 La novità maggiore è per le operazioni B2B: si utilizza sempre il meccanismo del reverse charge per i servizi ricevuti ma i servizi prestati non sono non imponibili, ma fuori campo IVA! Perplessità: non generano plafond; dubbi sulla detraibilità dell IVA sugli acquisti IVA operazioni con soggetti extraue - 1 Le esportazioni in paesi extracomunitari (art. 8) sono considerate operazioni non imponibili fattura senza imposta; Le importazioni da paesi extracomunitari sono assoggettate ad IVA in dogana. 17

18 IVA operazioni con soggetti extraue - 2 Le prestazioni di servizio sono di regola Nel B2B: fuori campo IVA, senza obbligo di fatturazione; Nel B2C: imponibili nel paese d origine; Le deroghe sono le stesse di quelli per i servizi UE, più alcune specifiche per i casi B2C extraue Consulenza su licenze e diritti d autore; prestazioni pubblicitarie; consulenza tecnico/legale, telecomunicazioni; messa a disposizione di personale IVA Il c.d. plafond - 1 Da quanto appena visto, gli esportatori o coloro che effettuano cessioni intracomunitarie (quindi, operazioni non imponibili) accumuleranno notevoli crediti IVA. Il rimborso dell IVA da parte dell Erario è generalmente un processo lungo Soluzione: agli esportatori abituali è concesso di effettuare acquisti in sospensione d imposta 18

19 IVA Il c.d. plafond - 2 Il limite per l ammontare di tali acquisti è pari al plafond, ovvero all ammontare complessivo delle vendite all estero effettuate nell anno solare precedente (plafond fisso) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile) L esportatore, previo invìo ai propri fornitori delle c.d. lettere d intento, può effettuare acquisti in sospensione d imposta (non imponibili IVA) entro il limite del plafond N.B.: con il nuovo art. 7-ter, le prestazioni di servizio non territoriali in Italia sono fuori campo IVA, e quindi non generano più plafond!!! IVA le aliquote - 1 La base imponibile è il corrispettivo contrattuale L art. 16 prevede un aliquota generale del 20% Le tabelle allegate al D.P.R. 633/72 contengono gli elenchi dei prodotti soggetti alle aliquote agevolate: 4% Aliquota minima su vendite prima casa, beni di prima necessità (alimentari, stampa ) 10% Aliquota agevolata su diversi alimentari, servizi turistici (ristorazione, servizi alberghieri), recupero edilizio Le prestazioni accessorie (trasporto, montaggio, posa in opera) scontano l aliquota applicabile alla prestazione principale 19

20 IVA le aliquote - 2 Con il meccanismo delle aliquote, lo Stato può scoraggiare il consumo di determinati beni Un tempo (ora il sistema è stato soppresso perché contrastanti con il mercato comune europeo) esistevano delle aliquote maggiorate espressamente dedicate ai beni di lusso e voluttuari IVA operazioni esenti Sono operazioni sottoposte agli obblighi formali, ma: Non comportano addebito d imposta Non danno diritto a detrazione dell imposta corrispondente sugli acquisti Sono elencate nell art. 10 D.P.R. 633/72; le principali: Operazioni mediche, didattiche, locazioni ad uso abitativo Operazioni finanziarie 20

21 IVA il c.d. pro rata In presenta di operazioni esenti IVA, la detrazione è proporzionale al rapporto tra operazioni attive che danno diritto a detrazione e lo stesso importo, aumentato delle operazioni esenti (art. 19bis) % pro rata = Operaz. imponibili Op. imp. + op. esenti La % pro rata viene moltiplicata all IVA sugli acquisti, determinando l IVA detraibile Se vengono effettuate solo operazioni esenti, l IVA su acquisti è totalmente indetraibile! IVA Regimi speciali Agricoltura Alcune categorie di produttori agricoli applicano la detrazione dell IVA in via forfetaria sui corrispettivi delle cessioni: se gli acquisti sono limitati, l agricoltore ha una rendita da IVA! Spettacoli Regime forfettario Editoria Giornali, libri, periodici: forfettizzazione da parte degli editori sulle copie spedite 21

22 IVA Obblighi formali - 1 L applicazione dell IVA comporta una nutrita serie di obblighi formali: Dichiarazione di inizio attività Obbligo di emissione della fattura Obbligo di emissione di ricevute fiscali e scontrini fiscali Obbligo della tenuta dei registri Obbligo della liquidazione Obbligo della dichiarazione annuale IVA Obblighi formali - 2 Dichiarazione di inizio attività: Entro 30 giorni dall inizio dell impresa o della professione deve essere presentata all amministrazione finanziaria; in tale occasione in cui viene attribuita la partita IVA - numero identificativo indispensabile per tutti gli obblighi formali 22

23 IVA Obblighi formali - 3 Obbligo di emissione della fattura Art. 21 D.P.R. 633/72 - Per ogni operazione imponibile, non imponibile o esente deve essere emessa fattura in duplice copia riportante: Data Numero progressivo Soggetto con cui è avvenuta l operazione Natura, qualità, quantità dei beni ceduti o servizi prestati Valore della cessione/prestazione Aliquota IVA distinta per operazione Imposta addebitata Eventuale norma di non imponibilità o esenzione IVA Obblighi formali - 4 Obbligo di emissione di ricevute fiscali e scontrini fiscali Art. 22 D.P.R. 633/72: per il commercio al minuto, prestazione alberghiere e di ristorazione, il trasporto di persone, i servizi d impresa resi al pubblico, la fatturazione è solo su richiesta del cliente; Questi soggetti sono obbligati ad emettere ricevute e scontrini fiscali, ed annotare i totali giornalieri sul registro dei corrispettivi 23

24 IVA Obblighi formali - 5 Obbligo della tenuta dei registri D.P.R. 633/72, art. 23: le fatture emesse vanno registrate progressivamente su apposito registro D.P.R. 633/72, art. 24: i totali giornalieri dei corrispettivi vanno registrati su apposito registro, con separata indicazione degli imponibili per aliquote, delle operazioni non imponibili e di quelle esenti D.P.R. 633/72, art. 25: le fatture d acquisto e le bollette doganali vanno numerate progressivamente e registrate in apposito registro IVA Obblighi formali - 6 Obbligo della liquidazione Trimestrale se nell anno precedente il volume d affari è stato < ,14 per le prestazioni di servizi e < ,90 per le cessioni di beni Versamento entro il 16 del secondo mese successivo al periodo di riferimento (esempio: I trim. = 16 maggio) Mensile negli altri casi 24

25 IVA Obblighi formali - 7 Obbligo della dichiarazione annuale È sostanzialmente un riepilogo delle operazioni e rispettive liquidazioni effettuate durante l anno precedente; Distingue operatizioni attive/passive, imponibili/non imponibili/esenti Va presentata in ogni caso, anche in assenza di operazioni imponibili Altre imposte indirette 25

26 Accisa - 1 Per accisa s intende un imposta sulla fabbricazione e vendita di prodotti di consumo Colpisce singole produzioni e consumi Ad esempio: Prodotti energetici Energia elettrica Alcolici Tabacchi Accisa - 2 È un imposta sulla quantità di prodotto (litro, chilogrammo ), e non sul valore (come l IVA) È un imposta indiretta armonizzata a livello europeo nella struttura: le aliquote sono differenti nei diversi Paesi, ma vi sono meccanismi per limitare gli effetti distorsivi Fonte normativa: Testo Unico sulle Accise Dlgs 504/95 26

27 Accisa - 3 Concorre a formare il valore dei prodotti: l IVA è calcolata sul valore comprensivo dell accisa Un caso eclatante: le accise sui carburanti in Italia TOTALE 1,90 lire: guerra di Etiopia del 1935; 14 lire: crisi di Suez del 1956; Benzina 10 lire: disastro del Vajont del 1963; 0,564 /Litro 10 lire:alluvione di Firenze del 1966; Gasolio 10 lire: terremoto del Belice del 1968; 0,423 /Litro 99 lire: terremoto del Friuli del 1976; 75 lire: terremoto dell'irpinia del 1980; 205 lire: guerra del Libano del 1983; 22 lire: missione UNMIBH in Bosnia Erzegovina del 1996; 39 lire: contratto degli autoferrotranvieri del IVA Imposta di registro - 1 È un imposta che va a colpire i passaggi di ricchezza attraverso giuridici solenni È un imposta tradizionalmente legata alla necessità di conservare gli atti giuridici più importanti In pratica, è essenzialmente un imposizione patrimoniale sugli immobili. 27

28 Imposta di registro - 2 Fonte normativa: T.U. approvato con D.P.R 131/1986 Soggetti a imposta tutti gli atti scritti a contenuto patrimoniale formati nel territorio dello Stato Gli atti sono inquadrati secondo una tariffa, allegata al D.P.R. L imposta può essere proporzionale (aliquota sul valore) o fissa ( 168) Soggetti obbligati: il pubblico ufficiale che registra l atto o le parti che ne richiedono la registrazione Imposta ipotecaria e catastale Fonte normativa: D.Lgs. 347/1990 Le imposte colpiscono rispettivamente le trascrizioni nei pubblici registri immobiliari e le volture catastali a seguito di compravendite, donazioni, successioni La base imponibile è la stessa dell imposta di registro; segue l imposta di registro sul meccanismo delle aliquote (proporzionale - di norma 2% ipotecaria, 1% catastale o fissa) Soggetti obbligati: come nell imposta di registro 28

29 Imposta di bollo - 1 Fonte normativa: D.P.R. 642/1972 Strutturalmente, molto simile all imposta di registro: vi è una tariffa molto articolata che indica una serie di atti scritti, documenti e registri che devono essere redatti su carta bollata attualmente, mediante apposizione delle marche adesive o virtuali Nella stragrande maggioranza, è 1,81 un imposta in misura fissa 14,62 Imposta di bollo - 2 Soggetto passivo può essere sia l emittente il documento che il destinatario. La capacità economica colpita da questo tributo è un concetto alquanto evanescente A volte, è soggetto ad imposta di bollo un atto che non esprime alcuna capacità contributiva! Ad esempio, i certificati anagrafici A volte si configura di più come una tassa: un pagamento a fronte di servizi 29

30 Imposta sulle pubblicità È un tributo comunale che colpisce la pubblicità effettuata attraverso affissioni, insegne, cartelloni, striscioni La misura dell imposta dipende dal mezzo pubblicitario utilizzato, dalla localizzazione del messaggio, dalle sue dimensioni e dalla durata dell esposizione. Fonte normativa: D.Lgs. 507/93; il D.Lgs. 446/1997 ha dato la possibilità ai Comuni di sostituire tale imposta con un canone pagato in base a tariffa 30

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

L imposta sul valore aggiunto

L imposta sul valore aggiunto Università degli Studi di Roma 3 Facoltà di Giurisprudenza L imposta sul valore aggiunto Dispense ad uso degli studenti del corso di Diritto Tributario Indice IL SISTEMA DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA

I VA CORSO BASE. a) operazioni nel campo IVA a) operazioni nel campo IVA Si tratta delle operazioni nelle quali sono presenti tutti i presupposti di applicazione dell imposta, e cioè: presupposto soggettivo = esercizio di impresa, arte o professione;

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria

Una guida per diportisti e operatori. nautica& FISCO REGIONE LIGURIA. a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria Una guida per diportisti e operatori REGIONE LIGURIA nautica& FISCO a cura di: Agenzia delle Entrate Direzione Regionale Liguria Regione Liguria UCINA nautica& FISCO Una guida per diportisti e operatori

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana

IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO. A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana IL CONTROLLO DELLE AGEVOLAZIONI NELL IMPOSTA DI REGISTRO A cura di Elena Galeotti Direzione Regionale Toscana Versione febbraio 2010 INDICE 1 PREMESSA...4 2 PRINCIPI GENERALI...4 2.1 Imposta principale,

Dettagli