Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno Accademico 2009/2010 II semestre. Luca Savino"

Transcript

1 Corso di Economia Pubblica Anno Accademico 2009/2010 II semestre Luca Savino Facoltà di Scienze Politiche Corso di laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche Università degli Studi di Trieste 1

2 Le imposte indirette Alcune cifre Più di un terzo del prelievo tributario italiano è realizzato mediante imposte indirette: Imposte indirette del bilancio dello Stato: 185,8 mld Imposte sugli affari: 136,5 mld IVA: 119,2 mld Registro, bollo e sostitutiva: 11,4 mld Assicurazioni: 2,9 mld Imposte sulla produzione: 27,6 mld Oli minerali: 20,3 mld Gas metano: 4,0 mld Energia elettrica: 1,3 mld Spiriti e birra: 0,6 mld Monopoli e lotto: 21,6 mld Tabacchi: 9,8 mld Lotto e lotterie: 11,8 mld 2

3 Definizione - 1 IMPOSTE DIRETTE IMPOSTE INDIRETTE colpiscono direttamente la ricchezza nelle sue manifestazioni colpiscono indirettamente la ricchezza in determinati momenti: Reddito Patrimonio Trasferimento (vendita di beni) Consumo (di servizi) Definizione - 2 IMPOSTE DIRETTE non si trasferiscono: rimangono in capo al soggetto obbligato dalla legge titolare del reddito proprietario, usufruttuario IMPOSTE INDIRETTE si possono trasferire dal soggetto obbligato ad altri soggetti Esempio: il commerciante liquida l IVA, ma l imposta è trasferita al consumatore finale 3

4 Definizione - 3 IMPOSTE DIRETTE IMPOSTE INDIRETTE Non provocano variazione dei prezzi di prodotti e fattori, ovvero non vi è divario tra i prezzi pagati dal produttore e quelli pagati dal consumatore Possono provocare un divario tra i prezzi netti pagati dal produttore e quelli pagati dal consumatore, in quanto l imposta viene trasferita dal soggetto passivo ad altri soggetti. Le imposte indirette in Italia Le principali sono Imposta sul valore aggiunto Accisa Imposta di registro Imposta ipotecaria Imposta catastale Imposta di bollo Imposta sulle pubblicità 4

5 L Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto (IVA) È un imposta generale sui consumi Colpisce l aumento di valore che un bene o un servizio acquista ad ogni passaggio economico il cosiddetto valore aggiunto Fonte normativa: DPR 633/1972 Ha sostituito nel 1974 l IGE (Imposta Generale sull entrata) 5

6 IVA - funzionamento Mediante un sistema di detrazione e rivalsa, l imposta è neutrale per il soggetto passivo e ricade completamente sul consumatore finale Il soggetto passivo d imposta paga l IVA al fornitore al momento dell acquisto Addebita l IVA a titolo di rivalsa ai suoi acquirenti al momento della vendita Detrae l IVA sull acquisto dall IVA dovuta sulle vendite IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 100+IVA al 20% = 120 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 20 IVA da versare all Erario: = 0 6

7 IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 200+IVA al 20% = 240 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 40 IVA da versare all Erario: = 20 IVA alcuni esempi IVA al 20% = 120 Fornitore Beta 50+IVA al 20% = 60 Ditta ALFA sogg. Pass. IVA Cliente Gamma IVA sugli acquisti: 20 IVA sulle vendite: 10 IVA da versare all Erario: = 10 a credito d imposta 7

8 IVA artt. 17 e 18 del 633/72 Chi cede beni o presta servizi nell esercizio d imprese, arti o professioni deve addebitare l IVA al cliente, e versare all Erario la differenza tra tale imposta e quella assolta sugli acquisti inerenti all esercizio dell attività L impresa o professionista è il contribuente di diritto Il consumatore finale non imprenditore è il contribuente di fatto: alla fine della catena, non può detrarre l IVA (solo chi opera in regime d impresa può ), quindi l imposta grava effettivamente su di esso. IVA la liquidazione per masse Il soggetto passivo IVA non liquida l imposta operazione per operazione, bensì per masse, mensilmente o trimestralmente a seconda del proprio volume d affari Il calcolo (liquidazione) sull ammontare dell IVA su acquisti e vendite risulta da appositi registri contabili obbligatori: Registro delle fatture emesse (art. 23) Registro dei corrispettivi (art. 24) Registro degli acquisti (art. 25) 8

9 IVA ambito d applicazione Quando un operazione rileva ai fini del tributo? Art /72 definisce i requisiti: Deve trattarsi di cessioni di beni (art. 2) o prestazioni di servizi (art. 3) Effettuate (art. 6) nel territorio dello Stato (art. 7) Nell esercizio di impresa (art. 4) o di arti e professioni (art. 5) Esistono però operazioni Assoggettate ad obbligo formali ma non gravate da imposta: operazioni non imponibili ed esenti Non assoggettate né agli obblighi formali né all imposta: operazioni fuori campo IVA IVA presupposto oggettivo - 1 Caratteristiche delle cessioni di beni: Trasferimento di un diritto reale o di godimento su un bene a titolo oneroso DEROGHE Sono imponibili alcune cessioni gratuite: Cessione gratuita, destinazione estranea all impresa ed autoconsumo di beni prodotti o scambiati come finalità d impresa, a parte i campioni omaggio di modico valore Sono espressamente escluse: Cessioni di denaro Conferimenti e cessioni di aziende 9

10 IVA presupposto oggettivo - 2 Caratteristiche delle prestazioni di servizi: Prestazioni verso corrispettivo, aventi come oggetto un obbligo di fare DEROGHE Sono imponibili diverse prestazioni gratuite destinate al consumo personale o familiare dell imprenditore, o ad altre finalità estranee all impresa IVA profilo soggettivo Le operazioni devono essere poste in essere nell esercizio d imprese, arti o professioni Tutte le operazioni effettuate da società commerciali o da enti il cui oggetto principale è l attività commerciale, con pochissime eccezioni (abitazioni e mezzi di trasporto dai in uso gratuito ai soci) Se il soggetto IVA è una persona fisica o un ente non commerciale, sono irrilevanti le operazioni poste in essere come consumatore privato L esercizio di arti o professioni deve essere abituale 10

11 IVA il momento della rilevanza Art. 6 D.P.R. 633/72: momenti di effettuazione Cessioni di immobili: stipula dell atto Cessioni di beni mobili: consegna o spedizione Somministrazione: pagamento del corrispettivo Prestazioni di servizi: al pagamento del corrispettivo L emissione della fattura prima di tali momenti è equiparata all effettuazione dell operazione Una volta effettuata l operazione, l IVA diviene esigibile, ovvero pagabile all Erario o detraibile, indipendentemente dall incasso/pagamento delle fatture IVA territorialità - 1 Il principio generale è la tassazione nel paese di destinazione nuovo art. 7bis Le cessioni di beni si considerano effettuate nel territorio dello Stato se hanno per oggetto beni immobili ovvero beni mobili nazionali, comunitari o vincolati al regime della temporanea importazione, esistenti nel territorio dello stesso ovvero beni mobili spediti da altro Stato membro installati, montati o assiemati nel territorio dello Stato dal fornitore o per suo conto 11

12 IVA territorialità - 2 In realtà, la tassazione nel paese di destinazione in ambito UE è un regime transitorio; il regime definitivo prevede l applicazione del principio d imposizione nello Stato membro d origine Art. 402 Direttiva 2006/112/CE Dovrebbe perciò essere possibile, per un cliente italiano, detrarre l IVA imposta in Germania tecnicamente molto complesso; il regime transitorio prevede invece l utilizzo dell inversione contabile o reverse charge IVA le operazioni intracomunitarie 1 All interno della CEE (ora UE) doveva essere garantita la libera circolazione dei beni, evitando la doppia imposizione Due le strade possibili: Tassazione esclusiva nel paese dove avviene il consumo: principio di destinazione Tassazione esclusiva nel paese in cui avviene la produzione: principio dell origine 12

13 IVA le operazioni intracomunitarie 2 Inizialmente, si propende per il principio di destinazione: Il gettito IVA avviene ragionevolmente nel luogo del consumo Le merci sono tassate equamente nello stesso mercato, a prescindere dalla provenienza Dopo il 1993, cadono le barriere doganali: diventa problematico controllare i movimenti dei beni! IVA le operazioni intracomunitarie 3 Attualmente, si pensa di passare al principio dell origine ma ci sono questioni aperte sull argomento: Il gettito si distribuisce in maniera incoerente anche nel paese d origine La differenza delle aliquote tra paesi può creare distorsioni nei prezzi Nel frattempo, si continua a mantenere il principio della destinazione in forma ibrida mediante il meccanismo del reverse charge 13

14 IVA le operazioni intracomunitarie 4 Acquisti intracomunitarie di merci D.L.331/1993 DE DE vende merce ad IT, con relativo trasporto della merce da DE ad IT DE fattura ad IT SENZA IVA tedesca IT IT riceve la merce e la fattura; non c è passaggio in dogana, quindi IT deve autoliquidare l IVA: la annota sia sull IVA a debito (per pagarla ) sia a credito (per poterla detrarre): questo è il reverse charge IVA le operazioni intracomunitarie 5 Cessioni intracomunitarie di merci D.L.331/1993 IT vende merce a DE, con relativo trasporto della merce da IT ad DE IT fattura ad DE un operazione non imponibile IVA IT ha diritto alla detrazione dell IVA sugli acquisti, e genera plafond IT DE 14

15 IVA le operazioni intracomunitarie 6 Come contrastare l evasione fiscale su questo tipo di operazioni? Mediante un fitto scambio di informazioni tra i paesi dell Unione: tutti le cessioni e gli acquisti intracomunitari sono segnalati mediante i modelli Intrastat, che raccolgono dati statistici e fiscali per effettuare controlli incrociati IT DE IVA le operazioni intracomunitarie 7 Quanto appena esposto vale solo per le operazioni Business to Business (B2B), ovvero tra due soggetti passivi IVA; Per le operazioni Business to Consumer (B2C), in cui un soggetto passivo IVA vende ad un privato di un altro paese, vale il principio dell origine! Se DE vende ad IT e la merce si sposta da DE ad IT, DE emette fattura con IVA tedesca! 15

16 IVA le operazioni intracomunitarie 8 Le prestazioni di servizio intracomunitarie vengono trattate in modo differente. Con il recepimento della c.d. Direttiva Servizi (2008/8/CE) le prestazioni di servizi sono normate dal nuovo art. 7 del D.P.R. 633/72 La norma è complessa, ci sono molte casistiche possibili IVA le operazioni intracomunitarie 9 Principi generali: Operazioni B2B: imponibili nel paese del committente Operazioni B2C: imponibili nel paese del prestatore del servizio Le deroghe sono legate a criteri che individuano con precisione il luogo di consumo della prestazione Servizi su immobili, ristorazione e catering, attività culturali, fiere ed esposizioni 16

17 IVA le operazioni intracomunitarie 10 La novità maggiore è per le operazioni B2B: si utilizza sempre il meccanismo del reverse charge per i servizi ricevuti ma i servizi prestati non sono non imponibili, ma fuori campo IVA! Perplessità: non generano plafond; dubbi sulla detraibilità dell IVA sugli acquisti IVA operazioni con soggetti extraue - 1 Le esportazioni in paesi extracomunitari (art. 8) sono considerate operazioni non imponibili fattura senza imposta; Le importazioni da paesi extracomunitari sono assoggettate ad IVA in dogana. 17

18 IVA operazioni con soggetti extraue - 2 Le prestazioni di servizio sono di regola Nel B2B: fuori campo IVA, senza obbligo di fatturazione; Nel B2C: imponibili nel paese d origine; Le deroghe sono le stesse di quelli per i servizi UE, più alcune specifiche per i casi B2C extraue Consulenza su licenze e diritti d autore; prestazioni pubblicitarie; consulenza tecnico/legale, telecomunicazioni; messa a disposizione di personale IVA Il c.d. plafond - 1 Da quanto appena visto, gli esportatori o coloro che effettuano cessioni intracomunitarie (quindi, operazioni non imponibili) accumuleranno notevoli crediti IVA. Il rimborso dell IVA da parte dell Erario è generalmente un processo lungo Soluzione: agli esportatori abituali è concesso di effettuare acquisti in sospensione d imposta 18

19 IVA Il c.d. plafond - 2 Il limite per l ammontare di tali acquisti è pari al plafond, ovvero all ammontare complessivo delle vendite all estero effettuate nell anno solare precedente (plafond fisso) o nei 12 mesi precedenti (plafond mobile) L esportatore, previo invìo ai propri fornitori delle c.d. lettere d intento, può effettuare acquisti in sospensione d imposta (non imponibili IVA) entro il limite del plafond N.B.: con il nuovo art. 7-ter, le prestazioni di servizio non territoriali in Italia sono fuori campo IVA, e quindi non generano più plafond!!! IVA le aliquote - 1 La base imponibile è il corrispettivo contrattuale L art. 16 prevede un aliquota generale del 20% Le tabelle allegate al D.P.R. 633/72 contengono gli elenchi dei prodotti soggetti alle aliquote agevolate: 4% Aliquota minima su vendite prima casa, beni di prima necessità (alimentari, stampa ) 10% Aliquota agevolata su diversi alimentari, servizi turistici (ristorazione, servizi alberghieri), recupero edilizio Le prestazioni accessorie (trasporto, montaggio, posa in opera) scontano l aliquota applicabile alla prestazione principale 19

20 IVA le aliquote - 2 Con il meccanismo delle aliquote, lo Stato può scoraggiare il consumo di determinati beni Un tempo (ora il sistema è stato soppresso perché contrastanti con il mercato comune europeo) esistevano delle aliquote maggiorate espressamente dedicate ai beni di lusso e voluttuari IVA operazioni esenti Sono operazioni sottoposte agli obblighi formali, ma: Non comportano addebito d imposta Non danno diritto a detrazione dell imposta corrispondente sugli acquisti Sono elencate nell art. 10 D.P.R. 633/72; le principali: Operazioni mediche, didattiche, locazioni ad uso abitativo Operazioni finanziarie 20

21 IVA il c.d. pro rata In presenta di operazioni esenti IVA, la detrazione è proporzionale al rapporto tra operazioni attive che danno diritto a detrazione e lo stesso importo, aumentato delle operazioni esenti (art. 19bis) % pro rata = Operaz. imponibili Op. imp. + op. esenti La % pro rata viene moltiplicata all IVA sugli acquisti, determinando l IVA detraibile Se vengono effettuate solo operazioni esenti, l IVA su acquisti è totalmente indetraibile! IVA Regimi speciali Agricoltura Alcune categorie di produttori agricoli applicano la detrazione dell IVA in via forfetaria sui corrispettivi delle cessioni: se gli acquisti sono limitati, l agricoltore ha una rendita da IVA! Spettacoli Regime forfettario Editoria Giornali, libri, periodici: forfettizzazione da parte degli editori sulle copie spedite 21

22 IVA Obblighi formali - 1 L applicazione dell IVA comporta una nutrita serie di obblighi formali: Dichiarazione di inizio attività Obbligo di emissione della fattura Obbligo di emissione di ricevute fiscali e scontrini fiscali Obbligo della tenuta dei registri Obbligo della liquidazione Obbligo della dichiarazione annuale IVA Obblighi formali - 2 Dichiarazione di inizio attività: Entro 30 giorni dall inizio dell impresa o della professione deve essere presentata all amministrazione finanziaria; in tale occasione in cui viene attribuita la partita IVA - numero identificativo indispensabile per tutti gli obblighi formali 22

23 IVA Obblighi formali - 3 Obbligo di emissione della fattura Art. 21 D.P.R. 633/72 - Per ogni operazione imponibile, non imponibile o esente deve essere emessa fattura in duplice copia riportante: Data Numero progressivo Soggetto con cui è avvenuta l operazione Natura, qualità, quantità dei beni ceduti o servizi prestati Valore della cessione/prestazione Aliquota IVA distinta per operazione Imposta addebitata Eventuale norma di non imponibilità o esenzione IVA Obblighi formali - 4 Obbligo di emissione di ricevute fiscali e scontrini fiscali Art. 22 D.P.R. 633/72: per il commercio al minuto, prestazione alberghiere e di ristorazione, il trasporto di persone, i servizi d impresa resi al pubblico, la fatturazione è solo su richiesta del cliente; Questi soggetti sono obbligati ad emettere ricevute e scontrini fiscali, ed annotare i totali giornalieri sul registro dei corrispettivi 23

24 IVA Obblighi formali - 5 Obbligo della tenuta dei registri D.P.R. 633/72, art. 23: le fatture emesse vanno registrate progressivamente su apposito registro D.P.R. 633/72, art. 24: i totali giornalieri dei corrispettivi vanno registrati su apposito registro, con separata indicazione degli imponibili per aliquote, delle operazioni non imponibili e di quelle esenti D.P.R. 633/72, art. 25: le fatture d acquisto e le bollette doganali vanno numerate progressivamente e registrate in apposito registro IVA Obblighi formali - 6 Obbligo della liquidazione Trimestrale se nell anno precedente il volume d affari è stato < ,14 per le prestazioni di servizi e < ,90 per le cessioni di beni Versamento entro il 16 del secondo mese successivo al periodo di riferimento (esempio: I trim. = 16 maggio) Mensile negli altri casi 24

25 IVA Obblighi formali - 7 Obbligo della dichiarazione annuale È sostanzialmente un riepilogo delle operazioni e rispettive liquidazioni effettuate durante l anno precedente; Distingue operatizioni attive/passive, imponibili/non imponibili/esenti Va presentata in ogni caso, anche in assenza di operazioni imponibili Altre imposte indirette 25

26 Accisa - 1 Per accisa s intende un imposta sulla fabbricazione e vendita di prodotti di consumo Colpisce singole produzioni e consumi Ad esempio: Prodotti energetici Energia elettrica Alcolici Tabacchi Accisa - 2 È un imposta sulla quantità di prodotto (litro, chilogrammo ), e non sul valore (come l IVA) È un imposta indiretta armonizzata a livello europeo nella struttura: le aliquote sono differenti nei diversi Paesi, ma vi sono meccanismi per limitare gli effetti distorsivi Fonte normativa: Testo Unico sulle Accise Dlgs 504/95 26

27 Accisa - 3 Concorre a formare il valore dei prodotti: l IVA è calcolata sul valore comprensivo dell accisa Un caso eclatante: le accise sui carburanti in Italia TOTALE 1,90 lire: guerra di Etiopia del 1935; 14 lire: crisi di Suez del 1956; Benzina 10 lire: disastro del Vajont del 1963; 0,564 /Litro 10 lire:alluvione di Firenze del 1966; Gasolio 10 lire: terremoto del Belice del 1968; 0,423 /Litro 99 lire: terremoto del Friuli del 1976; 75 lire: terremoto dell'irpinia del 1980; 205 lire: guerra del Libano del 1983; 22 lire: missione UNMIBH in Bosnia Erzegovina del 1996; 39 lire: contratto degli autoferrotranvieri del IVA Imposta di registro - 1 È un imposta che va a colpire i passaggi di ricchezza attraverso giuridici solenni È un imposta tradizionalmente legata alla necessità di conservare gli atti giuridici più importanti In pratica, è essenzialmente un imposizione patrimoniale sugli immobili. 27

28 Imposta di registro - 2 Fonte normativa: T.U. approvato con D.P.R 131/1986 Soggetti a imposta tutti gli atti scritti a contenuto patrimoniale formati nel territorio dello Stato Gli atti sono inquadrati secondo una tariffa, allegata al D.P.R. L imposta può essere proporzionale (aliquota sul valore) o fissa ( 168) Soggetti obbligati: il pubblico ufficiale che registra l atto o le parti che ne richiedono la registrazione Imposta ipotecaria e catastale Fonte normativa: D.Lgs. 347/1990 Le imposte colpiscono rispettivamente le trascrizioni nei pubblici registri immobiliari e le volture catastali a seguito di compravendite, donazioni, successioni La base imponibile è la stessa dell imposta di registro; segue l imposta di registro sul meccanismo delle aliquote (proporzionale - di norma 2% ipotecaria, 1% catastale o fissa) Soggetti obbligati: come nell imposta di registro 28

29 Imposta di bollo - 1 Fonte normativa: D.P.R. 642/1972 Strutturalmente, molto simile all imposta di registro: vi è una tariffa molto articolata che indica una serie di atti scritti, documenti e registri che devono essere redatti su carta bollata attualmente, mediante apposizione delle marche adesive o virtuali Nella stragrande maggioranza, è 1,81 un imposta in misura fissa 14,62 Imposta di bollo - 2 Soggetto passivo può essere sia l emittente il documento che il destinatario. La capacità economica colpita da questo tributo è un concetto alquanto evanescente A volte, è soggetto ad imposta di bollo un atto che non esprime alcuna capacità contributiva! Ad esempio, i certificati anagrafici A volte si configura di più come una tassa: un pagamento a fronte di servizi 29

30 Imposta sulle pubblicità È un tributo comunale che colpisce la pubblicità effettuata attraverso affissioni, insegne, cartelloni, striscioni La misura dell imposta dipende dal mezzo pubblicitario utilizzato, dalla localizzazione del messaggio, dalle sue dimensioni e dalla durata dell esposizione. Fonte normativa: D.Lgs. 507/93; il D.Lgs. 446/1997 ha dato la possibilità ai Comuni di sostituire tale imposta con un canone pagato in base a tariffa 30

Imposta Valore Aggiunto Territorialità

Imposta Valore Aggiunto Territorialità Imposta Valore Aggiunto Territorialità Intervento Salvatore Fichera Dirigente Agenzia delle Entrate www.salvatorefichera.it Università di Brescia 14 ottobre 2010 1 Concetti preliminari Caratteristiche

Dettagli

IVA INTRACOMUNITARIA

IVA INTRACOMUNITARIA IVA INTRACOMUNITARIA D.L. 30 Agosto 1993, n. 331 Convertito dalla Legge 29 Ottobre 1993, n. 427 Dlgs. 11 Febbraio 2010, n. 18 G.U. 19 Febbraio 2010, n. 41 25 ottobre 2010 L ACQUISTO INTRACOMUNITARIO Gli

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010.

2 DECORRENZA DELLE NOVITÀ Le novità in materia di territorialità IVA si applicano alle operazioni effettuate dall 1.1.2010. CIRCOLARE n. 12/2010 Oggetto: Territorialità IVA - Recepimento della normativa comunitaria - Nuova disciplina 1 PREMESSA Con il DLgs. 11.2.2010 n. 18, pubblicato sulla G.U. 19.2.2010 n. 41 ed entrato in

Dettagli

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA

DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA DOCUMENTO FONDAMENTALE per le operazioni che rientrano nel campo d applicazione IVA è la FATTURA VIENE UTILIZZATA DALLA GENERALITA DEI SOGGETTI PASSIVI SIA QUANDO EFFETTUANO OPERAZIONI IMPONIBILI, NON

Dettagli

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010

CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat. Confcommercio, 14 aprile 2010 CONVEGNO La nuova normativa in materia IVA intracomunitaria e gli adempimenti Intrastat Confcommercio, 14 aprile 2010 L art. 7 del DPR n. 633 del 1972 è stato sostituito dal 1 gennaio 2010 dal D.Lgs. n.18

Dettagli

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO

RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO Circolare N. 05 Area: PROFESSIONAL Periodico quindicinale 4 marzo 2010 RIVOLUZIONE IVA NEI SERVIZI CON L ESTERO La Direttiva comunitaria n. 2008/8/CE (c.d. Direttiva Servizi ) ha profondamente modificato

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.

Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214. Dott. Marco Baccani 20121 Milano - Via Bigli, 2 Dott. Salvatore Fiorenza Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Ferdinando Ramponi Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Massimo Rho Dott. Federico Baccani Dott. Stefano Ramponi

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016

CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 OGGETTO: Spesometro 2016 CIRCOLARE DI STUDIO 11/2016 Parma, 24 marzo 2016 L'obbligo, introdotto dal D.L. 78/2010, di comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate le operazioni rilevanti IVA (cessioni/acquisti

Dettagli

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014

Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Comunicazione e dichiarazione IVA/2015 ANNO 2014 Raccolta dati e richiesta documentazione Oggetto: Richiesta dati e documentazione per la predisposizione della Comunicazione e dichiarazione annuale IVA/2015

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010

NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010. Forlì, 26 febbraio 2010 NUOVA TERRITORIALITÀ IVA DAL 2010 Forlì, 26 febbraio 2010 La situazione normativa ad oggi Forlì 26 febbraio 2010 3 STATO DELLA NORMATIVA - Direttiva 2008/8CE del 12 febbraio 2008 (territorialità) - Direttiva

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972)

LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: I.V.A. (D.P.R. n.633/26.10.1972) 1 L I.V.A. è un imposta che si applica sul valore aggiunto ed è dovuta in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME

LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Circolare N. 72 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 15 ottobre 2010 LE OPERAZIONI CON SAN MARINO: NOVITA E CONFERME Le nuove regole concernenti la territorialità IVA delle prestazioni di servizi,

Dettagli

I principi generali dell IVA

I principi generali dell IVA I principi generali dell IVA L imposta sul valore aggiunto (Iva) si configura come tributo indiretto, in quanto non colpisce direttamente la capacità contributiva di un soggetto nelle due forme tipiche

Dettagli

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE

LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE LA TERRITORIALITA DEI SERVIZI INTRACOMUNITARI TRA NOVITA', PROFILI PROBLEMATICI E CONSEGUENZE ACCERTATIVE E SANZIONATORIE IL CONCETTO DI TERRITORIALITÀ NEGLI SCAMBI TRA SOGGETTI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Dettagli

Presentazione a cura di Mario Spera

Presentazione a cura di Mario Spera Presentazione a cura di Mario Spera Disposizioni comunitarie Pacchetto IVA Direttiva 2008/8/CE del 12 febbraio 2008 (modifica del luogo di tassazione dei servizi) Direttiva 2008/9/CE del 12 febbraio 2008

Dettagli

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it

Nuove regole per la territorialità dei servizi. Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it Nuove regole per la territorialità dei servizi Dott. Paola Sivori Strada Borghetti Cavo e Associati paola.sivori@sbcassociati.it NORMATIVA COMUNITARIA direttiva 2008/8/CE: territorialitàdei servizi; intrastat

Dettagli

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità

I MODELLI INTRA. Modelli INTRA 2010: novità I MODELLI INTRA Bologna, 2 Ottobre 2014 D.ssa Nadia Gentina Modelli INTRA 2010: novità La disciplina comunitaria relativa alle dichiarazioni Intrastat è stata recentemente aggiornata dalle direttive: 2008/8/CE

Dettagli

Territorialità servizi IVA 2010

Territorialità servizi IVA 2010 Territorialità servizi IVA 2010 Ordine dottori commercialisti, Milano 6 Ottobre 2010 Le direttive europee di modifica dell IVA: dal 1/1/2010 1. Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della territorialità nei

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22%

AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Numero circolare 2/2013 Data 8/10/2013 Redattore Davide David AUMENTO ALIQUOTA IVA ORDINARIA AL 22% Abstract: Rif.to normativi: Dal 1.10.2013 l aliquota IVA ordinaria è aumentata dal 21% al 22%. La nuova

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 17/2015 Como, 3.4.2015 INFORMATIVA N. 17/2015 Spesometro e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria Modello di comunicazione polivalente relativo al 2014 INDICE 1 SPESOMETRO... pag. 2 1.1 AMBITO SOGGETTIVO...

Dettagli

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014

LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 INFORMATIVA N. 034 04 FEBBRAIO 2015 IVA LA COMUNICAZIONE DATI IVA RELATIVA AL 2014 Art. 8-bis, DPR n. 322/98 Provvedimenti Agenzia Entrate 17.1.2011 e 15.1.2015 Circolare Agenzia Entrate 25.1.2011, n.

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013

News di approfondimento. OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 News di approfondimento N. 25 16 Ottobre 13 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Lo spesometro: dati 2012 da inviare entro il 12/21 novembre 2013 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi

Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi Le novità in materia di territorialità IVA delle prestazioni di servizi A cura di Caterina Gastone Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio IVA 1 I presupposti

Dettagli

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E-COMMERCE Cosa tratteremo: Intendiamoci sui termini Imposte dirette IVA INTENDIAMOCI SUI TERMINI Il commercio elettronico è un attività commerciale che

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin

Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale. Relatore: Ing. Federico Pendin Consulenza amministrativa sulla normativa civilisticofiscale in ambito Formazione Professionale Relatore: Ing. Federico Pendin 1 Premessa L incarico affidatomi dal direttivo del consorzio scuole lavoro

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente

LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente OGGETTO: Circolare 11.2015 Seregno, 23 marzo 2015 LA COMUNICAZIONE CLIENTI-FORNITORI (SPESOMETRO) Modello polivalente L art. 21 D.L. 78/2010 ha previsto l obbligo di comunicazione delle operazioni rilevanti

Dettagli

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013

SPESOMETRO. Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908. Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 SPESOMETRO Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimento Agenzia Entrate 2.8.2013, n. 94908 Dott.ssa Silvia Ferraro Torino, 23 ottobre 2013 INDICE Inquadramento normativo Analisi del modello di comunicazione Casi

Dettagli

Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli

Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli Il Punto sull Iva Il regime Iva dei trasporti intracomunitari e internazionali di merci a cura di Giovanni Zangrilli Premessa Con la R.M. n.134/e del 20 dicembre 2010, l Agenzia delle Entrate ha, in risposta

Dettagli

Studio Colella Associato

Studio Colella Associato Dott. Luigi Dottore Commercialista Dott.ssa Alessandra Lecchi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Dottore Commercialista Dott. Gaetano Scordo Dottore Commercialista CONSULENZA TRIBUTARIA E SOCIETARIA

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72

IVA. Liquidazioni Periodiche e Versamenti. Art. 27 del D.P.R. 633/72 IVA Liquidazioni Periodiche e Versamenti Art. 27 del D.P.R. 633/72 Periodicità delle liquidazioni Mensile Trimestrale per opzione Limiti Prestazioni di servizi: 309.874,14 Altre attività: 516.456,90 L

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

CORSO APPROFONDIMENTO IVA

CORSO APPROFONDIMENTO IVA CORSO APPROFONDIMENTO IVA Relatore: Dott. Luciano Sorgato Il corso prevede un ciclo di otto incontri della durata di tre ore e mezza ciascuno dalle ore 09,30 alle ore 13,00 presso COLLEGIO ANTONIANO di

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012

Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Vicenza, 23 Gennaio 2013 Oggetto: Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2012 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 33 30.01.2014 Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione L art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Modello Iva 2014: esempi di compilazione

Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero 35/2014 Pagina 1 di 7 Modello Iva 2014: esempi di compilazione Numero : 35/2014 Gruppo : IVA Oggetto : DICHIARAZIONE IVA Norme e prassi : Istruzioni e modello Iva 2014; NOSTRA CDG N. 14/2014. Sintesi

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Definizione e classificazione erariale

Definizione e classificazione erariale Definizione e classificazione erariale Le imposte indirette colpiscono INDIRETTAMENTE la capacità contributiva del contribuente attraverso l applicazione di aliquote al momento dello scambio di un bene

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 7. Emanuela Perucci SCELTA MULTIPLA Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Risultati attesi Sapere: gli aspetti principali relativi all Iva e alla fatturazione; gli obblighi connessi alla postfatturazione. Saper fare: effettuare i calcoli

Dettagli

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi

Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NOVITÀ DEI PROVVEDIMENTI ESTIVI 2013 Spesometro e novità IVA recate dai recenti provvedimenti normativi e di prassi Dr. Stefano Maffi 9 ottobre 2013 Sala

Dettagli

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Piazza Cavour n.29, 60100 Ancona (AN) Tel.: 071-202538 071-204315 Fax: 071-57360 Posta elettronica: laura.biagioni@consulentiassociati.com LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Ancona,

Dettagli

SPESOMETRO ANNO 2013

SPESOMETRO ANNO 2013 Tipologia: FISCO Protocollo: 2005414 Data: 28.03.2014 Oggetto: spesometro anno 2013 SPESOMETRO ANNO 2013 Gentile Associato, come noto, l art. 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 ha previsto l obbligo

Dettagli

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità Stampa Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità admin in Settore immobiliare nel mirino del fisco a causa della persistente evasione iva da parte dei

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli

NOVITA IVA ARGOMENTI. M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment. Mevio Martelli NOVITA IVA Mevio Martelli ARGOMENTI M.O.S.S. Dichiarazioni d intento Estensione Reverse Charge Split Payment 1 M.O.S.S. M.O.S.S. (MINI ONE STOP SHOP) Regolamento 967/2012 Regolamento 815/2012 Provvedimento

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

Circolare 30. del 12 dicembre 2014. Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA INDICE

Circolare 30. del 12 dicembre 2014. Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA INDICE Circolare 30 Il regime fiscale degli omaggi - Imposte sui redditi, IRAP e IVA del 12 dicembre 2014 INDICE 1 Premessa...2 2 Imposte sui redditi e IRAP...2 2.1 Omaggi ai clienti...2 2.2 Omaggi ai dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA

OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA OGGETTO: DAL 17 SETTEMBRE 2011 PASSA AL 21% L ALIQUOTA IVA ORDINARIA Con la pubblicazione in G.U. del 16 settembre 2011 della legge di conversione n.148 del 14/09/11 del D.L. n.138/11 - c.d. Manovra bis

Dettagli

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II

Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto. Parte II RTB NETWORK Lineamenti dell Imposta sul Valore Aggiunto Parte II (Prof. Giuseppe D ANDREA) Obiettivi Proseguire l analisi della struttura dell Imposta sul Valore Aggiunto. Classificazione delle operazioni

Dettagli

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI

L ALIQUOTA IVA AL 21% E I CHIARIMENTI L aliquota IVA al % e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L ALIQUOTA IVA AL % E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE NOVITÀ: L art., comma -bis, D.L. n. 8/0, c.d. Manovra di Ferragosto ha aumentato

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA

A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009. Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 21/2009 Treviso, 02 Dicembre 2009 OGGETTO: RIFORMA DELL IVA A partire dall 1.1.2010, per effetto di 2 Direttive comunitarie l adempimento della presentazione degli

Dettagli

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI

IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI IMPOSTA DI BOLLO: OPERAZIONI SOGGETTE ED ESENTI In linea generale si ricorda che sono esenti dall imposta di bollo le fatture e gli altri documenti riguardanti il pagamento di corrispettivi di operazioni

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 6/2012

NOTA OPERATIVA N. 6/2012 NOTA OPERATIVA N. 6/2012 OGGETTO: il reverse charge e scritture contabili - Introduzione Il reverse charge, o inversione contabile, rappresenta una modalità particolare di assolvimento dell Iva. Ai sensi

Dettagli

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata

Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Imponibilità Iva per le immobiliari e gestione del pro rata Qualora l attività di «tax planning» delle società immobiliari di gestione dovesse preferire l applicazione dell imposta di registro, si dovrà

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI

Anno 2010 N. RC002 CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI Anno 2010 N. RC002 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO CIRCOLARE DEL CESSIONI GRATUITE DI BENI: SCONTI IN FATTURA E OMAGGI 7/07/2010 (1 PARTE) Sintesi: si riepilogano gli aspetti

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli