LA DIAGNOSTICA ATTRAVERSO LE NANOTECNOLOGIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIAGNOSTICA ATTRAVERSO LE NANOTECNOLOGIE"

Transcript

1 LA DIAGNOSTICA ATTRAVERSO LE NANOTECNOLOGIE Matteo Cocuzza Politecnico di Torino Introduzione L'invecchiamento della popolazione, le grandi aspettative per una migliore qualità della vita e lo stile di vita della moderna società richiedono un assistenza sanitaria migliore, più efficiente ed economicamente sostenibile. Il progresso nella comprensione del funzionamento del corpo umano su scala molecolare e nanometrica, così come la capacità di intervenire in una fase pre-sintomatica, acuta o cronica di una malattia costituiscono elementi della massima importanza per rispondere a queste aspettative. Malattie come il cancro, il diabete, l'alzheimer e il morbo di Parkinson, i problemi cardiovascolari, le malattie infiammatorie e infettive e la depressione costituiscono sfide estremamente impegnative da affrontare. Le nanotecnologie applicate alla ricerca in tema di salute sono in grado di offrire soluzioni in un certo senso rivoluzionarie. La diagnosi precoce, i trattamenti intelligenti (si utilizza spesso l aggettivo smart nel mondo anglosassone e nella comunità internazionale) e l'attivazione di meccanismi di auto-risanamento sono tra i principali obiettivi sulla strada dell evoluzione della salute. La nano medicina, in evoluzione, spazia da nanoparticelle per la diagnostica molecolare all imaging, fino a terapie a micro e nanosistemi medicali integrati: questi potrebbero, in futuro, eseguire complesse azioni di riparazione a livello cellulare all'interno del corpo. Nella nanodiagnostica l'obiettivo finale è quello di identificare la malattia il più precocemente possibile, idealmente a livello della sua manifestazione in una singola cella. Per raggiungere quest obiettivo, devono essere intraprese attività di ricerca e sviluppo nel campo delle nanotecnologie per migliorare l'efficacia della diagnostica in-vivo e in-vitro. Le nanotecnologie possono offrire strumenti di diagnostica con caratteristiche di migliore sensibilità, specificità ed affidabilità, oltre alla possibilità di registrare diverse misure in parallelo o di integrare diverse fasi analitiche, dalla preparazione del campione fino alla rilevazione in un unico dispositivo miniaturizzato. Tale dispositivo può, in prospettiva e grazie alle micro e nanotecnologie, contenere a bordo abbastanza intelligenza e automazione da poter essere utilizzato dal paziente stesso e fornire una moltitudine di informazioni al medico. I miglioramenti delle tecniche microscopiche e spettroscopiche verso la direzione dell altissima risoluzione spaziale, della risoluzione molecolare e dell elevatissima sensibilità consentiranno di comprendere meglio la complessa "macchina" cellulare. Il progresso risultante dovrebbe aprire la strada a strumenti di diagnostica in-vivo più innovativi e potenti. In termini generali le nanotecnologie avranno un grande impatto sulle metodologie disponibili sia per la diagnostica delle malattie che per la scoperta di nuovi farmaci. Il progresso nella diagnostica in-vivo si basa attualmente sia sull imaging molecolare che sulla dispositivistica impiantabile cosiddetta minimamente invasiva. Nell'imaging molecolare, l'obiettivo è quello di sintetizzare agenti di rilevazione altamente affidabili e sensibili, ed eventualmente anche in grado di somministrare farmaci e monitorare la terapia. Questo è il cosiddetto principio delle tre F ( find, fight and follow, cioè individuare, combattere e monitorare ) che si declina nei concetti di diagnosi precoce, terapia e controllo della terapia, noto anche come teranostica. Il tessuto di interesse è in primo luogo visualizzato con nanostrutture di contrasto target-specifiche, dopodiché, le nanostrutture stesse, combinate con un agente farmacologicamente attivo, possono essere utilizzate per la terapia. Infine, il monitoraggio nel tempo dei risultati della terapia è possibile con sistemi di visualizzazione sequenziali e in real-time. Sarà quindi possibile ottenere diagnosi più precoci e affidabili utilizzando migliori traccianti e agenti di contrasto in combinazione con sistemi di rilevamento evoluti, progresso atteso dalla combinazione di diverse tecniche d imaging esistenti. 1

2 Impatto sociale Le classi patologiche che probabilmente beneficeranno maggiormente delle nanotecnologie nei prossimi 10 anni sono il cancro, le malattie del sistema cardiovascolare, dei polmoni e del sangue, le malattie neurologiche (in particolare quelle neurodegenerative), il diabete, e le malattie infiammatorie e infettive.il cancro è una malattia complessa che coinvolge una moltitudine di processi molecolari e cellulari, ed è il risultato di un graduale accumulo di mutazioni genetiche in cellule specifiche. I marcatori altamente efficienti e precisi basati sulle nanotecnologie e i dispositivi di rilevazione quantitativa per la diagnosi precoce e per il monitoraggio della terapia avranno un grande impatto nella gestione del paziente, nel miglioramento della qualità della vita e nella riduzione dei tassi di mortalità. La principale applicazione delle nanotecnologie alle malattie del sistema cardiovascolare riguarda la diagnosi non invasiva e la terapia mirata della placca aterosclerotica. Dispositivi per il monitoraggio di eventi trombotici ed emorragici possono avere un grande impatto, ad esempio, nella diagnosi e nel trattamento di ictus ed embolie. Dispositivi multifunzionali potrebbero essere in grado di rilevare eventi, trasmettere i dati biologici in tempo reale all esterno e fornire anticoagulanti o fattori di coagulazione all occorrenza. Il cervello rappresenta uno dei sistemi più complessi nel campo della biomedicina. Con una migliore comprensione delle funzioni cerebrali, la nanotecnologia offre possibilità di migliore diagnosi e cura per le malattie neurodegenerative come la sclerosi multipla, il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson. I rischi e le sfide della nanomedicina annoverano tuttavia questioni e dubbi tuttora non completamente risolti relativamente alla tossicità e cancerogenicità, alla stabilità a lungo termine, ai percorsi naturali per l escrezione delle nanostrutture artificiali, alle sfide tecnologiche nella produzione e sintesi molecolare su larga scala e alle metodologie per certificare la garanzia di qualità e affidabilità. Le Tecniche Diagnostiche basate sulle Nanotecnologie Le applicazioni delle micro e nanobiotecnologie nella diagnostica medica possono essere raggruppate in due aree: applicazioni in-vitro (biosensori e dispositivi integrati) ed in-vivo (dispositivi impiantabili, imaging medicale). Le basi della moderna medicina sono state gettate a metà del XIX secolo a seguito del riconoscimento che è la cellula la fonte della vita e, di conseguenza, di salute e malattia. Naturale conseguenza fu che la ricerca di base per costruire una migliore comprensione della complessa attività cellulare divenne essenziale per la medicina. Il progresso tecnologico e la combinazione di diversi metodi per la caratterizzazione delle cellule invitro (come le moderne tecniche di microscopia ottica, la microscopia a scansione di sonda, la microscopia elettronica e l imaging basato sulla spettrometria di massa) saranno quindi di importanza fondamentale per la nanomedicina. La diagnosi per applicazioni mediche in-vitro è tradizionalmente un compito laborioso. Campioni di sangue o tessuti o altri fluidi corporei vengono inviati a un laboratorio per l'analisi, analisi che spesso richiede ore, giorni o settimane, a seconda della tecnica utilizzata, oltre ad un intensa e attenta attività lavorativa da parte di personale altamente qualificato. I diversi nodi critici possono comprendere il deterioramento del campione, il costo, i lunghi tempi di attesa (a volte anche per i casi urgenti), i risultati imprecisi per insufficienti quantità di campione, la difficoltà di integrazione di parametri ottenuti da una grande varietà di metodologie e la scarsa standardizzazione nella raccolta e nell instradamento dei campioni. La miniaturizzazione, la parallelizzazione e l'integrazione di diverse funzioni in un unico dispositivo, solitamente basato su tecniche derivate dall'industria microelettronica, hanno portato allo sviluppo di una nuova generazione di dispositivi che sono più piccoli, più veloci e meno costosi, non richiedono particolari competenze, sono in grado di fornire letture più accurate e possono operare su quantitativi ridotti di campione fisiologico. La capacità di lavorare su campioni più piccoli implica anche metodi meno invasivi e meno traumatici per il loro prelievo. La nanotecnologia permette inoltre un ulteriore affinamento delle tecniche diagnostiche, consentendo screening ad alto rendimento (ad es. per testare un campione per numerose malattie, o un grande numero di campioni per una stessa malattia) e l implementazione della diagnostica Point- Of-Care (POC) [1]. Con questo termine si intendono tutte le analisi cliniche eseguite al di fuori del laboratorio di analisi chimico, ovvero decentrate. Tale decentramento può essere mantenuto all interno dell ambito ospedaliero, oppure esteso al di fuori di questo ambito (si pensi ad es. all ambiente domestico e alle possibilità di autodiagnosi o automonitoraggio). In ogni caso, il POC non può prescindere da altre due caratteristiche, peculiari quanto la sua localizzazione: la riduzione del tempo totale di analisi (il cosiddetto Turn Around Time) e il miglioramento dimostrabile della salute del paziente, permettendo al clinico di prendere, in tempi brevi, decisioni critiche sulla diagnosi della malattia e la conseguente terapia da adottare, migliorando la prognosi del paziente. Questi progressi tecnologici aprono la strada verso importanti cambiamenti nel modo in cui i farmaci potranno essere prescritti in futuro, gettando le basi per l'obiettivo della medicina personalizzata, cioè su misura rispetto alle caratteristiche ed esigenze individuali. Per inciso, è interessante sottolineare come molte tecniche innovative in-vitro messe a punto per i test medici hanno trovato importanti applicazioni in settori completamente diversi, come ad esempio nel monitoraggio 2

3 ambientale e nella sicurezza (rilevazione di droghe, esplosivi o agenti per la guerra chimico-batteriologica). Negli ultimi 25 anni l imaging medicale si è evoluto passando da un ruolo marginale nel settore sanitario fino a diventare uno strumento essenziale di diagnosi. L'imaging molecolare e la terapia assistita da immagini sono attualmente strumenti fondamentali per la sorveglianza della malattia e nello sviluppo di quasi tutte le applicazioni della nanomedicina in-vivo. In origine, le tecniche di imaging non potevano che rilevare cambiamenti nell aspetto dei tessuti quando i sintomi erano in fase relativamente avanzata. Successivamente sono stati introdotti mezzi di contrasto per identificare più facilmente e mappare il sito fisiologico della patologia. Oggi, attraverso l impiego delle micro e nanotecnologie, sia gli strumenti di imaging che i marcatori e gli agenti di contrasto sono stati drasticamente raffinati verso l obiettivo di rilevare la malattia il più precocemente possibile, eventualmente a livello di una singola cella, e monitorare l'efficacia della terapia. La convergenza tra le nanotecnologie e l'imaging medico apre le porte ad una rivoluzione nel campo dell'imaging molecolare (anche detto nano-imaging) nel prossimo futuro, consentendo in prospettiva l individuazione di una singola molecola o di una singola cella in un complesso ambiente biologico. Una delle sfide è, e sarà, quella di definire partenariati di ricerca e sviluppo tra l'industria dell'imaging e quella che sviluppa mezzi di contrasto, che portano, integrando, diverse competenze al medesimo tavolo. La Diagnostica in-vitro Uno strumento diagnostico in-vitro può essere un singolo biosensore, o un dispositivo integrato che contiene diversi biosensori. Un biosensore è un sensore che contiene, solitamente alla superficie, un elemento biologico (detto biorecettore), come ad es. un enzima, un anticorpo o una molecola di DNA, in grado di riconoscere e di segnalare (attraverso alcuni cambiamenti biochimici) la presenza, l'attività o la concentrazione di una specifica molecola (analita) biologica in soluzione. Un trasduttore (un transistor, un sensore ottico, termico o gravimetrico) è solitamente accoppiato al biorecettore e viene utilizzato per convertire il segnale biochimico in un segnale quantificabile (tipicamente elettrico o ottico). Attributi chiave dei biosensori sono le loro specificità (o selettività, cioè la capacità di identificare unicamente la molecola target e non possibili interferenti) e sensibilità (ovvero la minima quantità o concentrazione di analita target). Figura 1 Schema implementativo di un biosensore con la catena biorecettore, trasduttore ed elettronica di condizionamento del segnale L impiego delle tecnologie di derivazione microelettronica (per intenderci quelle impiegate per la fabbricazione dei circuiti integrati) ha consentito la miniaturizzazione dei biosensori, il che ha portato alla messa a punto di array (matrici) di sensori altamente integrati, in grado di estrarre informazioni da piccoli campioni e di effettuare diverse misurazioni in parallelo su un singolo campione. Le principali modalità di trasduzione utilizzate nei sensori chimici possono essere classificate come: (a) termica, (b) di massa, (c) elettrochimica, e (d) ottica. Poiché ognuna di queste modalità di rilevazione è associata a caratteristiche che sono complementari tra loro, la ricerca di un "trasduttore ideale" è tuttora estremamente viva e intensa. Nel corso degli ultimi due decenni, i progressi della tecnologia micro-elettro-meccanica (MEMS [2, 3, 4]) hanno consentito lo sviluppo di sensori checoinvolgono la trasduzione di energia meccanica e si basano principalmente sui fenomeni meccanici. Lo sviluppo di microcantilever per la microscopia a forza atomica (Atomic Force Microscopy, AFM [5]) ha segnato una tappa importante nella maturazione di adeguati approcci tecnologici per la fabbricazione di sensori MEMS. 3

4 La funzionalità dei sensori MEMS si basa su movimenti meccanici su scala micrometrica e sulle deformazioni dei loro componenti micro-lavorati, come ad es. le microtravi sospese vincolate ad un singolo estremo (i microcantilever [6], la versione miniaturizzata di un trampolino), ad entrambi gli estremi (i cosiddetti "ponti" o microbridge) o i diaframmi e le membrane sospese. L'idea generale alla base della sensoristica MEMS è che gli stimoli fisici, chimici o biologici possono alterare le caratteristiche meccaniche del trasduttore miniaturizzato in modo tale che il conseguente cambiamento può essere misurato con strumenti elettronici, mezzi ottici o di altra natura. In particolare, i microcantilever, insieme ad opportuni mezzi di read-out (ad es. la cosiddetta leva ottica ) sono in grado di misurare spostamenti dell ordine di mm Nell utilizzo di micro e nanocantilever come sensori gravimetrici in modalità di risonanza, è stata raggiunta l incredibile sensibilità di massa di pochi femtogrammi (10-15 grammi), grazie alla quale sono state pesate poche particelle di virus. I microcantilever per la diagnostica in-vitro possono essere utilizzati secondo due diverse modalità. In quella statica le deflessioni del cantilever possono essere indotte da forze esterne esercitate sul cantilever stesso (come ad es. nella microscopia a forza atomica) o da uno stress intrinseco generato sulla superficie del cantilever. I sensori a cantilever operanti in modalità dinamica sono essenzialmente oscillatori meccanici le cui caratteristiche di risonanza dipendono dalla loro massa intrinseca o adesa (cantilever usati come microbilance). Ad esempio, l'assorbimento di molecole di analita su un cantilever risonante induce una riduzione, misurabile con estrema precisione, della sua frequenza di risonanza a causa di un aumento della massa sospesa del risonatore. A seconda della natura degli stimoli in ingresso, i sensori a microcantilever possono essere utilizzati come sensori fisici (ad es. per realizzare dei microaccelerometri), chimici o biologici. I cantilever destinati all utilizzo come sensori (bio)chimici vengono in genere sottoposti ad un processo di modifica delle superfici (funzionalizzazione), in modo che uno o due lati presentino alta affinità per l'analita target. Recentemente, si è affermata una significativa attenzione verso la possibilità di implementare una conversione diretta di varie interazioni biologiche recettore-analita in risposte meccaniche utilizzando trasduttori a sbalzo (cantilever). Una significativa pietra miliare per lo sviluppo di biosensori a cantilever è stata la dimostrazione della loro applicabilità alle analisi del DNA per il monitoraggio sensibile e specifico di fenomeni di ibridazione (ovvero il fenomeno di appaiamento e di congiungimento di due singole eliche di DNA 4

5 in una doppia elica) mediante array di cantilever funzionalizzati e lettura ottica delle loro deflessioni. Ad esempio i ricercatori dell Oak Ridge National Laboratory (USA) sono riusciti a rilevare il fenomeno di ibridazione con un singolo mismatch (cioè un errore di accoppiamento di una singola base tra due eliche singole, errori dovuti ad esempio ad una mutazione genetica che può indurre una specifica patologia) utilizzando un microcantilever in modalità statica posto in una cella di flusso termicamente stabilizzata. Un altro approccio promettente per il rilevamento ultrasensibile di specie biologiche in aria è stato dimostrato utilizzando cantilever estremamente miniaturizzati che operano in modalità di risonanza (modalità dinamica). I cantilever in nitruro di silicio utilizzati in questi studi sono lunghi circa 5 micrometri, hanno frequenze di risonanza nel campo dei MHz e hanno consentito la rilevazione di piccole quantità di molecole biologiche e cellule. E stato quindi dimostrato che la sensibilità di massa di un microcantilever è sufficiente a rilevare i cambiamenti di massa dovuti all adesione di una singola cellula microbica. I cantilever sono quindi oggi riconosciuti come piattaforme estremamente promettenti per la prossima generazione di sensori chimici e biologici. Si prevede che l affinamento delle tecniche di microfabbricazione e funzionalizzazione dei cantilever sia in grado di offrire una piattaforma versatile per la misura in-vitro e in tempo reale delle proprietà fisiche, chimiche e biochimiche di fluidi fisiologici. In generale, questa tecnologia MEMS offre una potenzialità senza precedenti per lo sviluppo di una produzione di massa di sensori estremamente sensibili e per l'analisi rapida di sostanze chimiche e diverse specie biologiche a costo ridotto. Rispetto ai sensori più convenzionali, i sensori a cantilever offrono una migliore risposta dinamica, dimensioni notevolmente ridotte, alta precisione, e una maggiore affidabilità. I vantaggi della sensoristica a cantilever possono poi essere ulteriormente ampliati con l'organizzazione di trasduttori individuali in un array multi-sensore integrato on-chip con la circuiteria elettronica di pilotaggio e di lettura. L'obiettivo più ambizioso rimane la rilevazione veloce, affidabile, specifica e ad un costo sostenibile (ad es. per il sistema sanitario nazionale) di alcune molecole (o idealmente anche di una singola molecola) in un campione biologico complesso, non amplificato e senza l impiego di molecole di appoggio che fungano da etichetta (label). Il miglioramento della diagnostica in-vitro nei confronti di questo insieme di finalità richiede: - strumenti micro o nano-analitici a più alta sensibilità e risoluzione spaziale e strumenti integrati in grado di combinare più informazioni; - una maggiore sensibilità dei metodi di screening, tale da permettere da un lato la riduzione del campione e dall altro una diagnosi precoce sulla base di basse concentrazioni di marcatori della malattia; 5

6 - specificità (selettività) maggiore, per consentire la rilevazione quantitativa di marcatori in campioni biologici complessi e non purificati; - maggiore affidabilità, semplicità d'uso e robustezza, per non dover richiedere necessariamente l utilizzo di personale estremamente qualificato che potrebbe, altrimenti, essere dedicato a compiti più importanti e qualificanti, come ad es. l interpretazione della moltitudine di dati e informazioni che è fondamento della disciplina della diagnosi; - analisi più veloci; - l integrazione di diverse tecnologie per fornire elementi per un analisi complementare multiparametrica, tipicamente più precisa ed attendibile di quelle che si affidano sull interpretazione di un unico fattore. Diverse fasi di complessa preparazione e di analisi possono attualmente essere incorporate in Lab-On-aChip (LOC) [7, 8, 9], dispositivi microfluidici, in grado di miscelare, e processare fluidi separati (ad es. campioni fisiologici e relativi reagenti per lo specifico esame), implementando e ottimizzando protocolli clinici di analisi e identificazione dei campioni. La microfluidica è la scienza che studia i comportamenti fluidici alla micro e nano-scala, nonché gli aspetti ingegneristici di progettazione, simulazione e fabbricazione dei dispositivi fluidici per il trasporto, la somministrazione e la movimentazione di fluidi dell ordine di microlitri o addirittura nanolitri. Le reazioni biologiche o chimiche a questa scala dimensionale sono di solito molto rapide poiché sono impiegate piccole quantità di campioni e reagenti, i fenomeni diffusivi nelle soluzioni sono più veloci e qualunque reazione indotta da cicli termici è accelerata grazie agli scambi termici più efficienti tra il contenitore e il mondo esterno (scalando le dimensioni di un qualunque dispositivo il rapporto superficie/volume aumenta, favorendo così i fenomeni che avvengono alla superficie o incrementando l importanza del controllo e della conoscenza delle proprietà delle superfici stesse). L'idea alla base dei Lab-On-a-Chip è sostanzialmente quella di ridurre i laboratori biologici o chimici ad un sistema alla microscala, in grado di essere tenuto o gestito con una mano o anche di dimensioni più piccole. I sistemi LOC possono essere realizzati in silicio, vetro o materiali polimerici e le dimensioni tipiche dei canali microfluidici vanno da poche unità a diverse centinaia di micrometri. I campioni liquidi o i reagenti possono essere trasportati attraverso i microcanali dai rispettivi serbatoi alle zone di reazione, sfruttando, ad esempio, meccanismi di movimentazione e pompaggio elettrocinetici, magnetici, o idrodinamici. Il controllo della posizione e dell avanzamento dei fluidi è assistito da micro valvole opportunamente progettate ed eventualmente integrate con modalità e caratteristiche diverse all interno del circuito microfluidico. I movimenti fluidici o le reazioni biochimiche possono essere monitorati con diversi sensori, che sono spesso utilizzati per la rilevazione biochimica dei prodotti di reazione di una determinata analisi. Diversi sono i vantaggi legati all utilizzo e allo sfruttamento della tecnologia Lab-On-a-Chip rispetto agli approcci chimici convenzionali o ai laboratori biologici tradizionali: - Utilizzo di minimi volumi di fluido, sia per il campione fisiologico che per i relativi reagenti, il che implica meno sprechi, riduzione dei costi dei reagenti e dei volumi del campione necessario per la diagnostica, tecniche meno invasive e meno dolorose per il suo prelievo. La prospettiva di riduzione dei costi è sicuramente il vantaggio più importante per la diffusione su larga scala di questa tecnologia. Molti reagenti utilizzati nelle reazioni chimiche e biologiche sono estremamente costosi, quindi la prospettiva di utilizzarne piccole quantità per un'applicazione è sicuramente molto attraente per ilmercato e per il gestore del laboratorio di analisi. - Tempi di analisi e di risposta più veloci, grazie alla diffusione su brevi distanze, al riscaldamento più 6

7 veloce, agli alti rapporti superficie/volume, alle capacità termiche ridotte. In termini pratici, le analisi possono essere condotte in pochi secondi/minuti, mentre su scala di laboratorio tradizionale possono richiedere ore o persino giorni. - Migliore controllo del processo grazie alla risposta più rapida del sistema (ad esempio il controllo termico per le reazioni chimiche esotermiche). - Compattezza dei sistemi grazie all'integrazione di diverse funzionalità, volumi molto piccoli e minori consumi di energia; il tutto si traduce a sua volta in una maggiore predisposizione alla realizzazione di sistemi portabili. - Elevata parallelizzazione grazie alla compattezza del sistema, il che consente analisi high-throughput (cioè ad alta resa, ovvero il processamento di un gran numero di campioni a parità di tempo). - Costi di fabbricazione ridotti, consentendo la produzione di chip usa e getta, fabbricati secondo un approccio di produzione di massa. - Eliminazione della necessità di personale altamente qualificato per effettuare le operazioni di analisi. - Aumento del numero di parametri monitorati (test multi-parametrici) - Nuove funzionalità e possibilità diagnostiche (grazie alla riduzione delle dimensioni e ai nuovi fenomeni disponibili a causa dello scalamento delle dimensioni). - Infine, i sistemi Lab-On-a-Chip consentono di minimizzare gli effetti (smaltimento) e i rischi (contaminazione) legati alla produzione di sottoprodotti di reazionepotenzialmente nocivi, dal momento che il loro volume sarà inevitabilmente moltoridotto. I Lab-On-a-Chip sono quindi sistemi microfluidici miniaturizzati in cui si possono implementare complesse reazioni con potenziali applicativi nei campi dell analisi del DNA, del rilevamento di agenti biochimici o per la guerra chimico-batteriologica, per la selezione e il filtraggio delle cellule, per l analisi del sangue, per lo sviluppo e lo screening di farmaci, per la chimica combinatoria e l analisi delle proteine. I dispositivi microfluidici integrati sono in grado di misurare decine di migliaia di segnali provenienti da un campione, fornendo così al medico o al chirurgo più dati complementari da un solo campione del suo paziente. Alcuni dispositivi per la diagnostica sono stati sviluppati per analizzare parti del genoma o del proteoma usando frammenti di DNA o di anticorpi come elementi sensibili e sono quindi chiamati gene-chip o protein-chip. I cosiddetti Cells-On-Chip [10] usano cellule come elementi di rilevamento (biorecettori), e vengono impiegati in molti casi per lo screening di agenti patogeni o tossicologici. 7

8 I biosensori che sfruttano cellule come recettori monitorano i cambiamenti fisiologici nelle cellule stesse esposte a campioni biologici o industriali contenenti agenti patogeni, inquinanti, biomolecole o farmaci. La lettura può essere ottica (ad esempio per fluorescenza, luminescenza o colorimetria) o elettrica (variazioni del potenziale elettrico o dell impedenza). L'attività elettrofisiologica di alcuni tipi di cellule, come i neuroni e le cellule cardiache, è fortemente chimico-dipendente e ha quindi stimolato il loro uso in biosensori integrati su chip. Le variazioni di attività elettrica possono essere monitorate da array di microelettrodi planari (i cosiddetti Micro Electrodes Array o MEA [11, 12]), che sono facilmente integrabili in dispositivi microfluidici e che implementano un gran numero di punti di misurazione per singolo dispositivo. Attraverso diverse tecniche i neuroni possono essere patternati (cioè disposti ordinatamente in punti precisi, in corrispondenza degli elettrodi dell array) sulla superficie ed il dispositivo può essere utilizzato anche per modulare l'attività delle reti neurali assemblate in-vitro. La microfluidica può non solo consentire la somministrazione di fattori farmacologici solubili, ma offre anche un utile viatico al controllo della connettività neuronale (l instaurarsi delle sinapsi, cioè dei collegamenti elettrici tra diverse cellule neuronali limitrofe). Un sistema portatile, altamente integrato, di biosensori basati su cellule è stato realizzato integrando un interfaccia digitale basata su un chip CMOS (Complementary Metal Oxide Semiconductor, ovvero la tecnologia per la fabbricazione dei circuiti integrati) con elettrodi di registrazione, con un sistema di controllo della temperatura (elettrodi di riscaldamento per sostenere i requisiti ambientali necessari per le cellule) e con una microfluidica che definisce la camera di coltura. In questo specifico settore permane comunque tuttora la complessità della sfida dell uso di cellule viventi come sensori, poiché diverse variabili ambientali, la densità delle cellule e la loro interazione possono influenzare significativamente le proprietà del sensore. Lo sviluppo e la commercializzazione di dispositivi Lab-On-a-Chip a basso costo e facili da usare per il Point-OfCare domestico (prevenzione e controllo delle malattie presso la propria dimora) sta spingendo la ricerca nella direzione dell implementazione di: - tecniche di preparazione del campione semplici da usare, consentendo il rilevamento di piccole quantità di marcatori di malattia in una goccia di sangue abbastanza ridotta, ma anche piccole quantità diluite in un volume di campione relativamente grande, ad esempio, 5-10 cellule tumorali in 100 ml di urina; - tecniche di rilevazione ultra-sensibili e senza l impiego di molecole marcanti, puntando quindi ad un rilevamento più diretto e veloce, utilizzando, ad esempio, cantilever o polimeri conduttori; - dispositivi complessi integrati, basati su micro e nano-fluidica avanzate, utilizzando ad esempio le pareti dei canali funzionalizzate (cioè modificate chimicamente) come elementi attivi per il rilevamento; 8

9 - sensori biomimetici con l impiego di molecole come sensori. Il Nano-Imaging in-vivo Le primissime manifestazioni di una malattia nel corpo sono indicate da cambiamenti nelle cellule (difetti di adesione cellulare, errori di mitosi, errori di comunicazione intercellulare, anomali cambiamenti citoplasmatici). Grandi benefici sono quindi prevedibili dalla capacità di visualizzare e identificare questi cambiamenti di stato. La nano-diagnostica in-vivo si riferisce in generale alle tecniche di imaging (nano-imaging), ma comprende anche i dispositivi impiantabili. Le tecniche di imaging comprendono: l imaging ottico e spettroscopico avanzato, l imaging nucleare con traccianti radioattivi, la risonanza magnetica, l imaging a raggi X o a ultrasuoni, e tutte dipendono dall identificazione di traccianti o agenti di contrasto che sono stati introdotti nel corpo per segnare il sito della malattia [17, 18]. Tecniche di imaging diverse hanno bisogno di dispositivi di segnalazione diversi. Ad esempio, i quantum dots possono fornire informazioni emettendo segnali fluorescenti a contatto con cellule malate. Non è difficile, almeno a livello di immaginazione, compiere il salto da un dispositivo reporter (che si limita quindi a fornire solo un informazione) a un dispositivo che non solo indica il luogo della malattia, ma offre anche una cura e la possibilità di implementare un protocollo terapeutico. La tracciatura delle cellule tumorali con nanoparticelle funzionalizzate, e in grado di reagire a stimoli esterni, consente una sorta di 'chirurgia' in-situ e localizzata (rottura o riscaldamento delle particelle con il laser, campi magnetici, microonde, ecc) senza invasività nel resto del corpo. 9

10 Di estremo interesse, a tal proposito, sono le nanoparticelle con particolari proprietà magnetiche per l individuazione ed il trattamento del cancro. Iniettate nel corpo del paziente e guidate selettivamente verso le cellule tumorali, queste nanoparticelle consentono di applicare calore alle cellule quando esposte a campi elettromagnetici ad alta frequenza. A seconda delle indicazioni cliniche per le diverse entità del tumore, è possibile implementare una terapia basata sull ipertermia (fino a 46 C), eventualmente anche utilizzata per migliorare a livello locale la radioterapia o la chemioterapia convenzionali, o sulla termoablazione (temperature fino a 70 C) per la distruzione diretta delle cellule tumorali. Grazie alle proprietà specifiche delle nanoparticelle, l'assorbimento di potenza elettromagnetica, e quindi la produzione di calore, è altamente riproducibile. L'assorbimento differenziale delle nanoparticelle nelle cellule tumorali, ma non nelle cellule normali, consente un riscaldamento selettivo del tessuto tumorale a livello cellulare. Questa tecnologia rivoluzionaria mira a stabilire una forma completamente nuova di trattamento del cancro nel prossimo futuro, con particelle magnetiche per il trattamento di tumori con effetti collaterali decisamente minimi, migliorando così la qualità della vita dei pazienti. La tecnologia e le sue apparecchiature relative sono attualmente nelle fasi finali dei trial clinici se non già disponibili seppur con limitazioni geografiche. La Magforce AG [19] (Germania) è leader nel settore delle nanotecnologie per il trattamento del cancro, ed è stata la prima azienda al mondo a ricevere l'approvazione europea per un prodotto medico che utilizza nanoparticelle a tale scopo. La nuova terapia è a disposizione dei pazienti presso il centro NanoTherm in Germania alla Charité Università di Medicina di Berlino, Dipartimento di Radioterapia Oncologica e Radioterapia. L apertura di centri di terapia aggiuntivi è prevista nel resto della Germania entro il L imaging molecolare mirato è importante per una vasta gamma di scopi diagnostici, quali l'identificazione di un sito di infiammazione, la visualizzazione di strutture vascolari o di stati di alterazione specifica e l'esame anatomico. E altresì importante anche per la ricerca sul rilascio controllato di farmaci, per valutare la distribuzione di un farmaco, e per la diagnosi precoce di accumuli di farmaco inattesi e potenzialmente pericolosi. La capacità di tracciare la distribuzione di un farmaco porta alla possibilità di attivarlo solo dove serve, riducendo così il potenziale di tossicità e gli effetti collaterali. 10

11 Attualmente è utilizzata una vasta gamma di particelle o di molecole per l'imaging medicale. Alcuni recenti sviluppi si sono del resto concentrati sull'utilizzo di nanoparticelle come traccianti o mezzi di contrasto. Nanocristalli fluorescenti quali i cosiddetti quantum dots [20] (letteralmente punti quantici ) sono nanoparticelle che, a seconda del loro rivestimento e delle loro proprietà fisiche e chimiche, possono avere come bersaglio un tessuto specifico o una cellula ed essere concepiti e sintetizzati per emettere un segnale luminoso di fluorescenza a scopi di imaging. Offrono un emissione fluorescente più intensa, più duratura e una maggiore possibilità di multiplexing (segnalazione di eventi diversi con segnali luminosi diversi) rispetto ai materiali convenzionali. Ci si attende che i quantum dots possano essere particolarmente utili per l'imaging nei tessuti viventi, in cui i segnali possono essere oscurati da scattering (riflessioni e distorsioni ottiche lungo direzioni casuali). Approfonditi studi tossicologici sono in fase di esecuzione per studiare con precisione il loro impatto sull'uomo, sugli animali e sull'ambiente. I più recenti sviluppi si stanno concentrando sulla possibilità di adottare un rivestimento per le nanoparticelle, per migliorarne l'efficienza di targeting e di biocompatibilità. I principali vantaggi del nano-imaging per la diagnostica in-vivo sono la diagnosi precoce della malattia e il monitoraggio delle fasi evolutive della malattia stessa (ad esempio nelle metastasi del cancro). Ulteriori sforzi di ricerca sono tuttavia necessari per migliorare l'efficienza e l'affidabilità dei sistemi di rilevamento. Un obiettivo fondamentale per i prossimi anni è quello di sviluppare macchine di rilevamento clinico più efficienti ed economiche, in grado di acquisire immagini dell'intero corpo in un solo passaggio e magari intercettando segnali radioattivi multi-isotopo. Il vantaggio principale consisterebbe in un drastico aumento nella velocità di imaging del corpointero, particolarmente importante per lo screening dei tumori. Nel campo del Nano-Imaging ulteriori approfondimenti sono ancora necessari per: - migliorare i metodi di analisi delle immagini e la loro visualizzazione, come ad esempio la ricostruzione ottica 3-D, la tomografia intracellulare in tempo reale, l imaging stereoscopico, le modalità di visualizzazione in realtà virtuale e aumentata, l'olografia, l imaging ottico invivo con cateteri e strumenti endoscopici evoluti, rispetto ai quali si farà cenno in seguito; - progettare e sintetizzare nanoparticelle in grado di puntare più efficacemente alle cellule malate, comprese quelle situate dietro barriere fisiologiche, come ad es. i tessuti epiteliali; - creare nanoparticelle cosiddette all purpose, in grado cioè di essere visualizzate da più strumenti di imaging (ad esempio ottico, acustico, magnetico, ecc.); - migliorare la biocompatibilità dei mezzi di marcatura, per minimizzare qualsiasi potenziale tossicità, reazione allergica o infiammatoria, tenendo conto la assoluta necessità di un eliminazione naturale per prevenire possibili effetti di lunga durata; - migliorare le tecniche per l'incapsulamento dei mezzi di contrasto per semplificare la loro somministrazione al sito di destinazione evitando un degrado progressivo nelle fasi di transizione o di traslocazione. 11

12 Un ulteriore approccio potenzialmente promettente è rappresentato dalla combinazione di diverse modalità di imaging (imaging multi-modale), ad esempio la tomografia ad emissione di positroni (o PET, dall'inglese Positron Emission Tomography [21]) con la risonanza magnetica, la risonanza magnetica con ultrasuoni o con la mappatura del cervello basata su elettroencefalogramma, l'ecografia con tecnologie ottiche. La fusione di risonanza magnetica e imaging ottico rimane tuttora una sfida. In linea di principio, ciò richiederà l'uso di nanoparticelle fluorescenti come emettitori di segnale, ma dotate anche di proprietà paramagnetiche. 12

13 Dispositivi impiantabili per la diagnostica in vivo La nanotecnologia ha anche molteplici implicazioni per i dispositivi di diagnostica in-ivo come ad esempio la pillola intelligente (si usa il termine smart pill ) ingoiabile e i nuovi strumenti di imaging endoscopici. I recenti progressi nell elettronica, nella fabbricazione dei microsistemi e nelle comunicazioni wireless, insieme a un approfondimento delle conoscenze nel campo della fisiologia, hanno aperto nuove frontiere nel settore dell esplorazione del corpo umano a scopi diagnostici. Microsistemi elettronici in grado di essere ingeriti per l esplorazione del canale gastrointestinale e in grado di trasmettere i dati acquisiti ad una base ricevente esterna sono attualmente disponibili sul mercato, sia per impiego umano che veterinario. Tali strumenti rappresentano una vera rivoluzione dal momento che attraverso le tecniche invasive standard di analisi una gran parte del tratto intestinale rimane tuttora inaccessibile. Nel caso degli esseri umani, ad esempio, gli unici strumenti disponibili sono la gastroscopia e la colonoscopia, rispettivamente per il monitoraggio dello stomaco e delcolon, ma non esiste soluzione per l intestino tenue. Questi microsistemi sono delle vere e proprie capsule ingoiabili, in grado di assolvere funzioni di monitoraggio di parametri o attuazioni di vario genere e sono in genere costituiti da diversi elementi: (i) i sensori o gli attuatori, (ii) il modulo elettronico di condizionamento del segnale, (iii) il processore per la digitalizzazione dei segnali e per la gestione dell intero sistema, (iv) il modulo di comunicazione (attraverso segnali a radiofrequenza, campi magnetici o ultrasuoni), (v) l alimentazione (basata sia su batterie che su accoppiamenti induttivi) e, infine, (vi) un adeguato mezzo di incapsulamento biocompatibile. La miniaturizzazione, la robustezza rispetto al rumore ambientale, la riduzione dei consumi, il miglioramento delle comunicazioni e degli incapsulamenti resistenti e biocompatibili sono attualmente gli aspetti più critici da affrontare e migliorare. L idea delle capsule ingoiabili apparve per la prima volta nel 1957 in un articolo sulle trasmissioni a radiofrequenza della temperatura e della pressione dall interno del corpo umano, mentre nel 1972 la Matsushita sviluppò ulteriormente e brevettò l idea originale per la realizzazione di capsule per la misura del ph, della temperatura e della pressione. Cionondimeno, la rivoluzione dei 13

14 semiconduttori e dei MEMS ha enormemente accelerato lo sviluppo delle capsule e oggi, anche se molti dei dispositivi precedentemente brevettati non sono mai usciti dai laboratori, alcuni dispositivi molto interessanti, seppur limitati, sono disponibili sul mercato. Tali capsule commerciali forniscono la misura del ph, della temperatura, della pressione, la possibilità di catturare immagini, mentre solo una è in grado di somministrare farmaci. Per ciò che riguarda la temperatura, uno dei primi successi commerciali fu la Ingestible Thermometer Pill [22] sviluppata alla fine degli anni 80 dalla John Hopkins University in collaborazione con la NASA per il monitoraggio degli astronauti che operavano nell ambiente ostile spaziale. Da allora, altri sistemi simili per la misura della temperatura, come ad esempio il VitalSense [23], sono apparsi. L endoscopia a capsula emerse tra gli anni 80 e 90 con l obiettivo di fornire un alternativa e un miglioramento rispetto all endoscopia standard. Gli endoscopi a capsula accoppiano dispositivi ottici con sorgenti luminose per la cattura di immagini del tratto gastrointestinale. I principali fornitori sono la Olympus Optical (EndoCapsule [24, 25] che ha ottenuto la European Conformity nel 2005), la Given Imaging [26] (PillCam con piena approvazione della FDA (Food and Drug Administration) statunitense) e la RF System Lab (Norika3) [27]. La Pharmaceutical Profiles ha brevettato la capsula Enterion [28] che è in grado di immagazzinare e somministrare fino ad 1 ml di farmaco in forma liquida o in polvere, attraverso l attuazione elettromagnetica di un pistone all interno della capsula. La SmartPill Co. [29] è la sola compagnia che è riuscita ad integrare diversi sensori (ph, temperatura e pressione) in un unico dispositivo commerciale. Ha ricevuto l approvazione FDA nel 2006 ed è uno degli elementi di un sistema completo che include anche un ricevitore wireless delle dimensioni di un cellulare, una stazione ricevente e un software apposito. Al di là di questo successo commerciale, la ricerca sta diventando sempre più ambiziosa, cercando ad es. di migliorare il controllo della movimentazione, la localizzazione e il controllo dell orientazione, oltre a cercare di integrare utensili per fornire possibilità terapeutiche in situ e, su tutti, cercare di integrare più sensori diversi sulla medesima piattaforma. Ad es. il progetto IDEAS (Integrated Diagnostics for Environmental and Analytical Systems) sta attualmente impiegando la tecnologia system-on-chip per integrare tutte le funzionalità dell elettronica e dei sensori su un singolo chip [30]. Il prototipo sviluppato ha a bordo una serie di sensori standard (temperatura, conducibilità e ph), insieme ad un sensore chimico per la misura dell ossigeno disciolto nell intestino. Ciononostante, il compromesso richiesto tra la miniaturizzazione e l integrazione di più sensori in grado di misurare parametri sia chimici che fisici rappresenta tuttora una sfida aperta. VECTOR (Versatile Endoscopic Capsule for Gastrointestinal Tumor Recognition and Therapy) [31] è un progetto sostenuto e finanziato dall'unione Europea nell'ambito del 6 programma quadro. Il consorzio comprende 19 partner industriali e organizzazioni di ricerca. L'obiettivo del progetto 14

15 VECTOR è quello di sviluppare capsule endoscopiche intelligenti con contenuti di innovazione micro e nanotecnologici. Il progetto VECTOR si propone di indagare e sviluppare una pillola robotica miniaturizzata per la diagnostica avanzata e la terapia del cancro nel tratto digestivo umano. La missione del progetto è quello di dare un contributo significativo per la diagnosi e il trattamento dei tumori dell'apparato digerente e dei loro precursori e per rafforzare la competitività dell'industria europea biomedica mediante tecnologie innovative. La capsula, chiamata "scarabeo robotico" (robotic bee), conterrà un sistema di endoscopia che impiega trasduttori ad ultrasuoni e sensori meccanici e bioanalitici. Mediante bracci robotici sarà possibile ottenere campioni di tessuto e somministrare trattamenti terapeutici mediante il rilascio di farmaci mirati e la distruzione termica del tessuto malato. Il progetto sta anche studiando un sistema di locomozione che utilizza zampe retrattili per controllare i movimenti della capsula, mentre un medico manovrerà la capsula stessa mediante un sistema di navigazione video. Importanti evoluzioni si registrano anche nel settore di nicchia della diagnostica oftalmica. ST Microelectronics sta collaborando con Sensimed AG (Losanna, Svizzera) per lo sviluppo e la commercializzazione di una lente a contatto intelligente in silicone realizzata con tecnologia MEMS [32]. E dotata di un sensore di pressione integrato e un antenna che trasmette in modalità wireless la pressione intraoculare all'interno dell'occhio, che può essere un sintomo del glaucoma. Il Sensimed Triggerfish (questo è il nome commerciale del sistema sviluppato) è un prodotto all'avanguardia per il monitoraggio continuativo della pressione intraoculare. La soluzione è basata su una lente a contatto "intelligente" che utilizza un piccolo sensore di pressione piezoresistivo integrato (una sorta di estensimetro) per monitorare la curvatura dell'occhio per un periodo di, tipicamente, 24 ore, fornendo preziose informazioni per la diagnosi e la gestione della malattia altrimenti non ottenibili con attrezzature oftalmiche convenzionali. L ingegnosa soluzione è un sistema in due parti che comprende la lente a contatto intelligente e un piccolo ricevitore indossato intorno al collo del paziente. Oltre all estensimetro la lente contiene un'antenna, un piccolo circuito elettronico di elaborazione dedicato e un trasmettitore RF per comunicare le misure al ricevitore. L elettronica e l estensimetro sulla lente sono alimentati tramite le onde radio inviate dal ricevitore e non sussiste quindi la necessità di impiego di una batteria. I componenti integrati sono posizionati sulla lente in modo da non interferire con la visione del paziente. La lente viene applicata dall oftalmologo e quando il paziente ritorna il giorno successivo (dopo 24 ore di normale attività, compreso il riposo notturno) viene rimossa la lente e il ricevitore. La lente a contatto intelligente ha ottenuto il marchio CE nel terzo trimestre del 2010 ed è quindi iniziata la sua 15

16 commercializzazione sul territorio europeo, mentre per il mercato statunitense le pratiche normative verranno espletate entro il Conclusioni La sostenibilità dei sistemi sanitari raccomanda di privilegiare la prevenzione, piuttosto che il trattamento acuto delle patologie. L evoluzione verso la medicina preventiva richiede tecniche di diagnostica molto più efficienti di quelle tradizionalmente in uso e la nanotecnologia rappresenta un insieme di possibilità per contribuire a rivisitare in questa chiave la diagnostica medica. Entro il prossimo decennio saranno disponibili nuovi mezzi basati sulle nanotecnologie, in grado di compiere migliaia di rilievi molto rapidamente e a buon mercato. La tendenza futura nella diagnostica spingerà l ulteriore miniaturizzazione della tecnologia dei biochip. La più comune applicazione clinica diagnostica sarà l'analisi delle proteine del sangue. Il sangue nella circolazione sistemica riflette lo stato di salute o di malattia di più organi. Il monitoraggio di molecole circolanti nel sangue è di grande interesse per alcune malattie croniche come il diabete o l'aids. Pertanto, il rilevamento dell impronta digitale molecolare del sangue fornirà una valutazione importante dello stato di salute e malattia. Le informazioni estratte da un gran numero di dispositivi in grado di scorerre passivamente nel sangue permetteranno analisi chimiche più approfondite in un volume di tessuto macroscopico e non preparato in laboratorio. La tendenza sarà quella di costruire i dispositivi diagnostici con tecniche dal basso verso l'alto (processo bottom-up), vale a dire assemblandoli cominciando dai mattoni più piccoli (atomi, molecole o macromolecole). La miniaturizzazione (per assicurare minore invasività), combinata con la funzionalizzazione della superficie e la 'biologicalizzazione' degli strumenti diagnostici, contribuirà ad aumentare la loro capacità di accettazione all interno del corpo. Attraverso la miniaturizzazione, e l ampliamento dell utilizzo delle tecnologie di produzione di massa sarà possibile fabbricare biosensori portatili, poco costosi, e molto sensibili, in grado di poter essere impiegati anche in Paesi poveri di risorse per la diagnosi di malattie come l'hiv/aids. La capacità di autoalimentarsi, di compiere autodiagnosi e di trasmettere dati verso centri di raccolta anche remoti, sono altri aspetti fondamentali per lo sviluppo e la diffusione di questi dispositivi. Nel prossimo futuro, l'uso di strumenti nanodiagnostici potrebbe ridurre i tempi di attesa per i risultati dei test. I pazienti potrebbero godere di diagnosi e prescrizioni rapide, diminuendo così il loro stato di ansia e favorendo l accettazione di questa innovazione tecnologica presso il grande pubblico. Nel prossimo decennio le nano biotecnologie svolgeranno un ruolo importante non solo nella diagnosi ma anche nel collegare la diagnosi al trattamento e allo sviluppo della medicina personalizzata. Un'altra fondamentale area di applicazione sarà quella della diagnostica del cancro. La diagnosi molecolare del cancro, comprensiva della profilatura genetica, sarà probabilmente disponibile entro l'anno In un futuro più lontano la Nanorobotica potrà essere applicata per la diagnosi precoce e il trattamento del cancro. Nanodispositivi per questo scopo sono ormai in fase di studio di fattibilità. Un nanodispositivo per la diagnosi e la terapia combinata potrà essere impiantato come misura profilattica in soggetti che non mostrano alcuna manifestazione evidente di cancro, e la sorveglianza del cancro potrebbe essere condotta con un monitoraggio esterno remoto. Tali mezzi di [20] controllo potranno circolare liberamente ed essere in grado di rilevare il cancro nelle prime fasi, quindi fornire adeguati interventi terapeutici. Questi dispositivi di monitoraggio dovranno essere biodegradabili e questo approccio massimizzerà la filosofia della prevenzione e della gestione personalizzata dei tumori. Cionondimeno, anche se la nanodiagnostica in-vitro ha già registrato molti successi, quella della diagnostica in-vivo sarà ancora una lunga strada da percorrere a causa dei dubbi ancora persistenti sulla eventuale tossicità sistemica. Bibliografia e link utili Si suggerisce la lettura del testo divulgativo Nano Tecnologie - La rivoluzione in Medicina di Carmine D Antonio e Pietro Di Gennaro, Zima Technology, 2006, disponibile e scaricabile liberamente al seguente sito: [1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] 16

17 [10] [11] [12] [13] [14]http://www.st.com/internet/com/SALES_AND_MARKETING_RESOURCES/MARKETING_COMMUNICATION/M ARKETING_BROCHURE/brcheckin0609.pdf [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25]http://www.olympusamerica.com/msg_section/download_brochures/EndoCapsule_Brochure.pdf [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32] 17

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli