LA CASA DI FRANCESCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CASA DI FRANCESCO"

Transcript

1 Allegato IL PROGETTO LA CASA DI FRANCESCO > dove mangiare dormire - lavarsi < Parrocchia : SAN FRANCESCO DI PAOLA Cavalcavia Longobardi, Scafati (SA) telefono e mail: Responsabile Gruppo Antonello CIRILLO, , Nome Gruppo ASSOCIAZIONE EMMAUS Pagina 1 Eventuali altri recapiti per contatto: Page 1 of 23

2 INDICE Il Progetto in sintesi... 3 I destinatari... 3 Obiettivi e vantaggi... 3 Luogo... 4 Il Progetto Tecnico... 5 IL PROGETTO NEL DETTAGLIO... 6 L ORGANIZZAZIONE... 7 Il gruppo... 7 Organizzazione del gruppo... 8 Collaborazioni esterne... 9 Eventuale società... 9 PIANIFICAZIONE DETTAGLIATA Comunicazione Incontri con le comunità parrocchiali cittadine per la presentazione del progetto Creazione di una brouchure Pagina 2 Attività Aperitivi dal Don Spettacoli Teatrali Attività cittadine in collaborazione con altre associazioni Interviste con alcuni quotidiani locali Sito Web ( in costruzione) Budget previsto per l attività di comunicazione ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI Fabbisogno Previsioni e sostenibilità futura Business Plain SI RINGRAZIA Page 2 of 23

3 Il Progetto in sintesi Realizzare una struttura di prima accoglienza dove chiunque abbia bisogno possa lavarsi, vestirsi, riposarsi, nutrirsi, essere accolto e ascoltato. I destinatari I destinatari sono tutte le persone, italiane e straniere che, per i più svariati motivi, vivono ai margini della società, ma anche coloro che, pur avendo una casa, non riescono a provvedere ai propri bisogni quotidiani. Obiettivi e vantaggi Il progetto LA CASA DI FRANCESCO >dove mangiare dormire - lavarsi< ha i seguenti obiettivi 1. Risvegliare nella comunità parrocchiale e nella cittadinanza scafatese una più viva partecipazione al problema dell accoglienza e del Servizio verso i più deboli e gli ultimi creando nelle coscienze quella Santa inquietudine di cui parla Giovanni Paolo II la quale non ci consente di dormire mentre un fratello è in difficoltà; Pagina 3 2. Realizzare e gestire un luogo di prima accoglienza per soddisfare le necessità più urgenti, dove trovare un rifugio occasionale per la notte, lavarsi e riposare, ottenere un cambio d abito, parlare dei propri problemi e trovare aiuto per districarsi negli obblighi burocratici e di legge; 3. Dare la possibilità di usufruire di spazi comuni per interagire con altre persone con le quali confrontarsi e sentirsi considerati. 4. Operare per conoscere i bisogni delle persone accolte istituendo un centro di ascolto dove ognuno di esse possa confidare i propri disagi e trovare conforto e sollievo Relativamente ai vantaggi pensiamo che il progetto LA CASA DI FRANCESCO >dove mangiare dormire - lavarsi< possa offrire: una concreta restituzione di dignità che ogni uomo merita e non un semplice gesto di carità. Page 3 of 23

4 opportunità future di lavoro per almeno due persone Luogo LA CASA DI FRANCESCO >dove mangiare dormire - lavarsi< sarà realizzata nei locali già esistenti presso la Chiesa San Francesco di Paola di Scafati (da ristrutturare). Pagina 4 Page 4 of 23

5 Il Progetto Tecnico Pagina 5 Page 5 of 23

6 IL PROGETTO NEL DETTAGLIO LA CASA DI FRANCESCO >dove mangiare dormire - lavarsi< sarà un centro di prima accoglienza composto da: AREA SERVIZI IGIENICI con n 4 cabine servizi igienici completi di doccia, water, bidet e lavandini; AREA SPOGLIATOIO / GUARDAROBA fornita di accappatoi, pantofole monouso, bagnoschiuma, shampoo, spazzolini monouso e dentifricio, schiuma e lamette da barba, carta igienica e quant altro necessario all igiene personale; AREA CUCINA MENSA fornita di cucina industriale e relative attrezzature; AREA MEDICA con N 2 salette per visite mediche e servizi psicologici; AREA DORMITORIO con N 2 Stanze per complessivi 6 posti letti ; AREA COMUNE con Sala TV e attrezzature per vivere in comunità. I SERVIZI erogati saranno: 1. Servizio docce e guardaroba che verrà erogato, inizialmente, due volte alla settimana, di pomeriggio, alternando uomini e donne; 2. Il servizio consulenza legale verrà erogato una volta alla settimana; 3. Il servizio assistenza medica verrà erogato una volta alla settimana 4. Il centro di ascolto, con supporto psicologico, verrà erogato una volta a settimana; 5. Scuola di Italiano per superare eventuali difficoltà di comunicazione. Pagina 6 Page 6 of 23

7 L ORGANIZZAZIONE Il gruppo Il gruppo è costituito da 25 persone ed in particolare 1. Antonello CIRILLO, (PUFFO BRONTOLONE) 50 anni, sposato, laurea, funzionario commerciale. Da sempre impegnato nel volontariato con formazione SCOUT 2. Angela DI SOMMA, (L EMINEZA GRIGIA), 46 anni, sposata. laurea, impiegata impegnata fin da giovane nel volontariato, di formazione scout 3. Franco BOLINO, (l EBREO), 50 anni, sposato, ragioniere, libero professionista impeganto nel volontariato di formazione Azione Cattolica 4. Nunzia Tranontano (NUNZIMAI!!!!) 48 anni, sposata, ragioniere, impiegata, impegnata nel volontariato di formazione Azione Cattolica 5. Pasquale MORRA (A PIZZ SINGOLA) 50 anni, sposato,ragioniere, impiegato, formazione scout 6. Tania DEL GIUDICE (E FERMT NU POC!) 45 anni, diploma, impiegata, impegnata nel volontariato con il MASCI 7. Virginia LUSTRO (O CAFE!) 45 anni, diploma, impegnata impegnata da anni con il MASCI 8. Pietro CONTALDI (BEAT CHI SO SPOS!), 51 anni,, sposato, ragioniere, impiegato bancario, impegnato da anni con il MASCI 9. Nunzia LUSTRO (NUNZIASEMPRE!!!!) 48 anni, sposata, ragioniere, libera professionista, impegnata con diverse associazioni di volontariato cattolico 10. MariaRosaria VIOLANTE (L ARTICUL PO GIURNAL), 48 anni, sposata, laurea, impiegata bancaria, impegnata da anni con il MASCI 11. Pina PRECENTESE (O VULCAN), 6o anni, sposata, avvocato, libera professionista, impegnata da sempre con lo scoutismo e diverse associazioni culturali 12. Giovanni CAVALLARO (O CIABBATTIN) 55 anni, sposato, diploma, libero professionista da anni impegnato con il MASCI 13. Alberto D AURIA (UN VECCHIO E UN BAMBINO) celibe, avvocato libero professionista, Impegnato da sempre con il mondo dello scoutismo 14. Enrico URSINI (O FOTOGRAF) 49 anni, sposato, diploma, libero professonista. Fin da giovane impegnato con il mondo scout 15. Paola MANZO ( O SORRIS) 47 anni, sposata, laurea, insegnante, da anni impegnata nel volontariato con lo scoutismo Pagina 7 Page 7 of 23

8 16. Gianpiero NASTRO (Maestro GIANNI LANDY) 48 anni, sposato, diploma, libero professionista. Impegnato da sempre con il mondo scout 17. Olimpia PAGANO ( E CHIATURE) 48 anni, sposata, diploma, libera professionista. Da anni collabora con il MASCI 18. AnnaMaria ROMITA (O TNIT O FULAR?) 48 anni, sposata, diploma, casalinga, da anni collabora con il mondodel volontariato 19. Angelo CATAPANO (O DIRETTOR DEI LAVORI) 55 anni, sposato, diploma, libero professionista. Da qualche anno impegnato in attivitò di volontariato 20. Luigia URSINI ( TACCO 12) 50 anni, sposata, diploma, casalinga. Da qualche anno impenata nel mondo del volontariato 21. Carlo MARGHERITA (ETA BETA), 53 anni, sposato, diploma, libero professionista. Da anni impegnato nel volontariato 22. Maria SCARFATO (NI DIC MAI NO!) 50 anni, sposata, laurea, casalinga. Da anni impegnata nel volontariato 23. Mario MATRONE (E PIZZ!) 62 anni, sposato, diploma, pensionato Fin dalla gioventu impegnato nel mondo del volontariato. formazione scout 24. AnnaMaria VIOLANTE (ACCORT A PLASTIC), 60 anni, sposata, diploma, pensionata. Da sempre impegnata nel mondo del volontariato. Formazione Scout 25. Carlo QUALANO (BADEN POWELL) 60 anni, sposato, diploma, pensionato. Da sempre impeganto nel volontariato. Formazione Scout Pagina 8 Organizz rganizzazione azione del gruppo Antonello CIRLLO, Responsabile del gruppo Franco BOLINO, Cassiere Nunzia LUSTRO, Responsabile Organizzazione Giuseppina FRECENTESE, Incaricata alla formazione Carlo MARGHERITA, Approvvigionamenti Carlo QUALANO, Rapporti con le associazioni Maria Rosaria VIOLANTE, Stampa Tania DEL GIUDICE, Segreteria Page 8 of 23

9 Collaborazioni esterne Coloro che gestiranno il progetto sono i membri dell associazione EMMAUS aiutati da tutte le persone di buona volontà che operano all interno della Parrocchia. E prevista la collaborazione con altre associazioni di volontariato quali l A.G.E.S.C.I. Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani, La CARITAS, il M.A.S.C.I. Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani e l ORATORIO ADULTI. Eventuale società E stata creata l Associazione EMMAUS che coordinerà il progetto Pagina 9 Page 9 of 23

10 PIANIFICAZIONE DETTAGLIATA NON è previsto nessun prezzo per usufruire dei servizi. NON ci sono altri servizi simili nelle comunità parrocchiali cittadine e nei comuni limitrofi Comunicazione Il messaggio che si vuole trasmettere alla comunità cittadina è di un tenace e attivo impegno alla realizzazione del progetto affinchè sia proficuo e utile per una crescita dei valori umani e cristiani di ciascun componente Stiamo lavorando alla diffusione del progetto attraverso : I centri Caritas parrocchiali e diocesani (Scafati abbraccia più diocesi) Associazioni di volontariato presenti sul territorio Le istituzioni locali Approccio diretto da parte dei volontari. Volantini scritti in più lingue per favorire la diffusione del servizio agli stranieri; Sito web (in costruzione) Pagina 10 Inoltre stiamo diffondendo il progetto attraverso le seguenti attività: Page 10 of 23

11 Incontri con le comunità parrocchiali cittadine per la presentazione del progetto Pagina 11 Page 11 of 23

12 Pagina 12 Page 12 of 23

13 Creazione di una brouchure Pagina 13 Page 13 of 23

14 Attività Aperitivi dal Don Spettacoli Teatrali Pagina 14 Page 14 of 23

15 Attività cittadine in collaborazione con altre associazioni Pagina 15 Page 15 of 23

16 CONCORSO I FEEL CUD - 5 EDIZIONE - ANNO 2015 Pagina 16 Interviste con alcuni quotidiani locali Page 16 of 23

17 Sito Web ( in costruzione) Pagina 17 Page 17 of 23

18 Budget previsto per l attivit attività di comunicazione Il budget previsto per le spese di comunicazione è di circa nel primo anno di attività. Si prevede una spesa annua di circa per le spese di comunicazione, sito web, manifesti, organizzazione eventi, pubblicità e rimborsi spese. Pagina 18 Page 18 of 23

19 ASPETTI ECONOMICI E FINANZIARI Fabbisogno Il budget totale per la realizzazione del progetto è di circa Il progetto sarà realizzato per fasi nel quadriennio 2015/ ^ Fase Sistemazione struttura parrocchiale (opere murarie) ,00 Realizzazione bagni e docce (opere murarie con accessori) Realizzazione area guardaroba e spogliatoio (attrezzatura e mobilio) , ,00 2^ Fase Realizzazione area cucina-mensa (mobili) 5.000,00 3^ Fase Realizzazione aerea comune (sala tv, area ricreativa e foresteria) Realizzazione area medica (attrezzature mediche es.defibrillatore, lettino ambulatoriale e mobili) 4.000, ,00 Pagina 19 4^ Fase Realizzazione dormitorio (letti e mobili) ,00 Page 19 of 23

20 Previsioni e sostenibilità futura La prima spesa di investimento è l insieme della 1^ Fase descritta nel paragrafo FABBISOGNO L Associazione EMMAUS sta già operando per realizzare il progetto. Nel primo anno di attività si prevedono i seguenti ricavi : - ATTIVITA di Autofinanziamento 7.000,00 - Contributi Volontari 3.000,00 - Donazioni da private (sponsor alla realizzazione progetto) ,00 Nel primo anno di attività, oltre i costi di investimento, l associazione avrà bisogno di acquistare i seguenti materiali: Materiali necessari per attività docce (asciugamani, accappatoi, materiale da toilette, vestiario di prima necessità, ecc.) 3.000,00 Utenze (telefono, energia elettrica e gas, acqua) 2.500,00 Comunicazione: realizzazione e gestione sito, organizzazione eventi, pubblicità 4.000,00 Pagina 20 Page 20 of 23

21 Business Plain CONCORSO I FEEL CUD - 5 EDIZIONE - ANNO 2015 Pianificazione strategica e base finanziaria per la realizzazione del Progetto RENDICONTO FINANZIARIO DISPONIBILITA' LIQUIDE al 01/01 TOTALE DISPONIBILITA' LIQUIDE al 01/ , , , ,00 Entrate Titolo I - Entrate da attività istituzionali Contributi degli aderenti 850,00 850,00 850,00 850,00 Erogazioni liberali da benefattori , , , ,00 Contributo da Concorso IFEELCUD ,00 Contributi da 5 x , , ,00 Raccolta fondi a/m eventi , , , ,00 Altri contributi , , , ,00 TOTALE ENTRATE , , , ,00 Titolo I - Uscite da spese correnti Spese di gestione 750,00 750,00 750,00 750,00 Materie prime, di consumo e merci 2.000, , , ,00 Servizi 300,00 300,00 300,00 500,00 Utenze 2.500, , , ,00 Oneri diversi di gestione 200,00 200,00 200,00 200,00 Compensi professionali e occasionali , Comunicazione 1.000, , , ,00 Assicurazione volontari 500,00 500,00 500,00 500,00 Totale spese correnti , , , ,00 Totale titolo I - Uscite da spese correnti , , , ,00 Titolo II - Uscite per spese conto capitale Impianti generici e specifici , ,00 - Macchine elettroniche 1.500, , Attrezzatura varia e minuta , , Mobili e arredi , Opere Murarie , ,00 Totale titolo II - Uscite per spese conto capitale , , , ,00 Titolo IV - Altre Uscite uscite per spese e commissioni bancari 100,00 100,00 100,00 - uscite per spese organizzazione eventi 1.500, , , ,00 altre uscite 50,00 50,00 50,00 15,00 Totale titolo IV - Altre uscite 1.650, , , ,00 TOTALE USCITE (C) , , , ,00 RIEPILOGO AVANZO DELLA GESTIONE (B - C) , ,00 200, ,00 DISPONIBILITA' LIQUIDE al 31/12 (A + D) 1.203, , , ,00 TOTALE A PAREGGIO (C+E) , , , ,00 Pagina 21 Page 21 of 23

22 Negli anni a seguire l Associazone EMMAUS si sosterrà economicamente attraverso : 5 X MILLE Attività di autofinanziamento quali: Aperitivi dal DON mensili Cena annuale di beneficenza Teatro Annuale Gite Semestrali Contributi Volontari Donazioni da privati Sponsor di alcune aziende già contattate (codice etico delle aziende) Sponsorizzazioni da parte di aziende (codice Etico) FUNDRAISING NONPROFIT Progetto Riciclo Olio Vegetale Esausto Pagina 22 Page 22 of 23

23 SI RINGRAZIAA CONCORSO I FEEL CUD - 5 EDIZIONE - ANNO 2015 Pagina 23 Page 23 of 23

CONCORSO I FEEL CUD - 2 EDIZIONE - ANNO 2012 IL PROJECT PLAN

CONCORSO I FEEL CUD - 2 EDIZIONE - ANNO 2012 IL PROJECT PLAN IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO Collaboriamoci RECAPITO PER CONTATTO Andrea Calvano-3462271197 Don Giuseppe Ghirelli-3299543077 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto

Dettagli

Relazione attività esercizio 20

Relazione attività esercizio 20 Gruppi di Volontariato Vincenziano AIC Italia Gruppo di.. Regione.. Relazione attività esercizio 20 C.F. proprio.. Regionale.. 1 In verità, vi dico: tutte le volte che avete fatto ciò a uno dei più piccoli

Dettagli

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345

IL PROJECT PLAN. Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 IL PROJECT PLAN NOME GRUPPO RECAPITO PER CONTATTO: Madonna della Strada 0984/502489; 348 0127345 L IDEA E LE PERSONE Caratteristiche progetto: Descrivere brevemente il progetto e com è nata l idea. Valorizzazione

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Progetto di Credito Solidale

Progetto di Credito Solidale Progetto di Credito Solidale Fondo Fiducia e Solidarietà Prestiti a persone e famiglie in difficoltà economica temporanea e straordinaria Promosso da Caritas diocesana di Andria Ufficio diocesano per la

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA ORGANIZZAZIONE OPERA DI PADRE MARELLA Fondo straordinario di solidarietà da destinare al servizio mensa ANTONIANO DEI FRATI MINORI Fondo straordinario di solidarietà

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO "ENRICO FERMI" Via Luosi n. 23 41100 Modena Tel. 059211092 059236398 - (Fax): 059226478 E-mail: motf080005@istruzione.it Pagina web: www.fermi.mo.it C.F. 94138800365

Dettagli

Prot. n.253/circ.31 A/14 Roma, 04 giugno 2014

Prot. n.253/circ.31 A/14 Roma, 04 giugno 2014 Prot. n.253/circ.31 A/14 Roma, 04 giugno 2014 Ai Consiglieri e Ministri Regionali OFS Ai Consiglieri e Presidenti Regionali Gi.Fra Ai componenti commissioni Nazionali settore EPM Ai M.R. Padri Assistenti

Dettagli

1. Da quanto tempo è stato nominato incaricato diocesano per la promozione del sovvenire? anni (2) (3)

1. Da quanto tempo è stato nominato incaricato diocesano per la promozione del sovvenire? anni (2) (3) Gentile Incaricato, La preghiamo di compilare il questionario mettendo una crocetta sulle risposte scelte, oppure le scriva per esteso, laddove è richiesto. Se non vi sono specifiche particolari, scelga

Dettagli

N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA

N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA N..RACCOLTA DI SCRITTURE PRIVATE DEL COMUNE DI PARMA FONDAZIONE CARITAS S ILARIO COMUNE DI PARMA: CONVENZIONE PER LA SOMMINISTRAZIONE PASTI, SERVIZIO DOCCE, PRONTO CASSA E PRONTO INTERVENTO SOCIALE A FAVORE

Dettagli

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia

Proposta di accoglienza 1. Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Proposta di accoglienza 1 Accoglienza, orientamento e integrazione in favore di richiedenti la protezione internazionale appena arrivati in Italia Condizione necessaria L attuazione del presente progetto

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 19 2. TITOLO AZIONE Spazio di consulenza e sostegno alle famiglie e agli adolescenti 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto INDIA

Congregazione Suore Ministre degli Infermi. Progetto INDIA Congregazione Suore Ministre degli Infermi Progetto INDIA INTRODUZIONE GENERALE Noi siamo le Suore Ministre degli Infermi di San Camillo; la nostra è una congregazione missionaria che vive la missione

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

Riferimenti e numeri utili CARITAS

Riferimenti e numeri utili CARITAS Riferimenti e numeri utili CARITAS Sito parrocchiale di Zola Predosa SS Nicolò e Agata : www.parrocchiadizola.org Centro per le famiglie di Casalecchio di Reno 051/6133039 Associazione famigliare Le querce

Dettagli

Fondazione diocesana ComunitàServizi ONLUS BILANCIO 2007

Fondazione diocesana ComunitàServizi ONLUS BILANCIO 2007 Fondazione diocesana ComunitàServizi ONLUS BILANCIO 2007 ATTIVITA' Saldo EURO IMMOBILIZZAZIONI totale 305.063,05 IMMOBILE Via Untoria 12/11 SV subtotale 131.696,51 IMPIANTI E ATTREZZATURE subtotale 104.021,06

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

La povertà letta dalla Caritas a Livorno

La povertà letta dalla Caritas a Livorno La povertà letta dalla Caritas a Livorno I semestre 2015 Dati raccolti dalla rete di Centri di Ascolto Caritas A cura di Osservatorio Diocesano delle Povertà e delle Risorse POVERTA' ALIMENTARE Area/centro

Dettagli

MODULO DOMANDA PROGETTO VITA INDIPENDENTE. Il sottoscritto. Indirizzo di Residenza Via, n. CAP Comune Prov. tel./cell fax. e_mail

MODULO DOMANDA PROGETTO VITA INDIPENDENTE. Il sottoscritto. Indirizzo di Residenza Via, n. CAP Comune Prov. tel./cell fax. e_mail MODULO DOMANDA PROGETTO VITA INDIPENDENTE All Ufficio di Piano Ambito B04 Corso Umberto I 82032 Cerreto Sannita (BN) Oggetto: Richiesta di ammissione al programma di Vita Indipendente. Il sottoscritto

Dettagli

Bilancio 2007 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS

Bilancio 2007 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS Elenco dei Soci aggiornato all 8 febbraio 2008...2 Cariche sociali all 8 febbraio 2008...2 Consenso al trattamento dei dati personali...2 Lettera

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI-

SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- SCHEDA SINTETICA DEL SERVIZIO SOLLIEVO LISTA D ATTESA DISABILI- Nome Ente COOP. SOCIALE SOCIOSANITARIA INTEGRATA GRIMALDI Sede legale ed operativa in ROMA, PIAZZALE DELLA STAZIONE DI CASTELFUSANO n. 12

Dettagli

Esperienza estiva di volontariato Presso la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte Missione notturna di Speranza e Carità con i senza tetto

Esperienza estiva di volontariato Presso la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte Missione notturna di Speranza e Carità con i senza tetto Ordine Francescano Secolare d Italia Fraternità Regionale di Sicilia Immacolata Concezione Esperienza estiva di volontariato Presso la Missione Speranza e Carità di Biagio Conte Missione notturna di Speranza

Dettagli

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008 ALLEGATO Scheda Progetto L.R. 6/9 Annualità 008 Comune Capofila di Porto Sant Elpidio Ambito Territoriale Sociale N Ambito Sociale n 0 Popolazione 8.8 Il Progetto è stato presentato in ٱSingola Forma ٱAssociata

Dettagli

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti

Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Un manifesto di Cna per dare più forza e più voce ai nuovi professionisti Sono circa 10.000 in provincia di Bologna Sondaggio tra gli iscritti Cna: sono laureati e soddisfatti della loro autonomia Rivendicano

Dettagli

A1 Incassi della gestione Attività tipiche 77.629,00 88.224,10 Quote associative 1.180,00 620,00 Contributi su progetti 76.449,00 87.

A1 Incassi della gestione Attività tipiche 77.629,00 88.224,10 Quote associative 1.180,00 620,00 Contributi su progetti 76.449,00 87. Periodo amministrativo 31dic 2012 SEZIONE A Incassi e pagamenti 31 dic 2011 A1 Incassi della gestione Attività tipiche 77.629,00 88.224,10 Quote associative 1.180,00 620,00 Contributi su progetti 76.449,00

Dettagli

Raccolta Beneficenza. Costi. 192.233,88 a novembre; 37.497,42 a dicembre) I fondi spesi al 31 dicembre sono stati in totale 334.033,00.

Raccolta Beneficenza. Costi. 192.233,88 a novembre; 37.497,42 a dicembre) I fondi spesi al 31 dicembre sono stati in totale 334.033,00. #fuoridalfango Report 15 ottobre 2015-31 dicembre 2015 Con il presente report la Caritas Diocesana di Benevento intende rendicontare alla società civile, all opinione pubblica ed alla comunità dei fedeli

Dettagli

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada

Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Informazioni sulle modalità di collaborazione al Progetto Avvocato di Strada Uno degli obiettivi istituzionali del Progetto Avvocato di Strada è quello di esportare il proprio modello nelle città dove

Dettagli

RENDICONTAZIONE PROGETTO DI ACCOGLIENZA DI PROFUGHI RICHIEDENTI ASILO POLITICO / PROTEZIONE INTERNAZIONALE

RENDICONTAZIONE PROGETTO DI ACCOGLIENZA DI PROFUGHI RICHIEDENTI ASILO POLITICO / PROTEZIONE INTERNAZIONALE RENDICONTAZIONE DEL PROGETTO DI ACCOGLIENZA DI PROFUGHI RICHIEDENTI ASILO POLITICO / PROTEZIONE INTERNAZIONALE 1 31 Maggio 2014 1. LE STRUTTURE DI ACCOGLIENZA Per l accoglienza di un totale di n. 25 ospiti,

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013 RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013 A. Introduzione e presentazione dei risultati generali B. Analisi delle entrate: ricavi e proventi C. Analisi delle entrate: raccolte fondi e donazioni D.

Dettagli

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti

Centri di ascolto luogo privilegiato in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito Funzioni e compiti Il Centro di ascolto della Caritas diocesana è il luogo privilegiato (perché consegnato dalla tradizione e confermato dall esperienza) in cui si intessono relazioni con i poveri, maestri e pulpito del

Dettagli

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana

RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016. Ufficio Immigrazione Caritas Italiana RIFUGIATO A CASA MIA 2015/2016 Ufficio Immigrazione Caritas Italiana Promotore Caritas Italiana Soggetti coinvolti Caritas italiana promuove il progetto nazionale coordinando il monitoraggio delle attività

Dettagli

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari

- POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari - POP 94/ 99- REGIONE SICILIA Questionari INDICE QUESTIONARIO PER I CITTADINI... pag. 2 QUESTIONARIO PER GLI IMPRENDITORI... pag. 3 QUESTIONARIO PER GLI OPINION LEADER... pag. 4 QUESTIONARIO PER I PUBBLICI

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO

VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO SEMINARIO PROGETTAZIONE SOCIO - PASTORALE 16-17 giugno 2011 c/o Domus Pacis Torre Rossa Park Hotel VALORIZZAZIONE DEL VOLONTARIATO 1. Presentazione della diocesi 2. Quali progetti e perché?? 3. Quale il

Dettagli

con il patrocinio di

con il patrocinio di con il patrocinio di { CORSI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO - 2 QUADRIMESTRE 2011 } Il Cesvov - Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese propone, per il secondo quadrimestre del

Dettagli

Progetto presentato all Azienda Sanitaria Locale di Varese ...

Progetto presentato all Azienda Sanitaria Locale di Varese ... SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI ai sensi della l.r. n. 23/99 Politiche regionali per la famiglia art. 4, comma 4 BIS interventi finalizzati a contrastare il fenomeno della violenza, anche

Dettagli

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I

F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I F E D E R A Z I O N E A U T O N O M A B A N C A R I I T A L I A N I Cen t r o A s s is t e n z a F i s c a le Se d e d i S ie n a Pi a z z a T o l o m e i, 5-5 3 1 0 0 SI E N A - T e l. 0 5 7 7 / 2 8 8

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI

BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO 2014 RICAVI BILANCIO DI PREVISIONE AUTORIZZATORIO ANNO RICAVI CA.R.A.01.01 Proventi per la didattica 25.328.240,00 CA.R.A.01.01.01.01 Tasse e contributi Corsi di laurea di I e II livello 22.900.000,00 CA.R.A.01.01.02.01

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA)

COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) COMUNE DI GERENZAGO (PROVINCIA DI PAVIA) CONVENZIONE per la gestione della scuola materna L'anno duemilasette addì. del mese nell'ufficio del Comune di Gerenzago (PV) TRA Il Comune di Gerenzago, rappresentato

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

RENDICONTO ECONOMICO

RENDICONTO ECONOMICO DIOCESI DI PITIGLIANO-SOVANA-ORBETELLO RENDICONTO ECONOMICO ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2016 Vicaria: Parrocchia Comune di Località Codice Fiscale: Consegnato all Economo diocesano in data Il Parroco Per

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

Questionario. Sulla vita della nostra Comunità parrocchiale. + Fare il possibile per esprimere la propria opinione, nello spazio Per spiegarmi meglio.

Questionario. Sulla vita della nostra Comunità parrocchiale. + Fare il possibile per esprimere la propria opinione, nello spazio Per spiegarmi meglio. Questionario 1 Sulla vita della nostra Comunità parrocchiale + La crocetta si può fare anche su più risposte. + Fare il possibile per esprimere la propria opinione, nello spazio Per spiegarmi meglio. +

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO

È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO È TEMPO DI CREARE UN CAPOLAVORO TIMERAISER. COS È? Un asta su opere d arte con un inversione di ruoli: le offerte non sono fatte in denaro ma in ore di tempo da dedicare a un organizzazione non profit.

Dettagli

Scuola dell InfanzIa paritaria angelo pedretti Via Capersegno 17 Presezzo. P.O.F. Piano Offerta Formativa. Anno Scolastico 2015/16

Scuola dell InfanzIa paritaria angelo pedretti Via Capersegno 17 Presezzo. P.O.F. Piano Offerta Formativa. Anno Scolastico 2015/16 Scuola dell InfanzIa paritaria angelo pedretti Via Capersegno 17 Presezzo P.O.F. Piano Offerta Formativa Anno Scolastico 2015/16 Saluto di benvenuto Carissimi genitori e bambini, benvenuti nella nostra

Dettagli

PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO

PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO DIOCESI DI GUBBIO PARROCCHIA S.AGOSTINO BILANCIO PREVENTIVO delle Entrate e delle Uscite PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 Cod. Parte 1 - ENTRATE PREVENTIVO DELLE ENTRATE OGGETTO DEGLI STANZIAMENTI Bilancio

Dettagli

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e

Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e AREA DI INTERVENTO Obiettivi strategici Titolo azione Telefono aiuto per le donne vittime di violenza Accoglienza in emergenza Pronta accoglienza per donne vittime di violenza e loro figli/e Specificare

Dettagli

VERIFICA STATO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA ANNUALE

VERIFICA STATO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA ANNUALE REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO SAN BIAGIO Via Celso Cicognani, 8 48123 Ravenna TEL. 0544/464469 E-Mail: ics.biagio@libero.it Pec: RAIC82000@PEC.ISTRUZIONE.IT Web: www.icbiagio.gov.it VERIFICA

Dettagli

RETE_GAS_BERGAMO Principi ed Attività del biennio 2015-2016

RETE_GAS_BERGAMO Principi ed Attività del biennio 2015-2016 RETE_GAS_BERGAMO Principi ed Attività del biennio 2015-2016 1. DEFINIZIONE Una strategia fondamentale delle realtà dell economia solidale è quella delle reti per potersi sostenere a vicenda e sviluppare

Dettagli

Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro

Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro Ostello/Mensa Don Luigi Di Liegro Via Marsala, 109 00185 Roma Tel./fax 06 44.41.319 Tel./fax 06 44.57.235 e-mail: ostello@caritasroma.it Come raggiungere la struttura Siamo a circa m. 300 dalla Stazione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità GENESIS LICEO DEL PARRUCCHIERE si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la realtà

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome Nome Telefono ufficio(i) 0471 / 997466 Mobile 349 / 49 40 866 Fax E-mail ufficio Cittadinanza Data e luogo di nascita Sesso michela.trentini@comune.bolzano.it

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA

VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA Pag. 1/6 VALORE DELLA PRODUZIONE 6.996.793,00 RICAVI DA VENDITA E PRESTAZIONI 6.759.871,00 R.S.A. 5.916.903,00 RETTA SANITARIA 3.781.262,00 Tariffa sanitaria APSS - RSA 3.150.705,00 Tariffa sanitaria APSS

Dettagli

Rendiconto Economico 2013

Rendiconto Economico 2013 Rendiconto Economico 2013 Comunità Pastorale SS.Trinità - Gavirate Presentiamo il rendiconto economico delle nostre Comunità Pastorali. E un momento importante di una vita comunitaria in cui tutto deve

Dettagli

COMUNE DI CERVENO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI E PER L'ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI.

COMUNE DI CERVENO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI E PER L'ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI. COMUNE DI CERVENO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI E PER L'ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI. (Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 07/05/2012)

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR DA LEGGERE CON MOLTA ATTENZIONE!!!! Il ruolo del Tutor è cruciale per come abbiamo progettato il FONDO STRAORDINARIO

Dettagli

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA

ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA Associazione Dives in Misericordia ASILO NIDO SANTA FAUSTINA KOWALSKA CARTA DEI SERVIZI La seguente CARTA DEI SERVIZI è stata redatta facendo riferimento alla delibera della Giunta Regionale della Campania

Dettagli

Maliseti Tobbianese A.S.D.

Maliseti Tobbianese A.S.D. Matricola - 937794 Prato, 19/06/2015 Spett.le Comune di Prato Alla c.a. Dr Amedeo Scura Resp. U.O. Servizi Sportivi E p.c. Franco Pasquale Funzionario Tecnico U.O. Servizi Sportivi La nostra società, come

Dettagli

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO

FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI PER ENTI NO PROFIT CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AL FOTOVOLTAICO C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITA 00167 ROMA VIA CARDINAL MASTRANGELO, 59 TELEFONO 06.66.04.33.73 FAX AUTOMATICO 06.66.04.28.83 ADERENTE ALLA CONSULTA NAZIONALE DELLE AGGREGAZIONI LAICALI e-mail:

Dettagli

Volontariato civile: AGESCI Associazione Volontari Civici di Protezione Civile Centro Donna Circolo ACLI "Malpezzi" La Rosa Bianca Il Melograno

Volontariato civile: AGESCI Associazione Volontari Civici di Protezione Civile Centro Donna Circolo ACLI Malpezzi La Rosa Bianca Il Melograno Volontariato civile: AGESCI - Associazione Guide Scout Cattolici Italiani Associazione giovanile educativa che si propone di contribuire,alla formazione della persona secondo i principi ed il metodo dello

Dettagli

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013

ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Su incarico dello Studio di Consulenza del lavoro TERRAZZINI & PARTNERS Vi trasmetto quanto segue: ASSISTENZA FISCALE 730 / 2013 Ricordo che, in seguito al decreto legislativo n 490/1998, i datori di lavoro

Dettagli

Accademia per Musicisti

Accademia per Musicisti PRESENTAZIONE SINTETICA DEL PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DELLA Accademia per Musicisti e di Promozione e Studio di Culture e Comunicazioni condivisibili PROGETTO ACCADEMIA PER MUSICISTI E DI PROMOZIONE

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

Area Donne e Diritti di Cittadinanza. Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus

Area Donne e Diritti di Cittadinanza. Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus Area Donne e Diritti di Cittadinanza Caritas Diocesana di Concordia-Pordenone Associazione Nuovi Vicini Onlus PERCHE un'area Donne? ASCOLTARE = emersione di situazioni di disagio al femminile OSSERVARE

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE

REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO GENERALE INDICE REGOLAMENTO: Elenco aree, prenotazione sale... 2 Regole di utilizzo generale... 3 Priorità di utilizzo... 3 Regole di utilizzo da parte dei gruppi parrocchiali... 3 Regole di

Dettagli

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE

PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE PROGETTO ADOTTA UNO STUDENTE CARTA ETICA Giampaolo Marras Sergio Tobia Perugia 24 settembre 2013. 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA Adotta uno studente è il progetto dell Associazione Ricreativa e Culturale

Dettagli

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani Esclusione sociale Osservatorio Diocesano Caritas Nonostante la provincia di Prato continui a caratterizzarsi come una delle prime dieci province italiane per depositi bancari pro capite (12.503, secondi

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 SOS DETTO - FATTO DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 5 2. TITOLO AZIONE SOS DETTO - FATTO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 -

Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 - Carlo Mazzini Consulente Ciessevi -2015 - Chi, cosa, quando Chi Quando deve rendicontare Cosa Rendicontare correttamente il 5 per mille 2 Chi Onlus incluse ODV Associazioni di promozione sociale iscritte

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013 - Associazione Famiglie per l Accoglienza Regione Veneto -

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013 - Associazione Famiglie per l Accoglienza Regione Veneto - RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2013 - Associazione Famiglie per l Accoglienza Regione Veneto - INDICE A. Introduzione e presentazione dei risultati generali ANALISI DELLE ENTRATE B. Quote associative

Dettagli

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti

Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi Emergenti Questionario Questo questionario fa parte della ricerca sul tema dei rifugiati, richiedenti asilo e titolari di protezione umanitaria a Bologna e provincia che Cospe (Cooperazione per lo Sviluppo dei Paesi

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO MODULO DI DOMANDA PER LA PROGETTUALITA : Intervento per la Vita Indipendente annualità 2010 Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO Il sottoscritto Nome Cognome

Dettagli

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2011

RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 2011 Associazione San Antonio onlus Viale del Lavoro 33 Verona c.f. 9321943233 RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO 211 A. Introduzione e presentazione dei risultati generali B. Analisi delle entrate: ricavi

Dettagli

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013

Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 Allegato A alla delibera di G.P. n. 198 del 20.11.2013 PROTOCOLLO D INTESA TRA LA DIOCESI DI SAN MARINO-MONTEFELTRO, LA FONDAZIONE DI RELIGIONE SAN PAOLO DI PENNABILLI, LE AMMINISTRAZIONI COMUNALI DI CASTELDELCI,

Dettagli

PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: SCHEMA CONVENZIONE TRA COMUNE DI FIRENZE E ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO SOLIDARIETA CARITAS - ONLUS PER LA SOMMINISTRAZIONE DI PASTI E DOCCE, COMPRESO SERVIZIO DI BAGAGLIAIO, A PERSONE ITALIANE E STRANIERE

Dettagli

Centro di Ascolto. "St'Oria Nuova" - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO

Centro di Ascolto. St'Oria Nuova - 12/12/13- Maria Rosaria GALLO Centro di Ascolto? 1 IL CENTRO DI ASCOLTO fa dell'ascolto il suo MODO PROPRIO di SERVIZIO Ascoltare non è udire (atto puramente fisico e involontario) L ascolto implica la volontà, l atteggiamento di accoglienza,

Dettagli

20 o A.VO.S. anno di fondazione. Associazione Volontari Scalenghesi

20 o A.VO.S. anno di fondazione. Associazione Volontari Scalenghesi 20 o A.VO.S anno di fondazione Associazione Volontari Scalenghesi L Associazione nasce nel 1993 per volontà di dodici Scalenghesi, uniti dal fattore comune di vivere nello stesso piccolo paese di provincia.

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SPONSORIZZAZIONI E DONAZIONI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SPONSORIZZAZIONI E DONAZIONI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SPONSORIZZAZIONI E DONAZIONI A FAVORE DEI PROMOTORI, SOGGETTI PUBBLICI E/O PRIVATI, DI INIZIATIVE SOCIALI E AMBIENTALI REVISIONE APPROVAZIONE DESCRIZIONE MODIFICA 0 12.03.2014

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE

PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE L Associazione culturale Alice in Città nasce nel 2005 per dare forma istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi.

Dettagli

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Esente da bollo ai sensi art. 8 Legge 266/91 Comune di Russi (Provincia di Ravenna) Prot. n. Rep. n. CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE LINEA ROSA PER IL SOSTEGNO ALLE DONNE VITTIME DI VIOLENZA Periodo: dal

Dettagli

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia. Approvato con deliberazione n.4 del Consiglio Comunale del 30.01.2013

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia. Approvato con deliberazione n.4 del Consiglio Comunale del 30.01.2013 COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Approvato con deliberazione n.4 del Consiglio Comunale del 30.01.2013 I N D I C E Art.

Dettagli

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE UN OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO MODULO DI VALUTAZIONE DELLA NUOVA INIZIATIVA IMPRENDITORIALE PER ACCESSO AI SERVIZI DEGLI INCUBATORI DI IMPRESA DI: GROSSETO SCARLINO MASSA MARITTIMA

Dettagli

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS

Bilancio 2006 dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS dell Associazione di Volontariato Casa di Zaccheo ONLUS Elenco dei Soci aggiornato al 15 marzo 2007...2 Cariche sociali al 15 marzo 2007...2 Consenso al trattamento dei dati personali...2 Lettera ai Soci...3

Dettagli