DEVISAPERECHE. Fendac per i quadri direttivi. Visita il sito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEVISAPERECHE. Fendac per i quadri direttivi. Visita il sito www.fendac.it"

Transcript

1 DEVISAPERECHE ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI Visita il sito Fendac quadri Le riduzioni d orario, i permessi, i congedi Assidir Assidir e la soddisfazione del cliente 37 Associazioni territoriali Alfredo Sassi, nuovo presidente Aldac 38 Conoscere il contratto Le dimissioni volontarie 39 Fasdac Le nuove convenzioni 40 Cfmt La lingua degli affari online 42 Assidir Servizi online Fendac per i quadri direttivi La Cassa interaziendale di assistenza sanitaria Carlo De Lellis per i dipendenti delle aziende dei settori contrattuali Fendac Nel n 5 de Il giornale del dirigente era stata presentata, in forma sintetica, la nuova proposta della Fendac relativa a una forma di assistenza sanitaria rivolta specificamente ai dipendenti (quadri e non, ad esclusione dei dirigenti già coperti dal Fasdac) delle aziende dei settori contrattuali Fendac. La Cassa interaziendale di assistenza sanitaria Carlo De Lellis, realizzata per iniziativa Fendac con il supporto tecnico di Assidir, il broker della Federazione, si rivolge, come detto, alle aziende dei settori Fendac e ha come beneficiari i loro dipendenti ed, eventualmente questi lo desiderassero, anche i loro familiari. La proposta ha già incontrato il concreto interesse di molte aziende cui è stata presentata direttamente (il Gruppo Danzas, come riportato nel medesimo numero di maggio della rivista, vi ha aderito per prima offrendola ai suoi quadri che non fruivano di alcuna forma di assistenza sanitaria privata). Avevamo anticipato la pubblicazione di ampie e articolate informazioni sulla Cassa De Lellis, sulle sue prestazioni e sulle modalità di adesione. Nelle pagine che seguono vengono riportate, in forma sintetica, ma completa per tutti gli aspetti fondamentali, queste informazioni. In forma più ampia, e con la possibilità di scaricare la modulistica di adesione, la Cassa De Lellis è presentata nel sito di Assidir (www.assidir.it) con accesso diretto dalla home page. 27

2 Fendac Quadri Fendac CASSA INTERAZIENDALE DI ASSISTENZA SANITARIA CARLO DE LELLIS Prospetto sintetico di informazione generale COS È LA CASSA INTERAZIENDALE DI ASSISTENZA SANITARIA CARLO DE LELLIS È un ente senza fini di lucro il cui scopo è fornire e promuovere per gli associati forme di assistenza sanitaria integrativa. CHE TIPO DI PRESTAZIONI FORNISCE Rimborso delle spese mediche sostenute a seguito di malattia e/o infortunio per ricoveri ospedalieri, visite specialistiche, parto, prestazioni odontoiatriche. Vengono aggiunti anche interventi di assistenza per emergenze sanitarie. ASSOCIATI L azienda è il soggetto che aderisce alla Cassa sanitaria Carlo De Lellis. Nessuna persona fisica può avere il titolo di associato. BENEFICIARI DELLE PRESTAZIONI Gli assistiti che beneficiano delle prestazioni previste sono: i dipendenti dell azienda associata, ad esclusione dei dirigenti. Ogni altro soggetto (consulente, collaboratore continuativo, amministratore, ecc.) non può rientrare nel novero dei beneficiari delle prestazioni; i componenti del nucleo familiare del dipendente, qualora questi decida di includerli. MODALITÀ DI ADESIONE: l accordo aziendale L adesione alla Cassa è subordinata all accettazione da parte della Cassa medesima. La richiesta di adesione deve essere corredata da un accordo fra azienda e dipendenti che stabilisca: la parte economica (quota a carico di azienda e dipendente, pagamento per il nucleo familiare eventualmente incluso); la durata; le categorie di dipendenti che fruiranno delle prestazioni: possono essere tutti i dipendenti oppure solo per una data categoria (ad esempio solo i quadri, i quadri e gli impiegati di primo livello, ecc.); l accordo deve valere comunque per tutti i dipendenti della categoria identificata. Successivamente, ogni singolo dipendente dovrà formalmente dichiarare di aver preso atto dell accordo aziendale stipulato dalla sua azienda di appartenenza con la Cassa De Lellis e di volere - o non volere - inserire nella garanzia assicurativa il proprio nucleo familiare, di cui dovrà, in caso positivo, fornire i dati richiesti. L accordo aziendale è necessario anche ai fini dei benefici fiscali previsti per legge. VANTAGGI FISCALI E CONTRIBUTIVI DELLA CASSA SECONDO L ATTUALE NORMATIVA Dal punto di vista dell azienda i contributi pagati per i dipendenti: sono un costo aziendale e, come tale, deducibili dal reddito d impresa; scontano solo il contributo di solidarietà all Inps pari al 10% (contro il 23% circa dell ordinaria retribuzione); Dal punto di vista del dipendente i contributi pagati: sono totalmente deducibili dal reddito; per la quota pagata dall azienda non vi è il contributo all Inps previsto per la retribuzione dei dipendenti (8,89%). IL VALORE AGGIUNTO DELLE COPERTURE ASSICURATIVE Poiché la Cassa assicura un intera collettività, le 28

3 DEVISAPERECHE Quadri Fendac Quadri condizioni di assicurazioni risultano superiori rispetto a una polizza assicurativa individuale e i costi relativi più contenuti. Inoltre: non si deve compilare il questionario anamnestico; sono comprese le malattie pregresse (non congenite); maggiori estensioni di garanzia. MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI La Cassa stipula convenzioni assicurative con primaria compagnia che provvede a rimborsare le spese sanitarie sostenute dal dipendente o dai suoi familiari oppure, in caso di ricoveri in Case di cura convenzionate, a pagare direttamente le spese alla Casa di cura. La Cassa ha incaricato Assidir, società di brokeraggio assicurativo della Fendac, di gestire tutti i rapporti relativi alle convenzioni assicurative. LE DUE FORMULE DI RIMBORSO: COMPLETA E INTEGRATIVA La Cassa De Lellis può adeguare le prestazioni a seconda che: il ccnl applicato ai dipendenti delle aziende che intendono fruirne non preveda l obbligo di iscrizione ad un altra cassa e/o fondo di assistenza sanitaria integrativa (il caso più rilevante è quello di tutti gli impiegati del settore trasporti e spedizioni): in tal caso la Cassa De Lellis è proposta nella formula completa; il ccnl applicato ai dipendenti delle aziende che intendono fruirne preveda l obbligo di iscrizione a un altra cassa e/o fondo di assistenza sanitaria integrativa (è il caso di tutti i quadri del settore commercio che fruiscono della Quas): in tal caso la Cassa De Lellis è proposta nella formula integrativa alla cassa/fondo già esistenti; se il nucleo familiare non è incluso in questi ultimi (come avviene per la Quas), potrà invece godere delle prestazioni in forma completa. PRESTAZIONI E LIMITI DI RISARCIMENTO PER ANNO/NUCLEO (Formula completa) A) RIMBORSO DELLE SPESE OSPEDALIERE Massimale annuo ,69 Massimale aggiuntivo per grandi interventi ,84 Sottolimiti specifici: 1.549,37 per spese di trasporto con mezzi diversi dall ambulanza; 51,65 giornaliere per la retta dell accompagnatore e per assistenza infermieristica a domicilio ; 1.549,37 per il noleggio di attrezzature protesiche e terapeutiche. In caso di ricoveri in strutture del ssn, sarà operante una diaria giornaliera di 51,65 per tutto il periodo del ricovero stesso (massimo 150 giorni). B) RIMBORSO DELLE SPESE EXTRAOSPEDALIERE, CURE E ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI O AMBULATORIALI 1) Prestazioni base (visite specialistiche, medicinali, analisi di routine, ecc.): massimale annuo 2.582,28. 2) Prestazioni aggiuntive (alta diagnostica: tac, ecografie, doppler, ecc.): massimale annuo 1.549,37. C)SPESE DI PARTO a) Parto naturale: massimale annuo 2.065,83 b) Parto cesareo: massimale annuo ,84 I figli delle donne assicurate, nati durante il periodo di assicurazione, vengono tenuti gratuitamente in garanzia sino al termine della prima annualità. 29

4 Fendac Quadri DEVISAPERECHE D)SPESE DENTARIE Massimale annuo 1.032,91 Sottolimiti specifici 206,58 per evento per le protesi ortodontiche. RELATIVAMENTE ALLE GARANZIE B e D tali limiti sono riferiti a un nucleo composto da un singolo assicurato: le somme vengono elevate di 258,23 per ogni assicurato in aggiunta al primo. Di conseguenza, in tali casi oltre ad essere elevato il limite riferito al nucleo familiare, viene elevato anche il limite di risarcimento per persona. E) ASSISTENZA Fornisce un servizio di assistenza immediata in caso di emergenze sanitarie tramite le strutture di Europ Assistance (trasporto in autoambulanza dopo il ricovero di primo soccorso, trasferimento in un centro ospedaliero attrezzato, ecc.). Inoltre, mette a disposizione una rete di centri clinici convenzionati in grado di fornire prestazioni sanitarie, relative al solo ricovero ospedaliero, senza che l assistito debba provvedere ad anticipi o pagamenti che verranno effettuati direttamente ai centri clinici e alle equipe mediche convenzionate nei limiti e con le modalità previste in polizza (questo non vale nel caso venisse prestata l assicurazione in forma integrativa). FRANCHIGIE E/O SCOPERTI A) Ospedaliere Nessuna franchigia e/o scoperto a carico dell assistito. B) Extraospedaliere - Cure e accertamenti diagnostici domiciliari e ambulatoriali Scoperto del 20% col minimo di 51,65 per ciascun evento. C) Parto Nessuna franchigia e/o scoperto a carico dell assistito. D) Dentarie Scoperto del 20% col minimo di 77,47 per ciascun evento. PREMI (assicurazione in forma completa) Dipendenti 980,00 Primo familiare 435,00 Ogni altro familiare 205,00 ASSICURAZIONE IN FORMA INTEGRATIVA Qualora la copertura venisse stipulata in forma integrativa a fondi di assistenza cui l assicurato aderisce per effetto di accordi collettivi di lavoro riguardanti la propria categoria, si conviene che tutte le prestazioni saranno valide unicamente per la parte di spese che il fondo lascia a carico dell assicurato. Qualora, per qualsiasi ragione, il fondo di assistenza non eroghi la propria prestazione, le garanzie della presente polizza non saranno operanti. Relativamente alla garanzia assistenza non sarà operativo il rimborso diretto ai centri clinici convenzionati. PREMI E CAPITALI ASSICURATI (Assicurazione in forma integrativa) Trattandosi di copertura in forma integrativa (limitatamente al quadro) il premio viene ridotto a 620,00; per i familiari rimangono fermi gli altri premi: 435,00 il primo familiare, 205,00 ciascun figlio. Il massimale per la garanzia D (spese dentarie) viene ridotto a 620,00, con incremento di 255,00 per ogni assicurato oltre il primo. FRANCHIGIE E/O SCOPERTI (Assicurazione in forma integrativa) Le franchigie in caso di integrativa alla Quas sono quelle previste dalla convenzione. Di conseguenza se la parte rimborsata dalla Quas è più elevata della franchigia/scoperto previsti in polizza la franchigia/scoperto non viene applicata. La Cassa ammette il rimborso esclusivamente per importi superiori a 50,00. Per avere informazioni dettagliate sulla Cassa interaziendale di assistenza sanitaria Carlo De Lellis, rivolgersi ad ASSIDIR Brokeraggio Assicurativo, via Stoppani Milano - tel fax (signori Ruggero Pessina e Antonio Grieco) 30

5 tutto quellocheti interessa lo trovi qui notizie informazioni servizi 31

6 Fendac Quadri Fen LE RIDUZIONI D ORARIO, I PERMESSI, I CONGEDI Tutti i lavoratori dipendenti hanno la possibilità di astenersi dalla prestazione lavorativa usufruendo di permessi e congedi, retribuiti o meno, a loro riconosciuti dalla legge o dalla contrattazione collettiva Mariella Colavito Il contratto collettivo dei dipendenti delle imprese di trasporto e spedizione 1 concede 32 ore di permessi, in luogo delle quattro festività soppresse 2 : se non goduti entro l anno di maturazione, questi permessi verranno retribuiti entro gennaio dell anno successivo. Oltre alle ex festività al quadro spettano ulteriori 88 ore di riduzione dell orario di lavoro (Rol). Allo scopo di portare l orario di lavoro da 40 a 39 ore settimanali, però, le aziende possono assorbire 48 ore di Rol, portando così le ore di permesso retribuito a 40. Se non fruiti nell anno di maturazione, saranno retribuiti entro aprile dell anno successivo. L azienda, su richiesta del quadro, ha facoltà di concedere ulteriori permessi, per giustificati motivi, con o senza retribuzione. È invece dovere del datore di lavoro riconoscere permessi nel limite di 20 ore annue, con o senza corresponsione della retribuzione; 10 di queste ore saranno retribuite in caso di esami clinici. Il quadro ha anche diritto, in caso di grave lutto familiare, a dei giorni di permesso, retribuiti per minimo 3 giorni, 4 se a causa dell evento luttuoso il lavoratore debba spostarsi fuori dalla provincia. In caso di nascita di figli l azienda deve concedere permessi e deve retribuirli per minimo un giorno. Per i magazzini generali 3 la disciplina in materia è pressoché identica a quella dei trasporti. In più, al quadro che abbia un anzianità di servizio superiore ai 3 anni, per gravi e comprovati motivi personali e familiari l azienda può concedere un periodo di aspettativa non retribuita, la cui durata varia a seconda delle necessità. Per i quadri delle agenzie marittime 4, oltre alle 32 di permesso per le ex festività, il contratto collettivo concede ulteriori 68 ore di Rol. Di queste 68 ore, 8 devono essere destinate al pomeriggio della vigilia di Natale e a quello del 31 dicembre. Le ore di permesso non fruite entro la fine dell anno, saranno retribuite entro gennaio dell anno successivo. Su richiesta del quadro, l azienda ha facoltà di concedere permessi di breve durata per giustificati motivi, senza corresponsione della retribuzione e senza che siano computati nel monte ferie annuale. L azienda è tenuta a concedere 3 giorni di permesso retribuito al lavoratore colpito da lutto familiare; se l evento si è verificato fuori dalla provincia spetteranno cinque giorni, di cui 3 retribuiti. Se l evento luttuoso si verifica durante la prestazione lavorativa, il quadro potrà assentarsi immediatamente dal posto di lavoro, con diritto alla retribuzione. 32

7 dac Quadri Meno dettagliati sono i contratti collettivi dei dipendenti di aziende alberghiere 5. Per i quadri di questo settore le ore di Rol sono 104, comprensive anche delle 32 ore relative alle ex festività abolite. I permessi non goduti entro l anno di maturazione saranno pagati con la retribuzione percepita al momento della scadenza o potranno essere fruiti entro e non oltre il 30 giugno dell anno successivo. In caso di lutto familiare il lavoratore ha diritto ad assentarsi, con retribuzione, per un periodo commisurato alle reali esigenze dell assenza, con il limite massimo di 5 giorni di calendario; tale congedo può essere prolungato di ulteriori 3 giorni, in relazione alla distanza del luogo da raggiungere. In casi particolari il lavoratore potrà usufruire di permessi, della durata massima di un ora al giorno, purché recuperi le ore di assenza con altrettante ore lavorative, o di congedi retribuiti deducibili dal monte ferie. Il contratto collettivo del terziario 6, in aggiunta alle 32 ore delle ex festività soppresse, concede ulteriori gruppi di permessi retribuiti: per le aziende con meno di 15 dipendenti, si tratta di 56 ore, per un totale di 88 ore di Rol; per le aziende con più di 15 dipendenti, sono 72 ore, per un totale di 104 ore di permessi. I Rol non goduti entro l anno di maturazione dovranno essere retribuiti oppure potranno essere fruiti entro il 30 giugno dell anno successivo. In casi speciali e giustificati, il datore può concedere congedi retribuiti, con facoltà di dedurli dalle riduzioni d orario o dalle ferie. Per gravi e comprovati motivi il quadro ha diritto a un periodo di aspettativa non retribuita, di durata non inferiore a un mese e non superiore a sei: durante tale periodo è sospesa la maturazione di tutti gli istituti contrattuali, compresa l anzianità di servizio e la contribuzione previdenziale. La disciplina contrattuale va integra- DEVISAPERECHE ta dalla normativa introdotta dalla legge 53 del Tale legge riconosce a tutti i lavoratori, indipendentemente da un esplicita previsione del contratto collettivo in materia, un permesso retribuito di 3 giorni lavorativi all anno, in caso di decesso o documentata grave infermità del coniuge o del convivente (purché la convivenza sia stabile e documentata da certificazione anagrafica) o di un parente entro il secondo grado. Il permesso va utilizzato entro 7 giorni dall evento. In alternativa, solo nei casi di documentata grave infermità (non anche per il decesso) il quadro può pattuire col datore di lavoro una diversa modalità di espletamento della prestazione, anche per periodi superiori ai 3 giorni. Il testo legislativo contiene anche una previsione più ampia: per gravi e documentati motivi familiari, il quadro può richiedere un congedo della durata di 2 anni, continuativi o frazionati, nell arco di tutta la vita lavorativa. Il limite si calcola secondo il calendario comune ed è quindi comprensivo dei giorni festivi e non lavorativi. Si tratta di un periodo non coperto da retribuzione, né da contribuzione figurativa, non utile ai fini dell anzianità aziendale. I gravi motivi possono riguardare il dipendente, il coniuge o il convivente, i componenti della famiglia anagrafica, i parenti e gli affini entro il terzo grado. 1 artt. 9, 14, 24, 28 ccnl 12/4/1995 per i dipendenti di aziende di trasporto e successivi rinnovi 2 art. 1, legge 54/ artt.16, 39, 41 ccnl 4/5/1999 per i dipendenti dei magazzini generali 4 artt. 15, 27 ccnl 2/8/2000 per i dipendenti delle agenzie marittime 5 artt. 72, 84, 112 ccnl 10/2/1999 dipendenti aziende Aica; artt. 91, 114, 151 ccnl 4/7/2001 per i dipendenti aziende settore turismo (Federalberghi) 6 artt. 68, 77, 78, 99 ccnl 3/11/1994 dipendenti aziende del terziario e successivi rinnovi 7 art. 4, legge 53/2000; artt. 1-2, DM 278/2000 IMPORTANTE Ricordatevi di aggiornare i vostri dati Per essere in grado di fornire agli iscritti alla Fendac validi ed efficienti servizi, è importante che il nostro archivio sia il più possibile aggiornato. Ricordatevi, dunque, quando cambiate: indirizzo e numero di telefono di casa o dell azienda numero di cellulare azienda ruolo professionale indirizzo e altri dati importanti, di comunicarli subito alla vostra Associazione di appartenenza. Questo ci permetterà di essere sempre meglio e in maniera più tempestiva al vostro servizio 33

8 Assidir Assidi ASSIDIR E LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE I risultati di un indagine tra gli associati Fendac Lei conosceva Assidir prima di oggi? 92,0% 8,0% No Sì Nel periodo ottobre 2001-febbraio 2002, Assidir, il broker della Fendac, ha dato vita, in collaborazione con la Federazione, a un operazione di customer satisfaction. Questa operazione è articolata, come vedremo, in una serie di temi specifici ma ha, soprattutto, un obiettivo di fondo: quello di capire se il ruolo di Assidir si sia definitivamente affermato coerentemente alla sua mission, ovvero quella di essere il punto di riferimento fondamentale degli associati Fendac per tutti gli aspetti assicurativi, quelli legati alle convenzioni contrattuali ma anche quelli rivolti, individualmente, ai dirigenti, ai quadri, ai loro familiari e alle loro aziende. UN NUOVO RUOLO La verifica è stata opportunamente collocata fra la fine del 2001 e l inizio dell anno in corso perché il riconoscimento del ruolo di Assidir da parte degli associati assume oggi un importanza particolare in previsione di importanti eventi futuri. Assidir, infatti, dovrà assumere il ruolo di filtro intelligente, preparato e attento verso quel mondo assicurativo che oggi sta attraversando una fase di forti cambiamenti che lo vedono, da un lato, attore principale degli aspetti previdenziali e assistenziali del nostro paese e, dall altro, competitore di un settore È a conoscenza del fatto che l attività istituzionale di Assidir è la gestione delle convenzioni assiocurative contrattuali Previr 95 e Antonio Pastore 3049? 91,1% 8,9% Lei conosce quali sono le quattro garanzie previste dalla Convenzione Antonio Pastore 3049 cui lei ha diritto contrattualmente? 51,2% 48,8% No No Sì Sì 34

9 DEVISAPERECHE r Assidir Assidir Quali argomenti ha approfondito nel corso dell incontro con il nostro consulente? Linea famiglia/consulenze assicurative 19% Sinistri 3% Altro 20% Garanzie assicurative convenzione A. Pastore 30% Cessazione 8% Estratto conto 2% Contribuzione volontaria 38% finanziario che acquista sempre più spazi anche in aree che fino a ieri non gli erano proprie. Per un altro verso è anche importante sottolineare che l operazione è stata collocata al termine di un periodo di tempo caratterizzato da fatti e accadimenti di grande rilievo, che hanno visto Assidir attore protagonista di un programma ampio e articolato realizzato sotto la regia della Fendac. Fra questi ricordiamo l attivazione della nuova garanzia della Convenzione Antonio Pastore denominata Long Term Care, il lancio del programma La Volta di Zaffiro, la creazione e la gestione del call center e della rete di consulenti fiduciari Fendac, l implementazione del servizio convenzioni, oltre al lancio della Linea Famiglia. UN PROGRAMMA AMPIO E ARTICOLATO Il programma di customer satisfaction ha fornito ampi conforti sul fatto che Assidir è conosciuta e riconosciuta come riferimento qualificato per gli aspetti assicurativi e previdenziali, oltre ad aver fornito ottime indicazioni sul valore e l efficienza dei servizi forniti. Gli obiettivi specifici dell operazione sono stati due, ognuno dei quali articolati in alcuni sotto-obiettivi: 1. acquisire informazioni su alcuni livelli di conoscenza (conoscenza istituzionale di Assidir conoscenza delle garanzie assicurative della convenzione Antonio Pastore); 2. verificare il livello di gradimento/soddisfazione dei servizi e delle iniziative specifiche (servizio convenzioni, call center, attività di consulenza, programma La Volta di Zaffiro, Linea Famiglia, gestione riscatti). Il campione sul quale si è lavorato è stato selezionato sull universo dell intera base associativa di dirigenti in servizio ed è stato suddiviso in due macro gruppi: associati che non avevano mai avuto un contatto di alcun tipo con Assidir (650); Per ulteriori informazioni sul programma di customer satisfaction, rivolgersi ad Assidir, Cristina Ronchi

10 Assidir DEVISAPERECHE Al momento della sua richiesta di riscatto, è stato messo al corrente di tutte le opportunità a sua disposizione oltre alla liquidazione del capitale maturato? Sì 75% Già al corrente 7% No 18% associati che avevano avuto in precedenza almeno un contatto, di qualsiasi tipo, con il broker: questo secondo gruppo è stato scomposto in sei sottogruppi in relazione a diversi obiettivi specifici (gestione riscatti = 100; servizio convenzioni = 300; incontri personali per consulenze = 100; gestione contatti call center per Linea Famiglia in entrata (inbound) = 100; contatti call center per Linea Famiglia (outbound) = 150; assistiti programma La Volta di Zaffiro = 100). In totale sono state realizzate interviste registrando una grande disponibilità da parte degli associati. I RISULTATI IN SINTESI La fase di conoscenza istituzionale di Assidir e dei suoi principali servizi ha fatto registrare risultati molto positivi, in alcuni casi addirittura lusinghieri. Ecco, in sintesi, i dati maggiormente significativi: Conoscenza di Assidir: 92% Conoscenza del ruolo istituzionale (il servizio di gestione delle convenzioni assicurative contrattuali Antonio Pastore e Previr 95): 91% Conoscenza della Linea Famiglia: 85% Conoscenza e gradimento del programma La Volta di Zaffiro : 80% Una percentuale inferiore, ancorché elevata (51%), si è registrata alla domanda sulla conoscenza delle garanzie della Convenzione Antonio Pastore, al punto da suggerire ad Assidir - considerata l importanza del tema - l opportunità di sviluppare attività di comunicazione specifiche al proposito. Da questo punto di vista, il sito di Assidir, pubblicato all inizio del mese di aprile, è certamente un valido contributo. Interessanti e significative le segnalazioni sui canali di conoscenza: la stampa associativa e le associazioni territoriali emergono fra tutti come punti di informazione preferiti dagli associati. Riguardo alle interviste su temi specifici, molto interessante è il dato relativo agli incontri degli associati con Assidir. I temi maggiormente toccati in questi incontri sono la contribuzione volontaria, la Linea Famiglia e/o altre soluzioni assicurative e le garanzie della Convenzione Antonio Pastore. Dati interessanti emergono anche dalle interviste sul tema della gestione delle richieste di riscatto sia per quanto riguarda la conduzione dell aspetto consulenziale (il 75% degli intervistati ha infatti dichiarato di essere stato messo al corrente di tutte le opportunità a disposizione in alternativa al riscatto: contribuzione volontaria, differimento del capitale), sia relativamente al livello di soddisfazione per la gestione delle pratiche. Oltre il 90% degli associati, inoltre, si è dichiarato soddisfatto della gestione del suo investimento negli anni. In conclusione, si può affermare che il programma ha fornito ampie rassicurazioni sulla centralità assunta da Assidir come gestore degli interessi assicurativi e previdenziali degli associati Fendac e quindi della fiducia che gli associati stessi ripongono in una struttura di brokeraggio assicurativo acquisita totalmente dalla Fendac proprio allo scopo di offrire un servizio assicurativo totalmente dedicato. 36

11 DEVISAPERECHE Associazioni territoriali ALDAC ALFREDO SASSI, NUOVO PRESIDENTE G ià annunciato in occasione dell Assemblea ordinaria Aldac, svoltasi il 28 maggio 2002, Guido Carella ha rassegnato con rammarico, e in anticipo rispetto a quella che sarebbe stata la naturale scadenza della carica, il mandato di presidente dell Associazione lombarda. Il motivo di questa decisione è che Guido Carella ricopre anche la carica di vicepresidente della Fendac. Una Fendac che, da ormai due anni, è impegnata in un processo di graduale revisione del proprio modello organizzativo, con l obiettivo di snellire e rendere più partecipati i processi decisionali, di coniugare ruoli e responsabilità, di rendere più efficaci il flusso delle informazioni e la messa in circolo delle iniziative. Nel quadro di questo riassetto organizzativo sono stati rivisti i ruoli e le responsabilità dei due vicepresidenti: a Guido Carella è stato affidato l impegno di gestire e coordinare le strategie e i programmi di marketing associativo. Un impegno di questo tipo, in termini di coerenza funzionale, non gli consente di coprire entrambe le cariche. Il Consiglio dell Aldac, dunque, con seduta del 12 giugno 2002, ha eletto il nuovo presidente. La scelta è caduta sul 39enne Alfredo Sassi. Alfredo Sassi è coniugato con Laura ed è papà da 16 mesi di Susanna. Dirigente da 9 anni, è oggi direttore generale di un importante gruppo farmaceutico, settore in cui lavora da 18 anni con responsabilità crescenti. Ha insegnato marketing presso la Facoltà di Scienze Politiche dell Università degli Studi di Pavia dove si è laureato con lode. È stato consigliere e poi vicepresidente per due mandati dell Adico, Associazione italiana dei direttori commerciali e marketing manager. Da sei anni è membro del Consiglio dell Aldac dove, sin dall inizio, è stato coordinatore del Gruppo marketing associativo. Negli ultimi due anni è stato vicepresidente Aldac e responsabile dell area marketing. Ama trascorrere il poco tempo libero con la famiglia, sui campi da golf e dedicarsi alla lettura

12 DEVISAPERECHE Conoscere il contratto LE DIMISSIONI VOLONTARIE Le dimissioni sono la risoluzione del rapporto di lavoro da parte del dirigente e, per disposizione del contratto collettivo, devono essere comunicate al datore di lavoro per iscritto Maria Laura Rebora Il rapporto di lavoro dirigenziale di solito è un contratto a tempo indeterminato, che in qualsiasi momento può essere risolto da una delle due parti, datore di lavoro o dirigente, nel rispetto di determinate regole disposte dal contratto collettivo nazionale di lavoro e che trovano il loro fondamento giuridico nell art e seguenti del codice civile. Le dimissioni sono la risoluzione del rapporto di lavoro da parte del dirigente e, per disposizione del contratto collettivo 1, devono essere comunicate al datore di lavoro per iscritto. Le dimissioni possono essere: - volontarie; - qualificate, per disposizione di legge o di contratto collettivo; - per giusta causa. In questa nota esamineremo le dimissioni volontarie, cioè liberamente volute e decise dal dirigente, senza costrizioni o pressioni aziendali ma anche senza accordi con la società. Il caso più frequente è quello del dirigente che lascia l azienda perché ha trovato una posizione lavorativa più interessante o meglio remunerata. Le dimissioni volontarie sono disciplinate dall art. 31 del ccnl 26/4/95 per i dirigenti del terziario e da norme analoghe per quelli degli altri settori 2. Vediamole nel dettaglio. Il dirigente dimissionario deve dare al datore di lavoro un preavviso, la cui durata varia da contratto a contratto ed è correlata all anzianità lavorativa in azienda, eventualmente anche con altre qualifiche, se nominato dirigente nel corso del rapporto di lavoro. Per i dirigenti del terziario il preavviso di dimissioni può durare 2 mesi (sino a 2 anni di anzianità), 3 mesi (da 2 anni compiuti sino a 5 anni di anzianità), 4 mesi (per un anzianità superiore ai 5 anni). I dirigenti d albergo hanno uno scaglione in più rispetto ai colleghi del terziario: devono dare un preavviso di 5 mesi se la loro anzianità aziendale supera i 10 anni. I dirigenti dei trasporti e delle agenzie marittime, invece, devono dare un preavviso di dimissioni di durata pari alla metà rispetto al preavviso di licenziamento: pertanto, i dirigenti dimissionari dei trasporti e delle agenzie marittime sono tenuti a dare un preavviso, oscillante tra un minimo di 3 mesi (per anzianità aziendale sino a 4 anni) e un massimo di 6 mesi, se hanno oltre 12 anni di servizio. Infine, i dirigenti dei magazzini generali, in caso di dimissioni, devono dare al proprio datore di lavoro un preavviso di 3 mesi sino a 4 anni di anzianità aziendale e di 4 mesi per un anzianità superiore ai 4 anni. Una volta che il dirigente abbia rassegnato le proprie dimissioni, possono verificarsi tre ipotesi: a) il dirigente dà il preavviso e rimane in servizio sino al termine dello stesso e, di conseguenza, sino alla naturale scadenza del rapporto di lavoro; b) il dirigente rifiuta di prestare in servizio, in tutto o in parte, il preavviso da lui dovuto: il datore di lavoro potrà trattenergli dalle spettanze di fine rapporto, a titolo di indennizzo, un importo corrispondente alla retribuzione lorda del preavviso non lavorato; c) il datore di lavoro rinuncia alla prestazione lavorativa, in tutto o in parte, del preavviso. In questo caso, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere al dirigente dimissionario le corrispondenti mensilità per il periodo non lavorato nei settori del terziario e delle agenzie marittime. Negli altri settori (trasporti, alberghi e magazzini generali), invece, il datore di lavoro può rinunciare al preavviso in tutto o in parte senza dover corrispondere alcun indennizzo al dirigente. Nelle ipotesi b e c, il rapporto di lavoro terminerà alla data anticipata, o dal dirigente, che rifiuta il preavviso, o dal datore di lavoro, che rinuncia al preavviso e che coincide con l ultimo giorno prestato in servizio. 1 art. 30, comma 1, ccnl 26/4/95 dirigenti terziario; art. 28, comma 1, ccnl 23/12/99 dirigenti trasporti; art. 30, comma 1, ccnl 20/1/00 dirigenti alberghi Federalberghi; art. 29, comma 1, ccnl 18/10/95 dirigenti alberghi Aica; art. 29, comma 1, ccnl 15/10/99 dirigenti agenzie marittime; art. 25, comma 1, ccnl 21/7/95 dirigenti magazzini generali 2 per i dirigenti degli altri settori: art. 31 ccnl trasporti citato; art. 33 ccnl Alberghi Federalberghi; art. 32 ccnl alberghi Aica; art. 30 ccnl agenzie marittime citato; art. 27 ccnl magazzini generali, nuovo testo di cui all Accordo 1/2/00 38

13 DEVISAPERECHE Fasdac LE NUOVE CONVENZIONI Struttura Indirizzo Cap Città Telefono Chirurgia Azienda ospedaliera Santa Croce e Carle Via Coppino Michele Cuneo CN Casa di Cura Villa Europa all Eur Via Eufrate Roma RM Day Hospital Centro Oftalmico Chirurgico Corones Via P. Mascagni Milano MI Centro Medico Simonetta B.go delle Colonne Parma PR Diagnostica Poliambulatorio San Martino Via Turati 1/ Casalecchio di Reno BO Centro Medico Europeo Corso Nizza Cuneo CN Istituto Giorgi Via XII Ottobre 114B/R Genova GE ICOT Ist. Chirurgico Ortopedico Traumatol. Via F. Faggiana Latina LT Istituto Medico Ambrosiano Via Gramsci Segrate MI Laboratorio di Ricerche Locorotondo Via G. Carducci Palermo PA San Raffaele Termini Via Giolitti Roma RM Fisioterapia Poliambulatorio San Martino Via Turati 1/ Casalecchio di Reno BO Istituto Giorgi Via XII Ottobre 114B/R Genova GE ICOT Ist. Chirurgico Ortopedico Traumatol. Via F. Faggiana Latina LT Saint Denis srl Via D. Chiesa Sesto San Giovanni MI Casa di Cura Nuova Villa Claudia Via Flaminia Nuova Roma RM Odontoiatria Brunetti dr. Massimo P.zza Roma Ancona AN Giardina dr. Franceso Via IX Febbraio Firenze FI Prussia dr. Angelo Via Colombo 12/ Genova GE Studio Odont. dr. Campese - dr. Garrone Via Cesarea Genova GE Medicaldent Group srl Via B. Cellini Milano MI Bianchi dr. Federico V.le Bianca Maria Milano MI Medicaldent Group srl Via Giovanni da Procida Milano MI Bromuri dr. Fulvio Via Mazzini Gessate MI Studio Dentistico Bucci Sabattini Via Mentana Magenta MI Berionne dr. Roberto Via A. Baldovinetti Roma RM Martinengo dr. Roberto Cristiano Galleria Scarzeria 5/ Savona SV Vanagolli dr. Angelo Viale Faraggiana 54/ Albissola Mare SV Dolza dr. Mauro c/o Geso Via Settimo San Mauro Torinese TO AGOSTO: PROROGA DEI TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE SANITARIE Tutti sanno che la pratica sanitaria deve essere presentata all Associazione territoriale entro 60 giorni dalla data dell ultimo documento di spesa. Ma cosa fare se i 60 giorni scadono nel mese di agosto, quando le Associazioni territoriali sono chiuse per le ferie estive? È molto semplice: il termine slitterà esattamente allo stesso giorno del mese di settembre. Per meglio comprendere facciamo alcuni esempi: - se i 60 giorni scadono il 5 agosto, la pratica potrà essere presentata entro il 5 settembre; - se il termine per la presentazione all Associazione scade il 23 agosto, il dirigente avrà tempo fino al 23 settembre per presentare la pratica sanitaria. 39

14 CFMT DEVISAPERECHE BUSINESS ENGLISH: LA LINGUA DEGLI AFFARI ONLINE La soluzione formativa completa, flessibile ed efficace per manager interessati all inglese commerciale Giuseppe Landro Oggi il fenomeno della globalizzazione è una realtà e investe completamente ogni azienda, tanto che la circolazione di beni, idee e persone è molto più intensa e scorrevole rispetto ad appena dieci anni fa. I ruoli direzionali si trovano quindi a dover assumere rapidamente capacità e competenze di management multiculturale, per poter operare con una professionalità adeguata nei contesti multinazionali, caratterizzati da un profondo rimescolamento di culture, costumi e abitudini gestionali e comportamentali. Gestire riunioni, accordi, transazioni e relazioni commerciali a livello internazionale è oramai divenuta una caratteristica comune dell agire quotidiano di molti manager, che operano in contesti multinazionali. Conoscere l inglese, dunque, non è più una scelta ma una necessità irrinunciabile per i dirigenti e per l azienda moderna. Il Centro di management, volendo offrire una nuova opportunità di sviluppo professionale ai propri dirigenti, ha stipulato con EF Corporate Language Training, multinazionale americana da 35 anni leader mondiale nella formazione linguistica, un accordo di partnership per consentire di frequentare gratuitamente un intero corso online tra i molteplici a disposizione. Tale accordo offre ai manager la possibilità di: frequentare gratuitamente per tre mesi un intero corso tra i molteplici a disposizione dopo l effettuazione di un test atto a valutare il livello di conoscenza della lingua; effettuare lezioni di conversazione con docenti madrelingua altamente qualificati, laboratori di scrittura con tutor individuale, esercizi di pronuncia e test di verifica. Il tutto comodamente dalla propria scrivania al lavoro o a casa, con la libertà di connettersi quando e per quanto desidera. Nei corsi di Business English il dirigente avrà modo di perfezionare il linguaggio specifico per gestire colloqui di selezione, riunioni e trattative d affari. Ogni corso online prevede: un aula virtuale per un numero illimitato di lezioni di conversazione con docente madrelingua; un laboratorio di scrittura con correzione individuale degli elaborati; ore ed ore di lezioni interattive in autoapprendimento per perfezionare grammatica, vocabolario e pronuncia; un report card sempre consultabile e accessibile senza limitazioni per verificare i progressi nell apprendimento; un test di fine unità per verificare l apprendimento; un test finale per valutare il profitto al termine del corso. Il programma Englishtown consente la possibilità di accedere senza limitazioni al corso e di studiare secondo le proprie disponibilità, utilizzando tutta la gamma di servizi offerti dal sistema: Programma di testing paragonabile a livelli ALTE ed esami internazionali Accesso illimitato 24 ore su 24, 7 giorni su 7 Didattica completa. Lezioni di conversazione con docenti madrelingua, esercizi in auto apprendimento e role play con altri studenti 60 corsi di inglese general, business e industry specific 7 livelli dall assoluto principiante all avanzato Contenuti della Harvard Business School Monitoraggio dei risultati e feedback personalizzato degli insegnanti Certificazione Accademica americana della Suffolk University INFORMAZIONI GENERALI SEGRETERIA CORSI Per qualsiasi chiarimento e informazione contattare la dr.ssa Veronica Ciccarone Roma tel fax Ai dirigenti è riservato un numero verde per consigli e informazioni

15 PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO, DELLA PERSONA, DELLA SALUTE E DEL FUTURO DEGLI ASSOCIATI. LINEA FAMIGLIA Linea Famiglia è il nuovo servizio per gli associati Fendac e i loro familiari, voluto dalla Fendac e costruito e gestito da Assidir in stretta collaborazione con la BPB Assicurazioni. Linea Famiglia offre prodotti assicurativi pensati per il nucleo familiare degli associati. I principi che hanno ispirato la loro costruzione sono stati tre: Garantire una sicurezza globale agli associati e ai loro familiari Integrare le coperture già in essere contrattualmente Dare valore aggiunto in termini di servizio La Linea Famiglia si divide in due aree: TUTELA DEI DANNI: comprende Colonna, il programma di sicurezza del patrimonio (abitazione e beni contenuti) e La Ruota, il programma di sicurezza dei veicoli di famiglia (RC auto). TUTELA DELLA PERSONA: comprende Pilastro, per un programma di sicurezza contro gli infortuni e rimborso spese mediche. La tutela della persona comprende anche Portale, articolato in una serie di garanzie legate alla previdenza e al futuro dei coniugi e dei figli. Sottoscrivendo una qualsiasi delle garanzie collegate a Colonna, La Ruota, Pilastro Infortuni e Pilastro Salute è possibile usufruire di programmi di assistenza legati alla casa, ai viaggi e alla salute. Desidero informazioni sui prodotti della Linea Famiglia Per acquisire maggiori informazioni o richiedere un preventivo personalizzato compila questo modulo e consegnalo o spediscilo a Assidir Brokeraggio Assicurativo - Via Stoppani, Milano oppure trasmettilo via Fax al n Sono interessato a: AREA DANNI Colonna Incendio abitazione Furto Responsabilità civile La Ruota Autovetture Barca Motocicli Ciclomotori AREA PERSONA Pilastro Infortuni coniuge/figli Polizza sanitaria Invalidità permanente da malattia Portale Previdenza Futuro dei figli Garanzia famiglia in caso di premorienza Capitello (Versamenti Facoltativi Aggiuntivi) Nome Cognome Indirizzo Città Tel. casa Tel. uff. Cellulare Se preferisci, puoi anche chiedere un appuntamento con un consulente Assidir fiduciario Fendac, telefonando al Call Center di Assidir 41 Numero Verde Cap Prov. Orario preferito Orario preferito

16 ASSIDIR BROKER DEGLI ASSOCIATI FENDAC LA VOLTA DI ZAFFIRO A tutti gli associati sono stati inviati, direttamente a casa, la card personale e l opuscolo con le condizioni ASSIDIR di assicurazione Brokeraggio e le Assicurativo procedure da seguire in caso Via Stoppani, 6 di sinistro. Milano tel fax Chi non li avesse ricevuti, può chiamare il call center di Assidir orario 9-13/ DEVISAPERECHE NOTIZIE Il mondo assicurativo degli associati Fendac on line dallo scorso 10 aprile all indirizzo Tra i numerosi servizi offerti puoi trovare la guida interattiva alla lettura dell estratto conto relativo alle garanzie della Convenzione Antonio Pastore, informazioni su cosa fare in caso di sinistro, come diventare contributore volontario e tutto ci che ti pu essere utile SERVIZI ON LINE sapere su Assidir: dove, come, quando e per cosa chiedere spiegazioni e/o fissare appuntamenti con i consulenti Assidir, anche presso le Associazioni territoriali della Fendac. Inoltre hai la possibilit di scaricare direttamente la modulistica e la documentazione a cui sei interessato. Questi sono soltanto alcuni dei servizi offerti di cui puoi usufruire comodamente da casa o dall ufficio con un semplice click. Per tutte le altre opportunit ti invitiamo a visitare il nostro sito che viene continuamente aggiornato a partire dalla rubrica News direttamente in home page. Tutti gli associati Fendac possono ottenere consulenza, informazioni e assistenza attraverso il call center di Assidir a questi numeri: Servizio convenzioni contrattuali Numero Verde Linea Famiglia e altre soluzioni assicurative

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione

ORDINE DI SERVIZIO N. 6 DEL 18 Gennaio 2007. Con preghiera di massima diffusione DIVISIONE II U.P.T.A. e.p.c. Ai Capi Divisione Ai Capi Ufficio Ai Capi Settore Ai Segretari Amministrativi dei Dipartimenti Ai Responsabili dei Laboratori Ai Responsabili delle Biblioteche Ai Presidi di

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli