Consiglio di Amministrazione del 13 dicembre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Consiglio di Amministrazione del 13 dicembre 2013"

Transcript

1 Budget economico, budget degli investimenti e budget finanziario per il triennio Consiglio di Amministrazione del 13 dicembre 2013

2 INDICE Il Bilancio Unico di Ateneo Il primo bilancio in contabilità economico-patrimoniale... pag. 1 Un quadro di sintesi: risultati di esercizio in linea con la politica di investimento realizzata negli anni e stanziamenti a sostengo della realizzazione degli obiettivi strategici dell Ateneo... pag. 3 I ricavi di esercizio La contribuzione studentesca... pag. 15 I contributi dallo Stato. Il Fondo di finanziamento ordinario... pag. 17 I costi di esercizio I costi del personale... pag. 21 Le borse di studio, gli interventi e i servizi a favore degli studenti... pag. 24 Acquisto di beni e costi per servizi... pag. 25 Il budget degli investimenti Gli investimenti in edilizia... pag. 26 Gli altri investimenti... pag. 30 Gli effetti sul conto economico dei nuovi investimenti e di quelli autorizzati nel passato... pag. 32 I budget assegnati alle strutture con autonomia I budget assegnati ai dipartimenti... pag. 35 I budget assegnati alle Scuole di Ateneo, al Sistema Bibliotecario e ad altre strutture con autonomia decisionale... pag. 37 Tabelle di sintesi Il budget economico... pag. 5 Il budget degli investimenti... pag. 6 Il preventivo finanziario... pag. 7

3 IL BILANCIO UNICO Il primo bilancio in contabilità economico-patrimoniale Il bilancio per il triennio rappresenta la prima esperienza per l Ateneo di formulazione di un budget con il sistema della contabilità economicopatrimoniale (ma non di adozione della contabilità economica-patrimoniale, già gestita in Ateneo dal 2011 in parallelo al sistema di contabilità finanziaria). La legge 240/2010 (cd Riforma Gelmini) sancisce infatti l obbligo di passaggio per gli atenei a tale sistema contabile e il Decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione di un sistema di contabilità economico-patrimoniale e analitica, del bilancio unico e del bilancio consolidato nelle università, a norma dell'articolo 5, comma 1, lettera b), e 4, lettera a), della legge 30 dicembre 2010, n. 240 prevede come decorrenza il 1 gennaio e stabilisce che il quadro informativo economico-patrimoniale delle università in sede preventiva sia rappresentato da: a) bilancio unico d'ateneo di previsione annuale autorizzatorio,composto da budget economico e budget degli investimenti unico di ateneo; b) bilancio unico d'ateneo di previsione triennale,composto da budget economico e budget degli investimenti, al fine di garantire la sostenibilità di tutte le attività nel medio periodo. Tale cambiamento determina un momento di forte discontinuità in termini di logiche contabili adottate e modalità di rappresentazione dei dati di bilancio. Il principio della competenza economica e la comparabilità con l esercizio precedente La rappresentazione dei valori nel bilancio triennale avviene utilizzando gli schemi, le logiche e i principi della contabilità economico-patrimoniale, in luogo di quelli della contabilità finanziaria. Trova applicazione, in particolare, il principio della competenza economica che, anziché attribuire rilevanza, nella determinazione dei valori, al sorgere di un obbligazione giuridica da cui scaturisce una movimentazione finanziaria, pone l accento sulle utilità economiche cedute e/o acquisite, anche se non direttamente collegate ai relativi movimenti finanziari. Per il principio della competenza economica l effetto delle operazioni e degli altri eventi deve essere rilevato contabilmente ed attribuito all esercizio al quale tali operazioni ed eventi si riferiscono e non a quello in cui si concretizzano i relativi movimenti finanziari. La determinazione del risultato economico di esercizio implica, quindi, un procedimento di analisi della competenza economica delle voci positive e negative relative all esercizio cui il bilancio unico d ateneo di esercizio si riferisce, mediante un procedimento di identificazione, misurazione e di correlazione dei costi ai proventi di esercizio. La differenza tra i concetti di competenza (finanziaria vs economica) rende in parte difficile il confronto tra i dati provenienti dai due sistemi contabili, distinguendosi ambiti in cui esiste un elevato grado di comparabilità (ad esempio le retribuzioni del personale), da ambiti in cui la rappresentazione dei due sistemi contabili diverge sensibilmente (ad esempio, gli investimenti). Nel prosieguo il confronto è stato operato con riferimento ai soli ambiti nei quali esso assume significatività. 1 Merita rilevare, al fine di dare opportuna evidenza alle difficoltà che un passaggio di questo tipo comporta, che, benché la legge imponga un termine tassativo, molti atenei italiani hanno rinviato di un anno l avvio del nuovo sistema contabile. Ca Foscari ha ritenuto, già in fase di prima uscita della legge di riforma, di strutturare al proprio interno un percorso progressivo, che ha comportato l introduzione della contabilità economico-patrimoniale in parallelo con la contabilità finanziaria già dal 2011, e il passaggio al Bilancio Unico di Ateneo a partire dal 1 gennaio

4 L equilibrio del bilancio Sulla base di quanto disposto dalla normativa, il bilancio preventivo unico di Ateneo deve essere approvato garantendone il pareggio. Nel budget economico del bilancio unico d Ateneo di previsione annuale autorizzatorio si possono utilizzare riserve patrimoniali non vincolate al momento di predisposizione del bilancio per assorbire eventuali disequilibri di competenza. La gestione di Ateneo deve perseguire il mantenimento nel tempo di condizioni di equilibrio economico, finanziario e patrimoniale. Si precisa che l Ateneo, che già dall esercizio 2011 redige un bilancio consuntivo in contabilità economico-patrimoniale, ha proceduto alla verifica dell equilibrio avendo riguardo anche agli ammortamenti, poiché il risultato economico è di fatto condizionato anche da costi indotti da scelte di investimento operate nel passato. La valutazione dell entità degli ammortamenti è stata operata scindendo gli ammortamenti relativi a beni strumentali di uso comune e ricorrente, oggetto di periodiche sostituzioni, rispetto a quelli relativi a fabbricati, in parte riconducibili ad interventi di ristrutturazione del Piano di Sviluppo Edilizio che ha interessato l Ateneo negli ultimi anni, e tenendo in considerazione le prospettive di ultimazione di investimenti edilizi già approvati nei precedenti esercizi e all impatto sul conto economico generato dai nuovi investimenti autorizzati. La dimostrazione di sostenibilità delle scelte è avvenuta valutando gli impatti sul conto economico e attraverso la costruzione del Budget finanziario, che espone la previsione dei flussi di cassa nel corso dell esercizio, attraverso l individuazione delle fonti che incrementano i fondi liquidi dell ente e gli impieghi che, al contrario, comportano un decremento della liquidità. Essendo il 2014 l anno della transizione tra due diversi sistemi contabili, la dimostrazione dell equilibrio è avvenuta tanto facendo riferimento a concetti propri della contabilità economico-patrimoniale, che dovendo necessariamente ricorrere, per ragioni di raccordo ed evidenza contabile delle poste che garantiscono il pareggio, ad alcuni concetti propri della contabilità finanziaria, in particolare quello di saldo finanziario (cd. avanzo ). Le valutazioni sono state operate secondo criteri prudenziali. In sede di chiusura dell esercizio in corso si procederà alla conversione, secondo i principi propri della contabilità economicopatrimoniale, di tutte le poste esistenti in contabilità finanziaria al 31/12/

5 Un quadro di sintesi: risultati di esercizio in linea con la politica di investimento realizzata negli anni e stanziamenti a sostengo della realizzazione degli obiettivi strategici dell Ateneo La programmazione condotta dall Ateneo negli ultimi anni ha sempre preso a riferimento un orizzonte temporale pluriennale con il fine di garantire il presidio degli equilibri economici, finanziari e patrimoniali tenendo conto della prospettiva di riduzione dei finanziamenti ministeriali, che costituiscono la voce principale di ricavo per l Ateneo, e il consistente piano di investimenti volti a razionalizzare l organizzazione logistica. L ammontare di utili di cui si è avuta evidenza in anni recenti ha rappresentato (come si legge nelle delibere del Consiglio di Amministrazione di approvazione dei bilanci consuntivi) la naturale conseguenza di una strategia di accumulo di risorse a sostegno degli investimenti ed è stato finalizzato alla costituzione di un patrimonio che negli anni a venire dovrà assicurare il mantenimento dell equilibrio. Pertanto, la copertura delle differenze negative che, come si vedrà di seguito, emergono dal confronto tra ricavi e costi di competenza non stupisce affatto, perché assolutamente consequenziale rispetto alla condotta tenuta nel passato dall Ateneo. L accumulazione di risorse, generate da un oculata gestione, è sempre stata motivata con la loro finalizzazione alla realizzazione dell ingente piano di razionalizzazione logistica diretto a consentire un più efficace ed efficiente perseguimento dei fini didattici e di ricerca che costituiscono la missione dell Ateneo. Tale accumulazione ha dato luogo ad un patrimonio netto consistente, alimentatosi anche attraverso la maturazione di utili di esercizio, e ad un capitale circolante fatto di un ammontare di liquidità ingente, nella prospettiva di loro utilizzo negli anni a venire, in sede di attuazione degli investimenti programmati e di dispiegarsi dei loro effetti economici, finanziari, patrimoniali. Merita sottolineare anche il fatto che, in relazione alla natura di ente pubblico dell Ateneo e in aderenza a disposizioni di legge, il budget ha natura autorizzatoria" ed è ispirato al principio della prudenza. Gli stanziamenti rappresentano pertanto dei plafond a volte sovrastimati rispetto ai costi che effettivamente si prevede di sostenere, per l esigenza di garantire la copertura economico-finanziaria di operazioni nella fase di avvio dell iter di spesa per il loro integrale ammontare, pur potendo nei fatti prefigurare un risparmio cui potrà essere però data evidenza solo una volta effettivamente conseguito 2. Al pari, in aderenza a principi di contabilità pubblica, la previsione di costi contiene anche uno stanziamento (sia pure contenuto) a titolo di Fondo di riserva destinato a far fonte a costi imprevisti scaturenti dalla gestione. L applicazione del principio della prudenza risente poi fortemente del contesto di estrema incertezza in cui l Ateneo deve operare, soprattutto per quanto riguarda la valutazione dei ricavi. Si pensi solo al fatto che ad oggi (dicembre 2013) non è ancora nota all Ateneo l entità del fondo di finanziamento ordinario per l anno in corso (FFO 2013) e che la modifica dei criteri di assegnazione, nota solo ad esercizio prossimo alla conclusione, può potenzialmente determinare oscillazioni di assegnazione piuttosto consistenti (in positivo o in negativo). Tali circostanze spiegano perché si evidenzia tendenzialmente in fase previsionale una prospettiva in termini di risultati di esercizio in genere meno favorevole rispetto a quella che emerge di fatto in fase consuntiva. D altra parte, non va trascurato che in passato l applicazione di questi principi ha consentito di fronteggiare maggiori oneri di carattere straordinario senza alcuna compromissione dell attività ordinaria. Per analogia con la contabilità finanziaria, si fa presente come, sulla base delle stesse logiche sopra descritte, il conseguimento dell equilibrio sia sempre avvenuto attraverso l iscrizione, in aggiunta alle entrate di competenza, del saldo finanziario presunto dell esercizio precedente. 2 Si pensi, per esempio, alla necessità di dare copertura, in prima battuta, all intero importo a base di gara, pur potendo prefigurare un ribasso, che andrà a determinare un costo effettivo inferiore all importo posto a base di gara. 3

6 È evidente tuttavia che l Ateneo deve mirare a migliorare il rapporto tra i ricavi e costi di competenza, soprattutto qualora in sede di chiusura dell esercizio dovesse venire meno la capacità di produzione di utili da poter destinare alla copertura dei disequilibri di competenza degli esercizi successivi. Si riportano di seguito i prospetti di sintesi rappresentati dal budget economico di Ateneo, il piano degli investimenti e il Budget finanziario, precisando quanto segue: distinzione tra costi a carico di risorse di Ateneo e costi con copertura. Il budget economico dà evidenza separata dei ricavi e dei costi di esercizio a valere su risorse di Ateneo e quelli che sono invece correlati all utilizzo di risorse finalizzate ( con copertura ), vale a dire finanziamenti concessi da soggetti terzi per la realizzazione di specifiche attività, cui sono correlati, pertanto, i relativi costi (con un saldo preventivato pari a zero). Di fatto, viene supposta una iniziale coincidenza tra ricavi e costi, ma è evidente che, con riferimento in particolare ad alcune tipologie di attività, l obiettivo deve essere la produzione di utili che consentano di alimentare ulteriori investimenti (si pensi, a titolo esemplificativo, all attività commerciale supposta in pareggio in sede di bilancio di previsione, con messa a disposizione degli utili solo una volta che se ne sia dimostrata l effettiva maturazione). L esistenza di componenti economiche connesse alla generazione di utili da attività commerciale o di margini riferibili a progetti finanziati trova evidenza nel budget economico momentaneamente attraverso la previsione in ogni anno di sopravvenienze o insussistenze attive. imputazione su voci specifiche di costo, ricavo, investimento vs aggregato progetti. Si fa presente che l attribuzione di costi o investimenti è avvenuta con imputazione su specifici conti che ne individuano la natura, qualora la stessa sia già precisamente individuabile in sede di previsione, oppure utilizzato l aggregato indistinto progetti qualora non sia possibile o opportuno identificare la natura del costo o dell investimento a priori. L aggregato indistinto progetti viene utilizzato esclusivamente in sede preventiva, poiché nella rilevazione consuntiva, anche qualora la rilevazione avvenga nell ambito di un progetto, l imputazione avviene sempre su specifiche voci contabili. 4

7 Budget Economico di Ateneo* Budget Economico A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale Ricavi di competenza dell'esercizio Costi di competenza dell'esercizio (al netto di ammortamenti) * di cui ricorrenti * di cui non ricorrenti DIFFERENZA R-C Differenza R - costi ricorrenti Previsione ammortamenti * di cui Ammortamenti altre immobilizzazioni (attrezzature, strumentazione, ecc.) * di cui ammortamenti di fabbricati e migliorie - contributi esterni a copertura ammortamenti fabbricati e migliorie UTILE/PERDITA PREVISTA SALDO COMPLESSIVO NEL TRIENNIO UTILIZZO RISERVE PATRIMONIALI (UTILI ESERCIZI PRECEDENTI) A PAREGGIO Differenza (Utili + ricavi di competenza) -costi * Costi e ricavi comprendono 8 milioni di euro circa di trasferimenti interni

8 Budget Investimenti di Ateneo Budget degli investimenti A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale A carico di risorse di Ateneo Con copertura (fondi esterni) Totale a) Voci dell'attivo già individuate in sede di previsione IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Diritti di brevetto e diritti di utilizzazione Concessioni, licenze, marchi e diritti simili Migliorie su beni di terzi Immobilizzazioni immateriali in corso e acconti Altre immobilizzazioni immateriali IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Terreni, fabbricati e costruzioni leggere Impianti Attrezzature e strument. tecniche, scientifiche e informatiche Mobili, arredi e macchine d'ufficio Patrimonio librario, opere d'arte, d'antiquariato e museali Altre immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni materiali in corso e acconti IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Partecipazioni iscritte nella immobilizzazioni finanziarie b) Progetti di cui edilizia di cui altro TOTALE INVESTIMENTI

9 BUDGET FINANZIARIO Esercizio 2014 Esercizio 2015 Esercizio 2016 FLUSSO DI CAPITALE CIRCOLANTE GENERATO DALLA GESTIONE CORRENTE: Risultato netto Rettifica voci che non hanno avuto effetto sulla liquidità: Ammortamenti e svalutazioni Variazione netta dei fondi rischi e oneri Vertenze in corso Rinnovi contrattuali + 0 Accordi bonari Garanzia Prestiti d'onore Emolumenti erogazione differita + 0 Adeguamento carriere + 0 Variazione netta del TFR (A) FLUSSO DI CAPITALE CIRCOLANTE OPERATIVO INVESTIMENTI/DISINVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI: Investimenti in immobilizzazioni materiali Disinvestimenti in immobilizzazioni materiali Investimenti in immobilizzazioni immateriali (da budget investimenti ) Investimenti in immobilizzazioni immateriali (da investimenti autorizzati nel passato) Disinvestimenti in immobilizzazioni materiali Investimenti in immobilizzazioni finanziarie Disinvestimenti in immobilizzazioni finanziarie B) FLUSSO MONETARIO (CASH FLOW) DA ATTIVITA DI INVESTIMENTO ATTIVITA DI FINANZIAMENTO: Aumento di capitale

10 Accensione di finanziamenti a medio-lungo termine Rimborso di finanziamenti a medio-lungo termine Variazione netta dei finanziamenti a medio-lungo termine C) FLUSSO MONETARIO (CASH FLOW) DA ATTIVITA DI FINANZIAMENTO D) FLUSSO DI CAPITALE CIRCOLANTE DELL ESERCIZIO (A+B+C) Capitale circolante netto iniziale Capitale circolante netto finale Flusso di capitale circolante netto dell'esercizio Nota:Il segno + indica le entrate; il segno - le Uscite Si evidenzia il fatto che nel budget economico i costi di esercizio sono stati suddivisi in due blocchi (costi di natura ricorrente e costi di natura non ricorrente) per dare evidenza del fatto che il 2014 si caratterizza per la presenza di componenti negative di reddito che hanno carattere di transitorietà e che vedono ripristinato il loro normale livello negli anni successivi. Essi si riferiscono in particolare agli accantonamenti per vertenze in corso, per l esigenza di adeguamento del fondo nel 2014 in rapporto alle cause in essere, nonché a transitori costi aggiuntivi di gestione degli spazi derivanti da periodi di sovrapposizione di gestione di sedi in dismissione e di sedi di nuova attivazione (ad esempio, il sostenimento di costi di manutenzione o di utenze per le sedi di Santa Marta e Via Torino fino al completo insediamento nella nuova sede delle strutture di area scientifica). Il budget degli investimenti dà evidenza della prosecuzione della strategia di Ateneo volta al miglioramento degli spazi fruibili per la realizzazione delle attività di didattica e di ricerca. Esso comporta investimenti di risorse di Ateneo per circa 25 milioni di euro, a cui si aggiungono gli interventi connessi alla residenzialità studentesca cofinanziati dal Ministero. Il Budget finanziario evidenzia la previsione dell andamento delle risorse finanziarie disponibili misurate dall aggregato capitale circolante, che è composto dalle disponibilità liquide più i crediti meno i debiti operativi. Il triennio si apre con risorse finanziarie disponibili per 72 milioni. In ciascuno degli esercizi considerati queste risorse subiscono un decremento per il combinato effetto: del consumo di risorse finanziarie nell ambito della gestione corrente; del consumo di risorse finanziarie per effetto dei nuovi investimenti (come indicato in dettaglio nel budget degli investimenti); dell approvvigionamento/restituzione di risorse finanziarie attraverso l accensione o il rimborso di finanziamenti. 8

11 Alla fine del triennio si prevedono risorse finanziarie disponibili per 34,3 milioni. Sii fornisce di seguito un quadro di sintesi in merito alla composizione di ricavi e costi, per poi passare alla più analitica descrizione della composizione delle del poste. Per quanto attiene ai ricavi,, la loro composizione e il trend nel triennio viene evidenziato nel prospetto che segue e nel relativo grafico. La composizione dei ricavi nel triennio La composizione dei ricavi di competenza petenza dell esercizio 2014 (al netto di trasferimenti interni) 2016 Ricavi da contribuzione studentesca Contributi dallo Stato * di cui FFO* Contributi da Regione Contributi da UE e soggetti esteri Contributi da altri soggetti Ricavi di vendita in ambito commerciale Altri proventi TOTALE (al netto di trasferimenti interni) Altri contributi statali 1% FFO 56% Contributi regionali 5% Contributi da UE e soggetti esteri 4% Contributi da altri soggetti 4% Attività commerciale e altri ricavi 2% Altri ricavi da studenti 2% Contribuzione studentesca CdL 26% La parte prevalente dei ricavi di esercizio è rappresentata dai contributi ministeriali,, in particolare il Fondo di finanziamento ordinario, ordinario che nel 2014 rappresenta il 56% dei ricavi di competenza mpetenza dell esercizio. Si è ipotizzato un andamento corrispondente a quello previsto nell attuale disegno di legge di stabilità, che prevede una sostanziale tenuta nel primo esercizio rispetto a quello in corso (pur in presenza di cambiamento nella composizione in relazione a 9

12 quanto disposto dalla legge 9 agosto 2013, n. 98 (cd decreto del fare ) 3, una leggera flessione nel 2015 (-0,27%), con conseguente transitorio peggioramento per l Ateneo del rapporto ricavi/costi di esercizio, e una leggera ripresa nel 2016 (+0,1%). Va tenuto presente che i risultati conseguiti negli ultimi anni dall Ateneo sugli indicatori che incidono sulla quota premiale sono stati buoni, ma non si sono tradotti in aumenti di entità corrispondente in termini di assegnazione di fondo di finanziamento ordinario, in relazione a quanto previsto dalla legge 240/2010 sugli interventi perequativi a favore degli atenei sotto finanziati. Il secondo posto in termini di peso (26%) è occupato dai contributi di iscrizione a corsi di laurea. Va tenuto presente che il ricavo viene valorizzato considerando il contributo pieno moltiplicato per il numero di studenti di cui è prevista l iscrizione. Il dato viene rettificato con una posta tra i costi rappresentativa della politica delle esenzioni (studenti esenti, rimborso di prima rata versata in eccesso, riduzione di seconda rata). L ammontare del contributo viene mantenuto invariato negli anni, a meno dell adeguamento per inflazione, e si suppone di preservare, salvo una leggera flessione, un numero consistente di studenti, in linea con il trend degli ultimi anni. I ricavi da contribuzione studentesca presentano un andamento crescente negli anni, per effetto del mantenimento del contributo a carico dello studente, adeguato esclusivamente in relazione all andamento dell inflazione, associato al sostanziale mantenimento nei primi anni del numero di studenti, che negli anni ha manifestato una tendenza alla crescita, arrivando a nell anno accademico 2012/13 (ultimo anno accademico concluso). Dal 2015/16 è prevista una leggera riduzione legata alla progressiva compressione dei tempi di conseguimento del titolo di studio. Una parte dei contributi studenteschi è correlato ad un componente negativo di reddito, rappresentato dal trasferimento alla Fondazione Cassamarca dell importo corrispondente ai contributi versati dagli studenti che si iscrivono ai corsi tenuti presso la sede di Treviso, nell ambito della convenzione con la Fondazione stessa che si accolla i costi del personale necessario per garantire il funzionamento dei corsi (il finanziamento è previsto in euro 2,1 milioni di euro, con valutazione prudenziale, nell ambito dei ricavi rappresentati da contributi da soggetti privati). Sull elevata incidenza dei contributi regionali incidono i trasferimenti per le borse di studio regionali, quantificate in 5,6 milioni di euro per ciascun anno del triennio, a cui si aggiungono contributi nell ambito del Fondo Sociale Europeo. I contributi da Unione Europea e da altri soggetti esteri rappresentano ricavi finalizzati alla realizzazione di progetti già presentati o programmati, nonché i contributi europei per la mobilità (Erasmus). La riduzione dei contributi nel triennio non è dovuta ad una previsione di minore capacità di reperimento di risorse, ma addebitabile esclusivamente ad una maggiore difficoltà previsionale rispetto alle linee di finanziamento attive mano a mano che si amplia l orizzonte temporale di riferimento. Negli altri ricavi da studenti rientrano, oltre ai corsi singoli, le more per ritardato versamento, e altri versamenti, i contributi versati per l iscrizione a master. I ricavi sono correlati ad un trasferimento alla Fondazione Ca Foscari, sulla base di apposita convenzione, si occupa della gestione amministrativa. I ricavi da attività commerciale sono sottostimati rispetto al loro andamento effettivo, in quanto in fase di previsione sono stati presi in considerazione quasi esclusivamente i contratti già in essere o di cui è già relativamente certa la stipula. In corso d anno lo stanziamento verrà integrato mano a mano che si procederà alla stipula di nuovi contratti. 3 Per maggiori dettagli si rinvia al paragrafo relativo ai trasferimenti ministeriali. 10

13 La voce Altri proventi considera la messa a disposizione di margini di progetti, anche in ambito commerciale (che in fase previsionale vengono supposti suppo in pareggio), nonché altre e sopravvenienze e insussistenze attive, che derivano anche dal venir meno di obblighi nei confronti di terzi. Per quanto attiene ai costi,, la loro composizione e il trend nel triennio viene evidenziato nel prospetto che segue e nel relativo grafico. La composizione dei costi nel triennio La composizione dei costii di competenza dell esercizio 2014 (al netto di trasferimenti interni) 2014 Costo retribuzione fissa al personale TI e TD (pers. strutturato) Costo retribuzione accessoria al personale strutturato Costo altro personale (pers. non strutturato) Altri costi per il personale Borse di studio e altri interventi di sostegno ad attività di studio Acquisto di beni e costi per servizi Trasferimenti passivi vs terzi Accantonamenti per rischi e oneri Interessi passivi e altri oneri finanziari Acquisti in ambito commerciale Altri oneri di gestione Progetti - Costi di esercizio non imputati a voci specifiche TOTALE (al netto di trasferimenti interni) Borse di studio e interventi di sostegno allo studio 13% Accantoname Acquisti in nti rischi e ambito oneri commerciale Trasferimenti 1% 1% Acquisto beni passivi vs terzi Oneri e costi servizi 2% finanziari 16% 1% Altri oneri di gestione 0,01 Altri costi per il personale 1% Personale non strutturato 4% Accessori al personale strutturato 3% Progetti Costi di esercizio 8% Personale strutturato 50%

14 I costi di esercizio hanno una distribuzione coerente con le linee strategiche dell Ateneo, volte: a garantire un adeguato contingente di personale, in linea con la realizzazione e lo sviluppo delle attività programmate, mediante l utilizzo di tutti i punti organico disponibili nel rispetto dei limiti di legge; a sviluppare nuove modalità di realizzazione dell attività didattica anche attraverso l e-learning; a sostenere i dottorati di ricerca, mantenendo consistente il numero di borse finanziate pur in presenza di una riduzione dei finanziamenti ministeriali finalizzati, investendo maggiori risorse proprie 4 ; a sostenere le iscrizioni, mediante un forte investimento in attività di orientamento, i servizi agli studenti, il placement dei laureati; a promuovere collaborazioni con gli studenti, che nel contempo consentono agli stessi di percepire compensi per sostenere la loro attività di studio e all Ateneo di fruire della loro preziosa collaborazione, mediante investimenti in assegni per attività didattico-integrativo (con integrazione della previsione di finanziamento ministeriale con fondi di Ateneo) e collaborazioni 150 ore, nonché sostenere le associazioni studentesche; a garantire la produttività delle strutture, attraverso la distribuzione delle risorse ai dipartimenti sulla base di criteri premiali in linea con quelli adottati a livello nazionale per l assegnazione dei fondi; ad assicurare la destinazione di cospicue risorse all elevazione del livello di internazionalizzazione dell Ateneo, con fondi destinati a borse di mobilità e programmi di interscambio, nonché fondi destinati ad avvalersi in Ateneo del prezioso contributo di visiting professors e researchers; a promuovere la visibilità di ca' Foscari in ambito internazionale, con particolare attenzione ai portali di recruitment, alla partecipazione a conferenze mirate, all organizzazione di eventi, di formazione e di divulgazione, aventi, tra gli altri, lo scopo di rafforzare lo strumento della "internationalisation at home"; a potenziare le attività di ricerca in Ateneo, anche attraverso l attivazione di assegni di ricerca e la previsione di meccanismi premiali legati alla capacità di reperimento di finanziamenti dall esterno; a sostenere il benessere del personale, attraverso l alimentazione del Fondo di Ateneo per la Sostenibilità Sociale (FASS), e la formazione del personale, seppure nel rispetto dei limiti fissati dalla legge; La componente di costo prevalente è rappresentata dalle retribuzioni del personale, con un andamento condizionato dalle regole sul turn over e dalla normativa sugli adeguamenti retributivi, che prevedono il ripristino degli adeguamenti stipendiali a decorrere dal 1 gennaio Nel paragrafo dedica to ai costi del personale viene data evidenza delle dinamiche dei costi del personale, tenendo conto delle cessazioni previste, delle nuove assunzioni (la cui entità è condizionata dalle cessazioni a valere sull anno precedente) e dagli adeguamenti retributivi a decorrere dal In crescita gli stanziamenti diretti a finanziare l assunzione di ricercatori a tempo determinato. La voce Altro personale (personale non strutturato) si compone di assegnisti di ricerca (2,1 milioni nel 2014), affidamenti e contratti (1,3 milioni), visiting professors e researchers, conferenzieri, collaboratori. 4 Si consideri che la riduzione dello stanziamento nazionale per borse di studio post lauream ha generato per l ateneo una contrazione di fondi ministeriali da 1,9 milioni nel 2012 a 1,5 milioni nel Nonostante questo la proposta di bilancio prevede il mantenimento di 52 borse per tutti i cicli da attivare. 12

15 La voce Acquisto di beni e costi per servizi è rappresentata in parte consistente da spese connesse alla gestione delle sedi dell Ateneo (utenze, pulizie, portierato, manutenzioni, ecc., per circa 10,2 milioni di euro), risorse elettroniche (1 milione di euro circa), organizzazione convegni e manifestazioni (1,1 milioni di euro), comprensivi degli eventi gestiti attraverso la Fondazione Ca Foscari, supporto alla residenzialità (circa 530 mila euro nel 2014, di cui per l Housing Office), costi connessi alla gestione dei master (1,6 milioni di euro, corrispondenti ai ricavi previsti), licenze d uso di software (circa 870 mila nel 2014), cui si aggiungono le relative manutenzioni, altre spese per acquisto di beni e servizi. I costi per borse di studio e altri interventi di sostegno ad attività di studio comprendono le borse di studio per dottorato di ricerca (3,8 milioni di euro circa, le borse di studio regionali (5,6 milioni di euro), borse di studio di mobilità, assegni per attività didattico-integrative, collaborazioni 150 ore, nonché le esenzioni a favore degli studenti connesse con il versamento dei contributi di iscrizione (5,9 milioni di euro). La voce Trasferimenti verso terzi include, oltre alle previsioni di versamento ai partner di quote di progetti, il trasferimento di circa 1,7 milioni di euro alla Fondazione Cassamarca nell ambito della convenzione di finanziamento dei corsi tenuti presso la sede di Treviso, nonché i trasferimenti allo Stato in adempimento di normative di legge che riguardano il contenimento della spesa. Alla voce Interessi passivi e altri oneri finanziari sono previsti gli oneri connessi all indebitamento già in essere e la previsione di nuove accensioni di finanziamento sulla base di quanto già deliberato dagli Organi di governo dell Ateneo. La voce Accantonamenti per rischi e oneri è formata in parte consistente dagli accantonamenti al Fondo vertenze in corso, in relazione alle cause in corso con gli ex lettori di madre lingua, che assume una consistenza notevole negli esercizi considerati, nonché dall accantonamento al Fondo Garanzia prestiti d onore. Gli Altri oneri di gestione sono riconducibili in particolare al pagamento di imposte e tasse. La voce Progetti - costi di esercizio non imputati a specifiche voci riguarda importi di progetti che in fase previsionale non è possibile o opportuno imputare a specifiche voci (ad esempio gli importi stanziati a titolo di ADIR o PRIN, o progetti europei solo programmati per i quali ancora non è ipotizzabile la composizione del budget di progetto). Comprende anche gli accantonamenti a titolo di Fondo di riserva e il Fondo per iniziative strategiche (euro per ogni anno del triennio). 13

16 La tabella e il grafico seguente danno evidenza del peso dell Amministrazione centrale e delle strutture autonome nell entità complessiva di ricavi e costi di esercizio. Gli importi esposti non considerano i trasferimenti interni. Pertanto, con riferimento all Amministrazione centrale la differenza tra ricavi e costi di competenza (al netto degli ammortamenti) è riconducibile, oltre che alla perdita di esercizio, alle assegnazioni operate a favore delle strutture (FUDD, assegnazioni alle Scuole, ecc.). Per quanto concerne le strutture, la differenza è addebitabile alle assegnazioni che ricevono dall Amministrazione centrale e dalle risorse dalle stesse destinate ad investimenti. Costi e ricavi distinti per aggregati al netto di trasferimenti interni Amministrazione centrale Strutture Totale Amministrazione centrale Strutture Totale Amministrazione centrale Strutture Totale Ricavi Costi Peso delle strutture autonome rispetto all entità di risorse gestite - anno 2014 Scuole di Ateneo 23% Centri 5% Sistema Bibliotecario 10% Dipartimenti 62% 14

17 Si fornisce di seguito un approfondimento sui principali aggregati del bilancio. I RICAVI DI ESERCIZIO LA CONTRIBUZIONE STUDENTESCA La previsione di ricavi da contribuzione studentesca degli iscritti ai corsi di laurea si basa sul presupposto di: 1) invarianza del contributo a carico degli studenti, con il solo adeguamento basato sul tasso di inflazione, come già deliberato dagli organi di governo; 2) invarianza della popolazione studentesca nell anno accademico 2013/2014 rispetto all anno accademico precedente e riduzione del 1% dall anno accademico 2015/16; 3) sensibile incremento del numero di studenti esenti, in linea con le dinamiche evidenziatesi negli ultimi anni. Per quanto riguarda il punto 1), il Senato Accademico nella seduta del 28 ottobre 2013 e il Consiglio di Amministrazione nella seduta del 15 novembre 2013 hanno deliberato la conferma del regime contributivo in vigore nell anno 2013/14 con il solo adeguamento del contributo al tasso di inflazione. I contributi massimi a carico degli studenti per iscrizione a corsi di laurea vengono evidenziati nella tabella che segue: Tasse e contributi di iscrizione a.a. 2013/14 Laurea Laurea Magistrale Tassa minima di iscrizione 200,00 200,00 Contributo di iscrizione (importo massimo)* 1.450, ,00 Totale Entrata contributiva (disponibile all Ateneo) 1.650, ,00 Imposta di bollo (da versare all Erario) 16,00 16,00 Tassa regionale per il diritto allo studio (da versare alla Regione)** min 140,00 - max 160,00 min 140,00 - max 160,00 * Su tale importo possono essere praticate riduzioni in base dalla condizione economica e/o merito. Gli studenti part-time versano il 65% della contribuzione prevista per gli studenti full-time. ** Proporzionale al valore ISEEU dichiarato dagli studenti Si è considerato a partire dal 2015/2016 un tasso moderato di riduzione della popolazione studentesca per effetto del progressivo contenimento dei tempi di conseguimento della laurea 5. Qualora si decidesse per l introduzione a partire dall a.a. 2014/2015 del numero programmato in alcuni corsi di laurea che 5 Il tempo medio di laurea registrato nel 2012 è di 5,77. 15

18 registrano una significativa numerosità di studenti in ingresso, dovrà essere operata una preventiva valutazione dell impatto economico di tale scelta, anche se si può prevedere che la riduzione del numero di studenti sarebbe molto contenuto, in quanto controbilanciata dall incremento delle iscrizioni a corsi ad accesso libero per i quali ancora non si raggiunge l auspicato dimensionamento. La tabella che segue illustra del trend delle iscrizioni negli 5 ultimi anni accademici conclusi e quelle dell anno accademico in corso (stimati pari a quelli dell anno accademico precedente, sulla base dell andamento delle iscrizioni ancora in corso). Numero totale di iscritti per anno accademico 2011/ / /14* 2014/ / /17 Iscritti a corsi di laurea e laurea magistrale Variazione in valore assoluto Variazione in % 2,2% 2,6% 0,0% 0,0% -1,0% -1,0% * Iscrizioni in corso. Dato presunto Nel prospetto che segue viene rappresentata la previsione delle entrate contributive per iscrizioni a corsi di laurea. La previsione delle entrate contributive nette per iscrizione a corsi di laurea nel triennio Previsione 2014 (dato COEP - competenza economica) Previsione 2015 (dato COEP - competenza economica) Previsione 2016 (dato COEP - competenza economica) Entrata netta Differenza La differenza positiva è imputabile, oltre che all incremento quantificato in base al tasso di inflazione (pari a quello rilevato nell anno 2012, 2,5%), anche all intenzione di messa in atto da parte dell Ateneo di azioni che riducano il fenomeno di mancata regolarizzazione della posizione connessa con il versamento della seconda rata, fenomeno che statisticamente riguarda almeno un migliaio di studenti all anno. Tali azioni consistono in un potenziamento della 16

19 comunicazione rivolta agli studenti al fine di renderli maggiormente consapevoli dell obbligatorietà del versamento (anche in caso di ritiro) e al recupero dei crediti in essere. Una parte delle entrate contributive (circa 1,7 milioni all anno) riguarda le iscrizioni ai corsi tenuti presso la sede di Treviso ed è rappresentata come entrata finalizzata (correlata ad un iscrizione in spesa nel titolo relativo ai trasferimenti ad altri soggetti) come previsto dagli accordi con la Fondazione Cassamarca che finanzia i corsi stessi. Ai ricavi per iscrizioni a corsi di laurea si aggiungono altre entrate connesse alla contribuzione, in particolare quelle per l iscrizione a corsi di dottorato di ricerca, ai test di pre-immatricolazione, le more per ritardati versamenti, altri versamenti da studenti, iscrizioni alla Summer School e al Collegio Internazionale di merito, stimate in complessivi euro 891 mila annui. Vengono previste inoltre entrate per i Percorsi Abilitanti Speciali (PAS) per un importo stimato di euro Tale budget rappresenta una prima stima che sarà oggetto di più puntuale definizione anche relativamente alle concrete modalità di impiego solo in corso d anno, in fase di avvio dei corsi che avverrà nel mese di febbraio Il percorso formativo di cui trattasi è dedicato a docenti non di ruolo, compresi gli insegnanti tecnico pratici, in possesso dei titoli di studio previsti dal D.M. n.39/1998 e dal D.M. n.22/2005 che abbiano maturato, a decorrere dall anno scolastico 1999/2000 fino all anno scolastico 2011/2012 incluso, almeno tre anni di servizio in scuole statali, paritarie ovvero nei centri di formazione professionale, limitatamente ai corsi accreditati per l assolvimento dell obbligo scolastico. I ricavi per iscrizioni a master sono previsti in euro 1,6 milioni di euro per ciascun anno del triennio e sono correlati alla voce di costo rappresentata dai costi per servizi connessi ad attività didattiche. I CONTRIBUTI DALLO STATO Il Fondo di Finanziamento Ordinario La parte più consiste di finanziamento all Ateneo da parte del Miur è rappresentato dal Fondo di finanziamento ordinario. Sulla base di quanto disposto dalla legge 9 agosto 2013, n. 98 (cd decreto del fare ), al fine di semplificare il sistema di finanziamento delle università, a decorrere dall esercizio finanziario 2014 confluiscono nel FFO anche assegnazioni che fino al 2013 ne erano distinte e, in particolare: i fondi per la programmazione dello sviluppo del sistema universitario; il Fondo per il sostegno dei giovani e per favorire la mobilità degli studenti; il finanziamento per borse di studio universitarie post lauream. La valutazione in merito all andamento a livello nazionale dei fondi destinati al sistema universitario va pertanto fatta comparando l entità del fondo 2014 nella nuova composizione con il fondo 2013 integrato delle voci che in esso confluiranno. 17

20 Finanziamento a livello nazionale per il Fondo di Finanziamento Ordinario delle università FFO Fondi per la programmazione dello sviluppo del sistema universitario Fondi Legge 170/ Fondi borse di studio post lauream TOTALE DA COMPARARE (*) * La riduzione del 2014 dovrebbe essere riassorbita dall incremento previsto nel disegno di legge di stabilità di euro 150 milioni, in parte compensato dal turn over 6. Si è iscritto un ammontare di fondo di finanziamento ordinario calibrato sul peso medio dell Ateneo a livello nazionale (circa 1,03%) e isolate le componenti finalizzate (piano straordinario associati, incentivi docenti e ricercatori articolo 29 comma 6 Legge 240/2010, assegnazioni Legge 170/2003, borse di studio post lauream, accordo di programma per il Collegio internazionale, ecc.), quantificate sulla base di stime allineate con le assegnazioni degli anni precedenti. Ai fini del calcolo il peso medio è stato applicato allo stanziamento nazionale presunto decurtato di una quota (dimensionata sulla base di quanto destinato nel FFO 2013) riferita agli accordi di programma. L Ateneo riceve dal Miur finanziamenti a tale titolo in relazione all accordo di programma stipulato nel 1998 per complessivi euro ,97 a finanziamento dei lavori per la realizzazione della sede di Via Torino, la cui ultimazione è prevista nel Il finanziamento residuo atteso, che verrà erogato a seguito di rendicontazione, ammonta ad oggi a circa 4 milioni di euro. Per il 2014 si è prudenzialmente valutata l assegnazione aggiuntiva a valere sull incremento di euro 150 milioni a livello nazionale in euro 1 milione. La quantificazione sugli anni 2015 e 2016 è stata fatta considerando l andamento degli stanziamenti base nel bilancio dello Stato nell attuale disegno di legge di stabilità. 6 L articolo 58, comma 17, del decreto-legge 69/2013 cosiddetto del fare, convertito dalla legge 98/2013, ha modificato la normativa del blocco parziale del turnover, prevedendo per il 2014 di tornare dal 20% al 50% del turnover, come era già stato stabilito per il Ciò aveva migliorato leggermente la situazione dei tagli all FFO conseguenti al blocco del turnover. Nella legge di stabilità per il 2014, attualmente in discussione, il Governo ha proposto di mutare ancora una volta la normativa. Infatti l articolo 11, comma 8, lettera b) stabilisce che le percentuali massime di turnover utilizzabile per le nuove assunzioni si abbasserebbero dal 100% al 60% nel 2016, dal 100% all 80% nel 2017, per tornare e rimanere al 100% dal 2018 in poi. Tale modifica comporta una ridefinizione dello stanziamento per FFO nel triennio rispetto alla quantificazione operata con il decreto-legge 69/

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche

Bilancio di previsione di ciascun anno in forma sintetica, aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche Art. 29, c. 1, d.lgs. n. 33/2013 Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Delibera ANAC n. 50/2013

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26

La composizione delle poste di bilancio... pag. 26 Il bilancio di previsione 2013 e il bilancio triennale 2013-2015 Relazione descrittiva delle poste di bilancio Consiglio di Amministrazione del 21 dicembre 2012 INDICE Il Bilancio Unico di Ateneo 2013-2015.

Dettagli

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica.

Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Regolamento per l introduzione del bilancio unico e dei sistemi di contabilità economico-patrimoniale e analitica. Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi della normativa

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011

Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 ..... Bilancio e contabilità... Armonizzazione contabile degli enti territoriali Le caratteristiche del sistema di contabilità economico patrimoniale previsto dal D.Lgs. n. 118/ 2011 di Stefano Ranucci

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CONSUNTIVO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Premessa Il bilancio consuntivo dell'esercizio chiuso al 31 dicembre 2013, composto da Stato Patrimoniale, Conto Economico e Nota Integrativa,

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag.

Adempimenti connessi al contenimento della spesa pubblica per spese di funzionamento ( Esercizio 2013 al 31/12/2013) Introduzione. Pag. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA RISORSE E BILANCIO SERVIZIO BILANCI BUDGET CENTRI AUTONOMI DI GESTIONE SETTORE CONTABILITÀ ANALITICA E RENDICONTAZIONI Adempimenti connessi al contenimento della spesa

Dettagli

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI

FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI FINANZIAMENTI USCITE FINANZIARIE ENTRATE FINANZIARIE INVESTIMENTI COSTI PROCESSO PRODUTTIVO TECNICO INTERNO DISINVESTIMENTO RICAVI Processo evolutivo in materia contabile D.P.R. 382/80 riconoscimento alle

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara

Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute Via Solaroli, 17 28100 Novara RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2010 La Facoltà di Medicina adotta un bilancio annuale di previsione per l anno finanziario 2010 redatto in conformità a quanto previsto dal Regolamento di Ateneo

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO

BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO I.R.P.E.T. Istituto Regionale per la Programmazione Economica della Toscana BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2015 2 INDICE Conto economico preventivo annuale Proiezione triennale del Conto economico preventivo

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254)

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) REGOLAMENTO DI ATENEO PER L AMMINISTRAZIONE, LA FINANZA E LA CONTABILITÀ (emanato con decreto rettorale 19 aprile 2013 n. 254) INDICE TITOLO I NORME GENERALI CAPO I Principi e finalità Articolo 1 (Ambito

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10

TEMI SPECIALI DI BILANCIO. Il rendiconto finanziario OIC 10 TEMI SPECIALI DI BILANCIO Il rendiconto finanziario OIC 10 Parma, 1 Ottobre 2014 1 Indice 1. Finalità del principio 3 2. Ambito di applicazione 4 3. Definizioni 5 4. Contenuto e struttura 6 5. Classificazione

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000

Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices COMUNE DI ALESSANDRIA DIREZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA SERVIZIO ECONOMICO-FINANZIARIO Nota integrativa al bilancio al 31/12/2000 Premessa

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Il bilancio in esame è unico per tutto l Ateneo di Brescia (n. di studenti stimato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi -

- Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - 71 - Il rimborso dei prestiti e le spese da servizi per conto terzi - Il Titolo 3 delle uscite è costituito dai rimborsi di prestiti e dalle anticipazioni di cassa. La contrazione di mutui a titolo oneroso

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2014

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2014 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del del 31 maggio 2011,

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA REGOLAMENTO DI CONTABILITA dell Azienda Speciale del Comune di Cavriago CavriagoServizi Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 30 luglio 2008 I N D I C E CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

bilancio di previsione 2015

bilancio di previsione 2015 bilancio di previsione 2015 consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza bilancio di previsione 2015 3 Componenti Organi Ente consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL MOLISE FONDO TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO E PERSONALE ELEVATE PROFESSIONALITA ANNO 2015 1. FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO

Dettagli

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014)

Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) Regolamento per l'amministrazione, la Finanza e la Contabilità della Scuola Normale Superiore (in vigore dal 01.01.2014) (emanato con Decreto del Direttore n. 420 del 09.10.2013, pubblicato in pari data

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a:

Quanto sopra premesso per evidenziare che, nel corso dell esercizio 2013 si è provveduto a: Allegato 1 Riclassificazione della spesa per missioni e programmi Con l entrata in vigore del decreto legislativo 27 gennaio 2012, n. 18 Introduzione della contabilità economico-patrimoniale, della contabilità

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014

RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE ALLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE PER L ANNO 2014 Il presente bilancio è stato redatto in linea con le indicazioni deliberate dal Consiglio e tiene conto delle disposizioni

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE BANCA DEL MONTE DI ROVIGO AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Finalità del processo di gestione del patrimonio Fondo stabilizzazione

Dettagli

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF

La gestione del programma annuale: l interfaccia finanziaria del POF PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H Agorà, il portale Formiur: valorizzare l informazione e la conoscenza per il miglioramento dei servizi scolastici

Dettagli

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato

Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca. Le nuove Scuole di Dottorato Marco Apollonio Delegato rettorale ai Dottorati di Ricerca Le nuove Scuole di Dottorato L Università degli Studi di Sassari nell a.a. 2007-2008 giunge al definitivo passaggio dal sistema dei Dottorati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO

FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO FINANZIAMENTO DELLE CHIAMATE DIRETTE NEI DECRETI DI RIPARTIZIONE DEL FFO Decreto Ministeriale 28 marzo 2006 n. 207 Art. 5 Chiamate dirette nei ruoli dei docenti di studiosi ed esperti stranieri o italiani

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI)

Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI) Università della Valle d'aosta Université de la Vallée d'aoste BILANCIO DI PREVISIONE 2014 (COEP) 2014/2016 (COFI) Premessa La relazione di accompagnamento al bilancio di previsione dell esercizio 2013,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA BILANCIO PREVENTIVO 2015 Gentili Revisori dei Conti, RELAZIONE DEL TESORIERE il bilancio di previsione 2015 che viene sottoposto alla Vostra

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9

PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA REDAZIONE DEL BILANCIO CIVILISTICO 2014: LE PRINCIPALI NOVITA PERDITE DI VAL SU IMM. MAT. E IMMAT. - OIC 9 Dr. Riccardo Bauer 2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Consorzio Interuniversitario per L Alta Formazione in Matematica Polo Scientifico - CNR Edificio F Via Madonna del Piano 50019 Sesto Fiorentino (FI) email: ciafm@fi.iac.cnr.it Codice Fiscale: 94114230488

Dettagli

Il bilancio unico: aspetti teorici e tecnici Programmazione e gestione: il Budget

Il bilancio unico: aspetti teorici e tecnici Programmazione e gestione: il Budget Il bilancio unico: aspetti teorici e tecnici Programmazione e gestione: il Budget Tommaso Agasisti Politecnico di Milano, Dipartimento di Ingegneria Gestionale e. tommaso.agasisti@polimi.it Agenda u Policy-making,

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014

A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 A.I.S.OS. ONLUS Codice fiscale 08433741009 VIA SANTA CROCE IN GERUSALEMME 97-00185 ROMA RM Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2014 Gli importi presenti sono espressi in unita' di euro Premessa

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2

INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 INDIRIZZO ECONOMICO GIURIDICO CLASSE A017 - n. 2 l) Le riserve di capitale: a) costituiscono autofinanziamento per l impresa b) derivano da sottovalutazione di elementi dell attivo c) costituiscono una

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA REGOLAMENTO PER L IMPEGNO DIDATTICO DEL PERSONALE DOCENTE E RICERCATORE DELLA SCUOLA TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Emanato con D.R. n. 337del 18/07/2014. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

a cura dell'area Amministrazione e Finanza BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014

a cura dell'area Amministrazione e Finanza BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 a cura dell'area Amministrazione e Finanza BILANCIO UNICO DI ATENEO ESERCIZIO 2014 STATO PATRIMONIALE- POLITECNICO DI MILANO Esercizio UE Autonoma UE Periodo Voce riclassificato Con Dettagli Con Esercizio

Dettagli