come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento"

Transcript

1 Lore Terracini <I!lngua come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento (con unafrangia cervantina) Stampatori

2 Indice p. IX Premessa 3 La presa di coscienza (Valdés) 5 Parte prima La cornice del «Dialogo de la lengua» 24 Parte seconda La sostanza del «Dialogo de la lengua» 55 «Cuidado» vs. «Descuido» I due livelli dell'opposizione tra Valdés e Boscan 87 Tradizione illustre e lingua letteraria, problema del Rinascimento spagnolo (da Nebrija a Morales) 89 Avvertenza 93 Parte prima La tradizione 117 Parte seconda Il problema e il materiale 128 Parte terza I testi 229 Lingua grave, lingua lasciva (Herrera) 285 Una frangia agli arazzi di Cervantes 323 Indice dei nomi VII

3 Premessa Il titolo unificante di questo volume è di oggi. I lavori che esso raccoglie sono di ieri, e anche dell'altro ieri; pubblicati in occasioni diverse, lungo l'arco di più di un decennio, tra il 1957 e il Si impongono dunque come preliminari sia una riflessione sul loro carattere più o meno organico, sia soprattutto una precisazione sulla loro età e sui restauri che essa esigeva. 1. Che i cinque lavori rientrino in un filone unitario, mi seù} bra una circostanza oggettiva, al di là di una mia consapevolezza autobiografica. Anzitutto per i contenuti. Il materiale di analisi è costituito prevalentemente da testi spagnoli tra la fine del Quattrocento e la fine del Cinquecento (con una escursione medievale e una esplorazione cervantina), i quali toccano problemi teorici sul piano linguistico-letterario. Ma, ed è questa la loro caratteristica, in genere non li toccano in sistematiche esposizioni di carattere precettistico. Li sfiorano nelle circostanze occasionali di prologhi e di dediche di altri testi, li disseminano nella concretezza pragmatica del dialogo, li intrecciano in discorsi e scritture di altro tipo. Ne possono risultare stridenti contrasti con la solennità precettistica o inserimenti complessi in trame narrative. I testi esaminati non sono dunque tappe regolari in una storia delle idee linguistiche e retoriche nella Spagna del Cinquecento. Né di queste idee i miei lavati intendono fornire una sistematica indagine ed esposizione come quella, per esempio, fatta da Lizaro Carreter per la Spagna del Settecento. Quanto a me interessava non era la storia delle idee; e neppure, per allettante che fosse, una storia di parole che scandisse questa storia di idee: gusto, primor e donaire, ingenio e juicio, decoro e cuidado, llaneza e descuido, afeites e afectaci6n, rodeos e artificio, e tutta la linea che unisce e oppone dulce, blando, tierno, suave a grave e gravedad, ecc. ecc. Più che i concetti e le parole a me interessavano i testi; dall'excursus nelle opere medievali nella prima parte della Tradizione illustre fino al sondaggio nel Quijote, direi che in queste pagine l'attenzione per la concretezza dei testi e della scrittura predomina e di molto su quella per l'astrattezza dei concetti. Il che non toglie che, quanto ai concetti, essi emergano con una evidenza che va al di là del loro carattere di luogo comune: lingua imperiale, che le bandiere spagnole estendono geograficamente per il mondo ma che, storica- IX

4 mente, si sente priva di antica nobiltà letteraria; costituzione di t'ratti tipologici nella tradizione linguistico-letteraria medievale e ambiguità e tentennamenti nel loro riconoscimento successivo; atteggiamenti competitivi e analisi differenziali nel riguardi dell'italiano e del prestigio della sua letteratura; vanto di primato esterno per la propria lingua e buoni proponimenti all'interno per la sua cura; il problema della traduzione, da Valdés a Cervantes, ecc. Tra questi lavori esiste dunque una omogeneità; come del resto attestano i rimandi all'indietro tra un lavoro e l'altro. In un certo senso, è tutto nato col saggio su Valdés; o meglio, detto in modo meno autobiografico, osservo ora che nel saggio su Valdés c'erano già molti germi di tutti gli altri. 2. A questa coerenza orizzontale tra i cinque lavori si accompagnano due problemi verticali: quello della loro successione e quello della loro età. a) Quanto al primo, non ho proceduto qui a nessun tentativo di omogeneizzazione. Da un lato, ho lasciato inalterate certe autocorrezioni operate a distanza di anni (per es. quella tra p. 211 e p. 47 sui rapporti politici e culturali tra il Castiglione e Valdés), proprio come testimonianza di un successivo approfondimento. D'altro lato non ho fatto nulla per evitare ripetizioni nelle citazioni di passi; appunto perché iterate e ricorrenti, esse possono mettere in rilievo l'importanza dei passi stessi come tappe d'obbligo in percorsi differenziati. A loro volta, le citazioni bibliografiche sono omogenee all'interno dei singoli lavori, non dell'intero volume. b) Ma il discorso più esplicito si impone sul secondo punto. I saggi sono datati. Hanno il primo 22 anni, il secondo e il terzo una quindicina, gli ultimi due ne hanno Il; inutile nasconderlo. Un aggiornamento a oggi avrebbe richiesto anni di lavoro. Anzitutto sul piano delle indicazioni bibliografiche; ma anche molto più all'interno. Avrebbe significato riprendere a fondo non solo dati ma problemi e ricerche, da quelli più vasti a quelli più minuti. È chiaro che se ripropongo oggi i miei lavori è perché, quanto al mio discorso, penso che regga ancora; ma non mi sono sentita di toccarne, spostarne né rafforzarne i puntelli. Mi trincero dunque dietro una tradizione illustre di non aggiornatori, dei quali prudentemente in questi mesi sono andata raccogliendo una piccola antologia. Ne esibisco solo due. Uno è Contini, che raccoglie i suoi scritti dispersi ( ) in Varianti e altra linguistica (Einaudi, Torino 1970) senza modifiche, non solo perché «il tempo dedicato a raccogliere le vecchie carte è sottratto al x

5 vergarne di nuove» ma per la ragione più profonda che, nella «cronologia interna dell'individuo», non si può giudicare «come se tutte le esperienze fossero equidistanti dal nostro presente, come se le nostre letture, contemplazioni, audizioni fossero contemporanee e la nostra memoria, anche a lasciarne stare la bontà quantitativa, si svolgesse fuori del tempo». L'altro è Prieto, che pubblica in italiano i Lineamenti di semiologia (Laterza, Bari 1971) rinunciando a uno scoraggiante aggiornamento del testo originale di alcuni anni prima perché è consapevole dell'impossibilità di «integrare nel testo con una semplice revisione» i risultati e i problemi sorti dalle sue stesse ricerche successive, anche se è convinto che in una nuova versione, basata su «uno sfondo epistemologico nuovo», «poco di quanto vien detto nel libro dovrà essere abbandonato». Scartata perciò a priori l'idea di un aggiornamento che consentisse di datare i miei lavori 1979, li ho esplicitamente lasciati datati: 1957, , II problema se non di vestirli a nuovo almeno di lavargli la faccia, come avrebbe detto Morales, mi si è posto comunque: e almeno su tre fasce: una nel testo, una nelle note, e un'altra più diffusa 2. a) Una prima fascia è quella dell'espressione, in cui le rughe erano profonde ma non faticosamente ritoccabili. Soprattutto nei primi tre lavori ho quindi introdotto energici restauri sul piano della fonna: dalla punteggiatura alla sintassi e al lessico. Non è questa la sede per imbastire sistematicamente un «come scrivevamo»: eravamo ipotattici, accademici, metaforici. Ho dunque spietatamente tolto virgole e messo punti; ho proceduto a trasformazioni paratattiche; ho cercato di eliminare ciò che oggi risulta una patina in parte scrostabile della scrittura di allora. Probabilmente molto mi sarà sfuggito; il lettore sia comunque avvertito della mia buona volontà a questo riguardo. b) Sul piano del contenuto, per quanto riguarda le note, che sono parecchie centinaia, ho rinunciato a priori a qualunque intervento di carattere informativo e bibliografico. Un aggiornamento avrebbe significato in pratica una rassegna sistematica degli studi usciti in questi decenni su medioevo, rinascimento, manierismo e barocco, su erasmismo, i riformatori, gli eretici, sui trattatisti del Cinque e Seicento, sulla questione della lingua in Italia, sui testi e i carteggi del Castiglione, sui rapporti tra Italia e Spagna, sulla Napoli spagnola, sui vocabolari siciliani, sui singoli autori spagnoli da Alfonso X a Cervantes e oltre, ecc. ecc. Presa dal pa- XI

6 nico, ho deciso di lasciare tutto come stava; subel~trata la fiducia, ho pensato che la bibliografia e le not~ eran? essenzialmente u.n supporto, esplicito e datato, per un mlo raglonamento che mi sembrava stare ancora in piedi. Lasciare tutto come stava ha significato dunque che, per esempio, il libro di G. L. Beccaria sugli ispar~ismi i? italial;o, che è del 1968, appare come è logico solo nelle mie pagl11e del 68 stesso; e i miei lavori precedenti vengono qui ristampati coi loro discorsi pre-beccaria per es. su sosiego e primor. Lo stesso per i lavori di E. Asensio e di L. Stegagno Picchio, che appaiono dopo il mio Valdés. Così, d'altra parte, C. Samonà e M. Socrate figurano qui coi vecchi loro lavori degli anni Sessanta; e ci sono il Segre di Lingua, stile e società e il Greimas dei Modelli semiologici, e non quelli successivi; e così via. Lo stesso per le citazioni. Per esempio, Vossler resta citato in tedesco nel primo lavoro, e in traduzione italiana, intanto uscita, in quelli successivi; di Bahner si cita l'edizione tedesca, non quella. spagnola che è del 1966; Foucault resta in edizione francese; e, caso limite, di Segre figura la SyntfJèse stylistique ancora in francese (1967), perché la versione italiana appare nel Come ho rinunciato alla rassegna bibliografica, così a priori ho rinunciato a stilare un bollettino editoriale. Lasciare tutto come stava ha significato anche decidere di non procedere a una revisione del mio discorso che vi introducesse i risultati, pur importanti, di studi successivi. Così non tengo presenti per Valdés per esempio - oltre alle edizioni di J. M. Lope Blanch, Porrua, México 1966, e di A. Comas, Bruguera, Barcelona il saggio di G. L. Guitarte, Alcance y sentido de las opiniones de Valdés sobre Nebrija (in Estudios filologicos y lingiiisticoso Homenaje a A. Rosenblat en sus 70 afios, Instituto Pedagogico, Caracas 1974, pp ); o, per la trattatistica spagnola nel suo insieme, per esempio, i volumi di A. Marti (La preceptiva retorica espaìiola en el Siglo de Oro, Gredos, Madrid 1972), J. Rico Verdu (La retorica espaìiola de los siglos XVI y XVII, Anejos de la «Revista de Literatura», Madrid 1973), K. Kohut (Las teorias literarias en Espafia y Portugal durante los siglos XV y XVI, CSIC, Madrid 1973); o, per le parole del Rinascimento, il saggio di R. Mercuri (Sprezzatura e affettazione nel «Cortegiano», in Letteratura e critica. Studi in onore di N. Sapegno, Bulzoni, val. II, Roma 1975, pp ); e, per uomini dotti del Rinascimento spagnolo, gli studi di Inoria Pepe su Argote de Molina e Alvar Gomez de Castro; o, al di qua del Rinascimento, le pagine di A. Ruflinatto sul rapporto di Berceo col suo pubblico. Così come, per il problema del pubblico e del suo orizzonte d'attese, è restato fuori Jauss o, per il retro degli arazzi, il Bachtin del mondo alla rovescia, ecc. ecc. Anziché continuare all'infinito questo elenco in negativo, pre- XII

7 ciso che sono intervenuta su altri due piani. Invece di aggiornare, nel vecchio lavoro su Valdés ho sfrondato molte note bibliografiche su questioni generali (biografia di Valdés, sua posizione religiosa, erasmismo, rapporti italo-spagnoli, ispanismi in italiano, questione italiana della lingua); si trattava in parte di uno sfoggio giovanile di erudizione, in parte di rinvii effettivamente troppo datati. In tutti i lavori, invece, per due testi di frequente uso ho sistematicamente aggiornato le citazioni su edizioni critiche recenti: per Valdés quella di C. Barbolani, per Morales quella di V. Scorpioni. Per il Diétlogo de la lengua ciò mi ha portato, come un addio a un vecchio amico, a sostituire sistematicamente il nome del personaggio Pacheco con Torres. c) La terza fascia riguardava espressione e contenuto insieme. A una rilettura, il protostrutturalismo degli ultimi lavori mi sem~ brava ancora reggere anche se datato ai tardi anni Sessanta; invece, negli strati idealistici dei primi lavori sentivo i segni del tempo, in un modo che a me stessa riusciva pesante più che non il mancato aggiornamento delle note storico-culturali. Alcuni interventi si potevano operare sul semplice piano terminologico, spostando il discorso dal dentro al fuori. Ho dunque ritenuto effettuabili trasposizioni come quella da «forma interna» a «tipo», «carattere», «modello». Quanto agli «spiriti», spero di averli ripescati ed eliminati quasi tutti; o, se non altro, come nel caso di Geist tmd Kultur di Vossler, di averli opportunamente ingabbiati tra virgolette storicizzanti. I «sentimenti» ho cercato di eliminarli; mentre senza pudori ho lasciato parecchie «consapevolezze» e «coscienze»: coscienza linguistica (dietro alla quale sta anche il titolo Spracbbewusstsein di Bahner), coscienza formale, coscienza normativa. Ma da questo restauro a fior di pelle esco con una sensazione di disagio. E mi convinco che ha ragione Prieto sui due fronti del suo discorso: da un lato l'impossibilità di procedere a un semplice aggiornamento su uno sfondo epistemologico nuovo, d'altro lato la probabilità che quanto è stato detto possa comunque non venir abbandonato. Se dovessi rifare tutto, oggi imposterei il lavoro in termini semiotici, passando dall'analisi di problemi di coscienza a quella di problemi di competenza. Metterei in primo piano le questioni dei generi e delle poetiche. Parlerei di costituzione dei codici e di enunciati di carattere metalinguistico sui codici stessi. Metterei in rilievo nel discorso barocco la contraddizione tra il livello metalinguistico, che rifiuta i codici medievali, e quello poetico che li tiene in piena funzione. Soprattutto, mi porrei, in modo esplicito e non tra le righe, un problema di tipologia; non di fronte al grottesco irrigidimento con cui Herrera fissa spagnolo e italiano sui due poli di un XIII

8 mondo morale, ma di fronte a tutte quelle pagine in cui Valdés, Garcilaso, Castillejorilevano nello spagnolo tratti caratteristici, a tal punto da ritenere difficili o impossibili traduzioni, o spostamenti di codici formali, da altre lingue. Al di là della diversità ricono sciuta in questi tratti - tendenza alla metafora e all'equivoco, ten denza alla brevità e alla chiarezza, ecc. - il punto da approfondire in via teorica mi sembra proprio questa insistenza sulla peculiare «proprietà» di una lingua. Abbiamo da tempo una tipologia della lingua, abbiamo ora una tipologia della cultura; mi domanderei che cosa sia dal punto di vista teorico l'embrionale tipologia della lino gua letteraria che affiora in queste pagine del Cinquecento; che cosa sia questa linguistica dei particolari e non degli universali; che cosa sia questo riconoscimento di tratti tipici, che da un lato si prestano ad atteggiamenti descrittivi e comparativi, d'altro lato si sono costituiti lungo la concretezza della storia. Giro la domanda ai linguisti. Per conto mio confido, con Prieto, che, anche se la nostra prospettiva oggi è diversa, questo libro, nella sua sostanza, abbia ancora un senso. Ringrazio i molti amici con cui per anni mi sono consultata su queste pagine e recentemente su questa ripresentazione. Mi limito qui per i loro suggerimenti in questa occasione a Cesare Acutis, Bice Mortara Garavelli, Inoria Pepe Sarno, Dario Puccini, Aldo Ruffinatto, Carmelo Samonà, Cesare Segre. In particolare, ringrazio le giovani studiose Letizia Bianchi e Marina Camboni che, mentre su mia richiesta mi hanno segnalato con gentile implacabilità spiriti e sentimenti troppo di ieri, mi hanno anche rassicurato che il discorso funzionava ancora oggi. Dedico questo volume alla memoria di Benvenuto Terracini. Non perché gli ultimi due lavori sono stati pubblicati in circostanze connesse con la sua morte ma perché, in vita, quasi tutti questi lavori li ha visti nascere, e molto da vicino. Torino, 16 ottobre l Questa la provenienza dei lavori: 1. Juan de Valdés: «Dialogo de la lengua». Ediz. abbreviata, con Introduzione (pp. 5-68) e commento. In Collez. di Testi e Manuali. Pubblicaz. dell'istituto di Filologia Ro manza della Facoltà di Lettere dell'univo di Roma, S.T.E.M., Modena Roma 1957, di 201 pp. Pubblico qui l'introduzione (cf. anche n. 2). 2. Valdés: «cuidado» - Boscan: «descuido», in «Studi di Letteratura spagnola» 1965, pp Tradizione illustre e lingua letteraria nella Spagna del Rinascimento, in «Studi di Letteratura spagnola» 1964, pp e 1965, pp Il lavoro 2 seguito dal 3 come Appendice, è stato raccolto in volume, P.U.G., Roma 1964, di 171 pp. 4. Analisi di XIV

9 un confronto di lingue (F. de Herrera, «Anotacionesi>, pp ), in «Archivio glottologico italiano» (val. in memoria di Benvenuto Terracini), LIII, 1-2, 1968, pp Una frangia agli arazzi di Cervantes, in AA. VV., Linguistica e Filologia. Omaggio a Benvenuto Terracini, a cura di C. Segre, Il Saggiatore, Milano 1968, pp Nell'ordinamento dei saggi, inoltre, ho reso autonomo il secondo rispetto al terzo, del quale esso era appendice. Ho modificato leggermente i titoli dei vari saggi; all'interno del primo e del terzo ho introdotto i titoli dei paragrafi e nel terzo ho distribuito le sezioni in modo leggermente diverso. All'inizio del quarto ho tolto riferimenti d'occasione. Quanto al primo saggio (nato come una Introduzione alla quale seguiva un testo, qui eliminato), ho inserito nelle note ampie citazioni dal Dialogo de la lengua e alcune delle mie note al testo stesso. xv

10 Elenco delle abbreviazioni «BAE» «BHi» «BHS» «BICC» «BRAE» «CN» «CyR» DCELC D.L. HMP «NRFH» «PMLA» «RFE» «RFH» «Biblioteca de Autores espaiioles» «Bulletin hispanique» «Bulletin of Hispanic Studies» «Boletfn del Instituto Caro y Cuervo» «Boletm de la rea! Academia espaiiola» «Cultura neolatina» «Cmz y Raya» Diccionario critico-etimologico de la lengua castellana, a cura di J. Corominas DifIlogo de la lengua di J. de Valdés, in generale; in particolare, ed. critica a cura di C. Barbolani de Garda, D'Anna, Messina-Firenze 1967 Homenaje a Menéndez Pidal, Madrid «Nueva Revista de Filologia hispanica» «Publications of the Modern Language Association of America» «Revista de Filologia espaiiola >, «Revista de Filologia hispanica >, XVI

11 LINGUA COME PROBLEMA NELLA LETTERATURA SPAGNOLA DEL CINQUECENTO (con una frangia cervantina) Alla memoria di Benvenuto T erracìni

12 La presa di coscienza ( Valdés )

13 Parte prima La cornice del «Dialogo de la lengua» 1. Il dialogo e i dialoganti. «... Porque el sefior Torres, como hombre nacido y criado en Espafia presumiendo saber la lengua tan bien como otto, y yo, como curioso della desseando sabeda assi bien escrivir, como la sé hablar, y el sefior Coriolano como buen cottesano quiriendo del todo entenderla (porque, como veis, ya en Italia assi entre damas como entre cavalleros se tiene pot gentileza y galania saber hablar castellano), siempre halhlvamos algo que notar en vuestras Cartas...»1. In queste parole di Marcio viene anzitutto spiegato il motivo occasionale del Dialogo: si tratta di una serie di domande sulla lingua spagnola poste a Valdés da altri personaggi, spagnoli e italiani, come riflesso di dubbi suscitati in loro dalle sue lettere. Da questa stessa impostazione deriva appunto il tono disperso di conversazione che corre lungo tutta l'opera. Allo stesso tempo, nella caratterizzazione degli interessi di ciascuno dei tre interlocutori di Valdés, vengono a prospettarsi alcuni aspetti essenziali del suo argomento. Col cenno a Torres, natural de la lengua, appare da un lato la condizione generale di chi nel parlare la propria lingua materna crede di non aver bisogno di norme, d'altro lato il problema storico dello spagnolo dell'epoca, carente di sistemazione. A sua volta, il cenno ai due italiani - Coriolano, l1ovicio, che, per motivi che possiamo definire sociali, desi- 5

14 dera avete dello spagnolo una conoscenza pratica, Marcio, curioso 2, mosso da interessi più eruditi - spalanca le porte ai pitl vari aspetti deiia vita e della cultura del Rinascimento spagnolo e italiano, in cui il Dialogo va inquadtato. 2. La scena. L'antinomia che qui si prospetta è inel'ente aiia stessa impostazione deii'opeta come dialogo. La trattazione dottrinale dei problemi è diluita - e insieme drammatizzata - anzitutto dalla cornice narrativa. Anche se neiia parte centrale, nei momenti più serrati deiia discussione, essa testa sfumata, aiia fine tutti i particolari accennati neii'esotdio sono ripresi: i setvi che vengono aiiontanati e poi chiamati, neiie ultime battute, coi cavaili; i tre intedocutoti che si accordano suiie domande da sottoporte a Valdés, che passeggia pensieroso, e aiia fine come tre congiurati gli tiveiano la sorptesa di avet nascosto lo scrivano Aurelio; il commiato finale con le vatie promesse per la prossima tiunione. A sua volta diluisce e drammatizza il discorso teotico anche l'alternarsi, talvolta quasi occasionale, di domande e risposte che vanno seguendo spontanee associazioni di idee. Si ttatta di un effettivo dialogare, con scambio di battute tra i vati petsonaggi, che possono giungete fino al battibecco e amano coglietsi redptocamente in faiio e sogghignare l'uno dei preconcetti deil'altro, put senza uscite, quasi mai, da un tono di signotile, un tanto ironica, cottesia. Particolatmente pteziosa è in questo senso una frase di BataiIIon 3: «simpatico esbozo de un ttatado de filologia espafiola, gue consetva toda la gtada y toda la naturalidad de una libte charia entre personas de buen gusto». Buon gusto tipicamente tinascimentale; e sono qui da tener presenti le schetmagiie e la vivacità dei dialogo bembiano e specialmente l'incedete nobile e insieme vivace deiia conversazione nel Cortegiano. Ma vivacità che, trattandosi di un seguace di Erasmo come Valdés, è anche la motdadtà dei tipo di dialogo lucianesco-erasmiano 4. 6

15 3. I personaggi. Si è discusso a lungo sulla maggiore o minore realtà storica dei personaggi del Dialogo. Ma, molto più che un'eventuale identificazione storica S, importa la loro caratterizzazione entro il Dialogo stesso, nota psicologica che li rende appunto «personaggi», e allo stesso tempo determinazione di atteggiamenti tipici davanti ai problemi linguistici. Se talvolta essi sembrano parlare in contrappunto, hanno tuttavia ciascuno una personalità molto diversa. Marcio. È stato osservato che è il personaggio meno netto. Effettivamente il Dialogo è in grandissima parte costituito da una serie di domande e risposte tra lui e Valdés, in cui Marcio pare talvolta quasi limitarsi a dare la battuta a Valdés e ad accettarne le osservazioni. C'è però in lui qualcosa di più. Anzitutto è lui l'ordinatore della materia, e tale ordine va custodendo: dichiara concluso un argomento, annuncia l'inizio di un altro, esorta Valdés a proseguire, lo rimette in carreggiata; soprattutto coglie al balzo le questioni importanti6. Le sue domande si riferiscono spesso a finezze, per le quali solo un buon conoscitore dello spagnolo poteva afferrare quanto nell'uso di Valdés vi fosse di singolare. La critica di Marcio è appunto autorizzata da una certa conoscenza di cose spagnole, che egli dimostra anche con la citazione di coplas, di facezie, di epitaffi, di opere letterarie. Marcio è spesso molto più vicino a Valdés che non agli altri due, dei quali commenta l'ignoranza o lo stupore, e che talvolta egli stesso mette bruscamente a tacere. Nella sua posizione c'è qualcosa di molto colto e raffinato, riflesso di una c1;1ltl1~'a che appare però pi~~r~l~ita.e. più «.ufliciale»~(-9.pdl::l~iyqlçl~s. Marcio cita l'arte poetica di Orazio; adduce paralleli latini per le voci citate da Valdés; ha un senso di purismo conservatore; possiede il concetto di «regole» cui spesso Valdés non dà soddisfazione, e quello di partizioni della teoria grammaticale che a Valdés importano molto poco. 7

16 Nelle citazioni di Nebrija, così spesso poste in bocca sua, c'è sì senza dubbio il piacere malizioso di punzecchiare Valdés; ma c'è anche!'intenzione di fare di Marcio un simbolo della cultma italiana. Ciò rende più convenzionale la sua figura. Perciò in bocca a lui viene messo il nome di Demostene 7, come contrapposto a quello di Luciano caro ad Erasmo; e sarà Marcio a pronunciare il nome del Bembo 8. In qualche punto il suo linguaggio, elaborato secondo le migliori regole retoriche, allude certo alla solennità della prosa italiana 9. In lui, ancora, la tendenza a stabilire paralleli con un «noi» non privo di compiacimento o a ricorrere a un «voi» che può talvolta essere condiscendente, ma più spesso è critico. Coriolano. C'è chi ha visto in lui un «censor malévolo de las bravatas, afan de " ganar homa " y ceremonias espanolas» e chi ha sottolineato, in lui e in Marcio, la «squisita cortesia italiana» 10. Coriolano sembra essenzialmente rappresentare lo «straniero». È il più bisognoso dell'insegnamento di Valdés; non soltanto ignorante di molte cose spagnole, ma chiuso nel proprio mondo. È lui a provocare con le sue domande una serie di spiegazioni o puramente linguistiche o più generiche 11. Pone questioni da principiante nella lingua a lui straniera; inoltre, come nuovo alla riflessione linguistica, si stupisce di alcuni principi generali ovvii. Anche lui, da buon italiano, cita Cicerone e Quintiliano e sono citazioni accolte con riserva da Valdés 12. Ma soprattutto è Coriolano a far scivolare la discussione su ripicchi nazionalistici: col commento al desiderio degli spagnoli di «ganar homa», ai loro presunti «furti» di vocaboli (e qui viene messo a tacere da Marcio), al loro «hacer fieros» e alla «braveria», malgrado la povertà lessicale della loro lingua; con la rivendicazione della derivazione greca o italiana della sinalefe; con la difesa della propria ignoranza; e soprattutto con la «sfida» a Valdés 13. Torres (Pacheco). Uomo d'armi contrapposto agli uomini di lettere, tra curioso e indifferente per le questioni di lin- 8

17 gua, non conosce né latino né greco, ha un ingenuo rispetto dell'autorità e un ingenuo spirito regionalistico 14. Tuttavia le sue domande mirano talvolta a questioni fondamentali; è lui a provocare le spiegazioni di Valdés sul senso di decoro, sui concetti di plebeyo y vulgar, di ingenio y juizio 15. Inoltre Torres ha una chiara coscienza delle condizioni sociali della propria lingua; è lui a mettere in evidenza la lingua della corte e a commentare la tendenza conservatrice della Cancelleria di Valladolid. L'evolversi del suo atteggiamento entro il corso del Dialogo è stato più volte commentato. C'è all'inizio in lui la presunzione di conoscere la lingua «tan bien como otro», mista alla affermazione, più volte proclamata, della propria indifferenza per gramatiquerias (ma già fin dal primo momento si interessa per i proverbi). A poco a poco subentra in lui lo stupore nell'osservare quante volte abbia ragione Valdés (<< no habia mirado en elio»); esso diventa poi crescente interesse per le cose di grammatica e ad un tempo coscienza delle difficoltà. Alla fine esplode una entusiastica compiacenza nell'aver appreso l'uso della riflessione linguistica, in un atteggiamento alla Monsieur Jourdain. Si instaura così in Torres il pieno accordo con Valdés, con cui sembra ammiccare 16 contro gli altri due; fino a mettersi anche lui a dare spiegazioni a Coriolano. Torres è tanto ignorante 17 quanto Coriolano; ma ha qualcosa di più elastico, molto lontano dalla «fanfaroneria soldatesca» che talvolta gli è stata ritrovata 18. Direi che in lui Valdés abbia visto l'uomo incolto, l'ingenuo, l'anima vergine che va prendendo, un po' erasmianamente, coscienza della propria ignoranza, e diviene «docile» (la definizione appare in bocca a Marcio 19 forse non senza ironia) all'insegnamento altrui. Può essere che, come è stato osservato con una certa cautela 20, ci sia in lui un riflesso del Messer Ercole del Bembo. Ma direi piuttosto che, fatte le debite proporzioni, nella figura di Torres in realtà c'è qualcosa che ricorda tutto l'atteggiamento di 9

18 Giulia Gonzaga nell'alfabeto cristiano 21. Lo stesso esporre di dubbi, di obbiezioni, e la stessa «docile» approvazione. Ed è in fondo naturale che sia così. Anzitutto, entrambi sono creature di Valdés; e inoltre, se il nucleo centrale del Dialogo è costituito dal «genio stesso della lingua spagnola mentre sta prendendo coscienza di sé» 22, di questa coscienza l'evolversi di Torres diventa il simbolo. Valdés. Quanto al personaggio Valdés, è evidente che l'autore ama rappresentare se stesso in un atteggiamento continuo di diffidenza contro la curiosità degli interlocutori; di qui lo schermirsi, il desidetio di tagliar corto 23, quasi con un gesto di noia pet essere costtetto a parlare di nifierias de la lengua. L'atteggiamento del personaggio tiflette, come vedremo, un aspetto ben marcato nella posizione del Valdés filologo. Allo stesso modo la tendenza a interrompere la discussione con battute scherzose rientra sl in una generica ptopensione pet la facezia diffusa nel suo tempo, ma risponde anche a un suo gusto personale, come risulta dalle sue stesse lettere 24. Il personaggio Valdés oscilla tra una estrema equanimità e una violenza di temperamento. Da un lato nessuno è pill lontano di lui dalla ptosopopea scientifica: sottolinea continuamente che espone opinioni ottenute «por congetura» e «por discteci6n», che non sa nulla «de cietta ciencia», che si ttatta di «noticia confusa»; è ptontissimo ad affermate di non potet stabilite tegole. Lungi dal ptetendete di venir cteduto ciecamente, vuole ottenete solo «el crédito gue quisiétedes» e convincete con dimosuazioni: «aunque el cteet sea cottesia, yo huelgo que desto que os he dicho no cteais mas de lo que viétedes». Anche qui ci sono, come vedtemo, radici dominali più profonde: l'impossibilità di stabilite tegole pet una lingua volgate, la mancanza di ptecedenti. Ma c'è anche la cauta consapevolezza petsonaie di tutta un'elabomzione originale di una serie di ptoblemi, di cui Valdés non manca di essete fieto quando si ttatta di sottolinearne l'originalità, chiudendosi in un altezlo

19 «no comment» di fronte ad alcune obbiezioni, ad aftel:m:ue che quanto gli importa è l'uso suo. «Para mino ay igual tormento que no poderme enojar mostrar enojo por lo que oigo o veo que no es segun mi tatltasla». Le collere che lo assalgono a solo sentire il nome Nebrija sono allo stesso tempo prodotto di una diversità concezione e riflesso di un carattere irritabile. Scontroe appassionatezza, che a loro volta non sono solo un tratto psicologico realistico (sappiamo che nella realtà il carattere di Valdés era tutt'altro che mite 25 e vediamo, elitra il Dialogo, la sua reazione all'eccessiva cerimoniosità italiana). Sono anche riflesso di un concetto di libertà: «demasiadamente me ofendo quando una persona que yo quiero bien haze o dize alguna cosa que no me contente, y soy tan libre, que luego le diga a la clara mi parecer» L'ambiente italiano. Quanto alla realtà storica del Dialogo e della sua inscenatura, non ha molto interesse accertare se la camice narrativa sia o no pura convenzione letteraria e se Valdés e i suoi amici si siano davvero riuniti a conversare su questioni di lingua. Tra l'altro, nulla vieta di pensare che sia realmente così, allo stesso modo come non si dubita che l'alfabeto cristiano nasca da una conver.sazione tenuta tra Valdés e donna Giulia dopo una predica di Bemardino Ochino. L'importante comunque è che nell'opera il riflesso di elementi molto reali c'è: sia il contatto tra spagnoli e italiani, sia l'esperienza che Valdés spagnolo aveva tratto dal suo saggiamo tra italiani. Valdés 27, educato all'umanesimo di marca erasmiana e tutto preso dai suoi problemi religiosi e, in parte, dalla sua attività di funzionario imperiale, vive in Italia e in particolare a Napoli in un momento in cui la potenza spagnola era al suo apogeo e con essa la diffusione della cultura e della lingua spagnola. Gli italiani potevano di quando in quando deplorare questo influsso, come si dolevano del dominio politico straniero, e sottopone a critica gli usi e i costumi di Spagna 28; ma d'altra parte non potevano negare una 11

20 certa affinità tra loro e gli spagnoli, come fa Castiglione, il quale appunto è pronto ad aprire le porte dell'italiano a voci castigliane quando la materia lo renda necessario 29. Valdés non soltanto scrive a Napoli, dove la penetrazione ispanica aveva ormai profonde radici che risalivano al tempo aragonese, ma viene da Roma, che dall'epoca di papa Callisto III si era andata sempre pill ispanizzando 30. Molti italiani, come gli interlocutoti del Dialogo, conoscevano più o meno profondamente la lingua e le usanze spagnole. È stato osservato che, come le opere religiose di Valdés, anche il Dialogo ha uno scopo eminentemente pratico 31. La presenza di un pubblico italiano si rivela in primo luogo in tutta una serie di momenti in cui Valdés sente il bisogno di spiegare usi, istituzioni, «cose», insomma spagnole, a chi non le conosce bene: la storia della «Reconquista», o del frazionamento regionale del suo paese, le «bachillerias», ecc. ecc.; fino a certe spiegazioni quasi di carattere tipologico, come la propensione dello spagnolo all'equivoco faceto o all'esuberanza metaforica 32. La rassegna letteraria finale comprende opere quasi tutte assai divulgate in Italia - per non parlare di quelle che dipingono appunto 1'ambiente napoletano italo-spagnolo come la Questi6n de Amor - e la cui critica in Italia costituiva quasi un luogo comune. La visibile preoccupazione di adattare quanto scrive a un determinato pubblico si riflette anche su alcune posizioni linguistiche di Valdés: da una parte spiegazioni di particolarità spagnole mediante un termine di raffronto italiano 3\ dall'altra, tentativi di evitare?nfibologie e di «no hacer tropeçar alletor», che paiono prospettarsi anch'essi, almeno in parte, in funzione di un pubblico stra" niero. L'estrema chiarezza con cui viene talora svolto il ragionamento certo risponde in alcuni momenti a uno scopo analogo. La prospettiva di raffronto bilingue di Valdés si manifesta però soprattutto nella sua principale caratteristica: la preferenza data alla forma più vicina all'italiano, si tratti di particolari ortografici o di scelte lessicali. 12

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli