come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento"

Transcript

1 Lore Terracini <I!lngua come problema nella letteratura spa noia del Cinquecento (con unafrangia cervantina) Stampatori

2 Indice p. IX Premessa 3 La presa di coscienza (Valdés) 5 Parte prima La cornice del «Dialogo de la lengua» 24 Parte seconda La sostanza del «Dialogo de la lengua» 55 «Cuidado» vs. «Descuido» I due livelli dell'opposizione tra Valdés e Boscan 87 Tradizione illustre e lingua letteraria, problema del Rinascimento spagnolo (da Nebrija a Morales) 89 Avvertenza 93 Parte prima La tradizione 117 Parte seconda Il problema e il materiale 128 Parte terza I testi 229 Lingua grave, lingua lasciva (Herrera) 285 Una frangia agli arazzi di Cervantes 323 Indice dei nomi VII

3 Premessa Il titolo unificante di questo volume è di oggi. I lavori che esso raccoglie sono di ieri, e anche dell'altro ieri; pubblicati in occasioni diverse, lungo l'arco di più di un decennio, tra il 1957 e il Si impongono dunque come preliminari sia una riflessione sul loro carattere più o meno organico, sia soprattutto una precisazione sulla loro età e sui restauri che essa esigeva. 1. Che i cinque lavori rientrino in un filone unitario, mi seù} bra una circostanza oggettiva, al di là di una mia consapevolezza autobiografica. Anzitutto per i contenuti. Il materiale di analisi è costituito prevalentemente da testi spagnoli tra la fine del Quattrocento e la fine del Cinquecento (con una escursione medievale e una esplorazione cervantina), i quali toccano problemi teorici sul piano linguistico-letterario. Ma, ed è questa la loro caratteristica, in genere non li toccano in sistematiche esposizioni di carattere precettistico. Li sfiorano nelle circostanze occasionali di prologhi e di dediche di altri testi, li disseminano nella concretezza pragmatica del dialogo, li intrecciano in discorsi e scritture di altro tipo. Ne possono risultare stridenti contrasti con la solennità precettistica o inserimenti complessi in trame narrative. I testi esaminati non sono dunque tappe regolari in una storia delle idee linguistiche e retoriche nella Spagna del Cinquecento. Né di queste idee i miei lavati intendono fornire una sistematica indagine ed esposizione come quella, per esempio, fatta da Lizaro Carreter per la Spagna del Settecento. Quanto a me interessava non era la storia delle idee; e neppure, per allettante che fosse, una storia di parole che scandisse questa storia di idee: gusto, primor e donaire, ingenio e juicio, decoro e cuidado, llaneza e descuido, afeites e afectaci6n, rodeos e artificio, e tutta la linea che unisce e oppone dulce, blando, tierno, suave a grave e gravedad, ecc. ecc. Più che i concetti e le parole a me interessavano i testi; dall'excursus nelle opere medievali nella prima parte della Tradizione illustre fino al sondaggio nel Quijote, direi che in queste pagine l'attenzione per la concretezza dei testi e della scrittura predomina e di molto su quella per l'astrattezza dei concetti. Il che non toglie che, quanto ai concetti, essi emergano con una evidenza che va al di là del loro carattere di luogo comune: lingua imperiale, che le bandiere spagnole estendono geograficamente per il mondo ma che, storica- IX

4 mente, si sente priva di antica nobiltà letteraria; costituzione di t'ratti tipologici nella tradizione linguistico-letteraria medievale e ambiguità e tentennamenti nel loro riconoscimento successivo; atteggiamenti competitivi e analisi differenziali nel riguardi dell'italiano e del prestigio della sua letteratura; vanto di primato esterno per la propria lingua e buoni proponimenti all'interno per la sua cura; il problema della traduzione, da Valdés a Cervantes, ecc. Tra questi lavori esiste dunque una omogeneità; come del resto attestano i rimandi all'indietro tra un lavoro e l'altro. In un certo senso, è tutto nato col saggio su Valdés; o meglio, detto in modo meno autobiografico, osservo ora che nel saggio su Valdés c'erano già molti germi di tutti gli altri. 2. A questa coerenza orizzontale tra i cinque lavori si accompagnano due problemi verticali: quello della loro successione e quello della loro età. a) Quanto al primo, non ho proceduto qui a nessun tentativo di omogeneizzazione. Da un lato, ho lasciato inalterate certe autocorrezioni operate a distanza di anni (per es. quella tra p. 211 e p. 47 sui rapporti politici e culturali tra il Castiglione e Valdés), proprio come testimonianza di un successivo approfondimento. D'altro lato non ho fatto nulla per evitare ripetizioni nelle citazioni di passi; appunto perché iterate e ricorrenti, esse possono mettere in rilievo l'importanza dei passi stessi come tappe d'obbligo in percorsi differenziati. A loro volta, le citazioni bibliografiche sono omogenee all'interno dei singoli lavori, non dell'intero volume. b) Ma il discorso più esplicito si impone sul secondo punto. I saggi sono datati. Hanno il primo 22 anni, il secondo e il terzo una quindicina, gli ultimi due ne hanno Il; inutile nasconderlo. Un aggiornamento a oggi avrebbe richiesto anni di lavoro. Anzitutto sul piano delle indicazioni bibliografiche; ma anche molto più all'interno. Avrebbe significato riprendere a fondo non solo dati ma problemi e ricerche, da quelli più vasti a quelli più minuti. È chiaro che se ripropongo oggi i miei lavori è perché, quanto al mio discorso, penso che regga ancora; ma non mi sono sentita di toccarne, spostarne né rafforzarne i puntelli. Mi trincero dunque dietro una tradizione illustre di non aggiornatori, dei quali prudentemente in questi mesi sono andata raccogliendo una piccola antologia. Ne esibisco solo due. Uno è Contini, che raccoglie i suoi scritti dispersi ( ) in Varianti e altra linguistica (Einaudi, Torino 1970) senza modifiche, non solo perché «il tempo dedicato a raccogliere le vecchie carte è sottratto al x

5 vergarne di nuove» ma per la ragione più profonda che, nella «cronologia interna dell'individuo», non si può giudicare «come se tutte le esperienze fossero equidistanti dal nostro presente, come se le nostre letture, contemplazioni, audizioni fossero contemporanee e la nostra memoria, anche a lasciarne stare la bontà quantitativa, si svolgesse fuori del tempo». L'altro è Prieto, che pubblica in italiano i Lineamenti di semiologia (Laterza, Bari 1971) rinunciando a uno scoraggiante aggiornamento del testo originale di alcuni anni prima perché è consapevole dell'impossibilità di «integrare nel testo con una semplice revisione» i risultati e i problemi sorti dalle sue stesse ricerche successive, anche se è convinto che in una nuova versione, basata su «uno sfondo epistemologico nuovo», «poco di quanto vien detto nel libro dovrà essere abbandonato». Scartata perciò a priori l'idea di un aggiornamento che consentisse di datare i miei lavori 1979, li ho esplicitamente lasciati datati: 1957, , II problema se non di vestirli a nuovo almeno di lavargli la faccia, come avrebbe detto Morales, mi si è posto comunque: e almeno su tre fasce: una nel testo, una nelle note, e un'altra più diffusa 2. a) Una prima fascia è quella dell'espressione, in cui le rughe erano profonde ma non faticosamente ritoccabili. Soprattutto nei primi tre lavori ho quindi introdotto energici restauri sul piano della fonna: dalla punteggiatura alla sintassi e al lessico. Non è questa la sede per imbastire sistematicamente un «come scrivevamo»: eravamo ipotattici, accademici, metaforici. Ho dunque spietatamente tolto virgole e messo punti; ho proceduto a trasformazioni paratattiche; ho cercato di eliminare ciò che oggi risulta una patina in parte scrostabile della scrittura di allora. Probabilmente molto mi sarà sfuggito; il lettore sia comunque avvertito della mia buona volontà a questo riguardo. b) Sul piano del contenuto, per quanto riguarda le note, che sono parecchie centinaia, ho rinunciato a priori a qualunque intervento di carattere informativo e bibliografico. Un aggiornamento avrebbe significato in pratica una rassegna sistematica degli studi usciti in questi decenni su medioevo, rinascimento, manierismo e barocco, su erasmismo, i riformatori, gli eretici, sui trattatisti del Cinque e Seicento, sulla questione della lingua in Italia, sui testi e i carteggi del Castiglione, sui rapporti tra Italia e Spagna, sulla Napoli spagnola, sui vocabolari siciliani, sui singoli autori spagnoli da Alfonso X a Cervantes e oltre, ecc. ecc. Presa dal pa- XI

6 nico, ho deciso di lasciare tutto come stava; subel~trata la fiducia, ho pensato che la bibliografia e le not~ eran? essenzialmente u.n supporto, esplicito e datato, per un mlo raglonamento che mi sembrava stare ancora in piedi. Lasciare tutto come stava ha significato dunque che, per esempio, il libro di G. L. Beccaria sugli ispar~ismi i? italial;o, che è del 1968, appare come è logico solo nelle mie pagl11e del 68 stesso; e i miei lavori precedenti vengono qui ristampati coi loro discorsi pre-beccaria per es. su sosiego e primor. Lo stesso per i lavori di E. Asensio e di L. Stegagno Picchio, che appaiono dopo il mio Valdés. Così, d'altra parte, C. Samonà e M. Socrate figurano qui coi vecchi loro lavori degli anni Sessanta; e ci sono il Segre di Lingua, stile e società e il Greimas dei Modelli semiologici, e non quelli successivi; e così via. Lo stesso per le citazioni. Per esempio, Vossler resta citato in tedesco nel primo lavoro, e in traduzione italiana, intanto uscita, in quelli successivi; di Bahner si cita l'edizione tedesca, non quella. spagnola che è del 1966; Foucault resta in edizione francese; e, caso limite, di Segre figura la SyntfJèse stylistique ancora in francese (1967), perché la versione italiana appare nel Come ho rinunciato alla rassegna bibliografica, così a priori ho rinunciato a stilare un bollettino editoriale. Lasciare tutto come stava ha significato anche decidere di non procedere a una revisione del mio discorso che vi introducesse i risultati, pur importanti, di studi successivi. Così non tengo presenti per Valdés per esempio - oltre alle edizioni di J. M. Lope Blanch, Porrua, México 1966, e di A. Comas, Bruguera, Barcelona il saggio di G. L. Guitarte, Alcance y sentido de las opiniones de Valdés sobre Nebrija (in Estudios filologicos y lingiiisticoso Homenaje a A. Rosenblat en sus 70 afios, Instituto Pedagogico, Caracas 1974, pp ); o, per la trattatistica spagnola nel suo insieme, per esempio, i volumi di A. Marti (La preceptiva retorica espaìiola en el Siglo de Oro, Gredos, Madrid 1972), J. Rico Verdu (La retorica espaìiola de los siglos XVI y XVII, Anejos de la «Revista de Literatura», Madrid 1973), K. Kohut (Las teorias literarias en Espafia y Portugal durante los siglos XV y XVI, CSIC, Madrid 1973); o, per le parole del Rinascimento, il saggio di R. Mercuri (Sprezzatura e affettazione nel «Cortegiano», in Letteratura e critica. Studi in onore di N. Sapegno, Bulzoni, val. II, Roma 1975, pp ); e, per uomini dotti del Rinascimento spagnolo, gli studi di Inoria Pepe su Argote de Molina e Alvar Gomez de Castro; o, al di qua del Rinascimento, le pagine di A. Ruflinatto sul rapporto di Berceo col suo pubblico. Così come, per il problema del pubblico e del suo orizzonte d'attese, è restato fuori Jauss o, per il retro degli arazzi, il Bachtin del mondo alla rovescia, ecc. ecc. Anziché continuare all'infinito questo elenco in negativo, pre- XII

7 ciso che sono intervenuta su altri due piani. Invece di aggiornare, nel vecchio lavoro su Valdés ho sfrondato molte note bibliografiche su questioni generali (biografia di Valdés, sua posizione religiosa, erasmismo, rapporti italo-spagnoli, ispanismi in italiano, questione italiana della lingua); si trattava in parte di uno sfoggio giovanile di erudizione, in parte di rinvii effettivamente troppo datati. In tutti i lavori, invece, per due testi di frequente uso ho sistematicamente aggiornato le citazioni su edizioni critiche recenti: per Valdés quella di C. Barbolani, per Morales quella di V. Scorpioni. Per il Diétlogo de la lengua ciò mi ha portato, come un addio a un vecchio amico, a sostituire sistematicamente il nome del personaggio Pacheco con Torres. c) La terza fascia riguardava espressione e contenuto insieme. A una rilettura, il protostrutturalismo degli ultimi lavori mi sem~ brava ancora reggere anche se datato ai tardi anni Sessanta; invece, negli strati idealistici dei primi lavori sentivo i segni del tempo, in un modo che a me stessa riusciva pesante più che non il mancato aggiornamento delle note storico-culturali. Alcuni interventi si potevano operare sul semplice piano terminologico, spostando il discorso dal dentro al fuori. Ho dunque ritenuto effettuabili trasposizioni come quella da «forma interna» a «tipo», «carattere», «modello». Quanto agli «spiriti», spero di averli ripescati ed eliminati quasi tutti; o, se non altro, come nel caso di Geist tmd Kultur di Vossler, di averli opportunamente ingabbiati tra virgolette storicizzanti. I «sentimenti» ho cercato di eliminarli; mentre senza pudori ho lasciato parecchie «consapevolezze» e «coscienze»: coscienza linguistica (dietro alla quale sta anche il titolo Spracbbewusstsein di Bahner), coscienza formale, coscienza normativa. Ma da questo restauro a fior di pelle esco con una sensazione di disagio. E mi convinco che ha ragione Prieto sui due fronti del suo discorso: da un lato l'impossibilità di procedere a un semplice aggiornamento su uno sfondo epistemologico nuovo, d'altro lato la probabilità che quanto è stato detto possa comunque non venir abbandonato. Se dovessi rifare tutto, oggi imposterei il lavoro in termini semiotici, passando dall'analisi di problemi di coscienza a quella di problemi di competenza. Metterei in primo piano le questioni dei generi e delle poetiche. Parlerei di costituzione dei codici e di enunciati di carattere metalinguistico sui codici stessi. Metterei in rilievo nel discorso barocco la contraddizione tra il livello metalinguistico, che rifiuta i codici medievali, e quello poetico che li tiene in piena funzione. Soprattutto, mi porrei, in modo esplicito e non tra le righe, un problema di tipologia; non di fronte al grottesco irrigidimento con cui Herrera fissa spagnolo e italiano sui due poli di un XIII

8 mondo morale, ma di fronte a tutte quelle pagine in cui Valdés, Garcilaso, Castillejorilevano nello spagnolo tratti caratteristici, a tal punto da ritenere difficili o impossibili traduzioni, o spostamenti di codici formali, da altre lingue. Al di là della diversità ricono sciuta in questi tratti - tendenza alla metafora e all'equivoco, ten denza alla brevità e alla chiarezza, ecc. - il punto da approfondire in via teorica mi sembra proprio questa insistenza sulla peculiare «proprietà» di una lingua. Abbiamo da tempo una tipologia della lingua, abbiamo ora una tipologia della cultura; mi domanderei che cosa sia dal punto di vista teorico l'embrionale tipologia della lino gua letteraria che affiora in queste pagine del Cinquecento; che cosa sia questa linguistica dei particolari e non degli universali; che cosa sia questo riconoscimento di tratti tipici, che da un lato si prestano ad atteggiamenti descrittivi e comparativi, d'altro lato si sono costituiti lungo la concretezza della storia. Giro la domanda ai linguisti. Per conto mio confido, con Prieto, che, anche se la nostra prospettiva oggi è diversa, questo libro, nella sua sostanza, abbia ancora un senso. Ringrazio i molti amici con cui per anni mi sono consultata su queste pagine e recentemente su questa ripresentazione. Mi limito qui per i loro suggerimenti in questa occasione a Cesare Acutis, Bice Mortara Garavelli, Inoria Pepe Sarno, Dario Puccini, Aldo Ruffinatto, Carmelo Samonà, Cesare Segre. In particolare, ringrazio le giovani studiose Letizia Bianchi e Marina Camboni che, mentre su mia richiesta mi hanno segnalato con gentile implacabilità spiriti e sentimenti troppo di ieri, mi hanno anche rassicurato che il discorso funzionava ancora oggi. Dedico questo volume alla memoria di Benvenuto Terracini. Non perché gli ultimi due lavori sono stati pubblicati in circostanze connesse con la sua morte ma perché, in vita, quasi tutti questi lavori li ha visti nascere, e molto da vicino. Torino, 16 ottobre l Questa la provenienza dei lavori: 1. Juan de Valdés: «Dialogo de la lengua». Ediz. abbreviata, con Introduzione (pp. 5-68) e commento. In Collez. di Testi e Manuali. Pubblicaz. dell'istituto di Filologia Ro manza della Facoltà di Lettere dell'univo di Roma, S.T.E.M., Modena Roma 1957, di 201 pp. Pubblico qui l'introduzione (cf. anche n. 2). 2. Valdés: «cuidado» - Boscan: «descuido», in «Studi di Letteratura spagnola» 1965, pp Tradizione illustre e lingua letteraria nella Spagna del Rinascimento, in «Studi di Letteratura spagnola» 1964, pp e 1965, pp Il lavoro 2 seguito dal 3 come Appendice, è stato raccolto in volume, P.U.G., Roma 1964, di 171 pp. 4. Analisi di XIV

9 un confronto di lingue (F. de Herrera, «Anotacionesi>, pp ), in «Archivio glottologico italiano» (val. in memoria di Benvenuto Terracini), LIII, 1-2, 1968, pp Una frangia agli arazzi di Cervantes, in AA. VV., Linguistica e Filologia. Omaggio a Benvenuto Terracini, a cura di C. Segre, Il Saggiatore, Milano 1968, pp Nell'ordinamento dei saggi, inoltre, ho reso autonomo il secondo rispetto al terzo, del quale esso era appendice. Ho modificato leggermente i titoli dei vari saggi; all'interno del primo e del terzo ho introdotto i titoli dei paragrafi e nel terzo ho distribuito le sezioni in modo leggermente diverso. All'inizio del quarto ho tolto riferimenti d'occasione. Quanto al primo saggio (nato come una Introduzione alla quale seguiva un testo, qui eliminato), ho inserito nelle note ampie citazioni dal Dialogo de la lengua e alcune delle mie note al testo stesso. xv

10 Elenco delle abbreviazioni «BAE» «BHi» «BHS» «BICC» «BRAE» «CN» «CyR» DCELC D.L. HMP «NRFH» «PMLA» «RFE» «RFH» «Biblioteca de Autores espaiioles» «Bulletin hispanique» «Bulletin of Hispanic Studies» «Boletfn del Instituto Caro y Cuervo» «Boletm de la rea! Academia espaiiola» «Cultura neolatina» «Cmz y Raya» Diccionario critico-etimologico de la lengua castellana, a cura di J. Corominas DifIlogo de la lengua di J. de Valdés, in generale; in particolare, ed. critica a cura di C. Barbolani de Garda, D'Anna, Messina-Firenze 1967 Homenaje a Menéndez Pidal, Madrid «Nueva Revista de Filologia hispanica» «Publications of the Modern Language Association of America» «Revista de Filologia espaiiola >, «Revista de Filologia hispanica >, XVI

11 LINGUA COME PROBLEMA NELLA LETTERATURA SPAGNOLA DEL CINQUECENTO (con una frangia cervantina) Alla memoria di Benvenuto T erracìni

12 La presa di coscienza ( Valdés )

13 Parte prima La cornice del «Dialogo de la lengua» 1. Il dialogo e i dialoganti. «... Porque el sefior Torres, como hombre nacido y criado en Espafia presumiendo saber la lengua tan bien como otto, y yo, como curioso della desseando sabeda assi bien escrivir, como la sé hablar, y el sefior Coriolano como buen cottesano quiriendo del todo entenderla (porque, como veis, ya en Italia assi entre damas como entre cavalleros se tiene pot gentileza y galania saber hablar castellano), siempre halhlvamos algo que notar en vuestras Cartas...»1. In queste parole di Marcio viene anzitutto spiegato il motivo occasionale del Dialogo: si tratta di una serie di domande sulla lingua spagnola poste a Valdés da altri personaggi, spagnoli e italiani, come riflesso di dubbi suscitati in loro dalle sue lettere. Da questa stessa impostazione deriva appunto il tono disperso di conversazione che corre lungo tutta l'opera. Allo stesso tempo, nella caratterizzazione degli interessi di ciascuno dei tre interlocutori di Valdés, vengono a prospettarsi alcuni aspetti essenziali del suo argomento. Col cenno a Torres, natural de la lengua, appare da un lato la condizione generale di chi nel parlare la propria lingua materna crede di non aver bisogno di norme, d'altro lato il problema storico dello spagnolo dell'epoca, carente di sistemazione. A sua volta, il cenno ai due italiani - Coriolano, l1ovicio, che, per motivi che possiamo definire sociali, desi- 5

14 dera avete dello spagnolo una conoscenza pratica, Marcio, curioso 2, mosso da interessi più eruditi - spalanca le porte ai pitl vari aspetti deiia vita e della cultura del Rinascimento spagnolo e italiano, in cui il Dialogo va inquadtato. 2. La scena. L'antinomia che qui si prospetta è inel'ente aiia stessa impostazione deii'opeta come dialogo. La trattazione dottrinale dei problemi è diluita - e insieme drammatizzata - anzitutto dalla cornice narrativa. Anche se neiia parte centrale, nei momenti più serrati deiia discussione, essa testa sfumata, aiia fine tutti i particolari accennati neii'esotdio sono ripresi: i setvi che vengono aiiontanati e poi chiamati, neiie ultime battute, coi cavaili; i tre intedocutoti che si accordano suiie domande da sottoporte a Valdés, che passeggia pensieroso, e aiia fine come tre congiurati gli tiveiano la sorptesa di avet nascosto lo scrivano Aurelio; il commiato finale con le vatie promesse per la prossima tiunione. A sua volta diluisce e drammatizza il discorso teotico anche l'alternarsi, talvolta quasi occasionale, di domande e risposte che vanno seguendo spontanee associazioni di idee. Si ttatta di un effettivo dialogare, con scambio di battute tra i vati petsonaggi, che possono giungete fino al battibecco e amano coglietsi redptocamente in faiio e sogghignare l'uno dei preconcetti deil'altro, put senza uscite, quasi mai, da un tono di signotile, un tanto ironica, cottesia. Particolatmente pteziosa è in questo senso una frase di BataiIIon 3: «simpatico esbozo de un ttatado de filologia espafiola, gue consetva toda la gtada y toda la naturalidad de una libte charia entre personas de buen gusto». Buon gusto tipicamente tinascimentale; e sono qui da tener presenti le schetmagiie e la vivacità dei dialogo bembiano e specialmente l'incedete nobile e insieme vivace deiia conversazione nel Cortegiano. Ma vivacità che, trattandosi di un seguace di Erasmo come Valdés, è anche la motdadtà dei tipo di dialogo lucianesco-erasmiano 4. 6

15 3. I personaggi. Si è discusso a lungo sulla maggiore o minore realtà storica dei personaggi del Dialogo. Ma, molto più che un'eventuale identificazione storica S, importa la loro caratterizzazione entro il Dialogo stesso, nota psicologica che li rende appunto «personaggi», e allo stesso tempo determinazione di atteggiamenti tipici davanti ai problemi linguistici. Se talvolta essi sembrano parlare in contrappunto, hanno tuttavia ciascuno una personalità molto diversa. Marcio. È stato osservato che è il personaggio meno netto. Effettivamente il Dialogo è in grandissima parte costituito da una serie di domande e risposte tra lui e Valdés, in cui Marcio pare talvolta quasi limitarsi a dare la battuta a Valdés e ad accettarne le osservazioni. C'è però in lui qualcosa di più. Anzitutto è lui l'ordinatore della materia, e tale ordine va custodendo: dichiara concluso un argomento, annuncia l'inizio di un altro, esorta Valdés a proseguire, lo rimette in carreggiata; soprattutto coglie al balzo le questioni importanti6. Le sue domande si riferiscono spesso a finezze, per le quali solo un buon conoscitore dello spagnolo poteva afferrare quanto nell'uso di Valdés vi fosse di singolare. La critica di Marcio è appunto autorizzata da una certa conoscenza di cose spagnole, che egli dimostra anche con la citazione di coplas, di facezie, di epitaffi, di opere letterarie. Marcio è spesso molto più vicino a Valdés che non agli altri due, dei quali commenta l'ignoranza o lo stupore, e che talvolta egli stesso mette bruscamente a tacere. Nella sua posizione c'è qualcosa di molto colto e raffinato, riflesso di una c1;1ltl1~'a che appare però pi~~r~l~ita.e. più «.ufliciale»~(-9.pdl::l~iyqlçl~s. Marcio cita l'arte poetica di Orazio; adduce paralleli latini per le voci citate da Valdés; ha un senso di purismo conservatore; possiede il concetto di «regole» cui spesso Valdés non dà soddisfazione, e quello di partizioni della teoria grammaticale che a Valdés importano molto poco. 7

16 Nelle citazioni di Nebrija, così spesso poste in bocca sua, c'è sì senza dubbio il piacere malizioso di punzecchiare Valdés; ma c'è anche!'intenzione di fare di Marcio un simbolo della cultma italiana. Ciò rende più convenzionale la sua figura. Perciò in bocca a lui viene messo il nome di Demostene 7, come contrapposto a quello di Luciano caro ad Erasmo; e sarà Marcio a pronunciare il nome del Bembo 8. In qualche punto il suo linguaggio, elaborato secondo le migliori regole retoriche, allude certo alla solennità della prosa italiana 9. In lui, ancora, la tendenza a stabilire paralleli con un «noi» non privo di compiacimento o a ricorrere a un «voi» che può talvolta essere condiscendente, ma più spesso è critico. Coriolano. C'è chi ha visto in lui un «censor malévolo de las bravatas, afan de " ganar homa " y ceremonias espanolas» e chi ha sottolineato, in lui e in Marcio, la «squisita cortesia italiana» 10. Coriolano sembra essenzialmente rappresentare lo «straniero». È il più bisognoso dell'insegnamento di Valdés; non soltanto ignorante di molte cose spagnole, ma chiuso nel proprio mondo. È lui a provocare con le sue domande una serie di spiegazioni o puramente linguistiche o più generiche 11. Pone questioni da principiante nella lingua a lui straniera; inoltre, come nuovo alla riflessione linguistica, si stupisce di alcuni principi generali ovvii. Anche lui, da buon italiano, cita Cicerone e Quintiliano e sono citazioni accolte con riserva da Valdés 12. Ma soprattutto è Coriolano a far scivolare la discussione su ripicchi nazionalistici: col commento al desiderio degli spagnoli di «ganar homa», ai loro presunti «furti» di vocaboli (e qui viene messo a tacere da Marcio), al loro «hacer fieros» e alla «braveria», malgrado la povertà lessicale della loro lingua; con la rivendicazione della derivazione greca o italiana della sinalefe; con la difesa della propria ignoranza; e soprattutto con la «sfida» a Valdés 13. Torres (Pacheco). Uomo d'armi contrapposto agli uomini di lettere, tra curioso e indifferente per le questioni di lin- 8

17 gua, non conosce né latino né greco, ha un ingenuo rispetto dell'autorità e un ingenuo spirito regionalistico 14. Tuttavia le sue domande mirano talvolta a questioni fondamentali; è lui a provocare le spiegazioni di Valdés sul senso di decoro, sui concetti di plebeyo y vulgar, di ingenio y juizio 15. Inoltre Torres ha una chiara coscienza delle condizioni sociali della propria lingua; è lui a mettere in evidenza la lingua della corte e a commentare la tendenza conservatrice della Cancelleria di Valladolid. L'evolversi del suo atteggiamento entro il corso del Dialogo è stato più volte commentato. C'è all'inizio in lui la presunzione di conoscere la lingua «tan bien como otro», mista alla affermazione, più volte proclamata, della propria indifferenza per gramatiquerias (ma già fin dal primo momento si interessa per i proverbi). A poco a poco subentra in lui lo stupore nell'osservare quante volte abbia ragione Valdés (<< no habia mirado en elio»); esso diventa poi crescente interesse per le cose di grammatica e ad un tempo coscienza delle difficoltà. Alla fine esplode una entusiastica compiacenza nell'aver appreso l'uso della riflessione linguistica, in un atteggiamento alla Monsieur Jourdain. Si instaura così in Torres il pieno accordo con Valdés, con cui sembra ammiccare 16 contro gli altri due; fino a mettersi anche lui a dare spiegazioni a Coriolano. Torres è tanto ignorante 17 quanto Coriolano; ma ha qualcosa di più elastico, molto lontano dalla «fanfaroneria soldatesca» che talvolta gli è stata ritrovata 18. Direi che in lui Valdés abbia visto l'uomo incolto, l'ingenuo, l'anima vergine che va prendendo, un po' erasmianamente, coscienza della propria ignoranza, e diviene «docile» (la definizione appare in bocca a Marcio 19 forse non senza ironia) all'insegnamento altrui. Può essere che, come è stato osservato con una certa cautela 20, ci sia in lui un riflesso del Messer Ercole del Bembo. Ma direi piuttosto che, fatte le debite proporzioni, nella figura di Torres in realtà c'è qualcosa che ricorda tutto l'atteggiamento di 9

18 Giulia Gonzaga nell'alfabeto cristiano 21. Lo stesso esporre di dubbi, di obbiezioni, e la stessa «docile» approvazione. Ed è in fondo naturale che sia così. Anzitutto, entrambi sono creature di Valdés; e inoltre, se il nucleo centrale del Dialogo è costituito dal «genio stesso della lingua spagnola mentre sta prendendo coscienza di sé» 22, di questa coscienza l'evolversi di Torres diventa il simbolo. Valdés. Quanto al personaggio Valdés, è evidente che l'autore ama rappresentare se stesso in un atteggiamento continuo di diffidenza contro la curiosità degli interlocutori; di qui lo schermirsi, il desidetio di tagliar corto 23, quasi con un gesto di noia pet essere costtetto a parlare di nifierias de la lengua. L'atteggiamento del personaggio tiflette, come vedremo, un aspetto ben marcato nella posizione del Valdés filologo. Allo stesso modo la tendenza a interrompere la discussione con battute scherzose rientra sl in una generica ptopensione pet la facezia diffusa nel suo tempo, ma risponde anche a un suo gusto personale, come risulta dalle sue stesse lettere 24. Il personaggio Valdés oscilla tra una estrema equanimità e una violenza di temperamento. Da un lato nessuno è pill lontano di lui dalla ptosopopea scientifica: sottolinea continuamente che espone opinioni ottenute «por congetura» e «por discteci6n», che non sa nulla «de cietta ciencia», che si ttatta di «noticia confusa»; è ptontissimo ad affermate di non potet stabilite tegole. Lungi dal ptetendete di venir cteduto ciecamente, vuole ottenete solo «el crédito gue quisiétedes» e convincete con dimosuazioni: «aunque el cteet sea cottesia, yo huelgo que desto que os he dicho no cteais mas de lo que viétedes». Anche qui ci sono, come vedtemo, radici dominali più profonde: l'impossibilità di stabilite tegole pet una lingua volgate, la mancanza di ptecedenti. Ma c'è anche la cauta consapevolezza petsonaie di tutta un'elabomzione originale di una serie di ptoblemi, di cui Valdés non manca di essete fieto quando si ttatta di sottolinearne l'originalità, chiudendosi in un altezlo

19 «no comment» di fronte ad alcune obbiezioni, ad aftel:m:ue che quanto gli importa è l'uso suo. «Para mino ay igual tormento que no poderme enojar mostrar enojo por lo que oigo o veo que no es segun mi tatltasla». Le collere che lo assalgono a solo sentire il nome Nebrija sono allo stesso tempo prodotto di una diversità concezione e riflesso di un carattere irritabile. Scontroe appassionatezza, che a loro volta non sono solo un tratto psicologico realistico (sappiamo che nella realtà il carattere di Valdés era tutt'altro che mite 25 e vediamo, elitra il Dialogo, la sua reazione all'eccessiva cerimoniosità italiana). Sono anche riflesso di un concetto di libertà: «demasiadamente me ofendo quando una persona que yo quiero bien haze o dize alguna cosa que no me contente, y soy tan libre, que luego le diga a la clara mi parecer» L'ambiente italiano. Quanto alla realtà storica del Dialogo e della sua inscenatura, non ha molto interesse accertare se la camice narrativa sia o no pura convenzione letteraria e se Valdés e i suoi amici si siano davvero riuniti a conversare su questioni di lingua. Tra l'altro, nulla vieta di pensare che sia realmente così, allo stesso modo come non si dubita che l'alfabeto cristiano nasca da una conver.sazione tenuta tra Valdés e donna Giulia dopo una predica di Bemardino Ochino. L'importante comunque è che nell'opera il riflesso di elementi molto reali c'è: sia il contatto tra spagnoli e italiani, sia l'esperienza che Valdés spagnolo aveva tratto dal suo saggiamo tra italiani. Valdés 27, educato all'umanesimo di marca erasmiana e tutto preso dai suoi problemi religiosi e, in parte, dalla sua attività di funzionario imperiale, vive in Italia e in particolare a Napoli in un momento in cui la potenza spagnola era al suo apogeo e con essa la diffusione della cultura e della lingua spagnola. Gli italiani potevano di quando in quando deplorare questo influsso, come si dolevano del dominio politico straniero, e sottopone a critica gli usi e i costumi di Spagna 28; ma d'altra parte non potevano negare una 11

20 certa affinità tra loro e gli spagnoli, come fa Castiglione, il quale appunto è pronto ad aprire le porte dell'italiano a voci castigliane quando la materia lo renda necessario 29. Valdés non soltanto scrive a Napoli, dove la penetrazione ispanica aveva ormai profonde radici che risalivano al tempo aragonese, ma viene da Roma, che dall'epoca di papa Callisto III si era andata sempre pill ispanizzando 30. Molti italiani, come gli interlocutoti del Dialogo, conoscevano più o meno profondamente la lingua e le usanze spagnole. È stato osservato che, come le opere religiose di Valdés, anche il Dialogo ha uno scopo eminentemente pratico 31. La presenza di un pubblico italiano si rivela in primo luogo in tutta una serie di momenti in cui Valdés sente il bisogno di spiegare usi, istituzioni, «cose», insomma spagnole, a chi non le conosce bene: la storia della «Reconquista», o del frazionamento regionale del suo paese, le «bachillerias», ecc. ecc.; fino a certe spiegazioni quasi di carattere tipologico, come la propensione dello spagnolo all'equivoco faceto o all'esuberanza metaforica 32. La rassegna letteraria finale comprende opere quasi tutte assai divulgate in Italia - per non parlare di quelle che dipingono appunto 1'ambiente napoletano italo-spagnolo come la Questi6n de Amor - e la cui critica in Italia costituiva quasi un luogo comune. La visibile preoccupazione di adattare quanto scrive a un determinato pubblico si riflette anche su alcune posizioni linguistiche di Valdés: da una parte spiegazioni di particolarità spagnole mediante un termine di raffronto italiano 3\ dall'altra, tentativi di evitare?nfibologie e di «no hacer tropeçar alletor», che paiono prospettarsi anch'essi, almeno in parte, in funzione di un pubblico stra" niero. L'estrema chiarezza con cui viene talora svolto il ragionamento certo risponde in alcuni momenti a uno scopo analogo. La prospettiva di raffronto bilingue di Valdés si manifesta però soprattutto nella sua principale caratteristica: la preferenza data alla forma più vicina all'italiano, si tratti di particolari ortografici o di scelte lessicali. 12

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO

Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO Istituto Tecnico Tecnologico Statale Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - Italia PERCORSO FORMATIVO DI ITALIANO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE SECONDO BIENNIO Competenze di base a conclusione

Dettagli

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433.

Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Richard K. Larson, Grammar as Science, Cambridge (Mass.) London, MIT Press, 2010, pp. 433. Il volume si presenta come un manuale di introduzione alla teoria della sintassi per studenti universitari di

Dettagli

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html

Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html Fonte: http://www.ildiogene.it/encypages/ency=vico.html GIAMBATTISTA VICO Glossari e Dizionari Amore e sesso Borsa Internet Lavoro Scuola Ricerca argomenti Scienziati & filosofi Teorie della mente VITA

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base

ASSI CULTURALI: (testo ministeriale): competenze specifiche di base 1.1. COMPETENZE GENERALI in ITALIANO ( BIENNIO) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA (provenienti dalle indicazioni europee) COMPETENZE GENERALI APPLICATE ALLE CONOSCENZE DISCIPLINARI ASSI CULTURALI: (testo

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE ITALIANO: competenza 1 - TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Interagire e comunicare verbalmente in contesti di diversa natura Quando ascolta,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO PROFILO D USCITA DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Quinte Disciplina: ITALIANO Alla fine della Scuola Primaria i ragazzi avranno una solida preparazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio.

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA. Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio. ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA MEDIA Obiettivi specifici di apprendimento e relativi contenuti Primo biennio Obiettivi specifici ITALIANO Attività ASCOLTO - Applicare le strategie dell ascolto

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540

FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 FRANCESCO GUICCIARDINI 1483-1540 REALTÀ E IDEALE CARRIERA POLITICA VIVE IN PRIMA PERSONA - COME AMBASCIATORE PAPALE LA DECADENZA POLITICA DELL ITALIA: LE INVASIONI ORMAI INEVITABILI MOSTRANO COME SIA IMPOSSIBILE

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare:

3. Latino. progressivo di conoscenze e abilità nei tre ambiti implica che l allievo sia disposto. pensare: 3. Latino 129 3.1. Significato e finalità formative della disciplina Il latino, lingua del popolo romano, è stato usato per più di dieci secoli nel mondo antico e per altrettanti in quello moderno, e si

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO

AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO AREA LINGUISTICO - ARTISTICO ESPRESSIVA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI NUOVI ORDINAMENTI TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA GLI INSEGNAMENTI DEI VECCHI E DEI ANTICHITÀ GRECHE ANTROPOLOGIA CULTURALE ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA ARCHEOLOGIA MEDIEVALE BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO V. MUZIO - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1. Anno Scolastico 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO "V. MUZIO" - Bergamo Via S. Pietro ai Campi, 1 Anno Scolastico 2013/2014 Classe: 2^B Disciplina: Italiano Docente: Prof.ssa Pasqua Barbone PIANO DI LAVORO ANNUALE Criterio

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»?

Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Cosa vuol dire scrittura creativa? È possibile un corso di scrittura creativa nelle Scuole secondarie di primo grado? Cosa vuol dire «saper scrivere»? Probabilmente non avremo la possibilità di agire sulle

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o NEWSLETTER - I N V E N T A R E I L F U T U R O - Luglio 2007 I l g r u p p o I t a l i a n o Il gruppo italiano Inventare il futuro è iniziato lo scorso mese di maggio e si riunisce quasi ogni settimana

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL TRIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO La scuola secondaria di primo grado rappresenta la fase in cui si realizza l accesso alle discipline come punti di vista sulla realtà e come modalità di interpretazione, simbolizzazione e rappresentazione

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

UDA PLURIDISCIPLINARE ASSE LINGUISTICO-STORICO

UDA PLURIDISCIPLINARE ASSE LINGUISTICO-STORICO L UDA che presentiamo è stata prevista per il prossimo anno scolastico, da realizzare cioè, in una prima classe del triennio, nell intento di una progettazione a più mani che vada oltre le rigidità imposte

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14.

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14. Gesù e la sua croce necessaria Ha previsto Gesù la sua morte? Che senso vi ha attribuito? E come l'ha integrata nella sua missione? Lo spunto per porre queste domande mi è stato offerto da uno studio di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE

Il cyberspace: nuovi luoghi per formare, condividere e conoscere - INTRODUZIONE INTRODUZIONE Internet è inevitabilmente parte delle nostre vite. Facebook, MySpace, Filckr, Wikipedia, Google tutti strumenti che la maggior parte di noi utilizza, padroneggia, critica o apprezza. Sono

Dettagli

Curricolo verticale di ITALIANO

Curricolo verticale di ITALIANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SIANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Curricolo verticale di ITALIANO ITALIANO - CLASSI PRIME Leggere e comprendere -Ascolta le informazioni principali di discorsi affrontati

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni

Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Elaborazione generale dei risultati dei questionari sulla lettura. Prime riflessioni Coordinamento di Feljeu : Caterina Colonna, Anna Cornacchia, Annalisa Divincenzo Finalità della ricerca Il sondaggio

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA

ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA ASSE DEI LINGUAGGI LA COMPETENZA Lingua italiana: Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi indispensabili per gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti; Leggere, comprendere

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento

Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Liceo Scientifico Statale Giuseppe Peano - Cuneo PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE MATERIE LETTERARIE E LATINO Biennio del Nuovo Ordinamento Prerequisiti I prerequisiti indispensabili perché gli allievi possano

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione INGLESE COMPETENZE SPECIFICHE AL a. Nell incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE

CONTENUTI 3. IL ROMANZO DA CERVANTES ALLA NARRATIVA DELL OTTOCENTO CONOSCENZE LICEO ARTISTICO P. GOBETTI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE IV B INSEGNANTE: CINZIA BELTRAMI PROGRAMMAZIONE ITALIANO Consolidare la conoscenza della lingua italiana Conoscere le coordinate storico-culturali

Dettagli

LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO. Istruzioni perché non diventi un incubo

LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO. Istruzioni perché non diventi un incubo LA «TESINA» PER GLI ESAMI DI STATO Istruzioni perché non diventi un incubo DPR 323/1998 Regolamento sul nuovo Esame di Stato Art. 5 (Modalità di invio, formazione e svolgimento delle prove d'esame) Comma

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli