Obiettivo Didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Obiettivo Didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive."

Transcript

1 Obiettivo Didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive. E. Caldirola 1, F. Ferlini 1, A. Marini 1, M. Stefanelli 1 F. Civardi 2 1 Università di Pavia Pavia - Italia 2 DaisyLabs Rivergaro (PC)- Italia L Università di Pavia ha promosso un progetto sperimentale (Progetto Kiro) presso la Facoltà di Farmacia per migliorare la qualità della didattica attraverso strumenti basati sul web. L articolo presenta le basi metodologiche del progetto, i primi risultati conseguiti e le linee di sviluppo metodologiche, gestionali e tecnologiche che faranno da guida per estendere l iniziativa a tutto l Ateneo. Viene illustrato infine il progetto ICT4University che, sulla base dell esperienza maturata con Kiro, intende conseguire ulteriori traguardi nel campo del mobile learning e della digitalizzazione dei processi didattici e amministrativi. 1. Introduzione L Università di Pavia ha sviluppato dall anno accademico 2007/2008 una iniziativa pilota presso la Facoltà di Farmacia (Progetto Kiro, per sperimentare attività integrative della didattica frontale basate su tecnologie web, con l obiettivo di definire gli aspetti di base di un modello esportabile all intero Ateneo [Caldirola, 2007; Caldirola e Marini, 2008; Macpherson et al, 2005]. Con la nuova iniziativa ICT4Unipv l Ateneo intende ora estendere questa esperienza enfatizzando, mediante le tecnologie ICT, soprattutto le applicazioni nel campo del mobile learning e della digitalizzazione dei processi didattici, utilizzando nel rapporto con gli studenti anche tecniche di data mining e sistemi di Customer Relationship Management. 2. Scenari di riferimento Il progetto Kiro si propone d integrare la didattica tradizionale (tenuta nella consueta forma in presenza su tutti i corsi) attraverso l introduzione di strumenti basati sulle tecnologie Web [Schiederig, 2007]. L obiettivo prefissato consiste nel dare luogo ad un sistema misto e integrato fra lezioni erogate in aula e attività di approfondimento/esercitazione, autovalutazione e confronto on-line.la scelta di intraprendere questa strada è stata suggerita da diversi fattori. In primo luogo dalla constatazione di un crescente divario tra le modalità di insegnamento messe in atto dai docenti e le modalità di apprendimento e/o A. Andronico, L. Colazzo (Eds.): DIDAMATICA 2009 ISBN

2 DIDAMATICA 2009 comunicazione proprie delle giovani generazioni di studenti [Oblinger e Oblinger, 2005]. In secondo luogo, dalle evidenze emerse negli ultimi anni in merito alla composizione e tipologia della popolazione studentesca. Tra gli iscritti ai corsi universitari si riscontra infatti una quota sempre più consistente non solo di studenti lavoratori (40% - dato valido per le lauree triennali), che svolgono occupazioni saltuarie per mantenersi agli studi, ma anche di lavoratori-studenti (20% - dato valido per le lauree triennali), che tornano ad affrontare percorsi formativi universitari pur essendo già inseriti appieno nel mondo del lavoro. Infine, dalla necessità di razionalizzare la frammentazione digitale di documenti e materiali didattici sparsi su più server. 3. Linee programmatiche Il progetto si basa sui seguenti capisaldi: - integrazione (e non sostituzione) della didattica frontale svolta in aula. Tale approccio è in linea con quanto emerso da recenti indagini europee (E-lue - E- learning and university education University towards e-learning a focus on Finland, France and Italy in cui si evidenzia come l obiettivo dell e-learning negli Atenei esaminati consista nel migliorare la qualità dell apprendimento degli studenti e nel garantire un elevata flessibilità alle modalità di fruizione dell offerta didattica [Ardizzone e Rivoltella, 2003]; - individuazione dell utenza più ricettiva e bisognosa: studenti dei primi anni dei corsi di laurea triennali (studenti con risultati scolastici inferiori, presenza di tanti lavoratori-studenti, ecc.); - orientamento dell iniziativa verso il valore metodologico-didattico e pedagogico-educativo [Adams e Morgan, 2007]: la cura degli aspetti tecnologici e ingegneristici costituisce il mezzo per raggiungere il fine; - ambiente digitale di apprendimento flessibile, modulare, espandibile e, soprattutto, modificabile in funzione delle esigenze diverse e crescenti che il progetto vuole soddisfare. Sotteso a questo principio è il concetto di libertà associato alla ricerca scientifica. Il software OpenSource garantisce questa libertà espressiva. Inoltre, aggrega comunità di interesse e di pratica, composte anche da migliaia di persone, in grado di dare supporto ed aiuto a tutti coloro che di esse fanno parte o che ad esse si rivolgono. 4. Affrontare la dimensione di Ateneo In qualità di progetto sperimentale, Kiro si propone di definire gli strumenti e le condizioni necessarie per la sua evoluzione da esperienza pilota a processo standardizzato e replicabile per ordini di grandezza scalari [Ellis et al, 2007]. A questo scopo, il gruppo di progettazione ha dedicato particolare attenzione all analisi del ruolo e delle relazioni tra le tre figure-chiave in gioco nel progetto: 2

3 Obiettivo didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive. lo studente, il tutor e il docente. È difficile avvicinare le posizioni di una generazione che è stata definita come nativa digitale e di un altra, precedente, che al mondo digitale si rivolge come migrante, e spesso diffidente. La proposta avanzata da alcuni studiosi che considerano come immobile il nativo e puntano alla sola mobilità del migrante verso il nativo sembra eccessiva [Prensky, 2001]. È più opportuno riflettere sulla possibilità di un reciproco avvicinamento tra i ruoli. Nell attuale configurazione di Kiro, il tutor svolge un ruolo centrale nel processo di negoziazione generazionale tra il docente e lo studente. Il tutor, se e quando opportuno, consiglia l inserimento di nuove tecnologie nell impianto didattico del corso, suggerisce al docente e allo studente la creazione di nuove modalità di studio e ricerca (originate, ad esempio, dallo sviluppo di propri ambienti di Personal Knowledge Management), o indica contesti web-based di comunità di pratica e di interessi sulle discipline di riferimento. Attualmente l ambiente che ospita il progetto conta complessivamente 1370 utenti di cui circa 400 sono interessati ai corsi del semestre ora in corso, più docenti tutor e staff. Il grafico degli accessi Fig. 1 - (le due curve indicano rispettivamente accessi e utenti unici) denota una frequenza assidua che, a conferma di quanto appena osservato, fidelizza gran parte degli aventi diritto. Figura 1. Login al sito (Accessi e utenti unici) Gli studenti che accedono a Kiro possono fruire, nelle istanze create per ogni corso, di diversi servizi ed attività (Figg. 2 e 3) allestite dallo staff e individuate grazie a colloqui in cui sono stati coinvolti i docenti dei corsi, il Project Manager e i tutor di dominio. L istanza del singolo corso può essere modificata/integrata per l intera durata del corso stesso a seguito di stimolo del docente, proposta del tutor o consulenza dello staff di progettazione. Servizi e attività, nell attuale fase del progetto, sono stati disseminati ad ampio spettro nelle istanze al fine di promuoverne le funzionalità, soprattutto verso i docenti. Tale strategia è utile per monitorarne l utilizzo. In una fase successiva, di 3

4 DIDAMATICA 2009 maggiore consolidamento del progetto,,sarà attuato un piano di razionalizzazione e profilazione in base ai bisogni dell utenza rilevati e agli obiettivi formativi indicati dai docenti stessi Figura 2. Numero di attività presenti Figura 3. Numero di servizi attivi Gli sviluppi più interessanti attorno ai quali ruota attualmente l impegno di alcuni docenti e dello staff di progettazione riguardano: 1. ricerca, re-interpretazione e arricchimento di materiali didattici di qualità in uso presso altre sedi universitarie e da queste distribuiti sotto licenza CC; 2. proposizione della piattaforma quale momento di orientamento pre-iscrizione per chi desidera accedere alla Facoltà di Ingegneria (Polo di Mantova); 3. uso della piattaforma per dare concreta attuazione agli adempimenti previsti da DM 270/04 e decreti attuativi collegati, che prevedono la valutazione della personale preparazione degli studenti in ingresso oltre alla organizzazione e somministrazione di attività didattiche integrative finalizzate a colmare gli eventuali debiti formativi accertati. Il primo esempio di attività ascrivibile al primo punto è costituito dalla realizzazione di un libro digitale per lo studio della Chimica Organica, al quale stanno lavorando, sotto il coordinamento del docente, lo staff e i tutor di dominio. Il progetto si propone di adattare alle esigenze degli studenti della Facoltà di Farmacia un testo interattivo (dotato di un ricco repertorio grafico ed animato) sviluppato presso la Michigan State University: al suddetto testo sono già stati affiancati la traduzione italiana e test multiple choice in cui allo studente viene richiesto di disegnare molecole anche complesse in un ambiente di autovalutazione formativa. Per quanto attiene alla seconda linea di sviluppo, un gruppo di lavoro coordinato dal Project manager e dai docenti interessati sta lavorando alla 4

5 Obiettivo didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive. creazione di una istanza in cui verrà illustrato un libro interattivo, dotato di glossario online, test multiple choice, esercizi orientati a tecniche di problem solving con il quale si rappresenterà ai docenti e agli studenti dell ultimo anno degli istituti superiori una simulazione dello studio della fisica nel contesto della Facoltà di Ingegneria, polo di Mantova. All interno dell istanza sarà anche attivata una WebTV con video (on demand, in diretta o programmati su un palinsesto) interattivi, con i quali cioè sarà possibile prelevare files correlati ai video, navigare per tag e visitare i siti web di cui ogni video è stato arricchito a cura dello staff. Questa linea di sviluppo, che mette a disposizione di altre realtà dell Ateneo le competenze acquisite nell ambito di Kiro, apre la via al pieno raggiungimento di uno degli obiettivi strategici del Progetto: disseminare nell intero Ateneo gli strumenti e i metodi utili ad aumentare la qualità e l efficacia delle attività didattiche. Alla terza linea di sviluppo si sta dando concreta attuazione attraverso una collaborazione che si annuncia proficua tra staff di Progetto e commissione didattica di Facoltà. L obiettivo è quello di rispettare la lettera e lo spirito della legge che prevede che la valutazione della personale preparazione degli studenti in ingresso non abbia finalità selettive ma al contrario formative e che sia orientata alla creazione delle condizioni necessarie a far sì che tutti gli studenti iscritti possano affrontare con profitto gli studi universitari. I numeri, le applicazioni, il metodo e le concrete realizzazioni finora messi in evidenza nell ambito del progetto lasciano ben sperare per un significativo sviluppo futuro, anche se, riconsiderando gli obiettivi inizialmente previsti dal progetto: - realizzare un sistema di apprendimento più flessibile e distribuito; - facilitare, personalizzandolo, il processo di apprendimento; - potenziare l efficacia dell azione formativa; - aumentare il tasso di successo nelle prove in itinere e negli esami finali; - migliorare l efficienza delle carriere degli studenti; - familiarizzare gli studenti all uso professionalizzante di tecnologie informatiche; - addestrare gli studenti alla ricerca, gestione e condivisione delle informazioni. ci si rende conto che sono stati, ad oggi, conseguiti solo in parte. Infatti, l approccio fino ad ora prevalso può essere definito molto formal, con marcate caratteristiche di tipo top-down. La natura stessa del progetto blended, con molta attività in presenza introduce elementi di rigidità in merito alla flessibilità e alla personalizzazione dell apprendimento, anche se gli studenti hanno prodotto in autonomia una certa quantità di contenuti nei forum di discussione. Dall ottica dello studente, è possibile introdurre approcci più informal e bottomup dell acquisizione del sapere. A questo scopo, lo staff di progettazione ha 5

6 DIDAMATICA 2009 affiancato alle varie stanze di studio messe a punto per i vari corsi anche una Community on-line (FarmaCo) dove lo studente, grazie alla presenza, a vari livelli di fading, di tutor animatori/moderatori, assume un ruolo attivo nella ricerca/utilizzo/commento/scambio delle risorse specifiche delle discipline scientifiche affrontate e crea infine contenuti in collaborazione con i compagni. Lo scopo del tutor, il cui ruolo-chiave è a questo punto chiaro, consiste non solo nel facilitare e nello stimolare le interazioni, ma anche nel monitorare le attività in corso e nel riportare nei vari corsi di competenza quanto di buono e di interessante si sviluppa nella community, in modo che anche gli studenti più formal (che nella community non sono mai entrati) possano ugualmente godere dei benefici prodotti dai compagni. C è la convinzione che si possa ottenere di più e di meglio, coinvolgendo più a fondo il docente nella progettazione delle strategie didattiche [Hagner, 2000] ed esaltando la collaborazione docente/tutor come una diade formativa. La graduale crescita del ruolo del docente e il suo impatto sempre attivo sul corso comporta, come conseguenza, una rivisitazione del ruolo del tutor. Non è infatti sostenibile a regime, né a livello economico, né a livello organizzativo, prevedere l esistenza di un tutor per ogni corso, così come è stato pensato fino ad ora. L impostazione attuale si rende necessaria per la fase di partenza e di sensibilizzazione, ma subirà nel medio/lungo termine una mutazione nel senso di una maggiore articolazione del ruolo e della percezione del tutor, ipotizzabile come segue: a) tutor stratega: una figura di alto livello, di elevata professionalità, che rivestirà il ruolo strategico di consigliere dei docenti sulle tecnologie digitali applicabili alla didattica; b) tutor tattico: una figura di livello intermedio, che manterrà gli attuali connotati del progetto; c) tutor di base: una figura di livello base, che, dopo adeguata formazione, collabora con il docente. Tale evoluzione, oltre a costituire un vero e proprio nucleo di nuove figure professionali di supporto tecnologico e strategico/didattico per la docenza universitaria [Khan, 2005], consentirà la messa a punto di un modello espandibile e modulare in grado di sfidare la crescita quantitativa e qualitativa dell iniziativa. Attualmente, solo il Project Manager è strutturato, tutto il resto dello staff è costituito da collaboratori con alto tasso di turnover (tutor di dominio su fondi Ateneo/Miur, Volontari Servizio Civile in ferma per un anno). Operando sui regolamenti, è stata data la possibilità anche a borsisti e dottorandi di accedere al tutorato online, introducendo così al progetto personale semistrutturato altamente qualificato. Con il procedere del progetto, verranno inserite anche unità di personale TA. Se in questo modo si pone attenzione e si fa chiarezza sugli attori al centro del processo, è necessario ora osservare il fenomeno dal punto di vista dell azione e dei suoi obiettivi. La finalità è quella di 6

7 Obiettivo didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive. monitorare nel tempo la performance dello studente, al fine di calibrare e personalizzare gli interventi a supporto con tempi e modalità idonei per le casistiche individuate. È ora già in corso il potenziamento degli effetti del progetto Kiro, così come finora delineati, con interventi di tutorato mirati. Questi sono resi possibili mediante processi di Data Mining, ovvero attraverso l analisi di informazioni relative alle carriere degli studenti estratte da data base legacy Oracle e adeguatamente trattate in un sottostante sistema Data WareHouse [Kimball e Margy, 2002]. Per le analisi sono utilizzate tecniche di Data Mining prevalentemente basate su Decision Trees o Naive Bayes [Tan et al, 2005]. In questo modo gli interventi di tutorato, oltre alla normale attività nell ambito dell economia di ciascun corso, saranno tempestivi, orientati alla persona, su problemi temporanei e specifici, e scatteranno in base ad evidenze di performance difformi (in negativo) dai risultati attesi nella carriera dello studente. Agli studenti in difficoltà, individuati grazie al continuo monitoraggio dei dati della Segreteria Studenti, verrà offerta l opportunità di accedere a programmi personalizzati di assistenza e recupero basati sul web e con tutor personale, per la sola fase di crisi del percorso formativo. Così facendo, ci si pone in una ottica di cura e relazione continua con lo studente (Student Relationship Management). Dal momento che tutto questo verrà messo a punto e gestito con le tecnologie connesse all e-learning, si può dire che si tratterà di un ottica e-strema: ovvero, E-Xtreme E-learning, che esplicherà la propria azione secondo le seguenti linee: a) azione all ingresso: individuazione, tramite apposite prove in ingresso, di eventuali debiti formativi. In tal caso l azione E-Xtreme dispiega il primo effetto immettendo lo studente in un percorso personalizzato di recupero del debito e di accertamento in itinere del saldo conseguito; b) azione in itinere: costruzione di una banca dati sulle performance dello studente. Il primo eventuale segnale di tipo quantitativo (crediti conseguiti in un certo lasso di tempo al di sotto di una soglia predefinita e/o votazioni agli esami in scostamento rispetto ad una media attesa) mette in moto una indagine qualitativa mirata a individuare il motivo del deterioramento della performance e, di conseguenza, l inserimento in uno dei profili di assistenza/recupero individuati grazie a pregresse analisi metodologiche; c) azione predittiva: con l espansione della banca dati disponibile, individuazione di algoritmi di interrogazione/previsione delle performance sulla base di situazioni-tipo predefinite, in modo da poter prevedere per tempo le criticità sui percorsi di studio e intervenire con strumenti correttivi; d) azione ricorsiva per la valutazione della qualità: strumenti di controllo e verifica dell utilità degli interventi effettuati a sostegno. Tale valutazione potrebbe avvenire, in fase di avviamento del progetto, attraverso la comparazione dei risultati ottenuti tra un gruppo di studenti pilota ed il restante gruppo di 7

8 DIDAMATICA 2009 controllo. A regime, attraverso un costante monitoraggio di una serie di KPI (Key Performance Indicator) opportunamente definiti. 5. ICT4Unipv: Mobile learning e digitalizzazione dei processi L attenzione dell Ateneo è ora puntata verso il conseguimento di ulteriori traguardi nel campo del mobile learning e della digitalizzazione dei processi didattici e amministrativi. Tenuto conto sia dell ormai ampia diffusione presso gli studenti di notebook e Personal Digital Assistants (PDAs) sia della pervasività delle tecnologie wireless, si stanno sviluppando le opportunità offerte dalle web community e dalle classi virtuali. In particolare, partendo dall esperienza di Kiro, con la nuova iniziativa ICT4Unipv (vedi Fig. 4) l Università di Pavia sta ampliando i servizi a supporto dei processi didattici e amministrativi dell Ateneo mediante: Figura 4. Progetto di ampliamento dei servizi - il potenziamento della rete wireless a disposizione dell intera comunità accademica nei plessi universitari; - l estensione della connettività WiFi sul territorio urbano della città di Pavia in spazi pubblici normalmente utilizzati dagli studenti; - l agevolazione all accesso da remoto ai servizi on-line per gli studenti mediante promozione di sistemi di connettività per PC basati su Internet Key che consentono collegamenti fino a 7,2 Mbps con ricerca automatica della miglior banda trasmissiva disponibile (Gprs/Edge/Umts/Hspa); 8

9 Obiettivo didattica: il web nel Campus. Strumenti, Azioni, Prospettive. - l estensione delle applicazioni che utilizzano la firma digitale per la gestione e dematerializzazione dei flussi documentali; - l estensione delle funzionalità del sistema SRM (Student Relationship Management) per il miglioramento della comunicazione multicanale ( , ehtml, SMS, fax, posta ordinaria) nei confronti degli studenti; - la predisposizione di un ambiente di web community per studenti/docenti integrato sia con il sistema informativo per la gestione della carriera degli studenti sia con la piattaforma Open Source Moodle e altre piattaforme eventualmente usate per l erogazione di servizi didattici integrativi on-line. Relativamente a quest ultimo aspetto, l intervento riguarda l Ateneo nel suo complesso (9 facoltà, 104 corsi di studio, 3049 insegnamenti) e, mediante autenticazione in modalità Single Sign-On, mette a disposizione funzionalità quali: la creazione di comunità chiuse oppure aperte, la generazione di comunità statiche o dinamiche, forum di discussione, avvisi e bacheche, condivisione di documenti e materiali didattici. Attraverso i servizi erogati da Moodle saranno poi rese disponibili ulteriori risorse didattiche sia sotto forma di learning object, sia di materiali multimediali di diversa natura (filmati, file sonori, immagini) in funzione delle specifiche necessità dei docenti dei corsi. In considerazione dell integrazione di questo ambiente con le banche per la gestione amministrativa delle carriere degli studenti, tutti i processi di attivazione e inclusione dei singoli soggetti coinvolti nelle community (studenti, docenti e tutor) sono completamente automatizzati. Analogamente, attraverso il sistema di Data Mining sarà informatizzato anche il processo di individuazione degli studenti in difficoltà per i quali, a livello di LMS, saranno progettate specifiche attività di supporto. L intero disegno progettuale, pur non costituendo ancora una concreta esperienza di Lifelong Learning, ne costituisce tuttavia la solida base funzionale per una futura implementazione, che potrebbe essere testata, in prima battuta, con la progettazione di corsi ECM. 6. Conclusioni È stato descritto in dettaglio Il progetto pilota della Facoltà di Farmacia (Progetto Kiro), finalizzato a migliorare la qualità e i risultati della didattica attraverso l integrazione dei metodi tradizionali dell insegnamento con le tecnologie ICT, Sono stati inoltre illustrati il ruolo centrale dei tutor nell economia del progetto, gli scenari di riferimento iniziali e lo schema organizzativo generale. L analisi dei risultati ottenuti restituisce indicazioni per l ottimizzazione del progetto e individua le metodologie e le tecnologie più idonee da conseguire al fine di estendere il progetto stesso all intero Ateneo. Kiro costituisce una prima e fondamentale fase di realizzazione del progetto di Ateneo ICT4Unipv, finalizzato ad ottimizzare la digitalizzazione dei processi didattici e amministrativi presso l Università di Pavia. 9

10 DIDAMATICA Bibliografia [Adams e Morgan 2007] Adams J. e Morgan G., Second Generation E-Learning: Characteristics and Design Principles for Supporting Management Soft-Skills Development International Journal on E-Learning. AACE Chesapeake, VA, 2007, 6 (2), pp [Ardizzone e Rivoltella 2003] Ardizzone P. e Rivoltella P. C., Didattiche per l'elearning : metodi e strumenti per l'innovazione dell'insegnamento universitario, Carocci, Roma, [Caldirola e Marini 2008] Caldirola E. e Marini A., Progetto Kiro: didattica interattiva ed integrata presso la Facoltà di Farmacia, Je-lks Journal of e-learning and Knowledge Society, Vol. 4, n.3, Settembre 2008, pp [Caldirola 2007] Caldirola E., Interagire, integrare, internazionalizzare: ipotesi webbased per la didattica all Università di Pavia, in Andronico A. e Casadei G. (a cura di) Didamatica Informatica per la didattica. Atti, Cesena, Maggio 2007, pp [Ellis et al. 2007] Ellis R. A., Jarkey N., Mahony M.J., Peat M. e S. Sheely Managing quality improvement of elearning in a large, campus-based university. Quality in Higher Education, Taylor and Francis Group, London, 2007, Vol. 15, No. 1, pp [Hagner 2000] Hagner P.R., Faculty engagement and support in the new learning environment. Educause Review, Educause, Boulder (CO), 2000, Vol. 35, September/October, pp [Khan 2005] Khan B.H., Managing E-Learning Strategies: Design, Delivery, Implementation and Evaluation, Information Science Publishing, London, 2005 [Kimball e Margy 2002] Kimball R. e Margy R., The Data Warehouse Toolkit, 2nd edition. Wiley, 2002 [Macpherson et al. 2005] Macpherson A., Homan G. e K. Wilkinson The implementation and use of e-learning in the corporate university. Journal of Workplace Learning, Emerald, Bingley, UK, 2005 Vol. 17, pp [Oblinger e Oblinger 2005] Oblinger D. e Oblinger J.L., Educating the Net Generation. E-book 2005 EDUCAUSE. Available at ISBN [Prensky 2001] Prensky M., Digital Natives, Digital Immigrants, On the Horizon Emerald, Bingley, UK, 2001, Vol. 9 No. 5. [Schiederig 2007] Schiederig K., Using e-learning for social sciences: practical lessons from the Free University of Berlin. 2007, elearning Papers, no. 3. ISSN [Tan et al. 2005] Tan P.N., Steinbach M. e Kumar V., Introduction to Data Mining. Pearson International Edition /Addison Wesley,

Università Telematica

Università Telematica Università Telematica L Ateneo nelle parole del Presidente del Consiglio di Amministrazione 2 Buoni professori, studenti motivati e una gestione economicamente sana: sono questi i tre ingredienti di una

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE Università degli Studi del Molise Città di d i Isernia Medaglia d oro Allegato B al DR n. 1368 del 18.10.2007 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTA DI ECONOMIA anno accademico 2007/2008 -------------------------------------

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning

INAIL Formazione Elearning e nuove tecnologie. e-learning INAIL. dai CBT al Collaborative Learning e-learning INAIL dai CBT al Collaborative Learning Elearning : direttive, linee guida e accordi 2000 Commissione Europea lancia l iniziativa: < E-learning Pensare l istruzione di domani > 2001 Direttiva

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ]

U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a. S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e. [ A p r i l e 2 0 1 4 ] U f f i c i o O f f e r t a F o r m a t i v a S e t t o r e D i d a t t i c a O n l i n e [ A p r i l e 2 0 1 4 ] Moodle a Ca Foscari Autori: Matteo Ferrini Nicola Sanavio Roberta Scuttari Sommario 1.

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE

LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE LA FUNZIONE DEL TUTOR NEI PROCESSI DI FORMAZIONE La formazione degli adulti Condurre gruppi di lavoro di adulti professionalizzati Il ruolo del tutor nella formazione degli adulti Le caratteristiche della

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

6. SUPPORTI INFORMATIVI

6. SUPPORTI INFORMATIVI SiBA - SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO Il Sistema Bibliotecario di Ateneo coordina l acquisizione e la gestione del patrimonio bibliografico e documentale necessario al supporto di tutte le attività di

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie

DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie Presentazione Il DOL Diploma On Line per Esperto di didattica assistita dalle Nuove Tecnologie è un corso di perfezionamento

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

E-learning come servizio integrato in un portale di Ateneo

E-learning come servizio integrato in un portale di Ateneo E-learning come servizio integrato in un portale di Ateneo Enrico Cavalli, Adriana Gnudi, Agostino Lorenzi Università di Bergamo, Facoltà di Economia Via dei Caniana 2, 24127 Bergamo Carla Milani Public

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente

Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell Università di Cagliari Carta dei servizi per lo Studente Art. 1 Principi generali e finalità 1. La Carta dei Servizi per lo Studente è regolata dal D.M.

Dettagli

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica.

Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo livello, tecnologia e soluzioni per la didattica. Progettiamo soluzioni per aiutare il docente di oggi a insegnare ai propri studenti ad avere successo domani. Le nostre proposte per un apprendimento mirato e funzionale combinano contenuti di altissimo

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa:

La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: La formazione degli studenti nelle biblioteche dell Università di Pisa: dai crediti ai tirocini personalizzati Milano, 16 marzo 2012 Patrizia Lùperi, Università di Pisa, Sistema bibliotecario d Ateneo

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015.

Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE. a.a. 2014-2015. Master di I livello LA SCUOLA NUOVA DELLA CONOSCENZA: FORMAZIONE, COMUNICAZIONE E NUOVE TECNOLOGIE 60 CFU 1500 ore PRESENTAZIONE La scuola non può più essere vista come un luogo dominato da un modello

Dettagli

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE 1. Premessa... 2 2. I NOSTRI CORSI... 4 3. OBIETTIVI... 6 4. MODALITÀ DI EROGAZIONE... 7 4.1. E-Learning... 7 4.2. In

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova

Il Tirocinio on line nell Università di Padova. Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il Tirocinio on line nell Università di Padova Ettore Felisatti, Pietro Tonegato Università di Padova + Il tirocinio 2 Ricomposizione teoria-pratica Apprendimento sul campo Ricerca sulla pratica Orientamento

Dettagli

ricapitolazioni TEMI& LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO 2. Documenti e Materiali Introduzione E-learning

ricapitolazioni TEMI& LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO 2. Documenti e Materiali Introduzione E-learning LA RELAZIONE SUL SISTEMA PORTALE DI ATENEO Le relazioni di seguito riportate costituiscono la documentazione di riferimento, sottoposta all attenzione degli organi competenti, nella fase di discussione

Dettagli

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento

Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi. Definizione dei profili di apprendimento Kit metodologico-didattico per la personalizzazione di percorsi formativi Definizione dei profili di apprendimento Architetture Didattiche Tipologia Caratteristiche Quando avvalersene Ricettiva Trasmissione

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD

Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD Un esperienza di e-learning con le piattaforme in uso alla Scuola IaD di Marco Orazi e Mauro Ranchicchio La Scuola IaD inizia nel 1997 la sua attività di erogazione di corsi in modalità teledidattica mettendo

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

LEADERSHIP EDUCATIVA

LEADERSHIP EDUCATIVA LEADERSHIP EDUCATIVA Corso per Dirigenti Scolastici Programma realizzato in convenzione con Ufficio scolastico regionale per la Lombardia da dirigenti scolastici in collaborazione con la Fondazione IBM

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

AGENDA DELLA FORMAZIONE

AGENDA DELLA FORMAZIONE Un progetto di innovazione didattica dell'istituto Comprensivo Statale "Galileo Galilei" - Pieve a Nievole AGENDA DELLA FORMAZIONE a cura di Carlo Mariani Universitàdi Firenze Piano di Lavoro Gennaio Febbraio

Dettagli

Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization

Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization Il social Learning: il sistema di Apprendimento nella Social Organization Il Social Learning L evoluzione TRAINING & DEVELOPMENT SOCIAL LEARNING PROFESSIONAL LEARNING Design - Delivery Connect - Collaborate

Dettagli

Progetto C.U.P. - I.eS.

Progetto C.U.P. - I.eS. Università degli Studi di Napoli Parthenope Progetto C.U.P. - I.eS. Campus virtuale dell Università Parthenope: Infrastruttura per la rete wifi E per i Servizi Programma ICT4 University Iniziativa WiFi

Dettagli

" L. A N N E O S E N E C A

 L. A N N E O S E N E C A MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFF. SCOL. REG. PER IL LAZIO I S T I T U T O D I I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E L I C E O " L. A N N E O S E N E C A " Via F. Albergotti,

Dettagli

Document Management Academy

Document Management Academy 2009 www.sdabocconi.it Document Management Academy Nuove competenze manageriali per la gestione ottimale dei processi documentali e l organizzazione del patrimonio informativo aziendale Edizione 2009/2010

Dettagli

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto

Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto PROGETTO POLO DI MILANO PER UNA NUOVA DIDATTICA NELLA SCUOLA PROGRAMMA DI ITALIANO PER L ANNO SCOLASTICO 2014-15 Progetto STRATEG IS - Strategie per l italiano scritto Responsabile del progetto: Prof.ssa

Dettagli

E-LEARNING PER LA FORMAZIONE

E-LEARNING PER LA FORMAZIONE E-LEARNING PER LA FORMAZIONE LA PIATTAFORMA S-LEARNING AiFOS Frutto di una costante ricerca ed esperienza nel campo della formazione in aula ed in azienda, S-learning è un sistema innovativo integrato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006

DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 DIDAMATICA 2006 Cagliari, 11-13 maggio 2006 dr. Antonio Cartelli cartan@unicas.it Laboratorio di Tecnologie dell istruzione e dell apprendimento FORMAZIONE IN SERVIZIO DEI DOCENTI E TRASPARENZA DEI PROCESSI

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche

Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Formare all e-learning: contenuto, metodologia e valutazione nelle relazioni didattiche Milena Casagranda 1, Andrea Molinari 2, Sara Tomasini 3 1 Università degli Studi di Trento Laboratorio di Maieutiche

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

Elearnit Servizi Elearning a 360. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com

Elearnit Servizi Elearning a 360. http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com Elearnit Servizi Elearning a 360 http://www.elearnit.net http://elearnit.wordpress.com E-learning Ridurre i costi Più efficienza Tracciare i risultati La formazione web-based può migliorare i vostri processi

Dettagli

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia

Il Servizio DIR - Didattica in Rete. Facoltà di Lettere e Filosofia Il Servizio DIR - Didattica in Rete Facoltà di Lettere e Filosofia Simonetta Todi Laboratorio Informatico della Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro

Dettagli

L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino

L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino L ambiente di apprendimento integrato per la didattica avanzata della Scuola di dottorato in Neuroscienze dell Università di Torino Bruno Boniolo, Cristina Spadaro 1 Centro Interstrutture di Servizi informatici

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza

piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza INDICE Laurea magistrale in Gestione d azienda 3 General Management 4 International management, legislation

Dettagli

Articolazione attuativa del Piano Strategico 2014-2015 Offerta Formativa

Articolazione attuativa del Piano Strategico 2014-2015 Offerta Formativa Articolazione attuativa del Piano Strategico 2014-2015 Offerta Formativa Obiettivo base 1 - Potenziare la qualità e l efficienza dei corsi erogati dall Ateneo Obiettivo specifico 1.1: potenziare la qualità

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

e-learning Guglielmo Trentin trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche

e-learning Guglielmo Trentin trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche Aspetti didattico-metodologici dell e-learning e-learning trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova http://www.itd.cnr.it

Dettagli

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia

Risultati dei questionari elearning e Ariel. A. Esposito, D. Scaccia Risultati dei questionari elearning e Ariel A. Esposito, D. Scaccia Indagine elearning Obiettivi della rilevazione Raccogliere dati, informazioni e opinioni utili agli Organi di governo per elaborare strategie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO Prot. n. 3553/2011 Cagliari, 18/11/2011 Ai Dirigenti Scolastici Istituzioni Scolastiche degli Istituti Secondari Superiori della

Dettagli

MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO

MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER IN TECNICHE E PROCEDURE DEL CONTROLLO DI LEGALITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO INFORMAZIONI GENERALI Le novità introdotte dalla recente riforma del lavoro, nonchè i

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 - Costituzione del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione È costituito, presso la Facoltà di Studi Umanistici dell Università degli Studi di Cagliari, il Corso di Laurea triennale in Scienze

Dettagli

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning

Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Università di Bologna: una strategia di intervento per promuovere l'integrazione dei servizi di e-learning Centro E-learning Ateneo Bologna (CELAB) Valentina Comba Andrea Reggiani - Teramo, 14/12/ 2006

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE

IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE IL RESPONSABILE DELLA CONSERVAZIONE E DELLA DEMATERIALIZZAZIONE DOCUMENTALE 2015 PA e Sanità Principi, modelli organizzativi e metodi concreti di attuazione degli obiettivi dell Agenda Digitale PA075 in

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l Ateneo di Genova

Obiettivi di accessibilità per l Ateneo di Genova Obiettivi di accessibilità per l Ateneo di Genova anno 2014 Versione 1 Redatta il 27/03/2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Centro servizi informatici

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

Sintesi progettuale Scuola 2.0. Istituto Comprensivo Claudio Casteller di Paese TV

Sintesi progettuale Scuola 2.0. Istituto Comprensivo Claudio Casteller di Paese TV Sintesi progettuale Scuola 2.0 Istituto Comprensivo Claudio Casteller di Paese TV 1 Quadro generale La Scuola che Siamo L Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese (TV), conta oltre 2050 allievi e 190

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica

E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Bellinzona, 2007 E-Learning Il valore aggiunto e gli elementi di criticità nell'innovazione metodologica, organizzativa, didattica e tecnologica Chi progetta soluzioni per l'e-learning o soluzioni blended

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

La formazione cresce con te. Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana

La formazione cresce con te. Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana La formazione cresce con te Trio è il sistema di web learning della Regione Toscana 01 TRIO, web learning a portata di click TRIO è la risposta alle crescenti esigenze di formazione, una risorsa a disposizione

Dettagli

Rapporto di sintesi a cura di Paolo Calidoni

Rapporto di sintesi a cura di Paolo Calidoni L IMPIEGO DEL SUPPORTO ON-LINE PER LA DIDATTICA www.elearning.uniss.it nel corso di Laurea in Scienze delle Professioni Educative di Base dell Università di SS nell a.a. 2003-2004 Rapporto di sintesi a

Dettagli

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO Bucciarelli Ducci C, MD; Roberto Donati, MD ; Roberto Mezzanotte, MD ; Domenico Mattioli, MD

Dettagli

MIGLIORARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: insegnare, apprendere e valutare con la LIM. Manerbio (16 h) Montichiari (16 h) Orzinuovi (16 h) Tot 64 h

MIGLIORARE GLI AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: insegnare, apprendere e valutare con la LIM. Manerbio (16 h) Montichiari (16 h) Orzinuovi (16 h) Tot 64 h MODULI FORMATIVI La proposta progettuale si svilupperà su più corsi, dislocati geograficamente, in modo da favorire la partecipazione dei, con livelli diversi, secondo la seguente articolazione : PRIMO

Dettagli

L analisi dei fabbisogni formativi

L analisi dei fabbisogni formativi L analisi dei fabbisogni formativi 0 Premessa In un contesto come quello attuale di difficile congiuntura economica, la Formazione assume un ruolo strategico per le organizzazioni che vogliono essere competitive

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008

Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 Romecamp 2008 Roma 21 e 22/11/2008 L'Open Source entra nell'e Learning Paolo Gatti http://www.paologatti.it E learning: introduzione Per e learning si intende la possibilità di imparare sfruttando la rete

Dettagli

Istituto Tecnologie Didattiche

Istituto Tecnologie Didattiche Didattica a Distanza e/o Apprendimento in Rete trentin @ itd.ge.cnr.it Istituto Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova http://www.itd.ge.cnr.it App.to in rete Web - Interattivo

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli

capitolo 3 LE LINEE GUIDA

capitolo 3 LE LINEE GUIDA capitolo 3 LE LINEE GUIDA Il presente capitolo illustra i principali elementi metodologici ed operativi che caratterizzano le Linee guida proposte per la valutazione dei prodotti didattici per l e-learning.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE. e-l@boriamo ANNO SCOLASTICO 2010/2011 - PROGETTO CL@SSE 2.0 1D LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE e-l@boriamo Pag 2 - PROGETTO Pag 3 - OBIETTIVI/ TECNOLOGIE/METODOLOGIE DI LAVORO Pag 4 - PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO

SEZIONE 3. 3.1 Analisi di contesto. 3.2 Obiettivo del progetto IL PROGETTO SEZIONE 3. IL PROGETTO 3.1 Analisi di contesto Allo stato attuale le attività didattiche del Corso di laurea in Medicina e chirurgia sono strutturate in linea con il nuovo curriculum comunitario approvato

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 Formazione a distanza Con l espressione Formazione a distanza (FAD)

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli