Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2.2.1 - Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet *"

Transcript

1 Documenti Finanze Metodologia di controllo e check-list per le discoteche Indice, Art.1, Art.2, Art.3, Allegato, Indice 1. INTRODUZIONE * 1.1 Modalità di esercizio dell attività cenni normativi * 1.2 Attività di intrattenimento * 1.3 Attività di spettacolo * 1.4 Esercizio di entrambe le attività * 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO * 2.1 Interrogazioni dell Anagrafe Tributaria * 2.2 Altre interrogazioni e ricerche preliminari all accesso * Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet * 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO * 3.1 L accesso * 3.2 Controlli prioritari * 3.3 Controllo del volume d affari * Tipologie di evasione * Ricostruzione del volume d affari * Ricavi da vendita dei titoli di ingresso * Ricavi da bar e da ristorante * Ricavi da parcheggio * Ricavi da guardaroba * Altri ricavi * 3.4 Altri indizi e riscontri * 3.4 Le indagini bancarie * Richiesta al contribuente degli estremi identificativi dei conti *

2 Richiesta della copia dei conti agli istituti di credito e finanziari * CHECK LIST *

3 Articolo 1 INTRODUZIONE 1.1 Modalità di esercizio dell attività cenni normativi La presente metodologia si riferisce in particolare alle discoteche ed alle sale da ballo, c.a "discoteche, sale da ballo, night clubs e simili". L attività consiste nell offerta di intrattenimenti e spettacoli, proposta con l ausilio di musica dal vivo o di musica riprodotta e con l erogazione di servizi ausiliari come il bar e il ristorante. Potrebbero essere erogati altri servizi intrattenimenti come il cabaret o trasmissione di eventi sportivi. L attività tende a concentrarsi nell orario serale e notturno; alcune discoteche offrono il servizio anche nella fascia pomeridiana, dedicata agli adolescenti; in tal caso sono praticati prezzi differenziati. Alcune imprese esercitano l attività per una parte dell anno (stagionalità legata al turismo). Il regime tributario degli spettacoli e degli intrattenimenti è stato riformato con il Decreto Legislativo 26 febbraio 1999 n. 60, emanato in attuazione della Legge 3 agosto 1998 n Dal 1 gennaio 1999 è stata abolita l imposta sugli spettacoli ed è stata istituita la nuova imposta sugli intrattenimenti, limitatamente alle attività elencate nella tariffa allegata al D.P.R. 26/10/1972 n. 640, così come modificato dal citato D. Lgs. n. 60/99. Oltre ai decreti citati le disposizioni riguardanti la disciplina dell I.V.A. sono contenute nel D.P.R. 30 dicembre 1999, n La C.M. n. 165/E del 7 settembre 2000 contiene chiarimenti in ordine alla riforma della disciplina fiscale delle attività di intrattenimento e di spettacolo. In virtù di apposita convenzione è stato affidato anche alla SIAE il servizio di acquisizione e reperimento di elementi utili all accertamento ed alla repressione delle violazioni. La C.M. n. 244/E del 5 dicembre 2000 ha fornito istruzioni e chiarimenti in ordine alle facoltà ed ai poteri spettanti alla SIAE nello svolgimento di tali compiti. La disciplina fiscale del settore prevede una diversa imposizione a seconda che si effettui l attività di intrattenimento oppure di spettacolo. L attività di intrattenimento, che si caratterizza per il prevalente aspetto ludico e di puro divertimento, è assoggettata all imposta sugli intrattenimenti ed al regime forfettario IVA; l attività di spettacolo, che assume anche una connotazione culturale essendo correlata ad una esecuzione di musica dal vivo, soggiace all IVA secondo i criteri ordinari.

4 Ai fini del controllo è essenziale tenere conto delle modalità di ingresso adottate. A questo proposito è previsto che i vecchi biglietti saranno sostituiti da "titoli di accesso", il cui contenuto e modalità di emissione sono state determinate con decreto del Ministro delle Finanze del 13 luglio I nuovi titoli di accesso, consegnati a ciascun cliente all atto del pagamento, dovranno contenere, in relazione all attività svolta ed alla fattispecie concreta, una serie di indicazioni, tra cui la natura dell attività esercitata, il luogo, l impianto e la sala dell evento, la data e gli elementi identificativi dell evento, il corrispettivo per l attività di intrattenimento o di spettacolo, l eventuale gratuità dell ingresso o della riduzione di prezzo e le relative causali, la natura, la qualità e quantità dei beni, dei servizi e delle prestazioni accessorie obbligatoriamente imposti, con separata indicazione dei relativi corrispettivi. Circa le modalità di determinazione dell IVA e dell imposta sugli intrattenimenti quando dovuta, nonché i relativi obblighi contabili e di certificazione dei corrispettivi, la disciplina varia a seconda che si svolga attività di intrattenimento oppure attività di spettacolo. 1.2 Attività di intrattenimento Per l attività di intrattenimento è prevista una dichiarazione di effettuazione di attività (DEA) di cui all art.19 D.P.R. n. 640/72 come sostituito dall art.13 del D. Lgs. n. 60/99. Gli obblighi contabili degli esercenti attività di intrattenimento, soggetti all omonima imposta e all I.V.A. forfetaria ex art. 74, comma 6, del D.P.R. n. 633/72, possono essere così sintetizzati: certificazione dei corrispettivi relativi alle prestazioni soggette all imposta ed a quelle accessorie, complementari o comunque connesse, mediante il rilascio, al momento del pagamento, di un "titolo di accesso" emesso dai misuratori fiscali conformi al modello approvato dal Ministero delle Finanze o da biglietterie automatizzate gestite anche da terzi; obbligo di emettere, alla fine di ciascuna giornata e di ciascun mese, mediante il predetto misuratore fiscale, un documento riepilogativo recante gli incassi, il numero e la tipologia dei biglietti rilasciati; obbligo di fatturazione solo per le prestazioni di pubblicità, sponsorizzazione e per le cessioni o concessioni di diritti radiotelevisivi (art. 1 D.P.R. 30 dicembre 1999, n. 544); tenuta del registro degli acquisti (art. 25 del D.P.R. n. 633/72) in cui devono essere annotate, in apposita sezione, le predette fatture per le prestazioni di pubblicità, sponsorizzazione e per la cessione diritti radiotelevisivi; versamento dell I.V.A. mediante delega unificata, (F24) entro il giorno 16 del mese successivo a quello solare in cui vengono svolte le attività (trattandosi di attività a carattere continuativo); esonero dagli obblighi di registrazione dei corrispettivi, di liquidazione e di presentazione della dichiarazione ai fini IVA annuale e periodica. 1.3 Attività di spettacolo

5 I contribuenti esercenti attività di spettacolo devono rispettare gli adempimenti contabili previsti dal Titolo II del D.P.R. n. 633/1972, che possono così riassumersi: certificazione dei corrispettivi mediante rilascio di titoli di accesso emessi da appositi apparecchi misuratori fiscali o biglietterie automatizzate; emissione della fattura solo per le prestazioni di pubblicità, di sponsorizzazione e per cessioni o concessioni di diritti radiotelevisivi; tenuta del registro di cui all art. 24 del D.P.R. n. 633/1972, su cui devono essere annotate anche le fatture emesse; tenuta del registro degli acquisti di cui all art. 25 del citato D.P.R. n. 633/72; tenuta e conservazione delle scritture contabili ai sensi dell art. 39 del citato D.P.R n. 633/72; adempimenti di liquidazione, versamento con delega unificata (mod. F24) e delle dichiarazioni periodiche ed annuali; obbligo di emettere, alla fine di ciascuna giornata e di ciascun mese, mediante il misuratore fiscale, un documento riepilogativo degli incassi, del numero e della tipologia dei biglietti rilasciati. 1.4 Esercizio di entrambe le attività E opportuno precisare che in caso di coesistenza nell ambito della stessa impresa di attività di intrattenimento e di spettacolo, entrambe rilevanti ai fini dell I.V.A., il contribuente deve procedere, ai sensi dell art. 36, comma 4, del D.P.R. n. 633/1972 alla distinta liquidazione dell I.V.A. e quindi determinare separatamente l I.V.A. detraibile nei modi ordinari per distinguerla da quella detraibile in maniera forfetaria. In presenza di acquisti di beni utilizzabili promiscuamente, occorrerà verificare la corretta imputazione degli stessi a ciascuna attività, tenendo presente che il contribuente potrebbe essere spinto a far risultare una utilizzazione per l attività spettacolistica superiore a quella effettiva beneficiando così di una detrazione ordinaria maggiore di quella spettante senza peraltro che ciò incida negativamente sull ammontare della detrazione forfetaria. Articolo 2 ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO 2.1 Interrogazioni dell Anagrafe Tributaria L attività di controllo dovrà essere preceduta dalla raccolta dei dati e delle informazioni riguardanti il soggetto da verificare. Al riguardo, una prima fonte di notizie può essere acquisita dal sistema informativo dell Anagrafe Tributaria, dal quale possono essere tratte le seguenti informazioni:

6 se trattasi di società: principali soci; notizie sui comportamenti dell organo amministrativo; redditi dichiarati dalla società e dai soci (categoria e importo); esistenza di partite I.V.A., anche cessate, intestate ai soci; elementi indicatori della capacità contributiva dei soci; se trattasi di persona fisica: esistenza di partite I.V.A. cessate; reddito complessivo dichiarato negli ultimi anni; reddito d impresa dichiarato negli ultimi anni; elementi indicatori di capacità contributiva; per tutte le tipologie di soggetti: data di inizio dell attività; luogo di conservazione delle scritture contabili; notizie sulle sedi legale ed amministrativa e/o luoghi di esercizio dell attività; precedenti fiscali: controlli già effettuati a qualunque titolo, segnalazioni, ecc.. Presso gli Uffici verranno, inoltre, reperiti gli altri elementi di accertamento (modd. 11/bis, ecc.). L acquisizione dei suddetti dati consente ai verificatori di: predisporre l accesso contemporaneo o in tempi ravvicinati nei diversi luoghi di esercizio dell attività; controllare l esistenza di rapporti commerciali con soci soggetti di imposta aventi analogo codice attività; dare una prima valutazione complessiva sulla credibilità dei redditi dichiarati dalla società o dall impresa rispetto al "minimo vitale"; acquisire le prime informazioni, da completare con i dati rilevabili presso l azienda e da riscontrare anche mediante contraddittorio con la parte, sull evoluzione storica del fatturato e del reddito dichiarati nonché sui rapporti finanziari fra società e soci. 2.2 Altre interrogazioni e ricerche preliminari all accesso E opportuno riscontrare le informazioni acquisite dall interrogazione all A.T. con quelle desumibili dalla banca dati della Camera di Commercio, relativamente a: tipologia delle attività esercitate dal soggetto; luogo o luoghi di esercizio dell attività e di eventuali depositi; generalità del/i rappresentante/i legale/i della società e dei soci;

7 situazione giuridica del soggetto: normale attività, soggetto estinto, soggetto in liquidazione/fallito, ecc.; eventuale presenza di protesti a carico dell impresa, sia nella provincia di residenza che nel resto d Italia, per valutare lo stato di salute dell azienda e la prevedibile proficuità dell azione accertatrice. Un altro sintomo sullo "stato di salute" dell esercizio può essere rappresentato dalla "visibilità" pubblicitaria del soggetto, in quanto il relativo onere normalmente risulta proporzionale alle aspettative di crescita dei ricavi. Nella fase preparatoria al controllo può risultare utile interrogare le inserzioni pubblicitarie presenti sulle "Pagine Gialle" o sulle "Pagine Utili", al fine di acquisire notizie relative all oggetto caratteristico dell attività, alla presenza di sedi decentrate e filiali, ecc.. Un sopralluogo preliminare può rivelarsi utile per conoscere le caratteristiche esterne del locale, soprattutto con riguardo al numero ed alla dislocazione delle uscite. L Ufficio S.I.A.E. territorialmente competente può fornire ulteriori informazioni sulle condizioni di esercizio dell attività nei vari periodi, sulle giornate di apertura del locale, sul tipo e sulla rilevanza pubblica degli intrattenimenti (presenza di riprese sonore o televisive, abbinamenti pubblicitari, ecc.), sugli incassi conseguiti, sulla capacità ricettiva, sui prezzi di ingresso praticati e sulle violazioni contestate. Sarà utile acquisire copia di eventuali verbali redatti dal personale S.I.A.E Controllo delle informazioni relative al soggetto presenti in Internet Al fine di raccogliere maggiori informazioni sul soggetto da sottoporre a controllo sarà utile verificare la sua presenza in Internet. Tale presenza potrà manifestarsi in vari modi: dalla semplice "pagina" con poche indicazioni, al "sito" completo di cataloghi, listini, informazioni tecniche, ecc.. Per la ricerca del soggetto è sempre opportuno partire da un indirizzo specifico del soggetto (dominio) e ci si potrà avvalere dei cosiddetti "motori di ricerca". Il dominio in genere si identifica con la denominazione del contribuente seguita dall estensione nazionale (.it) o estera, in caso di registrazione in altro Paese (ad esempio.com). I motori di ricerca contengono una finestra in cui è possibile digitare una o più parole per avviare una ricerca sulla rete; il verificatore potrà digitare il nome/denominazione del soggetto e cliccare su "cerca", ottenendo una serie di collegamenti (link) e di pagine web contenenti la parola da lui cercata. La mancata individuazione, della presenza in rete del soggetto, tramite il motore di ricerca potrà dipendere anche dall assenza sul sito di ogni riferimento al nome o alla denominazione/ragione sociale cercati.

8 In questo caso si potrà tentare l'individuazione del soggetto mediante consultazione della banca dati della Registration Authority del CNR di Pisa, che ha la gestione centralizzata dei domini ".it"; tale database è consultabile dal sito La ricerca sarà effettuata con le diverse modalità consentite (consigliabile quella per nome e testo libero): inserendo il nome/denominazione del soggetto da individuare, si potrà ottenere il nome di dominio corrispondente. Tra le informazioni consultabili vi sono quelle relative al soggetto che ha richiesto la registrazione del nome di dominio, all eventuale amministratore ed una breve descrizione dell attività. Si segnala, inoltre, che nel sito è presente una banca dati, consultabile attraverso i collegamenti "le imprese italiane su Internet" e "il portale delle imprese", contenente i nominativi delle aziende presenti con un proprio spazio sulla rete e il link con cui operare la connessione. E possibile accedere a tali informazioni anche visitando direttamente il sito L accesso ad Internet può essere utilmente effettuato con i PC portatili S.A.VE.: la comunicazione di servizio n.13, del 28 marzo 2000 prot.2000/71634, della Direzione Centrale per l Accertamento e per la Programmazione - Ufficio Metodologie di Controllo - indirizzata alle Direzioni Regionali delle Entrate, ha fornito una guida per la configurazione Internet di tali personal computer. Articolo 3 METODOLOGIA DEL CONTROLLO 3.1 L accesso L accesso dovrebbe essere effettuato in orario coincidente con l apertura del locale e dovrebbe protrarsi per tutta la durata del trattenimento. Nel corso della verifica è opportuno reiterare gli accessi al locale negli orari di apertura al pubblico onde poter meglio conoscere la reale ricettività della discoteca e gli incassi introitati. L effetto "sorpresa" deve essere opportunamente sfruttato per acquisire dati, elementi e documenti che potrebbero essere modificati od occultati in un momento successivo. 3.2 Controlli prioritari I verificatori, dopo aver adempiuto alle formalità di rito, procederanno a: rilevare il numero dei titoli di accesso rilasciati; rilevare il numero dei clienti presenti nel locale da confrontare col numero dei titoli di accesso rilasciati;

9 rilevare tutto il personale che opera nel locale (barman, camerieri, cuochi e addetti alla cucina, presentatori, disc-jockey, ballerini, addetti alla sicurezza, P.R., ecc.) con l indicazione dei dati anagrafici, delle mansioni svolte e delle date di inizio dell attività; controllare il parcheggio della discoteca, provvedendo al conteggio delle automobili, delle moto e motorini in sosta, da confrontare con il numero delle presenze e dei titoli di accesso rilasciati per l ingresso al locale nonché, con il numero dei documenti fiscali rilasciati per il servizio di parcheggio. A questo proposito si evidenzia che non sempre l' area di parcheggio a servizio della discoteca è sufficiente ad accogliere tutte le auto che, sovente, vengono parcheggiate anche a qualche centinaio di metri di distanza dal locale; contare i capi depositati in guardaroba, da confrontare con il numero complessivo di titoli di accesso rilasciati; reperire ed acquisire agli atti della verifica eventuale documentazione extracontabile, che può avere rilevanza ai fini del controllo (agende, appunti, corrispondenza, brogliacci, ecc.); inventariare i prodotti utilizzati per il bar e/o per il ristorante ed acquisire i relativi listini dei prezzi. I verificatori si assicureranno che tutte le movimentazioni di merce siano segnalate, almeno fino al termine delle operazioni di rilevazione giacenze; rilevare gli impianti e le attrezzature utilizzate per l esercizio dell attività (impianti di diffusione audio e impianti luci, ecc.); analizzare la quantità e la composizione delle attrezzature informatiche presenti (ad esempio Personal Computer, reti locali, particolari periferiche, ecc.). In piccoli esercizi la presenza di apparati informatici sopra dimensionati rispetto all attività va giustificata dal contribuente. Particolare attenzione va posta sulla effettiva disponibilità nella sede di tutta l attrezzatura informatica presente in inventario: la mancanza di PC, soprattutto portatili e/o di particolari periferiche, quali lettori di memoria di massa o stampanti può essere indizio dell esistenza in altri luoghi di archivi extracontabili o della gestione della contabilità parallela; acquisire i "floppy disk" e gli altri supporti magnetici rinvenuti. La lettura di detti supporti magnetici potrà consentire la rilevazione di clienti, fornitori, incassi e pagamenti non presenti in contabilità. Debita attenzione va riservata ai dati registrati nell' hard disk del personal computer, utilizzato dal titolare dell' impresa o da soggetti aventi particolari responsabilità gestionali. Si rammenta che se il contribuente non consente l utilizzazione dei propri impianti tramite personale proprio, i funzionari che procedono all accesso, ai sensi dell art. 52, comma 9, del D.P.R. n. 633/72, hanno facoltà di provvedere con propri mezzi alla lettura ed all elaborazione dei supporti magnetici (dischetti, CD ROM, ecc.) fuori dai locali. Con la larga diffusione delle nuove tecnologie è sempre più frequente lo scambio di dati ed informazioni tramite posta elettronica ( ). Tali informazioni desunte dalla casella di posta elettronica dell azienda possono avere rilevanza ai fini del controllo. A questo proposito si fa presente che i messaggi già "aperti", come per la normale corrispondenza commerciale, sono direttamente acquisibili mentre quelli non ancora letti sono da trattare

10 secondo quanto previsto dall art.52, comma 3, del D.P.R. n. 633/72 (si evidenzia che in molti programmi di gestione della posta elettronica i messaggi aperti sono contraddistinti da una icona raffigurante una busta aperta mentre quelli non ancora letti da un titolo in grassetto); controllare l esistenza di un eventuale sito Internet non rilevato durante la fase preparatoria al controllo del contribuente, attraverso l esame della documentazione reperita; controllare la cassa del bar, del ristorante, del guardaroba e del parcheggio, per verificare se i valori rinvenuti (denaro, assegni, ricevute, carte di credito) trovano riscontro con gli incassi complessivi e parziali registrati; individuare le ultime operazioni effettuate, ed in particolare gli ultimi documenti fiscali emessi; richiedere alla parte, con contestuale verbalizzazione delle dichiarazioni rese, notizie relative: agli orari di apertura al pubblico ed ai giorni di chiusura settimanale; alla gestione della cassa, al fine di appurare la frequenza e l entità dei prelievi da parte del titolare, la data, l importo e la causale dell ultimo prelevamento; alle fatture da ricevere; accertarsi che il contribuente sia in possesso di tutte le scritture contabili obbligatorie, verificandone la regolarità ed il tempestivo aggiornamento; acquisire, per le attività di intrattenimento, a dichiarazione di effettuazione di attività (D.E.A.) di cui all art. 19 del D.P.R. n. 640/1972, come sostituito dall art. 13 del D.lgs.vo n. 60/1999, dalla quale risultano, la tipologia dell intrattenimento, i prezzi praticati ed ogni altro elemento utile ad individuare gli elementi essenziali dell attività; piantonare la cassa del bar interno, per rilevare dati di riferimento utili per altri giorni di apertura del locale. Tali informazioni andranno confrontate con quanto rilevabile da piantonamenti effettuati in giorni successivi. 3.3 Controllo del volume d affari Tipologie di evasione L' evasione di questa particolare attività si concentra essenzialmente, oltre che nella mancata emissione dei titoli di accesso, nella mancata contabilizzazione dei corrispettivi scaturenti dai servizi accessori offerti, con particolare riguardo alle consumazioni e alle somministrazioni di alimenti. Si ricorda in proposito che se la prima consumazione può risultare compresa nel titolo di accesso, per quelle successive deve essere emesso un ulteriore certificazione fiscale, indicante la quantità e qualità dei beni venduti o dei servizi prestati.

11 Il controllo dei corrispettivi del bar e del ristorante dovrebbe essere effettuato secondo la metodologia specifica del settore. Nella fattispecie tuttavia la verifica del numero delle somministrazioni è resa particolarmente difficile dalla frequente inattendibilità del dato relativo agli acquisti: il sistema di forfetizzazione della detrazione di cui al comma 6 dell art. 74 del D.P.R. n. 633/1972, per le attività di intrattenimento, potrebbe incoraggiare la tendenza a non contabilizzare le fatture di acquisto o indurre il contribuente ad approvvigionarsi presso supermercati e/o rivenditori al dettaglio. Attraverso l inventario del magazzino si potrà comunque riscontrare se tutte le giacenze sono coperte da fatture di acquisto e, in caso di divergenza, valutare l attendibilità delle scritture contabili. Per tutto quanto sopra esposto i consumi risultanti dalla contabilità potrebbero essere sottostimati e risultare quindi inidonei a costituire la base di una ricostruzione indiretta del giro d' affari. La stessa considerazione può essere estesa ai costi di mano d opera registrati ai fini fiscali e previdenziali, giacché troppo spesso il personale è retribuito "in nero" Ricostruzione del volume d affari Il controllo dei ricavi muoverà dai dati e dalle notizie acquisiti nel corso delle operazioni di verifica, sia di carattere contabile che extracontabile. Il numero delle presenze risultante dai riepiloghi giornalieri e mensili nonchè dai titoli di accesso emessi, seppure suscettibile di rettifica, può essere considerato un punto di partenza per il controllo, tenuto conto anche della vigilanza esercitata dalla S.I.A.E.. Tale dato va posto a confronto: col totale delle somministrazioni del bar, desumibile dal numero degli scontrini rilasciati e tenendo conto che la prima consumazione può essere compresa nel prezzo d ingresso: tale circostanza potrà essere verificata analizzando il contenuto dei titoli di accesso. Il rapporto non dovrebbe essere troppo diverso da quello riscontrato nella serata sottoposta a controllo. Anche il numero degli addetti al bar può essere indicativo del totale delle consumazioni; col numero delle prestazioni rese dal servizio guardaroba e dal parcheggio. In altri termini, i suddetti rapporti dovrebbero avere un carattere di stabilità e non presentare irragionevoli differenze con quelli riscontrati all atto dell acccesso. Inoltre, il confronto tra il numero delle prestazioni relative alle varie tipologie di servizi resi, effettuato per singoli periodi, consente di verificare la coerenza dei dati e la loro reciproca affidabilità. Un confronto tra i prezzi indicati sugli scontrini e i prezzi medi rilevati direttamente dal listino può essere utile per scoprire eventuali tendenze alla sottocontabilizzazione dei corrispettivi. Si pensi, ad esempio, alla mancanza di scontrini superiori a un determinato ammontare qualora il bar disponga di bottiglie di champagne o altre bevande costose (soprattutto in caso di effettuazione del servizio al tavolo). Un altro procedimento di controllo è legato alla distribuzione dei ricavi nel corso dell anno,

12 al fine di verificarne l attendibilità relativamente a singoli periodi considerati. Potrebbero così rilevarsi, al di fuori di attività stagionale, inspiegabili picchi di attività ovvero "tempi morti" che sono indice di una ricostruzione a posteriori della contabilità. La valutazione della congruità dei corrispettivi contabilizzati e l eventuale ricostruzione del giro d affari può aver maggiore valenza probatoria, se operata con riferimento ai ricavi relativi ad ogni singola tipologia di servizio prestato. In linea di massima i corrispettivi di una discoteca derivano: - dalla vendita di titoli d ingresso; - dalle consumazioni al bar e al ristorante; - dal parcheggio (a gestione diretta); - dal guardaroba; - dal telefono; - dalla prenotazione ai tavoli Ricavi da vendita dei titoli di ingresso Tale esame può apparire superfluo e scontato, giacché le presenze sono di solito verificate dal personale S.I.A.E. e dovrebbero coincidere con i dati dei documenti riepilogativi emessi dagli apparecchi misuratori fiscali. I modi di evasione sono tuttavia tantissimi. Si va dal rilascio di biglietti ridotti anziché interi, alla mancata contabilizzazione dei corrispettivi corrisposti per gruppi di persone, direttamente o attraverso promotori che prenotano il locale per feste di compleanno, serate aziendali, ecc., con relativo rilascio di biglietti omaggio. L anomala incidenza dei biglietti omaggio (disciplinati dall art. 26 del D.P.R. 640/72) sul totale degli ingressi, può essere sintomatica della mancata annotazione dei corrispettivi Ricavi da bar e da ristorante Il controllo va effettuato con la metodologia prevista per il settore specifico e sulla base di quanto emerso dal piantonamento effettuato nel corso degli accessi. Fondamentale a questo fine è la ricostruzione del numero delle consumazioni vendute e dei pasti serviti, determinabile sulla base dei consumi risultanti dal controllo di magazzino e dagli acquisti effettuati. Per il dosaggio delle varie somministrazioni ci si può riferire a studi tecnici del settore, operando anche in contraddittorio con il contribuente. Occorre tener conto di alcune peculiarità dei bar interni alle discoteche: il dosaggio è solitamente un po' più abbondante di quello usuale; talune bevande preparate possono rimanere invendute (the freddo, cocktails), ovvero utilizzate in aggiunta ad altre, ecc.. Una consistenza di cassa, rilevata all atto dell accesso, superiore al totale degli importi registrati può essere considerata indizio di omessa contabilizzazione dei corrispettivi. Il denaro giacente deve essere confrontato con gli scontrini emessi nella serata fino al momento del controllo. Piccole differenze possono essere giustificate da esigenze di funzionamento della cassa che richiedono, solitamente, una giacenza minima (per dare "il

13 resto", per esigenze improvvise, ecc.) Ricavi da parcheggio L esame incrociato tra presenze nella discoteca e documenti fiscali emessi per il parcheggio, servirà a stabilire l attendibilità dei ricavi contabilizzati per tale servizio. Determinanti a tal fine saranno la capienza del parcheggio e l ubicazione della discoteca (si dovrà tenere conto anche delle macchine parcheggiate dal personale e della possibilità di parcheggiare altrove). Tali elementi saranno tenuti in considerazione anche per verificare l attendibilità del canone d affitto, nel caso che l area di parcheggio di proprietà del titolare della discoteca sia stata locata ad altro soggetto Ricavi da guardaroba Nel periodo invernale e per locali di un certo prestigio, è presumibile ipotizzare l uguaglianza tra il numero dei biglietti d ingresso ceduti e la quantità di prestazioni eseguite. Per discoteche meno importanti sarà bene tener conto di una piccola percentuale di clienti che preferisce non utilizzare il guardaroba, sempre che la direzione del locale lo consenta. Nel periodo estivo il servizio sarà ovviamente limitato e rivolto prevalentemente al pubblico femminile, per la custodia delle borse Altri ricavi Videogiochi - distributori automatici: stabilire la congruità in relazione alle presenze. Affitto locale per feste private: controllare tale ipotesi presso gli uffici S.I.A.E. e, in caso affermativo, verificare la contabilizzazione di tali ricavi e la congruità degli stessi. Vendita sigarette: rilevare l eventuale svolgimento del servizio. Si fa presente la possibilità che la vendita avvenga con maggiorazioni di prezzo rispetto al valore normale. 3.4 Altri indizi e riscontri Le discoteche, specialmente quelle di grandi dimensioni, richiedono rilevanti investimenti in termini di allestimento, di modifiche continue delle caratteristiche del locale per seguire la moda, ecc.. E' quindi particolarmente utile studiare le forme di finanziamento delle suddette opere. Un evidente sproporzione tra i mezzi propri dell' impresa e gli affidamentibancari, dovrebbe far sorgere l' interrogativo sulle garanzie offerte per ottenerli. Tali garanzie solitamente consistono in depositi in danaro o in titoli a latere di quelli ufficiali, o in altre attività finanziarie o reali che potrebbero avere tratto origine proprio da ricavi non contabilizzati. In questi casi l indagine bancaria può essere di grande ausilio. Il capitale investito nell impresa, il valore dell esercizio ed il fitto ricavabile dalla sua locazione, possono essere utilizzati per riscontrare l attendibilità di quanto dichiarato

14 ovvero la congruità minima di quanto accertato. Si può, infatti, porre a confronto il reddito dell impresa con quello conseguibile da un impiego alternativo, privo di rischio, del capitale ricavabile dalla vendita dell esercizio, cui va sommata la retribuzione figurativa del titolare e dei soci eventualmente impegnati nell attività. Si può, altresì, raffrontare il reddito dichiarato con quello derivante dall affitto dell azienda sommato alla retribuzione figurativa del titolare. Differenze contrarie ad ogni logica economica e perduranti nel tempo, dovrebbero rafforzare il giudizio di inattendibilità sostanziale delle risultanze contabili, ovvero meglio convalidare la ricostruzione dei ricavi operata con gli elementi ed i controlli descritti nei precedenti paragrafi. Altri elementi indiziari possono essere costituiti da manifestazioni di capacità contributiva (possesso di auto, di imbarcazioni, acquisti di immobili, ecc.) particolarmente stridenti con l ammontare del reddito dichiarato. In tal caso, soprattutto qualora non sia stato possibile addivenire ad una soddisfacente ricostruzione del volume d affari, si potrà procedere, sia pure ai soli fini dell imposizione diretta, all accertamento sintetico del reddito complessivo secondo la procedura di cui all art. 38, comma 4, del D.P.R. n. 600/73, nei confronti del titolare dell impresa e/o dei soci. 3.4 Le indagini bancarie Gli accertamenti bancari costituiscono uno strumento molto incisivo per l esame della posizione fiscale del contribuente, in particolare delle persone fisiche, delle associazioni tra professionisti, delle società di persone e delle società di capitale a ristretta base azionaria. Il loro impiego comporta tuttavia un notevole assorbimento di capacità operativa e deve quindi rispondere a principi di economicità e di prevedibile proficuità dell azione di controllo. L indagine bancaria è certamente consigliabile in presenza di gravi indizi di evasione, ovvero qualora permanga un significativo divario tra il volume d affari ed i redditi accertati con la metodologia in precedenza descritta e quanto fondatamente attribuibile al contribuente sulla base delle condizioni di esercizio dell attività, della sua potenziale capacità reddituale, della consistenza del suo patrimonio ovvero di altri elementi di valutazione. Peraltro, la legge 28 dicembre 1995, n. 549 consente di graduare l indagine in relazione sia all entità degli indizi di evasione riscontrati che alle esigenze di progressivo approfondimento del controllo eventualmente scaturite dall analisi degli elementi acquisiti nel corso della verifica. Sono quindi delineabili diversificati percorsi d indagine, che potranno essere seguiti anche in via alternativa.

15 Richiesta al contribuente degli estremi identificativi dei conti (artt. 32, 1 comma n. 6-bis del D.P.R. 600/73 e 51, 2 comma n. 6-bis del D.P.R. n. 633/72) In tal caso viene richiesta alla parte, previa autorizzazione del Direttore Regionale delle Entrate, la dichiarazione della natura, del numero e degli estremi identificativi dei rapporti intrattenuti con aziende di credito, con l amministrazione postale, con società fiduciarie ed ogni altro intermediario finanziario. Di conseguenza agli operatori finanziari segnalati dovrà essere richiesta la copia dei conti denunziati dal contribuente e l indicazione di tutti gli altri eventuali rapporti con lui intrattenuti Richiesta della copia dei conti agli istituti di credito e finanziari (artt. 32, 1 comma n. 7 del D.P.R. n. 600/73 e 51, 2 comma n. 7 del D.P.R. n. 633/72) Indipendentemente dall esercizio della facoltà di cui al punto precedente, i verificatori possono richiedere, sempre previa autorizzazione del Direttore Regionale delle Entrate, la copia dei conti direttamente agli istituti di credito ed agli intermediari finanziari. Tale modalità d indagine appare particolarmente opportuna quando siano stati frapposti ostacoli all azione dei verificatori o dell ufficio, ovvero quando le violazioni e le omissioni e le false indicazioni contabili siano così gravi e i dati a disposizione così scarsi, da rendere difficile la ricostruzione degli imponibili fiscali. Le indagini dovranno comunque essere condotte secondo selezionate opzioni investigative che restringano la forbice costi-benefici dell azione di accertamento (banche che hanno sportelli nella città ove operano il contribuente e i suoi familiari più stretti, nelle province contigue, nel luogo di nascita, nella località ove possiede residenze secondarie o comunque dove si supponga l esistenza di conti). L indagine può coinvolgere anche altri soggetti (familiari e non) motivatamente sospettati di essere intestatari di comodo di conti riferibili al contribuente o di cui il medesimo abbia la disponibilità.

16 Allegato CHECK LIST Categoria Economica - DISCOTECHE, SALE DA BALLO, NIGHT CLUBS - Codice Attività: DATI VERIFICATORI Verificatore 1 - Nome e Cognome Verificatore 2 - Nome e Cognome Ente Verificatore Cod. Ufficio I.V.A. Cod. Ufficio II.DD. DATI GENERALI DATA INIZIO VERIFICA DATA FINE VERIFICA (gg/mm/aaaa) (gg/mm/aaaa) Cod. Fisc. Contribuente Part. IVA Contribuente SI: Controllo effettuato anche se con esito negativo NO1: Controllo non effettuato per mancanza del presupposto da accertare NO2: Controllo non effettuato perché non ritenuto proficuo CONTROLLO SI NO1 NO2 Nota ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO Attraverso il sistema informativo dell'a.t.:

17 1 è stata effettuata un'interrogazione contabile completa? 2 è stata rilevata l'ubicazione della sede e degli altri locali utilizzati per l'esercizio dell attività? 3 è stato rilevato il luogo di conservazione delle scritture contabili e l'eventuale soggetto depositario? 4 sono stati individuati gli elementi indicatori di capacità contributiva (compresi gli atti del Registro) del soggetto verificato, dei familiari conviventi, di eventuali associati nonché nel caso di società, dei soci e dei loro familiari conviventi? 5 è stata rilevata la presenza di partite IVA cessate (anche intestate ai soci)? 6 si è proceduto a verificare la presenza di protesti attraverso la banca dati della Camera di Commercio"? 7 Sono state acquisite le ultime dichiarazioni disponibili? 8 Si è proceduto ad accertare l'esistenza di precedenti controlli e l'inclusione nelle liste selettive di anni precedenti? 9 Sono stati acquisiti tutti gli elementi d'accertamento in possesso dell'ufficio? 10 Sono stati accertati i canali pubblicitari utilizzati? ATTIVITÀ DI CONTROLLO SI NO1 NO2 Nota ACCESSO Si è proceduto a: 11 effettuare la ricerca della documentazione extracontabile (elenchi d'incassi, pagamenti, agende, corrispondenza, etc.)?

18 12* verificare la presenza in Internet del soggetto? 13 acquisire i "floppy disk" e gli altri supporti magnetici rinvenuti? 14 acquisire i dati presenti nell'hard-disk dei PC rinvenuti? 15 rilevare il numero, la qualifica e le mansioni dei dipendenti presenti al momento dell accesso? 16 rilevare il numero dei soci, dei familiari e degli altri collaboratori che prestano la loro opera nell impresa? 17 rilevare le modalità di ingresso nel locale e di fruizione delle consumazioni? 18 rilevare, anche in via approssimativa, le presenze nel locale? 19 acquisire i documenti riepilogativi degli incassi giornalieri e mensili? 20 effettuare il controllo delle casse (bar, ristorante, guardaroba) per verificare se il denaro giacente trova riscontro nei documenti fiscali emessi? 21 acquisire i listini dei prezzi praticati dal bar e/o dal ristorante? 22 inventariare i prodotti utilizzati dal bar e dal ristorante? 23 rilevare i beni strumentali e le attrezzature? 24 accertare il periodo di apertura al pubblico ed i giorni di chiusura settimanale? 25 rilevare il denaro e gli altri valori in cassa? 26 rilevare le carte di credito accettate in pagamento? Si è proceduto ad acquisire presso la S.I.A.E.:

19 27 la copia delle dichiarazioni di effettuazione attività (DEA)? 28 la copia delle autorizzazioni ai trattenimenti? 29 la copia dei verbali di constatazione notificati per infrazioni all imposta sugli intrattenimenti? Si è proceduto a: 30* effettuare il piantonamento della cassa del bar? 31 controllare il regime applicato ai fini dell IVA? 32 controllare l' esistenza, la bollatura e l' aggiornamento dei libri contabili obbligatori? CONTROLLO DEL VOLUME D AFFARI SI NO1 NO2 Nota Si è proceduto a: 33 riscontrare se il personale rilevato al momento dell accesso o comunque risultante in forza all impresa è regolarmente registrato nei libri previsti in materia del lavoro? 34 accertare se i dati rilevati dalla documentazione extracontabile trovano riscontro nella contabilità e nei documenti emessi? 35 effettuare la lettura dei dati contenuti nei supporti magnetici ed al loro riscontro con le scritture e la documentazione contabile? 36 verificare se i valori rinvenuti in cassa trovino riscontro negli incassi registrati? 37 riscontrare se i dati rilevabili dai documenti riepilogativi e dalla documentazione prevista dalla normativa dell imposta sugli intrattenimenti trovano rispondenza nelle scritture e nei documenti contabili? 38

20 effettuare il controllo di carico e scarico del magazzino (anche a campione)? 39 accertare se vi sono merci non coperte da fattura di acquisto? Si è proceduto a verificare la congruità del rapporto tra il numero delle presenze, desumibile dai titoli d accesso e dai documento riepilogativi, e: 40 le somministrazioni del bar (ricavabili dai documenti fiscali emessi)? 41 i documenti fiscali rilasciati per i servizi di guardaroba e parcheggio? Si è proceduto a: 42 effettuare un confronto a scandaglio tra i prezzi praticati nel locale e gli importi riportati sui relativi documenti fiscali? 43 accertare l' attendibilità della distribuzione nel tempo dei corrispettivi? 44 verificare la coerenza, per limitati periodi di tempo, tra i corrispettivi dei diversi servizi resi? Si è proceduto ad effettuare il controllo, anche indiretto, dei corrispettivi derivanti da: 45 le vendite dei titoli d ingresso? 46 le consumazioni al bar e/o ristorante? 47 il servizio guardaroba? 48 il parcheggio eventualmente gestito direttamente? 49 l uso del telefono? 50 gli eventuali altri servizi accessori? ALTRI CONTROLLI E RISCONTRI SI NO1 NO2

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova

Check List. N processo verbale. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale. Check List versione nuova Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List versione nuova Categoria Economica - GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI - Codice

Dettagli

Check List. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale

Check List. Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Check List Codice Ufficio N processo verbale Anno Da compilare manualmente dopo l acquisizione del Processo Verbale Categoria Economica - RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI - Codice Attività:

Dettagli

Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI. Codice Attività: 63.22.0. Indice

Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI. Codice Attività: 63.22.0. Indice Metodologia di controllo GESTIONE APPRODI TURISTICI Codice Attività: 63.22.0 Indice 1.PREMESSA... 2 1.1 Caratteristiche del settore... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazioni dell

Dettagli

Metodologia di controllo. SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: 93.03.0. Indice

Metodologia di controllo. SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: 93.03.0. Indice Metodologia di controllo SERVIZI DI POMPE FUNEBRI (II edizione) Codice attività: 93.03.0 Indice 1. MODALITÀ DI ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 3. METODOLOGIA DEL

Dettagli

Metodologia di controllo. STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1. Indice

Metodologia di controllo. STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1. Indice Metodologia di controllo STABILIMENTI BALNEARI (III edizione) Codice attività: 92.72.1 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche economico-aziendali del settore...2 1.2 Modalità di pagamento da parte

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2. Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2. Indice Metodologia di controllo COMMERCIO EFFETTUATO PER MEZZO DI DISTRIBUTORI AUTOMATICI (II edizione) Codice attività: 52.63.2 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Modalità di esercizio dell attività...2 2. ATTIVITÀ

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice

Metodologia di controllo. COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice Metodologia di controllo COMMERCIO DI AUTOVEICOLI (II edizione) Codice attività: 50.10.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio dell attività... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE

Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE Metodologia di controllo COMMERCIO AMBULANTE A POSTEGGIO FISSO DI CALZATURE E PELLETTERIE Codice attività ATECOFIN 1993: 52.62.4 - Commercio al dettaglio ambulante a posteggio fisso di calzature e pelletterie

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4. Indice

Metodologia di controllo. RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4. Indice Metodologia di controllo RIPARAZIONE E SOSTITUZIONE DI PNEUMATICI (II edizione) Codici attività: 50.20.4 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 4 2.1 Interrogazioni dell Anagrafe

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. OGGETTO: Metodologie di controllo differenziate per attività economiche dirette al consumatore finale.

CIRCOLARE N. 46/E. OGGETTO: Metodologie di controllo differenziate per attività economiche dirette al consumatore finale. CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 1 agosto 2003 OGGETTO: Metodologie di controllo differenziate per attività economiche dirette al consumatore finale. Nell ambito della realizzazione

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione)

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Metodologia di controllo RIPARAZIONI DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codice attività ATECOFIN 1993: 50.20.2 - Riparazioni di carrozzerie di autoveicoli Codice attività ATECOFIN 2004: 50.20.2

Dettagli

Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA. Codice attività: 74.70.1. Indice

Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA. Codice attività: 74.70.1. Indice Metodologia di controllo SERVIZI DI PULIZIA Codice attività: 74.70.1 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Confronto dati ISTAT INPS... 2 1.2 Canali tipici di evasione... 4 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO...

Dettagli

Metodologie di controllo. COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2. Indice

Metodologie di controllo. COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2. Indice Metodologie di controllo COMMERCIO DI MATERIALE PER OTTICA E FOTOGRAFIA (II edizione) Codice attività: 52.48.2 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Individuazione del settore...2 1.2 Consuetudini commerciali...3

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: 52.48.C Indice

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: 52.48.C Indice Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FIORI Codice attività: Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche del settore...2 1.2 Dati sul settore...3 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO...4 3.

Dettagli

Metodologia di controllo. AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0. Indice

Metodologia di controllo. AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0. Indice Metodologia di controllo AGENZIE DI MEDIAZIONE IMMOBILIARE (III edizione) Codice attività : 70.31.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Caratteristiche del settore... 2 1.2 Modalità operative di esercizio dell

Dettagli

Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE. Codici attività: 50.50.A 50.50.B. Indice

Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE. Codici attività: 50.50.A 50.50.B. Indice Metodologia di controllo DISTRIBUTORI DI CARBURANTE Codici attività: Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Aspetti particolari del rapporto compagnia petrolifera/gestore...2 2. ATTIVITA PREPARATORIA AL CONTROLLO...3

Dettagli

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS

TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 MODELLO EAS TRACCIABILITÀ NUOVI LIMITI AL PAGAMENTO IN CONTANTI CAUSE E CONSEGUENZE DELLA FUORIUSCITA DAL REGIME L. 398/91 Funzionari relatori: DE LUCA VALERIA ORLANDO STEFANO MODELLO EAS 1 LA TRACCIABILITA DEI PAGAMENTI

Dettagli

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MOBILI, ARTICOLI IN LEGNO, SUGHERO, VIMINI E PLASTICA (IV edizione)

Metodologia di controllo. COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MOBILI, ARTICOLI IN LEGNO, SUGHERO, VIMINI E PLASTICA (IV edizione) Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MOBILI, ARTICOLI IN LEGNO, SUGHERO, VIMINI E PLASTICA (IV edizione) Codice attività: 52.44.1 52.44.4 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche del settore...2

Dettagli

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3.

Metodologia di controllo. RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3. Metodologia di controllo RIPARAZIONI MECCANICHE ED ELETTRICHE DI AUTOVEICOLI (III edizione) Codici attività: 50.20.1 50.20.3 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 4 2.1 Interrogazioni

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE ACCERTAMENTO Circolare del 18/10/2002 n. 80 - parte 8 Oggetto: Metodologie di controllo differenziate per attivita' economiche dirette al consumatore finale. Sintesi

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Metodologia di controllo. RISTORANTI, TRATTORIE, PIZZERIE, OSTERIE E BIRRERIE CON CUCINA (IV edizione) Codice attività: 55.30.1.

Metodologia di controllo. RISTORANTI, TRATTORIE, PIZZERIE, OSTERIE E BIRRERIE CON CUCINA (IV edizione) Codice attività: 55.30.1. Metodologia di controllo RISTORANTI, TRATTORIE, PIZZERIE, OSTERIE E BIRRERIE CON CUCINA (IV edizione) Codice attività: 55.30.1 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Individuazione del settore... 2 1.2 Caratteristiche

Dettagli

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI. Codice attività: 52.47.1. Indice

Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI. Codice attività: 52.47.1. Indice Metodologia di controllo COMMERCIO AL DETTAGLIO DI LIBRI NUOVI Codice attività: 52.47.1 Indice 1. PREMESSA...2 1.1 Caratteristiche economico - aziendali del settore...2 1.2 Cenni sulla normativa fiscale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 27/E. Roma, 1 aprile 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 27/E. Roma, 1 aprile 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 27/E Roma, 1 aprile 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Progetto X Card - natura della prestazione resa dal comune di X - obblighi ai fini dell imposta sul valore aggiunto - articolo

Dettagli

ASPETTI GENERALI. 1. Premessa

ASPETTI GENERALI. 1. Premessa Aspetti generali ASPETTI GENERALI 1. Premessa In un paese come l Italia, caratterizzato dalla presenza di un patrimonio culturale, storico e paesaggistico di enorme valore, il settore turistico rappresenta

Dettagli

INFORMATIVA N. 87/2012

INFORMATIVA N. 87/2012 DIREZIONE POLITICHE FISCALI INFORMATIVA N. 87/2012 LE NOVITA IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE DEGLI ACQUISTI DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE PRESSO IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE Circolare dell Agenzia

Dettagli

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie.

OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. RISOLUZIONE N. 91/E Roma, 13 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Quesiti vari in materia di attività di intrattenimento e spettacolo. Consumazioni obbligatorie. QUESITO La Società

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori

Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità. Gestione della fiscalità e libri obbligatori Procedura Amministrativo-Contabile Bilancio e Fiscalità Gestione della fiscalità e libri obbligatori 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4. DEFINIZIONI E

Dettagli

MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI

MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI MODALITÀ DI TENUTA DEI LIBRI E DEI REGISTRI CONTABILI OBBLIGATORI. APPROFONDIMENTI Sommario: 1. Premessa 2. Quadro normativo attuale 3. Numerazione dei libri e dei registri contabili 4. Tassa sulle concessioni

Dettagli

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta:

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: Milano, 13 ottobre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 14/2011 LA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE MODIFICATA DAL D. L. N. 98/2011 E DALLA L. N. 148/2011 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 138/2011 - C.D. MANOVRA DI

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI

Documentazione tecnica Beni Usati. Software Gestionale ebridge Professionisti REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI REGIME SPECIALE IVA PER I BENI USATI Il Regime in esame che viene definito Regime del Margine ha come scopo quello di evitare fenomeni di doppia o plurima imposizione Iva sui Beni usati. Infatti, prima

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

Metodologia di controllo CASE DI CURA. Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3. Indice

Metodologia di controllo CASE DI CURA. Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3. Indice Metodologia di controllo CASE DI CURA Codici attività: 85.11.1 85.11.2 85.11.3 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di esercizio dell attività.... 2 1.2 - Attività di degenza... 2 1.3 Attività ambulatoriale...

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2. Indice

Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2. Indice Metodologia di controllo PARRUCCHIERI E BARBIERI (IV EDIZIONE) Codici attività: 93.02.1 93.02.2 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di evasione... 2 1.2 Dati sul settore... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA

Dettagli

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI

VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI VADEMECUM PER LE ASSOCIAZIONI ASSOCIAZIONE L associazione è un raggruppamento di almeno tre persone che si propongono di perseguire uno scopo comune. Caratteristiche delle associazioni sono: 1. lo scopo

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Febbraio 2013 Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Antonio Caramia, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners

Dettagli

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015

Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Circolare n. 15 del 1 ottobre 2015 Novità in materia di fatturazione elettronica, trasmissione telematica delle fatture, dei corrispettivi e dei relativi dati Indice 1. Premessa 2. Fatturazione elettronica

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D.

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. Bologna, 11 settembre 2015 Cap. Salvatore Casabranca I POTERI DI ACCESSO: Sono contemplati, in via generale: dall art 35 della Legge 07 gennaio

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI. Codice attività: 33.10.3. Indice

Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI. Codice attività: 33.10.3. Indice Metodologia di controllo LABORATORI ODONTOTECNICI Codice attività: 33.10.3 Indice 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 3. METODOLOGIA DEL CONTROLLO... 4 3.1 L accesso... 4 3.2 Il

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 2/E. Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Adempimenti e Sanzioni Ufficio IVA Roma, 28 gennaio 2011 Prot.: 2011/16916 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici

Dettagli

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro.

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro. Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di marzo 2012. Cordialmente. Lo Studio ADEMPIMENTI MESE DI MARZO 2012 Giovedì 1 marzo DOCUMENTI FISCALI Archiviazione informatica - Termine di

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

Metodologia di controllo. INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione)

Metodologia di controllo. INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione) Metodologia di controllo INGEGNERI, ARCHITETTI E GEOMETRI (II edizione) Codice attività ATECOFIN 1993: 74.20.1 - Studi di architettura 74.20.2 - - Codice attività ATECOFIN 2004: - - - Studi di architettura

Dettagli

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011

(importi in euro) 31.12.2012 31.12.2011 Tirreno Acque S.c.r.l. - Bilancio finale di liquidazione Codice Fiscale 01500410509 Tirreno Acque - Società consortile a responsabilità limitata in liquidazione Capitale sociale 70.232,00 i.v. Sede in

Dettagli

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili)

IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IVA Imposta sul valore aggiunto (concetti base per le implicazioni contabili) IMPOSTA INDIRETTA sui consumi che si applica alle: 1. cessioni di beni; 2. prestazioni di servizi; compiute nel territorio

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0. Indice Metodologia di controllo AUTOSCUOLE (II edizione) Codice attività: 80.41.0 Indice 1. PREMESSA... 2 1.1 Modalità di svolgimento dell attività... 2 1.2 Soggetti... 2 1.3 Tipologia dei servizi offerti...

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...)

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) Andreetta Giandomenico Dottore Commercialista SOMMARIO REGOLA GENERALE... 2

Dettagli

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI INTRODUZIONE ASPETTI CIVILISTICI Ai sensi dell art. 2426 comma 1, punto 8) del cod. civile i crediti devono essere iscritti in bilancio in base al loro presumibile

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO

CORTE DEI CONTI SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO SEZIONI RIUNITE IN SEDE DI CONTROLLO ELEMENTI PER L AUDIZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA VALUTAZIONI SUL FENOMENO DELL EVASIONE FISCALE E SUL SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014

SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014 Santa Croce sull Arno, lì 9 dicembre 2013. A TUTTI I NOSTRI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 26/2013 SPESOMETRO POLIVALENTE : PER BLACK LIST E SAN MARINO NUOVI MODELLI OBBLIGATORI SOLO DAL 1.1.2014 Il modello

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 81/2005/T La gestione delle somme in deposito ricevute dagli studi notarili: la fatturazione ed il momento di imputazione dei compensi al periodo d imposta Approvato

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino

Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino Torino, 16.12.2014 Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino Le novità fiscali per il 2015 Dott. Giorgio Brunero Dott. Umberto Terzuolo Dott. Alessandro Terzuolo Le novità fiscali più importanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Metodologia di controllo. AGRITURISMO (III edizione)

Metodologia di controllo. AGRITURISMO (III edizione) Metodologia di controllo AGRITURISMO (III edizione) Codice attività ATECOFIN 1993: 55.23.5 - Agriturismo Codice attività ATECOFIN 2004: 55.23.5 - Agriturismo Indice 1. PREMESSA...3 1.1 Caratteristiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Circolare N. 5/2008 LA SCHEDA CARBURANTE E LE SUE ALTERNATIVE LA SCHEDA CARBURANTE. Premessa. Modalità di compilazione e periodicità di riferimto

Circolare N. 5/2008 LA SCHEDA CARBURANTE E LE SUE ALTERNATIVE LA SCHEDA CARBURANTE. Premessa. Modalità di compilazione e periodicità di riferimto Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

I. Gestione della contabilità nello studio

I. Gestione della contabilità nello studio I. Gestione della contabilità nello studio Premessa - La contabilità - Registrazione e piano dei conti - I regimi contabili. PREMESSA Lo scopo principale della contabilità all interno di uno studio medico

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

Imposta sul Valore Aggiunto

Imposta sul Valore Aggiunto Imposta sul Valore Aggiunto Detrazione Art. 19 dpr 633/72 Rivalsa Art. 18 dpr 633/72 Neutralit à 1 Momento impositivo art. 6 d.p.r. n. 633/72 Momento di effettuazione dell operazione Esigibilità Obbligo

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario

SPESE. Casi pratici e novità fiscali. Commissione Diritto Tributario TRASFERTE E RIMBORSI SPESE Sintesi della normativa Casi pratici e novità fiscali Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale SOMMARIO Normativa e prassi di riferimento Le imprese e le varie

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 16 del 18 dicembre 2010 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Come ogni anno, l avvicinarsi delle festività natalizie rappresenta l occasione da parte

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO

AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri. Fondimpresa - Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO AVT/033B/14 IN ALTO INnovazione per Aziende e LavoraTOri Fondimpresa Avviso 4/2014 PROGRAMMA DIDATTICO Docente: Fabrizio Reitano Titolo azione formativa: Digitalizzare l impresa, metodologie / tecnologie

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile.

NOTA OPERATIVA N. 8/2012. OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. NOTA OPERATIVA N. 8/2012 OGGETTO: spese di telefonia e internet criteri di deducibilità e registrazione contabile. - Introduzione L ormai sempre più rapido progresso tecnologico può rendere difficoltosa,

Dettagli

LE GESTIONI ECONOMICHE NEL BILANCIO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

LE GESTIONI ECONOMICHE NEL BILANCIO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA LE GESTIONI ECONOMICHE NEL BILANCIO DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA PREMESSA Il nuovo Regolamento concernente le istruzioni sulla gestione amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche approvato con

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA CIRCOLARE TEMATICA. La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU. D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014

CIRCOLARE TEMATICA CIRCOLARE TEMATICA. La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU. D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014 La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU Pag. 1 di 10 CIRCOLARE TEMATICA La Riforma dell ISEE. La Nuova DSU D.P.C.M. 5 Dicembre 2013, n. 159 e D.M. 7 Novembre 2014 Rev. Data Redazione Approvazione Rev. 0 29/12/2014

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 27 del 20 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di IVA INDICE 1 Premessa... 2 2 Esclusioni

Dettagli

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012

DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012 DL SEMPLIFICAZIONI FISCALI N.16/2012 DISPOSIZIONI URGENTI IN MATERIA DI SEMPLIFICAZIONI TRIBUTARIE, DI EFFICIENTAMENTO E POTENZIAMENTO DELL ACCERTAMENTO Il 24 febbraio 2012 il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli