A.A. 2014/15 Corso di Laurea Magistrale in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.A. 2014/15 Corso di Laurea Magistrale in"

Transcript

1 A.A. 2014/15 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina Versione 2014 aggiornata a cura dell Avv.to Gianluca Satta

2 Modulo IV La tutela dei Domain Names 2

3 Indice Premessa Struttura del domain name Top Level Domain (TLD) Second Level Domain (SLD) Nomi a dominio internazionalizzati Fattispecie lesive dei Domain Names ICANN La Registration Authority italiana I Mantainers I Registrars Sospensione e verifica del D.N. assegnato La risoluzione delle dispute La liberalizzazione Le MAP dell ICANN Le procedure italiane di riassegnazione Confronto tra procedure di riassegnazione Il caso Armani.it Casistica L arbitrato La giustizia ordinaria La registrazione (sincrona) 3

4 Premessa Il World Wide Web, definisce una particolare struttura architettonica composta da risorse, distribuite su migliaia di macchine nel mondo, accessibili attraverso un applicazione di tipo client denominata browser La veloce diffusione del web, pone il problema legato alla memorizzazione delle stringhe numeriche (quelle di cui è composto il numero IP) per il raggiungimento dei nodi della rete presso i quali si vogliono reperire risorse. 4

5 Premessa L indirizzo IP, costituisce l equivalente virtuale dell indirizzo fisico dell individuo Sequenza di quattro numeri decimali (per un totale di 32 bit) separati da un punto (es ) Difficoltà di memorizzazione degli indirizzi IP Invenzione del sistema DNS (Domain Name Sistem) 5

6 Struttura del Domain Name D u e e l e m e n t i l e s s i c a l i Esempi TLD Identifica la nazionalità ovvero la tipologia del sito web SLD E di libera espressione dell utente: nome di fantasia ovvero del nome reale di un soggetto, fisico o giuridico, o di una cosa. 6

7 Top Level Domain (TLD) Principali Domini di Primo Livello Country Code (cctld).it = Italia.uk = Gran Bretagna.fr = Francia.jp = Giappone.ch = Svizzera eu. = Europa Generic (gtld).com = Enti commerciali.org = Organizzazioni o Enti no profit.net = Networks.edu = Enti educativi o scolastici.biz = E-business.info = Organizzazioni o Aziende private che forniscono informazioni via Internet A partire dal gennaio 2012 fino ad aprile 2012, è stato possibile registrare in via sperimentale dei gtld personalizzati, senza alcuna limitazioni di lunghezza e di caratteri (es..cocacola,.movie,.windows ) 7

8 Second Level Domain (SLD) P a r R e g o l a m e n t o d i a s s e g n a z i o n e ( v e r s ) L i m i t i n e l l a s s e g n a z i o n e d e i n o m i a d o m i n i o c c T L D. i t lunghezza minima 3 caratteri e massima di 63 caratteri per ciascuna parte di un nome a dominio per una lunghezza massima complessiva di 255 caratteri caratteri ammessi: ASCII: cifre (0-9), lettere (a-z) e trattino (-) NON ASCII: tutti i caratteri appartenenti ai charset indicati nelle Linee Guida tecniche (vers. 2.1 del 4 novembre 2014) ciascuna componente di un nome a dominio: non può iniziare o terminare con il trattino (-) non deve contenere nei primi quattro caratteri la stringa "xn--. A partire dal 11 luglio 2012 sono stati introdotti gli Internationalized Domain Names (IDN) 8

9 Nomi a dominio internazionalizzati Regolamento di assegnazione ( v ers. 7.1 del 3 novembre 2014) IDN (Internationalized Domain Names) Possibilità di introdurre caratteri non ASCII nel nome a dominio (SLD) Tutti i paesi dell UE possono registrare i domini.it nella propria lingua di appartenenza (a partire dal 3 novembre 2014) Cybersquatting Typosquatting 9

10 Fattispecie lesive dei Domain Names Cybersquatting e Typosquatting La maggior parte delle controversie, che ruotano attorno all uso di nomi a dominio, è generata dalla diffusione di fenomeni come questi Cybersquatting Registrazione accaparramento di nomi a dominio corrispondenti a marchi o nomi altrui, effettuata da chi non ne abbia il diritto a fini di concorrenza sleale o per la rivendita a prezzi maggiori dell effettivo costo. Typosquatting Registrare di nomi a dominio molto simili a marchi o nomi altrui, differenziandosi per minime difformità letterali imputabili a errori di digitazione (ad esempio microsofd.it confondibile con microsoft.it). 10

11 ICANN Assegnazione, s ospensione e revoca dei Domain Names AUTORITA PER L ASSEGNAZIONE ED IL COORDINAMENTO ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) costituita nell ottobre del 1998 ed ha la natura giuridica di associazione no profit svolge le sue funzioni a livello locale per mezzo delle singole Registration Authority (RA) nazionali 11

12 ICANN La struttura ICANN Registration Autority nazionali R.A. Italiana: Registro (dal 2 agosto 2004) 12

13 La Registration Authority italiana In origine Registration Authority Naming Authority Cessata il 12 luglio 2005 Oggi (dal 2 agosto 2004) Registro Produce le Regole e le procedure in base alle quali si assegnano i cctld it Commissione Regole Effettua le assegnazioni di cctld it 13

14 I Mantainers Le richieste di registrazione dei nomi di dominio pervengono al Registro per il tramite di ulteriori soggetti intermediari denominati Mantainers (o MNT) Definiti all art. 1.3 del Regolamento di Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld (RAG ) [versione 6.2, del 11 luglio 2012] organizzazioni che effettuano le registrazioni asincrone di nomi a dominio per conto dei Registranti secondo il regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld.it. La procedura di assegnazione può dirsi conclusa quando, pervenuta al Registro la documentazione richiesta, e verificata la sua validità, l indirizzo elettronico assegnato viene caricato nel Database dei Nomi Assegnati (DBNA). Dal 1 luglio 2010 non è più possibile stipulare contratti Maintainer, ossia contratti che prevedono la registrazione dei nomi a dominio.it in modalità asincrona. 14

15 I Mantainers Lettera di Assunzione di Responsabilità ( L.A.R.) Dichiarazione scritta che il richiedente deve inviare al Registro in allegato alla richiesta di assegnazione Redatta secondo i modelli e nel rispetto delle procedure predefinite nelle Guideline tecniche. Le LAR non conformi a quanto sopra specificato saranno respinte. (Forma vincolata a pena di irricevibilità) Il Richiedente assume la responsabilità civile e penale dell uso del nome assegnatogli Stabilire l ordine cronologico delle richieste di registrazione. ( first come, first served = prior in tempore potior in iure = primo arrivato, primo servito) FUNZIONI 15

16 I Registrars Definiti al par. 2.2 del Regolamento di Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld (RAG ) [versione 7.1, del 3 novembre 2014] Il servizio di registrazione e mantenimento di un nome a dominio nel cctld.it è erogato dal Registro tramite i Registrar accreditati, organizzazioni che, in seguito al superamento di una procedura di accreditamento e disponendo di un adeguata infrastruttura tecnica, hanno un Contratto in vigore con il Registro. Il Registrar è sempre intermediario nei confronti del Registro per tutte le operazioni di registrazione dei nomi a dominio, nonché per il corretto mantenimento delle informazioni inserite nel Database dei Nomi Assegnati (DBNA) del Registro stesso utilizzando il sistema di registrazione con modalità sincrona 16

17 La registrazione (sincrona) Par. 4 del Reg. di Assegnazione Il sistema di registrazione e mantenimento dei nomi a dominio nel cctld.it è basato sul protocollo EPP (Extensible Provisioning Protocol). Tale sistema permette lo svolgimento delle operazioni di registrazione e mantenimento dei nomi a dominio in tempo reale. - Un nome a dominio può essere assegnato al Registrante soltanto dopo che lo stesso abbia indicato i propri dati identificativi, accettato le condizioni e le responsabilità stabilite per la registrazione di un nome a dominio nel cctld.it - Tali indicazioni devono essere rilasciate al Registrar, solitamente mediante compilazione di un form online. - Il Registrar deve essere in grado di documentare per iscritto al Registro i fatti inerenti la registrazione stessa. - L assegnazione dei nomi a dominio nel cctld.it si basa sul principio first come first served : la data e l orario di registrazione di un nome a dominio coincidono con la data e l orario di inserimento nel DBNA di una richiesta sintatticamente e semanticamente corretta. 17

18 La registrazione (sincrona) Par. 4 del Reg. di Assegnazione Le operazioni di registrazione e mantenimento sono inoltrate al Registro dal Registrar, il quale interfacciondosi con il sistema di registrazione sopra citato, esegue tali operazioni per conto del Registrante o per conto proprio. Nei casi previsti dal Regolamento, alcune operazioni possono essere eseguite direttamente dal Registro, il quale provvederà a informare via il Registrar. Le dichiarazioni del registrante, che prima si effettuavano attraverso la LAR, con l eliminazione della procedura asincrona, oggi si rilasciano attraverso la compilazione del form online presente nelle pagine web dei Registrars È il Registrar che si occupa di inserire il nome a dominio registrato all interno del DBNA 18

19 Sospensione e verifica del D.N. assegnato Il Registro può sospendere: Par. 6 del Reg. di Assegnazione Su richiesta dell Autorità competente Su richiesta dell'assegnatario In qualunque momento, qualora il Registro ne ravvisi la necessità o l'urgenza o su richiesta di una terza parte per la tutela dei diritti, il nome a dominio può essere sottoposto a procedura di verifica. Inoltre possono essere eseguite verifiche a campione STATUS servertransferprohibited /serverupdateprohibited/ serverdeleteprohibited Vincoli imposti dal Registro per inibire qualsiasi operazione sul nome a dominio, in attesa che si completi la procedura di verificazione. I dati nel DBNA sono lasciati inalterati 19

20 La risoluzione delle dispute FONTI Le strade percorribili PRINCIPALE Il Regolamento per la Risoluzione delle dispute nel country code Top Level Domain.it (abbreviato: Regolamento dispute ) [versione 2.1, del 3 novembre 2014] PRINCIPALE Modalità di accreditamento dei Prestatori del Servizio di Risoluzione extragiudiziale delle Dispute nell ambito del cctld.it [versione 1.0, del 18 gennaio 2007] Linee guida per la risoluzione delle dispute nel cctld.it [versione 3.1 del 3 novembre 2014] 20

21 La premessa del Regolamento dispute enuncia la possibilità di risoluzione attraverso il ricorso ai seguenti rimedi Arbitrato La risoluzione delle dispute Le strade percorribili Procedura di riassegnazione di nome a dominio sottoposto a procedura di opposizione si aggiungono Trattativa commerciale Ricorso al Giudice Ordinario 21

22 PRIMA DEL 15 DICEMBRE 1999 La liberalizzazione I comportamenti lesivi Le regole di Naming consentivano la registrazione di un solo indirizzo internet per i soggetti economici provvisti di partita IVA. La persona fisica priva di partita IVA era negata qualunque possibilita' di registrazione. DOPO IL 15 DICEMBRE LA LIBERALIZZAZIONE I soggetti economici provvisti di partita IVA possono registrare un numero illimitato di Domain Names Le persone fisiche possono registrare un solo indirizzo. 22

23 DAL 16 DICEMBRE 1999 La liberalizzazione La Registration Authority Italiana è sommersa da richieste di registrazione di nuovi nomi a dominio.it Dal 15 dicembre 1999 al 15 gennaio 2000, è stato sospeso il servizio di registrazione domini.it, per consentire alla Registration Authority Italiana di smaltire le numerose richieste di registrazioni commerciali pervenute dopo la liberalizzazione G li eff etti Si diffonde il fenomeno del Cybesquatting: qualcuno arriva a registrare fino a domini.it 23

24 La liberalizzazione Le soluzioni c ontro il cybersquatting Necessario trovare un modo, alternativo alla giustizia ordinaria (troppo lunga e dispendiosa) per tutelare i titolari di nomi e marchi, oggetto di accaparramento da parte dei cybersquatters La prima soluzione arriva dall ICANN [supportata dall'organizzazione Mondiale per la Proprietà Industriale] Introduzione per i nomi a dominio con estensione.com,.net, e.org di un procedimento amministrativo di risoluzione delle dispute relative ai nomi a domino rapido ed efficace (le c.d. MAP Mandatory Administrative Proceedings) 24

25 Le MAP dell ICANN Un nome a dominio si considera registrato abusivamente e viene quindi riassegnato ad un terzo che lo reclami, quando questi dimostri cumulativamente che: a) il nome a dominio è identico o di similitudine tale da indurre in confusione in relazione ad un marchio su cui egli vanta dei diritti; b)l assegnatario del nome a dominio non abbia diritti o legittimi interessi in relazione al suddetto dominio; c) il nome a dominio sia stato registrato e venga usato in malafede; 25

26 Le procedure italiane di riassegnazione Anche l Italia dal settembre 2000 decide di dotarsi di procedure ispirate alla MAP di ICANN (procedure di riassegnazione) IN ORIGINE a) Regolate dalle Regole di Naming; b)gestite dalla Naming Authority Italiana per mezzo di c) Enti Conduttori Autorizzati OGGI a) Regolate dal Regolamento dispute del Registro; b)gestite dal Registro per mezzo di Prestatori del Servizio di Risoluzione delle Dispute (PSRD) 26

27 Le procedure italiane di riassegnazione Par. 3.6 Regolamento r isoluzione dispute c c T LD.it Un nome a dominio si considera registrato abusivamente e viene quindi riassegnato ad un terzo che lo reclami, quando questi dimostri cumulativamente che: a) il nome a dominio contestato sia identico o tale da indurre confusione rispetto ad un marchio su cui egli vanta diritti, o al proprio nome e cognome ; b)l attuale assegnatario (resistente) non abbia alcun diritto o titolo in relazione al nome a dominio contestato; c) il nome a dominio sia stato registrato e venga usato in mala fede 27

28 Le procedure italiane di riassegnazione Par. 3.6 Regolamento r isoluzione dispute c c T LD.it Ricorrente prova: 1 - CONFUSIONE (marchio o nome e cognome) 2 - MALA FEDE dell assegnatario Il dominio viene trasferito al ricorrente Se il resistente prova di avere diritto o titolo in relazione al nome a dominio oggetto di opposizione Il dominio NON viene trasferito al ricorrente 28

29 Le procedure italiane di riassegnazione Par. 3.6 Regolamento r isoluzione dispute c c T LD.it Ricorrente prova: L'attuale assegnatario (resistente) non ha alcun diritto o titolo in relazione al nome a dominio Se il resistente prova: che prima di avere avuto notizia dell opposizione in buona fede ha usato o si è preparato oggettivamente ad usare il nome a dominio o un nome a esso corrispondente per offerta al pubblico di beni e servizi; che è conosciuto, personalmente, come associazione o ente commerciale con il nome corrispondente al nome a dominio registrato, anche se non ha registrato il relativo marchio; che del nome a dominio sta facendo un legittimo uso non commerciale, oppure commerciale senza l'intento di sviare la clientela del ricorrente o di violarne il marchio registrato. Il dominio NON viene trasferito al ricorrente 29

30 Le procedure italiane di riassegnazione Le fasi della procedura IL PROCEDIMENTO È CARATTERIZZATO DA: RAPIDITÀ E SEMPLICITÀ 1) Il Ricorrente sceglie il PSRD potendo stabilire se la procedura verrà gestita da un collegio di tre arbitri o da un arbitro unico 2) Il PSRD riceve il ricorso via e in formato cartaceo provvedendo all invio al resistente 3) Entro i 25 giorni successivi il resistente può replicare 4) Decorso tale termine il PSRD nomina l arbitro (o collegio) 5) Entro i 15 giorni successivi il PSRD decide 6) Entro 4 giorni dalla decisione il PSRD comunica la decisione alle parti 30

31 Le procedure italiane di riassegnazione CONCLUSO IL PROCEDIMENTO DI RIASSEGNAZIONE I l ricorso al giudice ordinario Il Resistente può, entro 15 giorni dalla data in cui le è pervenuta la decisione del collegio, comunicare al Registro di aver iniziato un procedimento giudiziario in relazione al nome a dominio contestato (per tale effetto si blocca l esecuzione della decisione e la riassegnazione del nome a dominio) Se il Resistente non avvia, entro 15 giorni, alcun procedimento giudiziario in relazione al nome a dominio contestato, il Registro revoca la registrazione al precedente assegnatario e riassegna il dominio al vincitore NOTA: il costo del procedimento è sostenuto interamente dal Ricorrente e deve essere versato in anticipo 31

32 Le procedure italiane di riassegnazione Riepilogo Non hanno natura giurisdizionale (le parti possono liberamente adire il giudice ordinario) Non si pronunciano sul diritto del ricorrente al marchio o al nome ma se il nome a dominio sia stato registrato in malafede da chi non ne avesse diritto. Non possono disporre risarcimenti danni, né condannare il resistente soccombente al rimborso, verso il ricorrente, delle spese della procedura, né condannare il ricorrente soccombente al risarcimento delle spese di difesa sostenute dal resistente. 32

33 Le procedure italiane di riassegnazione Non è necessario che l assegnatario del nome a dominio, per poter confermare la propria titolarità sull indirizzo assegnatogli, abbia diritti o interessi legittimi in relazione al suddetto dominio MA deve provare che prima di avere avuto notizia della contestazione, ha usato, in buona fede, o si è preparato oggettivamente ad usare il nome a dominio o un nome ad esso corrispondente, per offerta al pubblico di beni e servizi OPPURE Condizioni per la riassegnazione Deve provare di essere conosciuto, personalmente o come ente, con il nome corrispondente al nome a dominio registrato, anche se non ha registrato il relativo marchio 33

34 Le procedure italiane di riassegnazione F attispecie s intomatiche di malafede L ARTICOLO 3.7 DELLE REGOLAMENTO DISPUTE ELENCA GLI INDICI PRESUNTIVI DI MALA FEDE, CHE SOSTANZIALMENTE RICALCANO QUANTO PREVISTO ANCHE DALLE PROCEDURE MAP DELL ICANN E ADR DELL EURID ECCONE ALCUNE a) circostanze che inducano a ritenere che il nome a dominio è stato registrato con lo scopo primario di cedere, concedere in uso o in altro modo trasferire il nome a dominio al ricorrente, titolare di un nome oggetto di un diritto riconosciuto o stabilito dal diritto nazionale o comunitario, o ad un suo concorrente, per un corrispettivo, monetario o meno, che sia superiore ai costi ragionevolmente sostenuti dal resistente per la registrazione ed il mantenimento del nome a dominio; c) la circostanza che il nome a dominio sia stato registrato dal resistente con lo scopo primario di danneggiare gli affari di un concorrente o di usurpare nome e cognome del ricorrente 34

35 Le procedure italiane di riassegnazione I nterpretazione di regole c ontrattuali PRECISAZIONE L esito del procedimento di riassegnazione è fondato sull interpretazione di regole contrattuali DI CONSEGUENZA non garantisce la conformità dello stesso al complesso delle norme dell ordinamento giuridico INFATTI può accadere che un nome a dominio perfettamente rispondente al Regolamento di Assegnazione non sia altrettanto rispettoso delle posizioni giuridiche soggettive riconosciute al singolo dall ordinamento giuridico 35

36 Confronto tra procedure di riassegnazione Procedure italiane v s. M AP dell ICANN Legittimazione attiva I legittimati attivi ad entrambe le procedure sono esclusivamente coloro che hanno diritto alla registrazione di un cctld.it o di un gtld. Ciò rappresenta una necessaria conseguenza del fatto che a conclusione della procedura di riassegnazione, non è possibile chiedere la mera cancellazione del nome a dominio contestato ma esclusivamente la registrazione in capo al ricorrente. Diritti tutelabili Le Regole italiane tutelano anche il diritto al nome delle persona fisica; le MAP di ICANN soltanto il diritto al marchio. 36

37 Confronto tra procedure di riassegnazione Procedure italiane v s. M AP dell ICANN Tempistica del procedimento I termini previsti per la procedura italiana sono più lunghi: per le repliche del resistente sono previsti 25 giorni di calendario a fronte dei 20 giorni stabiliti per le MAP; per la decisione italiana 15 giorni correnti (aumentabili a 30 nel caso di richiesta di ulteriori difese dalle parti) a fonte dei 14 giorni stabiliti per le decisioni ICANN. Onere della prova Il Regolamento italiano prevede a carico di entrambe le parti la dimostrazione del proprio diritto al nome di dominio. Le MAP prevedono per il resistente la semplice prova dell assenza del diritto al nome di dominio in capo al ricorrente. Rapporto tra procedura di riassegnazione e giudizio ordinario La procedura italiana non può essere intrapresa in pendenza di giudizio o di arbitrato sul nome a dominio contestato, e si estingue nel caso di giudizio ordinario intrapreso durante il suo corso; le MAP prevedono la scelta discrezionale circa la prosecuzione in presenza di un procedimento ordinario già avviato o intrapreso nel suo corso. 37

38 Il caso Armani.it Diff ormità tra riassegnazione e procedimento giudiziale IL GIUDICE ORDINARIO POTREBBE CONCLUDERE CON ESITO DIFFORME, O ADDIRITTURA OPPOSTO, DA QUELLO CONCLUSIVO DELLA PROCEDURA DI RIASSEGNAZIONE CASO ARMANI.IT TRIBUNALE DI BERGAMO, SENTENZA 3 MARZO 2003, GIORGIO ARMANI S.P.A. C/ ARMANI LUCA DECISIONE Il Giudice ha dichiarato l illegittimità dell utilizzo di quel dominio da parte del Sig. Luca Armani, il quale lo aveva registrato già dal 1997 per pubblicizzare il proprio timbrificio. L assegnatario aveva indubbiamente un titolo per la registrazione di quel dominio coincidente con il proprio cognome; egli aveva, altresì, diritto a tenerlo in applicazione del principio first came, first served eppure ciò che ha prevalso è stato l articolo 1 della (vecchia) Legge Marchi, comma 1 punto c) sulla base del quale il dominio armani.it è stato assegnato al noto omonimo stilista. Una tale fattispecie, portata dinnanzi al collegio dei saggi (oggi denominati esperti), avrebbe avuto certamente un esito opposto in quanto il comportamento del primo assegnatario rispondeva esattamente a quanto contenuto nel Regolamento di Assegnazione. 38

39 Casistica juventuscasino.com / j uvecasino.com La Ricorrente, Juventus F.C. S.p.A., è una società di diritto italiano fondata nel 1897 a Torino, operante nel settore del calcio professionistico, la cui prima squadra è una delle più note squadre di calcio professionistico a livello mondiale. La Ricorrente è proprietaria, tra gli altri, dei seguenti marchi: JUVENTUS (parola) e JUVE (parola) I nomi a dominio in contestazione comprendono i nomi JUVENTUS e JUVE, dunque inglobano esattamente i marchi della Ricorrente. La combinazione con un termine di uso generico (CASINO, inteso nel suo significato di casa da gioco ) e del suffisso.com (che solo identifica il tipo di dominio) non sono sufficienti ad escludere che i nomi a dominio in contestazione siano verosimilmente associati ai marchi della Ricorrente; e più grave ancora, che il pubblico sia indotto in confusione, sviato circa l origine dei nomi a dominio in contestazione e l eventuale legame od addirittura la coincidenza fra il titolare di detti nomi a dominio e la proprietaria dei marchi. 39

40 Casistica asroma.it Il nome AS Roma non può non essere ritenuto più che noto: il relativo marchio gode quindi della tutela ultramerceologica prevista dalla legge sul marchio. Da oltre settant anni identifica una delle due squadre di calcio della capitale. La AS Roma è inoltre società per azioni quotata in borsa, con capitale sociale di euro, il che la rende nota anche in ambito extrasportivo. E quindi del tutto impensabile che la sua denominazione possa essere sconosciuta a chi operi nell ambito della città di Roma. Ciò premesso, è del tutto pacifico che il dominio sia stato originariamente registrato il 23 gennaio 1997 dalla ELF Servizi, Cultura e Ambiente s.r.l. La resistente non ha fornito alcuna motivazione per la scelta del nome di dominio ASROMA.IT, che palesemente non ha nulla a che fare con la denominazione sociale della società. Nell aprile 1999 la ELF invia alla odierna ricorrente un messaggio (prodotto dalla resistente stessa) firmato da Marco Poltronieri, del seguente testuale tenore: Sono l amministratore della ELF s.r.l., proprietaria del sito ASROMA.IT. La presente per comunicarvi che la società verrà chiusa entro la fine dell anno e il dominio è quindi in vendita. 40

41 Casistica www. barbie.it È una delle più note bambole del mondo, prodotta dalla Mattel con gli altri numerosi prodotti regolarmente contraddistinti dal marchio registrato, notorietà confermata in Italia anche dal risalto che trova sulla stampa (gli viene dedicato anche un libro). Difficile ritenere che la resistente ne ignorasse l esistenza, al momento della registrazione. Sul marchio, inoltre, la resistente stessa appare, ictu oculi, non poter rivendicare alcun diritto. La documentazione prodotta dalla ricorrente rivela la circostanza verificabile su internet che la resistente ha registrato altri nomi a dominio in nessun modo riferibili all attività della stessa, ma relativi a marchi e denominazioni di imprese famose nel mondo (p. es.: philipmorris.it; toystories.it) Sul sito della resistente, inoltre, non appare essere svolta alcuna attività: l indirizzo corrisponde ad una pagina standard attestante unicamente l avvenuta registrazione del dominio da parte della Alicom; esso, inoltre, è ancora vuoto. La registrazione ed il mantenimento del nome a dominio in questione sono stati effettuati nell ambito di un più ampio disegno accaparratorio. 41

42 Casistica www. brucespringsteen.com La rock star Bruce Springsteen perde la procedura di riassegnazione intentata contro un gruppo di fan per ottenere l'uso del dominio. Secondo l arbitro, il Bruce Springsteen Club non ha violato i diritti del musicista, registrandolo. Il resistente ha dimostrato di avere un diritto/interesse legittimo a mantenere il dominio, mentre il musicista non è riuscito a dimostrare l utilizzo del dominio in maniera non corretta, o che il fun club abbia tentato di vendere il nome. 42

43 L art. 2 del Regolamento dispute prevede, infine, un ulteriore possibilità di tutela attraverso il ricorso all arbitrato irrituale. Il richiedente l assegnazione di un Domain Name, con apposita richiesta da inviare al Registro, può aderire ad una clausola compromissoria con la quale espressamente si impegna a risolvere le eventuali controversie sul relativo nome a dominio dinanzi ad un collegio arbitrale. SI TRATTA DI UNA PROCEDURA STRAGIUDIZIALE DI NATURA CONTRATTUALE MA CHE, A DIFFERENZA DELLA PROCEDURA DI RIASSEGNAZIONE, CONFERISCE MAGGIORI POTERI AL COLLEGIO DECIDENTE L arbitrato Procedura s t r agiudiziale Art. 2.5 del Regolamento dispute Poteri istruttori del collegio arbitrale Ricorrendo gravi motivi, su richiesta di una delle parti il collegio arbitrale ha facoltà di prendere provvedimenti cautelari relativi al nome a dominio assegnato oggetto di opposizione. Tali provvedimenti sono eseguiti dal registro. Nel caso vi sia necessità di istruttoria, il collegio arbitrale può delegare gli atti di istruzione ad uno solo degli arbitri. Il Registro è tenuto a fornire al Collegio arbitrale tutte le informazioni da esso richieste 43

44 L arbitrato Precisazione FONTI DELLA DECISIONE ARBITRALE Gli arbitri giudicano secondo equità, quali amichevoli compositori, sulla base del presente Regolamento dispute e delle norme dell Ordinamento italiano L efficacia del lodo arbitrale è equiparata a quella della magistratura ordinaria ed è inappellabile nel merito. L unico inconveniente dell arbitrato è costituito dai costi della procedura, assai elevati, soprattutto se raffrontati alle spese della procedura di riassegnazione 44

45 La giustizia ordinaria IL DOMAIN NAME È TUTELATO DAL CODICE DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE ART. 22 D.LGS. 10 FEBBRAIO 2005, N È vietato adottare come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell attività economica o altro segno distintivo un segno uguale o simile all'altrui marchio se, a causa dell'identità o dell'affinità tra l'attività di impresa dei titolari di quei segni ed i prodotti o servizi per i quali il marchio è adottato, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni. 2. Il divieto di cui al comma 1 si estende all'adozione come ditta, denominazione o ragione sociale, insegna e nome a dominio di un sito usato nell attività economica o altro segno distintivo di un segno uguale o simile ad un marchio registrato per prodotti o servizi anche non affini, che goda nello Stato di rinomanza se l'uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi. 45

46 La giustizia ordinaria Art. 118, comma 6, D.Lgs 10 febbraio 2005, n.30 Salvo l'applicazione di ogni altra tutela, la registrazione di nome a dominio aziendale concessa in violazione dell'articolo 22 o richiesta in mala fede, può essere, su domanda dell'avente diritto, revocata oppure a lui trasferita da parte dell'autorità' di registrazione. NOTA In tal caso, eccezionalmente, la domanda all autorità giudiziaria fa salva l applicabilità della procedura di riassegnazione 46

47 La giustizia ordinaria RIMANE, INFINE, LA POSSIBILITÀ DI RICORRERE ALLA GIUSTIZIA ORDINARIA, LA QUALE DIFFICILMENTE CONSENTE UNA REAZIONE RAPIDA, EFFICACE ED ECONOMICAMENTE CONVENIENTE. I TEMPI PER OTTENERE UN RISULTATO UTILE POTREBBERO ESSERE TROPPO LUNGHI, SOPRATTUTTO SE RAFFRONTATI AL DANNO DI IMMAGINE, SUBITO DAL RICORRENTE, CHE AUMENTA PROPORZIONALMENTE AL PASSARE DEL TEMPO. Va, inoltre, considerato che, spesso le attività di accaparramento di Domain Name sono, appositamente, svolte da soggetti che agiscono in ordinamenti giuridici diversi da quello in cui ha sede l avente diritto al dominio. Dinanzi ad una tale situazione, i costi eccessivi per il radicamento del giudizio all estero, scoraggiano la scelta a favore di altri rimedi, quali la trattativa commerciale o la procedura di riassegnazione, se ne sussistono i presupposti. 47

48 A.A. 2014/15 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Grazie per l attenzione Docente: Massimo Farina

Domini. Il Registro.it

Domini. Il Registro.it Domini. Il Registro.it Il contesto generale Il Registro italiano La natura del nome a dominio Le procedure alternative di risoluzione delle dispute: cenni L Istituto di Informatica e Telematica del CNR

Dettagli

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA ORDINE DEI CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE Via Donizetti 1/A - 20122 Milano - tel./fax (02) 55185144 INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

LA TUTELA DEI NOMI A DOMINIO

LA TUTELA DEI NOMI A DOMINIO Ufficio di Roma: Via Vittorio Emanuele Orlando, 83 Tel: 06 47825222 Fax: 06 47824170 Email: roma@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Guido Maffei Email: maffei@bugnion.it LA TUTELA DEI NOMI A DOMINIO Università

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0 26. Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nei cctld it del 8 novembre 2006 Il testo qui publlicato è stato adotatto dalla Registration Authority italiana il 8 novembre 2006. Regolamento

Dettagli

Regole di Naming Versione - 3.9

Regole di Naming Versione - 3.9 Regole di Naming Versione - 3.9 SEZIONE 1 Regolamento di Assegnazione 1. Scopo Il presente Regolamento contiene le norme per l'assegnazione dei Nomi a Dominio all'interno del cctld "it" (Italia), per quel

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it Versione 6.0 19 giugno 2009 Sommario 0 Revisioni di questo documento... 1 1 Introduzione... 2 1.1 Premessa...2 1.2 Principi di base...2

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Il regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nell'ambito del cctld it è soggetto a modificazioni

Dettagli

Aspetti legali del commercio elettronico

Aspetti legali del commercio elettronico STUDIO LEGALE COMMERCIALE ASSOCIATO Avv. ANDREA GATTAMORTA Avv. GLORIA BONGIOVANNI Consulenza fiscale e tributaria: Dott. LUIGI RECCHIONI Dott. ANDREA ROSSI JANE SCHORAH, Solicitor Adm. in England and

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5 Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona Versione 1.5 19 giugno 2009 Sommario 1 Introduzione...1 1.1 Premessa e scopi...1 1.2 Revisioni di questo

Dettagli

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche CNR Via G. Moruzzi,, 1 56124 Pisa E-mail: Daniele.Vannozzi Vannozzi@iat.cnr.it Assegnazione dei

Dettagli

Internet,! i domini (.it) e! il Registro!

Internet,! i domini (.it) e! il Registro! Internet, i domini (.it) e il Registro Francesca Nicolini Stefania Fabbri La rete e il Domain Name System La rete ARPANET nel 1974 1 La rete e il Domain Name System (cont) Dalle origini a oggi: Rete sperimentale

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari.

MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO. Avv. Andrea De Gaspari. MARCHI, NOMI A DOMINIO E ALTRI SEGNI DISTINTIVI DELLE IMPRESE: ISTRUZIONI (PRATICHE) PER L USO Avv. Andrea De Gaspari 2 dicembre 2013 DI COSA SI PARLERÀ Marchi, domini e segni distintivi: breve inquadramento

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Naming Authority italiana. Lodo arbitrale. reso dal Collegio arbitrale composto da. Dott. Luca Barbero, presidente relatore;

Naming Authority italiana. Lodo arbitrale. reso dal Collegio arbitrale composto da. Dott. Luca Barbero, presidente relatore; Naming Authority italiana Lodo arbitrale reso dal Collegio arbitrale composto da Dott. Luca Barbero, presidente relatore; Avv. Enzo Fogliani, arbitro estensore; Dott. Alessia Ambrosini, arbitro Costituito

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Panoramica delle richieste

Panoramica delle richieste Panoramica delle richieste 1,293 richieste in procinto di essere approvate, il 40% delle quali é previsto aperto alle registrazioni Breakdown dei nuovi gtld per tipo 1,930 1,293 1,293 1,930 453 100% 90%

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci. Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci. Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Concorso a Premi Con McCain più acquisti più vinci Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Indirizzo sede legale McCain Alimentari Italia

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI

ARTICOLO 4: CONDIZIONI DI REALIZZAZIONE E DI FATTURAZIONE DELLE PRESTAZIONI CONDIZIONI PARTICOLARI DI WEB HOSTING ARTICOLO 1: OGGETTO Le presenti condizioni generali hanno per oggetto la definizione delle condizioni tecniche e finanziarie secondo cui HOSTING2000 si impegna a fornire

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli