vi è stato un netto miglioramento della durata dei definiti con altre modalità (da 154 a 105), ed un deciso aumento dell'indice di ricambio (da 0,72

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "vi è stato un netto miglioramento della durata dei definiti con altre modalità (da 154 a 105), ed un deciso aumento dell'indice di ricambio (da 0,72"

Transcript

1 BREVE RELAZIONE PROGRAMMI DI GESTIONE 2015 La redazione definitiva del programma di gestione è stata preceduta da apposite riunioni con i colleghi, l'ultima delle quali il 13 gennaio 2015, e dalle comunicazioni della relazione provvisoria, oltre che ai giudici (togati e non), al dirigente, al Consiglio dell'ordine degli Avvocati ed alla Commissione Flussi. Il periodo in osservazione è il primo successivo alla cessazione della legislazione post terremoto i cui effetti, però, come vedremo, si sentono ancora. I dati statistici generali evidenziano un ufficio certamente efficiente ed efficace, caratterizzato da un aumento delle sopravvenienze complessive (da a ) con un incremento in numeri assoluti di procedimenti (11,09%), ma anche da un aumento delle definizioni, tornate a livelli pre-terremoto, nonostante le mancanza di due giudici. II che ha portato ad un indice di ricambio superiore a 1, e ad una conseguente sensibile riduzione delle pendenze. I dati forniti quest'anno dall'ufficio statistico sono molto limitati, ma per un minimo di analisi ci si avvarrà anche di quelli forniti lo scorso anno. Si ritiene di porre l'attenzione su quattro parametri che a mio parere descrivono più di altri l'andamento di un tribunale; cioè l'aumento delle definizioni, la riduzione della durata dei procedimenti dell'ufficio, l'indice di ricambio e la riduzione del numero dei procedimenti pendenti. 1) AUMENTO DELLE DEFINIZIONI Era uno dei due obiettivi che ci si era prefissi per quest'anno. Questo aspetto è senza dubbio nel suo complesso molto positivo. Il dato dell'unica sezione civile vede, infatti, una produttività di definizioni rispetto alle dello scorso anno, con un incremento di oltre il 19%. Per questo aspetto la fine della legislazione post terremoto ha dato risultati positivi. Il risultato, però non è uniforme in tutte le materie, per alcune si è evidenziato in maniera più netta che per altre. Quello maggiore si è avuto nelle cause di separazioni e divorzi contenziosi, dove si registra incremento delle definizioni addirittura del 70% (da 212 a 362), a dimostrazione del particolare impegno profuso dall'ufficio in questo settore e grazie anche al contributo fornito dal presidente Marini. Più contenuto è stato nel settore del contenzioso civile ordinario (da 1731 a 1794;). Ciò è dovuto al fatto che, contrariamente alle previsioni, l'applicazione della collega Porreca in Corte di Appello si è protratta per tutto il periodo in osservazione; per cui oltre al mancato già previsto apporto della collega Franco, si è aggiunto quello inatteso della collega Porreca, solo in parte supplito da quello del GOT. Egualmente nel settore del lavoro e previdenza ed assistenza vi è stato un leggero incremento, anche se meno importante degli altri (da 444 a 451). Il programma di gestione dello

2 scorso anno aveva previsto per il 2014 un incremento maggiore delle definizioni. La previsione era basata sulla assegnazione a questo settore di un secondo giudice a tempo pieno, invece che a tempo parziale. Il relativo provvedimento di variazione tabellare, però, è stato adottato in data 4/12/2013, in occasione della stesura del programma di gestione, e quindi ha avuto efficacia nel gennaio Per cui gli effetti positivi non sì sono ancora completamente concretizzati essendo disponibile il dato riferito al solo primo semestre. Eclatante è, invece, l'incremento delle definizioni nel settore dei procedimenti speciali dove è stato di oltre il 102% (da 623 a 1.260). Ma si è registrato un aumento non solo nella produttività complessiva, ma anche in quella individuale dei giudici. I due dati, ovviamente, non sono consequenziali in quanto dipendono dal numero dei giudici in servizio. Sempre confrontando i dati dello scorso hanno, possiamo notare come la produttività individuale complessiva sia passata da definizioni a ( +19,06%, n. 227 in valore assoluto); da 163 a 192 (+ 17,79%, n.29 in valore assoluto) il dato relativo alle sole sentenze. 2- DURATA MEDIA DEI PROCEDIMENTI DELL'UFFICIO Anche questo era un obiettivo che l'ufficio si è posto lo scorso anno. Considerando tutti i macrosettori può senza dubbio sostenersi che tale obiettivo è stato ampiamente raggiunto; dì questo si è dato atto nel format. Confrontando i dati forniti dall'ufficio statistico quest'anno con quelli del periodo precedente, si può apprezzate una diminuzione complessiva dei tempi di definizione molto importante; nel periodo 1/7/ /6/2013 la durata media dei procedimenti per il Tribunale di Ferrara era indicata in 286, quest'anno viene indicata in 165, con percentuale di riduzione del 42,31%. Il dato è senza dubbio utile in quanto ricavato con modalità analoghe a quelle dello scorso anno. Anche in questo caso, però, questo dato complessivo di tutta la sezione, non è omogeneo tra tutti i settori. A- separazione e divorzi contenziosi Qui si riscontra un aumento della durata media dei procedimenti definiti con sentenza (da 431 giorni a 744) che ha inciso negativamente sulla durata di tutti i definiti (da 242 a 356). Ciò è dipeso da quello che si diceva in ordine al protrarsi degli effetti della legislazione postterremoto. Sebbene tale legislazione abbia avuto termine il 30/6/2013, i suoi effetti negativi sui tempi di definizione si sono fatti sentire nel periodo in osservazione in quanto il sistema di rilevazione statistica non ha tenuto conto dei tempi di sospensione imposti da quella legislazione (13 mesi) per numerose attività. L'effetto è stato che al momento della definizione con sentenza di quei procedimenti i tempi di sospensione forzata si sono poi sommati a quelli di effettiva trattazione, finendo per falsarne i tempi di durata. La dimostrazione è data dal fatto che

3 vi è stato un netto miglioramento della durata dei definiti con altre modalità (da 154 a 105), ed un deciso aumento dell'indice di ricambio (da 0,72 a 1,13). B- lavoro e previdenza Anche in queste due macroaree, che vengono considerate unitariamente, si riscontra un dato negativo. Il dato complessivo attuale della durata media dei procedimenti di entrambi i settori è passato da 594 dell'anno precedente agli attuali 671 giorni (+ 12,96). Anche qui vale ciò che si è detto in precedenza in ordine al protrarsi degli effetti della legislazione post-terremoto. L'efficienza di tutto il settore è comunque dimostrata, come vedremo, dal netto aumento dell'indice di ricambio (da 0,85 a 1,22 per il lavoro; più contenuto per la previdenza ed assistenza da 1,35 a 1,39), e da una altrettanto netta diminuzione di oltre il 16%, delle cause pendenti. C-contenzioso civile ordinario. I dati forniti dall'ufficio statistico denotano, invece, in questo settore una sensibile riduzione della durata media dei procedimenti, confermando un trend positivo nel corso degli ultimi anni: da giorni 1014, 863, 853, agli odierni 805, per le definizioni con sentenza e da giorni 823, 752, 739 agli odierni 649 (-12,18%) per i definiti totali. In questo caso si è riusciti a contrastare il protrarsi degli effetti negativi della legislazione post-terremoto attraverso un massiccio ricorso alla motivazione contestuale delle sentenze. 3- INDICE DI RICAMBIO Altro parametro molto importante è l'indice di ricambio. Quello medio di tutti i settori nel periodo in osservazione si è attestato sull'1,07, in sicuro miglioramento rispetto allo scorso periodo (0,97). Se per tutti i settori vi è stato un aumento dell'indice di ricambio, va segnalato il notevole aumento di tale indice nel settore lavoro (da 0,85 a 1,22), nel settore separazioni e divorzi contenziosi (da 0,72 a 1,13), nei procedimenti speciali (da 0,66 a 1,27). L'indice di ricambio è aumentato anche nella macroarea del contenzioso civile ordinario da 1,15 a 1,25, nonostante un netto incremento delle sopravvenienza di circa il 20% (da a 1.440). 4- PROCEDIMENTI PENDENTI La positività di questi risultati ha portato di conseguenza ad un quarto dato molto positivo, che riguarda il numero dei processi pendenti. Escludendo il macrosettore delle tutele, curatele ed amministrazioni di sostegno, il dato iniziale delle pendenze era di procedimenti, quello finale è di (6211 iniziali sopravvenuti definiti)., con una riduzione di 757 procedimenti in numeri assoluti ed una percentuale di riduzione del 12,19%. La diminuzione si è avuta in tutte le macroaree, ma vale la pena segnalare quelle più importanti. Nel contenzioso civile ordinario la riduzione è stata del 16%, 354 in numeri assoluti (iniziali sopr def = 1858).

4 Nel settore delle separazioni e divorzi contenziosi il dato è altrettanto positivo e registra una riduzione delle pendenze del 14%, in numeri assoluti 43 (iniziali sopr definiti = 269). Anche nelle macroaree del lavoro e previdenza si è avuta una riduzione delle pendenze ben superiore a quella media, a dimostrazione della attenzione che l'ufficio ha dedicato a tale settore. La riduzione percentuale è stata del 16,54%, in numeri assoluti di 105 (635 iniziali + 346sopr.-451def. = 530). Ma ancora una volta eclatante è il dato relativo ai procedimenti speciali (lettera j del prospetto). In questo settore risulta una diminuzione delle pendenza di quasi il 60%, in numeri assoluti 266 (iniziali sopr def. = 178). OBIETTIVI PER IL PROSSIMO ANNO. a- Aumento delle definizioni. Per il prossimo anno è previsto il rientro della collega Porreca dalla Corte di Appello, ma purtroppo rimarrà l'assenza della collega Franco, alla quale si è aggiunta quella del collega Mattelini, deceduto nello scorso mese di ottobre. Inoltre è previsto il pensionamento di alcune unità del personale amministrativo. In relazione a ciò è diffìcile ipotizzare miglioramenti sensibili; l'unico aiuto potrà venire dall'ulteriore incremento dell'utilizzo del PCT, peraltro già in fase avanzata e da una migliore organizzazione. Questo, però, potrà aiutare sicuramente il lavoro delle cancellerie, ma in misura molto minore quello dei giudici per i quali, anzi, vista la necessitata assenza della assistenza all'udienza, l'impegno per alcune attività è aumentato; ad esempio l'attività istruttoria ed in particolare quella della audizione dei testimoni. E' possibile, quindi, porsi un obiettivo molto limitato; nel programma di gestione si è previsto un aumento delle definizioni complessive del 10%. Solo per il lavoro e previdenza è previsto come obiettivo un incremento del 20% in quanto si dovrebbero concretizzare gli effetti positivi dovuti alla assegnazione a tempo pieno di un altro giudice. b- Riduzione dei tempi di definizione. Anche per i tempi di definizione, nel programma di gestione si è prevista una riduzione del 10% in tutte le macroaree. Per le definizioni dei procedimenti di durata (contenzioso ordinario, lavoro e previdenza, ecc.), però, è più un auspicio che una previsione in quanto non è possibile valutare l'incidenza su questi procedimenti del lungo periodo di sospensione tra il 20 maggio 2012 ed il 30 giugno 2013 post terremoto; periodo, come si è detto non calcolato nei dati statistici. e- Procedimenti arretrati

5 Anche per il prossimo anno si procederà alla riduzione dei procedimenti arretrati. L'obiettivo è quello delle eliminazione di tutti i procedimenti pendenti da più di tre anni nelle macroaree indicate nel prospetto n. 3 fornito dall'ufficio statistico. In tutte le macroaree sarà data priorità alle cause più risalenti nel tempo, evitando i meri rinvii e riducendo a non più di 30 giorni i rinvii per qualunque altra causa, in modo da avere un numero di udienze sufficienti per esaurirli entro il prossimo anno. PROGRAMMA DI GESTIONE DEL DIBATTIMENTO PENALE Per questo anno non è richiesto. Si riporta comunque il programma di gestione redatto dal presidente della sezione penale, Luca Marini, per il settore dibattimento, che si condivide pienamente. PROGRAMMA DI GESTIONE DEL DIBATTIMENTO PENALE 2015 I. RISORSE RISORSE MATERIALI: alla data del sono a disposizione delle udienze penali 1 aula per i procedimenti collegiali e di Assise, con adeguata Camera di Consiglio, nonché altre 2 aule dedicate alle udienze monocratiche, in esclusiva e 2 in condivisione con altri servizi; in tale contesto di media adeguatezza, è sempre necessario evitare il superamene di n. 4 udienze monocratiche contestuali, incluse quelle tenute dai GOTdell'Ufficio; le dotazioni di apparecchiature per l'audioregistrazione sono presenti, non sempre funzionanti, per la vetustà dei relativi impianti; anche attualmente, uno degli impianti non è utilizzabile, in attesa di sostituzione di parti rilevanti, che devono essere fornite dalla società di gestione esterna; le dotazioni informatiche dei magistrati dell'ufficio assicurano una ordinaria funzionalità dell'attività necessaria RISORSE UMANE: sono presenti - LI ~ n. 5 magistrati ordinari in servizio effettivo, uno in meno rispetto all'organico pieno (I presidente di Sezione, 5 Giudici), per essere mancata dal la presenza di un Giudice, per malattia prima e poi per la sua improvvisa scomparsa; fino al mese di ottobre, allorquando si è manifestata la necessità di presiedere entrambi i collegi della Sezione per la menzionata scomparsa del Giudice più anziano, il Presidente di Sezione è stato anche assegnatario, presso il settore civile, di n. 1 udienza settimanale presidenziale in materia di separazione e divorzio contenziosi; sono assegnati alla Sezione Penale anche 2 GOT. 2. ATTIVITÀ ' GIUDIZIARIA NEL QUADRIENNIO DIBATTIMENTO COLLEGIALE

6 TOTALI Sopravvenuti definiti residui ASSISE Sopravvenuti Definiti Residui TOTALI DIBATTIMENTO MONOCRATICO 1 grado TOTALI sopravvenuti definiti residui lili APPELLO DEL GDP Sopravvenuti Definiti Residui 7 19 PRODUTTIVITÀ ' MEDIA NEL PERIODO TOTALE PROVVEDIMENTI DEFINITORI ( ) 7899 MEDIA ANNUALE 1975 RANGEproduttività media minima -15% 1679 massima +15% 2271 Tali dati sono praticamente in linea con l'analisi sperimentale dei flussi e delle pendenze del Tribunale di Ferrara, elaborata dal CSMaifini della predisposizione del progetto tabellare , e secondo la quale, si sarebbero richieste le seguenti definizioni, considerato, peraltro, il pieno organico per l'intero periodo, il che, purtroppo, soprattutto per ragioni di salute di alcuni togati, non è stato possibile assicurare: 2012: 66 collegio monocratico = totali : 65 collegio monocratico - " : 64 collegio monocratico = " 2326

7 D'altra parte, la predetta relazione del CSM ha individuato la pendenza fisiologica del Tribunale di Ferrara in 40 procedimenti collegiali ed in 1073 procedimenti monocratici, a fronte di pendenze effettive al pari a 63 collegiali (63 collegio + O assise) e 1346 monocratiche ( grado + 28 appelli), così potendosi concludere che la Sezione Penale Dibattimentale, a pieno organico, è stata sostanzialmente in grado di assicurare il rispetto della media annuale di produttività, non avendo in concreto rispettato il mantenimento della pendenza media per i procedimenti collegiali e monocratici, nonostante il cospicuo incremento delle definizioni (+11 per le sentenze collegiale e per le sentenze monocratiche), in via preponderante per il contestuale incremento delle sopravvenienze dalla Procura della Repubblica, che ha nel frattempo completato la propria pianta organica. Nel prossimo anno, pur con la mancanza di un Giudice in organico, la proporzione tra sopravvenienze e definizioni potrà essere rispettata, tenuto conto anche degli auspicabili aspetti definitori agevolati che deriveranno dal decreto legislativo di depenalizzazione varato questo dicembre Quanto alla durata media, la stessa era già stata rilevata, dai più recenti dati della Commissione Flussi distrettuale ( ), in mesi 8,53 per il Collegio ed in mesi 6,24per il monocratico, durata tale da consentire, a pieno organico, il pieno smaltimento in termini infraannuali delle ordinarie sopravvenienze. OBIETTIVI PER IL La previsione dì obiettivo per il periodo sarà, pertanto, quella di mantenere la produttività del , nonostante la riduzione dì una unità nell'organico di fatto, attraverso uno sforzo d'incremento prò capite di udienze e smaltimenti, con il mantenimento di una produttività tra la media e la massima del range già indicato nel programma dell'anno precedente, e pienamente rispettato per i due ultimi anni scorsi, corrispondente ad un totale di circa 2000 definizioni totali per anno, con il contestuale rispetto della attuale durata media complessiva dei procedimenti stessi, del resto costante nei minimi da tempo, II Presidente della Sezione Penale (Luca Marini) Si riporta, altresì, il programma di gestione redatto dal coordinatore dell'ufficio GIP/GUP, dott.ssa Pierà Tassoni. TRIBUNALE DI FERRARA PROGRAMMA DI GESTIONE DELL'UFFICIO GIP -GUP RISORSE

8 RISORSE MATERIALI: sono a disposizione dell' Ufficio un'aula per le udienze e due stanze per l'esame protetto di testi. La dotazione di apparecchiatura per 1'audioregistrazione è presente nell'aula preposta alla celebrazione delle udienze. Le dotazioni informatiche dei magistrati dell'ufficio una ordinaria funzionalità dell'attività necessaria assicurano RISORSE UMANE: sono presenti al ~ n. 3 magistrati ordinar! in servizio effettivo, organico pieno ATTIVITÀ' GIUDIZIARIA NEL PERIODO 1 GENNAIO OTTOBRE 2014 Registro noti sopravvenuti definiti residui TOTALI PRODUTTIVITÀ ' MEDIA NEL PERIODO TOTALE PROVVEDIMENTI DEFINITI MEDIA ANNUALE DELL'UFFICIO 5972,47 RANGE produttività media minima ,6 massima 6868,34

9 La pendenza al 31 ottobre 2014 era pari a procedimenti, dato più che in linea con l'analisi sperimentale dei flussi e delle pendenze del Tribunale di Ferrara, elaborata dal CSM ai fini della predisposizione del progetto tabellare , secondo la quale la pendenza fisiologica ideale per il Tribunale di Ferrara nel settore Gip noti è pari a affari. La Sezione GIP-GUP a pieno organico è in grado di assicurare il rispetto della inedia annuale di produttività, avendo già portato la pendenza ben oltre la soglia media indicata. PREVISIONI ED OBIETTIVI PER IL 2015 La previsione per il periodo era stata condizionata dagli eventi sismici della primavera 2012, a seguito dei quali, con D.L. n. 74/12, era stata sospesa la trattazione dei procedimenti penali, eccettuati quelli con detenuti. L'inevitabile pendenza è stata riassorbita, anche con la celebrazione di udienze straordinarie, essendo peraltro sopravvenuti processi particolarmente complessi sia per tipologia di reato fra cui omicidi volontari definiti con rito abbreviato sia per numero di imputati. In prospettiva deve mantenersi tale ottimale situazione, col rispetto dei parametri di produttività media annuale, si da garantire, nei tempi di definizione ristretti che da tempo caratterizzano l'ufficio, una definizione di procedimenti in linea con le sopravvenienze. Condizione indispensabile per il raggiungimento di tale obiettivo, è la presenza operativa di tutti e 3 i magistrati della Sezione, con attribuzione agli stessi di una esclusiva competenza settoriale, senza ulteriori riduzioni per assegnazione di altri ruoli o funzioni. Ferrara, 7 gennaio 2015 il Magistrato coordinatore dott.ssa Pierà Tassoni Ferrara 20/1/2015 II PresidenteMel Pasqu

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI

ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI ARTICOLATO CON PROPOSTE DI EMENDAMENTI Il presente articolato è stato depositato alla Camera dei Deputati in sede di audizione dalla dott.ssa Barbara Fabbrini.. TESTO DA EMENDARE PROPOSTA DI EMENDAMENTO

Dettagli

AL Sig. Presidente della Corte di Appello di Bologna

AL Sig. Presidente della Corte di Appello di Bologna AL Sig. Presidente della Corte di Appello di Bologna Notizie ed informazioni relative al Tribunale di Ferrara per la predisposizione della relazione inaugurale dell' anno giudiziario 2013 L'organico dei

Dettagli

La Giustizia Penale a Parma

La Giustizia Penale a Parma La Giustizia Penale a Parma Alessandra Mezzadri Il presente breve contributo ha preso in considerazione i dati statistici relativi all attività svolta dal Tribunale Penale di Parma negli anni 2006-2010.

Dettagli

1rR][BlUNALE :DI MODENA

1rR][BlUNALE :DI MODENA 1rR][BlUNALE :DI MODENA -----------------------------_---=...:. Decreto n. 3~ _ Il Presidente del Tribunale Premesso: che nella Seconda Sezione civile, sottosezione ordinaria, è attualmente in vigore la

Dettagli

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE

TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE TRIBUNALE DI LAGONEGRO *** PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI, COLLEGIALI E MONOCRATICHE 1. L udienza penale dibattimentale inizia alle ore 9.30, subito dopo la trattazione dei procedimenti

Dettagli

Relazione sull'amministrazione della giustizia per l'anno 2015 - Dati statistici (rif. nota CdA Roma Prot. n. 25499 del 28/08/2015)

Relazione sull'amministrazione della giustizia per l'anno 2015 - Dati statistici (rif. nota CdA Roma Prot. n. 25499 del 28/08/2015) SETTORE CIVILE Relazione sull'amministrazione della giustizia per l'anno 2015 - Dati statistici (rif. nota CdA Roma Prot. n. 25499 del 28/08/2015) Tav. 1.1 Elenco delle tavole allegate 2014/2015. Confronto

Dettagli

Tribunale Ordinario di Cagliari

Tribunale Ordinario di Cagliari Indice 1. Introduzione 2. L analisi della situazione 3. La fase di progettazione della riorganizzazione del settore Penale 4. I primi risultati della progettazione 5. Altri interventi di riorganizzazione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Tei. TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Via Moretto, 78-25100 Brescia 030/29861 - Fax 030/2986373 - E mali tribunale.brescia@giustizia.it Y Prot. Brescia, 12marzo'09 OGGETTO: Trasloco nel nuovo Palagiustizia

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA

PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA Alcuni dati relativi ai momenti più significativi della fase delle indagini: l incidenza dei riti alternativi, quale utile riscontro della sostanziale completezza delle indagini, le richieste di archiviazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione consiliare n.5 del 16/01/2013 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA:

CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA. Milano 12.2.2014 LE NOVITA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA: Dropbox/ 12.2.2014 X Formazione Decentrata /Convegno 337 bis CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA STRUTTURA TERRITORIALE DI FORMAZIONE DI MILANO Milano 12.2.2014 LE

Dettagli

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA

ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA ISTITUTO DELLA MESSA ALLA PROVA. LINEE GUIDA Le linee guida che sono qui definite costituiscono il frutto di alcuni incontri sollecitati dal Presidente del Tribunale di Milano tra giudici penali dell'ufficio,

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi

Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Incontro con gli Uffici giudiziari della Regione Sicilia per la presentazione del Progetto Diffusione

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 1 ottobre 2015 Misure per l'attuazione dell'ufficio per il processo, a norma dell'articolo 16-octies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

CAMERA PENALE IRPINA

CAMERA PENALE IRPINA -r, ' ~ t> ~:("~"J -, 't

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n.

costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO ******* FONDO DI GARANZIA costituito ai sensi dell art. 21 della Legge 16 febbraio 1913 n. 89, così come modificato dal Decreto Legislativo 4 maggio 2006 n. 182 Capo I

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo 83 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo Una delle problematiche che assume maggiore rilievo nelle Società di Mutuo Soccorso, riguarda l'individuazione della corretta

Dettagli

A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L.

A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L. A seguito della proroga della sospensione dei termini processuali disposta dall art.1 comma 13 quater della Legge 213/12 che ha convertito il D.L. 174/12, all esito di un incontro con i Magistrati del

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40

COMUNE DI ROVIGO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE n. DLCC/2014/40 O G G E T T O Riconoscimento debito fuori bilancio per la liquidazione delle

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia ACTION PLAN DEL GOVERNO ITALIANO PER ABBATTERE I TEMPI DEL PROCESSO CIVILE E LA RILEVANTE MOLE DEI GIUDIZI ARRETRATI Roma, 10 marzo 2011 Il contesto di riferimento Il Governo

Dettagli

Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico

Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico Corte di Cassazione penale: fotovoltaico e reato paesaggistico L'installazione di pannelli solari è inequivocabilmente un intervento idoneo ad incidere negativamente sull'assetto paesaggistico e richiede

Dettagli

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia. La FLP incontra Il Direttore Generale. del S.I.A. Daniela Intravaia

Coordinamento Nazionale FLP Giustizia. La FLP incontra Il Direttore Generale. del S.I.A. Daniela Intravaia Coordinamento Nazionale FLP Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della Giustizia Via Arenula, 70 00186 ROMA tel. 06/64760274

Dettagli

A- ANALISI DELLO STATO DEI SERVIZI

A- ANALISI DELLO STATO DEI SERVIZI Analisi dello stato dei servizi, dei carichi di lavoro e dei flussi delle pendenze, con indicazione delle cause di disfunzione rilevate a seguito dei monitoraggi eseguiti all'interno di ciascun settore/sezione

Dettagli

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili

sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili \ Protocollo sulla liquidazione degli onorar! ai difensori di imputati e parti civili ammessi al patrocinio a spese dello Stato o di imputati irreperibili Sottoscritto da Tribunale di Ferrara, Ordine degli

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale amministrativo dell Avvocatura dello Stato PREMESSA. Il presente Sistema di misurazione e valutazione della performance del personale

Dettagli

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA

CAMERA PENALE di MESSINA P. PISANI G. AMENDOLIA Liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei compensi professionali. Linee guida per l'applicazione dei parametri previsti dal D.M. n. 55 del 10 marzo 2014 Premessa: Che con la legge 31 dicembre

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL

RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL RISPOSTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILE ALLA CONSULTAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA IN MERITO ALL ADOZIONE DEI PRINCIPI DI REVISIONE INTERNAZIONALI Settembre

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione:

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione: Impiego dei componenti privati del Tribunale per i minorenni in attività istruttoria e nella redazione di provvedimenti collegiali (Risposta a quesito del 17 giugno 1998) Il Consiglio Superiore della Magistratura,

Dettagli

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da:

I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: TRIBUNALE DI TRIESTE I dati relativi al Tribunale di Trieste sono stati raccolti da: Camera Penale di Trieste Responsabili della ricerca: Elisabetta Burla, Mariapia Maier Hanno partecipato al monitoraggio

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.55

PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.55 Copia PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRICHERASIO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.55 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO: IMPEGNO A METTERE IN CAMPO TUTTE LE AZIONI POSSIBILI E NECESSARIE PER EVITARE

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI

ORDINE DEGLI AVVOCATI TRIBUNALE DI MONZA CAMERA PENALE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MONZA DI MONZA Aggiornamento del prontuario per la liquidazione degli onorari ai difensori dei cittadini non abbienti ammessi al patrocinio a spese

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio. Roma, 2 ottobre 2015

Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio. Roma, 2 ottobre 2015 Ufficio per il processo: uno staff per il magistrato, uno strumento per migliorare il servizio Roma, 2 ottobre 2015 L Ufficio per il processo L ufficio per il processo non è più un ipotesi. Da oggi ogni

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

1. - Premessa e quadro di sintesi della risoluzione. Il ruolo del Consiglio Superiore della Magistratura.

1. - Premessa e quadro di sintesi della risoluzione. Il ruolo del Consiglio Superiore della Magistratura. Nuova normativa prevista dall'art. 37 D.L. 98/2011, commi 1, 2 e 3 in materia di gestione dei procedimenti civili per la definizione del carico esigibile di lavoro per i magistrati. (Delibera del 2 maggio

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI SANGANO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CONTROLLI INTERNI EX ART 147 DEL TUEL Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 24/01/2013 Il Regolamento è in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO C O R T E D A P P E L L O D I V E N E Z I A C O N S I G L I O G I U D I Z I A R I O REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GIUDIZIARIO Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE

Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Regolamento del Fondo di Solidarietà SIAE Art. 1 - Scopo 1.1 Il Fondo di Solidarietà (di seguito anche solo il Fondo ) ha lo scopo esclusivo di attuare forme di solidarietà sociale di beneficenza, assistenza

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO DAI SOGGETTI OPERANTI NEL SETTORE POSTALE ALL AUTORITÀ

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Organizzazione della giustizia - Belgio

Organizzazione della giustizia - Belgio Organizzazione della giustizia - Belgio c) Descrizione dettagliata degli organi giudiziari 1. Ufficio del Giudice di pace Il Giudice di pace è il giudice più vicino al cittadino. È nominato dal Re conformemente

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Sezione I. Disposizioni generali IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 19 febbraio 2014, n. 14 Disposizioni integrative, correttive e di coordinamento delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 7 settembre 2012, n. 155, e 7 settembre 2012, n. 156,

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014.

OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014. Roma 02/12/2011 Protocollo P 26607/2011 OGGETTO: Pratica num. 429/VV/2010 - Quesiti sulla circolare in materia di organizzazione degli uffici giudicanti per il triennio 2012-2014. Comunico che il Consiglio

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Servizio risorse umane

Servizio risorse umane DETERMINAZIONE N. 1701 DEL 09/07/2014 Proponente: Servizio risorse umane U.O. proponente: Organizzazione Proposta di determinazione: N. 2014/190 del 08/07/2014 OGGETTO: FONDO DELLE RISORSE PER IL FINANZIAMENTO

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA TRIBUNALE DI VERONA - SEZ. PENALE CAMERA PENALE VERONESE VERBALE DI SOTTOSCRIZIONE DEL PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI MONOCRATICHE E COLLEGIALI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PER PRATICANTI AVVOCATI TRA

CONVENZIONE QUADRO DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PER PRATICANTI AVVOCATI TRA CONVENZIONE QUADRO DI TIROCINIO DI FORMAZIONE ED ORIENTAMENTO PER PRATICANTI AVVOCATI TRA I Consigli dell Ordine degli avvocati di Bassano del Grappa, Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona,

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Comune di Maccastorna Provincia di Lodi REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n.2 del 02/03/2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Fonte: www.palazzochigi.it

Fonte: www.palazzochigi.it Fonte: www.palazzochigi.it Misure urgenti per la crescita: il CdM approva il decreto Fare Giustizia civile Lo stato della giustizia civile costituisce, senza dubbio, uno dei fattori esogeni di svantaggio

Dettagli

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale"

A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale SENATO DELLA REPUBBLICA 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) A.S. n. 3181 Interventi a sostegno del pensionamento flessibile e della solidarietà intergenerazionale" 3 ottobre

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011

BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 BILANCIO PARTECIPATIVO Incontro del 1 febbraio 2011 Assessorato al Bilancio Comune di Ostra (AN) 1 - Premessa Con queste diapositive si vuol tentare di illustrare come funziona il bilancio di un comune

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como

C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como C O M U N E D I S A N S I R O Provincia di Como SERVIZIO AMMINISTRATIVO E CONTABILE N. 65 del 27-03-2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LA COMPILAZIONE E TRASMISSIONE MODELLO 770 - TRIENNIO FISCALE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di controllo per la Liguria

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI. Sezione Regionale di controllo per la Liguria Parere n 6/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI Sezione Regionale di controllo per la Liguria Composta dai seguenti magistrati: dott. Antonio SCUDIERI Presidente f. f. dott. Giuliano GALLANTI Consigliere

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l.

SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l. SOCIETA COOPERATIVA BRACCIANTI RIMINESE soc. coop. a r.l. Via Emilia 113 Rimini registro Imprese Rimini/c.f. 00126420405 Cooperativa a Mutualità Prevalente A101608 REGOLAMENTO REDATTO AI SENSI DELLA LEGGE

Dettagli

Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA

Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA Proposta di Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico (CCSE) REGOLAZIONE DEGLI IMPORTI INFERIORI AD UNA SOGLIA MINIMA PREFISSATA 1. PREMESSA Con il presente documento, la Cassa Conguaglio per il Settore

Dettagli

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve

LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55. Divorzio. breve LEGGE 6 MAGGIO 2015 N. 55 Divorzio breve ENTRATA IN VIGORE: 26 MAGGIO 2015 Legge 55 del 2015 Disposizioni in materia di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio nonché di comunione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 GENNAIO 2014 2/2014/E/EEL DECISIONE DEL RECLAMO PRESENTATO DA DE STERN 11 S.R.L. NEI CONFRONTI DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.P.A. L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO SULLA DIFESA D UFFICIO Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Verona - visto l art. 16 della Legge 31 dicembre 2012; - visto il decreto legislativo

Dettagli

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette

Giugno 2013. I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Giugno 2013 I chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sulla deduzione dei canoni di leasing ai fini delle imposte dirette Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Gabriella Antonaci, Studio Legale e Tributario

Dettagli

«Assenze» Incontro del 9 luglio 2015

«Assenze» Incontro del 9 luglio 2015 «Assenze» Incontro del 9 luglio 2015 Banca del Tempo Principio di base Iniziativa di tipo solidaristico aperta a tutti i dipendenti che prevede la costituzione di un «bacino» annuale di ore di assenza

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DELLE UDIENZE PENALI E CIVILI dinanzi al: GIUDICE DI PACE DI LAGONEGRO GIUDICE DI PACE DI LAURIA GIUDICE DI PACE DI CHIAROMONTE GIUDICE DI PACE DI SANT ARCANGELO PROTOCOLLO

Dettagli