PROGETTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI"

Transcript

1 Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Sezione Provinciale di Mantova Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus Sezione Provinciale di Mantova PROGETTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI RAPPRESENTATIVITÀ SUL TERRITORIO: L Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS è costituita da una struttura nazionale con sede a Roma e da strutture regionali e provinciali, dotate, secondo le norme dello Statuto,di autonomia gestionale, amministrativa, patrimoniale e fiscale. La Sezione Provinciale di Mantova dell'unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus è divenuta operativa come sottosezione nel 1958 e si è trasformata in sezione provinciale nell ottobre del 1967, l associazione è quindi radicata sul territorio da ben 54 anni ed è pertanto considerata un Associazione storica che si pone a rappresentare e tutelare gli interessi morali e materiali di ciechi ed ipovedenti promuovendone assistenza, istruzione, lavoro ed inserimento nel tessuto sociale, sollecitando ogni iniziativa a favore dei disabili visivi anche in convenzione con lo Stato, Enti Pubblici e Privati. Da sempre l Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus è attivamente impegnata a favorire l attuazione dei diritti umani e civili; a collaborare con il Servizio Sanitario Nazionale locale e con le Amministrazioni Scolastiche per la promozione dell istruzione; a promuovere il diritto al lavoro; a stimolare la Ricerca medico-scientifica; a promuovere l integrazione del disabile visivo nella cultura sportiva e ricreativa. Per alcune particolari attività, la Sezione è affiancata da organismi competenti, (emanati dalla sede Centrale dell U.I.C.I.), quali: I.Ri.Fo.R (Istituto per la ricerca formazione e riabilitazione); Biblioteca Italiana per i Ciechi "Regina Margherita"; Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi; L'Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Sezione Italiana; Il Club Italiano del Braille; ANALISI DEI FABBISOGNI La cecità, quali che ne siano il grado (totale o parziale) e l origine (congenita o acquisita), costringe a interagire con l ambiente tramite delle strategie comuni alla maggior parte dei ciechi.

2 Come le altre disabilità sensoriali, quella visiva può comparire successivamente alla nascita, a seguito di traumi o di specifiche patologie oculari, ma anche quale conseguenza di affezioni che interessano altri apparati dell organismo. I condizionamenti che essa può esercitare sull individuo dipendono, pertanto, da numerosi fattori, non ultimo quello dell età di insorgenza, a maggior ragione qualora si tratti di cecità totale: infatti, al di là dell impatto che essa inevitabilmente produce a livello emotivo, più numerose saranno state le esperienze vissute dal soggetto prima di diventare cieco, maggiori saranno le probabilità di riuscita dell intervento riabilitativo attuato nei suoi confronti, la cui efficacia è comunque subordinata alle capacità del soggetto di adattarsi al suo nuovo status. Bisogna anche aggiungere che il venir meno della vista comporta la netta riduzione di alcune abilità che sono di primaria importanza nella vita di ogni giorno. Questo deficit lede, in chi ne viene colpito, la percezione di sé, provocando un notevole abbassamento della propria autostima, poiché inibisce, almeno inizialmente, l autonomia personale in senso lato. La non conoscenza crea paura, disorientamento, pregiudizio, mentre l informazione graduale, adeguata e aggiornata, aiuta a prevenire e facilita la comunicazione, aprendo utile via di integrazione. Come suggerito da alcuni studiosi, anche il lessico della disabilità indica inadeguatezza e sofferenza riguardo al compito sociale: espressioni quali soffre di ipovisione, è affetto da cecità hanno implicato per troppo tempo il convincimento che le persone con disabilità fossero automaticamente infelici, sofferenti o vittime. Tale errato convincimento ha pesanti ricadute sociali sia sulle famiglie che vivono la disabilità sia sui disabili stessi; l identità personale, infatti, si costruisce anche attraverso il rispecchiamento del sé, per come viene rimandato dagli altri, ma l immagine che viene restituita al disabile è quella di una persona dolente, perennemente bisognosa e priva di autonomia. Nell intera provincia di Mantova, su un totale di 70 comuni, si contano circa 900 persone riconosciute avere disabilità visiva (tra ciechi e ipovedenti), di questi circa 200 sono iscritti a questa sezione provinciale dell U.I.C.I. e sono residenti in diversi comuni della stessa. Utilizzando i dati fornitici dall INPS possiamo descrivere la realtà mantovana: Ciechi Totali(*) N soggetti con disabilità visiva Ciechi Parziali (*) Età <18 >18 <64 > (*) Dati forniti dall INPS

3 Prendiamo in considerazione il preadolescente, o l adolescente, un ragazzo o una ragazza cieco/a sarà più o meno sicuro/a di sé se ha molte relazioni con i coetanei di entrambi i sessi, se è stimolato/a a vivere esperienze sociali in autonomia; un adolescente se è stato iper-protetto sarà timido, oppure se è abituato a sperimentare potrebbe sentirsi troppo sicuro, sopravvalutando le sue capacità, con atteggiamenti a volte esibizionistici. I ragazzi, dunque, possono utilizzare il linguaggio in modo fluente, ma la parola per loro è priva di significato, perché ad essa non corrisponde una rappresentazione mentale di ciò di cui si sta parlando. La percezione della realtà del non vedente si realizza attraverso tutte le percezioni derivanti dalle sensazioni recepite attraverso la pelle, attraverso i movimenti della mano, dei piedi, dell intensità muscolare utilizzata nei movimenti del corpo; altrettanto fondamentale nella strutturazione dell esperienza è poi la funzione uditiva, che permette di cogliere gli spazi pieni e quelli vuoti, le dimensioni e i volumi degli spazi e di recepire ostacoli davanti a sé; fondamentale è l uso dell olfatto per il riconoscimento di spazi diversi e di atmosfere ambientali più vaste e differenziate; ancora le variazioni termiche dell aria circostante, le sollecitazioni agli organi che presiedono all equilibrio, le correnti e gli spostamenti dell aria, tutto può dare apporti significativi alla ricostruzione di una realtà negata dalla vista. Questo processo di integrazione sensoriale è efficace quanto quello della vista e soddisfa le esigenze conoscitive del non vedente. Vanno sottolineate anche le difficoltà di percezione visiva del bambino/a ipovedente. In questo caso ogni generalizzazione è difficile perché la qualità delle immagini viste varia da individuo a individuo, a seconda delle capacità percettive visive residue; varia a seconda delle condizioni di luce, a seconda dei contrasti cromatici, dei livelli di affaticamento, a seconda delle posizioni dell oggetto, del movimento di chi percepisce e dell oggetto percepito; un ipovedente può avere solo una visione centrale, o solo periferica, una visione poco limpida, frammentata, il suo residuo visivo può non essere stabile: in altre parole ogni ipovedente vede e non vede allo stesso tempo. Questo disturbato modo di vedere limita la possibilità di costruire sul piano cognitivo immagini rappresentative globalmente armoniche e quindi influisce sulla sfera conoscitiva. Precisando l influenza di questa disabilità sulla personalità e sulla socialità, si deve tener conto che la condizione dell ipovedente non è riconoscibile immediatamente, la stessa condizione può comportare effetti diversi da un individuo all altro, infatti un ipovedente si trova spesso in uno stato di ansietà, perché vive nel timore di trovarsi in situazioni imprevedibili in cui il suo residuo visivo non possa essere utilizzato efficacemente, ne consegue una situazione psicologica in cui è presente la costante preoccupazione, o la certezza di andare incontro ad una riduzione consistente del residuo visivo.

4 Per garantire l acquisizione di maggiore sicurezza da parte del disabile visivo, soprattutto nel bambino e nell adolescente, ruolo importante è ricoperto dalla scuola. La scuola è il luogo maggiormente frequentato in giovane età, per cui è ad essa che si deve dare attenzione affinché agisca in maniera corretta sull alunno con disabilità visiva. OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL PROGETTO Si ritiene che solamente partendo dalla conoscenza della persona disabile visiva e della sua disabilità, si può effettuare una corretta sensibilizzazione nel mondo della scuola, ma per fare ciò bisogna coinvolgere gli insegnanti affinché, per primi, sappiamo come rapportarsi con l alunno disabile visivo. Secondo gli articoli 1 e 2 del Testo della Convenzione Internazionale sui diritti delle Persone con Disabilità del 2006, con lo scopo di promuovere, proteggere e assicurare il pieno ed eguale godimento di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, e promuovere il rispetto per la loro inerente dignità. Le persone con disabilità includono quanti hanno minorazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali a lungo termine che in interazione con varie barriere possono impedire la loro piena ed effettiva partecipazione nella società su una base di eguaglianza con gli altri. Comunicazione comprende lingue, visualizzazioni di testi, Braille, comunicazione tattile, stampa a grandi caratteri, le fonti multimediali accessibili così come scritti, audio, linguaggio semplice, il lettore umano, le modalità, i mezzi ed i formati comunicativi alternativi e accrescitivi, comprese le tecnologie accessibili della comunicazione e dell informazione; Discriminazione sulla base della disabilità indica qualsivoglia distinzione, esclusione o restrizione sulla base della disabilità che abbia lo scopo o l effetto di pregiudicare o annullare il riconoscimento, il godimento e l esercizio, su base di eguaglianza con gli altri, di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali L Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus, da diverso tempo denota una carenza di informazione e formazione nell ambito scolastico sul tema della disabilità visiva ed è per questo che vuole intervenire con l obiettivo di formare gli insegnanti affinché possano prendere coscienza del significato della disabilità visiva e come meglio approcciarsi al disabile visivo stesso. L ambiente in cui viviamo dovrebbe sostenere le persone con disabilità e i loro diritti. Non sono solamente le barriere architettoniche ad ostacolare un inclusione concreta nella società, ma sono anche le barriere culturali a non sostenere tale processo. Pertanto si ritiene che è partendo dalla scuola che si può avviare al cambiamento.

5 Se la classe divenisse uno spazio dove i pregiudizi vengono costantemente destrutturati per favorire una maggiore consapevolezza, allora sì che ignoranza e preconcetti non avrebbero modo di radicarsi nella società. La classe come luogo di rispetto, maturazione e conoscenza dei diritti delle persone. Sappiamo quanto gli insegnanti siano pressati da difficoltà di vario genere e quante energie dedichino alla formazione dello studente, ma anch essi necessitano di una sempre più aggiornata formazione al fine di migliorare il loro intervento. Per questo intendimento l U.I.C.I. di Mantova vuole organizzare una serie di incontri di aggiornamento e formazione rivolti a tutti i docenti, ma soprattutto ai docenti di sostegno ed educatori che prendono diretto contatto con l alunno disabile. AZIONI L Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus di Mantova per poter realizzare il proprio progetto che consiste nel programmare un percorso di aggiornamento rivolto ad insegnanti di sostegno, curriculari, ed educatori, in virtù della collaborazione esistente con I.Ri.Fo.R Sezione Provinciale di Mantova, incaricherà la stessa ad occuparsi della formazione, prendendo diretti contatti con il personale accreditato, con l Ufficio Scolastico Provinciale di Mantova al fine di avere appoggio per la divulgazione dell iniziativa. Dal momento che la Sede Centrale dell I.Ri.Fo.R è anche accreditato presso il Ministero dell Istruzione, della Università e della Ricerca per la erogazione di formazione al personale della scuola (D.M. 177/2000), solo così si prevede che possa essere rilasciato un attestato di riconoscimento del corso svolto dai singoli partecipanti. L I.Ri.Fo.R. di Mantova per la realizzazione del percorso intende dare incarico a: - N.1 Riabilitatore per minorati della vista - istruttore di orientamento e mobilità il quale dovrà presentare la realtà della disabilità visiva nel bambino, nell adolescente e come approcciarsi all alunno disabile visivo; - N.1 Tiflologo che conosce le condizioni e le necessità degli alunni disabili visivi e presenterà gli ausili indispensabili all alunno ipo e non vedente; - N.1 Insegnante di Informatica che dovrà presentare ed insegnare ad utilizzare le cosiddette tecnologie assistite ; - N. 1 Insegnante di scrittura e lettura del sistema Braille;

6 affinché ciascuno, nel proprio settore, possa intervenire per il raggiungimento dell obiettivo primario ovvero maggiore conoscenza per un migliore approccio all alunno disabile visivo. L Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus di Mantova metterà a disposizione la propria struttura, in particolare la Sala Dario Formigoni per permettere lo svolgimento delle lezioni frontali, mentre le esercitazioni previste nel modulo di informatica saranno effettuate presso l aula di informatica. Le lezioni e le esercitazioni previste nel modulo di orientamento e mobilità verranno effettuate presso un aula messa a disposizione dalla Scuola Secondaria di primo grado G. Bertazzolo di Mantova. N.B. Per ciascun insegnamento si allega programma del corso. RISULTATI ATTESI Col presente progetto si prevede di suscitare interesse ed entusiasmo da parte di tutti gli insegnanti, ma soprattutto da parte degli insegnanti di sostegno e degli educatori che spesso non conoscendo le difficoltà della disabilità visiva non sanno come comportarsi. Quindi si spera nel coinvolgimento del maggior numero possibile di insegnanti. MEZZI RITENUTI FAVOREVOLI AL CONSEGUIMENTO DEL RISULTATO ATTESO: Incontri formativi per ciascun insegnamento con momenti di confronto ed esercitazioni per meglio comprendere ed apprendere l insegnamento. AMPIEZZA DELLA COPERTURA TERRITORIALE DEL PROGETTO: Il progetto verrà realizzato a Mantova, prevede il coinvolgimento di insegnanti di Mantova e Provincia.

7 MONITORAGGIO: Strumenti di Autovalutazione Tipologia di autovalutazione Breve descrizione della modalità di utilizzo dello strumento di auto-valutazione Questionari Valutazione finale dei risultati raggiunti Questionari di gradimento per ciascun corso Interviste individuali Valutazione finale dei risultati raggiunti Riunioni di gruppo Valutazione iniziale di bisogni, risorse, risultati attesi, ecc Valutazione intermedia delle attività Valutazione finale dei risultati raggiunti Riunioni periodiche del gruppo di lavoro per verificare l andamento del progetto. Rilevazione dati sulle attività Valutazione finale dei risultati raggiunti Incontri Monitoraggio/collaborazione iniziale, in itinere e finale Incontro tra i collaboratori coinvolti per relazionare l andamento dei corsi Relazioni Valutazione finale dei risultati raggiunti Relazione finale per testimoniare l attività svolta VALUTAZIONE : In maniera continuata viene valutato l andamento del progetto considerando il numero dei docenti che hanno aderito al corso di aggiornamento. Grazie all analisi dei questionari sarà possibile valutare obiettivamente ed oggettivamente l efficacia e l efficienza dei singoli corsi. Programma del Corso di informazione su Mobilità e Orientamento

8 Insegnante: Decortes Francesco Impegno: 8 ore Programma: Per il corso di aggiornamento relativo alle strategie di Mobilità, Orientamento riservato ad insegnanti di sostegno, curriculari ed educatori, si prevedono: 1) Lezioni frontali 3 ore : cecità e ipovisione; mobilità senza ausili; tecniche di protezione, tecniche di accompagnamento, segnalazione ostacoli, direzionarsi; mobilità con ausili, il bastone bianco lungo 2) Laboratori pratici in situazione di mortificazione sensoriale temporale 4 ore: tecniche di accompagnamento, mobilità senza ausili; mobilità con ausili 3) Restituzioni e commenti 1 ora; Programma del Corso di lettura e scrittura col Sistema Braille Insegnante: Panza Marcella Impegno: 4 ore Programma: Per il corso di aggiornamento relativo al metodo di scrittura e lettura Braille, riservato ad insegnanti di sostegno, curriculari ed educatori, prevedono 3 momenti: 1) Presentazione della figura di Louise Braille e significato della sua invenzione; 2) Il sistema Braille e la sua importanza per la vita dei ciechi e degli ipovedenti;

9 3) Uso del materiale didattico speciale e dell opuscolo guida, predisposto per l apprendimento del Braille, a cui seguiranno le esercitazioni di scrittura e lettura, da parte degli insegnanti. A tale attività verrà riservato uno spazio maggiore. Insegnante: Fratti Massimo Impegno: 8 ore e 30 min Programma: Programma del Corso Informatica 1. Presentazione dello Screen Reader Jaws per Windows ed elementi base di un personal computer; 2. Fondamenti della tastiera; 3. Utilizzo base del software Jaws per Windows, predisposto per l apprendimento del software di base ed applicativo di un personal computer. A questa parte del programma sarà dedicato uno spazio maggiore. Il corso sarà strutturato in due parti: la prima, aperta a tutti i partecipanti e della durata di due ore, è illustrativa del punto 1 del programma e dell importanza dell informatica per la vita dei ciechi e degli ipovedenti; la seconda, cui aderiranno i partecipanti, divisi in due gruppi, e della durata di tre ore per ciascun gruppo, è illustrativa del punto 2 e 3 del programma, attraverso una simulazione pratica su personal computer. Programma del Corso di Presentazione degli Ausili Informatici Insegnante: Claudio Signorini Impegno: 2 ore e 30 min Programma: Presentazione dei vari ausili informatici accessibili al non vedente; gli ausili necessari nella scuola.

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione Onlus Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus CORSO DI AGGIORNAMENTO PER INSEGNANTI SOGGETTO PROPONENTE: L Unione Italiana dei Ciechi

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA

L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA I CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORE PARALIMPICO L ATTIVITA MOTORIO-SPORTIVA COME PROCESSO FORMATIVO PRIMARIO NEGLI ALUNNI CON DISABILITA : IL RUOLO DELLA SCUOLA Mauro Esposito Uff. Ed. Fisica e Sportiva

Dettagli

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA Data pubblicazione bando: 16 ottobre 2015 Attivazione del corso L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (IRIFOR), sezione provinciale di

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R.

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R. Ai Consigli Regionali I.Ri.Fo.R. Ai Componenti il Comitato Tecnico Scientifico I.Ri.Fo.R. Ai Presidenti delle Sezioni Provinciali

Dettagli

LABOR ABILITA AIAS di Milano ONLUS progetto LABOR ABILITA 2012

LABOR ABILITA AIAS di Milano ONLUS progetto LABOR ABILITA 2012 LABOR ABILITA LABOR ABILITA Obiettivi Fornire ai quadri e ai dirigenti delle aziende una formazione sulla disabilità che permetta di inserire nel modo più adeguato lavoratori appartenenti a categorie protette

Dettagli

Corso di Formazione per l insegnamento ai Disabili visivi Anno scolastico 2013/2014

Corso di Formazione per l insegnamento ai Disabili visivi Anno scolastico 2013/2014 I.Ri.Fo.R. O.N.L.U.S. Istituto dell Unione Italiana Ciechi per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione costituito per atto Notaio Fuà del 22 febbraio 1991 n. 33411 Rep. 6663 Bacc. SEDE PROVINCIALE

Dettagli

PROGETTO MANO NELLA MANO

PROGETTO MANO NELLA MANO PROGETTO MANO NELLA MANO Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale

PROTOCOLLO D INTESA. Tra. Provincia di Potenza. Ufficio Scolastico Provinciale PROTOCOLLO D INTESA Tra Provincia di Potenza Ufficio Scolastico Provinciale Unione Italiana dei Ciechi e degli ipovedenti (sede Provinciale di Potenza) Per promuovere e attuare - progetto di assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI SEZIONE PROVINCIALE DI PALERMO

CARTA DEI SERVIZI UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI SEZIONE PROVINCIALE DI PALERMO Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ( Ente Morale ) SEZIONE PROVINCIALE Via Manzoni, 11 90133 - PALERMO ONLUS CARTA DEI SERVIZI UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI SEZIONE PROVINCIALE

Dettagli

DISABILITA VISIVA. INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni per le diverse abilità e la qualità della vita

DISABILITA VISIVA. INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni per le diverse abilità e la qualità della vita Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Ufficio IX Ambito Territoriale Foggia INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni

Dettagli

Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma

Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma Federazione Italiana per il Superamento dell Handicap Via Cerbara, 20 00147 Roma (testo predisposto a cura di Salvatore Nocera, vicepresidente F I S H ) GRIGLIA DESCRITTORI LIVELLI DI QUALITA DELL INTEGRAZIONE

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. Conoscenze IT di base (Sistema operativo Microsoft Windows, applicativi Microsoft Office, internet e posta elettronica).

CORSO DI FORMAZIONE. Conoscenze IT di base (Sistema operativo Microsoft Windows, applicativi Microsoft Office, internet e posta elettronica). CORSO DI FORMAZIONE PER ASSISTENTI SCOLASTICI AD ALUNNI E STUDENTI CON DISABILITÀ VISIVA Destinatari del corso Il corso è rivolto a persone che lavorano o intendono lavorare come assistenti scolastici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dell infanzia La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità Recepimento e pratica in Lombardia

La Convenzione Onu sui diritti dell infanzia La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità Recepimento e pratica in Lombardia La Convenzione Onu sui diritti dell infanzia La Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità Recepimento e pratica in Lombardia Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità Preambolo,

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

Allegato 10 INCLUSIONE L integrazione scolastica delle persone con Bisogni Educativi Speciali vede il nostro Paese in posizione di avanguardia rispetto agli altri e il supporto normativo sancisce in modo

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA

RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2016 Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - Onlus Sezione Provinciale di Monza e Brianza Cari Soci, come di consueto, il Consiglio direttivo sezionale ha predisposto

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Esaminare due fattori:

Esaminare due fattori: 1 Esaminare due fattori: 1. Chi è il bambino con deficit visivo? 2. Quali sono i fattori che incidono nel percorso di sviluppo? 2 Fattori che influenzano il percorso di sviluppo 1. La tipologia del deficit

Dettagli

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA

Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Dott.ssa Maria Bucci Docente, Videointerprete e Interprete LIS e-mail: mariabucci@iol.it LA L.I.S. A SCUOLA Corso di avvicinamento alla Lingua dei Segni Italiana e di didattica speciale PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail

Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail Dr.ssa Federica Piz TIFLOLOGA Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS via Sette Martiri, 33 Padova tel. 049 8726507 e-mail cctpadova@prociechi.org 1 Tiflodidattica Disciplina che studia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEI CIECHI ITALIENISCHER BLINDEN- UND

UNIONE ITALIANA DEI CIECHI ITALIENISCHER BLINDEN- UND Relazione programmatica per l anno 2015 della dell Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti L'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti è un ente morale con personalità giuridica di diritto privato,

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere 7. L aula digitale inclusiva: proposte operative Accezione larga del concetto di disabilità di Paola Angelucci e Piero Cecchini Quando parliamo di ambienti inclusivi per tutti non possiamo prescindere

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

Progetto Insieme per l integrazione 2011 Obiettivi

Progetto Insieme per l integrazione 2011 Obiettivi Progetto Insieme per l integrazione 2011 Obiettivi La scrivente degli Ipovedenti ONLUS Consiglio Regionale Toscano nella veste di Ente morale preposto all assistenza ed alla tutela degli interessi materiali

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3

INDICE CARTA DEI SERVIZI. Pag. 2 PREMESSA. Pag. 2 BREVE PRESENTAZIONE DELLA COOPERATIVA. Pag. 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Pag. 3 CARTA DEI SERVIZI RELATIVA A SERVIZIO DI ASSISTENZA EDUCATIVA PER GLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI PRIMO E SECONDO GRADO STATALI E PARITARIE MILANESI

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Servizio Disabilità e DSA Centro Supporto Ausili Tecnologici (CSAT) Delegato Rettorale Prof.ssa Alice

Dettagli

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE

ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE ABSTRACT PROGETTO CLASSE APERTA PER UNA SCUOLA SOCIALE Descrizione dell iniziativa/progetto ed ambiti operativi di intervento L idea Nel nostro paese la partecipazione alla vita scolastica e sociale in

Dettagli

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA DIREZIONEDIDATTICASTATALE"MarieCurie" PlessidiviaBodio22 e viaguicciardi1 ViaGuicciardi,1 20158MILANO 02/39310265 02/39320412(fax) E-Mail:el.guicciardi@libero.it Cod.Mecc.MIEE00600C C.F.97093410153 PROGETTO

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015 Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS Sezione provinciale di Brescia RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2015 Cari soci ed amici, Premessa la Sezione Provinciale di Brescia dell Unione Italiana

Dettagli

PROGRAMMA DI MASTER DI I LIVELLO

PROGRAMMA DI MASTER DI I LIVELLO PROGRAMMA DI MASTER DI I LIVELLO A.C.D.S. LA FORMAZIONE PER L ASSISTENTE ALLA COMUNICAZIONE E PER L AUTONOMIA PERSONALE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE a.a. 03-04 Titolo insegnamento SSD Modulo

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA SEGNOGRAFIA BRAILLE E DISEGNO IN RILIEVO

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLA SEGNOGRAFIA BRAILLE E DISEGNO IN RILIEVO Sezione Provinciale di Taranto Codice Fiscale 90061260734 Via Duca degli Abruzzi, 20 74100 TARANTO Tel. 099/4527923 Fax 099/4532153 E-Mail: uicta@uiciechi.it - Sito Web: www.uictaranto.it -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa

Docente: dott.ssa Valentina Dalla Villa autovalutazione valutazione Si sollecita lo studente, affinchè si dica competente, ovvero assuma la padronanza metodologica e operativa, la consapevolezza di quanto ha appreso Didattica, affidata al docente

Dettagli

RELAZIONE MORALE ANNO 2010

RELAZIONE MORALE ANNO 2010 RELAZIONE MORALE ANNO 2010 Nel corso del 2010, il Gruppo Dirigente ha proseguito la propria attività nel solco degli scopi fissati dallo statuto associativo, impegnandosi in primo luogo nella promozione,

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE SULLE ALI DELLA SALUTE Istituto di Istruzione Superiore Secondaria B. Caramia F. Gigante con ordinamento speciale per la Viticoltura ed Enologia Locorotondo Alberobello SCUOLA PRIMARIA D. MOREA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO L.

Dettagli

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROGETTO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. Alberti INDIRIZZI : AREA ECONOMICA:Amministrazione Finanza e Marketing / IGEA Turismo/ ITER LICEO SCIENTIFICO: Scienze Applicate/Liceo ScientificoTecnologico

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI Anno scolastico 2013-14 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI L educatore è impegnato sì ad esplorare il volto dell altro, la sua domanda di umanità, di infinito, ma il riscontro di questa esplorazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE : ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO DEI CIECHI di MILANO Via Vivaio, 7 20122

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI SOCIO - ASSISTENZIALI IN FAVORE DEI DISABILI SENSORIALI. PREMESSA Il presente Regolamento si ispira ai principi della Legge-quadro per l'assistenza,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE TESI DI LAUREA SCI DI FONDO: SPORT E SOCIALIZZAZIONE PER NON VEDENTI Candidato : DELLA MEA

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013

Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013 Linee di indirizzo per la realizzazione dell integrazione scolastica in favore degli alunni con disabilità sensoriale. Anno scolastico 2012/2013 Provincia di Roma Dipartimento IX Servizio 2 Sommario 1.

Dettagli

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative

Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Gli alunni con Disturbi dello spettro autistico nella scuola primaria La formazione degli insegnanti modelli di intervento e strategie educative Stefano Cainelli Laboratorio di Osservazione Diagnosi Formazione

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE

TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE Arezzo, 10 settembre 2011 Ass. la Nostra Famiglia Centro Regionale d Ipovisione dell Età Evolutiva TIC ED ALUNNI CON DISABILITÀ VISIVE Arezzo, 10 settembre 2011 www.emedea.it/centroausili UNA PREMESSA

Dettagli

Violazione dei diritti umani

Violazione dei diritti umani La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Violazione dei diritti umani Tratto dal preambolo della Convenzione ONU adottata il 13 dicembre 2006 Gli Stati Parti alla presente

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE, GEOMETRI e TURISMO ENRICO FERMI CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE n. 9 per l istruzione e la formazione degli adulti Via Pitagora n 42 98051 BARCELLONA P.G. (ME) Tel.

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi

LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ. I presupposti legislativi LINEE GUIDA PER L'INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ I presupposti legislativi La costituzione art.3 e art.34 :coniugano il diritto allo studio con un idea di eguaglianza sostanziale Legge

Dettagli

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma)

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) Scheda Illustrativa dei corsi Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) COS È E COSA NON È L AUTISMO Recentemente gli studiosi preferiscono parlare di autismi piuttosto

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

LA SCUOLA DEL FUTURO

LA SCUOLA DEL FUTURO Invito a partecipare al Piano formativo LA SCUOLA DEL FUTURO Leggi come aderire al piano formativo e partecipare gratuitamente ai corsi. SCADENZA ADESIONI 17 aprile 2012 FondER Fondo Enti Religiosi Avviso

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

Corso di tiflologia perl inclusione scolastica

Corso di tiflologia perl inclusione scolastica Corso di tiflologia perl inclusione scolastica EDIZIONE 2014 Data di pubblicazione del bando: 23 maggio 2013 Link QR alla versione digitale 1 Articolo 1: Attivazione del corso La sede operativa di Macerata

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO:

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN DIFFICOLTÀ E DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: DALL INDIVIDUAZIONE ALL INTERVENTO EDUCATIVO-DIDATTICO Finalità del corso: Formare operatori dell ambito psicologico, socio-sanitario,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE L. CAPUANA Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo grado Viale Santuccio (Ex V.le Lido)

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Corso di tiflologia perl inclusione scolastica

Corso di tiflologia perl inclusione scolastica Corso di tiflologia perl inclusione scolastica EDIZIONE 2015 Data di pubblicazione del bando: 19 settembre 2015 Link QR alla versione digitale 1 Articolo 1: Attivazione del corso La sede operativa di Macerata

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo passo PREMESSA Questo documento denominato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL INTERVENTO

PROGRAMMAZIONE DELL INTERVENTO VADEMECUM PER LE FAMIGLIE Note e consigli operativi per le famiglie degli studenti con disabilità sensoriale che fruiscono dell intervento di assistenza alla comunicazione Il presente vademecum, a cui

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011

PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA Scuola secondaria di I grado M. M. Boiardo PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011 Referente : prof.ssa Roberta Michelini Obiettivo generale Rispondere ai

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA All.10 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON DSA ONZA PER GLI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente

Dettagli

ABEL (AccessiBle E-Learning)

ABEL (AccessiBle E-Learning) ABEL (AccessiBle E-Learning) Target: non vedenti e ipovedenti Metodologia: Apprendimento tramite materiali online Keywords: Vantaggi e svantaggi dell online learning per non vedenti e ipovedenti Accessibilità

Dettagli

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI

II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI TITOLO CORSO: II CORSO DI LIVELLO PER ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE DEI DISABILI VISIVI AREA: DISABILI CODICE: D2 Obiettivi dettagliati che il percorso persegue Nell ambito del supporto istituzionale offerto

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU

dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU dalla Costituzione alla Convenzione dell ONU ROCCO ROLLI TACTILE VISION ONLUS UNA CITTÀ PER TUTTI L accessibilità nei percorsi pubblici per le persone con disabilità visiva L'ACCESSIBILITÀ E IL DIRITTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Origini del Museo LORETTA SECCHI *

Origini del Museo LORETTA SECCHI * Toccare la pittura. Percezione, cognizione ed interiorizzazione di forma e contenuto, attraverso l educazione estetica dedicata alle persone non vedenti ed ipovedenti LORETTA SECCHI * Origini del Museo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BOBBIO CAPOLUOGO (PC) PIAZZA S. COLOMBANO, 5 29022 BOBBIO (PC) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Anche un lungo cammino comincia con un piccolo

Dettagli

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate

PREMESSA Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo Ippocrate Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento Dipendenze Patologiche CEDIAL Centro Dipartimentale Multidisciplinare per i Disturbi del Comportamento Alimentare Presidio Ospedaliero E. Albanese Padiglione

Dettagli

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne Lo sviluppo del sé MODULO 14 1. Individualità e identità di genere 2. Lo sviluppo del sé 3. Continuità e discontinuità Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Triennio Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell

Dettagli

AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può

AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può AREA LABORATORIALE N. 1: INTEGRAZIONE /POTENZIAMENTO: Insieme...si può DENOMINAZIONE PROGETTO n. 2 Pianeta Dislessia COORDINATORI: Pina Mulas, Germana Ventura. GRUPPO DI PROGETTO: Mulas, Ventura, Maiore.

Dettagli