DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) PIANO DI EFFICIENTAMENTO DEGLI EDIFICI PUBBLICI ( ) COMUNE DI MILANO CONTENUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) PIANO DI EFFICIENTAMENTO DEGLI EDIFICI PUBBLICI (2012-2013) COMUNE DI MILANO CONTENUTI"

Transcript

1 DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) PIANO DI EFFICIENTAMENTO DEGLI EDIFICI PUBBLICI ( ) COMUNE DI MILANO CONTENUTI A. Descrizione generale delle attività progettuali B. Applicazione della metodologia di baseline e monitoraggio C. Durata del progetto / crediting period D. Impatti ambientali E. Commenti degli stakeholders Allegati Allegato 1: Contatti relativi ai partecipanti al progetto Allegato 2: Informazioni riguardanti le risorse economiche destinate al progetto Allegato 3: Informazioni sulla baseline Allegato 4: Informazioni sul monitoraggio

2 SEZIONE A Descrizione generale delle attività progettuali A.1. Titolo del progetto: Piano di efficientamento degli edifici pubblici ( ) VER 2 del 13/5/2013 A.2. Descrizione del progetto: Il progetto consiste nella riqualificazione energetica di 38 edifici pubblici. Si tratta del progetto pilota del Piano di efficientamento degli edifici pubblici di proprietà comunale, attualmente in fase di predisposizione. Per questo primo elenco di edifici i lavori verranno affidati a una ESCo (Energy Service Company) tramite gara pubblica. La ESCo affidataria dovrà garantire un risparmio energetico complessivo pari almeno al 20% (percentuale calcolata sulla somma dei consumi elettrici e di combustibili) rispetto ai consumi medi degli ultimi anni (ultimi 4 anni per i combustibili, ultimi 2 anni per l energia elettrica). Come spiegato con maggior dettaglio in premessa al punto A.4.2. alla data di redazione del presente documento non sono ancora definiti gli specifici interventi di cui saranno oggetto i singoli edifici (questo in quanto gli interventi verranno proposti dalle ESCo che parteciperanno alla gara, che sono vincolate a garantire un risparmio energetico minimo del 20%. Quindi i progetti definitivi saranno noti all atto dell aggiudicazione e saranno indicati nella proposta della ESCo aggiudicataria). In linea generale saranno possibili i seguenti interventi: - sostituzione della caldaia - sostituzione infissi - capotto termico - isolamento coperture - installazione di pannelli fotovoltaici - installazioni di pannelli solari termici - efficientamento/installazione nuovi impianti di condizionamento - efficientamento illuminazione/sensori presenza etc Il progetto è stato approvato con Delibera di Giunta n.2854 del 28/12/2012 avente ad oggetto Approvazione della fase esecutiva del progetto pilota anno 2012 piano di efficientamento energetico degli edifici pubblici elenco edifici individuati Linee di indirizzo per la successiva stipula di un Protocollo di Intesa tra il Comune di Milano, la provincia di Milano e la società Expo Preliminarmente il Comune aveva aderito a una Convenzione con la Provincia di Milano che gli ha consentito di accedere a un finanziamento della BEI Banca Europea per gli Investimenti (Delibera di Consiglio n.34 del 13/9/2012 avente ad oggetto Approvazione schema di Convenzione fra Provincia di Milano e Comune di Milano relativo al piano di efficientamento energetico degli edifici pubblici ). Il progetto rientra nelle attività che il Comune sta mettendo il campo per ridurre i propri consumi energetici e le proprie emissioni di gas serra e di inquinanti locali. In un ottica più ampia il progetto rientra fra le azioni previste dal Climate Plan del progetto LAIKA e sarà incluso nel Sustainable Energy Action Plan (SEAP), che il Comune sta aggiornando a seguito della conferma della propria adesione al Covenant of Mayors. A.3. Partecipanti al progetto: Comune di Milano (proprietario degli edifici oggetto dell intervento), AMAT (supporto tecnico al Comune di Milano per la selezione degli edifici e le attività istruttorie, incaricata dalla Provincia di Milano per le attività di assessment tecnico del Piano di efficientamento degli Edifici Pubblici ), Provincia di Milano (ente appaltante), ESCo affidataria (esecutore dei lavori e gestore per l intero periodo della concessione per l efficientamento, la gestione dei servizi di calore ed energia per l uso degli edifici, comprensivi della manutenzione ordinaria e straordinaria e delle attività ad essa affini). La Provincia è coinvolta in quanto l accesso al finanziamento BEI avviene nell ambito di un progetto denominato Progetto Pilota Covenant of Mayors. Con tale progetto la Provincia ha acceso una linea di finanziamento con la BEI con la quale vengono finanziati interventi di efficienza energetica su edifici pubblici di Comuni della Provincia

3 (purchè aderenti al Covenant of Mayors), a condizione, che gli interventi vengano affidati a Società di Servizi Energetici (ESCo) con meccanismo di finanziamento tramite terzi. Le attività che la Provincia svolge nell'ambito del presente progetto (supporto all'ente nella predisposizione dei documenti di gara, garante dei rapporti con la BEI etc) sono finanziate con fondi europei. A.4. Descrizione tecnica delle attività progettuali: Le attività progettuali consistono nell effettuazione di interventi di riqualificazione energetica su 38 edifici pubblici. Come precisato al punto A.2 gli interventi che verranno effettivamente realizzati non sono al momento noti e saranno quelli indicati nella proposta della ESCo affidataria. In linea generale saranno possibili i seguenti interventi: - sostituzione della caldaia - sostituzione infissi - capotto termico - isolamento coperture - installazione di pannelli fotovoltaici - installazionedi pannelli solari termici - efficientamento/installazione nuovi impianti di condizionamento - efficientamento illuminazione/sensori presenza etc Al fine di definire correttamente il disciplinare di gara e di calibrare le richieste in esso contenute, il Comune ha effettuato audit energetici approfonditi che hanno consentito di elaborare diversi scenari di intervento. Ciascun scenario prevede un mix di interventi per ciascun edificio con relativa valutazione in termini di costi, risparmio energetico, risparmio economico, riduzione delle emissioni di CO 2, tempo di ritorno dell'investimento. Sono stati identificati tre scenari alternativi, che garantiscono una riduzione delle emissioni notevolmente superiore al 20% con tempi di ritorno congrui. In fase di gara alcuni degli interventi identificati nei suddetti scenari saranno indicati come obbligatori ( i fine vita e alcuni interventi particolarmente onerosi), mentre sarà compito delle ESCo concorrenti presentare proposte progettuali che definiscano gli interventi aggiuntivi che intendono fare per garantire un risparmio energetico minimo del 20%. Gli esiti degli audit e la lista degli interventi obbligatori non possono essere indicati, né allegati al presente PDD, in quanto ciò comporterebbe la diffusione di informazioni relative a una procedura di gara non ancora aperta,con possibili problemi legali. Si è ritenuto tuttavia opportuno citare quanto sopra, in quanto tramite tali analisi il Comune ha potuto verificare la fattibilità tecnico economica di un mix di interventi che garantisca un risparmio energetico superiore al 20%. A.4.1. Localizzazione del progetto: A Regione/Comune: Milano A Informazioni dettagliate della localizzazione fisica, incluse le informazioni che consentano l identificazione univoca del progetto: Il progetto interesserà i seguenti edifici

4 n edificio Indirizzo destinazione d'uso 1 via Giusti 15 (S.S. Trinità ) Elementare/media 2 S.S. Trinità Materna/micronido 3 Lovere 4 Media 4 Console marcello, 9 Elementare 4 Console marcello, 9 Palestra 5 Console marcello, 9 (Via Grugnola) Biblioteca rionale 6 Via S.Uguzzone, 10 Elementare - Nido 7 Via S.Uguzzone, 8 Univ. Sport della Mente 8 Brunacci 8 Materna 9 Brunacci 2 Palestra 10 Brunacci 2 Elementare 11 P.za Santa Maria Nascente Elementare 12 Monte Baldo 11 Elementare 13 Monte Baldo 15 Nido 14 Watt 39 Materna 15 Da Baggio 56 Nido - Tempo Famiglie 16 Via Capuana, 8 Materna 17 Via Castellino da Castello, 10 Materna 18 Via Castellino da Castello, 10 Elementare 19 Via Castellino da Castello, 10 Piscina e serra 20 Via Scialoia, 19 Elementare - palestra 21 Via Scialoia, 21 Media - palestra 22 Fontanili 36 Heine 2 Media - palestra 23 Via Martinengo, 34/2 Scuola Materna 24 Via Martinengo, 36 Scuola Elementare 25 Via Martinengo, 34/6 Scuola Media Inferiore 26 Via Anemoni, 8/10 Sc. Media inferiore e palestra 26 Via Anemoni, 8/10 Asilo Nido 27 Via Anemoni, 8/10 Elementare - Palestra 27 Via Anemoni, 8/10 Uffici VV.U. 28 Via Anemoni, 4 Materna 29 via Viterbo 31 Elementare - Palestra 30 via Cesari 38 Elementare - Palestra 31 via Cesari 42 Materna 32 Via F.lli Grimm, 11 Scuola Materna 33 Via G. da Bussero, 9 Scuola Elementare 34 Via S. Giacomo 1 Scuola Materna 35 Via S. Giacomo 3 Scuola Elementare 36 Via Stoppani 1-3 Scuola Materna Elementare - Palestra 37 Via Palmieri 24/26 Scuola Elementare - Media - palestre 38 Via Bodio 22 Scuola Elementare

5 Nota: la lista sopra riportata non corrisponde totalmente con la lista riportata nella Delibera di Giunta n.2854 del 28/12/2012, in quanto a seguito di sopralluogo per motivi tecnici l Amministrazione Comunale ha ritenuto di escludere alcuni degli edifici inizialmente identificata per dare la priorità ad altri edifici. A.4.2. Tipo, categoria/e e tecnologie/misure di progetto: Premessa La procedura è strutturata come di seguito descritto. Il Comune di Milano ha effettuato audit energetici approfonditi al fine di definire correttamente le richieste che verranno inserite nel bando di gara rivolto alle ESCo. Tali audit hanno consentito di elaborare diversi scenari di intervento. Ciascun scenario prevede un mix di interventi per ciascun edificio con relativa valutazione in termini di costi, risparmio energetico, risparmio economico, riduzione delle emissioni di CO2, tempo di ritorno dell'investimento. Sono stati identificati tre scenari alternativi che garantiscono una riduzione delle emissioni di CO2 notevolmente superiore al 20%, con tempi di ritorno congrui. In fase di gara alcuni degli interventi identificati nei suddetti scenari saranno indicati come obbligatori, mentre sarà compito delle ESCo concorrenti presentare proposte progettuali che definiscano gli interventi aggiuntivi che intendono fare per garantire un risparmio energetico minimo del 20%. Gli esiti degli audit e la lista degli interventi obbligatori non possono essere indicati, né allegati al presente PDD, in quanto ciò comporterebbe la diffusione di informazioni relative a una procedura di gara non ancora aperta,con possibili problemi legali. Si è ritenuto tuttavia opportuno citare quanto sopra, in quanto tramite tali analisi il Comune ha potuto verificare la fattibilità tecnico economica di un mix di interventi che garantisca un risparmio energetico superiore al 20%.

6 La tempistica è al momento così definita: - entro fine agosto 2013: avvio della procedura di gara - indicativamente fine novembre 2013: termine per la presentazione delle offerte -entro dicembre 2013: aggiudicazione provvisoria -entro marzo 2014: aggiudicazione definitiva e stipula contratto fra il Comune di Milano e la ESCo aggiudicataria -entro fine agosto 2014: termine lavori e collaudo Quindi, al fine di rispettare le tempistiche del LAIKA, si è deciso di procedere come descritto nel seguito. Nella presente versione del PDD la stima delle riduzioni dei consumi energetici ed elettrici e delle conseguenti riduzioni delle emissioni è stata effettuata nel seguente modo: -sono stati calcolati i valori medi storici dei consumi elettrici e termici destagionalizzati (sulla base dei gradi giorno) degli ultimi anni (2010 e 2011 per l energia elettrica e riferiti alle stagioni di riscaldamento , , , per i combustibili -la scelta degli anni è legata alla attuale disponibilità delle serie storiche di dati. ) - a tali valori medi sono state sottratte le riduzioni dei consumi dovute alla sostituzione degli impianti termici a fine vita (questi interventi rientrano fra quelli che in gara saranno indicati come obbligatori) -La baseline è stata definita moltiplicando i valori di consumo così ottenuti per i relativi fattori di emissione della CO2 -Le emissioni di progetto sono state calcolate considerando una riduzione del 20% (risparmio minimo che deve essere garantito dalla ESCO sul complesso dei consumi finali elettrici e termici)) dei consumi medi storici (destagionalizzati per gli usi termici) e moltiplicando i valori così ottenuti per i relativi fattori di emissione Una descrizione dettagliata dei conti è contenuta nella sezione B e nel file Excel allegato ( calcolo_riduzioni_edi_pub_milano_rev2 Allegato 3 punto 5) A seguito di aggiudicazione verrà prodotta una nuova versione del PDD, nella quale sarà riportata la stima della riduzione delle emissioni conseguente agli interventi riportati nella proposta della ESCo aggiudicataria, interventi che verranno successivamente effettivamente realizzati. Dal computo delle riduzioni verranno escluse le riduzioni connesse alla produzione di energia elettrica da fotovoltaico, qualora (opzione pressoché certa) si acceda al conto energia. Tipo, categoria/e e tecnologie/misure di progetto Come precisato in premessa la lista definitiva delle misure sarà quella indicata nell offerta della ESCo affidataria. In linea generale saranno possibili i seguenti interventi: - sostituzione della caldaia - sostituzione infissi - capotto termico - isolamento coperture - installazione di pannelli fotovoltaici - installazioni di pannelli solari termici - efficientamento/installazione nuovi impianti di condizionamento - efficientamento illuminazione/sensori presenza etc Categoria di riferimento: AMS IIE Energy efficiency and fuel switching measures for buildings --- Version 10.0

7 A.4.3. Quantità di riduzioni di emissioni stimate per il crediting period scelto: Rif excel: foglio tabella_sintesi Il valore è stato calcolato come indicato al paragrafo A4.2, in quanto al momento non sono noti i singoli interventi. Questo valore potrà essere aggiornato a seguito dell aggiudicazione della gara, come precisato in premessa al punto A.4.2 A.4.4. Fondi pubblici a sostegno del progetto: Fondi Bei a tasso agevolato per il 75% dell importo complessivo (importo che sarà noto al termine della Gara). Il restante 25% dell importo verrà fornito dal Comune di Milano. Parte dei crediti potrà essere acquistata dalla Società Expo per un importo massimo pari il 25% dell importo complessivo dei lavori. In assenza del contributo della Società Expo sarà l'esco aggiudicataria a dover reperire il restante 25%. Per i dettagli relativi al finanziamento BEI si veda l Allegato 2 A.5. Contributo del progetto al raggiungimento degli obiettivi di riduzione definiti nel Piano Clima/Piano settoriale La misura contribuisce al raggiungimento dell obiettivo di riduzione del Climate Plan sviluppato nell ambito del progetto LAIKA, per una percentuale pari allo 0,44% dell obiettivo. In altri termini con questa azione si copre lo 0.44% dell obiettivo, che consiste nella riduzione al 2020 del 20% delle emissioni di CO2 sull intero territorio comunale (anno di riferimento 2005). Rispetto alla emissioni di CO2 al 2005 sull intero territorio comunale la misura comporta una riduzione di circa lo 0.9.

8 SEZIONE B Applicazione della metodologia di baseline e monitoraggio B.1.Titolo e riferimenti della metodologia di baseline e monitoraggio utilizzata per il progetto: AMS IIE Energy efficiency and fuel switching measures for buildings --- Version 10.0 In linea generale saranno possibili i seguenti interventi: - sostituzione della caldaia - sostituzione infissi - capotto termico - isolamento coperture - installazione di pannelli fotovoltaici - installazioni di pannelli solari termici - efficientamento/installazione nuovi impianti di condizionamento - efficientamento illuminazione/sensori presenza etc B.2. Categoria di progetto: en. rinnovabile, rifiuti, trasporti In linea generale saranno possibili i seguenti interventi: - sostituzione della caldaia - sostituzione infissi - capotto termico - isolamento coperture - installazione di pannelli fotovoltaici - installazioni di pannelli solari termici - efficientamento/installazione nuovi impianti di condizionamento - efficientamento illuminazione/sensori presenza etc Di conseguenza le categorie potranno variare da caso a caso e potranno riguardare principalmente: -fonti rinnovabili -edilizia (interventi sull involucro e sugli impianti) -domanda di energia (ad esempio sensori di presenza per l illuminazione e altri sistemi di regolazione automatizzata delle utenze termiche ed elettriche) B.3 Descrizione dei confini del progetto: Si vedano i punti A.4.1.1, A B.4 Descrizione della baseline e della sua evoluzione: La baseline è stata calcolata sulla base dei consumi di energia elettrica e combustibili (media degli ultimi due anni per gli usi elettrici, delle ultime 4 stagioni di riscaldamento per gli usi termici). In sintesi sono disponibili i seguenti dati (riportati integralmente in allegato 3): - consumi di energia elettrica anni 2010 e 2011

9 - consumi di combustibile (metano o gasolio a seconda dei casi): stagioni di riscaldamento , , e Per l energia elettrica la baseline è stata considerata costante per l intero crediting period ed è stata calcolata moltiplicando i valori medi dei consumi elettrici di ciascun edifico per il fattore di emissione dell energia concordato nell ambito del progetto LAIKA, cioè utilizzando la seguenti formule: Eel baseline i = C el i*f.e.el / Eel baseline = Dove: Eel i 1 baseline i Eel baseline i= emissioni annue di CO2 (stima baseline) dell edificio i connesse agli usi finali elettrici espresse in ton CO2 C el i=valore medio annuo dei consumi di energia elettrica dell edificio i (media anni ) espressa in KWh F.e.el= fattore di emissione dell energia elettrica Kg CO2/Kwh Eel baseline= emissioni annue complessive (somma dei 38 edifici) connesse agli usi finali elettrici (ton CO2). Per i consumi termici la baseline è stata considerata costante per l intero crediting period ed è stata calcolata secondo la seguente procedura: - è stata calcolata la media dei consumi di combustibile relativi alle ultime quattro stagioni di riscaldamento, destagionalizzati sulla base dei gradigiorno calcolati rispetto ai 20 C. -Per i soli edifici per i quali verrà posto in obbligo alla ESCo aggiudicataria di provvedere alla sostituzione degli impianti termici a fine vita, al valore medio dei consumi destagionalizzati è stato sottratto il risparmio conseguente alla sostituzione della caldaia (il risparmio conseguente alla sostituzione della caldaia è stato calcolato proporzionalmente alla differenza fra i rendimenti dell'impianto nuovo e di quello sostituito).il valore così ottenuto rappresenta i consumi che si avrebbero in assenza del progetto. Si è, infatti, ipotizzato, che alcuni interventi (la sostituzione delle caldaie obsolete) verrebbero effettuati anche in assenza del progetto e il beneficio (in termini di riduzione delle emissioni di CO2) dovuto a tali interventi è stato considerato nella definizione della baseline. -Il valore di baseline dei consumi è stato poi moltiplicato per il fattore di emissione dei relativi combustibili (gasolio o metano a seconda dei casi -fonte Deliberazione del Ministero dell Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico n.14/2009 -Appendice1). Sono state, quindi, utilizzate le seguenti formule. Ccomb_dest i,j= Ccomb i, j*ggstd/ggj C comb_dest i= 41 Ccomb _ dest i, j /4- rid_obbl_caldi j Ecomb baseline i= C comb_dest i* PCcomb*F.e.comb/ Ecomb baseline = Ecomb i 1 i dove: baseline Ccomb_dest i,j= consumo di combustibile destagionalizzato relativo all edificio i, stagione di riscaldamento j(j=1 stag , j=2 stag , j=3 stag , j=4 stag ) GGstd = gradi giorno attribuiti convenzionalmente a Milano ai sensi del DPR 412/93 e s.m.i (valore 2404 c) GGj= gradi giorno effettivi misurati nella stagione di riscaldamento j espressi in C C comb_dest i= valore medio annuo dei consumi di combustibile destagionalizzati per l edificio i (media ultime 4 stagioni di riscaldamento) espresso in mc per il metano e litri per il gasolio

10 rid_obbl_cald i = riduzione annua dei consumi dovuta a sostituzione della caldaia a fine vita nell'edificio i (espresso in mc per il metano e litri per il gasolio) Ecomb baseline i = emissioni annue di CO2 (stima baseline) dell edificio i connesse agli usi finali termici espresse in ton CO2 PC comb= potere calorifico del combustibile espresso in GJ/1000 std mc se metano e in GJ/ton se gasolio (fonte Deliberazione del Ministero dell Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico n.14/2009 -Appendice1, per il gasolio si è considerata una densità pari a 0.85 kg/l) F.e.comb = fattore si emissione del combustibile (fonte Deliberazione del Ministero dell Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico n.14/2009 -Appendice1) espresso in ton/tj Ecomb baseline=emissioni annue complessive di CO2 connesse agli usi termici, espresse in tonnellate Il valore complessivo delle emissioni considerate come baseline è dato dalla somma delle emissioni connesse agli usi elettrici e delle emissioni connesse agli usi termici (gasolio o metano), quindi Etot baseline = Ecomb baseline + Eel baseline Etot baseline= emissioni annue complessive di CO2 (stima baseline), espresse in tonnellate Nelle tabelle sottostanti sono riportati i dati relativi ai valori medi storici dei consumi (destagionalizzati per gli usi termici) e delle emissioni per ciascun impianto, la riduzione delle emissioni dovuta alla sostituzione delle caldaie obsolete e il valore di baseline delle emissioni Non essendo possibile ( per i già citati motivi legati all'impossibilità di diffondere informazioni relative a una procedura di gara non ancora aperta) fornire il dettaglio delle sostituzioni di caldaia a fine vita, i valori relativi alle riduzioni delle emissioni connesse a tali interventi sono stati riportati in una tabella a parte in forma aggregata, così come in forma aggregata è rappresentato il valore annuo delle emissioni di CO2 che va a costituire la baseline. Complessivamente gli interventi a fine vita sono costituiti dalla sostituzione di caldaie da gasolio a metano presso 12 edifici e dalla sostituzione di caldaie già alimentate a metano presso 4 edifici.

11 Consumi elettrici (kwh/a) n Indirizzo destinazione d'uso Bolletta 2011 Bolletta 2012 media consumo (kwh/a) emissioni baseline (ton CO2/a) 1 via Giusti 15 (S.S. Trinità ) Elementare/media S.S. Trinità Materna/micronido Lovere 4 Media Console marcello, 9 Elementare 4 Console marcello, 9 Palestra Console marcello, 9 (Via Grugnola) Biblioteca rionale Via S.Uguzzone, 10 Elementare - Nido Via S.Uguzzone, 8 Univ. Sport della Mente non intestato al Comune 8 Brunacci 8 Materna 9 Brunacci 2 Palestra Brunacci 2 Elementare P.za Santa Maria Nascente Elementare Monte Baldo 11 Elementare Monte Baldo 15 Nido Watt 39 Materna Da Baggio 56 Nido - Tempo Famiglie Via Capuana, 8 Materna Via Castellino da Castello, 10 Materna 18 Via Castellino da Castello, 10 Elementare Via Castellino da Castello, 10 Piscina e serra 20 Via Scialoia, 19 Elementare - palestra Via Scialoia, 21 Media - palestra Fontanili 36 Heine 2 Media - palestra Via Martinengo, 34/2 Scuola Materna Via Martinengo, 36 Scuola Elementare Via Martinengo, 34/6 Scuola Media Inferiore Via Anemoni, 8/10 Sc. Media inferiore e palestra Via Anemoni, 8/10 Asilo Nido 27 Via Anemoni, 8/10 Elementare - Palestra Via Anemoni, 8/10 Uffici VV.U. 28 Via Anemoni, 4 Materna via Viterbo 31 Elementare - Palestra via Cesari 38 Elementare - Palestra via Cesari 42 Materna Via F.lli Grimm, 11 Scuola Materna Via G. da Bussero, 9 Scuola Elementare Via S. Giacomo 1 Scuola Materna Via S. Giacomo 3 Scuola Elementare Via Stoppani 1-3 Scuola Materna Elementare - Palestra Via Palmieri 24/26 Scuola Elementare - Media - palestre Via Bodio 22 Scuola Elementare TOTALE Tabella 1: stima baseline emissioni connesse a usi finali elettrici Rif excel: foglio calcoli_elettricità

12 Consumo combustibile (m3 Metano- lt Gasolio) consumo destagionalizzato (m3 metano lt gasolio) n Indirizzo destinazione d'uso Combustibile media media storica emissioni (ton CO2) via Giusti 15 (S.S. Trinità ) Elementare/media METANO S.S. Trinità Materna/micronido Lovere 4 Media METANO Console marcello, 9 Elementare 4 Console marcello, 9 Palestra GASOLIO Console marcello, 9 (Via Grugnola) Biblioteca rionale Via S.Uguzzone, 10 Elementare - Nido METANO Via S.Uguzzone, 8 Univ. Sport della Mente METANO Brunacci 8 Materna GASOLIO Brunacci 2 Palestra GASOLIO Brunacci 2 Elementare P.za Santa Maria Nascente Elementare GASOLIO Monte Baldo 11 Elementare Monte Baldo 15 Nido GASOLIO Watt 39 Materna GASOLIO Da Baggio 56 Nido - Tempo Famiglie GASOLIO Via Capuana, 8 Materna GASOLIO Via Castellino da Castello, 10 Materna 18 Via Castellino da Castello, 10 Elementare METANO Via Castellino da Castello, 10 Piscina e serra Via Scialoia, 19 Elementare - palestra METANO Via Scialoia, 21 Media - palestra Fontanili 36 Heine 2 Media - palestra METANO Via Martinengo, 34/2 Scuola Materna 24 Via Martinengo, 36 Scuola Elementare METANO Via Martinengo, 34/6 Scuola Media Inferiore Via Anemoni, 8/10 Sc. Media inferiore e palestra 26 Via Anemoni, 8/10 Asilo Nido 27 Via Anemoni, 8/10 Elementare - Palestra METANO Via Anemoni, 8/10 Uffici VV.U. 28 Via Anemoni, 4 Materna via Viterbo 31 Elementare - Palestra GASOLIO via Cesari 38 Elementare - Palestra GASOLIO via Cesari 42 Materna Via F.lli Grimm, 11 Scuola Materna GASOLIO Via G. da Bussero, 9 Scuola Elementare Via S. Giacomo 1 Scuola Materna GASOLIO Via S. Giacomo 3 Scuola Elementare Via Stoppani 1-3 Scuola Materna Elementare - Palestra METANO Via Palmieri 24/26 Scuola Elementare - Media - palestremetano Via Bodio 22 Scuola Elementare METANO TOTALE Tabella 2: Stima baseline -valori medi storici emissioni connesse a usi termici Rif excel: foglio calcolo_combus Riduzione delle emissioni per sostituzione caldaie obsolete kwh/anno ton co2/anno da gasolio a metano da metano a metano Tabella 3:Stima baseline - riduzione delle emissioni per sostituzione caldaie a fine vita Rif excel: foglio correzione baseline

13 Stima baseline quadro di sintesi media valori storici emissioni usi elettrici Ton CO2/anno media valori storici emissioni usi termici destagionalizzati Ton CO2/anno riduzione per sostituzione caldaie obsolete Ton CO2/anno Emissioni di baseline Ton CO2/anno Tabella 4:Stima baseline Quadro di sintesi Rif excel: foglio correzione baseline B.5 Descrizione di come le emissioni antropogeniche di GHG dalle fonti sono ridotte ad un livello minore rispetto a quelle che sarebbero state prodotte in assenza del progetto (valutazione e dimostrazione dell addizionalità): Il progetto soddisfa i requisiti di surplus legislativo, in quanto non viene realizzato in adempimento a obblighi normativi e soddisfa il requisito di superamento del vincolo istituzionale, in quanto la riqualificazione energetica di tanti edifici in un solo anno costituisce un impegno dal punto di vista organizzativo. L affidamento a Società di Servizi Energetici, inoltre, costituisce un attività nuova per il Comune di Milano, che comporta sforzi sia per la predisposizione dei documenti di gara che per la gestione della stessa e per le fasi successive di stipula del contratto, realizzazione degli interventi e gestione dei rapporti con la ESCo per la durata del contratto. B.6 Riduzione delle emissioni: B.6.1 Spiegazione delle scelte metodologiche: Come precisato in premessa per il calcolo delle emissioni di progetto (emissioni di CO2 a seguito della realizzazione degli interventi di progetto), per questa prima versione del documento si è deciso di considerare una riduzione dei consumi pari al 20% rispetto alla media storica dei consumi Si è adottato il valore forfettario del 20% in quanto 20% è il minimo valore di risparmio energetico che verrà richiesto nel bando per l aggiudicazione dell appalto e in quanto gli interventi che verranno effettivamente realizzati non sono al momento noti e saranno quelli indicati nell offerta della ESCo aggiudicataria. A seguito di aggiudicazione verrà prodotta una versione aggiornata del presente PDD che terrà in considerazione i singoli interventi previsti. Le emissioni di progetto (cioè a seguito della realizzazione degli interventi di riqualificazione) sono state considerate costanti per l intero crediting period e calcolate medianti le seguenti formule: Cel prog, i = C el, i* (1-0.2) Eel prog, i = Cel prog, i* F.e.el /10 3 Ccomb prog, i= C comb dest, i*(1-0.2) Ecomb prog, i= C comb prog, i* F.e.comb/10 6 E tot el prog = 38 i 1 Eelprog 38 E tot comb prog= 1 i Etot prog = E tot el prog+ E tot comb prog i i Ecombprog

14 dove: Cel prog, i= stima del valore di progetto dei consumi annui di energia elettrica dell edificio i espressi in kwh C el i=valore medio annuo dei consumi di energia elettrica dell edificio i (media anni ) espressa in KWh Eel prog, i= stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 dell edificio i dovute agli usi finali elettrici espresse in tonnellate F.e.el= fattore di emissione dell energia elettrica Kg CO2/Kwh Ccomb prog, i= stima del valore di progetto dei consumi annui destagionalizzati di combustibile per l edificio i espressi in mc per il metano e in litri per il gasolio C comb_dest i= valore medio annuo dei consumi di combustibile destagionalizzati per l edificio i (media ultime 4 stagioni di riscaldamento) espresso in mc per il metano e litri per il gasolio Ecomb prog, i= stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 per l edificio i connesse agli usi termici espresse in tonnellate F.e.comb = fattore si emissione del combustibile (fonte Deliberazione del Ministero dell Ambiente e del Ministero dello Sviluppo Economico n.14/2009 -Appendice1) espresso in ton/tj Etot el prog = stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 dovute agli usi finali elettrici complessiva per i 38 edifici espressa in tonnellate Etot comb prog= stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 connesse agli usi termici complessiva per i 38 edifici espressa in tonnellate B.6.2. Dati e parametri disponibili al momento della validazione: Dato / Parametro: Consumo di energia elettrica Unità di Misura: Kwh Descrizione: Consumo annuo di energia elettrica di ciascun edificio (anni ) Fonte del dato: Valore fatturato da A2A (corrispondente a consumo effettivo in quanto le utenze sono dotate di contatore elettronico con dispositivo di telelettura) Valore del dato: si veda allegato 3 Giustificazione del dato Si tratta del dato storico dei consumi rispetto al quale calcolare la riduzione dei consumi scelto o descrizione dei dovuta al progetto metodi e delle procedure applicate: Eventuali commenti: Dato / Parametro: Consumo di gasolio

15 Unità di Misura: l (litro) Descrizione: Consumo di gasolio di ciascun edifico (per gli edifici con impianto a gasolio) relativo a una stagione di riscaldamento (15 ottobre 15 aprile dato disponibile per le stagioni , , e ) Fonte del dato: Valore fornito al Comune di Milano da A2A, cui è affidato il Servizio Integrato Energia, con il quale il Comune ha affidato ad A2A il servizio per il periodo 15 aprile aprile Il servizio comprende la fornitura di calore, nonché la gestione e manutenzione degli impianti Valore del dato: si veda allegato 3 Giustificazione del dato Si tratta del dato storico dei consumi rispetto al quale calcolare la riduzione dei consumi scelto o descrizione dei ottenuta grazie al progetto metodi e delle procedure applicate: Eventuali commenti: Dato / Parametro: Consumo di metano Unità di Misura: m3 Descrizione: Consumo di metano di ciascun edifico (per gli edifici con impianto a metano) relativo a una stagione di riscaldamento (15 ottobre 15 aprile dato disponibile per le stagioni , , e ) Fonte del dato: Valore comunicato dal Comune e fornito da A2A cui è affidato il Servizio Integrato Energia Valore del dato: si veda allegato 3 Giustificazione del dato Si tratta del dato storico dei consumi rispetto al quale calcolare la riduzione dei consumi scelto o descrizione dei dovuta al progetto metodi e delle procedure applicate Eventuali commenti: Dato / Parametro: Unità di Misura: Descrizione: Fonte del dato: Valore del dato: 20% Giustificazione del dato scelto o descrizione dei metodi e delle procedure applicate Eventuali commenti: riduzione delle emissioni in termini relativi nessuna numero puro (espresso per chiarezza in termini percentuali) Si tratta del valore minimo di riduzione dei consumi complessivi di energia elettrica e calore che verrà posto base di gara e che la ESCo affidataria sarà tenuta a raggiungere (è presumibile che tale valore sarà superato) Comune di Milano Dato / Parametro: gradi giorno Unità di Misura: C Descrizione: Gradi giorno (calcolati rispetto ai 20 C, riferiti alle stagioni di riscaldamento da a ) Fonte del dato: Comune di Milano Valore del dato: si veda tabella Giustificazione del dato Per il calcolo dei gradi giorno sono stati utilizzati i valori orari di temperatura misurati scelto o descrizione dei dalle stazioni meteo presenti sul territorio di Milano (escludendo la stazione presente metodi e delle procedure all interno del Parco Lambro, in quanto collocata in un area non edificata) applicate Eventuali commenti:

16 Gradi giorno Stagione di riscaldamento B.6.3 Calcolo delle riduzioni di emissioni ex-ante: Le riduzioni annue sono state calcolate mediante le seguenti formule e sono costanti per l intero crediting period E rid,i=eel baseline,i + Ecomb baseline i- Eel prog i- ecmb prog i 38 E rid tot = i 1 Erid i E rid,i= stima della riduzione annua delle emissioni di CO2 per l edificio i espressa in tonnellate Eel baseline i= emissioni annue di CO2 (stima baseline) dell edificio i connesse agli usi finali elettrici espresse in ton CO2 Ecomb baseline i= emissioni annue di CO2 (stima baseline) dell edificio i connesse agli usi finali termici espresse in ton CO2 Eel prog, i= stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 dell edificio i dovute agli usi finali elettrici espresse in tonnellate Ecomb prog, i= stima del valore di progetto delle emissioni annue di CO2 per l edificio i connesse agli usi termici espresse in tonnellate E rid tot= stima della riduzione annua delle emissioni di CO2 complessiva per i 38 edifici espressa in tonnellate Stima baseline quadro di sintesi media valori storici emissioni usi elettrici Ton CO2/anno media valori storici emissioni usi termici destagionalizzati Ton CO2/anno riduzione per sostituzione caldaie obsolete Ton CO2/anno Emissioni di baseline Ton CO2/anno Tab.5 valori stimanti ex ante della riduzione annua delle emissioni di CO2 Rif excel: tabella sintesi

17 B.6.4 Riassunto delle riduzioni di emissioni ex-ante: Rif excel: tabella_sintesi B.7 Applicazione di una metodologia di monitoraggio e descrizione del piano di monitoraggio: Ai fini del monitoraggio verranno presi in considerazione i consumi misurati, elettrici e di combustibile degli edifici per l intero crediting period. Il calcolo delle emissioni di progetto verrà effettuato sulla base dei consumi registrati di energia elettrica e di combustibile, questi ultimi destagionalizzati, applicando i rispettivi fattori di emissione. La riduzione delle emissioni sarà quindi pari alla differenza fra il valore di baseline delle emissioni e il valore delle emissioni di progetto calcolato sulla base dei consumi effettivamente registrati. Dal calcolo delle riduzioni verrà inoltra esclusa la produzione di energia da fotovoltaico, in quanto si tratterà sicuramente di impianti allacciati alla rete. Verrà inoltre effettuata una verifica degli interventi effettivamente eseguiti e ne verrà richiesta una descrizione dettagliata, ivi inclusi i documenti relativi al collaudo. Per ulteriori informazioni rispetto al monitoraggio, si vedano i paragrafi B.7.1, B.7.2 B.7.1 Dati e parametri monitorati: Dato / Parametro: Unità di Misura: Descrizione: Fonte del dato: Valore del dato: Giustificazione del dato scelto o descrizione dei metodi e delle procedure applicate: Consumo di energia elettrica Kwh Consumo annuo di energia elettrica di ciascun edificio valore misurato dal contatore e comunicato al Comune dalla ESCo affidataria Si tratta del dato sulla base del quale si calcolano le emissioni effettive di progetto Eventuali commenti: Dato / Parametro: Consumo di metano

18 Unità di Misura: Descrizione: Fonte del dato: Valore del dato: Giustificazione del dato scelto o descrizione dei metodi e delle procedure applicate Eventuali commenti: m3 Consumo annuo di metano di ciascun edificio valore misurato dal contatore e comunicato al Comune dalla ESCo affidataria Si tratta del dato sulla base del quale si calcolano le emissioni effettive di progetto A seguito degli interventi di riqualificazione tutti gli edifici ristrutturati nell ambito del progetto saranno dotati di impianti a metano. Si utilizza il valore di consumo riferito all anno solare, e non relativo alla stagione di riscaldamento, in modo da avere dati relativi ai consumi elettrici e termici riferiti allo stesso periodo (anno solare). Ciò non costituisce un problema rispetto al confronto con la baseline (per la quale i dati erano disponibili con riferimento alla stagione di riscaldamento) in quanto tali dati sono stati destagionalizzati e riferiti al valore standard dei gradi giorno di Milano (rif DPR 412/93 e s.m.i), così come verranno destagionalizzati i valori di consumo misurati. Dato / Parametro: gradi giorno Unità di Misura: C Descrizione: Gradi giorno calcolati su basse annua per tutti gli anni del crediting period ( ) Fonte del dato: Comune di Milano Valore del dato: Giustificazione del dato Per il calcolo dei gradi giorno verranno utilizzati i valori orari di temperatura misurati scelto o descrizione dei dalle stazioni meteo presenti sul territorio di Milano (escludendo la stazione presente metodi e delle procedure all interno del Parco Lambro, in quanto collocata in un area non edificata) applicate Eventuali commenti: B.7.2 Descrizione del Piano di Monitoraggio: Il Piano di Monitoraggio sarà strutturato come di seguito descritto. ll referente per la trasmissione dei dati è l Ing. Caterina Padovani - Responsabile Servizio Energia Sviluppo Sostenibile - Comune di Milano. A seguito dell'effettuazione dei lavori la ESCo aggiudicataria, nella persona del suo Rappresentante Legale o di un suo delegato (nominato mediante atto ufficiale) dovrà trasmettere al referente del Comune (nel seguito Comune) i documenti attestanti la corretta esecuzione dei lavori e la rispondenza degli stessi a quanto indicato nel progetto. La ESCo dovrà quindi consegnare per ciascun edificio in copia autentica: dichiarazione di fine lavori certificato di collaudo certificato di conformità degli impianti libretto di impianto per le caldaie tutti gli ulteriori documenti (certificato prevenzione incendi etc) che attestino che le opere eseguite rispondono a tutti i requisiti di legge e sono state effettuate a regola d'arte Sarà facoltà del Comune effettuare sopralluoghi in qualsiasi momento (sia nel corso dei lavori che successivamente per l'intera durata del Contratto che lega il Comune alla ESCo). La ESCo (sempre nella persona del suo Rappresentante Legale o suo delegato) sarà, inoltre, tenuta a compilare e trasmettere al Comune un report, su base quadrimestrale, riportante per ciascun edificio le seguenti informazioni: codice identificativo edificio quadrimestre di riferimento (ad esempio 1/1/ /4/2015) consumo di gas misurato al contatore relativo al quadrimestre di riferimento consumo di elettricità misurato al contatore relativo al quadrimestre di riferimento dati relativi all'utilizzo dell'edificio e degli impianti (orari di funzionamento, eventuali interruzioni del

19 servizio, eventuali nuove utenze elettriche di entità significativa allacciate) significative variazioni nelle modalità di utilizzo dell'edificio (ad esempio distacco dall'impianto termico di eventuali parti dell'edificio non utilizzate, incremento dell'orario di funzionamento impianti per attività nei giorni festivi etc) eventuali interventi di riparazione effettuati sull'edificio e sugli impianti Al termine di ciascun anno la ESCo (sempre nella persona del suo Rappresentante Legale o suo delegato), unitamente al report quadrimestrale, dovrà inoltre fornire: documentazione relativa all'avvenuta manutenzione degli impianti certificato di taratura degli strumenti utilizzati (contatori di gas ed energia elettrica). E' richiesto che la taratura degli strumenti venga effettuata con cadenza annuale, fatta salva l eventuale maggior frequenza prevista dalle normative vigenti I dati di cui ai punti precedenti potranno essere trasmessi sia in formato cartaceo mediante raccomandata con ricevuta di ritorno, sia in formato digitale mediante posta elettronica certificata. La ESCo sarà tenuto a conservare i documenti in versione originale e una copia in formato digitale per un periodo della durata di dieci anni dal termine del Contratto con il Comune. I dati relativi ai consumi dovranno essere firmati dall'operatore che effettua il rilievo e dal Dirigente Responsabile (identificato con atto di nomina per questo specifico progetto). Non verranno considerati validi documenti e dichiarazioni che non riportino la sigla (per approvazione) o la firma per esteso (nel caso di documenti redatti ad hoc) del Dirigente Responsabile. I report quadrimestrali e la documentazione da trasmettere con cadenza annuale dovranno pervenire al Comune entro 30 gg naturali consecutivi dal termine del periodo di riferimento. Il Comune è tenuto a tenere traccia di tutte le trasmissioni e di apporvi il relativo numero di protocollo. E' altresì vincolato a mantenere la documentazione ricevuta in versione originale (sia essa cartacea o digitale) e una copia in formato digitale per un periodo di 10 anni dal termine del contratto con la ESCo Sarà facoltà del Comune procedere direttamente al rilievo dei consumi o effettuare verifiche a campione sui dati trasmessi e sulla corretta taratura dei contatori. Al termine di ciascun anno solare, sulla base dei dati ricevuti il Comune procederà alla redazione di un report contenete una sintesi dei dati ricevuti, il calcolo delle emissioni di progetto e il calcolo della riduzione delle emissioni rispetto alla baseline. B.8 Data di completamento della baseline e della metodologia di monitoraggio e nome della persona/e o ente/i responsabile: 9/5/2013 Caterina Padovani - Responsabile Servizio Energia Sviluppo Sostenibile - Comune di Milano

20 SEZIONE C. Durata del progetto / crediting period C.1 Durata del progetto: 12/10/ /12/2026 (limite per la durata della Convenzione con la ESCo affidataria) C.1.1. Starting date del progetto: 12/10/2012 (data di firma della Convenzione fra Comune di Milano e Provincia di Milano) C.1.2. Tempo di vita del progetto: 14 anni (tempo medio oltre il quale potranno rendersi necessari nuovi interventi di riqualificazione) C.2 Crediting period scelto e relative informazioni: C.2.1 Crediting period rinnovabile: no C Data d inizio: C Lunghezza: C.2.2 1/1/ anni Crediting period fisso: C Data d inizio: C Lunghezza:

BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO

BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO REGIONE LOMBARDIA BANDO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO 1 INDICE FINALITA... 3 1. RISORSE FINANZIARIE E

Dettagli

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza Venerdì 23 marzo 2012 IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Relatore: Ing. Maurizio Landolfi Consumi energetici

Dettagli

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO

IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO IL PROGETTO EDIFICI VIRTUOSI PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO PUBBLICO GLOBAL POWER SERVICE Il Consorzio Cev per l attuazione del Progetto EDIFICI VIRTUOSI si avvale del supporto

Dettagli

FORMATO DEL DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) CONTENUTI. Descrizione generale delle attività progettuali

FORMATO DEL DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) CONTENUTI. Descrizione generale delle attività progettuali FORMATO DEL DOCUMENTO DI PROGETTO (DDP) CONTENUTI A.(1) B.(2) C.(3) D.(4) E.(5) Descrizione generale delle attività progettuali Applicazione della metodologia di baseline e monitoraggio Durata del progetto

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia

Un modello di contratto per la garanzia di prestazione. Responsabile Servizio Energia PROGETTO FRESH Un modello di contratto per la garanzia di prestazione energetica (EPC) Ing. Luigi Guerra Responsabile Servizio Energia Progetto Europeo Fresh PROBLEMI GENERALI: Crescita dei costi dell

Dettagli

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 1 Il progetto Il progetto acquisti centralizzati è stato studiato da e-globalservice per offrire ai consorziati del Consorzio

Dettagli

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015

L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 L analisi dei dati energetici come nuova declinazione dell approccio BigData. Piergabriele Andreoli, Modena 24/03/2015 31/03/2015 è una associazione no profit per lo sviluppo energetico sostenibile del

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI)

PROJECT FINANCING SERVIZI ENERGETICI INTEGRATI - COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO (PI) Sommario 1. Canone per attività manutentive e gestionali:...3 1.1. Canone per quota assistenza, gestione e manutenzione impianti di climatizzazione e FER...3 1.2. Canone per quota assistenza, gestione

Dettagli

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013

Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center, Sala Atelier 18 ottobre 2013 Conosciamo meglio i contratti di Servizio Energia, una soluzione per efficientare un immobile a basso impatto economico Workshop Risparmiare energia e ridurre i costi di esercizio A cura di CNA Urban Center,

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/

La certificazione energetica degli edifici. Guida per il cittadino. http://energia.regione.emilia-romagna.it/ La certificazione energetica degli edifici Guida per il cittadino http://energia.regione.emilia-romagna.it/ Testo redatto a cura di: Mariangela Giorgini, Kristian Fabbri Filippo Padoan Ottobre 2014 SOMMARIO

Dettagli

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 ALLEGATO B SCHEDA DESCRITTIVA DELL INTERVENTO PROGETTUALE RELATIVO ALLA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DEI COMUNI FI

Dettagli

BANDO AMBIENTENERGIA 2015

BANDO AMBIENTENERGIA 2015 BANDO AMBIENTENERGIA 2015 Misura Formazione di Energy Manager Livello II Bando per la selezione dei Comuni interessati a beneficiare del servizio Pagina 1 di 8 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 OGGETTO... 5 SOGGETTI

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA di REGGIO EMILIA MODELLO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Quadro di riferimento regionale Piano Energetico Regionale Ai consumi

Dettagli

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente.

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. Luigi Mariani Assessore all Urbanistica e all Edilizia Privata

Dettagli

Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), il / /,

Il/La sottoscritto/a. nato/a a, (prov. ), il / /, Enel Servizio Elettrico Servizio di maggior tutela MODULO PER L INOLTRO DELLA RICHIESTA DI ADESIONE ALLA SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA RISERVATA A COLORO CHE UTILIZZANO POMPE DI CALORE ELETTRICHE COME UNICO

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice certificato xxxxxx Validità 10 anni, salvo quanto previsto nel D.L. 4 giugno 2013, n. 63 art. 6 Riferimenti catastali

Dettagli

Bando 2007. Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi. Raggruppamento di Casorate Sempione Provincia di Varese

Bando 2007. Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi. Raggruppamento di Casorate Sempione Provincia di Varese La ESCo del Sole srl Via Zuretti 47/A 2025 Milano tel. 02 67037 fax 02 6676680 www.laescodelsole.c om Bando 2007 Audit energetico degli edifici di proprietà dei Comuni piccoli e medi Relazione sui risultati

Dettagli

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007

( L.R. 7 ottobre 2002, n. 23 e successive modificazioni ed integrazioni) PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE dal 1 marzo 2007 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSE PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO E DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI IN ATMOSFERA ( L.R. 7 ottobre 2002,

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

MODALITA DI COMPILAZIONE DEL FOGLIO DI RACCOLTA DATI PER LE UTENZE PUBBLICHE

MODALITA DI COMPILAZIONE DEL FOGLIO DI RACCOLTA DATI PER LE UTENZE PUBBLICHE MODALITA DI COMPILAZIONE DEL FOGLIO DI RACCOLTA DATI PER LE UTENZE PUBBLICHE Gennaio 2015 1 Sommario 1 Introduzione...3 2 Edifici Pubblici...3 2.1 Denominazione stabile...3 2.2 Consumi elettrici e lettura

Dettagli

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267

CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 CONVENZIONE EX ART. 30 DEL D. LGS. 18 AGOSTO 2000, N. 267 L'anno 2014, il giorno [ ] del mese di [ ] Tra La Provincia di Padova, C.F. [ ], con sede in Padova, Via., n, rappresentata da [ ], nato il [ ],

Dettagli

DOMANDA D ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO SOLARE TERMICO (G.A.S.T.) PER RESIDENTI DEI COMUNI DELL AREA LEADER MEDIO MOLISE E FORTORE

DOMANDA D ADESIONE AL GRUPPO D ACQUISTO SOLARE TERMICO (G.A.S.T.) PER RESIDENTI DEI COMUNI DELL AREA LEADER MEDIO MOLISE E FORTORE P.S.R. Regione Molise - Misura 4.2 - Azione 4.2.1 Cooperazione interterritoriale e transnazionale - Progetto Territori che fanno la cosa giusta - Fase 2 Sviluppo di interventi per la diffusione della sostenibilità

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Diagnosi Energetica negli edifici scolastici

Diagnosi Energetica negli edifici scolastici Diagnosi Energetica negli edifici scolastici ing. Piergabriele Andreoli Perché una Diagnosi Energetica L Analisi Energetica risulta il primo passo per: l attuazione di politiche di riduzione dei costi

Dettagli

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona

Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio. Ing. Luigi Corona Il contributo di CEV al bilancio dell Ente Socio Ing. Luigi Corona 1 PRODUZIONE DA FONTI RINNOVABILI: PROGETTO 1000 TETTI FOTOVOLTAICI SU 1000 SCUOLE Nel 2008 CEV ha promosso il Progetto 1000 tetti fotovoltaici

Dettagli

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012 Arch. Rovena Xhaferi 16 ottobre 2015 Grosseto Comune di Grosseto La sfida energetica e Il parco immobiliare nazionale Trasporto Industria Edifici Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca,

Dettagli

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA

PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA PIANO DI EFFICIENZA ENERGETICA DEL COMUNE DI PADOVA Ente Locale Promotore Comune di Padova - Settore Ambiente Ufficio Agenda 21 c/o Informambiente via vlacovich 4-35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO FRESH

IL PROGETTO EUROPEO FRESH PROGETTO FRESH PREMIO BEST PRACTICE PATRIMONI PUBBLICI 2015 IL PROGETTO EUROPEO FRESH Strumenti per la riqualificazione energetica del patrimonio di edilizia residenziale sociale esistente EDIFICIO RESIDENZIALE

Dettagli

Protocollo di Intesa tra Comune di Treviso e

Protocollo di Intesa tra Comune di Treviso e CITTÀ DI TREVISO Comune di Treviso - Via Municipio, 16-31100 TREVISO - C.F. 80007310263 P.I. 00486490261 Centralino 0422/6581 - telefax 0422/658201 email: postacertificata@cert.comune.treviso.it ------------------------------------------

Dettagli

ALLEGATO B DOSSIER DI CANDIDATURA ALLA CALL FOR PROPOSAL ENERGIA SOSTENIBILE

ALLEGATO B DOSSIER DI CANDIDATURA ALLA CALL FOR PROPOSAL ENERGIA SOSTENIBILE 27/08/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 69 Pag. 131 di 273 ALLEGATO B DOSSIER DI CANDIDATURA ALLA CALL FOR PROPOSAL ENERGIA SOSTENIBILE (Ciascun destinatario potrà presentare un Dossier

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

1.125 ENTI UNITI INCEV PER

1.125 ENTI UNITI INCEV PER 1.125 ENTI UNITI INCEV PER AFFRONTARE IL FUTURO Strumenti e Finanziamenti per raggiungere l obiettivo 20-20-20 ILPATTO DEISINDACI Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa Europea rivolta alle Autorità

Dettagli

Ver. 1.00 giugno 2007

Ver. 1.00 giugno 2007 Ver. 1.00 giugno 2007 1 INDICE 3. Le fonti rinnovabili 4. Energia Elettrica o Acqua Calda 5. Come Funziona? 6. Conto Energia 7. Beneficiari 8. Potenza dell impianto 9. Tipi di impianto 10. Non integrato

Dettagli

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA

Energetiqa srl PRESENTAZIONE SOCIETARIA L energia è quella risorsa di cui ogni organismo ha bisogno per vivere e per svolgere qualsiasi attività. Per muoverci, come per pensare, utilizziamo infatti l energia immagazzinata nel nostro corpo. Anche

Dettagli

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI Dati edificio Località Comune: Reggio nell'emilia Zona climatica: E Latitudine: 44,70 Gradi Giorno: 2560 Altitudine: 58 m Temperatura esterna di progetto:

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SOSTITUZIONE SERRAMENTI DETRAZIONE 55%: istruzioni per l uso È stato finalmente pubblicato il decreto che contiene le istruzioni definitive e complete relative

Dettagli

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013

Aura Energy Srl Energy Service Company. Torino, 29 Ottobre 2013 Aura Energy Srl Energy Service Company Torino, 29 Ottobre 2013 1 INDICE 1. CORE BUSINESS DI AURA ENERGY a. Attività principali b. Nuova Mission c. Ruolo della E.S.Co. 2. PROGETTI a. Principali voci di

Dettagli

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO R.A.M.E. LE ESCO E L EFFICIENZA L ENERGETICA FERMO 24 Marzo 2006 Teatro dell Aquila Ing. Simone Capriotti Ing. Maurizio Croce Ing. Giacomo Detto In collaborazione

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P.

PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P. PROGRAM MANAGEMENT OFFICE S.E.A.P. Project financing sugli edifici pubblici per il miglioramento dell'efficienza energetica e la produzione di energia da fonti rinnovabili negli edifici scolastici Marco

Dettagli

I contratti di rendimento energetico. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013

I contratti di rendimento energetico. Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013 I contratti di rendimento energetico Marcello Antinucci ECUBA srl ManagEnergy Napoli 4 5 dicembre 2013 Fonte normativa: Dlgs 115/2008 Art. 2. Definizioni l) «contratto di rendimento energetico»: accordo

Dettagli

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009

Detrazione 55% Ed. Ottobre 2009 1 AGEVOLAZIONE DEL 55% PER FINESTRE COMPRENSIVE DI INFISSI INDICE 2 CHI PUÒ BENEFICIARE DELL AGEVOLAZIONE CONDIZIONI BASE DEFINIZIONI TEMPI DELL INVESTIMENTO MISURA DELL AGEVOLAZIONE RIPARTO DELL AGEVOLAZIONE

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE 16 ottobre 2014 - Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo INCENTIVI PER INTERVENTI DI EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE Relatore: Geom. Fabio Girolametti NOVITÀ INTRODOTTE DALLA

Dettagli

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO

Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO Politiche e strumenti finanziari per il recupero energetico del patrimonio edilizio pubblico IL PUNTO DI VISTA DELLE ESCO 2 Il Gruppo Sernet Il Gruppo Sernet nasce come evoluzione di Sernet SpA Management

Dettagli

Adria Energy. risparmiare, naturalmente

Adria Energy. risparmiare, naturalmente Adria Energy risparmiare, naturalmente Le soluzioni ottimali per ottenere energia: cogenerazione, fotovoltaico, solare termico, biomasse, geotermico, idroelettrico, eolico. Adria Energy risparmiare, naturalmente

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI AGIRE Agenzia Veneziana per l Energia ing. Michele Chieregato L AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIA FONTI RINNOVABILI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE

Elaborazione realizzata con Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI PER LA CLIMATIZZAZIONE Energy Planning ANALISI ENERGETICA CON SOLUZIONI Analisi energetica L Analisi Energetica è una delle componenti chiave all'interno di un programma di efficienza energetica. In questa sezione vengono evidenziati

Dettagli

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO

AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI DEI COMUNI DELL OGLIO PO Comune di Rivarolo del Re ed Uniti (CR) RELAZIONE FINALE - Audit leggeri - Audit di dettaglio - Certificazione energetica - Installazione del sistema

Dettagli

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico

Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Scheda P Azione P.1 Efficienza energetica nel patrimonio pubblico Ristrutturazione del parco edilizio pubblico Obiettivi Quelli che sono stati gli Obiettivi prefissati quali : riduzione dei consumi di

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE

IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE IL PATTO DEI SINDACI e L ENERGIA SOSTENIBILE Politiche e Interventi di Efficienza Energetica nei Comuni del Milanese Sergio Zabot Direttore Settore Energia Provincia di Milano Verona 11, Maggio 2012 Il

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Analisi di alcune azioni di piano. Filippo Loiodice Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Analisi di alcune azioni di piano. Filippo Loiodice Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Analisi di alcune azioni di piano Filippo Loiodice Milano

Dettagli

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012

Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito. 04 Dicembre 2012 Il futuro della distribuzione del gas naturale in Italia: Le gare d ambito Uno sforzo comune per un servizio migliore 04 Dicembre 2012 Focus Quadro normativo Procedura di gara Preparazione Svolgimento

Dettagli

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale

Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Il risparmio energetico: priorità economica ed ambientale Ing Alessandro Fatini del Grande 20 febbraio 2007 Il risparmio energetico è diventata un esigenza importante sia a livello ambientale (riduzione

Dettagli

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000.

Le risorse finanziarie messe a disposizione per l erogazione dei contributo di cui trattasi sono pari a 3.000.000. Bando per la concessione di contributi in conto capitale per l installazione di sistemi di contabilizzazione diretta o indiretta della quantità di calore consumata in abbinamento a sistemi di termoregolazione

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2

ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2 ENEA-UTEE-ERT e Tavolo EPBD2 Conto Termico:finanziabilità bancabilità degli interventi di qualificazione energetica in edilizia il contributo ai «10 cantieri» per il conto termico Strumenti e metodologie

Dettagli

1 2 3 4 5 6 Che cosa abbiamo fatto a Castello d Argile per illuminarsi meglio con meno : ovverosia gli atti concreti del nostro impegno per la lotta ai cambiamenti climatici, come previsto dagli obiettivi

Dettagli

Presentazione Progetto Fotovoltaico

Presentazione Progetto Fotovoltaico Presentazione Progetto Fotovoltaico IGV INGEGNERIA S.r.l. Sede Legale: Via Giustino Fortunato, 116 87021 Belvedere Marittimo (CS) Sede Operativa: Gioacchino da Fiore, 74 87021 Belvedere Marittimo (CS)

Dettagli

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES

Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati. Le iniziative del PAES Sfide energetico-ambientali ed opportunità di business. Strumenti di gestione e bilanci integrati Le iniziative del PAES Francesco Tutino - Comune di Bologna Settore Ambiente ed Energia -Ufficio Energia

Dettagli

5 ANNI DI SERVIZIO ENERGIA Comune di Trezzo sull Adda STAGIONE TERMICA 2012-2013

5 ANNI DI SERVIZIO ENERGIA Comune di Trezzo sull Adda STAGIONE TERMICA 2012-2013 5 ANNI DI SERVIZIO ENERGIA Comune di Trezzo sull Adda STAGIONE TERMICA 2012-2013 1 Interventi di riqualificazione EDIFICI CON INTERVENTIO DIRIQUALIFICAZIONE COMPLETA Scuole elementari Piazza Italia Scuole

Dettagli

COMUNE DI MELISSANO. prov. di Lecce LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DELL ENERGIA PROCEDURA DI CONFRONTO FRA OFFERTE ECONOMICHE INDAGINE DI MERCATO

COMUNE DI MELISSANO. prov. di Lecce LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DELL ENERGIA PROCEDURA DI CONFRONTO FRA OFFERTE ECONOMICHE INDAGINE DI MERCATO COMUNE DI MELISSANO prov. di Lecce LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DELL ENERGIA PROCEDURA DI CONFRONTO FRA OFFERTE ECONOMICHE INDAGINE DI MERCATO In esecuzione della Determina del Responsabile n.76 del 05/02/2014

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica dell Università di Bari Carlo Gadaleta Caldarola ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l

Dettagli

A DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE E INTESTATARIO DELLA FORNITURA

A DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE E INTESTATARIO DELLA FORNITURA ALLEGATO 1 ALLA DETERMINA 20 MAGGIO 2014, 9/2014 DIUC Modulo per l inoltro della richiesta di ADESIONE alla sperimentazione tariffaria riservata a coloro che utilizzano pompe di calore elettriche come

Dettagli

Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO COME FUNZIONA IL TELERISCALDAMENTO MODO DI PROCEDERE

Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO COME FUNZIONA IL TELERISCALDAMENTO MODO DI PROCEDERE Madonna del Piano, marzo 2013 CHE COSA È IL TELERISCALDAMENTO Definizione: "È un sistema di riscaldamento a distanza di un quartiere o di una città che utilizza il calore prodotto da una centrale termica,

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International srl Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International > Ascor International è una società di intermediazione e consulenza

Dettagli

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna

TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO. 12 Maggio 2015. Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna Gruppo di Lavoro Energia delle associazioni degli En4 Locali dell Emilia Romagna TAVOLO OPERATIVO FESR+CONTO TERMICO CON ESCO 12 Maggio 2015 Con il sostegno di: Servizio Energia ed economia verde PREMESSA

Dettagli

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III UNI/TS 11300-3: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione

Dettagli

Nuova tariffa D1 per pompe di calore

Nuova tariffa D1 per pompe di calore Nuova tariffa D1 per pompe di calore Situazione attuale nel residenziale Attualmente chi decide di installare una pompa di calore nel residenziale ha a disposizioni due opzioni: allacciare la PDC all unico

Dettagli

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!!

IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Taranto, 28 Maggio 2009 IL SOLARE FOTOVOLTAICO: un opportunità per tutti!!!! Dott. Ing. Carlo ZIZZI Dott.ssa Francesca MASELLA LE NOSTRE PRINCIPALI ATTIVITA INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO sostituzione

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Premessa Ad oggi le procedure di informatizzazione, con inserimento manuale dei dati di controllo degli impianti termici, regolate attraverso

Dettagli

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita

I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita I condomini intelligenti in provincia di Genova. Marco Castagna Direttore Fondazione Muvita Il patrimonio edilizio in Italia Gli edifici del nostro paese sono stati costruiti prevalentemente con criteri

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

09.11.2011. Pandora: climate change ed edifici sostenibili

09.11.2011. Pandora: climate change ed edifici sostenibili 09.11.2011 Pandora: climate change ed edifici sostenibili La direttiva 2010/31/UE Obiettivo: edifici a energia quasi zero La Direttiva promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici

Dettagli

La composizione dei consumi di utenze nel 2010

La composizione dei consumi di utenze nel 2010 LA GESTIONE DELLE UTENZE COMUNALI Relatore: Ing. Michele Mazzoni La composizione dei consumi di utenze nel 2010 Elettricità kwh 55.924.936 Gas metano mc 5.717.428 Gasolio lt 1.009.940 Acqua mc 1.507.985

Dettagli

AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati.

AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati. AVVISO DI RETTIFICA : Capitolato speciale d appalto (file capitolato formato pdf) pag. 35 a pag. 38 di 78, i seguenti punti vengono così rettificati. Vista la determina dirigenziale n. 370 del 02/09/2010

Dettagli

ELENA e l attuazione dei PAES della Provincia di Chieti

ELENA e l attuazione dei PAES della Provincia di Chieti ELENA e l attuazione dei PAES della Provincia di Chieti NAPOLI 12 settembre 2014 Antonio Di Nunzio Direttore Generale A.L.E.S.A. Srl antoniodinunzio@virgilio.it BACKGROUND IL CASO ABRUZZO POR FESR 2007-2013

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE)

Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Appendice B - Format di Attestato di Prestazione Energetica (APE) Logo DATI GENERALI Destinazione d uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: Oggetto dell attestato Intero edificio

Dettagli

COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA

COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA COMUNE DI VENTOTENE BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DI FORNITURA E INSTALLAZIONE DI OPERE ED IMPIANTI A COMPLETAMENTO DELLA SALA POLIVALENTE, NELL AMBITO DEL FINANZIAMENTO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE BANDO FONTI

Dettagli

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO

CITTA DI CASTELFRANCO VENETO Allegato alla deliberazione della G.C. n. 327 del 12/12/2013 BANDO DIRETTO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALLA TUTELA DELL ATMOSFERA

Dettagli

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica

Le Esco e il Finanziamento Tramite Terzi: strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica : strumenti strategici per lo sviluppo del settore dell'efficienza energetica Claudio G. Ferrari Presidente Esco Italia Erba, 04 dicembre 2009 FINANZIA ENERGIA 3-4 dicembre 2009 Lariofiere, Erba AGENDA

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni ALBO dal 23.02.2011 al 16.04.2011 COMUNE DI FABRO Provincia di Terni PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA REALIZZAZIONE IN PROJECT FINANCING E DELLA GESTIONE DI DUE IMPIANTIDI PRODUZIONE DI ENERGIA

Dettagli

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli