II.5. Opportunità e progetti, parte II: L attività di progettazione a cura di Loris Favero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "II.5. Opportunità e progetti, parte II: L attività di progettazione a cura di Loris Favero"

Transcript

1 II.5. Opportunità e progetti, parte II: L attività di progettazione a cura di Loris Favero II.5.1 APS, Onlus e progetti L esigenza di dedicare praticamente un intero modulo alla gestione dei progetti per le piccole organizzazioni, quali possono essere le Associazioni di Promozione Sociale e le ONLUS costituite da immigrati e finalizzate alla loro stessa promozione sociale, nasce ancora una volta dalla realtà. Fino a qualche anno fa, tanto in Italia come nel resto dell Europa, i gruppi, circoli, comunità, associazioni di immigrati sorgevano e svolgevano attività in favore dei loro connazionali in modo pressoché spontaneo, quasi a conduzione familiare, in regime di volontariato e senza la necessità di realizzare attività strutturate (progetti), vincolate a risorse, tempi ed obiettivi per poter garantire il loro sostentamento e l esistenza stessa del circolo o associazione. Alla base del successo di un organizzazione non profit, tanto ieri come oggi, rimane l impegno, la dedizione, la generosità delle persone che vi partecipano. Oggi, però, progettare, partecipare a progetti, gestire progetti, non è un optional, ma una vera e propria esigenza strutturale del terzo settore. Si racconta di un parroco, in un paesino dell interno del Brasile, che desiderava completare la costruzione della chiesa annettendole un campanile: il suo Vescovo, tuttavia, non disponeva dei mezzi necessari per la costruzione di un campanile; si dichiarò però disposto a contribuire alla costruzione di alcune sale per il catechismo, da annettere al piccolo centro parrocchiale; il parroco riuscì a raccogliere il denaro sufficiente e, utilizzando anche il contributo del Vescovo, realizzò il suo sogno ed edificò un bel campanile a fianco della chiesa. Quando in visita il Vescovo manifestò il suo disappunto per il cattivo uso del denaro affidatogli, il parroco gli spiegò che lui le sale del catechismo le aveva fatte costruire. Solo che, invece di essere l una accanto all altra, erano una sopra l altra! Questo aneddoto ci aiuta a capire quale dialettica si realizza quasi sempre nelle associazioni quando si tratta di ricavare i finanziamenti di cui si ha bisogno realizzando o concorrendo a realizzare progetti apparentemente sganciati dalle reali necessità dell organizzazione. Nell ambito dei progetti cofinanziati, per esempio, capita spesso che una piccola associazione necessiti di locali o dell adattamento/restauro degli stessi, e dall altra parte (quella dei committenti) viene fatto specifico divieto ad impiegare fondi a tale fine. Oppure, quando il progetto calza a pennello, l organizzazione non dispone della liquidità sufficiente ad eseguire la sua parte (quella che deve in ogni caso finanziarsi autonomamente) e si vede costretta a rinunciare o a ridimensionare drasticamente le proporzioni dell impresa. Infine, quando sembra esserci tutto e arriva l occasione perfetta, per esempio, per le associazioni di promozione sociale di immigrati, i bandi della Commissione Europea MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 1

2 per l integrazione di cittadini terzi, si scopre che non si è eleggibili magari perché non si sono ancora maturati 3 anni di bilancio. Nel lavoro di concezione e stesura dei progetti, in tutte le fasi del ciclo del progetto, addirittura quando se ne deve constatare un parziale fallimento, in quasi tutti gli stakeholders si deve onestamente riconoscere un empowerment inteso non solo come acquisizione di beni non monetizzabili, ma anche come accresciuta capacità gestionale. II.5.2 Gestione del ciclo del progetto La Commissione Europea, nel 2004, ha prodotto le Project Cycle Management Guidelines, testo assunto dalla quasi totalità degli operatori in Europa come parametro standard di riferimento nella progettazione. Il testo in lingua inglese è liberamente scaricabile dal sito della Commissione Europea dal seguente link: La gestione del ciclo del progetto definisce le diverse fasi della vita di un progetto alle quali sono abbinate delle attività di gestione e delle procedure per permettere di prendere delle decisioni precise. Il ciclo del progetto Il Project Cycle Management - PCM è la metodologia e l'insieme di strumenti che la Commissione Europea ha introdotto agli inizi degli anni '90 per garantire una maggiore efficacia dei progetti e dei programmi e anche un miglioramento complessivo dei meccanismi di gestione dei programmi stessi. Il PCM (Project Cycle Management) scandisce le diverse fasi di un progetto. Trattandosi di un percorso ciclico, il PCM consente di sottoporre il progetto a verifica continua, sin dalla sua prima formulazione e di intervenire in itinere sull'attività progettuale, apportando modifiche e/o miglioramenti. La preparazione e realizzazione dei progetti in ottica PCM viene definita in fasi, dando vita al Ciclo del Progetto, che ha sei fasi standard: Programmazione. la fase delle decisioni "a monte" di un singolo intervento progettuale. Nella prassi oggi comune, questa è la fase in cui l'unione Europea, di concerto con gli Stati membri, definisce le linee guida di un programma o di un'iniziativa comunitaria ed emette quindi il bando. Identificazione. il momento in cui una prima idea-progetto, ancora non dettagliata, è definita o direttamente presentata da un soggetto promotore in un bando di gara. Formulazione. A seguito di uno studio di fattibilità, la proposta progettuale assume la sua veste definitiva di progetto esecutivo, con descrizione o previsione degli aspetti dettagliati (quantità, costi ecc.). Finanziamento. Viene sottoposta ed eventualmente contrattata la richiesta di finanziamento; quando approvata nell ordine di x% può essere avviato il progetto. Realizzazione. A questo punto si dà corso all'intervento progettuale, al cui interno di svolgono le azioni di monitoraggio e valutazione in itinere. Valutazione. In questa fase conclusiva si avvia una riflessione sui risultati raggiunti dal progetto, per indurre i responsabili della programmazione a definire programmi sempre migliori o fornire elementi utili per l'identificazione di ulteriori idee-progetto nell ambito del programma. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 2

3 Per approfondire gli elementi e i processi insiti in ogni fase, affianchiamo ad ogni obiettivo generale di ciascuna fase le relative procedure e i prodotti attesi: 1. Programmazione Quadro delle priorità stabilite, obiettivi a lungo termine Procedure analisi della situazione attuale analisi delle priorità inventario delle necessità e delle risorse scelte strategiche (partners, altri stakeholders) Prodotti piano operativo documento programmatico (in molti casi tale documento accompagna il bando) 2. Identificazione Selezione dei settori di intervento Vaglio delle diverse idee di progetto Procedure raccolta e analisi dei dati identificazione e selezione dei possibili settori di intervento scelta (decisione) di una idea generale di progetto Prodotti Documento di identificazione del progetto Termini di riferimento per la formulazione Eventuali studi di pre-fattibilità 3. Formulazione Concezione e stesura chiara del progetto Procedure Coinvolgimento di tutti i partners Definizione delle cooperazioni, delle attività, delle modalità di attuazione, dei tempi e dei costi Prodotti Accordo di partnership Eventuale Studio di Fattibilità Documento del progetto (serve come base alla/alle richieste di finanziamento) 4. Presentazione / Finanziamento Procedure Prodotti 5. Implementazione / Realizzazione Procedure Prodotti Sottomettere la proposta di progetto all esame del committente (entità erogatrice dei finanziamenti) Elaborazione del documento del progetto (prodotto nella fase precedente) Perfezionamento e presentazione della candidatura, adattamento ai formati richiesti, ecc. Richiesta di finanziamento (candidatura) Concessione del Finanziamento (lettera d approvazione,..) Attivazione pratica del progetto (implementazione delle attività previste) Contratti (attenzione ai tempi!) Esecuzione delle attività Monitoraggio (per es. osservatorio del progetto) Valutazione in itinere, eventuali aggiustamenti I prodotti previsti per ogni attività Rapporti intercalari e finali 6. Valutazione Verifica in itinere, finale ed eventualmente ex post Procedure Integrare valutazione interna ed esterna del progetto Chiari riferimenti alla coerenza, efficacia, impatto e sostenibilità del progetto Trarre conclusioni e formulare raccomandazioni Prodotti Rapporti di valutazione Indicazioni critiche, eventualmente Buone pratiche e proposte di mainstreaming 1. 1 Il concetto di mainstreaming fa riferimento al processo attraverso il quale le innovazioni sperimentate in un ambito circoscritto (sociale, economico ed istituzionale) vengono trasposte a livello di sistema. Si tratta di un percorso di acquisizione, da parte delle politiche e delle normative locali, nazionali e MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 3

4 II.5.3 Il quadro logico È una metodologia per la pianificazione e la valutazione di programmi e progetti, applicata tramite l utilizzo di strumenti che permettono di rinforzare la partecipazione, di assicurare la trasparenza e di migliorare l orientamento del progetto al raggiungimento degli obiettivi. Il Quadro Logico è il principale strumento di progettazione e gestione nel contesto della Gestione del Ciclo del Processo: è una tecnica efficace che permette agli attori del processo di identificare ed analizzare questioni e problemi pertinenti, e di definire obiettivi e attività che devono essere portate avanti per risolvere i problemi individuati. Il Quadro Logico fornisce una struttura alla progettazione e al budget senza essere percepito come schema prefissato, rigido e costrittivo. Riunendo gli attori principali nella fase d'analisi per discutere di problemi, obiettivi e strategie, l applicazione di tale metodologia incoraggia a prenderne in considerazione le aspettative e il modo in cui soddisfarle. Affermando con chiarezza gli obiettivi ed ordinandoli secondo una scala d'importanza, il QL fornisce uno strumento di controllo della logica interna della bozza di progetto che assicuri che Attività, Risultati e Obiettivi siano interconnessi. I coordinatori di un progetto sono così obbligati a identificare le condizioni e i possibili rischi che possono influenzare la fattibilità del progetto, e a specificare gli indicatori e le fonti d'informazione che saranno usati per il Monitoraggio e la Valutazione. Questo insieme d'informazioni chiave è riunito in un unico documento (il QL) che fornisce un utile sommario. Il QL Consiste in una tabella o matrice, composta da quattro colonne e, nel formato base, quattro righe. Nelle colonne s'individua ciò che il progetto intende fare, si chiariscono i rapporti causali e si specificano condizioni e incertezze che esulano dal controllo della gestione diretta del progetto: Logica d'intervento, Indicatori Oggettivamente Verificabili, Fonti di Verifica, Condizioni. Nelle righe ci si riferisce alla misurazione degli effetti del progetto definiti con indicatori-chiave e mezzi di verifica, e alle risorse utilizzate: Obiettivi Generali, Obiettivo Specifico, Risultati ed Attività. La presentazione del Quadro Logico ad opera di F. Bussi, Progettazione e valutazione con il Quadro Logico, 2001; pagg (in mi è sembrata particolarmente chiara ed efficace: ne riporto in seguito i passaggi fondamentali: Come si è già detto, Il Quadro Logico è una matrice di progettazione, largamente usata nei programmi promossi dalla Commissione Europea e da altri organismi internazionali, molto utile per definire in maniera chiara i diversi elementi di un intervento progettuale e per visualizzarli in modo efficace, favorendo quindi anche una riflessione comune sul progetto. È frequente infatti nelle organizzazioni complesse che i singoli professionisti diano significati diversi agli stessi termini. Si pensi, per esempio, a come può essere inteso e usato in modo diverso il termine obiettivo o risultato o indicatore, senza che nessuno abbia torto o ragione : quel che manca è una convenzione logica e terminologica che stabilisca in modo condiviso che per noi questo significa questo e via dicendo. comunitarie, delle buone prassi sperimentate a livello di singolo progetto pilota, ovvero delle innovazioni che hanno dimostrato la loro efficacia. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 4

5 Prima di presentare il Quadro Logico nel suo formato standard completo, è opportuno spiegare qual è la logica di intervento: essa è articolata in quattro livelli, legati tra loro da un rapporto di causa-effetto in senso verticale, dal basso verso l alto, secondo il quale le attività portano ai risultati, i risultati conducono al raggiungimento dello scopo del progetto e lo scopo contribuisce al raggiungimento degli obiettivi generali. LOGICA DI INTERVENTO Obiettivi generali Scopo del progetto (obiettivo specifico) Risultati Attività DEFINIZIONE (Che cos è?) I benefici sociali ed economici di medio e lungo termine al raggiungimento dei quali il progetto contribuirà Il beneficio tangibile per i destinatari I servizi che i beneficiari riceveranno dal progetto Ciò che sarà fatto durante il progetto per garantire la fornitura dei servizi SIGNIFICATO (A che domanda risponde?) Perché il progetto è importante per la società? Perché i beneficiari ne hanno bisogno Cosa i beneficiari saranno in grado di fare, di sapere o di saper fare grazie alle attività del progetto Cosa sarà fatto nel corso del progetto Di seguito vengono illustrati con maggiore dettaglio i quattro livelli della logica di intervento di un progetto. Obiettivi Generali. Essi sono i benefici sociali e/o economici di lungo termine per la società in generale (non solo e non tanto quindi per i beneficiari del progetto) ai quali il progetto contribuirà. Questi obiettivi non vengono raggiunti esclusivamente tramite il progetto ma con il contributo di altri interventi o progetti o programmi. Essi sono attinenti a diversi aspetti di carattere sociale ed economico, pertanto il singolo progetto potrà prevedere più obiettivi generali. È importante sottolineare come il progetto non sia responsabile di raggiungere questi risultati. Scopo del progetto (anche definito come obiettivo specifico). Esso indica i benefici o il beneficio tangibile che i beneficiari otterranno mettendo a frutto i servizi che riceveranno nell ambito del progetto. In particolare, lo scopo del progetto definisce l aspetto o condizione della vita dei beneficiari che registrerà un miglioramento a seguito dell utilizzo dei servizi forniti nell ambito del progetto. Di norma, è opportuno che il progetto stabilisca un solo obiettivo specifico. A differenza degli obiettivi generali, a cui il progetto può contribuire insieme ad altri fattori, il progetto è direttamente responsabile del raggiungimento dell obiettivo specifico. Per beneficiari di un progetto si intendono gli individui i cui problemi sono affrontati dal progetto e non il personale delle organizzazioni impegnate nella sua realizzazione. Risultati. Questi si riferiscono ai servizi che i beneficiari, o altri soggetti facenti parte del contesto specifico, otterranno a seguito delle attività realizzate nell ambito del progetto. Essi definiscono cosa i beneficiari saranno in grado di fare, di sapere o di saper fare grazie alle attività del progetto. I risultati non riguardano le infrastrutture realizzate ma i servizi offerti nell ambito di tali infrastrutture. Attività. Tale termine indica le azioni che saranno realizzate nell ambito del progetto per fornire i servizi necessari ai beneficiari o ad altri soggetti. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 5

6 È importante sottolineare che mentre il progetto non è direttamente responsabile di raggiungere gli obiettivi generali (che ne costituiscono piuttosto la giustificazione sociale ), esso è responsabile di conseguire l obiettivo specifico, il cui raggiungimento determina l efficacia del progetto stesso. L obiettivo specifico di norma viene raggiunto dai beneficiari dopo che il progetto è stato portato a termine. Ciò che resta sul campo, a progetto appena terminato, sono i risultati, vale dire quello che i beneficiari sono in gradi di fare, di essere o di saper fare grazie alle azioni del progetto. Nella pratica corrente viene utilizzata una definizione di obiettivi generali e di obiettivi specifici diversa da quella qui proposta. Nella accezione più comune l obiettivo generale (spesso al singolare) è il fine ultimo, istituzionale del progetto (il macrobiettivo). Per obiettivi specifici si intendono poi quei sottobiettivi che tutti insieme portano al raggiungimento dell obiettivo generale o, in un'altra accezione, delle specificazioni più di dettaglio dell obiettivo generale. Evidentemente anche questa accezione più comune implica una logica di causa-effetto tra obiettivi specifici e obiettivo generale. Se volessimo tradurre in termini di Quadro Logico questa terminologia, potremmo dire che l obiettivo generale (il macro obiettivo) è quello che nel Quadro Logico si chiama scopo del progetto od obiettivo specifico (in generale questo macrobiettivo esprime probabilmente già un beneficio per i beneficiari) e che gli obiettivi specifici sono quelli che il Quadro Logico chiama Risultati, cioè gli effetti più immediati del progetto. Nulla vieta di utilizzare una terminologia piuttosto di un'altra. Il grande vantaggio del Quadro Logico è che la convenzione logica e terminologica è condivisa in partenza e ciò facilita la comunicazione tra chi deve progettare, valutare o comunque interagire sul progetto. Di norma il Quadro Logico è, nella sua versione completa, presentato secondo il seguente formato: LOGICA DI INTERVENTO Obiettivi generali Obiettivi specifici Risultati Attività INDICATORI OGGETTIVAMENTE VERIFICABILI FONTI DI VERIFICA IPOTESI / CONDIZIONI E PRESUPPOSTI Pre-condizioni per lo sviluppo del progetto Alcuni aspetti del quadro logico risultano più chiari procedendo nel lavoro di progettazione, tuttavia si fornisce qui una illustrazione sintetica del funzionamento di questa matrice 2. Per ciascuno dei quattro livelli già descritti, che insieme rappresentano la logica di intervento del progetto, si identificano gli indicatori di raggiungimento, le fonti presso le quali reperire i dati a essi relativi e soprattutto le ipotesi, definibili come quei fattori o condizioni esterni al progetto ma importanti per raggiungere i risultati e gli obiettivi del progetto. L esistenza delle ipotesi scaturisce dalla considerazione che gli interventi progettuali, spesso per mancanza di risorse o di competenza degli attori, non possono operare in più settori allo stesso tempo. Questo fa sì che per raggiungere certi obiettivi cosiddetti finali, il progetto debba appunto ipotizzare che altre condizioni, assolutamente esterne e indipendenti dal progetto, si verifichino. Un semplice esempio può aiutare a chiarire il 2 Possiamo trovare una matrice di quadro logico compilata nel materiale allegato. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 6

7 punto: i progetti formativi per i disoccupati sono finalizzati a aumentare l occupazione di costoro, tuttavia affinché questo obiettivo sia raggiunto questi progetti fanno implicitamente conto sull ipotesi che altre condizioni (es. costo del lavoro per le imprese ridotto, domanda di determinati beni o servizi in crescita ecc.) si verifichino ma in modo del tutto indipendente dal progetto di formazione. Questo rapporto tra elementi interni al progetto e condizioni esterne è ben visibile nella figura successiva: Obiettivi generali Obiettivi specifici Ipotesi Risultati Ipotesi Attività Ipotesi Precondizioni La figura si legge in questo modo: - lo scopo del progetto più le ipotesi al livello giallo portano a raggiungere gli obiettivi generali, - i risultati del progetto più le ipotesi a livello rosa portano a raggiungere lo scopo del progetto, - le attività più le ipotesi a livello bianco portano a raggiungere i risultati del progetto, - le precondizioni sono quelle condizioni che devono pre-esistere per rendere fisicamente fattibili le attività. In pratica le ipotesi sono un elemento di rischio per il progetto, essendo probabili ma non certe (sono ipotesi): se queste non si verificano il progetto rischia di non raggiungere i suoi obiettivi o i suoi risultati. Per approfondire gli argomenti correlati al ciclo del progetto e all approccio del quadro logico, oltre alle già citate Project Cycle Management Guidelines, (http://ec.europa.eu/europeaid/multimedia/publications/publications/manualstools/t101_en.htm), è utile consultare anche il Manuale prodotto dalla EUROPEAN COMMISSION Directorate-General for Humanitarian Aid ECHO: Manual - Project Cycle Management (si vedano i materiali allegati). Proprio da quest ultimo sussidio offerto dalla Commissione Europea riteniamo importante riportare anche in questa sede il glossario: si tratta di uno strumento essenziale per tutti coloro che, a qualsiasi titolo, partecipano o parteciperanno ai cofinanziamenti dell Unione Europea. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 7

8 Glossary of Terms Activities The actions (and means) that have to be taken / provided to produce the results. They summarise what will be undertaken by the operation. Activity Schedule A Gantt chart, a graphic representation similar to a bar chart, setting out the timing, sequence and duration of operation activities. It can also be used to identify milestones for monitoring progress, and to assign responsibility for achievement of milestones. Analysis of Objectives Identification and verification of future desired benefits to which the beneficiaries attach priority. The output of an analysis of objectives is the objective tree / hierarchy of objectives. Analysis of Strategies Critical assessment of the alternative ways of achieving objectives, and selection of one or more for inclusion in the proposed operation. Appraisal Analysis of a proposed operation to determine its merit and acceptability in accordance with established criteria. This is the final step before an operation is agreed for financing. It checks that the operation is feasible against the situation on the ground that the objectives set remain appropriate and that costs are reasonable. Term often synonymously used: Feasibility study / Ex ante evaluation. Appraisal Phase The third phase in the project cycle. It involves the establishment of the details of the operation on the basis of a feasibility study, followed by an examination by EC staff to assess the operation s merits and consistency with sectoral policies. Assumptions External factors which could affect the progress or success of the operation, but over which the operation manager has no direct control. They form the 4 th column of the logframe, and are formulated in a positive way, e.g.: Reform of penal procedures successfully implemented. Bar Chart See Gantt Chart. Beneficiaries Are those who benefit in whatever way from the implementation of the operation. Distinction may be made between: (a) Operation partners: those who are supported by EC funds in order to manage design and implementation of an operation, i.e. usually: ministries, implementation agencies; (b) Direct beneficiaries 1: those who are supported within the operation in order to better perform services to the target group(s), e.g. agricultural extension staff, benefiting from training measures to better perform their advisory services to female and male members of farm households ; (c) Direct beneficiaries 2 /Target group(s): the group / entity who will be positively affected by the operation at the Operation Purpose level and with whom the operation will work very closely, as well as for whom, e.g. the female and male members of farm households in the case of the above extension operation; (d) Indirect beneficiaries/catchment population: those who, beyond the level of the target groups, benefit from the operation in the long term at the level of the society or sector at large, e.g. children due to increased spending on health and education, consumers due to improved agricultural production and marketing, or the state as such due to increased export earnings from improved agricultural production and marketing Commission The European. Commission. Commitment A commitment is a formal decision taken by the Commission to set aside a certain amount of money for a particular purpose. No expenditure can be incurred in excess of the authorised commitment. Contractor The public or private organisation, consortium or individual with whom the contracting authority enters into a contract. The firm, individual or consortium to which a contract is awarded. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 8

9 Cost Costs are the translation into financial terms of all the identified resources ( Means ). Country Strategy Papers Country Strategy Papers (CSPs) are an instrument for guiding, managing and reviewing EC assistance programmes. The purpose of CSPs is to provide a framework for EU assistance programmes based on EU / EC objectives, the Partner Country government policy agenda, an analysis of the partner country s situation, and the activities of other major partners. CSPs are drawn up for all ACP, MEDA (except Cyprus, Malta and Turkey) and ALA countries. Country Support Strategy Term used as a synonym for Country Strategy Papers (CSP). DAC Development Assistance Committee of the OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development). Delegation The diplomatic office representing the European Commission accredited to countries or international institutions at the level of an Embassy. The Head of Delegation is often called Delegate or Ambassador. Effectiveness An assessment of the contribution made by results to achievement of the operation purpose, and how Assumptions have affected operation achievements. Efficiency The fact that the results were obtained at reasonable cost, i.e. how well Means and Activities were converted into Results, and the quality of the results achieved. European Commission The executive arm of the European Union. It initiates European Union policy and implements programmes and policies established by the EU legislative and budgetary authorities. Evaluation A periodic assessment of the efficiency, effectiveness, impact, sustainability and relevance of an operation in the context of stated objectives. It is usually undertaken as an independent examination of the background, objectives, results, activities and means deployed, with a view to drawing lessons that may guide future decision-making. Evaluation Phase The sixth and final phase of the project cycle during which the operation is examined against its objectives, and lessons are used to influence future actions. Feasibility Addresses the issue whether the operation objectives can be really achieved. Feasibility Study A feasibility study, conducted during the Appraisal phase, verifies whether the proposed operation is well-founded, and is likely to meet the needs of its intended target groups / beneficiaries. The study should design the operation in full operational detail, taking account of all policy, technical, economic, financial, institutional, management, environmental, socio-cultural, genderrelated aspects. The study will provide the European Commission and partner government with sufficient information to justify acceptance, modification or rejection of the proposed operation for further financing. Financing Agreement / M(Ne.Am.o froarn EdCuHmO ) The document signed between the European Commission and the partner country or countries subsequent to a financing decision. It includes a description of the particular operation or programme to be funded. It represents the formal commitment of the European Union and the partner country to finance the measures described. Financing Memorandum See Financing Agreement. Financing Phase The fourth phase of the project cycle during which operations are approved for financing. Financing Proposal (ECHO decisions) Financing proposals are draft documents, submitted by the Commission s services to the relevant Financing Committee for opinion and to the Commission for decision. They describe the general background, nature, scope and objectives and modalities of measures proposed and indicate the funding foreseen. After having received the favourable opinion of the Financing Committee, they are the subject of the Commission s subsequent financing decision and of the Financing Agreement which is signed with the respective partner country. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 9

10 Gantt Chart A method of presenting information graphically, often used for activity scheduling. Similar to a bar chart. Gender The social differences that are ascribed to and learned by women and men, and that vary over time and from one society or group to another. Gender differs from sex, which refers to the biologically determined differences between women and men. Gender Analysis EU policy on gender mainstreaming in development co-operation requires the integration of gender analysis at macro, meso and micro levels, throughout the project cycle. A gender analysis allows the identification and integration of the dynamics of change in a given situation, as well as the monitoring of their evolution, particularly in relation to the disparities between women and men. A gender analysis includes attention to: the different roles (productive, reproductive, decision-making) of women and men; their differential access to and use of resources and their specific needs, interests and problems; and the barriers to the full and equitable participation of women and men in operation activities and to equity between women and men in the benefits obtained. Gender Equality The promotion of equality between women and men in relation to their access to social and economic infrastructures and services and to the benefits of development is vital. The objective is reduced disparities between women and men, including in health and education, in employment and economic activity, and in decision-making at all levels. All programmes and operations should actively contribute to reducing gender disparities in their area of intervention. Grant Agreement The document signed between the European Commission and the organisation subsequent to a financing decision. It includes a description of the particular operation to be funded. It represents the formal commitment of the European Community to finance the measures described and the organisation to implement them. Identification Phase The second phase of the project cycle. It involves the initial elaboration of the operation idea in terms of objectives, results and activities, with a view to determining whether or not to go ahead with a feasibility study. Impact The effect of the operation on its wider environment, and its contribution to the wider sectoral objectives summarised in the operation s Overall Objectives, and on the achievement of the overarching policy objectives of the EC. Implementation Phase The fifth phase of the project cycle during which the operation is implemented, and progress towards achieving objectives is monitored. Inception Period The period from project start-up until the writing of the inception report, usually two to three months. Inception Report The first report produced at the end of the inception period, which updates the project design and or the terms of reference and sets the workplan for the rest of the project. Indicative Programmes These are prepared by the European Commission in co-ordination with partner country governments. They provide general guidelines and principles for co-operation with the European Union. They specify focal sectors and themes within a country or region and may set out a number of project ideas. Inputs See Means. Integrated Approach The continuous examination of an operation throughout all the phases of the project cycle, to ensure that issues of relevance, feasibility and sustainability remain in focus. Intervention Logic The strategy underlying the operation. It is the narrative description of the operation at each of the four levels of the hierarchy of objectives used in the log-frame. Logframe The matrix in which an operation s intervention logic, assumptions, objectively verifiable indicators and sources of verification are presented. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 10

11 Logical Framework Approach (LFA) A methodology for planning, managing and evaluating programmes and operations, involving stakeholder analysis, problem analysis, analysis of objectives, analysis of strategies, preparation of the logframe matrix and activity and resource schedules. Means The boxes Means and Costs replace OVIs and SOV at the level of Activities. Means are physical and non-physical resources (often referred to as Inputs ) that are necessary to carry out the planned activities and manage the operation. A distinction can be drawn between human resources and material resources. Milestones A type of OVI providing indications for short and medium-term objectives (usually activities) which facilitate measurement of achievements throughout an operation rather than just at the end. They also indicate times when decisions should be made or action should be finished. Monitoring The systematic and continuous collecting, analysis and using of information for the purpose of management and decision-making. Objective Description of the aim of an operation or programme. In its generic sense it refers to activities, results, operation purpose and overall objectives. Objective Tree A diagrammatic representation of the situation in the future once problems have been remedied, following a problem analysis, and showing a means to ends relationship. Objectively Verifiable Indicators (OVI) Measurable indicators that will show whether or not objectives have been achieved at the three highest levels of the logframe. OVIs provide the basis for designing an appropriate monitoring system. Operation A series of activities with set objectives, designed to produce a specific outcome within a limited time frame. Operation Purpose The central objective of the operation. The purpose should address the core problem, and be defined in terms of sustainable benefits for the target group(s). The Purpose should also express the equitable benefits for women and men among the target group(s). There should only be one Operation Purpose per operation. Overall Objectives They explain why the operation is important to society, in terms of the longerterm benefits to final beneficiaries and the wider benefits to other groups. They also help to show how the programme fits into the regional/sectoral policies of the government / organisations concerned and of the EC, as well as into the overarching policy objectives of EC co-operation. The Overall Objectives will not be achieved by the operation alone (it will only provide a contribution to the achievement of the Overall Objectives), but will require the contributions of other programmes and operations as well. Pre-Conditions Conditions that have to be met before the operation can commence, i.e. start with activities. Pre-conditions (if any) are attached to the provision of aid. Pre-feasibility Study The pre-feasibility study, conducted during the identification phase, ensures that all problems are identified and alternative solutions are appraised, and selects a preferred alternative on the basis of Quality Factors. The study will provide the European Commission and partner government with sufficient information to justify acceptance, modification or rejection of the proposed operation for further appraisal. Problem Analysis A structured investigation of the negative aspects of a situation in order to establish causes and their effects. Problem Tree A diagrammatic representation of a negative situation, showing a cause-effect relationship. Programme A series of operations with a common overall objective. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 11

12 Programming Phase The first phase of the project cycle during which the Indicative Programme is prepared. See also Indicative Programme. Progress Report An interim report on progress of work on an operation submitted by the operation management / contractor to the partner organisation and the Commission within a specific time frame. It includes sections on technical and financial performance. Project Cycle The project cycle follows the life of an operation from the initial idea through to its completion. It provides a structure to ensure that stakeholders are consulted, and defines the key decisions, information requirements and responsibilities at each phase so that informed decisions can be made at each phase in the life of a operation. It draws on evaluation to build the lessons of experience into the design of future programmes and operations. Project Cycle Management A methodology for the preparation, implementation and evaluation of operations and programmes based on the integrated approach and the logical framework approach. Quality Factors Criteria that are known to have had a significant impact on the sustainability of benefits generated by operations in the past, and which have to be taken into account in the design and implementation of each operation (previously: Sustainability Criteria ): ownership by beneficiaries, policy support, economic and financial factors, socio-cultural aspects, gender, appropriate technology, environmental aspects, and institutional and management capacity. Recurrent Costs Costs for operation and maintenance that will continue to be incurred after the implementation period of the operation. Relevance The appropriateness of operation objectives to the real problems, needs and priorities of the intended target groups and beneficiaries that the operation is supposed to address, and to the physical and policy environment within which it operates. Resource Schedule A breakdown of the operation budget where means and costs are linked to activities, and detailed per time period selected. Results The products of the activities undertaken, the combination of which achieve the Purpose of the operation, namely a start of enjoyment of sustainable benefits for the target groups. Risks See also Assumptions. External factors and events that could affect the progress or success of the operation, and that are not very likely to hold true. They are formulated in a negative way, e.g.: Reform of penal procedures fails. Sources of Verification They form the third column of the logframe and indicate where and in what form information on the achievement of the Overall Objectives, the Operation Purpose and the Results can be found (described by the objectively verifiable indicators). Stakeholder Analysis Stakeholder analysis involves the identification of all stakeholder groups likely to be affected (either positively or negatively) by the proposed intervention, the identification and analysis of their interests, problems, potentials, etc. The conclusions of this analysis are then integrated into the operation design. Stakeholders Any individuals, groups of people, institutions or firms that may have a relationship with the operation / programme are defined as stakeholders. They may directly or indirectly, positively or negatively affect or be affected by the process and the outcomes of operations or programmes. Usually, different sub-groups have to be considered. Start-up Period The period of operation implementation immediately after the arrival of the contractor / technical assistance. Sustainability The likelihood of a continuation in the stream of benefits produced by the operation after the period of external support has ended. Sustainability Criteria See Quality Factors. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 12

13 SWOT Analysis Analysis of an organisation s Strengths and Weaknesses, and the Opportunities and Threats that it faces. A tool that can be used during all phases of the project cycle. Target Group(s) The group / entity who will be positively affected by the operation at the Operation Purpose level and with whom the operation will work very closely, as well as for whom. Technical Assistance Specialists, consultants, trainers, advisers, etc. contracted for the transfer of knowhow and skills and the creation and strengthening of institutions. Terms of Reference Terms of Reference define the tasks required of a contractor and indicate operation background and objectives, planned activities, expected inputs and outputs, budget, timetables and job descriptions. Workplan The schedule that sets out the activities and resources necessary to achieve an operation s results and purpose. MAPID Materiali didattici programma formativo Mapid Italia 13

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007)

ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) ITALIAN EGYPTIAN DEBT FOR DEVELOPMENT SWAP PROGRAM (Agreement signed in Cairo on 03.06.2007) PROJECT DOCUMENT FORMAT EXECUTIVE SUMMARY Project title Sistemi Innovativi e di Ricerca per la Salvaguardia

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta. Daniela Mercurio. Punto di Contatto Nazionale ICT PSP

Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta. Daniela Mercurio. Punto di Contatto Nazionale ICT PSP APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea ICT PSP Come presentare una proposta Daniela Mercurio Punto di Contatto Nazionale ICT PSP Università degli studi Tor Vergata, 12 Luglio 2007 Argomenti

Dettagli

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione,

Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, Pianificare un progetto: team, valutazione, disseminazione, ecc. OBIETTIVI SECONDA PARTE 1) Comprendere le principali implicazioni organizzative di un progetto PH 2) Imparare ad organizzare le attività

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION

DESTINAZIONE EUROPA. BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION A P R E AGENZIA P E R L A PROMOZIONE D E L L A RICERCA EUROPEA DESTINAZIONE EUROPA BOARDING PASS PER LE MARIE CURIE FELLOWSHIP Focus sul capitolo B4 IMPLEMENTATION Di Angelo D Agostino con la collaborazione

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti.

N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. ERRATA CORRIGE N 1 alla versione bilingue (italiano-inglese) DEL 31 luglio 2009 NORMA UNI EN ISO 9001 (novembre 2008) TITOLO Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti Punto della norma Pagina Oggetto

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Erasmus+ Partenariati strategici

Erasmus+ Partenariati strategici Erasmus+ Partenariati strategici Questo documento è stato elaborato dall Agenzia nazionale Erasmus+ Indire per aiutare gli utenti nella compilazione dei alcune sezioni dell eform KA2 per partenariati strategici.

Dettagli

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM

PROGRAMMA DI VALUTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM PROGRAMMA DI VALU UTAZIONE POST LIFE AFTER LIFE EVALUATION PROGRAM Versione del 24/ /01/2014 LIFE099 ENV/IT/000068 WASTE LESS in CHIANTI Prevenzione e riduzione dei rifiuti nel territorio del Chianti INDICE

Dettagli

Introduzione alla metodologia di progettazione europea

Introduzione alla metodologia di progettazione europea Seminario informativo Come presentare una proposta di successo nel quadro del programma ENPI CBC MED Introduzione alla metodologia di progettazione europea (parte I versione ridotta) Docente: Cecilia Chiapero

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente

Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Auditorium dell'assessorato Regionale Territorio e Ambiente Università degli Studi di Palermo Prof. Gianfranco Rizzo Energy Manager dell Ateneo di Palermo Plan Do Check Act (PDCA) process. This cyclic

Dettagli

Gli strumenti di stesura del progetto

Gli strumenti di stesura del progetto Gli strumenti di stesura del progetto Piano di Formazione Nazionale Modulo III Ed. Bologna 8 maggio 2013 A cura di Andrea Jester Concetti chiave Parte 2 GLI ULTERIORI PUNTI CHE UN PROGETTISTA DEVE CONSIDERARE

Dettagli

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti Stefano Benvenuti Lorenzo Gios CReMPE Regione Veneto Coordinamento

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

La progettazione in ambito europeo: in pillole la pianificazione e qualche definizione

La progettazione in ambito europeo: in pillole la pianificazione e qualche definizione La progettazione in ambito europeo: in pillole la pianificazione e qualche definizione LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO (1) 6 PUNTI CHIAVE NELLA PREPARAZIONE DI UNA PROPOSTA 1. Formulare obiettivi adeguati

Dettagli

Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013. Unitàdi progetto Cooperazione Transfrontaliera

Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013. Unitàdi progetto Cooperazione Transfrontaliera Programma di Cooperazione Transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013 Unitàdi progetto Cooperazione Transfrontaliera Base giuridica -Regolamento IPA (1085/2006) Regolamento (718/2007) di di attuazione del

Dettagli

Erasmusplus 2015. Azione Chiave 2 Cooperazione per l innovazione e lo scambio di buone pratiche

Erasmusplus 2015. Azione Chiave 2 Cooperazione per l innovazione e lo scambio di buone pratiche Erasmusplus 2015 Azione Chiave 2 Cooperazione per l innovazione e lo scambio di buone pratiche PARTENARIATI STRATEGICI Consigli per la compilazione del modulo di candidatura 2015 NOTA Questo documento

Dettagli

Il report è. correlati con le spese

Il report è. correlati con le spese Il report è - collegato ai pagamenti (intermedio e finale) - obbligatorio (da contratto) e deve essere prodotto entro 2 mesi dalla fine del progetto (data indicata nel contratto) - inoltre, deve essere

Dettagli

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena?

Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Tanta fatica solo per un bollino ne vale davvero la pena? Relatori: Paolo SFERLAZZA Alberto PERRONE Relatori Paolo Sferlazza Security Advisor CISA,LA27001,LA22301,OPST, COBIT 5, ITIL,LA9001,ISFS, ITSM,ISMA

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA?

CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Qualità 4-2013 CRESCE L ATTENZIONE AL RISK MANAGEMENT; ANCHE LA COMPETENZA? Giovanni Mattana IL CONTESTO Scrivevamo due anni fa che il Risk Management porta a fattor comune molti aspetti finora trattati

Dettagli

Scuola di Ingegneria giuseppe.lascasas@unibas.it

Scuola di Ingegneria giuseppe.lascasas@unibas.it Università degli Studi della Basilicata Scuola di Ingegneria UN APPROCCIO RINNOVATO ALLA RAZIONALITÀ NEL PIANO: IL LOGICAL FRAMEWORK APPROACH Ingegneria del territorio 26-11-2015 Prof. Giuseppe Las Casas

Dettagli

L INFORMATIVA GRI (CORE)

L INFORMATIVA GRI (CORE) 90 TABELLA DI CORRISPONDENZA CON L INFORMATIVA GRI (CORE) La presente tabella di raccordo indica la corrispondenza tra l informativa standard richiesta dalle nuove linee guida del Global Reporting Initiative

Dettagli

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL

IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL IMPLEMENTATION MONITORING PROTOCOL Monitoraggio dell attuazione del progetto NO.WA No Waste 31/03/2012 2 Introduzione... 4 Introduction... 4 1. Ruoli e responsabilità... 5 Project Coordinator e Project

Dettagli

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti

CIG 4824064F88. Risposte ai quesiti pervenuti Bando di gara a procedura aperta per l affidamento del Servizio di assistenza tecnica finalizzata al supporto alle attività di gestione, monitoraggio, valorizzazione e diffusione dei risultati del Programma

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO)

ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO. FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) ALLEGATO A MODULO 1 PROGETTO ORDINARIO FORM 1 General information about the project (MODULO 1 INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGETTO) INSTITUTION PRESENTING THE PROJECT (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE):

Dettagli

Participatory Budgeting in Regione Lazio

Participatory Budgeting in Regione Lazio Participatory Budgeting in Regione Lazio Participation The Government of Regione Lazio believes that the Participatory Budgeting it is not just an exercise to share information with local communities and

Dettagli

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa

ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between University College London and The Scuola Normale Superiore, Pisa ARRANGEMENT FOR A STUDENT EXCHANGE between and The Scuola Normale Superiore, Pisa Preamble 1. The Faculty of Arts and Humanities (FAH) of (UCL) and the Scuola Normale Superiore of Pisa (SNS) have agreed

Dettagli

Workshop Genova 17 settembre 2015 Programma Spazio Alpino 2014-2020

Workshop Genova 17 settembre 2015 Programma Spazio Alpino 2014-2020 Workshop Genova 17 settembre 2015 Programma Spazio Alpino 2014-2020 Le modalità di partecipazione ai bandi Carlo Palazzoli IT National Contact Point This programme is co-financed by the European Regional

Dettagli

GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS

GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS MountEE - Energy efficient and sustainable building in European municipalities in mountain regions IEE/11/007/SI2.615937 GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS REGIONAL STRATEGIES AND PROGRAMS: VEA VALUTAZIONE

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Come presentare una proposta nel VII PQ: i fattori di successo Gianluca Rossi Sassari 29 Maggio 2008 Dall Idea al progetto 1. Project idea 2. Consortium

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE

GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA DIVISIONE EUROPROGETTAZIONE GOLDEN GROUP PORTA LE AZIENDE IN EUROPA Un TEAM di specialisti in progettazione europea assiste le imprese per attivare gli strumenti

Dettagli

La domanda della Sovvenzione Globale di Visione Futura

La domanda della Sovvenzione Globale di Visione Futura La domanda della Sovvenzione Globale di Visione Futura Rodolfo Michelucci Presidente della Sottocommissione Distrettuale Sovvenzioni Membro della Commissione Distrettuale Fondazione Rotary LE SOVVENZIONI

Dettagli

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.:

Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04/02/2013 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM. Ref.: Iris and SJU Project P15.2.6 Iris Public Event 04 University of Salzburg Unipark P. Tavernise P15.2.6 PM R Content Project 15.2.6: Main objective Project 15.2.6: Project in brief Project 15.2.6: Specific

Dettagli

La programmazione: le metodologie di microcredito

La programmazione: le metodologie di microcredito La programmazione: le metodologie di microcredito Georgia Bertagna 18 e 19 novembre 2009 Le metodologie del microcredito La metodologia è l insieme di sistemi e procedure che un programma sviluppa per

Dettagli

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO

ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA L ENTE ITALIANO DI ACCREDITAMENTO ACCREDIA 14 Settembre 2012 Emanuele Riva Coordinatore dell Ufficio Tecnico 1-29 14 Settembre 2012 Identificazione delle Aree tecniche Documento IAF 4. Technical

Dettagli

RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes

RELS Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks Technical meeting minutes RELS "Innovative chain for energy recovery from waste in natural parks" Technical meeting minutes Reggio Emilia 30/08/2010 Lista dei partecipanti ALBERTO BELLINI BIANCHINI CLAUDIO GAMBERINI RITA MILANI

Dettagli

Comunicato Stampa. Press Release

Comunicato Stampa. Press Release Comunicato Stampa Come previsto dal Capitolo XII, Paragrafo 12.4 del Prospetto Informativo Parmalat S.p.A. depositato presso la Consob in data 27 maggio 2005 a seguito di comunicazione dell avvenuto rilascio

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org

Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org Le procedure di valutazione dei Corsi di studio www.anvur.org Roberto Torrini Direttore ANVUR Roberto.Torrini@anvur.org Una offerta formativa flessibile, orientata alle competenze, atta a migliorare l

Dettagli

Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy

Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy Come la Certificazione IPMA sostiene l evoluzione del business Giuseppe Pugliese Direttore Certificazione IPMA Italy TECNICHE MODERNE DI PROJECT CONTROL SEMINARIO - Roma 28.03.2013 IPMA 50 ANNI DI STORIA

Dettagli

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services

Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services Servizi innovativi per la comunicazione Innovative communication services ECCELLENZA NEI RISULTATI. PROGETTUALITÀ E RICERCA CONTINUA DI TECNOLOGIE E MATERIALI INNOVATIVI. WE AIM FOR EXCELLENT RESULTS

Dettagli

ACCETTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DEL CLIENTE- FASI CONCLUSIVE DEL PROGETTO E ADEMPIMENTI FINALI

ACCETTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DEL CLIENTE- FASI CONCLUSIVE DEL PROGETTO E ADEMPIMENTI FINALI ACCETTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DEL CLIENTE- FASI CONCLUSIVE DEL PROGETTO E ADEMPIMENTI FINALI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. g. gariboldi@sini.it

Dettagli

Andrea-Cornelia Riedel

Andrea-Cornelia Riedel EUROSTUDENT III La dimensione sociale nel processo di Bologna Il contributo di EUROSTUDENT, il suo ruolo e le prossime tappe HIS, EUROSTUDENT-coordinamento 12 Novembre 2008 Roma, Italia 1 L Indice 1. La

Dettagli

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012

APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone Roma, 8 giugno 2012 APRE Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea Gli strumenti e le modalità di partecipazione al 7 PQ Antonio Carbone L' APRE è un Ente di ricerca non profit con obiettivo, sancito dall articolo 3

Dettagli

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group)

CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) CiaoTech S.r.l. (Member of PNO Group) Opportunità di finanziamento europee per la Ricerca e lo Sviluppo - The New EU Framework Programme for Research and Innovation- Horizon 2014-2020 and LIFE opportunities

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale

SPACE TECHNOLOGY. Per la creazione d impresa. for business creation. and environmental monitoring. ICT and microelectronics. e monitoraggio ambientale Green economy e monitoraggio ambientale Green economy and environmental monitoring Navigazione LBS Navigation LBS ICT e microelettronica ICT and microelectronics Per la creazione d impresa SPACE TECHNOLOGY

Dettagli

INDUSTRIAL AUTOMATION

INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION PRELIMINARY VERIFICATION DESIGN CONSTRUCTION INSTALLATIONS START SYSTEM INDUSTRIAL AUTOMATION Gli impianti industriali di produzione sono completati da apparecchiature

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa

Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Il Progetto ECCE Un esperienza locale ed europea tra Università e Impresa Giornata Erasmus 2011 Monitoraggio del rapporto Università e Impresa Roma, 17 febbraio 2011 This project has been funded with support

Dettagli

Il Project Cycle Management (PCM) nell approccio della Commissione Europea: ovvero la posizione del DPS nelle varie fasi

Il Project Cycle Management (PCM) nell approccio della Commissione Europea: ovvero la posizione del DPS nelle varie fasi Roberto CARPANO from ideas to projects Il Project Cycle Management (PCM) nell approccio della Commissione Europea: ovvero la posizione del DPS nelle varie fasi Roma: 12, 19 e 26 Marzo - 2 e 4 Aprile 2006

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

Politica Ambientale del Gruppo Generali. Environmental Policy of the Generali Group

Politica Ambientale del Gruppo Generali. Environmental Policy of the Generali Group Politica Ambientale del Gruppo Generali Environmental Policy of the Generali Group Editore Responsabilità Sociale d Impresa Editing Corporate Social Responsibility Coordinamento Grafico Comunicazione di

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

Il Consortium Agreement

Il Consortium Agreement Il Consortium Agreement AGENDA Il CA in generale La govenance Legal and Financial IPR Cos è il CA? Il CA è un accordo siglato fra i partecipanti ad un azione indiretta (ad es. un progetto) finanziata nell

Dettagli

The Zachman Framework for Enterprise Architecture

The Zachman Framework for Enterprise Architecture The Zachman Framework for Enterprise Architecture Introduzione Una delle sfide più importanti che un impresa moderna deve affrontare è quella del cambiamento. Considerando la necessità di cambiamento dal

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health

La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia. Liliana Coppola DG Health La governance regionale nello sviluppo di programmi di promozione alla salute nelle comunità: l esperienza in Lombardia Liliana Coppola DG Health Le malattie croniche: un allarme mondiale 57 milioni di

Dettagli

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione

ISO 9001:2015. Il processo di revisione 16/11/2014. Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione ISO 9001:2015 Il processo di revisione 1 Verso l ISO 9001:2015 gli steps del processo di revisione Marzo 2014: meeting ISO a Parigi ha completato la preparazione dell ISO/DIS 9001 (riesame dei commenti

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Functional Safety Assessment e strumenti di supporto ai requisiti della norma ISO 26262 Carlo La Torre 4S Group - Management Systems & Functional Safety Senior Expert Renato Librino 4S Group

Dettagli

ERC Starting Grant. la mia esperienza. Annalisa Buffa

ERC Starting Grant. la mia esperienza. Annalisa Buffa ERC Starting Grant la mia esperienza Annalisa Buffa Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche - Pavia Consiglio Nazionale delle Ricerche GeoPDEs : ERC Starting Grant A. Buffa (IMATI-CNR

Dettagli

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015

HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 HarNoBaWi Udine, 09/03/2015 Armonizzazione del processo di notifica nell ambito dell economia dello smaltimento e recupero dei rifiuti nell Euroregione Carinzia FVG Veneto Interreg IV Italia Austria Programma

Dettagli

L Europrogettazione per l accesso ai finanziamenti UE

L Europrogettazione per l accesso ai finanziamenti UE L Europrogettazione per l accesso ai finanziamenti UE 1. Regole Generali per la Presentazione di una Domanda di Sovvenzione 2. Project Cycle Management Fernando De Luca Europroject Coordinator FOCUS EUROPE

Dettagli

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain

Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Estendere Lean e Operational Excellence a tutta la Supply Chain Prof. Alberto Portioli Staudacher www.lean-excellence.it Dipartimento Ing. Gestionale Politecnico di Milano alberto.portioli@polimi.it Lean

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo)

NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA. HEAD OFFICE ADRESS (Indirizzo) QUESTIONARIO PER L ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE DEL GRAFOLOGO NOTA PER LA COMPILAZIONE: OVE LE DOMANDE PROPONGANO UNA RISPOSTA CON OPZIONI PREDEFINITE, BARRARE QUELLA SCELTA

Dettagli

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles

Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Economic Evaluation of Upstream Technology Beyond NPV & IRR: touching on intangibles Massimo Antonelli Alberto F. Marsala Nicola De Blasio Giorgio Vicini Vincenzo Di Giulio Paolo Boi Dean Cecil Bahr Lorenzo

Dettagli

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1

Studio I ng. Fab. rizio Di Crosta AGIRE 10/12/2008 1 AGIRE 10/12/2008 1 Sommario 1.Perché misurare? 2.I KPI 3.Le Balanced Scorecard 4.Gli indicatori nelle ISO 9000:2008 5.Gli indicatori nel sistema di gestione 6.Esempi di indici 10/12/2008 2 Il contesto

Dettagli

IPMA International Project Management Association

IPMA International Project Management Association IPMA International Project Management Association II Workshop di Project Management 2012 BEYOND THE PROJECT Ordine degli Ingegneri di Salerno Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia

Dettagli

Barbara Labella. Roma, 10 Aprile 2013

Barbara Labella. Roma, 10 Aprile 2013 Roma, 10 Aprile 2013 Gli strumenti di stesura del progetto: brainstorming, questionari, focus group, analisi swot, albero dei problemi, albero degli obiettivi, quadro logico, diagramma di Gantt Barbara

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks?

Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity. Che cos è Parks What is Parks? Diversity: un opportunità per il business Diversity: a key business opportunity In un clima economico in cui ogni azienda si trova di fronte alla necessità di razionalizzare le proprie risorse e di massimizzare

Dettagli

Progetto Mattone Internazionale. PFN - Piano di Formazione Nazionale Modulo III Corso B La gestione del progetto. Come iniziare la gestione?

Progetto Mattone Internazionale. PFN - Piano di Formazione Nazionale Modulo III Corso B La gestione del progetto. Come iniziare la gestione? Progetto Mattone Internazionale PFN - Piano di Formazione Nazionale Modulo III Corso B La gestione del progetto Come iniziare la gestione? Genova, 14 ottobre 2013 Stefano Benvenuti Obiettivi della sessione

Dettagli

QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS

QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS MountEE - mountee: Energy efficient and sustainable building in European municipalities in mountain regions IEE/11/007/SI2.615937 QUESTIONNAIRE GOOD PRACTICE SUSTAINABLE BUILDINGS REGIONAL STRATEGIES AND

Dettagli

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it

Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory uno strumento a supporto delle trasformazioni Lean Claudio Carbonaro c.carbonaro@jmac.it Kart Factory - Background Originariamente, il Lean Management Practical Training Programme è stato

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

Facoltà di Ingegneria

Facoltà di Ingegneria Facoltà di Ingegneria FOTO Spazio riservato all Ufficio Mobilità Studentesca Prot. n. del LLP ERASMUS Consortia Placement E+S: Engineering for sustainability Ingegneria per la Sostenibilità DOMANDA DI

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli