I Rapporto Semestrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Rapporto Semestrale"

Transcript

1 I Rapporto Semestrale Giugno-Dicembre 2006 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Attività del Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel Mondo Sen. Franco Danieli

2 I Rapporto Semestrale Giugno-Dicembre 2006 Attività del Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel Mondo Sen. Franco Danieli

3 Indice Presentazione 5 3 CRONOLOGIA Interventi al Parlamento 7 Interventi al Consiglio Generale degli Italiani all Estero (CGIE) 8 Missioni e Convegni all Estero 9 Missioni e Convegni in Italia 11 Incontri 15 INDICE ALFABETICO PER ARGOMENTI 23

4 Presentazione Questo primo rendiconto semestrale della mia attività di Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel mondo vuole essere uno strumento per rendere trasparenti e comprensibili, e quindi giudicabili, i programmi, le attività ed i risultati che si raggiungono. Uno strumento rivolto a tutti, ai responsabili istituzionali come ai cittadini, accompagnato dalla descrizione di eventi, di incontri, di programmi, di cifre di facile lettura, tali da consentire a ciascuno di capire come vengono utilizzate le risorse pubbliche impegnate per rispondere ai bisogni delle nostre collettività, per promuovere la cultura, le imprese e il Sistema Italia nel mondo. Una forma di comunicazione che vuole anche rispondere positivamente alla crescente esigenza di partecipazione dei cittadini alla vita delle istituzioni, che favorisce il dialogo e il confronto, aiuta ad individuare le priorità nelle scelte di governo, attivando un processo circolare di condivisione e di valutazione dei risultati. Un dialogo aperto con le comunità di riferimento e un modo inclusivo e trasparente di concepire il mandato e di assumere le responsabilità che mi competono. 5 Sen. Franco Danieli Vice Ministro degli Affari Esteri

5

6 Cronologia Giugno-Dicembre 2006 INTERVENTI AL PARLAMENTO Commissione Affari Esteri Senato, Audizione sugli indirizzi del Governo per gli italiani nel mondo Sottocommissione Esteri del Senato, Intervento su assestamento di bilancio 4 e 11 luglio 17 ottobre 7 INTERVENTI AL PARLAMENTO Commissione Affari Esteri Senato, Audizione sulla situazione e sulle prospettive della rete consolare 15 novembre Aula Senato, Ratifica ed esecuzione della Convenzione sulla protezione e la promozione delle diversità delle espressioni culturali 19 dicembre

7 I RAPPORTO SEMESTRALE INTERVENTI AL CONSIGLIO GENERALE DEGLI ITALIANI ALL ESTERO (C.G.I.E.) 8 INTERVENTI AL CONSIGLIO GENERALE DEGLI ITALIANI ALL ESTERO (G.G.I.E.) 15 giugno 10 luglio 21 settembre 4 ottobre 13 novembre 4 dicembre Comitato di presidenza, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Assemblea plenaria, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Assemblea Plenaria, Relazione di Governo

8 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO Marcinelle (Belgio), 50 Anniversario Disastro Minerario Bruxelles (Belgio), 60 Anniversario della Firma degli Accordi Bilaterali belgo-italiani San Marino New York e Chicago (USA), Columbus Day 8 agosto 12 settembre settembre 6-9 ottobre 9 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO Australia 26 ottobre - 2 novembre Nuova Zelanda 3-7 novembre

9 I RAPPORTO SEMESTRALE novembre Venezuela 2 dicembre Nizza (Francia) 10 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO 4-12 dicembre Argentina

10 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Roma, Fondazione Giovanni Agnelli, Seminario Protagonisti del voto italiano all estero. Una lettura culturale del comportamento elettorale Roma, III Congresso UIM "Dal presente per il futuro Siena, Inaugurazione dell anno accademico dell Università per Stranieri 12 giugno 21 giugno 14 luglio 11 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Belluno, Associazione Bellunesi nel mondo, Convegno Italiani nel Mondo Immigrati in Italia Il futuro dell associazionismo in emigrazione 22 luglio Roma, Ministero degli Affari Esteri, Conferenza programmatica Rai International e l informazione per gli italiani nel mondo 24 luglio

11 I RAPPORTO SEMESTRALE 27 luglio Caporciano (L Aquila), Inaugurazione Monumento all Emigrante 2 settembre Bitritto (Bari), Regione Puglia III Festa dei Pugliesi nel Mondo Tavola Rotonda Casa Puglia: Il mondo negli occhi, la Puglia nel cuore 12 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA 6 settembre 9 settembre Roma, II Assemblea Congressuale della Federazione Acli Internazionali, Seminario Gli italiani nel mondo: più cittadinanza, più partecipazione, più rappresentanza. Ruolo dell associazionismo Livorno, inaugurazione della Mostra Lontane Americhe 10 settembre Castelnuovo Garfagnana, Barga (Lucca), Regione Toscana, III Giornata dei Toscani all estero 17 settembre Pesaro, Festa Nazionale dell Unità, Gli italiani all estero nel Parlamento italiano

12 Bardi (Parma), Commemorazione vittime dell Arandora Star e Borgo Val di Taro (Parma), Premio Borgo Val di Taro, Scritture dell emigrazione 23 settembre Genova, Seminario Fondazione Casa America 30 settembre Roma, Seminario Nuove forma di rappresentanza delle communities di origine italiana di Assocamerestero e Associazione Globus et Locus Roma, Fondazione Migrantes, presentazione Rapporto Italiani nel mondo ottobre 4 ottobre 13 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Loreto, Regione Marche, Riunione del Consiglio dei marchigiani all estero 13 ottobre Roma, Conferenza di apertura della Settimana della Lingua Italiana nel mondo 17 ottobre Lecco, Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero ottobre

13 I RAPPORTO SEMESTRALE 11 novembre Lainate (Milano), Inaugurazione della mostra Marcinelle 50 anni dopo Associazione Flangini 13 novembre Roma, Campidoglio, Inaugurazione della Settimana della Cultura Russa 14 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA 24 novembre Gualdo Tadino (Perugia), Museo Regionale dell Emigrazione Pietro Conti, Giornata di Studio Io e l altro. Le migrazioni: una risorsa o un problema?

14 INCONTRI * Delegazione Niaf, National Italian American Foundation Ambasciatore Bielorussia Alexej Skripko, Ambasciatore Australia Peter Woolcott 19 giugno 26 giugno 15 INCONTRI Ambasciatore Moldova Nicolae Dudau; Direttivo Fusie (Federazione Unitaria Stampa Italiana all Estero) 10 luglio Comitato tecnico scientifico per le celebrazioni del centenario di Primo Carnera 17 luglio Delegazione docenti USA di lingua italiana e ILICA, Italian Language Inter-Cultural Alliance 20 luglio Presidente delle Abuelas de Plaza de Mayo, Estela Carlotto; Ambasciatore Argentina Vittorio Taccetti 24 luglio * Sono indicati solo alcuni degli incontri avvenuti nel periodo.

15 I RAPPORTO SEMESTRALE 3 agosto Incontro gruppo di lavoro del Cda Rai sulla presenza internazionale dell azienda 8 agosto Marcinelle (Belgio), Sindaco di Charleroi Jacques Van Gompel: Direttore del Museo du Bois du Cazier M. Jean-Louis Delact: Presidente dell Associazione du Bois du Cazier, Comunità Italiana 16 INCONTRI 11 settembre Comitato promotore festival cinema Gold Cost (Australia), Presidente Comites Lugano 12 settembre Bruxelles (Belgio), Ministro degli Affari Esteri del Regno del Belgio On. Karel De Gucht 13 settembre Ambasciatore Romania Cristian Valentin Colteanu 14 settembre San Marino, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Fiorenzo Stolfi; Capitani Reggenti, Gian Franco Terenzi e Loris Francini 15 settembre Ministro degli Esteri del Principato di Monaco, Henri Fissore

16 Direttivo CNE, Consulta Nazionale dell Emigrazione 18 settembre Responsabile Trentini nel Mondo, Paolo Tonelli; Presidente CNIPA, Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione, Attilio di Turi 19 settembre Amministratore Delegato dell Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Massimo Ponzellini 21 settembre 17 INCONTRI Dorothy Mahlangu, Minisitro Provinciale degli Interni della Regione Gauteng (Repubblica del Sudafrica) e Dott. Firoz Cachalia, Ministro Regionale della Sicurezza (Repubblica del Sudafrica) 28 settembre Presidenza Fondazione Casa America 30 settembre New Jersey (USA), Sen. Turano, US Congressman Bill Pascrell, US Sen. Lautenberg; Chicago (USA), Sindaco di Chicago Richard Daly, Rod Blagojevich Governatore dell Illinois 8 ottobre Ambasciatore Argentina Vittorio Taccetti 12 ottobre

17 I RAPPORTO SEMESTRALE 19 ottobre Presidente della Camera dei Deputati Argentina, On. Alberto Balestrini, Sottosegretario per gli Affari Istituzionali, Ambasciatore Marcelo Fuentes 21 ottobre Robert De Niro, Festival del Cinema di Roma 18 INCONTRI 29 ottobre 30 ottobre Sydney (Australia), Ministro statale per il turismo, lo sport e i grandi eventi, Sandra Nori Melbourne (Australia), Ministro dell Istruzione dello Stato del Victoria Lynne Kosky; Sindaco di Melbourne, John So 31 ottobre Melbourne (Australia), Governatore dello Stato del Victoria, David De Kratser 1 novembre Adelaide (Australia), Premier ad interim, Ministro per la Polizia, per le Risorse Minerarie e Ministro per lo sviluppo Urbano, Paul Holloway; Presidente della Camera Alta del Parlamento Bob Sneath; Speaker della Camera Bassa del Parlamento Jack Snelling; Ministro per i Servizi d Emergenza Carmelina Zollo

18 Canberra (Australia), Ministro dell Immigrazione Amanda Vanstone; Sottosegretario agli Esteri Teresa Gambaro; Ministro per gli Anziani Santo Santoro 2 novembre Auckland (Nuova Zelanda), Ministro degli esteri Winston Peters 4 novembre Auckland (Nuova Zelanda), Ministro della Conservazione e degli Affari Etnici Chris Carter 5 novembre 19 INCONTRI Prof. Robert J. Shapiro, Chairman della Progressive Foundation 8 novembre Ambasciatore Moldova Nicolae Dudau; Presidente IILA (Istituto Italo Latino Americano) Amb. Paolo Bruni 13 novembre Senatrice del New South Wales, Australia, Connie Fierravanti Wells 14 novembre Sottosegretario ai Beni culturali Andrea Marcucci; Direttore dell IFG di Urbino Enrico Mascilli Migliorini 15 novembre

19 I RAPPORTO SEMESTRALE 17 novembre CePa; Assessore alle Politiche Attive del Lavoro della Regione Liguria, Enrico Vesco; Presidente e Segretario Generale del P.E.N. Club Italia, Lucio Lami e Emanuele Bettini 23 novembre Amministratore Delegato dell Agenzia regionale del Turismo Lazio e Sen. Athos de Luca 20 INCONTRI 28 novembre Caracas (Venezuela) Vicepresidente della Repubblica José Vicente Rangel, Vice Ministro per la Sicurezza Cittadina, Generale Jesus Villegas Solarte, Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per l Europa, Rodrigo Chaves e il Ministro della Pianificazione e Presidente del comitato di Amicizia Italo-Venezuelano Jorge Giordani 29 novembre Maracay (Venezuela) Governatore dello stato di Aragfua, Didalco Bolivar Graterol 30 novembre Maracaibo (Venezuela), Sindaco di Maracaibo, Di Martino 1 dicembre Sindacati MAE (CGIL, CISL, UIL); SICIS MAE, SNDMAE

20 Nizza (Francia), Sindaco di Nizza Jacques Peyrat, Presidente Onorario Camera di Commercio e rappresentanti della comunità 2 dicembre Delegazione CePa, Centro Patronati 4 dicembre Buenos Aires (Argentina), Presidente della Camera dei Deputati Alberto Balestrini; Sindaco di Moron Martin Sabbatella, Vice Ministro degli Esteri argentino, García Moritán 5 dicembre 21 INCONTRI Buenos Aires (Argentina), Senatrice Cristina Kirchner 6 dicembre Buenos Aires (Argentina), Sottosegretario Risorse energetiche, Christian Folgar 7 dicembre Buenos Aires (Argentina), Ministro degli Esteri argentino Jorge Taiana 11 dicembre Direttore Rai International, Piero Badaloni 18 dicembre

21

22 Indice alfabetico per argomenti 23 Assistenza 26 Associazionismo 27 Circoscrizione Estero 28 Cittadinanza 29 Comunicazione istituzionale 30 Connazionali all estero in aree di crisi 31 Finanziaria

23 I RAPPORTO SEMESTRALE Formazione professionale 33 Giovani Italiani nel Mondo 34 Informazione e Rai International Missioni all estero Argentina 36 Australia 38 Belgio 40 Nizza 41 Nuova Zelanda 42 San Marino 43 Stati Uniti d America 44 Venezuela 45 Museo dell emigrazione e dell Italia nel mondo 47 Parlamentari di origine italiana 48

24 Passaporto elettronico e Carta d Identità 49 Patronati 51 Promozione cultura italiana 52 Rappresentanza Rete Consolare 56 Scuola e lingua italiana 58 Turismo di ritorno 60

25 ASSISTENZA I RAPPORTO SEMESTRALE Assistenza 26 Nell ambito del generale aumento degli investimenti a favore della collettività italiana all estero, previsto dalla Finanziaria 2007, il capitolo dell assistenza diretta è quello che registra il più significativo incremento. Lo stanziamento passa dai poco più di 13 milioni di euro allocati nel 2006 a 20 milioni di euro. Un aumento di oltre il 49%. Anche il capitolo relativo all assistenza indiretta, cioè i contributi erogati ad enti e associazioni all estero che svolgono attività assistenziale a favore dei connazionali indigenti, aumenta di quasi euro, con un differenziale del 29% rispetto al precedente stanziamento. Si passa dall assistenzialismo vecchio stampo ad una forma di tutela sociale più avanzata nei confronti dei connazionali indigenti che vivono all estero. In quest ottica, per i Paesi extracomunitari privi di valide forme di tutela sociale, con sistemi sanitari privatizzati o dove l assistenza pubblica è indiscutibilmente al di sotto di livelli accettabili, come nella maggior parte del Sud America, si sta procedendo all introduzione di un sistema di polizze assicurative sanitarie che consentiranno ai connazionali bisognosi di ricevere cure adeguate sia per le prestazioni di base che per quelle a carattere specialistico. In questo modo ci si attende la maggior copertura del territorio, grazie alla presenza capillare di centri di cura convenzionati, oltre alla possibilità di ricorso alle strutture più efficienti. Tale sistema, già adottato nei mesi scorsi a titolo sperimentale in Colombia, sarà esteso gradualmente nelle altre diverse realtà territoriali, a partire dal Venezuela già dalla fine di gennaio e successivamente all Argentina. Parallelamente, si sta predisponendo la revisione della circolare ministeriale che prescrive i massimali dei contributi erogati dai Consolati ai connazionali indigenti: dagli attuali 1032 euro si passerà a 1500, da erogare anche in diverse tranches e non più solo una tantum come avviene oggi, in modo da adeguare tale intervento in favore dei connazionali in difficoltà non solo all inflazione ma anche alle loro specifiche esigenze.

26 Associazionismo La banca dati contenente l elenco delle associazioni italiane nel mondo annovera attualmente ben entità. Una ricca e straordinaria realtà con luci ed ombre. Una riflessione su questo composito mondo si impone alla luce di alcuni elementi che vedono in alcuni casi uno scarso dinamismo da un lato ed una crescente dipendenza da contributi esterni, nazionali o regionali. La conseguenza di tale obiettiva evoluzione ha comportato la perdita di un ruolo attivo delle associazioni nell elaborazione di politiche in favore delle comunità all estero, il forte aumento dell età media dei soci nonché la progressiva svalutazione del patrimonio immobiliare e culturale che non di rado presentano rilevanza storica ed architettonica anche per il Paese di residenza. In queste condizioni hanno finito talvolta con il non essere valorizzate anche le non poche esperienze di associazioni che svolgono attività consolidate e positive in campo culturale, scolastico, assistenziale e del tempo libero e che potrebbero essere prese a modello da analoghi sodalizi nello stesso Paese o nella stessa Regione. Occorrerà quindi procedere alla elaborazione di una organica e generale strategia finalizzata ad individuare strumenti ed azioni per il rilancio dell associazionismo italiano nel mondo, secondo modelli e pratiche adeguate ai tempi e soprattutto in grado di coinvolgere attivamente le nuove generazioni. ASSOCIAZIONISMO 27

27 CIRCOSCRIZIONE ESTERO 28 I RAPPORTO SEMESTRALE Circoscrizione Estero Le elezioni politiche svoltesi nell aprile del 2006 hanno rappresentato la prima prova elettorale cui hanno potuto partecipare i connazionali residenti all estero, eleggendo direttamente i propri rappresentanti nel Parlamento nazionale e avviando così un nuovo corso nei rapporti con quell Italia che vive al di fuori dei confini geografici. Si è trattato di un esperienza importante, di una prova di maturità democratica, del riconoscimento di una piena partecipazione delle collettività all estero alla vita politica nazionale. Gli eletti all estero con la loro presenza nelle aule parlamentari contribuiscono a sviluppare una nuova sensibilità all interno delle Istituzioni rappresentative nei confronti della comunità italiana oltreconfine. Seppur investiti costituzionalmente del ruolo di rappresentanti dell intero popolo italiano, essi costituiscono naturalmente un riflettore acceso sulla collettività italiana nel mondo, evidenziandone i caratteri, la dinamicità, le istanze e le potenzialità; tale ruolo occorre sia riconosciuto come valore aggiunto da potenziare e valorizzare, specie nel contesto di internazionalizzazione in cui l Italia si muove. Il risultato particolarmente positivo che i capitoli della Finanziaria riguardanti le misure a favore della collettività italiana all estero registrano sono il frutto di un intenso lavoro di collaborazione fra il Vice Ministro e i Parlamentari della Circoscrizione Estero. Questa peraltro è la metodologia di lavoro che si intende proseguire sui temi inerenti la comunità italiana all estero: una interlocuzione finalizzata alla realizzazione di progetti di riforma che si traducono in disegni di legge elaborati attorno ad un tavolo comune con Governo, Parlamentari eletti all estero, Cgie, Comites e mondo associativo. Come tutte le prime volte, tuttavia, anche la prova elettorale ha messo in evidenza i limiti di alcune procedure e modalità di voto, in particolare per quanto attiene alla tempistica delle operazioni elettorali, eccessivamente ristretta, e all individuazione del corpo elettorale, dipendente dal grado di aggiornamento dell anagrafe consolare e dalla parallela trascrizione dei dati presso i Comuni in Italia. In merito all aspetto anagrafico, già in questi primi sei mesi di Governo si sono poste le basi per un ulteriore perfezionamento del sistema di aggiornamento, sia rafforzando i controlli incrociati sugli schedari consolari da parte delle Rappresentanze consolari, sia finanziando un innovativo programma informatico, del costo di 9 milioni di euro, che è già in fase di avanzata elaborazione e consentirà di gestire la trattazione dei dati anagrafici in maniera centralizzata e in collegamento diretto con i Comuni italiani, permettendo la formazione di un corretto elenco elettori. Sarà quindi necessario nei prossimi mesi porre mano alla riforma della legge 459 del 2001 attraverso la creazione di un gruppo di lavoro tecnico che coinvolga le Amministrazioni interessate e proponga soluzioni idonee e condivise ai problemi già individuati all indomani delle consultazioni elettorali.

28 Cittadinanza CITTADINANZA Negli ultimi anni, esauriti gli effetti delle proroghe concesse per l applicazione della legge 5 febbraio 1992 n. 91, che ha definito l ambito e le regole sia per il riconoscimento che per il riacquisto, si è fatta insistente e diffusa la richiesta di interventi normativi sul tema della cittadinanza. In questi mesi si sono raccolte molte voci, soprattutto nel corso dei viaggi che il Vice Ministro ha effettuato in aree sensibili a questo tema. La difficoltà incontrate dai precedenti Governi, che tuttora persistono e che hanno reso difficile il cammino di una legge organica sulla cittadinanza, vanno dalla complessità giuridica della materia alla constatazione che alla cittadinanza spesso si collegano esigenze di diversa natura. È nota, infatti, la diffusa propensione, consolidatasi soprattutto in aree come l America Latina spesso soggette a crisi economica e sociale, ad ottenere il passaporto comunitario sia per usufruire di più vantaggiose condizioni di mobilità internazionale sia per godere di eventuali sostegni di carattere assistenziale. L introduzione del voto per corrispondenza degli italiani all estero, inoltre, indurrebbe ad una maggiore cautela verso soluzioni estensive suscettibili di complicare la già difficile individuazione del corpo elettorale. L intervento riformatore su alcuni aspetti dell acquisto della cittadinanza, dunque, va affiancato ad un impegno non meno penetrante ed efficace rispetto a problemi vecchi e nuovi riguardanti la sfera sociale, assistenziale e culturale. La discussione aperta in sede parlamentare sulla proposta di legge del Governo di modifica dei procedimenti di naturalizzazione degli stranieri è l occasione da cogliere per arrivare alla soluzione di alcune annose questioni aperte tra gli italiani all estero. In particolare, sono maturi i tempi per portare a soluzione tre questioni: a) il riacquisto della cittadinanza di persone nate in Italia, che l hanno perduta a seguito di situazioni di diversa natura maturate all estero (ormai tutti i maggiori Paesi di immigrazione ammettono la doppia cittadinanza, non c è quindi ragione per impedire, a chi è nato in Italia ed è emigrato per lavoro, di riacquistare la cittadinanza originaria. In tale ipotesi sarebbero compresi anche quanti hanno lasciato scadere i termini senza avanzare richiesta); b) il riconoscimento della cittadinanza a donne che l hanno perduta per avere sposato stranieri nel periodo (eliminando le conseguenze, non più accettabili sul piano giuridico ed etico, del regime precedente a quello nato dalla Costituzione repubblicana del 1948, che non considerava la donna come un soggetto capace di trasmettere la cittadinanza italiana); c) la possibilità di trasmissione della cittadinanza anche ai figli di donne italiane nati prima del 1 gennaio 1948 (eliminando l odiosa disparità giuridica tra figli. Nelle prossime settimane si continuerà dunque a lavorare, in stretto contatto con gli eletti nella circoscrizione estero, per portare all approvazione del Parlamento una nuova normativa che dia alla storia e al vissuto degli emigrati italiani, anche sul piano normativo, il dovuto riconoscimento. 29

29 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 30 I RAPPORTO SEMESTRALE Comunicazione istituzionale Al fine di potenziare la comunicazione istituzionale sia all interno che all esterno dell Amministrazione, anche su impulso del Vice Ministro sono state avviate una serie di attività che hanno l obiettivo di migliorare i servizi offerti ai cittadini. Rispondendo alle crescenti esigenze del pubblico straniero, ma anche italiano, il centro Visti della DGIT ha realizzato un data base sui visti, disponibile sul sito internet del MAE, che offre le necessarie informazioni sulle condizioni richieste per l ingresso in Italia. È in via di progettazione una Carta Servizi elettronica che consente di avvalersi telematicamente di alcuni servizi consolari, dialogando in rete con gli uffici. La Carta consentirà, grazie ad un chip elettronico e ad una connessione protetta, di inserire un username e una password personali per collegarsi al Consolato di residenza e per usufruire di alcuni servizi, quali l agggiornamento dei propri dati personali o la stampa dei certificati anagrafici o di residenza in carta libera. Un iniziativa simile è già stata avviata dal Consolato Generale di Buenos Aires e rappresenta un importante segnale di efficienza e di attenzione nei confronti delle collettività residenti all estero. Si sta elaborando inoltre una Guida ai servizi consolari da diramare alla rete, affinché i Consolati dispongano di uno strumento di comunicazione agile ed efficace. Si tratta di una guida cartacea che si rivolge essenzialmente a quella porzione di pubblico che per età, cultura o condizioni socio-economiche non ha accesso ad internet e che consentirà a tutte le sedi di avere un prodotto omogeneo per forma e contenuto. Nell ambito delle iniziative promosse per la valorizzazione dei media e degli operatori dell informazione italiana nel mondo, sono stati da tempo avviati dei contatti con il Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti al fine di concertare una linea di intervento comune a sostegno di un processo di crescita e di riqualificazione dell informazione e della comunicazione italiana all estero. Al fine di fornire un contesto più organico a tale collaborazione, si è predisposta la stipula di un Protocollo d Intesa fra il Ministero degli Esteri e il Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti, che sarà presentato nel febbraiomarzo di quest anno presso la Farnesina e fornirà l occasione per illustrare anche la pubblicazione congiunta, sul sito web del MAE e del C.N.O.G., di due importanti banche dati contenenti un censimento sui Media italiani operanti all estero e uno sui Comunicatori italiani o di origine italiana nel mondo. L obiettivo perseguito attraverso tali ricognizioni è di favorire la conoscenza e visibilità del mondo dell informazione italiana all estero, promuovendo al contempo ogni proficua opportunità di interazione e scambio.

30 Connazionali all estero in aree di crisi L impegno del Vice Ministro, in stretto rapporto con l Unità di crisi, per quanto riguarda l assistenza ai connazionali che si sono trovati in situazioni particolarmente critiche in aree a rischio, è stato e resta massimo: dagli italiani sequestrati in Niger, Nigeria e Venezuela, alle vittime di catastrofi naturali o di guerre. Più in dettaglio, da giugno a dicembre 2006, il Ministero degli Esteri è stato impegnato nel trattamento dei seguenti casi di sequestro: Gigliola Martino Vitiello (Haiti, agosto 2006) Claudio Chiodi e Ivano De Capitani (turisti italiani in Niger, agosto-ottobre 2006) Gabriele Torsello (fotoreporter in Afghanistan, ottobre-novembre 2006) Claudio Moroni e Marco Onorato (delegati Croce Rossa a Gaza, novembre 2006) Massimo Alberizzi (giornalista Corriere della Sera - Somalia, dicembre 2006) 13 casi di sequestro in Venezuela 5 casi di sequestro in Nigeria. CONNAZIONALI ALL ESTERO IN AREE DI CRISI 31 Il MAE ha inoltre gestito altri casi di particolare gravità, quali l evacuazione di circa connazionali dal Libano nel luglio 2006, l assalto al cantiere italiano della Impregilo in Nigeria (luglio 2006), l assistenza ai connazionali ad Abidjan (settembre 2006) per fronteggiare un emergenza determinata da un grave inquinamento ambientale. Il Ministero degli Esteri tiene sempre aggiornato anche il sito viaggiaresicuri.it, che contiene le informazioni relative alle aree di rischio e i consigli per i connazionali che intendano recarsi all estero.

31 FINANZIARIA 2007 I RAPPORTO SEMESTRALE Finanziaria La legge finanziaria per il 2007 è stata formulata per far fronte ad un contesto economico difficile e principalmente per riportare sotto controllo i conti dello Stato. Nonostante una manovra di necessario rigore, è stato possibile aumentare molti dei capitoli di spesa di interesse per gli italiani all estero, dando un chiaro segnale di attenzione del Governo per le nostre comunità e ponendo le premesse per la realizzazione di politiche innovative ed efficaci. Le cifre più indicative riguardano il capitolo dell assistenza diretta, il 3121, per il quale l incremento rispetto all anno precedente è dell ordine di quasi il 50%; il capitolo 3103, contributi ai Comites, il cui incremento, pari a circa il 44%, risponde ad una logica di potenziamento delle istanze rappresentative delle nostre collettività; il capitolo 3105, risorse destinate all associazionismo, incrementato del 29%, il capitolo 3122, spese per attività culturali, aumentato del 13% circa. In un quadro di complessità economica, si inverte quindi la tendenza degli ultimi anni alla riduzione delle risorse per i connazionali all estero.

32 Formazione professionale Il Ministero degli Esteri ha una competenza solo parziale e limitata sui progetti di formazione professionale per gli italiani residenti all estero, per i quali il primo responsabile è il Ministero del Lavoro, che emette periodicamente un bando per la partecipazione alle iniziative di formazione professionale e seleziona i vincitori. Il compito svolto dalla rete consolare all estero consiste infatti nel trasmettere i progetti, oltre che nel pubblicizzare il relativo bando. In passato non sono purtroppo mancati abusi e distorsioni nell utilizzo di tali fondi, che hanno determinato la mancata realizzazione di progetti meritori e la parallela approvazione di altri costosi quanto inutili. È pertanto evidente che rispetto al passato è necessaria una inversione di rotta finalizzata all assoluta trasparenza e al risultato di qualità dei fondi stanziati. Il prossimo bando in corso di definizione, che prevede un impegno per varie decine di milioni di euro, vedrà quindi alcune importanti novità, prima fra tutte il diretto coinvolgimento del CGIE nella elaborazione di un nuovo contesto progettuale più correttamente orientato al raggiungimento degli obiettivi. Va ricordato anche il contributo che può conseguire per i connazionali all estero dall attuazione in fase di avvio del II periodo di esercizio (2007/2013) del Fondo Sociale Europeo, in raccordo con alcune Regioni italiane. Risorse importanti che andranno, anche queste, meglio gestite alla luce della prima esperienza già realizzata. FORMAZIONE PROFESSIONALE 33

33 GIOVANI ITALIANI NEL MONDO 34 Incontro con giovani assistenti linguistici di italiano dell Università di Melbourne I RAPPORTO SEMESTRALE Giovani Italiani nel Mondo Nel corso dei vari Comitati di Presidenza e poi nell ultima Assemblea plenaria del Cgie del 2006 il Vice Ministro ha tracciato le linee operative del Governo, indicando per il 2008 la realizzazione della Prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo. Scuola, ricerca, ambiente, alta qualificazione, cultura, musica, spettacolo, arte, sport. Questi alcuni dei settori da sviluppare come opportunità per la promozione dei giovani e come occasione di sviluppo economico, sia delle nostre comunità che del Sistema Italia nel suo complesso. Confrontarsi con l universo giovani significa rimettere in discussione, per rilanciarle, rinnovarle e aprirle, anche le tradizionali strutture di rappresentanza dell emigrazione, che hanno costituito una risposta positiva per i bisogni e le specificità dell emigrazione dei decenni scorsi ma che oggi, se non riqualificate accettando la sfida con i cambiamenti, rischiano di diventare organismi che non consentono la partecipazione e la valorizzazione delle giovani generazioni. Le condizioni esistenziali, le attese, i bisogni dei giovani di seconda e terza generazione, come quelle dei giovani che affrontano oggi per scelta volontaria le nuove forme della mobilità professionale, sono diverse da quelle tradizionali, sono differenziate tra loro a seconda del Paese, della condizione sociale, del contesto lavorativo. Definire nuovi compiti vuol dire mettere il mondo associativo in condizione di relazionarsi con i problemi occupazionali dei giovani, attivandosi per interscambi culturali, artistici, interuniversitari, stage in strutture pubbliche e private, tirocini. Vuol dire confrontarsi con il mondo giovanile abbandonando stereotipi e incrostazioni mentali, per intercettare le esigenze e le emozioni vere, per valorizzare un universo positivo che ha maturato, attraverso la propria esperienza, un rapporto con l Italia e con la tradizione migratoria assolutamente originale e diverso da quello delle generazioni passate. Di questi temi, delle individuazione delle priorità e delle azioni concrete da sviluppare si occuperà la Prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo, la cui organizzazione sta già entrando nella fase operativa, con il contributo della competente Commissione preparatoria ministeriale, alla quale si affiancherà la specifica Commissione costituita in ambito CGIE.

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. CX, N.l PRESENTAZIONE

XVII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI - DOC. CX, N.l PRESENTAZIONE Senato della Repubblica - 7 - Camera dei deputati PRESENTAZIONE La tutela dell infanzia costituisce un ambito di intervento di fondamentale rilevanza per il Governo italiano, rispetto al quale la protezione

Dettagli

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO Contiamo sul vostro attaccamento alle radici italiane delle vostre famiglie perché vi facciate promotori, in diversi continenti e

Dettagli

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali 1 Progetto approvato dalla G.P. con delibera n. 434 del 12 Novembre 2004 2 PROGETTO: CITTADINI DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO NEL MONDO 1. il contesto: Gli italiani nel mondo sono una grande risorsa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Affari Esteri Ministero degli Affari Esteri In rete con l'italia Mensile d'informazione a cura della Direzione Generale per gli Italiani all'estero e le Politiche Migratorie - MAECOM Anno I - Numero 8 Ottobre 2003 News

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

Legge Regionale 26 febbraio 2002 n. 7. (Pubblicata sul BUR n. 10 del 06/03/2002) Testo coordinato e aggiornato alla L.R. 02/02/2005, n.1.

Legge Regionale 26 febbraio 2002 n. 7. (Pubblicata sul BUR n. 10 del 06/03/2002) Testo coordinato e aggiornato alla L.R. 02/02/2005, n.1. Legge Regionale 26 febbraio 2002 n. 7 (Pubblicata sul BUR n. 10 del 06/03/2002) Testo coordinato e aggiornato alla L.R. 02/02/2005, n.1. Oggetto: Nuova disciplina degli interventi regionali in materia

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 Il Consiglio nazionale ringrazia il Vice Presidente Vicario Alessandro Cattaneo del proficuo lavoro svolto nel periodo di reggenza,

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. LXXX-bis n. 1 RELAZIONE CONCERNENTE L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI RELATIVI ALLA PROMOZIONE DELLO SVILUPPO DELLE LINGUE E DELLE CULTURE INDICATE

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI

OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI FITA OSSERVATORIO N. 04 1. PROGETTI DI LEGGE ANNUNCIATI E/O ASSEGNATI 1.1. C A M E R A 1.1. 17.01. La proposta di legge 5449 ( Disposizioni per la realizzazione e il finanziamento della produzione di carte

Dettagli

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO

PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO PATTO PER LA SICUREZZA TRA PREFETTURA DI GROSSETO E COMUNE DI GROSSETO La Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo e l Amministrazione Comunale di Grosseto VISTE le direttive e le linee

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

RELAZIONE MORALE ANNO 2010

RELAZIONE MORALE ANNO 2010 RELAZIONE MORALE ANNO 2010 Nel corso del 2010, il Gruppo Dirigente ha proseguito la propria attività nel solco degli scopi fissati dallo statuto associativo, impegnandosi in primo luogo nella promozione,

Dettagli

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI

RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori RIFORME DI SISTEMA PER LA RIDUZIONE DEI COSTI IMPROPRI DELLA POLITICA, DELLE ISTITUZIONI, DELLE AMMINISTRAZIONI Il tema della riduzione dei costi della politica,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X V I I L E G I S L A T U R A n. 101 RISPOSTE SCRITTE AD INTERROGAZIONI (Pervenute dal 8 al 14 ottobre 2015) I N D I C E LONGO Fausto Guilherme: sull'ammodernamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315

AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 CAMERA DEI DEPUTATI XI COMMISSIONE LAVORO PUBBLICO E PRIVATO AUDIZIONE INFORMALE AC. 3315 DECRETO LEGGE 20 SETTEMBRE 2015, N. 146 «MISURE URGENTI PER LA FRUIZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO DELLA

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNIONE DEGLI ITALIANI NEL MONDO

ASSOCIAZIONE UNIONE DEGLI ITALIANI NEL MONDO Statuto ASSOCIAZIONE UNIONE DEGLI ITALIANI NEL MONDO Art. 1) Denominazione e sede. L Unione degli Italiani nel Mondo (in forma abbreviata solo UIM) è un associazione di promozione sociale costituita dalle

Dettagli

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O L Istituto

Dettagli

Educazione ai diritti umani; campagna contro la

Educazione ai diritti umani; campagna contro la GIULIO TERZI MINISTRO DEGLI ESTERI 1 Educazione ai diritti umani; campagna contro la pena di morte; libertà di religione; diritti dei bambini nei conflitti; diritti delle donne e lotta contro le mutilazioni

Dettagli

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI

ALLEGATO E LINEE GUIDA. Sportelli informativi per immigrati INDICE PRESTAZIONI OFFERTE DAGLI SPORTELLI INFORMATIVI ALLEGATO E Sportelli informativi per immigrati LINEE GUIDA INDICE 1. PREMESSA 2. FINALITA E CARATTERISTICHE 3. DESTINATARI E MODALITA DI ACCESSO 4. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 5. OBIETTIVI SPECIFICI DEL SERVIZIO

Dettagli

Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea com ites@ vtxm ail.ch

Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea com ites@ vtxm ail.ch Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea Tel. 061/271 78 50 w w w.com ites-basilea.ch com ites@ vtxm ail.ch RELAZIONE ATTIVITÀ 2008 Il COMITES di Basilea opera nella circoscrizione

Dettagli

«ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI Cecina Riparbella»

«ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI Cecina Riparbella» NUOVO STATUTO Della «ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DI Cecina Riparbella» TITOLO Ι DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Denominazione 1. L Auser Volontariato di Cecina Riparbella - Associazione per l autogestione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari

Giunta Regionale della Campania. Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Legge regionale n. 33 del 3 novembre 1994 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati stranieri in campania provenienti da paesi extra comunitari Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario

Dettagli

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA Relazione del Presidente Fabio Sponghini Rigenerare comunità per ricostruire il Paese. Acli artefici di democrazia partecipativa e buona economia. Fabio Sponghini Care amiche e cari amici congressisti,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO Assessorato alle Politiche Comunitarie e Cooperazione internazionale NEWSLETTER INDICENDICE

PROVINCIA DI PRATO Assessorato alle Politiche Comunitarie e Cooperazione internazionale NEWSLETTER INDICENDICE NEWSLETTER NUMEROUMERO 11 12 NOVEMBRE 2003 INDICENDICE Missione della Provincia di Prato in America Latina...2 Il curatore della newsletter è il Dott. Luca Formentini Tel. 0574 534 315 europa@provincia.prato.it

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

INGEGNERE TECNICO L identità della professione nel terzo millennio Un sistema previdenziale adeguato e sostenibile

INGEGNERE TECNICO L identità della professione nel terzo millennio Un sistema previdenziale adeguato e sostenibile XIII Congresso Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Firenze, 5-6-7-8 ottobre 2005 Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento, e Teatro La Pergola INGEGNERE TECNICO L identità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

Legge 6 novembre 1989, n. 368, Istituzione del Consiglio generale degli italiani all estero - testo vigente -

Legge 6 novembre 1989, n. 368, Istituzione del Consiglio generale degli italiani all estero - testo vigente - Legge 6 novembre 1989, n. 368, Istituzione del Consiglio generale degli italiani all estero ( Gazzetta ufficiale n. 264 dell 11.11.1989). Entrata in vigore della Legge: 26.11.1989. Elenco aggiornamenti

Dettagli

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03

Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Commissione Comunicazione della CRUI: Riunione del 07/04/03 Presenti: Sebastiano Bagnara, Politecnico Milano; Giovanni Bechelloni, Università di Firenze; Alessandro Bianchi, Rettore Università Mediterranea

Dettagli

Trento, 21 dicembre 2005

Trento, 21 dicembre 2005 Trento, 21 dicembre 2005 SOLIDARIETÀ, SVILUPPO, NUOVA LEGGE: BILANCIO DI UN ANNO DI VOLONTARIATO Il punto della situazione e gli obiettivi futuri oggi con l assessore provinciale Iva Berasi Ottantanove

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 19 maggio 2010 n.95 (in Gazz. Uff., 24 giugno, n. 145). - Riorganizzazione del Ministero degli affari esteri, a norma dell articolo 74 del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS

IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS IPOTESI DI COLLABORAZIONE FRA ANCI E LA RETE ITALIANA CITTA SANE OMS L adesione della Rete Italiana delle Città Sane OMS all ANCI, formalizzata nel 2006, rappresenta il segno e l occasione di una positiva

Dettagli

Insieme a IRENE PIVETTI Presidente di Learn To Be Free Onlus. LUIGI LUCCHI Sindaco di Berceto

Insieme a IRENE PIVETTI Presidente di Learn To Be Free Onlus. LUIGI LUCCHI Sindaco di Berceto Insieme a IRENE PIVETTI Presidente di Learn To Be Free Onlus LUIGI LUCCHI Sindaco di Berceto con il patrocinio di: e SERGIO RINALDI Direttore artistico di Identità Film Festival CIAK! IO SONO! 02 novembre

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO

3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 3. SCUOLA SUPERIORE DELL AMMINISTRAZIONE DELL INTERNO La Scuola Superiore dell Amministrazione dell Interno, istituita con

Dettagli

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350

Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 2004-2005) - 50 100 150 200 250 300 350 Camera dei Deputati 81 Senato della Repubblica Grafico 17. Distribuzione regionale dei contributi alle Attività Promozionali v.a. e variazione % (anni 040) Migliaia 0 0 10 0 20 300 30 Piemonte 0,0 Valle

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR),

Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), Protocollo d Intesa tra il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR), e Comune di Viterbo Educazione alimentare e stili di vita consapevoli: le scuole del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI. ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI. ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CONSULTORIO LA FAMIGLIA UCIPEM-ONLUS DI LODI ART.1 ) Il Consultorio pre-matrimoniale e matrimoniale istituito in Lodi nel 1956 per iniziativa di un gruppo di professionisti e

Dettagli

Progetto CARERS. Assistenti per anziani. Adelaide 2009-2010

Progetto CARERS. Assistenti per anziani. Adelaide 2009-2010 Progetto CARERS Assistenti per anziani Adelaide 2009-2010 Bando n. 1/2007 del Ministero del Lavoro, della Salute e delle politiche sociali Presentati circa 500 progetti DD n.191/v/08 del 17 Luglio 2008

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE L ISOLA VOLANTE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE L ISOLA VOLANTE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE L ISOLA VOLANTE Art.1 DENOMINAZIONE e SEDE: Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli art.36 e seguenti del Codice

Dettagli

Art. l Denominazione, sede e scopo

Art. l Denominazione, sede e scopo STATUTO ANCI MARCHE Art. l Denominazione, sede e scopo In conformità agli Articoli n 3, 32, 33 dello Statuto dell Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) è costituita l Associazione Regionale

Dettagli

PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO.

PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO. PREFETTURA DI ROMA COMUNICATO STAMPA CONFERENZA PERMANENTE 15 DICEMBRE 2010 SESSIONI : IMMIGRAZIONE BULLISMO TUTELA E DELLA SICUREZZA DEL LAVORO. Si è svolta presso la Sala Di Liegro della Provincia di

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

STATUTO. della. <> la Catena della Solidarietà di Pedrengo TITOLO I. Disposizioni generali. Art. 1.

STATUTO. della. <<ASSOCIAZIONE AUSER VOLONTARIATO>> la Catena della Solidarietà di Pedrengo TITOLO I. Disposizioni generali. Art. 1. STATUTO della la Catena della Solidarietà di Pedrengo TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione L Auser Volontariato la Catena della Solidarietà di Pedrengo

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91

PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 PROPOSTA DI LEGGE MODIFICHE ALLA LEGGE QUADRO PER IL VOLONTARIATO 266/91 Art. 1. Finalità e oggetto della legge 1. La Repubblica italiana riconosce il valore sociale e la funzione dell attività di volontariato

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Cap. 17040 EURO 671.000. 1) Iniziative a favore dei giovani residenti all estero (50,00%) EURO 285.500

Cap. 17040 EURO 671.000. 1) Iniziative a favore dei giovani residenti all estero (50,00%) EURO 285.500 Programma finanziario per l anno 2002 INTERVENTI A FAVORE DEI TOSCANI ALL ESTERO - L.R.19/99 (Approvato dalla Giunta regionale con delibera del 4/2/2002 n. 115) Cap. 17040 EURO 671.000 1) Iniziative a

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

1 CONVENGNO SANIMPRESA

1 CONVENGNO SANIMPRESA 1 CONVENGNO SANIMPRESA 29 NOVEMBRE 2006 DALLA NASCITA ALL EVOLUZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA NEL LAZIO Relazione di Luigi Corazzesi Vice Presidente. L incontro odierno dal titolo: Dalla nascita

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest

Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala sud-ovest La statistica si impone sempre più come una risorsa utile per decidere e valutare le politiche di intervento in campo economico e sociale. Esperienze dell

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Dirigente - Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI Dirigente - Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia Dirigente - Direttore Generale per lo Spettacolo

Dettagli

Introduzione e contesto generale

Introduzione e contesto generale Introduzione e contesto generale Il Trattato di Lisbona è entrato in vigore il 1 dicembre 2009. L apertura verso un coinvolgimento significativo delle realtà regionali e locali nelle dinamiche decisionali

Dettagli

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI

PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI PROGRAMMA 06 POLITICHE SOCIALI Responsabile: sotto il profilo gestionale Aldini Laura Sotto il profilo di indirizzo amministrativo politico Grioni Mario Linee Programmatiche 2010-2015 SEGRATE AIUTA I PIU

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nastasi Salvatore Data di nascita 14/05/1973 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente di I fascia ai sensi dell'art. 19, comma 6 del

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

Regolamento del Forum Comunale Giovani

Regolamento del Forum Comunale Giovani COMUNE DI CASTELVENERE Provincia di Benevento ------ Regolamento del Forum Comunale Giovani 1 INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9 - Art. 10 - Art. 11 -

Dettagli

Area 1. Programmazione

Area 1. Programmazione Area 1 Programmazione e Sviluppo Territoriale Questa area comprende le attività della Provincia volte a programmare, pianificare e coordinare la crescita economica sul nostro territorio. Ciò avviene sia

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale PROVINCIA DI FOGGIA Gruppo Consiliare PARTITO DEMOCRATICO Foggia, 16 novembre 2009 Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO IN MATERIA DI COOPERAZIONE ECONOMICA Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo della Repubblica di San

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI TURISMO TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CASERTA PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CASERTA E AZIENDA SPECIALE S.IN.T.E.S.I. DELLA CAMERA DI

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

DGR 1645 dd. 8.7.2005

DGR 1645 dd. 8.7.2005 DGR 1645 dd. 8.7.005 VISTI gli articoli 1,, 3, 4, 5 e 6 della legge regionale 6.0.00, n. 7 Nuova disciplina degli interventi regionali in materia di corregionali all estero e di rimpatriati ; VISTO in

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione

COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI. Art. 1 Istituzione COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI Art. 1 Istituzione Il Forum giovanile, previsto dall art. 15 bis dello Statuto comunale, è strumento di autorappresentanza e di partecipazione

Dettagli

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO

alla luce del principio di sussidiarietà, avvalendosi dello strumento della concertazione PROMUOVONO TAVOLO UNICO REGIONALE DI COORDINAMENTO SULL IMMIGRAZIONE PROTOCOLLO D INTESA REGIONE DEL VENETO - Assessorato alle Politiche della Sicurezza e dei Flussi Migratori - Assessorato alle Politiche dell Occupazione,

Dettagli

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE

L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE L IDENTITÀ EUROPEA: UNA SFIDA DA PROMUOVERE, UNA DISCIPLINA DA APPRENDERE Torino 11-12 giugno 2008 Prof. Marcello Pierini Nelle Conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo del 21 e 22 giugno 2007

Dettagli

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino

Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino Sviluppo Locale e Valorizzazione del Patrimonio Culturale Alpino I edizione 2004-2005 Guida al Percorso Formativo Guida aggiornata al 29/09/2004 COREP - Consorzio per la Ricerca e l Educazione Permanente

Dettagli

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3

SCHEDA COE. Volontari richiesti: N 3 IN ITALIA PER UN IMPEGNO INTERNAZIONALE COMO/VARESE/LECCO SCHEDA COE Volontari richiesti: N 3 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Barzio, Saronno. INTRODUZIONE NUMERO ORE DI SERVIZIO SETTIMANALI DEI VOLONTARI:

Dettagli

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64

Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Legge Regionale Piemonte 8 novembre 1989, n. 64 Interventi regionali a favore degli immigrati extra-comunitari residenti in Piemonte pubblicata su B.U.R. Piemonte n. 46 del 15 novembre 1989 Art. 1 (Finalità)

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 11 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavoro, previdenza sociale) 3 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 OTTOBRE

Dettagli

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3053-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

Rete Interregionale per lo Sviluppo Territoriale e l Integrazione Sudamericana

Rete Interregionale per lo Sviluppo Territoriale e l Integrazione Sudamericana PROGETTO DI RICERCA-AZIONE ISTITUTO ITALO-LATINO AMERICANO (IILA) CENTRO STUDI DI POLITICA INTERNAZIONALE (CeSPI) Rete Interregionale per lo Sviluppo Territoriale e l Integrazione Sudamericana Studio di

Dettagli

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO

CONTRIBUTI ALLA PROMOZIONE DELLA LINGUA E DELLA CULTURA ITALIANA ALL ESTERO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli