I Rapporto Semestrale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Rapporto Semestrale"

Transcript

1 I Rapporto Semestrale Giugno-Dicembre 2006 MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI Attività del Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel Mondo Sen. Franco Danieli

2 I Rapporto Semestrale Giugno-Dicembre 2006 Attività del Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel Mondo Sen. Franco Danieli

3 Indice Presentazione 5 3 CRONOLOGIA Interventi al Parlamento 7 Interventi al Consiglio Generale degli Italiani all Estero (CGIE) 8 Missioni e Convegni all Estero 9 Missioni e Convegni in Italia 11 Incontri 15 INDICE ALFABETICO PER ARGOMENTI 23

4 Presentazione Questo primo rendiconto semestrale della mia attività di Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per gli Italiani nel mondo vuole essere uno strumento per rendere trasparenti e comprensibili, e quindi giudicabili, i programmi, le attività ed i risultati che si raggiungono. Uno strumento rivolto a tutti, ai responsabili istituzionali come ai cittadini, accompagnato dalla descrizione di eventi, di incontri, di programmi, di cifre di facile lettura, tali da consentire a ciascuno di capire come vengono utilizzate le risorse pubbliche impegnate per rispondere ai bisogni delle nostre collettività, per promuovere la cultura, le imprese e il Sistema Italia nel mondo. Una forma di comunicazione che vuole anche rispondere positivamente alla crescente esigenza di partecipazione dei cittadini alla vita delle istituzioni, che favorisce il dialogo e il confronto, aiuta ad individuare le priorità nelle scelte di governo, attivando un processo circolare di condivisione e di valutazione dei risultati. Un dialogo aperto con le comunità di riferimento e un modo inclusivo e trasparente di concepire il mandato e di assumere le responsabilità che mi competono. 5 Sen. Franco Danieli Vice Ministro degli Affari Esteri

5

6 Cronologia Giugno-Dicembre 2006 INTERVENTI AL PARLAMENTO Commissione Affari Esteri Senato, Audizione sugli indirizzi del Governo per gli italiani nel mondo Sottocommissione Esteri del Senato, Intervento su assestamento di bilancio 4 e 11 luglio 17 ottobre 7 INTERVENTI AL PARLAMENTO Commissione Affari Esteri Senato, Audizione sulla situazione e sulle prospettive della rete consolare 15 novembre Aula Senato, Ratifica ed esecuzione della Convenzione sulla protezione e la promozione delle diversità delle espressioni culturali 19 dicembre

7 I RAPPORTO SEMESTRALE INTERVENTI AL CONSIGLIO GENERALE DEGLI ITALIANI ALL ESTERO (C.G.I.E.) 8 INTERVENTI AL CONSIGLIO GENERALE DEGLI ITALIANI ALL ESTERO (G.G.I.E.) 15 giugno 10 luglio 21 settembre 4 ottobre 13 novembre 4 dicembre Comitato di presidenza, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Assemblea plenaria, Relazione di Governo Comitato di presidenza, Relazione di Governo Assemblea Plenaria, Relazione di Governo

8 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO Marcinelle (Belgio), 50 Anniversario Disastro Minerario Bruxelles (Belgio), 60 Anniversario della Firma degli Accordi Bilaterali belgo-italiani San Marino New York e Chicago (USA), Columbus Day 8 agosto 12 settembre settembre 6-9 ottobre 9 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO Australia 26 ottobre - 2 novembre Nuova Zelanda 3-7 novembre

9 I RAPPORTO SEMESTRALE novembre Venezuela 2 dicembre Nizza (Francia) 10 MISSIONI E CONVEGNI ALL ESTERO 4-12 dicembre Argentina

10 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Roma, Fondazione Giovanni Agnelli, Seminario Protagonisti del voto italiano all estero. Una lettura culturale del comportamento elettorale Roma, III Congresso UIM "Dal presente per il futuro Siena, Inaugurazione dell anno accademico dell Università per Stranieri 12 giugno 21 giugno 14 luglio 11 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Belluno, Associazione Bellunesi nel mondo, Convegno Italiani nel Mondo Immigrati in Italia Il futuro dell associazionismo in emigrazione 22 luglio Roma, Ministero degli Affari Esteri, Conferenza programmatica Rai International e l informazione per gli italiani nel mondo 24 luglio

11 I RAPPORTO SEMESTRALE 27 luglio Caporciano (L Aquila), Inaugurazione Monumento all Emigrante 2 settembre Bitritto (Bari), Regione Puglia III Festa dei Pugliesi nel Mondo Tavola Rotonda Casa Puglia: Il mondo negli occhi, la Puglia nel cuore 12 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA 6 settembre 9 settembre Roma, II Assemblea Congressuale della Federazione Acli Internazionali, Seminario Gli italiani nel mondo: più cittadinanza, più partecipazione, più rappresentanza. Ruolo dell associazionismo Livorno, inaugurazione della Mostra Lontane Americhe 10 settembre Castelnuovo Garfagnana, Barga (Lucca), Regione Toscana, III Giornata dei Toscani all estero 17 settembre Pesaro, Festa Nazionale dell Unità, Gli italiani all estero nel Parlamento italiano

12 Bardi (Parma), Commemorazione vittime dell Arandora Star e Borgo Val di Taro (Parma), Premio Borgo Val di Taro, Scritture dell emigrazione 23 settembre Genova, Seminario Fondazione Casa America 30 settembre Roma, Seminario Nuove forma di rappresentanza delle communities di origine italiana di Assocamerestero e Associazione Globus et Locus Roma, Fondazione Migrantes, presentazione Rapporto Italiani nel mondo ottobre 4 ottobre 13 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA Loreto, Regione Marche, Riunione del Consiglio dei marchigiani all estero 13 ottobre Roma, Conferenza di apertura della Settimana della Lingua Italiana nel mondo 17 ottobre Lecco, Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero ottobre

13 I RAPPORTO SEMESTRALE 11 novembre Lainate (Milano), Inaugurazione della mostra Marcinelle 50 anni dopo Associazione Flangini 13 novembre Roma, Campidoglio, Inaugurazione della Settimana della Cultura Russa 14 MISSIONI E CONVEGNI IN ITALIA 24 novembre Gualdo Tadino (Perugia), Museo Regionale dell Emigrazione Pietro Conti, Giornata di Studio Io e l altro. Le migrazioni: una risorsa o un problema?

14 INCONTRI * Delegazione Niaf, National Italian American Foundation Ambasciatore Bielorussia Alexej Skripko, Ambasciatore Australia Peter Woolcott 19 giugno 26 giugno 15 INCONTRI Ambasciatore Moldova Nicolae Dudau; Direttivo Fusie (Federazione Unitaria Stampa Italiana all Estero) 10 luglio Comitato tecnico scientifico per le celebrazioni del centenario di Primo Carnera 17 luglio Delegazione docenti USA di lingua italiana e ILICA, Italian Language Inter-Cultural Alliance 20 luglio Presidente delle Abuelas de Plaza de Mayo, Estela Carlotto; Ambasciatore Argentina Vittorio Taccetti 24 luglio * Sono indicati solo alcuni degli incontri avvenuti nel periodo.

15 I RAPPORTO SEMESTRALE 3 agosto Incontro gruppo di lavoro del Cda Rai sulla presenza internazionale dell azienda 8 agosto Marcinelle (Belgio), Sindaco di Charleroi Jacques Van Gompel: Direttore del Museo du Bois du Cazier M. Jean-Louis Delact: Presidente dell Associazione du Bois du Cazier, Comunità Italiana 16 INCONTRI 11 settembre Comitato promotore festival cinema Gold Cost (Australia), Presidente Comites Lugano 12 settembre Bruxelles (Belgio), Ministro degli Affari Esteri del Regno del Belgio On. Karel De Gucht 13 settembre Ambasciatore Romania Cristian Valentin Colteanu 14 settembre San Marino, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Fiorenzo Stolfi; Capitani Reggenti, Gian Franco Terenzi e Loris Francini 15 settembre Ministro degli Esteri del Principato di Monaco, Henri Fissore

16 Direttivo CNE, Consulta Nazionale dell Emigrazione 18 settembre Responsabile Trentini nel Mondo, Paolo Tonelli; Presidente CNIPA, Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione, Attilio di Turi 19 settembre Amministratore Delegato dell Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Massimo Ponzellini 21 settembre 17 INCONTRI Dorothy Mahlangu, Minisitro Provinciale degli Interni della Regione Gauteng (Repubblica del Sudafrica) e Dott. Firoz Cachalia, Ministro Regionale della Sicurezza (Repubblica del Sudafrica) 28 settembre Presidenza Fondazione Casa America 30 settembre New Jersey (USA), Sen. Turano, US Congressman Bill Pascrell, US Sen. Lautenberg; Chicago (USA), Sindaco di Chicago Richard Daly, Rod Blagojevich Governatore dell Illinois 8 ottobre Ambasciatore Argentina Vittorio Taccetti 12 ottobre

17 I RAPPORTO SEMESTRALE 19 ottobre Presidente della Camera dei Deputati Argentina, On. Alberto Balestrini, Sottosegretario per gli Affari Istituzionali, Ambasciatore Marcelo Fuentes 21 ottobre Robert De Niro, Festival del Cinema di Roma 18 INCONTRI 29 ottobre 30 ottobre Sydney (Australia), Ministro statale per il turismo, lo sport e i grandi eventi, Sandra Nori Melbourne (Australia), Ministro dell Istruzione dello Stato del Victoria Lynne Kosky; Sindaco di Melbourne, John So 31 ottobre Melbourne (Australia), Governatore dello Stato del Victoria, David De Kratser 1 novembre Adelaide (Australia), Premier ad interim, Ministro per la Polizia, per le Risorse Minerarie e Ministro per lo sviluppo Urbano, Paul Holloway; Presidente della Camera Alta del Parlamento Bob Sneath; Speaker della Camera Bassa del Parlamento Jack Snelling; Ministro per i Servizi d Emergenza Carmelina Zollo

18 Canberra (Australia), Ministro dell Immigrazione Amanda Vanstone; Sottosegretario agli Esteri Teresa Gambaro; Ministro per gli Anziani Santo Santoro 2 novembre Auckland (Nuova Zelanda), Ministro degli esteri Winston Peters 4 novembre Auckland (Nuova Zelanda), Ministro della Conservazione e degli Affari Etnici Chris Carter 5 novembre 19 INCONTRI Prof. Robert J. Shapiro, Chairman della Progressive Foundation 8 novembre Ambasciatore Moldova Nicolae Dudau; Presidente IILA (Istituto Italo Latino Americano) Amb. Paolo Bruni 13 novembre Senatrice del New South Wales, Australia, Connie Fierravanti Wells 14 novembre Sottosegretario ai Beni culturali Andrea Marcucci; Direttore dell IFG di Urbino Enrico Mascilli Migliorini 15 novembre

19 I RAPPORTO SEMESTRALE 17 novembre CePa; Assessore alle Politiche Attive del Lavoro della Regione Liguria, Enrico Vesco; Presidente e Segretario Generale del P.E.N. Club Italia, Lucio Lami e Emanuele Bettini 23 novembre Amministratore Delegato dell Agenzia regionale del Turismo Lazio e Sen. Athos de Luca 20 INCONTRI 28 novembre Caracas (Venezuela) Vicepresidente della Repubblica José Vicente Rangel, Vice Ministro per la Sicurezza Cittadina, Generale Jesus Villegas Solarte, Vice Ministro degli Affari Esteri con delega per l Europa, Rodrigo Chaves e il Ministro della Pianificazione e Presidente del comitato di Amicizia Italo-Venezuelano Jorge Giordani 29 novembre Maracay (Venezuela) Governatore dello stato di Aragfua, Didalco Bolivar Graterol 30 novembre Maracaibo (Venezuela), Sindaco di Maracaibo, Di Martino 1 dicembre Sindacati MAE (CGIL, CISL, UIL); SICIS MAE, SNDMAE

20 Nizza (Francia), Sindaco di Nizza Jacques Peyrat, Presidente Onorario Camera di Commercio e rappresentanti della comunità 2 dicembre Delegazione CePa, Centro Patronati 4 dicembre Buenos Aires (Argentina), Presidente della Camera dei Deputati Alberto Balestrini; Sindaco di Moron Martin Sabbatella, Vice Ministro degli Esteri argentino, García Moritán 5 dicembre 21 INCONTRI Buenos Aires (Argentina), Senatrice Cristina Kirchner 6 dicembre Buenos Aires (Argentina), Sottosegretario Risorse energetiche, Christian Folgar 7 dicembre Buenos Aires (Argentina), Ministro degli Esteri argentino Jorge Taiana 11 dicembre Direttore Rai International, Piero Badaloni 18 dicembre

21

22 Indice alfabetico per argomenti 23 Assistenza 26 Associazionismo 27 Circoscrizione Estero 28 Cittadinanza 29 Comunicazione istituzionale 30 Connazionali all estero in aree di crisi 31 Finanziaria

23 I RAPPORTO SEMESTRALE Formazione professionale 33 Giovani Italiani nel Mondo 34 Informazione e Rai International Missioni all estero Argentina 36 Australia 38 Belgio 40 Nizza 41 Nuova Zelanda 42 San Marino 43 Stati Uniti d America 44 Venezuela 45 Museo dell emigrazione e dell Italia nel mondo 47 Parlamentari di origine italiana 48

24 Passaporto elettronico e Carta d Identità 49 Patronati 51 Promozione cultura italiana 52 Rappresentanza Rete Consolare 56 Scuola e lingua italiana 58 Turismo di ritorno 60

25 ASSISTENZA I RAPPORTO SEMESTRALE Assistenza 26 Nell ambito del generale aumento degli investimenti a favore della collettività italiana all estero, previsto dalla Finanziaria 2007, il capitolo dell assistenza diretta è quello che registra il più significativo incremento. Lo stanziamento passa dai poco più di 13 milioni di euro allocati nel 2006 a 20 milioni di euro. Un aumento di oltre il 49%. Anche il capitolo relativo all assistenza indiretta, cioè i contributi erogati ad enti e associazioni all estero che svolgono attività assistenziale a favore dei connazionali indigenti, aumenta di quasi euro, con un differenziale del 29% rispetto al precedente stanziamento. Si passa dall assistenzialismo vecchio stampo ad una forma di tutela sociale più avanzata nei confronti dei connazionali indigenti che vivono all estero. In quest ottica, per i Paesi extracomunitari privi di valide forme di tutela sociale, con sistemi sanitari privatizzati o dove l assistenza pubblica è indiscutibilmente al di sotto di livelli accettabili, come nella maggior parte del Sud America, si sta procedendo all introduzione di un sistema di polizze assicurative sanitarie che consentiranno ai connazionali bisognosi di ricevere cure adeguate sia per le prestazioni di base che per quelle a carattere specialistico. In questo modo ci si attende la maggior copertura del territorio, grazie alla presenza capillare di centri di cura convenzionati, oltre alla possibilità di ricorso alle strutture più efficienti. Tale sistema, già adottato nei mesi scorsi a titolo sperimentale in Colombia, sarà esteso gradualmente nelle altre diverse realtà territoriali, a partire dal Venezuela già dalla fine di gennaio e successivamente all Argentina. Parallelamente, si sta predisponendo la revisione della circolare ministeriale che prescrive i massimali dei contributi erogati dai Consolati ai connazionali indigenti: dagli attuali 1032 euro si passerà a 1500, da erogare anche in diverse tranches e non più solo una tantum come avviene oggi, in modo da adeguare tale intervento in favore dei connazionali in difficoltà non solo all inflazione ma anche alle loro specifiche esigenze.

26 Associazionismo La banca dati contenente l elenco delle associazioni italiane nel mondo annovera attualmente ben entità. Una ricca e straordinaria realtà con luci ed ombre. Una riflessione su questo composito mondo si impone alla luce di alcuni elementi che vedono in alcuni casi uno scarso dinamismo da un lato ed una crescente dipendenza da contributi esterni, nazionali o regionali. La conseguenza di tale obiettiva evoluzione ha comportato la perdita di un ruolo attivo delle associazioni nell elaborazione di politiche in favore delle comunità all estero, il forte aumento dell età media dei soci nonché la progressiva svalutazione del patrimonio immobiliare e culturale che non di rado presentano rilevanza storica ed architettonica anche per il Paese di residenza. In queste condizioni hanno finito talvolta con il non essere valorizzate anche le non poche esperienze di associazioni che svolgono attività consolidate e positive in campo culturale, scolastico, assistenziale e del tempo libero e che potrebbero essere prese a modello da analoghi sodalizi nello stesso Paese o nella stessa Regione. Occorrerà quindi procedere alla elaborazione di una organica e generale strategia finalizzata ad individuare strumenti ed azioni per il rilancio dell associazionismo italiano nel mondo, secondo modelli e pratiche adeguate ai tempi e soprattutto in grado di coinvolgere attivamente le nuove generazioni. ASSOCIAZIONISMO 27

27 CIRCOSCRIZIONE ESTERO 28 I RAPPORTO SEMESTRALE Circoscrizione Estero Le elezioni politiche svoltesi nell aprile del 2006 hanno rappresentato la prima prova elettorale cui hanno potuto partecipare i connazionali residenti all estero, eleggendo direttamente i propri rappresentanti nel Parlamento nazionale e avviando così un nuovo corso nei rapporti con quell Italia che vive al di fuori dei confini geografici. Si è trattato di un esperienza importante, di una prova di maturità democratica, del riconoscimento di una piena partecipazione delle collettività all estero alla vita politica nazionale. Gli eletti all estero con la loro presenza nelle aule parlamentari contribuiscono a sviluppare una nuova sensibilità all interno delle Istituzioni rappresentative nei confronti della comunità italiana oltreconfine. Seppur investiti costituzionalmente del ruolo di rappresentanti dell intero popolo italiano, essi costituiscono naturalmente un riflettore acceso sulla collettività italiana nel mondo, evidenziandone i caratteri, la dinamicità, le istanze e le potenzialità; tale ruolo occorre sia riconosciuto come valore aggiunto da potenziare e valorizzare, specie nel contesto di internazionalizzazione in cui l Italia si muove. Il risultato particolarmente positivo che i capitoli della Finanziaria riguardanti le misure a favore della collettività italiana all estero registrano sono il frutto di un intenso lavoro di collaborazione fra il Vice Ministro e i Parlamentari della Circoscrizione Estero. Questa peraltro è la metodologia di lavoro che si intende proseguire sui temi inerenti la comunità italiana all estero: una interlocuzione finalizzata alla realizzazione di progetti di riforma che si traducono in disegni di legge elaborati attorno ad un tavolo comune con Governo, Parlamentari eletti all estero, Cgie, Comites e mondo associativo. Come tutte le prime volte, tuttavia, anche la prova elettorale ha messo in evidenza i limiti di alcune procedure e modalità di voto, in particolare per quanto attiene alla tempistica delle operazioni elettorali, eccessivamente ristretta, e all individuazione del corpo elettorale, dipendente dal grado di aggiornamento dell anagrafe consolare e dalla parallela trascrizione dei dati presso i Comuni in Italia. In merito all aspetto anagrafico, già in questi primi sei mesi di Governo si sono poste le basi per un ulteriore perfezionamento del sistema di aggiornamento, sia rafforzando i controlli incrociati sugli schedari consolari da parte delle Rappresentanze consolari, sia finanziando un innovativo programma informatico, del costo di 9 milioni di euro, che è già in fase di avanzata elaborazione e consentirà di gestire la trattazione dei dati anagrafici in maniera centralizzata e in collegamento diretto con i Comuni italiani, permettendo la formazione di un corretto elenco elettori. Sarà quindi necessario nei prossimi mesi porre mano alla riforma della legge 459 del 2001 attraverso la creazione di un gruppo di lavoro tecnico che coinvolga le Amministrazioni interessate e proponga soluzioni idonee e condivise ai problemi già individuati all indomani delle consultazioni elettorali.

28 Cittadinanza CITTADINANZA Negli ultimi anni, esauriti gli effetti delle proroghe concesse per l applicazione della legge 5 febbraio 1992 n. 91, che ha definito l ambito e le regole sia per il riconoscimento che per il riacquisto, si è fatta insistente e diffusa la richiesta di interventi normativi sul tema della cittadinanza. In questi mesi si sono raccolte molte voci, soprattutto nel corso dei viaggi che il Vice Ministro ha effettuato in aree sensibili a questo tema. La difficoltà incontrate dai precedenti Governi, che tuttora persistono e che hanno reso difficile il cammino di una legge organica sulla cittadinanza, vanno dalla complessità giuridica della materia alla constatazione che alla cittadinanza spesso si collegano esigenze di diversa natura. È nota, infatti, la diffusa propensione, consolidatasi soprattutto in aree come l America Latina spesso soggette a crisi economica e sociale, ad ottenere il passaporto comunitario sia per usufruire di più vantaggiose condizioni di mobilità internazionale sia per godere di eventuali sostegni di carattere assistenziale. L introduzione del voto per corrispondenza degli italiani all estero, inoltre, indurrebbe ad una maggiore cautela verso soluzioni estensive suscettibili di complicare la già difficile individuazione del corpo elettorale. L intervento riformatore su alcuni aspetti dell acquisto della cittadinanza, dunque, va affiancato ad un impegno non meno penetrante ed efficace rispetto a problemi vecchi e nuovi riguardanti la sfera sociale, assistenziale e culturale. La discussione aperta in sede parlamentare sulla proposta di legge del Governo di modifica dei procedimenti di naturalizzazione degli stranieri è l occasione da cogliere per arrivare alla soluzione di alcune annose questioni aperte tra gli italiani all estero. In particolare, sono maturi i tempi per portare a soluzione tre questioni: a) il riacquisto della cittadinanza di persone nate in Italia, che l hanno perduta a seguito di situazioni di diversa natura maturate all estero (ormai tutti i maggiori Paesi di immigrazione ammettono la doppia cittadinanza, non c è quindi ragione per impedire, a chi è nato in Italia ed è emigrato per lavoro, di riacquistare la cittadinanza originaria. In tale ipotesi sarebbero compresi anche quanti hanno lasciato scadere i termini senza avanzare richiesta); b) il riconoscimento della cittadinanza a donne che l hanno perduta per avere sposato stranieri nel periodo (eliminando le conseguenze, non più accettabili sul piano giuridico ed etico, del regime precedente a quello nato dalla Costituzione repubblicana del 1948, che non considerava la donna come un soggetto capace di trasmettere la cittadinanza italiana); c) la possibilità di trasmissione della cittadinanza anche ai figli di donne italiane nati prima del 1 gennaio 1948 (eliminando l odiosa disparità giuridica tra figli. Nelle prossime settimane si continuerà dunque a lavorare, in stretto contatto con gli eletti nella circoscrizione estero, per portare all approvazione del Parlamento una nuova normativa che dia alla storia e al vissuto degli emigrati italiani, anche sul piano normativo, il dovuto riconoscimento. 29

29 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE 30 I RAPPORTO SEMESTRALE Comunicazione istituzionale Al fine di potenziare la comunicazione istituzionale sia all interno che all esterno dell Amministrazione, anche su impulso del Vice Ministro sono state avviate una serie di attività che hanno l obiettivo di migliorare i servizi offerti ai cittadini. Rispondendo alle crescenti esigenze del pubblico straniero, ma anche italiano, il centro Visti della DGIT ha realizzato un data base sui visti, disponibile sul sito internet del MAE, che offre le necessarie informazioni sulle condizioni richieste per l ingresso in Italia. È in via di progettazione una Carta Servizi elettronica che consente di avvalersi telematicamente di alcuni servizi consolari, dialogando in rete con gli uffici. La Carta consentirà, grazie ad un chip elettronico e ad una connessione protetta, di inserire un username e una password personali per collegarsi al Consolato di residenza e per usufruire di alcuni servizi, quali l agggiornamento dei propri dati personali o la stampa dei certificati anagrafici o di residenza in carta libera. Un iniziativa simile è già stata avviata dal Consolato Generale di Buenos Aires e rappresenta un importante segnale di efficienza e di attenzione nei confronti delle collettività residenti all estero. Si sta elaborando inoltre una Guida ai servizi consolari da diramare alla rete, affinché i Consolati dispongano di uno strumento di comunicazione agile ed efficace. Si tratta di una guida cartacea che si rivolge essenzialmente a quella porzione di pubblico che per età, cultura o condizioni socio-economiche non ha accesso ad internet e che consentirà a tutte le sedi di avere un prodotto omogeneo per forma e contenuto. Nell ambito delle iniziative promosse per la valorizzazione dei media e degli operatori dell informazione italiana nel mondo, sono stati da tempo avviati dei contatti con il Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti al fine di concertare una linea di intervento comune a sostegno di un processo di crescita e di riqualificazione dell informazione e della comunicazione italiana all estero. Al fine di fornire un contesto più organico a tale collaborazione, si è predisposta la stipula di un Protocollo d Intesa fra il Ministero degli Esteri e il Consiglio Nazionale dell Ordine dei Giornalisti, che sarà presentato nel febbraiomarzo di quest anno presso la Farnesina e fornirà l occasione per illustrare anche la pubblicazione congiunta, sul sito web del MAE e del C.N.O.G., di due importanti banche dati contenenti un censimento sui Media italiani operanti all estero e uno sui Comunicatori italiani o di origine italiana nel mondo. L obiettivo perseguito attraverso tali ricognizioni è di favorire la conoscenza e visibilità del mondo dell informazione italiana all estero, promuovendo al contempo ogni proficua opportunità di interazione e scambio.

30 Connazionali all estero in aree di crisi L impegno del Vice Ministro, in stretto rapporto con l Unità di crisi, per quanto riguarda l assistenza ai connazionali che si sono trovati in situazioni particolarmente critiche in aree a rischio, è stato e resta massimo: dagli italiani sequestrati in Niger, Nigeria e Venezuela, alle vittime di catastrofi naturali o di guerre. Più in dettaglio, da giugno a dicembre 2006, il Ministero degli Esteri è stato impegnato nel trattamento dei seguenti casi di sequestro: Gigliola Martino Vitiello (Haiti, agosto 2006) Claudio Chiodi e Ivano De Capitani (turisti italiani in Niger, agosto-ottobre 2006) Gabriele Torsello (fotoreporter in Afghanistan, ottobre-novembre 2006) Claudio Moroni e Marco Onorato (delegati Croce Rossa a Gaza, novembre 2006) Massimo Alberizzi (giornalista Corriere della Sera - Somalia, dicembre 2006) 13 casi di sequestro in Venezuela 5 casi di sequestro in Nigeria. CONNAZIONALI ALL ESTERO IN AREE DI CRISI 31 Il MAE ha inoltre gestito altri casi di particolare gravità, quali l evacuazione di circa connazionali dal Libano nel luglio 2006, l assalto al cantiere italiano della Impregilo in Nigeria (luglio 2006), l assistenza ai connazionali ad Abidjan (settembre 2006) per fronteggiare un emergenza determinata da un grave inquinamento ambientale. Il Ministero degli Esteri tiene sempre aggiornato anche il sito viaggiaresicuri.it, che contiene le informazioni relative alle aree di rischio e i consigli per i connazionali che intendano recarsi all estero.

31 FINANZIARIA 2007 I RAPPORTO SEMESTRALE Finanziaria La legge finanziaria per il 2007 è stata formulata per far fronte ad un contesto economico difficile e principalmente per riportare sotto controllo i conti dello Stato. Nonostante una manovra di necessario rigore, è stato possibile aumentare molti dei capitoli di spesa di interesse per gli italiani all estero, dando un chiaro segnale di attenzione del Governo per le nostre comunità e ponendo le premesse per la realizzazione di politiche innovative ed efficaci. Le cifre più indicative riguardano il capitolo dell assistenza diretta, il 3121, per il quale l incremento rispetto all anno precedente è dell ordine di quasi il 50%; il capitolo 3103, contributi ai Comites, il cui incremento, pari a circa il 44%, risponde ad una logica di potenziamento delle istanze rappresentative delle nostre collettività; il capitolo 3105, risorse destinate all associazionismo, incrementato del 29%, il capitolo 3122, spese per attività culturali, aumentato del 13% circa. In un quadro di complessità economica, si inverte quindi la tendenza degli ultimi anni alla riduzione delle risorse per i connazionali all estero.

32 Formazione professionale Il Ministero degli Esteri ha una competenza solo parziale e limitata sui progetti di formazione professionale per gli italiani residenti all estero, per i quali il primo responsabile è il Ministero del Lavoro, che emette periodicamente un bando per la partecipazione alle iniziative di formazione professionale e seleziona i vincitori. Il compito svolto dalla rete consolare all estero consiste infatti nel trasmettere i progetti, oltre che nel pubblicizzare il relativo bando. In passato non sono purtroppo mancati abusi e distorsioni nell utilizzo di tali fondi, che hanno determinato la mancata realizzazione di progetti meritori e la parallela approvazione di altri costosi quanto inutili. È pertanto evidente che rispetto al passato è necessaria una inversione di rotta finalizzata all assoluta trasparenza e al risultato di qualità dei fondi stanziati. Il prossimo bando in corso di definizione, che prevede un impegno per varie decine di milioni di euro, vedrà quindi alcune importanti novità, prima fra tutte il diretto coinvolgimento del CGIE nella elaborazione di un nuovo contesto progettuale più correttamente orientato al raggiungimento degli obiettivi. Va ricordato anche il contributo che può conseguire per i connazionali all estero dall attuazione in fase di avvio del II periodo di esercizio (2007/2013) del Fondo Sociale Europeo, in raccordo con alcune Regioni italiane. Risorse importanti che andranno, anche queste, meglio gestite alla luce della prima esperienza già realizzata. FORMAZIONE PROFESSIONALE 33

33 GIOVANI ITALIANI NEL MONDO 34 Incontro con giovani assistenti linguistici di italiano dell Università di Melbourne I RAPPORTO SEMESTRALE Giovani Italiani nel Mondo Nel corso dei vari Comitati di Presidenza e poi nell ultima Assemblea plenaria del Cgie del 2006 il Vice Ministro ha tracciato le linee operative del Governo, indicando per il 2008 la realizzazione della Prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo. Scuola, ricerca, ambiente, alta qualificazione, cultura, musica, spettacolo, arte, sport. Questi alcuni dei settori da sviluppare come opportunità per la promozione dei giovani e come occasione di sviluppo economico, sia delle nostre comunità che del Sistema Italia nel suo complesso. Confrontarsi con l universo giovani significa rimettere in discussione, per rilanciarle, rinnovarle e aprirle, anche le tradizionali strutture di rappresentanza dell emigrazione, che hanno costituito una risposta positiva per i bisogni e le specificità dell emigrazione dei decenni scorsi ma che oggi, se non riqualificate accettando la sfida con i cambiamenti, rischiano di diventare organismi che non consentono la partecipazione e la valorizzazione delle giovani generazioni. Le condizioni esistenziali, le attese, i bisogni dei giovani di seconda e terza generazione, come quelle dei giovani che affrontano oggi per scelta volontaria le nuove forme della mobilità professionale, sono diverse da quelle tradizionali, sono differenziate tra loro a seconda del Paese, della condizione sociale, del contesto lavorativo. Definire nuovi compiti vuol dire mettere il mondo associativo in condizione di relazionarsi con i problemi occupazionali dei giovani, attivandosi per interscambi culturali, artistici, interuniversitari, stage in strutture pubbliche e private, tirocini. Vuol dire confrontarsi con il mondo giovanile abbandonando stereotipi e incrostazioni mentali, per intercettare le esigenze e le emozioni vere, per valorizzare un universo positivo che ha maturato, attraverso la propria esperienza, un rapporto con l Italia e con la tradizione migratoria assolutamente originale e diverso da quello delle generazioni passate. Di questi temi, delle individuazione delle priorità e delle azioni concrete da sviluppare si occuperà la Prima Conferenza dei Giovani Italiani nel Mondo, la cui organizzazione sta già entrando nella fase operativa, con il contributo della competente Commissione preparatoria ministeriale, alla quale si affiancherà la specifica Commissione costituita in ambito CGIE.

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali

Ufficio Cooperazione internazionale e sviluppo delle comunità locali 1 Progetto approvato dalla G.P. con delibera n. 434 del 12 Novembre 2004 2 PROGETTO: CITTADINI DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO NEL MONDO 1. il contesto: Gli italiani nel mondo sono una grande risorsa

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO

COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO COMMISSIONE CGIE DEI GIOVANI ITALIANI DI SVIZZERA, CROAZIA E SAN MARINO Contiamo sul vostro attaccamento alle radici italiane delle vostre famiglie perché vi facciate promotori, in diversi continenti e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIULIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2581 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIULIETTI Iniziative e manifestazioni per la celebrazione del sessantesimo anniversario della

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, IL MINISTERO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE E L ENTE NAZIONALE ITALIANO PER IL TURISMO Considerato che: - Il Ministero degli Affari Esteri ed il Ministero

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

La Città della Musica Una risorsa per Milano

La Città della Musica Una risorsa per Milano La Città della Musica Una risorsa per Milano Sandro Lecca Milano - 16 dicembre 2008 Obiettivi della ricerca Una prima rappresentazione di Milano Città della Musica Individuare alcune possibili linee di

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO Assessorato alle Politiche Comunitarie e Cooperazione internazionale NEWSLETTER INDICENDICE

PROVINCIA DI PRATO Assessorato alle Politiche Comunitarie e Cooperazione internazionale NEWSLETTER INDICENDICE NEWSLETTER NUMEROUMERO 11 12 NOVEMBRE 2003 INDICENDICE Missione della Provincia di Prato in America Latina...2 Il curatore della newsletter è il Dott. Luca Formentini Tel. 0574 534 315 europa@provincia.prato.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE

Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE FORUMPA SANITA' 2001 Ulss n.6 Vicenza Dipartimento/progetto dei Servizi per il Territorio VERSO UN DISTRETTO FORTE Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: VERSO UN DISTRETTO FORTE Amministrazione proponente:

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA

LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA Iniziativa La Lombardia per l eccellenza Programma soggetto ad aggiornamento LA LOMBARDIA PER L ECCELLENZA La Lombardia per l Eccellenza è un iniziativa della Giunta Regionale rivolta ai giovani laureati,

Dettagli

La qualitàdel accoglienza turistica

La qualitàdel accoglienza turistica La qualitàdel accoglienza turistica Turismopertutti: l accoglienzadiqualitàel eccelenzadeiservizi Ciclodiseminariinfo-formativi Roma Febbraio-Luglio2014 Laqualitàpercepitadaicitadininelvivereilteritorio

Dettagli

Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I.

Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I. Ministero dell Interno PATTO PER LA SICUREZZA TRA MINISTERO DELL INTERNO E A.N.C.I. 20 MARZO 2007 CONSIDERATO che la sicurezza è un diritto primario dei cittadini da garantire in via prioritaria per assicurare

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Istituzione della rete dei musei nazionali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea com ites@ vtxm ail.ch

Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea com ites@ vtxm ail.ch Com itato degli Italiani all E stero N auenstr. 71-4002 B asilea Tel. 061/271 78 50 w w w.com ites-basilea.ch com ites@ vtxm ail.ch RELAZIONE ATTIVITÀ 2008 Il COMITES di Basilea opera nella circoscrizione

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA

STATUTO ODV MIGRANTES SIENA STATUTO ODV MIGRANTES SIENA 1 ART. 1* (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: MIGRANTES SIENA assume la forma giuridica di associazione. E apartitica e aconfessionale. L organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Il TCI ha il merito di aver inventato il turismo in Italia e di aver fatto dell Italia dei primi anni del 900 un Paese reale, vicino e accessibile.

Il TCI ha il merito di aver inventato il turismo in Italia e di aver fatto dell Italia dei primi anni del 900 un Paese reale, vicino e accessibile. Il Touring Club Italiano (T.C.I.), con sede in Milano, costituito l'8 novembre 1894 con la denominazione di Touring Club Ciclistico Italiano, ha come scopo lo sviluppo del turismo, inteso anche quale mezzo

Dettagli

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE SSPA SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LA FORMAZIONE PUBBLICA TRA SPENDING REVIEW E RIORGANIZZAZIONE PRESENTAZIONE DEL 15 RAPPORTO SULLA FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI 21 MAGGIO 2013

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello;

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; PROTOCOLLO D INTESA TRA il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; il DIPARTIMENTO per gli AFFARI REGIONALI, TURISMO E SPORT, della Presidenza del Consiglio

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli