Il salvadanaio nella storia dell' economia e della emancipazione sociale del Salento paleocristiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il salvadanaio nella storia dell' economia e della emancipazione sociale del Salento paleocristiano"

Transcript

1 Il salvadanaio nella storia dell' economia e della emancipazione sociale del Salento paleocristiano L'estrema regione d'italia, il Salento, attualmente costituita dalle tre province, di Lecce, di Brindisi e di Taranto, fu detta anche Terra d'otranto, dai romani: Calabria e dai greci: Messapia - Japigia. Ricca ancora di manifestazioni ataviche, per una migliore intelligibilità storica, folkloristica e linguistica, meriterebbe d'essere studiata per diocesi e, ancor meglio, per centri cultuali. Ciò perchè oltre ogni confine segnato da autorità temporali, gruppi etnici con radicate consuetudini ebbero in ogni età convergenti ai templi e ai santuari, ai vati ed ai sacerdoti, le speranze ed i motivi della propria esistenza e delle proprie fatiche. Per il fatto che il Cristianesimo ritenne, per i suoi primi tempi, inscindibile la sede episcopale dalla civitas, si ha che quanto fu in uso nella città fu anche nei centri urbani o rurali dipendenti, essendo per l'economia, per la politica e per la religione, il traffico dei diocesani pressochè esclusivo con la sede del loro vescovo. Le circoscrizioni religiose, poi variate entro confini apparentemente innaturali, in realtà devono intendersi create da volontarie, plebiscitarie annessioni, o da necessità prepotenti di natura geografica, climatica, economica o bellica. * * * Questa premessa, che ribadisce necessità metodologiche altre volte ed anche da altri sentite ed espresse, introduce un breve saggio locale sul periodo e l'argomento, i più oscuri e patetici della storia umana: quello dell'introduzione del Cristianesimo ín Occidente e della schiavitù. Il Salento per la sua posizione geografica nei tempi apostolici fu certamente influenzato dalla predicazione evangelica. Fu quindi arca tra le prime d'occidente a sentire la «parola nuova». Benchè non siano ancora disponibili studi specifici sulla componente etnica della regione, è da credere che varie colonie ebraiche in quell'epoca agevolassero qui l'introduzione del Cristianesimo. L'epigrafia offre qualche elemento confer- 115

2 nato da un provvedimento d'ordine pubblico del secolo IV contenuto nel Codice Teodosiano. Le altre fonti sono invero scarse per i riferimenti locali e cristiani. Certo è però che al concilio di N icea dell'anno 325 partecipò Marco, vescovo di Calabria, con molta probabilità successore, forse anche immediato, del santo vescovo Leucio fondatore della cattedra episcopale di Brindisi. Per i secoli successivi si hanno, poi, le prime notizie intorno al Cristianesimo in Otranto, città che nei principi del V secolo ebbe il vescovo Benedetto che si vuole assistesse in morte San Paolino da Nola che parla nel suo carme a Niceta di monaci e monache in queste terre. Si hanno notizie coeve cristiane anche per Taranto che attirò, per motivi amministrativi, l'attenzione di papa Gelasio come si rileva da una lettera dell'anno 494. Altre notizie si hanno infine su Gnazia che nell'anno 501 fu rappresentata dal vescovo Rufenzio al Concilio Romano. In mancanza d'altro, per esprimere la situazione economico-sociale, senza vincolo, se non d'ambiente e d'età, il primo scelto nei limiti delle tre province, il secondo nel tempo che va da Tiberio a Costantino, si tenta l'utilizzazione di fonti indirette. Si presenta così uno strumento che fu essenziale per la manumissione di non pochi uomini degradati al rango di strumenti vocali: il salvadanaio. E' ancora usato, in varie parti d'europa, ed anche qui, il salvadanaio d'argilla, semiovoidale, poggiante su larga base, terminante in alto con una cima a bottone, e ferito nella parte superiore da un taglio orizzontale atto a far entrare e non uscire le monetine. Si è pensato che questo oggetto, anche presso gli antichi, fosse stato un contentino per bimbi, giocattolo che educava al risparmio. Pochi perciò l'hanno considerato degno di studio, mentre attraverso i secoli, contro la moda dei tempi. conservava immutata la forma, e nei dialetti, immutati, anche se ai più incomprensibili, i nomi antichi con i quali fu distinto. Raramente se ne sono trovati tra i reperti archeologici, ma la causa è ovvia: si usavano per accumulare danaro, finivano per essere frantumati e distrutti quando il frutto del risparmio era maturo e doveva servire all'utile per cui lo si era composto. Ciò nonostante può accertarsi che la forma, quale è per il salvadanaio che i figuli locali costruiscono ancora al tornio, a piede o a motore, tale è per quelli trovati in scavi archeologici a Roma, a Nora e a Gnazia. La sua forma è tra le più facili per il figulo tornitore. Un solo pugno di argilla svasato a coppa, chiuso a corolla, concluso a tolos protuberata, la costituisce. Ma, se capita di trovare sul bottone di cima incise cinque o sei linee toccantisi in un punto, sì da formare una stella, oppure il monogramma greco di Gesù Cristo (I X), allora quella forma che si credeva nata da economia artigianale suggerisce una certa ragionevole attinenza con il pileo che fu, per l'età antica in Occidente, con la stella in cima, il peculiare cappello dei Dioscuri, fratelli che per desiderio di eguaglianza e di libertà si sacrificarono vicendevolmente ed in perpetuo, e per l'oriente il cappello dei tre fanciulli nella fornace, che 116

3 per la propria libertà religiosa e politica, soffrirono vittoriosamente il martirio delle fiamme, per l'età cristiana poi, il cappello dei re Magi, si noti, guidati dalla stella, ed anch'essi simbolo di una sentita ribellione alla tirannide, quella erodiana. Queste concomitanze, si vedrà, conclusa la trama, quanta importanza hanno per conoscere i rapporti, durante i secoli ed i millenni, intercorsi tra uomini e Dio, tra schiavi e padroni. Che la forma del salvadanaio di argilla debba ritenersi simile a quella del pileo, lo accertano il termine dialettale salentino cucuddu con il quale appunto il salvadanaio è indicato e gli altri termini che rimenano alle note cerimonie greche e romane per la manumissione degli schiavi, in cui il caratteristico cappuccio era, come lo fu ancora durante la rivoluzione francese, emblema di libertà. Il «Vocabolario dei dialetti salentini» di Gerhard Rohlfs rende possibile l'acquisizione dei termini con i quali il tipico salvadanaio d'argilla viene indicato nei vari paesi delle tre province a: Brindisi, di Taranto e di Lecce: ferone, furone, puddu, puggiu, cippu, caruse, cucuddu, trifttddu. I termini ferone e furone, dall'età di introduzione, per deformazioni incolte, per variazioni vocaliche e per elisioni, variano da furoni a furone, da fironi a firone, da ferone a fiurone ed a frone. Virgilio, nell'eneide, parla della dea Feronia, ed oltre a Livio ed a Tacito, Mauro Servio Onorato, scoliasta del primo, vissuto fra il IV ed il V secolo, specifica che Feronia fu la dea dei liberti, e che gli schiavi, nel suo tempio, rasato il capo, si coprivano col pileo, emblema della libertà. Si sa poi, per le testimonianze di autori antichi, che uno dei sistemi, ovviamente preferito dai padroni, ed in uso sia presso i greci che presso i romani, per la liberazione degli schiavi, era quello del tributo: riscatto a pagamento con danaro accumulato, tra l'altro in maniera quasi illecita, in lunghi anni di sopportazione e di lavoro sempre in istato di schiavitù. Il ferone - furone, come dice la gente del Salento, era quindi il tributo, s'intende il contenente per il contenuto, indispensabile per il riscatto. L'etimologia, anzi il termine stesso, sta nel verbo greco c;épo), e nell'equivalente fero latino, ed è inoltre nel derivato c 6 p o; e nella forma cp,:i 2 o v usata da San Paolo con l'inequivocabile accezione di tributo. La pronuncia furone si può supporre derivi da cp,"ipov come firone da cpipu) = fero. Quindi i due termini possono indicare per le aree diverse in cui persistono, età e provenienza diverse. Ambedue sono usati in centri che, per la onomastica, escludono una derivazione da fondi prediali e quindi da ambienti prevalentemente schiavistici. Si ritrova, il termine derivato da p 6 p o v, per lo più in centri interni alimentati evidentemente da immissioni di greci in età cristiana. L'altro può essere d'uso preromano o romano, ma precristiano comunque. Non era quindi il salvadanaio d'argilla, dalla caratteristica forma di pileo, un giocattolo per bambini ma lo strumento, per cui, impegnando la volontà si permetteva l'umana e sociale redenzione. Su una fascia mediterranea della stessa penisola salentina, che va da Patù, 117

4 Gagliano, su, per Specchia, M ontesano, Spongano e Maglie fino a Cursi e Castrignano dei Greci, il ferone-furone si indica col termine usato per acquisizione anche a Lecce: puddu, che per il significato che gli si dà di offerta, sembra la corruzione di una forma sostantivata del verbo greco '..71:Oht,/, latino polluceo. A Tricase, paese a metà costa, poco distante da Specchia, il puddu, Rohlfs vuole si pronunci «puggiu». Benchè sia comune nei dialetti salentini la variazione della d in g: come per sedia = «seggia», poichè resterebbe inspiegato un doppio mutamento da un'unica forma per due paesi vicini, sembra più verosimile che il puggiu più che derivato da ótr,,") - polluceo, sia piuttosto la corruzione del volgare italiano pieggio che equivale mallevadore, e che deriva da plegius, latino di tarda età, usato proprio nel senso di capitale che garantisce le libertà, ossia una vita onesta. Esempi di diritto si trovano in fonti specialistiche inglesi che riguardano il medioevo. Si hanno, riportati dal Du Cange, espliciti riferimenti dalle leggi di Enrico I e di Guglielmo Noto. Ma è, inoltre, importante considerare che il pieggio, garanzia, ossia capitale costituito col risparmio, si troverà come obbligo nelle leggi della Chiesa, per il suddiaconato come patrimonio sacro. In alcuni paesi estremi come Casarano e Ruffano, altri mediani come Martano, Squinzano, Novoli, Sandonaci, oltre che in Lecce, si usa indicare il salvadanaio col termine cippu. Deriva dal greco zìi iroc.. o ZET.170; inteso non come orto, benchè avesse anche con tale accezione senso di capitale ossia peculio, ma piuttosto di tonsura, giusto le lezioni riportate dallo Stefani. Il nesso tra tonsura e salvadanaio resta meglio chiarito informando che i cittadini di Ostuni per le influenze linguistiche dei paesi limitrofi a settentrione, indicano il salvadanaio col termine caruse, che va comparato con il salentino caruppari tosare, col barese carone tosatura del capo, col siciliano carusu e, come suggerisce Rohlfs, col napoletano carusu che indica il capo tosato di fresco. Caruse si dice il salvadanaio non certo perchè «rassomiglia ad una testa tosata» ma perchè permetteva, riscattandosi, la rasatura dei capelli, o tonsura, indispensabile per ricevere il pileo della libertà. Deriva 1' etimologia di caruse dal greco zeípw, aoristo s -/.7. 2 o v, che è possibile abbia attinenza col latino caro, nell'accezione di cardare, pettinare, se non con l'avverbio care usato anche da Sant'Agostino col senso di vendere, valere, costare. Questo termine caruse propone inoltre, attinenza sia con Caronte e l'obolo che per questi si poneva in bocca ai morti, «rasato capite» sia con la più logica comprensione del termine carosa usato qui per giovane donna non sposata, quindi, libera. Giustificazioni culturali se ne potrebbero ancora trovare moltissime, ma basta considerare che Caroniti erano, presso i Romani, gli schiavi liberati per testamento dal loro padrone in punto di morte, così come si continuò nell'uso cristiano con la formula «pro remedio animae». Col termine trifuddu si indica il salvadanaio in Aradeo, Cutrofiano, Galatina, Sogliano: paesi interni ove un'influenza linguistica greca non è da esclu- 118

5 dere, come non è da escludere una tenace restistenza di quella lingua ancora oggi viva. L'etimo di trifuddu sembra stia nel termine greco -cp o z- p kouuo nell'accezione lata non di «qui tres habet tribus» ma piuttosto di «tertium genus»,, per indicare il mezzo, il tributo onde divenire liberi, ossia cristiani. In proposito, non essendo insolita l'univocità di termini specialmente per l'indicazione di simboli, questa esegesi va rinforzata con le probabili derivazioni dei termini latini tribus etributales con le accezioni, date in Du Cange, appunto per il periodo del basso impero e del medioevo, di liberi per assolto tributo, oppure liberi coloni. Infine, ad Alesano, si usa il termine cucuddu, per fotografare quasi, «intus et cute», il salvadanaio, indicando, non con linguaggio aulico, ma col volgare che è sintomo dello «adversus vetustatem» peculiare della rivoluzione cristiana, il pileo, assimilato dai cristiani e dagli ordini ecclesiastici, col termine cucullus comune all'illirico kukuglja. Il confronto illirico non è presentato senza un motivo. Si noti che Alessano sembra derivato da una colonia epirota di Alezio stabilita qui nel periodo del basso impero. S'intende, una colonia di schiavi, in seguito resa libera ed autonoma nell'autonomo centro non più prediale romano ma urbano, ossia ad economia proletaria e libera. * * * Così lo scavo filologico propone una tematica che non prescinde dall'indagine religiosa, sociale ed economica. Ancora nelle masserie, antiche mansiones latine, il massaro od il padrone e la sua famiglia vivono in maniera, si direbbe, vetero cristiana. La vita che lì ancora si svolge, nei piccoli particolari, parla di una schiavitù non del tutto redenta, però cristianizzata. Per esempio, al mattino ci si saluta invocando il nome di Cristo. Si mangia in una scodella comune, condita con l'olio versato dal guttus sul cibo a segno di croce. Si inizia il lavoro con l'invocazione a Gesù fatta dal più anziano cui si risponde «sempre sia lodato». Sí invoca ancora il nome di Cristo quando si accende la lucerna e quando si spegne e quando termina il lavoro della giornata. Si evita di porre il pezzo del pane capovolto, se caduto per terra lo si bacia con riverenza. Col massaro o col padrone non possono mangiare gli operai detti «cristiani n forse perchè quella concessione implica il ricordo della manumissione «per mensam» dello schiavo intenzionalmente detto «cristiano». 119

6 Vi sono, di più, credenze che accusano un conservatorismo apparentemente illogico, che sa però di sincretismo astrale-cristiano. Tutto parla di una persistenza cultuale magari eterodossa. Vi è insomma ancora il quadro di quell'oscuro trapasso di civiltà che lasciava sperare una redenzione sociale invece compromessa dallo sviluppo etico religioso che valutava la sopportazione come unica arma per la conquista del regno di Dio, fine ultimo cui conduce la Sposa di Cristo. Ed è derivazione di questo concetto il radicato criterio, facilmente documentabile, che dalla sofferenza morale, fisica od economica, la morte da refrigerio, in dialetto «ddifriscu», così come poi, teorizzata, era nella consuetudine cultuale del primo periodo cristiano: aspirazione a Dio. 11 Salento, come tutto il mondo antico, già prima che fosse conqubtato dai Romani, era abitato da schiavi e padroni, con relativa percentuale non diversa da quella ormai accertata come media nel mondo antico: il novanta per cento di schiavi, il resto padroni. L'economia doveva svilupparsi sul lavoro della terra ed il commercio marinaro. La conquista romana che segnava quindi soltanto la sconfitta del dieci per cento degli abbienti, spostò la proprietà dalle mani dei vinti a quelle dei vincitori, che costituirono così le proprietà prediali, le mansiones, propri villaggi o caserme, ove vivevano, alla maniera militare, accanto agli strumenti semivocali, ossia ai buoi aratori ed ai cavalli, gli strumenti vocali, ossia gli uomini schiavi, indigeni ed importati. Più di qualsiasi altra fonte suffraga questa tesi la toponomastica, e, se vi si desse conto, anche l'archeologia. La maggior parte dei paesi, piccoli paesi con piccoli agri, accusano nei propri nomi derivazioni familiari e gentilizie romane. Gli altri luoghi rurali, poi, ove si trovano serie di tombe, manufatti, tegole e resti di costruzioni, sono altre fattorie che non ebbero per motivi, i più disparati, le condizioni favorevoli per resistere proprio quando s'introducevano i nuovi principi di libertà e si permetteva allo schiavo di avere una famiglia, una casa: di considerare, prescindendo dalle ricchezze terrene, simili tutti gli altri uomini della terra, compresi i padroni. Si è visto quindi come in molti paesi il salvadanaio sia indicato col termine forone. I paesi sono per lo più antichi centri di età preromana sui quali la manumissione avveniva per mezzo del cp ópov, con il sistema d'uso già presso i romani nel tempio etrusco della dea Feronia. Gli altri termini poi sono tipici in altri paesi che lasciano intravedere la loro fondazione in età romana come fondi prediali a sfondo schiavistico. Puddu infatti si dice a Carpignano, Castrignano dei Greci, Gagliano, Montesano, Spongano, Vitigliano. Cippu si dice a Martano, Casarano; trifuddu a Cutrofiano e Sogliano, paesi indicati con possessivi gentilizi o familiari romani e disposti, specialmente nel basso Salento, cioè da Lecce a Santa Maria di Leuca ove difettarono i centri preromani (urbs o r(a tg) come: Ostuni, Oria, Ugento, Ceglie Brindisi, Taranto, Otranto, Lecce, Mesagne, Carovigno situati invece più in alto e già noti alle fonti letterarie antiche. Interessante è inoltre considerare che anche i fondi prediali romani, o ville 120

7 o mansiones, costituiti a tipo o "t z o ; sotto l'impero di Vespasiano, in quei terreni del basso Salento già da tempo depauperati per l'accentramento demografico intorno a Brindisi, ove successero vari tentativi di rivolte sociali non ultima quella menzionata da Tacito, si andavano sollecitamente liberando da quel primo aspetto, per divenire liberi centri urbani, mentre molti antichi demi messapici, assurti ad urbes romane, come Valesio, Rudia, Turia, deperivano non lasciando più tracce nella storia. Anche questo è fenomeno caratteristico di quei primi secoli cristiani in cui il sistema schiavistico viene moderato e l'economia fondiaria stacca sempre più la città dalla campagna. Puggiu si dice a Tricase paese costituito in età medievale su precedenti casali nei quali era stato usato il sistema del pieggio daltronde ancora vivo nei paesi vicini ove è obbligo che ogni giovane prima della maggiore età debba possedere una casa ed un fondo per onesta vita. Cucuddu si dice ad Alessano paese che gli storici, come si è già detto, escludono sia derivato da mansiones romane ammettendone l'origine da una colonia epirota di Alezio. Certo è che cappuccio in illirico si dice kukuglja. E' interessante notare che proprio in quei paesi derivati da mansiones romane il salvadanaio è indicato con termini orientali in genere, greci in particolare. La cosa però è spiegata dal costume che era nei romani di utilizzare la manodopera dell'ultima terra di conquista su quelle terre già precedentemente conquistate. L'importanza di questo particolare economico-sociale della politica_ romana, forse non è stato ancora sufficientemente valutata per chiarire quanto diversa sia la base etnica di una regione che in apparenza non sembri al solo lume della storia politica. Si pensi che gli schiavi erano considerati, nella geografia economica antica, prodotti di esportazione per alcune regioni imperiali come la Bitinia e l'africa. Il trapasso della civiltà schiavistica, sopra la quale poggiava l'impero, si manifesta con l'affermazione della civiltà cristiana che proclama l'eguaglianza umana rispetto all'assoluto Padrone che è Dio. Gesù, giusto l'evangelista Luca, «era venuto per liberare gli schiavi, promettere l'anno sabatico». Il programma del Redentore mirava ad un'etica terrena promettendo una giustizia innanzi ad un tribunale unico e ad una legge unica, ultraterrena. La sua era quindi una rivoluzione contro la filosofia di Platone e di Aristotele e contro il diritto romano. Il lavoro non doveva essere più considerato degradante, atto agli strumenti vocali, ma espiazione per redimersi dal peccato d'origine, quindi preghiera utile a tutti, ricchi e poveri, padroni e servi. Il padrone non doveva valere più dello schiavo innanzi a Dio; e infatti gli stessi cristiani perseguitati, se per le leggi romane subivano condanne diverse secondo la casta cui appartenevano, innanzi al tribunale divino erano sicuri d'essere giudicati senza distinzioni, secondo un'unica legge: il Decalogo. Gli storici ed í filosofi come Epitteto e Seneca gli schiavi ammutinati prepararono questa nuova concezione che mirava ad un fine etico e sociale. Il Cri- 121

8 stianesimo nascente, anche in Palestina ove era anchilosato dalle idee degli Ebioniti nazzarei, fu inteso come mezzo di redenzione essenzialmente terrena. Sí può credere perciò che le collette, ordinate da San Paolo nelle varie chiese da lui fondate in Occidente per utilità dei poveri di Gerusalemme, servissero anche a rendere possibile la manumissione di schiavi. Tutto ciò non poteva però passare inosservato nell'impero economico di Roma. L'allarme si faceva sempre più drammatico tanto da far ritornare sull'argomento, e per varie volte, lo stesso apostolo San Paolo per chiarire il pensiero evangelico, ossia di Gesù, che rimandava il premio di un'etica vissuta secondo la legge all'al-di-là, valutando la sopportazione come mezzo essenziale per redimersi dal peccato originale. Si matura sempre di più una particolare tendenza a giustificare ogni remoto comportamento imperiale rispetto a Cristo ed al Cristianesimo. Esempi se ne trovano già negli Evangeli e negli Atti degli Apostoli. All'opposto, le interpetrazioni materialistiche, classiste ed egoistiche spingevano gli schiavi ad una soluzione immediata e terrena delle promesse cristiane. Non è da sottovalutare il brano con il quale San Ignazio, nel primo secolo, pragmatizza contro uno stato di fatto scrivendo a Policarpo vescovo di Smirne, che gli schiavi non dovevano insistere per la loro liberazione chiedendo le somme necessarie alle chiese ed ai fedeli. Dello stesso parere saranno poi Taziano, Giustino, Tertulliano. La norma sarà accettata nei Concili come quello di Gangria dell'anno 324 ed esplicata da Lattanzio con ampio discorso. VI era sempre stata, come accerta Sant'Agostino, tra gli schiavi una frenetica gara per spezzare le catene ed acquistare la libertà in nome e con l'appoggio teoretico del Cristianesimo. Le loro condizioni nel mondo imperiale romano erano in realtà tali da giustificarli. Vivevano per il lavoro. Pagati X e costando per vitto Y, con il loro lavoro erano obbligati a rendere X più Y al 7% annuo. Non potevano costituirsi una famiglia. Dovevano vivere accomunati senza possibilità di svaghi. Non usufruivano di alcuna previdenza. Chi si ammalava, chi restava inabile, deperiva o moriva, veniva rimpiazzato dal nuovo acquisto. La crisi, come è già stato teorizzato, avvenne nell'economia dell'impero per ingiobamento di proprietà e difetto di manodopera proprio quando Roma aveva già terminato le sue conquiste territoriali ed aveva impiantato ovunque le sue colonie prediali. Non vi erano più prigionieri, non vi erano più nuove immissioni di schiavi. La predicazione evangelica trovava perciò più ragionevole penetrazione proprio in quegli ambienti che finalmente autoriproducendosi divenivano meno eterogenei e più solidali. Origene dice che i cristiani avevano cercato, infatti, sempre, di convertire gli schiavi. Quanto si legge poi in San Girolamo, che ai suoi tempi tra i cristiani vi erano pochi ricchi, è accertato da Sant'Ambrogio che a merito della chiesa pone in primo luogo il riscatto degli schiavi. Consentendo agli schiavi la famiglia si accelerava la loro emancipazione. I figli che nascevano schiavi, dai genitori erano, per affettività, iniziati al desiderio represso di una vita migliore, di redenzione. Il Cristianesimo era la religione che poteva redimerli e per il Cristianesimo gli schiavi, essenzialmente, 122

9 seppero lottare e morire. La Chiesa di Cristo era però emanazione divina e non poteva risolvere il problema sociale mettendosi contro una legge terrena dalla quale, alcune volte, era compatita, altre volte estromessa, altre volte punita. San Giovanni Crisostomo insiste ancora ai suoi tempi, sulla necessità che gli schiavi cristiani sopportino il loro stato di schiavitù terrena come mezzo per redimersi dal peccato originale. Le eresie e gli scismi del I secolo come quelli del IV, hanno egualmente un sottofondo derivato da questo dilemma: materia-spirito. Gli Ebioniti sorgono con principi di povertà per opporsi all'immissione dei ricchi nell'ecclesia. I Donatisti sono in opposizione a quelli che cedono innanzi all'autorità dell'impero consegnando il Vangelo, scoprendo se stessi e gli altri, accomodandosi con la legge per sfuggire alla morte. Gli Ariani, che sommano tutta la polemica, intendono ridurre ogni gerarchia ecclesiastica al piano terreno onde attuare la promessa di «pace in terra tra gli uomini di buona volontà», che era stata precisamente la partita terrena, promessa dall'avvento, correlativa però al fine essenziale della «gloria in excelsis Deo». Arto aveva 'ridotto il Redentore al rango di demiurgo intermediario tra gli uomini e Dio; aveva quindi abbassato la religione cristiana ad etica puramente terrena, aveva tolto, togliendo a Gesù la parte divina, ai sacramenti da Lui istituiti, il valore di ponte tra gli uomini e Dio. La gerarchia quindi della Chiesa terrena, con le armi terrene, doveva lottare contro il mondo che aveva legalizzato la schiavitù. Il comportamento indeciso degli imperatori romani contro il cristianesimo e specialmente di Costantino, va letto attraverso questa pagina della storia ecclesiastica che, se per i teologi riguarda la consustanzialità e per i canonisti la validità d'ordine sacro, per i politici e sociologi di quel tempo riguardava il fattore politico-economico dell'impero, fondato sulla schiavitù operante. Costantino, amico degli Ariani, cosciente che ormai gli schiavi erano in condizione di rovinare tutto perchè tanti e già consapevoli della propria forza (Ulpiano che sconsiglia l'imperatore Severo di obbligare gli schiavi a vestire una divisa che li distinguesse, già annunzia il timore di una rivolta) si adopera, senza il bisogno d'essere convinto cristiano, con speciali leggi, a migliorarne le condizioni di vita ed a controllare anche i capi ingraziandoseli con donativi e privilegi. Il fine: allontanare il pericolo dell'anno sabatico, cioè del crollo della civiltà schiavistica. Nel dilemma tra ariani e cattolici, in verità teologico, ma pratico ai fini sociali, Costantino interviene presiedendo il concilio di Nicea e sanzionando la vittoria dei cattolici docili ed ossequenti. Il simbolo del concilio, però, sottoscritto dai vescovi apparentemente intimoriti da oscure minacce di nuove persecuzioni, se salvava l'impero dalla rivoluzione degli schiavi toglieva all'imperatore qualsiasi controllo sulla gerarchia della Chiesa. Anzi, perchè questa era ritenuta d'istituzione divina, l'imperatore diveniva soggetto a quella gerarchia. Costantino s'accorse così che il problema teologico investiva tutto l'ordine sociale e politico dell'impero. Il concilio di Arles, la riabilitazione di Ario sembrano ravvedimenti inutili più che inabili a fermare il corso di questi supremi eventi. Egli 123

10 restò così imperatore romano tra cristiani e gentili. Aristocratico per acquisizione, plebeo per nascita. Complesso nella sua personalità, scaltro quanto impotente innanzi agli eventi di un secolo che seppelliva un mondo e ne generava un altro d'ispirazione giudalca. Le fonti alle quali infatti attinse il mondo romano e l'imperatore per la legislazione sociale, che si è detta d'ispirazione cristiana, sono essenzialmente giudaiche. Le leggi che riguardano í rapporti tra schiavi e padroni, tra schiavi e schiavi si rifanno ad autorevoli passi del Vecchio Testamento. Lo stesso titolo di «vescovo di fuori» col quale soleva chiamarsi tra i cristiani sembra ripreso dalle Sacre Scritture. Gli ariani, quindi, poichè è da credere che consiglieri suoi in materia siano stati gli ariani Osio ed Eusebio, risultano così propagatori della legge ebraica, padri degli Ebioniti e dei degeneri Circelloni agitatori dei problemi sociali. La volontà divina mirava al fine di una più profonda e safferta redenzione. Si insistette sulla dottrina di San Paolo che risolveva il problema, in termini in apparenza evasivi alle contingenze, spiegando però che i cristiani dovevano preoccuparsi di non essere «captivi diaboli» ma «liberti Domini». Gli schiavi, infatti, restando tali potevano entrare nella Chiesa; anche se poi per essere chierici, come è segnato nelle Costituzioni Apostoliche, dovevano liberarsi o avere licenza dal loro padrone. Così Costantino sente la necessità di traslare dall' ';_yop-;. al tempio la convocazione del popolo testimone che, indicato col termine greco che era in uso presso i greci, ecclesia, diviene ormai autorità, col vescovo sostituto della tribunicia autorità civile, capace di assolvere alla manumissione degli schiavi. La formula che si recitava in tali occasioni dovette essere quella che ancora si adopera nell'atto della tonsura al chierico ripresa dal versetto V del XV Salmo, simile, nel contesto, alla formula usata dai gentili e riportata in bocca all'inviata celeste che nel poema di Virgilio taglia il capello della vita a Didone: «Io ti consacro a Diti e ti sciolgo da questo corpo mortale». Il taglio dei capelli, presso gli antichi indicava dolore per cose passate, promessa di rigenerazione. Si usava radersi infatti, scampato un pericolo. Ma, poichè si sta al senso che certe pratiche ebbero per gli antichi, non è inopportuno ricordare come il pileo, simbolo di libertà, fu emblema dei Dioscuri proprio perchè fratelli: uno immortale, l'altro mortale, desiderosi di eguagliarsi compensando col perpetuo sacrificio fortuna e sventura. Libertà anche questa benchè mitologica e gentile. Il pileo dei tre fanciulli nella fornace è indice di ribellione ebraica alla schiavitù babilonese, quello dei Magi ad Erode ed ai gentili. Il termine dialettale salentino pilea, che indica ribellione e petulanza, così per tornare al sostratto locale, chi sa che non derivi dall'espressione ad pileum votare», usata per gli schiavi in punto d'essere liberati. 124

11 O Per concludere, se le fonti scritte per la storia economica e sociale romana da Tiberio a Costantino, da utilizzare per il Salento sono scarse, pure l'epigrafia e la linguistica potrebbero valere a qualche nuovo indirizzo. Dall'epigrafia risulta, infatti, che nel Salento dal I al III secolo, vi fu costante aumento di servi o villici segnati con semplice nome. Se ne può calcolare il percento medio costituito da un terzo globale. Altri sono liberti e pochissimi della classe dirigente. Sulle condizioni sociali di questi servi o villici e dei liberti dovrebbero puntare ormai più metodiche ricerche perchè sembra, dalla molteplicità dei termini con i quali si indica qui il salvadanaio, che gli schiavi importati dall'oriente introdussero, attraverso gli ebrei già residenti, anche tra i rurali, i più refrattari all'evangelizzazione, i principi di redenzione sociale e cristiana, costituendo, magari in forma collettiva, le premesse per il riscatto con il (96Eov ossia il tributo risparmiato. Quale ruolo però abbia avuto il Cristianesimo, certo presente in questa evoluzione, è appunto l'argomento da approfondire. Qui è sufficiente esprimere le suggestive attinenze tra forone e rp 6 p o v d'uso paolino, tra cucuddu e cocolla cristiana, tra e «tertius-genus», attributo dato in quei primi tempi proprio ai seguaci di Cristo. Considerando poi le diverse aree del Salento nelle quali si usano i diversi termini per indicare lo stesso strumento di redenzione sociale, si potrebbe giungere ad una prima suddivisione dell'antica Calabria romana in diocesi, e con l'ausilio delle fonti storiche posteriori arrivare all'attuale stato. Questa, però, che è la conclusione dell'assunto iniziale, non potrà essere impegnata ad una soggettiva interpetrazione. ROSARIO JURLARO 125

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) Programma di Insegnamento della Religione Cattolica nella Scuola Media (Decreto del Presidente della Repubblica n. 350 del 21 luglio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento della religione cattolica

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale

Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Teologia Fondamentale Domande per la preparazione dell esame orale Lo studente è tenuto a rispondere alle domande qui presentate, preparando un esposizione orale ordinata di circa 5 minuti per ciascuna

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) Specifiche e autonome attività d'insegnamento della Religione Cattolica nelle Scuole Pubbliche Elementari (Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A.

Tutto ciò che manca al salmo in realismo, si realizza nel Figlio di Dio fatto uomo, l idealismo del salmo diviene realtà in Gesù. A. Il Figlio dell uomo Possiamo affermare legittimamente, realmente, che ogni uomo è signore della terra? Possiamo affermarlo pienamente di qualcuno? Dov è l uomo nel suo candore di bambino, nel suo stupore

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia

La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia La chiesa cattolica a confronto con la Bibbia da uno scritto di Claudia Guiati "Noi non siamo infatti come quei molti che falsificano la parola di Dio; ma parliamo mossi da sincerità, da parte di Dio,

Dettagli

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO? Parrocchia santi Giacomo e Filippo ORATORIO SAN GIOVANNI BOSCO www.oratoriocornaredo.it anno pastorale 2007/2008 Primo incontro di riflessione per i genitori di Terza elementare CHE COSA E PER ME IL BATTESIMO?

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

(ANNO SCOLASTICO 2015/18)

(ANNO SCOLASTICO 2015/18) (ANNO SCOLASTICO 2015/18) dal Rapporto La Buona Scuola. Facciamo crescere il Paese, frutto del lavoro portato avanti congiuntamente dal Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dal Ministro Stefania Giannini

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Anno della Misericordia

Anno della Misericordia Parrocchia San Giuseppe Calasanzio Padri Scolopi Via Don Gnocchi 16 - Milano Tel 02-4075933 www.parrocchiacalasanzio.it e-mail: info@parrocchiacalasanzio.it Progetto pastorale 2015-2016 Anno della Misericordia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Titolo Data Località Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Morciano Di Leuca (LE) Villa Convento - Novoli (LE)

Titolo Data Località Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Morciano Di Leuca (LE) Villa Convento - Novoli (LE) Sant'Antonio Abate e la fòcara. Festa patronale a Novoli. Sant'Ippazio. Festa patronale a Tiggiano San Vincenzo di Saragozza. Festa patronale ad Ugento. San Vincenzo di Saragozza. Festa patronale a Miggiano.

Dettagli

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali

MATERIA STORIA PROGRAMMA CONSUNTIVO. Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. Ore annuali Anno scolastico 2014/2015 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA PROGRAMMA CONSUNTIVO MATERIA STORIA classe partecipante al progetto Generazione Web DOCENTE DI MAIO G. CLASSE 2^B ELE Ore annuali 61 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Programma di GeoStoria 2014/2015 V G

Programma di GeoStoria 2014/2015 V G Programma di GeoStoria 2014/2015 V G Programma di Storia L'Europa e l'italia entrano nella storia Capitolo 18 = Dominazione Etrusca -Le origini e l'espansione degli Etruschi; -La civiltà Etrusca: economia,

Dettagli

Preghiera, Liturgia, Ministeri

Preghiera, Liturgia, Ministeri Preghiera, Liturgia, Ministeri Primi passi della nuova comunità nel mondo Riunione di preghiera in casa Passaggio dalla casa privata alla casa dedicata al culto Passaggio dalla DOMUS ECCLESIA ai TITOLI

Dettagli

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti].

Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. Esame di Metodologia Teologica Pratica. Parte Generale. A. 18-II-11 1. Le fonti di una tesi in teologia. Tipi di fonti che ricordi. [2 punti]. 2. Cosa è una nota bibliografica. E una nota documentale?

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016

Anno scolastico 2015 / 2016 Anno scolastico 2015 / 2016 Docente : Rosaria Borzì Materia : Storia e geografia Classe : II A Indirizzo : Liceo scientifico 1 Argomenti (indicare anche eventuali percorsi di ripasso) Capitoli e/o pagine

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Tendenze nella società attuale

Tendenze nella società attuale 1. Introduzione Per molti anni sono stato cappellano del centro di accoglienza per bambini e giovani Theresienheim di Offenbach. Negli ultimi dieci anni la liturgia è stata organizzata sempre nel modo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

per la prima volta una serie di articoli entusiasmanti su

per la prima volta una serie di articoli entusiasmanti su per la prima volta una serie di articoli entusiasmanti su La gente non considerava ciechi, ammalati e lebbrosi e li cacciava oltre le mura della città. La povera gente di solito disabile non poteva lavorare

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

La croce SATANICA. Dozulé. a cura del sac. dott. Luigi Villa. Questa Croce apparve in Francia, a Dozulé, tra il 1972 e il 1978.

La croce SATANICA. Dozulé. a cura del sac. dott. Luigi Villa. Questa Croce apparve in Francia, a Dozulé, tra il 1972 e il 1978. La croce SATANICA Dozulé di a cura del sac. dott. Luigi Villa Questa Croce apparve in Francia, a Dozulé, tra il 1972 e il 1978. Il Vescovo del luogo, Mons. Badré di Bayeux-Liseux, dopo aver fatto esaminare

Dettagli