DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO"

Transcript

1 DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO Il sistema fognario italiano non può essere di certo definito un sistema a tenuta idraulica ottimale. Una situazione che determina ricadute sensibili su elementi di primario interesse pubblico quali la qualità della risorsa idrica potabile, il degrado delle acque interne superficiali, la balneabilità delle acque litoranee. Esaminiamo in questo articolo alcune delle possibili soluzioni a tale problematica fino ad oggi sottovalutata nel nostro paese.

2 Come molti di noi sanno, le fognature sono le condotte sotterranee che più patiscono l usura da parte tempo e da parte dei fluidi convogliati. Ciò anche in relazione al fatto che, generalmente, le condotte fognarie sono state considerate, specie in passato, le sorelle povere delle più strategiche condotte dell acqua potabile e del gas. Mentre queste ultime, trasportando fluidi che comportano un costo tangibile per il gestore del servizio, vengono progettate, posate in opera e mantenute con un elevato livello di attenzione, le condotte fognarie invece, in relazione alla natura del fluido trasportato di rifiuto, vengono spesso relegate alla parte di Cenerentole del sottosuolo. Sono infatti, in genere, costruite in materiali poveri (cemento, cemento-amianto, muratura etc) e posate in opera con modalità poco innovative e finalizzate al massimo risparmio dei costi. In relazione alla loro notevole profondità di posa (dovendo convogliare i fluidi reflui per gravità), al fatto che generalmente sono poste al centro delle strade (devono raccogliere i fluidi convogliati dai fognoli di edificio provenienti da entrambi i lati delle strade), ed al fatto che sono generalmente di grandi dimensioni, subiscono poi gli effetti dello stress meccanico, chimico e del tempo maggiormente delle altre condotte interrate. fognature in esercizio, spesso in condizioni disastrose Questo insieme di fattori determina una situazione di generale mancanza di tenuta dei sistemi fognari urbani. Così accade anche per le fognature industriali, anche se in questo caso prevale l usura di tipo chimico e/o la corrosione di tipo elettrolitico proprie dei terreni contaminati e dei suoli congestionati dal passaggio di molti tipi di sottoservizi, quali quelli appunto sottostanti gli impianti chimici, le raffinerie di idrocarburi, cartiere, concerie etc. Sia nel contesto civile urbano che nel contesto industriale, la dispersione dei fluidi reflui nel sottosuolo causata dalle perdite provenienti dalle condotte fognarie costituisce un vero e proprio problema ambientale. E tale problema può assumere connotati particolarmente drammatici in una nutrita serie di casi. Proviamo a pensare, per esempio, ai fluidi fognari che vengono dispersi e che, per gravità, migrano nel sottosuolo fino a raggiungere le falde acquifere oggetto di prelievo ad uso potabile. Oppure proviamo a pensare alla stessa eventualità in corrispondenza di zone marine o lacustri in prossimità dei siti dedicati alla balneazione, o alle rive di fiumi e torrenti che fungono da collettori naturali di tali fluidi dispersi.

3 In tutti questi casi, gli interventi di riparazione o sostituzione delle condotte ammalorate risultano particolarmente costosi e di difficile, se non di impossibile applicazione, in relazione alle già citate caratteristiche di profondità, sito e condizioni di posa ed esercizio. Non dimentichiamo poi che tale problematica presenta una chiara rilevanza giuridico-penale in quanto l inquinamento e l abbandono (inteso come dispersione nell ambiente) di rifiuti tossici o nocivi sono a tutti gli effetti reati penali e chi si rende responsabile di tali eventi è di fatto perseguibile a norma di legge. fognature industriali; occlusioni di materiale esterno e corrosione della sede di scorrimento sono i difetti più riscontrati all atto delle ispezioni interne Per la risoluzione di tali problematiche, che stanno divenendo sempre più pressanti in ragione della maggiore sensibilità verso i problemi di inquinamento e di degrado ambientale, sono state messe a punto alcune tecnologie che offrono delle soluzioni tecniche ottimali a costi nettamente inferiori alle sostituzioni con i metodi tradizionali a cielo aperto. Le tecnologie che è possibile impiegare per eliminare o limitare drasticamente il fenomeno delle perdite fognarie sono molte, e si possono distinguere in sistemi di riparazione puntuale o in sistemi di risanamento estensivo. Tralasciando necessariamente ogni descrizione e valutazione dei molteplici sistemi di riparazione puntuale, cercheremo invece di approfondire l aspetto del risanamento delle condotte fognarie con tecnologie No-Dig denominate Cured In Place Pipe, internazionalmente note con il più breve acronimo CIPP. Tutte le tecnologie di CIPP si basano su di un idea tanto originale quanto semplice. L idea fu messa a punto agli inizi degli anni 60, partendo da due o tre principi abbastanza elementari, elaborati con un po di logica e qualche fondamento di chimica delle resine. L assunto di base fu il seguente: - Gran parte delle condotte fognarie già esistono, ma perdono. Non è però sempre possibile sostituirle, per ragioni economiche ma anche per vincoli oggettivamente di natura tecnica. Occorre quindi mettere a punto un sistema che consenta di ricostituire un nuovo tubo all interno di quello esistente, rispettando tanto la condotta quanto i pozzetti di ispezione -. L idea che ne scaturì fu quindi: 1. Tra i materiali idonei al trasporto delle acque reflue che possono essere considerati non rigidi e deformabili a piacimento dell operatore, esiste il PRFV o vetroresina che, prima di assumere il suo aspetto tubolare definitivo, si presenta come una sorta di calza

4 morbida e flessibile, impregnata di una resina liquida, e che cva quindi a costituire un complesso formabile in situ. 2. Questo materiale composito formabile in situ deve però essere introdotto all interno della vecchia condotta senza, possibilmente operare scavi a cielo aperto. Quale soluzione migliore quindi che operare attraverso le aperture che già esistono lungo la condotta, cioè i pozzetti? 3. per fare ciò occorre mettere a punto un sistema semplice ed economico che consenta di inserire questa calza all interno della condotta da rinnovare, di farla aderire una volta inserita alle pareti interne della vecchia condotta e, una volta fatto ciò, di farla divenire rigida e resistente come un tubo in PRFV. La messa a punto del procedimento di inserzione ottenuta per inversione del tubolare risultò quindi automatica, una sorta di uovo di Colombo. Descritta per sommi capi la genesi storica del sistema CIPP, se passiamo ad esaminare le applicazioni concrete, ci accorgiamo poi che le variabili operative sono più d una. Diametri, geometrie delle condotte, lunghezza dei tratti da risanare, accessi attraverso i pozzetti di ispezione, immissioni laterali, messa fuori servizio delle fognature non interrompibili etc. sono solo alcuni degli elementi che contribuiscono non poco a complicare la vita agli applicatori nel momento della messa in opera. Proviamo quindi, con l ausilio di una serie di immagini, a spiegare meglio di che si tratta. Si è già accennato al fatto che, sotto la denominazione generica inglese di Cured In Place Pipe (usualmente CIPP), vengono compresi una serie di sistemi che, sostanzialmente, consistono nella predisposizione di una guaina o composta plastica - tessile di dimensioni e lunghezza idonea al rivestimento interno del tratto di esistente condotta da rinnovare in quanto deteriorata, fugante o solamente obsoleta. schema di composizione a strati della guaina tubolare semplice (feltro + resina) tubolare a doppio strato, feltro poliestere +fibra di vetro, per rivestimenti ad elevata resistenza meccanica Dall interno della guaina, in contatto con la parte tessile o in feltro, viene versato e ripartito uniformemente un determinato quantitativo di resina allo scopo di impregnare totalmente e capillarmente la superficie che, a inserzione avvenuta, andrà a contatto con la parte interna della condotta da rinnovare.

5 fase di taglio e cucitura del tubolare in feltro poliestere impregnazione in cantiere Ad impregnazione avvenuta, il liner fino ad un diametro di 2000 mm e oltre, composto da guaina + resine, viene trasportato sul luogo di applicazione icon un autocarro refrigerato. impregnazione e calandratura in fabbrica

6 stoccaggio e conservazione in container frigoriferi Sulla verticale dell accesso della condotta da risanare, un terminale della guaina impregnata viene sigillato, mentre l altro terminale viene rivoltato e fissato per cerchiaggio alla cosiddetta flangia di inversione, posta alla sommità di un incastellatura mobile di altezza variabile in funzione del diametro, spessore, forma e lunghezza del tratto di condotta da rivestire in un unico lancio. Il riempimento con acqua dalla sommità dell intercapedine del sacco rovesciato venutosi così a creare, provoca il rivoltamento e il conseguente avanzamento della guaina all interno della condotta da rinnovare. Il mantenimento in pressione del sistema determina quindi il contatto capillare tra superficie interna della condotta da rinnovare e la superficie tessile della guaina impregnata di resina. le prime due fasi dell inversione: il fissaggio alla flangia di inversione e l avvio del rovesciamento al suo interno della guaina impregnata

7 fasi successive dell inversione: la discesa della colonna di spinta e la formazione della curva di imbocco l avanzamento del processo di rivestimento determinato dalla spinta della colonna d acqua che richiama altra guaina impregnata verso il fronte di iversione

8 ultima fase del processo di inversione: lo stoppaggio del terminale a fine tratto da risanare Esistono vari tipi di resina da impregnazione, da individuare in relazione alle caratteristiche del fluido trasportato dalla condotta: resine poliestere, per fluidi reflui provenienti da scarichi civili e industriali a temperature fino a C resine vinilestere, per fluidi reflui industriali, con ampio campo di oscillazione del ph e della temperatura (fino a 60 C e oltre) resine epossidiche, per convogliamento di fluidi alimentari o per applicazioni in ambienti che richiedono il minore rilascio possibile di particelle di resina, anche a medio-lungo termine resine poliuretaniche speciali, che abbinano alle caratteristiche fisico-chimiche delle resine precedentemente descritte una spiccata coesività alle pareti interne in poliolefine a bassa scabrezza quali il PEAD o che richiedano bassi valori di ritiro termico in fase di raffreddamento post termoindurimento Per liner di diametro inferiore a 500 mm, il processo di estroflessione può avvenire impiegando aria anziché acqua, quale forza motrice del rivoltamento e dell avanzamento della guaina all interno della condotta. In tal caso, in luogo della colonna di inversione ad acqua, viene utilizzato un estroflessore costituito da una sorta di camera stagna all interno della quale viene avvolta la guaina impregnata, ed alla cui bocca di uscita viene fissata (rivoltata), l estremità della guaina stessa, con la parte in feltro verso l esterno e la parte in PE, PU o PVC verso l interno.

9 fase di applicazione con estroflessore ad aria per piccoli e grandi diametri Per entrambi i metodi il consolidamento della resina e il definitivo consolidamento/incollaggio può avvenire per il solo trascorrere di un determinato tempo di reazione, in funzione del tipo di resina impiegato e delle dimensioni e del tipo di guaina ma, più frequentemente, per l azione catalitica accelerante di uno dei seguenti fattori:. : a) Aumento della temperatura all interno della guaina ottenuta per mezzo di fluido termoconvettore (aria, acqua) o per mezzo di emettitore di raggi I.R. b) Diminuzione della temperatura della guaina impregnata pre-inserzione c) Aumento della quantità di catalizzatore - accelerante nella resina schema del processo di indurimento catalitico accelerato dalla temperatura A consolidamento terminato la guaina viene sezionata in corrispondenza dei pozzetti di ispezione intermedi e dei terminali.

10 fasi di rifinitura dei terminali a seguito dell inserimento della guaina tubolare impregnata Le eventuali immissioni laterali non convogliate in pozzetto accessibile, vengono ripristinate mediante l impiego di una fresa robotizzata. Tale apparecchiatura viene guidata da un operatore dall esterno e opera sotto il continuo controllo di una telecamera a circuito chiuso, riaprendo in sequenza i fori di immissione temporaneamente occlusi dalla guaina CIPP. Nel contempo, tale attrezzatura speciale, o una normale telecamera CCTV, operano il collaudo visivo finale della condotta appena risanata. una fresa robotizzata ed il risultato di una riapertura di un immissione laterale effettuata con tale dispositivo Il collaudo idraulico viene invece realizzato contestualmente alla fase di consolidamento in pressione (d aria o di colonna d acqua), fissando un livello di P. d aria o di H mm di colonna di acqua, e controllandone il mantenimento per il tempo fissato per il collaudo (usualmente coincidente con il tempo di consolidamento tipico di ogni diametro e spessore di guaina). e inoltre buona regola procedere, dopo il collaudo idraulico, ad una videoispezione interna con telecamera CCTV o, quando le dimensioni della condotta lo consentono, direttamente con un operatore. Ciò con l obiettivo di verificare l esito fisico (e non solo idraulico) del risanamento, valutando l effettiva adesione della guaina alle pareti interne della condotta, la presenza di eventuali grinze, l esito delle riaperture delle immissioni laterali, la buona qualità della sigillatura dei terminali etc.

11 veduta interna di una condotta fognaria ovoidale, prima e dopo il risanamento MA COME PROCEDERE ALLA VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI INTERNE DELLE CONDOTTE FOGNARIE? E innanzitutto è opportuno effettuare tutte a quelle indagini preventive e necessarie ad acquisire tutti quegli elementi utili alla corretta valutazione delle problematica di risanamento. Non sempre infatti il gestore possiede la precisa conoscenza delle condizioni interne e dei tracciati planimetrici delle tubazioni che necessitano di sostituzione o di interventi più o meno estensivi di manutenzione. Per quanto riguarda l esame delle condizioni interne (che, in molte condotte talvolta possono riservare delle sorprese ) lo strumento ideale è l ispezione con telecamere semoventi a circuito chiuso (CCTV). alcuni esempi di trattori per ispezione CCTV Tali strumenti forniscono la videoregistrazione delle condotte viste dall interno ma, quelle più sofisticate, possono arrivare ad eseguire precise misurazioni delle dimensioni dei diametri interni, di eventuali inclusioni etc. E infatti molto utile, se non indispensabile, conoscere non solo l esatta localizzazione di eventuali danni o infiltrazioni (che si vedono molto bene alla sola ispezione CCTV), ma anche individuare e valutare dimensionalmente le fratture, i distacchi delle giunzioni, le anomalie dei punti di

12 immissione etc (dalle quali l acqua reflua fuoriesce verso il terreno circostante), molto più difficilmente determinabili basandosi sulla sola visione in un monitor. La tecnica più recente viene nuovamente in aiuto per la risoluzione di tali problematiche di natura diagnostica, mettendo a disposizione dei dispositivi la cui azione è basata sulla comparazione dimensionale di due punti noti di riferimento emessi da due sorgenti laser. I due segnali laser, avvicinati all elemento che si vuole valutare dimensionalmente, vengono elaborati da un semplice software che mette in proporzione l oggetto individuato con la distanza nota tra i due punti, fornendo quindi la dimensione reale del primo. interno della centrale mobile di comando CCTV. Nell ufficio ricavato all interno del veicolo sono contenuti tutti i dispositivi hardware e software necessari al comando delle attrezzature ed all elaborazione e registrazione dei segnali misuratore proporzionale laser: puntamento referenziale e successiva delimitazione dell elemento da misurare Altro optional recentemente offerto dal mercato, è il sistema detto occhio satellitare, un prolungamento direzionabile dotato, alla sua sommità, di una sonda ottica di piccole dimensioni, messo a punto per entrare a visionare l interno delle derivazioni laterali maggiori di DN 50 e percorrerle per distanze fino a 30 metri.

13 Con tale dispositivo, è possibile non solo valutare l interno delle condotte principali, ma anche risalire a visionare lo stato delle molte derivazioni di utenza o, nel caso delle condotte fognarie, delle immissioni laterali o dei pozzetti non accessibili dalla superficie. dispositivo di ispezione satellitare, in grado di percorrere ed ispezionare immissioni laterali di diametro superiori a 50 mm per oltre 30 metri Di grande utilità questo strumento anche per la verifica ed il rintracciamento delle immissioni abusive e per la realizzazione dei collaudi totali dei sistemi fognari che, non dimentichiamo, si compongono di condotta, pozzetto di ispezione, raccordo di immissione e allaccio laterale (o fognolo). Altra tecnologia estremamente utile all indagine preventiva dei sottoservizi è il georadar. Tale tecnica, di derivazione militare, si basa sull elaborazione dei segnali radar emessi da una serie di array paralleli che, montati su di un carrello a ruote, effettuano scansioni del sottosuolo per passate successive. Ad ogni passata, il terreno viene indagato fino a profondità di 3-4 metri, ed il segnale di ritorno viene memorizzato ed elaborato da un software dedicato che restituirà una vera e propria tomografia del sottosuolo. Tramite la lettura e l ulteriore elaborazione di tali tomografie, sarà possibile ottenere mappe bidimensionali dei tracciati di tutti i sottoservizi presenti nel sottosuolo scansionato, nonché le posizioni in profilo ed in sezione dei sottoservizi stessi. carrello monoantenna e restituzione planimetrica eseguita dopo elaborazione bidimensionale della scansione Le precisioni degli impianti di georadar dell ultima generazione possono essere considerate eccezionali, arrivando infatti a restituire mappe tridimensionali del sottosuolo con caratterizzazioni del posizionamento e della dimensione dei vari sottoservizi con precisione dell ordine di pochi centimetri.

14 array multiplo sezione tomografica del sottosuolo LE NORME DI RIFERIMENTO Il settore del CIPP trova riferimento in almeno un paio di norme europee ed internazionali. Vale la pena di citare la ASTM F STANDARD PRACTICE FOR REHABILITATION OF EXISTING PIPELINES AND CONDUITS BY THE INVERSION AND CURING OF A RESIN IMPREGNATED TUBE che, nella sua appendice XI. DESIGNE CONSIDERATIONS contribuisce a fornire validi elementi ai progettisti nel momento in cui occorra calcolare gli spessori del complesso finito guaina+resina da applicare nelle più diverse situazioni, in relazione a variabili operative quali il diametro della condotta esistente, lo stato di degrado della stessa, la geometria della condotta (circolare, ovoidale etc), i carichi presunti a cui sarà sottoposta la condotta risanata, l eventuale livello di falda sovrastante la sede di posa della condotta etc. Di altrettanta importanza le due norme ASTM D STANDARD PRACTICE FOR UNDERGROUND INSTALLATION OF GLASS-FIBER RENFORCED THERMOSETTING- RESIN PIPE, e la norma europea EN PLASTIC PIPING SYSTEMS FOR RENOVATION OF UNDERGROUND NON-PRESSURE DRAINAGE AND SEWERAGE NETWORKS PART. 4: LINING WITH CURED IN PLACE PIPES.

15 Dalla prima (ASTM D 3839), anche se riferita ai tubi in PRFV (vetroresina) standard, può essere utile per trarre una serie di indicazioni circa alcuni elementi di calcolo degli spessori e di collaudo delle prodotto tubolare finito. La seconda (EN ) è importante perché riporta l indicazione dei tipi e le relative metodologie di esecuzione dei tests da prevedere per la determinazione degli effettivi parametri di resistenza chimico fisica delle guaine CIPP dopo la loro messa in opera. di estrema importanza la scelta dei materiali di base ed il calcolo dei relativi spessori, che dovranno rispondere ai requisiti imposti dalle normative di riferimento e dalle condizioni ambientali e di impianto proprie del sito ove si andrà ad operare il risanamento Esaminati quindi i vari aspetti legati alla progettazione, ai materiali ed alle modalità di messa in opera delle guaine termoindurenti, è opportuno terminare la trattazione di questo tema descrivendo una case history che riassuma gran parte delle peculiarità e delle possibilità offerte dal rinnovamento No-Dig in situ con Cured in Place Pipe di condotte fognarie con caratteristiche costruttive e di esercizio particolarmente complesse. I BY-PASS Preventivamente poi alla pianificazione delle operazioni di risanamento con tecniche CIPP risulta di grande importanza la progettazione e la realizzazione di un adeguato ed efficiente impianto di bypass. Inutile soffermarci sulla criticità dell argomento. E palese che, nella gran parte dei casi, un collettore o un semplice fognolo presentano problematiche di messa fuori servizio praticamente insormontabili. Essi sono quindi impianti da considerare non interrompibili. In funzione di tale fatto, per consentire sia l ispezione CCTV che il successivo risanamento, è necessario intervenire trasferendo i fluidi da monte a valle del tratto da risanare (o talvolta presso un altra condotta nelle vicinanze). Per fare ciò si allestiscono appositi by-pass che, talvolta, assumono le sembianze di vere e proprie condotte o addirittura di reti di raccolta fuori terra.

16 Essenziale, all atto del dimensionamento dei by-pass, è la corretta valutazione delle portate massime a cui è soggetto il tratto di condotta da risanare, prestando particolare attenzione al fatto che la condotta sia dedicata alle sole acque nere o ad acque miste (in questo caso la questione diviene più complessa). particolare di un impianto di by-pass a collettore, idoneo cioè a raccogliere i reflui provenienti da numerosi fognoli o immissioni laterali ed a convogliarli in una condotta principale Altro elemento da valutare con cura è l individuazione e la mappatura delle immissioni laterali insistenti lungo il tratto da risanare, comprese quelle eventualmente sconosciute o abusive. Tutte le immissioni devono essere infatti intercettate con apposite pompe di aspirazione e collettate verso il by-pass principale. Siccome il costo di un impianto di by-pass, specie se particolarmente articolato, può talvolta incidere sensibilmente sul costo del risanamento, è bene valutare preventivamente l opportunità di effettuare la deviazione provvisoria dei reflui mediante l impiego di una semplice bottespurgo. Tale operazione risulterà sicuramente più economica, specie nel caso di flussi di reflui non particolarmente significativi e nel caso di lavorazioni di breve durata. sospensione del flusso realizzata mediante aspirazione nel pozzetto di monte con bottespurgo

17 UNA CASE HISTORY SIGNIFICATIVA Riportiamo di seguito quindi la descrizione delle varie fasi di preparazione e di realizzazione di un lavoro realizzato a cavallo tra il 2003 ed il 2004, che riteniamo molto significativo per le seguenti motivazioni: 1. contesto generale (trattasi di un intervento realizzato in uno stabilimento latteo-caseario che lavora a ciclo continuo) 2. caratteristiche progettuali e costruttive del by-pass 3. caratteristiche dei materiali impiegati 4. modalità di posa in opera Tratteremo la case histories riportando una sorta di diario di cantiere, con tanto di immagini e di descrizione delle varie fasi attuative. IL RISANAMENTO DI UN COLLETTORE DI STABILIMENTO NON INTERROMPIBILE E DI GRANDE DIAMETRO Il lavoro consta nel risanamento, con applicazione di guaina in feltro poliestere impregnata da resina epossidica, di 400 metri ca di cunicolo in calcestruzzo a sezione ovoidale di diametro circolare equivalente pari a 1300 mm e di 200 metri ca di altre condotte fognarie da DN 500 a DN800 in cemento centrifugato afferenti al collettore. Come già accennato, il flusso dei reflui (variabile da un minimo di 200 ad un massimo di 400 mc/h) ed è da considerarsi continuo per 24 ore si 24 e per 365 giorni l anno. il cunicolo in calcestruzzo a sezione ovoidale da risanare, di diametro circolare equivalente pari a 1300 mm (foto scattata con by-pass in funzione). Il flusso residuo di reflui nasconde la completa mancanza del fondo di scorrimento, oramai completamente corroso

18 Il tracciato del collettore passa quasi completamente al di sotto dello stabilimento, per cui occorrerà operare necessariamente dai pozzetti esistenti realizzando, al limite, degli adeguamenti delle dimensioni degli stessi. Come noterete dalla descrizione che segue, le operazioni preliminari come progettazione del bypass, ispezione interna del cunicolo, pulizia e rinforzo strutturale di alcuni punti dello stesso, ricoprono un ruolo essenziale per la riuscita del risanamento. Non è infrequente infatti che il complesso delle operazioni preliminari necessiti di maggiori tempi e impegno dell operazione di risanamento (intesa come inversione della guaina) vera e propria. Nella fase progettuale del lavoro, sono stati quindi eseguiti i calcoli idraulici necessari a stabilire i parametri costruttivi del by-pass principale, considerando una portata max al depuratore pari a 440 mc/h, una Q-med di 230 mc/h e una prevalenza utile minima di 16 metri di colonna d acqua (3,5 per il dislivello di innesco, 10 m per 540 m ca di condotta, 2,5 m per le curve). I calcoli hanno indicato come sufficiente quindi posare un tubo di by-pass in PEAD DE315 PN6 (D.int 280 mm ca), messo in esercizio da una pompa Varisco J TWGS/VM4 da 10 diagrammi di portata e caratteristiche delle pompe impiegate per il by-pass principale il doppio sistema principale di aspirazione per sopperire all eventuale avaria di una pompa Le prime operazioni sono state quelle di predisposizione del by-pass principale in PEAD DE315, che è stato realizzato collocando la prima stazione di mandata in corrispondenza di un pozzetto

19 centrale al tratto da risanare, fino al recapito presso l impianto di depurazione, passando gran parte in cunicoli e vani tecnici all interno dei capannoni dello stabilimento. L impianto principale di pompaggio è stato progettato con la dovuta attenzione alla non interrompibilità dell operazione di aspirazione dei fluidi reflui. Sono infatti state collocate due elettro pompe di aspirazione con doppio sistema di valvole di intercettazione La realizzazione del by-pass principale ha richiesto ca 15 giorni lavorativi, a cui vanno sommati ulteriori 5 giorni lavorativi per lo smontaggio e rimontaggio dell impianto di mandata e della prima porzione di by-pass, resosi necessario per consentire lo spostamento a valle del punto di aspirazione principale a seguito del completamento del primo tratto di risanamento di 165 m ca. particolari della costruzione della tubazione di by-pass primario

20 In contemporanea alla realizzazione del by-pass primario, è stato realizzato il primo pozzo di inserzione, da cui dare origine alle due inserzioni delle guaine CIPP, dal pozzo verso monte, fino a inizio tratto e dal pozzo verso valle costruzione del pozzo di inserzione principale Si è poi proceduto alla realizzazione dei diversi tratti di by-pass secondari. Anche queste condotte correvano prevalentemente sotto lo stabilimento, ed erano costituite da un sistema di pompaggio (motopompa autoadescante o semisommersa elettrica) e da una tubazione che trasportava il refluo captato fino alla linea principale di by-pass. Particolarmente complessa si è rivelata la taratura della pressione di mandata delle varie pompe secondarie, che doveva risultare superiore alla P max di mandata del by-pass principale, e regolata in modo da non controspingere eventuali altri rami di by-pass secondario eventualmente collegati sulla stessa linea. E da citare il fatto che i pozzetti dei fognoli laterali ove avveniva l aspirazione dei reflui immissari erano posti quasi tutti al di sotto del livello stradale ed in vicinanza delle cabine elettriche che forniscono l energia allo stabilimento. Per provvedere quindi ad intervenire tempestivamente ed a prevenire eventuali guasti delle pompe (e quindi disastrosi rigurgiti di fluidi reflui), si è provveduto, in alcuni casi, a porre un doppio sistema di pompaggio, ed in altri casi a presidiare 24 ore su 24 i punti di aspirazione più critici. By-pass secondario. Punto di aspirazione presidiato nei fondi dello stabilimento e collegamento ad impianto

21 By-pass secondario: punto di immissione nella condotta di by-pass primario Si è giunti quindi alla prova generale di by-pass. Azionate le pompe principali, si è riusciti a parzializzare quindi il deflusso di monte per circa il 60%, consentendo di effettuare un tratto di ispezione residuo che non era mai risultato possibile eseguire in relazione alla quantità ed alla qualità dei reflui. In tale zona, il cunicolo è apparso, attraverso i pozzetti, colmo di acqua e detriti stagnanti per un tratto di circa metri, e per una porzione di circa il 70% della sezione. una prima vista dello stato interno della condotta prima di mettere in funzione il by-pass. L immagine appare annebbiata in quanto la temperatura,media dei reflui è di ca 40 C e l atmosfera risulta satura di vapore

22 Una volta che il by-pass ha cominciato a funzionare abbassando il livello di reflui e di sedimenti semiliquidi presenti nel collettore, si è proceduto quindi ad effettuare una ispezione visiva interna con l impiego di n 2 operatori dotati dei necessari DPI. L atmosfera all interno del sito confinato è risultata immediatamente incompatibile alla respirazione, ancorché filtrata, per cui la discesa del personale nel cunicolo è stata preceduta da un periodo di ventilazione forzata della camera d aria superiore (pozzetti tutti aperti e immissione forzata d aria esterna). Successivamente si è quindi proceduto alla discesa degli operatori, mantenendo la ventilazione forzata in aspirazione, così da abbattere il più possibile la presenza di vapore acqueo e migliorare la visibilità interna un operatore, dotato dei necessari DPI, si prepara ad effettuare l ispezione visiva All ispezione visiva, si è riscontrata una situazione, assolutamente imprevista, di ostruzione di buona parte del cunicolo da parte di detriti solidi e semisolidi. una volta asportati i residui di lavorazione del latte, aspirati dal by-pass, la presenza di sedimenti solidi quali ciottoli e ghiaie fa presumere un danno a monte

IL RISANAMENTO DI UN COLLETTORE FOGNARIO DI STABILIMENTO DI GRANDE DIAMETRO E CON DEFLUSSO NON INTERROMPIBILE

IL RISANAMENTO DI UN COLLETTORE FOGNARIO DI STABILIMENTO DI GRANDE DIAMETRO E CON DEFLUSSO NON INTERROMPIBILE IL RISANAMENTO DI UN COLLETTORE FOGNARIO DI STABILIMENTO DI GRANDE DIAMETRO E CON DEFLUSSO NON INTERROMPIBILE I grandi collettori fognari industriali possono presentare problematiche di risanamento della

Dettagli

IL RELINING STRUTTURALE DI UN GRANDE CANALE PER ACQUA POTABILE Di Carlo Torre* e Giuseppe Arcuri**

IL RELINING STRUTTURALE DI UN GRANDE CANALE PER ACQUA POTABILE Di Carlo Torre* e Giuseppe Arcuri** IL RELINING STRUTTURALE DI UN GRANDE CANALE PER ACQUA POTABILE Di Carlo Torre* e Giuseppe Arcuri** Il risanamento idraulico e strutturale delle grandi canalizzazioni per acqua potabile può essere affrontato

Dettagli

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA Le perdite dalle condotte per il trasporto di acque reflue in pressione determinano gravi danni all ambiente e richiedono una grande rapidità di intervento.

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLE FOGNATURE COSTIERE Testo e foto di Carlo Torre

IL RISANAMENTO DELLE FOGNATURE COSTIERE Testo e foto di Carlo Torre IL RISANAMENTO DELLE FOGNATURE COSTIERE Testo e foto di Carlo Torre Veduta del lato di levante della zona dell intervento Le perdite di acque reflue lungo i litorali sono una delle problematiche più ricorrenti

Dettagli

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE DESCRIZIONE Nell ambito della manutenzione e rispristino delle condutture, il sistema di lavorazione senza scavo, garantisce grandi vantaggi minimizzando costi

Dettagli

1. ATTIVITA DI SPURGO E PULIZIA POZZI NERI, DEPOSITI E RETI FOGNARIE

1. ATTIVITA DI SPURGO E PULIZIA POZZI NERI, DEPOSITI E RETI FOGNARIE 1. ATTIVITA DI SPURGO E PULIZIA POZZI NERI, DEPOSITI E RETI FOGNARIE 1. 1 SVUOTAMENTO FOSSA BIOLOGICA O DEPOSITO Noleggio a caldo veicolo con cisterna operante sotto vuoto per aspirazione fanghi e liquami.

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

IL RISANAMENTO NO-DIG DI UN FANGODOTTO INTERNO A UN DEPURATORE COSTIERO Di Roberto Milanesio * e Carlo Torre** e

IL RISANAMENTO NO-DIG DI UN FANGODOTTO INTERNO A UN DEPURATORE COSTIERO Di Roberto Milanesio * e Carlo Torre** e Case study IL RISANAMENTO NO-DIG DI UN FANGODOTTO INTERNO A UN DEPURATORE COSTIERO Di Roberto Milanesio * e Carlo Torre** e Le condotte delegate al trasferimento dei fanghi all interno di un grande depuratore

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

RISANAMENTO DELLE CONDOTTE INTERRATE NEI CENTRI STORICI ITALIANI

RISANAMENTO DELLE CONDOTTE INTERRATE NEI CENTRI STORICI ITALIANI RISANAMENTO DELLE CONDOTTE INTERRATE NEI CENTRI STORICI ITALIANI L impiego delle tecnologie no-dig può rappresentare una opportunità da considerare al momento di progettare un intervento di sostituzione

Dettagli

Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09.

Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09. Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09.12 Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H 300

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO

LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SCARICO Impianto di scarico - Pressioni Impianto di scarico Per impianto di scarico si intende quell insieme di tubazioni, raccordi e apparecchiature necessarie a ricevere, convogliare e smaltire le acque usate

Dettagli

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6

Indice. Il mercato del ripristino. p. 1. p. 2. Gli ambiti di applicazione. p. 4. Tubi prefabbricati in PRFV per relining. p. 6 h Sistema NC Line Indice Il mercato del ripristino Gli ambiti di applicazione Tubi prefabbricati in PRFV per relining Il dimensionamento dei tubi NC Line Esempi di pezzi speciali Posa dei tubi NC Line

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA

Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative DIAGNOSTICA Interventi preliminari e rilevamento delle condizioni di condotte fognarie già operative Questi interventi hanno lo scopo di predisporre un adeguata preparazione delle condotte perché si realizzino le

Dettagli

SAERTEX- LINER NO COMPROMESSI SUL RISANAMENTO DELLE TUBAZIONI

SAERTEX- LINER NO COMPROMESSI SUL RISANAMENTO DELLE TUBAZIONI SAERTEX- LINER NO COMPROMESSI SUL RISANAMENTO DELLE TUBAZIONI » KNOW-HOW APPROFITTATE DELLE TECNOLOGIE PIU AVANZATE I compromessi quando si tratta di risanamento di canali di scarico e fognature sono per

Dettagli

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli:

Nel presente piano di manutenzione le opere sono state suddivise in due distinti capitoli: PREMESSA Il presente Piano di manutenzione, redatto ai sensi dell art 38 del D.P.R. 207/2010, ha lo scopo sia di dare indicazione sul corretto utilizzo delle opere effettivamente realizzate, che di pianificare

Dettagli

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre**

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** foto apertura, DSC0518 Nel mese di ottobre 2006, dalla fusione

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Tecnologie alternative allo scavo

Tecnologie alternative allo scavo 1 Tecnologie alternative allo scavo 1. No-dig o trenchless 2. Tecnologie per nuove installazioni di tubazioni e cavi 3. Tecnologie per la bonifica di condotte e tubazioni esistenti 4. Tecnologie per la

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità ECO MAX separatore di grassi in polietilene ad alta densità. Per installazione interrata. Il principio Un separatore di grassi funziona in base

Dettagli

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO Permettono di evitare: - Rotture della pavimentazione stradale - Scavi di qualsiasi profondità - Lesioni a sottoservizi (ENEL, Telecom, gas, ecc..) - Strade interrotte

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

Con l Uomo, per l Ambiente

Con l Uomo, per l Ambiente Con l Uomo, per l Ambiente Disostruzione fognature Pulizia fosse biologiche Spurgo pozzi neri L AZIENDA Trasporto e stoccaggio rifiuti Bonifica ambientale Manutenzione impianti fognari Ecotecnica: dall

Dettagli

Le verifiche per valutare una canna fumaria in

Le verifiche per valutare una canna fumaria in Le verifiche per valutare una canna fumaria in appoggio alla, UNI TS 11278, UNI EN 1443. German Puntscher 1 Le problematiche dei camini I camini/canne fumarie sono dei componenti degli impianti termici

Dettagli

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO)

Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Tubazioni in cemento armato ordinario (CAO) Le tubazioni in cemento armato ordinario utilizzano le caratteristiche di resistenza alla compressione del calcestruzzo ed a trazione per l'acciaio. Le condotte

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario.

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Blueco è da molti anni leader in Piemonte nel settore trasporto e smaltimento rifiuti, offrendo un servizio altamente

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE INTERVENTI PER LA MINIMIZZAZIONE DEI DISTURBI OLFATTIVI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Prof. Ing. Fabio Conti 1 Gli odori negli impianti di depurazione delle acque reflue urbane La produzione di odori molesti

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP

LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP Dr. Ing. Renzo Chirulli 1. INTRODUZIONE La riabilitazione mediante tubi reticolati in sito è una delle tecnologie di relining no-dig certamente più

Dettagli

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE

INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE INDIRIZZI E VINCOLI RELATIVI ALLE MODALITA DI PROGETTAZIONE DI RETI FOGNARIE 1. Ambito di applicazione...2 2. Definizioni... 2 3. Progetto di nuove urbanizzazioni... 3 4. Prescrizioni tecniche da seguire

Dettagli

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807 ISPEZIONI FOGNATURE E VIDEOISPEZIONE TUBAZIONI Serietà Competenza Professionalità IMEC L ispezione televisiva è uno strumento di grande entità per il monitoraggio delle reti fognarie, condotte, canali

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Unico! - Inliner in fibra di vetro - Tecnologia di indurimento a raggi UV - TQM - Total Quality Management. :: inliner :: equipaggiamento :: servizi

Unico! - Inliner in fibra di vetro - Tecnologia di indurimento a raggi UV - TQM - Total Quality Management. :: inliner :: equipaggiamento :: servizi :: inliner :: equipaggiamento :: servizi - Inliner in fibra di vetro - Tecnologia di indurimento a raggi UV - TQM - Total Quality Management Sistema di Unico! a raggi UV intelligente indurimento www.relineeurope.com

Dettagli

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza

Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza Sistema di rallentamento dell acqua per condotte di scarico a forte pendenza SYSTEM GROUP 07.2014 1 La velocità della corrente nelle canalizzazioni fognarie deve essere tale da evitare sia la formazione

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO. Loris Meneghini perito industriale in Vicenza CRITERI DI PROGETTAZIONE PER CENTRALI A BIOMASSA CON RETI DI TELERISCALDAMENTO Loris Meneghini perito industriale in Vicenza ENERGIA CHIMICA COMBUSTIONE CAMBIAMENTO DI STATO ENERGIA TERMICA FORME (COMBUSTIBILI)

Dettagli

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

PROPOSTA DI INTERVENTO CARATTERISTICHE DEL PROGETTO RELAZIONE TECNICA La rete fognaria del comune di Azzanello è del tipo misto, cioè con reti che trasportano sia acque cosiddette nere che le acque meteoriche. La rete fognaria, sottesa al centro storico,

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Gestore del Servizio Idrico Integrato all interno dell Ambito Territoriale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Regolamento Fognatura e Depurazione ALLEGATO N. 3/A Prescrizioni

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Le tue esigenze, il nostro know-how

Le tue esigenze, il nostro know-how Ottobre 2014 Le tue esigenze, il nostro know-how Pozzetti e camere di ispezione Solutions for Essentials Da oltre 50 anni studiamo attentamente le aspettative dei nostri clienti proponendo loro soluzioni

Dettagli

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2

1 PREMESSA pag. 2. 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2. 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 1 PREMESSA pag. 2 2 CALCOLO IDRAULICO pag. 2 3 CALCOLO DELLA PORTATA DEGLI SCARICHI REFLUI URBANI.. pag. 2 4 ANALISI DEL MOVIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE pag. 3 5 CALCOLO STATICO pag. 4 6 VERIFICA IDRAULICA

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è:

Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: Il nuovo sistema di bicchiere iniettato in linea sul tubo PoliCor è: + innovativo perché: il profilo di ancoraggio del bicchiere iniettato è stato appositamente concepito in modo da ottenere la sezione

Dettagli

TECNOLOGIE DI RELINING PER IL RISANAMENTO DI RETI ANTINCENDIO INTERRATE IN IMPIANTI CIVILI ED INDUSTRIALI

TECNOLOGIE DI RELINING PER IL RISANAMENTO DI RETI ANTINCENDIO INTERRATE IN IMPIANTI CIVILI ED INDUSTRIALI TECNOLOGIE DI RELINING PER IL RISANAMENTO DI RETI ANTINCENDIO INTERRATE IN IMPIANTI CIVILI ED INDUSTRIALI Intervenire sulle condotte antincendio per effettuare operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria

Dettagli

martedì 1 ottobre 2013 M.P.M. Ambiente s.r.l. 2

martedì 1 ottobre 2013 M.P.M. Ambiente s.r.l. 2 Moderne tecniche per: prove di tenuta, pulizia di condotte fognarie con getti ad alta pressione, riparazioni puntuali, videoispezioni e videoispezione con georeferenziazione del tracciato" martedì 1 ottobre

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

mercoledì 3 giugno 2015 M.P.M. Ambiente s.r.l. 1

mercoledì 3 giugno 2015 M.P.M. Ambiente s.r.l. 1 Moderne tecniche per: prove di tenuta, pulizia di condotte fognarie con getti ad alta pressione, riparazioni puntuali, videoispezioni e videoispezione con georeferenziazione del tracciato" mercoledì 3

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario.

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Blueco è da molti anni leader in Piemonte nel settore trasporto e smaltimento rifiuti, offrendo un servizio altamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS

CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS CATALOGO ACQUEDOTTI e RETI GAS TUBI in POLIETILENE o ACQUEDOTTI o IRRIGAZIONE o GAS RACCORDI IN POLIETILENE o Saldabili TESTA/TESTA o ELETTROSALDABILI TUBI in ACCIAIO o GENERALITA o DIAMETRI E SPESSORI

Dettagli

Pompe di calore. Vantaggi, risparmi e tecnologie delle pompe di calore per uso domestico. In collaborazione con

Pompe di calore. Vantaggi, risparmi e tecnologie delle pompe di calore per uso domestico. In collaborazione con Pompe di calore Vantaggi, risparmi e tecnologie delle pompe di calore per uso domestico In collaborazione con Pompe di calore Le pompe di calore sono dispositivi che producono energia termica per il riscaldamento

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme

Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme MANUALE D'USO 1 Unità Tecnologica: 01.01 Fognatura pluviale Si intende per impianto di scarico acque pluviali (da coperture o pavimentazioni all'aperto) l'insieme degli elementi di raccolta, convogliamento,

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo

L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo PREMESSA L obiettivo dell intervento previsto nel presente Progetto Esecutivo riguarda la realizzazione di collettori fognari di raccolta dei reflui provenienti da via Bressane laterale, zone nella frazione

Dettagli

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale

Salto di quota presso in canale principale. Salto di quota presso l ingresso laterale SALTI DI QUOTA ESTERNI PFEIFENKOPF Pfeifenkopf, salto di quota esterno al pozzetto in polietilene per pozzetti di canalizzazione e di pompe, è costituito da una camera di raccolta con un muro rinforzato

Dettagli

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente

Nuovo impianto fognario. Modifica impianto esistente RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE DI ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 03-04-2006, e successive modifiche ed integrazioni. Immobile sito nella frazione

Dettagli

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124

Gennaio 2008. DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel 0522 633123 Fax 0522 633124 Tubi e raccordi in ghisa sferoidale per acquedotti norma EN 545 CLASSE K9 e per fognature norma EN 598 CLASSE K9 - prodotti da azienda certificata ISO 9001 DIREZIONE Correggio ( RE) Tel 0522 746611 Tel

Dettagli

CATANIA 21-05-2009 Ing. Simone Zanessi. Water & Wastewater

CATANIA 21-05-2009 Ing. Simone Zanessi. Water & Wastewater Noleggio e Dewatering:Tutte le soluzioni per il drenaggio di scavi,cantieri e gallerie. Utilizzo dei by-pass fognari per interventi con tecnologie No-Dig CATANIA 21-05-2009 Ing. Simone Zanessi Informazioni

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO

il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO il futuro è nelle tue mani GUIDA AL GEOTERMICO soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO Enel Green Power, attraverso la Rete in franchising Punto Enel Green

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto

Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Metodologie di bonifica di elementi con presenza di amianto Lezione di Enzo Lo Cascio Amianto: quando è pericoloso? Se l amianto è COMPATTO non esistono particolari rischi per la salute. Se l amianto è

Dettagli

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE

MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE MODELLO DI RELAZIONE SUGLI IMMOBILI E SUI MANUFATTI PER LO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILABILI ALLE DOMESTICHE Note per la compilazione: Si propongono i seguenti stampati, PRECISANDO CHE

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4

INDICE. Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 Dott. ng. LBRTO BLRDO scritto all albo di arese n. 2235 ia Quattro Novembre, N 57 21012 CSSNO MGNGO () NDC Premessa 2 Obiettivi della progettazione e descrizione dettagliata dei lavori 4 1) Tratto -B:

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE

SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE SISTEMI INNOVATIVI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE METEORICHE Geoplast www.geoplast.it Ciclo naturale dell acqua La gestione delle acque meteoriche è importante al fine di ripristinare il naturale ciclo dell

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli