DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO"

Transcript

1 DISPERSIONI DIFFUSE ED INQUINANTI PROVENIENTI DA RETI FOGNARIE. POSSIBILI SOLUZIONI PER LA LIMITAZIONE DEL FENOMENO Il sistema fognario italiano non può essere di certo definito un sistema a tenuta idraulica ottimale. Una situazione che determina ricadute sensibili su elementi di primario interesse pubblico quali la qualità della risorsa idrica potabile, il degrado delle acque interne superficiali, la balneabilità delle acque litoranee. Esaminiamo in questo articolo alcune delle possibili soluzioni a tale problematica fino ad oggi sottovalutata nel nostro paese.

2 Come molti di noi sanno, le fognature sono le condotte sotterranee che più patiscono l usura da parte tempo e da parte dei fluidi convogliati. Ciò anche in relazione al fatto che, generalmente, le condotte fognarie sono state considerate, specie in passato, le sorelle povere delle più strategiche condotte dell acqua potabile e del gas. Mentre queste ultime, trasportando fluidi che comportano un costo tangibile per il gestore del servizio, vengono progettate, posate in opera e mantenute con un elevato livello di attenzione, le condotte fognarie invece, in relazione alla natura del fluido trasportato di rifiuto, vengono spesso relegate alla parte di Cenerentole del sottosuolo. Sono infatti, in genere, costruite in materiali poveri (cemento, cemento-amianto, muratura etc) e posate in opera con modalità poco innovative e finalizzate al massimo risparmio dei costi. In relazione alla loro notevole profondità di posa (dovendo convogliare i fluidi reflui per gravità), al fatto che generalmente sono poste al centro delle strade (devono raccogliere i fluidi convogliati dai fognoli di edificio provenienti da entrambi i lati delle strade), ed al fatto che sono generalmente di grandi dimensioni, subiscono poi gli effetti dello stress meccanico, chimico e del tempo maggiormente delle altre condotte interrate. fognature in esercizio, spesso in condizioni disastrose Questo insieme di fattori determina una situazione di generale mancanza di tenuta dei sistemi fognari urbani. Così accade anche per le fognature industriali, anche se in questo caso prevale l usura di tipo chimico e/o la corrosione di tipo elettrolitico proprie dei terreni contaminati e dei suoli congestionati dal passaggio di molti tipi di sottoservizi, quali quelli appunto sottostanti gli impianti chimici, le raffinerie di idrocarburi, cartiere, concerie etc. Sia nel contesto civile urbano che nel contesto industriale, la dispersione dei fluidi reflui nel sottosuolo causata dalle perdite provenienti dalle condotte fognarie costituisce un vero e proprio problema ambientale. E tale problema può assumere connotati particolarmente drammatici in una nutrita serie di casi. Proviamo a pensare, per esempio, ai fluidi fognari che vengono dispersi e che, per gravità, migrano nel sottosuolo fino a raggiungere le falde acquifere oggetto di prelievo ad uso potabile. Oppure proviamo a pensare alla stessa eventualità in corrispondenza di zone marine o lacustri in prossimità dei siti dedicati alla balneazione, o alle rive di fiumi e torrenti che fungono da collettori naturali di tali fluidi dispersi.

3 In tutti questi casi, gli interventi di riparazione o sostituzione delle condotte ammalorate risultano particolarmente costosi e di difficile, se non di impossibile applicazione, in relazione alle già citate caratteristiche di profondità, sito e condizioni di posa ed esercizio. Non dimentichiamo poi che tale problematica presenta una chiara rilevanza giuridico-penale in quanto l inquinamento e l abbandono (inteso come dispersione nell ambiente) di rifiuti tossici o nocivi sono a tutti gli effetti reati penali e chi si rende responsabile di tali eventi è di fatto perseguibile a norma di legge. fognature industriali; occlusioni di materiale esterno e corrosione della sede di scorrimento sono i difetti più riscontrati all atto delle ispezioni interne Per la risoluzione di tali problematiche, che stanno divenendo sempre più pressanti in ragione della maggiore sensibilità verso i problemi di inquinamento e di degrado ambientale, sono state messe a punto alcune tecnologie che offrono delle soluzioni tecniche ottimali a costi nettamente inferiori alle sostituzioni con i metodi tradizionali a cielo aperto. Le tecnologie che è possibile impiegare per eliminare o limitare drasticamente il fenomeno delle perdite fognarie sono molte, e si possono distinguere in sistemi di riparazione puntuale o in sistemi di risanamento estensivo. Tralasciando necessariamente ogni descrizione e valutazione dei molteplici sistemi di riparazione puntuale, cercheremo invece di approfondire l aspetto del risanamento delle condotte fognarie con tecnologie No-Dig denominate Cured In Place Pipe, internazionalmente note con il più breve acronimo CIPP. Tutte le tecnologie di CIPP si basano su di un idea tanto originale quanto semplice. L idea fu messa a punto agli inizi degli anni 60, partendo da due o tre principi abbastanza elementari, elaborati con un po di logica e qualche fondamento di chimica delle resine. L assunto di base fu il seguente: - Gran parte delle condotte fognarie già esistono, ma perdono. Non è però sempre possibile sostituirle, per ragioni economiche ma anche per vincoli oggettivamente di natura tecnica. Occorre quindi mettere a punto un sistema che consenta di ricostituire un nuovo tubo all interno di quello esistente, rispettando tanto la condotta quanto i pozzetti di ispezione -. L idea che ne scaturì fu quindi: 1. Tra i materiali idonei al trasporto delle acque reflue che possono essere considerati non rigidi e deformabili a piacimento dell operatore, esiste il PRFV o vetroresina che, prima di assumere il suo aspetto tubolare definitivo, si presenta come una sorta di calza

4 morbida e flessibile, impregnata di una resina liquida, e che cva quindi a costituire un complesso formabile in situ. 2. Questo materiale composito formabile in situ deve però essere introdotto all interno della vecchia condotta senza, possibilmente operare scavi a cielo aperto. Quale soluzione migliore quindi che operare attraverso le aperture che già esistono lungo la condotta, cioè i pozzetti? 3. per fare ciò occorre mettere a punto un sistema semplice ed economico che consenta di inserire questa calza all interno della condotta da rinnovare, di farla aderire una volta inserita alle pareti interne della vecchia condotta e, una volta fatto ciò, di farla divenire rigida e resistente come un tubo in PRFV. La messa a punto del procedimento di inserzione ottenuta per inversione del tubolare risultò quindi automatica, una sorta di uovo di Colombo. Descritta per sommi capi la genesi storica del sistema CIPP, se passiamo ad esaminare le applicazioni concrete, ci accorgiamo poi che le variabili operative sono più d una. Diametri, geometrie delle condotte, lunghezza dei tratti da risanare, accessi attraverso i pozzetti di ispezione, immissioni laterali, messa fuori servizio delle fognature non interrompibili etc. sono solo alcuni degli elementi che contribuiscono non poco a complicare la vita agli applicatori nel momento della messa in opera. Proviamo quindi, con l ausilio di una serie di immagini, a spiegare meglio di che si tratta. Si è già accennato al fatto che, sotto la denominazione generica inglese di Cured In Place Pipe (usualmente CIPP), vengono compresi una serie di sistemi che, sostanzialmente, consistono nella predisposizione di una guaina o composta plastica - tessile di dimensioni e lunghezza idonea al rivestimento interno del tratto di esistente condotta da rinnovare in quanto deteriorata, fugante o solamente obsoleta. schema di composizione a strati della guaina tubolare semplice (feltro + resina) tubolare a doppio strato, feltro poliestere +fibra di vetro, per rivestimenti ad elevata resistenza meccanica Dall interno della guaina, in contatto con la parte tessile o in feltro, viene versato e ripartito uniformemente un determinato quantitativo di resina allo scopo di impregnare totalmente e capillarmente la superficie che, a inserzione avvenuta, andrà a contatto con la parte interna della condotta da rinnovare.

5 fase di taglio e cucitura del tubolare in feltro poliestere impregnazione in cantiere Ad impregnazione avvenuta, il liner fino ad un diametro di 2000 mm e oltre, composto da guaina + resine, viene trasportato sul luogo di applicazione icon un autocarro refrigerato. impregnazione e calandratura in fabbrica

6 stoccaggio e conservazione in container frigoriferi Sulla verticale dell accesso della condotta da risanare, un terminale della guaina impregnata viene sigillato, mentre l altro terminale viene rivoltato e fissato per cerchiaggio alla cosiddetta flangia di inversione, posta alla sommità di un incastellatura mobile di altezza variabile in funzione del diametro, spessore, forma e lunghezza del tratto di condotta da rivestire in un unico lancio. Il riempimento con acqua dalla sommità dell intercapedine del sacco rovesciato venutosi così a creare, provoca il rivoltamento e il conseguente avanzamento della guaina all interno della condotta da rinnovare. Il mantenimento in pressione del sistema determina quindi il contatto capillare tra superficie interna della condotta da rinnovare e la superficie tessile della guaina impregnata di resina. le prime due fasi dell inversione: il fissaggio alla flangia di inversione e l avvio del rovesciamento al suo interno della guaina impregnata

7 fasi successive dell inversione: la discesa della colonna di spinta e la formazione della curva di imbocco l avanzamento del processo di rivestimento determinato dalla spinta della colonna d acqua che richiama altra guaina impregnata verso il fronte di iversione

8 ultima fase del processo di inversione: lo stoppaggio del terminale a fine tratto da risanare Esistono vari tipi di resina da impregnazione, da individuare in relazione alle caratteristiche del fluido trasportato dalla condotta: resine poliestere, per fluidi reflui provenienti da scarichi civili e industriali a temperature fino a C resine vinilestere, per fluidi reflui industriali, con ampio campo di oscillazione del ph e della temperatura (fino a 60 C e oltre) resine epossidiche, per convogliamento di fluidi alimentari o per applicazioni in ambienti che richiedono il minore rilascio possibile di particelle di resina, anche a medio-lungo termine resine poliuretaniche speciali, che abbinano alle caratteristiche fisico-chimiche delle resine precedentemente descritte una spiccata coesività alle pareti interne in poliolefine a bassa scabrezza quali il PEAD o che richiedano bassi valori di ritiro termico in fase di raffreddamento post termoindurimento Per liner di diametro inferiore a 500 mm, il processo di estroflessione può avvenire impiegando aria anziché acqua, quale forza motrice del rivoltamento e dell avanzamento della guaina all interno della condotta. In tal caso, in luogo della colonna di inversione ad acqua, viene utilizzato un estroflessore costituito da una sorta di camera stagna all interno della quale viene avvolta la guaina impregnata, ed alla cui bocca di uscita viene fissata (rivoltata), l estremità della guaina stessa, con la parte in feltro verso l esterno e la parte in PE, PU o PVC verso l interno.

9 fase di applicazione con estroflessore ad aria per piccoli e grandi diametri Per entrambi i metodi il consolidamento della resina e il definitivo consolidamento/incollaggio può avvenire per il solo trascorrere di un determinato tempo di reazione, in funzione del tipo di resina impiegato e delle dimensioni e del tipo di guaina ma, più frequentemente, per l azione catalitica accelerante di uno dei seguenti fattori:. : a) Aumento della temperatura all interno della guaina ottenuta per mezzo di fluido termoconvettore (aria, acqua) o per mezzo di emettitore di raggi I.R. b) Diminuzione della temperatura della guaina impregnata pre-inserzione c) Aumento della quantità di catalizzatore - accelerante nella resina schema del processo di indurimento catalitico accelerato dalla temperatura A consolidamento terminato la guaina viene sezionata in corrispondenza dei pozzetti di ispezione intermedi e dei terminali.

10 fasi di rifinitura dei terminali a seguito dell inserimento della guaina tubolare impregnata Le eventuali immissioni laterali non convogliate in pozzetto accessibile, vengono ripristinate mediante l impiego di una fresa robotizzata. Tale apparecchiatura viene guidata da un operatore dall esterno e opera sotto il continuo controllo di una telecamera a circuito chiuso, riaprendo in sequenza i fori di immissione temporaneamente occlusi dalla guaina CIPP. Nel contempo, tale attrezzatura speciale, o una normale telecamera CCTV, operano il collaudo visivo finale della condotta appena risanata. una fresa robotizzata ed il risultato di una riapertura di un immissione laterale effettuata con tale dispositivo Il collaudo idraulico viene invece realizzato contestualmente alla fase di consolidamento in pressione (d aria o di colonna d acqua), fissando un livello di P. d aria o di H mm di colonna di acqua, e controllandone il mantenimento per il tempo fissato per il collaudo (usualmente coincidente con il tempo di consolidamento tipico di ogni diametro e spessore di guaina). e inoltre buona regola procedere, dopo il collaudo idraulico, ad una videoispezione interna con telecamera CCTV o, quando le dimensioni della condotta lo consentono, direttamente con un operatore. Ciò con l obiettivo di verificare l esito fisico (e non solo idraulico) del risanamento, valutando l effettiva adesione della guaina alle pareti interne della condotta, la presenza di eventuali grinze, l esito delle riaperture delle immissioni laterali, la buona qualità della sigillatura dei terminali etc.

11 veduta interna di una condotta fognaria ovoidale, prima e dopo il risanamento MA COME PROCEDERE ALLA VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI INTERNE DELLE CONDOTTE FOGNARIE? E innanzitutto è opportuno effettuare tutte a quelle indagini preventive e necessarie ad acquisire tutti quegli elementi utili alla corretta valutazione delle problematica di risanamento. Non sempre infatti il gestore possiede la precisa conoscenza delle condizioni interne e dei tracciati planimetrici delle tubazioni che necessitano di sostituzione o di interventi più o meno estensivi di manutenzione. Per quanto riguarda l esame delle condizioni interne (che, in molte condotte talvolta possono riservare delle sorprese ) lo strumento ideale è l ispezione con telecamere semoventi a circuito chiuso (CCTV). alcuni esempi di trattori per ispezione CCTV Tali strumenti forniscono la videoregistrazione delle condotte viste dall interno ma, quelle più sofisticate, possono arrivare ad eseguire precise misurazioni delle dimensioni dei diametri interni, di eventuali inclusioni etc. E infatti molto utile, se non indispensabile, conoscere non solo l esatta localizzazione di eventuali danni o infiltrazioni (che si vedono molto bene alla sola ispezione CCTV), ma anche individuare e valutare dimensionalmente le fratture, i distacchi delle giunzioni, le anomalie dei punti di

12 immissione etc (dalle quali l acqua reflua fuoriesce verso il terreno circostante), molto più difficilmente determinabili basandosi sulla sola visione in un monitor. La tecnica più recente viene nuovamente in aiuto per la risoluzione di tali problematiche di natura diagnostica, mettendo a disposizione dei dispositivi la cui azione è basata sulla comparazione dimensionale di due punti noti di riferimento emessi da due sorgenti laser. I due segnali laser, avvicinati all elemento che si vuole valutare dimensionalmente, vengono elaborati da un semplice software che mette in proporzione l oggetto individuato con la distanza nota tra i due punti, fornendo quindi la dimensione reale del primo. interno della centrale mobile di comando CCTV. Nell ufficio ricavato all interno del veicolo sono contenuti tutti i dispositivi hardware e software necessari al comando delle attrezzature ed all elaborazione e registrazione dei segnali misuratore proporzionale laser: puntamento referenziale e successiva delimitazione dell elemento da misurare Altro optional recentemente offerto dal mercato, è il sistema detto occhio satellitare, un prolungamento direzionabile dotato, alla sua sommità, di una sonda ottica di piccole dimensioni, messo a punto per entrare a visionare l interno delle derivazioni laterali maggiori di DN 50 e percorrerle per distanze fino a 30 metri.

13 Con tale dispositivo, è possibile non solo valutare l interno delle condotte principali, ma anche risalire a visionare lo stato delle molte derivazioni di utenza o, nel caso delle condotte fognarie, delle immissioni laterali o dei pozzetti non accessibili dalla superficie. dispositivo di ispezione satellitare, in grado di percorrere ed ispezionare immissioni laterali di diametro superiori a 50 mm per oltre 30 metri Di grande utilità questo strumento anche per la verifica ed il rintracciamento delle immissioni abusive e per la realizzazione dei collaudi totali dei sistemi fognari che, non dimentichiamo, si compongono di condotta, pozzetto di ispezione, raccordo di immissione e allaccio laterale (o fognolo). Altra tecnologia estremamente utile all indagine preventiva dei sottoservizi è il georadar. Tale tecnica, di derivazione militare, si basa sull elaborazione dei segnali radar emessi da una serie di array paralleli che, montati su di un carrello a ruote, effettuano scansioni del sottosuolo per passate successive. Ad ogni passata, il terreno viene indagato fino a profondità di 3-4 metri, ed il segnale di ritorno viene memorizzato ed elaborato da un software dedicato che restituirà una vera e propria tomografia del sottosuolo. Tramite la lettura e l ulteriore elaborazione di tali tomografie, sarà possibile ottenere mappe bidimensionali dei tracciati di tutti i sottoservizi presenti nel sottosuolo scansionato, nonché le posizioni in profilo ed in sezione dei sottoservizi stessi. carrello monoantenna e restituzione planimetrica eseguita dopo elaborazione bidimensionale della scansione Le precisioni degli impianti di georadar dell ultima generazione possono essere considerate eccezionali, arrivando infatti a restituire mappe tridimensionali del sottosuolo con caratterizzazioni del posizionamento e della dimensione dei vari sottoservizi con precisione dell ordine di pochi centimetri.

14 array multiplo sezione tomografica del sottosuolo LE NORME DI RIFERIMENTO Il settore del CIPP trova riferimento in almeno un paio di norme europee ed internazionali. Vale la pena di citare la ASTM F STANDARD PRACTICE FOR REHABILITATION OF EXISTING PIPELINES AND CONDUITS BY THE INVERSION AND CURING OF A RESIN IMPREGNATED TUBE che, nella sua appendice XI. DESIGNE CONSIDERATIONS contribuisce a fornire validi elementi ai progettisti nel momento in cui occorra calcolare gli spessori del complesso finito guaina+resina da applicare nelle più diverse situazioni, in relazione a variabili operative quali il diametro della condotta esistente, lo stato di degrado della stessa, la geometria della condotta (circolare, ovoidale etc), i carichi presunti a cui sarà sottoposta la condotta risanata, l eventuale livello di falda sovrastante la sede di posa della condotta etc. Di altrettanta importanza le due norme ASTM D STANDARD PRACTICE FOR UNDERGROUND INSTALLATION OF GLASS-FIBER RENFORCED THERMOSETTING- RESIN PIPE, e la norma europea EN PLASTIC PIPING SYSTEMS FOR RENOVATION OF UNDERGROUND NON-PRESSURE DRAINAGE AND SEWERAGE NETWORKS PART. 4: LINING WITH CURED IN PLACE PIPES.

15 Dalla prima (ASTM D 3839), anche se riferita ai tubi in PRFV (vetroresina) standard, può essere utile per trarre una serie di indicazioni circa alcuni elementi di calcolo degli spessori e di collaudo delle prodotto tubolare finito. La seconda (EN ) è importante perché riporta l indicazione dei tipi e le relative metodologie di esecuzione dei tests da prevedere per la determinazione degli effettivi parametri di resistenza chimico fisica delle guaine CIPP dopo la loro messa in opera. di estrema importanza la scelta dei materiali di base ed il calcolo dei relativi spessori, che dovranno rispondere ai requisiti imposti dalle normative di riferimento e dalle condizioni ambientali e di impianto proprie del sito ove si andrà ad operare il risanamento Esaminati quindi i vari aspetti legati alla progettazione, ai materiali ed alle modalità di messa in opera delle guaine termoindurenti, è opportuno terminare la trattazione di questo tema descrivendo una case history che riassuma gran parte delle peculiarità e delle possibilità offerte dal rinnovamento No-Dig in situ con Cured in Place Pipe di condotte fognarie con caratteristiche costruttive e di esercizio particolarmente complesse. I BY-PASS Preventivamente poi alla pianificazione delle operazioni di risanamento con tecniche CIPP risulta di grande importanza la progettazione e la realizzazione di un adeguato ed efficiente impianto di bypass. Inutile soffermarci sulla criticità dell argomento. E palese che, nella gran parte dei casi, un collettore o un semplice fognolo presentano problematiche di messa fuori servizio praticamente insormontabili. Essi sono quindi impianti da considerare non interrompibili. In funzione di tale fatto, per consentire sia l ispezione CCTV che il successivo risanamento, è necessario intervenire trasferendo i fluidi da monte a valle del tratto da risanare (o talvolta presso un altra condotta nelle vicinanze). Per fare ciò si allestiscono appositi by-pass che, talvolta, assumono le sembianze di vere e proprie condotte o addirittura di reti di raccolta fuori terra.

16 Essenziale, all atto del dimensionamento dei by-pass, è la corretta valutazione delle portate massime a cui è soggetto il tratto di condotta da risanare, prestando particolare attenzione al fatto che la condotta sia dedicata alle sole acque nere o ad acque miste (in questo caso la questione diviene più complessa). particolare di un impianto di by-pass a collettore, idoneo cioè a raccogliere i reflui provenienti da numerosi fognoli o immissioni laterali ed a convogliarli in una condotta principale Altro elemento da valutare con cura è l individuazione e la mappatura delle immissioni laterali insistenti lungo il tratto da risanare, comprese quelle eventualmente sconosciute o abusive. Tutte le immissioni devono essere infatti intercettate con apposite pompe di aspirazione e collettate verso il by-pass principale. Siccome il costo di un impianto di by-pass, specie se particolarmente articolato, può talvolta incidere sensibilmente sul costo del risanamento, è bene valutare preventivamente l opportunità di effettuare la deviazione provvisoria dei reflui mediante l impiego di una semplice bottespurgo. Tale operazione risulterà sicuramente più economica, specie nel caso di flussi di reflui non particolarmente significativi e nel caso di lavorazioni di breve durata. sospensione del flusso realizzata mediante aspirazione nel pozzetto di monte con bottespurgo

17 UNA CASE HISTORY SIGNIFICATIVA Riportiamo di seguito quindi la descrizione delle varie fasi di preparazione e di realizzazione di un lavoro realizzato a cavallo tra il 2003 ed il 2004, che riteniamo molto significativo per le seguenti motivazioni: 1. contesto generale (trattasi di un intervento realizzato in uno stabilimento latteo-caseario che lavora a ciclo continuo) 2. caratteristiche progettuali e costruttive del by-pass 3. caratteristiche dei materiali impiegati 4. modalità di posa in opera Tratteremo la case histories riportando una sorta di diario di cantiere, con tanto di immagini e di descrizione delle varie fasi attuative. IL RISANAMENTO DI UN COLLETTORE DI STABILIMENTO NON INTERROMPIBILE E DI GRANDE DIAMETRO Il lavoro consta nel risanamento, con applicazione di guaina in feltro poliestere impregnata da resina epossidica, di 400 metri ca di cunicolo in calcestruzzo a sezione ovoidale di diametro circolare equivalente pari a 1300 mm e di 200 metri ca di altre condotte fognarie da DN 500 a DN800 in cemento centrifugato afferenti al collettore. Come già accennato, il flusso dei reflui (variabile da un minimo di 200 ad un massimo di 400 mc/h) ed è da considerarsi continuo per 24 ore si 24 e per 365 giorni l anno. il cunicolo in calcestruzzo a sezione ovoidale da risanare, di diametro circolare equivalente pari a 1300 mm (foto scattata con by-pass in funzione). Il flusso residuo di reflui nasconde la completa mancanza del fondo di scorrimento, oramai completamente corroso

18 Il tracciato del collettore passa quasi completamente al di sotto dello stabilimento, per cui occorrerà operare necessariamente dai pozzetti esistenti realizzando, al limite, degli adeguamenti delle dimensioni degli stessi. Come noterete dalla descrizione che segue, le operazioni preliminari come progettazione del bypass, ispezione interna del cunicolo, pulizia e rinforzo strutturale di alcuni punti dello stesso, ricoprono un ruolo essenziale per la riuscita del risanamento. Non è infrequente infatti che il complesso delle operazioni preliminari necessiti di maggiori tempi e impegno dell operazione di risanamento (intesa come inversione della guaina) vera e propria. Nella fase progettuale del lavoro, sono stati quindi eseguiti i calcoli idraulici necessari a stabilire i parametri costruttivi del by-pass principale, considerando una portata max al depuratore pari a 440 mc/h, una Q-med di 230 mc/h e una prevalenza utile minima di 16 metri di colonna d acqua (3,5 per il dislivello di innesco, 10 m per 540 m ca di condotta, 2,5 m per le curve). I calcoli hanno indicato come sufficiente quindi posare un tubo di by-pass in PEAD DE315 PN6 (D.int 280 mm ca), messo in esercizio da una pompa Varisco J TWGS/VM4 da 10 diagrammi di portata e caratteristiche delle pompe impiegate per il by-pass principale il doppio sistema principale di aspirazione per sopperire all eventuale avaria di una pompa Le prime operazioni sono state quelle di predisposizione del by-pass principale in PEAD DE315, che è stato realizzato collocando la prima stazione di mandata in corrispondenza di un pozzetto

19 centrale al tratto da risanare, fino al recapito presso l impianto di depurazione, passando gran parte in cunicoli e vani tecnici all interno dei capannoni dello stabilimento. L impianto principale di pompaggio è stato progettato con la dovuta attenzione alla non interrompibilità dell operazione di aspirazione dei fluidi reflui. Sono infatti state collocate due elettro pompe di aspirazione con doppio sistema di valvole di intercettazione La realizzazione del by-pass principale ha richiesto ca 15 giorni lavorativi, a cui vanno sommati ulteriori 5 giorni lavorativi per lo smontaggio e rimontaggio dell impianto di mandata e della prima porzione di by-pass, resosi necessario per consentire lo spostamento a valle del punto di aspirazione principale a seguito del completamento del primo tratto di risanamento di 165 m ca. particolari della costruzione della tubazione di by-pass primario

20 In contemporanea alla realizzazione del by-pass primario, è stato realizzato il primo pozzo di inserzione, da cui dare origine alle due inserzioni delle guaine CIPP, dal pozzo verso monte, fino a inizio tratto e dal pozzo verso valle costruzione del pozzo di inserzione principale Si è poi proceduto alla realizzazione dei diversi tratti di by-pass secondari. Anche queste condotte correvano prevalentemente sotto lo stabilimento, ed erano costituite da un sistema di pompaggio (motopompa autoadescante o semisommersa elettrica) e da una tubazione che trasportava il refluo captato fino alla linea principale di by-pass. Particolarmente complessa si è rivelata la taratura della pressione di mandata delle varie pompe secondarie, che doveva risultare superiore alla P max di mandata del by-pass principale, e regolata in modo da non controspingere eventuali altri rami di by-pass secondario eventualmente collegati sulla stessa linea. E da citare il fatto che i pozzetti dei fognoli laterali ove avveniva l aspirazione dei reflui immissari erano posti quasi tutti al di sotto del livello stradale ed in vicinanza delle cabine elettriche che forniscono l energia allo stabilimento. Per provvedere quindi ad intervenire tempestivamente ed a prevenire eventuali guasti delle pompe (e quindi disastrosi rigurgiti di fluidi reflui), si è provveduto, in alcuni casi, a porre un doppio sistema di pompaggio, ed in altri casi a presidiare 24 ore su 24 i punti di aspirazione più critici. By-pass secondario. Punto di aspirazione presidiato nei fondi dello stabilimento e collegamento ad impianto

21 By-pass secondario: punto di immissione nella condotta di by-pass primario Si è giunti quindi alla prova generale di by-pass. Azionate le pompe principali, si è riusciti a parzializzare quindi il deflusso di monte per circa il 60%, consentendo di effettuare un tratto di ispezione residuo che non era mai risultato possibile eseguire in relazione alla quantità ed alla qualità dei reflui. In tale zona, il cunicolo è apparso, attraverso i pozzetti, colmo di acqua e detriti stagnanti per un tratto di circa metri, e per una porzione di circa il 70% della sezione. una prima vista dello stato interno della condotta prima di mettere in funzione il by-pass. L immagine appare annebbiata in quanto la temperatura,media dei reflui è di ca 40 C e l atmosfera risulta satura di vapore

22 Una volta che il by-pass ha cominciato a funzionare abbassando il livello di reflui e di sedimenti semiliquidi presenti nel collettore, si è proceduto quindi ad effettuare una ispezione visiva interna con l impiego di n 2 operatori dotati dei necessari DPI. L atmosfera all interno del sito confinato è risultata immediatamente incompatibile alla respirazione, ancorché filtrata, per cui la discesa del personale nel cunicolo è stata preceduta da un periodo di ventilazione forzata della camera d aria superiore (pozzetti tutti aperti e immissione forzata d aria esterna). Successivamente si è quindi proceduto alla discesa degli operatori, mantenendo la ventilazione forzata in aspirazione, così da abbattere il più possibile la presenza di vapore acqueo e migliorare la visibilità interna un operatore, dotato dei necessari DPI, si prepara ad effettuare l ispezione visiva All ispezione visiva, si è riscontrata una situazione, assolutamente imprevista, di ostruzione di buona parte del cunicolo da parte di detriti solidi e semisolidi. una volta asportati i residui di lavorazione del latte, aspirati dal by-pass, la presenza di sedimenti solidi quali ciottoli e ghiaie fa presumere un danno a monte

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno

Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Seminario 8 novembre 2012 Die Naturkraft aus Schweizer Stein Il corretto approccio per l isolamento dall interno e dall esterno Mirko Galli Arch. Dipl. ETH physarch sagl, Viaganello FLUMROC AG Postfach

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti

Gli impianti di depurazione. I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti from Master Builders Solutions I sistemi impermeabilizzanti MasterSeal chimico resistenti Indice : schema generale Tipo e grado di aggressione

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli