FOR. X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre Che cosa è la IATT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOR. X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre 2011. Che cosa è la IATT"

Transcript

1 ITALIAN ASSOCIATION FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY LE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Paola Finocchi X Edizione della Manifestazione Risorse comuni Milano, 24 novembre 2011 Che cosa è la IATT La I.A.T.T. (ITALIAN ASSOCIATION FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY) nasce nel 1994 come associazione non a scopo di lucro con l obiettivo di promuovere l avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecniche nel campo delle tecnologie trenchless (no-dig). La I.A.T.T è affiliata alla I.S.T.T. (INTERNATIONAL SOCIETY FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY), con sede a Londra, a cui fanno riferimento altre 29 associazioni rappresentanti 33 Paesi europei ed extraeuropei.

2 I Paesi affiliati alla ISTT 29 Associazioni in 33 Paesi Soci collettivi

3 Le tecnologie a basso impatto ambientale Trenchless Technology (No-dig) Indagini conoscitive Perforazioni orizzontali guidate Tecnologie associate Perforazioni orizzontali non guidate Riutilizzo o sfruttamento di infrastrutture esistenti Radar Directional drilling Telecamere Microtunnelling Cercatubi Rod pushers Cercaperdite Pipe jacking PIGS intelligenti Minitrincea Microtrincea Posa in fogna Vacuum Aratri Impact moles Rammer Augers U-liner Roll-down Slip - lining Swage lining Pipe cracking Rivestimento con resine I campi d impiego delle Trenchless Technology Posa di cavi (Energia, TLC) Posa di tubi (Gas, Energia, TLC, Acqua) Posa condotte (Reti fognarie) Rinnovamento di condotte interrate Indagini geologiche Interventi di ingegneria civile Interventi di ingegneria ambientale

4 Perché scavare quando esistono soluzioni alternative? Scavare una trincea comporta: Manomissione stradale (deterioramento del manto stradale) Danni alle attività commerciali, residenziali o di svago Movimentazione terreni Problemi di sicurezza Problemi ambientali Traffico La soluzione: Tecniche non invasive - 80% dei costi sociali/ambientali - 70% incidenti sui cantieri riduzione dei danni alle infrastrutture esistenti Confronto dell equipaggiamento e del trasporto materiali (es. scavo aperto vs. tecniche non invasive: 1000 m HD-PE Ø 110 mm) Scavo aperto Tecniche non invasive Mezzi Viaggi di camion per lo smaltimento del materiale di risulta

5 Confronto dei materiali da costruzione necessari (es. scavo aperto vs. tecniche non invasive: 1000 m HD-PE Ø 110 mm) Scavo aperto Tecniche non invasive sabbia Quantità di materiale da costruzione 5,5 m 3 materiale di rinterro 1 t bentonite ed altro materiale di rinterro asfalto riciclato 10 m 3 asfalto fine Confronto tra tempi di realizzazione, area cantiere, rumore, inquinamento (es. scavo aperto vs. tecniche non invasive: 1000 m HD-PE Ø 110 mm) Scavo aperto Tempi di realizzazione Tecniche non invasive Occupazione area di cantiere Rumore e inquinamento

6 Comparazione dei costi (es. scavo aperto vs. tecniche non invasive: 1000 m HD-PE Ø 110 mm) Scavo aperto Tecniche non Costi diretti di produzione invasive Costi indiretti (gestione traffico,imprevisti operativi, ) Costi di manutenzione nei 10 anni successivi (rottura pavimentazione, buche, ) Attività FORMAZIONE QUALIFICAZIONE IMPRESE DIVULGAZIONE QUADRO NORMATIVO IATT PREZZARIO ATTIVITA ENTI LOCALI ASSOCIAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE

7 Attività con Enti e Associazioni Quadro normativo (1/2) Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici (pubblicato in Gazzetta Ufficiale a dicembre 2010, in vigore da giugno 2011) prevede una categoria specifica di qualificazione. OS 35 - INTERVENTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Riguarda la costruzione e la manutenzione di qualsiasi opera interrata mediante l utilizzo di tecnologie di scavo non invasive. cosicché le Amministrazioni locali potranno prevederne l utilizzo nelle gare pubbliche

8 Quadro normativo (2/2) Nel 2010 è stato approvato l emendamento, presentato dalla ATT al Ministero dello Sviluppo Economico, relativo all'art.15-bis della Legge 133/08 inerente la profondità di posa di reti fibra ottica. ART. 15-BIS - LEGGE 133 DEL 2008 Per gli interventi di installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica, la profondità minima dei lavori di scavo, anche in deroga a quanto stabilito dalla normativa vigente, può essere ridotta, salvo l'ente gestore dell'infrastruttura civile non comunichi specifici motivi ostativi entro trenta giorni dal ricevimento dell'atto di cui al comma 4» cosicché le Amministrazioni locali potranno autorizzare ed utilizzare la tecnica della minitrincea Prezzario (1/2) La IATT, nel 2004, ha pubblicato un proprio Prezzario di riferimento, aggiornato nel 2007, con lo scopo di fornire: all utilizzatore progettista, una descrizione tecnica delle tecnologie No-Dig per orientarlo alla scelta più adeguata alla tipologia di lavoro ai Committenti una guida ai prezzi delle singole lavorazioni che permetta l elaborazione di bandi di gara e la predisposizione dei relativi capitolati tecnici

9 Prezzario (2/2) Dal 2008, IATT collabora con la DEI - Tipografia del Genio Civile per la pubblicazione del Prezzario nella collana editoriale Prezzi Informativi dell Edilizia nella tipologia di lavori Urbanizzazione Infrastrutture e Ambiente. Indirizzi per l uso e la manomissione del sottosuolo

10 «Best Practice» per lo sviluppo tecnologico Il documento nasce da un accordo sottoscritto tra IATT e Regione Lombardia nel 2009 per la promozione delle tecnologie a basso impatto ambientale. È il frutto di un intenso lavoro di collaborazione tra Operatori dei servizi a rete e le Associazioni degli Enti locali, ANCI Lombardia e UPL. - omogeneizza i rapporti tra Operatori e Enti locali - semplifica le procedure amministrative - favorisce il razionale utilizzo del sottosuolo attraverso il coordinamento degli interventi e il riutilizzo di infrastrutture esistenti - incentiva l utilizzo di tecnologie alternative allo scavo tradizionale - promuove la ricerca di sinergie tecnico-operative dialogo e collaborazione Le tecnologie a basso impatto ambientale

11 Le tecnologie a basso impatto ambientale Trenchless Technology (No-dig) Indagini conoscitive Perforazioni orizzontali guidate Tecnologie associate Perforazioni orizzontali non guidate Riutilizzo o sfruttamento di infrastrutture esistenti Radar Directional drilling Telecamere Microtunnelling Cercatubi Rod pushers Cercaperdite Pipe jacking PIGS intelligenti Minitrincea Microtrincea Posa in fogna Vacuum Aratri Impact moles Rammer Augers U-liner Roll-down Slip - lining Swage lining Pipe cracking Rivestimento con resine Le indagini conoscitive

12 Indagini preliminari La realizzazione di nuove infrastrutture comporta il rischio di danneggiamento di quelle esistenti. In caso di impiego di tecnologie di posa no-dig, i sistemi Georadar - con l ausilio di informazioni cartografiche di Aziende/Enti gestori di sottoservizi - permettono di realizzare l indagine in maniera accurata. per conoscere il sottosuolo.

13 in maniera non invasiva Il georadar è una tecnica che consente di rivelare in modo non distruttivo e non invasivo la presenza e la posizione di oggetti sepolti, utilizzando il fenomeno della riflessione delle onde elettromagnetiche. Come funziona Lo strumento emette segnali a radiofrequenza - compresi tipicamente tra i 200 MHz e i 600 Mhz) e registra le eco re-irradiate dagli oggetti presenti nel sottosuolo, permettendo di effettuare indagini fino a 3 m di profondità. x -N x 0 x N Antenna linea di scansione d -N d 0 dn Oggetto sepolto

14 La restituzione cartografica La restituzione cartografica 3D

15 Le sue applicazioni Conoscere la posizione dei sottoservizi Costruire una banca dati dei sottoservizi Individuare l idonea tecnica no-dig da utilizzare Ma anche applicazione in: Ingegneria Civile (verifica spessori materiali, indagini strutturali, individuazione falde acquifere) Archeologia e Beni Culturali (individuazioni di cavità nel sottosuolo) Geologia (caratterizzazione litologica) Le perforazioni orizzontali guidate e non guidate

16 Perforazioni orizzontali guidate: Directional Drilling E un tipo di tecnologia che consente l esecuzione di fori orizzontali o inclinati, aventi andamento rettilineo o curvilineo da una buca di partenza ad una di arrivo. Esecuzione del foro pilota L'avanzamento delle aste nel terreno avviene grazie alla spinta esercitata dalla macchina con sistemi ad acqua/bentonite o a secco. Testa di perforazione con sonda trasmittente

17 Alesatura Posa della tubazione La tecnologia permette la posa di tubazioni di diametro da ( ) mm, per lunghezze fino a 1000 metri;

18 Caratteristiche La perforazione - che può essere eseguita sia in terreni (coesivi o granulari) che in roccia - è caratterizzata da: -monitoraggio elettronico continuo della posizione e dell inclinazione della testa di perforazione -alta precisione nel direzionamento (± 5 cm per gli spostamenti laterali e altimetrici; ± 0.5% per le pendenze) -raggi di curvatura estremamente ridotti per fori di piccolo diametro Campi d applicazione Posa di tubazioni per sottoservizi Drenaggi ed iniezioni (applicazioni geotecniche ed ambientali)

19 Perforazioni orizzontali guidate: Rod Pusher Tecnologia di perforazione realizzata esclusivamente a secco, per compattazione del terreno, con sistemi a spinta idraulica. I macchinari sono di piccole dimensioni e permettono la posa di cavidotti di piccolo diametro (foro da mm), per brevi lunghezze (circa m). Area di cantiere di ridotte dimensioni, ottimale in ambito urbano Perforazioni orizzontali guidate: Microtunneling La tecnologia permette la posa di tubazioni, tipicamente idriche e fognarie, di diametro ( ) mm, su tutti I tipi di terreno. La perforazione avviene per mezzo di una fresa o una trivella con testa orientabile, che disgrega il materiale durante l avanzamento. Il materiale di risulta viene portato in superficie tramite un sistema chiuso di circolazione d acqua e bentonite mantenuto in movimento da grosse pompe.

20 Il pozzo di spinta La posa avviene mediante la spinta, da un pozzo di partenza fino ad uno di arrivo, di sezioni di tubo della lunghezza variabile da 1 a 3 metri per mezzo di un sistema di martinetti idraulici. Perforazioni orizzontali guidate: Microtunneling L orientamento della testa di perforazione è controllato tramite un segnale laser inviato dal pozzo di partenza lungo la direzione della perforazione, che incide su un rivelatore solidale con la testa fresante.

21 Perforazioni orizzontali non guidate: Impact Moling Tecnologia di perforazione realizzata a secco, per compattazione del terreno, con sistemi di spinta ad aria compressa Permette la posa di cavidotti di piccolo diametro (foro da mm) per brevi distanze (50-70) m. Il cavidotto viene posato direttamente durante la perforazione. Ottimale per pose di lunghezze limitate, in ambito urbano Le tecnologie associate

22 Le tecnologie associate Nel 2006 la I.S.T.T. amplia la classificazione delle Trenchless Technology, introducendo un nuovo gruppo di tecnologie, le cosiddette tecnologie associate Queste tecnologie, infatti, al pari delle altre, sono caratterizzate dall essere: alternative allo scavo tradizionale a basso impatto socio-ambientale Le tecnologie associate La Minitrincea

23 La tecnica di posa della Minitrincea La minitrincea, come suggerisce il nome, consiste in uno scavo a cielo aperto, di ridotte dimensioni: Larghezza 3/20 cm Profondità 30/55 cm Nasce prevalentemente per ridurre tempi e costi di realizzazione; Prevede l impiego di macchinari e materiali standard. Una notevole differenza

24 Lo scavo Lo scavo è realizzato per mezzo di particolari frese/scavacanali a disco montate su macchine. Il taglio del manto stradale La tecnica è applicabile su tracciati aventi generalmente un sottofondo di materiale compatto, superfici asfaltate, cementate, e si esegue normalmente in prossimità del ciglio stradale L impiego della stessa laddove siano presenti fondi con trovanti di medie dimensioni o fondi di tipo sabbioso, o ghiaioso deve essere opportunamente valutata di volta in volta.

25 Le fasi di lavorazione Indagini preliminari Taglio del manto stradale Asporto del materiale di risulta Posa di tubi e/o cavi Riempimento dello scavo Eventuale ripristino 3/15 cm 30/40 cm L esecuzione delle varie fasi può avvenire anche contemporaneamente I macchinari Le ridotte dimensioni dei macchinari permettono di: allestire aree di cantiere in spazi estremamente contenuti; impiegare la tecnica sia in ambito urbano che extraurbano; utilizzare la tecnica, oltre che su strada, anche su marciapiede o su banchina;

26 Confronto con lo scavo tradizionale fasi tempi Movimentazione materiali ogni 100 m di scavo scavo tradizionale 1. coordinamento 2. taglio pavimentazione esistente 3. disfacimento e formazione scavo 4. smaltimento del sottofondo 5. posa impianti 6. riempimento e costipamento scavi 7. ripristini provvisori 8. ripristini definitivi (dopo assestamento) ml/giorno 60 mc = peso 100 t minitrincea 1. coordinamento 2. taglio, scavo, posa impianti, riempimento e ripristino delle aree 3. smaltimento del sottofondo 4. ripristini definitivi ml/giorno 1,5 mc = peso 2,5 t Riempimento dello scavo La minitrincea classica prevede la posa in opera di un bauletto di calcestruzzo (cemento 200Kg/mc), fino a 3 cm dal piano di calpestio, opportunamente additivato per determinare una struttura simile al sottofondo esistente; conferimento di eventuale particolare colorazione, per la sua individuazione futura; completamento del riempimento con conglomerato bituminoso a granulometria fine, simile al materiale del tappetino di usura.

27 Evoluzione nel materiale di riempimento dello scavo Nel settore delle telecomunicazioni, la riduzione delle dimensioni dei materiali (tubi e cavi) ha portato a ridurre la larghezza dello scavo e, conseguentemente, a sviluppare nuovi materiali di riempimento. In particolare, si sperimentano malte a presa rapida con la caratteristica di: avere prestazioni superiori alle classiche malte; consentire di realizzare il riempimento della minitrincea fino al piano di calpestio; essere carrabili in poco tempo. Risultato finale Materiale subito dopo il riempimento Caratteristiche estetiche finali

28 I vantaggi della minitrincea Uno scavo invisibile

29 Scavi sempre più piccoli ed invisibili Realizzato direttamente con asfalto colato, senza bisogno di ripristinare l area interessata dal micro-scavo.

30 Le tecnologie associate Posa in fogna Posa in fogna Posa poco diffusa in Italia, viene utilizzata prevalentemente nel settore delle telecomunicazioni e dell energia elettrica. Negli anni sono state sviluppate varie tecniche di posizionamento e ancoraggio dei tubi o cavi nelle condotte fognarie che offrono il vantaggio di: sfruttare infrastrutture esistenti, presenti in maniera capillare in ambito urbano ed extraurbano; non effettuare scavi lungo il percorso di posa; minimizzare l impatto sull ambiente e sul traffico veicolare; risparmiare drasticamente sui costi di smantellamento e di ripristino della pavimentazione stradale (specialmente nei centri storici in presenza porfidi, marmi ecc.); eseguire in maniera rapida le opere di posa (fino a m/giorno).

31 Le diverse tecnologie di posa La posa all interno delle condotte fognarie è realizzabile con differenti metodologie: utilizzando il cielo della condotta, dove i cavi o le canalette in metallo, opportunamente predisposte per resistere all'ambiente fognario, vengono ancorate; in occasione di risanamento della condotta fognaria con tecniche di rivestimento interno, attraverso l inserimento di tubazioni tra la condotta e la calza di rivestimento; posando un particolare cavo - resistente agli agenti chimici - direttamente sul fondo della condotta; Nelle condotte non percorribili dall uomo si può ricorrere all utilizzo di robot che provvedono al fissaggio del tubo/cavo. Indagini preliminari Preliminarmente alla posa, viene esaminato il percorso e lo stato della condotta attraverso videoispezione.

32 Posa sulla volta della condotta Questo tipo di posa, impiegato prevalentemente in condotte non percorribili, avviene attraverso robot appositamente sviluppati. Verificato lo stato dell arte della condotta, qualora l esito sia positivo, si procede alla posa di tubi o direttamente di cavi armati sulla volta per mezzo di robot. Posa con risanamento della condotta La posa avviene contestualmente alle operazioni di risanamento della condotta realizzata con tecniche di rivestimento interno che prevedono l inserzione di una guaina impregnata di resina, indurita successivamente con tecniche di polimerizzazione ad acqua calda, raggi ultravioletti o vapore.

33 Posa sul fondo della condotta Posa di un cavo in fibra ottica particolarmente adatto all ambiente aggressivo delle condotte fognarie e sufficientemente pesante per garantire stabilità sul fondo della condotta, con assenza di oscillazioni, ondeggiamenti e quindi di possibile intralcio al normale flusso fognario. Ridotto diametro esterno (16-30 mm), alta potenzialità del cavo (fino a 432 fibre ottiche) e raggio di curvatura ridotto. FASE 1 Sfruttando il flusso della corrente, viene inserito nella condotta un cordino di nylon legato ad un galleggiante. In assenza di un idoneo flusso di corrente la posa del cordino viene eseguita con l utilizzo di una sonda in vetroresina. In entrambi i casi l operazione è generalmente eseguita dalla superficie e non necessita di discesa del personale all interno della condotta.

34 FASE 2 Dalla postazione A si procede al recupero manuale del cordino con contemporanea installazione della fune dell argano. Eventuali deviazioni ad angolo retto della condotta, potranno essere superate installando dei ruotismi con discesa di personale, opportunamente protetto, all interno della condotta. FASE 3 Dalla postazione B si procede al riavvolgimento della fune d argano con contemporanea installazione nella condotta del cavo. Al cavo viene applicata una normale calza d acciaio adatta per la trazione inserendo tra la fune e la calza un giunto a snodo in modo da evitare torsioni sul cavo stesso.

35 Giunzione del cavo La giunzione del cavo viene eseguita in un pozzetto esterno, realizzato in prossimità del torrino della condotta fognaria e collegato a questo con un tubo, opportunamente sigillato per evitare ostruzioni all interno del tubo stesso o del pozzetto. Pozzetto tlc Tubazione di raccordo Giunto cavo f.o. Torrino Piastra di bloccaggio Collettore fognario Cameretta Posa di un infrastruttura sul fondo della condotta Infrastruttura composta da minitubi (3 o 5) con una potenzialità totale fino a 564 fibre ottiche; raggio di curvatura ridotto e flessibilità elevata.

36 Riutilizzo o sfruttamento di infrastrutture esistenti Tante tipologie di tecniche Installazione di nuove condotte con diametro inferiore a quello della condotta esistente Slip-lining Compact Pipe/ U-liner Roll down (o swagelining) Subline Slim liner Risanamento di condotte esistente con sistemi a guaina, resine e cemento Pipe coating Cement Mortar Lining Cured in place pipe Installazione di nuove condotte con diametro superiore a quello della condotta esistente Pipe bursting Pipe splitting

37 Nuove condotte con diametro inferiore Close fit-lining Nome Diametri Descrizione della tecnica di risanamento Slip-lining mm Inserimento di una condotta di dimensione inferiore Compact Pipe U-liner fino a mm Inserimento di una condotta ridotta (C) nelle dimensioni in fabbrica e riportata a misura con processo controllato in temperatura Roll down fino a 500 mm Inserimento di una condotta ridotta nelle dimensioni in fabbrica e riportata a misura a pressione con acqua o aria fredda Subline fino a mm Inserimento di una condotta ridotta nelle dimensioni in campo con fascettatura e riportata a misura a pressione con acqua o aria fredda Slim liner mm Inserimento di una condotta di spessore limitato, ridotta (C) nelle dimensioni in fabbrica e riportata a misura a pressione con acqua o aria fredda Nuove condotte con diametro inferiore U-liner Compact pipe Slip lining

38 Rivestimento interno con resine o cemento Queste tecniche consistono nel rivestire internamente le condotte con resine epossidiche (Pipe coating) o malta cementizia (Cement Mortar Lining) l interno della condotte esistenti per migliorarne le caratteristiche chimiche e la tenuta. Cement Mortar Line

39 Rivestimento interno con guaine: Cured in place pipe Riabilitazione di condotta da ( ) mm o manufatto, tramite retroversione di guaina in feltro impregnata da un opportuna resina termoindurente con strato esterno in materiale plastico. Una estremità viene fissata per cerchiaggio alla bocca di uscita dell estroflessore e la messa in pressione con aria provoca il rivoltamento e l avanzamento della guaina nella condotta. Rivestimento interno con guaine Per diametri di condotta da risanare superiori a 200 mm viene realizzata un incastellatura perpendicolare alla condotta da risanare e la retroversione avviene mediante l immissione di acqua all interno del sacco a corona che si viene a formare, provocando, per gravità, il rivoltamento e l avanzamento della guaina.

40 Nuove condotte con diametro superiore: Pipe bursting Sostituzione di condotta esistente in ghisa, gres, cemento o PVC, tramite: -inserzione, da un punto di partenza a uno di arrivo, di un sistema di aste azionate idraulicamente; -nella fase successiva estrazione delle aste a cui vengono fissate un utensile che frantuma la condotta esistente, a forma di ogiva che costipa i frammenti, e la nuova tubazione da inserire. Nuove condotte con diametro superiore: Pipe bursting

41 Nuove condotte con diametro superiore: Pipe splitting La tecnologia è analoga alla precedente ma consente la sostituzione di condotte esistenti costituita da materiali duttili (ghisa sferoidale, acciaio) tramite taglio della vecchia tubazione ed inserzione della nuova. Grazie per l attenzione

ITALIAN ASSOCIATION TRENCHLESS TECHNOLOGY. Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione. Paolo Trombetti FOR.

ITALIAN ASSOCIATION TRENCHLESS TECHNOLOGY. Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione. Paolo Trombetti FOR. ITALIAN ASSOCIATION FOR TRENCHLESS TECHNOLOGY Le Tecnologie Trenchless: Sostenibilità, Sicurezza e Normazione Paolo Trombetti Presidente IATT Milano 16 Giugno 2014 Indice o o o o o o Chi è IATT Le Tecnologie

Dettagli

PUGSS ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo

PUGSS ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo PUGSS Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo 1 ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Regione Lombardia - D.G. Ambiente, energia e reti D.d.G. 19 luglio

Dettagli

Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY)

Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) GT itorio PUGSS Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo 1 ALLEGATO 1 TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE (NO-DIG - TRENCHLESS TECHNOLOGY) Regione Lombardia - D.G. Ambiente, energia e reti D.d.G.

Dettagli

AMBIENTE. Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove

AMBIENTE. Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove Tecniche di posa a basso impatto ambientale AMBIENTE Lparte degli stati avrà difficoltà ad affrontare la crescente necessità di sviluppare nuove Paola Finocchi, Paolo Trombetti La fruizione dei servizi,

Dettagli

Tecnologie alternative allo scavo

Tecnologie alternative allo scavo 1 Tecnologie alternative allo scavo 1. No-dig o trenchless 2. Tecnologie per nuove installazioni di tubazioni e cavi 3. Tecnologie per la bonifica di condotte e tubazioni esistenti 4. Tecnologie per la

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia

CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO SULLE TECNOLOGIE A BASSO IMPATTO AMBIENTALE per Amministratori, Dirigenti e Tecnici Comuni della Lombardia 1 Introduzione Il rapporto tra uomo e territorio è diventato l aspetto

Dettagli

NGN. Lo sviluppo delle reti di nuova generazione costituisce una priorità del

NGN. Lo sviluppo delle reti di nuova generazione costituisce una priorità del Micro e Mini trincea: tecnologie di scavo nel rispetto ambientale NGN Lo sviluppo delle reti di nuova generazione costituisce una priorità del Paolo Trombetti sistema Paese; per consentire la posa in tempi

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche

ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0015 D.0001.0002.0030 D.0001.0002.0040 ELENCO PREZZI UNITARI PARTE I - LAVORI A) Voci comprese nel prezzario regionale delle Opere pubbliche D.0001.0001.0013 DEMOLIZIONE E ASPORTAZIONE PARZIALE

Dettagli

Ing. Antonio Di Muro Applicazione della tecnologia No-Dig per gli interventi sulle tubazioni

Ing. Antonio Di Muro Applicazione della tecnologia No-Dig per gli interventi sulle tubazioni Ing. Antonio Di Muro Il rischio di seppellimento rappresenta ancora la seconda causa di infortunio mortale nel settore delle costruzioni MAI PIU TUTTO QUESTO! 1 L evoluzione della protezione degli scavi

Dettagli

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre**

NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** NUOVE SINERGIE TRA RETI GAS ED ELETTRICHE: il riutilizzo no-dig dei gasdotti non più utilizzati testo e foto di Gianluca Riu * e Carlo Torre** foto apertura, DSC0518 Nel mese di ottobre 2006, dalla fusione

Dettagli

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO

RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO RIPARAZIONI NON DISTRUTTIVE DALL INTERNO Permettono di evitare: - Rotture della pavimentazione stradale - Scavi di qualsiasi profondità - Lesioni a sottoservizi (ENEL, Telecom, gas, ecc..) - Strade interrotte

Dettagli

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III

Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Capitolato speciale per fornitura e messa in opera di dispersori profondi per protezione catodica ed opere accessorie PARTE III Luglio 2013 rev. 0 pag. 1 di 8 Indice CAPITOLO PAGINA 1 - PREMESSA 3 2 -

Dettagli

FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E

FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E GRUPPO TELECOM ITALIA Giornata di studio Tecniche impiantistiche e tecnologie ottiche per l accesso di nuova generazione FRANCESCO CECERA OPEN ACCESS, OG.NC.E Le infrastrutture tt esterne Si tratta della

Dettagli

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE

Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE Risanamento non Distruttivo RETI FOGNARIE DESCRIZIONE Nell ambito della manutenzione e rispristino delle condutture, il sistema di lavorazione senza scavo, garantisce grandi vantaggi minimizzando costi

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

della strada a massiccia presenza delle reti di sottoservizi che caratterizza il sottosuolo dei centri

della strada a massiccia presenza delle reti di sottoservizi che caratterizza il sottosuolo dei centri ATTREZZATURE PICCOLI SCAVI Roberto Negri I chirurghi della strada VELOCITÀ, PRECISIONE, ECONOMIA. DOTI UTILI IN TUTTI I CANTIERI, SOPRATTUTTO QUANDO I DISAGI CHE QUESTI POSSONO CAUSARE SONO NOTEVOLI COME

Dettagli

Regione Sardegna. Progetto SICS2

Regione Sardegna. Progetto SICS2 Regione Sardegna Progetto SICS2 Progetto di copertura Broadband in riferimento alla Delibera n. 37/4 del 25/09/2007 e successivo Bando di Gara del 24/10/2007 Pag 1 Le dimensioni del progetto Centrali Km

Dettagli

L INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ NEL SETTORE EDILIZIO

L INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ NEL SETTORE EDILIZIO L INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ NEL SETTORE EDILIZIO COSTRUIRE IL FUTURO ROMA, 18 Novembre 2013 INNOVAZIONE TECNOLOGICA: a cura di Alessandra Graziani e Giuliana Giovannelli Centro studi Fillea Cgil INNOVAZIONE

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR I.G.R. SRL Via Adriatica n. 111/g 06135 Perugia (Italy) Ph: +39 075 7910039 Fx: +39 075 5977527 n.berardi@igrsrl.com www.igrsrl.com MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR Dott. Geol. Nicola Berardi

Dettagli

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo

ACCORDO TRA. La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo ACCORDO TRA La Provincia di Varese, rappresentata dal Assessore alla Viabilità e Trasporti Cav. Aldo Simeoni di seguito indicata come la "Provincia", E Telecom Italia S.p.A., con sede legale in Milano

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 bis Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0003 - INFRASTRUTTURE

Dettagli

Valutazione dei costi socio/ambientali delle tecniche di scavo

Valutazione dei costi socio/ambientali delle tecniche di scavo Valutazione dei costi socio/ambientali delle tecniche di scavo Luca GIACOMELLO - Telecom Italia Lab Paolo TROMBETTI - Telecom Italia LA NOSTRA RETE LIBERA IL BUSINESS PREMESSA TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali...

Sommario. Sommario. A04 Stima dei costi elementari. 1. Premessa... 2. Tubazioni di acquedotto... 3.1. Pozzi, sorgenti, captazioni superficiali... Piano di Ambito dell ATO della Provincia di Varese A04 Stima dei costi elementari A04 Stima dei costi elementari Sommario 1. Premessa... 2 2. Tubazioni di acquedotto... 3 3. Opere di acquedotto... 8 3.1.

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA

IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA IL RELINING PER GLI INTERVENTI D EMERGENZA FOGNARIA Le perdite dalle condotte per il trasporto di acque reflue in pressione determinano gravi danni all ambiente e richiedono una grande rapidità di intervento.

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica per Infratel NT-1

NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica per Infratel NT-1 NT1 Norma Tecnica per la costruzione di reti di telecomunicazioni in fibra ottica 21/12/2011 II-DON-756 4.0 NT-1 NORMA TECNICA PER LA COSTRUZIONE DI RETI DI TELECOMUNICAZIONI IN FIBRA OTTICA PER INFRATEL

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario.

Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Professione Ecologia; non solo un concetto per Blueco, ma un vero impegno prioritario. Blueco è da molti anni leader in Piemonte nel settore trasporto e smaltimento rifiuti, offrendo un servizio altamente

Dettagli

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico

Geonap. Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE. Manuale Tecnico Geonap Geomembrane in polietilene ad alta densità HDPE Manuale Tecnico Edizione settembre 2009 Indice 1. Disposizioni generali 2 2. Descrizione del prodotto 3 3. Dimensionamento della protezione della

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA

APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA APPLICAZIONI DEL DIRECTIONAL DRILLING NEI LAVORI DI DRENAGGIO DI VERSANTI IN FRANA Do ott. Geol. Mar co Capaccetta Gr ugliasco ( Tor ino) 7 apr ile 2006 Abstract Introduzione L utilizzo di tecniche di

Dettagli

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E

P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E P R O G E T T O D I R I S O L U Z I O N E D E L L E I N T E R F E R E N Z E La presente relazione si riferisce al progetto dell intervento pubblico in attuazione Programmi Urbani Complessi - PUC2 Sistemazione

Dettagli

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344.

A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale lavori a base d'asta 1.344. RETI FOGNARIE VALMORBIA - DOSSO - ZOCCHIO: 1 S TRALCIO QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1) - Soggetti ad offerta 1.293.800,79 A2) - Oneri per la sicurezza NON soggetti ad offerta 50.311,45 Totale

Dettagli

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI

AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI AGGREGATI DIRICICLO E POSSIBILI UTILIZZI (DM 203/2003 CIRC. N 5205/05) IMPIANTO DI PRODUZIONE : Via Rinaldi n 101 Località Cavazzoli Reggio Emilia D.M. n 203/2003 Impone alle Pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Bonifiche Ambientali S.r.l.

Bonifiche Ambientali S.r.l. Bonifiche Ambientali S.r.l. Sede : Via Tiberina 281 00188 Roma Uff. Tec. : Via U. Fracchia 19-00137 Roma P.Iva 06716961005 Iscr. Albo Gestori Ambientali n. RM/001281 I NOSTRI SERVIZI Ufficio Tecnico interno

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA

ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA ELENCO PREZZI PER LA REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI TRATTE DI RETE IN FIBRA OTTICA Pagina 1 di 78 INDICE 1 SCOPO... 3 2 APPLICAZIONE... 3 3 GENERALITA SUI COMPENSI... 3 4 PROGETTAZIONE... 3 4.1 PROGETTAZIONE

Dettagli

F.LLI TENERINI SERGIO & ALVARO S.r.l.

F.LLI TENERINI SERGIO & ALVARO S.r.l. F.LLI TENERINI SERGIO & ALVARO S.r.l. GASDOTTI ACQUEDOTTI ANTINCENDIO - FOGNATURE SPINGITUBO TRIVELLAZIONI ORIZZONTALI DRENAGGI AGRICOLI Strada Est. Vic. dei Molinelli S.Angelo di Celle 06053 DERUTA (PG)

Dettagli

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.

Comune di BERBENNO DI VALTELLINA. Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N. Comune di BERBENNO DI VALTELLINA Provincia di Sondrio CALCOLO DELL'INDENNIZZO DOVUTO AL GESTORE DEL SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS - REVISIONE N.1 Data, Marzo 2014 ALLEGATO A CONSISTENZA 1. CABINE DI DECOMPRESSIONE

Dettagli

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione " Loc. Ciapanella

ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI. Lottizzazione  Loc. Ciapanella AOL TS / ADO TOS-SUD Titolo elaborato: ELABORATO PROGETTUALE DELLE INFRASTRUTTURE PER I SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONI nome lottizzazione: Lottizzazione " Loc. Ciapanella CODICE DOCUMENTO NOME FILE PNL011332

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807

IMEC SNC www.imec-risanamenti.it info@imec.tv tel. 0422 433807 ISPEZIONI FOGNATURE E VIDEOISPEZIONE TUBAZIONI Serietà Competenza Professionalità IMEC L ispezione televisiva è uno strumento di grande entità per il monitoraggio delle reti fognarie, condotte, canali

Dettagli

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere

Barre autoperforanti ed accessori, modalita di esecuzione, campi di impiego, problemi esecutivi e controlli in cantiere Incontro sul tema Autoperforanti: una tecnologia in evoluzione 7 Ottobre, 2010 Barre ed accessori, modalita di, campi di, problemi esecutivi e Con la collaborazione di: Con il patrocinio Dell Istittuto

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

Acqua 2.0 Innovazione tecnologica. Obiettivo Irrinunciabile Processo di sviluppo per le società di gestione

Acqua 2.0 Innovazione tecnologica. Obiettivo Irrinunciabile Processo di sviluppo per le società di gestione Acqua 2.0 Innovazione tecnologica. Obiettivo Irrinunciabile Processo di sviluppo per le società di gestione Stefano Cetti Direttore Generale MM S.p.a. MM: Storia ed Attività Il Comune di Milano affida

Dettagli

INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA SCAVO A CIELO APERTO (NO-DIG) Renzo CHIRULLI

INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA SCAVO A CIELO APERTO (NO-DIG) Renzo CHIRULLI R. CHIRULLI Installazione e risanamento di grandi collettori fognari mediante tecniche senza scavo a cielo aperto (no-dig) INSTALLAZIONE E RISANAMENTO DI GRANDI COLLETTORI FOGNARI MEDIANTE TECNICHE SENZA

Dettagli

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP

PALI CON COSTIPAMENTO LATERALE FDP Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) OGGETTO: RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana, lì 25/01/2012 Redatto Firme Intersonda srl INDICE 1. PALO CON COSTIPAMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

PREVENTIVO DEI COSTI

PREVENTIVO DEI COSTI PREVENTIVO DEI COSTI Ai sensi dell art. 30 della Legge Urbanistica 1150/42 e successive modificazioni ed integrazioni i Piani Particolareggiati sono corredati di una Relazione sulle previsioni di massima

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI.

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. \\PC\Domus_p2\CIACCOLINI\PA_CERQUETO\P_ATT\DOCUM\RELAZ_URBAN.docx Piano Attuativo COMUNE DI TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA COMPARTO IN STRADA DEL CERQUETO - TERNI. Proprietà Leonori Mauro

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria

Computo Metrico Estimativo Rete Fognaria Rete Fognaria Pag. 1 LAVORI A MISURA 4 E01.010) RINTERRI Rinterro con materiale di risulta proveniente da scavo, compreso l'avvicinamento dei [...] il costipamento prescritto. Compreso ogni onere per rete

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quater Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0009 - IMPIANTI

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Scheda tecnica preparazione e posa pareti prefabbricate piscina interrata 8x4 a fagiolo

Scheda tecnica preparazione e posa pareti prefabbricate piscina interrata 8x4 a fagiolo Scheda tecnica preparazione e posa pareti prefabbricate piscina interrata 8x4 a fagiolo Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 20,51 Superficie specchio

Dettagli

TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA. 03 Ottobre 2008

TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA. 03 Ottobre 2008 TECNICHE DI PERFORAZIONE NELLA GEOTERMIA 03 Ottobre 2008 COS E LA GEOTERMIA L energia geotermica è il calore contenuto all interno della terra L espressione energia geotermica è impiegata per indicare

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Il RISCHIO NEGLI SCAVI E NELLE DEMOLIZIONI

Il RISCHIO NEGLI SCAVI E NELLE DEMOLIZIONI Il RISCHIO NEGLI SCAVI E NELLE DEMOLIZIONI DEMOLIZIONI TITOLO IV CAPO II SEZIONE VIII DEMOLIZIONI N 7 articoli (da art. 150 a art. 156) DEMOLIZIONI Articolo 150; Rafforzamento delle strutture 1. Prima

Dettagli

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque

SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO. drainpanel. soluzione innovativa per la gestione delle acque SISTEMA MODULARE PER LA REALIZZAZIONE DI BACINI DI ACCUMULO E DI DRENAGGIO drainpanel soluzione innovativa per la gestione delle acque ALTA CAPACITÀ DRENANTE RESISTENTE SOVRAPPONIBILE w w w. g e o p l

Dettagli

Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012 Allegato 1 - comma s

Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012 Allegato 1 - comma s Comune di Limone Piemonte Provincia di Cuneo Regione Piemonte PROGETTO: Impianto idroelettrico SUL TORRENTE VERMENAGNA Documentazione Autorizzazione Unica Elaborato richiesto da D.LGS 387/2003 D.G.R. n.5-3314/2012

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI

COMUNE DI LUSCIANO ANALISI NUOVI PREZZI COMUNE DI LUSCIANO (Provincia di Caserta) Progetto esecutivo dei lavori di: COMPLETAMENTO ED ADEGUAMENTO DELLE RETE FOGNARIA Stralcio 1 LOTTO. ANALISI NUOVI PREZZI 1 Premessa Il computo metrico estimativo

Dettagli

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico "U. Foscolo"

Allegato B - Lavorazioni e sorgenti di rischio Plesso scolastico U. Foscolo ALLESTIMENTO E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE Realizzazione della recinzione di cantiere e relativi accessi; utilizzo di reti e/o pannelli in metallo e/o tavole in legno Uso della mazza Uso di rete, pannelli

Dettagli

CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. 321 mc * 5,31 euro (costo urb. primaria per sostituzione edilizia) = 1704,51 EURO

CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA. 321 mc * 5,31 euro (costo urb. primaria per sostituzione edilizia) = 1704,51 EURO CALCOLO ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA Edificio A stato modificato: Superficie Piano Terra = 53,46 mq Superficie Piano Primo = 53,46 mq Volume edificio = (53,46 mq + 53,46 mq) * 3 m = 321,00

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO

Comune di VERRONE Provincia di BIELLA COMPUTO METRICO Comune di VERRONE Provincia di BIELLA pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: STIMA SOMMARIA DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE computo metrico estimativo, STRADA PRGC. Prezzi dedotti dal Prezziario della

Dettagli

Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09.

Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09. Cantieri temporanei e mobili -Gestione rifiuti e sottoprodotti: possibilità pratiche di gestione dei rifiuti di cantiere Ravenna, 29.09.12 Fare i Conti con l ambiente rifiuti-acqua-energia workshop H 300

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP

LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP LA RIABILITAZIONE DI CONDOTTE FOGNARIE MEDIANTE UV-CIPP Dr. Ing. Renzo Chirulli 1. INTRODUZIONE La riabilitazione mediante tubi reticolati in sito è una delle tecnologie di relining no-dig certamente più

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMUNE DI URBINO Lavori di: ASFALTATURA STRADE URBANE ED EXTRAURBANE Impresa: COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Il Progettista: Computo: Descrizione: STRADE ASFALTATURA STRADE URBANE ED EXTRAURBANE Capitolo:

Dettagli

RAPOLANO-SINALUNGA-TORRITA DI SIENA- CHIANCIANO E DERIVAZIONE CASTELNUOVO BERARDENGA

RAPOLANO-SINALUNGA-TORRITA DI SIENA- CHIANCIANO E DERIVAZIONE CASTELNUOVO BERARDENGA Sede Legale: Strada di Basciano- Villa Parigini 53035 Monteriggioni (SI) Sede Operativa: Strada di Busseto, 18/b 53100 Siena Tel.0577 227411 Fax.0577 227525 ALLEGATO A ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE D

Dettagli

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies

Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 quinquies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0012 - RESTAURO..............................................

Dettagli

SCAVI e MOVIMENTO TERRA

SCAVI e MOVIMENTO TERRA SCAVI e MOVIMENTO TERRA Il quadro normativo D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 -art. 118 Splateamento e sbancamento -art. 119 Pozzi, scavi e cunicoli -art. 120 Deposito di materiali in prossimità degli scavi

Dettagli

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO

Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse. Computo metrico estimativo COMUNE DI VEDELAGO COMUNE DI VEDELAGO SETTORE LAVORI PUBBLICI 1078-2015 Lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza di strade comunali diverse Computo metrico estimativo 30 ottobre 2015 Il progettista geom.

Dettagli

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00

PREZZO DI APPLICAZIONE mc 3,00 01 Oneri di discarica per materiali da demolizione, esclusi i tossico-nocivi. - Prezzo di mercato per scarico a discarica di materiali da demolizione edile: si considera che 1 mc equivale a circa 1,6 t

Dettagli

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

Condotte come nuove: il relining con i tubi h

Condotte come nuove: il relining con i tubi h h Tubi per relining 2 Condotte come nuove: il relining con i tubi h Risanare è meglio che riparare Quando le condizioni di una vecchia condotta non consentono più di mantenerne l esercizio operando esclusivamente

Dettagli

Capitolato Speciale d Appalto: Norme Tecniche

Capitolato Speciale d Appalto: Norme Tecniche Allegato D Capitolato Speciale d Appalto: Norme Tecniche ACCORDO QUADRO PER LA MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA SU INFRASTRUTTURA IN FIBRA OTTICA FACENTI PARTE DELLA RETE ERMES PER 36 MESI Gara Pag.2

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3

STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN16 TUBI CORRUGATI IN PP AD ALTO MODULO PER SISTEMI DI CANALIZZAZIONI INTERRATE DIAMETRO INTERNO (DN/ID) a norma UNI EN 13476-3 STABIL TWIN ECO SN 16 TWIN ECO SN 16 è il nuovo tubo corrugato

Dettagli

Prezzario Regionale - "Edizione 2011"

Prezzario Regionale - Edizione 2011 DIREZIONE LAVORI PUBBLICI, CICLO IDRICO INTEGRATO E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Servizio Tecnico Regionale dei LL.PP. Prezzario Regionale - "Edizione 2011" Categoria E 1. SOTTOFONDAZIONI, PALI E DIAFRAMMI

Dettagli

Un. Misura quantità. Prezzo un. Parziale Totale. n. elenco Descrizione

Un. Misura quantità. Prezzo un. Parziale Totale. n. elenco Descrizione SCAVI, RIPORTI, OPERE DI CONSOLIDAMENTO E CONTENIMENTO 1 Scavo di sbancamento a sezione libera in terreno di qualsiasi natura e consistenza e per profondità, il tutto per eseguire cassonetto stradale,

Dettagli