Massimo Amato Università Bocconi L annosa questione degli squilibri economici internazionali, il piano Keynes e l UEP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Massimo Amato Università Bocconi L annosa questione degli squilibri economici internazionali, il piano Keynes e l UEP"

Transcript

1 Massimo Amato Università Bocconi L annosa questione degli squilibri economici internazionali, il piano Keynes e l UEP Vorrei provare a prendere sul serio il titolo della mia comunicazione, che a dire il vero mi sono ritrovato come titolo definitivo a causa di una certa pigrizia esistenziale che mi contraddistingue ultimamente. Ma forse non tutti i mali vengono per nuocere. Voglio dunque partire dall aggettivo che qualifica nel titolo la questione degli squilibri internazionali. Perché si tratta di una questione annosa, dunque di una questione su cui sembrerebbe che la conoscenza storica possa dare lumi? C è qualcosa, lo squilibrio internazionale, che si trascina negli anni, se non nei secoli. E forse si trascina non perché si tratterebbe di una situazione di fatto, difficilmente risolvibile. Si tratta piuttosto di un problema la cui soluzione non si trova non tanto perché non si dia, ma perché una pigrizia concettuale ci impedisce di cercarla. Se non addirittura di porre adeguatamente il problema. Di porlo, cioè, in termini di principi di funzionamento e di architetture monetarie. Con Fantacci mi è capitato di scrivere una storia del sistema finanziario internazionale, in cui ci è apparso con una certa chiarezza che, da quando esistono i mercati finanziari, gli squilibri internazionali non sono mai stati davvero affrontati per essere risolti, ma al massimo per essere gestiti. Questo fin dai tempi del Gold standard. Gli storici più autorevoli di questo sistema, a partire da De Cecco, hanno sempre fatto osservare il Gold standard si caratterizza per una profonda divergenza fra la sua teoria e la sua pratica. A proposito di pigrizia concettuale In estrema sintesi: mentre la teoria del Gold standard (Ricardo in primis) afferma che il meccanismo stesso di funzionamento del Gold standard produce, senza interventi politici, un riassorbimento degli squilibri, in sostanza grazie al meccanismo humiano del price species flow (un meccanismo in cui l onere di aggiustamento è simmetrico fra paesi in surplus e paesi in deficit), la pratica, quale la registrano gli storici, è piuttosto quella di un tendenziale posponimento del pagamento dei debiti mediante il finanziamento dei deficit, reso sostanzialmente possibile da meccanismi di leva finanziaria. La cosa si spiega al fondo per la natura stessa dei meccanismi di aggiustamento automatico previsti da quel sistema monetario internazionale: da una parte sempre più politicamente impraticabili e socialmente pericolosi (il riaggiustamento per via di deflazione), dall altra sempre più facilmente aggirabili a misura che il sistema finanziario sviluppa le sue innovazioni, fondate essenzialmente su un costante approfondimento degli effetti di leva (fino alla possibilità di finanziare posizioni debitorie subprime) Resta il fatto che per come funziona, a leva finanziaria presuppone non solo la possibilità di finanziare i deficit, finché le aspettative sono positive, ma anche, in caso di inversione delle aspettative, un addossamento dell eventuale onere di aggiustamento sui soli debitori. Questo è quello che Fantacci ed io chiamiamo nel nostro libro il principio della liquidità. Secondo questo principio la moneta è costruita come un asset che i creditori possono accumulare indefinitamente senza costi e che proprio per questo frutta una rendita. L alternativa sempre disponibile fra rifinanziare i debitori e tesaurizzare moneta mette i creditori nelle posizione di pretendere e ottenere un premio di liquidità, ossia una rendita. Finché vige questo principio monetario, ogni liberoscambismo commerciale, anche quello più estremo, nasconde in filigrana un atteggiamento mercantilistico, espresso dalla dissimmetria fra le posizioni di surplus, auspicabili e ricercate, se non addirittura giudicate virtuose, e le posizioni di deficit, evitate e politicamente pericolose, oltre che moralmente riprovevoli. 1

2 Storicamente, gli effetti sul commercio internazionale dei sistemi basati sulla liquidità sono sempre, prima o poi, effetti drammatici: il dolce commercio, che essi sembrano poter sostenere indefinitamente e automaticamente, alimenta e accumula in verità motivi di contrasto: guerre commerciali e spesso semplicemente guerre. Keynes parla di tutto ciò nel capitolo 24 della General Theory, e parla della necessità di concepire il sistema del commercio internazionale in modo tale possa realmente avere una funzione pacificatrice. Cito: [qualora il quadro istituzionale della moneta fosse adeguatamente mutato secondo gli auspici della GT], sarebbero sempre possibili la divisione internazionale del lavoro e i prestiti internazionali, in adatte condizioni [cioè come investimenti diretti all estero N.d.R.]. Ma non esisterebbe più un motivo urgente perché un paese si trovi costretto a svendere le sue merci in un altro o a respingere le offerte del vicino, non perché ciò fosse necessario a metterlo in grado di pagare ciò che esso desiderasse acquistare, ma con lo scopo esplicito di sconvolgere l equilibrio dei pagamenti in modo da sviluppare una bilancia commerciale a proprio favore. Il commercio internazionale cesserebbe di essere quello che è attualmente, un espediente disperato per preservare l occupazione interna forzando vendite di merci sui mercati stranieri e restringendo gli acquisti, [ ] ma sarebbe uno scambio volontario e senza impedimenti di merci e servizi in condizioni di vantaggio reciproco. Ciò che nel 1936 resta un auspicio non tematizzato teoricamente, diviene il fine esplicito di un progetto messo nero su bianco nel È il progetto della International Clearing Union. In gioco con l ICU è fin da subito un altro principio architettonico del sistema monetario, che Fantacci ed io chiamiamo principio della compensazione. Lo si può descrivere in diversi modi, ma il punto che qui mi interessa è il fatto che si tratta di un principio basato sulla simmetria dell onere di aggiustamento degli squilibri, a che a sua volta si basa sul fatto che deficit e surplus vengano considerati entrambi, simmetricamente, forme di squilibrio da riassorbire. Anche qui una citazione di Keynes vale più di molte mie parole, anche perché si tratta del controcanto alla messa in guardia della General Theory: Un paese che si trovi in posizione di creditore netto rispetto al resto del mondo dovrebbe assumersi l obbligo di disfarsi di questo credito [enter into an obligation to dispose of this credit] e non dovrebbe permettere che esso eserciti nel frattempo una pressione contrattiva sull economia mondiale e, di rimando, sull economia dello stesso paese creditore. Questi sono i grandi benefici che esso riceverebbe, insieme a tutti gli altri, da un sistema di clearing multilaterale. [ ] Non si tratta di uno schema umanitario filantropico e crocerossino, attraverso il quale i paesi ricchi vengono in soccorso ai poveri. Si tratta, piuttosto, di un meccanismo economico altamente necessario, che è utile al creditore tanto quanto al debitore. Che cosa significa per Keynes che anche il creditore abbia obblighi in ordine al raggiungimento dell equilibrio? Che alla tradizionale obbligazione del debitore, che gli impone di pagare i debiti, si aggiunge un obbligazione, simmetrica ma non uguale, del creditore a rendere pagabili i debiti altrui spendendo i crediti propri. Ogni parte in causa ha l obbligo di rientrare dal suo peculiare squilibrio. È sulla base di questo principio di simmetria che Keynes predispone il peculiare funzionamento della ICU, che riassumerei così: 2

3 1. la moneta di conto della ICU, il bancor (i norvegesi avevano proposto Demos) è una moneta internazionale nel senso che non è la moneta nazionale di nessuna nazione 2. i tassi di cambio delle monete nazionali sono fissati rispetto al bancor 3. il bancor è moneta di conto, e diviene mezzo di scambio nella forma di attivi in bancor spendibili all interno della ICU e non convertibili in oro. Il bancor non è dunque riserva di valore, o se si vuole reserve asset 4. tutti i paesi partecipanti hanno una overdraft facility proporzionale alla loro quota di mercato internazionale 5. Gli interessi sono pagati sia sulle posizioni in deficit sia sulle posizioni in surplus (Keynes chiama questa clausola esplicitamente Gesell clause ) 6. La Gesell clause stimola aggiustamenti simmetrici per quella parte degli squilibri che può legittimamente essere considera congiunturale 7. La stessa clausola, nella misura in cui non riesca nell obiettivo del riassorbimento, lascia apparire squilibri strutturali, cui si risponde con aggiustamenti simmetrici dei tassi di cambio volti a rispristinare le condizioni di competitività Il progetto di Keynes a Bretton Woods rimane sulla carta, e tutti sappiamo che ciò che esce dalla conferenza è un sistema di Gold Exchange standard fino al 71 e poi di puro Exchange standard dal 71 a oggi. Il principio della liquidità è preferito nel 1944, in nome degli interessi di breve periodo dei creditori, e dei debitori, al prezzo della rinuncia all equilibrio di lungo periodo sulla base del principio dell aggiustamento simmetrico. Non potendomi accontentare di spiegazioni del fallimento del piano Keynes che facciano leva sui rapporti di forza, ciò che mi preme sottolineare è un elemento di pigrizia concettuale se non addirittura di arroccamento dogmatico. Ciò che è rifiutato a Bretton Woods non è solo il piano, ma anche il principio su cui si basa, quello della compensazione, in nome di un altro principio, quello delle liquidità. In gioco a Bretton Woods non ci sono solo i vested interests ma anche le idee, le uniche che per Keynes presto o tardi sono pericolose sia in bene sia in male. Lo dico perché rispetto alle scelte perpetrate a Bretton Woods, la ripresa dell idea alternativa è sempre possibile. Soprattutto in condizioni in cui la maggiore solidità economica dal principio della compensazione può far breccia a causa dei danni provocati dall altro principio, anche agli stessi portatori d interessi costituiti. È il caso dell Europa alla fine della seconda guerra mondiale. Complessivamente debitrice nei confronti degli Usa e totalmente sprovvista di liquidità, e nella necessità crudele di organizzare cooperativamente la sua ripartenza, l Europa sceglie ciò che il mondo aveva rifiutato qualche anno prima. Nel 1950 è precisamente una camera di compensazione di tipo keynesiano ciò che viene messo in atto in Europa: la Unione Europe dei Pagamenti (UEP). Dal 1950 al 1958 un Europa che non riesce a innescare la ripresa per mancanza di liquidità trova uno strumento per farne a meno. La storia della UEP è una storia virtuosa: 1. è posta in essere in meno di nove mesi, ed è salutata con favore da economisti del calibro di Rueff e Triffin 2. si fonda sui principi di compensazione e di simmetria di aggiustamento, pur non utilizzando tutto lo strumentario previsto da Keynes 3. rende possibile un rilancio degli scambi intereuropei su base multilaterale, evitando la trappola della proliferazione degli accordi di scambio bilaterale 4. rende quindi possibile una ripartenza delle economie più provate, in particolare quella tedesca, e dell Europa nel suo complesso rispetto al resto del mondo 3

4 5. contribuisce grandemente alla creazione dei presupposti per un mercato comune europeo Questa è la storia recente. Che già dovrebbe fornire qualche elemento di riflessione sulla attuale situazione dell Europa, e in particolare della zona euro e dei suoi squilibri apparentemente non riassorbibili, e il cui riassorbimento è stato finora essenzialmente imposto dai creditori ai paesi debitori. Con il rischio che la prospettiva di un uscita dall euro, per quanto foriera di mali probabili risulti per alcuni preferibile a una permanenza portatrice di mali certi. In ogni caso si tratta di un Europa che non è più poi così certa della bontà delle sue istituzioni monetarie. Ma ci saranno altre comunicazioni che cercheranno di attualizzare quanto ho finora detto da una prospettiva storica. Per questo vorrei concludere non con prescrizioni ma con un apologo, preceduto da una premessa. Una delle critiche che più spesso sono state rivolte al processo di creazione dell euro è che tale processo ha preceduto un effettiva unificazione politica dell Europa. Una critica cui si risponde normalmente con un esortazione ad avere più Europa e dunque di forzare le tappe dell unificazione politica. Forse, tuttavia, il problema principale non sta in questa inversione dell ordine consueto, quanto nel modo in cui l unificazione monetaria è stata messa in atto. Potremmo dirlo così. Mentre si chiedeva alla moneta unica di rafforzare l unificazione europea, si chiedeva ai mercati finanziari di far funzionare la moneta unica, in una sorta di processo di privatizzazione della politica, in cui le banche decidono per gli stati. Ma se ora immaginassimo un sistema strutturato in modo tale che 1. banchieri privati gestiscono in economia un sistema di compensazioni multilaterali degli scambi commerciali intereuropei, utilizzando una moneta di conto intereuropea che non sia un reserve asset ma una pura unità di conto il cui cambio è fissato nelle differenti monete locali 2. Che questa moneta si chiami, poniamo, écu 3. Che la fissazione dei cambi fra écu e monete locali renda possibile sia a) la compensazione multilaterale di importazioni e esportazioni sia b) l emergenza di squilibri attivi e passivi in moneta internazionale, su base trimestrale 4. Che gli squilibri trimestrali diano origine a una ridefinizione simmetrica dei tassi di cambio, in modo che i paesi in surplus vedano la loro moneta rivalutata in termini di moneta internazionale e i paesi in deficit svalutata e questo al fine di dare agli operatori un indicazione su come riorientare i flussi di scambio nel trimestre successivo Se immaginassimo un sistema di questo tipo, non inventeremmo niente. Ci basterebbe ricordare. Tale sistema è, di fatto, esistito in Europa per più di quarant anni nel bel mezzo del Cinquecento. Era il sistema delle Fiere dei cambi di Lione. Questo sistema rese possibile una crescita equilibrata del commercio intereuropea senza doversi fondare su movimenti capitali. Il sistema finì per la concorrenza dei debiti pubblici degli stati nazionali nascenti, che in quello stesso secolo cercavano fonti di finanziamento internazionali. E la maggior redditività del finanziamento dei debiti pubblici spiazzò il finanziamento dei commerci. Gli stati nazionali crebbero in potenza, ma l economia entrò in depressione. Il secolo successivo fu un secolo di guerre e di recessione economica. L apologo a questo punto potrebbe insegnarci alcune cose. 4

5 Il primo insegnamento è innanzitutto che l alternativa fra i principi delle liquidità e della compensazione è un alternativa sempre attivabile, e non un dato di una storia evolutiva, la quale avrebbe definitivamente mostrato la maggior efficienza del principio della liquidità. Il secondo insegnamento concerne gli insegnamenti della storia. La storia insegna che niente ritorna mai nello stesso modo, anche che i problemi irrisolti continuano a interpellarci, richiedendo ogni volta soluzioni appropriate alla situazione in cui viviamo. Sembrerebbe proprio che il problema dell attuale mancata ripartenza dell economia europea sia ancora un problema di spiazzamento. Il sistema finanziario sembra ancora una volta prediligere il finanziamento dei debiti pubblici al finanziamento delle imprese. I debiti pubblici pregressi e accumulati continuano a esistere, e certo nessun colpo di bacchetta magica li può cancellare. Vanno dunque finanziati e al contempo ridotti. Ciò a cui però si può pensare è di affiancare agli strumenti utilizzati a questo fine dai mercati finanziari altri strumenti che non li neghino ma che al contempo rispondano a una logica differente e a scopi diversi. Il fatto che il predecessore dell euro fosse l ECU, ossia una pura unità di conto, potrebbe fornirci qualche spunto interessante, anche per affrontare i problemi segnalati da T2 e la proposta di T3 come soluzione non antagonistica ma complementare dei problemi degli squilibri della zona euro. I quali rischiano, anch essi, di diventare fin troppo annosi. 5

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI 1. I PAGAMENTI INTERNAZIONALI

CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI 1. I PAGAMENTI INTERNAZIONALI CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI Sommario: 1. I pagamenti internazionali. - 2. La bilancia dei pagamenti internazionali. - 3. Le sezioni della bilancia dei pagamenti. - 4. I

Dettagli

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale

Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 8: Il dibattito tra protezionismo e libero scambio: Organizzazione del commercio estero e la banca mondiale Facoltà

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di T2

La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di T2 La crisi europea come crisi di bilancia dei pagamenti: il ruolo di T2 Andrea Papetti 29 gennaio 2014 Oggi risulta chiaro che la crisi dell eurozona è una crisi di bilancia dei pagamenti. Cioè risulta chiaro

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky

Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Capitalismo Finanziario e Teoria degli investimenti secondo H.P.Minsky Alessandro Brusadelli, Giacomo Andreoletti Introduzione Obiettivo: Dimostrare che contesti che implicano l uso di razionalità procedurale

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale

Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Fa fede il discorso orale Conferenza stampa del 5 settembre 2011 Barometro bancario, too big to fail e vigilanza macroprudenziale Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Gentili

Dettagli

KEYNES E IL MODELLO IS-LM

KEYNES E IL MODELLO IS-LM Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 KEYNES E IL MODELLO IS-LM Fabio

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa

ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa ALBERTO BAGNAI Ce lo chiede l europa https://www.youtube.com/watch?v=gehzmldt-fe Trascrizione a cura di Francesca De Munari [ 00:00-00:44 ] Alberto Bagnai, professore di politica economica all università

Dettagli

» 1 1. Premessa 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7. Parte prima Economia internazionale e globalizzazione

» 1 1. Premessa 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7. Parte prima Economia internazionale e globalizzazione Indice Indice figure, tabelle, schede e box pag. XIII Introduzione» 1 1. Premessa» 1 2. Il punto di vista degli autori» 2 3. L organizzazione del volume» 7 Parte prima Economia internazionale e globalizzazione

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX

15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX 15^ Congresso AIAF ASSICOM ATIC FOREX Milano, 21 febbraio 2009 Alessandro Profumo CEO UniCredit Group Relazione Introduttiva In questi ultimi anni il sistema finanziario internazionale è stato caratterizzato

Dettagli

Lezione del Ministro Renato Brunetta alla Tongji University. (Shanghai, 21 aprile 2011)

Lezione del Ministro Renato Brunetta alla Tongji University. (Shanghai, 21 aprile 2011) Lezione del Ministro Renato Brunetta alla Tongji University (Shanghai, 21 aprile 2011) Valute, debiti e squilibri commerciali: i tre nodi di un accordo globale Dopo quasi tre anni dall inizio della crisi

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico.

Introduzione. La parte introduttiva affronta gli obiettivi della funzione finanza dal punto di vista teorico. Introduzione L aspetto finanziario della gestione aziendale riveste un ruolo strategico nella conduzione della moderna impresa ed è argomento di rilevante interesse anche dal punto di vista scolastico.

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50.

Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Analisi andamento del mercato dell'oro Oro da un minimo di 1620 a 2200 dollari oncia nei prossimi 24 mesi, argento da 36 dollari oncia a 50. Non e un caso che l oro si sia rivalutato del 408% in $ del

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Messaggio concernente la proroga della partecipazione della Svizzera agli Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale

Messaggio concernente la proroga della partecipazione della Svizzera agli Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale 02.085 Messaggio concernente la proroga della partecipazione della Svizzera agli Accordi generali di credito del Fondo monetario internazionale del 20 novembre 2002 Onorevoli presidenti e consiglieri,

Dettagli

Economia dell integrazione monetaria

Economia dell integrazione monetaria Economia dell integrazione monetaria [basata, in parte, su M. Scoppola, Economia dell Integrazione Europea, Università di Macerata, Facoltà di Scienze Politiche, Materiale didattico, a.a. 2006/07] [Testo

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 52 i dossier www.freefoundation.com LEZIONI AMERICANE PER MONTI 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il presidente della Federal Reserve, la banca centrale americana, Ben Bernanke

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CONSULENZA FINANZIARIA DI FAB SRL NEL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE PMI IN PARTICOLARE Dott. Bernardino Bottalico Corporate Finance Manager www.fabfinance.eu info@fabfinance.eu +39 080 4421007 PREMESSA

Dettagli

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO

LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO LA CONSULENZA PER IL RECUPERO STRAGIUDIZIALE DEL CREDITO di Stefano Inverardi (Responsabile Divisione Tutela Credito di SESVIL srl) E indubbio che la crisi economica ha avuto effetti anche e soprattutto

Dettagli

STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione

STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione BANCA CENTRALE EUROPEA STANDARD DI SORVEGLIANZA PER SISTEMI DI PAGAMENTO AL DETTAGLIO IN EURO Risposte ai commenti pervenuti nel quadro della procedura di consultazione L 8 luglio 2002 l Eurosistema ha

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp.

Finanza Aziendale Internazionale I. Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica. Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. Finanza Aziendale Internazionale I Il sistema monetario internazionale: evoluzione storica Letture di riferimento: P. De Grauwe, Capp. 3 e 5 A) Il sistema monetario internazionale e la finanza aziendale

Dettagli

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi

Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Va inoltre considerato il mercato dei cambi LE ECONOMIE APERTE Come cambiano i mercati tiin economia aperta? Quando l economia è aperta si hanno effetti sul: -mercato dei beni e dei fattori produttivi -mercato delle attività finanziarie. Va inoltre

Dettagli

La fondazione di un sistema finanziario globale cooperativo. Una nuova Bretton Woods per affrontare la crisi del ruolo internazionale del dollaro.

La fondazione di un sistema finanziario globale cooperativo. Una nuova Bretton Woods per affrontare la crisi del ruolo internazionale del dollaro. Alfonso Iozzo Antonio Mosconi La fondazione di un sistema finanziario globale cooperativo. Una nuova Bretton Woods per affrontare la crisi del ruolo internazionale del dollaro. La crisi del ruolo internazionale

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA. Andrea Casadei Della Chiesa

PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA. Andrea Casadei Della Chiesa PUNTI DI CRITICITÀ NEI CONTRATTI DI AFFITTO DI AZIENDA Andrea Casadei Della Chiesa Milano Marittima, 12 dicembre 2009 1 Bozza non corretta Nel lavoro di tutti i giorni, sono spesso chiamato ad occuparmi

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA

COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA COACHING E IMPLEMENTAZIONE ORGANIZZATIVA Perché affrontare questo tema? Il motivo risiede nella considerazione che la progettazione organizzativa, ma soprattutto la sua corretta attuazione, siano una delle

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03

Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Audizioni periodiche e speciali dell Autorità per l energia elettrica e il gas ai sensi della deliberazione n. 33/03 Intervento del Direttore Energy Management di Tirreno Power Ugo Mattoni Roma, 17 luglio

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita

Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Fa fede la versione orale Conferenza stampa del 3 settembre 2013 Claude-Alain Margelisch, CEO, Associazione svizzera dei banchieri Accesso al mercato: un caposaldo della strategia di crescita Gentili signore,

Dettagli

L obiettivo della normazione tecnica e della certificazione è migliorare la qualità della vita

L obiettivo della normazione tecnica e della certificazione è migliorare la qualità della vita L obiettivo della normazione tecnica e della certificazione è migliorare la qualità della vita di Stefano Bonetto (Client manager Audit in Italy) L obiettivo della normazione è migliorare la qualità della

Dettagli

La finanza pubblica ed il debito pubblico

La finanza pubblica ed il debito pubblico Corso di Economia finanziaria La finanza pubblica ed il debito pubblico Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 Il bilancio dello Stato Il bilancio dello Stato può essere: di previsione o consuntivo; di

Dettagli

Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n.

Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n. www.bollettinoadapt.it, 12 luglio 2013 Le co.co.pro. nelle Organizzazioni aventi finalità socio/assistenziali e sanitarie dopo la Circolare del Ministero del lavoro n. 7/2013 di Valeria Filippo Come noto,

Dettagli

A proposito di qualità del software didattico

A proposito di qualità del software didattico A proposito di qualità del software didattico Il software va visto nel contesto d uso e va valutato sulla base dell efficacia didattica e dell integrabilità del diversi percorsi educativi Michela Ott ITD-CNR,

Dettagli

UNA CITTA'mensile di interviste

UNA CITTA'mensile di interviste libertarismo, cooperativismo, cosmopolitismo UNA CITTA'mensile di interviste back home-page Invia e-mail invia a UNA CITTÀ n. 139 / maggio 2006 MASSIMO AMATO E LUCA FANTACCI. LA MONETA, LA MERCE, IL LAVORO

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010

Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Lezione inaugurale dell anno accademico 2010-2011 La repubblica europea Stefan Collignon 4. Dicembre 2010 Autorità, colleghe e colleghi, studentesse e studenti, signore e signori, Vorrei in primo luogo

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA

L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA L ISTITUTO DELL AFFIDAMENTO AL SERVIZIO SOCIALE. ESPERIENZE E RAPPRESENTAZIONI DEGLI ATTORI UNA RIFLESSIONE DALL ESPERIENZA TOSCANA DONATA BIANCHI, SILVIA MAMMINI, ROSA DI GIOIA ...FINALITÀ verificare

Dettagli

Nessuna «catena d oro» per la nostra Banca nazionale

Nessuna «catena d oro» per la nostra Banca nazionale Nessuna «catena d oro» per la nostra Banca nazionale dossierpolitica 1. settembre 2014 Numero 5 Iniziativa sull oro Il 0 novembre 2014 il popolo dovrà pronunciarsi sull iniziativa popolare «Salvate l oro

Dettagli

Senato della Repubblica VI Commissione (Finanze e Tesoro) Problematiche afferenti alle commissioni di massimo scoperto

Senato della Repubblica VI Commissione (Finanze e Tesoro) Problematiche afferenti alle commissioni di massimo scoperto Senato della Repubblica VI Commissione (Finanze e Tesoro) Problematiche afferenti alle commissioni di massimo scoperto Audizione del Presidente dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Pres.

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000

Per esempio, se il tasso di interesse è il 10%, il punto A sarebbe: A = 60 000 + [ 50 000 x (1 + 0.1)] = 60 000 + 55 000 = 115 000 Appendice 4A Valore attuale netto: principi-base di finanza In questa appendice illustriamo i fondamenti teorici del valore attuale netto. Prima spieghiamo come vengono effettuate le scelte individuali

Dettagli

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo

Banca centrale europea. a cura di G.Garofalo Banca centrale europea a cura di G.Garofalo Tanti acronimi, un unica Banca BCE [Francia, Spagna, Irlanda, Italia, Portogallo, Malta] ECB [Inghilterra, Danimarca, Olanda, Svezia, Slovenia, Slovacchia] EZB

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO

1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO Capitolo I 11 1 LA RAPPRESENTAZIONE DEGLI SCAMBI IN UN ECONOMIA DI BARATTO I fenomeni macroeconomici si manifestano attraverso grandezze monetarie, registrate in appositi schemi contabili il cui insieme

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

Cambi fissi, flessibili e sovranità monetaria

Cambi fissi, flessibili e sovranità monetaria Claudio Sardoni, L. Randall Wray Università di Roma La Sapienza University of Missouri Kansas City Cambi fissi, flessibili e sovranità monetaria Levy Institute Gennaio 2007 Working Paper n 489 Tutti i

Dettagli