- Di modificare l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 come di seguito specificato:

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Di modificare l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 come di seguito specificato:"

Transcript

1 Oggetto: Modifiche alla disciplina degli orari di esercizio delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande ed attività assimilate I L S I N D A C O - Dato atto che, allo stato attuale, le ordinanze che disciplinano gli orari delle attività economiche attualmente in vigore non risultano più conformi, stanti gli intervenuti mutamenti legislativi, alle normative statali e regionali di riferimento e che, pertanto, si rende necessario un adeguamento della normativa comunale in materia; - Visti i risultati degli incontri di concertazione fra amministrazione comunale e parti sociali tenutesi in data 30 dicembre 2011, 12, 18 e 23 gennaio 2012; - Sentite le organizzazioni di categoria delle imprese del commercio, dei lavoratori dipendenti, delle associazioni dei consumatori e delle parti sociali interessate; - Viste le osservazioni presentate dalle imprenditoriali dei settori interessati, dei lavoratori e dei consumatori in merito alle proposte dell Amministrazione, agli atti dell Ufficio; - Vista l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 con le modifiche apportate dalle ordinanze n. 73 del 14 novembre 2008, n. 93 del 31 dicembre 2008 e 98 del 3 novembre 2010; - Vista la legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28, così come modificata dalla L.R. 27 dicembre 2011, n. 66; - Visto il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 recante Disposizioni urgenti per la crescita, l equità e il consolidamento dei conti pubblici, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214; - Vista la delibera della Giunta regionale n. 1 del 02/01/2012 con la quale viene approvata la circolare in ordine ai rapporti tra il decreto legge 6 dicembre 2011, n. 211, recante disposizioni urgenti per la crescita, l equità e il consolidamento dei conti pubblici convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e la legge regionale 7 febbraio 2005, n. 28, come modificata dalla legge regionale 27 dicembre 2011, n. 66, che specifica: [..]la competenza in materia di orari e delle aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali rientra, ai sensi dell art. 117, comma 4 della Costituzione, tra le competenze esclusive regionali [..] e che [..] in Toscana, in materia di orari degli esercizi di vendita in sede fissa e di somministrazione, trovano applicazione le disposizioni previste dagli articoli 80 e 81 della legge regionale n. 28/2005, come modificati dagli articoli 88 e 89 della legge regionale n. 66/2011. ; - Visto l articolo 50, comma 7, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali; - Visto il provvedimento del Sindaco n. 17 del 12 maggio 2008; D E C I D E - Di modificare l Ordinanza n. 67 del 27 luglio 2007 come di seguito specificato:

2 Articolo 1 (modifiche all articolo 1 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) Il Comma 1 lettera a) è cosi sostituito: a) commercio al dettaglio, sia a posto fisso che su area pubblica, nonché alle attività di vendita esercitate da parte degli imprenditori ittici di cui al Decreto Legislativo n. 226/2001 e degli imprenditori agricoli di cui al Decreto Legislativo n. 228/2001 al di fuori della propria azienda, in locali aperti al pubblico; Articolo 2 (modifiche all articolo 5 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 5 comma 1, lettera b) le parole all articolo 16 del Decreto Legislativo n. 114/1998 ed sono soppresse. All articolo 5 comma c) le parole da ultimo modificato dal decreto legge 27 giugno 2003 n.151, sono soppresse. Articolo 3 (modifiche all articolo 6 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 6 i commi 1 e 2 sono così sostituiti: 1. Gli esercizi di vendita al dettaglio possono restare aperti al pubblico fino ad un massimo di tredici ore giornaliere; 2. Gli esercizi di vendita al dettaglio osservano la chiusura obbligatoria nella fascia oraria 0:00 5:00. Articolo 4 (modifiche all articolo 7 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) L articolo 7 dell ordinanza sindacale n. 67/2007 è abrogato. Articolo 5 (modifiche all articolo 8 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 8 comma 2, la lettera a) è così sostituita: a) zona A - Centro storico, così come individuata dai vigenti strumenti urbanistici, estesa alle contigue zone della stazione ferroviaria Pisa centrale e all area Sud- Est della città così delimitate: ad ovest da Via Mascagni, a Sud dalla rete ferroviaria, ad Est da Via della Vecchia Tranvia e a Nord dal tratto cittadino del fiume Arno. Ai fini dell applicazione del presente comma, si precisa che la zona A Centro storico e zona limitrofa ricomprendono entrambi i lati delle vie perimetrali della zona stessa; L articolo 8 comma 3 è così sostituito: 3. Fatto salvo quanto previsto dal comma 2, è comunque consentito derogare all obbligo di chiusura domenicale e festiva nel mese di dicembre, e nelle ulteriori domeniche e festività individuate dal Sindaco con propria ordinanza, previa concertazione con le associazioni imprenditoriali del settore, dei lavoratori e dei consumatori, anche in sede di accordi con altre amministrazioni. All articolo 8 i commi 3bis e 3ter sono così sostituiti: 3bis gli esercizi di vendita al dettaglio osservano la chiusura nei giorni 1 Gennaio, Pasqua, Lunedì dell Angelo, 25 Aprile, 1 Maggio, 15 Agosto, 25 e 26 Dicembre. Previa concertazione con le organizzazioni di categoria delle imprese del commercio, dei lavoratori dipendenti, delle associazioni dei consumatori e delle parti sociali interessate, per comprovate necessità tecniche, per rilevanti esigenze di servizio alla collettività o per ragioni di pubblica utilità, il Sindaco può consentire l apertura degli esercizi di commercio al dettaglio nelle giornate indicate al presente comma.

3 3ter Previa concertazione con le organizzazioni di categoria delle imprese del commercio, dei lavoratori dipendenti, delle associazioni dei consumatori e delle parti sociali interessate, in occasione di particolari eventi, ricorrenze e manifestazioni, nei periodi di maggiore afflusso turistico, per esigenze di servizio alla collettività, per ragioni di pubblica utilità o per necessità tecniche, il Sindaco può disporre la deroga all obbligo della chiusura di cui al comma 2, anche per singole e particolari zone del territorio comunale, e del limite massimo di tredici ore giornaliere di apertura. Dopo il comma 3ter dell articolo 8 dell ordinanza sindacale n. 67/2007 è inserito il seguente comma: 3quater Per garantire idonei livelli di servizio nei periodi di minore e in quelli di maggiore afflusso dell utenza, il Sindaco può stabilire programmi di apertura obbligatoria per turno. All articolo 8 i commi 4 e 5 sono così sostituiti: 4. Nei giorni domenicali e festivi in cui è consentita la deroga all obbligo di chiusura, gli esercenti possono determinare liberamente il proprio orario di esercizio ai sensi di quanto previsto dall articolo Nel caso di più di due festività consecutive, è fatto obbligo agli esercenti l attività di vendita di generi appartenenti al settore alimentare di garantire l apertura al pubblico in uno dei giorni festivi a scelta dell esercente. Articolo 6 (modifiche all articolo 9 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) L articolo 9 è così sostituito: 1. Per particolari eventi e festività, il Comune di Pisa, sentite le parti interessate, può derogare all obbligo delle 13 ore giornaliere per gli esercenti l attività del commercio. 2. Agli esercizi situati nelle frazioni di Marina di Pisa, Tirrenia e Calambrone, nel periodo compreso tra il 15 aprile ed il 30 settembre, è data facoltà di derogare al limite delle tredici ore giornaliere di cui all articolo 6. Articolo 7 (modifiche all articolo 13 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 13 il comma 1. e così sostituito: 1. Alle violazioni delle disposizioni di cui al presente titolo e dell articolo 3 della presente ordinanza da parte delle attività commerciali si applicano le sanzioni previste dall articolo 102 della L.R. 7 febbraio 2005, n. 28. All articolo 13 il comma 3. è abrogato Articolo 8 (modifiche all articolo 14 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 14 comma 1, lettera b) le parole da ultimo modificato dal decreto legge 27 giugno 2003, n.151, sono soppresse. Articolo 9 (modifiche all articolo 15 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) L articolo 15 è così sostituito: 1. Gli esercenti l attività di somministrazione di alimenti e bevande determinano liberamente l orario di esercizio della loro attività per un minimo di 6 ore nei giorni di apertura stabiliti osservando la chiusura obbligatoria nella fascia oraria 1:00 5:00 nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì e nella fascia orario 2:00 5:00 nei giorni di sabato e domenica e festivi. 2. Nell esercizio della propria attività e nell ambito delle prescrizioni di cui al comma precedente, l esercente ha facoltà di diversificare gli orari dei vari servizi offerti. Di tale

4 diversificazione l esercente deve fornire informazione al pubblico con le modalità di cui all articolo 3. Articolo 10 (modifiche all articolo 16 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) L articolo 16 è così sostituito: 1. È data facoltà di derogare all obbligo di chiusura di cui all articolo 15: a) il giorno 1 gennaio (in occasione dell ultimo dell anno); b) il giorno seguente all ultimo giorno di carnevale (martedì grasso); c) il giorno 17 giugno ((in occasione della Luminaria di S. Ranieri); d) il giorno 1 novembre (in occasione di Halloween). 2. Nelle frazioni di Marina di Pisa, Tirrenia e Calambrone, nel periodo compreso tra il 15 aprile ed il 30 settembre, gli esercenti determinano l orario di esercizio dell attività di somministrazione di alimenti e bevande osservando la chiusura obbligatoria nella fascia oraria 3:00 5:00 nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì e nella fascia orario 4:00 5:00 nei giorni di sabato e domenica e festivi.. 3. Agli esercizi posti: a. nella zona della stazione ferroviaria di Pisa Centrale, nelle seguenti vie e piazze: piazza della Stazione, via Mascagni, viale Gramsci, comprese le relative gallerie, via Puccini e via Corridoni (tratto compreso tra piazza della Stazione e l intersezione con via Colombo); b. nella zona dell ospedale Santa Chiara, nelle vie e piazze poste all interno del perimetro così delimitato: piazza del Duomo, via Roma (tratto compreso tra la piazza del Duomo e l intersezione con via Risorgimento), via Risorgimento (tratto compreso tra le intersezioni con via Roma e via, Bonanno Pisano, via Bonanno Pisano, piazza Manin; via Niccolini e via Cammeo; c. nella zona dell ospedale di Cisanello, nelle seguenti vie e piazze: via Manghi, via Mezzana, via Paradisa, via Pera, via Martin Lutero, via Mazzei, via Gambini, via Simon, via Castinelli, via S. Biagio (tratto compreso tra le intersezioni con via Paradisa e via Mazzei); d. nella zona del parcheggio scambiatore di via Pietrasantina, nelle vie e piazze poste all interno del seguente perimetro: via Pietrasantina (tratto compreso tra le intersezioni con via Fiamme Gialle e via del Marmigliaio), via del Marmigliaio, via S. Jacopo (tratto compreso tra le intersezioni con via del Marmigliaio e via Bragazzi), via Bragazzi, confine del parcheggio scambiatore di via Pietrasantina; e. nella zona del parcheggio scambiatore di via Paparelli, nelle seguenti vie e piazze: via Lucchese (tratto compreso tra largo San Zeno e l intersezione con via Napoli) via Paparelli, via di Pratale (tratto compreso tra largo San Zeno e l intersezione con via Battelli); f. nella via Aurelia Nord, nel tratto compreso tra l intersezione con via Andrea Pisano e il confine comunale, via Nino Pisano, Via del Chiassatello, Zona Darsena; g. nella via Ponte a Piglieri e nella via Aurelia Sud; h. nella via Emilia, nel tratto compreso tra il cavalcavia della Strada di Grande Comunicazione Firenze-Pisa-Livorno e il confine comunale oltre alle Zone Artigianali Industriali e di Servizio di Ospedaletto e Montacchiello; i. nella via Gronchi è data facoltà di anticipare l apertura dell attività alle ore 4:00.

5 Articolo 11 (modifiche all articolo17 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 17, il comma 2 è così sostituito: 2. Nel periodo compreso tra il 15 aprile ed il 30 settembre, le attività di somministrazione di cui al comma 1 possono restare aperte dalle ore 8.00 alle ore 2.00 del giorno seguente, a condizione che la struttura ricettiva sia effettivamente operante. Articolo 12 (modifiche all articolo18 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) L articolo18 dell ordinanza sindacale n. 67/2007 è abrogato. Articolo 13 (modifiche all articolo19 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 19, il comma 1 è così sostituito: 1. Per garantire idonei livelli di servizio degli esercizi di somministrazione alimenti e bevande nei periodi di minore e in quelli di maggiore afflusso dell utenza, il Sindaco può stabilire programmi di apertura obbligatoria per turno. Articolo 14 (modifiche all articolo 24 dell ordinanza sindacale n. 67/2007) All articolo 24, il comma 1 è così sostituito: 1. Ai panifici di cui all articolo 4 del Decreto Legge n. 223/2006 si applicano le disposizioni di cui agli articoli 6, 8 e 9. p. Il Sindaco L ASSESSORE DELEGATO Giuseppe Forte

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo Reg. Ordinanze N 55 Castiglion Fiorentino, 07-05-2012 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO ASSUNTI i poteri del Sindaco in virtù del Decreto del Presidente della

Dettagli

COMUNE di PULFERO. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE di PULFERO. Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE di PULFERO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 9 del 10.02.2004 1 Art. 1 NASTRO ORARIO Il

Dettagli

ORDINANZA. N. 211 del 27/04/2011.

ORDINANZA. N. 211 del 27/04/2011. COMUNE DI MONTECATINI TERME SERVIZIO SVILUPPO E AFFARI GENERALI C O P I A ORDINANZA N. 211 del 27/04/2011. OGGETTO: ORDINANZA IN MATERIA DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE. Provincia di Ancona. Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE. Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO:

ORDINANZA SINDACALE. Provincia di Ancona. Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE. Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO: ALBO: dal 21.11.2006 al 06.12.2006 Prot. n. 37914/2006 COMUNE DI JESI Provincia di Ancona Proponente: U.O.C. ATTIVITÀ ECONOMICHE ORDINANZA SINDACALE Numero: 136 Data: 20/11/2006 OGGETTO: ORARI DI APERTURA

Dettagli

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010

COMUNE DI FORLI' VP/vp Prot. n. /2010 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO GESTIONE TERRITORIALE UNITA COMMERCIO IN SEDE FISSA, ATTIVITA PRODUTTIVE ED AGRIGOLTURA VP/vp Prot. n. /2010 Oggetto: Adeguamento

Dettagli

Comune di Licciana Nardi

Comune di Licciana Nardi ORDINANZA N. 53 DEL 23 OTTOBRE 2010 Comune di Licciana Nardi IL SINDACO - Viste le precedenti ordinanze inerenti la disciplina degli orari degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e della somministrazione

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI ARTEGNA Provincia Di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con deliberazione dl Consiglio Comunale n. 45 del 26.11.2001. Art. 1 Nastro

Dettagli

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi

IL SINDACO IL SINDACO. Luigi Costi Mirandola lì. 11.04.2009 Prot. 5526./8.4 Ordinanza n. 6 Oggetto: Modifica alla disposizione n.13 del 11.05.2000 prot.9314 Orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 45 del 09.11.2000 Modificato ed integrato con delibera di Consiglio Comunale:

Dettagli

Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Il Consiglio regionale ha approvato

Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Il Consiglio regionale ha approvato Sardegna L.R. 6-12-2006 n. 17 Modifiche alla legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). Pubblicata nel B.U. Sardegna 14 dicembre 2006, n. 41. L.R. 6 dicembre

Dettagli

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena,

COMUNE DI CESENA. SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche. P.G.N /453 Cesena, COMUNE DI CESENA SETTORE SVILUPPO PRODUTTIVO E RESIDENZIALE Servizio Attività Economiche P.G.N. 78587/453 Cesena, 10.12.2010 ORARI D APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI DI VENDITA AL DETTAGLIO ANNO 2011

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA DEI NEGOZI E DELLE ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO VISTI gli artt.11 e 13 del D.LGS. 31/3/98,

Dettagli

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE

CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) ORDINANZA SINDACALE CITTA DI SAN DONA DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con medaglia d Argento al Valor Militare) Settore IV Pianificazione - Gestione del territorio Attività produttive ORDINANZA SINDACALE

Dettagli

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web:

COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, Cento (FE) Web: COMUNE DI CENTO PROVINCIA DI FERRARA Via M. Provenzali, 15 44042 Cento (FE) Web: www.comune.cento.fe.it ORDINANZA DEL SINDACO n.17/2008 di repertorio IL SINDACO PREMESSO che con gli artt. 11-12-13 del

Dettagli

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO

Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Comune di Bologna Ord. P.G. 294395/08 integrata da Ord. 106104/11 Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI DI VENDITA AL DETTAGLIO. IL SINDACO Premesso che con propria ordinanza P.G.n.

Dettagli

Testo coordinato dell ordinanza prot. n n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n n.

Testo coordinato dell ordinanza prot. n n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n n. Testo coordinato dell ordinanza prot. n. 7364 - n. 32 del 28/05/2008 con le modifiche apportate con ordinanza prot. n. 14068 n. 93 del 26/10/2009 ORDINANZA SINDACALE PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 Le norme del presente Regolamento si applicano ai pubblici esercizi classificati alle lettere a), b) e d),

Dettagli

ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO E FISSAZIONE DEI CRITERI E DEGLI INDIRIZZI PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE ESERCITATO

Dettagli

COMUNE DI ESINE. Provincia di Brescia. Ufficio commercio ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO

COMUNE DI ESINE. Provincia di Brescia. Ufficio commercio ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IL SINDACO COMUNE DI ESINE Provincia di Brescia Ufficio commercio N. 78 Registro Ordinanze N. 12300 Protocollo ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO VISTI l'art. 54 del

Dettagli

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010

ORDINANZA n. 43 Protocollo n Chianciano Terme, 19 marzo 2010 COMUNE DI CHIANCIANO TERME PROVINCIA DI SIENA SERVIZIO ATTIVITA PRODUTTIVE via Solferino n. 3-53043 Chianciano Terme (Siena) Italia Tel. 0039 0578 6521 Fax. 0039 0578 31607 www.comune.chianciano-terme.siena.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera n. 26 del 28.06.2000 Affisso all Albo Pretorio del Comune di Carlino dal

Dettagli

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI

DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI C O M U N E D I M O N T E R I G G I O N I P R O V I N C I A D I S I E N A DISCIPLINA ORARI DEGLI ESERCIZI DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, DI SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE, ATTIVITA ARTIGIANALI 1 SOMMARIO

Dettagli

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante.

Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa e del commercio su aree pubbliche in forma itinerante. COMUNE DI CASTEL SAN GIORGIO Provincia di Salerno Settore Commercio ORDINANZA N 22 Castel San Giorgio lì, 24/ 02/2011 Orario di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E PER L INTRATTENIMENTO E SVAGO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E PER L INTRATTENIMENTO E SVAGO C O M U N E D I R A V A S C L E T T O (Prov. di Udine) Viale Edelweiss, 7 C.F. - 84001650302 - P.i. - 00986070308-043366009 043366164 Fax 043366394 C.A.P. 33020 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL ORDINANZA N. 5 DEL

COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL ORDINANZA N. 5 DEL COPIA CONFORME ALL ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D UFFICIO DELLA ORDINANZA N. 5 DEL 17-01-2012 Registro Generale n. 5 ORDINANZA N. 5 DEL 17-01-2012 Ufficio: COMMERCIO Oggetto: CRITERI PER L'APERTURA

Dettagli

CALENDARIO ORARI ESERCIZI COMMERCIALI ANNO 2010

CALENDARIO ORARI ESERCIZI COMMERCIALI ANNO 2010 CALENDARIO ORARI ESERCIZI COMMERCIALI ANNO 2010 Ordinanza Sindacale N. 7 del 21-01-2010 SETTORE NON ALIMENTARE 01/01/2010-20/03/2010 Orario antimeridiano 09,00-13,00 22/03/2010-30/06/2010 Orario antimeridiano

Dettagli

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI COMUNE DI NIMIS PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI E DELLE ATTIVITA COMMERCIALI - Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 44 del 27/12/2001 TITOLO

Dettagli

Nel rispetto dei principi stabiliti:

Nel rispetto dei principi stabiliti: ORDINANZA SINDACALE N. n. 1 del 29/01/2019 Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI NEGOZI, ALTRE ATTIVITA' DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA E IN FORMA ARTIGIANALE, COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE. IL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PIANEZZA PROVINCIA DI TORINO ORDINANZA N. 64 PROT. N. 0007841 SETTORE TECNICO TERRITORIO OGGETTO: DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI ESERCITATE

Dettagli

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012 P.G. 60689/11 Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l anno 2012 IL SINDACO - Premesso che, a sensi dell art. 103 della Legge Regionale 2 febbraio

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia

COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia 25050 - Piazza Europa, 16 Codice Fiscale 00455600171 - Tel. 0306850557 - Fax 030653454 info@comune.passirano.bs.it www.comune.passirano.bs.it Preliminare n. 19

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA. VIII Legislatura

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA. VIII Legislatura REGIONE EMILIA-ROMAGNA ASSEMBLEA LEGISLATIVA VIII Legislatura Deliberazione legislativa n. 37/2007 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Approvata dall'assemblea legislativa nella seduta

Dettagli

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati:

Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa nel territorio comunale sono così disciplinati: TESTO COORDINATO DEL DISPOSITIVO DELL ORDINANZA N. 139 DEL 23.11.2009 CON LE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI INTRODOTTE CON L ORDINANZA N. 188 DEL 22.10.2010 Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli

Dettagli

COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza

COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza COMUNE DI NOVE Provincia di Vicenza UFFICIO LICENZE Ordinanza N 12. Protocollo N 14330. DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBLICI, DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE LA DISCIPLINA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Adottato con deliberazione consiliare n.49 dd. 26 novembre 1999.

Dettagli

C I T T À D I S A R Z A N A

C I T T À D I S A R Z A N A SARZANA, 09.04.2009 ORIGINALE Ordinanza n 68 Oggetto = orari degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande e delle attività artigianali complementari ed affini I L S I N D A C O RICHIAMATE

Dettagli

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO

Comune di Volterra. Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO Provvedimento del Sindaco n 21 dell 01/04/2010 OGGETTO: Disciplina orari e aperture festive degli esercizi di vendita al dettaglio in sede fissa. IL SINDACO VISTA la L.R. 7 febbraio 2005, n. 28, ed in

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE 1 ART.1 (FASCIA ORARIA DI APERTURA PER TIPOLOGIA DI ESERCIZIO) 1. ESERCIZIO DI

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA

COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA COMUNE DI APRILIA PROVINCIA DI LATINA ORDINANZA N. 01 DEL 08.01.2009 SULLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 recanti

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile

Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE DI RIPOSO SETTIMANALE

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA ORDINANZA N 9 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI PER LE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE E PERLE ATTIVITA ARTIGIANALI ASSIMILATE.

Dettagli

C O M UN E D I BARI Ordinanza 2017/ /263/00059 Ripartizione Sviluppo Economico

C O M UN E D I BARI Ordinanza 2017/ /263/00059 Ripartizione Sviluppo Economico Data Adozione: 21/12/2017 Altri Settori: C O M UN E D I BARI Ordinanza 2017/02118 2017/263/00059 Ripartizione Sviluppo Economico Estensore: Sottoscrizione Sindaco: Estensore Pol Econ Apposto OGGETTO: ACCONCIATORI

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno COPIA Ordinanza del Sindaco n 4 del 15/01/2008 Ufficio del Segretario Il Responsabile di Area: CASTALLO MARIA Servizio: Staff 2 Oggetto: ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE DEL COMUNE DI CASTAGNETO

Dettagli

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA Area Servizi Amministrativi SEGRETERIA GENERALE ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO N. 07 del Registro delle Ordinanze IL SINDACO (Lorella Lavo) VISTI l'art. 54 del DPR 24 luglio 1977 n. 616 e l art. 50 comma

Dettagli

COMUNE DI NIBBIANO PROVINCIA DI PIACENZA UFFICIO SVILUPPO ECONOMICO E SERVIZI ALLA PERSONA. Tel. 0523/ Fax 0523/ Cod. fisc.

COMUNE DI NIBBIANO PROVINCIA DI PIACENZA UFFICIO SVILUPPO ECONOMICO E SERVIZI ALLA PERSONA. Tel. 0523/ Fax 0523/ Cod. fisc. COMUNE DI NIBBIANO PROVINCIA DI PIACENZA UFFICIO SVILUPPO ECONOMICO E SERVIZI ALLA PERSONA Tel. 0523/993712 Fax 0523/990041 Cod. fisc. 00223760331 ORDINANZA N 37/05 Oggetto: ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Ordinanza del Sindaco n 38 del 10/04/2012 Oggetto: ORDINANZA N. 4 DEL 15/01/2008. ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA ECONOMICHE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI ESERCIZI COMMERCIALI

Dettagli

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO

COMUNE DI PRADAMANO REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA DICIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI PUBBLICO SPETTACOLO ED INTRATTENIMENTO E SVAGO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni del Consiglio Comunale n. 49 dell 11/10/1999

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE PER I PUBBLICI ESERCIZI: DISCIPLINA DEGLI ORARI E DELLE ATTIVITA A cura dell A.O. Sviluppo Economico Ufficio Commercio Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.28

Dettagli

Nr di prot. Attività di barbiere, parrucchiere, estetista e mestieri affini: disciplina degli orari di apertura e di chiusura dei laboratori.

Nr di prot. Attività di barbiere, parrucchiere, estetista e mestieri affini: disciplina degli orari di apertura e di chiusura dei laboratori. CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) Nr. 58 di Ord. Nr. 4251 di prot. Attività di barbiere, parrucchiere, estetista e mestieri affini: disciplina degli orari di apertura e di chiusura dei laboratori.

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile

COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile COMUNE DI BARLETTA Città della Disfida Medaglia d oro al valor militare ed al merito civile -ESERCIZI COMMERCIALI -PUBBLICI ESERCIZI -MERCATI DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA, DELLE GIORNATE

Dettagli

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI RESCALDINA PROVINCIA DI MILANO UFFICIO COMMERCIO Prot. n. 22849 A TUTTI GLI ESERCIZI DEL COMMERCIO FISSO AI TITOLARI DI PUBBLICO ESERCIZIO LORO INDIRIZZI OGGETTO: Calendario di apertura e chiusura

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 12 del 30.11.2009 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dal Decreto Legislativo 31.3.1998,

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N /01/2014. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N /01/2014. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 43 Data: 23/01/2014 Ufficio del Sindaco ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno VENTITRE del mese di GENNAIO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

OGGETTO: Disciplina degli orari e delle deroghe alla chiusura domenicale e festiva delle attività commerciali in sede fissa per il 2007.

OGGETTO: Disciplina degli orari e delle deroghe alla chiusura domenicale e festiva delle attività commerciali in sede fissa per il 2007. Ordinanza n.198 del 23/11/2006 OGGETTO: Disciplina degli orari e delle deroghe alla chiusura domenicale e festiva delle attività commerciali in sede fissa per il 2007. Vista la Delibera di Consiglio del

Dettagli

OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO

OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO Prot. n. 5471 Ordinanza n. 23 Lì 30 aprile 2011 OGGETTO: Disciplina degli orari delle attività di vendita al dettaglio. IL SINDACO Visti gli artt. 11, 12 e 13 del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 114; Visto l'art.

Dettagli

ORDINANZA IN MATERIA DI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI DI VENDITA AL DETTAGLIO A SEGUITO DELL ACCORDO D AREA DEL 26/02/2003.

ORDINANZA IN MATERIA DI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI DI VENDITA AL DETTAGLIO A SEGUITO DELL ACCORDO D AREA DEL 26/02/2003. COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

Ordinanza in materia di sicurezza urbana per contrastare l abuso di alcol negli spazi ed aree pubbliche I L S I N D A C O

Ordinanza in materia di sicurezza urbana per contrastare l abuso di alcol negli spazi ed aree pubbliche I L S I N D A C O Prot. n.163690 del 31/12/09 COMUNE DI MODENA CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Ordinanza in materia di sicurezza urbana per contrastare l abuso di alcol negli spazi ed aree pubbliche I L S I N D A C O Premesso

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio

COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio COMUNE DI CESANO BOSCONE Settore territorio e ambiente Servizio sviluppo del territorio ORDINANZA N 29 del 16/12/2008 IL SINDACO Nel rispetto dei principi stabiliti: dal Decreto Legislativo 31.3.1998,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI NEI QUALI SI SVOLGONO ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI NEI QUALI SI SVOLGONO ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DEI PUBBLICI ESERCIZI NEI QUALI SI SVOLGONO ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO. ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE.1 Il presente regolamento disciplina l orario delle

Dettagli

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO

SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO SETTORE TRIBUTI E COMMERCIO Ordinanza n. 2007/00677 del 17/12/2007 ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI NEGOZI NELL ANNO 2008 IL SINDACO Visto il D.Lgs. 31/3/1998 n 114 "Riforma della disciplina relativa al

Dettagli

Il piano si divide in 7 parti:

Il piano si divide in 7 parti: Comune di Pisa Piano della mobilità ciclabile. Realizzazione della messa in sicurezza dei percorsi ciclabili, con il completamento della rete esistente. Il piano si divide in 7 parti: 1. 2. 3. 4. 5. 6.

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI MONTEPULCIANO (PROVINCIA DI SIENA) ALLEGATO A) COMUNE DI MONTEPULCIANO (PROVINCIA DI SIENA) PIANO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (ART. 40 L.R. 7.2.2005 n. 28 e successive modificazioni ed integrazioni) (Approvato

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 7 novembre 2011, n. 956

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 7 novembre 2011, n. 956 DELIBERAZIONE 7 novembre 2011, n. 956 Circolari in ordine agli effetti delle disposizioni di cui agli articoli 28 e 35, commi 6 e 7, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per la stabilizzazione

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 13374 del 11 marzo 2011 Ordinanza n. 029/11 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE

Dettagli

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA

Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA Estratto del Verbale di Seduta DELLA GIUNTA COMUNALE DI REGGIO EMILIA I.D. n. 39 in data 25/02/2016 P.G. n. L'anno duemilasedici addì 25 - venticinque - del mese febbraio alle

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MANCIANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI MANCIANO PROVINCIA DI GROSSETO Area Affari Generali - Bilancio - Finanze\\Servizio Commercio e Turismo PROT. N. DEL ORDINANZA N 9 DEL 11/02/2008 IL SINDACO Richiamate le proprie competenze in

Dettagli

OGGETTO: Riconoscimento del Comune di Cossato come località a economia turistica.

OGGETTO: Riconoscimento del Comune di Cossato come località a economia turistica. OGGETTO: Riconoscimento del Comune di Cossato come località a economia turistica. L'Assessore alle Attività Economiche, Viabilità, Trasporti, Politiche Energetiche e Ambientali, Protezione Civile, Premesso

Dettagli

(art. 26 L.R. 8/99) (art 8 L.R. 14/99)

(art. 26 L.R. 8/99) (art 8 L.R. 14/99) C O M U N E d i A R T A T E R M E P r o v i n c i a d i U d i n e U f f i c i o Pol i z i a Municipal e R E G O L A M E N T O C O M U N A L E P E R L A D I S C I P L I N A D E G L I O R A R I D E G L I

Dettagli

PUBBLICATO all albo pretorio per gg. 15 dal al

PUBBLICATO all albo pretorio per gg. 15 dal al C O M U N E d i A R T A T E R M E P r o v i n c i a d i U d i n e U f f i c i o Pol i z i a Municipal e APPROVATO con del i bera C.C. n. 51 del 05.06.2000 (ravvisata legittima dal Co.Re.Co. il 04.09.2000

Dettagli

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE

T.U.L.P.S. pag. 1 di 5. Provincia di UDINE T.U.L.P.S. pag. 1 di 5 COMUNE DI Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DELLE ATTIVITA DI SVAGO ED INTRATTENIMENTO DISCIPLINATE DAL T.U.L.P.S. Approvato con deliberazioni consiliari

Dettagli

ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE EFFETTUATA NON CONGIUNTAMENTE ALL INTRATTENIMENTO E SVAGO

ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE EFFETTUATA NON CONGIUNTAMENTE ALL INTRATTENIMENTO E SVAGO COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte c.a.p. 37019 - P.le Betteloni 3 - tel. 0456400600 fax 0457552901 Sito internet www.peschieraweb.it Ordinanza n 102 Protocollo n 9589 Peschiera del

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 1 DEL 19-01-2012 Ufficio: SETTORE POLIZIA E ATT. PRODUTTIVE Oggetto: Liberalizzazioni in materia di orari e di chiusura domenicale e

Dettagli

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI GAZZO Piazza IV Novembre n 1 CAP 35010 - PROVINCIA DI PADOVA Prot. n. 801 COMUNE DI GAZZO Reg. ordinanze n. 3 Reg. pubbl. n. 25 ORDINANZA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBBLICI E DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE

Dettagli

C OMUNE DI T ERNI ASSESSORATO AL COMMERCIO Prot. n Terni,

C OMUNE DI T ERNI ASSESSORATO AL COMMERCIO Prot. n Terni, C OMUNE DI T ERNI ASSESSORATO AL COMMERCIO Prot. n. 50444 Terni, 22.03.2006 OGGETTO: Disciplina degli orari di tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione al pubblico di alimenti e

Dettagli

Prot. n 3961 Casaleone, lì 23/03/2006 Ns. Rif. Ord-ORARI ORDINANZA N. 16 R.O. Ai titolari di pubblici esercizi del Comune di Casaleone

Prot. n 3961 Casaleone, lì 23/03/2006 Ns. Rif. Ord-ORARI ORDINANZA N. 16 R.O. Ai titolari di pubblici esercizi del Comune di Casaleone COMUNE di CASALEONE Provincia di Verona UFFICIO COMMERCIO/TRIBUTI Via Vittorio Veneto, 61 Tel. 0442328711 Fax 0442328.740 P.IVA 00659900237 E-MAIL:tributi@comunecasaleone.it Prot. n 3961 Casaleone, lì

Dettagli

Settore Attività produttive e commercio

Settore Attività produttive e commercio Settore Attività produttive e commercio P.G. N.: 310266/2009 2009 - Sottoscritta il : 23/12/2009 - Richiesta di pubblicazione all'albo Pretorio. Oggetto: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA RELATIVA

Dettagli

CAPO I Ambito di applicazione e disposizioni varie in materia di distribuzione commerciale

CAPO I Ambito di applicazione e disposizioni varie in materia di distribuzione commerciale LR(8) 6_07 Pag: 1 LEGGE REGIONALE EMILIA- ROMAGNA 21 maggio 2007, n. 6 Disposizioni in Materia di Distribuzione Commerciale in B.U.R.E. n. 66 del 21-5-2.007 sommario CAPO I Ambito di applicazione e disposizioni

Dettagli

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia

Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia Comune di Pozzolengo Provincia di Brescia ORDINANZA del SINDACO in materia di orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande Prot. n. 2494 Reg. Ord. n. 12/2005 Premesso:

Dettagli

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE

MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE MUNICIPIO DI CREMA SETTORE GESTIONE FINAZIARIA, TRIBUTARIA E COMMERCIALE SERVIZIO COMMERCIO ORDINANZA n. 2010/00571 del 06/12/2010 CALENDARIO DELLE APERTURE DOMENICALI E FESTIVE AL PUBBLICO DELLE ATTIVITA

Dettagli

COMUNE DI CERCIVENTO

COMUNE DI CERCIVENTO COMUNE DI CERCIVENTO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ORARI DEI PUBBLICI ESERCIZI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 20 del 23.06.2003 pubblicata all Albo Pretorio del Comune in data 24.06.2003

Dettagli

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia

COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia COMUNE DI MONTEROSSO AL MARE Cinque Terre - Provincia della Spezia DISCIPLINA DEGLI ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE Considerato: Ordinanza n 59 del 06/11/2010 IL SINDACO che l art. 11 del

Dettagli

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici

CITTA DI IMOLA. Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici CITTA DI IMOLA Provincia di Bologna Settore Comando Polizia Municipale Servizio Interventi Economici E-mail: interventi.economici@comune.imola.it INDIRIZZI E CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI

Dettagli

LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA

LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA LOCALITA AD ECONOMIA TURISTICA APPLICAZIONE DELLE DEROGHE ALLA CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI Biella, 17 Marzo 2008 RIFERIMENTI NORMATIVI D.lgs. 31 marzo 1998, n. 114 (Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI Comune di Reggio Emilia Servizio di Sportello alle Imprese, Commercio e Tutela Ambientale REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLA SCALA

COMUNE DI ISOLA DELLA SCALA Ord. n. 71 Prot. n. 8610/08 ORDINANZA PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI PUBBLICI, DELLE ATTIVITA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE E DI ATTIVITA PARTICOLARI. IL SINDACO Vista la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI

REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI C CITTA DI CORIGLIANO CALABRO C REGOLAMENTO PER LA LIBERALIZZAZIONE DEL TURNO DI CHIUSURA SETTIMANALE E PERLA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEI PUBBLICI ESERCIZI D.L. 24 Gennaio 2012, n.

Dettagli

5 Settore 2 Servizio Commercio e Attività Produttive IL SINDACO

5 Settore 2 Servizio Commercio e Attività Produttive IL SINDACO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 81771220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 Protocollo n. 002984

Dettagli

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO

SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO SETTORE ANNONA / ATTIVITA PRODUTTIVE IL SINDACO VISTO che a norma dell art.50, comma 7, del D.Lgs.267/2000 TUEL, spetta al Sindaco coordinare e riorganizzare, sulla base degli indirizzi espressi dal consiglio

Dettagli

Comune di Viadana Provincia di Mantova

Comune di Viadana Provincia di Mantova Ufficio Commercio e Attività Produttive Prot.n. Ordinanza n. DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI PUBBLICI DI VENDITA E SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IL SINDACO VISTO l'art.8

Dettagli

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL

COMUNE di LIONI. Provincia di Avellino ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL COMUNE di LIONI Provincia di Avellino ORIGINALE Registro Generale n. 21 ORDINANZA DEL: SETTORE AMMINISTRATIVO N. 7 DEL 20-06-2011 Oggetto: INTEGRAZIONE ORDINANZA RECANTE LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA

Dettagli

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A

Prot. n Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 IL SINDACO O R D I N A Prot. n. 5192 Lì, 11 aprile 2008 ORDINANZA N. 7 OGGETTO: Determinazione degli orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande. Legge Regionale 21.09.2007, n. 29. IL SINDACO VISTO che in

Dettagli

Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE

Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE Ordinanza nr. 125 del 10 luglio 1998 e s.m.i. COMMERCIO SU AREE PRIVATE 1 - LIMITI ORARI GIORNALIERI Le attività commerciali al dettaglio devono rispettare i seguenti limiti giornalieri intesi come facoltà

Dettagli

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008)

COMUNE DI NORMA. (Approvato Del. C.C. n. 18 del 27/06/2008 Modificato con Del. C.C. n. 24 del 17/07/2008) COMUNE DI NORMA DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE ED ATTIVITA ASSIMILABILI E DEGLI ESERCIZI DI VENDITA AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA (Approvato

Dettagli

COMUNE DI SAN MINIATO Provincia di Pisa Settore Pianificazione del Territorio e Sviluppo Economico U.O.Attivita Economiche S.U.A.P.

COMUNE DI SAN MINIATO Provincia di Pisa Settore Pianificazione del Territorio e Sviluppo Economico U.O.Attivita Economiche S.U.A.P. COMUNE DI SAN MINIATO Provincia di Pisa Settore Pianificazione del Territorio e Sviluppo Economico U.O.Attivita Economiche S.U.A.P. ORDINANZA n 4883 del 02 novembre 2005 (Testo modificato con Ordinanza

Dettagli

APERTURE DOMENICALI E CCNL

APERTURE DOMENICALI E CCNL APERTURE DOMENICALI E CCNL Le aperture domenicali degli esercizi commerciali e la disciplina del lavoro domenicale dei dipendenti delle stesse sono regolate, innanzitutto, da due distinti decreti legislativi,»

Dettagli

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l'anno 2010 [1]

Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l'anno 2010 [1] Calendario delle aperture domenicali e festive delle attività commerciali del Comune di Cremona, per l'anno 2010 [1] Attenzione: la presente ordinanza sostituisce integralmente il precedente testo pubblicato

Dettagli

ORDINANZA. Rep. n. 54/2008 prot. n del 18 luglio 2008

ORDINANZA. Rep. n. 54/2008 prot. n del 18 luglio 2008 Città di Asolo Provincia di Treviso ORDINANZA Rep. n. 54/2008 prot. n. 13841 del 18 luglio 2008 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEGLI ORARI DEGLI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Legge Regionale

Dettagli