Giorgio Kienerk un artista tra Toscana e Europa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giorgio Kienerk un artista tra Toscana e Europa"

Transcript

1 Giovanna Bacci di Capaci Conti Vittoria Kienerk Giorgio Kienerk un artista tra Toscana e Europa Guida ai Musei e ai Monumenti della Rete Museale Valdera 5

2

3 Sapere aude Lucida osservatrice della realtà, vitale, curiosa ed esigente Ha concluso la sua avventura intellettuale portandoci, oltre la ragione, a guardare lontano, insegnandoci che il coraggio non si trova se con il cuore non si parla, se con il cuore non si ascolta. Solamente ascoltando il nostro cuore, troveremo il coraggio delle idee, delle scelte e dei sentimenti. Grazie, Signorina Vittoria.

4 Comune di Fauglia Provincia di Pisa 2013 Edizioni La Grafica Pisana ISBN Collana diretta da Antonio Alberti Testi a cura Giovanna Bacci di Capaci Conti Vittoria Kienerk Contributi fotografici Foto Fantozzi Collesalvetti Foto Gronchi Pisa Studio Sposini Livorno Fiorenzo Cantalupi Pavia Elisa Parenti Impaginazione e stampa La Grafica Pisana Bientina (PI) Coordinamento e didattica Elisa Parenti

5 Indice Presentazione di Fulvia Pedrini p. 7 Giorgio Kienerk un artista tra Toscana e Europa di Giovanna Bacci di Capaci Conti Fauglia e le ariose colline pisane» 9 La genesi del Museo Giorgio Kienerk e i suggestivi spazi architettonici delle storiche carceri faugliesi» 13 La collezione del Museo» 16 Il percorso museale» 17 Il primo corridoio» 17 Lo sguardo sulla donna» 18 I bassorilievi: ritratto e allegoria» 19 Il fuggevole incanto dell infanzia» 21 Il nudo, dalla scultura al disegno» 23 Il secondo corridoio» 24 Variazioni di paesaggio e La Nonna» 25 Fauglia: idillio naturale e familiare» 27 L artista al lavoro» 30 L archivio» 30 La sala proiezioni» 31 Giorgio Kienerk, la vita e le opere di Vittoria Kienerk» 32 Indice delle immagini» 43 Bibliografia» 46 5

6

7 Presentazione Oggi Fauglia è un piccolo e grazioso paesino adagiato sul crinale di una collina dolce ed ospitale. Posizione strategica baciata dal sole e al riparo dai venti, equidistante da Pisa, Livorno e Pontedera qualcosa meno di 20 Km ma nel 1700 la comunità faugliese, già dinamica e vivace, aveva confini diversi da quelli odierni. Comprendeva i territori di Crespina, Cenaia, Tripalle, Miliano, Nugola, Gabbro, Colognole, Parrana, Castel Anselmo e Collesalvetti. Nel 1800 fu dichiarata capoluogo di cantone e sede del giudice di pace ed ebbe a dotarsi delle sue carceri. Ai giorni nostri Fauglia, diversa nei confini, ha compiuto un bel recupero dei locali carcerari, divenuti sede del Museo dedicato a Giorgio Kienerk nato a Firenze nel 1869, che ha trascorso moltissime delle sue estati a Fauglia nella sua villa di Poggio alla Farnia. L artista appartiene a quel gruppo di allievi dei macchiaioli (tra cui Ludovico Tommasi, Plinio Novellini, Oscar Ghiglia) che cominciarono a farsi conoscere intorno agli anni novanta dell ottocento, poi chiamati postmacchiaioli. Giorgio Kienerk, senza mai rifiutare l insegnamento dei maestri, si aprì a nuovi studi e ricerche pittoriche come il divisionismo, il simbolismo e l Art Nouveau approdando ad esperienze innovative come la pubblicità e il cartellonismo. Eclettico, geniale, dotato di grande capacità inventiva, Kienerk arriva a Fauglia dopo una lunga carriera di scultore, pittore e grafico e la bellissima campagna intorno alla sua villa di Poggio alla Farnia, risveglia il suo amore per il paesaggio che gli aveva trasmesso il maestro Telemaco Signorini tanti anni prima. Un museo accogliente e avvolgente curato con sapienza e dedizione dalla figlia Vittoria Kienerk e dalla conservatrice, dottoressa Giovanna Bacci di Capaci, che hanno reso il nostro museo 7

8 un vero gioiello di arte e cultura. La donazione, della collezione privata, voluta dalla figlia ha aggiunto a Fauglia un tassello culturale importantissimo. Il visitatore rimane sorpreso, non si aspetta di trovare un percorso cosi ricco e coinvolgente. Sulle pareti di un lungo corridoio si legge la storia del nostro trascorso tra riviste d epoca italiane e francesi e pubblicità del nostro passato più recente. Nelle piccole sale ricavate dalle celle si apprezzano le opere più belle tra cui, La Nonna (1889) esempio del suo fare verista, la bella scultura L anguilla (1893) che spicca per il vivo naturalismo e per l intensità dello sguardo del ragazzo, il fondamentale il dipinto Alberi sul mare (1891) e passo dopo passo attraversando le celle sotto il nostro sguardo attento e appassionato, è possibile notare come, la pennellata di Kienerk si fa negli anni più fluida e mossa di efficace andamento impressionista come nell importante brano pittorico La lettrice. Questo piccolo libriccino vuole essere un invito a percorrere i declivi delle nostre colline per visitare i paesaggi toscani che si ritrovano nei dipinti del Kienerk e amorevolmente custoditi nel piccolo museo a lui dedicato Fulvia Petrini Assessore alla Cultura 8

9 1. Fauglia dall alto Giorgio Kienerk, un artista tra Toscana e Europa di Giovanna Bacci di Capaci Conti Fauglia e le ariose colline pisane Fauglia, che vanta antiche radici, è una cittadina che si snoda lungo la vecchia strada maestra che è l arteria del borgo. (Foto 1) Su di essa si affacciano ordinati, sobri palazzotti dalle linee semplici e garbatamente signorili, in gran parte sono ottocenteschi, alcuni risalgono a epoche anteriori. Paese tra i più popolati delle colline pisane, Fauglia, sul finire dell Ottocento e nei primi decenni del Novecento, vive una discreta fase di sviluppo economico, prevalentemente fondato sulla produzione agricola, ma anche sull attività artigianale. Gli anni Settanta dell Ottocento registrano i lavori di riassetto del vecchio Municipio, sostituito dall imponente palazzo degli Uffi zj Pubblici (foto 2) che campeggia nel centro storico del paese, realizzato su progetto dell architetto livornese Arturo Conti ( ).La famiglia Conti, proprietaria di una villa a sud 9

10 2. Gli Uffi zj Pubblici e il Teatro di Fauglia del paese, di una grande fattoria e di numerosi poderi nel territorio delle colline pisane, era molto nota a Fauglia dove usualmente trascorreva la villeggiatura. Dalla seconda metà del Secolo XIX, tra i notabili livornesi e pisani prese larga diffusione di trasferirsi, dopo il periodo canonico delle bagnature, nelle ville-fattorie che possedevano nelle fertili colline pisane e vi soggiornavano, riposandosi e andando a caccia, fino alla vendemmia e alla svinatura. Al talento di Arturo Conti si deve la realizzazione di varie strutture edilizie nella campagna e nel borgo, come la maestosa Chiesa di San Lorenzo (1878) eretta in sostituzione della vecchia parrocchia, danneggiata dal devastante terremoto dell agosto del Il Palazzo degli Uffi zj Pubblici, degno di una grande città, era stato concepito e progettato da Arturo Conti come centro polifunzionale, conteneva gli uffici municipali, quelli della Posta e del Telegrafo, le scuole pubbliche, la regia caserma dei carabinieri, la pretura, le carceri mandamentali e l alloggio del custode. I lavori furono conclusi nel Percorrendo le pittoresche strade vicinali che collegano Fauglia ai borghi limitrofi si aprono ampi panorami di campi coltivati: un incantevole paesaggio naturale, una sorta di museo dif- 10

11 fuso (foto 3) che ha conservato il carattere di un tempo, quello che Leopoldo II di Lorena, granduca di Toscana, descriveva con tanta precisione nelle sue memorie quando, nell autunno del 1858, visitò questo territorio:...l occhio correa lontano..., si vedea il Pisano, le pianure, i monti, il mare. E fui condotto per Crespina e Fauglia, ed il luogo si facea sempre più bello. Selve dense di olivi, sotto verzura, strada serpeggiava dolcemente, senza un sasso, e conduceva da una in altra collina per sinuosità cotanto dolci che non le vidi altrove, ed il sole inclinava in ciel sereno ed infuocato, e li ultimi raggi suoi correvano sulle sommità e i cigli delle colline ad illuminare le ville dove posavano dalle cure molti conoscenti in sì mite e serena regione. Passai Fauglia dalle belle nuove case e ville, e scesi nel piano ubertoso.... Nella seconda metà dell Ottocento e nei primi decenni del Novecento, queste verdeggianti colline (foto 4) sono anche state le protagoniste di pagine storico-artistiche di grande rilievo. A Fauglia oltre a Giorgio Kienerk, durante l estate per decenni hanno vissuto nella villa di famiglia Francesco e Luigi Gioli, poco 3. Il Pian di Pisa da casa Kienerk 11

12 12 distante da loro villeggiava Pietro D Achiardi, nella vicina Collesalvetti ha dimorato l aristocratica pittrice Carla Celesia, mentre a Crespina hanno soggiornato, per alcuni anni, Angiolo e Ludovico Tommasi con il cugino Adolfo, e vi abitava lo schivo, riservatissimo Augusto Rey. I Gioli, durante la villeggiatura, solevano ospitare Diego Martelli, gli amici macchiaioli Giovanni Fattori e Silvestro Lega e numerosi altri artisti, come Eugenio Cecconi, Niccolò Cannicci, Egisto Ferroni e il giovane pisano Guglielmo Amedeo Lori. Tutti questi pittori, con la loro presenza e con le loro opere, hanno fattivamente contribuito a dare notorietà a questa zona e le tipiche ville con annessa fattoria, rimaste oggi come allora, sparse nella campagna faugliese (quella dei Gioli, quella Kienerk, quella della famiglia D Achiardi, quella di Carla Celesia a Collesalvetti) documentano la presenza delle prestigiose personalità artistiche e culturali che sono ormai parte integrante ed essenza stessa di questi luoghi. Anche le colline pisane, con l ospitale Matilde Gioli Bartolommei che nella villa sulla strada di Pugnano adunava i cari amici pittori nel fresco e delicato idillio faugliese e con Giorgio Kienerk che a Poggio alla Farnia ha trascorso per trent anni l estate, fanno parte di quel circoscritto territorio a nord-ovest della Toscana che, tra Otto e Novecento, è stato eccezionalmente propulsivo di fenomeni di creativa aggregazione artistica. La prima in ordine di tempo e magi- 4. Le colline pisane

13 ca aggregazione si è verificata negli anni Sessanta e Settanta a Castiglioncello nella tenuta di Diego Martelli; contemporaneamente si è manifestato il prodigio artistico della città di Livorno che, nel secondo Ottocento, ha dato i natali a Ulvi Liegi, Adolfo e Angiolo Tommasi, Cesare Bartolena e a quel rilevante numero di allievi di Giovanni Fattori, genericamente definiti postmacchiaioli (Giovanni Bartolena, Puccini, Nomellini, Pagni, Fanelli, Muller, Ludovico Tommasi, Lloyd, Bicchi, Gambogi). C è il Gabbro dove, sul declinare del secolo, dimorò nella sua maturità Silvestro Lega, c è Marina di Pisa dove amava soggiornare il vecchio Nino Costa, e intorno a entrambi i maestri ruotava un folto numero di artisti e di allievi. Negli anni Novanta a Torre del Lago si formava la comunità pittorica del Club de La Bohème riunita intorno a Giacomo Puccini e poi si creerà, nel Nuovo Secolo, la compagine di artisti gravitanti a Viareggio (Chini, Viani, Moses Levy, Nomellini, ecc.). Un territorio tra collina e mare, bellissimo e... decisamente artistico. La genesi del Museo Giorgio Kienerk e i suggestivi spazi architettonici delle storiche carceri faugliesi La figlia Vittoria, che tanto si è prodigata per diffondere e far conoscere l arte del padre Giorgio, ha a lungo pensato a quale ente pubblico donare la collezione artistica avuta in eredità, per valorizzarla nella sua unità e per garantirne una duratura fruizione pubblica. Volendo scongiurare la sorte di vedere parte della sua preziosa raccolta confinata negli stracolmi depositi di un grande museo di una città d arte come Firenze, Vittoria ha scelto una sede decentrata che esponesse l intera collezione e ha ritenuto, forse anche interpretando un pensiero dell artista, che Fauglia fosse il luogo più idoneo, per quel vincolo affettivo che da sempre ha legato Giorgio Kienerk e la sua famiglia al territorio delle colline pisane. Con Fauglia infatti Kienerk ha avuto un lungo legame di con- 13

14 suetudine e per decenni ha immortalato il suo territorio in luminose e limpide impressioni pittoriche, donando una irripetibile sopravvivenza artistica alle colline pisane: per trent anni, a partire dal anno del matrimonio - egli ha infatti regolarmente trascorso i mesi della villeggiatura estiva nella casa di Poggio alla Farnia (foto 5), portata in 5. Casa Marcacci Kienerk a Poggio alla Farnia dote dalla moglie Margherita, figlia del caro amico conosciuto a Pavia, il toscano Arturo Marcacci, Professore di Fisiologia all Università della città lombarda dal 1904 al La generosa donazione in vita di più di cento opere che Vittoria Kienerk ha dunque voluto fare alla cittadinanza, ha spinto l Amministrazione di Fauglia a realizzare l importante opera pubblica del Museo Civico Giorgio Kienerk, utilizzando come ideale contenitore della sua arte le antiche carceri giudiziarie - da tempo adibite a magazzino comunale - poste sul retro del palazzo municipale, che erano in avanzato stato di degrado e sono state meritatamente restaurate. Vincolato dalle Belle Arti, lo storico complesso carcerario, con i luminosi corridoi e le celle dai soffitti a volta di botte e dalle finestre a bocca di lupo, si è rivelato particolarmente adatto ad accogliere la composita produzione rimasta tra le pareti domestiche e nello studio del pittore. Un sapiente restauro conservativo, diretto delle giovani architette Michela Pecenco e Marta Fioravanti, ha donato al museo dedicato a Giorgio Kienerk un raro fascino, congiunto a una 14

15 avanzata funzionalità. È una suggestiva struttura periferica, facilmente raggiungibile, che coniuga l arte di Kienerk al patrimonio storico delle carceri ottocentesche. L assetto originario del fabbricato, nelle dimensioni e nell aspetto, è stato rigorosamente mantenuto, e gli elementi originali (infissi, inferriate, porte e finestre) debitamente risanati, sono stati rimessi in uso. Nel contempo sono stati realizzati tutti gli interventi necessari a rendere gli ambienti idonei ad accogliere un complesso museale, predisponendo gli opportuni impianti tecnici adatti alla conservazione di opere d arte e rispondenti alle disposizioni di legge in materia di sicurezza e di superamento delle barriere architettoniche. La riqualificazione delle ex-carceri ai fini museali è stata resa possibile grazie ai finanziamenti che il Sindaco Riccardo Froli, a seguito della proposta di donazione presentata da Vittoria Kienerk, ha ottenuto rivolgendosi al Ministero per i Beni e le Attività Culturali (allora era ministro Giuliano Urbani). Nel Giugno del 2006 sono iniziati i lavori di recupero che si sono conclusi nel luglio del Il 27 settembre 2008 il Museo viene inaugurato e aperto al pubblico. Nel settembre del 2011, con il rito della donazione solenne, Vittoria Kienerk ha ufficialmente e definitivamente consegnato le opere del padre alla Comunità di Fauglia, nella persona del Sindaco Carlo Carli. Il Museo è strutturato su due lunghi corridoi, forniti di ampie finestre, che si incontrano ad angolo retto in una stanza di passaggio. Alle estremità dei corridoi sono collocate l entrata e l uscita di sicurezza. Lungo entrambi i corridoi sulla sinistra si aprono tre celle, piccoli vani dal soffitto basso fatto a volta. Le celle sono fornite di una finestra con robusta inferriata - dalla quale è visibile uno spicchio di cielo - rivolta su un cortile a chiostra, ambiente che un tempo serviva per l ora d aria dei detenuti. Alcuni vani, con gli interventi di ristrutturazione sono stati collegati tra loro con aperture che li rendono comunicanti, il percorso espositivo è fluido e razionale. 15

16 La collezione del Museo Giorgio Kienerk ha operato a cavallo tra Otto e Novecento, svolgendo un personale e articolato percorso espressivo che ha preso il suo avvio dalla grande lezione dei due maestri macchiaioli - Adriano Cecioni e Telemaco Signorini - frequentati in età giovanile. Poi, agli inizi degli anni Novanta, orientandosi su ricerche e sperimentazioni di andamento internazionale, Kienerk è andato maturando scelte linguistiche innovative - dal divisionismo, all art nouveau, al simbolismo - rivelandosi interprete efficace e originale, specialmente nell illustrazione e nella grafica, di quella complessa ed inquieta fase storico-artistica che ha aperto alla sensibilità novecentesca. La naturale predisposizione all eclettismo nell arte ha permesso a Giorgio Kienerk di esprimersi agilmente come scultore, pittore, illustratore, grafico e cartellonista, sempre con alti risultati. Il suo museo conserva una collezione eterogenea, composta da sculture a tutto tondo e a bassorilievo, da pitture ad olio e a pastelli, da importanti disegni, dalle estrose macchie senza contorni disegnati ideate agli inizi del Novecento, da una serie di taccuini e anche da numerosi strumenti da lavoro - tavolozze, cavalletti, colori, gessetti - che la figlia Vittoria ha custodito, insieme a tanti altri oggetti, libri, fotografie e documenti che sono appartenuti all artista. Complessivamente le opere donate coprono tutto il percorso artistico di Kienerk, dalla produzione giovanile agli ultimi anni. Il Museo fornisce dunque un fedele spaccato della sua ricca personalità creativa, consentendo al visitatore di coglierne i compositi aspetti. Una emblematica vicenda personale durata sessant anni attraverso la quale affiorano e si ricompongono le dinamiche culturali, la movimentata atmosfera artistica, la cronaca e le inquietudini di una epoca di transizione che ha segnato la nascita del mondo contemporaneo. 16

17 Il percorso museale Il primo corridoio Lungo tutto il corridoio ovest (foto 6) sulla destra figura una miscellanea di copie anastatiche di pagine di riviste illustrate da Kienerk tra la fine degli anni Novanta ed i primi anni del Novecento (Fiammetta, Il Cavalier Cortese, Gil Blas, Cocorico, L Avanti della Domenica, Novissima). A quell epoca, Kienerk non si dedicava solo alla pittura e alla scultura, ma palesando una grande capacità 6. Il primo corridoio inventiva, lavorava molto come illustratore di rinomate riviste di tendenza, italiane e francesi (foto 7 e 8). Le opere dell artista sono collocate nelle celle e nella stanza della guardia carceraria che fungono da sale espositive, sono state ripartite nei vari ambienti per soggetto o tecnica artistica. 7. Illustrazione per Fiammetta, Ritratto di Rodin, copertina per L Avanti della Domenica,

18 9. La cella dedicata alla donna Lo sguardo sulla donna Le prima cella (foto 9) che si incontra nel corridoio ovest è dedicata alla donna, musa ispiratrice dell artista, fonte per Giorgio Kienerk di costante e sempre rinnovata ispirazione. Dall introspezione del carattere femminile nel ritratto, all ammirazione per la giovinezza senza tempo espressa nel nudo, all indagine sul mistero di volti e sguardi intensi fino alla disincantata annotazione delle abitudini di vita della donna à la page, protagonista di numerose illustrazioni eseguite per note riviste del tempo. Le tecniche artistiche con cui Kienerk interpreta la figura femminile sono le più diverse, tutte padroneggiate con uguale disinvoltura. Alle pareti figurano due dipinti a olio, l importante brano pittorico de La lettrice (1897)(foto 10), in cui la pennellata di 10. La lettrice, Sorriso, 1900 ca., litografia a colori 18

19 Kienerk è fluida e mossa di disinvolto andamento impressionista, e L abito verde, eseguito nel L Italia ride e Sorriso (foto 11) sono le estrose, sincopate macchie senza contorni disegnati ideate dall artista agli inizi del Novecento, geniale trasformazione in sigla del volto femminile. Mentre il classico disegno del Profilo antico (1911) è una sanguigna che palesa la sua eccezionale tempra di disegnatore. Al centro della cella è esposta la graziosa e spigliata scultura policroma Ritratto di modella (1914) (foto 12), dal sorriso malizioso il brioso Panchina (1907 ca.), e ancora il brioso bassorilievo in gesso patinato a bronzo, di gusto belle époque La panchina (1907), dedicato alla grazia della donna corteggiata. I bassorilievi: ritratto e allegoria La seconda cella è dedicata ai bassorilievi in gesso, per lo più riferibili al periodo pavese, ritraenti i profili di note personalità del tempo, come il Premio Nobel Camillo Golgi (foto 13) e il Senatore garibaldino Giulio Adamoli, o semplicemente di parenti ed amici dell artista, come l incisore Emilio Mazzoni Zarini. Prevale l attenzione vigile alla verità fisica degli effigiati, che negli esempi più tardi - come Francesca e Emilio Rebuschini acquisisce una maggiore severità 13. Camillo Golgi, 1906, gesso 12. Ritratto di modella, 1914 ca., visto dallo spioncino della porta della cella 19

20 plastica, forse frutto del clima artistico Novecento. Ma nella cella sono esposti anche bassorilievi a carattere allegorico, come l elegante, lieve figuretta femminile Ars (foto 14), che raccoglie intorno a sé gli strumenti delle arti; dichiaratamente più solenne la figura che afferma la validità della Scienza nella targa in 14. Ars, 1913 ca., gesso onore del Professor Carlo Formenti. Significativo il grande bassorilievo intitolato Lo Scienziato (foto 15), tradotto in bronzo nel Monumento di Eugenio Beltrami all Università di Pavia, frutto di un alta concezione simbolica che indica nella ricerca il perenne stimolo dell operare dello scienziato. 15. Lo Scienziato, 1908 ca., gesso patinato 20

21 16. La Vittoria che lava (alle pile), 1925 Il fuggevole incanto dell infanzia La terza cella è dedicata alle bambine. Protagonista è Vittoria, la figlia dell artista ritratta bambina (foto 16). Attraverso le fresche e vivaci tavolette, possiamo seguire la sua crescita negli anni. Dal 1919, anno del matrimonio con Margherita Marcacci, Kienerk trascorre con la famiglia ogni villeggiatura nella casa di Poggio alla Farnia a Fauglia: qui, dopo i lunghi inverni pavesi, l artista torna a dipingere all aperto. Quando non è impegnato a ritrarre un motivo naturale, Kienerk coglie la figlia occupata in qualche svago infantile; la segue con sguardo curioso e ne fissa l immagine con svelte pennellate. Oppure ritrae Vittoria dentro casa, come nel dipinto Alla finestra (foto 17) quando, seduta sul davanzale, attenta e raccolta, ascolta la madre. Kienerk riesce a fermare il fuggevole incanto dell affettuosa intimità familiare, accostando rapide e sintetiche 21

22 pennellate che vibrano sulla tela. Nella cella sono esposti anche due piccoli medaglioni in gesso e in bronzo, che rappresentano i volti paffuti dei fratellini Gemma e Nino, mobile quello della bambina, levigato quello del maschietto. Sul cavalletto figura Ranieri Cerina, nipote di Francesco Gioli, ritratto eseguito da Kienerk agli inizi degli anni Quaranta, che il protagonista ha voluto donare alla comunità faugliese in occasione dell apertura del Museo dedicato a Giorgio Kienerk. 17. Alla finestra (Vittoria e Margherita),

23 Il nudo, dalla scultura al disegno Alla fine del corridoio è la stanza di passaggio, dove verosimilmente stava il custode del carcere. Al centro di questa sala campeggia L Anguilla (foto 18), importante scultura in gesso patinato a bronzo: nella semplice fugacità dell attimo raffigurato, la figura del ragazzo, concentrata ma aperta a molteplici punti di vista, richiama un naturalismo di matrice europea. Con il bozzetto dell opera Kienerk aveva vinto nel 1892 il concorso Baruzzi di Bologna, eseguendo poi l esemplare in marmo (Bologna, Musei Civici), basato sul gesso qui esposto. 18. L Anguilla, 1893 gesso patinato Kienerk si sofferma ancora sul corpo umano nei disegni di modelli in posa eseguiti alla Scuola Libera del Nudo di Firenze, cui fanno da contraltare le due imponenti figure a grandezza naturale di Nudo femminile da tergo e Nudo femminile di fronte (foto 19), eseguite per il concorso del 1907 all Accademia di Mode- 23

24 na: tra naturalismo e art nouveau, coniugano un disegno netto e sinuoso con la morbidezza degli effetti di luce. Nei due studi della Vasca del Nettuno di Piazza della Signoria a Firenze, l artista studia invece con curiosità il dinamismo quasi animalesco dei corpi bronzei dei satiri, immersi in un atmosfera crepuscolare. Chiudono il percorso 19. Nudo femminile da tergo e Nudo femmile di fronte, 1907 le immagini dell artista e della figlia Vittoria, protagonisti di questo museo. Due opere significative realizzate con pastelli duri nel periodo maturo: severa analisi fisionomica il primo, culmine e conclusione di un lungo percorso di indagine sullo sguardo che oltrepassa lo spettatore il secondo. Il secondo corridoio All inizio della parete di destra del secondo corridoio è collocato il cartellone che assembla l attività di grafico per la Riviera Ligure: accanto ad alcune illustrazioni realizzate per la rivista, vi sono esempi di grafica pura, con invenzioni di fantasiosi capilettera, di finalini e di caratteri alfabetici. Nel Novecento Kienerk studia e elabora elementi di scrittura decorativa e caratteri tipografici sintetici e moderni, sigle, cifre e capilettera. Per La Riviera Ligure, rivista pubblicitaria dell Olio Sasso alla quale i proprietari - i Novaro di Oneglia - vogliono dare un impostazione culturale, letteraria ed artistica, Kienerk cura appunto la veste grafica, ren- 24

25 dendola raffinata e moderna. Proseguendo nel percorso museale, sempre lungo il corridoio a destra figurano fotografie di opere scultoree non presenti nel museo, Al Sole, Vanità, Il manicotto e Testa di Medusa (foto 20), scultura questa in ceramica a lustri di tendenza simbolista degli inizi del Novecento. Sulla sinistra del corridoio è l accesso alle altre tre celle. 20. Testa di Medusa, ca., collezione privata Variazioni di paesaggio e La Nonna In questa quarta cella, il generoso prestito da parte della Galleria d Arte moderna di Firenze di dodici paesaggi datati 1915 e 1917, permette di documentare la fase in cui Kienerk, durante la pausa estiva, si dedica al paesaggio intorno a Firenze e a Besozzo sul Lago Maggiore. L artista concentra il suo amore di sempre per la campagna in quadri di piccolo formato, realizzati con indubbia finezza formale, usando ora piccole pennellate fratte, ora fluidi tocchi macchiati. Si passa dalla mutevole luminosità e forma delle nuvole dei cieli estivi esaltati dal verde profondo della campagna, ai quieti colori spenti dei castagni nel primo autunno. Notevoli le variazioni cromatiche nel vivace brano pittorico della Corte rustica. Anticipano questa produzione della maturità due opere che costituiscono tappe fondamentali: La nonna (L addipanatrice) del 1889, esempio del fare verista, in cui il pittore ventenne reinterpreta un immagine cara alla poetica signoriniana e Alberi sul mare (1891) (foto 21), di poco posteriore, che segna la raggiunta autonomia stilistica nella resa, vibrante e sensibilissima, dell atmo- 25

26 sfera marina. Suggestivo il fremito della pennellata che distingue quest opera, fondamentale nel percorso dell artista, che registra la precoce adesione di Kienerk alla sperimentazione divisionista condivisa a Genova anche da Plinio Nomellini e da Angelo Torchi. 21. Alberi sul mare a San Martino d Albaro,

27 Fauglia: idillio naturale e familiare La quinta cella, dedicata a Fauglia, presenta i vari aspetti della campagna attorno alla casa dell artista a Poggio alla Farnia. La vastissima produzione pittorica realizzata durante la villeggiatura dal 1919 al 1948, è stata nel tempo venduta da Kienerk ed è dispersa in collezioni pubbliche e private; le opere a tematica faugliese rimaste presso la figlia non sono quindi numerose. Tra fine giugno e i primi di novembre Kienerk dipinge con costanza, quasi dimenticando lo scorrere del tempo. Il solleone non gli impedisce di lavorare per ore nei campi di granturco, tra gli ulivi o intorno a casa. I motivi di signoriniana memoria si moltiplicano in un susseguirsi di fresche impressioni: dipinti pieni di luce, di colori vivi esaltati da pennellate veloci in una festosa sintesi di tutte le esperienze pittoriche dell artista, ora indifferente alle nuove correnti d arte, e serenamente appagato dal personale idillio instaurato con la natura. In questa cella prendono vita pagliai riarsi dal sole, fugaci nuvole settembrine, baldanzosi galletti (foto 22), cupi cespugli su tramonti rosati. Quasi a rappresentare l estate l immagine della figlia Vittoria con il grande cappello di paglia (foto 23). Nella bacheca sono esposti i taccuini dell artista (foto 24), quelli che durante la seconda guerra mondiale si sono salvati dal bombardamento che colpì gravemente la casa dei Kienerk di via La Farina a Firenze. Gran parte della produzione grafica (una intera cassa di disegni e di appunti) di Kienerk è infatti andata dispersa in quella occasione. 27

28 Il galletto (porta del cigliere), 1943

29 23. Ritratto di Vittoria con il cappello di paglia, Ulivi, cipressi e case, 1887 disegno a penna del taccuino A

30 L artista al lavoro Nella sesta cella sono raccolti gli strumenti da lavoro dell artista (foto 25). In questa stanza si respira l atmosfera intima dello studio del pittore, c è la sua attrezzatura per dipingere all aria aperta; le sue tavolozze, piccole tavolette rimaste incompiute, foto d epoca, i calchi dei gessi. Due piccoli disegni del pittore Gastone Rossini datati 1946 ritraggono il profilo di Giorgio Kienerk con il cappello di paglia e la figura intera dell artista intento a dipingere all aria aperta. Sotto queste immagini sono esposti quegli stessi attrezzi disegnati da Rossini, per tanti anni conservati nella casa di Poggio alla Farnia. Nella vetrina, accanto alle fotografie d epoca dell artista, sono riuniti oggetti che testimoniano il suo interesse per l arte applicata, dai timbri ai monogrammi su carta da lettere, fino al cartoncino con il suo autoritratto a macchia che fungeva da biglietto da visita. Alle pareti vecchie riproduzioni di opere eseguite dall artista e il sorprendente dipinto a olio del Fauno che insegue una ninfa lontana, opera che rivela una vena umoristica del pittore sulla traccia del mito. L archivio Il percorso espositivo si conclude con la stanza dell archivio (conterrà i documenti, le fotografie e la biblioteca con la produzione editoriale sull artista che passerà al Museo con il legato testamentario di Vittoria), alle pareti figurano la riproduzione fotografica del busto del Professor Giovanni Zoia e la gigantografia del Monumento Comi del Cimitero Monumentale di Bologna. La stanza è destinata al centro di documentazione e ai supporti didattici con postazione multimediale per i visitatori che vogliono perfezionare la conoscenza dell artista. 30

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA

ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA ELIN DANIELSON GAMBOGI, UNA DONNA NELLA PITTURA in immagini Livorno rende omaggio in occasione della Festa della Toscana che quest anno è significativamente dedicata alle donne alla pittrice finlandese

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

Elenco opere per sezioni

Elenco opere per sezioni LA RISCOPERTA DI UN MAESTRO TRA SIMBOLISMO E NOVECENTO PORDENONE GALLERIA D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ARMANDO PIZZINATO VIALE DANTE 33 10 APRILE 21 SETTEMBRE 2014 Elenco opere per sezioni Autoritratto

Dettagli

in immagini Vittore Grubicy de Dragon, Verso il lago, 1896 olio su tela, cm. 64,5x55,5 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914

in immagini Vittore Grubicy de Dragon, Verso il lago, 1896 olio su tela, cm. 64,5x55,5 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914 LUCE E PITTURA IN ITALIA. 1850-1914 in immagini Dal 23 gennaio al 4 maggio 2003 il Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno ospita la grande mostra Luce e pittura in Italia. 1850-1914, curata da Renato

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

pissarro l anima dell impressionismo family guide

pissarro l anima dell impressionismo family guide pissarro l anima dell impressionismo family guide +5 CAMILLE PISSARRO Il giovanotto che vediamo rappresentato è Camille Pissarro. Dipinge questo autoritratto poco prima dei 25 anni. Da un isola delle Antille

Dettagli

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione

GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione GIOVANNI MUZZIOLI (1854-1894) Il vero la storia e la finzione Palazzo Foresti, via San. Francesco 20, Carpi 27 novembre 2009-24 gennaio 2010 Mostra promossa e organizzata da Società Palazzo Foresti, Carpi

Dettagli

nel nel giardino del gigante...

nel nel giardino del gigante... nel nel giardino del del gigante... Scuola dell infanzia Scuola dell infanzia - Scuola primaria classi 1^ 2^ 3^ Scuola primaria classi 4^ 5^ - Scuola secondaria di I grado Visita autogestita al Giardino

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca

Anima conviviale testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Xxxx testo Annarita Triarico Foto Villa la Bianca Un amorevole restauro conservativo ha trasformato la villa che fu dello scrittore e critico letterario Cesare Garboli in un accogliente guest house di

Dettagli

ARTECULTURATERRITORIO VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE. La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno ANNO SCOLASTICO 2014/15

ARTECULTURATERRITORIO VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE. La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno ANNO SCOLASTICO 2014/15 ARTECULTURATERRITORIO La collezione di opere d arte della Fondazione Livorno VISITE E LABORATORI GRATUITI PER LE SCUOLE ANNO SCOLASTICO 2014/15 L OFFERTA DIDATTICA La Fondazione in collaborazione con la

Dettagli

Adolfo Tommasi L anima di un archivio e le verità dell artista

Adolfo Tommasi L anima di un archivio e le verità dell artista Adolfo Tommasi L anima di un archivio e le verità dell artista a cura di Francesca Cagianelli con Francesca Luseroni Edizioni ETS Adolfo Tommasi L anima di un archivio e le verità dell artista collana

Dettagli

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie

Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie Percorsi didattico-museali e formazione agli insegnanti gratuiti per le scuole dell infanzia, primarie e secondarie ANNO SCOLASTICO 2013-2014 A cura di Un iniziativa proposta alle scuole da Intesa Sanpaolo

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture

VERONIKA VAN EYCK 1936-2001. Sculture VERONIKA VAN EYCK 1936-2001 Sculture Veronika van Eyck Sculture Nel vasto panorama della scultura italiana del Novecento, una posizione di rilievo è occupata da Veronika van Eyck, nativa di Monaco ma milanese

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it Leonardo

Dettagli

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Omaggio a Luciano Minguzzi Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 26 gennaio al 29 aprile 2012 Inaugurazione mercoledì 25 gennaio 2012, ore 18.30 Comunicato stampa Bologna, 24 Gennaio 2012 - La rinnova, a partire

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità

VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità VACANZE IN ABRUZZO una straordinaria normalità premessa Si fa un gran parlare in questi giorni di vacanze in Abruzzo (lo stesso Presidente del Consiglio è alla ricerca di casa) dopo le note vicende che

Dettagli

Silvia Serafini Tommaso Paloscia

Silvia Serafini Tommaso Paloscia Silvia Serafini Silvia Serafini nasce nel 1966 e vive a Firenze da sempre. La sua vita è tutta dedicata all arte, dagli studi giovanili all'istituto per l'arte ed il Restauro di Palazzo Spinelli e in seguito

Dettagli

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza

NOVARA. citta per la cultura. La cultura e una risposta all umana ricerca di conoscenza NOVARA la La e una risposta all umana ricerca di conoscenza PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO E INVESTIRE NELLA CONOSCENZA E NEL RISPETTO DELLA PROPRIA STORIA: Nuovo Spazio la Cultura PICCOLO COCCIA Nella

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI

DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI DOMENICA 19 APRILE 2015 PRIMO EDUCATIONAL DAY PROMOSSO DA AMACI ASSOCIAZIONE DEI MUSEI D ARTE CONTEMPORANEA ITALIANI Botto & Bruno per l Educational Day, Silent walk, fotocollage, 2014 Laboratori, workshop,

Dettagli

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI

L UMANITA E I SUOI ARCHETIPI IL LINGUAGGIO URBANO Il concetto di arte scivola un pò sempre a secondo dei tempi e delle mode culturali. Oggi scivola malamente anche in nome di uno scaltro mercato creando confusione e spaesamento. Come

Dettagli

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi

L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Istituto Comprensivo «G.B.Toschi» Baiso Concorso di idee io amo i beni culturali 2012-2013 L arte in una stanza viaggio intorno al mondo di Toschi Una stanza per l arte Lo Studiolo Lo studiolo è un ambiente

Dettagli

PAUL KLEE E L ITALIA

PAUL KLEE E L ITALIA PAUL KLEE E L ITALIA Componi un Diario di forme e colori! Per bambini dai 7 ai 10 anni Paul Klee, viaggiatore appassionato, ha visitato più volte l Italia e ci ha raccontato avventure, emozioni e sogni

Dettagli

Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia, 6948 Porza (Ticino CH) 24 marzo 29 settembre 2013

Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia, 6948 Porza (Ticino CH) 24 marzo 29 settembre 2013 Comunicato stampa, marzo 2013 Dialogo tra generazioni Robert B. e Robertson Käppeli Erich Lindenberg disegni e acquerelli un dialogo tra l uomo e lo spazio Fondazione d arte Erich Lindenberg, Villa Pia,

Dettagli

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti

INformAZIONE. impara un arte... incontri di formazione e aggiornamento per docenti incontri di formazione e aggiornamento per docenti In occasione della mostra su Dosso Dossi, artista del Rinascimento attivo presso la corte estense di Ferrara e nel Magno Palazzo del cardinale di Trento,

Dettagli

Presentazione A bituati oggi alle guide turistiche con belle immagini colorate, dal ricco corredo informativo sia culturale che pratico, ritrovarsi tra le mani questa ristampa anastatica di una guida di

Dettagli

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO

INCIDENDO LABORATORIO DIDATTICO INCIDENDO Incidendo è un progetto didattico rivolto alle classi della Scuola Primaria. Si propone di avvicinare il bambino al mondo dell incisione, tecnica artistica che ha radici lontane nel tempo ma

Dettagli

Fondazione Carlo Perini

Fondazione Carlo Perini Fondazione Carlo Perini EXPO 2015 Proposta di riqualificazione delle periferie Il Cavallo di Leonardo in Piazzale Accursio/Portello a Milano Aprile 2014 Milano, aprile 2014 Dare visibilità al Cavallo di

Dettagli

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi

POESIA NELLA CITTÀ. foto di Andrea Ulivi POESIA NELLA CITTÀ VERSILIADANZA EDIZIONI DELLA MERIDIANA in collaborazione con COMITATO del CENTENARIO MARIO LUZI 1914-2014 con il sostegno del COMUNE DI FIRENZE - ESTATE FIORENTINA 2014 foto di Andrea

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

La Certosa per le scuole

La Certosa per le scuole POLO MUSEALE TOSCANO La Certosa per le scuole Progetti didattici per le scuole dell'infanzia Anno scolastico 2015-2016 I Servizi Educativi del Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci presentano

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

Il corriere dell arte

Il corriere dell arte Il corriere dell arte della II D - a cura di Rebecca Vaudetto e Davide Cozzi, docente Giusi Raimondi Numero 1/2011 DA VEDERE LIGABUE La giungla nella Bassa È la produzione pittorica del più grande pittore

Dettagli

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI IL MUSEO DI TUTTI L INTEGRAZIONE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Un obiettivo di questi progetti speciali è dimostrare che la conoscenza dell arte può essere favorita da varie modalità d apprendimento; tale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo

LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli. Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo LA PRIMAVERA di Sandro Botticelli Arte e Immagine 2014-2015 Balbi Valier Pieve di Soligo Dati informativi dell opera Tipologia: Dipinto Autore: Sandro Botticelli (Alessandro Filipepi, Firenze1445-1510)

Dettagli

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico

Prof. Renato Belvedere Presentazione per utilizzo didattico LICEO SOCIO-PSICOPEDAGOGICO REGINA MARGHERITA PALERMO Lezioni di Storia dell Arte A.S. 2014/2015 - Classi 5e Presentazione per utilizzo didattico 2 Di là del faro. Paesaggi e pittori siciliani dell'ottocento

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed. Impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO. Tra Vedutmo, Romanticmo ed. Impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO Tra Vedut"mo, Romantic"mo ed Impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE ARTISTICA FINALITA La disciplina mira nelle sue varie articolazioni, alla maturazione delle capacità di esprimersi e di comunicare

Dettagli

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo. A cura $ Tarabo%i Jessica

IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedutmo, romanticmo ed impressionmo. A cura $ Tarabo%i Jessica IL PAESAGGIO VENEZIANO tra vedut"mo, romantic"mo ed impression"mo A cura $ Tarabo%i Jessica PRESENTAZIONE Il tema della mostra d arte è il paesaggio veneziano: uno dei paesaggi più suggestivi al mondo

Dettagli

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30 ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 12 dicembre '11 N di pagine (compreso

Dettagli

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura

Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura GALLERIA SABAUDA Percorso di visita e laboratorio Dentro la pittura Si propone un'esperienza introduttiva alla realtà del museo e un approccio alle opere d arte come immagini e come prodotti materiali.

Dettagli

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445

LEONARDO DA VINCI. Vol II, pp. 436-445 LEONARDO DA VINCI Vol II, pp. 436-445 445 1452-1519 1519 la vita 1452 nasce a Vinci 1469 va a bottega dal Verrocchio 1476 è accusato di sodomia e assolto 1482 si trasferisce a Milano e lascia incompiuta

Dettagli

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO

COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO COMUNE DI BRACCIANO REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO Art. 1 Denominazione, definizione, sede Il Museo Civico di Bracciano è un organismo permanente, senza fini di lucro, istituito dal Comune di Bracciano con

Dettagli

Udi STELLA REA foto di CORRADO BONOMO

Udi STELLA REA foto di CORRADO BONOMO casa del mese Vintage a corte La porta della casa padronale si apre e, davanti agli occhi, tanti oggetti d'altri tempi, scandiscono pesi e misure di un alcova dove il vintage e i materiali di recupero

Dettagli

I cipressini di giorno, Arturo Checchi

I cipressini di giorno, Arturo Checchi I cipressini di giorno, Arturo Checchi I cipressini, Checchi L opera I cipressini di giorno è stata realizzata con olio su tela da Arturo Checchi nel 1912, in seguito al soggiorno in Baviera. Pertanto

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello*

La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello* La Biblioteca Comunale di Montale Castello La Smilea e il Fondo Fiabe proveniente dall Institut Français Firenze Dal Palazzo al Castello* La Biblioteca Comunale di Montale, nata negli anni 70, è stata

Dettagli

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti

La Tour Eiffel. La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti La Tour Eiffel La Tour Eiffel sembrava un faro abbandonato sulla terra da una generazione scomparsa, da una generazione di giganti 1889, Edmond de Goncourt, scrittore e critico letterario orrendo mostro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI

PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI PROGRAMMA ACCOMPAGNATORI COOKING CLASS Accademia di Alta Cucina Pepe Verde Domenica, 8 Novembre 2015 (durata 6 ore) Meeting Point: ore 9.30 - Ergife Palace Hotel Ingresso principale L Accademia di Alta

Dettagli

Marilena Corallo. Inserirmi nel contensto dei laboratori scolastici e progetti di manualità artisticoartigianale. Obiettivi

Marilena Corallo. Inserirmi nel contensto dei laboratori scolastici e progetti di manualità artisticoartigianale. Obiettivi Via Zeriolo 48/a 31050 Morgano (Tv). Tel. 0422 739278; cell.. 3386191743 mary_corallo@libero.it www.marilenacorallo.it Marilena Corallo Obiettivi Inserirmi nel contensto dei laboratori scolastici e progetti

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

Giorgio De Chirico 1888-1978

Giorgio De Chirico 1888-1978 Giorgio De Chirico 1888-1978 De Chirico e la Metafisica La Metafisica è quella verità nuova che si cela in ogni oggetto se solo si riesce a vederlo o immaginarlo al di fuori del suo solito contesto La

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di:

Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni. Foto: Giuliana Pinzani. Testo di: Progetto grafico e impaginazione: Serena Beoni Foto: Giuliana Pinzani Testo di: Serena Beoni In copertina: Giuliana Pinzani Raffinatezza - tecnica mista su tavola (gesso - metallo - acrilico) giuliana

Dettagli

LE FILIGARE. winery and accomodations in Chianti. Wedding

LE FILIGARE. winery and accomodations in Chianti. Wedding LE FILIGARE winery and accomodations in Chianti Wedding Vivi un giorno indimenticabile nel cuore del Chianti Classico Le Filigare Le Filigare è il nome della collina, dove si trova l agriturismo, nel cuore

Dettagli

1. DALLA MANIERA LOMBARDA AL QUADRO DI STORIA ANTICA

1. DALLA MANIERA LOMBARDA AL QUADRO DI STORIA ANTICA Di origini modeste, nasce a Verona il 21 giugno 1827, dove compie i primi studi presso il seminario e dal, 1842, all Accademia di Belle Arti, con la guida di Giovanni Caliari. Nel 1846 passa all Accademia

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg.

1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. http://emeroteca.braidense.it/ 1934: Amerigo Belloni: La nuova sede del liceo ginnasio Giuseppe Parini da Milano - Rivista mensile del Comune, febbraio 1934, pagg. 63-66 Elaborazione digitale e trascrizione

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori

IL MUSEO E LA SCUOLA Visita al Museo e Laboratori Toni Benetton Treviso, Italia 1910-1996, è considerato uno dei maggiori scultori contemporanei, particolarmente autorevole nel campo delle Macrosculture. Nel 1938 frequenta il corso di scultura all Accademia

Dettagli

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento

Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento Le dimore dei marchesi Arconati nell'ottocento a cura di Patrizia Ferrario In occasione della giornata di studi Lettere di liberta'.costanza Arconati Trotti Bentivoglio (biblioteca A. Manzoni, Trezzo sull'adda

Dettagli

Per i cento anni dal ritorno in

Per i cento anni dal ritorno in L ANNO DI AMEDEO Tutto il 2009 sarà dedicata alla sua opera, per i 100 anni dal suo rientro in Italia Per i cento anni dal ritorno in Patria dell artista, diverse manifestazioni avranno luogo da maggio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO ISA 1 Scuola Statale Secondaria di primo grado Jean Piaget La Spezia ARTE E IMMAGINE Programmazione biennio a.s. 2013/2014-2014/2015 (Primo e secondo anno di scuola media) L educazione

Dettagli

LA STORIA DELLA BICICLETTA

LA STORIA DELLA BICICLETTA LA STORIA DELLA BICICLETTA Dalla realizzazione di un disegno di Leonardo da Vinci tratto dal Codice Atlantico, attraverso velocipedi ottocenteschi originali, fino ai prototipi delle grandi case automobilistiche

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

IN MONTAGNA ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI

IN MONTAGNA ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI ECLETTICI GIRAMONDO TESTO DI MARGHERITA DALLAI / FOTO DI ADRIANO BRUSAFERRI A CELERINA, A POCHI PASSI DALLE PISTE DA SCI, L ABITAZIONE DI UNA COPPIA DI GRANDI VIAGGIATORI, CON TESTIMONIANZE DI CULTURE

Dettagli

1828 1856 ADOLFO FUMAGALLI

1828 1856 ADOLFO FUMAGALLI 1 ADOLFO FUMAGALLI Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli - Milano 1828 1856 Compositore e pianista virtuoso, fu senza dubbio uno degli esponenti più illustri dell Ottocento musicale italiano.

Dettagli

Wedding Wedding Wedding W

Wedding Wedding Wedding W Wedding Wedding Wedding Wedding W Wedding Wedding Wedd ingwedding Wedding edding Wedding Wedding W ing Wedding Wedding Wedd edding Wedding Wedding W ing Wedding Wedding Wedd edding Wedding Wedding Wedding

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Antonio Lani (Lione 1932)

Antonio Lani (Lione 1932) 132 Antonio Lani (Lione 1932) Via Crucis, 1952-1953 14 terrecotte invetriate, cm 60 x 40 ca. (ciascuna) MONTECICCARDO, Chiesa di San Sebastiano 17 Nato a Lione, fratello gemello di Paolo, anch egli artista,

Dettagli

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Il melo gentile IL DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Di Dino Arru Con Dino Arru e le marionette del Dottor Bostik Regia Dino Arru e Silvano Antonelli Voce narrante Silvano Antonelli Musiche originali Silvano Antonelli

Dettagli

LA TENUTA IL PARCO. Tra Torino e le Langhe CASTELLO DI PRALORMO

LA TENUTA IL PARCO. Tra Torino e le Langhe CASTELLO DI PRALORMO LA TENUTA La tenuta comprende, oltre al castello, il parco storico, il giardino fiorito, le pertinenze (l Orangerie, antica serra per gli agrumi, e la Castellana, imponente fabbricato rurale) e l azienda

Dettagli

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine

Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca. Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine Primo Rinascimento: gli artisti Piero della Francesca Prof. Antonio Fosca Docente di Arte e Immagine La vita e le opere Per capire bene alcuni aspetti dell arte del primo Rinascimento, proviamo ad analizzare

Dettagli

Kids Time Group. Creative Summer Center

Kids Time Group. Creative Summer Center Kids Time Group Creative Summer Center ДЛЯ ДЕТЕЙ И ИХ РОДИТЕЛЕЙ. MУЛЬТИ- ЛИНГВИСТИЧЕСКАЯ ПРОГРАММА Opening 2015 28 July - 08 August Forte dei Marmi / Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200 +39 391 457

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012)

LAPIDE AI CADUTI. * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) LAPIDE AI CADUTI * A cura di Beatrice Fraschini (Liceo Berchet, a.s. 2011-2012) La lapide nell'attuale criptoportico, l'antico atrio di ingresso del Berchet oggi, come allora, al numero civico 24 di via

Dettagli

PARTECIPAZIONI A CONCORSI, MOSTRE, PREMI, MANIFESTAZIONI

PARTECIPAZIONI A CONCORSI, MOSTRE, PREMI, MANIFESTAZIONI PARTECIPAZIONI A CONCORSI, MOSTRE, PREMI, MANIFESTAZIONI 1932 Prima Mostra di Irene Cova nel suo Studio d Arte. 1933 Irene Cova espone alla Triennale di Milano il suo piatto graffito Biscione poi esposto

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

PINACOTECA SOTTO TORCHIO

PINACOTECA SOTTO TORCHIO PINACOTECA SOTTO TORCHIO Appuntamenti con la grafica i segreti della tecnica, il fascino del Bianco e Nero Calendario Progetto promosso da Comune di Collesalvetti Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti

PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO. pittura scultura argenti tessuti PROPOSTA DIDATTICA MUSEO DIOCESANO DI TORINO I LABORATORI Visita guidata al Museo della durata complessiva di circa 45 minuti con un momento di approfondimento di fronte ad alcune opere, selezionate sulla

Dettagli

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone

Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone RELAZIONE TECNICA Adeguamento del Parco e della Serra del Museo delle Ville Storiche di Caltagirone PO FESR SICILIA 2007-2013 DELL OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3 LINEA D'INTERVENTO 3.1.3.3 PROGETTO BIENNALE

Dettagli

M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami

M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami M.M. no. 36 concernente la donazione al Comune di opere del Maestro Valerio Adami Locarno, 2 dicembre 2013 Al Consiglio Comunale L o c a r n o Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Il presente messaggio

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città

Arco. nella storia, nella natura. Itinerario di visita alla città Arco nella storia, nella natura Itinerario di visita alla città La visita ad Arco può cominciare, appena superato il ponte sul fiume Sarca, nella piazzetta San Giuseppe, all inizio di via G. Segantini.

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

10 buoni motivi per acquistare una residenza storica a Vicarello di Volterra

10 buoni motivi per acquistare una residenza storica a Vicarello di Volterra 10 buoni motivi per acquistare una residenza storica a Vicarello di Volterra PERCHE ACQUISTARE UNA RESIDENZA NEL COMPLESSO STORICO DI VICARELLO DI VOLTERRA? 1. RESIDENZE UNICHE E DI PRESTIGIO Ci sono immobili

Dettagli