MANUALE DELLE PROCEDURE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELLE PROCEDURE"

Transcript

1 MANUALE DELLE PROCEDURE IL FASCICOLO AZIENDALE Pag. 1/29

2 INDICE 1 PRINCIPI GENERALI QUADRO NORMATIVO DEFINIZIONI LA BASE DATI GESTIONE DEI FASCICOLI FRONT OFFICE IL MANDATO DI RAPPRESENTANZA Esercizio del mandato Revoca del mandato Rinuncia del mandato Costituzione del fascicolo Regole per il trattamento delle informazioni Particelle Titoli di conduzione GESTIONE E ARCHIVIAZIONE DEL FASCICOLO Gestione fascicolo aziendale Attività presso gli Uffici CAA sperimentali Costituzione del fascicolo Apertura Fascicolo Inserimento documenti nel fascicolo Archiviazione e custodia del fascicolo Trasferimento di Ufficio Chiusura del Fascicolo Cambio di CAA Attività presso l Ufficio CAA non sperimentali VALIDAZIONE DEL FASCICOLO CONTROLLI SUL FASCICOLO NUOVI PRODUTTORI GESTIONE DEGLI ACCESSI BACK OFFICE AGEA NAVIGAZIONE WEB ALLEGATI ALLEGATO A Documentazione costituente il fascicolo aziendale ed utile per l attività dell AGEA di back office, informazioni da acquisire nel fascicolo elettronico ALLEGATO B Modello di validazione del fascicolo aziendale ALLEGATO C Modalità di fornitura dell elenco informatizzato delle strutture operative e relativi addetti da abilitare per l accesso al sistema PAC superfici Codifica CAA Nazionali Dati del CAA (Mandatario) ALLEGATO D - Requisiti tecnico organizzativi ALLEGATO E Attività di back office...29 Pag. 2/29

3 1 PRINCIPI GENERALI L introduzione del fascicolo aziendale segna il passaggio da un sistema di aiuti per ambiti di intervento ad una visione globale dell azienda quale insieme delle unità di produzione gestite dall agricoltore. Inoltre, consente di organizzare le informazioni disponibili nelle banche dati AGEA, con particolare riferimento al Sistema Integrato di Gestione e Controllo, e rese disponibili da altre banche dati passando da un ambito di intervento settoriale a un contesto aziendale, di validare le informazioni disponibili nelle banche dati AGEA da parte dell imprenditore agricolo, di certificare il patrimonio produttivo globale dell azienda. Il fascicolo aziendale è costituito da: un fascicolo cartaceo un fascicolo elettronico Il fascicolo cartaceo è organizzato dal CAA e si compone di: documenti cartacei presentati al CAA dall imprenditore agricolo, protocollati, custoditi ed archiviati secondo le relative specifiche. Il fascicolo elettronico si realizza tramite: la definizione delle informazioni che devono essere memorizzate; la memorizzazione delle informazioni desunte dal fascicolo del produttore; l organizzazione delle basi grafiche (poligoni delle particelle catastali con l evidenziazione dell uso del suolo sulla base delle ortofoto); l accoppiamento delle basi alfanumeriche con i poligoni grafici mediante le chiavi catastali. Ogni azienda ha l obbligo di costituire ed aggiornare il proprio fascicolo aziendale. Tale obbligo è disciplinato in modo specifico in funzione dei procedimenti amministrativi attivati. Se l azienda, nei tempi e nei modi stabiliti non provvede alle variazioni/integrazioni al proprio fascicolo aziendale, non adempie ai requisiti richiesti per l attivazione di un procedimento amministrativo che si conclude con la definizione di un provvedimento di erogazione dell aiuto. In prima istanza, vengono rese disponibili le informazioni relative all OCM Seminativi. La base dati sarà progressivamente ampliata ed integrata, in funzione dell ingresso di altri OCM nel fascicolo aziendale. Pag. 3/29

4 2 QUADRO NORMATIVO Regolamento (CEE) n. 3508/92 del Consiglio del 27 novembre 1992 che istituisce un sistema integrato di gestione e di controllo di taluni regimi di aiuti comunitari Regolamento (CE) n. 2419/2001 della Commissione, dell'11 dicembre 2001, che fissa le modalità di applicazione del sistema integrato di gestione e di controllo relativo a taluni regimi di aiuti comunitari istituito dal regolamento (CEE) n. 3508/92 del Consiglio. D.P.R. 1 Dicembre 1999, n. 503 Regolamento recante norme per l istituzione della Carta dell agricoltore e del pescatore e dell anagrafe delle aziende agricole, in attuazione dell art. 14, comma 3, del decreto legislativo 30 aprile 1998, n.173. DECRETO del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali 27 Marzo 2001 Requisiti minimi di garanzia e di funzionamento per le attività dei centri autorizzati di assistenza agricola. DELIBERAZIONE A.I.MA. n. 606/99 del 30 aprile Aiuti comunitari ai settori seminativi e della zootecnia per l'anno Adempimenti. CIRCOLARE AGEA 24 aprile 2001, n Istruzioni concernenti adempimenti specifici derivanti dalla vigente normativa comunitaria in ordine ai settori: seminativi, zootecnia, sviluppo rurale e settore vitivinicolo. Pag. 4/29

5 3 DEFINIZIONI Il Regolamento (CEE) N. 3508/92 fissa, all art. 1 comma 4, le seguenti definizioni: - imprenditore: il singolo produttore agricolo, persona fisica o giuridica o associazione di persone fisiche o giuridiche, indipendentemente dallo stato giuridico conferito secondo il diritto nazionale all'associazione e ai suoi membri, la cui azienda si trova nel territorio della Comunità; - azienda: l'insieme delle unità di produzione gestite dall'imprenditore che si trovano nel territorio di uno Stato membro; - parcella agricola: una porzione continua di terreno sulla quale un'unica coltura è effettuata da un unico imprenditore. Il medesimo regolamento, inoltre, all art. 4 recita: Il sistema alfanumerico di identificazione delle parcelle agricole viene elaborato in base a mappe e documenti catastali e altri riferimenti cartografici o su base di fotografie aeree o immagini spaziali o in base ad altri appropriati riferimenti giustificativi equivalenti o in base a parecchi di tali elementi. Il Regolamento (CE) n. 2419/2001 recita, nel punto 2 dei considerando : Ai fini di un efficace controllo e per evitare la presentazione di molteplici richieste di aiuti a diversi organismi pagatori dello stesso Stato membro, gli Stati membri devono predisporre un sistema unico per l'identificazione degli imprenditori agricoli che presentano domande di aiuto comprese nel sistema integrato. L art. 3 del citato regolamento dispone che: gli stati membri introducono un sistema unico per registrare l identità degli imprenditori che presentino una domanda di aiuto nell ambito del sistema integrato. L art. 4 del citato regolamento, Identificazione e dimensione minima delle parcelle agricole, recita: 1. Il sistema d'identificazione di cui all'articolo 4 del regolamento (CEE) n. 3508/92 è stabilito a livello delle parcelle agricole. Gli Stati membri possono prevedere l'utilizzazione di un'unità diversa dalla parcella agricola, come la parcella catastale o l'appezzamento. In tal caso, gli Stati membri garantiscono che le parcelle agricole siano identificate in modo attendibile, esigendo, in particolare, che le domande di aiuto per superficie siano corredate dagli elementi o dai documenti definiti dalle competenti autorità, al fine di localizzare e misurare ciascuna parcella agricola. 2. Ciascuno Stato membro determina la dimensione minima delle parcelle agricole che possono formare oggetto di una domanda di aiuto. Tale dimensione minima non può tuttavia superare 0,3 ha. L anagrafe delle aziende agricole è istituita dal D.P.R. 1 Dicembre 1999, n L art. 1, comma 2 del D.P.R. 1 Dicembre 1999, n. 503, individua nel codice fiscale il Codice Unico di identificazione delle Aziende Agricole (CUAA), mentre l art. 8 ne stabilisce le modalità di utilizzo: In ogni comunicazione o domanda dell'azienda trasmessa agli uffici Pag. 5/29

6 della pubblica amministrazione il legale rappresentante è obbligato a indicare il CUAA dell'azienda. Gli uffici della pubblica amministrazione indicano in ogni comunicazione il CUAA. Qualora nella comunicazione il CUAA fosse errato, l'interessato è tenuto a comunicare alla pubblica amministrazione scrivente il corretto CUAA. L art 1, comma 3 del D.P.R. 1 Dicembre 1999, n. 503, recita: A ciascuna azienda fa capo una o più unità tecnico-economiche (UTE), di seguito denominata unità; per unità si intende l'insieme dei mezzi di produzione, degli stabilimenti e delle unità zootecniche e acquicole condotte a qualsiasi titolo dal medesimo soggetto per una specifica attività economica, ubicato in una porzione di territorio, identificata nell'ambito dell'anagrafe tramite il codice ISTAT del comune ove ricade in misura prevalente, e avente una propria autonomia produttiva. Pag. 6/29

7 4 LA BASE DATI In prima istanza, vengono rese disponibili le informazioni di carattere alfanumerico (dati anagrafici e territoriali) e le informazioni di carattere grafico (superfici non seminabili, catasto dei terreni, ortofoto) relative all OCM Seminativi. La base dati sarà progressivamente ampliata ed integrata, in funzione dell ingresso di altri OCM nel fascicolo aziendale. La costituzione della base dati resa disponibile in questa prima fase (campagna 2003), per la definizione del fascicolo aziendale, si basa sulle dichiarazioni rese nelle domande di aiuto alle superfici della campagna 2002: Componente anagrafica Ai sensi di quanto disposto dal DPR 503/99 e dell articolo 3 del Reg. CE 2419/2001, sono rese fruibili le seguenti informazioni attraverso funzioni di visualizzazione, aggiornamento, inserimento: anagrafica aziendale validata (CUAA) dati relativi alla sede legale dell azienda ubicazione fisica dell azienda, dettagliata per singola UTE; estremi del rappresentante legale (ove esistente), codice aziendale attribuito dalla ASL. Componente territoriale A livello particellare sono rese disponibili le seguenti informazioni: superficie catastale; superficie aziendale (totale della superficie condotta delle particelle dall azienda; in fase di costituzione del fascicolo, tale superficie è quella derivata dalla domanda seminativi per il raccolto 2002); superficie seminabile, sulla base dei controlli AGEA; superficie non seminabile, sulla base dei controlli AGEA, ad esclusione delle particelle non ancora oggetto di un indagine specifica; superficie con vincoli amministrativi (art. 7 reg. (CE) n. 1251/99); superficie seminabile con restrizioni (pascolo e prato-pascolo); titolo di possesso (proprietà, affitto, ecc.) ed elementi ritenuti rilevanti, desunti dall esame della documentazione di supporto; Percentuale di possesso. Per la validazione del fascicolo aziendale, la componente territoriale è aggregata per consentire al dichiarante di visualizzare immediatamente le seguenti informazioni: superficie catastale su cui insiste l azienda, quale somma delle superfici catastali da cui è costituita l azienda stessa; superficie aziendale, quale somma delle superfici dichiarate a prescindere dalla loro utilizzazione (seminativi, fabbricati, foraggiere ed altre utilizzazioni); superficie non seminabile, quale somma delle superfici aziendali non compatibili con i seminativi, accertate dall AGEA; Pag. 7/29

8 Pag. 8/29 superficie seminabile, quale somma delle superfici aziendali decurtate le superfici non seminabili ; superficie con vincolo amministrativo per taluni premi seminativi; superficie in contestazione (sovrapposizione di superfici, particelle non identificate, frazionamenti, accorpamenti) per le quali è necessaria una attività di verifica e definizione da parte dell AGEA Componente grafica Sulla base dell elenco delle particelle catastali indicate nel fascicolo alfanumerico, viene costituito il limite dell azienda, espresso come aggregazione dei poligoni catastali delle particelle che compongono l azienda stessa, visualizzati sullo sfondo dell ortofoto più recente disponibile per il territorio oggetto della rappresentazione. E evidente che per le particelle con superficie in contestazione il limite proposto è suscettibile di variazioni sulla base degli elementi documentali forniti dall interessato e sulla base delle attività di verifica e validazione svolte da AGEA. Definizioni A chiarimento dei concetti sopra esposti vengono assunte le seguenti definizioni. Si definisce come superficie seminabile quella porzione di territorio destinata a: Seminativo: superfici che dalla consultazione a video evidenziano la seminabilità del terreno, che rappresenta una coltivazione in atto o l'esecuzione di lavorazioni meccaniche; queste superfici devono risultare libere da vegetazione arbustiva naturale. Possono essere considerate seminabili anche quelle aree nelle quali siano presenti delle piante sparse con una distribuzione inferiore alle 50 piante per ettaro (o frazioni di 50 piante per porzioni inferiori, ad es. 5 piante/1000 mq). Coltivazioni arboree non specializzate (consociabili): oliveti, vigneti e frutteti, ecc., consociabili con seminativi. In termini generali una coltura viene classificata "consociabile" quando siano verificate le seguenti condizioni: - nei terreni con sesto di impianto regolare la distanza tra i filari (interfila) è superiore a 5 metri e la distanza tra le chiome delle piante tra i filari è superiore a 3 metri al fine di consentire la semina; - negli impianti a sesto irregolare quando la densità di piante per ettaro o frazioni è compresa tra 100 e 400 piante per ettaro e la distanza media delle chiome sia maggiore di 3 metri. Si definisce come superficie seminabile con restrizioni quella porzione di territorio destinata a: - pascoli permanenti (terreni esclusi dall'avvicendamento colturale e destinati in modo permanente a produzioni erbacee naturali). Si definisce come superficie non seminabile quella porzione di territorio destinata a: - usi non agricoli (ad esempio: calanchi, rocce affioranti, laghi, fiumi, fabbricati, strade, manufatti, ecc.); - colture forestali;

9 - colture permanenti (ad esempio: colture arboree); In particolare la classificazione delle utilizzazioni del suolo riferita alla porzione non seminabile è: Fabbricati: - insediamenti urbani residenziali e commerciali; - fabbricati agricoli e loro pertinenze (stalle, fienili, aie, giardini, orti, ecc.); - manufatti, capannoni, fabbriche, opifici; - parchi, impianti sportivi, parcheggi; - aree estrattive, cave, miniere e discariche; - strade, ferrovie e loro pertinenze solo se di larghezza superiore a 5 metri. Acque corsi d'acqua (fiumi, torrenti, canali, ecc.) laghi, bacini artificiali, baie, lagune, ecc.. Boschi: superfici con copertura vegetale arborea naturale e non (superfici forestali, ecc.). Incolti sterili: superfici con evidenti segni di non coltivabilità, come rocce affioranti, calanchi, frane, dirupi, aree denudate per erosione, spiagge, greti fluviali, ecc. Coltivazioni arboree specializzate (non consociabili): oliveti, vigneti, frutteti, ecc. specializzati, non consociabili con seminativi. Una coltura sarà classificata specializzata quando: negli impianti a sesto regolare la distanza tra i filari (interfila) è inferiore a 5 m. oppure quando la distanza tra le chiome delle piante tra i filari è inferiore a 3 metri; negli impianti a sesto irregolare la densità di piante per ettaro è superiore a 400 piante o comunque la distanza media delle chiome sia inferiore a 3 metri. Nell individuazione delle zone arborate le aree vengono delimitate sulla ipotetica linea rappresentata dal piede dei tronchi e non dai limiti delle chiome, inoltre in prossimità dei limiti di boschi occorre tenere conto dell'eventuale ombra causata dalla proiezione delle chiome; la presenza di alberi disposti in fila, proprio sui confini degli appezzamenti/particelle non devono essere presi in considerazione. Le strade interpoderali, le case, le siepi, i fossi ed i canali all'interno delle particelle devono essere delimitate solo se la loro superficie è superiore ai 100 metri quadrati. In particolare le strade vengono prese in considerazione solo se con larghezza maggiore di 5 metri. Pag. 9/29

10 5 GESTIONE DEI FASCICOLI 5.1 FRONT OFFICE La base dati, grafica ed alfanumerica, predisposta come al punto precedente è messa a disposizione dei produttori attraverso i CAA, per via telematica. 5.2 IL MANDATO DI RAPPRESENTANZA Esercizio del mandato L art. 15 del D.M. 27 marzo 2001 recita: Il CAA è tenuto ad acquisire, dall utente, apposito mandato scritto ad operare nel suo interesse, da cui deve risultare l impegno, da parte dell utente stesso, di: a) fornire al CAA dati completi e veritieri; b) collaborare con il CAA ai fini del regolare svolgimento delle attività affidate; c) consentire l attività di controllo del CAA nei casi di cui all art. 2, comma 2 del presente decreto. L art. 2, comma 2 del citato D.M., recita: Il CAA ha, in particolare, la responsabilità della identificazione del produttore e dell accertamento del titolo di conduzione dell azienda, della corretta immissione dei dati, del rispetto di quanto di competenza delle disposizioni comunitarie, nonché la facoltà di accedere alle banche dati del SIAN esclusivamente per il tramite di procedure di interscambio dati. Il mandato esclusivo, conferito dal produttore al CAA, obbliga questo a costituire e mantenere aggiornato per conto del produttore il fascicolo aziendale, nonché ad adempiere agli obblighi inerenti qualsiasi procedimento amministrativo sottoscritto dal mandatario. Ai fini della predisposizione del fascicolo il produttore può recarsi e dare mandato di rappresentanza presso qualsiasi CAA riconosciuto e abilitato alla gestione del fascicolo stesso in base ad apposita convenzione e relativo atto esecutivo stipulato con AGEA. Propedeuticamente alla visualizzazione e verifica della consistenza territoriale dell azienda, il CAA deve raccogliere i mandati ed acquisirne a sistema gli estremi per poter fruire delle informazioni del fascicolo aziendale, messe a disposizione dall AGEA. Il CAA, a cui è delegato il servizio di costituzione ed aggiornamento del fascicolo aziendale, è vincolato da un rapporto convenzionale con l AGEA ed è tenuto a censire i profili ed i ruoli che i propri singoli operatori devono avere all interno del sistema informativo. La registrazione degli estremi del mandato in particolare consiste in 1. indicazione del CUAA del produttore delegante; Pag. 10/29

11 2. attesa della segnalazione di disponibilità all affiliazione da parte del S.I. (nessun altro CAA ha ricevuto analogo mandato); 3. segnalazione del mandato multiplo ai CAA interessati dall evento, con blocco ad operare per l azienda interessata finché non viene effettuata la revoca da parte dei CAA coinvolti; 4. inserimento della data di inizio del mandato, desumibile dal documento protocollato e inserito all interno del fascicolo cartaceo. Ai CAA saranno resi disponibili unicamente i fascicoli elettronici dei produttori dai quali hanno ricevuto mandato esclusivo Revoca del mandato Il mandato esclusivo a tempo indeterminato può essere revocato previo congruo preavviso. Tale operazione è necessaria per consentire al produttore (al quale verrà anche riconsegnato il proprio fascicolo cartaceo) di gestire autonomamente le proprie posizioni nei confronti dell Amministrazione. Copia dei documenti costituenti il fascicolo riconsegnato dovrà essere mantenuta a carico del CAA revocato fino a chiusura dei procedimenti amministrativi aperti durante il periodo di validità del mandato. I procedimenti amministrativi aperti durante la validità del mandato devono essere portati a compimento ai sensi e per gli effetti del I comma dell art c.c.. Gli atti, pertanto, compiuti per definizione dei predetti procedimenti non prorogano la validità del mandato revocato ma ne costituiscono il naturale adempimento. Il produttore può, comunque, espressamente derogare al predetto disposto dichiarando per iscritto di voler gestire autonomamente anche la fase di chiusura del procedimento amministrativo aperto in vigenza del mandato revocato Rinuncia del mandato La rinuncia del mandato può essere effettuata anche dal CAA nei confronti del produttore, laddove per comprovati motivi, il CAA stesso rescinde il contratto con il mandante. Anche in questo caso il CAA è tenuto a registrare sul SIAN l evento, percorrendo gli stessi passi sopra descritti, aggiungendo la notifica del recesso al produttore. Il produttore che incorra in questo caso viene dall AGEA considerato non affiliato a nessun CAA, quindi sarà cura dello stesso produttore adempiere agli obblighi e doveri imposti dalla normativa vigente per l aggiornamento del fascicolo cartaceo e del seguente invio dello stesso ad AGEA Costituzione del fascicolo I CAA devono raccogliere e conservare, sotto la loro responsabilità, tutti i documenti giustificativi per la costituzione del fascicolo cartaceo del produttore, così come espresso nell allegato A del presente manuale. Pag. 11/29

12 In particolare, nel citato allegato, sono elencati i documenti che devono essere raccolti dal CAA per tipologia evidenziando i casi in cui è obbligatorio o opzionale acquisirli. I CAA devono acquisire le informazioni desunte dai documenti giustificativi raccolti nel fascicolo cartaceo per costituire/aggiornare il fascicolo aziendale elettronico, attraverso applicazioni software fornite in via telematica, così come espresso nell allegato A del presente manuale Regole per il trattamento delle informazioni Particelle L inserimento di una particella in un fascicolo elettronico può essere effettuata dal CAA attraverso l acquisizione delle informazioni desunte dai documenti giustificativi. Al termine delle operazioni di acquisizione è possibile visualizzare il perimetro dell azienda. La determinazione del perimetro territoriale dell azienda avviene (in automatico) limitatamente alle particelle per le quali esiste un poligono nel sistema. Per le particelle per le quali risulta impossibile visualizzare i limiti (mancanza del poligono catastale), il CAA deve: indicare e/o confermare il centroide associato non rilevato dall AGEA; nei casi in cui non sia possibile rintracciare il centroide relativo, il CAA deve richiederne la lavorazione attraverso la trasmissione di una proposta grafica dei limiti dell appezzamento, che ha una valenza propositiva per il lavoro di validazione a carico dell AGEA. In particolare è possibile suddividere e ricondurre le attività relative al trattamento della consistenza territoriale a: a. Particelle vettorializzate: sono le particelle che hanno centroide e poligono catastale non corrispondente alle informazioni catastali in possesso del produttore b. Particelle non vettorializzate con centroide: sono le particelle per le quali non risulta un poligono catastale, ma per le quali esiste il centroide ed il grafo catastale sottostante è coerente con le informazioni catastali in possesso del produttore. c. Particelle non individuate con grafo catastale: sono particelle per le quali non esiste il centroide ma esiste il grafo catastale coerente con le informazioni catastali in possesso del produttore. d. Particelle non individuate senza grafo catastale: sono particelle per le quali non esiste il centroide e non esiste il grafo catastale coerente con le informazioni catastali in possesso del produttore, ovvero esiste un centroide ma il tematismo catastale e/o il grafo catastale relativo non sono coerenti con le informazioni in possesso del produttore. Pag. 12/29

13 E evidente che le superfici così determinate sono superfici sub judice (superfici in contestazione) fintanto che non si completa il lavoro di back office di validazione dell AGEA; a tale proposito i documenti giustificativi delle proposte grafiche inserite dai CAA devono pervenire ad AGEA propedeuticamente alla fase di validazione delle stesse. I documenti utilizzati dall AGEA per la risoluzione delle superfici in contestazione sono gli stessi elencati nell allegato A del presente manuale. Nella tabella che segue sono schematizzate le attività da effettuare da parte delle componenti del sistema (CAA e Back Office): CASO ATTIVITA CAA BACK OFFICE a. Attivazione funzione di frazionamento e trasmissione Propone Valida documentazione Ovvero Attivazione funzione di accorpamento e trasmissione documentazione b. Attivazione funzione di vettorializzazione della particella Attiva e valida c. Attivazione funzione di inserimento centroide; Propone Valida Attivazione funzione di vettorializzazione della particella; Trasmissione documentazione d. Attivazione funzione di inserimento centroide; Attivazione funzione di vettorializzazione della particella; Trasmissione documentazione Propone Valida Le particelle oggetto del presente capoverso devono essere acquisite esclusivamente per gli utilizzi e secondo la tempistica prevista al capoverso Resta inteso che il completamento dei limiti aziendali comporta anche la lavorazione delle particelle non oggetto di premio che dovranno essere introdotte successivamente all inserimento dei poligoni oggetto di lavorazione nell ambito di altre OCM (gis oleicolo e vitivinicolo) resi disponibili da AGEA Titoli di conduzione Le informazioni relative ai titoli di conduzione dei terreni devono essere acquisite in ogni caso entro il 31 ottobre di ciascun anno, soltanto per gli appezzamenti oggetto di richiesta di premio e rientranti tra le particelle con superfici in contestazione limitatamente ai casi di sovrapposizione di superfici. Per il 2003, in funzione degli utilizzi dichiarati nelle domande di premio, la tempistica di inserimento dei dati dovrà rispettare le seguenti scadenze: Seminativi entro il 31/10/2003; Leguminose entro il 31/10/2003; Risone entro il 31/10/2003; Foraggere entro il 30/11/2003; Pag. 13/29

14 Foraggi da destinare alla trasformazione entro il 30/11/2003; Sementi certificate entro il 30/11/2003. Successivamente alla costituzione del fascicolo elettronico, dovrà essere acquisita a sistema la documentazione a supporto di qualunque modifica relativa alla consistenza aziendale e/o alla titolarità di conduzione di una particella. 5.3 GESTIONE E ARCHIVIAZIONE DEL FASCICOLO Gestione fascicolo aziendale Il CAA deve dotarsi di una struttura operativa con apparecchiature atte a garantire l operabilità in ambiente WEB. Il CAA deve garantire la protocollazione dei documenti raccolti sul territorio in modalità AIPA compatibile e comunicare ad AGEA dove questa attività viene svolta. Il CAA deve garantire l archiviazione e la custodia dei fascicoli raccolti e comunicare ad AGEA dove tali documenti sono archiviati e custoditi. Entro il 30 giugno i CAA devono dotarsi degli strumenti che gli consentano di lavorare in modalità WEB. I CAA, per l anno 2003, designeranno alcune sedi che opereranno in modalità sperimentale per la costituzione del fascicolo aziendale e la presentazione della domanda seminativi su WEB. Si descrivono di seguito le modalità di gestione dei documenti cartacei connessi con la costituzione del Fascicolo Aziendale, nonché le modalità di trattamento previste Attività presso gli Uffici CAA sperimentali Costituzione del fascicolo La Costituzione del Fascicolo Aziendale è propedeutica alla presentazione di un qualsiasi procedimento amministrativo e si sostanzia sulla base dei documenti presentati dai soggetti interessati. A tale fine un operatore dovrà connettersi al SIAN per l attivazione delle procedure di Costituzione del Fascicolo Aziendale. Ciascun operatore sarà attribuito ad un Ufficio CAA, individuato dai seguenti parametri: 1. Codice CAA; 2. Codice Provincia; 3. Codice Ufficio. Tale codifica rappresenta un AOO (Area Operativa Omogenea) che sarà riportata nelle stampigliature di protocollo, nonché nella numerazione dei singoli Fascicoli Aziendali. Superati i controlli di accesso ed attivata la procedura, l operatore sarà obbligato ad individuare l Azienda, sulla base del CUAA. Espletati i controlli di validità formale e gestita la comunicazione con la procedura di validazione, con le modalità indicate in altra sezione del documento, l operatore potrà gestire la casistica seguente: Pag. 14/29

15 Apertura Fascicolo Al fascicolo aziendale è attribuito dal sistema un numero univoco nell ambito della sede del CAA connessa. Tale numerazione sarà riprodotta su apposita etichetta adesiva, con il formato seguente: 1. CAA: codice CAA; 2. Provincia: sigla automobilistica; 3. Ufficio: num. Progressivo Ufficio; 4. Fascicolo: num. Progressivo Fascicolo. L etichetta è apposta sul contenitore dei documenti che costituiranno il fascicolo in modo da garantire l immediata reperibilità degli stessi anche ad archiviazione avvenuta ai sensi del reg. (CE) 1663/95. La numerazione evidenziata sulla stampa è finalizzata a consentire di gestire in maniera univoca l archiviazione dei fascicoli cartacei Inserimento documenti nel fascicolo L inserimento dei documenti nel fascicolo, per un soggetto di competenza dell Ufficio CAA, deve essere completata, al più tardi, entro il 31 ottobre 2003 e prevede: 1. classificazione del documento la classificazione è operata sulla base delle codifiche di cui all allegato A. Tali codifiche saranno successivamente integrate sulla base delle indicazioni normative riguardanti i regimi di premio connessi con la gestione del Fascicolo Aziendale. 2. assegnazione del numero di protocollo il numero di protocollo, automaticamente assegnato dal SIAN, risulterà progressivo nell ambito dell ufficio CAA operante. La stampigliatura sarà riportata su una etichetta adesiva da apporre sul documento interessato, nell angolo superiore destro del fronte della prima pagina o del retro dell ultima pagina. La stampigliatura riporterà i dati seguenti: - numero progressivo del documento; - codice CAA; - sigla Provincia; - codice ufficio; - data di protocollazione (GG/MM/AAAA) Il numero progressivo sarà opportunamente evidenziato. 3. rilevazione numero traccia Qualora sia necessario acquisire nel Fascicolo Aziendale documentazione standardizzata, emessa dall AGEA, si dovrà imputare il numero traccia esistente sul documento. Tale numero individuabile sul frontespizio del documento, in posizione Alto- Destra, risulta rappresentato con codifica a barre. 4. Acquisizione immagine Qualora sia determinata l esigenza di acquisire l immagine informatica del documento, tale operazione potrà essere richiesta in questa fase. In tal caso, la nomenclatura degli archivi costituiti, uno per ciascuna pagina prodotta, dovrà attenersi agli elementi seguenti: Pag. 15/29

16 - annualità; - numero protocollo (Ufficio CAA Progressivo); - num. progressivo del foglio. Il CAA deve garantire che l immagine acquisita sia conforme al documento originale e che tali documenti siano resi disponibili a richiesta. 5. Riepilogo documenti del Fascicolo Al termine delle operazioni di inserimento, viene prodotta la distinta dei documenti costituenti il Fascicolo Aziendale. Tale distinta riporterà le informazioni seguenti: - data dell operazione; - numerazione del Fascicolo Aziendale (Ufficio CAA, progressivo); - intestatario del Fascicolo Aziendale ; - elenco dei documenti presenti l elenco, in ordine anno - numero protocollo (Ufficio CAA - progressivo), per ciascun documento riporta le informazioni seguenti: - numero progressivo nell ambito del fascicolo - numero protocollo (progressivo Ufficio CAA); - data protocollo - tipologia documento - eventuale numero traccia AGEA Archiviazione e custodia del fascicolo La funzione di archiviazione consente l immissione dei riferimenti di localizzazione dei singoli Fascicoli Aziendali. In particolar modo, è consentita l indicazione di un Ufficio CAA di archiviazione e custodia, diverso dall Ufficio CAA di competenza. In tal modo è garantita la concentrazione dei fascicoli di più uffici in una unica struttura, afferente ad un Ufficio CAA, adeguata al mantenimento della documentazione, secondo la normativa vigente in tema di sicurezza, controllo degli accessi e di dotazione antiincendio. In tale contesto le informazioni richieste risultano: Ufficio CAA rappresenta l ufficio in cui il Fascicolo Aziendale risulta reperibile. Settore Consente l indicazione delle aree separate in cui un archivio esteso può essere organizzato. Armadio Rappresenta una unità organizzativa dell archivio che possa essere chiusa da sportelli oppure compattata, unendosi ad un armadio che precede, così da interdire l accesso ai documenti. Piano rappresenta il ripiano nell ambito dell armadio, contato dal basso verso l alto, in cui il fascicolo è ubicato. Nel caso di armadiature composte da colonne, la numerazione dei piani prosegue progressivamente incrementandosi, passando dallo ultimo alto di una colonna al primo basso della colonna successiva. Locazione rappresenta la posizione progressiva nell ambito del piano da sinistra verso destra. Pag. 16/29

17 Se i fascicoli vengono archiviati all interno dello stesso armadio in modo progressivo rispetto al numero univoco del fascicolo, e questi è ben visibile sul dorso del fascicolo stesso, tale da essere facilmente rintracciabile, è possibile omettere l indicazione del piano e della locazione Trasferimento di Ufficio La dinamica nella gestione degli Uffici CAA consente il trasferimento delle competenze inerenti la gestione di fascicoli Aziendali già esistenti, ad un nuovo Ufficio CAA. A tale riguardo, il CAA comunica all AGEA i fascicoli da trasferire, nonché gli Uffici coinvolti. A trasferimento effettuato, la nuova documentazione apportata sarà connotata con i riferimenti di protocollo del nuovo Ufficio, mentre la documentazione già esistente conserva i dati già esistenti Chiusura del Fascicolo Rappresenta l atto formale con cui un soggetto economico definisce la propria Cessazione di Attività. In tal caso, si opererà l acquisizione agli atti del fascicolo di un documento che ne rappresenti l ufficializzazione a fini istituzionali, con le modalità precedentemente esposte. L indicazione di tale tipologia di documento, inoltre, impedirà l ulteriore aggiornamento del Fascicolo Aziendale Cambio di CAA Il cambiamento di CAA è una operazione diversa dal Trasferimento di Ufficio-CAA. Il CAA che riceve una revoca dal mandato esclusivo deve consegnare al produttore il proprio fascicolo aziendale, mantenendo nei propri archivi una copia conforme di tutta la documentazione consegnata, ove ritenuto necessario Attività presso l Ufficio CAA non sperimentali Si riferisce alle sedi operative CAA non sperimentali e che abbiano scelto di non operare in modalità WEB fino al 30 giugno Pertanto, per i produttori con riferimento a tali strutture la composizione del Fascicolo Aziendale sarà operata con modalità asincrona, a partire dalle informazioni riportate nella Domanda Seminativi - Raccolto Tali strutture provvederanno alla compilazione delle domande di premio in argomento utilizzando gli strumenti informatici di ausilio, descritti nell apposito manuale reso disponibile. Le modalità operative prevedono la predisposizione di un modello cartaceo di domanda, su cui il produttore dovrà apporre la propria firma di convalida. Tale documento sarà conservato presso l Ufficio, unitamente alla documentazione allegata, che dovrà confluire nel Fascicolo Aziendale, previa convalida con il SIAN. Le informazioni saranno trasmesse al SIAN in via telematica. Pag. 17/29

18 Presso il SIAN saranno selezionate le informazioni del Fascicolo Aziendale e sarà, quindi, precostituito un Fascicolo Aziendale in attesa di Validazione, attribuendo una numerazione di Fascicolo Aziendale, con le caratteristiche definite nel paragrafo Unitamente saranno attivate le garanzie affinché ciascun soggetto interessato da tale modalità possa essere trattato dall Ufficio CAA di competenza. I titoli indicati nell allegato A dovranno essere registrati nel SIAN nei tempi e nelle modalità indicati nel paragrafo L utente potrà effettuare le operazioni seguenti: 1. produrre l etichetta del Fascicolo Aziendale; introdurre le informazioni di dettaglio di ciascun allegato, per il quale il sistema assegnerà il numero di protocollo, con il formato già definito. 2. produrre l etichetta di protocollo e effettuare la stampa su etichetta adesiva dei dati di protocollo; 3. attivare l eventuale scansione del documento - tale operazione sarà effettuata con le modalità precedentemente descritte; 4. produrre la distinta dei documenti del Fascicolo 5. archiviare il Fascicolo. 5.4 VALIDAZIONE DEL FASCICOLO Per la validazione del fascicolo aziendale da parte del produttore, il CAA provvede alla stampa ed alla sottoscrizione dello stesso, secondo il formato riportato nell Allegato B. La stampa, sottoscritta dal produttore, deve essere inserita nel fascicolo cartaceo del produttore da parte del CAA. La validazione del fascicolo è registrata anche nel sistema informativo, annotando la data in cui è stato consolidato lo stesso, tenendo conto che finché non intervengano altri eventi (ad es.: modifiche sul territorio successive alla validazione del fascicolo aziendale), le informazioni dichiarate e sottoscritte dal produttore costituiscono la base per la presentazione della domanda di aiuto alle superfici. Secondo quanto disposto dall art. 10 del DPR 503/99, Le informazioni relative ai dati aziendali, compresi quelli relativi alle consistenze aziendali ed al titolo di conduzione, risultanti dal fascicolo aziendale, costituiscono la base di riferimento e di calcolo valida ai fini dei procedimenti istruttori in tutti i rapporti con la pubblica amministrazione centrale o locale in materia agroalimentare, forestale e della pesca, fatta comunque salva la facoltà di verifica e controllo dell'amministrazione stessa. 5.5 CONTROLLI SUL FASCICOLO L AGEA rende disponibili informazioni derivanti da precedenti controlli amministrativi ed in loco, validati al momento del controllo, che riguardano: - Verifica e validazione dei soggetti dichiaranti e dei rappresentanti legali attraverso gli incroci con l anagrafe tributaria e l utilizzazione del CUAA come elemento univoco di identificazione. - Verifica e validazione delle aziende con Partita IVA, attraverso l incrocio con l anagrafe tributaria e l incrocio tra i dati relativi al CUAA e alla Partita IVA. Pag. 18/29

19 - Verifica e validazione delle coordinate bancarie per il pagamento degli aiuti attraverso l ABI. - Verifica e validazione delle particelle catastali attraverso l incrocio con la base dati del catasto terreni e le attività di aggiornamento con i certificati catastali aggiornati forniti dai produttori in sede di contenzioso. - Verifica e validazione delle superfici dichiarate attraverso le attività di censimento delle superfici non seminabili e i controlli a campione. - Verifica e validazione degli utilizzi dichiarati attraverso le visite in campo rivolte all accertamento della coltura inserita in domanda. Sulla base di tali informazioni, il CAA è tenuto a farsi rilasciare una dichiarazione da parte del soggetto interessato che attesti l attualità e corrispondenza della propria situazione aziendale e che la superficie seminabile per ogni singola particella era destinata a seminativi al 31 dicembre 1991 (reg. (CE) n. 1251/99) Pag. 19/29

20 6 NUOVI PRODUTTORI I CAA che ricevono mandato esclusivo da parte di un produttore che per la prima volta presenti domanda nell ambito della PAC Seminativi 2003, devono provvedere a: Costituire il fascicolo cartaceo del produttore sulla base dei dettami dell allegato A; Inserire la componente anagrafica (controlli in linea - interconnessione con l Anagrafe Tributaria - coordinate territoriali, indirizzo, ecc.); Inserire la componente territoriale (controlli in linea catasto, vettori disponibili, ortofoto, ecc.); Determinare le superfici di pertinenza sulla base degli elementi disponibili; Validare il fascicolo aziendale e conservarne copia agli atti del CAA. Pag. 20/29

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ALLEGATO 1 SIAN. Linee guida per lo sviluppo del Sistema

ALLEGATO 1 SIAN. Linee guida per lo sviluppo del Sistema ALLEGATO 1 SIAN Linee guida per lo sviluppo del Sistema INDICE Premessa... 3 1 I soggetti che costituiscono il SIAN... 5 2 Architettura logica del Sistema... 7 2.1 I dati... 8 2.1.1 Il Fascicolo Aziendale...

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell economia

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli