IL SETTORE DELL ENERGIA IN BULGARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL SETTORE DELL ENERGIA IN BULGARIA"

Transcript

1 IL SETTORE DELL ENERGIA IN BULGARIA aggiornamento marzo 2012 I. QUADRO NORMATIVO II. III. POLITICA ENERGETICA NAZIONALE GAS NATURALE, PETROLIO, ENERGIA ELETTRICA A. GAS NATURALE B. PETROLIO C. ENERGIA ELETTRICA 1. Reti di trasmissione 2. Tipi di produzione a) Nucleare b) Idro-elettrica c) Termo-elettrica d) Energia da fonti rinnovabili Nota a parte 3. Distribuzione 4. Mercato regolato e libero mercato dell energia elettrica D. ENERGIA TERMICA, TELERISCALDAMENTO IV. GRANDI PROGETTI V. FIERE DEL SETTORE IN BULGARIA Pagina 1 di 10

2 I. QUADRO NORMATIVO Il settore dell energia, strategico e prioritario per il Paese, è disciplinato attualmente dai seguenti principali atti normativi: Legge sull energia Legge sull efficienza energetica Legge sull Energia da Fonti Rinnovabili ed Alternative e sui Biocombustibili Legge sulle Concessioni Legge sull Ambiente II. POLITICA ENERGETICA NAZIONALE Il Parlamento bulgaro ha adottato, nel giugno 2011, la nuova Strategia energetica fino al 2020 che pone l accento sullo sviluppo del settore attraverso la diversificazione delle forniture energetiche, la crescita di un mercato dell energia concorrenziale, il miglioramento dell efficienza energetica. La sicurezza nazionale dal punto di vista energetico è collegata con la partecipazione della Bulgaria ai progetti di gassificazione South Stream, di gasdotti di interconnessione con i Paesi vicini e di ampliamento delle capacità di stoccaggio di gas naturale. Oltre al gas, le altre priorità riguardano lo sviluppo dell energia nucleare e da fonti rinnovabili (quest'ultima oggetto di una nota di mercato specifica, disponibile sul sito rubrica "Informazioni utili"). III. GAS NATURALE, PETROLIO, ENERGIA ELETTRICA A. GAS NATURALE L unico fornitore di gas naturale del Paese è la Russia, le cui forniture coprono il 90% del fabbisogno nazionale. Si delinea una tendenza all aumento delle disponibilita di gas in Bulgaria, gia manifestatasi nel corso del 2011, attraverso i giacimenti di Kavarna e Kaliakra e l ampliamento del deposito di Chiren. I consumi totali di gas naturale sono in calo; dai 4,6 miliardi di m 3 del 1997 ai 3,4 miliardi del 2008 e ai 2,5 miliardi del 2009, per rimanere pressoche stabili nel 2010 (2,67 miliardi di m 3 ) e nel Principale utilizzatore di questa fonte energetica è l'industria ed in particolare quella energetica che assorbe il 38% del totale, seguita da quella chimica, con il 24%. Pagina 2 di 10

3 Il 20% dei Comuni bulgari sono collegati all infrastruttura del gas naturale (nella UE tale percentuale varia dal 27% all 80%); vengono raggiunte aziende e strutture commerciali e famiglie. Grazie ad una moderna legislazione, il Governo bulgaro ha suddiviso il territorio in cinque macroaree omogenee, per assegnare - tramite gare - concessioni in esclusiva per la costruzione e gestione delle reti gas. Le concessioni sono assegnate direttamente dallo Stato per intere regioni, per una durata di 35 anni prorogabili. La proprietà delle reti è del Concessionario. Operano nel settore della distribuzione del gas compagnie private, tra cui la principale è OVERGAS SpA (società mista con la Gazprom russa), con il 65,4% di quota di mercato. L Italia e in prima fila tra le società operanti nel settore, con ben tre utilities attive: AMGA Udine, Societa Gas Rimini e Acegas. Amga e presente in Bulgaria gia dai primi anni 2000, gestendo la distribuzione del gas nelle regioni bulgare della Moesia e Dobruja (nel nord-est del Paese), attraverso la controllata Black Sea Technology Company (BSTC), che si e aggiudicata una concessione della durata di 35 anni. Complessivamente, la quota di mercato dell impresa italiana è di circa il 13% del mercato bulgaro della distribuzione del gas. Societa Gas Rimini, attraverso la controllata City Gas Bulgaria, si e aggiudicata nel 2005 la gara per la distribuzione e la vendita di gas nella regione della Trakia (nel centro-sud del Paese). Il progetto prevede la costruzione di circa 2mila chilometri di condotte stradali in 10 anni, con una concessione in esclusiva per 35 anni. La concessione consente alla società riminese di detenere una quota pari al 9,1% del mercato nazionale. Nel 2006 AcegasAps, in joint venture al 52% con Costruzioni Dondi (48%), si è aggiudicata la gara per la costruzione e successiva gestione in regime di concessione (per 35 anni) della rete di distribuzione del gas nella regione dello Zapad (nel nord-ovest della Bulgaria), attraverso la controllata Rilagas. Il programma di metanizzazione prevede la costruzione di 870 km di rete di distribuzione. Nel 2009 AcegasAps ha perfezionato con Costruzioni Dondi l acquisto del restante 48% di Rilagas, restandone unica proprietaria. A fine 2011 il gruppo italiano ha completato le opere di metanizzazione delle citta di Blagoevgrad, Pernik, Dupnitza, Vratza e Radomir e nel corso del 2012 prevede di avviare l attivita' di distribuzione e fornitura del gas naturale anche alla citta di Sandanski. Pagina 3 di 10

4 B. PETROLIO L estrazione locale di petrolio grezzo rappresenta una quota marginale (23 mila tonn) ed il fabbisogno bulgaro è soddisfatto da importazioni, provenienti in massima parte dalla Russia. Russo e anche il capitale della piu grande raffineria dei Balcani, la Lukoil Neftochim, operante a Burgas, sulla costa bulgara del Mar Nero (www.lukoil.bg). La distribuzione di carburante per trasporto stradale avviene attraverso una rete di oltre stazioni di servizio nel Paese, per quantitativi commercializzati stimati in circa 2 milioni di tonnellate l anno. Per attenersi agli obiettivi europei, la Bulgaria dovrà raggiungere nel 2020 una quota di biocarburanti pari al 10% del combustibile utilizzato per il trasporto stradale. La miscelazione deve essere effettuata presso un deposito fiscale. Dal 1 luglio 2012, il contenuto minimo obbligatorio di biodiesel nella miscela sarà del 2%. C. ENERGIA ELETTRICA Se petrolio e gas naturale importato rappresentano circa il 60% delle necessita energetiche del Paese, il restante fabbisogno e assicurato da fonti interne, in massima parte carbone e combustibile nucleare. Fino alla vigilia dell ingresso nella UE il 1 gennaio 2007, la Bulgaria era produttore ed esportatore leader di energia elettrica nel sud-est Europa. Con la chiusura delle unità 3 e 4 della Centrale nucleare di Kozloduj il 31 dicembre 2006 (v. oltre), le esportazioni di energia elettrica si sono notevolmente ridotte. La produzione nel 2010 è stata di 46,7 TWh (+8,5% rispetto al 2009), derivante per il 32,6% dall unica centrale nucleare del Paese, a Kozloduj, e per il 42,9 % da centrali termoelettriche. I consumi sono stati pari a 28,3 TWh, in linea con quelli registrati nel E stato esportato il 18,2 % della produzione lorda. 1. Reti di trasmissione La rete di trasmissione di energia elettrica è di proprietà della Società Elettrica Nazionale NEK EAD (EAD = SpA), a sua volta di proprietà della multiutility di Stato, Bulgarian Energy Holding (BEH) EAD. NEK EAD ha le funzioni di: - fornitore pubblico di energia elettrica; - acquisti/vendite centralizzati di energia elettrica; Pagina 4 di 10

5 - produttore di energia elettrica da 29 centrali idro-elettriche (VEZ) di una potenza totale installata di MW e di 943 MW a regime di pompaggio. Le 14 VEZ principali sono raggruppate in 4 cascate: Belmeken Sestrimo - Chiara, Batak, Bycha e Dolna Arda ; - commercio, import-export di energia elettrica. ESO- Electricity System Operator 100% proprietà della NEK con le funzioni di: - operatore del sistema di energia elettrico del Paese; - organizzazione del mercato dell energia elettrica, distribuzione delle quote per l esportazione; - gestione e manutenzione della rete di trasmissione elettrica. La rete di trasmissione di energia elettrica ha una lunghezza totale di km, così composta: elettrodotti aerei da 400kV km; da 220 kv da 110 kv km; km; sottostazioni di trasformazione elettrica - 32 sottostazioni di sistema con potenza di trasformazione totale pari a MVA; sottostazioni di riduzione della tensione, con potenza di trasformazione totale pari a MVA; - 2 stazioni nodali. La rete bulgara di trasmissione di energia elettrica è collegata con le reti dei Paesi vicini: Romania, Turchia, Grecia, Macedonia e Serbia. 2. Tipi di produzione a) Nucleare Centrale nucleare di KOZLODUJ (AEZ Kozloduj) E composta da 6 unità, delle quali le sole operative sono le unità 5 e 6. Secondo gli impegni assunti dalla Bulgaria in relazione all adesione alla UE, negli anni 90 sono stati chiusi i reattori 1 e 2 della centrale e, il 31 dicembre 2006, i reattori 3 e 4. Il programma di investimenti Pagina 5 di 10

6 prevede l applicazione di nuove tecnologie e sistemi di controllo per le unità 5 e 6 oltre che fondi per il processo di smantellamento delle unita 1 e 4. b) Idro-elettrica La Bulgaria è relativamente povera di risorse idriche, con m 3 di acqua pro-capite all anno. Il potenziale teorico idro-energetico è di circa GWh all anno, mentre quello tecnicamente assimilabile è stato calcolato in GWh/anno, sfruttato per circa il 30% dalle centrali idroelettriche nel Paese. La quota dell energia elettrica prodotta da centrali idroelettriche è di circa l'11%. Delle oltre 100 centrali idroelettriche (VEZ) in Bulgaria, la Società Elettrica Nazionale NEK ne gestisce 29; di queste, le 14 principali sono raggruppate in 4 cascate: Belmeken Sestrimo - Chiara, Batak, Vycha e Dolna Arda. Da segnalare che, nella categoria delle piccole centrali idroelettriche, e attiva gia dal 2003 la societa trentina Petrolvilla che ha stipulato un accordo con il Comune di Svoge, a 60 km a nord della capitale, per la realizzazione di 9 centrali idroelettriche ad acqua fluente sul corso del fiume Iskar, della potenza totale installata di 25 MW. Attualmente sono operative due centrali, presso Lakatnik e Svragen, mentre e stato dato avvio alla costruzione della terza. c) Termo-elettrica Miniere MARITZA IZTOK da cui si estrae l 89% del carbone destinato al funzionamento delle centrali termo-elettriche in Bulgaria. Centrale Termo-elettrica (TEZ) MARITZA IZTOK 2 e la più grande centrale termoelettrica in Bulgaria, alimentata a lignite, situata nel sud-est del Paese. Ha una potenza installata di MW. Centrale Termo-elettrica (TEZ) MARITZA EAST 3 - nata come joint-venture tra l italiana ENEL e la Società Elettrica Nazionale NEK, ha una potenza di 908 MW, alimentata a lignite. Nel 2011 ENEL ha ceduto la propria quota (di maggioranza) all americana ContourGlobal L.P. Centrale Termo-elettrica (TEZ) AES GALABOVO (ex MARITZA IZTOK 1) - inaugurata nel mese di giugno 2011 dall americana AES, che ha acquistato dallo Stato il pacchetto di maggioranza, è alimentata a carbone ed ha una capacità totale di 670 MW. Centrale Termo-elettrica (TEZ) VARNA - centrale a condensazione con potenza totale installata di MW. Nel 2006 è stata privatizzata e venduta alla compagnia ceca CEZ. Centrale Termo-elettrica (TEZ) MARITZA 3 - sita nella parte meridionale del Paese e anch essa alimentata a carbone. Privata al 100% dal Pagina 6 di 10

7 Centrale Termo-elettrica (TEZ) RUSSE - centrale a cogenerazione, con una capacità di 400 MW, di proprietà della Mechel International Holdings AG, Svizzera. Centrale Termo-elettrica (TEZ) BOBOV DOL - centrale a condensazione, costruita negli anni 70, ha una potenza installata di 630 MW. Produce 2,3 GWh di energia elettrica all anno nonché quantità ridotte di energia termica. Privata al 100%. d) Energia da Fonti Rinnovabili v. Nota a parte (http://www.ice.it/paesi/europa/bulgaria/index.htm, alla rubrica: Informazioni utili) 3. Distribuzione Nel settore della distribuzione dell energia elettrica, il 67% delle ex società statali sono state privatizzate e cedute ad investitori stranieri. Il territorio bulgaro è stato diviso in 3 zone, nelle quali attualmente operano società ceche (CEZ ed EnergoPro) ed austriache (EVN). 4. Mercato regolato e mercato libero dell energia elettrica Dal 1 luglio 2007 il mercato dell'energia in Bulgaria è stato liberalizzato; di conseguenza, gli utenti industriali finali possono scegliere il proprio fornitore. Esistono due segmenti paralleli del mercato dell energia elettrica: mercato a prezzi regolati (pari al 75%) applicati ad utenti tutelati, quali tutti i nuclei familiari e, per le imprese, tutte le PMI (aventi meno di 50 dipendenti ed un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di Euro) connesse in bassa tensione; mercato a prezzi liberamente negoziati. Il costo dell elettricità per uso industriale varia a seconda della tensione, dei prezzi ai quali le 3 compagnie di distribuzione vendono l energia elettrica e dei prezzi del mercato libero. La Commissione Statale rilascia le licenze per il commercio di energia elettrica (oltre 70 a fine 2010) e stabilisce, inoltre, le quantità di energia elettrica che le centrali sono obbligate a vendere alla Società Elettrica Nazionale NEK, per il mercato regolato. Alcune centrali (MARITZA IZTOK 2 e 3) non vendono elettricità al libero mercato, in virtù di contratti a lungo termine con la NEK per l acquisto dell energia prodotta. D. ENERGIA TERMICA, TELERISCALDAMENTO La quota di energia termica prodotta da impianti combinati è del 97,8%. La produzione con il metodo combinato ha mostrato una tendenza alla crescita negli ultimi due anni. L efficienza media delle centrali delle società di teleriscaldamento è del 67,2%: le centrali a gas raggiungono il 75%, mentre l'efficienza delle centrali a carbone è compresa tra il 33% e il 58%. Pagina 7 di 10

8 Nel 2010 è stata prodotta energia termica per 15,1 TWh, in linea con il dato relativo all anno precedente. I consumi di energia termica sono rappresentati per il 64,7% dagli utenti industriali e dalla pubblica amministrazione e per il 35,3% da quelli domestici. Per quanto riguarda le fonti di energia, la quota maggiore è costituita dai combustibili gassosi (47,5%), seguiti dal carbone (46,6%) e dall energia nucleare (1,7%). Il settore della produzione di energia termica denuncia problemi finanziari a causa della mancanza di sussidi statali a partire dal Tutte le società di teleriscaldamento sono di proprietà privata, eccetto Toplofikazia Sofia (www.toplofikaciasofia.bg), Toplofikazia Shumen (in corso le procedure per la privatizzazione) e Toplofikazia Pernik (www.toplo-pernik.com). Gli utenti del teleriscaldamento in Bulgaria sono oltre 595 mila, di cui circa 418 mila a Sofia, 36 mila a Plovdiv, 30 mila a Burgas e 28 mila a Pleven. IV. GRANDI PROGETTI Nuova centrale nucleare di Belene - è il maggiore progetto in fase di realizzazione, 2 reattori di terza generazione da MW, forniti dalla russa Atomstroyexport. Il progetto e attualmente in stand-by, per via del grande sforzo finanziario che comporta a carico delle finanze nazionali e di divergenze sul prezzo finale da corrispondere al fornitore russo. Gasdotto Nabucco - Progetto da 8 miliardi di Euro per la costruzione di un gasdotto (potenzialmente in concorrenza con South Stream), per il trasporto - dalla regione del Caspio attraverso Turchia, Bulgaria, Romania, Ungheria e Austria - di 31 miliardi di metri cubi di metano. Il completamento è previsto per il Quest opera consentirà di diversificare le risorse energetiche e svincolarsi dalla dipendenza dalla Russia, che al momento fornisce il 30% del fabbisogno energetico europeo. L 8 giugno 2011 a Kayseri, Turchia, è stato firmato un accordo tra il Gruppo Nabucco Gas Pipeline International GmbH e i Paesi partecipanti al progetto. La società di ingegneria D'Appolonia S.p.A., con sede a Genova, è stata nominata Consulente per la Valutazione dell'impatto Ambientale e Sociale (ESIA) del progetto. Gasdotto South Stream - in base all accordo del 2007 tra ENI e Gazprom, quest'opera colleghera la Russia con l'europa, passando sotto il Mar Nero e attraversando la Bulgaria, per poi diramarsi verso il nord e il sud Europa, per complessivi 900 chilometri, ad una profondità massima di metri e con una portata annua fino a 30 miliardi di m 3. In base all accordo bulgaro-russo del maggio 2009, i due rami che partiranno dalla Bulgaria si dirigeranno verso nord-ovest, fino all'austria, e verso sud-ovest, verso l Italia, Pagina 8 di 10

9 attraversando la Grecia e il Canale di Otranto, nel Mediterraneo. Il completamento è previsto entro il Gasdotto IGB (Interconnector Greece-Bulgaria; Komotini - Stara Zagora) - l italiana Edison ha firmato nel 2009 un protocollo d intesa con le societa statali Bulgarian Energy Holding e la greca DEPA per la costruzione di un gasdotto che collegherà Stara Zagora, in Bulgaria e Komotini, in Grecia. Il gasdotto IGB avrà una estensione di circa 140 km sul territorio bulgaro e sarà collegato alla pipeline ITGI che trasportera metano dal Mar Caspio all Italia, passando per Turchia e Grecia. Il completamento dell opera è previsto entro il Gasdotto tra la Bulgaria e la Serbia - il Ministero dell Economia bulgaro ha reso noto, nell'aprile 2011, che l Unione Europea fornirà 2,5 milioni di euro per finanziare uno studio sulla fattibilità (di prossimo avvio la relativa gara) di un gasdotto tra la Bulgaria e la Serbia. Si prevede che i lavori di costruzione abbiano inizio nel Il gasdotto dovrebbe estendersi per un tratto di 50 km nel territorio bulgaro e di circa 100 km in quello serbo e dovrebbe trasferire 1.8 miliardi di metri cubi (fino a 5 miliardi m 3 ) di gas all anno. Gasdotto tra la Bulgaria e la Romania nell agosto 2011 la canadese TransGas ha iniziato la costruzione del collegamento tra le reti delle citta di Russe (citta bulgara sul Danubio) con Gyurghevo (in Romania), della lunghezza totale di 25 km, di cui 15,4 km sul territorio della Bulgaria e 2,1 km di tratto subacqueo. La capacità massima del gasdotto, il cui completamento è previsto per la fine del 2012, sara di 1,5 miliardi di m 3 /anno. Gasdotto tra la Bulgaria e la Turchia il progetto di collegamento delle reti tra i due Paesi e ancora in fase concettuale. Il percorso sul territorio bulgaro si dovrebbe sviluppare su circa 75 km. Oleodotto Burgas (Bulgaria) - Alexandropolis (Grecia) Nel 2007 i Governi di Bulgaria, Grecia e Russia avevano firmato un accordo per la costruzione di un oleodotto per il trasporto di petrolio proveniente dalla Russia e dall Asia Centrale, per una lunghezza totale di 280 km, di cui 115 km attraverso la Bulgaria. La capacità dell impianto era compresa tra i 15 ed i 35 milioni di tonnellate di olio annue. ll progetto gia sospeso nel è stato oggetto nel corso del 2011 di una valutazione d'impatto ambientale effettuata dal Ministero dell'ambiente bulgaro: il rapporto che ne è scaturito è stato negativo. Nel dicembre 2011 il governo bulgaro ha annunciato la decisione definitiva di ritirarsi dal progetto. Pagina 9 di 10

10 V. FIERE DEL SETTORE IN BULGARIA Ente fiera organizzatore Periodicità Luogo Settori 8th Congress and Exhibition on Energy Efficiency (EE) & Renewables (RES) for South East Europe - Convegno ed Esposizione annuale 8 a edizione marzo 2012 Sofia Efficienza energetica, Fonti rinnovabili di energia, ambiente Save the Planet - gestione rifiuti, riciclo, ambiente VIA EXPO Fiera Internazionale di Plovdiv 1 Saloni specializzati, tra cui ENECO - energia ed ecologia annuale 68 a edizione sett Plovdiv Beni strumentali Per maggior informazioni e approfondimenti: Fonti di informazione: - Ministero dell Economia, dell Energia e del Turismo - Istituto Nazionale di Statistica - Commissione Statale di Regolamentazione dell'energia e dell'acqua - Società Elettrica Nazionale NEK EAD - Electricity System Operator ESO EAD - Bulgargas EAD - Bulgartransgas EAD - Agenzia per l Efficienza Energetica - Istituto Nazionale di Metrologia e Idrologia presso l Accademia delle Scienze Bulgara - Forum per l Energia Bulgaro - Associazione bulgara Gas naturale - Stampa locale 1 L ICE organizza una collettiva di ditte italiane alla fiera, allestendo uno Stand Italia dedicato ai beni strumentali. Pagina 10 di 10

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Alessandro Clerici 1 Link to the relevant page on the WEC website http://www.worldenergy.org/wecgeis/publications/default/launches/ser04/ser04.asp?mode=print&x=5&y=19

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Il pianeta Cina ed il suo sistema elettrico. A. Clerici

Il pianeta Cina ed il suo sistema elettrico. A. Clerici 1 Il pianeta Cina ed il suo sistema elettrico A. Clerici Sommario 2 1. Introduzione 2. Dati sintetici sulla Cina 3. Struttura del mercato elettrico 4. Il consumo elettrico ed il PIL 5. La produzione di

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011

Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Anatomia di un sistema idroelettrico su piccola scala L'articolo è stato presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, giugno 2011 Panoramica L'energia solare fa evaporare le nubi e la produzione

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Le strategie di politica energetica dell Italia. Criticità interne e opportunità internazionali

Le strategie di politica energetica dell Italia. Criticità interne e opportunità internazionali Carlo Frappi e Arturo Varvelli Le strategie di politica energetica dell Italia. Criticità interne e opportunità internazionali CARLO FRAPPI è Research Fellow ISPI e Research Fellow dell European Foreign

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi

Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA. Esame 2009. Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Sintesi Politiche Energetiche dei Paesi Membri dell AIE ITALIA Esame 2009 Il Governo Italiano ha segnato progressi sostanziali in numerosi

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001.

(1) Pubblicata nella G.U.C.E. 27 ottobre 2001, n. L 283. Entrata in vigore il 27 ottobre 2001. Dir. 27-9-2001 n. 2001/77/CE Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. Pubblicata

Dettagli

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia

Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Le Risorse Energetiche Mondiali ed il caso Italia Alessandro Clerici Presidente Onorario WEC Italia Delegato ANIE 1 CONTENUTO Survey of energy resources del WEC Nucleare: il caso Finlandia Il costo dell

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli