Che cos è l energia elettrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cos è l energia elettrica"

Transcript

1 Mercato Elettrico

2 Che cos è l energia elettrica Un flusso ordinato di elettroni Un prodotto fisico generato da qualsiasi fonte naturale (es. fulmine) o artificiale (es. dinamo) È UN BENE NON IMMAGAZZINABILE DEVE ESSERE SEMPRE DISPONIBILE: PRODUZIONE E CONSUMO DEVONO SEMPRE COINCIDERE DURANTE LA TRASFORMAZIONE E IL TRASPORTO SUBISCE DELLE PERDITE Energia = Potenza x Tempo abbiamo: kwh = Kw x ore* consumo ovvero: kwh energia prelevata kw Potenza

3 Che cos è la tensione? Tensione: Differenza di potenziale tra il punto A e il punto B I livelli di tensione sono direttamente proporzionali alla potenza trasportata e alla distanza tra generazione e consumo: AT - Alta Tensione grandissimi utilizzatori Trasmissione territorio nazionale e interconnessione con estero (da 35KV e 220KV). Perdite di rete 1,8% MT - Media Tensione Utilizzatori medi e medio-grandi BT - Bassa Tensione Trasporto perifericamente (da 1KV a 35KV) Perdite di rete 4,7 % Piccole utenze case, uff (fino a 1KV) Perdite di rete 10,4 % Il passaggio tra diversi livelli di tensione è reso possibile dai trasformatori.

4 Unità di Misura TENSIONE Volt 1000 Volt = 1kV POTENZA Watt 1000 Watt = 1kW 1000 kw = 1 MW ENERGIA kwh 1000 kwh = 1 MWh kwh = 1 GWh KWh = 1 TWh

5 La filiera elettrica e gli attori Produttore Genera energia elettrica (Enel, EGL etc.) TERNA Gestisce l energia in Alta Tensione e la trasforma in media tensione, passandola ai distributori Trasporto nazionale Alta Tensione Enel Distribuzione A2A Distributori Gestiscono Clienti in media e bassa tensione Cliente Acquista energia elettrica che gli viene consegnata dal distributore

6 Le fasi della liberalizzazione del Mercato Fin dall inizio il Decreto Bersani ha ampliato la fascia dei clienti idonei fissando soglie minime di consumo annuo contenute. Da maggio 2003 sono diventati idonei tutti i clienti che consumano almeno 0,1 GWh/anno e da luglio 2004 tutti i possessori di partita IVA. Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti, anche quelli domestici. A PARTIRE DAL 1 LUGLIO 2007: Le attività di distribuzione e di vendita dell energia elettrica devono essere separate (le aziende di distribuzione, es. ENEL Distribuzione, ACEA, AEM Milano etc). Tutti i clienti possono scegliersi liberamente il proprio fornitore di energia elettrica. Per i clienti che non scelgono, sono istituiti: SERVIZIO di MAGGIOR TUTELA dove confluiscono Clienti domestici Piccole imprese in BT con meno di 50 dipendenti e fatturato inferiore a 10 milioni SERVIZIO di SALVAGUARDIA dove confluiscono tutti i clienti che non rientrano nel servizio di maggior tutela

7 Cosa è successo per il cliente? TIPO DI SERVIZIO DESCRIZIONE MODALITÀ POSSIBILITÀ DI RIENTRO/TEMPI DI RECESSO MAGGIOR TUTELA SALVAGUARDIA 1 luglio 2007: i clienti domestici hanno diritto di recedere dal preesistente contratto di fornitura In mancanza di tale scelta il servizio è garantito dall impresa distributrice, anche attraverso apposite società di vendita Il servizio è esteso anche alle piccole imprese connesse in BT (dipendenti <50 e fatturato annuo <10 MLN ) 1 luglio 2007: per i clienti non domestici (imprese con oltre 50 dipendenti che non hanno ancora lasciato il mercato vincolato) e che non scelgono un nuovo fornitore. Servizio svolto da società di vendita del libero mercato accreditate attraverso procedura concorsuale Tempi di recesso - Per tutti i clienti: 1 MESE AEEG DELIBERA : TIV (TESTO INTEGRATO VENDITA) Tempi di recesso - Per tutti i clienti: 1 MESE LIBERO -Tutti i Clienti che hanno approfittato dell opportunità di scegliere il proprio fornitore di energia (Residenziali, BT, MT) Possibilità di Rientro -Un cliente può in qualsiasi momento cambiare il proprio fornitore Tempi di recesso -BT: 3 mesi -MT: la delibera 79/08 ha eliminato la tempistica lasciandone alle parti la definizione

8 Maggior tutela principali caratteristiche COMPONENTE PED = Prezzo Energia e Dispacciamento è il corrispettivo, espresso in centesimi di euro/kwh, a copertura dei costi sostenuti dall Acquirente Unico per l acquisto ed il dispacciamento dell energia elettrica destinata ai clienti in maggior tutela. Tempi di recesso: 30 giorni Oneri: UC1 e PCV (che non si pagano sul mercato libero) Esercenti: soc. di commercializzazione dei distributori locali (ESE nel caso di Enel Distribuzione, Iride a Torino, A2A a Milano, Acea Electrabel a Roma)

9 Maggior tutela tariffe

10 Salvaguardia Prezzo energia: PUN + parametro Ω (differente per ogni area territoriale) Tempi di recesso: 30 giorni Gli esercenti si aggiudicano le aree territoriali per mezzo di aste periodiche indette dall Acquirente Unico

11 La misura dell energia

12 Fasce orarie

13 Mercato Gas

14 IL GAS NATURALE DEFINIZIONE E COMPOSIZIONE GAS NATURALE: prodotto dalla decomposizione anaerobica di materiale organico, costituito in massima parte da sostanze chimiche chiamate idrocarburi; in natura si trova comunemente allo stato fossile, insieme al petrolio, al carbone o da solo in giacimenti di gas naturale. Principale componente del gas naturale: il METANO (la più piccola e leggera fra le molecole degli idrocarburi), per questo motivo il gas naturale viene anche comunemente chiamato metano. Altri idrocarburi presenti: etano, propano e butano, nonché, in piccole quantità, pentano. Altri componenti (percentuali modeste): anidride carbonica, azoto, ossigeno (tracce), gas nobili, solfuro di idrogeno; solfuro d'idrogeno e mercurio sono considerati i contaminanti più nocivi, pertanto devono essere rimossi prima di qualsiasi utilizzo. Prodotti della combustione: essenzialmente anidride carbonica e acqua; limitate emissioni di ossidi di azoto (No x ); particolato (polveri sottili e le ceneri) assente; ossidi dello zolfo (SO x ) assenti. COMBUSTIBILE PREGIATO

15 IL GAS NATURALE UNITA DI MISURA E CONTENUTO ENERGETICO (1) Il gas naturale viene misurato in base al volume, cioè alla porzione di spazio che occupa. m³ L'unità di misura di volume è il metro cubico o metro cubo: volume racchiuso da un cubo avente gli spigoli lunghi un 1 metro (simbolo: m 3 ). Contenuto energetico del gas naturale: espresso convenzionalmente dal POTERE CALORIFICO SUPERIORE (PCS). POTERE CALORIFICO: quantità di calore prodotta dalla combustione completa di una quantità unitaria di gas a determinate condizioni, quando la pressione di reazione è mantenuta costante ed i prodotti della sua combustione vengono riportati alla temperatura iniziale dei reagenti. POTERE CALORIFICO SUPERIORE (PCS): si considera tutta l energia prodotta dal combustibile. Per convenzione: si fa riferimento alle condizioni standard di pressione e di temperatura del gas (15 C di temperatura e 1,01325 bar assoluti (pressione atmosferica sul livello del mare) di pressione). Si parla pertanto di Standard metro cubo (Smc): quantità di gas necessaria ad occupare un metro cubo di volume a 15 C di temperatura e 1,01325 bar assoluti (pressione atmosferica sul livello del mare) di pressione.

16 LA LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO RIFERIMENTI NORMATIVI Testo di riferimento per il settore di mercato del gas naturale è il Decreto legislativo n. 164 del 2000 ( Decreto Letta ), che ha recepito la Direttiva Europea 30/98/CE. l'estensione della libera attività di vendita a tutte le tipologie di clienti si completa soltanto al 1 gennaio 2003, data alla quale tutti i clienti finali sono diventati "clienti idonei", cioè soggetti che hanno la capacità di stipulare contratti di fornitura con qualsiasi fornitore liberamente scelto (dal 1 gennaio 2001 erano diventati idonei tutti i Clienti con consumi superiori a m 3 ); Nonostante la liberalizzazione del settore, l'aeeg mantiene comunque le sue funzioni di regolamentazione e vigilanza ed esercita, fra gli altri, i compiti di: definire i criteri per la regolazione tariffaria per il servizio di trasporto e dispacciamento del gas naturale; definire i criteri per la regolazione tariffaria per il servizio di stoccaggio minerario, strategico e di modulazione; definire i criteri per la regolazione tariffaria per il servizio di rigassificazione; definire i criteri per la regolazione tariffaria per il servizio distribuzione; promuovere la concorrenza e la disponibilità di liquidità sul mercato del gas; definire i criteri per la formazione dei prezzi ai clienti del mercato tutelato.

17 LA LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO DOMANDA E APPROVVIGIONAMENTO DI GAS NATURALE IMPORTAZIONI 75,7 G(m 3 ) 89% 11% PRODUZIONI NAZIONALI 9,3 G(m 3 ) DOMANDA INTERNA 85 miliardi di m 3 41% settore termoelettrico 2% altri settori (agricoltura, autotrazione, usi non energetici) 36% settore civile 21% settore industriale

18 LA FILIERA DEL GAS NATURALE LE ATTIVITA CHE COSTITUISCONO LA FILIERA FILIERA DEL GAS: ciclo produttivo che parte dalla fase di approvvigionamento, passa per lo stoccaggio e termina con la vendita ai clienti finali. Sono tutte le attività che intercorrono fra il momento in cui il gas viene estratto e il momento in cui viene messo a disposizione del cliente finale per il suo utilizzo. La filiera del gas è suddivisa nei seguenti segmenti: SHIPPERS REMI SOCIETA DI VENDITA AL DETTAGLIO

19 LA FILIERA DEL GAS NATURALE GLI ATTORI DEL MERCATO GLI ATTORI DEL MERCATO DEL GAS Imprese che operano nel settore dell'importazione e della coltivazione: garantiscono l'approvvigionamento del gas naturale a copertura dei consumi interni nazionali mediante la produzione diretta da giacimenti in territorio nazionale e l'acquisto all'estero presso produttori e venditori terzi; Trasportatore: soggetto che possiede/gestisce le infrastrutture per il trasporto del gas in alta pressione dal luogo di estrazione fino ai punti di immissione nella rete in bassa pressione; Terminale GNL:impianto utilizzato per le operazioni di liquefazione del gas naturale, o di scarico, stoccaggio e rigassificazione di GNL; Impresa di stoccaggio: soggetto titolare di concessioni di stoccaggio che ha l'obbligo di gestire in modo coordinato e integrato le attività finalizzate alla conservazione, in genere in giacimenti ormai esauriti, di scorte di gas naturale destinate a riserva per i momenti di carenza del prodotto sul mercato del gas naturale garantendo l'ottimizzazione delle infrastrutture e delle capacità di stoccaggio e la sicurezza del sistema nazionale del gas; Grossista: è proprietario del gas all'interno dei gasdotti gestiti dal trasportatore e lo vende quasi esclusivamente ad altri intermediari dell'attività di vendita (viene spesso designato con il termine di shipper ); Distributore: è proprietario o più spesso gestore in concessione delle reti di distribuzione in bassa pressione (reti urbane) per il vettoriamento del gas naturale ai clienti finali allacciati alla sua rete; Società di vendita: è proprietaria del gas nelle reti in bassa pressione gestite dal distributore e vende questo gas quasi esclusivamente ai clienti finali.

20 LA FILIERA DEL GAS NATURALE OPERATORI ATTIVI ATTIVITA Produzione nazionale Importazioni Trasporto Terminali GNL Stoccaggio Vendita all ingrosso Distribuzione Vendita al dettaglio NUMERO DI OPERATORI Circa 10 operatori Circa 40 operatori 9 operatori (3 su rete nazionale, 8 su rete regionale) 2 operatori 2 opertaori Circa 80 operatori Circa 300 operatori Circa 400 operatori

21 LA FILIERA DEL GAS NATURALE GLOSSARIO GLOSSARIO anno termico: è il periodo di tempo convenzionalmente compreso tra 1 ottobre di ogni anno e 30 settembre dell anno successivo per la regolazione tariffaria del servizio di trasporto; 1 aprile di ogni anno e 31 marzo dell anno successivo per la regolazione tariffaria del servizio di stoccaggio; 1 gennaio di ogni anno e 31 dicembre dell anno successivo per la regolazione tariffaria del servizio di distribuzione cliente finale: il consumatore che acquista gas per uso proprio; grossista: il soggetto che acquista e vende gas naturale e che non svolge attività di trasporto o distribuzione all'interno o all'esterno del sistema in cui è stabilito od opera; cliente idoneo: il soggetto che ha la capacità di stipulare contratti di fornitura, acquisto e vendita con qualsiasi produttore, importatore, distributore o grossista, sia in Italia che all'estero; clienti: i clienti grossisti o finali di gas naturale e le imprese di gas naturale che acquistano gas naturale; coltivazione: l'estrazione di gas naturale da giacimenti; dispacciamento: l'attività diretta ad impartire disposizioni per l'utilizzazione e l'esercizio coordinato degli impianti di coltivazione, di stoccaggio, della rete di trasporto e di distribuzione e dei servizi accessori; distribuzione: il trasporto di gas naturale attraverso reti di gasdotti locali per la consegna ai clienti; impianto di GNL: impianto utilizzato per le operazioni di liquefazione del gas naturale, o di scarico, stoccaggio e rigassificazione di GNL; impianto di stoccaggio: l'impianto utilizzato per lo stoccaggio di gas naturale, di proprietà' o gestito da una impresa di gas naturale, ad esclusione della parte di impianto utilizzato per attività di coltivazione; stoccaggio di modulazione: lo stoccaggio finalizzato a soddisfare la modulazione dell'andamento giornaliero, stagionale e di punta dei consumi; trasporto: il trasporto di gas naturale attraverso la rete di gasdotti, esclusi i gasdotti di coltivazione e le reti di distribuzione.

22 LA FILIERA DEL GAS NATURALE COLTIVAZIONE E IMPORTAZIONE (3) Olanda/Norvegia TRANSITGAS/TENP TAG Russia Nel settore delle importazioni, così come in quello delle produzioni nazionali, l operatore dominante è ENI (quota di importazioni pari a più del 60%) GASDOTTI DI IMPORTAZIONE GNL GNL Quattro importanti metanodotti collegano la rete di gasdotti nazionale con le grandi aree di produzione del gas naturale: Olanda e Norvegia, Russia, Algeria e Libia. I gasdotti d'importazione sono: Algeria TTPC/TMPC GreenStream Libia TENP e TRANSITGAS (924 e 291 Km) per l'importazione dall'olanda e dalla Norvegia (Passo Griess); TAG (1.018 Km) per l'importazione dalla Russia (Tarvisio); TTPC e TMPC (742 e 775 Km) per l'importazione dall'algeria (MDV); GREENSTREAM, gasdotto sottomarino lungo circa 520 chilometri per l'importazione dalla Libia (Gela); inoltre a Panigaglia (nei pressi di La Spezia) e al largo di Rovigo sono attivi due terminali di rigassificazione per le importazioni di GNL.

23 LA FILIERA DEL GAS NATURALE TRASPORTO DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI TRASPORTO ITALIANO Il servizio di TRASPORTO è prestato dai soggetti trasportatori sulle proprie reti di metanodotti; i trasportatori svolgono anche l'attività del DISPACCIAMENTO, cioè quella serie di operazioni di modifica degli assetti di rete volti al mantenimento di un corretto bilanciamento della rete stessa anche in situazioni particolari (lavori di manutenzione sugli impianti, casi di emergenza, ecc) e si avvale di avanzati sistemi informatici di previsione. Una rete di trasporto comprende diversi elementi: METANODOTTI: le condotte utilizzate per il trasporto di gas naturale; vengono classificati a seconda delle pressioni massime di esercizio (le pressioni di esercizio più basse sono caratteristiche delle reti di distribuzione locale). Alta Pressione - Media Pressione - Bassa Pressione centrali di compressione: dislocate lungo tutta la rete e dedicate alla spinta del gas così da assicurarne il trasporto sull intero sistema; gli impianti di regolazione, riduzione, intercettazione, miscelazione e misura, nonché gli altri impianti ausiliari necessari al trasporto e al dispacciamento del gas; i cosiddetti impianti REMI, cabine di REgolazione e Misura, a servizio di clienti industriali direttamente allacciati alla rete di trasporto o a servizio di clienti allacciati a reti di distribuzione locale impianti necessari all interconnessione dei metanodotti stessi, al controllo ed alla gestione dei flussi di gas, nel rispetto delle esigenze operative e di sicurezza richieste dalle normative, come per esempio gli impianti di regolazione della pressione e/o della portata; impianti necessari al trasporto ed al dispacciamento del gas, correntemente chiamati punti di linea, come per esempio quelli di lancio e ricevimento PIG (apparecchiature utilizzate per pulire e ispezionare una condotta), oltre ai dispositivi di derivazione, intercettazione e/o sezionamento. LA CAPACITA' DI TRASPORTO CAPACITA DI TRASPORTO: massima quantità di gas che può essere immessa nel sistema (o prelevata da esso), nel corso del Giornogas (il periodo di 24 ore consecutive che inizia alle di ciascun giorno di calendario e termina alle del giorno di calendario successivo), in uno specifico punto. I valori di capacità di trasporto sono espressi in metri cubi/giorno. GLI OPERATORI DEL TRASPORTO IN ITALIA I principali operatori del trasporto gas naturale in Italia sono due: Il principale operatore del trasporto, Snam Rete Gas, possiede km di rete sui Il secondo operatore è il gruppo Edison che complessivamente amministra km di rete, di cui 203 sulla rete nazionale;

24 LA FILIERA DEL GAS NATURALE TRASPORTO Rete nazionale: Rete regionale: Km Km La rete di trasporto raggiunge praticamente tutta l Italia ad eccezione della Sardegna, che non è metanizzata. Le zone rurali e montane sono più difficilmente raggiungibili tramite gasdotti pertanto in tali zone il gas naturale è spesso distribuito a mezzo bombole.

25 LA FILIERA DEL GAS NATURALE STOCCAGGIO Il gas naturale è una fonte energetica che può essere immagazzinata (attività di stoccaggio) in modo da costituire delle scorte. Lo stoccaggio è un attività esercitata in concessione. Il decreto legislativo 164/00 individua tre tipi diversi di attività di stoccaggio, riconducibili a tre differenti destinazioni del gas immagazzinato: "stoccaggio minerario": lo stoccaggio necessario per motivi tecnici ed economici a consentire lo svolgimento ottimale della coltivazione di giacimenti di gas naturale nel territorio italiano; "stoccaggio strategico": lo stoccaggio finalizzato a sopperire a situazioni di mancanza o riduzione degli approvvigionamenti o di crisi del sistema del gas; "stoccaggio di modulazione": lo stoccaggio finalizzato a soddisfare la modulazione dell'andamento giornaliero, stagionale e di punta dei consumi dei clienti finali. In particolare, lo " stoccaggio di modulazione ha la funzione di compensare le diverse esigenze tra fornitura e consumo del gas stesso; infatti, l approvvigionamento ha un profilo sostanzialmente costante durante tutto l anno, mentre la domanda di gas è caratterizzata da una rilevante variabilità stagionale, con una domanda invernale significativamente superiore a quella estiva a causa della forte componente di consumo per riscaldamento. Il gas che viene importato e prodotto (in eccedenza rispetto ai consumi) durante il periodo di minor prelievo da parte dei clienti finali (tipicamente la stagione estiva) viene immagazzinata negli impianti di stoccaggio, per poter essere erogata durante il periodo di maggior prelievo dei clienti finali (tipicamente il periodo invernale), durante il quale le importazioni e le produzioni nazionali non riescono a coprire tutto il fabbisogno dei clienti finali stessi. I pozzi di stoccaggio sono sistemi rocciosi in cui viene immagazzinato il gas; generalmente si tratta di giacimenti e pozzi di estrazione del gas naturale ormai esauriti o per i quali i costi di estrazione del gas ancora presente sono tali da non rendere più economico il processo stesso di estrazione, oppure da cave saline modificate; questi siti vengono opportunamente modificati (impermeabilizzati, ecc) in modo da renderli idonei all'immagazzinamento del gas naturale. In Italia ci sono due soggetti principali che operano nell'attività dello stoccaggio: Stoccaggi Gas Italia S.p.A. (Stogit), la società di Snam Rete Gas S.p.A. (Gruppo ENI) che opera nel settore dello stoccaggio del gas naturale: è stata costituita il 15 novembre 2000; Edison Stoccaggio S.p.A., la società del gruppo Edison dedicata alle attività di Stoccaggio e Trasporto di Gas naturale: è stata costituita il 2 agosto 2004.

26 IL PROCESSO DI CAMBIO FORNITORE ADEMPIMENTI DEL CLIENTE FINALE IL PROCESSO DI CAMBIO FORNITORE PER IL CLIENTE FINALE RAPPORTI CON IL FORNITORE USCENTE Dal 1 gennaio 2003, ogni Cliente finale è libero di scegliere il proprio fornitore di gas naturale; tale diritto si manifesta con l'esercizio del recesso da parte del Cliente finale nei confronti del proprio venditore, al fine di stipulare nuovo contratto di fornitura gas con un nuovo venditore. Il recesso da parte dei Clienti finali con consumi annui non superiori a m 3, (è il caso delle PMI) è normato dalla AEEG con la Delibera n. 144 del 2007, che stabilisce le seguenti tempistiche: il Cliente finale che non ha esercitato la propria idoneità ha diritto di recedere dal contratto in qualsiasi momento con un preavviso di un mese; il Cliente finale domestico in regime di tutela o non in regime di tutela, può esercitare il recesso in qualsiasi momento con un termine di preavviso che non può essere superiore a un mese; il Cliente finale non domestico in regime di tutela o non in regime di tutela alimentato in bassa tensione e/o con consumi di gas naturale non superiori a m 3 /anno può esercitare il recesso in qualsiasi momento con un termine di preavviso che non può essere superiore a tre mesi. Il Cliente finale non domestico, si può avvalere del nuovo esercente per inoltrare la comunicazione di recesso al precedente fornitore (per i Clienti finali domestici è obbligatorio che l inoltro del recesso venga fatto dal nuovo fornitore); Il termine di preavviso decorre a partire dal primo giorno del primo mese successivo a quello di ricevimento della comunicazione di recesso da parte dell esercente. Il diritto all esercizio del recesso per Clienti con consumo superiore a m 3 non è normato dalla AEEG e le relative disposizioni sono demandate al libero accordo tra il Cliente finale e il suo fornitore.

27 IL PREZZO DEL GAS ATTIVITA REGOLATORIA DELL AEEG LE CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO Il prezzo finale del gas pagato dal Cliente finale è legato all andamento dei prezzi dei prodotti petroliferi, ai quali è indicizzato secondo vari meccanismi. Per evitare che le oscillazioni (anche molto forti) dei prezzi di mercato di tali prodotti si ripercuotano in maniera troppo vigorosa sul prezzo finale del gas (soprattutto sulle classi di consumatori più deboli i Clienti con consumi minori), l AEEG svolge un attività regolatoria definendo le condizioni economiche di fornitura di riferimenti per i Clienti del mercato tutelato (i Clienti domestici). Delibera AEEG n. 138/03 e successive modifiche e integrazioni condizioni economiche che le società di vendita devono obbligatoriamente offrirle alle famiglie, accanto a eventuali altre proprie condizioni. Tale struttura prevede che il prezzo finale del gas sia determinato come somma di singole quote di costo relative a tutte le fasi della filiera del gas naturale; a tale prezzo vanno aggiunti gli eventuali oneri di sistema e le imposte dovute. PREZZO GAS = CCI + QT + QS + QVD + QD + QOA + IVA E IMPOSTE Componente relativa alla commercializzazion e all ingrosso Componente relativa al trasporto Component e relativa allo stoccaggio Componente relativa alla commercializzazion e della vendita al dettaglio Component e relativa al servizio di distribuzion e Componente relativa agli oneri aggiuntivi

28 IL PREZZO DEL GAS ATTIVITA REGOLATORIA DELL AEEG (2) A titolo puramente indicativo si riporta la composizione percentuale al 01/04/2009 del prezzo medio di fornitura per un cliente tipo del mercato vincolato (famiglia con consumo annuo pari a m 3 ). La componente CCI di cui alla slide precedente fa riferimento, nello schema sottoriportato, alle voci Costo materia prima e Commercializzazione all ingrosso :

29 IL PREZZO DEL GAS CONDIZIONI ECONOMICHE PER CLIENTI NON DOMESTICI Le condizioni economiche di fornitura per i Clienti del mercato libero non sono soggette a regolazione ma generalmente, ai clienti con consumi inferiori a m 3 allacciati a rete di distribuzione, vengono proposte condizioni economiche che ricalcano la struttura di prezzo stabilità dalla delibera 138/03, sostituendo la CCI con una componente di prezzo definita autonomamente dalla singola società di vendita o effettuando sconti sulla CCI delle condizioni di riferimento. La componente CCI delle condizioni economiche di riferimento della AEEG è indicizzata, cioè varia periodicamente (ogni tre mesi) in funzione dell andamento dei prezzi di un paniere di prodotti petroliferi. La componente sostitutiva della CCI determinata dalle singole società può seguire gli stessi criteri di aggiornamento stabiliti dall AEEG o criteri diversi (prezzi fissi per 12 mesi, per 24 mesi o altri periodi di tempo, prezzi indicizzati su panieri diversi, periodicità di aggiornamento differenti, ecc).

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI...

SOMMARIO TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 SEZIONE 1 CONDIZIONI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA AI CLIENTI FINALI... TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 21 febbraio 2008 - ARG/elt 18/08 Perequazione dei costi di approvvigionamento dell energia elettrica per il servizio di maggior tutela e definizione dei meccanismi di conguaglio tra l Acquirente

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015

Allegato A. Valido dall 1 gennaio 2015 TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA E DI SALVAGUARDIA AI CLIENTI FINALI AI

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) Valido dall 1 gennaio 2015 Versione modificata con le deliberazioni

Dettagli

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015

Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 Energia Elettrica e Gas Prontuario 2015 BARI ENERGIA Srl Via Junipero Serra, 19 - CAP 70125 Bari (BA) C.F./P.I. 07383800724 2 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS 2015 PRONTUARIO ENERGIA ELETTRICA & GAS

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1

Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Produzione di energia elettrica e carbone: l anomalia italiana Pag. 1 I vantaggi del carbone Pag. 3 Il carbone e l ambiente Pag. 8 Le centrali a carbone in Italia

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero

La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La tariffa bioraria, quando conviene e consigli per il mercato libero La nuova tariffa bioraria Il 1 luglio del 2010 entreranno in vigore le nuove tariffe biorarie fissate dall'autorità per l'energia Elettrica

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi

ENERGIA ELETTRICA Guida alla lettura dei costi Spedizione Abbonamento Postale 45% art. 2 comma 20/b legge 662/96 filiale di Roma ANNO XV - Lire 3.000 - Supplemento al n. 10 di Impresa Artigiana del 01 febbraio 2001 I QUADERNI DI ENERGIA ELETTRICA Guida

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI

V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI V02-2012 Maggio 2012 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI Edison Energia S.p.A. è Certificata ISO 9001:2008 EDISON E LA CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI La Carta della Qualità dei Servizi di Edison

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

TRAS centesimi di euro/kwh

TRAS centesimi di euro/kwh Tabella 2 : Componente TRAS di contratto di cui comma 2.2 TRAS lettera b) Utenze in bassa tensione di illuminazione pubblica 0,36 lettera c) Altre utenze in bassa tensione 0,36 lettera d) Utenze in media

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati. Lo sviluppo delle reti e dei mercati

58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati. Lo sviluppo delle reti e dei mercati 58 Lo sviluppo delle reti e dei mercati Lo sviluppo delle reti e dei mercati Lo sviluppo delle reti e dei mercati 59 Snam sta già lavorando con altri operatori del settore, suoi partner, per garantire

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas)

Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Cessazione del Servizio di tutela gas per i clienti finali non domestici (deliberazioni 280/2013/R/gas e 457/2013/R/gas) Direzione Consumatori e Utenti Seminario online - organizzazioni PMI 5 marzo 2014

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

NORME COMUNI PER LO SVILUPPO DEI MERCATI DEL GAS NATURALE E DELL'ENERGIA ELETTRICA

NORME COMUNI PER LO SVILUPPO DEI MERCATI DEL GAS NATURALE E DELL'ENERGIA ELETTRICA DECRETO LEGISLATIVO 1 giugno 2011, n. 93 Attuazione delle direttive 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica, del gas naturale e ad una

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO DSPLNA DLLO SAMBO SUL POSTO Regole Tecniche Determinazione del contributo in conto scambio a decorrere dall anno 2013 ai sensi dell articolo 12 dell Allegato A alla delibera 570/2012/R/efr - DZON n. 1

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Cos è il fotovoltaico?

Cos è il fotovoltaico? Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico si spiega (quasi) da solo: è composto dalla parola greca phos (=luce) e Volt (=unitá di misura della tensione elettrica). Si tratta dunque della trasformazione

Dettagli