Codice di Comportamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.gardaland.it Codice di Comportamento"

Transcript

1 Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009

2 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle all interno della propria area di responsabilità. Tuttavia «LA SICUREZZA E LA SALUTE SONO RESPONSABILITÀ DI TUTTI» Il presente Codice di Comportamento è una dichiarazione pubblica in cui sono individuati i principi generali e le regole comportamentali in relazione alla Salute e Sicurezza sul Lavoro, al fine di consentire a GARDALAND S.r.l. di dotarsi di un Modello di organizzazione e controllo conforme al D.Lgs 231/01 applicato per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. Il presente Codice ha lo scopo di indirizzare eticamente l agire di GARDALAND S.r.l. e pertanto le disposizioni che vi sono contenute sono vincolanti per i comportamenti di tutti gli amministratori, i dirigenti, i preposti e i lavoratori dipendenti, per i consulenti e per chiunque instauri, a qualsiasi titolo, un rapporto di collaborazione. Il presente Codice integra le informazioni contenute nel cast Member relativa alla salute e sicurezza del lavoro. GARDALAND S.r.l. si impegna a richiamare l osservanza delle disposizioni del presente Codice in tutti i rapporti economici da essa instaurati. L osservanza del Codice deve considerarsi parte essenziale degli obblighi contrattuali dei dipendenti ai sensi degli articoli 2104 ( Diligenza del prestatore di lavoro ), 2105 ( Obbligo di fedeltà ) e 2106 ( Sanzioni disciplinari ) del Codice Civile. La grave e persistente violazione delle norme del presente Codice lede il rapporto di fiducia instaurato con GARDALAND S.r.l. e può portare ad azioni disciplinari e di risarcimento del danno, nel rispetto di quanto definito, per i lavoratori dipendenti, dalle procedure previste all art. 7 della Legge 300/1970 (Statuto dei Lavoratori), dai contratti collettivi di lavoro e dai codici disciplinari adottati dalle organizzazioni stesse. Ogni dubbio o segnalazione relativa a sospetti di violazione dei principi etici contenuti nel Codice di Comportamento devono essere inviate all Organismo di Vigilanza (il cui ruolo è descritto nelle seguenti pagine del presente documento) al seguente indirizzo: oppure via lettera a Organismo di Vigilanza Via Derna, Castelnuovo del Garda (VR) Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 2 di 25

3 DEFINIZIONI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE È il complesso organico di principi, di regole, di disposizioni, di schemi organizzativi e dei connessi compiti e responsabilità, funzionale alla realizzazione ed alla diligente gestione di un sistema di controllo e monitoraggio delle attività sensibili al fine della prevenzione sulla commissione, anche tentata, dei reati previsti dal D.Lgs. 231/2001. Il Modello di organizzazione istituito da GARDALAND s.r.l. è applicato ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute e dela sicurezza sul lavoro. ORGANISMO DI VIGILANZA È una struttura collegiale istituita da GARDALAND S.r.l. in ottemperanza all art. 6, lettera b, del Decreto Legislativo n. 231/2001, con funzioni di vigilanza e controllo in ordine al funzionamento, all efficacia, all adeguatezza e all osservanza del Modello. In particolare l Organismo effettua le seguenti attività: - vigila sull attuazione e sull applicazione del Modello di Organizzazione, che si sostanzia nella verifica della coerenza tra i comportamenti concreti ed il Modello; - verifica l adeguatezza del Modello, ossia la sua reale (e non meramente formale) capacità di prevenire i comportamenti non voluti; - effettua analisi circa il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del Modello; - cura il necessario aggiornamento in senso dinamico del Modello, nell ipotesi in cui le analisi operate rendano necessario effettuare correzioni ed adeguamenti; - presenta proposte di adeguamento del modello verso gli organi/funzioni aziendali in grado di dare loro concreta attuazione nel tessuto aziendale. A seconda della tipologia e della portata degli interventi, le proposte saranno dirette verso le varie funzioni aziendali interessate, e, in taluni casi di particolare rilevanza, verso il Consiglio di Amministrazione; - verifica l attuazione e l effettiva funzionalità delle soluzioni proposte, ad esempio vigilare sull applicazione delle sanzioni adottate nel Modello di organizzazione, - relaziona al massimo vertice operativo aziendale ovvero al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale. Le caratteristiche costitutive dell Organismo di Vigilanza sono contenute nel relativo Statuto. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 3 di 25

4 DESTINATARI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Sono destinatari del Modello di organizzazione tutti coloro che operano per il conseguimento dello scopo e degli obiettivi di GARDALAND S.r.l.. I destinatari del Modello sono: - i componenti degli Organi sociali; - i soggetti coinvolti nelle funzioni dell Organismo di Vigilanza; - il Datore di lavoro e i suoi delegati; - tutti i dipendenti, con diversi ruoli e responsabilità organizzative (Dirigenti, Preposti, Lavoratori); - i consulenti esterni, i fornitori, i clienti e, in generale, tutti i terzi con cui Gardaland S.r.l. intrattiene rapporti inerenti le proprie attività. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 4 di 25

5 RIFERIMENTI LEGISLATIVI DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità a norma dell articolo 11 della Legge 29 settembre 2000, n Con questo decreto è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti con o senza personalità giuridica, per alcune tipologie di reati commessi a loro vantaggio o nel loro interesse dalle persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione e dai soggetti sottoposti alla loro direzione o vigilanza. LEGGE 3 AGOSTO 2007 N. 123 Norme in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia. Con questa legge, tra le altre misure, si modifica il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, estendendone il campo di applicazione ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Con questo decreto avviene il riassetto e la riforma delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro, mediante il riordino e il coordinamento delle medesime in un unico testo normativo. All art. 30 i modelli di organizzazione e controllo sono indicati come strumenti per una efficace gestione degli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori. MODELLO 231 IL DECALOGO DEL TRIBUNALE DI MILANO, ORDINANZA 09 NOVEMBRE 2004 GIP TRIB. MILANO. Con un Ordinanza depositata il 9 novembre 2004 il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano ha emesso uno storico provvedimento che esamina l idoneità di Modelli di organizzazione, gestione e controllo ex artt 6 e 7 D.Lgs. 231/2001, adottati prima della commissione del reato, e che fornisce delle indicazioni utili alla sua redazione. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 5 di 25

6 ALTRI RIFERIMENTI (NORME E LINEE GUIDA) BS OHSAS 18001:2007, OCCUPATIONAL HEALTH AND SAFETY MANAGEMENT SYSTEM REQUIREMENTS, JULY 2007 È la norma internazionale presa come riferimento per lo sviluppo di Modelli di organizzazione e gestione conformi alle finalità del D.Lgs 231/01 ed espressamente richiamata dal D.Lgs 81/08. UNI (ED ALTRI), LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSL), SETTEMBRE Le linee guida UNI-INAIL, pubblicate dal gruppo di lavoro costituito da CGIL, CISL, UIL, CNA, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confindustria, INAIL, ISPESL, UNI, sono state adottate anch esse come riferimento per il sistema di gestione della sicurezza aziendale sviluppato già a partire dal Insieme alle Linee Guida viene presa come riferimento anche la Guida operativa (ed. 2007) di Confindustria Veneto e INAIL (Direzione Regionale Veneto), perchè fornisce schemi operativi utili per lo sviluppo del Modello. CONFINDUSTRIA, LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001, 31 MARZO Tali linee guida sono uno dei riferimenti per la costruzione del modello, lo sviluppo della documentazione e l attuazione dei principi di controllo: Codice etico, Codice di comportamento, Codice disciplinare e Organismo di Vigilanza. ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO (ED ALTRI), CONTRIBUTI DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO D.LGS 231/2001, GIUGNO Tali linee guida, pubblicate dal gruppo di lavoro costituito da Associazione Ambiente e Lavoro, AIE, Scuola Superiore Sant Anna, Assolombarda, Federchimica Confindustria, EHS, Certiquality, forniscono alcune interpretazioni utili per lo sviluppo del sistema di gestione della sicurezza aziendale. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 6 di 25

7 ALTRI RIFERIMENTI MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, COMPANY CODE OF ETHICS. Il Codice Etico del Gruppo Merlin, fornisce i valori fondamentali che indirizzano eticamente l agire delle persone che lavorano all interno e per le società del gruppo Merlin. Esso viene preso come riferimento per lo sviluppo del presente Codice di Comportamento di Gardaland S.r.l. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, SAFETY FIRST, FEBRUARY La guida è volta a fornire una sintesi degli aspetti fondamentali e delle priorità in relazione alla salute e la sicurezza. La guida contiene anche la politica del Gruppo Merlin, che viene poi ripresa nel Cast Member di Gardaland S.r.l. che integra il presente Codice. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, HEALTH AND SAFETY, OCTOBER La procedura definisce i fondamenti e i criteri generali per la gestione, in tutte le strutture organizzative del Gruppo Merlin, della salute e della sicurezza nella sua accezione più ampia, che include anche le questioni legate all ambiente. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, RISK MANAGEMENT GUIDANCE, JULY La guida approvata dal Consiglio è volta a fornire un riassunto dettagliato dell approccio e dei processi necessari per capire, valutare e agire nella gestione di tutti i rischi che potrebbero colpire il rendimento, la posizione e la reputazione della Società. CAST MEMBER GARDALAND L opuscolo è l insieme delle regole generali applicate all interno dell organizzazione di Gardaland, ed è complemento fondamentale del mansionario specifico di ogni ruolo. Questo opuscolo è indirizzato ad ogni singolo collaboratore e dipendente. ORGANISMO DI VIGILANZA - STATUTO GARDALAND Lo Statuto ha lo scopo di disciplinare il funzionamento dell Organismo di Vigilanza, individuandone poteri, compiti e responsabilità. L Organismo è la funzione aziendale che vigila e controlla il funzionamento, l efficacia, l adeguatezza e l osservanza del Modello di Organizzazione. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 7 di 25

8 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Nel rispetto della normativa vigente e nell ottica della pianificazione e della gestione delle attività aziendali tese ad assicurare la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, GARDALAND S.r.l. adotta misure organizzative e di gestione idonee a prevenire comportamenti illeciti o comunque contrari alle regole di questo Codice da parte di qualunque soggetto che agisca per talie organizzazione. Tali misure sono coerenti con modelli di organizzazione, gestione e controllo che prevedono sistemi idonei a garantire lo svolgimento delle attività e a scoprire ed eliminare tempestivamente le situazioni di rischio. Il Modello di organizzazione, al fine di prevenire il rischio di commissione dei reati dai quali possa derivare la responsabilità ai sensi del D.Lgs. 231/01, prevede: a) l individuazione delle attività nel cui ambito possono essere commessi reati in relazione alla Salute e alla Sicurezza dei Lavoratori; b) specifici protocolli diretti a programmare l individuazione e l attuazione delle decisioni dell impresa in relazione ai reati da prevenire; c) l impossibilità, da parte di un unico soggetto, di presiedere e monitorare tutte le fasi di un processo; d) l individuazione delle modalità di gestione delle risorse idonee ad impedire la commissione di reati in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori; e) obblighi di informazione nei confronti dell Organismo di Vigilanza, deputato a vigilare sul funzionamento e l osservanza dei modelli organizzativi; f) l introduzione di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello. Il Consiglio di Amministrazione di GARDALAND S.r.l. effettua il monitoraggio dell'adeguatezza e dell'effettivo funzionamento del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori correlato al Modello di organizzazione ed esegue gli interventi ritenuti necessari od opportuni per assicurarne il miglior funzionamento. Per la verifica e l applicazione delle norme contenute nel presente Codice è inoltre istituito in GARDALAND S.r.l. un apposito Organismo di Vigilanza, ai sensi del Decreto Lgs. 231/01, che fornisce assistenza per l analisi dei rischi aziendali, la valutazione dell adeguatezza del Modello di organizzazione, il suo aggiornamento e il controllo del suo effettivo funzionamento. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 8 di 25

9 COMPORTAMENTI L ORGANIZZAZIONE La divisione dei compiti e delle responsabilità rappresenta uno dei momenti strategici per l organizzazione. Le responsabilità e le relative autorità devono essere definite in coerenza con lo schema organizzativo e funzionale dell organizzazione. È quindi necessario, per la completa attuazione dell organizzazione aziendale, che vengano indicati in un organigramma aziendale i ruoli, i compiti e le responsabilità. Nella definizione dei compiti organizzativi ed operativi, a partire dalla Direzione aziendale fino a tutti i lavoratori e collaboratori, devono essere esplicitati e resi noti i comportamenti di loro competenza, nonché le responsabilità connesse all esercizio degli stessi e i compiti di monitoraggio. Devono inoltre essere documentate e rese note a tutti i livelli dell organizzazione le funzioni e i compiti delle diverse posizioni organizzative. La Direzione aziendale di GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a designare uno o più soggetti, con adeguate capacità, cui affidare il compito e la relativa autorità, indipendentemente da ulteriori responsabilità, di coordinare e verificare che il Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori sia realizzato e mantenuto. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 9 di 25

10 LA COMUNICAZIONE, L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DELLE PERSONE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire modalità e strumenti atti ad assicurare l efficienza e l efficacia del processo di comunicazione, informazione e formazione in funzione delle proprie esigenze e caratteristiche. Il processo di comunicazione e di informazione è essenziale per far partecipare il personale e coinvolgerlo nel Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori e per il raggiungimento degli obiettivi fissati in attuazione della Politica aziendale. GARDALAND S.r.l. si impegna quindi a: - diffondere la politica aziendale per la Salute e la Sicurezza dei Lavoratori; - definire un flusso informativo adeguato a condividere le informazioni inerenti la Salute e Sicurezza, al fine di sviluppare la cooperazione tra tutti i soggetti interessati, interni ed esterni all organizzazione; - definire ed attuare efficaci modalità di comunicazione degli obiettivi di Salute e Sicurezza, dei relativi programmi di attuazione e dei risultati raggiunti; - informare tutto il personale su chi e in quale misura detiene responsabilità per la Salute e Sicurezza, e chi sono i soggetti con incarichi specifici inerenti la Salute e Sicurezza nell organizzazione; - promuovere il ritorno di informazione in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori e la comunicazione interpersonale. A questo scopo GARDALAND S.r.l. si impegna a realizzare: - un processo di formazione e informazione (artt. 36 e 37 D.Lgs 81/08); - una adeguata comunicazione interna; - un opportuna comunicazione esterna rivolta al personale esterno e comunque non dipendente (fornitori, collaboratori esterni), al pubblico (clienti, visitatori e altri soggetti interessati) ed alle autorità. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 10 di 25

11 LA DOCUMENTAZIONE La documentazione costituisce la struttura intorno alla quale il Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori si articola, in quanto i documenti sono una rilevante fonte di informazioni. La documentazione descrive il sistema, le azioni da intraprendere, le modalità di attuazione, le registrazioni che devono essere conservate. GARDALAND S.r.l. si impegna a predisporre un sistema atto a consentire a tutto il personale la facile e la rapida consultazione di ogni documento connesso al Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a pianificare le modalità per l aggiornamento, in tempo utile ai bisogni, e la conservazione della propria documentazione, e stabilire le responsabilità e modalità per: - definire i contenuti e il formato dei documenti (supporti elettronici, cartacei, audiovisivi, ecc.); - definire il collegamento tra la documentazione e il flusso informativo in modo da assicurare l adeguata distribuzione della documentazione al personale interessato; - rimuovere tutti i documenti superati dai luoghi di utilizzo ed archiviare adeguatamente quelli utili a fini legali o come memoria storica; - definire le necessità di rinnovo e archiviazione dei documenti e le relative modalità, identificandone anche i tempi di conservazione; - documentare le attività di controllo delle misure di prevenzione e protezione adottate dall organizzazione; - documentare le attività di consultazione, coinvolgimento, informazione e formazione del personale. La gestione della documentazione del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori comprende: - leggi, regolamenti e norme antinfortunistiche attinenti l attività dell azienda; - il presente Codice di comportamento e la relativa politica aziendale; - la documentazione richiesta dalla normativa vigente in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori; - manuali e istruzioni d uso di macchine, attrezzature e dispositivi di protezione forniti dai costruttori; - regolamenti, accordi aziendali, informazioni sui processi produttivi e schemi organizzativi; - norme interne, procedure operative e relative registrazioni, anche in versione informatica; - valutazioni dei rischi e piani di emergenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 11 di 25

12 I MONITORAGGI E LE VERIFICHE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire le modalità per monitorare e valutare con regolarità le caratteristiche dell ambiente di lavoro e le attività gestite che possono avere ricadute sulla Salute e Sicurezza dei Lavoratori. L organizzazione stabilisce le responsabilità e le modalità per il monitoraggio: - in sede di pianificazione, coerentemente con la valutazione dei rischi per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, - in conformità alla sua dimensione organizzativa ed ai suoi processi. Tali monitoraggi possono effettuati da risorse interne o esterne all organizzazione. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a definire, pianificare ed attuare un programma, e le relative procedure, per svolgere verifiche ( audit ) del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, al fine di stabilire se il sistema stesso - è conforme a quanto pianificato; - è correttamente applicato e mantenuto attivo; - consente di raggiungere gli obiettivi pianificati. Tali monitoraggi devono essere effettuati a cura di personale competente, che assicuri imparzialità, obiettività e indipendenza dalle attività che va a verificare. I risultati degli audit sono comunicati alla Direzione Aziendale che deve utilizzarli nella definizione delle decisioni strategiche di propria competenza durante il riesame del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 12 di 25

13 GLI INFORTUNI, GLI INCIDENTI, LE SITUAZIONI NON CONFORMI, LE AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE GARDALAND S.r.l. si impegna a coinvolgere il personale nell analisi delle cause e nella ricerca di soluzioni in relazione a situazioni che risultassero non conformi agli obiettivi e alle misure pianificate per l attuazione del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. GARDALAND S.r.l. deve inoltre individuare i soggetti responsabili e le modalità di gestione delle azioni preventive e correttive, inclusi i tempi per la loro realizzazione, al fine di evitare situazioni pericolose o di emergenza. A tale scopo GARDALAND S.r.l. si impegna a definire le modalità di trattamento delle non conformità rilevate durante il monitoraggio e gli audit, tramite l attribuzione di autorità, responsabilità e risorse necessarie per intervenire tempestivamente. GARDALAND S.r.l. deve assicurarsi inoltre che tutte le azioni preventive e correttive siano sottoposte al processo di valutazione dei rischi prima della loro attuazione. Le azioni preventive e correttive attuate e le relative verifiche di efficacia devono essere considerate come elementi prioritari per il riesame del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, delle sue politiche e dei relativi obiettivi. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 13 di 25

14 IL RIESAME E IL MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA A conclusione del ciclo di monitoraggio interno, la Direzione aziendale di GARDALAND S.r.l. si impegna a sottoporre a riesame le attività del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori per valutare se il sistema sia adeguatamente attuato e si mantenga idoneo al conseguimento degli obiettivi e della politica. Il riesame può essere concomitante con la riunione periodica (art. 35 D.Lgs 81/08) tra Datore di lavoro (o un suo rappresentante), Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e Medico competente. Per tale valutazione dovranno essere raccolte tutte le informazioni necessarie. Il riesame deve essere documentato. Dall analisi dello stato del sistema può essere riformulata la politica e sono definiti gli obiettivi per il periodo successivo. Argomenti necessari del riesame sono: - il cambiamento di situazioni circostanti, comprese le evoluzioni e lo sviluppo di attività e delle relative prescrizioni legali e misure di prevenzione e protezione; - statistiche degli infortuni e delle malattie professionali; - risultati degli audit interni e delle valutazioni sul rispetto delle prescrizioni legali applicabili; - risultati dei monitoraggi interni, compresi infortuni, incidenti e malattie professionali; - relazioni periodiche del medico competente; - azioni correttive e preventive intraprese; - rapporti sulle emergenze (simulate o reali); - cambiamenti nell organizzazione o della situazione di contesto (ad esempio modifiche di processi, nuovi contratti di lavoro, modifiche legislative); - informazioni risultanti dalle attività di consultazione e partecipazione del personale; - rapporti sull efficacia del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori; - rapporti sulla identificazione dei pericoli, sulla valutazione dei rischi e sulle misure di prevenzione e protezione; - programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori; - obiettivi e piani di miglioramento. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 14 di 25

15 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Per effettuare la valutazione dei rischi per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori (art. 28 D.Lgs 81/08), GARDALAND S.r.l. si impegna a gestire dati e informazioni circa il lay out, le mansioni dei lavoratori, le macchine, gli impianti e le attrezzature, i dispositivi di protezione individuale, le attività di sorveglianza sanitaria. Devono inoltre essere considerati i dati infortunistici almeno degli ultimi 5 anni. Per l individuazione dei pericoli e la valutazione dei rischi è necessaria una verifica di conformità dell azienda rispetto alla normativa vigente, ai pericoli delle singole aree ed a quelli applicabili alle attività svolte, sia ordinarie che straordinarie. Nella valutazione dei rischi va tenuto presente che possono esserci categorie di lavoratori particolarmente esposti (ad esempio lavoratori stranieri, a progetto, stagionali, di ditte esterne, ecc.). Conseguentemente alla valutazione, deve essere effettuata la classificazione dei rischi in ordine al loro livello, e devono essere definite le misure di prevenzione e protezione adottate e da adottare. Tali misure devono essere considerate dal punto di vista tecnico, organizzativo e formativo. La pianificazione e la programmazione delle misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate deve prevederne la definizione, la verifica dell applicazione, i tempi per la realizzazione e le figure coinvolte nella realizzazione di tali interventi. La procedura stabilita dall organizzazione deve definire le modalità di revisione e di aggiornamento, che devono essere sistematiche e da attuare anche in caso di variazioni che comportano modifiche ai rischi. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 15 di 25

16 LE MISURE DI PREVENZIONE GARDALAND S.r.l. si impegna ad adottare procedure che regolano le attività di scelta e di acquisto delle risorse tecniche e strumentali (impianti, macchine, attrezzature, ecc.), del loro utilizzo in sicurezza, delle attività di controllo periodico, manutenzione e verifica, anche in base a quanto disposto dal quadro normativo e dai fabbricanti. La programmazione degli interventi deve tenere conto degli obblighi di legge, ma non si deve limitare a questi, in un ottica di prevenzione. È quindi necessario programmare, realizzare e registrare tutti gli interventi. GARDALAND S.r.l. si impegna anche ad adottare procedure che regolano le attività di scelta, di acquisto, di gestione e di distribuzione dei Dispositivi di Protezione Individuali (art. 69 D.Lgs 81/08). Il personale che è tenuto all uso deve essere formato e sensibilizzato sul loro impiego e sulla loro importanza. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a definire i criteri e le modalità per la scelta, l adozione e la gestione della segnaletica. La disposizione della segnaletica deve derivare dall analisi del documento di valutazione dei rischi. La segnaletica esistente deve essere mantenuta efficiente, provvedendo a identificare i responsabili del controllo del loro stato di conservazione e della efficacia della stessa. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 16 di 25

17 LE EMERGENZE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire i criteri per la gestione delle situazioni di emergenza che possono verificarsi al proprio interno (artt. 43 e segg. D.Lgs 81/08), considerando il possibile coinvolgimento di quanti operano negli ambienti di lavoro (personale dipendente, operatori di ditte esterne, clienti, visitatori, ecc.). Tra gli aspetti del Piano di emergenza vengono previsti i seguenti aspetti: - i possibili scenari di emergenze; - le risorse umane per la gestione delle emergenze, con relativi compiti e responsabilità; - le dotazioni antincendio e di sicurezza disponibili in azienda; - le modalità attuate per le verifiche periodiche delle protezioni e dei presidi antincendio e di primo soccorso; - le procedure di intervento da attuare da parte dei componenti delle squadre di emergenza e del personale, per affrontare le situazioni di emergenza; - le modalità per garantire un efficace informazione, formazione e addestramento sui contenuti del piano di emergenza, sia per i componenti delle squadre che per tutti gli altri soggetti interessati; - la gestione del periodo post - emergenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 17 di 25

18 I MATERIALI E LE SOSTANZE Nei siti di GARDALAND S.r.l. nei quali sono utilizzate o vi è la presenza di agenti chimici, ed in modo particolare quelli pericolosi, sono prese tutte le misure necessarie a tutela dei soggetti esposti ai rischi che ne derivano. Tra i materiali e le sostanze presenti in azienda vanno individuati quelli che risultano essere pericolosi, verificandone le effettive quantità. Per la verifica delle caratteristiche di pericolosità si analizzano le schede di sicurezza predisposte dai produttori, che devono essere aggiornate e disponibili in azienda. Tali attività sono parte integrante del processo di valutazione dei rischi, con la conseguente definizione delle misure di prevenzione e protezione da adottare. Con le modalità di gestione vanno definiti i criteri con cui vengono effettuati gli acquisti, i requisiti per l ingresso, l immagazzinamento, la conservazione, l impiego e la manipolazione degli agenti chimici. I responsabili di tali attività devono essere informati sui contenuti delle schede di sicurezza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 18 di 25

19 I LAVORI IN APPALTO GARDALAND S.r.l. si impegna ad adottare procedure che regolano i rapporti con gli appaltatori, al fine di ridurre i rischi derivanti dalla presenza in azienda di ditte e/o lavoratori autonomi (art. 26 D.Lgs 81/08). GARDALAND S.r.l. si impegna a: - definire clausole di sicurezza già in fase contrattuale con l appaltatore, - svolgere una verifica di idoneità nei confronti dell appaltatore, - cooperare e coordinarsi con il datore di lavoro dell appaltatore, prima dell inizio del lavoro e durante l esecuzione, per la gestione del rischio di interferenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 19 di 25

20 LA SORVEGLIANZA SANITARIA GARDALAND S.r.l. si impegna a definire i criteri per attuare il servizio di sorveglianza sanitaria (art. 41 D.Lgs 81/08) nei confronti del proprio personale, nel rispetto di quanto prevede la normativa vigente e con il coinvolgimento attivo del Medico competente. In particolare devono essere gestiti: - la nomina del Medico competente, le relative comunicazioni delle informazioni necessarie per la definizione del Protocollo Sanitario e l organizzazione delle visite mediche al personale; - la predisposizione e i giudizi di idoneità alla mansione e l istituzione delle Cartelle Sanitarie e la loro custodia; - le visite agli ambienti di lavoro e la predisposizione della Relazione annuale da parte del medico competente; - le informazioni che devono essere fornite ai lavoratori in merito alla sorveglianza sanitaria; - le modalità di partecipazione e collaborazione, da parte del Datore di Lavoro e del Medico competente, nell attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 20 di 25

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

Numero progetto di norma UNI: U50.00.625.0 Date: 03.11.2008 Numero di riferimento del documento: UNI XXXX Commissione UNI: Sicurezza Segreteria: UNI

Numero progetto di norma UNI: U50.00.625.0 Date: 03.11.2008 Numero di riferimento del documento: UNI XXXX Commissione UNI: Sicurezza Segreteria: UNI Numero progetto di norma UNI: U50.00.625.0 Date: 03.11.2008 Numero di riferimento del documento: UNI XXXX Commissione UNI: Sicurezza Segreteria: UNI SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUL

Dettagli

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure

CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure CERTIQUALITY Istituto di Certificazione della Qualità Contenuti del disciplinare tecnico DT 76 Esempi e procedure S.Balsotti 18 Maggio 2015 Contenuti 1. Introduzione 2. Descrizione del servizio 3. Scopo

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CNA CONSULENZA SRL

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CNA CONSULENZA SRL SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO D. LGS. 81/08 ART. 28 COMMA 2 LETTERA D. l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell organizzazione

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs.

Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. Convegno ASACERT Il Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute sul Lavoro OHSAS 18000:2007 e il Modello di Organizzazione e Controllo secondo il D.Lgs. 231/01 Centro Congressi Relaisfranciacorta 20 marzo

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001) Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Speciale D Salute e Sicurezza MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di SIAE Società Italiana Autori ed Editori (ex Decreto Legislativo n.

Dettagli

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL 1 Responsabilità Amministrativa L applicazione dell art. 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. rende esimente le aziende, in presenza di un modello

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI

Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Le procedure semplificate per l adozione del MOG nelle PMI Il DM 13 febbraio 2014, approvato dalla Commissione Consultiva nella seduta del 27 novembre 2013, ha lo scopo di attuare quanto previsto dal comma

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE?

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? 13 Salone della qualità e sicurezza sul lavoro REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO: CASTELLO DI CARTE O CASSETTA DEGLI ATTREZZI PER UNA GESTIONE EFFICACE? Dott. Ing. Massimo

Dettagli

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG)

Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08. Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Commissione Consultiva Permanente ex Art. 6 DLgs 81/08 Il documento del Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Ivo Dagazzini Rappresentante delle Regioni per la Regione Veneto Direttore

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI

IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Cinzia Dalla Riva IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N 231 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI Disciplina la responsabilità amministrativa degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato (reato

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro

Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Parte speciale Reati in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs 231/2001 APPROVAZIONE L Amministratore delegato Il Presidente

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO OMICIDIO COLPOSO O LESIONI GRAVI O GRAVISSIME COMMESSE CON VIOLAZIONE DELLE NORME SULLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Le fattispecie delittuose inserite all'art. 25-septies riguardano unicamente

Dettagli

Modelli organizzativi 231 per le PMI: linee guida per l implementazione

Modelli organizzativi 231 per le PMI: linee guida per l implementazione Spunti per nuovi strumenti gestionali da un progetto condotto nel distretto lucchese Modelli organizzativi 231 per le PMI: linee guida per l implementazione di Fabio Iraldo, Francesco Testa e Maria Rosa

Dettagli

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Procedura correlata alla gestione della salute e sicurezza nei luoghi di Approvato da: Funzione Cognome e Nome Data Firma per approvazione Presidente del CdA RSPP Soc. di consulenza Verificato da:: Funzione

Dettagli

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente

Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Commissione Consultiva Permanente Comitato n. 4 Modelli di Organizzazione e di Gestione (MOG) Documento in attesa di approvazione definitiva Nota per la Commissione Consultiva Permanente Prima di procedere

Dettagli

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen

INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen INAIL Direzione Provinciale di Bolzano -Landesdirektion Bozen Sistemi di gestione della salute e sicurezza del lavoro e l Assicurazione INAIL Trento, 8 Novembre 2011 Con il di D.Lgs 231/2001REATI SICUREZZA

Dettagli

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014

L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA DEL LAVORO ATTRAVERSO L ART. 30 DEL D.LGS. 81/08 L'adozione del MOG con le Procedure Semplificate descritte dal Decreto Ministeriale 13 febbraio 2014 Ivo Dagazzini Direttore

Dettagli

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL

L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro: i SGSL Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 L approccio sistemico alla gestione della sicurezza sul lavoro:

Dettagli

I Sistemi di gestione della sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001. Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl

I Sistemi di gestione della sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001. Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl I Sistemi di gestione sicurezza: lo standard BS OHSAS 18001 Como 1 ottobre 2009 Stefano Aldini Area Ambiente e Sicurezza Certiquality Srl SISTEMI DI GESTIONE SICUREZZA COSA E IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA

Dettagli

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA

Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti COPIA Sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro Requisiti Correlazione tra i requisiti della OHSAS 18001:2007 ed i requisiti delle Linee Guida INAIL-ISPESL-UNI, già predisposta dal

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA

IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA IL CORRETTIVO AL TESTO UNICO DELLA SICUREZZA I modelli di organizzazione e gestione ex art. 30 D. Lgs. 81/08 in connessione con il D. Lgs. 231/01 Pesaro, Hotel Flaminio, 12 febbraio 2010 Collegio Provinciale

Dettagli

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione

Roma: 27 Ottobre 2015 Corte di Cassazione Idoneità dei Modelli organizzativi e di gestione secondo il d.lgs. 81/08, e rapporto con i Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza sul lavoro conformi allo standard BS OHSAS 18001:2007 Roma: 27 Ottobre

Dettagli

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 www.adhocash.it Adhoc, il cash&carry su misura per te! In occasione della Festa dei Lavoratori Adhoc ha voluto realizzare il presente opuscolo per

Dettagli

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica,

Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, Decreto Legislativo 231/2001 Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA BS OHSAS 18001 E LA CERTIFICAZIONE G E S T I R E LA SICUREZZA SUL LAVORO LA NORMA E LA CERTIFICAZIONE Premessa La sicurezza sui luoghi di lavoro è un argomento che da molto tempo è all attenzione del nostro Paese. Gli incidenti sui luoghi

Dettagli

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs.

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) MODULO C Unità didattica C41-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI

Dettagli

Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati

Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Relazioni tra il Dlgs 231 ed i Sistemi di Gestione certificati Emanuele Riva Coordinatore Ufficio Tecnico ACCREDIA Compliance Officer e membro dell Organismo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO *) (SGSL) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.

INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12. Learning Center Engineering Management INTEGRAZIONE E CONFRONTO DELLE LINEE GUIDA UNI-INAIL CON NORME E STANDARD (Ohsas 18001, ISO, ecc.) Autore: Dott.ssa Monica Bianco Edizione: 1 Data: 03.12.2007 VIA

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE D- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 236 D.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies

Dettagli

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas

VERONA, 20 Settembre 2010. Ing. Flavia Lepore Senior Inspector HSE. - Copyright Bureau Veritas Il modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/01 e il reato connesso ad omicidio o lesioni personali gravi e gravissime in violazione di norme sulla prevenzione degli infortuni

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul

Dettagli

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS

D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI. Integrazione 231 e SGS D.Lgs. 231/2001 - RESPONSABILITÀ DI IMPRESA: APPLICABILITÀ AI LABORATORI DI ANALISI Integrazione 231 e SGS M.G.Marchesiello Bologna 5 giugno 2014 L. 3.08.2007 n. 123 Misure in tema di tutela della salute

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

Convegno : «Strumenti a supporto di un sistema di gestione esimente ai fini 231»

Convegno : «Strumenti a supporto di un sistema di gestione esimente ai fini 231» Convegno : «Strumenti a supporto di un sistema di gestione esimente ai fini 231» Milano, 11 maggio 2016 Alessandro Foti - ESHQ Consulting srl Coordinatore Comitato Tecnico Scientifico AIAS Sistemi di Gestione

Dettagli

CODICE ETICO. Cantina di Castelnuovo del Garda, Società Agricola Cooperativa (di seguito: l Ente)

CODICE ETICO. Cantina di Castelnuovo del Garda, Società Agricola Cooperativa (di seguito: l Ente) INDICE Premessa 2 A La Cantina di Castelnuovo del Garda e i suoi obiettivi 2 B Adozione 3 C Diffusione e Aggiornamento 3 D Modello Organizzativo 3 PARTE I 4 Regole di Comportamento 4 Sezione I: i Rapporti

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO PARTE SPECIALE D REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 1 PARTE SPECIALE E REATI COLPOSI IN VIOLAZIONE DELLE NORME IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

Ing. Alberto Rencurosi

Ing. Alberto Rencurosi 28.05.2015 Ing. Alberto Rencurosi Lead auditor SQS (ISO9001, ISO14001, OHSAS18001, ISO 50001) Associazione Svizzera per Sistemi di Qualità e di Management (SQS) 1 Testo Unico e sistemi di gestione della

Dettagli

Circolare Informativa

Circolare Informativa Circolare Informativa Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 7 marzo 2010 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER LE SOCIETÀ DI CAPITALI EX D.LGS. N.231/2001 CERTIFICAZIONE SICUREZZA AZIENDALE OHSAS 18001 Ricordiamo

Dettagli

Imprese grandi/imprese piccole

Imprese grandi/imprese piccole Imprese grandi/imprese piccole La sensazione diffusa, non corroborata da dati statistici, è che l adozione delle misure di sicurezza sia disomogenea: migliore nelle grandi opere, dove sono coinvolte imprese

Dettagli

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP

I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture sanitarie Carmine Esposito INAIL D. R. Lombardia CONTARP AZIENDA OSPEDALIERA DI DESENZANO DEL GARDA Sicurezza sul lavoro Il D. Lgs. 81/08 nelle strutture sanitarie alla luce delle nuove modifiche I sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro nelle strutture

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo Modello di organizzazione, gestione e controllo Decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 SINTESI principi e regole del sistema del Modello di organizzazione e gestione Le ragioni di adozione del modello

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio Salute e Sicurezza sul Lavoro in ambito caseario Implementazione di un Sistema di Gestione Siamaggiore, Loc. Pardu Nou - Giovedì 2 luglio 2015 Sistemi di gestione della Sicurezza sul Lavoro: Caso studio

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ing. Davide Musiani Modena- Mercoledì 8 Ottobre 2008 L art. 30 del D.Lgs 81/08 suggerisce due modelli organizzativi e di controllo considerati idonei ad avere efficacia

Dettagli

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO

LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO LA NORMA OHSAS 18001 E IL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA 81/2008: IMPATTO SUL SISTEMA SANZIONATORIO Studio Candussi & Partners novembre 2008 Lo Studio Candussi & Partners Lo Studio opera dal 1998 con consulenti

Dettagli

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01

Protocollo di comportamento n. 05. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 Protocollo di comportamento n. Prevenzione dei reati di cui all art. 25 - septies del D.Lgs. 231/01 OMICIDIO COLPOSO E LESIONI COLPOSE GRAVI O GRAVISSIME, COMMESSI CON VIOLAZIONE DELLE NORME ANTINFORTUNISTICHE

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. 231/01. Modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs. 231/2001 e s.m.i.

DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. 231/01. Modello organizzativo e gestionale ex D.Lgs. 231/2001 e s.m.i. DOCUMENTAZIONE DEL SISTEMA QUALITA' MODELLO DI PREVENZIONE REATI EX D.LGS. n/a n/a n/a n/a 1 5/05/09 Emissione MCK MCK n/a Canetta Rev. Data Descrizione Redatto Verificato Approvato RC Committente: Codice

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012

AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 ucci UTILIZZO DI FINANZIAMENTI INAIL SISTEMI DI GESTIONE PER LA SICUREZZA, MODELLI 231 SEMPLIFICATI PER LA PREVENZIONE DEI REATI SULLA SICUREZZA AQM incontra le imprese 27 Gennaio 2012 AGENDA Il Bando

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA

FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO CODICE ETICO FONDAZIONE TERZO PILASTRO - ITALIA E MEDITERRANEO 1/9 VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA FONDAZIONE TERZO PILASTRO ITALIA E MEDITERRANEO VIA M. MINGHETTI 17 00187 ROMA Tel. 0039.06.97625591 Fax. 0039.06.98380693 mail: fondazione@fondazioneterzopilastro.it CODICE ETICO 1/9 Sommario 1.Generalità...

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

Temi. Marco Frey Scuola Superiore Sant Anna e IEFE Università Bocconi

Temi. Marco Frey Scuola Superiore Sant Anna e IEFE Università Bocconi I sistemi di gestione ambientale EMAS e ISO 14001, la presunzione di conformità del modello organizzativo ex D. Lgs. 231/2001 e le indicazioni emergenti dall esperienza dell art. 30 del D. Lgs. 81/2008.

Dettagli

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza

Confronto Tecnico. tra la L.626/94 e la L.81/08. in tema di Sicurezza Confronto Tecnico tra la L.626/94 e la L.81/08 Ing. Roberto Maria Grisi Anni 30 I passaggi storici fondamentali della normativa per la sicurezza Richiami nel codice civile e penale Anni 40 Richiami generici

Dettagli

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE

REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE ALLEGATO 1 al ddg n. del REQUISITI MINIMI PER L APPLICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO (SGSL) NELLE STRUTTURE SANITARIE Laboratorio di approfondimento Ruolo del Servizio

Dettagli

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro.

L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. L approccio sistemico nell organizzazione e gestione della sicurezza: i sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro. ing-. Laura Dizorz INAIL D.R. Friuli Venezia Giulia C.T.E Udine, 21 gennaio 2010

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe

MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe MOGS per le piccole e medie imprese: le novità introdotte dal D.M. 13 febbraio 2014. Dott.ssa Fabiana Maria Pepe Con il decreto ministeriale 13 febbraio 2014 trovano attuazione le procedure semplificate

Dettagli

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE D REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO IL RISCHIO

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA SUL LAVORO DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori LA RESPONSABILITÀ DA REATO DELLE SOCIETÀ ALLA LUCE DEL T.U. SULLA SICUREZZA

Dettagli

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81)

Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione (D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e art. 30 del D. Lgs. 9 aprile 2008, n.81) Sommario 2 3 6 8 Principi di comportamento Principi d azione Rispetto della legalità Rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro Rispetto dell ambiente e della collettività Rapporti con fornitori

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Organigramma della sicurezza

Organigramma della sicurezza Organigramma della sicurezza Dirigente Scolastico Medico Competente R.S.P.P. A.S.P.P. Squadra di emergenza Nominativo Plesso.... Nominativo Ruolo.... R.L.S. Preposti Lavoratori Fondamenti di sicurezza:

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3

generalità 2 importanza del miglioramento continuo 2 Impegno professionale 2 Rispetto delle persone 2 Integrità 2 Lealtà 3 Partecipazione 3 Codice etico Allegato del Modello di Organizzazione e di Gestione articolo 25-septies e articolo 25 undecies del D.Lgs. 231/01 20/01/2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione SOMMARIO generalità

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE D: REATI IN TEMA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Approvato dal Consiglio

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA. Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Vittorio Campione I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA OHSAS 18001:2007 Occupational Health and Safety Assessment Series (Norme per la valutazione della salute e

Dettagli

e la norma cogente. L'implementazione in azienda

e la norma cogente. L'implementazione in azienda Il sistema di gestione BS OHSAS 18001 e la norma cogente. L'implementazione in azienda Via dei Mille, 8 - Falconara M.(AN) - Tel. 071.910701 Fax: 071.9169688 pbelardinelli@isaq.it - www.isaq.it 547 + 391

Dettagli

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

IL D.LGS. 231/01 ED IL RUOLO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO IL REATO DI LESIONI COLPOSE IN AMBITO DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO E RESPONSABILITÀ DELL IMPRESA AI SENSI DELL ART. 25-SEPTIES D.LGS. 231/01 IL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

IO LAVORO E GUIDO SICURO

IO LAVORO E GUIDO SICURO IO LAVORO E GUIDO SICURO Misano Word Circuit Marco Simoncelli Workshop 22 Marzo 2013 Azienda USL Rimini Pierpaolo Neri Dott. Ing. Pierpaolo Neri 1 Gli argomenti 1. Responsabilità amministrativa delle aziende

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno

I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione. Mario Cugno D.Lgs. 231/2001 e Modelli Organizzativi: configurazione e buone prassi I sistemi di gestione requisiti, valori, utilità e certificazione Area Manager Certiquality Sicilia m.cugno@certiquality.it 3351689047

Dettagli

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.

I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. I SERVIZI DI AQM PER PROGETTAZIONE E ASSISTENZA PER LA REALIZZAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 ( RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA D IMPRESA) La norma

Dettagli

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti

Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Corso di formazione Modulo aggiuntivo per Preposti Dr. Sebastiano Papa Principali soggetti

Dettagli

TUSSL 2011. Sistemi di qualificazione delle Imprese, sistemi di gestione della sicurezza, modelli di organizzazione e gestione: facciamo chiarezza.

TUSSL 2011. Sistemi di qualificazione delle Imprese, sistemi di gestione della sicurezza, modelli di organizzazione e gestione: facciamo chiarezza. TU TUSSL 2011 Sistemi di qualificazione delle Imprese, sistemi di gestione della sicurezza, modelli di organizzazione e gestione: facciamo chiarezza. di Alberto ANDREANI di Alberto ANDREANI Bologna 3 maggio

Dettagli