Codice di Comportamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.gardaland.it Codice di Comportamento"

Transcript

1 Codice di Comportamento Castelnuovo del Garda, marzo 2009

2 PREMESSA La Salute e la Sicurezza sono le nostre priorità più importanti, e la Direzione di GARDALAND S.r.l. si impegna a migliorarle all interno della propria area di responsabilità. Tuttavia «LA SICUREZZA E LA SALUTE SONO RESPONSABILITÀ DI TUTTI» Il presente Codice di Comportamento è una dichiarazione pubblica in cui sono individuati i principi generali e le regole comportamentali in relazione alla Salute e Sicurezza sul Lavoro, al fine di consentire a GARDALAND S.r.l. di dotarsi di un Modello di organizzazione e controllo conforme al D.Lgs 231/01 applicato per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. Il presente Codice ha lo scopo di indirizzare eticamente l agire di GARDALAND S.r.l. e pertanto le disposizioni che vi sono contenute sono vincolanti per i comportamenti di tutti gli amministratori, i dirigenti, i preposti e i lavoratori dipendenti, per i consulenti e per chiunque instauri, a qualsiasi titolo, un rapporto di collaborazione. Il presente Codice integra le informazioni contenute nel cast Member relativa alla salute e sicurezza del lavoro. GARDALAND S.r.l. si impegna a richiamare l osservanza delle disposizioni del presente Codice in tutti i rapporti economici da essa instaurati. L osservanza del Codice deve considerarsi parte essenziale degli obblighi contrattuali dei dipendenti ai sensi degli articoli 2104 ( Diligenza del prestatore di lavoro ), 2105 ( Obbligo di fedeltà ) e 2106 ( Sanzioni disciplinari ) del Codice Civile. La grave e persistente violazione delle norme del presente Codice lede il rapporto di fiducia instaurato con GARDALAND S.r.l. e può portare ad azioni disciplinari e di risarcimento del danno, nel rispetto di quanto definito, per i lavoratori dipendenti, dalle procedure previste all art. 7 della Legge 300/1970 (Statuto dei Lavoratori), dai contratti collettivi di lavoro e dai codici disciplinari adottati dalle organizzazioni stesse. Ogni dubbio o segnalazione relativa a sospetti di violazione dei principi etici contenuti nel Codice di Comportamento devono essere inviate all Organismo di Vigilanza (il cui ruolo è descritto nelle seguenti pagine del presente documento) al seguente indirizzo: oppure via lettera a Organismo di Vigilanza Via Derna, Castelnuovo del Garda (VR) Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 2 di 25

3 DEFINIZIONI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE È il complesso organico di principi, di regole, di disposizioni, di schemi organizzativi e dei connessi compiti e responsabilità, funzionale alla realizzazione ed alla diligente gestione di un sistema di controllo e monitoraggio delle attività sensibili al fine della prevenzione sulla commissione, anche tentata, dei reati previsti dal D.Lgs. 231/2001. Il Modello di organizzazione istituito da GARDALAND s.r.l. è applicato ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute e dela sicurezza sul lavoro. ORGANISMO DI VIGILANZA È una struttura collegiale istituita da GARDALAND S.r.l. in ottemperanza all art. 6, lettera b, del Decreto Legislativo n. 231/2001, con funzioni di vigilanza e controllo in ordine al funzionamento, all efficacia, all adeguatezza e all osservanza del Modello. In particolare l Organismo effettua le seguenti attività: - vigila sull attuazione e sull applicazione del Modello di Organizzazione, che si sostanzia nella verifica della coerenza tra i comportamenti concreti ed il Modello; - verifica l adeguatezza del Modello, ossia la sua reale (e non meramente formale) capacità di prevenire i comportamenti non voluti; - effettua analisi circa il mantenimento nel tempo dei requisiti di solidità e funzionalità del Modello; - cura il necessario aggiornamento in senso dinamico del Modello, nell ipotesi in cui le analisi operate rendano necessario effettuare correzioni ed adeguamenti; - presenta proposte di adeguamento del modello verso gli organi/funzioni aziendali in grado di dare loro concreta attuazione nel tessuto aziendale. A seconda della tipologia e della portata degli interventi, le proposte saranno dirette verso le varie funzioni aziendali interessate, e, in taluni casi di particolare rilevanza, verso il Consiglio di Amministrazione; - verifica l attuazione e l effettiva funzionalità delle soluzioni proposte, ad esempio vigilare sull applicazione delle sanzioni adottate nel Modello di organizzazione, - relaziona al massimo vertice operativo aziendale ovvero al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale. Le caratteristiche costitutive dell Organismo di Vigilanza sono contenute nel relativo Statuto. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 3 di 25

4 DESTINATARI DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Sono destinatari del Modello di organizzazione tutti coloro che operano per il conseguimento dello scopo e degli obiettivi di GARDALAND S.r.l.. I destinatari del Modello sono: - i componenti degli Organi sociali; - i soggetti coinvolti nelle funzioni dell Organismo di Vigilanza; - il Datore di lavoro e i suoi delegati; - tutti i dipendenti, con diversi ruoli e responsabilità organizzative (Dirigenti, Preposti, Lavoratori); - i consulenti esterni, i fornitori, i clienti e, in generale, tutti i terzi con cui Gardaland S.r.l. intrattiene rapporti inerenti le proprie attività. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 4 di 25

5 RIFERIMENTI LEGISLATIVI DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità a norma dell articolo 11 della Legge 29 settembre 2000, n Con questo decreto è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti con o senza personalità giuridica, per alcune tipologie di reati commessi a loro vantaggio o nel loro interesse dalle persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione e dai soggetti sottoposti alla loro direzione o vigilanza. LEGGE 3 AGOSTO 2007 N. 123 Norme in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia. Con questa legge, tra le altre misure, si modifica il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, estendendone il campo di applicazione ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute e della sicurezza sul lavoro. DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008 N. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Con questo decreto avviene il riassetto e la riforma delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori nei luoghi di lavoro, mediante il riordino e il coordinamento delle medesime in un unico testo normativo. All art. 30 i modelli di organizzazione e controllo sono indicati come strumenti per una efficace gestione degli adempimenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori. MODELLO 231 IL DECALOGO DEL TRIBUNALE DI MILANO, ORDINANZA 09 NOVEMBRE 2004 GIP TRIB. MILANO. Con un Ordinanza depositata il 9 novembre 2004 il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Milano ha emesso uno storico provvedimento che esamina l idoneità di Modelli di organizzazione, gestione e controllo ex artt 6 e 7 D.Lgs. 231/2001, adottati prima della commissione del reato, e che fornisce delle indicazioni utili alla sua redazione. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 5 di 25

6 ALTRI RIFERIMENTI (NORME E LINEE GUIDA) BS OHSAS 18001:2007, OCCUPATIONAL HEALTH AND SAFETY MANAGEMENT SYSTEM REQUIREMENTS, JULY 2007 È la norma internazionale presa come riferimento per lo sviluppo di Modelli di organizzazione e gestione conformi alle finalità del D.Lgs 231/01 ed espressamente richiamata dal D.Lgs 81/08. UNI (ED ALTRI), LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (SGSL), SETTEMBRE Le linee guida UNI-INAIL, pubblicate dal gruppo di lavoro costituito da CGIL, CISL, UIL, CNA, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confindustria, INAIL, ISPESL, UNI, sono state adottate anch esse come riferimento per il sistema di gestione della sicurezza aziendale sviluppato già a partire dal Insieme alle Linee Guida viene presa come riferimento anche la Guida operativa (ed. 2007) di Confindustria Veneto e INAIL (Direzione Regionale Veneto), perchè fornisce schemi operativi utili per lo sviluppo del Modello. CONFINDUSTRIA, LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001, 31 MARZO Tali linee guida sono uno dei riferimenti per la costruzione del modello, lo sviluppo della documentazione e l attuazione dei principi di controllo: Codice etico, Codice di comportamento, Codice disciplinare e Organismo di Vigilanza. ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO (ED ALTRI), CONTRIBUTI DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO D.LGS 231/2001, GIUGNO Tali linee guida, pubblicate dal gruppo di lavoro costituito da Associazione Ambiente e Lavoro, AIE, Scuola Superiore Sant Anna, Assolombarda, Federchimica Confindustria, EHS, Certiquality, forniscono alcune interpretazioni utili per lo sviluppo del sistema di gestione della sicurezza aziendale. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 6 di 25

7 ALTRI RIFERIMENTI MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, COMPANY CODE OF ETHICS. Il Codice Etico del Gruppo Merlin, fornisce i valori fondamentali che indirizzano eticamente l agire delle persone che lavorano all interno e per le società del gruppo Merlin. Esso viene preso come riferimento per lo sviluppo del presente Codice di Comportamento di Gardaland S.r.l. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, SAFETY FIRST, FEBRUARY La guida è volta a fornire una sintesi degli aspetti fondamentali e delle priorità in relazione alla salute e la sicurezza. La guida contiene anche la politica del Gruppo Merlin, che viene poi ripresa nel Cast Member di Gardaland S.r.l. che integra il presente Codice. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, HEALTH AND SAFETY, OCTOBER La procedura definisce i fondamenti e i criteri generali per la gestione, in tutte le strutture organizzative del Gruppo Merlin, della salute e della sicurezza nella sua accezione più ampia, che include anche le questioni legate all ambiente. MERLIN ENTERTAINMENTS GROUP, RISK MANAGEMENT GUIDANCE, JULY La guida approvata dal Consiglio è volta a fornire un riassunto dettagliato dell approccio e dei processi necessari per capire, valutare e agire nella gestione di tutti i rischi che potrebbero colpire il rendimento, la posizione e la reputazione della Società. CAST MEMBER GARDALAND L opuscolo è l insieme delle regole generali applicate all interno dell organizzazione di Gardaland, ed è complemento fondamentale del mansionario specifico di ogni ruolo. Questo opuscolo è indirizzato ad ogni singolo collaboratore e dipendente. ORGANISMO DI VIGILANZA - STATUTO GARDALAND Lo Statuto ha lo scopo di disciplinare il funzionamento dell Organismo di Vigilanza, individuandone poteri, compiti e responsabilità. L Organismo è la funzione aziendale che vigila e controlla il funzionamento, l efficacia, l adeguatezza e l osservanza del Modello di Organizzazione. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 7 di 25

8 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO Nel rispetto della normativa vigente e nell ottica della pianificazione e della gestione delle attività aziendali tese ad assicurare la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, GARDALAND S.r.l. adotta misure organizzative e di gestione idonee a prevenire comportamenti illeciti o comunque contrari alle regole di questo Codice da parte di qualunque soggetto che agisca per talie organizzazione. Tali misure sono coerenti con modelli di organizzazione, gestione e controllo che prevedono sistemi idonei a garantire lo svolgimento delle attività e a scoprire ed eliminare tempestivamente le situazioni di rischio. Il Modello di organizzazione, al fine di prevenire il rischio di commissione dei reati dai quali possa derivare la responsabilità ai sensi del D.Lgs. 231/01, prevede: a) l individuazione delle attività nel cui ambito possono essere commessi reati in relazione alla Salute e alla Sicurezza dei Lavoratori; b) specifici protocolli diretti a programmare l individuazione e l attuazione delle decisioni dell impresa in relazione ai reati da prevenire; c) l impossibilità, da parte di un unico soggetto, di presiedere e monitorare tutte le fasi di un processo; d) l individuazione delle modalità di gestione delle risorse idonee ad impedire la commissione di reati in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori; e) obblighi di informazione nei confronti dell Organismo di Vigilanza, deputato a vigilare sul funzionamento e l osservanza dei modelli organizzativi; f) l introduzione di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello. Il Consiglio di Amministrazione di GARDALAND S.r.l. effettua il monitoraggio dell'adeguatezza e dell'effettivo funzionamento del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori correlato al Modello di organizzazione ed esegue gli interventi ritenuti necessari od opportuni per assicurarne il miglior funzionamento. Per la verifica e l applicazione delle norme contenute nel presente Codice è inoltre istituito in GARDALAND S.r.l. un apposito Organismo di Vigilanza, ai sensi del Decreto Lgs. 231/01, che fornisce assistenza per l analisi dei rischi aziendali, la valutazione dell adeguatezza del Modello di organizzazione, il suo aggiornamento e il controllo del suo effettivo funzionamento. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 8 di 25

9 COMPORTAMENTI L ORGANIZZAZIONE La divisione dei compiti e delle responsabilità rappresenta uno dei momenti strategici per l organizzazione. Le responsabilità e le relative autorità devono essere definite in coerenza con lo schema organizzativo e funzionale dell organizzazione. È quindi necessario, per la completa attuazione dell organizzazione aziendale, che vengano indicati in un organigramma aziendale i ruoli, i compiti e le responsabilità. Nella definizione dei compiti organizzativi ed operativi, a partire dalla Direzione aziendale fino a tutti i lavoratori e collaboratori, devono essere esplicitati e resi noti i comportamenti di loro competenza, nonché le responsabilità connesse all esercizio degli stessi e i compiti di monitoraggio. Devono inoltre essere documentate e rese note a tutti i livelli dell organizzazione le funzioni e i compiti delle diverse posizioni organizzative. La Direzione aziendale di GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a designare uno o più soggetti, con adeguate capacità, cui affidare il compito e la relativa autorità, indipendentemente da ulteriori responsabilità, di coordinare e verificare che il Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori sia realizzato e mantenuto. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 9 di 25

10 LA COMUNICAZIONE, L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DELLE PERSONE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire modalità e strumenti atti ad assicurare l efficienza e l efficacia del processo di comunicazione, informazione e formazione in funzione delle proprie esigenze e caratteristiche. Il processo di comunicazione e di informazione è essenziale per far partecipare il personale e coinvolgerlo nel Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori e per il raggiungimento degli obiettivi fissati in attuazione della Politica aziendale. GARDALAND S.r.l. si impegna quindi a: - diffondere la politica aziendale per la Salute e la Sicurezza dei Lavoratori; - definire un flusso informativo adeguato a condividere le informazioni inerenti la Salute e Sicurezza, al fine di sviluppare la cooperazione tra tutti i soggetti interessati, interni ed esterni all organizzazione; - definire ed attuare efficaci modalità di comunicazione degli obiettivi di Salute e Sicurezza, dei relativi programmi di attuazione e dei risultati raggiunti; - informare tutto il personale su chi e in quale misura detiene responsabilità per la Salute e Sicurezza, e chi sono i soggetti con incarichi specifici inerenti la Salute e Sicurezza nell organizzazione; - promuovere il ritorno di informazione in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori e la comunicazione interpersonale. A questo scopo GARDALAND S.r.l. si impegna a realizzare: - un processo di formazione e informazione (artt. 36 e 37 D.Lgs 81/08); - una adeguata comunicazione interna; - un opportuna comunicazione esterna rivolta al personale esterno e comunque non dipendente (fornitori, collaboratori esterni), al pubblico (clienti, visitatori e altri soggetti interessati) ed alle autorità. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 10 di 25

11 LA DOCUMENTAZIONE La documentazione costituisce la struttura intorno alla quale il Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori si articola, in quanto i documenti sono una rilevante fonte di informazioni. La documentazione descrive il sistema, le azioni da intraprendere, le modalità di attuazione, le registrazioni che devono essere conservate. GARDALAND S.r.l. si impegna a predisporre un sistema atto a consentire a tutto il personale la facile e la rapida consultazione di ogni documento connesso al Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a pianificare le modalità per l aggiornamento, in tempo utile ai bisogni, e la conservazione della propria documentazione, e stabilire le responsabilità e modalità per: - definire i contenuti e il formato dei documenti (supporti elettronici, cartacei, audiovisivi, ecc.); - definire il collegamento tra la documentazione e il flusso informativo in modo da assicurare l adeguata distribuzione della documentazione al personale interessato; - rimuovere tutti i documenti superati dai luoghi di utilizzo ed archiviare adeguatamente quelli utili a fini legali o come memoria storica; - definire le necessità di rinnovo e archiviazione dei documenti e le relative modalità, identificandone anche i tempi di conservazione; - documentare le attività di controllo delle misure di prevenzione e protezione adottate dall organizzazione; - documentare le attività di consultazione, coinvolgimento, informazione e formazione del personale. La gestione della documentazione del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori comprende: - leggi, regolamenti e norme antinfortunistiche attinenti l attività dell azienda; - il presente Codice di comportamento e la relativa politica aziendale; - la documentazione richiesta dalla normativa vigente in materia di Salute e Sicurezza dei Lavoratori; - manuali e istruzioni d uso di macchine, attrezzature e dispositivi di protezione forniti dai costruttori; - regolamenti, accordi aziendali, informazioni sui processi produttivi e schemi organizzativi; - norme interne, procedure operative e relative registrazioni, anche in versione informatica; - valutazioni dei rischi e piani di emergenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 11 di 25

12 I MONITORAGGI E LE VERIFICHE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire le modalità per monitorare e valutare con regolarità le caratteristiche dell ambiente di lavoro e le attività gestite che possono avere ricadute sulla Salute e Sicurezza dei Lavoratori. L organizzazione stabilisce le responsabilità e le modalità per il monitoraggio: - in sede di pianificazione, coerentemente con la valutazione dei rischi per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, - in conformità alla sua dimensione organizzativa ed ai suoi processi. Tali monitoraggi possono effettuati da risorse interne o esterne all organizzazione. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a definire, pianificare ed attuare un programma, e le relative procedure, per svolgere verifiche ( audit ) del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, al fine di stabilire se il sistema stesso - è conforme a quanto pianificato; - è correttamente applicato e mantenuto attivo; - consente di raggiungere gli obiettivi pianificati. Tali monitoraggi devono essere effettuati a cura di personale competente, che assicuri imparzialità, obiettività e indipendenza dalle attività che va a verificare. I risultati degli audit sono comunicati alla Direzione Aziendale che deve utilizzarli nella definizione delle decisioni strategiche di propria competenza durante il riesame del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 12 di 25

13 GLI INFORTUNI, GLI INCIDENTI, LE SITUAZIONI NON CONFORMI, LE AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE GARDALAND S.r.l. si impegna a coinvolgere il personale nell analisi delle cause e nella ricerca di soluzioni in relazione a situazioni che risultassero non conformi agli obiettivi e alle misure pianificate per l attuazione del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori. GARDALAND S.r.l. deve inoltre individuare i soggetti responsabili e le modalità di gestione delle azioni preventive e correttive, inclusi i tempi per la loro realizzazione, al fine di evitare situazioni pericolose o di emergenza. A tale scopo GARDALAND S.r.l. si impegna a definire le modalità di trattamento delle non conformità rilevate durante il monitoraggio e gli audit, tramite l attribuzione di autorità, responsabilità e risorse necessarie per intervenire tempestivamente. GARDALAND S.r.l. deve assicurarsi inoltre che tutte le azioni preventive e correttive siano sottoposte al processo di valutazione dei rischi prima della loro attuazione. Le azioni preventive e correttive attuate e le relative verifiche di efficacia devono essere considerate come elementi prioritari per il riesame del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori, delle sue politiche e dei relativi obiettivi. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 13 di 25

14 IL RIESAME E IL MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA A conclusione del ciclo di monitoraggio interno, la Direzione aziendale di GARDALAND S.r.l. si impegna a sottoporre a riesame le attività del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori per valutare se il sistema sia adeguatamente attuato e si mantenga idoneo al conseguimento degli obiettivi e della politica. Il riesame può essere concomitante con la riunione periodica (art. 35 D.Lgs 81/08) tra Datore di lavoro (o un suo rappresentante), Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e Medico competente. Per tale valutazione dovranno essere raccolte tutte le informazioni necessarie. Il riesame deve essere documentato. Dall analisi dello stato del sistema può essere riformulata la politica e sono definiti gli obiettivi per il periodo successivo. Argomenti necessari del riesame sono: - il cambiamento di situazioni circostanti, comprese le evoluzioni e lo sviluppo di attività e delle relative prescrizioni legali e misure di prevenzione e protezione; - statistiche degli infortuni e delle malattie professionali; - risultati degli audit interni e delle valutazioni sul rispetto delle prescrizioni legali applicabili; - risultati dei monitoraggi interni, compresi infortuni, incidenti e malattie professionali; - relazioni periodiche del medico competente; - azioni correttive e preventive intraprese; - rapporti sulle emergenze (simulate o reali); - cambiamenti nell organizzazione o della situazione di contesto (ad esempio modifiche di processi, nuovi contratti di lavoro, modifiche legislative); - informazioni risultanti dalle attività di consultazione e partecipazione del personale; - rapporti sull efficacia del Sistema di Gestione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori; - rapporti sulla identificazione dei pericoli, sulla valutazione dei rischi e sulle misure di prevenzione e protezione; - programmi di informazione e formazione dei dirigenti, dei preposti e dei lavoratori; - obiettivi e piani di miglioramento. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 14 di 25

15 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Per effettuare la valutazione dei rischi per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori (art. 28 D.Lgs 81/08), GARDALAND S.r.l. si impegna a gestire dati e informazioni circa il lay out, le mansioni dei lavoratori, le macchine, gli impianti e le attrezzature, i dispositivi di protezione individuale, le attività di sorveglianza sanitaria. Devono inoltre essere considerati i dati infortunistici almeno degli ultimi 5 anni. Per l individuazione dei pericoli e la valutazione dei rischi è necessaria una verifica di conformità dell azienda rispetto alla normativa vigente, ai pericoli delle singole aree ed a quelli applicabili alle attività svolte, sia ordinarie che straordinarie. Nella valutazione dei rischi va tenuto presente che possono esserci categorie di lavoratori particolarmente esposti (ad esempio lavoratori stranieri, a progetto, stagionali, di ditte esterne, ecc.). Conseguentemente alla valutazione, deve essere effettuata la classificazione dei rischi in ordine al loro livello, e devono essere definite le misure di prevenzione e protezione adottate e da adottare. Tali misure devono essere considerate dal punto di vista tecnico, organizzativo e formativo. La pianificazione e la programmazione delle misure di prevenzione e protezione che devono essere adottate deve prevederne la definizione, la verifica dell applicazione, i tempi per la realizzazione e le figure coinvolte nella realizzazione di tali interventi. La procedura stabilita dall organizzazione deve definire le modalità di revisione e di aggiornamento, che devono essere sistematiche e da attuare anche in caso di variazioni che comportano modifiche ai rischi. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 15 di 25

16 LE MISURE DI PREVENZIONE GARDALAND S.r.l. si impegna ad adottare procedure che regolano le attività di scelta e di acquisto delle risorse tecniche e strumentali (impianti, macchine, attrezzature, ecc.), del loro utilizzo in sicurezza, delle attività di controllo periodico, manutenzione e verifica, anche in base a quanto disposto dal quadro normativo e dai fabbricanti. La programmazione degli interventi deve tenere conto degli obblighi di legge, ma non si deve limitare a questi, in un ottica di prevenzione. È quindi necessario programmare, realizzare e registrare tutti gli interventi. GARDALAND S.r.l. si impegna anche ad adottare procedure che regolano le attività di scelta, di acquisto, di gestione e di distribuzione dei Dispositivi di Protezione Individuali (art. 69 D.Lgs 81/08). Il personale che è tenuto all uso deve essere formato e sensibilizzato sul loro impiego e sulla loro importanza. GARDALAND S.r.l. si impegna inoltre a definire i criteri e le modalità per la scelta, l adozione e la gestione della segnaletica. La disposizione della segnaletica deve derivare dall analisi del documento di valutazione dei rischi. La segnaletica esistente deve essere mantenuta efficiente, provvedendo a identificare i responsabili del controllo del loro stato di conservazione e della efficacia della stessa. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 16 di 25

17 LE EMERGENZE GARDALAND S.r.l. si impegna a definire i criteri per la gestione delle situazioni di emergenza che possono verificarsi al proprio interno (artt. 43 e segg. D.Lgs 81/08), considerando il possibile coinvolgimento di quanti operano negli ambienti di lavoro (personale dipendente, operatori di ditte esterne, clienti, visitatori, ecc.). Tra gli aspetti del Piano di emergenza vengono previsti i seguenti aspetti: - i possibili scenari di emergenze; - le risorse umane per la gestione delle emergenze, con relativi compiti e responsabilità; - le dotazioni antincendio e di sicurezza disponibili in azienda; - le modalità attuate per le verifiche periodiche delle protezioni e dei presidi antincendio e di primo soccorso; - le procedure di intervento da attuare da parte dei componenti delle squadre di emergenza e del personale, per affrontare le situazioni di emergenza; - le modalità per garantire un efficace informazione, formazione e addestramento sui contenuti del piano di emergenza, sia per i componenti delle squadre che per tutti gli altri soggetti interessati; - la gestione del periodo post - emergenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 17 di 25

18 I MATERIALI E LE SOSTANZE Nei siti di GARDALAND S.r.l. nei quali sono utilizzate o vi è la presenza di agenti chimici, ed in modo particolare quelli pericolosi, sono prese tutte le misure necessarie a tutela dei soggetti esposti ai rischi che ne derivano. Tra i materiali e le sostanze presenti in azienda vanno individuati quelli che risultano essere pericolosi, verificandone le effettive quantità. Per la verifica delle caratteristiche di pericolosità si analizzano le schede di sicurezza predisposte dai produttori, che devono essere aggiornate e disponibili in azienda. Tali attività sono parte integrante del processo di valutazione dei rischi, con la conseguente definizione delle misure di prevenzione e protezione da adottare. Con le modalità di gestione vanno definiti i criteri con cui vengono effettuati gli acquisti, i requisiti per l ingresso, l immagazzinamento, la conservazione, l impiego e la manipolazione degli agenti chimici. I responsabili di tali attività devono essere informati sui contenuti delle schede di sicurezza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 18 di 25

19 I LAVORI IN APPALTO GARDALAND S.r.l. si impegna ad adottare procedure che regolano i rapporti con gli appaltatori, al fine di ridurre i rischi derivanti dalla presenza in azienda di ditte e/o lavoratori autonomi (art. 26 D.Lgs 81/08). GARDALAND S.r.l. si impegna a: - definire clausole di sicurezza già in fase contrattuale con l appaltatore, - svolgere una verifica di idoneità nei confronti dell appaltatore, - cooperare e coordinarsi con il datore di lavoro dell appaltatore, prima dell inizio del lavoro e durante l esecuzione, per la gestione del rischio di interferenza. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 19 di 25

20 LA SORVEGLIANZA SANITARIA GARDALAND S.r.l. si impegna a definire i criteri per attuare il servizio di sorveglianza sanitaria (art. 41 D.Lgs 81/08) nei confronti del proprio personale, nel rispetto di quanto prevede la normativa vigente e con il coinvolgimento attivo del Medico competente. In particolare devono essere gestiti: - la nomina del Medico competente, le relative comunicazioni delle informazioni necessarie per la definizione del Protocollo Sanitario e l organizzazione delle visite mediche al personale; - la predisposizione e i giudizi di idoneità alla mansione e l istituzione delle Cartelle Sanitarie e la loro custodia; - le visite agli ambienti di lavoro e la predisposizione della Relazione annuale da parte del medico competente; - le informazioni che devono essere fornite ai lavoratori in merito alla sorveglianza sanitaria; - le modalità di partecipazione e collaborazione, da parte del Datore di Lavoro e del Medico competente, nell attività di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali. Documento: Codice di comportamento Marzo 2009 pag. 20 di 25

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO

CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO 2ª Edizione - Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Calzedonia Holding S.p.A - il 17 marzo 2014 ENG INTRODU- ZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE DEL CODICE ETICO Un Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01

Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO Norme di riferimento del modello generale di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del d.lgs. 231/01 Sintesi Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO

ADF SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI PER USO UMANO ADF ASSOCIAZIONE DISTRIBUTORI FARMACEUTICI ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DELLA QUALITÀ SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE INTERMEDIA DEI MEDICINALI

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I ruoli individuati dal T.U. n. 81/2008 e la delega di funzioni Sicurezza delle Costruzioni Direzione Legislazione Opere Pubbliche INDICE PARTE PRIMA

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa

L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa L attività di Internal Audit nella nuova configurazione organizzativa Massimo Bozeglav Responsabile Direzione Internal Audit Banca Popolare di Vicenza Indice 1. I fattori di cambiamento 2. L architettura

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Approvato dal CdA del 27.06.12

Approvato dal CdA del 27.06.12 CODICE ETICO Approvato dal CdA del 27.06.12 1 1. INTRODUZIONE...4 1.1 La Missione di BIC Lazio SpA...4 1.2 Principi generali...4 1.3 Struttura e adeguamento del Codice Etico...5 2. DESTINATARI DEL CODICE...5

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA ANNO SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio di attività ANNO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Società Italiana Dragaggi S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Ex DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 e successive integrazioni e modificazioni INDICE PARTE GENERALE 1. IL DECRETO

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (d.m. 12/12/2000 e s.m.i.) dopo il primo biennio

Dettagli

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara

A cura dello Studio Ingegneria Fiorini di Ferrara Provincia di Ferrara Guida alla gestione della sicurezza sul lavoro nelle associazioni sportive dilettantistiche, associazioni culturali, associazioni ricreative e di promozione sociale A cura dello Studio

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 CIRA S.C.p.A. (PARTI GENERALI) DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 14 GENNAIO 2014 REVISION HISTORY DOC.

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Approvato in sede di Consiglio di Amministrazione del 26 settembre 2013

Approvato in sede di Consiglio di Amministrazione del 26 settembre 2013 MAGNETI MARELLI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 INDICE DEFINIZIONI... 5 SEZIONE I... 7 INTRODUZIONE... 7 1. Il decreto legislativo n. 231/01 e la normativa rilevante...

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli