Roma 24 Maggio 2002 ASSOCIAZIONE MELCHIORRE GIOIA TRATTATO DI SCHENGEN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roma 24 Maggio 2002 ASSOCIAZIONE MELCHIORRE GIOIA TRATTATO DI SCHENGEN"

Transcript

1 INDICE GENERALE G. Cannavò IL MEDICO LEGALE IN EUROPA FRA ASSICURAZIONI E VITTIME Roma 24 Maggio 2002 Anni 90: si esaurisce un ciclo storico della Medicina Legale Gli Istituti Universitari che si occupavano di: Medicina Legale Militare, Medicina Previdenziale, Tanatologia, Traumatologia, Tossicologia, Identificazione ecc, non riescono a tenere il passo con i tempi e a sviluppare gli aspetti scientifico- culturali a supporto della Medicina Assicurativa. Tale branca della Medicina Legale andava assumendo un importanza crescente non solo in Italia ma ovviamente anche nel resto dell Europa,tanto che già dagli anni 70 erano iniziati tentativi di creare delle regole comuni ai vari paesi in ambito assicurativo, prevalentemente per il danno alla persona legato alla circolazione stradale I momenti storici dell armonizzazione dei percorsi medico-legali in Europa Risoluzione del Consiglio d Europa 75/7: il 14/3/75 vengono formulate raccomandazioni agli stati membri sotto forma di 19 principi per costituire basi comuni di indennizzo alle vittime. Simposio Giuridico Europeo nel 1988 a Parigi, presieduto da M Dessertine, Presidente di Sezione della Corte d Appello di Parigi. Si conclude con 12 raccomandazioni che tentano di appianare le differenze tra paese e paese riguardanti le modalità e gli standard di risarcimento. Expertalia: convegno organizzato a Bruxelles nel 1990 dal Dr.Rousseau (Francia) e dal Prof. Lucas (Belgio) mette a confronto le modalità di accertamento del danno alla persona in ambito civile in Belgio,Francia,Lussemburgo e Regno Unito. Euromedex: incontro tenutosi a Strasburgo nel 1992,in cui ogni stato è rappresentato da un medico e un giurista,con l obiettivo,tra gli altri,di immaginare un medico esperto europeo capace di tradurre e attuare nello spirito del proprio paese un rapporto medico formulato in un altra nazione TRATTATO DI SCHENGEN Il 1 Gennaio 1993 ha segnato un grande traguardo per l Europa:la libera circolazione dei cittadini appartenenti ai paesi membri. Aboliti il significato simbolico e le barriere materiali e politiche,si pone la necessità di uniformare quanto più possibile le normative che rappresentano i percorsi che i cittadini devono compiere,nell intento di un eguale trattamento in Stati differenti. ASSOCIAZIONE MELCHIORRE GIOIA L Associazione Melchiorre Gioia nata nel 1994 è stata in Italia un antesignana dell integrazione europea in campo medico-legale:fin dagli esordi ha sempre cercato di guardare più avanti, formulando proposte, incoraggiando il confronto tra le diverse categorie professionali che, o dallo stesso lato, o da versanti contrapposti si trovavano di volta in volta a gestire un danno alla persona o meglio una persona danneggiata. Con congressi, corsi, riviste, pubblicazioni ha dato un impulso decisivo alla Medicina Assicurativa. MICROPERMANENTI-MACROPROBLEMI Roma, maggio

2 CEREDOC Il 3 Maggio 1997 nasce la CEREDOC: Confederazione Europea di Esperti nella Valutazione e Risarcimento del Danno alla Persona, di cui l Associazione Melchiorre Gioia è stata promotrice. Si configura come ulteriore elemento di promozione di un armonizzazione in campo europeo, con l obiettivo di scambi informativi, confronto tra i vari aspetti della valutazione del danno nei vari paesi e lo sviluppo di progetti comuni. Tra questi, molto importante, l elaborazione di un BAREME europeo. La IV Direttiva Europea sulla responsabilità civile nella circolazione stradale (GUCE n 181/2000) Direttiva 2000/26/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del , concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di assicurazione della responsabilità civile risultante dalla circolazione di autoveicoli. Con il sistema degli uffici Carta Verde è stata garantita la liquidazione dei sinistri avvenuti nel paese di residenza della parte lesa qualora l altra parte coinvolta nell incidente provenisse da un altro paese europeo. Ma non sono state risolte le difficoltà che la parte lesa incontrava nel far valere i suoi diritti in un paese diverso dal proprio nei confronti di una controparte ivi residente e di un impresa di assicurazione autorizzata ad operare in tale paese. In pratica fino ad oggi il danneggiato doveva far valere i propri diritti civili contro l assicuratore estero del responsabile dell incidente, con grandi difficoltà: Identificare l impresa assicuratrice Comprendere (problemi di lingua ) e seguire le modalità della richiesta danni Tempi di liquidazione lunghi Necessità di ricorrere ad un avvocato per essere più tutelati Con la IV Direttiva: Creazione di un organismo di informazione in ogni Stato,che sia a disposizione della vittima transitante nel paese straniero. Designazione in ogni paese di un rappresentante dei vari enti assicurativi,con l obiettivo di risolvere amichevolmente la denuncia del sinistro. Il danneggiato non dovrà più rivolgersi all estero all assicuratore straniero della parte responsabile,ma potrà rivolgersi nel proprio stato di residenza al liquidatore ivi designato dall assicuratore dello stato ove si è verificato l incidente. Il liquidatore ha tre mesi di tempo per esaminare e valutare il danno e presentare alla parte lesa un offerta motivata. La vittima,quindi,può muoversi nel proprio paese,parlando la sua lingua e avere la garanzia di tempi prevedibili. E prevista la costituzione in ciascun Stato di un organismo di indennizzo che intervenga in caso di ritardo da parte dell impresa assicuratrice o del suo liquidatore mandatario o qualora l impresa stessa non abbia designato un suo rappresentante nel territorio di quello Stato. Verranno applicate delle sanzioni all assicurazione in questione, stabilite dalla normativa nazionale e che dovrebbero essere efficaci, proporzionate e dissuasive (Art.12). La scadenza disposta dalla Direttiva per la pubblicazione delle disposizioni legislative e amministrative da parte di ciascun Stato membro è stata fissata per il 20 luglio La IV Direttiva costituisce certamente un miglioramento per le vittime transitanti,ma sarebbe opportuno o uniformare negli Stati interessati la legge applicabile all incidente o stabilire che il danneggiato venga risarcito secondo le normative del paese di residenza. Si sta già lavorando al progetto di una V Direttiva,destinata a perfezionare i meccanismi del risarcimento prevedendo un regime europeo uniforme di imputazione della responsabilità civile,di determinazione dei danni risarcibili e delle tecniche di quantificazione. MICROPERMANENTI-MACROPROBLEMI Roma, maggio

3 In Italia la Legge 57/2001 ha introdotto dei cambiamenti a garanzia degli utenti: trasparenza degli atti Art.3: Le imprese di assicurazione esercenti il ramo dell assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore sono tenute a garantire a coloro che stipulino con esse contratti di assicurazione riguardanti tale ramo,nonché ai danneggiati,il diritto accesso agli atti a conclusione dei procedimenti di valutazione,constatazione e liquidazione dei danni che li riguardano Se entro 60 gg dalla richiesta l assicurato o il danneggiato non è messo in condizione di prendere visione degli atti richiesti,egli può rivolgersi all ISVAP al fine di veder garantito il proprio diritto. di Fissazione di termini temporali della proposta di risarcimento da parte assicurativa.art.5: L assicuratore ha l obbligo di proporre al danneggiato congrua offerta per il risarcimento del danno,ovvero di comunicare i motivi per cui si ritiene di non fare offerta anche per i sinistri che abbiano causato lesioni personali o il decesso entro 90 gg dalla ricezione della documentazione. Ciò comporta necessariamente uno snellimento delle procedure,un miglioramento dell organizzazione,il ricorso sempre maggiore agli strumenti informatici e l utilizzo di consulenti medici esperti in grado di dare risposte accurate e affidabili in tempi più rapidi che in passato. Se questo è lo scenario del prossimo futuro, qual è la distanza tra la realtà di oggi e quella di domani? Quali tempi e modi hanno di prepararsi tutti coloro che si occupano del danno alla persona:avvocati, assicuratori, giudici e soprattutto i medici? A questo proposito è interessante il dato pubblicato dal CEA (Comitato Europeo degli Assicuratori) a proposito dell incidenza del colpo di frusta in Europa,che rappresenta un esempio emblematico di disomogeneità. % rispetto al totale dei danni fisici ITALIA 66 % GERMANIA 40 % OLANDA 35 % SPAGNA 15 % FRANCIA 6 % DANIMARCA 5 % NORVEGIA 4,8% Se ci confrontiamo con gli altri paesi notiamo che: Spesso è ancora difficile equiparare le definizioni di tipo di danno tra paese e paese:è un problema in parte linguistico,in parte concettuale. I risarcimenti per danni equivalenti variano molto: in alcuni Stati sono bassi,ma vi è un alto livello assistenziale statale che tutela il danneggiato;è la situazione della Danimarca,per esempio. In altri,come il Portogallo,i risarcimenti sono bassi perché vi è un alto numero di incidenti e se i compensi fossero equiparati alla media degli altri paesi, i costi sarebbero difficilmente sostenibili dalle imprese assicuratrici,che dovrebbero stabilire premi molto elevati,troppo per il livello economico di quella nazione. La valutazione stessa del danno alla persona è variabile:in alcuni paesi la valutazione del danno extrapatrimoniale è globale e considerata in toto,in altri il danno è connesso al deficit funzionale,indicato in % o in punteggio di invalidità o in termini descrittivi. I Baremes (tabelle a punteggio) sono utilizzate in Italia,Spagna.Francia,Belgio,Germania,Grecia, Lussemburgo,Portogallo. In Gran Bretagna e Irlanda ed altri paesi prevale l aspetto descrittivo, ossia vengono descritti i danni, i trattamenti, il rapporto di causalità,lo stato della vittima,le conseguenze future. MICROPERMANENTI-MACROPROBLEMI Roma, maggio

4 Diversa entità del ricorso alla soluzione giudiziaria. In alcuni Stati la soluzione è in genere affidata ad un efficiente sistema assicurativo e ad una valutazione corretta degli esperti:ciò è legato ad aspetti culturali basati su rapporti storici e consolidati di affidabilità reciproca tra assicuratore e assicurato. In altri esiste una conflittualità che prende percorsi giudiziari lunghi ed onerosi spesso per ordini di risarcimento modesti Tali professionisti del settore hanno una formazione che solo in alcuni Paesi è specialistica. In molti Stati non esiste la specializzazione in Medicina Legale e delle Assicurazioni,ma la disciplina è inclusa nel corso di laurea (Germania, Belgio,Grecia ); in altri esiste,ma spesso non prepara adeguatamente al lavoro di medico esperto ( Italia, Francia,Spagna ), mentre in Gran Bretagna il medico legale, coroner, si occupa degli aspetti classici della materia (Tanatologia, criminologia, tossicologia ecc) Adeguamento dei percorsi medico-legaliil medico esperto si può definire ovunque come la figura professionale in grado per formazione di valutare il danno alla salute subito da un individuo e di tradurre tale danno in termini risarcitori. In altre parole deve valutare il nesso di causalità tra lesioni constatate e incidente, nonché stabilire le conseguenze personali, lavorative ed economiche della menomazione Proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO RELATIVA AL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI Bruxelles COM (2002)119 def. Non è previsto lo specialista in Medicina Legale La formazione del medico espertoal di là della partecipazione a corsi, stages, accesso a banche dati, è auspicabile la costituzione di: Albo nazionale di medici esperti nel danno alla persona,scelti con criteri tecnicoscientifici da una commissione composta da medici e giuristi,che svolgano un periodo di praticantato di almeno 6 mesi presso studi di medici esperti. Albo di CTU qualificati presso le sedi giudiziarie La formazione del medico espertoal di là della partecipazione a corsi, stages, accesso a banche dati, è auspicabile la costituzione di: Albo nazionale di medici esperti nel danno alla persona,scelti con criteri tecnicoscientifici da una commissione composta da medici e giuristi,che svolgano un periodo di praticantato di almeno 6 mesi presso studi di medici esperti. Albo di CTU qualificati presso le sedi giudiziarie Albo europeo dei medici espertila IV Direttiva accelera la necessità di avere un medico esperto europeo. L interesse delle imprese assicuratrici,degli organismi giurisdizionali e sopratutto degli utenti è che vi siano dei medici esperti referenti in ogni Stato, che siano in grado di condurre e produrre una perizia obiettiva, affidabile, tecnicamente professionale: il presupposto è una preparazione approfondita, un aggiornamento permanente e la disponibilità a lavorare con standard di qualità verificabili. Il miglioramento della qualità è anche il presupposto di una maggiore correttezza: bisognerebbe redigere una perizia il più possibile obiettiva,in modo che non vi siano grandi differenze sullo stesso caso tra perizia di parte,perizia dell assicurazione e valutazione del CTU. In questo può aiutare l utilizzazione di un: Modello standardizzato di PERIZIA. MICROPERMANENTI-MACROPROBLEMI Roma, maggio

5 In pratica il percorso medico per la valutazione del danno dovrebbe essere comune: raccolta dell anamnesi e delle circostanze in cui si è verificato il danno esame delle certificazioni prodotte esame obiettivo generale esame locoregionale specifico delle parti lese eventuali esami tecnici aggiuntivi e/o consulenze specialistiche conclusioni Tale bareme non sarà un manuale della valutazione delle sequele patologiche da applicare sic et simpliciter e non potrà mai sostituire la carenza di competenze del medico esperto. L obiettivo fondamentale sarà quello di permettere una valutazione riproducibile da parte di medici diversi in paesi diversi e di giungere a conclusioni identiche per identici tipi di lesione. Le conclusioni sono l elemento più variabile nello stesso ambito nazionale e sopratutto tra uno Stato e l altro. E per questo che è estremamente importante il lavoro che da tempo e con buoni risultati sta conducendo il gruppo di studio della CEREDOC : LA COSTITUZIONE DI UN BAREME EUROPEO che fissi criteri di valutazione comuni. Abbiamo tenuto gli ultimi incontri a Parigi in gennaio, a Roma in aprile, a Faro in maggio e ormai non dovremmo essere molto lontani dall elaborazione definitiva di un bareme di facile applicazione utilizzabile da tutti i membri della comunità europea. Il percorso di armonizzazione europea legislativa,assicurativa e medico-legale è lungo, complesso e inevitabile. L unico strumento che abbiamo per inserirci nei processi di cambiamento è la professionalità, derivante dal confronto, dall aggiornamento, dall utilizzazione di strumenti di lavoro moderni, dalla capacità di organizzarsi e non rimanere fermi in un mondo che cambia. Il modo migliore per prevedere il futuro è costruirlo, insieme Giovanni Cannavò INDICE GENERALE MICROPERMANENTI-MACROPROBLEMI Roma, maggio

RISOLUZIONE N. 190/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 190/E QUESITO RISOLUZIONE N. 190/E Roma, 08 maggio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 10, comma 1, nn. 2) e 9), D.P.R. n. 633 del 1972. Esenzioni IVA. Regime dell Intermediazione nell ambito

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

FATTISPECIE SOGGETTE ALLA IV DIRETTIVA (2000/26/CE) MANDATARIO

FATTISPECIE SOGGETTE ALLA IV DIRETTIVA (2000/26/CE) MANDATARIO FATTISPECIE SOGGETTE ALLA IV DIRETTIVA (2000/26/CE) A chi bisogna rivolgere la richiesta risarcitoria qualora un veicolo immatricolato in Italia venga coinvolto in un incidente nel territorio di uno Stato

Dettagli

In caso di Incidente da circolazione

In caso di Incidente da circolazione 1. Il Risarcimento Diretto Dal 1 febbraio 2007 è in vigore, a seguito delle modifiche introdotte dal Codice delle Assicurazioni Private, la procedura di Risarcimento Diretto, applicabile a molte tipologie

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

Il Perito assicurativo

Il Perito assicurativo Il Perito assicurativo Professionista che accerta e stima i danni derivanti da furti, incidenti e incendi. Il Profilo professionale Il ruolo nazionale dei periti assicurativi istituito dalla Legge 166/92

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica S.I.S.Di.C - Commissione Responsabilità civile Disegno di legge d iniziativa del Coordinatore Prof. M. Zana DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica Art. 1 Responsabilità

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Il risarcimento diretto

Il risarcimento diretto 3 Il risarcimento diretto La legge n. 254/2006 dichiara che per alcuni tipi di sinistri, avvenuti dal 1 febbraio 2007, le assicurazioni sono obbligate ad applicare il risarcimento diretto. Il risarcimento

Dettagli

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria

S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria S.I.S.Di.C. - Commissione Responsabilità civile DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività sanitaria Art. 1 Responsabilità per danni da attività sanitaria 1. Le aziende

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

1) Risarcimento Diretto

1) Risarcimento Diretto 1) Risarcimento Diretto Cos'è È la nuova procedura di rimborso assicurativo, in vigore dal 1 febbraio 2007, che in caso di incidente stradale ti consente di ottenere il risarcimento direttamente dalla

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA MEDIAZIONE A FINI CONCILIATIVI IN MATERIA ASSICURATIVA L Associazione Nazionale tra le Imprese Assicuratrici (di seguito ANIA), in considerazione della peculiarità della

Dettagli

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE

IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE IL RISARCIMENTO DIRETTO IN BREVE CHE COSA È IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente stradale consente

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con sede in Roma,

Dettagli

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ

TITOLO I PENSIONE DI INABILITÀ REGOLAMENTO PER L'ACCERTAMENTO DELL'INABILITÀ E DELL'INVALIDITÀ (ai sensi degli artt. 18, comma 8, e 20, comma 7, del Regolamento per l'attuazione delle attività di previdenza approvato con D.M. 15/10/1997,

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

Rivalsa per Colpa Grave dell Ente e/o del Datore di Lavoro

Rivalsa per Colpa Grave dell Ente e/o del Datore di Lavoro Rivalsa per Colpa Grave dell Ente e/o del Datore di Lavoro IN TESSERA A favore: Iscritti UIL FPL. (esclusi Medici e Veterinari sia Dirigenti che Convenzionati ) Garanzia: tiene indenne l iscritto di quanto

Dettagli

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

MATEMATICA e MATEMATICO FINANZIARIO

MATEMATICA e MATEMATICO FINANZIARIO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Aggiornato il 9 luglio 2009 MATEMATICA e MATEMATICO FINANZIARIO 1. CARTA D IDENTITA... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE

Dettagli

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo.

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. CLASS ACTION Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. La class action, regolamentata dall art. 140 bis del codice

Dettagli

PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO:

PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO: PROCEDURA PER IL RISARCIMENTO DIRETTO: La disciplina del risarcimento diretto si applica in tutte le ipotesi di danni a veicoli immatricolati in Italia e di lesioni di lieve entità al conducente, anche

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013)

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) Articolo 1 (Oggetto, ambito di applicazione, soggetti interessati)

Dettagli

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia 360 LEGGI DI COMPETENZA ASSICURATIVA - DM del 3 luglio 2003 (con la tabella sulle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra 1 e 9 punti di invalidità); -

Dettagli

CHIAREZZA LEGALE Convenzione ARAG per la tutela legale circolazione

CHIAREZZA LEGALE Convenzione ARAG per la tutela legale circolazione OPZIONE Circolazione Base Chi è assicurato CHIAREZZA LEGALE Convenzione ARAG per la tutela legale circolazione Il Proprietario o Locatario del mezzo, il Conducente autorizzato, i Trasportati per i casi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE

RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE Fonte Ania RISARCIMENTO DIRETTO: ACCORCIAMO LE DISTANZE COSA E IL RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto è la nuova procedura di rimborso assicurativo che dal 1 febbraio 2007 in caso di incidente

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Associazione Italiana per la Pianificazione ed il Controllo di Gestione nelle Banche, nelle Società Finanziarie e nelle Assicurazioni

Dettagli

Focus di aggiornamento semestrale sul danno alla persona

Focus di aggiornamento semestrale sul danno alla persona MEDIACAMPUS Formazione giuridico economica A.N.E.I.S. Associazione Nazionale Esperti Infortunistica Stradale Focus di aggiornamento semestrale sul danno alla persona Padova centro congressi Hotel Galileo

Dettagli

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE 26-27 Giugno 2015 Hotel 501 Vibo Valentia LA GESTIONE DEL CONFLITTO E DEL CONTENZIOSO NEI SISTEMI SANITARI Prof Pietrantonio Ricci MONITORAGGIO MEDICO-LEGALE

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111

Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità. Malattie dipendenti pubblici 2014: la legge n.111 Malattie Dipendenti Pubblici 2014: Reperibilità Le visite fiscali per il controllo della malattia servono ad appurare l inidoneità momentanea del dipendente pubblico a svolgere la propria prestazione lavorativa;

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INDICE Avvertenza... Elenco delle abbreviazioni.... V XVII D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE PARTE PRIMA ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI E DEI NATANTI OBBLIGO DI

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14

Gazzetta Ufficiale dell'unione Europea 11-06-2005, n. 149 L 14 DIRETTIVA 2005/14/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 maggio 2005 che modifica le direttive del Consiglio 72/166/CEE, 84/5/CEE, 88/357/CEE e 90/232/CEE e la direttiva 2000/26/CE del Parlamento

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

L assicurazione auto

L assicurazione auto L assicurazione auto Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE AUTO 2014-2015 Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sul danno biologico e danni a cose Incidenza dei sinistri con danni alla

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 159

Dettagli

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5

ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO Dgr n. 1981 del 03/07/2007 pag. 1/5 1. PREMESSA La Legge n. 40 del 2 aprile 2007 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, recante

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas

CIG Comitato Italiano Gas Contratta dallo Spett.le CIG Comitato Italiano Gas codice fiscale n. 80067510158 20122 MILANO Via Larga 2 decorrenza h 0:00 01/01/2014 scadenza h 24:00 31/12/2016 frazionamento annuale scadenza 1 rata

Dettagli

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L

I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L INDICE Premessa PARTE I I PRODOTTI ASSICURATIVI MODULO 1 L assicurazione vita e l assicurazione danni 1.1. Le Polizze Vita: impignorabilità, insequestrabilità e trattamento successorio 1.1.1 I contrasti

Dettagli

Regolamento di attuazione del Regolamento uniforme della formazione continua Unione Triveneta

Regolamento di attuazione del Regolamento uniforme della formazione continua Unione Triveneta Regolamento di attuazione del Regolamento uniforme della formazione continua Unione Triveneta Articolo 1 Obbligo di formazione professionale continua. 1. L avvocato iscritto all albo ed il praticante abilitato

Dettagli

Scheda Informativa: Corso di Consulente Esperto in Infortunistica Stradale

Scheda Informativa: Corso di Consulente Esperto in Infortunistica Stradale Scheda Informativa: Corso di Consulente Esperto in Infortunistica Stradale Soggetto attuatore A.S.S.E. a.p.s. - Accademia di Sviluppo Socio - Educativo Formazione in FAD La formazione a distanza avviene

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore al Bilancio, Programmazione economico finanziaria e Partecipazione OGGETTO: Definizione di nuove modalità di pagamento per fornitori di beni e servizi del sistema sanitario regionale a partire dall anno 2009 e autorizzazione alla definizione di accordi transattivi tra

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA FORENSE NUOVO REGOLAMENTO PER L ACCERTAMENTO DELLA INABILITA E DELLA INVALIDITA (Testo modificato con Ministeriale del 20 maggio 2010 - G.U. n. 128 del 4 giugno

Dettagli

Le principali domande sulla tabella in approvazione

Le principali domande sulla tabella in approvazione Le principali domande sulla tabella in approvazione D. Cosa regolamenta la tabella in approvazione? R. La tabella definisce i criteri per valutare il c.d. danno biologico permanente (si veda lo schema

Dettagli

Tabella C CRITERI SPECIFICI

Tabella C CRITERI SPECIFICI SELEZIONE PUBBLICA, PER SOLI TITOLI, PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI COLLABORATORE PROFESSIONALE ASSISTENTI SOCIALI - Cat. D Tabella C CRITERI SPECIFICI VALUTAZIONE TITOLI I punti per la valutazione

Dettagli

A V V I S O P U B B L I C O P E R S E L E Z I O N E P E R S O N A L E E S P E R T O E S T E R N O

A V V I S O P U B B L I C O P E R S E L E Z I O N E P E R S O N A L E E S P E R T O E S T E R N O Fondo Sociale Europeo Ministero dell Istruzione Dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. IV ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. AMBROSINI

Dettagli

Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura

Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura Ente Nazionale di Previdenza per gli Addetti e per gli Impiegati in Agricoltura ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA FONDAZIONE ENPAIA

Dettagli

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 33

Dettagli

Circolare Informativa n 16/2014

Circolare Informativa n 16/2014 Circolare Informativa n 16/2014 Cassa integrazione e compatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa Casi di decadenza Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag. 3 1) Comunicazione preventiva pag. 3 2)

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

Scheda Tecnica PATENTE Protetta Versione 7 edizione 02.2011

Scheda Tecnica PATENTE Protetta Versione 7 edizione 02.2011 Prodotto Tutela Legale: fornisce l'assistenza stragiudiziale e giudiziale per tutelare i propri interessi in caso di incidente stradale o di contestazione per violazioni del Codice della Strada. Perdite

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA

POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZA LONG TERM CARE CIPAG / POSTE VITA RICHIESTA DI ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA Il presente modulo deve essere inviato a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS Il presente Fascicolo Informativo contenente la Nota Informativa,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1097 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori CAPALDI, GAMBINI, LARIZZA, MICELE, MANCONI, UCCHIELLI e POLIDORO COMUNICATO

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

aspetti legali e assicurativi

aspetti legali e assicurativi La Sperimentazione clinica non-profit profit: un opportunit opportunità per il miglioramento della pratica clinica Rimini, 14 ottobre 2009 * Studi non-profit profit: aspetti legali e assicurativi Pietro

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. Centro Studi e Documentazione Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Centro Studi e Documentazione 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria

Dettagli

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero Istruzione Università e Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Prot. n. 4346/A77 Bologna, 12/05/2015 BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO QUALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) AI SENSI DEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA - D.LGS. n. 81 del 09.04.2008

Dettagli

BENVENUTI LIQUIDAZIONE DEL DANNO IN ITALIA DA INCIDENTE STRADALE CAUSATO DA UN VEICOLO STRANIERO. Ricci

BENVENUTI LIQUIDAZIONE DEL DANNO IN ITALIA DA INCIDENTE STRADALE CAUSATO DA UN VEICOLO STRANIERO. Ricci BENVENUTI LIQUIDAZIONE DEL DANNO IN ITALIA DA INCIDENTE STRADALE CAUSATO DA UN VEICOLO STRANIERO IL BUREAU ITALIANO UCI SCARL FUNZIONAMENTO BUREAU CARTA VERDE - CARTA ROSA CONVENZIONI INTERNAZIONALI EVOLUZIONE

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

OrizzonteScuola.it 2012

OrizzonteScuola.it 2012 SCUOLA DI I E II GRADO 1. In sede di scrutinio finale a chi compete la valutazione degli allievi? Il riferimento normativo è il DPR n. 122/2009. Art 2/1: La valutazione, periodica e finale, degli apprendimenti

Dettagli

LA FASE STRAGIUDIZIALE

LA FASE STRAGIUDIZIALE INDICE SOMMARIO Presentazione... 5 Normativa di riferimento LA FASE STRAGIUDIZIALE 1. Provv. (Isvap) 13 dicembre 2002, n. 2136. Approvazione del modulo di denuncia di sinistro per l assicurazione obbligatoria

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

A Z I E N D A OSPEDALIERA P A D O V A

A Z I E N D A OSPEDALIERA P A D O V A SCADENZA: 16/07/2009 REGIONE DEL VENETO A Z I E N D A OSPEDALIERA P A D O V A BANDO DI AVVISO PUBBLICO Si rende noto che in esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 534 del 19/05/2009 è

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA NEL NOVARESE E NEL VERBANO CUSIO OSSOLA "PIERO FORNARA"

ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA NEL NOVARESE E NEL VERBANO CUSIO OSSOLA PIERO FORNARA ISTITUTO STORICO DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA NEL NOVARESE E NEL VERBANO CUSIO OSSOLA "PIERO FORNARA" AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA COSTITUZIONE DI UN RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 BORSA DI STUDIO DELLA DURATA DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003

RISOLUZIONE N. 65/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma 17 marzo 2003 RISOLUZIONE N. 65/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 17 marzo 2003 OGGETTO: IVA. Rette scolastiche delle scuole di lingua straniera gestite da soggetti comunitari ed extra-comunitari. Art.

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

(Atti legislativi) REGOLAMENTI

(Atti legislativi) REGOLAMENTI 22.12.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 339/1 I (Atti legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1210/2010 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 dicembre 2010 relativo all autenticazione

Dettagli

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO Prot. n. 4789/C17 Trieste, 24 novembre 2014 CIG: ZF011DE020 BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO QUALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) AI SENSI DEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni

Registro Pubblico delle Opposizioni Registro Pubblico delle Opposizioni Le nuove regole del telemarketing L art. 20 bis della legge n.166/2009 e il D.P.R. 178/2010 hanno introdotto incisive modifiche al trattamento dei dati presenti negli

Dettagli

mini guida Tipologia del risarcimento del danno

mini guida Tipologia del risarcimento del danno mini guida Tipologia del risarcimento del danno Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del TIPOLOGIA DEL RISARCIMENTO DEL DANNO: IN FORMA SPECIFICA O PER EQUIVALENTE Sono frequenti

Dettagli

Articolo 1 Definizioni

Articolo 1 Definizioni DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n.254 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma

Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma Congedi per adozione e affidamento: l Inps spiega le novità della Finanziaria Paolo Rossi Consulente del lavoro in Roma L art. 2, commi 452 456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244(Finanziaria 2008),

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO REGOLAMENTO PER I CREDITI FORMATIVI DEI CORSI SPERIMENTALI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico in data 4 maggio 2005. Modificato in data 3 dicembre 2009 I. Norme generali Art.

Dettagli