GLI ETRUSCHI. di frontiera. Pontecagnano: una storia da riscrivere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ETRUSCHI. di frontiera. Pontecagnano: una storia da riscrivere"

Transcript

1 GLI ETRUSCHI di frontiera Il Museo Nel Museo Archeologico di Pontecagnano, inaugurato nel 2007, è possibile ammirare i reperti provenienti dagli scavi di Pontecagnano. Si tratta di un patrimonio ricchissimo, portato Pontecagnano: una storia da riscrivere La storia degli Etruschi, a partire dalla seconda metà del Novecento, ha dovuto necessariamente alla luce in molti anni di scavi. Parliamo di più di 9000 tombe, t r a c u i a l c u n e d e fi n i t e principesche, che ci hanno restituito gioielli di grande pregio e valore. essere riscritta. Cosa accadde in quel periodo? In quel periodo la città di Pontecagnano, piccolo comune campano, situato a sud di Salerno, realizzò una serie di lavori di ristrutturazione stradale. Durante quei lavori, vennero alla luce delle antiche tombe che esperti archeologi subito riconobbero come tombe etrusche. Per la comunità scientifica, queste casuali scoperte furono un vero terremoto che veniva a sconquassare le loro secolari certezze. Da sempre, infatti, si era creduto che la Campania fosse interamente abitata dai Greci, e che gli Etruschi si erano spinti solo fino a Capua. Questi ritrovamenti raccontavano, invece, un altra storia: non Capua, ma appunto Pontecagnano era l estremo limite dell espansione etrusca verso Sud. Solo ora gli storici riuscivano a spiegarsi, finalmente, lo strano discorso di Plinio, un famoso scrittore latino, che in una sua opera aveva scritto: Dal promontorio sorrentino al fiume Sele per trenta miglia, l Agro Picentino fu Il percorso espositivo, intitolato Gli Etruschi di frontiera, è organizzato in sei parti: La preistoria - L'età del rame degli Etruschi. Già, queste parole avevano per secoli affascinato gli storici che non riuscivano a spiegarle, non avendo nessuna notizia sulla presenza degli Etruschi in quest area. Adesso, però, tutto si faceva chiaro e, soprattutto, si comprendeva che bisognava approfondire lo studio di questo insediamento nella bassa Campania. Perciò gli scavi si intensificarono ed emerse una tale ricchezza di reperti, che gli stessi studiosi ne rimasero La prima età del ferro sbalorditi. Più di 9000 tombe, due santuari, resti del centro abitato, resti di una zona industriale. La città dei prìncipi Tutto fu portato alla luce, catalogato ed esposto in un museo allestito appositamente. In realtà L'orientalizzante La città arcaica L'età classica ed ellenistica L'età romana non è stato esposto proprio tutto: la maggior parte del materiale è ancora imballato nel deposito del museo. Non fu possibile creare, a Pontecagnano, un sito archeologico sul modello di Paestum o Pompei, perché l antica città etrusca era situata proprio sotto il centro abitato. Comunque, gli storici, a partire da quei rinvenimenti, hanno avviato uno studio sistematico che tuttora prosegue, che ci ha fatto conoscere molto sulla comunità etrusca di Pontecagnano. Il nome Come si chiamava la Pontecagnano degli Etruschi? Questa domanda non ha una risposta certa. Infatti sono state fatte alcune ipotesi credibili, ma non si hanno documenti che forniscano indicazioni a favore dell una o dell altra. L ipotesi prevalente è che la città si chiamasse Amina, visto che una lastra emersa da una tomba riportava questa iscrizione, ma anche perché nel museo archeologico di Paestum vi è conservato un dono votivo da parte degli Aminei, forse gli Etruschi di Pontecagnano. Ma gli studiosi non ne sono del tutto convinti, infatti pensano che l iscrizione si riferisse a tutto il territorio fino a Napoli (dove sono i colli Aminei), e non alla città di Pontecagnano. Secondo un altra ipotesi il nome sarebbe Tyrseta, e corrisponderebbe alla città nominata dallo storico greco del IV secolo a.c., Filisto.

2 I Santuari Il santuario settentrionale, situato in località Pastini, sorgeva a nord dell antico centro abitato ed era dedicato a una divinità simile a Hera o Demetra. Esso fu scoperto nel 1964, durante la costruzione dell autostrada Salerno-Reggio Calabria. Tra i tanti reperti, ci ha restituito una coppa con l'iscrizione Amina. Gli ex voto rinvenuti mostrano la divinità femminile seduta sul trono e l offerente che dona un maialetto, ciò significa che i fedeli erano essenzialmente agricoltori. Il secondo santuario, in località Carlanzone, posto a sud dell abitato, era dedicato al dio etrusco Manth, assimilabile al dio greco Apollo; affacciava su uno spiazzo porticato, dove era stata costruita anche una fornace per mattoni laterizi. Sono state rinvenute due stipi votive che risalgono alla fase arcaica e giungono alla fine del IV secolo a.c. Oltre a frammenti di ceramica di L arrivo degli Etruschi Studiando il materiale emerso dagli scavi, ma anche attraverso la ricerca di riferimenti nelle opere letterarie, gli esperti sono riusciti a ricostruire la storia dell insediamento etrusco di Pontecagnano. Grazie al loro lavoro sappiamo che l attuale centro di Pontecagnano occupa solo una piccola parte dell antico insediamento etrusco, del quale, come abbiamo già detto, resta ancora sconosciuto il nome. Di sicuro l'insediamento nacque nel corso dell eta' del Ferro, tra la fine del X e gli inizi del IX sec. a.c., sulla sponda sinistra del fiume Picentino. In quel periodo, gruppi di Etruschi si spostarono dalle città costiere del Lazio e si diressero verso Sud, per via mare. Quando giunsero nell ampio Golfo di Salerno, scelsero come approdo il tratto di costa alla foce del fiume Picentino, e di lì si spinsero all interno. Sicuramente furono attratti dalla geografia del territorio. Infatti, Pontecagnano gode di una magnifica posizione territoriale: un ampia e fertile pianura, posta tra una costa litoranea, bassa e sabbiosa e una zona collinare. All epoca dell arrivo degli Etruschi, quella era un area paludosa, ma questo popolo sapeva bene come bonificarla, vista la sua capacità ingegneristica. E così, provvidero subito a renderla coltivabile. Inoltre dotarono il loro insediamento di un porto alla foce del fiume Picentino, che presto sarebbe diventato uno dei più attivi dell Etruria. bucchero, vi sono state recuperate anche alcune iscrizioni in alfabeto greco acheo. L antico insediamento L abitato fu costruito, strategicamente, nell entroterra. Al suo arrivo questo popolo portò qui la cultura villanoviana, evidente soprattutto nel modo di seppellire i defunti. Infatti, gli storici hanno distinto le tombe del popolo che era qui prima dell arrivo degli Etruschi, che erano a inumazione, (cioè i corpi venivano seppelliti), da quelle degli etruschi, che I due santuari, ricchi di offerte usavano conservare le ceneri dei defunti in urne di provenienti da varie aree terracotta. geografiche, testimoniano che Fin dall inizio, essi si dedicarono all agricoltura, all artigianato, al commercio e, talvolta, alla Pontecagnano etrusca era una città pirateria. In ogni caso gli storici, all interno della comunità, non hanno riscontrato profonde aperta, conosciuta e visitata dagli differenze sociali. In seguito, verso la fine del IX secolo a.c., iniziò una trasformazione che portò stranieri. questa città a svilupparsi notevolmente e, in meno di un secolo, essa si trasformò in un grande emporio commerciale, aperto agli scambi ed ai contatti con il mondo greco-orientale e con le popolazioni indigene dell entroterra. Gli storici chiamano questo periodo fase orientalizzante, e coincide con la nascita di una classe di uomini molto ricchi, tanto da essere definiti prìncipi. Il cambiamento coinvolse anche l organizzazione urbana, infatti, durate questo periodo l'insediamento originario di Pontecagnano venne modificato e la città fu divisa in due zone distinte, separate dall attuale via Cavalleggeri. La prima era a occidente e ospitava il vero e proprio quartiere abitativo, con edifici privati e pubblici; fra gli edifici pubblici c erano due santuari collocati poco lontano dal centro abitato. L altra era situata a oriente e accoglieva un quartiere artigianale e industriale: in quella zona infatti sono stati ritrovati i resti di un ceramico della città con le relative fornaci, le cui botteghe producevano materiale per costruire gli edifici, buccheri e ceramiche. La comunità di Pontecagnano era così ricca e importante da attrarre, oltre ai Greci, anche popoli italici dell Appennino, come gli Irpini, che si spostarono verso la costa dando vita a insediamenti come Oliveto Citra, Montecorvino Rovella e Santa Maria a Vico. Molte di queste genti furono integrate appieno nel tessuto sociale etrusco. Attorno all abitato erano situate le necropoli.

3 Il Gioiello Etrusco Per sottolineare il valore di questo patrimonio storico presente sul territorio, il Comune di Pontecagnano ha, da sempre, dedicato agli Etruschi di Frontiera una grandissima attenzione. Infatti, in collaborazione con il Museo archeologico, ha curato diverse edizioni della mostra-concorso Il Gioiello Etrusco Contemporaneo, proponendo la realizzazione in chiave moderna di gioielli ispirati al modello etrusco. Il gioiello etrusco è diventato l emblema della storia di Pontecagnano Faiano. In quelle occasioni, il Museo ha ospitato migliaia di visitatori che hanno potuto ammirare gli splendidi reperti esposti. Le necropoli Le necropoli circondavano esternamente l abitato: oltre che sul l a t o s u d - o c c i d e n t a l e, f u ro n o collocate anche sul lato meridionale e su quello orientale, in località Sant'Antonio. Nelle tombe i familiari dei defunti, oltre alle ceneri, deponevano gli oggetti più importanti appartenuti al proprio caro, oppure oggetti che rappresentavano il ruolo che egli aveva avuto nella società (guerriero, padre, madre, sacerdote, ecc.). L insieme degli oggetti presenti in una tomba costituiscono il corredo funerario. I corredi funebri riportati alla luce consistevano in vasi cinerari e oggetti di ornamento in metallo. Prima della fase orientalizzante tutti i corredi erano simili, perché tutti gli uomini avevano la stessa condizione sociale. Successivamente, dopo i cambiamenti di cui abbiamo già parlato, solo alcune famiglie cominciarono ad abbellire le loro tombe con corredi ricchissimi e sfarzosi, ostentando la loro posizione di prestigio nella società. Dalle tombe emergeva che, all interno della società si era creata una classe di uomini ricchi, i cosiddetti principi. Perciò alcune tombe avevano, al loro interno, ricchi corredi con oggetti bellici in metallo, quali spade, lance, gambali per i polpacci (schinieri). Anche la struttura esterna del sepolcro mostrava maggiore imponenza grazie all utilizzo del tufo. Fra gli oggetti ritrovati in queste tombe definite principesche, non mancano ceramiche euboiche dipinte, provenienti certamente dalle vicine Pitecusa (Ischia) e Cuma, inoltre le ceneri vengono deposte in grandi calderoni metallici. Il periodo Orientalizzante è il più significativo per Pontecagnano, proprio per la ricchezza dei materiali conservati. Due splendide tombe orientalizzanti (tombe 926 e 928), databili alla prima metà del VII secolo a.c., rinvenute nel 1966 nei pressi di piazza Risorgimento, rappresentano chiaramente tutto ciò. Si tratta di due sepolcri maschili costruiti con lastre di travertino poste verticalmente a formare un recinto rettangolare, all'interno del quale era stato ricavato, delimitando lo spazio, un loculo, ove furono collocati i beni di prestigio adeguati allo status sociale del defunto che vi era deposto. Il ricchissimo corredo - del quale fa parte anche il calderone metallico per le ceneri del defunto - comprendeva prezioso vasellame metallico da mensa, oggetti di ornamento personale (fibule in argento), utensili per la manipolazione del fuoco e la cottura delle carni (spiedi, alaci e pinze), asce in ferro, armi, ceramica. Questi utensili erano stati adagiati nella fossa-recinto. Una maggiore uguaglianza sociale sembra invece caratterizzare Pontecagnano tra gli ultimi decenni della fase Orientalizzante e l'epoca arcaica (fine del VII-VI secolo a.c.) pur non mancando esempi di ricchi complessi sepolcrali.

4 GLI ETRUSCHI in Italia Gli Etruschi I Greci li chiamavanotirreni, i Romani Tusci, essi stessi si definivano Rasenna: gli Etruschi sono stati la più importante popolazione della penisola italiana dell Età del ferro. Della loro origine non si hanno notizie certe. Gli Etruschi non costituirono mai uno Stato unitario, ma ogni città aveva un governo proprio, affidato ad un lucumone. Le città più importanti (probabilmente Arezzo, Cerveteri, Chiusi, Cortona, Orvieto, Populonia, Roselle, Tarquinia, Veio, Ve t u l o n i a, Vu l c i, Vo l t e r ra ) s i riunirono in una lega di carattere politico e militare, formando la Dodecapoli Etrusca. L economia L economia etrusca si basava sull agricoltura: coltivavano ulivi, vigne, grano; sull artigianato: lavorazioni dell oro, del bronzo, del cuoio, di tessuti di lino; e sul commercio: le loro navi mercantili si spinsero fino sulle coste dell'asia minore. Molta importanza avevano Fin dall antichità si sono scontrate tre tesi che spiegavano le origini di questo popolo in modo diverso. La tesi che prevalse a lungo è quella di Erodoto, storico greco del V secolo a. C. Secondo quanto sostiene, intorno al XII secolo a.c., una carestia colpì la Lidia, costringendo il re Ati a dividere il popolo in due gruppi: uno rimase in patria, l altro, guidato dal figlio del re Tirreno, raggiunse, dopo lunghe peregrinazioni, le coste occidentali dell Italia. Qui si sarebbero stabiliti, occupando le regioni centrali della penisola su cui fondarono numerose città. La seconda tesi è quella di Dionigi di Alicarnasso, altro storico greco vissuto a Roma nel I secolo a. C.. Dionigi sosteneva che gli Etruschi erano un popolo autoctono, appartenente al gruppo delle popolazioni italiche che avevano abitato la penisola sin dai primi insediamenti umani. La terza tesi sostiene che gli Etruschi sarebbero un popolo disceso dalle regioni alpine (Alpi Retiche) verso l'italia centrale. Questa teoria si basa sull'analogia del nome Rasenna con la popolazione alpina dei Raeti. L etruscologo Massimo Pallottino ha elaborato una nuova e più convincente tesi basandosi su un nuovo concetto di origine : per lui l origine degli Etruschi non va intesa nel senso di provenienza, ma nel senso di formazione, cioè di progressivo sviluppo della loro identità e della loro storia. Le tre tesi, secondo lo studioso italiano, possono integrarsi: egli ipotizza una mescolanza fra genti indigene, genti provenienti da settentrione e arrivi di nuclei dall'oriente, la cui fusione ha dato origine a una nuova civiltà, cioè alla civiltà del Popolo Etrusco. La religione anche i minerali di cui era ricco il sottosuolo: ferro, rame, stagno, zinco, allume per conciare e tingere le pelli. Gli Etruschi sono stati anche molto abili nelle tecniche idrauliche, finalizzate soprattutto alla creazione di canali e alla bonifica delle zone costiere paludose. Questo popolo si affacciò al sipario della storia come gente marinara: gli Etruschi furono certamente i primi ad aver organizzato una flotta mercantile, per l importazione e l esportazione, e una da guerra, che permetteva loro la supremazia sui porti e sulle coste, cosa che indubbiamente favorì la costruzione di un vero e proprio impero commerciale. Gli Etruschi hanno avuto la fama di essere stati religiosissimi, tanto che lo scrittore cristiano Arnobio definisce l Etruria generatrice e madre di tutte le superstizioni. Alla base della religione etrusca stava l idea che la natura dipendesse dalla divinità, di conseguenza ogni fenomeno naturale era un segnale inviato dalla divinità all uomo che doveva fare di tutto per capirlo e assecondarlo. E certo, comunque, che in campo religioso, i Romani devono molto agli Etruschi: molte divinità romane, infatti, corrispondono ad analoghe divinità etrusche, inoltre le pratiche del culto e i riti dei due popoli sono molto simili, con offerte votive, sacrifici di animali, feste legate alle stagioni. Il santuario più importante, venerato da tutta l Etruria, era quello di Voltumna, di cui, purtroppo, non c è rimasta traccia. Tinia: dio etrusco corrispondente al Giove romano. La triade Tinia,Teramo,Alpiu,

5 La lingua I buccheri In molti credono, ancora oggi, che la lingua etrusca sia indecifrabile e il suo significato incomprensibile. Ciò, però, non è esatto perché l alfabeto etrusco è perfettamente leggibile e, per quanto riguarda il significato dei testi, la questione se esso si capisca o non si capisca, è legata al fatto che non esistono testi bilingue che forniscano una chiave interpretativa certa. Tuttavia, non si può affermare che il significato dell etrusco sia completamente ignoto. Infatti si conoscono circa 8000 parole che, per lo più, indicano nomi propri e nomi comuni che riguardano il mondo religioso e funerario, l organizzazione politico sociale, rapporti di parentela, la misurazione del tempo e la denominazione di oggetti d uso. Ciò che è carente è la quantità di documenti scritti rinvenuti: sono solo 7500 i testi conosciuti, e sono tutti molto brevi. Gli unici più consistenti sono il Liber Linteus che contiene formule rituali, la Tegola di Capua che contiene prescrizioni religiose e le Lamine di Pyrgi che contengono delle formule liturgiche. I buccheri sono vasi o altri oggetti fatti con terra rossastra, odorosa, dove l'acqua si conserva fresca e profumata. Il termine proviene dal latino poculum, cioè coppa, attraverso lo spagnolo bucaro. Gli Etruschi produssero buccheri dal VII al V secolo a.c. I canòpi I canopi sono vasi funerari, con coperchio a forma di testa umana. Gli Etruschi vi riponevano le ceneri dei defunti. Il calendario etrusco Gli Etruschi non avevano le nostre settimane e quindi neppure il nome dei giorni. Probabilmente il giorno iniziava all'alba. L'anno invece poteva iniziare come nella Roma antica il primo giorno di marzo (cioè il nostro 15 febbraio), o qualche giorno prima, il 7 febbraio. Ci resta testimonianza del nome di otto mesi del calendario sacro. uelcitanus (lat.) = marzo. aberas (lat.) = aprile; apirase = nel mese di aprile. ampiles (lat.) = maggio; anpilie = nel mese di maggio. aclus (lat.) = giugno; acal(v)e = nel mese di giugno. traneus (lat.) = luglio. ermius (lat.) = agosto. celius (lat.) = settembre; celi = nel mese di settembre. xof(f)er(?) (lat.) = ottobre. le origini. L arte etrusca Tra le testimonianze artistiche, le più rare sono quelle architettoniche. Ciò è dovuto al fatto che gli Etruschi costruivano interamente in pietra solo le opere militari e le tombe, che per questo sono arrivate fino a noi. In tutti gli altri edifici, compresi i templi, la pietra veniva usata solo per le fondamenta, mentre per le parti più elevate usavano il legno, i mattoni e la terracotta, più soggetti a deteriorarsi col tempo. Per questo motivo, degli edifici etruschi, possediamo solo piante e basamenti. Possiamo ricavare la struttura dei templi, però, dalle riproduzioni che di essi si trovano all interno dei sepolcri. Il tempio etrusco presentava una larghezza poco inferiore alla sua lunghezza, con la parte anteriore occupata da un portico e la parte posteriore occupata da una cella, sede della divinità. Grande importanza ha l utilizzo, da parte degli Etruschi, dell arco a volta perché esso sarà fondamentale per i Romani per la costruzione delle loro monumentali opere architettoniche. La maggior parte dei reperti architettonici, comunque, è data dall'architettura funeraria. Le tombe sono di due tipi, entrambi ricavati direttamente attraverso lo scavo nella roccia: le tombe più antiche consistono in semplici pozzetti, le più moderne sono grandiose e dotate di più ambienti. Sempre le tombe, insieme ai santuari, rappresentano la nostra più ricca fonte di reperti di arti figurative, pittura e scultura. Un capolavoro scultoreo è l Apollo di Veio. Famosi per l eleganza delle forme sono i sarcofagi di Cerveteri e i canòpi di Chiusi. Per quanto riguarda la pittura, gli Etruschi produssero soprattutto affreschi murali di cui ci restano gli splendidi esempi della Tomba dei Leopardi di Tarquinia.

6 Immagini Coppia aristocratica intenta a banchettare. Particolare. Pittura murale. Tomba della Caccia e della Pesca, circa a.c. Necropoli di Monterozzi, Tarquinia Pre p a ra z i o n e d i s a c r i fi c i. Particolare. Hydria Ricci. Cerveteri, circa 520 a.c. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma. L alimentazione in Etruria Ricostruire l alimentazione etrusca non è cosa facile ma la ricerca storica, si sa, nessuno può fermarla! Infatti gli storici hanno superato la barriera innalzata dallo scorrere del tempo servendosi di diversi criteri di analisi, come lo studio dei reperti provenienti dagli scarichi degli abitati, cioè dei rifiuti di antichi pasti, oppure studiando le rappresentazioni figurative, presenti in gran numero nelle tombe. Bene, grazie a questi studi, siamo in grado di ricostruire, quasi fedelmente, l alimentazione di questo antico e affascinante popolo. L alimentazione base della popolazione era costituita da: cereali: frumento, farro, panico ed orzo, che venivano consumati anche sotto forma di farinata e di una sorta di polenta; legumi: piselli, ceci, lenticchie, cucinati in zuppe oppure, semplicemente, bolliti; carne: di pecora e capra, suina, bovina (riservata ai nobili), volatili e pollame (dal VII secolo); uova: compaiono tra le offerte funerarie di cibo a partire dal VII secolo; olio: prodotto soprattutto in Campania; vino: dal VII secolo; frutta, verdura, latticini. Curiosità Macellazione. Particolare. Hydria Ricci. Cerveteri, circa 520 a.c. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma. Rappresentazione della preparazione dei cibi. Particolare, pittura murale.tomba Golini, seconda metà IV sec.a.c. Orvieto. Si narra che in Toscana i maiali venissero allevati al suono di strumenti musicali. Nel VII secolo la società etrusca subisce un mutamento. In questo periodo si crea, infatti, una classe dirigente ricca e agiata che assume comportamenti e stili di vita diversi dagli altri abitanti. Ciò si rispecchia anche nel modo di mangiare. I Principi rappresentano sé stessi come sovrani orientali: il signore, seduto su un trono dall alta spalliera, mangia ad una mensa rotonda servito e accudito da servi; a lui è concesso bere il vino all usanza greca, mescolato con acqua e temperato con spezie e formaggio grattugiato. Gli Etruschi erano maestri della produzione di legumi e cereali, grazie ai sistemi di coltivazione avanzati basati sulla rotazione delle colture che avevano introdotto. Le due pianure che dominavano all epoca, quella Padana e quella Campana, garantivano secondo Plinio la ricchezza di questo popolo. In momenti di difficoltà Roma importava cereali dall Etruria; Atene nel V secolo si approvvigionava a Spina dei prodotti dell Etruria padana, che oltre ai cereali esportava certo anche carne di maiale. Le classi colte hanno come modello il banchetto greco, con l unica differenza che a quello etrusco partecipavano anche le donne: si banchettava sdraiati su lettini (le klinai) e si utilizzava sempre più spesso ceramica importata dalla Grecia (prima da Corinto e dalla Grecia Orientale, poi da Atene). Numerose sono le rappresentazioni di banchetti, presenti soprattutto nelle pitture funerarie. I romani definivano gli etruschi schiavi del ventre, tanto che era popolare l immagine dell Etrusco obeso, ma, non si deve dimenticare che nella cultura antica l individuo grasso era colui che poteva permettersi di diventarlo, cioè era simbolo di una condizione sociale legata alla ricchezza ed al potere.

7 Cari Lettori, abbiamo realizzato questo g i o r n a l i n o s t o r i c o p e r raccontarvi tutto ciò che abbiamo imparato facendo una ricerca storica sulle origini di Pontecagnano. La nostra Pontecagnano fu fondata dagli Etruschi! Noi ci siamo inorgogliti, scoprendolo, e ne abbiamo voluto sapere sempre di più. A l l i n i z i o p e n s a v a m o d i realizzare, con tutte le notizie apprese, un cartellone, oppure una presentazione in Power Point, ma poi abbiamo pensato che un giornalino sarebbe stato più adatto a diffondere questa nostra ricerca. Secondo noi è importante che più persone comprendano l importanza storica del nostro territorio, affinché abbiano a cuore la tutela e la salvaguardia del nostro patrimonio storico culturale. Ci auguriamo che la lettura sia stata interessante e piacevole, mai noiosa. ISTITUTO COMPRENSIVO PONTECAGNANO S.ANTONIO Scuola secondaria di I grado Daniele Zoccola Con affetto i ragazzi della I B

8 ISTITUTO COMPRENSIVO PONTECAGNANO S.ANTONIO Presso questo ISTITUTO è attivo il TEST CENTER AHER0001 per conseguire le seguenti certificazioni AICA: ECDL Core, il diploma ECDL tradizionale, è uno degli standard di riferimento a livello internazionale che certifica la conoscenza dei concetti fondamentali dell informatica e la capacità di usare il PC e Internet. La Nuova ECDL, sviluppata per rispondere alle mutate condizioni della realtà tecnologica e informatica e al modo in cui interagiamo con esse. Una nuova certificazione, ma con solide radici, che offre nuovi moduli e una maggior flessibilità per favorire l apprendimento continuo. CERT-LIM Interactive Teacher è un programma di certificazione che permette attraverso un percorso di apprendimento formale istituzionalizzato di acquisire conoscenze, abilità e competenze relative all utilizzo dello strumento LIM. I nostri Plessi Plesso di Scuola secondaria di 1 Grado D. ZOCCOLA Via S. Pertini Plesso di Scuola Primaria e dell Infanzia CAMPO SPORTIVO Via Lucania Plesso di Scuola Primaria CORVINIA Via Magellano Loc. Pagliarone Plesso Scuola Primaria S. ANTONIO Via Picenza Plesso di Scuola dell Infanzia PICCIOLA Via Lago Laceno Loc. Picciola PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER E ALTRE CERTIFICAZIONI Docente Responsabile: Anna TROIANO Plesso Scuola dell Infanzia S.ANTONIO 1 Via Palinuro Istituto Comprensivo Pontecagnano S.Antonio prof.ssa Stefania Lardieri

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo:

STORIA. Gli Etruschi. Le origini e la lingua. La massima potenza etrusca. il testo: 01 Le origini e la lingua chiamano se stessi Rasenna: sviluppano la loro civiltà nell attuale Toscana, chiamata anche Etruria. L origine di questo popolo è ancora oggi sconosciuta. Sul problema delle origini

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo.

templi (frontone = spazio triangolare tra i due spioventi). A differenza di quelli greci, i frontoni etruschi sono di terracotta e non di marmo. GLI ETRUSCHI L origine del popolo etrusco è incerta; essendo gli insediamenti più antichi sulla costa, si suppone che venissero da Oriente (ma questa è solo una delle tante ipotesi formulate dagli studiosi).

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO!

DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! DENTRO E FUORI IL MUSEO INGRESSO LIBERO! Attività didattica 2012-2013 del Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser Presentazione Il Civico Museo Luoghi e Genti dell Auser si avvia a compiere il suo secondo

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco,

Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, Il Museo Civita propone per l anno scolastico 2015-2016 dei laboratori didattici finalizzati alla conoscenza dei vari aspetti del mondo etrusco, dalla vita quotidiana alle usanze funerarie. Orario di apertura:

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo

UNITA 1 COSA CONOSCO DEL PASSATO DELLA MIA CITTA? ATTIVITA TEMPI OBIETTIVI DIDATTICI E MODALITA DI SOMMINISTRAZIONE Presentazione e patto formativo Corsi di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado: Didattica orientativa e percorsi di orientamento con approccio narrativo MICROPROGETTAZIONE DI UN PERCORSO DI DIDATTICA ORIENTATIVA

Dettagli

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015

MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MUSEO ARCHEOLOGICO POLVERIERA GUZMAN ORBETELLO OFFERTA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 1 MOTIVAZIONI E FINALITÀ Il Museo Archeologico di Orbetello ha predisposto per l anno scolastico 2014-2015 un

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97, 114; Everett Collection p. 66 Corbis: Atlantide Phototravel p. 94 basso

Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97, 114; Everett Collection p. 66 Corbis: Atlantide Phototravel p. 94 basso STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Fotografie: Contrasto: Erich Lessing pp. 97,

Dettagli

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro

Classe 2^A C.A.T. Progetto cl@sse2.0. Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro Lavoro realizzato dagli allievi Dello Stritto, D Ambrosio e Ferraro 1 La domus ecclesiae Struttura o caratteristiche Lessico Origini Impiego L arte Il termine catacomba, esteso a tutti i cimiteri cristiani,

Dettagli

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA

www.fantavolando.it AGRICOLTURA ETRUSCA AGRICOLTURA ETRUSCA Gli Etruschi svilupparono techiche agricole che permisero di ottenere prodotti di qualità come il vino e l olio oltre che il grano. La grande produzione di grano venne spesso esportata

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005

I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 COMUNICATO STAMPA I Fenici - l oriente in occidente 21 ottobre 2004 17 aprile 2005 La mostra è organizzata dalla Fondazione di Via Senato in collaborazione con la Società Cooperativa Archeologica di Milano

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Unità 1. LE ORIGINI Etruschi e Romani. Unità 1 LE ORIGINI. Etruschi e Romani

Unità 1. LE ORIGINI Etruschi e Romani. Unità 1 LE ORIGINI. Etruschi e Romani LE ORIGINI Etruschi e Romani 27 ATTIVITÀ 1 Osserva questi oggetti. Secondo te che cosa sono? 1. 2. 3. 4. 5. 6. Gli Etruschi sono il primo grande popolo che si stabilisce nel VIII secolo nell Italia centrale

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014

PERCORSI DIDATTICI PRESENTAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PERCORSI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRESENTAZIONE Anche per l anno scolastico 2013/2014 la Cooperativa Colline Metallifere torna a proporre alle scuole primarie e secondarie i Percorsi Didattici

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Roma e il Lazio tra reges e principes

Roma e il Lazio tra reges e principes Roma e il Lazio tra reges e principes Tra VII e VI secolo inizia però ad affermarsi un nuovo tipo di scambio: negli empori sulla costa tirrenica, controllati dalle città Etrusche, si verificano nuovi contatti

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Le fonti della storia

Le fonti della storia Le fonti della storia Per comprendere bene queste pagine devi conoscere il significato delle parole autoctono ed editto. Aiutati con il dizionario: Autoctono:... Editto:.... La storia è una scienza che

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

IL BAMBINO SA : COLLOCA RE NEL TEMPO SE STESSO, PERSONE, FATTI ED EVENTI

IL BAMBINO SA : COLLOCA RE NEL TEMPO SE STESSO, PERSONE, FATTI ED EVENTI CURRICOLO VERTICALE IL SE E L ALTRO - STORIA- - SCUOLA DELL INFANZIA - ISTITUTO COMPRENSIVO I.COCCHI LICCIANA NARDI per i bambini dell ultimo anno COMPETENZE al termine della SCUOLA DELL INFANZIA CONOSCERE

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri

SERVIZI OFFERTI. Sempre aperto. Area giochi per bambini. Servizio di concierge 24 ore. Vasto parco con querce. Piscina 20 x 8 metri Villaggio Le Querce All interno del Parco Archeologico-Naturale delle Città del Tufo, nella Maremma Toscana si trova il Villaggio Le Querce, situato ai margini del borgo medioevale di Sorano immerso in

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 I. LA STORIA IN GIOCO: terza, quarta e quinta elementare II. LA STORIA

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010

BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010 BULLETTINO SENESE DI STORIA PATRIA, 117, 2010 PAOLA RENDINI (a cura di), Le vie del sacro. Culti e depositi votivi nella valle dell Albegna, testi di Giuliana Agricoli, Mariagrazia Celuzza, Maria Francesca

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

Finalità. Obiettivi. Attività

Finalità. Obiettivi. Attività Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Indirizzo: Contrà Santa Corona, 4-36100 Vicenza (VI) Telefono: 0444222815 Email: museonatarcheo@comune.vicenza.it Presentazione Il Museo Naturalistico Archeologico

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015

Programma eventi Musei in Musica. Sapienza Università di Roma. Piazzale Aldo Moro 5. Sabato, 21 novembre 2015 Programma eventi Musei in Musica Sapienza Università di Roma Piazzale Aldo Moro 5 Sabato, 21 novembre 2015 INGRESSO LIBERO PARCHEGGIO GRATUITO INFO: Sapienza Università di Roma Settore eventi celebrativi

Dettagli

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A

Passeggiando per Bagnara. Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A Passeggiando per Bagnara Scuola Secondaria di I Grado San Francesco Bagnara di Romagna Classe III A A.S. 2014-2015 Presentazione Gli alunni della Classe III - A della S.S. di I grado San Francesco di Bagnara

Dettagli

Museo Archeologico Nazionale di Venezia

Museo Archeologico Nazionale di Venezia Museo Archeologico Nazionale di Venezia Attività didattica 2014/2015 PERCORSI DIDATTICI a cura degli Assistenti del Museo Scuole primarie Scuole secondarie di I grado Scuole secondarie di II grado SERVIZIO

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli