GLI ETRUSCHI. di frontiera. Pontecagnano: una storia da riscrivere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ETRUSCHI. di frontiera. Pontecagnano: una storia da riscrivere"

Transcript

1 GLI ETRUSCHI di frontiera Il Museo Nel Museo Archeologico di Pontecagnano, inaugurato nel 2007, è possibile ammirare i reperti provenienti dagli scavi di Pontecagnano. Si tratta di un patrimonio ricchissimo, portato Pontecagnano: una storia da riscrivere La storia degli Etruschi, a partire dalla seconda metà del Novecento, ha dovuto necessariamente alla luce in molti anni di scavi. Parliamo di più di 9000 tombe, t r a c u i a l c u n e d e fi n i t e principesche, che ci hanno restituito gioielli di grande pregio e valore. essere riscritta. Cosa accadde in quel periodo? In quel periodo la città di Pontecagnano, piccolo comune campano, situato a sud di Salerno, realizzò una serie di lavori di ristrutturazione stradale. Durante quei lavori, vennero alla luce delle antiche tombe che esperti archeologi subito riconobbero come tombe etrusche. Per la comunità scientifica, queste casuali scoperte furono un vero terremoto che veniva a sconquassare le loro secolari certezze. Da sempre, infatti, si era creduto che la Campania fosse interamente abitata dai Greci, e che gli Etruschi si erano spinti solo fino a Capua. Questi ritrovamenti raccontavano, invece, un altra storia: non Capua, ma appunto Pontecagnano era l estremo limite dell espansione etrusca verso Sud. Solo ora gli storici riuscivano a spiegarsi, finalmente, lo strano discorso di Plinio, un famoso scrittore latino, che in una sua opera aveva scritto: Dal promontorio sorrentino al fiume Sele per trenta miglia, l Agro Picentino fu Il percorso espositivo, intitolato Gli Etruschi di frontiera, è organizzato in sei parti: La preistoria - L'età del rame degli Etruschi. Già, queste parole avevano per secoli affascinato gli storici che non riuscivano a spiegarle, non avendo nessuna notizia sulla presenza degli Etruschi in quest area. Adesso, però, tutto si faceva chiaro e, soprattutto, si comprendeva che bisognava approfondire lo studio di questo insediamento nella bassa Campania. Perciò gli scavi si intensificarono ed emerse una tale ricchezza di reperti, che gli stessi studiosi ne rimasero La prima età del ferro sbalorditi. Più di 9000 tombe, due santuari, resti del centro abitato, resti di una zona industriale. La città dei prìncipi Tutto fu portato alla luce, catalogato ed esposto in un museo allestito appositamente. In realtà L'orientalizzante La città arcaica L'età classica ed ellenistica L'età romana non è stato esposto proprio tutto: la maggior parte del materiale è ancora imballato nel deposito del museo. Non fu possibile creare, a Pontecagnano, un sito archeologico sul modello di Paestum o Pompei, perché l antica città etrusca era situata proprio sotto il centro abitato. Comunque, gli storici, a partire da quei rinvenimenti, hanno avviato uno studio sistematico che tuttora prosegue, che ci ha fatto conoscere molto sulla comunità etrusca di Pontecagnano. Il nome Come si chiamava la Pontecagnano degli Etruschi? Questa domanda non ha una risposta certa. Infatti sono state fatte alcune ipotesi credibili, ma non si hanno documenti che forniscano indicazioni a favore dell una o dell altra. L ipotesi prevalente è che la città si chiamasse Amina, visto che una lastra emersa da una tomba riportava questa iscrizione, ma anche perché nel museo archeologico di Paestum vi è conservato un dono votivo da parte degli Aminei, forse gli Etruschi di Pontecagnano. Ma gli studiosi non ne sono del tutto convinti, infatti pensano che l iscrizione si riferisse a tutto il territorio fino a Napoli (dove sono i colli Aminei), e non alla città di Pontecagnano. Secondo un altra ipotesi il nome sarebbe Tyrseta, e corrisponderebbe alla città nominata dallo storico greco del IV secolo a.c., Filisto.

2 I Santuari Il santuario settentrionale, situato in località Pastini, sorgeva a nord dell antico centro abitato ed era dedicato a una divinità simile a Hera o Demetra. Esso fu scoperto nel 1964, durante la costruzione dell autostrada Salerno-Reggio Calabria. Tra i tanti reperti, ci ha restituito una coppa con l'iscrizione Amina. Gli ex voto rinvenuti mostrano la divinità femminile seduta sul trono e l offerente che dona un maialetto, ciò significa che i fedeli erano essenzialmente agricoltori. Il secondo santuario, in località Carlanzone, posto a sud dell abitato, era dedicato al dio etrusco Manth, assimilabile al dio greco Apollo; affacciava su uno spiazzo porticato, dove era stata costruita anche una fornace per mattoni laterizi. Sono state rinvenute due stipi votive che risalgono alla fase arcaica e giungono alla fine del IV secolo a.c. Oltre a frammenti di ceramica di L arrivo degli Etruschi Studiando il materiale emerso dagli scavi, ma anche attraverso la ricerca di riferimenti nelle opere letterarie, gli esperti sono riusciti a ricostruire la storia dell insediamento etrusco di Pontecagnano. Grazie al loro lavoro sappiamo che l attuale centro di Pontecagnano occupa solo una piccola parte dell antico insediamento etrusco, del quale, come abbiamo già detto, resta ancora sconosciuto il nome. Di sicuro l'insediamento nacque nel corso dell eta' del Ferro, tra la fine del X e gli inizi del IX sec. a.c., sulla sponda sinistra del fiume Picentino. In quel periodo, gruppi di Etruschi si spostarono dalle città costiere del Lazio e si diressero verso Sud, per via mare. Quando giunsero nell ampio Golfo di Salerno, scelsero come approdo il tratto di costa alla foce del fiume Picentino, e di lì si spinsero all interno. Sicuramente furono attratti dalla geografia del territorio. Infatti, Pontecagnano gode di una magnifica posizione territoriale: un ampia e fertile pianura, posta tra una costa litoranea, bassa e sabbiosa e una zona collinare. All epoca dell arrivo degli Etruschi, quella era un area paludosa, ma questo popolo sapeva bene come bonificarla, vista la sua capacità ingegneristica. E così, provvidero subito a renderla coltivabile. Inoltre dotarono il loro insediamento di un porto alla foce del fiume Picentino, che presto sarebbe diventato uno dei più attivi dell Etruria. bucchero, vi sono state recuperate anche alcune iscrizioni in alfabeto greco acheo. L antico insediamento L abitato fu costruito, strategicamente, nell entroterra. Al suo arrivo questo popolo portò qui la cultura villanoviana, evidente soprattutto nel modo di seppellire i defunti. Infatti, gli storici hanno distinto le tombe del popolo che era qui prima dell arrivo degli Etruschi, che erano a inumazione, (cioè i corpi venivano seppelliti), da quelle degli etruschi, che I due santuari, ricchi di offerte usavano conservare le ceneri dei defunti in urne di provenienti da varie aree terracotta. geografiche, testimoniano che Fin dall inizio, essi si dedicarono all agricoltura, all artigianato, al commercio e, talvolta, alla Pontecagnano etrusca era una città pirateria. In ogni caso gli storici, all interno della comunità, non hanno riscontrato profonde aperta, conosciuta e visitata dagli differenze sociali. In seguito, verso la fine del IX secolo a.c., iniziò una trasformazione che portò stranieri. questa città a svilupparsi notevolmente e, in meno di un secolo, essa si trasformò in un grande emporio commerciale, aperto agli scambi ed ai contatti con il mondo greco-orientale e con le popolazioni indigene dell entroterra. Gli storici chiamano questo periodo fase orientalizzante, e coincide con la nascita di una classe di uomini molto ricchi, tanto da essere definiti prìncipi. Il cambiamento coinvolse anche l organizzazione urbana, infatti, durate questo periodo l'insediamento originario di Pontecagnano venne modificato e la città fu divisa in due zone distinte, separate dall attuale via Cavalleggeri. La prima era a occidente e ospitava il vero e proprio quartiere abitativo, con edifici privati e pubblici; fra gli edifici pubblici c erano due santuari collocati poco lontano dal centro abitato. L altra era situata a oriente e accoglieva un quartiere artigianale e industriale: in quella zona infatti sono stati ritrovati i resti di un ceramico della città con le relative fornaci, le cui botteghe producevano materiale per costruire gli edifici, buccheri e ceramiche. La comunità di Pontecagnano era così ricca e importante da attrarre, oltre ai Greci, anche popoli italici dell Appennino, come gli Irpini, che si spostarono verso la costa dando vita a insediamenti come Oliveto Citra, Montecorvino Rovella e Santa Maria a Vico. Molte di queste genti furono integrate appieno nel tessuto sociale etrusco. Attorno all abitato erano situate le necropoli.

3 Il Gioiello Etrusco Per sottolineare il valore di questo patrimonio storico presente sul territorio, il Comune di Pontecagnano ha, da sempre, dedicato agli Etruschi di Frontiera una grandissima attenzione. Infatti, in collaborazione con il Museo archeologico, ha curato diverse edizioni della mostra-concorso Il Gioiello Etrusco Contemporaneo, proponendo la realizzazione in chiave moderna di gioielli ispirati al modello etrusco. Il gioiello etrusco è diventato l emblema della storia di Pontecagnano Faiano. In quelle occasioni, il Museo ha ospitato migliaia di visitatori che hanno potuto ammirare gli splendidi reperti esposti. Le necropoli Le necropoli circondavano esternamente l abitato: oltre che sul l a t o s u d - o c c i d e n t a l e, f u ro n o collocate anche sul lato meridionale e su quello orientale, in località Sant'Antonio. Nelle tombe i familiari dei defunti, oltre alle ceneri, deponevano gli oggetti più importanti appartenuti al proprio caro, oppure oggetti che rappresentavano il ruolo che egli aveva avuto nella società (guerriero, padre, madre, sacerdote, ecc.). L insieme degli oggetti presenti in una tomba costituiscono il corredo funerario. I corredi funebri riportati alla luce consistevano in vasi cinerari e oggetti di ornamento in metallo. Prima della fase orientalizzante tutti i corredi erano simili, perché tutti gli uomini avevano la stessa condizione sociale. Successivamente, dopo i cambiamenti di cui abbiamo già parlato, solo alcune famiglie cominciarono ad abbellire le loro tombe con corredi ricchissimi e sfarzosi, ostentando la loro posizione di prestigio nella società. Dalle tombe emergeva che, all interno della società si era creata una classe di uomini ricchi, i cosiddetti principi. Perciò alcune tombe avevano, al loro interno, ricchi corredi con oggetti bellici in metallo, quali spade, lance, gambali per i polpacci (schinieri). Anche la struttura esterna del sepolcro mostrava maggiore imponenza grazie all utilizzo del tufo. Fra gli oggetti ritrovati in queste tombe definite principesche, non mancano ceramiche euboiche dipinte, provenienti certamente dalle vicine Pitecusa (Ischia) e Cuma, inoltre le ceneri vengono deposte in grandi calderoni metallici. Il periodo Orientalizzante è il più significativo per Pontecagnano, proprio per la ricchezza dei materiali conservati. Due splendide tombe orientalizzanti (tombe 926 e 928), databili alla prima metà del VII secolo a.c., rinvenute nel 1966 nei pressi di piazza Risorgimento, rappresentano chiaramente tutto ciò. Si tratta di due sepolcri maschili costruiti con lastre di travertino poste verticalmente a formare un recinto rettangolare, all'interno del quale era stato ricavato, delimitando lo spazio, un loculo, ove furono collocati i beni di prestigio adeguati allo status sociale del defunto che vi era deposto. Il ricchissimo corredo - del quale fa parte anche il calderone metallico per le ceneri del defunto - comprendeva prezioso vasellame metallico da mensa, oggetti di ornamento personale (fibule in argento), utensili per la manipolazione del fuoco e la cottura delle carni (spiedi, alaci e pinze), asce in ferro, armi, ceramica. Questi utensili erano stati adagiati nella fossa-recinto. Una maggiore uguaglianza sociale sembra invece caratterizzare Pontecagnano tra gli ultimi decenni della fase Orientalizzante e l'epoca arcaica (fine del VII-VI secolo a.c.) pur non mancando esempi di ricchi complessi sepolcrali.

4 GLI ETRUSCHI in Italia Gli Etruschi I Greci li chiamavanotirreni, i Romani Tusci, essi stessi si definivano Rasenna: gli Etruschi sono stati la più importante popolazione della penisola italiana dell Età del ferro. Della loro origine non si hanno notizie certe. Gli Etruschi non costituirono mai uno Stato unitario, ma ogni città aveva un governo proprio, affidato ad un lucumone. Le città più importanti (probabilmente Arezzo, Cerveteri, Chiusi, Cortona, Orvieto, Populonia, Roselle, Tarquinia, Veio, Ve t u l o n i a, Vu l c i, Vo l t e r ra ) s i riunirono in una lega di carattere politico e militare, formando la Dodecapoli Etrusca. L economia L economia etrusca si basava sull agricoltura: coltivavano ulivi, vigne, grano; sull artigianato: lavorazioni dell oro, del bronzo, del cuoio, di tessuti di lino; e sul commercio: le loro navi mercantili si spinsero fino sulle coste dell'asia minore. Molta importanza avevano Fin dall antichità si sono scontrate tre tesi che spiegavano le origini di questo popolo in modo diverso. La tesi che prevalse a lungo è quella di Erodoto, storico greco del V secolo a. C. Secondo quanto sostiene, intorno al XII secolo a.c., una carestia colpì la Lidia, costringendo il re Ati a dividere il popolo in due gruppi: uno rimase in patria, l altro, guidato dal figlio del re Tirreno, raggiunse, dopo lunghe peregrinazioni, le coste occidentali dell Italia. Qui si sarebbero stabiliti, occupando le regioni centrali della penisola su cui fondarono numerose città. La seconda tesi è quella di Dionigi di Alicarnasso, altro storico greco vissuto a Roma nel I secolo a. C.. Dionigi sosteneva che gli Etruschi erano un popolo autoctono, appartenente al gruppo delle popolazioni italiche che avevano abitato la penisola sin dai primi insediamenti umani. La terza tesi sostiene che gli Etruschi sarebbero un popolo disceso dalle regioni alpine (Alpi Retiche) verso l'italia centrale. Questa teoria si basa sull'analogia del nome Rasenna con la popolazione alpina dei Raeti. L etruscologo Massimo Pallottino ha elaborato una nuova e più convincente tesi basandosi su un nuovo concetto di origine : per lui l origine degli Etruschi non va intesa nel senso di provenienza, ma nel senso di formazione, cioè di progressivo sviluppo della loro identità e della loro storia. Le tre tesi, secondo lo studioso italiano, possono integrarsi: egli ipotizza una mescolanza fra genti indigene, genti provenienti da settentrione e arrivi di nuclei dall'oriente, la cui fusione ha dato origine a una nuova civiltà, cioè alla civiltà del Popolo Etrusco. La religione anche i minerali di cui era ricco il sottosuolo: ferro, rame, stagno, zinco, allume per conciare e tingere le pelli. Gli Etruschi sono stati anche molto abili nelle tecniche idrauliche, finalizzate soprattutto alla creazione di canali e alla bonifica delle zone costiere paludose. Questo popolo si affacciò al sipario della storia come gente marinara: gli Etruschi furono certamente i primi ad aver organizzato una flotta mercantile, per l importazione e l esportazione, e una da guerra, che permetteva loro la supremazia sui porti e sulle coste, cosa che indubbiamente favorì la costruzione di un vero e proprio impero commerciale. Gli Etruschi hanno avuto la fama di essere stati religiosissimi, tanto che lo scrittore cristiano Arnobio definisce l Etruria generatrice e madre di tutte le superstizioni. Alla base della religione etrusca stava l idea che la natura dipendesse dalla divinità, di conseguenza ogni fenomeno naturale era un segnale inviato dalla divinità all uomo che doveva fare di tutto per capirlo e assecondarlo. E certo, comunque, che in campo religioso, i Romani devono molto agli Etruschi: molte divinità romane, infatti, corrispondono ad analoghe divinità etrusche, inoltre le pratiche del culto e i riti dei due popoli sono molto simili, con offerte votive, sacrifici di animali, feste legate alle stagioni. Il santuario più importante, venerato da tutta l Etruria, era quello di Voltumna, di cui, purtroppo, non c è rimasta traccia. Tinia: dio etrusco corrispondente al Giove romano. La triade Tinia,Teramo,Alpiu,

5 La lingua I buccheri In molti credono, ancora oggi, che la lingua etrusca sia indecifrabile e il suo significato incomprensibile. Ciò, però, non è esatto perché l alfabeto etrusco è perfettamente leggibile e, per quanto riguarda il significato dei testi, la questione se esso si capisca o non si capisca, è legata al fatto che non esistono testi bilingue che forniscano una chiave interpretativa certa. Tuttavia, non si può affermare che il significato dell etrusco sia completamente ignoto. Infatti si conoscono circa 8000 parole che, per lo più, indicano nomi propri e nomi comuni che riguardano il mondo religioso e funerario, l organizzazione politico sociale, rapporti di parentela, la misurazione del tempo e la denominazione di oggetti d uso. Ciò che è carente è la quantità di documenti scritti rinvenuti: sono solo 7500 i testi conosciuti, e sono tutti molto brevi. Gli unici più consistenti sono il Liber Linteus che contiene formule rituali, la Tegola di Capua che contiene prescrizioni religiose e le Lamine di Pyrgi che contengono delle formule liturgiche. I buccheri sono vasi o altri oggetti fatti con terra rossastra, odorosa, dove l'acqua si conserva fresca e profumata. Il termine proviene dal latino poculum, cioè coppa, attraverso lo spagnolo bucaro. Gli Etruschi produssero buccheri dal VII al V secolo a.c. I canòpi I canopi sono vasi funerari, con coperchio a forma di testa umana. Gli Etruschi vi riponevano le ceneri dei defunti. Il calendario etrusco Gli Etruschi non avevano le nostre settimane e quindi neppure il nome dei giorni. Probabilmente il giorno iniziava all'alba. L'anno invece poteva iniziare come nella Roma antica il primo giorno di marzo (cioè il nostro 15 febbraio), o qualche giorno prima, il 7 febbraio. Ci resta testimonianza del nome di otto mesi del calendario sacro. uelcitanus (lat.) = marzo. aberas (lat.) = aprile; apirase = nel mese di aprile. ampiles (lat.) = maggio; anpilie = nel mese di maggio. aclus (lat.) = giugno; acal(v)e = nel mese di giugno. traneus (lat.) = luglio. ermius (lat.) = agosto. celius (lat.) = settembre; celi = nel mese di settembre. xof(f)er(?) (lat.) = ottobre. le origini. L arte etrusca Tra le testimonianze artistiche, le più rare sono quelle architettoniche. Ciò è dovuto al fatto che gli Etruschi costruivano interamente in pietra solo le opere militari e le tombe, che per questo sono arrivate fino a noi. In tutti gli altri edifici, compresi i templi, la pietra veniva usata solo per le fondamenta, mentre per le parti più elevate usavano il legno, i mattoni e la terracotta, più soggetti a deteriorarsi col tempo. Per questo motivo, degli edifici etruschi, possediamo solo piante e basamenti. Possiamo ricavare la struttura dei templi, però, dalle riproduzioni che di essi si trovano all interno dei sepolcri. Il tempio etrusco presentava una larghezza poco inferiore alla sua lunghezza, con la parte anteriore occupata da un portico e la parte posteriore occupata da una cella, sede della divinità. Grande importanza ha l utilizzo, da parte degli Etruschi, dell arco a volta perché esso sarà fondamentale per i Romani per la costruzione delle loro monumentali opere architettoniche. La maggior parte dei reperti architettonici, comunque, è data dall'architettura funeraria. Le tombe sono di due tipi, entrambi ricavati direttamente attraverso lo scavo nella roccia: le tombe più antiche consistono in semplici pozzetti, le più moderne sono grandiose e dotate di più ambienti. Sempre le tombe, insieme ai santuari, rappresentano la nostra più ricca fonte di reperti di arti figurative, pittura e scultura. Un capolavoro scultoreo è l Apollo di Veio. Famosi per l eleganza delle forme sono i sarcofagi di Cerveteri e i canòpi di Chiusi. Per quanto riguarda la pittura, gli Etruschi produssero soprattutto affreschi murali di cui ci restano gli splendidi esempi della Tomba dei Leopardi di Tarquinia.

6 Immagini Coppia aristocratica intenta a banchettare. Particolare. Pittura murale. Tomba della Caccia e della Pesca, circa a.c. Necropoli di Monterozzi, Tarquinia Pre p a ra z i o n e d i s a c r i fi c i. Particolare. Hydria Ricci. Cerveteri, circa 520 a.c. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma. L alimentazione in Etruria Ricostruire l alimentazione etrusca non è cosa facile ma la ricerca storica, si sa, nessuno può fermarla! Infatti gli storici hanno superato la barriera innalzata dallo scorrere del tempo servendosi di diversi criteri di analisi, come lo studio dei reperti provenienti dagli scarichi degli abitati, cioè dei rifiuti di antichi pasti, oppure studiando le rappresentazioni figurative, presenti in gran numero nelle tombe. Bene, grazie a questi studi, siamo in grado di ricostruire, quasi fedelmente, l alimentazione di questo antico e affascinante popolo. L alimentazione base della popolazione era costituita da: cereali: frumento, farro, panico ed orzo, che venivano consumati anche sotto forma di farinata e di una sorta di polenta; legumi: piselli, ceci, lenticchie, cucinati in zuppe oppure, semplicemente, bolliti; carne: di pecora e capra, suina, bovina (riservata ai nobili), volatili e pollame (dal VII secolo); uova: compaiono tra le offerte funerarie di cibo a partire dal VII secolo; olio: prodotto soprattutto in Campania; vino: dal VII secolo; frutta, verdura, latticini. Curiosità Macellazione. Particolare. Hydria Ricci. Cerveteri, circa 520 a.c. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, Roma. Rappresentazione della preparazione dei cibi. Particolare, pittura murale.tomba Golini, seconda metà IV sec.a.c. Orvieto. Si narra che in Toscana i maiali venissero allevati al suono di strumenti musicali. Nel VII secolo la società etrusca subisce un mutamento. In questo periodo si crea, infatti, una classe dirigente ricca e agiata che assume comportamenti e stili di vita diversi dagli altri abitanti. Ciò si rispecchia anche nel modo di mangiare. I Principi rappresentano sé stessi come sovrani orientali: il signore, seduto su un trono dall alta spalliera, mangia ad una mensa rotonda servito e accudito da servi; a lui è concesso bere il vino all usanza greca, mescolato con acqua e temperato con spezie e formaggio grattugiato. Gli Etruschi erano maestri della produzione di legumi e cereali, grazie ai sistemi di coltivazione avanzati basati sulla rotazione delle colture che avevano introdotto. Le due pianure che dominavano all epoca, quella Padana e quella Campana, garantivano secondo Plinio la ricchezza di questo popolo. In momenti di difficoltà Roma importava cereali dall Etruria; Atene nel V secolo si approvvigionava a Spina dei prodotti dell Etruria padana, che oltre ai cereali esportava certo anche carne di maiale. Le classi colte hanno come modello il banchetto greco, con l unica differenza che a quello etrusco partecipavano anche le donne: si banchettava sdraiati su lettini (le klinai) e si utilizzava sempre più spesso ceramica importata dalla Grecia (prima da Corinto e dalla Grecia Orientale, poi da Atene). Numerose sono le rappresentazioni di banchetti, presenti soprattutto nelle pitture funerarie. I romani definivano gli etruschi schiavi del ventre, tanto che era popolare l immagine dell Etrusco obeso, ma, non si deve dimenticare che nella cultura antica l individuo grasso era colui che poteva permettersi di diventarlo, cioè era simbolo di una condizione sociale legata alla ricchezza ed al potere.

7 Cari Lettori, abbiamo realizzato questo g i o r n a l i n o s t o r i c o p e r raccontarvi tutto ciò che abbiamo imparato facendo una ricerca storica sulle origini di Pontecagnano. La nostra Pontecagnano fu fondata dagli Etruschi! Noi ci siamo inorgogliti, scoprendolo, e ne abbiamo voluto sapere sempre di più. A l l i n i z i o p e n s a v a m o d i realizzare, con tutte le notizie apprese, un cartellone, oppure una presentazione in Power Point, ma poi abbiamo pensato che un giornalino sarebbe stato più adatto a diffondere questa nostra ricerca. Secondo noi è importante che più persone comprendano l importanza storica del nostro territorio, affinché abbiano a cuore la tutela e la salvaguardia del nostro patrimonio storico culturale. Ci auguriamo che la lettura sia stata interessante e piacevole, mai noiosa. ISTITUTO COMPRENSIVO PONTECAGNANO S.ANTONIO Scuola secondaria di I grado Daniele Zoccola Con affetto i ragazzi della I B

8 ISTITUTO COMPRENSIVO PONTECAGNANO S.ANTONIO Presso questo ISTITUTO è attivo il TEST CENTER AHER0001 per conseguire le seguenti certificazioni AICA: ECDL Core, il diploma ECDL tradizionale, è uno degli standard di riferimento a livello internazionale che certifica la conoscenza dei concetti fondamentali dell informatica e la capacità di usare il PC e Internet. La Nuova ECDL, sviluppata per rispondere alle mutate condizioni della realtà tecnologica e informatica e al modo in cui interagiamo con esse. Una nuova certificazione, ma con solide radici, che offre nuovi moduli e una maggior flessibilità per favorire l apprendimento continuo. CERT-LIM Interactive Teacher è un programma di certificazione che permette attraverso un percorso di apprendimento formale istituzionalizzato di acquisire conoscenze, abilità e competenze relative all utilizzo dello strumento LIM. I nostri Plessi Plesso di Scuola secondaria di 1 Grado D. ZOCCOLA Via S. Pertini Plesso di Scuola Primaria e dell Infanzia CAMPO SPORTIVO Via Lucania Plesso di Scuola Primaria CORVINIA Via Magellano Loc. Pagliarone Plesso Scuola Primaria S. ANTONIO Via Picenza Plesso di Scuola dell Infanzia PICCIOLA Via Lago Laceno Loc. Picciola PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER E ALTRE CERTIFICAZIONI Docente Responsabile: Anna TROIANO Plesso Scuola dell Infanzia S.ANTONIO 1 Via Palinuro Istituto Comprensivo Pontecagnano S.Antonio prof.ssa Stefania Lardieri

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI

INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI INDICE INTRODUZIONE GENERALE AL LAVORO SVOLTO INTRODUZIONE AL DIBATTITO SULL ORIGINE DEGLI ETRUSCHI I NOMI DI ETRURIA E ETRUSCHI; ORIGINE DEGLI ETRUSCHI ARGOMENTI A SOSTEGNO DELLA PRIMA TEORIA STUDI RECENTI

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali

Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Testo originale Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica Italiana sull importazione e il rimpatrio di beni culturali Concluso il 20 ottobre 2006 Entrato in vigore mediante

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE

L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA L ALIMENTAZIONE, LA CUCINA E ALTRE ATTIVITÀ DOMESTICHE Le fonti letterarie conservateci che trattino

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

L OLIVO E LA SUA STORIA

L OLIVO E LA SUA STORIA L OLIVO E LA SUA STORIA L olivo è una pianta che ancora oggi è presente nelle tradizioni e nella cultura dei popoli. Fin dalla antichità ha rappresentato un simbolo di pace e di prosperità ed è stata oggetto

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

La dea Cupra. e il suo paredro

La dea Cupra. e il suo paredro Fossato di Vico 10 Settembre 2010 La dea Cupra e il suo paredro Il punto di vista della linguistica Quattro diversi tipi di dati sono collegati al nome Cupra: iscrizioni picene, umbre, latine; testimonianze

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli