All. 1 del. CdA 16/2014 QUADERNO DELLE OPERE TIPO PER IL PARCO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "All. 1 del. CdA 16/2014 QUADERNO DELLE OPERE TIPO PER IL PARCO"

Transcript

1 All. 1 del. CdA 16/2014 QUADERNO DELLE OPERE TIPO PER IL PARCO LUGLIO 2014

2 0 - PREMESSA In attesa di poter definire il Piano Attuativo del Parco e di vedere regolato da norme tecniche comuni lo sviluppo e il mantenimento del suo territorio c è la necessità di identificare regole e metodologie unificate per la realizzazione di interventi ed opere che possono essere concordate tra i comuni nell ambito dell Assemblea Consortile, come del resto avvenuto anche in passato su singoli casi o in occasione della condivisione e approvazione di strumenti programmatori o progettazioni di settore. Nel corso di questi anni, infatti, il Parco si è dotato di numerosi piani, programmi o progetti coordinati, spesso condivisi e approvati dai comuni, direttamente o per il tramite degli Organi consortili ai quali partecipano. L intento di questo documento è portare a sistema quanto già condiviso, e spesso realizzato, fornendo un supporto sia al Comitato Tecnico del Parco che ai tecnici comunali chiamati a eseguire o controllare interventi che interessano il suo territorio in modo che si possa garantire un minimo di unitarietà stilistica alla quale rapportarsi. Di seguito sono riportati schemi, descrizioni, metodologie di realizzazione, riguardanti diversi ambiti, si tratta in particolare di: 1. Percorsi e adeguamenti marciapiedi/piste ciclabili esistenti 2. Recinzioni 3. Parapetti, staccionate e dissuasori 4. Sbarre 5. Parcheggi 6. Arredi 7. Segnaletica 8. Indirizzi per la realizzazione di strade 9. Indirizzi per la realizzazione di attraversamenti stradali 10. Forestazioni 11. Filari alberati Per la maggior parte di loro viene evidenziato anche il riferimento al progetto, atto programmatorio o documento all interno dei quali le tipologie elencate sono già state indicate e condivise.

3 1. PERCORSI Percorsi con filare:

4 1.2 - Percorso con filare e arbusti Percorso con arbusti Percorso con arbusti e canale irriguo

5 1.5 - Percorso con alberi e canale irriguo

6 1.6 - Percorso con filare, arbusti e canale irriguo Adeguamento marciapiede/percorso ciclabile esistente

7 1.8 - Percorso urbano con alberi Percorso urbano

8 1.10 Percorso urbano con siepe Percorso urbano protetto da rilevato Particolare pavimentazione in calcestre (da Programma Pluriennale degli Interventi del Parco Grugnotorto Villoresi 2006)

9 Attrezzature complementari ai percorsi: - parapetti, come al punto 2; - in corrispondenza di intersezioni stradali dovranno essere predisposti elementi, dissuasori fissi o mobili (come al punto 3) o sbarre (come al punto 4) che impediscano a mezzi non autorizzati di percorrere la pista e permettano il suo utilizzo solo a biciclette e pedoni; - predisposizione dell impianto di illuminazione in ambiti urbani, e lungo i percorsi principali di collegamento, nessuna predisposizione in ambito rurale; - panchine come al punto 6.1; - tavoli, come al punto 6.2; - cestini, come al punto 6.3; - portabiciclette, come al punto 6.4; - fontanelle acqua potabile, come al punto 6.5; - bacheche, come al punto porte parco, come al punto segnaletica comportamentale e direzionale, come al punto Le attrezzature complementari possono essere metalliche, in legno (stagionato e trattato) o in plastica riciclata.

10 2. RECINZIONI (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) Paletti e rete metallica E ammesso l utilizzo di paletti e rete a maglia agricola che consenta il passaggio della fauna, (altezza minima da terra cm. 20, altezza massima recinzione m. 1,80), maglia10x10 cm, paletti in metallo o legno direttamente nel terreno, senza muretto. La recinzione non deve essere accompagnata da siepe né da altri elementi (come piante artificiali e/o teli di materia plastica) che non permettano di vedere l interno dell area recintata.

11 3. - PARAPETTI, STACCIONATE, DISSUASORI (da Programma Pluriennale degli Interventi del Parco Grugnotorto Villoresi 2006) Sono consentite le seguenti tipologie: Staccionata a croce di sant Andrea in legno altezza fuori terra 110 cm Staccionata, anche con funzione di dissuasore altezza fuori terra 30 cm. o da 50 a 80 cm.

12 3.3 - Dissuasori (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007) 4 SBARRE Sbarra in metallo (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007)

13

14 5 - PARCHEGGI (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) La realizzazione delle aree destinate a parcheggio dovrà privilegiare le superfici realizzate con materiali drenanti nonché prevedere la messa a dimora di almeno un albero ogni tre posti auto. Il tornello dell albero deve avere una dimensione minima di m. 2x2, ovvero essere piantato nell ambito di una aiuola avente le medesime dimensioni minime. 5.a - materiali: - ambito rurale: terra battuta, ghiaietto, prato armato senza uso di materiali plastici; - ambito urbano: calcestre o asfalto con cordoli in pietra naturale o cemento; 5.b - Schema di parcheggio tipo (da Programma Pluriennale degli Interventi del Parco Grugnotorto Villoresi 2006)

15 6 - ARREDI Panchine Tavoli

16 6.3 Cestini 6.4 Portabiciclette 6.5 Fontanelle acqua potabile (tipo Milano)

17 6.6. Bacheche Porte Parco

18 7 - SEGNALETICA La deliberazione di Giunta Regionale della Lombardia n. 7/7173 del 16/04/2004 ha determinato le caratteristiche della segnaletica da utilizzare nelle aree protette della Regione Lombardia. Sono di seguito riportati alcuni esempi di cartellonistica utilizzabile nel parco. Si rimanda alla lettura integrale della delibera regionale la disamina completa del tema Segnaletica tipo nel parco (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007 e da DGR n. 7/7173 del 16/04/2004)

19 7.2 Segnaletica direzionale nel parco (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007 e da DGR n. 7/7173 del 16/04/2004) 7.3 Segnaletica stradale nel parco La segnaletica delle strade interne al parco è regolata dal Codice della Strada vigente e dai suoi Regolamenti attuativi Segnaletica pubblicitaria Fino alla definizione di regolamenti o norme unificate per l intero territorio del Parco, la segnaletica pubblicitaria è regolata nell ambito dei piani di settore dei singoli comuni. 8 - INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DI STRADE NEL PARCO (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) 8.a - Le realizzazioni di nuovi tratti stradali dovranno privilegiare la messa a dimora di filari alberati secondo quanto indicato nel PPI e piantumazioni atte a mitigarne l impatto sul paesaggio. 8.b - Anche le strade esistenti devono ove possibile essere dotate di filari alberati. 8.c - Il progetto dovrà uniformarsi ai criteri e principi di moderazione del traffico per favorire la sicurezza della mobilità pedonale e ciclabile. 9 - INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) In corrispondenza delle intersezioni tra i percorsi ciclopedonali e le arterie stradali dovranno essere progettati adeguati attraversamenti ciclo-pedonali ispirati ai criteri e principi di moderazione del traffico.

20 10 FORESTAZIONI E USO DI ARBUSTI 11 SIEPI L uso delle siepi è consentito esclusivamente per finalità ambientali, paesaggistiche e di sviluppo della biodiversità, devono essere realizzate con essenze autoctone (scelte tra quelle arbustive indicate al punto n. 10), mantenendo l altezza massima a mt. 1,30.

21 12 FILARI ALBERATI

22 13. PARTICOLARE messa a dimora alberi e arbusti nelle forestazioni (10) e nei filari (12)

23 6 - ARREDI Panchine Tavoli

24 6.3 Cestini 6.4 Portabiciclette 6.5 Fontanelle acqua potabile (tipo Milano)

25 6.6. Bacheche Porte Parco

26 7 - SEGNALETICA La deliberazione di Giunta Regionale della Lombardia n. 7/7173 del 16/04/2004 ha determinato le caratteristiche della segnaletica da utilizzare nelle aree protette della Regione Lombardia. Sono di seguito riportati alcuni esempi di cartellonistica utilizzabile nel parco. Si rimanda alla lettura integrale della delibera regionale la disamina completa del tema Segnaletica tipo nel parco (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007 e da DGR n. 7/7173 del 16/04/2004)

27 7.2 Segnaletica direzionale nel parco (da progetto e realizzazione segnaletica principale del parco 2007 e da DGR n. 7/7173 del 16/04/2004) 7.3 Segnaletica stradale nel parco La segnaletica delle strade interne al parco è regolata dal Codice della Strada vigente e dai suoi Regolamenti attuativi Segnaletica pubblicitaria Fino alla definizione di regolamenti o norme unificate per l intero territorio del Parco, la segnaletica pubblicitaria è regolata nell ambito dei piani di settore dei singoli comuni. 8 - INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DI STRADE NEL PARCO (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) 8.a - Le realizzazioni di nuovi tratti stradali dovranno privilegiare la messa a dimora di filari alberati secondo quanto indicato nel PPI e piantumazioni atte a mitigarne l impatto sul paesaggio. 8.b - Anche le strade esistenti devono ove possibile essere dotate di filari alberati. 8.c - Il progetto dovrà uniformarsi ai criteri e principi di moderazione del traffico per favorire la sicurezza della mobilità pedonale e ciclabile. 9 - INDIRIZZI PER LA REALIZZAZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI (da Criteri per la revisione unificata della normativa urbanistica e delle opere tipo dei comuni del Parco Grugnotorto Villoresi ) In corrispondenza delle intersezioni tra i percorsi ciclopedonali e le arterie stradali dovranno essere progettati adeguati attraversamenti ciclo-pedonali ispirati ai criteri e principi di moderazione del traffico.

28 10 FORESTAZIONI E USO DI ARBUSTI 11 SIEPI L uso delle siepi è consentito esclusivamente per finalità ambientali, paesaggistiche e di sviluppo della biodiversità, devono essere realizzate con essenze autoctone (scelte tra quelle arbustive indicate al punto n. 10), mantenendo l altezza massima a mt. 1,30.

29 12 FILARI ALBERATI

30 13. PARTICOLARE messa a dimora alberi e arbusti nelle forestazioni (10) e nei filari (12)

DANIEL MANTOVANI ARCHITETTO

DANIEL MANTOVANI ARCHITETTO COMUNE DI FUMANE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PONTE SCRIVAN P.U.A ai sensi della L.R. 11/2004 art. 19, punto 1,lett. a) PRONTUARIO DI MITIGAZIONE AMBIENTALE Il presente prontuario ha come finalità l'individuazione

Dettagli

BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza

BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza 7 BOSCO DI CARPANEDA Un parco agro-forestale a Vicenza Descrizione Il Bosco di Carpaneda necessita di un importante azione di riqualificazione viste le potenzialità ambientali, didattiche e sportive del

Dettagli

Tipo ET3a Strada extraurbana locale di pianura

Tipo ET3a Strada extraurbana locale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso ET3a Foglio 1 di 11 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso (comunale, locale) Percorso su strada

Dettagli

VIA DE CANDIA 1. PREMESSE

VIA DE CANDIA 1. PREMESSE 1. PREMESSE VIA DE CANDIA Il presente progetto Esecutivo ha per oggetto la realizzazione di un area a priorità pedonale e l abbattimento delle barriere architettoniche lungo la via Pantaleo De Candia nel

Dettagli

Riparazione impianto irrigazione Parco Giochi e sistemazione impianto irrigazione Pinetina

Riparazione impianto irrigazione Parco Giochi e sistemazione impianto irrigazione Pinetina AMMINISTRAZIONE COMPRENSORIO CENTRO EDILNORD PRINCIPALI LAVORI ESEGUITI PERIODO APRILE 2012 APRILE 2013 Aprile 2012 Chiusura sicurezza porta laterale Parco giochi Taglio e rimozione rami pericolanti albero

Dettagli

NUOVI ITINERARI CICLOPEDONALI A CESANO BOSCONE (MI) AMBITO MUGGIANO

NUOVI ITINERARI CICLOPEDONALI A CESANO BOSCONE (MI) AMBITO MUGGIANO NUOVI ITINERARI CICLOPEDONALI A CESANO BOSCONE (MI) AMBITO MUGGIANO L'intervento rientra nel più ampio progetto delle Vie d acqua Expo 2015 di Riqualificazione e valorizzazione del paesaggio rurale, finanziato

Dettagli

ART. 1 Oggetto ed elaborati del piano ART. 2 Obiettivi del piano ART. 3 Attuazione del piano

ART. 1 Oggetto ed elaborati del piano ART. 2 Obiettivi del piano ART. 3 Attuazione del piano ART. 1 Oggetto ed elaborati del piano 1. Il piano attuativo a fini generali PFG 11, art. 43 del PRGI di Riva del Garda, ha per oggetto la riqualificazione urbanistica dell abitato di S.Tomaso con la pedonalizzazione

Dettagli

Interventi in votazione

Interventi in votazione Interventi in votazione ARREDO URBANO Portabiciclette Scuola via Mascagni (e tutte le altre scuole) 4.400,00 n 6 pz Panchine che non siano spostabili Via Sondrio (tra le piante) 1.600,00 n 10 pz Cestini

Dettagli

PROGETTO DI VARIANTE...

PROGETTO DI VARIANTE... Pag. 1 di 6 1. PREMESSA... 2 2. PROGETTO DI VARIANTE... 3 Pag. 2 di 6 1. PREMESSA Con delibera di giunta della Federazione dei Comuni del Camposampierese n. 40/2012 è stato approvato il progetto avente

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

CENTRALE AL PLIS GRUGNOTORTO VILLORESI ATTRAVERSO AREE NEL COMUNE DI DESIO

CENTRALE AL PLIS GRUGNOTORTO VILLORESI ATTRAVERSO AREE NEL COMUNE DI DESIO Comune di Desio Provincia di Monza e della Brianza PROTOCOLLO D INTESA TRA IL CONSORZIO DEL PARCO GRUGNOTORTO VILLORESI, IL COMUNE DI DESIO ED IL COMUNE DI SEREGNO PER LA CONNESSIONE DEL PLIS BRIANZA CENTRALE

Dettagli

MANUTENZIONE AREE VERDI SPAZI PUBBLICI ANNO 2015 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE

MANUTENZIONE AREE VERDI SPAZI PUBBLICI ANNO 2015 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE MANUTENZIONE AREE VERDI SPAZI PUBBLICI ANNO 2015 RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA GENERALE Tra gli obiettivi programmatici dell Amministrazione Comunale, e riportati nel triennale dei LL.PP. per gli anni

Dettagli

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA

VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA Pag. 1 di 8 totali INDICE INDICE... 1 1. VERIFICA REPERIMENTO STANDARD... 2 2. QUANTIFICAZIONE ONERI DOVUTI AL COMUNE... 4 3. DESCRIZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE E STIMA DEI COSTI DI REALIZZAZIONE... 5

Dettagli

Costo parametrico unitario (CPU) Unità di misura Quantità Totale ( ) 25,00 /m² , ,00 TOTALE ,00 PARCO EUROPA

Costo parametrico unitario (CPU) Unità di misura Quantità Totale ( ) 25,00 /m² , ,00 TOTALE ,00 PARCO EUROPA Stima parametrica dei costi diprogetto PARCO DELLE CAVE 1 Filari arborei 10,00 /m 5.800,00 58.000,00 2 Boschi 4,20 /m² 360.000,00 1.512.000,00 3 Prato 0,60 /m² 500.000,00 300.000,00 4 Percorsi 65,00 /m

Dettagli

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI Art. 1 - Requisiti tipologici delle strade urbane 1. Nella progettazione delle nuove strade, come nell adeguamento

Dettagli

Le aree per i servizi e le attrezzature collettive riguardano:

Le aree per i servizi e le attrezzature collettive riguardano: Art. 19 - Zone per i servizi e le attrezzature collettive e di interesse generale Le aree per i servizi e le attrezzature collettive riguardano: 1) zona a verde pubblico urbano, di quartiere, attrezzato

Dettagli

Spazio di uso pubblico

Spazio di uso pubblico Spazio di uso pubblico numero scheda 48K_ località Scandicci localizzazione Parco dell'acciaiolo CTR 8K quota altimetrica 4 UTOE numero Tessuti storici Tipologia Tipo num posti macchina Caratteri planivolumetrici

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI CAMPI BISENZIO PROVINCIA DI FIRENZE SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (Bozza di riferimento per le NTA da allegarsi alla convenzione) ART. 1. TIPOLOGIA DEL PIANO COMPLESSO

Dettagli

La progettazione di piste e percorsi ciclabili urbani

La progettazione di piste e percorsi ciclabili urbani fa scuola La progettazione di piste e percorsi ciclabili urbani Ing. Enrico Chiarini Consigliere nazionale e componente Gruppo Tecnico Ing. Enrico Chiarini La progettazione di piste e percorsi ciclabili

Dettagli

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI

REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI REQUISITI TECNICI E TIPOLOGICI DELLE STRADE URBANE, DEI PERCORSI PEDONALI E PISTE CICLABILI Art. 1 - Requisiti tipologici delle strade urbane 1. Nella progettazione delle nuove strade, come nell adeguamento

Dettagli

Comune di Molteno (LC) Prot. n del partenza Cat. 6 Cl. -5

Comune di Molteno (LC) Prot. n del partenza Cat. 6 Cl. -5 1 - RELAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA - CALCOLI STRUTTURALI 2 2 - RELAZIONE TECNICA DELLE OPERE ARCHITETTONICHE 2 3 ORDINE CRONOLOGICO SOMMARIO DEI LAVORI 4 4 - RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLE MATERIE 5

Dettagli

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte

NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte NOTE: Il testo evidenziato con il colore blu è stato inserito a seguito del recepimento delle osservazioni da parte della Giunta Comunale come proposto da progettista Dirigente del Settore Gestione del

Dettagli

Autostrada: Strada extraurbana principale Strada extraurbana secondaria Strada urbana di scorrimento Strada urbana di quartiere Strada locale

Autostrada: Strada extraurbana principale Strada extraurbana secondaria Strada urbana di scorrimento Strada urbana di quartiere Strada locale STRADE Il nuovo Codice della Strada (art. 2, Decreto Legislativo 30 aprile 1992, n. 285) classifica la viabilità in funzione delle caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali delle strade. Le strade

Dettagli

PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO PIAZZA ABBIATEGRASSO

PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO PIAZZA ABBIATEGRASSO PARCHEGGIO DI INTERSCAMBIO PIAZZA ABBIATEGRASSO Ing. Paola Travanini 23 giugno 2017 ITER APPROVATIVO Con la deliberazione della giunta comunale n 1173 del 06/06/2014 l Amministrazione ha dato mandato di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO E.F. CORINALDESI SENIGALLIA

ISTITUTO TECNICO E.F. CORINALDESI SENIGALLIA ISTITUTO TECNICO E.F. CORINALDESI SENIGALLIA PROGETTO OPEN TO ALL ANTROPOMETRIA E QUADRO ESIGENZIALE In particolare si possono definire cinque profili di utenza: persone con ridotta o impedita capacità

Dettagli

19 marzo 2012 IST_11_10_ELA_TE_09

19 marzo 2012 IST_11_10_ELA_TE_09 19 marzo 2012 1 Attestamento su una porta del sito di Expo 2015 Integrazione con il sistema ciclabile Via d Acqua Parco dell Expo Integrazione con il sistema ciclabile del Polo fieristico di Rho Pero Connessione

Dettagli

Tipo ET3b Strada extraurbana locale di collina

Tipo ET3b Strada extraurbana locale di collina Schede dei tipi di percorso Percorso ET3b Foglio 1 di 11 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada extraurbana di

Dettagli

Elenco Schede Tecniche Piano di Manutenzione dell Opera

Elenco Schede Tecniche Piano di Manutenzione dell Opera Elenco Schede Tecniche Piano di Manutenzione dell Opera FASI LAVORATIVE Manuale di Manutenzione Manuale d uso Programma Manutenzione Schede Edilizia Civile 61 61 61 183 Opere di Sostegno e Protezione 11

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI P R O G E T T O E S E C U T I V O

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI P R O G E T T O E S E C U T I V O OGGETTO: REALIZZAZIONE DI SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI P R O G E T T O E S E C U T I V O R E L A Z I O N E T E C N I C O I L L U S T R A T I V A Il presente documento rappresenta la relazione illustrativa

Dettagli

STUDIO PER LA MOBILITA IN SICUREZZA

STUDIO PER LA MOBILITA IN SICUREZZA Comune di Zanica (BG) STUDIO PER LA MOBILITA IN SICUREZZA Incontro 15 luglio 2016 LE FINALITÀ PERCHÈ QUESTO STUDIO? Lo Studio per la Mobilità in Sicurezza è uno strumento innovativo che accompagna la pianificazione

Dettagli

ANNI DI IMPEGNO DI RIVALTA SOSTENIBILE PER RIVALTA CENTRO E VILLAGGIO AURORA I PRINCIPALI INTERVENTI

ANNI DI IMPEGNO DI RIVALTA SOSTENIBILE PER RIVALTA CENTRO E VILLAGGIO AURORA I PRINCIPALI INTERVENTI www.rivaltasostenibile.it facebook.com/rivaltasostenibile SUPPLEMENTO RIVALTA SOSTENIBILE NEWS N.75 MAGGIO 2017 2012-2017 5 ANNI DI IMPEGNO DI RIVALTA SOSTENIBILE PER RIVALTA CENTRO E VILLAGGIO AURORA

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ CASALE DEBBA SAN PIETRO INTRIGOGNA

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ CASALE DEBBA SAN PIETRO INTRIGOGNA TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ CASALE DEBBA SAN PIETRO INTRIGOGNA INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei

Dettagli

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO

PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO PER LA PROMOZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO CITTA DI PADERNO DUGNANO Report Fase n.1 "Emersione del Bisogno" A cura di ABCittà società cooperativa sociale ONLUS Via Pinamonte

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO

LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA PARCO VILLA VISTARINO (anno 2007/2008) PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO Il Progettista Geom. Manuela Leoni Il Responsabile del Procedimento Ing. Angelo Villa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Norme tecniche per l attuazione del Piano di Lottizzazione La seguente relazione ha lo scopo di delineare le norme tecniche, per l attuazione del Piano di Lottizzazione,

Dettagli

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino COMPLETAMENTO LAVORI NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.1 RELAZIONE GENERALE

COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino COMPLETAMENTO LAVORI NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.1 RELAZIONE GENERALE COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino PROGETTO ESECUTIVO PE/A.1 Ottobre 2014 1 PREMESSA Il Comune di Rivalta di Torino, con determina del Dirigente del Settore Opere Pubbliche n 310 del 27/06/2014,

Dettagli

4) Il progetto di ampliamento degli insediamenti presenti in tessuti urbani consolidati dovrà dimostrare:

4) Il progetto di ampliamento degli insediamenti presenti in tessuti urbani consolidati dovrà dimostrare: PRONTUARIO DI ATTENZIONE AMBIENTALE Art. 35 - NORME GENERALI PER IL DISEGNO URBANO Tale P.A.A. costituisce elemento di guida, ove non vi sia presenza di elementi caratterizzanti diversi, per un corretto

Dettagli

2ANS-01. PIANO OPERATIVO COMUNALE Elaborato 4 - SCHEDE DI COMPARTO STRUTTURA INSEDIATIVA: 2 PORTA CATENA, SAN GIACOMO

2ANS-01. PIANO OPERATIVO COMUNALE Elaborato 4 - SCHEDE DI COMPARTO STRUTTURA INSEDIATIVA: 2 PORTA CATENA, SAN GIACOMO 2ANS-01 PIANO OPERATIVO COMUNALE Elaborato 4 - SCHEDE DI COMPARTO STRUTTURA INSEDIATIVA: 2 PORTA CATENA, SAN GIACOMO scheda n soggetto proponente località 2ANS-01 Parco S.r.l. Bianchi Cristina Bianchi

Dettagli

Relazione Tecnica ****(())****

Relazione Tecnica ****(())**** Relazione Tecnica ****(())**** 1. Premessa L Amministrazione Comunale di San Demetrio Corone (CS), ha affidato incarico per la progettazione definitiva, esecutiva,coordinamento della sicurezza in fase

Dettagli

Comune di Vicopisano

Comune di Vicopisano Comune di Vicopisano Provincia di Pisa COLLEGAMENTO CICLO PEDONALE VICOPISANO CAPRONA (2 E 3 LOTTO) PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GENERALE E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Pisa, gennaio 2016 Il progettista

Dettagli

INDICE 1. RELAZIONE GENERALE DATI DI PROGETTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO PROGETTAZIONE ESECUTIVA PAVIMENTAZIONE...

INDICE 1. RELAZIONE GENERALE DATI DI PROGETTO NORMATIVA DI RIFERIMENTO PROGETTAZIONE ESECUTIVA PAVIMENTAZIONE... INDICE 1. RELAZIONE GENERALE... 2 2. DATI DI PROGETTO... 2 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 4. PROGETTAZIONE ESECUTIVA... 3 5. PAVIMENTAZIONE... 3 6. SCAVI E RILEVATI... 4 7. ATTRAVERSAMENTI CICLABILI...

Dettagli

1. Premessa e Finalità progettuali Descrizione degli interventi di progetto 2

1. Premessa e Finalità progettuali Descrizione degli interventi di progetto 2 SOMMARIO 1. Premessa e Finalità progettuali 2 2. Descrizione degli interventi di progetto 2 2.1 gla.01 - Messa in ricurezza dell itinerario Giraluagune sul territorio di Cavallino-Treporti e posa di un

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ POLEGGE

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ POLEGGE TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ POLEGGE INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O LAVORI A MISURA Intervento gla.01 (SpCat 1) 1 Cartello di Fornitura e posa. 1.01 SpCat 1 - Intervento gla.01 29/06/2016 SOMMANO cadauno 300,00 300,00 2 Allestimento cantiere, perimetrazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO. ALLEGATO n. 1

ALLEGATO TECNICO. ALLEGATO n. 1 ALLEGATO n. 1 ALLEGATO TECNICO N.1 - ROTATORIA DEI COLTELLI: Manutenzione del verde ed arredo. In particolare andrà ricostruito il disegno che rappresenta i coltelli con tipologia ed i materiali esistenti.

Dettagli

PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL COMPARTO CENTRALE DI PIAZZA PARINI A NIBIONNO C. STIMA SOMMARIA OPERE DI URBANIZZAZIONE

PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL COMPARTO CENTRALE DI PIAZZA PARINI A NIBIONNO C. STIMA SOMMARIA OPERE DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI NIBIONNO PIANO INTEGRATO DI INTERVENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL COMPARTO CENTRALE DI PIAZZA PARINI A NIBIONNO C. STIMA SOMMARIA OPERE DI URBANIZZAZIONE NOVEMBRE DESCRIZIONE E STIMA COSTI -

Dettagli

COMPUTO METRICO OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PARCHI ALL INTERNO

COMPUTO METRICO OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PARCHI ALL INTERNO COMPUTO METRICO OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PARCHI ALL INTERNO DEL COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI IN SOSTITUZIONE DELLA REALIZZAZIONE DEL PARCO PUBBLICO ATTREZZATO DELLA SCHEDA DI PIANO S6 ( comprensivo

Dettagli

I N D I C E. 1 Fasi di lavoro 1. 2 Cronoprogramma 3

I N D I C E. 1 Fasi di lavoro 1. 2 Cronoprogramma 3 I N D I C E 1 Fasi di lavoro 1 2 Cronoprogramma 3 1 Fasi di lavoro L elenco delle varie fasi di lavoro, al fine di realizzare l opera in sicurezza e secondo un organizzazione ottimale, è il seguente: 1

Dettagli

ALLEGATO C VERDE PUBBLICO: Relazione tecnica

ALLEGATO C VERDE PUBBLICO: Relazione tecnica A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

COMUNE DI NOVA MILANESE

COMUNE DI NOVA MILANESE COMUNE DI NOVA MILANESE OPERE DI URBANIZZAZIONE PER IL NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE DENOMINATO NI.4. SITO TRA LE VIE MANZONI, MONTALE E MONTE GRAPPA. PROGETTO RELAZIONE GENERALE TECNICA E SPECIALISTICA

Dettagli

PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI

PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI LA VARIANTE AL PGT DI MONZA Innovazione nei processi di pianificazione integrata alla scala comunale PRINCIPALI NOVITA DI PIANO DELLE REGOLE E PIANO DEI SERVIZI Arch. Giuseppe Riva dirigente Settore Governo

Dettagli

1.1. La Variante al Piano di Lottizzazione Maglia 18, è compresa e indicata nei seguenti elaborati scritto-grafici

1.1. La Variante al Piano di Lottizzazione Maglia 18, è compresa e indicata nei seguenti elaborati scritto-grafici Variante al P. di L. Maglia 18 NTA Art.1. Norme Generali 1.1. La Variante al Piano di Lottizzazione Maglia 18, è compresa e indicata nei seguenti elaborati scritto-grafici Tav. 1 Stralcio catastale Tav.

Dettagli

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte

- Funzioni principali H1 Funzioni ricettive Funzioni direzionali tutte Art. 54 - Ambito di completamento 1 Via Milano Ambito di completamento Area di localizzazione dell edificazione Area verde in cessione Area verde privato a. Obiettivi di progetto Obiettivo generale d intervento

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a Progettista Committente Progetto Sede operativa: Via Massimo d'azeglio, 23 25128 Brescia T. +39

Dettagli

ESPLORIAMO IL PARCO GUIDO VERGANI ESPLORIAMO IL PARCO

ESPLORIAMO IL PARCO GUIDO VERGANI ESPLORIAMO IL PARCO ESPLORIAMO IL PARCO GUIDO VERGANI ESPLORIAMO IL PARCO IL PAESAGGIO ESTERNO E IL PAESAGGIO DENTRO DI ME: IL PICCOLO GRANDE STUDENTE ESPLORATORE DI SE STESSO E DEL MONDO Ingresso del parco Mappa del parco

Dettagli

1 Rondò Strada Provinciale 18 Via S Agata Campagnatico

1 Rondò Strada Provinciale 18 Via S Agata Campagnatico 1 Rondò Strada Provinciale 18 Via S Agata Campagnatico Descrizione: area circolare con piante ornamentali (sup mq 32) Norme e/o prescrizioni: Codice della Strada, vietata modifica segnaletica; Prestazioni

Dettagli

PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE CONTRATTI DI QUARTIERE III RIQUALIFICAZIONE URBANA AREE EX FNM

PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE CONTRATTI DI QUARTIERE III RIQUALIFICAZIONE URBANA AREE EX FNM PROGRAMMA DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE CONTRATTI DI QUARTIERE III RIQUALIFICAZIONE URBANA AREE EX FNM DENOMINAZIONE INTERVENTI Intervento n. 1 : RISANAMENTO CONSERVATIVO

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO COMUNE DI CERNUSCO SUL NAVIGLIO PIANO-PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE, TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AREA CONNESSA ALLA VILLA ALARI IN CERNUSCO SUL NAVIGLIO E ALLA PORZIONE DI TERRITORIO AGRICOLO A SUD DEL

Dettagli

PAVIMENTAZIONI STRADALI E CEMENTATE, OPERE DI COMPLETAMENTO E SISTEMAZIONI A VERDE RELAZIONE TECNICA

PAVIMENTAZIONI STRADALI E CEMENTATE, OPERE DI COMPLETAMENTO E SISTEMAZIONI A VERDE RELAZIONE TECNICA PAVIMENTAZIONI STRADALI E CEMENTATE, OPERE DI COMPLETAMENTO E SISTEMAZIONI A VERDE RELAZIONE TECNICA 1. PREMESSA La presente relazione viene redatta in riferimento al progetto definitivo-esecutivo di realizzazione

Dettagli

AMBITO DELL'INTERVENTO

AMBITO DELL'INTERVENTO RELAZIONE TECNICA PREMESSA La presente relazione vuole evidenziare alcuni interventi a favore della sicurezza stradale da adottarsi nell ambito urbano dell abitato della Frazione di Santa Croce del Comune

Dettagli

Deliberazione Giunta Comunale n. 54 del 22/10/2013: APPROVAZIONE ISTANZA CONTRIBUTO

Deliberazione Giunta Comunale n. 54 del 22/10/2013: APPROVAZIONE ISTANZA CONTRIBUTO N. prog. data 1 29/08/13 14010 2 22/10/13 53 N. rif Tipo documento o intervento Convenzione stipulata tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e ANCI in data 29.08.2013 prot. n. 14010 ai sensi

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) RELAZIONE ILLUSTRATIVA

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) RELAZIONE ILLUSTRATIVA CAPO I - ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO DI VARIANTE I.1. - Inquadramento territoriale Il presente progetto è riferito ad una variante ad un progetto urbanistico approvato e relativo ad un area situata in località

Dettagli

Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante

Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante Premessa Con Deliberazione del Consiglio Comunale del 31 marzo 2009, n. 24 è stata approvata la Variante al Piano Regolatore Generale Comunale (PRGC) che ha destinato il lotto compreso tra via Asiago,

Dettagli

SPONSORIZZAZIONE AREE VERDI DI PROPRIETA COMUNALE PROGRAMMA MANUTENTIVO DELLE AREE VERDI

SPONSORIZZAZIONE AREE VERDI DI PROPRIETA COMUNALE PROGRAMMA MANUTENTIVO DELLE AREE VERDI ALLEGATO D COMUNE DI FORNOVO DI TARO Provincia di Parma SPONSORIZZAZIONE AREE VERDI DI PROPRIETA COMUNALE PROGRAMMA MANUTENTIVO DELLE AREE VERDI SOMMARIO PREMESSA... 3 INFORMAZIONI TECNICHE PER MANUTENZIONE

Dettagli

1. AREA PERGOLA - PARCO BASSO

1. AREA PERGOLA - PARCO BASSO RELAZIONE GENERALE PREMESSA Il progetto in oggetto ha come obiettivo principale il completamento dello spazio degli orti, denominati nella toponomastica dei giardini Potager Royal. L'area in oggetto, situata

Dettagli

Progetto Città Sicure Corso di formazione sulla Sicurezza Stradale per tecnici dell Amministrazione

Progetto Città Sicure Corso di formazione sulla Sicurezza Stradale per tecnici dell Amministrazione Progetto Città Sicure Corso di formazione sulla Sicurezza Stradale per tecnici dell Amministrazione Piani di dettaglio del traffico urbano e piani di intervento per la sicurezza stradale urbana Contenuti

Dettagli

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

COMUNE DI MODENA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO COMUNE DI MODENA 2003DI INTERVENTO PROGRAMMA INTEGRATO Tav. N PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO VIA EMILIA EST PEEP N 9 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E PREVISIONE DI SPESA Adottato con Del. di C.C. n. 71 del

Dettagli

Bando Sponsorizzazioni

Bando Sponsorizzazioni Bando Sponsorizzazioni Municipio II Centro Ovest Area Giardini P.za Acquaverde- Via Arsenale di Terra Importo 17.000,00 Giardini Caduti L. Nazisti 5.850,00 Piazza Barabino 6.500,00 Via Di Francia A+B (Valutazione

Dettagli

L'accesso è libero tanto agli Enti pubblici che ai privati, con un aiuto, a seconda dei casi, che varia fra l'80% ed il 100 %.

L'accesso è libero tanto agli Enti pubblici che ai privati, con un aiuto, a seconda dei casi, che varia fra l'80% ed il 100 %. Con la presente comunico, sperando di fare cosa gradita, che da parte della Regione Liguria è stato dato avvio alle procedure di presentazione delle domande di aiuto e pagamento relative alla Misura 216

Dettagli

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN PIO X

TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN PIO X TANTI QUARTIERI, UNA CITTÀ SAN PIO X INDICAZIONI UTILI PER LA LETTURA DELLE SCHEDE La scheda è divisa in due parti. Nella prima parte sono elencati gli interventi realizzati nei quartieri interessati tra

Dettagli

Progetto per la riqualificazione e /o messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola sviluppati attraverso metodologie educative e

Progetto per la riqualificazione e /o messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola sviluppati attraverso metodologie educative e Progetto per la riqualificazione e /o messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola sviluppati attraverso metodologie educative e partecipative SOLUZIONI PROGETTUALI PER LA SICUREZZA IN AMBITO

Dettagli

Scheda A2_ Elemento separatore

Scheda A2_ Elemento separatore Scheda A2_ Elemento separatore Scheda A2_Itinerari principali in sede propria Elemento separatore in relazione alla classificazione della strada alla quale l itinerario viene posto in affiancamento Caratteristiche

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELLE OPERE ESTERNE (STRALCIO ROTATORIA INTERSEZIONE VIA MONTI VIA CEOLOTTO VIA MARTIRI DELLE FOIBE E VIA PINDEMONTE)

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELLE OPERE ESTERNE (STRALCIO ROTATORIA INTERSEZIONE VIA MONTI VIA CEOLOTTO VIA MARTIRI DELLE FOIBE E VIA PINDEMONTE) Oggetto: Progetto delle opere di urbanizzazione relative ad un Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) di un area in località Lido di Jesolo, identificata dal P.R.G vigente come zona di obbligo di progettazione

Dettagli

SITUAZIONE INTERMEDIA

SITUAZIONE INTERMEDIA SITUAZIONE ESISTENTE Elaborato adottato. Relazione Tecnica Piano Generale del Traffico Urbano Punto 4.3.2 4.3.2. Nuovi percorsi per la mobilità ciclo-pedonale Per quanto riguarda la realizzazione di percorsi

Dettagli

PROGETTO PER LA LOTTIZZAZIONE DI UN AREA DI TERRENO RICADENTE NELLA ZONIZZAZIONE ART. 17B - ZONE RESIDENZIALI DI ESPANSIONE C2

PROGETTO PER LA LOTTIZZAZIONE DI UN AREA DI TERRENO RICADENTE NELLA ZONIZZAZIONE ART. 17B - ZONE RESIDENZIALI DI ESPANSIONE C2 PROGETTO PER LA LOTTIZZAZIONE DI UN AREA DI TERRENO RICADENTE NELLA ZONIZZAZIONE ART. 17B - ZONE RESIDENZIALI DI ESPANSIONE C2 COMPARTO 3, RIPORTATA NELLA VARIANTE URBANISTICA DEL PRG DEL COMUNE DI ALIFE.

Dettagli

Città di Santarcangelo di Romagna LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA PISTA CICLABILE LUNGO LA VIA S. VITO NEL COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Città di Santarcangelo di Romagna LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA PISTA CICLABILE LUNGO LA VIA S. VITO NEL COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA Città di Santarcangelo di Romagna Provincia di Rimini Settore Territorio - Servizio Lavori Pubblici LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA PISTA CICLABILE LUNGO LA VIA S. VITO NEL COMUNE DI SANTARCANGELO DI ROMAGNA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA QUADRO ECONOMICO e CRONOPROGRAMMA

RELAZIONE TECNICA QUADRO ECONOMICO e CRONOPROGRAMMA Consorzio Nord Milano Servizio Sviluppo Via Clerici, 150 20099 - Sesto San Giovanni (MI) Tel.: 022410161 - Fax: 02241016220 E_mail: progetti@cert.parconord.milano.it AMPLIAMENTO CICLABILI RETE MIBICI DEL

Dettagli

STATO DI CONSISTENZA INIZIALE E MANUTENZIONE MINIMA

STATO DI CONSISTENZA INIZIALE E MANUTENZIONE MINIMA Comune di Oristano Comuni de Aristanis Servizio Ambiente STATO DI CONSISTENZA INIZIALE E MANUTENZIONE MINIMA RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE AREE VERDI ATTRAVERSO LA CONCESSIONE A SOGGETTI PRIVATI

Dettagli

Centro Est Aree di interesse cittadino e/o di pregio

Centro Est Aree di interesse cittadino e/o di pregio Centro Est Aree di interesse cittadino e/o di pregio Area Importo Largo Pertini 3.500,00 Via Roma 5.000,00 Giardini Giov. Paolo II 35.000,00 Aiuole Giardini F.lli Mameli 11.000,00 Piazza Manin 22.000,00

Dettagli

CICLABILI 19 Scavo e pavimentazione in triplo strato ,00

CICLABILI 19 Scavo e pavimentazione in triplo strato ,00 OPERE STRADALI 1 Fresatura di massicciata stradale fino a circa 5 cm. 2 Scavo di sbancamento 3 Massicciata stradale in misto stabilizzato 0 70 4 Massicciata stradale con inerte riciclato e macinato 5 Misto

Dettagli

Tipologia delle piste ciclabili e scelte progettuali

Tipologia delle piste ciclabili e scelte progettuali COMUNE DI BRESCIA Tipologia delle piste ciclabili e scelte progettuali Il presente documento è come detto in premessa, indicativo nelle linee guida e non prescrittivo. Tutto è infatti finalizzato a garantire

Dettagli

Bando Sponsorizzazioni

Bando Sponsorizzazioni Bando Sponsorizzazioni Municipio VII Ponente Area Importo Piazza Ponchielli 4.000,00 Lungomare di Pegli 31.000,00 Giardini Piazza Odicini 5.900,00 Giardini Piazza Lerda 2.900,00 Giardini Dapelo (fascia

Dettagli

Bando Sponsorizzazioni

Bando Sponsorizzazioni Bando Sponsorizzazioni Municipio VII Ponente Area Importo Piazza Ponchielli 4.000,00 Lungomare di Pegli 31.000,00 Giardini Piazza Odicini 5.900,00 Giardini Piazza Lerda 2.900,00 Giardini Dapelo (fascia

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DELLA VIABILITA' IN CORRISPONDENZA DELLA ROTATORIA "PICCHI"

RIORGANIZZAZIONE DELLA VIABILITA' IN CORRISPONDENZA DELLA ROTATORIA PICCHI REGIONE DEL VENETO COMUNE DI JESOLO RIORGANIZZAZIONE DELLA VIABILITA' IN CORRISPONDENZA DELLA ROTATORIA "PICCHI" INDICE 1. RELAZIONE... 2 1.1 DESCRIZIONE DELL'INTERVENTO... 2 1.2 INTERFERENZA CON ESSENZE

Dettagli

Bando Sponsorizzazioni

Bando Sponsorizzazioni Bando Sponsorizzazioni Municipio IV Media Val Bisagno PARTE I Area Importo Controviale via Bobbio 5.200,00 Aiuole spartitraffico C.so De Stefanis 9.500,00 Rotonda Piazzale Marassi 500,00 Giardini Fossato

Dettagli

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP).

2. VINCOLI E PIANI SOPRAORDINATI L area è compresa nella zona di tutela dei corpi idrici superficiali e sotterranei.(art. 23 del PTCP). Var. 89 Scheda norma B 24 Rossi e Catelli ex As2 (Tav. P.R.G.29). PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L'area di intervento è posta a sud ovest della città. A nord è

Dettagli

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio

Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Area Tecnica e Sviluppo del Territorio Via Dante 21, Robecco sul Naviglio (Mi) Allegato B alle disposizioni attuative del Piano delle regole del Piano di governo del territorio Criteri d intervento relativi

Dettagli

PIANO DELLA QUALITA URBANA e allegati: 1- Abaco degli arredi e sistemi verdi 2- Manuale Raggi Verdi

PIANO DELLA QUALITA URBANA e allegati: 1- Abaco degli arredi e sistemi verdi 2- Manuale Raggi Verdi PIANO DELLA QUALITA URBANA e allegati: 1- Abaco degli arredi e sistemi verdi 2- Manuale Raggi Verdi Arch. Flora Vallone Direttore Settore Arredo Verde e Qualità Urbana Comune di Milano 1 Giunta Comunale

Dettagli

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO " COSTA DEI CAFARI "

PIANO URBANISTICO ESECUTIVO  COSTA DEI CAFARI COMUNE DI NARDO' provincia di LECCE PIANO URBANISTICO ESECUTIVO " COSTA DEI CAFARI " (L.reg. 27/07/2001 N.20 ) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PROPRIETA': comparto DEI COMPARTI N. 78 E 79 DEL P.R.G. ADEGUATO

Dettagli

STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE

STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE STIMA PARAMETRICA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA COMPARTO P11-EX AREE FERROVIARIE-BORGO VERDE La stima dei costi è stata dedotta da interventi analoghi realizzati ed è comprensiva dei costi dei lavori

Dettagli

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive

Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive All. lettera A) Comune di Monteriggioni Provincia di Siena Area Assetto del Territorio ed Attività Produttive RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (redatta ai sensi dell art. 18 della L.R. 10 novembre

Dettagli

DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 100 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 2009, n. ALLEGATO "A" Comune di Ortona Provincia di Chieti DIAGRAMMA DI GANTT cronoprogramma dei lavori (Allegato XV e art. 00 del D.Lgs. 9 aprile 008, n. 8 e s.m.i.) (D.Lgs. 3 agosto 009, n. 06) OGGETTO: Completamento

Dettagli

RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE

RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE RETI ECOLOGICHE e TUTELE NATURALISTICHE E PAESAGGISTICHE OBIETTIVO DEL PTCP: COORDINAMENTO e INTEGRAZIONE di diverse politiche e normative volte alla conservazione, tutela e valorizzazione della biodiversità,

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI 1. Orientamento dell edificio Gli edifici di nuova costruzione devono essere posizionati con l asse longitudinale principale

Dettagli

Ri-ciclare metropolitano. Mobilità lenta sulla Riviera del Brenta

Ri-ciclare metropolitano. Mobilità lenta sulla Riviera del Brenta 84 TERRITORIO PER AZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DICEA (DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE) Francesca Fabris, Lucia Mosca, Claudia Valotto, Stefano Zani Sopra: la tavola del

Dettagli

;%>A>R L>&2$ C8DEEFD!DGGH8D C>L. * #$AA>!B>AA$!#$A!C2%25( O$''>IA2!#2!P&(I$''(!$!(P$&$!'2P( MN>#$&5( INDICE

;%>A>R L>&2$ C8DEEFD!DGGH8D C>L. * #$AA>!B>AA$!#$A!C2%25( O$''>IA2!#2!P&(I$''(!$!(P$&$!'2P( MN>#$&5( INDICE 6>&%(!?(4@>&#( #$AA>!B>AA$!#$A!C%5( D@@>'$I&>KK(Q!S(&4(5#(Q!7TT$&(Q!BI$L>5(!"#$%&$'(!)*+!,-./.01-*!&3$&4$5'(!678!9:;8!01-4$5'(!'&>!AJD@@>'$5K$!$!BI$L>5( MN>#$&5( O$''>IA!#!P&(I$''(!$!(P$&$!'P(

Dettagli

semestre IN ATTESA OBIETTIVO RAGGIUNTO IN ATTESA IN ATTESA STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI DATA E DESCRIZIONE SEGNALAZIONE FOTO

semestre IN ATTESA OBIETTIVO RAGGIUNTO IN ATTESA IN ATTESA STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI DATA E DESCRIZIONE SEGNALAZIONE FOTO PIAZZALE E VIA DEL SANTUARIO Anno 2010_Richiesta sistemazione piazzale, per migliore utilizzo e abbellimento estetico dell area, presentata bozza di proposta, gentilmente preparata da geometra Gianpietro

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA COMUNE DI AYAS STUDIO DI FATTIBILITA' PER MODIFICHE ALLA VIABILITA' IN LOCALITA' CHAMPOLUC

PROGETTO PRELIMINARE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA COMUNE DI AYAS STUDIO DI FATTIBILITA' PER MODIFICHE ALLA VIABILITA' IN LOCALITA' CHAMPOLUC modello: TARGHETTA ENTI PUBBLICI PROGETTO PRELIMINARE Studio con sistema di qualità certificato ISO 9001 REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA COMUNE DI AYAS STUDIO DI FATTIBILITA' PER MODIFICHE ALLA VIABILITA'

Dettagli

Scheda B8_Itinerari secondari

Scheda B8_Itinerari secondari Intersezioni semaforizzate, non semaforizzate e con rotatoria La sicurezza reale e percepita di un percorso ciclabile è data da numerosi accorgimenti, il più importante è il rispetto della visuale reciproca

Dettagli