D07_REL_RETI_INTERF_ALLACC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D07_REL_RETI_INTERF_ALLACC"

Transcript

1 Progettisti: Resp. del progetto - Prog. arch. e coordinam. Von Gerkan, Marg und Partner - gmp GmbH Arch. Volkwin Marg Progettazione strutture Werner Sobek Stuttgart GmbH e Co. Ing. Michael Duder Progettazione impianti Studio TI Soc. Cooperativa Ing. Ennio Menotti Progettazione del verde LAND Milano srl Arch. Andreas Kipar Geologo Dott. Aldo Antoniazzi Coordinam. operativo Arch. Clemens Kusch PROGETTO DEFINITIVO - 1 LOTTO RELAZIONE RETI IMPIANTI INTERNI ALL AREA - INTERFERENZE ED ALLACCIAMENTI D07_REL_RETI_INTERF_ALLACC D.07

2 REGIONE EMILIA ROMAGNA Tecnopolo di Bologna FASE 1 R E L A Z I ONE RETI IMPIANTI INTERNI ALL AREA INTERFERENZE ED ALLACCIAMENTI Aprile 2015

3 INDICE 1 PREMESSA 4 2 IMPIANTI ELETTRICI NORMATIVA DI RIFERIMENTO Norme di carattere generale Norme per impianti di illuminazione Norme per ambienti di lavoro o assimilabili Norme impianti per superamento barriere architettoniche Norme impianti telefonici e dati a larga banda in fibra ottica RETE ENEL Stima potenze elettriche edifici area ex-manifattura Caratteristiche fornitura di energia e connessione alla rete MT Enel Prescrizioni e vincoli Autorità per l energia Ipotesi Forniture di energia elettrica Assetto cabine ENEL Caratteristiche cavidotti Caratteristiche Cabine Interferenze Cabine Enel Impianti via della Manifattura RETI DI TELECOMUNICAZIONE Predisposizione reti all interno dell area di intervento Rete Lepida Punto di allacciamento Predisposizioni Rete Telecom Punto di allacciamento Rete Acantho Punto di allacciamento Caratteristiche cavidotti Canalizzazioni per fibra ottica Canalizzazioni principali servizi telefonici Pozzetti di linea Chiusini di ghisa Interferenze IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Interferenze Predisposizioni 16 3 IMPIANTI IDRICI E GAS METANO RETE IDRICA Allacciamenti Interferenze RETE FOGNARIA Allacciamenti Acque nere Acque bianche Interferenze Acque nere 19 D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 2 D I 2 0

4 Acque bianche RETE GAS METANO Allacciamenti Interferenze 20 D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 3 D I 2 0

5 1 PREMESSA Oggetto del presente intervento è la esecuzione delle opere relative alla 1 fase di realizzazione del Tecnopolo di Bologna. L area di intervento è quella della ex manifattura tabacchi ed è compresa tra via della Manifattura, via Ferrarese, via Stalingrado e la linea ferroviaria. Nella prima fase è prevista la realizzazione dei nuovi edifici F1 ed F2, la ristrutturazione dell edificio C1, la nuova centrale tecnologica ed il tratto di tunnel tecnologico per il collegamento delle reti dalla centrale ai nuovi edifici. Nella prima fase è inoltre prevista la realizzazione della nuova cabina Enel di via della Manifattura, le centrali per i gas tecnici e la sistemazione delle aree esterne comprese nell area di intervento. Nella presente relazione vengono descritte le rete impiantistiche esterne previste a servizio dell area, i punti di allaccio con le reti pubbliche e le interferenze impiantistiche rilevate. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 4 D I 2 0

6 2 IMPIANTI ELETTRICI L'impostazione generale della progettazione degli impianti elettrici ed affini è stata rivolta al raggiungimento di un sistema tecnologico generale di estrema affidabilità e funzionalità. Particolare importanza è stata data alla componente della funzionalità di tutte le tipologie impiantistiche proposte che a nostro avviso, suffragato dall'esperienza maturata nella progettazione e realizzazione di altre opere, devono anche essere tecnologicamente flessibili per potersi adattare al continuo evolversi delle moderne esigenze. Per l alimentazione elettrica del Tecnopolo e per il collegamento dei servizi di telecomunicazioni, si prevede il collegamento alle seguenti reti: - Rete Enel di media tensione e di bassa tensione; - Rete in fibra ottica Lepida; - Rete Telecom (predisposizione); - Rete Acantho (predisposizione); Nella fase 1, a meno di alcuni punti di interferenza meglio descritti nel seguito, si prevede di intervenire solo su aree private di proprietà della Regione Emilia Romagna e pertanto non verranno realizzati impianti di pubblica illuminazione. Nei paragrafi successivi verranno descritte le principali scelte progettuali per la realizzazione delle reti di distribuzione interna dell energia elettrica e dei servizi di telecomunicazioni, i punti di allaccio con le reti pubbliche e le interferenze impiantistiche. 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Gli impianti elettrici ed affini di seguito più dettagliatamente descritti, da realizzare al servizio degli edifici previsti per la fase 1, saranno realizzati allo scopo di ottenere le migliori condizioni d utilizzo e sicurezza, nel pieno rispetto delle vigenti leggi, normative, e disposizioni particolari degli Enti competenti per Zona e Settore Impiantistico, di cui di seguito si riportano le principali: Norme di carattere generale Norma CEI 3-23 Segni grafici per schemi e piani di installazione architettonici e topografici Norma CEI 99-2 Impianti elettrici con tensione superiore a 1kV in corrente alternata Norma CEI 99-3 Messa a terra degli impianti elettrici a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI 17-13/1 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 1: prescrizioni per apparecchiature di serie (AS) e non di serie (ANS). Norma CEI 17-13/2 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 2: prescrizioni particolari per i condotti sbarre. Norma CEI 17-13/3 Apparecchiature assiemate di protezione e di manovra per bassa tensione (quadri BT). Parte 3: prescrizioni particolari per apparecchiature assiemate di protezione e di manovra destinate ad essere installate in luoghi dove personale non addestrato ha accesso al loro uso. Quadri di distribuzione (ASD). Norma CEI-UNEL 35024/1 Cavi elettrici isolati con materiale elastomerico o termoplastico per tensioni nominali non superiori a 1000V in corrente alternata ed a 1500V in corrente continua. Portate di corrente in regime permanente per posa in aria. Norma CEI Prova dei cavi non propaganti l incendio D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 5 D I 2 0

7 Norma CEI 23-3 Interruttori automatici di sovracorrente per usi domestici e similari per tensione nominale superiore a 415 V in corrente alternata; Norma CEI Tubi protettivi pieghevoli autorinvenenti di materiale termoplastico non autoestinguenti; Norma CEI Prescrizioni per la realizzazione, le verifiche e le prove dei quadri di distribuzione per installazioni fisse per uso domestico e similare; Norma CEI Apparecchi d illuminazione. Parte 2A: requisiti particolari. Apparecchi per illuminazione di emergenza; Norme CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata, e a 1500 V in corrente continua; Norma CEI Guida per l esecuzione dell impianto di terra negli edifici per uso residenziale e terziario. Norma CEI Edilizia residenziale. Guida per l integrazione nell edificio degli impianti elettrici utilizzatori, ausiliari e telefonici Norma CEI 81-10/1 Protezione contro i fulmini. Parte 1: Principi generali Norma CEI 81-10/2 Protezione contro i fulmini. Parte 2: Valutazione del rischio Norma CEI 81-10/3 Protezione contro i fulmini. Parte 3: Danno materiale alle strutture e pericolo per le persone Norma CEI 81-10/4 Protezione contro i fulmini. Parte 4: Impianti elettrici ed elettronici nelle strutture Norma CEI 81-3 Valori medi del numero dei fulmini a terra per anno e per chilometro quadrato dei comuni di Italia, in ordine alfabetico- Elenco dei Comuni D.P.R. n 1497 del 29 /05/1963: approvazione del regolamento per gli ascensori ed i montacarichi in servizio privato Legge n 186 del Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, impianti elettrici a regola d arte; Legge n 791 del Attuazione delle direttive del Consiglio delle Comunità Europee relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro alcuni limiti di tensione D.M. 37 del 22 gennaio Norme per la sicurezza degli impianti; Ufficio VV.F. Disposizioni particolari; Ufficio ENEL Disposizioni particolari; Ufficio Ufficio LEPIDA TELECOM Disposizioni particolari; Disposizioni particolari; Norme per impianti di illuminazione NORME GENERALI C.I.E. Raccomandazioni CIE (Commission Internationale de l Eclairage) Norma CEI Apparecchi di illuminazione Parte 1: Prescrizioni generali e prove NORME PER IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE ESTERNA Norma CEI 64-7 Impianti elettrici di illuminazione pubblica. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 6 D I 2 0

8 Deliberazione 113/2003 Norme in materia di riduzione dell inquinamento luminoso e di Legislativa risparmio energetico 24 Settembre 2003 Norma Luce e illuminazione Impianti di illuminazione esterne Requisiti per la limitazione della dispersione verso l alto del flusso luminoso Norma UNI EN 40-1 Pali per illuminazione Termini e definizioni Norma UNI EN 40-2 Pali per illuminazione pubblica Parte 2: Requisiti generali e dimensioni Norma UNI EN Pali per illuminazione pubblica Progettazione e verifica verifica tramite prova Norma UNI EN Pali per illuminazione pubblica Progettazione e verifica verifica tramite prova Norma UNI EN Pali per illuminazione pubblica Progettazione e verifica verifica mediante calcolo Norma UNI EN 40-5 Pali per illuminazione pubblica Specifiche per pali per illuminazioni pubblica di acciaio Norma UNI Requisiti illuminotecnici delle strade con traffico motorizzato Norma UNI Illuminazione stradale Parte 2: Requisiti prestazionali Norma UNI Illuminazione stradale Parte 3: Calcolo delle prestazioni Norma UNI Illuminazione stradale Parte 4: Metodi di misurazione delle prestazioni fotometriche Norma CEI Apparecchi di illuminazione Parte 2-3: Prescrizioni particolari Apparecchi per illuminazione stradale Norme per ambienti di lavoro o assimilabili D.P.R. n 547 del 27 aprile Norme per la pre venzione di infortuni sul lavoro; D.Lgs. n 626 del 19 settembre Attuazione de lle direttive CEE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro Norme impianti per superamento barriere architettoniche Legge n 13 del 9/01/89 e D.M. 14/6/89, n 236: Disposizioni pe r favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati; D.P.R. n 503 del 24/7/96: Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Norme impianti telefonici e dati a larga banda in fibra ottica Ufficio Lepida Prescrizioni particolari; Ufficio Telecom Prescrizioni particolari; Ufficio Acantho Prescrizioni particolari; 2.2 RETE ENEL Il progetto prevede di realizzare una nuova centrale tecnologica autonoma a servizio di tutto il Tecnopolo per la produzione dell energia termo-frigorifera associata alla produzione di energia elettrica da cogenerazione. All interno della centrale si è previsto di predisporre il punto di connessione alla rete D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 7 D I 2 0

9 di media tensione per l alimentazione dell intero Tecnopolo (ad esclusione delle attività commerciali per le quali si prevedono punti di connessione indipendenti). La rete MT interna del tencopolo sarà dotata di un alimentazione di riserva da gruppi elettrogeni installati sempre nei locali della centrale tecnologica Stima potenze elettriche edifici area ex-manifattura La stima preliminare dei carichi, eseguita su una parametrizzazione per ogni macro destinazione d uso ed in funzione delle specifiche richieste dei singoli enti prevede i seguenti fabbisogni in termini di potenze installate. Superficie lorda Potenza prevista Lotto di Denominazione indicativa m² kw intervento C1 Edificio Lavorazioni Lotto 1 F1 Edificio nuovo Lotto 1 F2 Edificio nuovo Lotto 1 L Edificio officine Lotto Lepida CT Centrale tecnologica Lotto 1 (Parziale) D Edificio Nuovo Lotto 2 E Edificio Nuovo Lotto 2 A Edificio Ballette Futuro B Edificio Botti Futuro C2 Edificio officine Futuro C3 Edificio Nuovo Futuro F3 Edificio nuovo Futuro G1 Edificio nuovo Futuro G2 Edificio nuovo Futuro Considerando un coefficiente medio di utilizzo del singolo fabbricato pari all 80% ed una contemporaneità generale delle attività pari a circa 80%, si è stimato pertanto che il fabbisogno in termini di potenza elettrica per l intera area del Tecnopolo sia di circa 9MW Caratteristiche fornitura di energia e connessione alla rete MT Enel La costituzione di un SEU introduce la necessità tecnica ed economica, di avere un unica fornitura di energia in media tensione (da richiedere al gestore di rete) utilizzata in maniera sinergica sia per alimentare le utenze del Tecnopolo sia per alimentare le utenze della ESCO. Adottando questa soluzione impiantistica, l energia elettrica prodotta dalla ESCO (con impianti di cogenerazione e fotovoltaici), potrà essere utilizzata sia per alimentare le utenze di centrale (ESCO), sia per alimentare le utenze del Tecnopolo Prescrizioni e vincoli Autorità per l energia I principali vincoli che l autorità per l energia impone di rispettare per poter ottenere un unica fornitura di energia (nel caso specifico per il Tecnopolo) sono: tutti gli edifici/aree devono essere nella disponibilità (proprietà) di un unico soggetto; tale soggetto giuridico ( Tecnopolo ) dovrà essere costituito con quote di partecipazione di tutti gli utilizzatori (enti Enea, Arpa, Protezione civile, IOR, UNIBO, Lepida, ESCO ecc..) in modo tale che l utilizzatore di tutte le aree e l intestatario coincidano e sia unico. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 8 D I 2 0

10 Ipotesi Forniture di energia elettrica Per gli edifici oggetto di intervento nella fase 1 e 2, a partire dalle destinazioni d uso ipotizzate, sono state stimate le esigenze in termini di potenza installata e pertanto è stata ipotizzata la tipologia di fornitura di energia prevista. L ipotesi prevede di richiedere: Fornitura MT (MT-T1) per il Tecnopolo in corrispondenza della nuova cabina su via Stalingrado; Forniture singole in BT ed MT per le attività commerciali alimentate dalla nuova cabina su via Manifattura; Fornitura per la piccola unità commerciale prevista per l edificio F1 con allaccio (eventualmente anche temporaneo in attesa della fase 2) da via della Manifattura; Di seguito si riepilogano in forma tabellare le caratteristiche delle forniture previste per la FASE 1, 2 e Data center Lepida: Denominazione Destinazione d uso Enti - attività Caratteristiche fornitura elettrica C1 Edificio Lavorazioni Uffici - Laboratori Enea MT T1 F1 Edificio nuovo F2 Edificio nuovo Uffici - Laboratori Commerciale Uffici Centrale operativa IOR Incubatore d impresa Aule comuni 1 U.I. commerciale ARPA - Protezione civile Aule comuni MT T1 BT F1.1 MT T1 L Edificio officine Data center Lepida MT T1 T Centrale tecnologica D Edificio Nuovo Centrale elettrica, GE E Termofrigorifera Uffici Laboratori Commerciale Tecnopolo - ESCO Lepida - Unibo Aster - 2 U.I. commerciali E Edificio Nuovo Commerciale 2 U.I. commerciali MT T1 MT T1 BT D1 BT D2 MT E1 BT E1 Per i restanti edifici (FASI FUTURE) è stata ipotizzata in fase di gara una destinazione d uso secondo quanto di seguito riportato con conseguente ipotesi di forniture di energia previste: Denominazione Destinazione d uso Enti - attività Caratteristiche fornitura elettrica A Edificio Ballette Uffici - Laboratori Da definire MT T1 B Edificio Botti Espositivo - Museale Da definire MT T1 C2 Edificio Officine Laboratori Da definire MT T1 C3 Edificio Nuovo Uffici Da definire MT T1 F3 Edificio nuovo Uffici Da definire MT T1 G1 Edificio nuovo Foresteria Da definire MT G1 G2 Edificio nuovo Congressuale Da definire MT T1 D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 9 D I 2 0

11 Assetto cabine ENEL L area utilizzata per l insediamento del Tecnopolo di Bologna, è compresa tra via della Manifattura (nord), Via Stalingrado (Est), via Ferrarese (ovest) e linea ferroviaria (sud). Nell area sono attualmente presenti ed in esercizio 2 cabine Enel collocate rispettivamente all angolo sud-est (Via Stalingrado angolo ferrovia) e all angolo nord-ovest (Via Manifattura angolo Ferrarese) denominate A e B per le quali verrà richiesto lo spostamento (vedi capitolo interferenze reti esterne). Nell edificio centrale tecnologica (CT) verrà previsto il nuovo punto di fornitura di energia in media tensione denominato MT-T1 che dovrà alimentare la quasi totalità delle utenze previste all interno del Tecnopolo, ad esclusione delle attività commerciali. All interno del corpo di edificio del nuovo polo tecnologico verrà pertanto realizzata la nuova cabina Enel denominata ENEL-A. Per le attività commerciali si è previsto di predisporre delle forniture in media o in bassa tensione (in funzione della potenza richiesta) indipendenti. Tali forniture saranno richieste in prossimità della nuova cabina Enel posta su via della Manifattura angolo via Ferrarese denominata ENEL-B. Nella fase 1 è previsto che per l attività commerciale collocata al piano terra dell edificio F1 venga richiesto un nuovo punto di fornitura da richiedere su via della Manifattura. Cabina ENEL-A In sostituzione della cabina Enel esistente su via Stalingrado, si prevede di realizzare una nuova cabina di consegna, posta al piano terra della centrale tecnologica ((CT), costituita da un corpo indipendente dall edificio principale ma con esso architettonicamente integrato. Le forniture attualmente previste da richiedere su tale cabina risultano essere: N 1 fornitura in MT Pot. 5,3 MW (Lotto 1, 2 e L epida) La nuova cabina Enel (A), da realizzare in accordo con le specifiche che verranno fornite dall ente gestore di rete MT, è stata dimensionata in modo tale da poter installare da parte di ENEL le apparecchiature necessarie per: o richiedere n 1 fornitura in media tensione per il Tecnopolo; o predisporre almeno n 1 ulteriore fornitura in medi a tensione per gli ampliamenti futuri dell area Tecnopolo; o predisporre delle possibili eventuali future forniture in bassa tensione; o trasferire gli impianti attualmente presenti nella cabina di via Stalingrado. Successivamente alla realizzazione della nuova cabina di centrale, dovrà essere richiesto da parte della proprietà lo spostamento degli impianti attualmente presenti nella cabina esistente di Enel per poter procedere alla demolizione del manufatto e lasciare spazio alla nuova viabilità prevista dal progetto. La cabina Enel (A) sarà costituita dai seguenti locali: o locale cabina Enel; o locale misure e contatori; In adiacenza ai locali Enel saranno previsti due ulteriori locali: o locale ricezione utente MT-T1; o locale ricezione utente MT-PRE-1 (predisp. futura); Cabina ENEL-B In sostituzione della cabina esistente su via Ferrarese angolo via della Manifattura, si prevede di realizzare un nuovo edificio cabina, da collcare nell area compresa tra l edificio D e via Ferrarese. Le forniture attualmente previste da richiedere su tale cabina risultano essere: N 1 fornitura in MT Pot. 200 kw circa (Edificio E) N 4 fornitura in BT Pot. 50kW ciascuna (Edifici F1,D, E) La nuova cabina Enel, da realizzare in accordo con le specifiche che verranno fornite dall ente gestore di rete MT, sarà dimensionata in modo tale da poter installare da parte di ENEL le apparecchiature necessarie per: o richiedere n 1 fornitura in media tensione per l e dificio E ; D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 0 D I 2 0

12 o o o predisporre almeno n 1 ulteriore fornitura in medi a tensione per gli ampliamenti futuri dell area Tecnopolo; predisporre delle possibili eventuali future forniture in bassa tensione; trasferire gli impianti attualmente presenti nella cabina di via Manifattura angolo via Ferrarese. Successivamente alla realizzazione del nuovo corpo cabina, dovrà essere richiesto da parte della proprietà lo spostamento degli impianti attualmente presenti nella cabina esistente di Enel per poter procedere alla demolizione del manufatto e lasciare spazio alla nuova viabilità prevista dal progetto. La cabina Enel (B) sarà costituita dai seguenti locali: o locale cabina Enel; o locale misure e contatori; In adiacenza ai locali Enel saranno previsti i seguenti locali: o locale trasformazione MT/BT edificio D alimentato dalla fornitura del Tecnopolo MT-T1; o locale ricezione (fornitura MT-E1) e trasformazione MT/BT utente edificio E ; o locale ricezione utente MT-PRE-2 (predisp. futura); Caratteristiche cavidotti Le reti di Media Tensione (M.T.) e di Bassa Tensione (B.T.), di cui sulla planimetria generale sono indicati i percorsi, saranno progettati a completa cura dell'enel in modo coordinato con gli altri impianti presenti nel sottosuolo Caratteristiche Cabine La struttura delle cabine sarà del tipo ad elementi prefabbricati in Cemento Armato Vibrato (C.A.V.) o realizzata in opera conforme alle norme e prescrizioni dettate dall'enel. Le dimensioni dei locali, le griglie di aerazione e gli infissi saranno realizzate in accordo alle specifiche dell ENEL Interferenze La rete Enel di distribuzione in media ed in bassa tensione risulta essere presente nelle immediate vicinanze dell area destinata all insediamento del nuovo Tecnopolo di Bologna con i seguenti percorsi: - via Ferrarese ove è presente la cabina primaria - via della Manifattura - via Stalingrado Cabine Enel Nell area di intervento sono attualmente presenti ed in esercizio 2 cabine Enel collocate rispettivamente all angolo sud-est (Via Stalingrado angolo ferrovia) e all angolo nord-ovest (Via Manifattura angolo Ferrarese). L attuale collocazione delle cabine Enel denominate rispettivamente A e B risulta essere non compatibile con le ipotesi di sistemazione esterna dell area prevista dal progetto generale e pertanto si dovrà richiedere all ente lo spostamento delle stesse in nuova posizione. Si è ipotizzato di trasferire gli impianti della cabina Enel esistente di via Stalingrado (A), all interno della nuova cabina Enel denominata ENEL-A. Tale cabina sarà realizzata nella fase 1 e sarà collocata all interno del nuovo edificio centrale tecnologica (CT). Analogamente si è ipotizzato di trasferire gli impianti della cabina Enel esistente di via Manifattura angolo via Ferrarese (B) all interno della nuova cabina Enel denominata ENEL-B. Anche tale cabina sarà realizzata nella fase 1 e sarà collocata nell area di parcheggio adiacente all edificio D. Per le due nuove cabine verrà realizzata una nuova viabilità di accesso da strada pubblica Impianti via della Manifattura Come rilevabile dagli elaborati planimetrici, il nuovo limite di intervento previsto sia per la fase 1 che per la fase 2, prevede di realizzare una nuova sistemazione esterna sul lato sud di via della D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 1 D I 2 0

13 Manifattura includendo in tale opera anche la realizzazione di una nuova rampa di accesso al piano interrato a servizio degli edifici F1 ed F2. In tale zona sarà quindi necessario: - Richiedere all ente un tracciamento con esatta collocazione delle reti interrare esistenti per verificare l effettiva presenza di interferenze con le opere civili da realizzare - Richiedere all ente lo spostamento dei manufatti BT presenti in adiacenza all attuale confine di proprietà. 2.3 RETI DI TELECOMUNICAZIONE In base alle logica di suddivisione fisica degli edifici oggetto di intervento nella fase 1 e 2 ed in funzione della destinazione d uso delle diverse aree, sono state ipotizzate, le principali utenze dati e fonia delle quali si prevede un allaccio alle reti pubbliche di telecomunicazioni. Ogni utenza farà capo ad un armadio dati centro stella che individua il punto di connessione fisico alla rete pubblica e per il quale è necessario predisporre l infrastruttura di collegamento alle reti pubbliche presenti nella zona. Le principali utenze individuate sono: - P.1 Generale Tecnopolo (rete dati per la gestione del Tecnopolo) - C1.1 Centro stella ENEA - F1.1 Centro stella IOR - F1.2 Centro stella Incubatore - F1.3 Attività commerciale - F2.1 Centro stella Prot. Civile - F2.2 Centro stella Arpa - L1 Data Center Lepida - CT1 Centro stella ESCO - D.1 Centro stella uffici Lepida - D.2 Centro stella Unibo - D.3 Centro stella Aster - E.1 Attività commerciale - E.2 Attività commerciale Predisposizione reti all interno dell area di intervento All interno dell area Tecnopolo, verrà realizzato un tunnel tecnologico utilizzato come percorso principale di distribuzione per il collegamento delle singole utenze individuate dalla committenza (collegamento dati e fonia previsto a livello di centro stella) e le reti pubbliche di Telecomunicazione presenti nell area. All interno del Tunnel la distribuzione avverrà in canalizzazione metallica (sono previste canalizzazioni con setti separatori condivise dai diversi operatori) Rete Lepida La rete in fibra ottica Lepida risulta essere presente nelle immediate vicinanze dell area destinata all insediamento del nuovo Tecnopolo di Bologna con i seguenti percorsi: - Rete in fibra ottica di recente realizzazione su via Stalingrado (lato ex manifattura) e via della Manifattura (lato ex manifattura); - Rete in fibra ottica posata in cavidotti Acantho posata su via Ferrarese (lato ex manifattura) Punto di allacciamento Per l allacciamento delle utenze interne all area del Tecnopolo si prevede di predisporre 2 punti di collegamento tra canalizzazione interna (posata nel tunnel tecnologico) e rete esterna esistente: - Via Stalingrado zona centrale Tecnologica. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Lepida posto sul lato nord del nuovo edificio centrale Tecnologica. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 2 D I 2 0

14 - Via Manifattura zona edificio F1. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Lepida posto sul lato ovest del nuovo edificio F1. Per il collegamento tra la canalizzazione prevista all interno del tunnel e la rete Lepida esistente su strada pubblica è prevista la realizzazione di un cavidotto interrato che terminerà al confine di proprietà (dove sarà predisposto un pozzetto secondo le specifiche del gestore). La realizzazione delle opere esterne all area di intervento (su strada pubblica) per il collegamento dell infrastruttura interna alla rete Lepida stradale resterà a carico del gestore che realizzerà le opere la momento della richiesta di allaccio da parte di uno o più utenti interni Predisposizioni Nella fase 1 è prevista la realizzazione di una nuova viabilità di collegamento tra via Stalingrado e via Ferrarese su area privata del Tecnopolo e in adiacenza alla linea ferroviaria. Sul percorso della nuova viabilità verrà realizzato un nuovo cavidotto Lepida predisposto per l allaccio al Data Center Lepida del quale è prevista la futura realizzazione all interno dell edificio L Rete Telecom La rete Telecom risulta essere presente nelle immediate vicinanze dell area destinata all insediamento del nuovo Tecnopolo di Bologna con i seguenti percorsi: - rete su via Stalingrado (centro strada); - rete su via Ferrarese (lato ex manifattura); - tratto di rete su via della Manifattura (lato ex manifattura) collegata alla rete su via Ferrarese Punto di allacciamento Per l allacciamento delle utenze interne all area del Tecnopolo si prevede di predisporre 3 punti di collegamento tra canalizzazione interna (posata nel tunnel tecnologico) e rete esterna esistente: - Via Stalingrado zona centrale Tecnologica. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Telecom posto sul lato nord del nuovo edificio centrale Tecnologica. - Via Manifattura zona edificio F1. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Lepida posto sul lato ovest del nuovo edificio F1. - Via Ferrarese. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Lepida posto in prossimità dell edificio E. Tale predisposizione dovrà essere realizzato in fasi future. Per il collegamento tra la canalizzazione prevista all interno del tunnel e la rete Telecom esistente su strada pubblica è prevista la realizzazione di un cavidotto interrato che terminerà al confine di proprietà (dove sarà predisposto un pozzetto secondo le specifiche del gestore). La realizzazione delle opere esterne all area di intervento (su strada pubblica) per il collegamento dell infrastruttura interna alla rete Telecom stradale resterà a carico del gestore che realizzerà le opere la momento della richiesta di allaccio da parte di uno o più utenti interni Rete Acantho La rete in fibra ottica Acantho risulta essere presente nelle immediate vicinanze dell area destinata all insediamento del nuovo Tecnopolo di Bologna con i seguenti percorsi: - rete in fibra ottica su via Stalingrado (lato opposto della ex Manifattura) posta all interno dei cavidotti di pubblica illuminazione (circa 28cm di profondità); - rete su via Ferrarese (lato ex manifattura circa 75cm di profondità). D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 3 D I 2 0

15 Punto di allacciamento Per l allacciamento delle utenze interne all area del Tecnopolo si prevede di predisporre un punto di collegamento tra canalizzazione interna (posata nel tunnel tecnologico) e rete esterna esistente in Via Stalingrado zona centrale Tecnologica. Si è previsto di predisporre un cavidotto da realizzare secondo le specifiche Acanthoposto sul lato nord del nuovo edificio centrale Tecnologica. Per il collegamento tra la canalizzazione prevista all interno del tunnel e la rete Acantho esistente su strada pubblica è prevista la realizzazione di un cavidotto interrato che terminerà al confine di proprietà (dove sarà predisposto un pozzetto secondo le specifiche del gestore). La realizzazione delle opere esterne all area di intervento (su strada pubblica) per il collegamento dell infrastruttura interna alla rete Acantho stradale resterà a carico del gestore che realizzerà le opere la momento della richiesta di allaccio da parte di uno o più utenti interni Caratteristiche cavidotti Canalizzazioni per fibra ottica Le canalizzazioni principali saranno realizzate tramite posa in opera di tributo PEHD DN 6 PN 50 secondo il tracciato indicato nelle planimetrie, su apposito letto costituito da sabba o altro materiale ritenuto idoneo, opportunamente realizzato e livellato, ad una profondità di circa metri 1,00 tra l estradosso della tubazione e la superficie dello scavo e infine ricoperto con sabba, opportunamente costipata e sovrastanti strati superficiali. Prima della posa del tributo le teste del medesimo dovranno essere chiuse con gli appositi tappi. In presenza di servizi interferenti dovrà essere effettuato il sottopasso, avendo cura di evitare strozzature o brusche piegature che potrebbero ostacolare la successiva posa del cavo. In ogni caso il tracciato dovrà prevedere tratte possibilmente rettilinee. Eventuali curvature non devono mai essere realizzate con un raggio inferiore a 0,80m sul piano verticale e 3m sul piano orizzontale. Il tributo dovrà inoltre essere posato in pezzature della massima lunghezza possibile al fine di ridurre al minimo le giunzioni. Tuttavia laddove per la realizzazione dei sottopassi si dovesse rendere necessario il taglio del tributo, dovranno essere previste tutte le operazioni per l esecuzione in opera del relativo giuntaggio. In particolare per ogni tratta da giuntare, nei casi in cui non siano previsti pozzetti, si dovranno utilizzare gli appositi kit di giunzione con manicotti in PVC e relative guaine di rivestimento termorestringente avendo cura di assicurare la totale continuità della superficie interna dei tubi. In corrispondenza dei sottoservizi esistenti occorrerà predisporre un tubo camicia in PVC a protezione del tubo. L innesto nei pozzetti dovrà essere realizzata separando ciascuna tubazione del tritubo per una lunghezza di circa 1m, inserendole all interno per una lunghezza di 10cm e a 10-15cm dal fondo, avendo cura di lasciare le estremità delle tre tubazioni leggermente distanziate tra loro e chiuse con gli appositi tappi. Nei tratti in cui è prevista la posa multipla dei tubi, questa dovrà essere realizzata sovrapponendo uno sull altro i singoli tritubi avendo l accortezza di disporre le specifiche solette distanziatici con un interasse non superiore ai 5m. Lungo tutta la rete dovrà essere posta l apposita fascia segnaletica continua in polietilene (da collocare alla profondità di circa 40cm dal piano della sede stradale). Al termine delle operazioni di posa con la tecnica di inserzione pneumatica, dovrà essere inserito e fissato ai tappi alle estremità di ciascun foro del tritubo un cordino di tiro in nylon ad alta tenacia dello spessore minimo di 3mm. (capace comunque di resistere ad uno sforzo di tiro minimo di 280Kg), con lo scopo di verificare anche eventuali schiacciamenti della luce utile nel tubo Canalizzazioni principali servizi telefonici I cavidotti saranno realizzati con tubazioni interrate in polietilene a doppia parete, corrugata esternamente e liscia internamente, con resistenza allo schiacciamento pari a 450N, posate in scavo di profondità di 1,2m, con letto di sabbia fine passata al vallo e bauletto in cls di protezione del tubo, opportunamente segnalato da nastro in PVC di colore rosso con l indicazione CAVI TELEFONICI. I diametri delle tubazioni saranno di 125mm, nella posa saranno rispettate le seguenti prescrizioni: 1. La posa delle tubazioni in plastica verrà eseguita mediante l impiego di selle di supporto in materiale plastico ad una o due impronte per tubi; detti elementi saranno posati ad una D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 4 D I 2 0

16 interdistanza massima di 1,5m, al fine di garantire il sollevamento dei tubi dal fondo dello scavo ed assicurare in tal modo il completo conglobamento dello stesso nel cassonetto di calcestruzzo; 2. Formazione del cassonetto di calcestruzzo dosato Rck 150Kg/cm² a protezione delle tubazioni in plastica, il calcestruzzo sarà superiormente lisciato in modo che venga impedito il ristagno dell acqua; 3. Il riempimento dello scavo dovrà effettuarsi con materiali di risulta. 4. I cavidotti interrati saranno posati ad una quota di almeno 100cm di profondità rispetto al piano stradale se posati lungo le sede stradale, come previsto dal nuovo codice della strada, ed a una quota di almeno 60cm di profondità rispetto al piano di calpestio lungo i marciapiedi e le piste ciclabili Pozzetti di linea I pozzetti di ispezione della rete in calcestruzzo armato prefabbricati, avranno le seguenti dimensioni interne: - Tipo A: cm 125 x 80 x h120 circa - Tipo B: cm 90 x 70 x h120 circa - Tipo C: cm 60 x 60 x h60 circa I pozzetti si intendono completi di rialzi comunque necessari per raggiungere la quota richiesta e comprensivi dell anello porta chiusino. L interposizione degli elementi dovrà essere effettuata con malta cementizia fino ad ottenere la totale sigillatura delle giunzioni. L ultimo elemento sarà costituito dall anello porta chiusino. I pozzetti dovranno essere posati su adeguato letto di ghiaia e/o pietrisco, realizzato su fondo ben costipato e bagnato, idoneo a costruire opportuno drenaggio delle acque meteoriche mediante la realizzazione di foro sull elemento di fondo. Particolare cura dovrà essere posta al ripristino con malta cementizia delle aperture pratiche in corrispondenza degli inserimenti delle canalizzazioni e quant altro occorra per dare il lavoro finito a regola d arte Chiusini di ghisa I chiusini in ghisa lamellare perlitica conforme alla classe D400 della norma UNI-EN 124 (1995). Carico di rottura >400 KN. Dotato di semicoperchi triangolari apribili a portafoglio ad appoggio tripode articolati al telaio e chiusura di sicurezza con chiave codificata: - chiusino a 4 coperchi triangolari, 1250x865mm luce utile 1060x700mm per il pozzetto di tipo A. - chiusino a 2 coperchi triangolari, 900x800mm luce utile 800x700mm per il pozzetto di tipo B - chiusino a 2 coperchi triangolari, 700x700mm luce utile 600x600mm per il pozzetto di tipo C La posa dei chiusini dovrà essere realizzata con idonea malta cementizia e per piccoli aggiustamenti dovranno essere poste scaglie di elementi lapidei di porfido Interferenze Per le reti di telecomunicazione, come già accennato per la rete Enel, dovrà essere verificata l interferenza tra reti esistenti e opere civili necessarie per la realizzazione della nuova rampa di accesso al piano interrato degli edifici F1 ed F2. Sarà necessario richiedere all ente un tracciamento con esatto collocamento delle reti interrare esistenti per verificare l effettiva presenza di interferenze con le opere civili da realizzare. Secondo le indicazioni contenute nell allegato E al documento preliminare per la progettazione, e dalle indicazioni fornite dai tecnici dell ente, non risultano essere presenti interferenze con la rete Acantho nell area di intervento. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 5 D I 2 0

17 2.4 IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE Le zone circostanti l area di proprietà della ex Manifattura Tabacchi, sono dotate di impianto di pubblica illuminazione, gestite da Hera Luce ed in particolare sono presenti i seguenti tratti di impianto: - Illuminazione stradale su via Stalingrado; - Illuminazione pista ciclabile esistente in prossimità della cabina Enel di via Stalingrado; - Illuminazione stradale via della Manifattura; - Illuminazione stradale via Ferrarese. Nella fase 1 si prevede di intervenire solo all interno di aree private della ex Manifattura e pertanto l impianto di illuminazione esterno resterà privato Interferenze Per gli interventi previsti nella fase 1, sono state individuate alcune interferenze con l impianto di pubblica illuminazione esistente come di seguito descritto. - Illuminazione stradale su via Stalingrado. Dovrà essere verificata l interferenza tra illuminazione stradale esistente e nuovo raccordo con viabilità interna (zona cabina Enel). - Illuminazione pista ciclabile esistente in prossimità della cabina Enel di via Stalingrado. Dovrà essere verificata l interferenza tra le nuove sistemazioni esterne e l impianto di pubblica illuminazione della pista ciclabile esistente. - Illuminazione stradale via della Manifattura. L impianto di pubblica illuminazione esistente su via della Manifattura, interferisce con le opere civili necessarie per la realizzazione della nuova rampa di accesso al piano interrato degli edifici F1 ed F2 e con le nuove sistemazioni esterne dell area. Si dovrà pertanto inoltrare all ente gestore, la richiesta di spostamento dell impianto di pubblica illuminazione di via della Manifattura sul lato opposto della sede stradale Predisposizioni Nella fase 1 è prevista la realizzazione di una nuova viabilità di collegamento tra via Stalingrado e via Ferrarese su area privata del Tecnopolo e in adiacenza alla linea ferroviaria. Tale viabilità sarà dotata di un impianto di illuminazione stradale progettato in ottemperanza alle prescrizioni della Norma UNI e recependo le prescrizioni della EN e della Legge regionale n.19 del 29 settembre Si prevede che tale impianto sia collegato all impianto di illuminazione esterno privato del Tecnopolo. Si prevederà inoltre la predisposizione a livello di cavidotti per il futuro allaccio dell impianto di illuminazione stradale alla rete di pubblica illuminazione. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 6 D I 2 0

18 3 IMPIANTI IDRICI E GAS METANO Per l alimentazione idrica, la rete fognaria delle acque bianche e nere e l alimentazione del gas metano a servizio sia della centrale termica che dei laboratori, si prevedono i collegamenti alle seguenti reti: - Rete idrica per uso igienico-sanitario, tecnologico e antincendio; - Rete fognaria delle acque meteoriche con relativa vasca di laminazione; - Rete fognaria acque nere; - Rete gas metano; Nella Fase 1, a meno di alcuni punti di interferenza meglio descritti nel seguito, si prevede di intervenire solo su aree private di proprietà della Regione Emilia Romagna. Nei paragrafi successivi verranno descritti punti di allaccio con le reti pubbliche e le interferenze impiantistiche delle reti interne di adduzione idrica, fognatura e alimentazione gas metano, rimandando le principali scelte progettuali per la realizzazione delle suddetti impianti nella relazione tecnica specifica. 3.1 RETE IDRICA Allacciamenti Sarà richiesto all Ente gestore (Hera S.p.a) un nuovo allacciamento dalla condotta idrica stradale esistente nella zona sud-est (Via Stalingrado angolo ferrovia) per la vicinanza alla nuova centrale tecnologica. Dal punto di fornitura idrica, previsto sul confine interno di proprietà dove sarà installato un apposito manufatto per il contenimento dei contatori relativi alle diverse destinazioni d uso (igienico-sanitario, tecnologico e antincendio), saranno realizzate apposite reti di adduzioni fino al locale centrale idrica situato al piano interrato del fabbricato della centrale tecnologica (CT). La fornitura idrica da richiedere all Ente gestore risulta essere: N 1 fornitura per uso igienico sanitario e labor atori della Fase 1 e predisposizione Fase 2; Portata = 20 l/s N 1 fornitura per uso tecnologico (centrale term ica e torri evaporative) Fas1 1 e 2; Portata = 9 l/s N 1 fornitura per uso antincendio (aliment. Vasc a antincendio) unica per l intero Tecnopolo; Portata = 4 l/s N 1 fornitura ad uso irrigazione in mancanza di ac qua nella vasca di recupero acque piovane; Portata 4 l/s Per i futuri edifici la maggior portata idrica per uso igienico sanitario e per uso tecnologico, sarà predisposta una seconda tubazione di adeguato diametro Interferenze L installazione dei contatori avverrà in prossimità dell attuale contatore N esistente nella z ona sud-est (Via Stalingrado angolo ferrovia). Dal contatore esistente ha origine una tubazione in ghisa del diametro 3 a servizio degli edifici.che interferirà con la costruzione della nuova centrale tecnologica. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 7 D I 2 0

19 3.2 RETE FOGNARIA Allacciamenti Acque nere Alla fognatura delle acque nere saranno allacciate le acque di scarico dei servizi igienici, dei laboratori e dello stabulario relative agli edifici della Fase 1 C1-F1-F2. La fognatura delle acque nere dei servizi igienici e dei laboratori, saranno realizzate separatamente con proprie condotte interrate in PVC rigido SN8 con giunto a bicchiere e guarnizione elastomerica nei diametri da mm 125 a mm 250. Le due condotte saranno mantenute separate fino a monte del punto di allacciamento alla fognatura mista principale esistente nell area interna del Tecnopolo,.alla quale attualmente sono collegate anche le acque di scarico bianche e nere dell edificio botte. A monte del collegamento alla suddetta fognatura sarà eseguita l unione della rete di scarico dei laboratori con quella dei servizi igienici previa installazione di un pozzetto di prelievo dello scarico dei laboratori. La scelta del punto di allacciamento risulta la più idonea sia per la quota favorevole di scorrimento di circa 2,40 rispetto al piano di campagna sia per la facilità della posa della tubazione seguendo un percorso libero da ogni ostacolo e dalla presenza di piante Acque bianche Alla fognatura delle acque bianche saranno allacciati i pluviali e le canalette/caditoie degli edifici della Fase 1 C1-F1-F2 con la predisposizione per gli edifici della Fase 2. La rete fognaria sarà eseguita con tubazione interrata in PEAD SN8 con giunto a bicchiere e guarnizione elastomerica nei diametri da mm 160 a mm 630 ed in polietilene strutturato per diametri superiori. La suddetta rete terminerà prima nella vasca di recupero delle acque piovane e per tracimazione nella vasca di laminazione della capacità relativa alla superficie impermeabilizzata delle Fasi 1 e 2 pari a 1840 mc. All interno della vasca di laminazione sarà installato un impianto di sollevamento composto n 2 elettropompe sommergibili di cui una di riserva della portata che sarà indicata dall Ente gestore Consorzio della Bonifica Renana per lo scarico nella condotta Reno 75 esistente in via Stalingrado. Le elettropompe saranno corredate di valvole d intercettazione e di ritegno, di interruttori a galleggiante e quadro elettrico. Il volume della vasca di laminazione a servizio della Fase 1 (esclusa la centrale tecnologica) e Fase 2, più l area dei futuri edifici F3 e C3, è stato dimensionato secondo le Norme di Attuazione del PTCP di Bologna (Art. 4.8 Gestione dell acqua meteorica - punto 1) e adottato da ARPA di Bologna. In particolare l articolo sopra citato indica per il dimensionamento delle vasche di laminazione: Il sistema maggiore deve garantire la laminazione delle acque piovane per un volume complessivo di almeno 500 m 3 per ettaro di superficie territoriale, ad esclusione delle superfici permeabili destinate a parco o a verde compatto. L area oggetto di intervento si sviluppa per complessivi m 2 di cui 2510 m 2 a verde ed i restanti m 2 a superficie impermeabile (viabilità interna e coperture degli edifici), pertanto il volume minimo utile da laminare risulta: V = 500 = 1.836, m In adiacenza alla vasca di laminazione sarà prevista una vasca di recupero acque meteoriche per uso irrigazione e per il riempimento delle cassette dei WC, il cui volume è stato stimato in 150 m3. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 8 D I 2 0

20 Le acque meteoriche riempiranno prima la vasca di recupero e poi, raggiunto il livello massimo, sfioreranno nella vasca di laminazione Interferenze Acque nere La realizzazione della nuova rete fognaria delle acque nere degli edifici della Fase 1 C1-F1-F2 sarà eseguita previa demolizione di tutta la rete esistente nell ambito del sedime dei suddetti edifici. La posa della nuova tubazione troverà l interferenza con il tunnel tecnologico interrato in n 2 punti che sarà risolta mantenendo per la lunghezza necessaria, il pavimento del tunnel alla stessa quota del piano interrato dell edificio F1 e 2. Altra interferenza con la fognatura esistente in prossimità del punto di allaccio al collettore delle acque miste davanti all edificio botte, sarà risolto con l interruzione del braccio di tubazione di scarico che attualmente è collegato ad un pozzetto di prelievo. L interferenza sarà risolta dal momento che non ci sarà più l utilizzo del pozzetto di prelievo con la dismissione del suddetto braccio di tubazione potendolo collegare subito dopo l uscita dall edificio botte al collettore esistente sul perimetro esterno dell edificio stesso Acque bianche La realizzazione della nuova rete fognaria delle acque bianche degli edifici della Fase 1 C1-F1-F2 predisposta anche per la Fase 2 al fine di convogliare tutte le acque piovane nella vasca di laminazione sarà eseguita previa demolizione come già sopra descritto di tutta la rete esistente nell ambito del sedime dei suddetti edifici. La posa della nuova tubazione troverà le stesse interferenze come per le acque nere con il tunnel tecnologico interrato. I punti d interferenza con tunnel essendo gli stessi delle acque nere saranno risolti come sopra descritto. L interferenza della nuova fognatura bianca con il collettore delle acque miste esistente davanti all edificio botte, sarà superata installando sulla nuova condotta delle acque piovane un pozzetto di salto in modo da passare sotto il collettore esistente e mantenere la quota con la dovuta pendenza fino alla vasca di laminazione. Il collettore generale delle acque miste esistente davanti l edificio botte e già collegato alla fognatura pubblica crea un interferenza con la costruzione del tunnel tecnologico, che sarà risolta interrando maggiormente il tunnel stesso nella zona d interferenza in modo da non ostacolare l attuale posizione della fognatura esistente. 3.3 RETE GAS METANO Allacciamenti Sarà richiesto all Ente gestore (Hera S.p.a) un nuovo allacciamento dalla condotta del gas metano in media pressione esistente nella zona sud-est (Via Stalingrado angolo ferrovia) per la vicinanza alla nuova centrale tecnologica. Dal punto di fornitura del gas metano, previsto sul confine interno di proprietà dove sarà installato un apposito manufatto per il contenimento del riduttore di pressione ed il contatore per la contabilizzazione dei consumi delle caldaie e del cogeneratore della CT nella configurazione della Fase 1 predisposta per il funzionamento anche della Fase 2. D. 0 7 R E L A Z I O N E R E T I I M P I A N T I I N T E R N I A L L ' A R E A - I N T E R F E R E N Z E E D A L L A C C I A M E N T I P A G I N A 1 9 D I 2 0

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE LE RETI DI BANDA LARGA Regolamento recante la disciplina tecnica e le specifiche delle opere destinate ad ospitare le reti di banda larga REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA TECNICA E LE SPECIFICHE DELLE OPERE DESTINATE AD OSPITARE

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 INDICE pag. Premessa 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 6 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE NERE 6 7 RETE DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Linee Guida su criteri e modalità applicative per la valutazione del valore di rimborso degli impianti di distribuzione del gas naturale 7 Aprile 2014 Indice Parte I

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima Ing. Andrea Roma Via Messina 3 20154 Milano Programma Integrato di Intervento Cascina Boffalora Aggiornamento Dicembre 2012 Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico

3 Conto Energia. DM 6 Agosto 2010. Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 3 Conto Energia DM 6 Agosto 2010 Guida alle applicazioni innovative finalizzate all integrazione architettonica del fotovoltaico 2010 - GSE Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. consultazione.ftv@gse.it

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori completamento opere urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA Progettista: VISTO: Comune Rombiolo Via Karl Marx

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli