CAPELLI. speciale. PSICOLOGIA fame nervosa cosa fare? MAL DI TESTA quando colpisce il bambino. Corrado Tedeschi MAGAZINE COPIA OMAGGIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPELLI. speciale. PSICOLOGIA fame nervosa cosa fare? MAL DI TESTA quando colpisce il bambino. Corrado Tedeschi MAGAZINE COPIA OMAGGIO"

Transcript

1 MAGAZINE COPIA OMAGGIO anno VI numero 32 Ottobre/Novembre 2012 PSICOLOGIA fame nervosa cosa fare? speciale CAPELLI COME AVERNE CURA MAL DI TESTA quando colpisce il bambino Intervista Corrado Tedeschi

2 Farmacie che aderiscono all iniziativa Bologna ALLE SCUOLE Castelguelfo (BO) Viale Dei Martiri, 10/A FARMACIA BETTINIA (BO) Via Corticella, 68 COOPERATIVA DI BOLOGNA (BO) Via Marco Polo, 3 DE PISIS (BO) Via A. Ruffini, 2/C DELLA CICOGNA S. Lazzaro di Savena (BO) Via Emilia, 237 DELLA VIA APPIA Imola (BO) Via Appia 24/B DELLO STERLINO (BO) Via Murri, 16 DEL NAVILE (BO) Via Fioravanti Aristotile, 26 DEL SANTERNO Imola (BO) Via Montanara, 252 DI CALDERARA Calderara di Reno (BO) Via Matteotti, 2/A DI MALALBERGO Malalbergo (BO) Via Nazionale, 433 GUANDALINI (BO) Via Ferrarese, 12/A GUARIENTO MARILENA Loiano (BO) Via Marconi, 8/3 MARCHI Vergato (BO) Via Marconi, 36 OSTI Bazzano (BO) Via Matteotti, 74 PARCO NORD (BO) Via Ferrarese, 160 PONTEVECCHIO (BO) Via Emilia Levante, 29 S. SILVERIO DELLA CHIESANUOVA (BO) Via Murri, 185/b S.S. ANNUNZIATA Imola (BO) Via Emilia, 218 SAN GIORGIO (BO) Via Garavaglia, 6/B SANTA RITA (BO) Via Massarenti, 179 SIEPELUNGA (BO) Via Borghi Mamo, 6/C SOLDÀ San Giovanni in Pesiceto (BO) Corso Italia, 82 SPERANZA (BO) Via Ugo Bassi, 6 TOSCHI (BO) Via San Felice, Ferrara UGO BASSI Cento (FE) Via Breveglieri, 6-A Gorizia RISMONDO Monfalcone (GO) Via Toti, 52 Modena ANTICA FARMACIA PACCHIONI Sassuolo (MO) Via C. Battisti 11 DEL BORGHETTO Mirandola fraz. Cividale (MO) Via Punta, 1 DEL BUON CONSIGLIO Mirandola (MO) Via Don G. Rettighieri, 21 DUE MADONNE Sassuolo (MO) Via Giovanni Lucchese, 2 FRANCHINI DR. ANNALISA Pievepelago (MO) Via Roma, 65 MADONNINA (MO) Via W. Tabacchi, 5 PICO Mirandola (MO) Via Cavallotti, 3/5 SAN FAUSTINO (MO) Giardini, 236 SAN MARCO (MO) C.so Duomo, 54 SAN MARTINO (MO) fraz. Portile Via O. Chiossi, 12 SAN MICHELE Montale R. (MO) Via Vandelli, 18A VIOLI Spilamberto (MO) Via Paradosso, 14 Pordenone BELLAVITIS (PN) Via Piave, 93 Ravenna BRAGONZONI S. Agata sul Santerno (RA) P.zza Umberto I, 16/D Reggio Emilia DI CITTADELLA Albinea fraz. Borzano (RE) Via L.Ariosto, 82/A MANFREDI Castelnovo di Sotto (RE) Via Gramsci, 117 A MiaFarmacia puoi chiedere: la misurazione del colesterolo Mantenere i livelli di colesterolo sotto controllo è fondamentale per la tua salute!

3 editoriale anno VI - numero 32 Ottobre/Novembre 2012 copia omaggio Editore Consorzio MIAFARMACIA Via Emilia 237 San Lazzaro di Savena - Bologna Tel Registrazione Tribunale di Bologna n del 26/07/2006 Direttore Responsabile Cesare Bellavitis Marketing e Pubblicità Daniela Ziering Sintini Commerciale Alessandro Benassi Redazione Marina Dall Olio Antonella Ciana Collaboratori scientifici in questo numero: Flavia Massaro Massimiliano Valeriani Gian Paolo Baruzzi Rebecca Marzocchi Livio Claudio Bressan Piero Rosati Giorgio Pagni Andrea Favara Giovanni Minisola Serena Lanzarini Grafica e impaginazione Supporti Grafici Castel San Pietro Terme - Bologna Stampa Mediagraf s.p.a. Ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato alla nostra iniziativa editoriale comprese le Aziende che hanno aderito con la loro inserzione Siamo al crepuscolo delle libertà? Nel secolo scorso tutte le società più evolute hanno lottato per conquistare quelle libertà individuali e collettive che, fino a poco tempo fa, sembravano irrinunciabili. Le libertà individuali, il diritto alla salute, il diritto all'istruzione, le pari opportunità tra uomo e donna, il diritto al suffragio universale che hanno mobilitato milioni di persone in tutto il mondo, e liberato energie incredibili, non dimentichiamoci che, a volte, sono costate il prezzo della vita a chi ha creduto nel cambiamento e nella giustizia sociale. Per i cittadini italiani l'inizio del nuovo millennio, che è coinciso con un periodo tra i più difficili per l'umanità nel suo complesso (ma questa non è una giustificazione sufficiente), si è contraddistinto invece per la lenta privazione di molti diritti ottenuti nel secolo scorso. La sensazione che molti hanno percepito in questi ultimi mesi, ad esempio, è che non si avesse più neppure il diritto a curarsi con i farmaci già in uso nemmeno pagandoli di tasca propria, ma che ci si dovesse affidare unicamente a quelli cosiddetti "generici" o "equivalenti" che dir si voglia. Malati cronici, anziani, genitori e figli insieme, smarriti di fronte a questo nuovo nodo hanno trovato rassicurazione dal medico e dal farmacista: le uniche figure credibili e disponibili di fronte a quello che a tutti è sembrata una privazione della propria libertà di scelta, e un attentato alla propria salute. Per fortuna che il futuro è donna (poiché in fondo il futuro risiede nel grembo materno), così come la farmacia è per sua natura femmina (infatti la maggioranza dei farmacisti italiani sono donne) e in questo momento, nonostante le mille difficoltà, incarna meglio di altri settori le necessità dei cittadini sempre più spaesati. I valori dell'accoglienza e della disponibilità, della cura della salute, della professionalità profusa quotidianamente fanno della farmacia e dei farmacisti che in essa vi operano un pilastro nella tutela del diritto alla salute che non vorremmo venisse calpestato. Dott. Cesare Bellavitis anno VI numero 32 Ottobre/Novembre 2012 MAGAZINE COPIA OMAGGIO PSICOLOGIA fame nervosa cosa fare? MAL DI TESTA quando colpisce il bambino speciale CAPELLI COME AVERNE INTERVISTA Corrado Tedeschi CURA Guarda il nostro sito con il tuo Smartphone 3

4 PROBLEMI ARTICOLARI? Leni COMPLEX TM Disponibile in: Gel Cerotti Compresse Flaconcini

5 sommario 7 psicologia Fame nervosa frutto che non deve mai mancare sulla tavola 17Il MEDICINA Quando il "mal di testa" colpisce il bambino Stress ossidativo nemico della pelle Alzheimer: cosa fare? Che cos'è il reflusso gastroesofageo? alimentazione Una mela al giorno... speciale Capelli: come averne cura PREVENZIONE Undici regole per la salute (LILT) Gli acidi grassi alleati della salute Casa dolce casa? associazioni Amici di Luca Onlus e Casa dei Risvegli Luca De Nigris FARMACI Sicurezza dei farmaci 24 Speciale Non sottovalutiamo l'eccessiva caduta dei capelli 41 REUMATOLOGIA Artrite reumatoide: come affrontarla 30 Intervista a... Corrado Tedeschi 36 Reflusso gastroesofageo: una patologia in costante aumento 50 News È vietata la riproduzione totale o parziale di ogni contenuto di questa pubblicazione senza l autorizzazione dell editore. Tutti i punti di vista espressi in questa pubblicazione sono quelli dei singoli autori e non riflettono quelli delle strutture a cui essi appartengono o dell'editore. Errori di stampa o refusi involontari di trascrizione presenti nella rivista saranno corretti a pagina 50, del prossimo numero, se segnalati alla redazione o all'editore. 5

6

7 psicologia FAME NERVOSA Se il cibo è una risposta alle emozioni Dott.ssa Flavia Massaro Psicologa a Milano e Mariano Comense Chi soffre di fame nervosa (o eating emozionale) confonde lo stimolo della fame e le emozioni, facendo fronte ad esse con l ingestione di cibo, invece di riconoscerle come tali e cercare una strategia alternativa per affrontare le sensazioni e le situazioni stressanti. La fame nervosa può presentarsi sotto forma di attacchi improvvisi che colpiscono indipendentemente dall orario e dalla distanza dall ultimo pasto consumato, o può rappresentare uno stimolo continuo che spinge a ingerire nell arco di tutta la giornata piccole quantità di cibo al di fuori dei pasti, di solito in presenza di un sentimento di noia o di vuoto. Nei casi più gravi si parla di Iperalimentazione Psicogena o di Bulimia e quindi di disturbi del comportamento alimentare che come tali devono essere curati con la psicoterapia ed eventualmente con i farmaci più adeguati al singolo caso. Emozioni transitorie e cibo L utilizzo del cibo non come nutrimento, ma come mezzo per far fronte alle emozioni, è un fenomeno che può interessare transitoriamente la maggior parte delle persone che sperimenta nel corso della vita dei periodi in cui la fame si manifesta all improvviso e senza alcuna correlazione con l orario e con il fatto di aver terminato da poco un pasto. In genere si tratta di periodi in cui sono presenti emozioni negative come ansia, rabbia e tristezza che la persona non riesce psicologicamente ad affrontare e che quindi la portano a riversare sull assunzione di cibo la frustrazione conseguente al senso di incapacità a fronteggiare il disagio. 7

8 psicologia Se la fame nervosa non è più occasionale La fame nervosa diventa un fenomeno patologico quando non è occasionale e non si concentra solo in determinati periodi molto circoscritti, ma diventa un vero e proprio sintomo di disagio psicologico da riconoscere e affrontare come tale, persistendo estesamente nel tempo e accompagnando altri sintomi e/o un disagio significativo che la persona non riesce ad affrontare e che non ha ancora sottoposto all attenzione di uno psicologo o di uno psichiatra. Chi è colpito da fame nervosa quando è in ansia si tranquillizza ingerendo del cibo e gestendo in questo modo, sicuramente non efficace, l irrequietezza, gratificandosi e tenendosi materialmente impegnato con un attività priva di scopi utili in quel momento, che lo distrae e gratifica. Chi ne soffre quando è triste tende a cercare una gratificazione compensatoria nel cibo e nella sensazione di piacere e di pienezza che prova dopo aver mangiato. Come rimedio alla noia, alla solitudine e all umore depresso sono spesso utilizzati cibi dolci e altamente calorici (junk food), che per le loro caratteristiche consentono di provare un intensa gratificazione ma che portano alla Il punto di vista della scienza Una recente ricerca sui ratti ha permesso di scoprire il meccanismo alla base del legame fra stress e fame: lo studio ha dimostrato che la grelina (l ormone che regola lo stimolo della fame) influenza non solo l appetito, ma anche la trasmissione degli impulsi nervosi alle aree cerebrali associate al piacere e all emissione di comportamenti di ricompensa Come affrontare il problema Per risolvere il problema è necessario partire dal riconoscimento delle emozioni che la fame nervosa maschera e che trovano sollievo tramite l assunzione di cibo. Per fare questo è utile tenere un diario sul quale segnare quando si verificano gli attacchi di fame, cosa si mangia in quei frangenti e quali emozioni si provano prima, durante e dopo. In questo modo chi soffre del problema può aumentare la propria autoconsapevolezza, comprendere meglio cosa gli dipendenza e all ingestione di una quantità veramente eccessiva di cibo, provocando spiacevoli effetti collaterali sia sulla salute sia sul fronte estetico portando il soggetto a sentirsi ancora più triste nel momento in cui constata un visibile aumento ponderale e/o una deformazione del proprio aspetto fisico. Chi sperimenta attacchi di fame nervosa a causa della rabbia, scarica le proprie frustrazioni sul cibo perché non riesce (o non prova nemmeno) a risolvere quello che gli causa disappunto e delusione. Di conseguenza, il cibo è utilizzato come mezzo per alleviare la tensione attraverso la masticazione (questo meccanismo è attivo anche in chi soffre di bruxismo e digrigna inconsapevolmente i denti a vuoto, senza introdurre in bocca del cibo), ma può anche servire come mezzo per attuare un aggressione indiretta a sé stessi o agli altri. Ne è un esempio la situazione in cui una donna che vuole vendicarsi sul proprio partner mangia fino ad ingrassare notevolmente per non piacergli più, come la situazione di chi si sente un fallito e in parte si lascia andare anche fisicamente, ma in parte si autopunisce per il proprio fallimento provocandosi un discreto aumento di peso e quindi un peggioramento dell immagine (azioni gratificanti volte a compensare uno stress o un dolore). Lo stress provocherebbe picchi nella produzione di grelina e, poiché quest ormone stimola sia la fame che la ricerca di gratificazione, porta a consumare alimenti compensatori altamente calorici, che contrastano la tensione e contribuiscono a ripristinare uno stato d animo piacevole. È stato infatti osservato che quando i livelli di sta accadendo e rintracciare un eventuale regolarità nella cadenza degli attacchi, eventualmente legata a circostanze esterne (per esempio, una signora potrebbe scoprire che le vengono forti attacchi di fame dopo aver ricevuto a cena persone che la mettono a disagio). Una volta individuate le circostanze che stimolano la comparsa della fame nervosa e le emozioni negative provate in quei momenti, il primo passo può essere quello di cercare delle strategie alternative per gestire ciò che provoca stress, rabbia e frustrazione. esteriore del proprio corpo. A volte questo meccanismo si instaura nell infanzia, a causa dell utilizzo da parte della madre del cibo come risposta alle manifestazioni di emozioni negative di ogni tipo (noia, dolore, rabbia, ) da parte del neonato e poi del bambino. Somministrare degli alimenti a un bambino che manifesta malessere, indipendentemente da quale sia questo malessere, per placarlo e tranquillizzarlo significa insegnarli che mangiare è la risposta alle sensazioni di disagio fisiche e psicologiche, e farne un adulto soggetto ad attacchi di fame in presenza di stress ed emozioni negative. A volte questo futuro adulto diventerà un soggetto obeso, altre no, ma in entrambi i casi avrà grosse difficoltà a distinguere e riconoscere le emozioni perché non lo avrà imparato al momento giusto, e cioè nella sua infanzia. Per questo motivo è importante che le madri non accorrano con la pappa appena i bambini emettono dei lamenti, ma che si sforzino di capire cosa sente il proprio piccolo e, così facendo, lo insegnino gradualmente anche a lui senza trascurare il fatto che anche il bambino può provare del malessere psicologico e non solo fisico. ormone della fame aumentano diminuiscono i sintomi d ansia e depressione, come se la ricerca di cibo gratificante assorbisse tutte le energie dell individuo e il malessere fosse così temporaneamente alleviato. I ricercatori ritengono che questo modello sia applicabile anche all uomo, perché quanto osservato in laboratorio è osservabile anche nei soggetti colpiti da attacchi di fame nervosa. In alcuni casi questo non è possibile ed è opportuno richiedere l assistenza di uno psicologo per fronteggiare la situazione e lavorare sulle cause del problema per risolverlo. L elemento indispensabile per sconfiggere la fame nervosa è sempre la disponibilità da parte di chi ne è colpito a riconoscere che non si tratta di un problema alimentare, se non secondariamente, ma di una forma di disagio psicologico che deve essere riconosciuto come tale e affrontato di conseguenza. Testo raccolto da Marina Dall Olio 8

9

10

11 medicina Quando il MAL DI TESTA COLPISCE il BAMBINO Massimiliano Valeriani Centro per lo Studio e la Cura delle Cefalee in Età Evolutiva Divisione di Neurologia Osp. Pediatrico Bambino Gesù (Roma) La cefalea o, come più comunemente viene definita, il mal di testa rappresenta un sintomo molto frequente non solo in età adulta, ma anche nel bambino. La cefalea rappresenta un problema particolarmente diffuso soprattutto nei bambini in età scolare: da alcune statistiche condotte in ambito scolastico risulta, infatti, che circa il 25% dei bambini riferisce di aver avuto almeno un episodio di mal di testa nel corso dell anno. Se per un adulto avere un episodio di cefalea viene generalmente percepito come un fatto normale, diversa è la situazione del genitore il cui figlio lamenti un dolore al capo. La prima domanda che dobbiamo porci è questa: è giusto prendere provvedimenti in caso di un unico episodio di cefalea? Seguono poi altri interrogativi: cosa fare se gli episodi di cefalea tendono a ripetersi? A quale medico bisogna inizialmente rivolgersi? Per rispondere a queste domande è necessario approfondire il problema, sia negli aspetti diagnostici che in quelli terapeutici. Tipi di cefalea Sarebbe innanzitutto più corretto sostituire il termine cefalea con cefalee. Questo perché vi sono molti tipi di cefalee, le cui implicazioni terapeutiche e la cui evoluzione sono completamente diverse. La prima importante distinzione è quella fra le cefalee primarie e le cefalee secondarie. Mentre le prime sono legate a una predisposizione costituzionale, nel caso delle seconde il mal di testa rappresenta semplicemente il sintomo di un malattia che deve essere identificata e curata. Quali sono le malattie che possono causare mal di testa? Sono molte e di diversa gravità: si va dal deficit della vista, dalle sinusiti e, più in generale, dalle infezioni delle prime vie aeree (sindromi influenzali, faringiti, riniti, ecc.), che sono le cause più comuni di cefalea secondaria pediatrica, fino alle patologie infiammatori meningo-encefalitiche e ai tumori cerebrali (per fortuna piuttosto rari in età pediatrica). La maggior parte dei casi di cefalea del bambino, soprattutto quelli in cui gli episodi di mal di testa tendono a ripetersi, sono classificabili nell ambito delle cefalee primarie. Due sono i tipi più comuni di cefalea primaria in età pediatrica: l emicrania e la cefalea tensiva. L emicrania rappresenta la più frequente cefalea primaria del bambino, almeno fino all adolescenza, ed è tipicamente dovuta ad una predisposizione genetica, testimoniata spesso dalla presenza di altri casi di emicrania nella famiglia di appartenenza. Può manifestarsi a qualsiasi età, finanche nei primi mesi di vita, anche se ovviamente i sintomi nella prima infanzia sono peculiari e, spesso, non includono il mal di testa. Tali sintomi vengono definiti come equivalenti emicranici e comprendono: il vomito ciclico, i dolori addominali ricorrenti, le vertigini parossistiche benigne, il torcicollo 11

12 medicina parossistico, i dolori ricorrenti agli arti inferiori (comunemente conosciuti come dolori di crescita ). Nel bambino più grande, invece, il sintomo dominante è il mal di testa, che generalmente è di intensità medio-forte, anche se talora, specie fino ai 6 anni di vita, di breve durata (anche 5-10 minuti). In alcuni casi il dolore interessa metà del capo ed è pulsante (spesso i bambini descrivono di sentire il cuore in testa ). Vi può essere poi la presenza di sintomi di accompagnamento, come il fastidio per la luce (fotofobia), per i rumori (fonofobia) e per gli odori (osmofobia), la nausea e il vomito, i dolori addominali, il pallore.) È poi caratteristico il fatto che durante l attacco emicranico il bambino appaia particolarmente abbattuto, a volte anche sonnolento, e interrompa le sue attività. Nella forma di emicrania con aura (molto più rara rispetto alla comune emicrania senza aura), addirittura il mal di testa è preceduto o accompagnato da veri e propri sintomi neurologici: disturbo della vista (visione di luci, offuscamento della vista, perdita transitoria di parte del campo visivo), formicolii e riduzione della sensibilità di un arto o di metà del corpo, difficoltà a muovere un arto o metà del corpo, disturbo del linguaggio. L altro tipo di cefalea primaria dell età pediatrica è, come detto, la cefalea tensiva, che interessa perlopiù l adolescenza. In questo caso il dolore è generalmente di intensità medio-lieve, bilaterale e costrittivo (come una morsa) ed è solo eccezionalmente associato a fotofobia, fotofobia e nausea. Spesso il paziente appare in grado di proseguire le sue attività. Un terzo tipo di cefalea primaria, molto raro in età pediatrica, è la cefalea a grappolo. Quest ultima si manifesta con episodi di dolore estremamente intenso, della durata di circa 30 minuti, a carico di una regione orbitaria. Spesso si associano nausea, vomito, fotofobia e fonofobia, lacrimazione intensa, arrossamento congiuntivale e finanche abbassamento della palpebra (ptosi). In questi bambini, il dolore tende a ripetersi con notevole regolarità quotidianamente, alla stessa ora (specie di notte), per un periodo generalmente variabile fra i 15 e i 30 giorni. Dove porto mio figlio se soffre di cefalea? La prima figura medica di riferimento, sia nel caso del singolo episodio di cefalea che in quello in cui gli attacchi di mal di testa tendono a ripetersi, dovrebbe essere rappresentata dal Pediatra di famiglia, il quale poi valuterà la necessità o meno di avviare un percorso diagnostico più complesso. Ovviamente, se il Pediatra diagnostica una chiara cefalea secondaria può inviare il bambino allo specialista di riferimento. La cefalea del bambino può essere curata? Per quanto riguarda le cefalee secondarie, è ovvio che la terapia deve essere indirizzata verso la causa del mal di testa (per esempio, la correzione della vista o un trattamento farmacologico per una sinusite). Pure nel caso delle cefalee primarie ci sono notevoli possibilità terapeutiche. A questo proposito, è estremamente importante premettere che qualsiasi scelta terapeutica deve essere fatta dietro controllo medico, perché se l automedicazione è sconsigliabile nell adulto, nel bambino può essere molto pericolosa! In generale vi sono due tipi di terapia delle cefalee primarie: 1. la terapia dell attacco 2. la terapia di profilassi. La prima consiste nell utilizzare tutti i mezzi, inclusi soprattutto quelli farmacologici, per ridurre il dolore del bambino. È importante eliminare il dolore sia da un punto di vista etico, sia perché il dolore non trattato tende a ripetersi e, quindi, a diventare cronico. Mentre nell adulto i farmaci di prima scelta nel trattamento dell attacco emicranico sono quelli appartenenti alla famiglia dei triptani, tali farmaci, ad accezione di uno prescrivibile per gli adolescenti di età superiore ai 12 anni, non sono autorizzati dal Ministero in età pediatrica. Quindi la terapia dell attacco di cefalea nel bambino si basa, quasi esclusivamente, sull uso dei comuni antiinfiammatori. Da quanto emerge dalla letteratura scientifica, il farmaco di prima scelta dovrebbe essere l ibuprofene alla dose di 10 mg/kg. La terapia di profilassi, che può essere o meno di tipo farmacologico, è indicata, a giudizio dello specialista del centro cefalee, Per esempio, nel caso di un bambino in cui il mal di testa compare sempre dopo uno sforzo visivo, come i compiti scolastici, sarà senz altro utile consultare l Oculista per una valutazione della vista, oppure se la cefalea è perlopiù associata a secrezioni nasali il bambino verrà inviato dall Otorinolaringoiatra nel sospetto di sinusite. Qualora, però, la causa della cefalea non sia così evidente e, soprattutto, non possa essere esclusa una cefalea primaria (come avviene nella maggior parte dei casi), il bambino dovrebbe essere inviato ad un centro cefalee specializzato per l età pediatrica. Ciò che in particolare è da evitare è l esecuzione casuale di esami diagnostici, spesso inutili o invasivi (per esempio l Rx dei seni paranasali o la TC del cranio), che spesso porta il piccolo paziente a sentirsi malato, con il rischio di peggiorare la sua cefalea. quando la frequenza e l intensità dei mal di testa siano tali da interferire con le attività quotidiane del bambino. Una buona terapia di profilassi, individualizzata su ciascun bambino, a seconda del tipo di cefalea, consente molto spesso al piccolo paziente e alla sua famiglia di cambiare vita (miglioramento del rendimento scolastico, ripresa dell attività sportiva, ecc.)! In conclusione, la cefalea dell età pediatrica non deve suscitare spavento, né, al contrario, deve essere accettata come qualcosa di inevitabile e incurabile. È importante invece che il bambino che soffre di mal di tesa sia valutato dal Pediatra, e poi eventualmente in un centro cefalee specializzato perché, come tutti i pazienti, anch egli ha diritto ad una diagnosi e ad una terapia. Testo raccolto da Marina Dall Olio 12

13

14

15 medicina STRESS OSSIDATIVO NEMICO DELLA PELLE Dott. Gian Paolo Baruzzi Esperto e consulente in Medicina estetica naturale, nutrizione e anti-aging Secondo gli ultimi studi scientifici l'invecchiamento dipende, per un terzo dei fattori, da cause genetiche, quindi da motivi endogeni, interni, in particolare da quello che è scritto nel nostro DNA, per il resto da cause esogene, esterne, cioè da fattori legati al nostro stile di vita. Tra i fattori esogeni di aging (invecchiamento) più importanti c'è sicuramente lo stress ossidativo ovvero l'eccessiva presenza di radicali liberi nell'organismo. Queste molecole derivano principalmente dall'ossigeno e sono caratterizzate dall'estrema instabilità per la presenza di un elettrone spaiato, cioè non legato ad un altro. Per questo sono altamente reattivi e in grado di reagire con molte delle sostanze che incontrano come proteine, grassi e DNA, alterandone la funzione e aumentando il rischio di malattie. Che cosa succede se i radicali liberi sono troppi I danni che lo stress ossidativo può creare possono riguardare sia la salute in generale, è infatti stata rilevata la presenza di un eccesso di radicali liberi in numerose patologie (come quelle cardiovascolari, quelle neurodegenerative o quelle metaboliche), sia l'estetica, favorendo il precoce invecchiamento della pelle. Pelle e radicali liberi Nella cute i radicali liberi possono aumentare per l'eccessiva esposizione ai raggi solari (foto-invecchiamento), per il fumo di sigaretta, per l'uso di alcuni farmaci (ad esempio la pillola anticoncezionale), a causa delle cattive abitudini alimentari o di intolleranze ad alcuni cibi o, infine, per lo stress. I danni che questi possono provocare sui tessuti possono interessare sia l'epidermide sia il derma e, soprattutto in quest'ultima area, si possono manifestare con un'alterazione dell'attività dei fibroblasti, le cellule che producono collagene ed elastina, con infiammazione e con un'attivazione delle metallo-proteasi, gli enzimi che degradano la matrice extracellulare, in pratica la zona su cui poggiano le cellule. Si può quindi presentare, a livello cutaneo, un quadro caratterizzato da una degenerazione delle fibre collagene ed elastiche, con una alterazione della regolare tramatura della pelle, disidratazione, formazione di teleangectasie, cioè di piccoli capillari, e di macchie. Se il processo ossidativo è particolarmente violento, i danni possono portare anche alla formazione di tumori cutanei. A livello estetico la pelle risulta inspessita, ruvida, dura, solcata da rughe profonde insieme ad altre piccole e superficiali che danno un'immagine del trascorrere degli anni più accentuata ed evidente. Come si misura lo stress ossidativo La diagnosi di stress ossidativo, che spesso viene richiesta anche in ambito medico estetico, è effettuata con una indagine di laboratorio che valuta sia la quantità di radicali liberi (droms test), sia l'entità di barriere antiossidanti (BAP test) presenti nel sangue. Se i risultati dell'esame fossero molto alterati, l'indagine potrebbe proseguire con il dosaggio di alcuni metaboliti che si producono qualora ci fossero veri e propri danni specifici al DNA, alle membrane cellulari o alle proteine strutturali. Accanto a queste indagini oggi è possibile effettuare anche degli specifici test genetici che permettono di conoscere se costituzionalmente si è suscettibili al danno da stress ossidativo. Cosa fare La terapia dello stress ossidativo viene effettuata con sostanze antiossidanti che sono in grado di bloccarne l'azione innalzando anche le barriere nei confronti dei radicali liberi. Tra i tanti principi attivi quelli più interessanti sono: il resveratrolo, l'acido alfa-lipoico, la papaya, il picnogenolo oltre alle varie vitamine A, C ed E. Il Resveratrolo fa parte del gruppo di molecole chiamate polifenoli. È presente nell'uva e quindi anche nel vino rosso. Gli studi su questa sostanza sono iniziati tempo fa a seguito della constatazione che i francesi, che consumando molti grassi saturi derivati dai formaggi, hanno un'incidenza di malattie cardiocircolatorie minore rispetto ad altre popolazioni, evidenziando quindi un "paradosso francese". Questo è stato messo in correlazione con il consumo di vino rosso che, contendo resveratrolo, ha un'azione di protezione su cuore e vasi. In generale il resveratrolo ha una spiccata capacità antiossidante, antinfiammatoria e di protezione del microcircolo. Ha anche un'azione di prevenzione dell'ossidazione delle LDL (il colesterolo cattivo), per questo da anni viene impiegato per la prevenzione di malattie cardiocircolatorie di origine infiammatoria (ad esempio l'aterosclerosi). Per aumentare l'azione anti-aging sulla pelle oggi vengono impiegati alcuni antiossidanti direttamente nei cosmetici. Tra questi ancora una volta troviamo il resveratrolo e l'acido alfa-lipoico, per la loro capacità antiossidante, ma anche di stimolo alla ristrutturazione cellulare. Infine, per impostare un buon programma antiossidante, non bisogna dimenticare l'alimentazione. Esistono molti alimenti ricchi di sostanze antiossidanti, in termini scientifici si parla di indice ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity), che possono essere considerati dei veri e propri integratori antiossidanti concentrati. Tutti i medici anti-aging che si occupano di prevenzione sono concordi nel ritenere che questi cibi andrebbero assunti regolarmente e in quantità, per mettersi al riparo dai danni che lo stress ossidativo può provocare sulla pelle come nell'organismo. Testo raccolto da Marina Dall Olio 15

16 IL SEGRETO DI BELLEZZA C È MA NON SI VEDE. La gamma completa di integratori per la cura della pelle con: Per tutti i tipi di pelle ARGAN Luminosità e colorito uniforme BORRAGINE ED ENOTERA Idratazione ACIDO IALURONICO Elasticità e resistenza COLLAGENE E ACIDO IALURONICO Compattezza e tono RESVERATROLO Antiossidante, azione intensa LA BELLEZZA DALL INTERNO

17 alimentazione Una mela al giorno Importanti studi evidenziano le proprietà di questo eccezionale frutto Dott.ssa Rebecca Marzocchi Specialista in Scienza dell Alimentazione (Bologna) Frutto succoso e appetitoso, apprezzato ampiamente da tutti, la mela vanta numerose proprietà curative, tanto da poterla ritenere una vera e propria farmacia della natura. Nonostante maturi a fine estate, grazie anche all'importazione da paesi esteri, la mela è ormai disponibile in ogni momento dell'anno e questo permette di usufruire delle sue innumerevoli proprietà in qualsiasi stagione. Perché fa tanto bene alla salute? Il segreto delle straordinarie proprietà nutrizionali e salutistiche della mela è in gran parte nascosto dietro una fibra solubile, chiamata pectina, di cui è particolarmente ricca. Infatti, una mela di media grandezza, se consumata insieme alla buccia, fornisce circa 4 grammi di fibre. La pectina, rallenta l assorbimento degli zuccheri e aiuta a tenere sotto controllo la glicemia, inoltre contribuisce ad abbassare il tasso di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue (fino al 16%) e ad Cosa c è in una mela? L 85% circa del peso di una mela è costituto dall'acqua, mentre dal 9% al 12% circa è costituito da zuccheri di diverso tipo, tra cui il fruttosio, che, in quantità ridotte, non richiede l utilizzo dell insulina e quindi non ha controindicazioni se consumata dai diabetici. Nella mela sono presenti vitamine molto importanti, come la vitamina A, B1, B2, C e PP, sali minerali e oligoelementi come calcio, aumentare la produzione di quello buono (HDL), per questo la mela è un frutto consigliato a chi soffre di malattie cardio-metaboliche (diabete mellito, ipercolesterolemia, insulino-resistenza, ictus, infarto ). cloro, ferro, rame, magnesio, zolfo, potassio, fosforo, iodio e silicio. La mela contiene anche acido malico (circa 0,6-1,3 grammi), eteri, tannini, alcoli, aldeidi e un elevato numero di terpeni, che rendono infinitamente vario il profumo e il sapore di questo eccezionale frutto. Da sottolineare è la quasi totale assenza di grassi e il modesto apporto calorico: circa 40 calorie per 100 grammi di parte edibile. 17

18 alimentazione La pectina, inoltre, se assunta cruda, aiuta a risolvere i problemi legati alla diarrea poiché i batteri intestinali la trasformano in un una specie di guaina lenitiva e protettiva per le pareti irritate dell intestino. Per combattere la stipsi, invece, basta consumare una mela cotta al giorno e gli effetti benefici sono riscontrabili in pochissimo tempo. La mela, mangiata cruda a fine pasto, non solo non fermenta come l altra frutta, ma ha Più mele, meno tumori: ecco cosa dice la ricerca Secondo una ricerca italiana svolta dall Istituto Tumori di Genova e pubblicata sugli Annals of Oncology (2005) la mela è un frutto che ha dimostrato di avere proprietà antitumorali, tanto che sembrerebbe in grado di diminuire del 20% il rischio di sviluppare queste patologie (al cavo orale, esofago, colon retto, mammella, ovaie e prostata) nelle persone che ne consumano abitualmente almeno una al giorno. L effetto antitumorale è dovuto alla procianidina (polifenolo), una sostanza antiossidante che riesce a contrastare in modo efficace l'invecchiamento delle cellule e, quindi, lo sviluppo dei tumori. Un successivo studio americano ha evidenziato che le varietà di mela più efficaci nella prevenzione tumorale sarebbero la Renetta, seguita dalla Stark Delicious e dalla Granny Smith. Le sostanze contenute nella buccia (triterpenoidi) di queste mele, avrebbero il potere di diminuire il rischio di sviluppare alcune tipologie di tumore (fegato, colon e seno) in quanto tali sostanze svolgerebbero un azione di contrasto per quanto riguarda la formazione delle cellule tumorali e, in alcuni casi, sarebbero anche in grado di eliminarle. L azione anti-cancro delle mele si deve anche alla presenza di vitamina C, dalle conosciute proprietà antiossidanti, e alla pectina, che durante la sua fermentazione produce acido butirrico, una sostanza che è alla base di alcuni farmaci sperimentali per la cura del cancro. L effetto antiossidante contribuisce anche alla riduzione del rischio di altre malattie, quali la diverticolosi del colon, le varici e alcune patologie degenerative. A proposito di quest ultime, il recente studio di un team di scienziati della Cornell University ha evidenziato il ruolo decisivo della quercetina, un altra potente sostanza antiossidante presente nelle mele, nella lotta contro le malattie neurovegetative. Nel corso della ricerca, gli scienziati statunitensi hanno riprodotto sui neuroni dei ratti di laboratorio il processo che si ritiene avvenga nelle cellule cerebrali dei malati di Alzheimer. Si è così rilevato che i neuroni immersi nella quercetina hanno subito danni significativamente inferiori rispetto a quelli riscontrati nelle cellule trattate con vitamina C o non trattate affatto. La vitamina C, oltre un azione digestiva grazie alla presenza di acido malico e citrico; inoltre, pulisce i denti e massaggia le gengive, grazie alle fibre e al contenuto di acido ossalico. alla sua azione antinvecchiamento, ha comunque numerose altre proprietà, tra cui quella di favorire l assimilazione del ferro, di promuovere il mantenimento di cartilagini, legamenti e ossa, di facilitare la cicatrizzazione e di aumentare la sintesi di anticorpi, con conseguente potenziamento delle difese immunitarie. Grazie alla sua presenza, i benefici della mela riguardano anche le vie respiratorie, con effetti che sembrano addirittura superiori a quelli apportati dagli agrumi, che sono spesso considerati la miglior difesa dell organismo agli agenti esterni. Recenti studi (americani ed europei) hanno dimostrato che i bambini affetti da asma, ma che bevono succo di mela quotidianamente soffrono meno di attacchi rispetto ad altri che ne bevono in minor quantità o solo saltuariamente. Gli stessi studi hanno anche dimostrato che i bambini nati da mamme che durante la gravidanza hanno consumato una maggiore quantità di mele hanno meno probabilità di soffrire di asma degli altri. Alcuni studiosi francesi invece hanno scoperto che solo nelle mele è contenuto un particolare tipo di flavonoidi (chiamati phloridzin) in grado di aumentare la densità ossea e prevenire l'osteoporosi. Un frutto che non deve mai mancare sulla tavola La mela vanta anche un buon potere diuretico: è un leggero stimolante dei reni e fa bene a chi ha calcoli renali, oppure a chi ha una insufficiente emissione di urina (oliguria); può essere consumata in abbondanza dalle persone sofferenti di tutte le manifestazioni di artriti, come nella gotta, nel reumatismo cronico. Per il suo contenuto di vitamine del gruppo B, la mela aiuta a combattere la stanchezza, l inappetenza e il nervosismo (vitamina B1), protegge la mucosa della bocca e quella intestinale, rinforza le unghie e i capelli (vitamina B2). La vitamina A contenuta nella mela le conferisce la proprietà di favorire la secrezione del muco intestinale, il quale contiene un enzima che ha un azione "litica", ossia distruttiva dei batteri infettivi dell'intestino, con un conseguente effetto disinfettante intestinale. È proprio vero, quindi, che mangiare una mela al giorno leva il medico di torno! Testo raccolto da Marina Dall Olio 18

19 informazione pubblicitaria Controllo della placca dentaria: strategie e strumenti per il successo Il controllo della placca dentaria rappresenta la condizione fondamentale per il mantenimento della salute di denti e gengive. Si può parlare di controllo meccanico, quando la rimozione dei depositi è eseguita, ad esempio, con l uso di strumenti come spazzolino o filo interdentale, e di controllo chimico, quando la formazione della placca è impedita dall utilizzo di principi attivi farmacologici. Lo spazzolino rappresenta lo strumento chiave dell igiene meccanica. Il suo ruolo è fondamentale nella disgregazione quotidiana della placca, e impedisce che questa si accumuli, bloccando sviluppo di infiammazioni gengivali e carie. Non tutti gli spazzolini però possono offrire la medesima efficacia pulente: le condizioni orali possono essere infatti variabili da paziente a paziente, e occorre scegliere uno spazzolino che possa adattarsi correttamente alla situazione anatomica e/o patologica dell utilizzatore e in grado di poter far compiere facilmente i 4 gesti fondamentali per una buona igiene meccanica: spazzolare, eliminare, rimuovere, risciacquare. Il controllo chimico della placca può essere eseguito con l utilizzo di principi attivi, per lo più in forma di collutori, dentifrici o spray, fra i quali possiamo ricordare la clorexidina, gli oli essenziali, i derivati del fluoro, il triclosan, il delmopinolo, la benzidamina. Dobbiamo innanzitutto distinguere fra collutori per uso terapeutico vero e proprio, consigliati dal dentista generalmente per brevi periodi dedicati al trattamento di patologie, e collutori per utilizzo quotidiano acquistati dal paziente su consiglio di dentista o farmacista, o per scelte personali. Fra i collutori ad uso terapeutico, la clorexidina rappresenta ancora oggi il prodotto più efficace nel controllo chimico della placca perché è in grado di legarsi alle mucose orali, allo smalto dei denti e anche ai batteri, e viene lentamente rilasciata mantenendo concentrazioni efficaci per circa ore. Tuttavia può rappresentare alcuni fastidiosi effetti collaterali, tra questi il più diffuso è senz altro la pigmentazione brunastra, che si verifica sulla superficie di denti naturali, restauri o protesi dopo l utilizzo di tale principio attivo a concentrazione elevata (0,20% o superiore). Ora la ricerca scientifica ha permesso di mettere a punto formulazioni che possono eliminare questo fastidioso effetto collaterale. Curasept ADS è un rivoluzionario collutorio alla clorexidina che contiene un sistema antipigmentazione brevettato che si chiama ADS (Anti Discoloration System). Il sistema ADS non inibisce invece l attività della clorexidina, che rimane inalterata, così come l efficacia contro la placca di tutti i prodotti che contengono il sistema ADS unito alla clorexidina, come collutori, gel, spray e dentifrici. Il collutorio Curasept ADS è stato oggetto di molti studi clinici che ne hanno dimostrato l efficacia, sia come antisettico, sia riguardo all efficacia contro le macchie e ad oggi è il collutorio alla clorexidina più venduto in Italia. In caso di patologie e per periodi brevi di utilizzo, sempre più pazienti ricorrono a collutori da usare quotidianamente per migliorare la propria igiene orale. Tra tutti i principi attivi indicati, quelli che possono vantare la ricerca scientifica più rilevante sono sicuramente gli Oli Essenziali. Soprattutto la combinazione di 4 oli essenziali usati da quasi 150 anni (mentolo, eucaliptolo, timolo e metilsalicilato) si è rivelata talmente efficace, che è giunta praticamente invariata fino a noi. Curasept Daycare è un collutorio esclusivo prodotto da Curaden Healthcare, che raccoglie tutti i benefici clinicamente dimostrati degli oli essenziali più studiati, ma con un attenzione in più alla sicurezza anche in caso di utilizzo prolungato. Infatti, nelle formulazioni di Curasept Daycare sono stati eliminati gli altri componenti che hanno destato allarmismo nella comunità scientifica, in particolare l alcool etilico e i detergenti schiumogeni (Sodio Lauril Solfato o il Sodio LaurEtere Solfato), spesso presenti in shampoo, saponi e detergenti e causa di arrossamenti, desquamazioni e prurito. Curasept Daycare ha fatto dell assenza di questi composti irritanti e aggressivi uno dei suoi maggiori punti di forza. Spazzolino Curasept Daycare Sensitive: manico ergonomico, setole morbide e delicate, ma con alta efficacia pulente. Dott. Matteo Basso Responsabile Centro di Riabilitazione Orale Mininvasiva ed Estetica (CROME) Università degli Studi di Milano IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi (Milano)

20 PufaGenics TM Olio di pesce ultra puro, stabile e naturale, ricco di acidi grassi omega-3 COMPOSIZIONE NATURALE Da pesce pescato nelle acque dell oceano PESCA ECOSOSTENIBILE Certificazione Friend of the Sea (Ecolabel) Rispetto delle risorse ittiche Totale controllo della filiera produttiva ULTRA PURO Assenza di pesticidi e metalli pesanti Unico e riconosciuto processo di purificazione degli oli STABILE Stabillizzato con processo brevettato Composizione: Composizione: Composizione: 1000 mg / gellula 500 mg / gellula 500 mg / gellula EPA 300 mg DHA 200 mg DHA 74 mg DHA 200 mg Vit. E 2,1 mg (17,5% AGR*) EPA 18 mg Vit. A 0,4 mg (50% AGR*) Vit. D 2,5 µg (50% AGR*) Vit. E 6 mg (50% AGR*) AGR* = Apporto Giornaliero Raccomandato

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli