Seminari. Mobilità elettrica a Firenze oggi e domani. Seminari di confronto e test drive di mezzi elettrici e soluzioni innovative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Seminari. Mobilità elettrica a Firenze oggi e domani. Seminari di confronto e test drive di mezzi elettrici e soluzioni innovative"

Transcript

1 Seminari Mobilità elettrica a Firenze oggi e domani Seminari di confronto e test drive di mezzi elettrici e soluzioni innovative COMUNE DI VENEZIA Mobility Management di Area Comunale Iniziative di promozione della mobilità elettrica nel comune di Venezia Ing. Enrico Tonello Mobility Manager di Area del Comune di Venezia Firenze, 22 settembre 2012

2 PREMESSA L Ufficio del Mobility Manager nasce da una convenzione tra gli enti Comune di VENEZIA e PROVINCIA DI VENEZIA È OPERATIVO DAL 14 OTTOBRE 2002 ha goduto di finanziamento del Ministero dell Ambiente per il primo biennio di funzionamento 2

3 MOBILITY MANAGEMENT DI AREA COMUNALE ISTITUZIONE DELL UFFICIO PRESSO LA DIREZIONE MOBILITA Il Comune di Venezia ha ritenuto utile ed opportuno istituirlo formalmente presso la Direzione Mobilità con Delibera di Giunta nr. 207 del 5 aprile NOMINA DEL MOBILITY MANAGER DI AREA COMUNALE Con Decreto del Direttore della Mobilità P.G. 2007/ del 16 aprile 2007 l ing. Enrico Tonello è stato incaricato delle seguenti funzioni: Mobility Manager di Area Comunale Mobility Manager Aziendale dell ente Comune di Venezia 3

4 IL MOBILITY MANAGEMENT NEL COMUNE DI VENEZIA LA NOMINA DEI MM AZIENDALI Comune di Venezia MOBILITY MANAGER AZIENDALI NEL COMUNE DI VENEZIA 49 MOBILITY MANAGER AZIENDALI di Comuni o Enti/Imprese extra capoluogo coordinati dall'ufficio Mobility Manager della Provincia di Venezia 14 TOTALE MOBILITY MANAGER AZIENDALI AREA VENEZIANA 63 NUMERO TOTALE DIPENDENTI ATTUALMENTE COINVOLTI NEL COMUNE DI VENEZIA : NUMERO TOTALE DIPENDENTI COINVOLTI COMUNI AREA PROVINCIALE EXTRA CAPOLUOGO: NUMERO TOTALE DIPENDENTI ATTUALMENTE NELL AREA VENEZIANA:

5 INIZIATIVE DA INTRODURRE NEI PSCL 1. Incentivazione all uso dei mezzi di trasporto pubblico sia per gli spostamenti sistematici, sia per quelli erratici. 2. Coordinamento e promozione dell intermodalità (integrazioni tariffarie). 3. Razionalizzazione dell uso dell auto privata (car-sharing, carpooling). 4. Riduzione/controllo delle emissioni inquinanti dei veicoli privati nelle Aree urbane (bollino blu, trasformazioni GPL/Metano). 5. Diffusione dei mezzi di trasporto e carburanti a basso impatto ambientale (veicoli elettrici/ibridi, distributori GPL/Metano). 6. Promozione degli spostamenti ciclabili. 7. Finanziamento delle iniziative. 5

6 1. INCENTIVAZIONE ALL USO DEI SERVIZI DI TPL PROMOZIONE ABBONAMENTI ANNUALI TPL E stata stipulata con Actv, ATVO, Trenitalia, Sistemi Territoriali, APS Mobilità, BUSITALIA (ex SITA), ACTT e AVM una convenzione che permette ai dipendenti degli enti/imprese aderenti l acquisto di titoli di viaggio annuali con addebito sullo stipendio con modalità rateizzata. 6

7 1. INCENTIVAZIONE ALL USO DEI SERVIZI DI TPL ABBONAMENTI ATTIVI EMESSI NEL 2011 ACTV Trenitalia ATVO Sistemi Territoriali APS SITA ACTT TOTALE ABB ANN TOT DIP % Provincia di Venezia % Comune di Venezia % Regione Veneto % Università Ca' Foscari % VERITAS % FINCANTIERI C.N.I % Università IUAV Venezia % Altri enti/imprese (18) % TOTALE % TOTALE ABBONAMENTI ANNUALI ATTIVATI VOLUME ECONOMICO COMPLESSIVO ANNUALE TITOLI EMESSI > ,00 7

8 5.2 DIFFUSIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO E CARBURANTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE DIFFUSIONE DI NUOVI MEZZI DI TRASPORTO AD IMPATTO AMBIENTALE BASSO E stato stipulato con CIVES (Commissione Italiana Veicoli Elettrici Stradali del Comitato Elettrotecnico Italiano) un Protocollo d intesa che incentiva produttori/importatori di veicoli ELETTRICI o IBRIDI di qualsiasi tipo (autoveicoli, motoveicoli, biciclette a pedalata assistita, etc.) a garantire a tutti i dipendenti degli enti/imprese aderenti sconti sui prezzi di listino e qualità dei prodotti. Possibilità da parte dei produttori e importatori/distributori di aderire al Protocollo d Intesa attraverso accreditamento, con termine il 31/12/2004, come indicato nel sito internet dell Ufficio 8

9 3.2 RAZIONALIZZAZIONE DELL USO DELL AUTO PRIVATA SPERIMENTAZIONE DI VEICOLI CAR SHARING UTILIZZATI PER GLI SPOSTAMENTI DI SERVIZIO E PER QUELLI CASA-LAVORO Sottoscritta la convenzione con AVM S.p.A. per promuovere l utilizzo di autoveicoli car-sharing con alimentazione a basso impatto: per gli spostamenti di servizio degli enti/imprese aderenti al coordinamento d Area; per gli spostamenti lavoro-casa-lavoro dei dipendenti degli enti/imprese; con la creazione di nuovi parcheggi car-sharing presso gli enti/imprese con autovetture a doppia alimentazione e obbligo di presa e consegna al parcheggio di origine. 9

10 3.2 RAZIONALIZZAZIONE DELL USO DELL AUTO PRIVATA SPERIMENTAZIONE DI VEICOLI CAR SHARING PER GLI SPOSTAMENTI CASA-LAVORO Agevolazioni per enti/imprese e loro dipendenti: 1. CARD di adesione al servizio rilasciata gratuitamente ai dipendenti degli enti/imprese aderenti invece di 20,00; 2. Quota associativa annuale di adesione al servizio gratuita per il dipendente invece di 50,00; 3. Per le auto concesse in uso esclusivo agli enti/imprese per gli spostamenti di servizio, i dipendenti, al di fuori delle fasce di uso aziendale, potranno utilizzarle con le seguenti tariffe scontate: Sconto del 20% sulla tariffa oraria accordata alla generalità (2,40 / ora invece di 3,0 IVA compresa); Sconto del 10% sulla tariffa chilometrica accordata alla generalità (0,387 / km invece di 0,43 IVA compresa). 10

11 IL CAR-SHARING A VENEZIA 1/3 GESTORE DEL SERVIZIO AVM S.p.A. (Azienda Veneziana Mobilità) Nasce come sperimentazione al Lido di Venezia con macchine elettriche (600 elettra). Nel 2001 il servizio viene attivato anche in terraferma. Attualmente sono presenti 13 punti prelievo/rilascio in terraferma ed 1 al Lido di Venezia: 1. Autorimessa Comunale AVM SpA P.le Roma Venezia; 2. Aeroporto Marco Polo - Tessera - Venezia (zona partenze); 3. Park A.V.M. S.p.A. P.le Candiani - Mestre Venezia; 4. Piazzale Leonardo da Vinci - Mestre Venezia; 5. Viale Garibaldi (Largo Garibaldi - angolo via Oberdan) - Carpenedo - Mestre Venezia; 6. V.le S. Marco, n. 154 (vicinanze Tribunale Ordinario) - Mestre - Venezia 7. V.le Ancona (fronte civico n. 20) - Mestre - Venezia; 8. Via Torino (tra i civici 103 e 105) Mestre Venezia; 9. V.le Venezia (fronte civico n.5) vicino stazione ferroviaria Mestre - Venezia; 10. Via Ulloa vicino sottopasso ferroviario Marghera - Venezia; 11. P.le del Municipio - Marghera - Venezia; 12. VEGA Parco Scientifico Tecnologico (NoOne Way); 13. Nuovo Ospedale di Mestre; 14. Lido di Venezia - Gran Viale S. Maria Elisabetta (NoOneWay). 11

12 GESTORE DEL SERVIZIO IL CAR-SHARING A VENEZIA 2/3 AVM S.p.A. (Azienda Veneziana Mobilità) Tra il 2007 e il 2009 il servizio ha visto una crescita di percorrenze, e la flotta ha toccato nel 2008 il massimo di auto disponibili passando da 49 a 54. Al servizio sono abilitati oltre 3500 utenti (tessere) di questi oltre 700 sono aziende. Gli abilitati alla guida sono oltre NUMERO UTENTI/CARD ATTIVE AUTO IN FLOTTA PARK DISPONIBILI CORSE EFFETTUATE KM PERCORSI ORE DI UTILIZZO

13 IL CAR-SHARING A VENEZIA 3/3 LA FLOTTA (49 Autoveicoli) n. 2 Mercedes Smart n. 12 Fiat Panda (a metano e benzina) n. 3 Ford Ka n. 4 Opel Corsa n. 3 Opel Agila n. 5 Opel Zafira a metano e benzina n. 6 Fiat Punto a metano e benzina n. 3 Opel Tigra (1) n. 2 Fiat Doblò (dotati di pedana per il trasporto disabili) (2) n. 2 Fiat Doblò Cargo (per trasporto materiali e merci) (3) n. 4 Fiat 500 n. 2 Toyota Prius (ibride benzina ed elettrico con cambio automatico) n. 1 Citroen C-zero (elettrica) 13

14 IL CAR-SHARING A VENEZIA 3/3 POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO CON AUTOVEICOLI ELETTRICI Dai primi mesi del 2012 è stata inserita in flotta anche un auto elettrica (Citroen C0) quale sperimentazione sull affidabilità di questa tipologie di autovetture. Da un analisi del servizio si evince che: Ipotizzando che le giornate di utilizzo effettivo siano (52*5) = 260 i km medi giornalieri per ciascuna auto sono /(260*48)=82,92 al di sotto dell autonomia dei km segnalati dai produttori di veicoli elettrici. AVM sta valutando di potenziare il servizio con l introduzione in flotta di ulteriori 6 autoveicoli elettrici con il co-finanziamento di fondi resi disponibili dal Ministero dell Ambiente la cui erogazione è gestita da ICS (Iniziativa Car Sharing). 14

15 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL PASSATO 1/2 QUADRICICLI ELETTRICI AI PARCHEGGI SCAMBIATORI La Regione Veneto ha destinato ,00 al progetto-pilota presentato dal Comune di Venezia che si è posto l obiettivo di introdurre l utilizzo di una flotta di veicoli elettrici a servizio degli dei parcheggi utenti scambiatori del centro urbano di Mestre in sostituzione delle auto ad alimentazione convenzionale. Il progetto ha previsto inizialmente la costituzione di un parco mezzi composto da n. 22 veicoli elettrici con la dotazione di un servizio di tracking system per il monitoraggio della flotta. L iniziativa ha riscosso notevole successo presso gli utenti ed ha ottenuto una menzione di merito in tema di politiche per la sicurezza dei cittadini, nel corso del Forum nazionale della Pubblica Amministrazione premio Regionando

16 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL PASSATO 2/2 FINANZIAMENTO BICICLETTE A PEDALATA ASSISTITA Come molte altri Comuni anche Venezia ha avuto finanziamenti regionali per promuovere l acquisto di biciclette a pedalata assistita. DGR 2908/2005: , B.P.A. DGR 3206/2006: 50,500, B.P.A. DGR 4311/2007: , B.P.A. Per i residente in Comune di Venezia. Le biciclette a pedalata assistita hanno trovato apprezzamento soprattutto: nelle persone anziane ove la pedalata assistita elettricamente può diventare un aiuto per continuare a muoversi autonomamente nell ambito urbano; nelle persone con un elevata sensibilità ambientale che hanno visto in questo mezzo una valida alternativa al motorino o allo scooter. 16

17 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL PRESENTE BIKESHARING ANCHE CON BICI A PEDALATA ASSISTITA E in itinere il potenziamento del servizio di Bike Sharing con la possibilità di fruire anche di biciclette a pedalata assistita. Il progetto prevede al realizzazione di ulteriori 5 ciclo stazioni e l elettrificazione per ogni stazione, nuova ed esistente (14 in totale), di 1-2 colonnine per la ricarica di biciclette a pedalata assistita. 17

18 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL FUTURO 1/2 SPERIMENTAZIONE PROTOTIPO e-bike 0 E intenzione dell Amministrazione presentare al Ministero dell Ambiente la manifestazione di interesse per la sperimentazione del prototipo di bicicletta a pedalata assistita ad alto rendimento e ad emissioni zero (e-bike 0) La manifestazione di interesse va da un minimo di 10 a un massimo di 100 biciclette a pedalata assistita. Il loro utilizzo a Venezia, oltre ad essere date in uso agli uffici del Comune per gli spostamenti di servizio, potrebbe essere quello di utilizzare questi mezzi nel servizio BikeSharing elettrico di prossima realizzazione 18

19 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL FUTURO 2/2 COLONNINE DI RICARICA PER LE AUTO ELETTRICHE SIA AD USO PUBBLICO SIA PRIVATO E stato approvato un atto di indirizzo da parte dell Amministrazione che affida ad AVM S.p.A. la predisposizione di un progetto in condivisione con il Comune per la promozione della mobilità elettrica. E in previsione la realizzazione di 30 colonnine di ricarica per auto elettriche che si pensa di collocare: Ai parcheggi scambiatori dove ogni colonnina a ricarica «lenta» dovrà servire almeno 2 stalli uno riservato CarSharing elettrico e uno per i veicoli privati; In zone più centrali a ricarica «veloce» a uso dei veicoli CarSharing e privati auspicando «sosta breve». 19

20 MOBILITA ELETTRICA IN COMUNE DI VENEZIA IL FUTURO 3/3 20

21 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKE SHARING Bike Sharing VENEZIA Bike Sharing VENEZIA Il nuovo modo di vivere la tua città. Comodo, facile, veloce. 21

22 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKE SHARING Bike Sharing VENEZIA - DOVE STAZIONE Stazione di Mestre n.20 posti bici POERIO ROSA Incrocio tra Via Poerio Via Rosa Via Verdi n. 10 posti bici 3 PIAZZALE ALTINATE Via Caneve, P.le Altinate n.14 posti bici CIRCONVALLAZIONE Via Circonvallazione n. 14 posti bici 5 PIRAGHETTO Zona Parco Piraghetto n.10 posti bici 1 CICLOSTAZIONI Viale Ancona Palaplip Piazza Pastrello - Favaro Via Miranese - Cadoro Rione Pertini - Bissuola 1 4 PISTE CICLOPEDONALI CIMITERO Parcheggio Cimitero, Via S.M. Battuti n. 10 posti bici VILLA TIVAN Villa Tivan lungo il Terraglio n. 10 posti bici PIAZZA DEL MUNICIPIO Piazza del Municipio Marghera n. 12 posti bici CASONA Parco Albanese, ingresso di Via Casona n. 10 posti bici PISTE CICLABILI 22

23 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKESHARING Bike Sharing VENEZIA COME FARE Recati presso gli uffici di ASM in Piazzale Candiani per abilitare il tuo IMOBed effettuare la prima ricarica. Il prelievo e la riconsegna delle biciclette avvengono solo utilizzando il proprio IMOB. Il servizio èattivo 24 ore su 24, presso tutte le 9 ciclostazioni. 23

24 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKESHARING Bike Sharing VENEZIA il servizio Bike Sharing nella terraferma del comune di Venezia Il servizio è stato avviato il 22 settembre 2010 con il primo nuclo di ciclostazioni: 9 ciclostazioni; 110 cicloposteggi; 70 biciclette ad uso pubblico; Dislocate nell area centrale di Mestre e Marghera attivato nel 2010, Bike Sharing al Lido di Venezia Nell estate 2011, per promuovere gli spostamenti ciclabili, in particolare, durante il Festival Internazionale del Cinema, al Lido di Venezia sono state realizzate: 2 ciclostazioni (P.zza Santa Maria Elisabetta e Palazzo del Cinema); 27 cicloposteggi; 15 biciclette ad uso pubblico. 24

25 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKESHARING Bike Sharing VENEZIA Servizio 2011 in sintesi 9+2 = 11 ciclostazioni; = 137 cicloposteggi; 561 tessere attivate (IMOB+Tessere speciali Festival del Cinema); Corse effettuate (16,2 Corse/abbonato anno); ore di utilizzo (14 Ore utilizzo/abbonato anno); 1,28 % Percentuali di utilizzo delle bici sulle 24h. 25

26 BIKE SHARING CON BICICLETTE ELETTRICHE Il Comune di Venezia ha realizzato un piano di espansione delle ciclo stazioni, finalizzato all implementazione delle biciclette a pedalata assistita tra quelle tradizionali in dotazione nelle ciclo stazioni; Il progetto prevede al realizzazione di ulteriori 5 ciclo stazioni e l elettrificazione per ogni stazione, nuova ed esistente, di 1-2 colonnine per la ricarica di biciclette a pedalata assistita; Finanziamento proveniente dal Ministero dell Ambiente 26

27 6.2 MOBILITA CICLISTICA: IL BIKESHARING 27

28 7. FINANZIAMENTO DELLE INIZIATIVE PROPOSTA DI DEFISCALIZZAZIONE TOTALE DEI BENEFIT ACCORDATI AI DIPENDENTI NELL AMBITO DELLE AZIONI PREVISTE DAI PSCL Per favorire l attuazione delle azioni previste dai PSCL, ci si è attivati per ottenere il riconoscimento della totale irrilevanza reddituale di somme, valori e beni resi disponibili ai dipendenti nell ambito delle azioni previste nei PSCL, attualmente consentita solo per i servizi di bus-navetta aziendali. Nel 2004 è stata prodotta una proposta di modifica del D.P.R N.917 appoggiata da tutti i parlamentari eletti nei collegi del territorio provinciale. Una analoga iniziativa di detassazione dei costi sostenuti dagli utenti del TPL è contenuta nel Piano Regionale per la Tutela e il Risanamento dell Atmosfera. 28

29 7.1 FINANZIAMENTO DELLE INIZIATIVE APPLICABILITA DELL IRRILEVANZA REDDITUALE PER I BENEFIT ACCORDATI AI DIPENDENTI FINO A 258,23 Nel 2004 l Ufficio del MM di Area, ha verificato, con parere positivo dell Ufficio delle Entrate di Venezia, l applicabilità dell art. 51 comma 3 del D.P.R N.917 anche alle somme erogate, ai valori dei beni resi disponibili e ai servizi forniti dal datore di lavoro, con specifico riferimento a benefit da questo concessi ai dipendenti per gli spostamenti casalavoro entro il valore di 258,23. 29

30 COME NASCE L IDEA L DEL BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE QUANDO CONVENZIONI E PACCHE SULLE SPALLE NON BASTANO PIU L Ufficio del MM di Area di Venezia ha quindi completato il percorso classico, che procede al coinvolgimento dei dipendenti con le buone pratiche promuovendole attraverso le scontistiche ottenute con l approccio del gruppo di acquisto ed è giunto al punto in cui è necessario usciere dalla logica attendista del contributo pubblico per promuovere l autofinanziamento delle iniziative attraverso una forma di incentivazione economica del dipendente per spingerlo concretamente a scegliere modalità di spostamento lavorocasa-lavoro sostenibili. 30

31 PERCHE IL BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE Le iniziative predisposte dall Ufficio di Area per facilitare i Mobility Manager Aziendali nell introduzione di azioni volte a coinvolgere i loro colleghi dipendenti nel modificare le pratiche di spostamento casa-lavoro verso modalità maggiormente sostenibili, purtroppo, necessitano di un supporto organizzativo non trascurabile. Proprio queste necessità operative, soprattutto in ambiti aziendali privati, sono di ostacolo all introduzione delle iniziative stesse (ad es. abbonamenti annuali rateizzati nello stipendio). Gli enti/imprese, generalmente, erogano ai loro dipendenti contributi per il pranzo (Buoni Pasto) e quindi sono già attrezzati per la loro gestione. Il Buono della Mobilità Sostenibile si ispira al Buono Pasto; nel loro insieme i Buoni rispondono a due esigenze fondamentali dei lavoratori: Mangiare tutti i giorni; Spostarsi per raggiungere il luogo di lavoro. 31

32 COS E IL BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE è un voucher prepagato, da distribuirsi ai dipendenti di enti e imprese per iniziativa del datore di lavoro valido per l acquisto di beni e servizi connessi allo sviluppo di forme di mobilità sostenibile il Comune di Venezia, con deliberazione della Giunta n. 284 del , nell ambito delle iniziative di sostegno alle politiche di mobilità sostenibile ha deciso di istituire il Buono della Mobilità Sostenibile per l incentivazione degli spostamenti sistematici casa-lavoro con mezzi e/o modalità sostenibili Il Buono della Mobilità Sostenibile permette l introduzione delle iniziative di Mobility Management rese disponibili dal MM di Area e ne promuove l adozione da parte dei dipendenti degli enti/imprese perché incentivati economicamente. 32

33 FISCALITA E BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE CONVENIENZA PER GLI ENTI/IMPRESE E I DIPENDENTI L ente/impresa erogante il Buono della Mobilità Sostenibile, può detrarre quali costi aziendali, gli importi erogati a favore dei dipendenti nell anno fiscale; I dipendenti, se l importo complessivo del Buono risulta non superiore ai 258,23 Euro (ex Lit.) godrà, in applicazione dell art. 51 comma 3 del D.P.R N.917, dell esclusione di tale somma dal cumulo dei redditi tassabili. In altre parole l esborso aziendale è interamente spendibile dal dipendente. 33

34 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE LE SPECIFICHE PRINCIPALI DEL VOUCHER 1/2 Valore facciale da 1 a 258,00 Euro (IVA compresa) personalizzabile; Personale, non cedibile ne commerciabile in analogia al Buono Pasto; Beni acquistabili: Veicoli: mezzi di trasporto a basso impatto ambientale (biciclette, biciclette a pedalata assistita e ciclomotori elettrici, etc.); autovetture a doppia alimentazione (metano o GPL); trasformazione di autovetture da singola a doppia alimentazione (seconda alimentazione al minimo metano o GPL); Carburanti: carburanti a basso impatto ambientale (metano e/o GPL) con valido sistema antielusione che ne impedisca l utilizzo per l acquisto di carburanti convenzionali (benzina e gasolio); Altri beni connessi alla Mobilità Sostenibile. 34

35 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE LE SPECIFICHE PRINCIPALI DEL VOUCHER 2/2 Servizi: TPL: titoli di viaggio servizi automobilistici, di navigazione e ferroviari sia regionali che nazionali (VE VE; PD VE; TV VE); Trasporto Pubblico Individuale: TAXI e noleggio autovetture con conducente; Car-sharing; Sosta a pagamento: solo per autovetture a doppia alimentazione, elettriche o a ridotte emissioni; Controllo emissioni inquinanti: rilascio bollino blu per autovetture a doppia alimentazione; Altri servizi connessi alla Mobilità Sostenibile. Treno Tram Taxi Bollino blu Sosta Car-Sharing Autobus Navigazione Buono della mobilità 35

36 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE I PROGETTI PRESENTATI Tre aziende hanno presentato progetti per la produzione del Buono della Mobilità Sostenibile. Le due aziende che hanno presentato progetti conformi al bando e meritevoli di patrocinio sono: Qui! Ticket Service Accor Services Italia 36

37 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE L AVVIAMENTO DEI PROGETTI PRESENTATI 1/2 Il Comune di Venezia ha provveduto a sottoporre alle aziende che hanno presentato i progetti meritevoli di patrocinio l ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL BUONO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE che permette: di fregiarsi del Patrocinio del Comune di Venezia sull iniziativa; di poter utilizzare il Gonfalone del Comune di Venezia e il logo dell Ufficio Mobility Manager di Area Comunale sui materiali informativi e sul Voucher; di poter fruire del supporto dell Ufficio di Area per la presentazione ai potenziali fornitori dell iniziativa per il perfezionamento delle convenzioni; Accordi stipulati l 11 aprile

38 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE L AVVIAMENTO DEI PROGETTI PRESENTATI 2/2 Sei mesi per la stipula di tutte le convenzioni per la fornitura di beni e servizi che sono stati indicati nei rispettivi progetti (entro 10/10/2008). Al termini dei sei mesi ogni azienda fornirà resoconto al Comune di Venezia Direzione Mobilità Ufficio Mobility Manager delle Convenzioni effettivamente stipulate. Sarà cura dell Ufficio di Area procedere a verificare la rispondenza di quanto promesso nel progetto e di quanto effettivamente realizzato. Il Comune di Venezia potrà revocare il Patrocinio, l uso dei loghi etc. etc. nel caso di sostanziale difformità dal progetto presentato. 38

39 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DISPONIBILITA DEL BUONO Il Buono della Mobilità Sostenibile sarà disponibile e fruibile dai dipendenti degli enti/imprese che hanno aderito alle iniziative di Mobility Management promosse dall Ufficio di Area Comunale che volessero introdurlo indicativamente dal mese di ottobre Più realisticamente, si presume che il Buono potrà essere introdotto dai primi enti/imprese nell anno Il Comune di Venezia, nell ambito delle iniziative di sostegno alle politiche di mobilità sostenibile, per favorire l introduzione del Buono, con deliberazione della Giunta n. 284 del , oltre a promuoverne la produzione ha previsto di rendere disponibili ,00 Euro quale incentivo agli enti/imprese aderenti che lo introdurranno per i loro dipendenti quale contributo percentuale sul valore facciale. 39

40 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE CRITICITA SULL ATTUALE REGIME FISCALE Limite massimo Euro 258,23 (ex Lit): che è complessivo sia per il Buono della Mobilità Sostenibile, sia per altri benefit concessi ai dipendenti quale il BUONO REGALO utilizzato in alcune imprese in sostituzione degli omaggi natalizi (ceste natalizie). Finalità diverse tra Buono della Mobilità Sostenibile e Buono Regalo o altri benefit/liberalità ma cumulati, in relazione all attuale normativa fiscale, senza alcuna distinzione da un punto di vista dell irrilevanza reddituale. 40

41 BUONO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE AUSPICI PER IL FUTURO E auspicabile che, per promuovere la mobilità sostenibile nell ambito degli spostamenti lavoro-casa-lavoro, sia necessario ottenere il riconoscimento dell irrilevanza reddituale di somme, valori e beni resi disponibili ai dipendenti nell ambito degli incentivi economici concessi dagli enti/imprese ai propri dipendenti per l acquisto di beni e servizi correlati alla Mobilità Sostenibile, attualmente consentita solo per i servizi di bus-navetta aziendali. Su proposta dell Assessorato alla Mobilità del Comune di Venezia si potrebbe adeguare l attuale l normativa fiscale, in analogia al buono pasto che garantisce fino alle Lit./giorno la sua irrilevanza reddituale, di modo da fissare anche per il Buono della Mobilità Sostenibile un valore giornaliero defiscalizzato. Questo valore potrebbe essere fissato in 2 /giorno, l equivalente di due biglietti urbani del Bus (440 /annui circa), la quota eccedente dovrebbe venire soggetta a tassazione come avviene per i Buoni Pasto. 41

42 COMUNE DI VENEZIA Mobility Manager di Area Comunale: Ing. Enrico Tonello via Mancini, 10 C/o Villa Ceresa Mestre VENEZIA tel fax Grazie per l attenzione 42

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani

magazine mobility press Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani mobility press magazine Audimob: alternative all'auto, osservatorio sui comportamenti della mobilità degli italiani Art, le misure regolatorie per bandi di gara e convenzioni TPL Toscana: si pronuncia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015.

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015. Direzione Generale Servizio degli Appalti e gestione dei sistemi di trasporto DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014 Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2014. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO

Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2014. IL DIRETTORE DEL SERVIZIO Direzione Generale Servizio degli Appalti e gestione dei sistemi di trasporto Determinazione prot. 11629 repertorio n.638 del 7 ottobre 2013 Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Informazioni utili sui servizi Atac

Informazioni utili sui servizi Atac Atac SpA Via Prenestina, 45 00176 Roma Informazioni utili sui servizi Atac Per maggiori informazioni su tutti i servizi Atac: www.atac.roma.it Il presente documento vuole essere un agile manuale in risposta

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMIO Rif. n. 14/080 Dixan ti regala 10euro per la tua spesa

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMIO Rif. n. 14/080 Dixan ti regala 10euro per la tua spesa REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMIO Rif. n. 14/080 Dixan ti regala 10euro per la tua spesa Promosso da HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione Detergenza Soggetto Promotore HENKEL ITALIA S.r.l. Divisione detergenza

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Abbonamenti. Tipo biglietto

Abbonamenti. Tipo biglietto Tipo biglietto Prezzo Descrizione Biglietto 24 ORE x 4 9,00 Integrato Trenitalia Vale per 4 persone. 2 viaggiano gratis. Questo biglietto vale 24 ore dalla timbratura su tutta la rete urbana Amt (ad esclusione

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy Kuwait Petroleum Italia SPA OO144 Roma, Viale dell oceano Indiano,13 Telefono 06 5208 81 Telex 621090 Fax 06 5208 8655 REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI denominata Mini collection Q8easy 1. SOCIETA PROMOTRICE

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part.

REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI. PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. REGOLAMENTO OPERAZIONE A PREMI PROMOTORE: GRUPPO COIN S.p.A. con Socio Unico, Via Terraglio 17-30174 VENEZIA - Codice Fiscale e Part. IVA 04850790967 PROMOTORE: PRAgmaTICA con sede in Vigolo Vattaro (TN),

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Stagione invernale 2014/2015 1. Le presenti Condizioni Generali di Vendita regolano le condizioni contrattuali relative all acquisto ed all utilizzo degli skipass e delle

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo

Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Aggiornamento del Piano Urbano del Traffico del Comune di Bergamo Presentazione dei contenuti del Documento di Piano 5 Dicembre 2012 Bergamo LE INDAGINI Le indagini di campo sono state effettuate in un

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Transport for London. Spostarsi con Oyster

Transport for London. Spostarsi con Oyster Transport for London Spostarsi con Oyster Oyster ti dà il benvenuto Oyster è il metodo più economico per pagare corse singole su autobus, metropolitana (Tube), tram, DLR, London Overground e la maggior

Dettagli

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015

Unione di Comuni della Romagna forlivese. Corpo Unico di Polizia Municipale. Unità Operativa Giro d'italia 2015. Martedì 19/05/2015 Martedì 9/05/05 (semaforica) Libertà/ Oriani/Marconi Presidi fissi di viabilità: 07.5-.45 07.5-0.45.5-fine Via Oriani 07.5-.45 07.5-.45 Informazioni+viabilità (rimozioni dalle ore 08.00) Via Oriani (parcheggi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CONVENZIONI CARTA GIOVANI

CONVENZIONI CARTA GIOVANI CONVENZIONI CARTA GIOVANI I POSSESSORI DELLA CARTA GIOVANI POSSONO USUFRUIRE DELLE CONVENZIONI ATTIVE A LIVELLO NAZIONALE (4.600) ED INTERNAZIONALE (100.000) CHE SI TROVANO SUI SITI WEB www.cartagiovani.it

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI YOU&ENI

REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI YOU&ENI REGOLAMENTO DELL OPERAZIONE A PREMI YOU&ENI 1. INTRODUZIONE Il presente documento (di seguito, il Regolamento you&eni ) disciplina il funzionamento dell operazione a premi denominata you&eni (di seguito,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più.

GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più. telepass.it/premium GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più. BENVENUTO E congratulazioni per essere un cliente Telepass Premium. Grazie, infatti, alla tessera

Dettagli