Dati macroeconomici anno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dati macroeconomici anno 2008"

Transcript

1

2 Dati macroeconomici anno 2008 Reddito Procapite Tasso di inflazione % 3,0 2 Tasso disoccupazione % 9,9 3 Tasso di variazione del PIL % 5,8 4 Previsione di crescita PIL per il 2008 % 6,7 5 Totale import mld 29,25 6 Totale export mld 14,00 6 Saldo Bilancia Commerciale mld -15,25 Totale import da Italia mld 1,69 7 Totale export verso Italia mld 0,60 7 Saldo interscambio con l Italia mld -1,09 Investimenti esteri mld 1,77 8 Investimenti italiani mld 0, ICE, Rapporto-Paese Congiunto ICE-MAE 2 Haut-Commissariat au Plan, nota e punti di congiuntura Banca Al-Maghrib, Rapporto sulla politica monetaria dicembre Ministero dell Economia e delle Finanze, Punto di Congiuntura Nazionale primi risultati Haut-Commissariat au Plan, Budget Economico Previsionale Ministero dell Economia e delle Finanze, Tabella degli indicatori economici e finanziari (dicembre 2008) 7 ICE, Statistiche Tav. 2 Interscambio Italia-Marocco 8 Office des Changes, dato riferito al periodo Gennaio-settembre 2008

3 Caratteristiche Generali Temperature nella capitale (in C) Mesi Media max Media min Gennaio 17 9 Febbraio 18 9 Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Fuso orario (rispetto all Italia): -1 (-2 con l ora legale) Superficie kmq Popolazione Gruppi etnici Arabi e Berberi Comunità italiana Capitale Rabat Città principali Casablanca, Marrakech, Rabat, Fès, Tangeri, Oujda, Agadir Moneta Dirham Marocco (MAD) Tasso di cambio 1 1 euro=11,0617 MAD Lingua l arabo classico è la lingua ufficiale, ma le lingue realmente parlate sono l arabo dialettale marocchino (63%) e il Tamazight (berbero 24%) parlato nel Rif, l Atlante e il Souss. La maggioranza della popolazione è bilingue e parla francese. In aumento la diffusione dello spagnolo Religioni principali Musulmani (98,7%), Cattolici ed Ebrei (1,3%) Ordinamento dello Stato Monarchia Costituzionale dal Il Primo Ministro, nominato dal Re Mohamed VI, è responsabile davanti alle due Camere (la Camera dei Rappresentanti e la Camera dei Consiglieri) Suddivisione amministrativa 16 regioni; 160 province; comuni (249 urbani e rurali). 1 aggiornato al 12 marzo 2009 Quadro dell economia Quadro macroeconomico Il Marocco presenta una situazione congiunturale positiva determinata da uno sviluppo sostenuto, conti pubblici in ordine, debito estero in diminuzione, inflazione sotto controllo e stabilità valutaria, grazia ad una politica monetaria in linea con le indicazioni degli Organismi Monetari Internazionali. Lo stesso FMI ha posto l accento sui buoni risultati dell economia marocchina nel 2008, elogiandone la solidità nonostante le forti turbolenze internazionali. Dopo un rallentamento nel 2007 dovuto alla pessima stagione agricola, nel 2008 il PIL ha registrato una crescita del 5,8%; secondo le previsioni, il trend continuerà ad essere sostenuto anche nel 2009 con un +6,7%, soprattutto in virtù di una politica budgetaria espansiva e di sostegno alla domanda interna. Nel corso del 2008 il settore primario ha realizzato una crescita dell 11% rispetto alla flessione pari al 20% dell anno precedente. Il settore secondario e il terziario, in particolare quello dei servizi, invece, hanno risentito della diminuzione della domanda internazionale. L inflazione, tenuta sotto controllo dai poteri pubblici, nonostante l aumento rispetto al 2007 si è attestata a quota 3%. Le attività non agricole hanno cominciato a subire gli effetti della regressione della domanda mondiale negli ultimi mesi del 2008, a causa della contrazione delle importazioni dei principali partners del Marocco, in particolare la Zona Euro, ed hanno registrato un leggero rallentamento del valore aggiunto, ovvero 5% nel 2008 rispetto al 6,7% del A tale rallentamento si accompagna anche quello del settore secondario (4,8% nel 2008 rispetto al 6,6% del 2007) e del terziario (5,2% rispetto al 6,1% dell anno precedente). Il tasso di disoccupazione nazionale è rimasto stabile rispetto all anno precedente (9,9%); il mercato del lavoro ha visto nell ultimo trimestre del 2008 la creazione netta di posti di lavoro remunerati contro una perdita netta di posti di lavoro non remunerati. Nello specifico la creazione d impiego ha riguardato il settore dei servizi con nuovi impieghi (+2,9%) e il settore costruzioni e lavori pubblici (BTP) con impieghi, in aumento del 7,4%. Le ripercussioni della crisi finanziaria sul mercato marocchino, non hanno influito drammaticamente sul

4 MEDIO ORIENTE/AFRICA MAROCCO clima degli affari che, in generale, è stato buono (non ci sono subprimes nelle banche commerciali del Paese). Il mercato monetario rimane caratterizzato dalla persistenza di sovraliquidità bancaria; il tasso atteso per il 2009 è del 110,7%, questo permette di prevedere un mantenimento dei tassi di interesse al loro livello attuale. Nonostante il rallentamento del flusso degli IDE destinati all Africa, il Marocco ha mantenuto una buona attrattività che dovrebbe proseguire anche nel Soddisfacente anche l andamento degli altri fondamentali macroeconomici quali il rapporto debito pubblico/pil (48%), e il deficit di bilancio (3,1%). A tali dati positivi, si affianca tuttavia un nuovo peggioramento della bilancia commerciale, il cui saldo passivo va assumendo connotati endemici. Gli obiettivi politici e socio-economici che il Marocco si è prefissato puntano al consolidamento dello Stato di diritto, al perseguimento della politica di liberalizzazione economica e alla realizzazione di una crescita economica forte e generatrice di impiego. Il Marocco conferma il suo attaccamento al sistema commerciale multilaterale, rafforzando il proprio processo di liberalizzazione attraverso: riduzione delle restrizioni tariffarie, semplificazione delle procedure per il commercio estero, eliminazione delle barriere non tariffarie, instaurazione di un ambiente propizio allo sviluppo degli affari e degli investimenti, allargamento e diversificazione delle relazioni commerciali ed economiche. Sono in atto grandi cambiamenti internazionali grazie all applicazione delle disposizioni dell accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, la creazione dell Area di Libero Scambio Euro- Mediterranea (entro il 2012) e la firma degli accordi con Tunisia, Giordania, Egitto, e Turchia. Principali settori produttivi Il contributo del settore primario alla composizione del PIL ha raggiunto il 12,8%, il settore secondario il 24%, mentre il settore terziario è al 63,3%. La campagna agricola ha beneficiato di un volume importante di precipitazioni che ha determinato una crescita del settore dell 11,1%. Il commercio estero ha registrato performances positive; nel settore alimentare e minerario: esportazioni di primizie e agrumi (+40%), e di fosfati e derivati, raddoppiate rispetto al 2007 in virtù dell aumento dei prezzi sui mercati internazionali (nonostante la contrazione dell 1,5% registrata dal settore minerario). A questo è corrisposto, a fine ottobre, una contrazione delle importazioni (- 21%, rispetto all espansione del 123% dello stesso periodo del 2007). Modesta la crescita del settore energetico (+3,6%, rispetto all 8,7% nel 2007). Anche le industrie di trasformazione registrano un rallentamento rispetto alla media degli ultimi 3 anni (+3,7%); tra i fattori che hanno rallentato il ritmo di crescita ci sono la decelerazione delle esportazioni, soprattutto del tessile e abbigliamento, l aumento dei fattori di produzione e la riduzione degli stocks di materie prime a causa di difficoltà nell approvvigionamento. Mantengono il loro dinamismo le costruzioni e i lavori pubblici (9,8%, rispetto all 11,7% del 2007), che sembrano non avere risentito particolarmente della congiuntura internazionale. Il settore terziario, per il basso potere d acquisto, l aumento del livello generale dei prezzi, la decelerazione del ritmo di crescita delle telecomunicazioni, del trasporto e dei servizi resi alle imprese, registra performances trascurabili. Al contrario, l attività turistica ha conosciuto un miglioramento: il numero degli arrivi di turisti è stato di 8 milioni rispetto ai 7,5 milioni nel Infrastrutture e trasporti I maggiori aeroporti si trovano a Casablanca, Agadir, Tangeri e Marrakech. I principali porti sono quelli di Casablanca, Jorf Lasfar (primo porto minerario dell Africa), Safi, Mohamedia e Tangeri. Le linee ferroviarie ricoprono circa km, mentre la rete stradale si estende per km, di cui asfaltati. Tenendo conto del ruolo che il Marocco gioca come polo di scambi e di transito non solo tra i differenti paesi del Maghreb, ma anche tra il Sud dell Europa e il Nord dell Africa, i programmi di investimento finanziario nel quadro dei conti speciali del Ministero del Tesoro hanno portato al rafforzamento delle risorse autostradali e delle strade rurali. Gli investimenti e i progetti pubblici in programma per il 2009 sono: a) proseguimento dei lavori di realizzazione del tratto autostradale Marrakech-Agadir e Fès-Oujda; avvio del 2 programma Nazionale di Strade Rurali, che punta alla realizzazione di km per anno sino al 2015; manutenzione dei tratti stradali e autostradali esistenti; b) realizzazione di lavori e collegamenti con il porto di Boujdour; estensione del porto di M diq; costruzione del porto da diporto di Marchica a Nador; estensione del porto di pesca di Dakhla; c) realizzazione del servizio ferroviario tra la città di Tangeri e il Porto di Tangeri Mediterraneo; avvio dei lavori per la realizzazione della linea ad alta velocità tra Casablanca e Tangeri; realizzazione di una nuova linea tra Kenitra e Tangeri su 200 Km; d) estensione degli aerodromi e delle aerostazioni di Casablanca Mohamed V, Nador Al Aroui, Marrakech Menara, Dakhla, Essaouira Mogador, Tangeri e Al Hoceima nella prospettiva di riuscire ad accogliere 10 milioni di turisti per il Commercio estero Totale export: mld/ 14 Totale import: mld/ 29,25 Principali prodotti importati: semilavorati, prodotti finiti di consumo, macchinari e attrezzature, prodotti energetici e lubrificanti. Principali prodotti esportati: tessile-abbigliamento, prodotti ittici, alimentari, bevande e tabacco. Principali partner commerciali Paesi Clienti: Francia (27,9%), Spagna (20,8%), Regno Unito (5,2%), Italia (5,1%), India (3,8%), Brasile (3,2%), Germania e Olanda (2,5%). Paesi Fornitori: Francia (15,8%), Spagna (10,4%), Arabia Saudita (5,5%), Russia (5%), Germania (4,8%), Olanda (3,1%).

5 BUSINESS ATLAS 2009 MAROCCO Interscambio con l Italia Saldo commerciale: mld/ -1,07 Principali voci dell export italiano: macchine per impieghi speciali (mln/ 151); macchine per impiego generale (mln/ 134); tessuti (mln/ 126); macchine ed apparecchi per la produzione e l impiego di energia meccanica (mln/ 116); macchine per l agricoltura e la silvicoltura (mln/ 73); autoveicoli (mln/ 70); prodotti petroliferi raffinati (mln/ 63); locomotive, anche da manovra, e materiale rotabile e ferrotranviario (mln/ 58); prodotti della siderurgia (mln/ 55); prodotti chimici di base (mln/ 53). Principali voci dell import italiano: articoli di abbigliamento e accessori (mln/ 137); pesci conservati e trasformati e prodotti a base di pesce (mln/ 120); prodotti chimici di base (mln/ 74); apparecchi elettrici n.c.a. (mln/ 44); fili e cavi isolanti (mln/ 43); minerali di metalli non ferrosi (mln/ 31); preparati e conserve di frutta e di ortaggi (mln/ 19); calzature (mln/ 16); minerali per le industrie chimiche e concimi (mln/ 14); fogli da impiallacciatura, compensato, pannelli stratificati (mln/ 11). Investimenti esteri (principali Paesi) Paesi di provenienza: Francia, EAU, Spagna, Svizzera, Germania, Regno Unito, UEBL (Unione Economica Belgo-Lussemburghese), Italia. Paesi di destinazione: Tunisia ed Africa. Verso il resto del mondo si realizzano pochi investimenti a titolo privato, aiutati da alcuni fondi nazionali. Investimenti esteri (principali settori) Il Marocco è la 4ª destinazione degli IDE a livello continentale (preceduto da Nigeria, Egitto e Sud Africa) e risulta essere al primo posto tra i Paesi del Maghreb. Grazie anche alla legislazione favorevole si è assistito ad un incremento degli investimenti diretti esteri tra il 2003 e il I recenti accordi di liberalizzazione degli scambi firmati con gli Stati Uniti ed alcuni Paesi arabi e islamici (Tunisia, Egitto, Giordania, Turchia) dovrebbero facilitare, a medio termine, nuovi investimenti nel Paese, anche in relazione agli interessanti vantaggi fiscali che si presentano per produzioni realizzate in loco e poi esportate nei Paesi partner. L Italia si é collocata all ottavo posto nel periodo tra gennaio e settembre Verso il Paese: turismo, immobiliare, industriale, banche, assicurazioni, telecomunicazioni, trasporti. All estero del Paese: turismo, artigianato, settore minerario, servizi. Aspetti normativi e legislativi Regolamentazione degli scambi Sdoganamento e documenti di importazione: per l importazione di merci da paesi UE è richiesto il modulo E1. Per le zone franche non sono richiesti diritti doganali. Classificazione doganale delle merci: il sito web offre una classificazione delle merci e dei costi di dogana. Restrizione delle importazioni: permangono limiti all importazione di medicinali mentre l importazione di alcolici necessita di autorizzazione da parte del Ministero dell Agricoltura. Importazioni temporanee: esenti dal pagamento di diritti doganali purché corrispondano volumi tra import ed export. Il periodo massimo di permanenza è di 2 anni salvo diversa autorizzazione. Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese Normativa per gli investimenti stranieri: grazie alla firma di numerosi accordi di Associazione e di Libero scambio, il paese sta aumentando la sua attrattività come base per produrre ed esportare in paesi terzi. Il regime degli investimenti esteri è regolato dalla Carta degli Investimenti Esteri del 1995: gli investitori stranieri godono dei medesimi diritti di quelli locali; gli investimenti sono ammessi in tutti i settori, con l eccezione di alcune attività riservate allo Stato (ad esempio estrazione di fosfati) e la proprietà di terreni agricoli. La Carta degli Investimenti permette a residenti e non residenti, inoltre, di usufruire di un regime di convertibilità per il trasferimento degli utili netti di imposta. Dal 2002 sono inoltre attivi i Centri Regionali per l Investimento, che fungono da collegamento fra le realtà locali e l amministrazione delle finanze nazionale. Legislazione societaria: il diritto marocchino prevede le stesse forme societarie prevista dai Paesi europei. Brevetti e proprietà intellettuale Adesione a diversi trattati e organizzazioni internazionali: Organizzazione Mondiale sulla proprietà intellettuale, Convenzione di Berna sulla tutela del copyright, Convenzione di Parigi sulla tutela di marchi e patenti, Accordo di Madrid sulla registrazione internazionale dei marchi, Accordo di Marrakech per l OMC sugli aspetti commerciali della tutela della proprietà intellettuale, Trattato di Cooperazione in materia di brevetti. Inoltre, sono state approvate le seguenti leggi: L per la protezione della proprietà intellettuale (modificata dalla legge 31-05) e decreto di applicazione; L istitutiva dell OMPIC (Office Marocain de la Propriété Industrielle et Commerciale) e protocollo di attuazione; L.2-00 sui diritti d autore; L sulla protezione dei brevetti su medicinali, licenze e denominazioni di origine, al fine dell armonizzazione del diritto internazionale.

6 MEDIO ORIENTE/AFRICA MAROCCO Sistema fiscale Previste imposte sulle persone fisiche e sui redditi da società, imposte sulle rendite da capitale e sui rendimenti azionari. Anno fiscale: l imposta deve essere pagata entro l per l anno fiscale Imposta sui redditi delle persone fisiche Reddito (MAD/anno) Valore Fino a ( 2.150) 0 % ( ) 15 % ( ) 25 % ( ) 35 % ( ) 40 % Oltre ( ) 42 % Tassazione sulle attività d impresa: 30%. Il tasso sale fino al 39,6% per banche, istituti di credito e assicurazioni. Imposta sul valore aggiunto (VAT): la dichiarazione e il versamento dell imposta devono essere fatte mensilmente. È permessa una teledichiarazione e il versamento tramite internet. Notizie per l operatore Rischio paese 2 3/7 Condizioni di assicurabilità SACE 3 apertura Sistema bancario Le funzioni di istituto di emissione sono svolte dalla Bank Al- Maghrib. Nel Paese operano 16 banche commerciali. Tassi bancari Tipologia valore Tasso interbancario J/J 3,671 % Tasso Credito Dep 6 mesi 3,960 % Tasso Credito Dep 12 mesi 4,340 % Principali finanziamenti e linee di credito La crisi finanziaria internazionale non ha creato effetti rilevanti nel sistema bancario marocchino: nel corso del 2008 le banche non hanno ristretto il credito ed è proseguita in maniera regolare l erogazione di mutui nel settore immobiliare. I tassi sui finanziamenti variano dal 7% del credito all export al 7,50% (per i finanziamenti a lungo termine oltre i 7 anni). 2 fonte: OCSE. Categoria OCSE (o categoria di rischio) indica il grado di rischiosità (da 0 a 7, dove 0=rischio minore e 7=rischio massimo), ovvero la probabilità che si verifichi un default 3 per maggiori informazioni 4 fonte: Lydec (i prezzi si riferiscono alla città di Casablanca) SIMEST Finanziamenti agevolati e servizi Studi di prefattibilità, fattibilità e assistenza tecnica collegati agli investimenti D.M. 136/00 Investimenti esteri Legge 100/90 Fondo di Venture Capital Crediti all esportazione Dlgs. 143/98 (già Legge 227/77) Sviluppo Commerciale Legge 394/81 Servizi di assistenza tecnica Business scouting art. 3, c.5 della L.100/90 - Dlgs 143/98 Copertura dei rischi politici Accordo SIMEST MIGA Per ulteriori informazioni si vedano le pagg Parchi industriali e zone franche Tassi specifici di imposta sul reddito societario sono riservati a società installate in zone franche all export: 8,75% per i 20 anni seguenti i primi 5 di esonero totale. I diritti doganali non sono richiesti nelle zone franche del Paese (Tangeri). Accordi con l Italia Convenzione per evitare la doppia imposizione in materie di imposte sui redditi. Dal 1990 è in vigore una convenzione a protezione e garanzia degli investimenti nel paese. Costo dei fattori produttivi Previste 8 ore giornaliere per un totale di 48 settimanali. Le ore supplementari prevedono una maggiorazione oraria. Sul mensile dello stipendio medio gli oneri sociali vanno ad incidere per circa il 17%. Manodopera (valori medi mensili in ) Categorie da a Operaio Generico 0,88/ora 0,94/ora Operaio Specializzato 0,93/ora 1,30/ora Impiegato Quadro Dirigente Organizzazione sindacale Union Marocaine du Travail (UMT), Union Générale des Travailleurs au Maroc, Confédération Démocratique du Travail (CDT), Union Nationale des Travailleurs Marocains (UNTM), Union des Syndicats Populaires (USP), Forces Ouvrières Marocaines (FOM), Union des Syndicats des Travailleurs Libres (USTL), Syndicat National Populaire (SNP), Union des Travailleurs Marocains (UTM), Union des Syndicats Démocratiques (USD), Syndacat National de l Enseignement Supérieur (SNES). Elettricità 4 (in /KW/h) Categorie da a Alta e media tensione 0,06 0,90

7 BUSINESS ATLAS 2009 MAROCCO Telefonia fissa Verso l Italia Interurbana nazionale Connessione Internet Immobili (canone mensile in /m 2 ) Tipologia da a Affitto locali uffici 4 30 Informazioni utili Indirizzi Utili NEL PAESE Prodotti petroliferi (in /l) Combustibile da a Benzina 0,907 0,929 Nafta 0,638 0,661 Combustibile industriale 254,33/t 280,88/t Acqua 5 (in /m 3 ) da a Ad uso industriale 0,01 (Oujda) 0,22 (Méknès) Telecomunicazioni (in ) 0,13 ogni 2 min. 0,33 primo min. + 0,165 ogni 30 0,13 primi 2 min. +0,0325 ogni 30 ADSL a 128 kb 8,76 / mese (primi 6 mesi) 11,41 dal 7º ADSL a 256 kb 11,41 / mese (primi 6 mesi) 13,18 dal 7º RETE DIPLOMATICO CONSOLARE 6 Ambasciata d Italia 2, rue Zankat Idriss Al Ahzar - Rabat tel fax web: ambrabat.esteri.it Modem 8,76 x 24 mesi 17,61 per 12 mesi 5 le tariffe mutano in base alla città, a titolo esemplificativo vengono riportate le tariffe in vigore nella città di Méknes e Oujida 6 fonte: Ministero degli Affari Esteri (www.esteri.it) Consolati Casablanca (Consolato Generale) 21, avenue Hassan Souktani tel fax / (Visti) web: conscasablanca.esteri.it Agadir (Vice Consolato Onorario) Uff. 20 (III piano) - Edificio Oumli (centro città) tel fax Marrakech (Vice Consolato Onorario) 2 Rue Ibn Aicha - Immeuble Bella - IV ètage Gueliz tel fax ALTRI UFFICI DI PROMOZIONE ITALIANI Istituto italiano di cultura 2 bis, Avenue Ahmed El Yazidi (ex-meknès) Hassan BP Rabat tel web: Ufficio ICE Section pour la Promotion des Echanges de l Ambassade d Italie 62, Boulevard D Anfa Angle Bd. Moulay Youssef Casablanca tel / 94 - fax web: ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI Intesa Sanpaolo 62, Bd. D'Anfa ang Bd. Moulay Youssef Forum Bab Abdelaziz - 6 Etage Casablanca tel / fax Italian Desk BNL c/o BMCI (Gruppo BNP Paribas) Centre d Affaires casa le Colline Lot. Attaoufik, Lot 22, Californie - Casablanca tel Monte Paschi Siena (Ufficio di Rappresentanza Casablanca) 197, Boulevard Zerktouni angle rue Chella, tel / fax Unicredit desk all interno della principale banca del Paese, la Attijariwafabank. IN ITALIA RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE Ambasciata via L. Spallanzani, 8/ Roma tel / / fax télex

8 MEDIO ORIENTE/AFRICA MAROCCO Consolato Generale Roma via Monte Aurore, tel / fax télex CGMA-RI. Milano via Ponte Severo, tel / fax Télex COGEMI ISTITUTI DI CREDITO Banque Centrale Populaire Via Boscovich, 31 Milano - tel / fax BMCE (ufficio di rappresentanza) c/o Banca Commerciale Italiana - Piazza della Scala, Milano - tel fax Formalità doganali e documenti di viaggio Passaporto in corso di validità. Dichiarare in entrata e uscita la valuta se superiore a Dirhams (ca ). Non sono obbligatorie vaccinazioni. Corrente elettrica 110/220 V Giorni lavorativi ed orari Uffici: lun-ven / ; sab Uffici pubblici: lun-ven / Negozi: lun-sab / Banche: lun-ven / Domenica festivo, molti uffici chiusi venerdì pomeriggio. Festività Capodanno, 11 gennaio (Manifesto dell Indipendenza), 10 marzo (nascita del Profeta), 1º maggio (Festa del Lavoro), 30 luglio (Festa del Trono), 14 agosto (Ricorrenza del ritorno alla Patria dei territori sahraoui), 20 agosto (Rivoluzione del Re e del Popolo), 21 agosto (Anniversario del Re), 21 agosto inizio del mese sacro del Ramadan, 21 settembre Aïd Al Fitr (rottura del Ramadan), 6 novembre (Marcia Verde), 18 novembre (Festa dell Indipendenza), 28 novembre Aïd Al Adha, 18 dicembre Capodanno Musulmano. Media Quotidiani: in arabo Al lttihad Al-Ichtiraki, Al Alam, As- Sabah; in francese Le Matin du Sahara, L Opinion, Al Bayane, L Economiste. Riviste: La Vie Economique, TelQuel, Challenge, Jeune Afrique, Le Journal. TV: TVM (programmi soprattutto in arabo marocchino: TV generalista), 2M (soprattutto in francese: telefilm e serie TV) Alberghi Camera doppia categoria lusso ( 180), prima categoria ( 110), seconda categoria ( 70). Assistenza Medica Rabat: Hopital Ibn Sina, tel Casablanca: Clinique Val d Anfa, tel ; Clinique 2 Mars, tel ; Clinique Mers-Sultan tel Mezzi di trasporto Compagnia aerea di bandiera: RAM Altre compagnie aeree operanti nel Paese: tutte le principali compagnie internazionali. Negli ultimi tre anni il flusso turistico annuale è aumentato del 13% grazie anche alle dodici compagnie aere internazionali low cost che, a seguito dell accordo open sky firmato nel 2006 con l UE, sono attualmente operative con 57 voli alla settimana. Trasferimenti da e per l aeroporto: l aeroporto internazionale Mohamed V di Casablanca dista dal centro della città circa 35 km. I collegamenti sono garantiti da treni in partenza ogni 30 minuti fino a mezzanotte circa, costo ca 3,5. Costo del taxi in tariffa diurna ca 22. Telecomunicazioni Telefonia fissa: Maroc Télécom. Telefonia mobile: Maroc Télécom, Meditel, Wana. Siti di interesse

MAROCCO Dati macroeconomici 2013

MAROCCO Dati macroeconomici 2013 MAROCCO Dati macroeconomici 2013 Reddito Procapite Euro 2.082 Tasso di inflazione % 1,0 Tasso disoccupazione % 9,2 Tasso di variazione del PIL % 4,8 Previsione di crescita PIL 2014 % 3,6 Totale import

Dettagli

MAROCCO DATI MACROECONOMICI

MAROCCO DATI MACROECONOMICI MROCCO DTI MCROECONOMICI Reddito pro-capite euro 2.100 Tasso di inflazione % 0,4 Tasso di disoccupazione % 9,9 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 2,7 Previsione di crescita del PIL per il 2015

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Scheda Paese MAROCCO

Scheda Paese MAROCCO Scheda Paese MAROCCO Dati macroeconomici 20122 Reddito Procapite Tasso di inflazione Tasso disoccupazione Tasso di variazione del PIL Previsione di crescita PIL 2013 Totale import Totale export Saldo Bilancia

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza

Agenda. > Focus Paese. > Le zone economiche speciali. > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 1 Agenda > Focus Paese > Le zone economiche speciali > Il ruolo dell Ufficio di Rappresentanza 2 Perché investire in India? Crescita economica > 7,4% nell anno fiscale 09-10; 6,7% nel 08-09; previsioni

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Focus Mercato: MAROCCO

Focus Mercato: MAROCCO Focus Mercato: MAROCCO { { CONGIUNTURA ECONOMICA 2011 2012 2013 PIL Nominale (mln ) 71.525 75.545 78.340 Variazione del PIL reale (%) 5 2,9 3,3 Popolazione (mln) 32,3 32,6 33 PIL pro-capite a parità di

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

M A R O C C O SCHEDA MERCATO. Accordi di integrazione regionale: UMA (Economic Union of Maghreb); GAFTA (Greater Arab Free Trade Area)

M A R O C C O SCHEDA MERCATO. Accordi di integrazione regionale: UMA (Economic Union of Maghreb); GAFTA (Greater Arab Free Trade Area) M A R O C C O SCHEDA MERCATO Popolazione (2012): 32.649.000 abitanti Prodotto interno lordo (2012): 171 miliardi di US$ Tasso di crescita del PIL (2012): 2,9% Reddito medio pro-capite (2012): 5.300 US$

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006

L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 6 febbraio 2007 L interscambio commerciale tra Italia e India Anni 2000-2006 Ufficio della comunicazione Tel. +39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3106 Informazioni

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia La France en questions 2 1 La Francia ha un economia aperta? 5 grande potenza economica mondiale, nel cuore di un mercato europeo di 500

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti PANAMA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2014 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

Riccardo Monti. Presidente ICE

Riccardo Monti. Presidente ICE Riccardo Monti Presidente ICE Le reti lean per la promozione del Made in Italy L export italiano: importante traino per l economia del Paese I rapporti con l estero costituiscono una componente primaria

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Introduzione 10 INTRODUZIONE

Introduzione 10 INTRODUZIONE Introduzione Il Rapporto 2002 sull Economia romana consente di trarre qualche considerazione positiva sull andamento del sistema produttivo e del tessuto sociale dell area romana. Come si vedrà, da questa

Dettagli

L Area MEDA IL Caso TUNISIA

L Area MEDA IL Caso TUNISIA L Area MEDA IL Caso TUNISIA Ing.Enrico Ottolini Esperto settoriale Progetto 5 Technopoli tunisine Università Insubria 18 dicembre 2006 I dati di base Superficie 162 155 Km2 ( ca. metà dell Italia) Popolazione

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map GEORGIA Capitale Tbilisi Popolazione (milioni) 4,48 55/100 49/100 78/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 27,3 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

PAESE: MAROCCO. Arabo (lingue diffuse: Berbero, Francese, Spagnolo)

PAESE: MAROCCO. Arabo (lingue diffuse: Berbero, Francese, Spagnolo) PAESE: MAROCCO I. Analisi del contesto sociale ed economico di riferimento I.A. Quadro degli indici economici, demografici e sociali Indicatori socio-economici (**) 2009(*) 2008 2007 2006 2005 2004 2003

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO. 2013 Primi 9 mesi SCHEDA DI SETTORE ABBIGLIAMENTO INTIMO Primi IL MERCATO A livello mondiale il mercato dell abbigliamento intimo vale circa 50 miliardi di euro e i principali Paesi consumatori sono l Europa e gli Stati

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali

Agenda. > Focus Paese. > Il sistema bancario. > Garanzie e finanziamenti. > Le zone economiche speciali 0 Agenda > Focus Paese > Il sistema bancario > Garanzie e finanziamenti > Le zone economiche speciali Principali indicatori Trend 2009/2012 10,0% 8,8% 9% 5,0% 4% 3,5% 3,4% 3,2% 3,1% 2,7% 7,5% 6% 4,7% 4%

Dettagli

SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE

SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Section pour la Promotion des Echanges de l Ambassade d Italie Le Directeur SISTEMA DI SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE (cliccando sugli ipertesti si puo accedere ad ulteriori

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it

CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it CAMERA DI COMMERCIO ITALO BRASILIANA www.ccib.it SCHEDA PAESE BRASILE IL BRASILE IN BREVE Storia e geografia Ordinamento interno Economia Produzioni STORIA e GEOGRAFIA Storia Il Brasile è stato scoperto

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Presentazione del Rapporto

Presentazione del Rapporto Presentazione del Rapporto Cremona, 5 giugno 5 L economia della Lombardia Paola Rossi Banca d Italia Sede di Milano Divisione Analisi e Ricerca economica territoriale Camera di Commercio di Cremona L economia

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2014 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania marzo

Dettagli

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA

IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLE IMPRESE ITALIANE IN CINA Gian Carlo Bertoni Responsabile Dipartimento Promozione e Marketing Roma, 25 settembre 2007 Cina: punti di di forza sesta grande potenza economica

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI

COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI COOPERAZIONE FINANZIARIA NEL MEDITERRANEO E NEI BALCANI Linee di credito agevolato a sostegno delle PMI della Serbia, dell Albania, della Tunisia e della Siria (Sintesi) stefano.formenti@esteri.it 1 COOPERAZIONE

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Premessa E noto a tutti come il Brasile rappresenti una delle grandi economie emergenti, caratterizzate da tassi di crescita elevati e relativamente stabili

Dettagli

OLANDA DATI MARCOECONOMICI

OLANDA DATI MARCOECONOMICI OLANDA DATI MARCOECONOMICI Reddito pro-capite euro 40.187 Tasso di inflazione % 0,4 Tasso di disoccupazione % 6,6 Tasso di variazione del PIL (2014 su 2013) % 1,5 Previsione di crescita del PIL per il

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010

Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 Rapporti Economici fra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana. Giugno 2010 La Repubblica di Cuba è un arcipelago formato da più di 1.600 isole e isolotti; la maggiore è Cuba, seguita per estensione

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013

MATCHING Brasile. San Paolo, 24-25 giugno 2013 MATCHING Brasile San Paolo, 24-25 giugno 2013 LE INFORMAZIONI GENERALI I settori* coinvolti sono : Agricolo, agroalimentare (food & beverage), agroindustriale Edilizia e impiantistica: materiali e prodotti

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Nome ufficiale Superficie Capitale Lingue Sistema politico Indipendenza Capo dello stato Primo ministro Religioni Popolazione Abitanti Gruppi etnici

Nome ufficiale Superficie Capitale Lingue Sistema politico Indipendenza Capo dello stato Primo ministro Religioni Popolazione Abitanti Gruppi etnici Nome ufficiale: Repubblica araba d'egitto Superficie: 1.001.450 km 2 Capitale: Il Cairo Lingue: arabo (ufficiale); inglese e francese tra le classi educate Sistema politico: repubblica presidenziale Indipendenza:

Dettagli

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti

INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico. 2. Analisi del mercato turistico. 3. Obiettivi. Bibliografia. Contatti Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2014 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del mercato

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Marocco: Caratteristiche del Paese

Marocco: Caratteristiche del Paese Marocco Marocco: Caratteristiche del Paese Superficie: 710.850 kmq (compreso Sahara Occidentale) Popolazione: 33.848.2421 Comunità italiana: 2.6802 Capitale: Rabat Moneta: dirham Marocco (MAD) Lingua:

Dettagli

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina

Presentazione Ecuador. Forum d Area America Latina. Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina Presentazione Ecuador Simona De Filippis Forum d Area America Latina Progetto Integrato di Mercato PIM America Latina POSIZIONE GEOGRAFICA DATI GENERALI SUPERFICIE: 256.370 kmq LINGUA UFFICIALE: Spagnolo

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

SENEGAL Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

SENEGAL Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 SENEGAL Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Senegal 1 INDICE 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi

Dettagli

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica

Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica 1 Il turismo incoming e outgoing nel 2011: la bilancia turistica Giovanni Giuseppe Ortolani L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE Venezia, 17 aprile 2012 http://www.bancaditalia.it indagineturismo@bancaditalia.it

Dettagli

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca

Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Laboratorio UniMondo - Simone Zocca Classe 1 A Liceo Nazione: Romania La Romania è un paese dell est europeo, confinante con Bulgaria, Ucraina, Ungheria e Moldavia, ma anche con il Mar Nero. La sua capitale

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti)

Malta. Capitale La Valletta (9.129 abitanti) Malta Informazioni Generali Superficie 316 Km2. L arcipelago maltese si compone di sei isole e isolette; le tre principali sono Malta (246 Km2), Gozo (67 Km2) e Comino (2,7 Km2). Capitale La Valletta (9.129

Dettagli

Un favorevole contesto per il business internazionale

Un favorevole contesto per il business internazionale P&A Legal Maroc Un favorevole contesto per il business internazionale Il Marocco rappresenta, oggi, il più attrattivo polo nord africano per le imprese europee che si affacciano a sud del Mediterraneo;

Dettagli