Manuale Mutui Politiche di Credito. Versione Gennaio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale Mutui Politiche di Credito. Versione Gennaio 2014"

Transcript

1 Manuale Mutui Politiche di Credito Versione Gennaio 2014

2 INDICE Ing Direct pag. 3 BNL pag. 20 CheBanca! pag. 31 Cariparma pag. 43 UniCredit pag. 50 Contatti pag. 66 2

3 POLITICHE DI CREDITO PRODOTTI SPESE E ASSICURAZIONI 3

4 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITA LTV MAX DURATE IMPORT O MINIMO IMPORTO MAX TIPO DI IMMOBILE DA IPOTECARE anni tasso variabile ACQUISTO 80% anni (passo 5) fisso 5 e fisso se seconda casa Solo residenziale 1 e 2 casa anni tasso fisso SOSTITUZIONE 80% anni tasso variabile anni (passo 5) fisso 5 e fisso anni tasso fisso se seconda casa Il debito residuo del mutuo può essere aumentato fino ad un max 10% del debito residuo del mutuo da sostituire e fino ad un limite max di Solo residenziale 1 e 2 casa anni tasso variabile SURROGA 80% anni (passo 5) fisso 5 e fisso se seconda casa Solo residenziale 1 e 2 casa anni tasso fisso 4

5 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITA LTV MAX DURATE IMPORTO MINIMO IMPORTO MAX TIPO DI IMMOBILE DA IPOTECARE LIQUIDITÀ * CON QUESTA FINALITÀ È POSSIBILE ESTINGUERE CONTESTUALMENTE ANCHE UN SOLO FINANZIAMENTO CHE NON SIA UNA CESSIONE DEL V DIPENDENTI 70% AUTONOMI 50% anni tasso variabile anni (passo 5) fisso 5 e fisso anni tasso fisso solo prima casa Gli immobili in oggetto di garanzia devono risultare abitazione principale (residenza) dei richiedenti, riscontrabile da Modello Unico/730 e/o certificato di residenza. Viene meno il requisito della fiscalità su prima casa. In caso di provenienza da donazione, la richiesta può essere inoltrata solo se è trascorso almeno un anno dal trasferimento di proprietà RIFINANZIAMENTO Sostituzione mutuo + liquidità* *CON QUESTA FINALITÀ È POSSIBILE ESTINGUERE CONTESTUALMENTE ANCHE UN SOLO FINANZIAMENTO CHE NON SIA UNA CESSIONE DEL V DIPENDENTI 70% AUTONOMI 70% (si abbassa al 50% se la parte di liquidità è superiore al mutuo da chiudere) anni tasso variabile anni (passo 5) fisso 5 e fisso anni tasso fisso sia prima e seconda casa Solo residenziale e 1 casa (2 casa purché la parte di liquidità sia inferiore al debito residuo mutuo) 5

6 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct CALCOLO DEL REDDITO TIPO DI REDDITO INQUADRAMENTO PROFESSIONALE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DEL REDDITO NETTO MENSILE Dipendente a tempo indeterminato, determinato, cococo che presentino CUD per l intero anno presso l attuale datore di lavoro o lavoratori stagionali Operaio - Impiegato Reddito medio netto da mod. CUD: (reddito imponibile ritenute IRPEF addizionale regionale addizionale comunale)/12. Lavoratori autonomi (indipendentemente dalla tipologia di reddito). Liberi professionisti Imprenditori Ecc. Media aritmetica del reddito netto mensile di almeno due Mod. Unico così calcolato: reddito netto (reddito complessivo oneri deducibili detrazione per abitazione principale imposta IRPEF lorda addizionale regionale addizionale comunale) /12. 6

7 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct IMPEGNI Gli impegni in essere vengono detratti dal calcolo del Reddito come sopra descritto se hanno durata superiore a 9 mesi. Ad eccezione di rate relative ad altri eventuali mutui Ing in essere che invece devono essere aggiunti alla rata. REDDITI PARTICOLARI Redditi da locazione. Sono considerabili se dichiarati fiscalmente o perlomeno documentati con contratti registrati. Inoltre l accredito del canone deve essere visibile sul c/c del richiedente (tali redditi sono presi al 100% del canone d affitto annuale). Non sono presi in considerazione se rappresentano l unica fonte di reddito del richiedente. Assegni di mantenimento. Sono considerabili se accreditati su conto corrente e stabiliti da verbale di separazione omologato/sentenza di divorzio. Garanti genitori: reddito minimo (singolarmente o come somma dei redditi di entrambi) 7

8 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct RAPPORTO RATA REDDITO FISSO, FISSO 5, FISSO 10 MAX 40% MAX 40% PER DURATE <= 20 ANNI VARIABILE MAX 37% PER DURATE >20 E <=25 ANNI MAX 35% PER DURATE >25 E <=30 ANNI MAX 33% PER DURATE > 30 ANNI Il reddito netto mensile utilizzato nel rapporto è calcolato dalle fonti CUD/UNICO diviso per 12 mensilità e sono dedotti gli oneri deducibili. A fini di ulteriori verifiche è utilizzato anche un confronto con le buste paga raccolte. Nel reddito complessivo sono considerati anche redditi da locazioni. Tali redditi sono considerabili se dichiarati fiscalmente e/o documentati con contratti registrati e con evidenza di accredito del canone su e/c del titolare. Tali redditi sono presi al 100% del canone d affitto annuale (ovvero all 80% netto), sebbene non possono essere considerati come l unica fonte reddituale su cui si basa il finanziamento Il Rapporto Rata Reddito verrà considerato anche se al di fuori dei parametri prestabiliti, a condizione tassativa che: LTV 60% Solo acquisto 1 casa Importo 350 mila euro Partecipazione di 2 mutuatari apportatori di reddito Soglia di sussistenza nei parametri 8

9 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct RAPPORTO REDDITO NETTO ANNUO RESIDUANTE Il Reddito Netto Annuo Residuante (in seguito RNAR) deve essere maggiore/uguale agli importi riportati nella sottostante Tabella 1 calcolati in considerazione sia della residenza (Nord Centro Sud Italia ed Isole) che dei carichi familiari. Il valore è ottenuto come differenza fra il reddito annuo netto ed il valore annuo delle rate. Nel caso di mutuo su residenza secondaria gli importi minimi sottostanti dovranno essere moltiplicati per 1,5. NORD componenti familiari metropoli grandi centri piccoli centri , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 > = , , ,00 9

10 CENTRO RAPPORTO REDDITO NETTO ANNUO RESIDUANTE componenti metropoli grandi centri piccoli centri familiari , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 > = , , ,00 SUD componenti familiari metropoli grandi centri piccoli centri , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 > = , , ,00 10

11 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct FINALITA LTV MAX ANZIANITÀ LAVORATIVA IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Dipendenti a tempo indeterminato che abbiano superato il periodo di prova; Dipendenti tempo determinato/atipico: che abbiano lavorato almeno 18 mesi negli ultimi 24, solo se coobbligato (o garantito) con un soggetto rientrante nelle categorie precedenti; INSEGNANTI: gli insegnanti non di ruolo con posizione lavorativa continuativa da almeno 3 anni verranno valutati come lavoratori a tempo indeterminato Lavoratori autonomi: che abbiano un anzianità minima di 2 anni nella medesima attività ATTENZIONE: PER I LAVORATORI DIPENDENTI E SEMPRE RICHIESTO L ACCREDITO DELLO STIPENDIO IN CONTO CORRENTE ATTENZIONE: RICHIESTO SEMPRE IL DICHIARATO IN ATTO SECONDO IL PRINCIPIO DELLA FONDIARIETA 11

12 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct SALDO PREZZO Nelle operazione con finalità acquisto, Ing Direct richiede obbligatoriamente la dimostrazione del saldo prezzo. Per saldo prezzo si intende: l esatta differenza fra mutuo richiesto e prezzo di acquisto dell immobile (così come indicato in proposta d acquisto o compromesso fornito), non è ammessa la parziale dimostrazione del saldo prezzo anche se per un piccolo importo. Unica eccezione alla necessaria dimostrazione del saldo prezzo è il caso in cui l LTV si inferiore al 65% Il saldo prezzo può essere dimostrato attraverso la seguente documentazione: ( ATTENZIONE: la documentazione deve appartenere ai soggetti partecipanti al mutuo in qualità di mutuatari o garanti, documenti di genitori che non intervengono nell operazione non potranno essere accettati per problematiche di privacy ) Saldo estratto conto; Dossier titoli; Caparre già versate (attenzione: in questo caso non è sufficiente la copia dell assegno, ma l uscita si deve evincere anche da conto corrente); Eventuali polizze o TFR potranno essere prese in considerazione se già svincolate e presenti su estratti conto 12

13 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct FINALITA LTV MAX ETÀ Età minima 18 anni, età massima 80 anni a fine mutuo IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Ne caso dei garanti è richiesto che al compimento dell 80 anno il finanziamento sia giunto ad almeno 2/3 della sua durata con le limitazioni di seguito riportate: garante coniuge: l età massima a fine mutuo deve essere sempre <= 80 anni garante unica fonte di reddito: dell operazione (tipicamente i genitori garanti che intestano mutuo e immobile al figlio senza reddito): l età max a fine mutuo deve essere sempre <= 80 anni. garante sostanziale (ovvero i cui redditi sono indispensabili per la fattibilità dell operazione): è richiesto che al compimento del 80 anno, il finanziamento sia giunto ad almeno 2/3 della sua durata; garante morale: (ovvero il garante il cui reddito è pesato a zero nella pratica): non sono previsti limiti di età. 13

14 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct FINALITA LTV MAX CITTADINANZA E RESIDENZA IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Cittadinanza italiana (S. Marino e Vaticano sono considerati stati esteri) o se stranieri, residenti in Italia da almeno 3 anni. I cittadini italiani residenti all estero iscritti all AIRE solo alle seguenti condizioni (entrambe necessarie): presenza di un garante residente in Italia; può essere valutata la mancanza del garante residente in Italia in casi eccezionali quando è presentata una documentazione che evidenzi il trasferimento in Italia nel breve periodo degli interessi economici del richiedente; redditi oggettivamente valutabili (la presenza dell accredito dello stipendio è accettata anche quando il c/c è gestito nello stato estero di residenza. 14

15 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct GARANTI Viene stabilito di restringere il campo dei potenziali garanti (max 2 per pratica) ai sottoindicati soggetti: Coniuge (dove l età max a fine mutuo deve essere sempre <=80 anni) Partner (ovvero soggetti non coniugati aventi una relazione stabile) presente sullo stesso stato di famiglia o genitore di prole in comune, o cointestatario dell immobile (anche in minima parte) Genitori; Figli; Fratelli o sorelle. Nessun altro soggetto può essere accettato (amici, colleghi, etc.). Le caratteristiche reddituali del garante sono più circoscritte e sono: reddito annuo lordo di almeno per il Nord; per il Centro; per il Sud pensionato/lavoratore dipendente a tempo indeterminato; lavoratore autonomo con anzianità minima di due anni nella stessa attività. Garanti genitori: le soglie indicate sono da intendersi singolarmente o come somma dei redditi di entrambi 15

16 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct GARANTI Redditi, oneri e carico familiare dei garanti per il calcolo dei ratios sono da considerare come segue: Coniuge 100% Partner 100% Genitori 100% Figli 100% Fratelli o sorelle 50% Per quanti riguarda la figura del terzo datore di ipoteca questo non è previsto in quanto normalmente il richiedente del mutuo deve essere anche pieno proprietario dell unità immobiliare offerta in garanzia. In caso contrario devono intervenire nell atto di mutuo sia il titolare della nuda proprietà che l usufruttuario. 16

17 POLITICHE DI CREDITO Ing Direct IMMOBILI - unità immobiliari costruite ad uso civile abitazione ubicate sul territorio nazionale ed in regola con la vigente normativa edilizia; - unità immobiliari costruite, ma non completamente ultimate nelle finiture interne ad uso civile abitazione ubicate sul territorio nazionale, in regola con la vigente normativa edilizia e regolarmente accatastate. L immobile oggetto dell intervento deve pertanto essere già al tetto e finito esternamente; per interventi su immobili accatastati senza alcuna finitura (assenza di predisposizione per impianto idrico e sanitario) si rimette la valutazione dell operazione agli organi deliberanti; - unità immobiliari costruite in Edilizia Convenzionata e/o acquistate da Ente da parte dell inquilino ubicate sul territorio nazionale (il valore massimo finanziabile è del 100% del prezzo imposto purché < dell 80% del valore di perizia); - unità immobiliari ubicate sul territorio nazionale provenienti da asta giudiziaria qualora la procedura di aggiudicazione ci consenta di intervenire; - unità immobiliari ubicate sul territorio nazionale provenienti da acquisto di nuda proprietà e usufrutto, diritti reali in capo a soggetti diversi solo quando questi soggetti abbiano un rapporto di parentela tipo genitori/figli; - box e pertinenze di unità immobiliari (cantine e solai) ubicate sul territorio nazionale ed in regola con la vigente normativa edilizia. E possibile ipotecare la sola pertinenza senza ipotecare il bene principale (valore minimo del mutuo ,00). 17

18 PRODOTTI Ing Direct VARIABILE PURO FISSO ( durata max 15 anni ) FISSO 5 FISSO 10 18

19 SPESE E ASSICURAZIONI Ing Direct Spese di perizia : a carico della Banca Spese di istruttoria: euro obbligatorie. Per i prodotti FISSO 5 e FISSO 10, occorre applicare ulteriori 500,00 di spese di rinegoziazione Polizza incendio e scoppio: a carico della Banca Ulteriori Polizze: non previste Incasso rata: free 19

20 POLITICHE DI CREDITO PRODOTTI SPESE E ASSICURAZIONI 20

21 POLITICHE DI CREDITO BNL IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITA LTV MAX DURATE IMPORTO MINIMO IMPORTO MAX TIPO DI IMMOBILE DA IPOTECARE ACQUISTO Tasso fisso 80% Tasso variabile 80% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa ACQUISTO + RISTRUTTURAZIONE Tasso fisso 80% Tasso variabile 80% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa COSTRUZIONE Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa RISTRUTTURAZIONE Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa SOSTITUZIONE Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa 21

22 POLITICHE DI CREDITO BNL IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITA LTV MAX DURATE IMPORTO MINIMO IMPORTO MAX TIPO DI IMMOBILE DA IPOTECARE SURROGA Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa SURROGA + LIQUIDITA Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa SOSTITUZIONE + LIQUIDITA Tasso fisso 75% Tasso variabile 70% anni No limiti Solo residenziale 1 e 2a casa 22

23 FINALITA LTV MAX POLITICHE DI CREDITO BNL CALCOLO DEL REDDITO IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Il reddito annuo dei lavoratori a tempo indeterminato si determina dall ultimo modello CUD al netto. Reddito imponibile lordo ritenute irpef/12 Per i lavoratori autonomi si determina dall ultimo modello unico al netto delle imposte (Reddito Complessivo Imposta Netta) RAPPORTO RATA REDDITO Variabile Fisso Mono-Reddito 30% 40% Bi-Reddito 35% 45% IMPEGNI Gli impegni vengono sommati alla rata di mutuo 23

24 FINALITA LTV MAX POLITICHE DI CREDITO BNL REDDITO RESIDUO MINIMO IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Calcolo reddito mensile-rata mutuo, il risultato deve rispettare le soglie di sussistenza minime riportate nella seguente tabella. Reddito Residuo Disponibile: soglia minima per i primi sue membri della famiglia NORD Reddito Residuo Disponibile: quota aggiuntiva per persona La soglia minima di sussistenza prevede un importo minimo per i primi due membri del nucleo famigliare da incrementare, per ogni componente aggiuntivo, come indicato nella tabella. Il calcolo viene fatto per nucleo famigliare, pertanto nel caso di presenza di coobbligato con nucleo famigliare autonomo, rispetto al richiedente principale, la soglia di sussistenza deve essere calcolata separatamente per ciascuno. Gli alimenti e gli assegni di mantenimento sono considerabili al 100%. I canoni di locazione considerabili al 100% se il contratto di locazione è regolarmente registrato e ha una durata minima di 12 mesi dal momento dell istruttoria della pratica. 900 REDDITI PARTICOLARI CENTRO 800 SUD

25 FINALITA LTV MAX POLITICHE DI CREDITO BNL ANZIANITÀ LAVORATIVA IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Per i lavoratori stranieri è richiesto, come per gli italiani, il superamento del periodo di prova e l assunzione a tempo indeterminato. Non si distingue più tra lavoratori italiani e stranieri: non è più necessario verificare l assunzione minima di un anno presso lo stesso datore di lavoro Per i lavoratori autonomi è richiesta un anzianità lavorativa >= 3 anni nello stesso settore con verifica che siano concluse almeno 3 annualità di esercizio finanziario nella medesima impresa. Nessuna distinzione tra LAU italiani e stranieri ETÀ L età massima consentita al termine della durata del mutuo è: per i mutuatari 80 anni (non si distingue più tra pratiche monoreddito o bireddito) Per i garanti 85 anni (indipendentemente dal cumulo redditi) L età massima consentita alla stipula è di 65 anni. Ossia i mutuatari e garanti non devono aver compiuto i 66 anni 25

26 FINALITA LTV MAX POLITICHE DI CREDITO BNL CITTADINANZA E RESIDENZA IMPORTO MAX Cittadini italiani e stranieri residenti sul territorio nazionale. Per i cittadini stranieri è richiesta la residenza in Italia da 5 anni DESTINAZIONE IMMOBILE OPERAZIONI NON FINANZIABILI Vendita fra parenti e affini entro il 3 grado 26

27 Categorie catastali finanziabili: A1 A2 A3 A4 A5 A7 A8 A9 C6 (no A6 rurale) Immobili accettabili come garanzia POLITICHE DI CREDITO BNL IMMOBILI Sono accettabili in garanzia le proprietà immobiliari valutate quali soddisfacenti dal perito incaricato da BNPP-PF, il quale provvede a valutare la conformità dell edificio con le norme di edificabilità, lo stato di conservazione, la commerciabilità. Immobili non accettabili come garanzia: immobili ad uso professionale, laboratori, capannoni, salvo quanto previsto per l uso misto. immobili rurali, terreni; abitazioni integralmente legno o prive di fondamenta. 27

28 PRODOTTI BNL VARIABILE PURO (Euribor 1 mese); RATA COSTANTE (nome commerciale AFFITTO - durata max 15 anni) TASSO FISSO (nome commerciale SPENSIERATO) VARIABILE CON CAP (nome commerciale QUASI FISSO) FISSO O VARIABILE CON RATA COSTANTE CON INCREMENTI PREFISSATI OGNI CINQUE ANNI (nome commerciale AFFITTO PIU TASSO FISSO e AFFITTO PIU TASSO VARIABILE) VARIABILE I PRIMI 2 ANNI E POI PASSAGGIO AL FISSO (nome commerciale DUE IN UNO) 28

29 SPESE E ASSICURAZIONI BNL Spese di perizia : da 220 a 800 Spese di istruttoria: per mutui fino a euro ,00: 1,25% min 0 max 1.000,00 per mutui da euro ,00 a euro ,00: 1,00% min 800,00 max 1.300,00 per mutui da euro ,00 a euro ,00: 0,90% min 1.170,00 max 2.250,00 per mutui oltre euro ,00: 0,90% min 2.250,00 max 2.500,00 Polizza incendio e scoppio (obbligatoria). Il premio è così calcolato: importo di mutuo * 0,0019% / durata espressa in mesa. Integrata nella rata di mutuo Incasso rata: 5 euro mensili, azzerate con apertura conto corrente Bnl 29

30 SPESE E ASSICURAZIONI BNL Il premio polizza è così calcolato: Importo di mutuo * coefficiente * durata espressa in mesi (spesso è possibile assicurare una parte dell importo di mutuo, mai al di sotto del 70%). Coefficenti: 0,028% serenity base / 0,031% serenity piu / 0,037% premium Codice Convenzione 3190 Serenity base 3195 Serenity più Descrizione 3180 Serenity Premium base Prodotti da abbinare >Polizza Serenity >Conto corrente >Accredito stipendio >Bancomat >Polizza Serenity >Conto corrente >Accredito stipendio >Bancomat >Carta di credito >E-family >Polizza Serenity Premium >Conto corrente >Accredito stipendio >Bancomat 30

31 POLITICHE DI CREDITO PRODOTTI SPESE E ASSICURAZIONI 31

32 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITÀ LTV DURATE IMPORTO MIN IMPORTO MAX NOTE Acquisto prima casa 80% Acquisto seconda casa 75% anni Nessun limite importo Acquisto ufficio ( A/10 ) 60% Acquisto + ristrutturazione 80% anni Nessun limite importo Unica tranche solo se la parte di ristutturazione non ecceda ,00 e ltv max 80% prima della ristrutturazione Ristrutturazione 70% anni Nessun limite importo Unica tranche solo se importo max a ,00 e ltv max 30% Sostituzione + liquidità 70% anni Nessun limite importo La parte di liquidità deve essere min 10% max ,00. Mutuo in essere da almeno 12 mesi Consolidamento 70% anni Nessun limite importo Max 5 posizioni debitorie (anche solo prestiti), Liquidità max 10% della somma dei debiti residui Liquidità 50% anni ,00 Solo a dipendenti e pensionati e solo su abitazione principale del mutuatario 32

33 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! CALCOLO DEL REDDITO Tempo indeterminato preso in considerazione dopo il superamento del periodo di prova da CUD = reddito imponibile imposta IRPEF netta addizionale regionale addizionale comun/12 Se il CUD non ricopre l'annualità si fa la media delle ultime 2 b/p decurtate di eventuali 13ma, 14ma, premi e straordinari (decurtazione al 70%), trasferte e rimborsi spese (decurtazione al 100%). Tempo determinato anzianità di 2 anni ma valorizzato al 50% - deve essere accompagnato da un tempo indeterminato o da un lavoratore autonomo con anzianità di 3 anni calcolo = al tempo indeterminato 33

34 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! CALCOLO DEL REDDITO Autonomi anzianità di 3 anni media ultimi due unici --- (redditi professionali contributi previdenziali detrazione per abitazione principale imposta irpef lorda addizionale regionale addizionale comunale)/12 il reddito fiscale dovrà essere confermato dall'e/c Pensionati calcolo da CUD come per i dipendenti in assenza del CUD annuale il reddito sarà calcolato dall'ultimo prospetto annuale di liquidazione ottenuto dalla voce pensione al netto delle trattenute x 13/12 Gli impegni devono essere detratti dal reddito 34

35 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! FINALITA LTV MAX RAPPORTO RATA REDDITO RRR = Importo rata mutuo/reddito netto disponibile tale rapporto deve essere max 40% MAX DESTINAZIONE IMMOBILE REDDITO NETTO MENSILE RESIDUO RNMR = reddito mensile disponibile rata mutuo/ sussistenza ( vedi tabella ), il risultato deve essere pari a >= 1 TABELLA SUSSISTENZA COMPONENTI FAMILIARI PER OGNI COMPONENTE AGGIUNTIVO 781,05 958, , , ,31 230,00 35

36 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! FINALITA LTV MAX ETÀ MAX DESTINAZIONE IMMOBILE L età minima è di 18 anni e l età massima di richiedenti e garanti è di 80 anni a fine mutuo. ANZIANITÀ LAVORATIVA Dipendenti a tempo indeterminato : non prevista su tempo indeterminato, se assunzione molto recente è necessario che prima dell atto venga presentata dichiarazione datore di lavoro per superamento periodo di prova. Autonomi: 3 anni di iscrizione P.IVA (superato periodo prova) o pensionati CITTADINANZA E RESIDENZA Cittadini italiani Cittadini comunitari residenti in Italia da almeno 3 anni Cittadini extracomunitari residenti in Italia coniugati con cittadino italiano da almeno 3 anni 36

37 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! FINALITA LTV MAX Garanzie personali: Fideiussione IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Nel caso in cui venga richiesta su una operazione mutuo una fideiussione, la persona o le persone che prestano tale garanzia debbono essere in grado di reggere autonomamente i parametri di indebitamento. Cumulo dei redditi: Il cumulo dei redditi viene considerato unicamente tra marito e moglie, conviventi, fidanzati e quindi unicamente tra persone che sono coinvolte nella stessa operazione immobiliare/finanziaria. 37

38 POLITICHE DI CREDITO Che Banca! IMMOBILI Abitazione principale Abitazione secondaria Uffici (accatastati A10) Vengono finanziati anche gli immobili provenienti da: successione, donazione, o soggetti a diritto di superficie. Non vengono finanziati negozi/immobili industriali, capannoni 38

39 PRODOTTI Che Banca! VARIABILE FISSO VARIABILE CON CAP RATA PROTETTA (nome commerciale Esatto) 39

40 SPESE E ASSICURAZIONI Che Banca! Spese di perizia: 250 euro trattenute dall importo Spese di Istruttoria: 1000 euro Assicurazione: E obbligatorio aderire alla polizza collettiva stipulata dalla Banca con Genertel per assicurare i danni (incendio esplosione e scoppio) all immobile oggetto della garanzia ipotecaria. Il mutuatario può pagare il premio assicurativo con le seguenti modalità: premio unico trattenuto dall importo erogato pari allo 0,15 per mille per ciascun anno di durata del mutuo, calcolo sull importo finanziato; premio mensile per ciascun anno del mutuo pari allo 0,20 per mille per importo finanziato diviso dodici. Incasso rata: nessuna 40

41 SPESE E ASSICURAZIONI Che Banca! TARIFFE POLIZZE VITA COLLEGATI AI MUTUI Genertel Durata Tassi vita 1,341 1,516 1,707 1,905 2,120 2,348 2,590 2,847 3, , ,725 Durata Tassi vita 4,056 4,408 4,781 5,174 5,590 6,029 6,496 6,992 7,521 8,083 Tasso lavoro 1,31 I coefficienti relativi alle polizze sono espressi in termini percentuali 41

42 SPESE E ASSICURAZIONI Che Banca! TARIFFE POLIZZE VITA COLLEGATI AI MUTUI MetLife Durata Premio UNICO 1,270 1,440 1,640 1,850 2,080 2,330 2,610 2,890 3,210 3,550 3,570 Durata Premio UNICO 3,940 4,340 4,770 5,240 5,220 5,730 6,280 6,870 6,810 7,430 Durata Premio MENSILE 0,0107 0,0113 0,0119 0,0125 0,0130 0,0138 0,0144 0,0154 0,0162 0,0171 0,0164 Durata Premio MENSILE 0,0173 0,0183 0,0195 0,0207 0,0218 0,0232 0,0245 0,0261 0,0251 0,0267 I coefficienti relativi alle polizze sono espressi in termini percentuali 42

43 POLITICHE DI CREDITO PRODOTTI SPESE E ASSICURAZIONI 43

44 POLITICHE DI CREDITO Cariparma IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITÀ LTV DURATE IMPORTO MIN IMPORTO MAX Acquisto prima casa 70% anni Non previsto Nessun limite Acquisto seconda casa 70% anni Non previsto Nessun limite 44

45 POLITICHE DI CREDITO Cariparma Il valore può essere ricavato: CALCOLO DEL REDDITO Dalla dichiarazione dei redditi: detrarre dalla somma dei redditi annuali lordi da lavoro e assimilati l importo dell imposta netta e dividere per 12 mensilità RAPPORTO RATA REDDITO Il rapporto rata reddito massimo del 30% che può essere derogato caso per caso. Il r/r è computato sempre sulla rata calcolata con il tasso fisso, anche in caso di prodotto con tasso variabile REDDITO NETTO MENSILE RESIDUO Non previsto 45

46 POLITICHE DI CREDITO Cariparma ETÀ Età massima dei richiedenti 67 anni alla scadenza del mutuo; in caso di cointestazione è sufficiente che almeno uno dei cointestatari non abbia superato i 67 anni alla scadenza del mutuo. Età massima dei garanti 85 anni alla scadenza del mutuo SALDO PREZZO Richiesto 46

47 PRODOTTI Cariparma VARIABILE CON OPZIONE FISSO MUTUO VARIABILE CON CAP (nome commerciale Gran Mutuo Chiaro e Certo) 47

48 SPESE E ASSICURAZIONI Cariparma Spese di perizia: Euro 300,00 (indicativamente) Spese di istruttoria: applicate nella misura dello 0,90% dell'importo erogato (min 900EUR max 3.000EUR). Incasso rata: euro 1,20 mensile Assicurazione obbligatoria: La polizza assicurativa incendio, scoppio e danneggiamento ambientale è obbligatoria a favore dell'ente erogante, il costo è pari a 6,13 euro al mese 48

49 SPESE E ASSICURAZIONI Cariparma POLIZZE ASSICURATIVE FACOLTATIVE A SCELTA DEL CLIENTE CHE DANNO DIRITTO AD UNO SCONTO DI SPREAD SUL PRODOTTO BASE: DURATA POLIZZA MULTIRISCHI % sull importo di mutuo POLIZZA VITA % sull importo di mutuo , ,4 3, , ,5 4, ,2 5,2 49

50 OFFERTA e REGOLE DEL CREDITO PRODOTTI e SPESE E ASSICURAZIONI 50

51 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT FINALITÀ, IMPORTI EROGABILI E LTV FINALITA LTV MAX DURATE IMPORTO MINIMO IMPORTO MAX NOTE ACQUISTO 80% 5-30 anni Euribor - BCE 5-30 anni IRS anni IRS anni IRS anni IRS Non indicato - RISTRUTTURAZIONE 80% 5-20 anni Euribor - BCE 5-20 anni IRS anni IRS anni IRS anni IRS Non indicato Per la ristrutturazione e il completamento si considera il valore abitazione A LAVORI ESEGUITI SOSTITUZIONE CONSOLIDAMENTO LIQUIDITÀ 80% 6-30 anni Euribor - BCE 6-30 anni IRS anni IRS anni IRS anni IRS 20 Liquidità: Liquidità:

52 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT REGOLE DEL CREDITO Rapporto FINALITA RATA/REDDITO LTV MAX MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Sono presi in considerazione i redditi di massimo 3 soggetti coinvolti, siano essi richiedenti o garanti. Entro il valore massimo del 55% calcolato sul tasso tecnico del 6,20%. Per cittadini extracomunitari limite massimo R/R: 35% LAVORO DIPENDENTE: Tempo indeterminato: anzianità lavorativa minima 6 mesi, 100% del reddito netto mensile calcolato da CUD (Imponibile fiscale rigo 1 ritenute Irpef rigo 5) / 13 Tempo determinato: anzianità lavorativa di almeno 2 anni (ultimi due CUD con almeno 180 giorni lavorati per anno) TRASFERTE: possibile valorizzazione delle trasferte (media aritmetica degli importi presenti nelle ultime sei buste paga). PENSIONATI: 100% dei redditi netti da CUD LAVORO AUTONOMO Valorizzazione dei redditi derivanti dagli ultimi 2 modelli unico presentati. Media degli ultimi 2 modelli unici così calcolati: (RN4 RN26)/12 52

53 FINALITA LTV MAX ALTRI REDDITI Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT REGOLE DEL CREDITO IMPORTO MAX DESTINAZIONE IMMOBILE Affitto regolarmente indicati in dichiarazione dei redditi con accredito su conto corrente possibile valorizzazione fino al 100% dell importo netto percepito Alimenti percepiti a seguito di omologa di separazione o sentenza di divorzio, con regolare accredito su conto corrente, possibile valorizzazione fino al 100% IMPEGNI FINANZIARI Scadenza entro i 6 mesi = non considerati Scadenza oltre i 6 mesi = 100% (da detrarre dal reddito) ETÀ L età consentita è dai 18 a 75 anni (età massima a scadenza calcolata sul soggetto PIU giovane coinvolto nell operazione titolare di reddito) Cittadini italiani e stranieri residenti sul territorio nazionale. Per i cittadini stranieri è richiesta la residenza in Italia da 3 anni (sia comunitari che extracomunitari) GARANTI Età massima 80 anni alla scadenza del mutuo Non sono previste altre figure oltre a: Genitori, Coniuge Fratello/sorella Il reddito del garante è ponderato al 100% e va sommato al reddito dei richiedenti. Percentuale di garanzia fideiussoria = 200% dell importo erogato 53

54 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT TIPOLOGIE IMMOBILI CATEGORIE CATASTALI FINANZIABILI: A1 A2 A3 A4 A5 A6 - A7 A8 A10 Ufficio e studio privati: la maggior parte dell immobile deve essere adibito ad ufficio IMMOBILI PROVENIENTI DA SUCCESSIONE Verificare che l atto di accettazione anche tacita sia stato trascritto Le imposte devono essere state interamente pagate IMMOBILI PROVENIENTI DA DONAZIONE E possibile intervenire solo se: donante deceduto da almeno 10 anni Sono trascorsi almeno 20 anni dalla donazione Qualsiasi altra situazione verrà valutata direttamente dalla Banca RICHIESTA DI UN SOLO CONIUGE Solo se: in regime di separazione dei beni Non esistono a carico dell altro coniuge pregiudizievoli 54

55 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT TIPOLOGIA PRODOTTI Mutuo a tasso VARIABILE Euribor 365/3 mesi BCE (utilizzabile solo per prima casa) Mutuo a tasso FISSO: TF 5 1 periodo IRS 5 + spread primi 60 mesi 2 periodo Euribor 365/3 + spread mesi dalla 61 rata fino al rimborso totale del capitale mutuato TF 10 1 periodo IRS 10 + spread primi 120 mesi 2 periodo Euribor 365/3 + spread mesi dalla 121 rata fino al rimborso totale del capitale mutuato TF 15 1 periodo IRS 15 + spread primi 180 mesi 2 periodo Euribor 365/3 + spread mesi dalla 181 rata fino al rimborso totale del capitale mutuato TF 20 1 periodo IRS 20 + spread primi 240 mesi 2 periodo Euribor 365/3 + spread mesi dalla 241 rata fino al rimborso totale del capitale mutuato 55

56 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT - CRITERI UTILIZZATI PER LA PROFILATURA DEL CLIENTE L offerta commerciale, è facilmente determinabile attraverso il rispetto di poche parametri/regole capaci di quotare la migliore offerta per il Cliente. Il cliente riceve già in fase di consulenza un prezzo commisurato al rischio Il prezzo viene determinato sulla base di parametri che danno la possibilità di allocare al cliente il listino corretto E disponibile un tool di calcolo come supporto per la gestione dei listini Le regole del sono di facile applicazione 56

57 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT - CRITERI UTILIZZATI PER LA PROFILATURA DEL CLIENTE Il Cliente viene classificato in 3 classi di rischio: EXTRA QUALITÀ STANDARD a cui è attribuito spread appropriato Regole Anni di residenza Anzianità lavorativa Debiti/ Reddito Lordo LTV Storia creditizia Rischiosità cliente Extra Qualità Standard 57

58 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT DETTAGLIO REGOLE PER INDIVIDUAZIONE 1 Regole Anni di residenza Descrizione massimo numero di anni di residenza in Italia tra gli intestatari (= anni di residenza in Italia dell'intestatario che è da più tempo in Italia, dove gli italiani hanno 99) 2 Anzianità lavorativa massima anzianità lavorativa tra gli intestatari (pari all anzianità lavorativa dell'intestatario che lavora da più tempo) 3 Debiti/ Reddito Lordo rapporto tra (Mutuo richiesto + Altri debiti dei primi 3 richiedenti) e Redditi annui lordi dei primi 3 richiedenti al denominatore 4 LTV Rapporto tra importo richiesto e valore dell immobile (minor valore tra prezzo di compravendita e valore di perizia) 5 Storia creditizia nessun intestatario ha mai avuto rate arretrate su finanziamenti (fonte CRIF ed Experian) 58

59 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT TIPOLOGIA PRODOTTI* MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA Modulo relazione MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA PIÙ Taglia rata Riduci rata Sposta rata e Bonus Interessi MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA SUPER Copertura CAP Swich da tasso variabile a tasso fisso MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA TOP Taglia rata Riduci rata Sposta rata e Bonus Interessi Copertura CAP Swich da tasso variabile a tasso fisso *per maggiori dettagli si rimanda alle SCHEDE PRODOTTO 59

60 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPREAD MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA FINALITA INDICE DI RIFERIMENTO SPREAD EXTRA SPREAD QUALITÀ SPREAD STANDARD EURIBOR 2,50% 2,75% 3,00% BCE 2,95% 3,25% 3,45% ACQUISTO RISTRUTTURAZIONE SOSTITUZIONE CONSOLIDAMENTO LIQUIDITÀ IRS 5 IRS 10 3,40% 3,40% 3,65% 3,65% 3,90% 3,90% IRS 15 3,40% 3,65% 3,90% IRS 20 3,40% 3,65% 3,90% 60

61 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPREAD MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA PIÙ FINALITA INDICE DI RIFERIMENTO SPREAD EXTRA SPREAD QUALITÀ SPREAD STANDARD EURIBOR 2,80% 3,05% 3,30% BCE 3,25% 3,55% 3,75% ACQUISTO RISTRUTTURAZIONE SOSTITUZIONE CONSOLIDAMENTO LIQUIDITÀ IRS 5 IRS 10 3,70% 3,70% 3,95% 3,95% 4,20% 4,20% IRS 15 3,70% 3,95% 4,20% IRS 20 3,70% 3,95% 4,20% 61

62 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPREAD MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA SUPER FINALITA INDICE DI RIFERIMENTO SPREAD EXTRA SPREAD QUALITÀ SPREAD STANDARD EURIBOR 3,00% 3,25% 3,50% BCE 3,25% 3,55% 3,75% ACQUISTO RISTRUTTURAZIONE SOSTITUZIONE CONSOLIDAMENTO LIQUIDITÀ IRS 5 IRS 10 3,70% 3,70% 3,95% 3,95% 4,20% 4,20% IRS 15 3,70% 3,95% 4,20% IRS 20 3,70% 3,95% 4,20% 62

63 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPREAD MUTUO IPOTECARIO VALORE ITALIA TOP FINALITA INDICE DI RIFERIMENTO SPREAD EXTRA SPREAD QUALITÀ SPREAD STANDARD EURIBOR 3,20% 3,45% 3,70% BCE 3,45% 3,70% 3,95% ACQUISTO RISTRUTTURAZIONE SOSTITUZIONE CONSOLIDAMENTO LIQUIDITÀ IRS 5 IRS 10 3,90% 3,90% 4,15% 4,15% 4,40% 4,40% IRS 15 3,90% 4,15% 4,40% IRS 20 3,90% 4,15% 4,40% 63

64 PERIZIA: 246,00 effettuata da PRAXI Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPESE SPESE DI ISTRUTTORIA: 1,00% dell importo richiesto, con minimo 750 e massimo RATA: mensile primo giorno del mese successivo alla stipula ASSICURAZIONE IMMOBILE INCENDIO FABBRICATI: Il costo del premio è pari allo 0,02% della somma assicurata relativa al Fabbricato (che corrisponde in caso di Loan To Value > 60% al Valore di stima del fabbricato assicurato; nel caso di Mutui con Loan To Value < 60% all importo erogato del Mutuo stesso), per il numero degli anni di durata. Per ciascun Fabbricato assicurato il premio finito, incluso di imposte, viene corrisposto in via anticipata e in unica soluzione per tutta la durata dell Assicurazione. Il premio unico anticipato viene trattenuto dall importo del mutuo erogato 64

65 Offerta Mutuo Valore Italia UNICREDIT SPESE POLIZZE FACOLTATIVE - CPI CREDITOR PROTECTION Polizza collettiva che prevede le seguenti garanzie: il pagamento di un capitale pari al debito residuo in linea capitale alla data del sinistro in caso di morte o invalidità totale permanente, la liquidazione delle rate in scadenza a seguito di inabilità temporanea, il ricovero ospedaliero o perdita di impiego in relazione all attività lavorativa al momento del sinistro. Il premio unico anticipato è trattenuto dall importo di mutuo erogato. Coefficienti: 20 anni: 6% 25 anni: 7,5% 30 anni: 9% 65

66 CONTATTI Via Alessandro Manzoni, Milano Viale dei Parioli, Roma Via Del Parco Margherita, Napoli ANNA GARRITANO: Tel ALESSIA TOSCANI: Tel ALESSIA CORRADO: Tel LUCA MOSCARIELLO: Tel SALVATORE SANTAERA : Tel

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente D.P.C.M. 5 Dicembre 2013 n. 159 G.U n. 19 del 24 Gennaio 2014 LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI I QUESITI SONO STATI RACCOLTI DALLA CONSULTA

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO

COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO Luca Parisotto COSA SAPERE PRIMA DI CHIEDERE UN MUTUO POCHE PAGINE E MOLTI SEGRETI PER PRESENTARSI PREPARATI ALL APPUNTAMENTO CON IL MUTUO. 1 INDICE PERCHÉ LEGGERE QUESTO MANUALE 3 LA SCELTA DEL MUTUO

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

TITOLO I CONDIZIONI E LIMITI PER LA CONCESSIONE DEL MUTUO ARTICOLO 1

TITOLO I CONDIZIONI E LIMITI PER LA CONCESSIONE DEL MUTUO ARTICOLO 1 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI MUTUI IPOTECARI AGLI ISCRITTI ALLA GESTIONE UNITARIA DEL CREDITO E DELLE ATTIVITA' SOCIALI (art. 1, comma 245, della L. n. 662/1996; D.M. 27 Luglio 1998, n. 463). TITOLO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

DSU ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE. Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013)

DSU ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE. Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013) DSU Dichiarazione Sostitutiva Unica (D.P.C.M. 159/2013) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE PARTE 1 INTRODUZIONE... 2 1. Cos è e a cosa serve la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU)... 2 2. La DSU modulare

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: AFFARI GIURIDICI E CONTENZ. TRIBUTARIO Circolare del 12/05/2000 n. 95 Oggetto: Videoconferenza modello 730/2000. Risposte a quesiti vari.

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli