INTRODUZIONE 4 METODOLOGIA 5 NORMATIVA NAZIONALE 6 LA MICROFINANZA NELL A COOPERAZIONE DECEN TRATA DEGLI ENTI LOC ALI: 9 CONCLUSIONE 21 ALLEGATI 23

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE 4 METODOLOGIA 5 NORMATIVA NAZIONALE 6 LA MICROFINANZA NELL A COOPERAZIONE DECEN TRATA DEGLI ENTI LOC ALI: 9 CONCLUSIONE 21 ALLEGATI 23"

Transcript

1 1

2 Fondazione Culturale Responsabilità Etica, sede legale Via Nazario Sauro 15, Padova sede operativa Via Niccolò Tommaseo 7, Padova tel fax sito Pubblicazione realizzata dalla Fondazione Culturale Responsabilità Etica all interno del progetto SAVE FOR GOOD: MOBILIZING EUROPEAN ACTORS TO BUILD GLOBAL INCLUSIVE FINANCIAL SE CTORS IN DEVELOPING COUNTRIES ONG-ED/2007/ Ref. 106, Finanziato dalla Commissione Europea Ufficio di Cooperazione EuropAid. Il presente lavoro è un analisi su come gli Enti Locali Italiani possono attivarsi e sostenere la microfinanza nei paes i del Sud del Mondo, a partire dagli strumenti legislativi e case histories di successo. - STUDIO DI FATTIBILITÀ PER GLI ENTI LOCALI E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI NEL CONTESTO ITALIANO : STRUMENTI E PRASSI PE R SOSTENERE LA MICROFINANZA NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO a cura di Stefania Fanari e Simone Siliani. Terminato il 20 marzo Desideriamo ringraziare per la collaborazione: gli Enti Locali che hanno partecipato alla ricerca; le Ong Cisv, Cvm, Soleterre, Moxa, Manitese, Cospe. Ringraziamo inoltre Ace l Torino, il Fondo Provinciale Milanese, la Fondazione R. San Miniato, Teresa Masciopinto (Banca Popolare Etica), Roberto Sedda (Università di Cagliari), Chiara Benvegnù (Etimos), il Crenos, Riccardo Troisi, Piera Moscato e l Avv. Patrizia Fanari per la pr eziosa consulenza. Un ringraziamento particolare va alla Dott.ssa Flavia Donati, ufficio cooperazione Regione Toscana. Progetto grafico: Irene Palmisano, Editing: Alberto Borin Questo documento è stato realizzato con il contributo finanziario dell Unione Europea; la responsabilità del contenuto di questo documento è da imputare unicamente alla Fondazione Culturale Responsabilità Etica e non riflette in alcun modo le opinioni ufficiali della Commissione Europea EuropeAid. 2

3 SOMMARIO INTRODUZIONE 4 METODOLOGIA 5 NORMATIVA NAZIONALE 6 LA MICROFINANZA NELL A COOPERAZIONE DECEN TRATA DEGLI ENTI LOC ALI: 9 CONCLUSIONE 21 ALLEGATI 23 A. NORMATIVE REGIONALI REGIONE ABRUZZO REGIONE BASILICATA REGIONE EMILIA ROMAGNA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA REGIONE LAZIO REGIONE LIGURIA REGIONE LOMBARDIA REGIO NE MOLISE: 72 9.REGIONE PIEMONTE: REGIONE PUGLIA: REGIONE SARDEGNA: REGIONE TOSCANA: REGIONE TRENITINO ALTO ADIGE REGIONE UMBRIA REGIONE VENETO 117 B. QUESTIONARIO REGIONI 128 C. REFERENTI ENTI LOCALI 129 3

4 Introduzione Negli ultimi anni la cooperazione decentrata è diventata un importante strumento di attuazione nell ambito della cooperazione allo sviluppo, acquisend o un interesse riconosciuto in ambito internazionale. Nello specifico con la definizione di cooperazione decentrata si intende l azione di cooperazione allo sviluppo svolta dalle Autonomie Locali (Regioni, Province, Comuni), singolarmente o in consorzio fr a loro, attraverso il concorso delle risorse della società civile organizzata presente sul territorio di relativa competenza amministrativa (università, sindacati, Asl, piccole e medie imprese, imprese sociali). Questa azione di cooperazione deve realizza rsi attraverso una sorta di partenariato con un ente omologo del Sud del mondo; in altri termini, due enti locali (uno al Nord e uno al Sud del mondo) concertano tra loro per la definizione e la realizzazione di un progetto di sviluppo locale. Si tratta di una forma di cooperazione che mira al coinvolgimento della società civile, tanto quella del Nord quanto quella del Sud, nelle fasi di ideazione, progettazione ed esecuzione dei progetti di sviluppo. L obiettivo generale di questa tipologia d intervento è la riduzione della povertà nei Paesi in via di sviluppo, secondo un approccio pensato a partire dalle esigenze locali e progettato attraverso un integrazione di competenze. Il riconoscimento delle attitudini proprie dei soggetti locali (piccole e medie imp rese, imprese sociali, sindacati, università ) e l invito a coinvolgerle nel processo di cooperazione rappresenta l elemento qualificante di questa modalità d intervento. Dato il ruolo centrale assunto dalla cooperazione decentrata nell indirizzare le line e guida per cooperazione, risulta particolarmente significativo analizzare quali siano le relazioni che si sono stabilite fra questa e gli strumenti di finanza etica, principalmente il microcredito come promotore di uno sviluppo endogeno e sostenibile. Negli ultimi trent anni, la diffusione della microfinanza in varie parti del mondo ha portato ad una vera e propria rivoluzione nel modo di operare della finanza tradizionale: le innovazioni della micro finanza e della finanza etica hanno aperto le porte ad i ntere popolazioni fino a quel momento escluse dall accesso ai servizi finanziari. In ogni Paese è presente una domanda per servizi finanziari non soddisfatta dai circuiti della finanza formale, composta non solo dai cosiddetti ultra poveri considerati economicamente non attivi, ma anche piccoli 4

5 imprenditori che contribuiscono a creare occupazione e produrre reddito nelle relative comunità di appartenenza. Il successo della microfinanza è riuscito a spezzare la rigidità della finanza tradizionale ed il c rescente numero di poveri che riesce a raggiungere ha fatto si che la finanza etica e la microfinanza siano oggi considerate fra gli strumenti di maggiore impatto nelle politiche di cancellazione della povertà a livello globale, ad esempio per il raggiungimento dei Millennium Developmente Goals. L obbiettivo di quest a analisi è stato proprio quello di investigare il modo in cui gli Enti Locali possono supportare gli attori della finanza etica e della microfinanza attraverso le loro attività di cooperazione decentrata, fornendo un quadro esauriente di quelle che sono state le esperienze fino a questo momento. Tuttavia, mentre il quadro normativo analizzato non fa emergere alcuno ostacolo di tipo legale o burocratico che impedisca un impegno di Regioni, Pro vince o Comuni in questo senso, l interesse registrato negli ultimi anni risulta essere ampiamente insoddisfacente; basti pensare che a livello regionale pochissime Regioni possono ritenersi effettivamente attive nel sostegno a realtà microfinanziarie con un forte impegno pluriennale. In alcuni casi questo potrebbe riflettere una situazione di crisi generalizzata per quanto riguarda le attività di cooperazione a livello nazionale, in altri casi si è palesato un totale disinteresse e una forte disinformazione sulle potenzialità e sulla molteplicità di forme che tale strumento può assumere. Bisogna sottolineare che tali informazioni potrebbero comunque essere in parte falsate dall impossibilità di raggiungere tutti gli Enti Locali Nazionali, a causa anche dei ritardi provocati dalle differenti denominazioni presenti in ogni Regione e dalla totale assenza di coordinamento a livello Regionale. Sono comunque presenti alcune esperienze significative ai fini della ricerca, utili soprattutto quali buone pratiche da segnalare nella campagna di advocacy successiva. Metodologia Nel rispetto del piano di lavoro presentato dalla FCRE, la prima fase progettuale prevedeva il reperimento delle normative generali inerenti il riparto di competenze fra i diversi livelli istituzionali della Repubblica nonché normative speciali (come cooperazione internazionale e finanza), dei vari attori istituzionali. Questa analisi è stata svolta principalmente dal Desk con 5

6 il supporto di esperti giuridici e accompagnata da interviste telefon iche nel caso di dati parziali o mancanti. Per l individuazione e l analisi delle attività svolte dai singoli Enti si è proceduto principalmente attraverso interviste telefoniche precedute dall invio di una e -mail informativa sul progetto Save for Good e sulle informazioni richieste. Nel caso specifico delle Regioni e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, è stato predisposto un breve questionario 1 (5 domande) da compilare con scadenza a tre settimane in modo da facilitare il reperimento delle informazioni, minimizzando il dispendio di tempo da parte degli Enti. Vista la scarsa disponibilità da parte degli stessi, l e -mail informativa con richiesta dei dati è stata inviata anche a circa un 120 Ong nazionali attive in ambito di cooperazione allo sviluppo. Normativa Nazionale Il primo fondamentale strumento normativo da prendere in considerazione nell esaminare le normative di riferimento nell attività di cooperazione internazionale degli Enti Locali, è l art.117 della Costituzione (parte II, ti tolo V), il quale esplicita i limiti della potestà legislativa delle Regioni in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato. L art.117 è stato modificato dalla legge costituzionale n.3/2001 la quale attribuisce all e Regioni la facoltà di adottare proprie leggi in materia delle relazioni internazionali e con l Unione Europea, e conseguentemente il potere di concludere accordi con Stati terzi, nonché intese con enti territoriali interni ad altri Stati nelle materie di loro competenza. Conseguentemente a tale modifica le competenze stesse delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano in merito a rapporti di cooperazione internazionale sono state ampliate. Ogni normativa regionale in questo ambito fa comunque ancora riferimento alla necessaria compatibilità rispetto a tale norma costituzionale nonché rispetto alla normativa nazionale, ossia la legge n.47 del 1987 che disciplina la cooperazione dell Italia con i PVS. In seguito alla produzione normativa naz ionale, dal 1989 in poi è seguita la produzione di leggi regionali ad hoc che regolino la cooperazione internazionale degli enti locali (Regioni, 1 Presente in allegato. 6

7 province, comuni) nei termini di cooperazione decentrata diretta o delegata ad attori della cooperazione prese nti sempre sul proprio territorio. Attualmente la produzione normativa regionale in questa materia è presente in 19 regioni e nelle Province autonome di Trento e Bolzano, nella Regione Sicilia al momento risulta unicamente presente una proposta di legge ri salente all anno Elenco delle normative regionali sulla Cooperazione Internazionale: ENTE LOCALE ANNO L.R. NORMATIVA Regione Toscana 1999 L.R.n.17 Regione Sardegna 1996 L.R.n.19 Regione Lazio 2000 L.R.n.19 Regione Abruzzo 1995 L.R.n.63 Regione Umbria 1999 L.R.n.26 Regione Marche 2002 L.R.n.9/ L.R.n.24 18/12/2003 Regione Emilia Romagna 2002 L.R.n.12 Regione Veneto 1999 L.R.n.55 Regione Lombardia 1989 L.R.n.20 Regione Liguria 1998 L.R.n.28 Regione Piemonte 1995 L.R.n.67 Regione Friuli Venezia Giulia 2000 L.R.n.19 Regione Calabria 2007 L.R.n.4 Regione Sicilia 2004 PROPOSTA L.R.28settembre Regione Puglia 2003 L.R.n.20 Regione Valle d'aosta 1990 L.R.n.44 Regione Basilicata 1996 L.R.n.26 Regione Molise 2005 L.R.n.29 Regione Trentino Alto Adige 1993 L.R.n. 11 Provincia Autonoma di Trento 2005 L.P.n.4 Provincia Autonoma di Bolzano 1991 L.P.n.5 7

8 In solo sei delle venti Regioni la normativa in questione fa esplicitamente riferimento all impiego di strumenti di finanza etica o al microcredito come strumento di cooperazione internazionale allo sviluppo per gli Enti Locali. Nel caso della Regione Automa della Sardegna, gli strumenti di finanza etica non sono direttamente menzionati dalla legge n.19/96 bensì nelle Linee Guida per la cooperazione regionale allo sviluppo del 2004, sebbene i settori prioritari risultino essere differenti. La legge n.55/99 della Regione Veneto fa invece preciso riferimento ad iniziative di carattere finanziario avvalendosi del supporto di Banca Etica. Nella normativa regionale di Puglia, Liguria e Friuli Venezia Giulia si fa invece esplicito riferimento al microcredito come strumento a disposizione degli attori della cooperazione decentrata. Nel caso della regione Lombardia si fa invece richiamo a ini ziative di carattere finanziario atte al conseguimento delle finalità 2, un riferimento generico che può essere ricondotto comunque all utilizzo di strumenti di finanza etica, soprattutto tenendo conto che la normativa in questione (una delle prime a liv ello nazionale) risale al 1989 quando tali pratiche non erano ancora molto diffuse in Europa. Il fatto che la maggior parte della produzione normativa non faccia esplicito riferimento alle categorie oggetto di studio non ne esclude comunque completamente l a fattibilità: tutte le normative regionali pongono ad esempio fra gli obiettivi prioritari il perseguimento dei Millennium Development Goals così come l empowerment femminile in un ottica di parità di genere, o ancora, all emancipazione della cooperazion e allo sviluppo dalla logica dell aiuto. Le categorie menzionate sono presenti in diverse dichiarazioni di importanti Istituzioni Internazionali come fine da perseguire per mezzo anche di strumenti microfinanziari e possono dunque ritenersi una ovvia evol uzione della materia stessa. Per il rispetto delle tempistiche previste non è tuttavia possibile tenere conto dell evoluzione delle priorità presenti nei documenti di programmazione triennale per ogni singola Regione o Ente Locale, ma è probabile che, come nel caso della Regione Sardegna, siano presenti altri casi di un successivo avvicinamento alla materia ed una valorizzazione del ruolo della FE. Gli unici casi singolari risultano essere quelli delle Regioni Sicilia e Trentino Alto Adige: nel primo caso è tuttora assente una normativa regionale in materia di cooperazione, mentre nel caso del Trentino la Regione svolge unicamente un ruolo di coordinamento e di incentivo rispetto alla normativa e all attività delle Province Autonome di Trento e Bolzano. 2 Normativa presente in allegato. 8

9 La Microfinanza nella Cooperazione Decentrata degli Enti Locali: Solamente nove Regioni su venti hanno risposto direttamente fornendo tutte le informazioni necessarie ai fini dell indagine, mentre in altri casi le informazioni sono state ottenute indirettamente attraverso interviste telefoniche a soggetti coinvolti nel processo di cooperazione decentrata delle singole realtà territoriali. Per quanto riguarda invece le Regioni Lazio, Abruzzo, Umbria, Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicili a, non è stato possibile nell arco temporale a disposizione reperire informazioni dettagliate in merito alle proprie attività di cooperazione decentrata. Nel caso della Sicilia tuttavia, tenuto conto che ancora non è stata approvata una normativa regionale in materia si può ipotizzare che verosimilmente non esistano ancora esperienze significative in ambito di cooperazione decentrata. Dati forniti dagli Enti Locali per via diretta o indiretta : Informazioni raccolte per Informazioni raccolte per Informazioni non raggiunte per mezzo del Questionario via Indiretta via diretta che indiretta Regione Toscana Regione Sardegna Regione Lazio Regione Liguria Regione Piemonte Regione Campania Regione Trentino Alto Adige Regione Marche Regione Calabria Regione Valle d'aosta Regione Basilicata Regione Friuli Venezia Giulia Regione Abruzzo Regione Lombardia Regione Sicilia Regione Veneto Regione Molise Regione Emilia Romagna Regione Umbria Regione Puglia 9

10 Reperimento dati sulla cooperazione decentrata delle Regioni Italiane 45% Informazioni disponibili 55% Informzioni non disponibili La Regione Toscana è l unico Ente Locale che ha risposto affermativamente a tutti i quesiti posti, confermando un ruolo di primo piano fra gli attori della cooperazione decentrata italiana. L attività di cooperazione mediante lo strumento della microfinanza è esplicitamente enunciato dalla normativa regionale nel piano quinquennale , così come nel precedente. All attività di microcredito è dunque stata data esplicita priorità, tanto che dal 2001 è presente un accordo di partenariato fra la Regione Toscana ed il Consorzio Etimos approvato dalla delibera n. 279 del 28 dicembre I primi beneficiari di questa collaborazione sono stati: Albania, Serbia, Argentina (post crisi finanziaria) e Palestina, dei quali, i primi tre progetti sono già stati conclusi. La Regione ha poi approvato con risoluzione del Consiglio Regionale n. 13 del 19 luglio 2006 il nuovo Piano Regionale per la cooperazione internazionale (L.R. 17/99) per il periodo La Regione Toscana, decisi gli ambiti d intervento prioritari, ha elaborato alcuni obiettivi specifici con la prefigurazione dei relativi scenari di sviluppo. Con riferimento alla specificità del settore d intervento e della metodologia operativa, il Consorzio Etimos, ha potuto realizzare la sua collaborazione con l a Regione al fine di «rafforzare una politica di cooperazione internazionale anche attenta a nuovi settori di attività: quali l alimentazione, il turismo sostenibile, la produzione di qualità e le conoscenze tradizionali, il commercio equo e solidale, la finanza etica». Proprio in questo ambito è nata la collaborazione tra Regione 10

11 Toscana e Consorzio Etimos, che ha portato il 3 agosto 2006 alla firma della Convenzione «per la realizzazione dei progetti di Finanza etica e sviluppo locale nelle aree della cooperazione internazionale individuate dal Piano regionale della cooperazione internazionale e delle attività di partenariato» 3. L interesse della Regione Toscana per il microcredito, e in maniera più ampia per la microfinanza, trova ampia esplicazione nello stesso Piano regionale, nel quale «si riconosce allo strumento del microcredito la capacità di sviluppare e valorizzare le potenzialità e le capacità umane locali, la sostituzione della donazione con il credito e la promozione della partecipazione delle comunità locali ai processi di sviluppo e rafforzamento della coesione sociale» 4. La prima delibera inerente l ultima Convenzione tra Regione Toscana e Consorzio Etimos ha avuto come oggetto il finanziamento ad Etimos per il supporto alla real izzazione dei progetti Senegal: finanza per lo sviluppo e Sviluppo rurale integrato basato sul ruolo delle donne contadine e sui processi di organizzazione locale ed istituzionale in Palestina. Il progetto in Senegal ha portato ad una conoscenza approf ondita del settore della microfinanza senegalese, rilevandone anche i principali punti di debolezza. Infatti, a causa delle problematicità legate alla moneta locale (il franco Cfa), si è pianificata l elaborazione e la costituzione di un fondo di garanzia per il rischio di cambio, per permettere ad Etimos di concedere finanziamenti in valuta locale ad istituzioni di microfinanza individuate e opportunamente selezionate. Il progetto finanziato in Palestina prevedeva invece il sostegno ad un istituzione di microfinanza locale, con l obiettivo che la stessa potesse gestire tutte le attività di microcredito e di microfinanza avviate dall Ong palestinese Parc (Palestinian Agriculture Relief Committees), con maggiore specializzazione e professionalizzazione. Il continuo aggravarsi della situazione politica palestinese ha fatto si che venisse inoltre deliberato nel 2007 un ulteriore finanziamento a supporto di due progetti di attivazione di strumenti finanziari per sostenere l accesso al credito delle cooperative d i produzione palestinesi esportatrici di prodotti agroalimentari tradizionali (Med -Cooperation)» e 3 Bertagna G., Cera A., Damato G., Il Microcredito come st rumento di sviluppo. I progetti cofinanziati dalla Regione Toscana e finanziati in partenariato di Etimos, Quaderni di Finanaza per lo Sviluppo, n.4, Bertagna G., Cera A., Damato G.,

12 «Affiancamento alla Ong palestinese Parc per la costituzione dell istituzione di microfinanza Reef (Rural Economic Empowerment Foundation)» 5. Dopo l ultima missione realizzata in Palestina (nel novembre 2008), e sulla base delle esigenze locali, si sta valutando la possibilità di concedere una linea di finanziamento al Reef, per poter rispondere alle tante domande di credito che continuano a pervenirgli. Allo stesso tempo, i partner stanno analizzando, sempre in collaborazione con il Reef, l introduzione di ulteriori prodotti finanziari che l organizzazione potrà offrire a cooperative di produttori locali, comprese quelle potenzialmente identificate dal progett o Med-Cooperation. Il successo e l efficienza delle attività svolte nel settore microfinanziario palestinese hanno fatto si che la Regione fosse fortemente motivata a mantenere il suo imp egno in questa area, non solo, ma uno dei partner principali sia di Etimos che della Regione Toscana, Banca Popolare Etica, è fortemente intenzionata ad estendere la propria attività di sostegno alla microfinanza nei Territori Palestinesi. Infine, con una delibera del 2008 la Regione Toscana ha deciso di proseguire il suo intervento, in collaborazione con Etimos, sul territorio africano, estendendo il raggio d azione dal Senegal anche al Burkina Faso e alla Costa d Avorio, in particolare per quanto concerne il settore della produzione locale, attraverso il progetto di «Acc ompagnamento tecnico alla Mutuelle d épargne et crédit de la Confesen (Senegal) ed elaborazione di strumenti finanziari per il sostegno delle principali filiere agricole dell Africa Occidentale». Nonostante il quadro fortemente positivo che emerge dall att ività di sostegno a piccole istituzioni microfinanziarie, non è stato evidenziato alcun coordinamento con gli altri Enti Locali del territorio, tanto che né il Comune di Firenze, né la Provincia di Firenze hanno seguito le stesse linee guide esposte preced entemente. Nonostante anche questi due Enti siano certamente degni di nota per il loro impegno a favore della cooperazione verso il Sud del Mondo, lo strumento della Finanza Etica e quindi della Microfinanza non sono ancora stai presi in considerazione non ostante l assenza di effettivi impedimenti normativi. Un inversione di questo processo potrebbe essere intravisto nell impegno di collaborazione posto dalla Provincia di Pisa come Partner della Regione Toscana stessa nelle aree di Betlemme e Gerusalemme s empre nel settore oggetti di questa ricerca. Tuttavia, da parte dello stesso Ente Provinciale è stata espresso un ampio malcontento rispetto all assenza di coordinamento e al parziale raggiungimento delle effettive esigenze dei beneficiari della 5 Bertagna G., Cera A., Damato G.,

13 cooperazione decentrata, troppo spesso utilizzata come strumento di visibilità politica a discapito di un miglioramento delle competenze necessarie. Nella stessa Regione sono stati contattati il Comune di Pisa, la Provincia e il Comune di Siena, ma non si segnalan o esperienze significative. L esigenza di maggiore coordinamento espressa dagli attori toscani e non solo, potrebbe trovare invece un esempio significativo nelle strutture di cooperazione decentrata della Regione Piemonte. Le strutture di riferimento sono principalmente due: Agorà Piemonte per quanto concerne le attività di cooperazione decentrata della Regione, mentre ACEL (Agenzia per la Cooperazione degli Enti Locali) si occupa della cooperazione decentrata degli Enti Locali Piemontesi esclusa la Region e. ACEL si è costituita il 24 febbraio 2004 su iniziativa di Provincia di Torino, Comune di Torino e 35 Comuni della provincia organizzati nel Co.Co.Pa. (C oordinamento Comuni per la Pace ). L Agenzia agevola le relazioni internazionali degli Enti associati valorizzandone le competenze nei programmi di cooperazione decentrata. I temi di lavoro prioritari dell Agenzia vanno dal rafforzamento istituzionale e assistenza tecnica per il trasferimento delle capacità di governo locale, all e -governance e informatizz azione al servizio degli Enti Locali e dei cittadini, nonché networking degli Enti locali e delle loro società civili nell'attuazione dei progetti di cooperazione. I partner locali principali dell Agenzia sono gli Enti Locali e le Regioni così come gli en ti strumentali di servizio pubblico, l Università e il Politecnico. Fra gli obiettivi fissati dallo Statuto risulta centrale il supporto alle attività di promozione delle relazioni e degli accordi di partenariato tra gli enti aderenti e le amministrazioni locali di altri Paesi, in particolare di quelli in via di sviluppo ed emergenti. Figurano anche la messa a punto di progetti di cooperazione che, in ordine alle competenze degli enti aderenti, favoriscano il rafforzamento istituzionale degli enti locali e delle amministrazioni decentrate partner, nonché il parternariato pubblico -privato nelle azioni di supporto allo sviluppo locale ed il reperimento a livello locale, nazionale, europeo e internazionale le risorse necessarie alla realizzazione di progetti di cooperazione nei settori sopra indicati. L Agenzia è impegnata in varie aree geografiche, con priorità conferita alla Regione del Sahel e nonostante lo strumento della finanza etica non rientri direttamente fra le loro priorità tematiche e maggiori ambiti di competenze, dal 2006 è in atto un progetto di sviluppo comprendente il ricorso al microcredito, in Senegal nella Regione di Louga. Il progetto, che 13

14 vede come capofila la Provincia di Torino, intende appoggiare la creazione d impresa, in particolare femminile, nella regione di Louga per contribuire alla sicurezza alimentare dei nuclei familiari. L azione si prefigge dunque di aumentare le attività generatrici di reddito, in particolare femminili e di trasformazione di prodotti agricoli, e di migliora re la capacità delle Istituzioni Locali nei servizi di appoggio all impresa. Rispetto alla relazione tra il territorio Piemontese e quello oggetto dell intervento si prefigge di rafforzare le relazioni d impresa tra la comunità senegalese di Torino e le zo ne di origine. Le azioni previste ai fini progettuali conferiscono un ruolo prioritario all attività di microcredito, oltre che alla formazione e al rafforzamento istituzionale attraverso l attività dei diversi partners operativi: CISV, CNA di Torino, Ass ociazioni di Senegalesi in Provincia di Torino, Associazioni locali, Camera dei Mestieri, Camera di Commercio, ARD -Agenzia di Sviluppo Regionale, CEFAM-Centro Formazione Professionale. Il progetto ha una durata di 12 mesi per un totale di , finanziati da Regione Piemonte, Provincia di Torino, Regione di Louga, CNA, CISV. Il CISV, in particolare, interviene da diversi anni nella regione e nel corso del tempo l azione di questa Ong si é concretizzata sia attraverso la promozione di attività generatri ci di reddito a favore delle donne, sia attraverso progetti di microfinanza, prima con il sostegno ad alcune piccole casse di villaggio della zona e poi attraverso l appoggio alla Rete creata da queste medesime, denominata Union Takku Liggeey (UTL). A part ire dal 2006, il CISV ha appoggiato un processo di messa in rete a livello regionale che ha permesso la creazione di un Unione Finanziaria Mutualista (UFM) che é subentrata all UTL. La creazione dell UFM é stata promossa anche dal CRCR (partner del proget to) per facilitare il dialogo tra organizzazioni di produttori (che sono spesso gruppi di donne) e le casse dell Unione che si occupano del finanziamento delle attività legate alla produzione agricola. Favorire il dialogo attraverso formazioni e seminari d i discussione sui temi del finanziamento agricolo rinforza le potenzialità che questa collaborazione possiede, in vista del miglioramento della sicurezza alimentare della località. Fra le attività da segnalare rientra certamente l attività di monitoraggio e supporto istituzionale svolta dal CISV: il monitoraggio mensile e il controllo del funzionamento delle casse presso l Istituto di Tutela del Ministero delle Finanze Senegalese è stato realizzato dal personale dell UTL con la supervisione di un tecnico d el CISV. Le missioni di monitoraggio degli agenti 14

15 avevano l obiettivo di validare le informazioni finanziarie elaborate dal personale della cassa e di prevedere i rischi delle operazioni effettuate per adottare in tempo le soluzioni necessarie. Grazie al monitoraggio costante,10 Casse sono state riconosciute dal Ministero delle Finanze ed hanno aderito a una nuova Unione di Louga. Oltre a questo importante traguardo, tra maggio e luglio del 2008 sono state realizzate diverse trasmissioni radiofoniche ineren ti ai finanziamenti rurali e alle relative opportunità per poter rispondere ai bisogni di ottenere crediti da parte della popolazione. Le emissioni hanno permesso a tutti gli attori coinvolti (OP - Organisations Paysannes e IMF) di poter esprimere opinioni riguardanti le difficoltà e le possibili soluzioni per il finanziamento del mondo agricolo, permettendo allo stesso tempo a tali informazioni di raggiungere un ampio numero di potenziali beneficiari in varie parti della Regione. Fermo restando che il sos tegno ad IMF non è un obiettivo prioritario esplicitato in alcun documento programmatico di questi Enti Pubblici, così come non esiste una precisa linea politica di continuità o di collaborazione permanente con una istituzione microfinanziaria, l esperienza della cooperazione decentrata Piemontese, sottolinea come un coordinamento efficiente sia fondamentale per recepire quali siano le esigenze provenienti dagli attori non istituzionali sul territorio e come questi ultimi debbano cercare di orientare la coo perazione decentrata stessa rispetto a tematiche di rilievo. Una lieve apertura al coordinamento sembra riscontrarsi anche nella Regione Lombardia, una delle prime Regioni italiane ad essersi dotata di una normativa specifica sulla cooperazione dei propri Enti Locali. Per quanto riguarda la Regione a tutt oggi non esistono esperienze rilevanti in ambito di finanza etica o microfinanza, così come tali tematiche sono ancora del tutto assenti nei propri documenti di programmazione. La Provincia di Milano si è rivelata invece più aperta e recettiva rispetto ad un modo di fare cooperazione in mutamento. Proprio al fine di favorire un maggiore coordinamento ed il coinvolgimento del maggior numero di cittadini possibile, il 24 maggio del 2007 è stato istituito il Fondo Provinciale Milanese per la Cooperazione Internazionale, che vede il coinvolgimento sia dell Ente provinciale che di altri 17 Comuni. 6 6 Abbiategrasso, Agr ate Briate, Bernate Ticino, Bresso, Brugherio, Buccinasco, Busto Gerolfo, Cologno Monzese, Gessate, Monza, Paderno Dugnano, Pero, Peschiera Borromeo, Pieve Emanuele, Rozzano, San Donato Milanese, Sesto San Giovanni. 15

16 Su questo territorio Soleterre -Strategie di Pace Onlus di Milano, nell ambito di un partenariato transnazionale che coinvolge enti e istituzioni italiane e marocchine (Provincia di Milano, Regione Lombardia e IRS Istituto per la ricerca sociale - per l Italia e Università Hassan I, Settat, ENCG Scuola Nazionale di Commercio e Gestione -, Ministero del Turismo e dell Artigianato per il Marocco), è responsabile della realizzazione del progetto Tessere lo sviluppo. Trame migratorie e co -sviluppo femminile tra Marocco e Europa nel quadro europeo del programma AENEAS. Nell ottica dei più recenti orientamenti delle politic he migratorie europee che vedono l importanza di indirizzare le strategie politiche locali valorizzando in particolare il ruolo dei migranti come agenti primari e privilegiati del co -sviluppo, per favorire condizioni di vita e di lavoro dignitose anche nei paesi di origine, questo progetto intende promuovere la nascita e l incremento di attività economiche femminili che investano in modo consapevole nelle risorse delle reti transnazionali, specifiche del fenomeno migratorio (rimesse, reti familiari ed amica li) ma spesso poco valorizzate in campo economico, prevalendo una certa sfiducia sulle prospettive di sviluppo del proprio paese. Le azioni di progetto avranno luogo principalmente in due contesti territoriali: - Regione Lombardia in Italia (in particola re le province di Milano, Brescia e Bergamo); - Regione Chaouia Ouardiga in Marocco, una delle principali aree di provenienza dei fenomeni migratori marocchini in Italia, dove da tempo Soleterre onlus lavora in rete con enti e associazioni locali anche ne lla promozione di cooperative femminili nel settore del tessile e dell artigianato. L azione principale consisterà nella creazione di due Centri per lo sviluppo dell imprenditorialità femminile, uno a Settat (Regione Chaouia Ouardigua) dove ha sede Soleterre onlus in Marocco e uno a Milano. Questi due centri, che opereranno in stretto coordinamento, avranno il compito di facilitare l accesso a strumenti di formazione e percorsi di supporto imprenditoriale (microcredito), favorendo sinergie e scambi con t utti i soggetti pubblici, privati e del sociale che a diverso titolo operano nel settore sui due territori. La presentazione del progetto con l apertura del primo sportello per la microfinanza è prevista per il prossimo 28 di marzo a Milano, ed il progett o risulta interessante per la doppia funzione che viene affidata alla finanza etica, da un lato quale strumento di sostegno alla microimprenditorialità e dall altra come sostegno al paese d origine tramite le rimesse dei migranti, favorendo si l integrazi one ma favorendo pari opportunità nel paese d origine. 16

17 Un altra Regione solitamente molto attiva in ambito di interventi di cooperazione internazionale è la Regione Emilia Romagna, eppure tutti i quesiti del questionario hanno ricevuto una risposta negati va: in particolare, la finanza etica e la microfinanza non rientrano fra gli obiettivi prioritari dell Ente, non sono state menzionate in alcun documento di programmazione degli ultimi anni e di conseguenza non si segnalano esperienze rilevanti in merito. Il Comune di Bologna ha invece precisato l assenza di un impegno in questo senso a causa dell esiguità delle risorse a disposizione, ma questo tipo di posizione non può essere ritenuta sufficientemente rilevante in considerazione di altre esperienze, molto significative, presenti sullo stesso territorio emiliano, a testimonianza del fatto che la volontà di impegnarsi su tale fronte può essere proporzionale ai mezzi a disposizione, ed in ogni caso risulta nuovamente fondamentale la presenza di coordinamento. Il Comune di Modena ha infatti finanziato diverse attività microfinanziarie in ambito di cooperazione decentrata fra cui sono state segnalate un attività di fondi rotativi in Brasile con l Associazione Amazonia90 ed u n attività di microcredito tutt ora attiva in Etiopia, ad opera dell Ong MOXA. Questo ultimo progetto, sebbene non si possa ricondurre all ambito di sostegno a piccole IMF già esistenti, risulta particolarmente significativa, come già detto, nel sottolineare la proporzionalità dell azione rispe tto ai mezzi a disposizione garantita dal significato stesso di microfinanza in un ottica di sostenibilità. L organizzazione MOXA mira alla creazione di una cooperativa di apicoltori che sia in grado di auto sostenersi nel lungo periodo. L organizzazione s i appoggia oramai da qualche ano ad un apicoltore esperto che ha proceduto a sua volta alla formazione di una decina contadini apicoltori nella zona del villaggio di Ghetce e sette della zona di Wolisso; lo scopo della formazione è quello del passaggio dal l apicoltura tradizionale a quella cosiddetta razionale, cioè con l uso di arnie, molto più produttiva. Con gli stessi apicoltori è stato formato un contratto di microcredito che prevede la gratuità della formazione ed un kit per la costruzione di un arnia. In seguito quando gli apicoltori saranno pronti ad allargare la loro attività, potranno ricevere un ulteriore kit per la costruzione di altre arnie, ed il costo di queste ultime sarà restituito durante quattro anni senza inter essi, sotto forma di prodott o (4 kg di miele all anno per ogni arnia) oppure in forma monetaria (100 birr o 10 euro l anno). Contemporaneamente in Italia l organizzazione è in contatto con Slow Food che ha due 17

18 presidi del miele in Etiopia, con la quale sta prendendo in considerazione l ipotesi di creare un vero e proprio centro di formazione comune. Grazie all introduzione del metodo razionale di apicoltura la produzione del miele è migliorata sia a livello qualitativo che quantitativo. Questa semplice esperienza dimostra come anche p iccoli Enti Locali in collaborazione con le organizzazioni del settore presenti sul territorio possano sfruttare al meglio i mezzi a disposizione in un ottica di sviluppo sdoganata da ogni forma di assistenzialismo e verso un ottica di auto sviluppo sosten ibile nel tempo. Un altro intervento significativo segnalato è quello che ha visto il coinvolgimento della Regione Sardegna e l Ong ManiTese in Benin, con il Progetto di supporto alla crescita ed al rafforzamento del Collettivo degli Artigiani di Natiting ou. Il progetto è volto allo sviluppo del settore dell artigianato che oggi rappresenta in Benin una valida alternativa alle attività di agricoltura ed allevamento. In alcuni settori infatti la domanda di prodotti e servizi dell artigianato è di gran lung a superiore all offerta. Questo è dovuto alle difficoltà strutturali di sviluppo del settore in particolare la carenza di formazione tecnica e la difficoltà di accedere al credito e di contattare la domanda. Tali necessità sono state recepite ed analizzate dall Associazione locale degli Artigiani (C.A.N) che ha contattato Mani Tese in loco per un possibile sostegno ad attività di sviluppo del settore. Il C.A.N ha richiesto un sostegno per avviare tre azioni fondamentali che potessero rispondere ai tre maggi ori problemi riscontrati dai suoi associati: 1) lavorare al rafforzamento ed alla crescita dell Associazione stessa in modo tale che essa potesse diventare volano di supporto agli artigiani locali in materia di commercializzazione, promozione, formazione t ecnica; 2) rafforzare il Fondo di Microcredito (Caisse Mutuelle GAMEC Tida Soki) costituito dagli associati per offrire più possibilità di accesso al credito agevolato agli artigiani associati; 3) investire in attività formative per giovani non secolariz zati che potessero essere inseriti in percorsi di apprendistato. La cassa mutuale GAMEC, denominata «TI DA SOOKI», che in lingua Waamma significa Noi possiamo!, è stata creata nell anno 2000 ed è lo strumento di microfinanza del Collettivo degli Artigiani di Natitingou. Il suo obbiettivo principale è quello di promuovere l accesso al credito per finanziare le attività professionali, economiche e sociali dei membri del Collettivo degli Artigiani di 18

19 Natitingou.Conformemente ai suoi obbiettivi GAMEC - TI DA SOOKI è incaricata di raccogliere i risparmi dei soci oltre ad eventuali sovvenzioni, donazioni e reddito da interessi. Questo capitale viene utilizzato per la concessione di piccoli prestiti e per il pagamento delle spese di gestione della Cassa mutuale, così come effettuare piccoli prestiti, nel limite della capacità finanziaria, sia sotto forma di cash che di prestito in natura (materiali ed equipaggiamenti). Tali prestiti devono essere volti allo sviluppo di attività generatrici di reddito per i soci. Ovviamente, è sempre GAMEC ad occuparsi ad assicurare la formazione del personale e la conoscenza del sistema di micro finanza da parte dei membri. Le risorse provengono principalmente dal pagamento delle quote di adesione iniziale dei soci e dal versamento mensile di 2000 FCA (3 ),mentre un altra parte rilevante del capitale è formato dal risparmio privato dei singoli membri della Cassa mutuale. Dopo 8 anni di attività e grazie al presente progetto la cassa mutuale ha ricevuto un aggiunta di capitale proveniente da Mani Tese e dalla Regione Autonoma di Sardegna pari a 20,000. L apporto di questo capitale ha permesso di aumentare considerevolmente il volume d affari della cassa superando i CFA di capitale (circa ), riducendo il tasso di interesse applicato sui prestiti dall 1% mensile al 0,5%, per un totale annuo di 6% (attualmente il tasso bancario disponibile in loco è pari al 16% annuo mentre quello delle istituzioni di micro finanza rurali arriva al 24% annuo). Oltre al volume complessivo d ei crediti è stato aumentato considerevolmente anche il montante massimo dei singoli prestiti da CFA a di CFA (da 762 a 1524 ) e, di conseguenza anche il risparmio dei soci che intendono chiedere un prestito. Dall inizio del progetto p iù di 100 artigiani hanno potuto beneficiare di un prestito per un valore complessivo di CFA ( , comprendenti una prima tranche del credito derivante dal presente progetto e una parte di fondi di credito già presenti di Gamec). Ad oggi la percentuale di rimborso raggiunge il 96%. Entro la fine dell anno GAMEC prevede il raggiungimento di almeno 200 artigiani richiedenti credito. La visione e l ambizione della cassa è quella di offrire un servizio permanente agli artigiani di Natitingou, estendendo gradualmente le attività su beneficiari di comuni limitrofi, richiedendo un grosso sforzo in termini di miglioramento delle capacità gestionali dell istituzione. Per questo motivo il Consiglio di Amministrazione ha già deliberato alcuni investimen ti futuri sulla formazione degli operatori della cassa, nonché di voler fare riconoscere GAMEC a livello 19

20 governativo come istituzione di microfinanza. Questo comporterà il rispetto delle regole fissate dalla Banca centrale del Benin sul funzionamento delle istituzioni di microcredito e l obbligo di un audit di bilancio annuale. Sono state avviate le procedure per il riconoscimento della Cassa. Il Consiglio conta proprio sul possibile sostegno di Mani Tese o altre ONG impegnate nel settore dello sviluppo rur ale in termini di capacity building del personale di GAMEC che possa permettergli di migliorare la qualità del servizio e le performance dei beneficiari. Tuttavia, all infuori delle attività svolte a livello regionali non sono emersi altri attori istituzio nali attivi in ambito di cooperazione decentrata su questo territorio (Comune di Sassari, Provincia di Cagliari, Comune di Cagliari). La Regione Liguria, Regione Valle d Aosta, Regione Trentino Alto Adige, Regione Friuli Venezia Giulia, Regione Veneto, han no risposto negativamente a tutti i quesiti del questionario e non hanno dunque alcuna esperienza rilevante da segnalare in ambito micro finanziaria di cooperazione decentrata, così come la Provincia autonoma di Trento e la Provincia autonoma di Bolzano. Nel caso della Regione Liguria le informazioni tuttavia sono solo in parte attendibili in quanto lo scorso anno la struttura delegata alla cooperazione decentrata è stata soppressa e accorpata alla struttura Immigrazione -Emigrazione senza un ufficiale passa ggio di consegne o una formazione, con un ovvia dispersione dei dati ma soprattutto di conoscenza e competenza in merito. Nel caso della Regione Veneto, unica a menzionare direttamente la finanza etica nella sua normativa, nonostante non sia stato segnalat o un impegno della Regione in tal senso, il Comune di Padova ha segnalato una collaborazione permanente con Etimos e con l Ong ACS che da anni si occupa di microcredito in Palestina. 20

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione , Incentivi all occupazione L. 92/2012 Soggetti interessati - Oltre 50 anni, disoccupati da 12 mesi. - Donne disoccupate da 24 mesi (6 mesi area a disagio occupazionale, settori particolari, definiti da

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze

DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 INSIEME PER UN UNICO OBIETTIVO. Capitalizzare le esperienze Capitalizzare le esperienze DAL SENEGAL AL BURKINA FASO, DA 4 A 25 Nel 2007 quattro tra le principali Fondazioni di origine bancaria italiane, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariparma, Fondazione Cariplo

Dettagli

Carta delle Attività

Carta delle Attività Carta delle Attività L associazione VO.B.I.S. VO.B.I.S. è un associazione senza scopo di lucro nata il 1 luglio del 2009 per volontà di ex dipendenti del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo che hanno voluto

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015

PRONTI PER IL FUTURO. Genova 21 settembre 2015 PRONTI PER IL FUTURO IMPRESE, ISTITUZIONI E ONG A SISTEMA PER LE NUOVE OPPORTUNITA DI SVILUPPO NELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Genova 21 settembre 2015 Relatore: Dr.ssa Maria Grazia Rando Funzionario

Dettagli

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7;

DELIBERA n. 66 del 30.5.14. VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo 7; COMITATO DIREZIONALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DELIBERA n. 66 del 30.5.14 Il Comitato Direzionale per la Cooperazione allo Sviluppo VISTA la legge 26 febbraio 1987, n. 49, ed in particolare l articolo

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Legge 26 febbraio 1987, n. 49. Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. Art.1. Finalità.

Legge 26 febbraio 1987, n. 49. Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. Art.1. Finalità. Legge 26 febbraio 1987, n. 49 Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo 1. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 28 febbraio 1987, n. 49, S.O.) Art.1. Finalità. 1. La cooperazione

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio

COMUNICATO STAMPA. Le attività delle Regioni per implementare il progetto nel territorio COMUNICATO STAMPA Garanzia Giovani, i nuovi dati: sono 169.076 i giovani che si sono registrati, 36.566 sono stati già convocati dai servizi per il lavoro e 23.469 hanno già ricevuto il primo colloquio

Dettagli

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA

LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA LA COOPERAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE DELLA REGIONE SARDEGNA NORMATIVA Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale

Dettagli

LA FONDAZIONE PER IL SUD

LA FONDAZIONE PER IL SUD LA FONDAZIONE PER IL SUD Sostiene la costituzione di Fondazioni di Comunità nelle Regioni del Sud Italia che rientrano nelle regioni ammissibili all obiettivo prioritario 1 come da regolamento CE n. 1260

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009

Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni. Rapporto di sintesi. Ottobre 2009 Rilevazione sui benefici per i disabili nelle pubbliche amministrazioni Rapporto di sintesi Ottobre 2009 1 La rilevazione è stata realizzata dal Formez. Il questionario è stato predisposto con la collaborazione

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna

La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Legge Regionale n. 19/96 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale La Cooperazione allo Sviluppo: il contributo della Regione Sardegna Incontri

Dettagli

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio

AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS. programmi e stato dell arte. Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio AZIONI di COORDINAMENTO ORGANISMI REGIONALI ANFFAS ONLUS programmi e stato dell arte Consigliere Nazionale Cesarina Del Vecchio 1 PROGRAMMA APPROVATO DALL ASSEMBLEA ASSEMBLEA MAGGIO 2010: Per quanto concerne

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE

IL PROCESSO DI CONSULTAZIONE EXECUTIVE SUMMARY Realizzazione di una piattaforma finanziaria innovativa per la canalizzazione e la valorizzazione delle rimesse attraverso le Istituzioni di Microfinanza nel corridoio Italia-Senegal

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

Le azioni centrali per il il superamento delle diseguaglianze nel campo della prevenzione

Le azioni centrali per il il superamento delle diseguaglianze nel campo della prevenzione Cosenza 25-26 Febbraio 2010 Le azioni centrali per il il superamento delle diseguaglianze nel campo della prevenzione Dr Antonio Federici Referente Screening Direzione Generale Prevenzione Ministero della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009

La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 La gestione delle donazioni in Abruzzo dopo il terremoto del 2009 Nei mesi successivi al terremoto il Dipartimento di Protezione Civile, per gestire al meglio le offerte ricevute vis sms per il terremoto

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e 2014 Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua nelle imprese cooperative costituito da AGCI, Confcooperative, Legacoop e CGIL, CISL, UIL Siamo il Fondo della formazione delle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE

AVVISO PUBBLICO IL DIRETTORE GENERALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA

Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Progetti Innovativi di Alternanza Scuola Lavoro SCHEDA DI LETTURA Norme di riferimento - D.lgs.15 aprile 2005, n. 77, "Definizione delle norme generali relative all'alternanza scuola-lavoro, a norma dell'articolo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico IL DIRETTORE GENERALE Roma, 7 settembre 2011 Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento

AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI. COINCIDENZA AMBITI SOCIALI E DISTRETTI SOCIOSANITARI (art. 8 L. 328/2000) Normativa di riferimento REGIONI ABRUZZO Coincidenza ambiti territoriali sociali e ambiti del distretto sanitario No 73 distretti sanitari 35 ambiti sociali Normativa di riferimento Note Il Piano sociale regionale 2002-04 (D.C.R.

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo]

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015. Preambolo. [Preambolo] MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO DIRETTORIALE 22 DICEMBRE 2014, N. 1/II/2015 RIPARTO DELLE RISORSE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE NELL'ESERCIZIO DELL'APPRENDISTATO

Dettagli

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI

GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI GLI ATTORI DEL PROGETTO ED I BENEFICIARI L ong LVIA ha intrapreso nel 2009, in partenariato con il Comune di Ziniaré, un progetto per la realizzazione di azioni a beneficio dei giovani, che si è concretizzato

Dettagli

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA

BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA BANDO PUBBLICO PROGRAMMA INMP 2015 PER PROGETTI DI SANITÀ PUBBLICA IN TEMA DI SALUTE, MIGRAZIONE E POVERTA RAZIONALE Il progetto interregionale 2014 prevede, al paragrafo E.5, che l INMP persegua i propri

Dettagli

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87.

Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Regolamento delle agevolazioni alle imprese italiane che avviano imprese miste nei PVS previste dall articolo 7 della legge 49/87. Delibera 92 del CIPE approvata il 6 novembre 2009 Premesse Visto l articolo

Dettagli

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _

LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ LE RETI D'IMPRESE: esperienze a confronto _ 10 Novembre 2015 Verona Dott.ssa Margherita Marin Dott. Giuseppe Guido Stefenello DI COSA PARLIAMO: 1. COS È IL CONTRATTO DI RETE: PRINCIPALI CARATTERISTICHE

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP)

ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE UNITA' DI PROMOZIONE PROGETTUALE (UPP) spedizione via mail: 2 novembre 2009 TOTALE OPPORTUNITA' 8 suddivise in REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE 1 Ente titolare

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI

Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica UFF. XV Patti Territoriali e Contratti d Area PATTI TERRITORIALI 1 Patti Territoriali Gli strumenti di programmazione

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 1/2013 Pagina 1 di 7 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2013 del 15 gennaio 2013 Deducibilità dall Irpef / Ires dell Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali

Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali CONVEGNO La politica di sviluppo rurale verso il 2007-2013: 2013: risultati e prospettive Venezia, 18 e 19 novembre 2004 Sessione b - Sviluppo rurale Le misure di sviluppo rurale: criticità attuali Catia

Dettagli

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione-

Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù -Struttura di missione- Allegato 1 Bando per la presentazione di progetti volti a promuovere la cultura d impresa tra i giovani ai sensi

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220)

(Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 settembre 2005, n. 220) Decreto Ministero del lavoro e delle politiche sociali 22 luglio 2005 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo nazionale per le politiche sociali, per l'anno 2005. (Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito

Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO Avviso per l avvio di una mappatura di operatori in servizi ausiliari e di monitoraggio per il microcredito 1. FINALITA DELL AVVISO L Ente Nazionale per il Microcredito,

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 5 febbraio 2015) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative

Il confidi nazionale della cooperazione italiana. Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative Il confidi nazionale della cooperazione italiana Sosteniamo lo sviluppo delle imprese cooperative chi siamo Cooperfidi Italia è il confidi nazionale della cooperazione italiana ed è sostenuto da Agci,

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo

BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo BANDO DI CONTRIBUTO (ristretto) Preambolo Il progetto DUE SPONDE. Sviluppo economico e promozione di imprese socialmente orientate nei dipartimenti d origine dell immigrazione peruviana in Italia, ha come

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Apprendistato: ricognizione sullo stato di attuazione nelle Regioni (aggiornamento del 29 ottobre 2014) NOTA ALLA LETTURA La tabella sottostante riporta lo

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

Coopermondo: la mission. value

Coopermondo: la mission. value Coopermondo: la mission value manage partner / global alliance for sustainable development partnership: a global alliance for sustainable development 415 progetti (295 in corso) 612 organizzazioni partner

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori.

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. Missione valutativa. Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori. Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione Missione valutativa Esiti degli incentivi per l insediamento di giovani agricoltori Relazione finale Relatori: Consiglieri Umberto Ambrosoli e Lino Fossati

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale.

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9 Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. (Lombardia, BUR 5 maggio 2015, n. 19, Supplemento) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane

L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane NUVV Regione Lazio L utilizzo dell Analisi Impatto della Regolazione AIR nelle regioni italiane Premessa Il presente rapporto fa parte di un filone di attività in seno al Nucleo di valutazione degli investimenti

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca DDG 12 del 6 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, nella legge 8 novembre 2013, n. 128, recante Misure urgenti in materia

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; ASSESSORATO DEL TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO Direzione Generale Servizio Programmazione, monitoraggio, valutazione PROT. N. 188 DETERMINAZIONE N. 9 DEL 11/01/2011 Oggetto: L. 135/2001, art. 5, comma

Dettagli

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE

Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA. Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 REPORT MENSILE 16 giugno 2015 Reg. (CE) 1698/2005 Reg. (CE) 1290/2005 ITALIA Programmi di Sviluppo Rurale 2007-2013 Rete Rurale Nazionale 2007-2013 La programmazione finanziaria, l avanzamento del bilancio comunitario

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO 1. Il contesto del nuovo processo formativo Il nuovo processo formativo nell ambito della Campagna nazionale Io non rischio

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA :

CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : CAREGIVER FAMILIARE : SCHEDA DI BUONA PRATICA : il ruolo di un soggetto del terzo settore a sostegno del caregiving familiare 31/03/2014 ANZIANI E NON SOLO soc. coop Loredana Ligabue 1.Premessa Quasi l'80%

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE

Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 LA GIUNTA REGIONALE Bollettino Ufficiale Serie Ordinaria n.31 - Giovedì 04 agosto 2011 D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2061 Determinazione in ordine alla promozione di iniziative di sviluppo e confronto tra aziende lombarde

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni

La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni La fase preparatoria al progetto di cooperazione Leader Alcune indicazioni Documento tecnico Novembre 2009 Documento realizzato nell ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale e relative all'azione

Dettagli