Indice. 3 Cloud Platform Independent Model Introduzione CPIM Google App Engine Windows Azure... 38

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 3 Cloud Platform Independent Model 33 3.1 Introduzione CPIM... 33 3.1.1 Google App Engine... 37 3.1.2 Windows Azure... 38"

Transcript

1 Sommario Il Cloud Computing è un paradigma relativamente recente che permette di rivoluzionare la modalità attraverso cui i servizi IT vengono forniti. Nonostante gli indubbi benefici in termini di scalabilità e di risparmio di costi, permangono ancora oggi delle problematiche che ne stanno limitando la massiccia diffusione. Uno dei più grossi impedimenti riguarda la percezione del cosiddetto effetto lock-in da parte del provider di servizi cloud. Relativamente a queste tematiche, in questo elaborato viene dapprima introdotto un progetto volto alla soluzione, o quantomeno alla mitigazione, dei problemi che frenano la crescita della tecnologia del Cloud Computing. Questo progetto, denominato CPIM (Cloud Platform Independent Model), propone una libreria che espone delle API vendor-indipendent che forniscono un intermediazione dei seguenti servizi cloud: servizio Blob, servizio NoSQL, servizio SQL, servizio TaskQueue, servizio MessageQueue, servizio Memcache e di Mailing. Inizialmente, la libreria CPIM supporta la portabilità di applicazioni Java tra le piattaforme di Google App Engine e Windows Azure. L intento di questa tesi, sarà quello di estendere il numero di provider supportati con l aggiunta di Amazon Web Services. Relativamente al provider di Amazon, vengono presentati i servizi di AWS che vengono sfruttati e le modalità di implementazione di essi per le funzionalità che offre la libreria CPIM. In tal senso, è stato anche esteso il plugin che permette la configurazione e la preparazione dell ambiente di sviluppo per il deployment di progetti web che fanno utilizzo del framework CPIM. Infine, è stata effettuata un estesa attività sperimentale con l obiettivo di valutare l overhead della libreria rispetto all uso diretto della piattaforma di Amazon Web Services. I risultati hanno dimostrato come l overhead nell utilizzo delle API della libreria, sia marginale in termini di tempi di latenza e utilizzo della CPU.

2

3 Indice 1 Introduzione Il Cloud Computing Infrastructure as a Service Platform as a Service Software as a Service Interoperabilità e portabilità Lock-in Integrazione tra provider Obiettivo della tesi Struttura della tesi Stato dell arte Soluzioni per la portabilità mosaic CloudFoundry Cloud4SOA CAMP CloudBees SimpleCloud Cloud Platform Independent Model Classificazione e confronto delle soluzioni Cloud Platform Independent Model Introduzione CPIM Google App Engine Windows Azure

4 4 INDICE 3.2 Configurazione in CPIM configuration.xml persistence.xml queue.xml Funzionalità offerte da CPIM Blob Manager Service Entity Manager Service SQL Service Mail Service Memcache Manager Service Queue Service Amazon Web Services Introduzione ad AWS Servizi offerti in AWS AWS Networking AWS Storage e Content Delivery AWS Database Deployment and Management App Services Costi in AWS Estensione di CPIM al caso AWS Configurazione di un progetto AWS per CPIM Blob Manager Service: Amazon S Amazon S AmazonS3Client AmazonBlobManagerFactory AmazonBlobManager Entity Manager Service: Amazon SimpleDB Amazon SimpleDB SimpleJPA AmazonEntityManagerFactory AmazonEntityManager SQL Service: Amazon RDS

5 INDICE Amazon RDS AmazonSqlService Mail Service: Amazon SES Amazon SES AmazonSimple Service e AWSJavaMailTransport AmazonMailManager Memcache Manager Service: Amazon ElastiCache Amazon ElastiCache MemcachedClient AmazonMemcache Queue Message Service: Amazon Simple Queue Service Amazon Simple Queue Service AmazonSQSClient AmazonMessageQueueFactory AmazonMessageQueue Queue Task Service: Amazon Simple Queue Service e l Internal Worker AmazonTaskQueueFactory AmazonTaskQueue Plugin di CPIM: supporto per AWS Modello architetturale CloudWizard Pagine Procedura di deployment Guida all utilizzo Precondizioni e predisposizioni per il deployment Interfacce grafiche Test di valutazione Applicazione MiC: descrizione funzionalità Test setup Test Plan Test Plan Tecnica acquisizione utilizzo CPU

6 6 INDICE 7.4 Risultati Test Plan 1 per Amazon Confronto tempi di latenza Confronto utilizzo medio CPU Risultati Test Plan 2 per Amazon Confronto tempi di latenza Confronto utilizzo medio CPU Conclusioni e sviluppi futuri 153 Bibliografia 157

7 Elenco delle figure 3.1 Architettura Cloud Platform Independent Model Schetizzazione abstract factory Console di Amazon Web Services Project Page Source Page Configuration Page Persistence Page Queue Page Frontend Page Backend Page Javascript Scratchpad for Amazon CloudWatch Test Plan 1: carico di 1 utente Test Plan 1: carico di 10 utenti Test Plan 1: carico di 20 utenti Test Plan 1: carico di 30 utenti Test Plan 1: carico di 50 utenti Confronto tempi medi di latenza per la richiesta REGISTER Confronto tempi medi di latenza per la richiesta SELECT TOPIC Confronto tempi medi di latenza per la richiesta SAVE ANSWER Confronto utilizzo medio CPU Frontend Confronto utilizzo medio CPU Backend Confronto tempi medi di latenza per la richiesta LOGIN Confronto tempi medi di latenza per la richiesta EDIT PROFILE Confronto tempi medi di latenza per la richiesta SELECT PROFILE147

8 8 ELENCO DELLE FIGURE 7.15 Confronto tempi medi di latenza per la richiesta SAVE ANSWER Confronto tempi medi di latenza per la richiesta REFRESH Confronto tempi medi di latenza per la richiesta SEND POST Confronto tempi medi di latenza per la richiesta LOGOUT Confronto utilizzo medio CPU Frontend Confronto utilizzo medio CPU Backend

9 Elenco delle tabelle 2.1 Classificazione delle soluzioni Tabella riassuntiva Test Plan Tabella riassuntiva Test Plan

10

11 Elenco dei sorgenti 3.1 configuration.xml persistence.xml queue.xml CloudMetadata.java QueueInfo.java ModeQueue.java CloudThread.java MF.java CloudBlobManagerFactory.java GoogleBlobManagerFactory.java CloudBlobManager.java CloudDownloadBlob.java Esempio Blob Manager Service CloudEntityManagerFactory.java GoogleEntityManagerFactory.java CloudEntityManager.java Esempio Entity Manager Service CloudSqlService.java GoogleSqlService.java Esempio SQL Service CloudMailManager.java CloudMail.java Esempio Mail Service.java CloudMemcache.java Esempio Memcache Service CloudMessageQueueFactory.java

12 12 ELENCO DEI SORGENTI 3.27 CloudMessageQueue.java CloudMessage.java Esempio di message consumer Esempio Queue Message Service CloudTaskQueueFactory.java CloudTaskQueue.java CloudTask.java Esempio Queue Task Service AwsCredentials.properties S3Sample.Java AmazonBlobManagerFactory.java AmazonBlobManager.Java simplejpa.properties Esempio factory di SimpleJPA Esempio entity di SimpleJPA Esempio query di SimpleJPA AmazonEntityManagerFactory.Java AmazonEntityManager.Java Esempio JDBC Esempio statement AmazonSqlService.Java Esempio connection string AWSJavaMailSample.Java AmazonMailManager.Java MemcachedClient.Java AmazonMemcache.Java Esempio di un indirizzo di un cache cluster elasticache.config SimpleQueueServiceSample.java AmazonMessageQueueFactory.java AmazonMessageQueue.java AmazonTaskQueueFactory.java AmazonTaskQueue.java AmazonTaskQueueMessage.java

13 ELENCO DEI SORGENTI AmazonInternalWorker.java AmazonQueueServlet.java Serlvet nel web.xml Esempio di risposta di una richiesta formulata attraverso lo Scratchpad for Amazon CloudWatch

14

15 Capitolo 1 Introduzione Oggi le aziende possono contare su nuove tecnologie che consentono di utilizzare risorse attraverso Internet: dati, software e risorse hardware non devono necessariamente risiedere presso la sede aziendale, ma possono essere ospitati o memorizzati in remoto. Stiamo parlando del Cloud Computing. Questa nuova tecnologia, o meglio ancora insieme di tecnologie, rappresenta una nuova opportunità, soprattutto per le piccole aziende e startup. Questo primo capitolo ha lo scopo di introdurre il Cloud Computing, presentando le diverse tipologie e citando vantaggi e svantaggi che caratterizzano la soluzione cloud. Successivamente, vengono definiti gli ostacoli principali ai quali farà riferimento la soluzione proposta da questa tesi; si parlerà di interoperabilità e portabilità di applicazioni e dati all interno del cloud. Infine, in merito a tutto ciò che è stato introdotto in precedenza, verrà reso chiaro l obiettivo per il quale questa tesi è stata proposta. 1.1 Il Cloud Computing La tecnologia che sta alla base del Cloud Computing, consiste nell utilizzare Internet per distribuire le applicazioni come se fossero un servizio; pertanto, non serve acquistare computer dedicati, installare software e curarne la manutenzione o gli aggiornamenti. Questo rappresenta un grande vantaggio per le aziende perché non dovranno più preoccuparsi dei problemi legati alla tecnologia, risparmiando tempo e denaro che potranno invece dedicare al loro business. Possiamo, quindi, definire con il termine Cloud Computing un insieme di risorse hardware e software che forniscono servizi su richiesta attraverso la rete

16 16 Introduzione Internet. Il Cloud Computing è sostanzialmente un servizio fornito da un gestore di terze parti con la formula on-demand ; l utente paga soltanto per quello che consuma, in termini di banda, di risorse, tempo di utilizzo, numero di transazioni ecc. Questo modello permette di creare soluzioni scalabili, performanti e affidabili anche con un basso investimento iniziale, senza cioé dover acquistare per lo startup l hardware necessario e i servizi connessi, come il consumo di elettricità, la disponibilità di una connessione veloce e permanente a Internet, e un IP fisso per rendere raggiungibili i propri server. Caratteristica fondamentale e imprescindibile del Cloud Computing è quella di fornire una infrastruttura di servizi assolutamente affidabile e scalabile. È infatti possibile, a seconda delle necessità, aumentare o diminuire i nodi in uso, oppure cambiare le caratteristiche dei server potenziando CPU e memoria. Tutto questo è possibile perché l infrastruttura è basata su un sistema di virtualizzazione delle risorse. La piattaforma viene eseguita su macchine virtuali opportunamente dimensionate e in grado di fornire i servizi richiesti. Ogni volta che viene richiesto di scalare utilizzando un nuovo nodo, la piattaforma si preoccupa di replicare l applicazione sul nuovo nodo e renderlo, quindi, disponibile. Il Cloud Computing può essere suddiviso in tre grandi categorie, dipendentemente dallo scopo per cui viene creato. Abbiamo quindi: Infrastructure as a Service (Iaas), dove l infrastruttura hardware, la rete, lo storage vengono resi disponibili come servizi; Platform as a Service (PaaS), dove è la piattaforma applicativa, il sistema operativo, a essere fruibile come servizio con la possibilità di sviluppare soluzioni software; Software as a Service (SaaS), dove l applicazione diventa un servizio fruibile su richiesta. Alcune piattaforme supportano contemporaneamente anche più di una delle tipologie elencate.

17 1.1 Il Cloud Computing Infrastructure as a Service La differenza tra le diverse tipologie di Cloud Computing appare sottile, ma sostanziale. L Infrastructure as a Service (IaaS) è una tipologia di Cloud Computing basato sul consumo, come servizio, di risorse hardware. Server virtuali, potenza di calcolo, storage, reti vengono messi a disposizione per essere utilizzati senza necessariamente dover affrontare costi di acquisto di tale hardware. In questo modo l utente potrà così avere il totale controllo delle risorse a sua disposizione. Il concetto è simile al noleggio, ma con l importante differenza della manutenzione. Chi utilizza l infrastruttura cloud non si deve preoccupare di fare manutenzione, rinnovare l hardware o sostituire un hard disk; deve semplicemente utilizzare un servizio scalabile e affidabile senza preoccuparsi dei meccanismi di gestione interna. Un esempio di IaaS è Amazon Web Services ed, in particolare, il suo servizio più rappresentativo: EC2. Quest ultimo offre la possibilità all utenza di Amazon di poter disporre e controllare risorse virtuali completamente on-demand Platform as a Service Il Platform as a Service (PaaS) rappresenta una tipologia di servizio fornito del tutto differente, anche se per molti versi simile all IaaS. Ad essere fornito come servizio, questa volta, non c è solo l hardware, ma anche la piattaforma che astrae l hardware stesso e permette di usufruire di un set di funzionalità che consentono di ottenere load balancing, storage, reti, virtual machine, deployment e altro ancora. Il meccanismo di tali funzionalità viene spesso mascherato, a differenza dell IaaS dove si ha pieno controllo di tutto ciò. Il vantaggio per l utente è quello di concentrarsi solo ed esclusivamente sullo sviluppo dell applicazione, e non perdersi nell analisi di problematiche legate all ambiente in cui essa deve essere distribuita; ottenendo, contestualmente dalla piattaforma, la scalabilità e l affidabilità necessaria. Come per l IaaS, l utente non deve preoccuparsi di aggiornare il sistema operativo: viene tutto gestito dinamicamente e in modo del tutto automatico dalla piattaforma. Se in determinati periodi si dovessero verificare carichi di picco, la piattaforma è in grado di adeguare la propria struttura per rispondere alle mutate esigenze, anche se temporanee.

18 18 Introduzione Un esempio di PaaS è Google App Engine, una piattaforma per lo sviluppo e l hosting di applicazioni web nei propri server Software as a Service Mentre l IaaS fornisce l infrastruttura e il PaaS la piattaforma, il Software as a Service (SaaS) rappresenta una completa soluzione software sotto forma di servizio. Un esempio di SaaS è la piattaforma Google Documents: un insieme di applicazioni per l ufficio, gestione di documenti, fogli di calcolo, disegno, presentazioni, interamente disponibile online e accessibili da chiunque ne è abilitato. 1.2 Interoperabilità e portabilità Oltre ai molti aspetti positivi accennati finora, il Cloud Computing presenta anche alcuni aspetti negativi. Il principale punto problematico dell adozione del cloud riguarda quello che viene chiamato effetto lock-in. Esistono anche altri aspetti negativi, come la qualità del servizio ed i relativi rischi economici che ne derivano, la confidenzialità e la sicurezza dei dati, ma il trattamento di essi esula dallo specifico compito per il quale è stata proposta questa tesi; quest ultima, si concentra principalmente sull integrazione, interoperabilità e portabilità di applicazioni e dati nel Cloud Computing Lock-in Il rischio dell effetto del lock-in tecnologico per un fornitore del servizio di cloud, è una delle maggiori preoccupazioni degli utenti che fanno utilizzo del servizio. Tali fornitori (i cloud providers) offrono una soluzione proprietaria che forza l utenza che ne fa uso a scegliere ed adottare una certa tecnologia, e modello di deployment, durante le prime fasi dello sviluppo di un applicazione. Sebbene questo aspetto possa rappresentare un aspetto positivo per il fornitore del servizio, non si può dire lo stesso per quanto riguarda l utilizzatore finale del servizio stesso. La scelta iniziale che l utente è costretto a fare potrebbe generare effetti economici catastrofici, qualora il provider selezionato non dovesse soddisfare a pieno i requisiti e le aspettative che si erano previste in fase di sviluppo. Nonostante la gestione del rischio nei sistemi IT tradizionali sia adeguatamente codificata e

19 1.3 Obiettivo della tesi 19 trattata, non si può dire lo stesso per quando ci si prepara a sviluppare un applicazione in cloud; problemi quali metodi di pagamento, sicurezza, contratti, qualità e questioni legali sono la causa principale degli effetti economici catastrofici accennati in precedenza. Da ciò, dunque, si evince l importanza che riveste la capacità, che l utente desidera, di poter migrare da un cloud all altro; tale capacità deriva sostanzialmente dalla portabilità delle applicazioni e dei dati tra i diversi cloud provider esistenti Integrazione tra provider I disagi creati dall effetto lock-in, fanno nascere l esigenza per gli sviluppatori, oltre che per i fornitori stessi, di poter essere in grado di sviluppare un applicazione indipendentemente da dove essa venga rilasciata. Tramite l integrazione tra diversi cloud provider, allo sviluppatore viene garantita la possibilità di poter strutturare e costruire la propria applicazione in modo tale che possa effettuare il deploy su di un provider a scelta, a seconda di quale gli convenga al momento. Inoltre, qualora volesse cambiare il provider inizialmente scelto, lo sviluppatore non deve essere costretto a riscrivere l intero codice, ma dovrebbe essere in grado di effettuare il deploy della medesima applicazione su di un altro provider senza attuare alcuna modifica sostanziale. 1.3 Obiettivo della tesi L integrazione tra provider contribuisce in maniera decisiva alla risoluzione del problema dell effetto lock-in, consentendo lo sviluppo di un applicazione indipendentemente dal provider, la migrazione tra di essi e l unicità del codice. L integrazione può essere raggiunta solo studiando le varie somiglianze e differenze che esistono tra i vari cloud provider che si vuole integrare; si deve cercare di sfruttare in maniera significativa le sinergie esistenti tra di loro, e di assottigliare quanto più possibile le differenze presenti. Non è un problema banale, in quanto bisogna analizzare accuratamente ogni servizio che il singolo provider offre, e confrontarlo con lo stesso servizio che viene offerto dagli altri provider che si vuole cercare di integrare. Per questo motivo, non è possibile, o quasi, l integrazione di ogni servizio offerto da un provider con

20 20 Introduzione lo stesso servizio offerto da un altro provider, poiché essi potrebbero presentare della differenze incolmabili. Oltre, dunque, a dover scegliere quali provider prendere in considerazione per poterne effettuare un integrazione tra di loro, bisogna anche scegliere quali servizi si intendono offrire all utente finale. Con questo approccio, è possibile mediare ai problemi di integrazione che abbiamo visto finora, cercando di offrire il maggior numero di provider e servizi integrabili. In questo elaborato, viene presa in considerazione la soluzione Cloud Platform Independent Model, un progetto che integra i servizi di due famosi provider: Google App Engine e Windows Azure. L obiettivo di questa tesi è quello di integrare un nuovo provider nel progetto CPIM. Ai due provider già supportati dal framework, viene aggiunto Amazon Web Services. 1.4 Struttura della tesi I restanti capitoli di questa tesi sono organizzati nel seguente modo: Il Capitolo 2 descrive lo stato dell arte: le soluzioni, per quanto riguarda l integrazione tra provider, che fino ad oggi sono state offerte. Il Capitolo 3 introduce il framework Cloud Platform Independent Model e e la configurazione di un progetto che lo supporti, enunciando anche brevi esempi per comprendere l utilizzo pratico del framework. Il Capitolo 4 presenta Amazon Web Services: il provider scelto come estensione di Cloud Platform Independent Model. Il Capitolo 5 descrive la configurazione di un progetto Amazon Web Services per Cloud Platform Independent Model, presentando anche l implementazione necessaria per estendere il framework con il provider di Amazon ed i relativi servizi offerti. Il Capitolo 6 intende affrontare i dettagli riguardanti il plugin che Cloud Platform Independent Model offre per Eclipse, e come esso è stato esteso per poter permettere la configurazione automatica e la preparazione del progetto per il deploy su Amazon Web Services.

21 1.4 Struttura della tesi 21 Il Capitolo 7 ha lo scopo di presentare le prestazioni che si sono sperimentate per un applicazione sviluppata in Amazon Web Services attraverso Cloud Platform Independent Model. Il Capitolo 8, infine, delinea le conclusioni ed il possibile lavoro futuro.

22

23 Capitolo 2 Stato dell arte Finora è stata data una prima presentazione ed un primo accenno sui problemi e sui temi che verranno affrontati, da qui in poi, in modo molto più dettagliato. Questo capitolo ha lo scopo di introdurre quanto è stato fatto fino ad oggi per permettere l integrazione e l interoperabilità tra i cloud vendor. La struttura del capitolo prevede una prima presentazione di alcune soluzioni già esistenti, ritenute interessanti per il loro approccio con il problema dell integrazione. Tra queste, verrà anche introdotta la soluzione che questa tesi intende estendere: Cloud Platform Independent Model. A seguito, verrà stilata una classificazione finale che ha il ruolo di poter comparare e confrontare le varie soluzioni sotto alcuni aspetti significativi. 2.1 Soluzioni per la portabilità Le varie problematiche che derivano dall adozione del Cloud Computing, non sono certo temi che non siano stati affrontati fino ad ora. Anzi, sono numerose le soluzioni e le proposte che sono state effettuate, ciascuna con un approccio diverso. Vengono prese in considerazione, ora, alcune delle soluzioni più interessanti o comunque ritenute tali. Esse possono essere elencate nel seguente modo: 1. mosaic 2. CloudFoundry 3. Cloud4SOA

24 24 Stato dell arte 4. Cloud Application Management for Platforms (CAMP) 5. CloudBees 6. SimpleCloud 7. Cloud Platform Independent Model Per ciascuna di esse, verrà presentato l approccio adottato ed alcuni dettagli che caratterizzano la soluzione, individuandone anche aspetti positivi e negativi mosaic La prima soluzione che viene presentata, ambisce a contribuire alla risoluzione, o almeno alla mitigazione, delle problematiche note come l interoperabilità e portabilità di applicazioni e dati all interno del cloud. Il progetto mosaic [1] ha l obiettivo di sviluppare una API neutrale (Application Programming Interface) che integra e media le funzionalità IaaS offerte dalle API proprietarie, mediante adattatori sviluppati per i diversi providers, creando un livello di astrazione PaaS che permette alle applicazioni di negoziare i servizi offerti in modalità cloud in funzione delle richieste effettuate dall utente. È possibile specificare i propri requisiti e comunicarli alla piattaforma mo- SAIC che, utilizzando meccanismi di intermediazione che comprendono il recupero, l interpretazione e l organizzazione di informazioni e di documenti rivolto ad aziende o a privati, cercherà i servizi che meglio corrispondono alle richieste effettuate ed, eventualmente, ricostruiranno per composizione quei servizi non offerti direttamente. Chi sviluppa e mantiene le applicazioni cloud sarà in grado di posticipare le decisioni riguardanti chi deve offrire i servizi al momento in cui questi verranno eseguiti. Gli utenti finali, saranno in grado di individuare i servizi cloud che meglio corrispondono alle proprie esigenze. La piattaforma mosaic avrà anche l effetto, quindi, di facilitare la competizione tra differenti cloud provider che saranno a loro volta in grado di raggiungere nuovi tipi di utenti. Pro: facile individuazione di servizi e providers tramite le API. Contro: alcuni servizi potrebbero non essere coperti.

25 2.1 Soluzioni per la portabilità CloudFoundry Cloud Foundry [2] è una moderna piattaforma applicativa realizzata appositamente per semplificare lo sviluppo, il deployment e la gestione delle applicazioni cloud. Garantisce l implementazione e l intelligence che servono per riunire applicazioni e servizi applicativi eterogenei creati all interno di framework differenti consentendone il deployment trasparente su infrastrutture cloud di ogni genere. Cloud Foundry estende l impegno di VMware per l Open PaaS permettendo di scegliere tra il più ampio insieme di framework e linguaggi, ambienti per il deployment di cloud e servizi applicativi eterogenei. CloudFoundry garantisce, inoltre, il più alto grado di portabilità e minimizza il rischio di lock-in permettendo agli sviluppatori di migrare le applicazioni tra diversi ambienti, tra cloud provider e all interno dei loro stessi datacenter senza bloccare né modificare le applicazioni stesse. Il progetto di CloudFoundry, trattandosi per l appunto di Open PaaS, va al di là della semplice risoluzione dei problemi di interoperabilità e portabilità esistenti tra le piattaforme cloud, proponendosi essa stessa come una piattaforma cloud. Questa soluzione supporta inizialmente i più diffusi framework per la produttività come Spring for Java, Ruby on Rails, Sinatra for Ruby e Node.js. La sua particolare architettura aperta permetterà di supportare rapidamente in futuro anche ulteriori framework di programmazione. Per i servizi applicativi critici CloudFoundry supporta i database MongoDB, MySQL e Redis e i servizi VMware vfabric per il cloud messaging, la gestione flessibile dei dati, il bilanciamento del carico e la gestione delle prestazioni. L Open PaaS offerto da CloudFoundry non è vincolato ad alcun particolare ambiente cloud né richiede un infrastruttura VMware per funzionare. Viceversa, CloudFoundry fornisce il deployment in qualunque ambiente cloud pubblico e privato, fra cui i servizi basati su VMware vsphere. L architettura aperta consente il trasferimento attraverso ambienti cloud eterogenei e nei datacenter aziendali senza bloccare le applicazioni né imporre modifiche alle stesse. Pro: architettura in grado di supportare molto linguaggi di programmazione. Contro: rischio di lock-in in CloudFoundry stesso e nei suoi providers.

26 26 Stato dell arte Cloud4SOA Il progetto Cloud4SOA [3] adotta una tecnologia in grado di risolvere in modo semantico il problema dell interoperabilità tra i cloud providers. L approccio utilizzato permette agli sviluppati ed ai PaaS providers di interfacciarsi l uno con gli altri tramite un vocabolario standardizzato che riesce a mettere in relazione sviluppatori con provider. In questo modo, Cloud4SOA permette di combinare le offerte dei cloud providers con le richieste degli sviluppatori ed, eventualmente, di aiutare quest ultimi nell identificazione delle risorse e soluzioni complementari che i vari fornitori offrono. L interoperabilità semantica è l abilita di superare le incompatibilità e le eterogeneità, semantiche, tra i cloud PaaS e le soluzioni che i fornitori di tale servizio offrono. Si riferisce, in particolare, all abilità di effettuare ininterrottamente il deploy di applicazioni, e dei loro rispettivi dati, sulle varie offerte dei cloud providers; inoltre, è anche possibile migrare tra i providers che utilizzano la stessa tecnologia di fondo, ma con modelli di dati differenti. Un attenta analisi dell interoperabilità nel Cloud Computing, mostra che i conflitti e le incompatibilità che ci sono tra le varie soluzioni sono principalmente di origine semantica; infatti, i maggiori problemi nascono dalla diversa modellazione ed annotazione degli stessi aspetti sui diversi providers. L utilizzo della tecnologia semantica assicura flessibilità; l utente potrà facilmente utilizzare nuove applicazioni e nuove soluzioni che al momento del depolyment in Cloud4SOA non esistono ancora. Pro: flessibilità per la creazione di nuove applicazioni e soluzioni. Contro: i provider devono avere la stessa tecnologia di fondo per permetterne l interoperabilità semantica CAMP Cloud Application Management for Platforms [4] è un progetto che è stato costruito per facilitare la gestione delle applicazioni, incluse le operazioni di packaging e deployment, nelle piattaforme di Cloud Computing.

27 2.1 Soluzioni per la portabilità 27 In accordo con ogni singola tecnologia di ciascun provider, CAMP offre una base comune per poter sviluppare strumenti di gestione delle applicazioni in ambiente multi-cloud; l approccio per la gestione di tali applicazioni è basato sul protocollo REST (REpresentational State Transfer). La specifica offerta da CAMP offre delle API di sviluppo comuni in grado di poter lavorare su più PaaS provider senza un eccessivo adattamento ad un singolo fornitore, in accordo con la linea multi-cloud seguita dall intero progetto. CAMP non e una piattaforma di per se, ma quindi una specifica che può essere adottata da vari PaaS provider per consentirne l interoperabilità tra di essi. Le API di CAMP offrono vantaggi sia per gli utenti finali, sia per i PaaS providers. Il vantaggio principale per gli utenti è la portabilità garantita tra i clouds; non è più necessaria, quindi, la decisione a priori di quale singolo provider scegliere per sviluppare la propria applicazione. Con la standardizzazione delle operazioni di deployment, start, stop, upload e update delle applicazioni, gli utenti possono valutare la soluzione che meglio si adatta ai servizi e agli aspetti che intendono configurare. CAMP può essere implementato nell ambiente di sviluppo e gestione dell applicazione come plugin che guiderà l intera fase di produzione. Per quanto riguarda i providers, invece, CAMP risolve una della maggiori preoccupazioni di chi si avvicina al mondo del Cloud Computing; in questo modo le API comuni offrono ai providers la capacità di poter investire le proprie risorse in altre aree più profittevoli. Pro: standardizzazione dell intero ciclo di vita dell applicazione. Contro: necessita l adozione della specifica CAMP da parte dei provider CloudBees CloudBees [5] è un framework per gli sviluppatori Java che vogliono creare un applicazione web in ambiente cloud, senza la preoccupazione di doversi occupare di tutte quelle operazioni di amministrazione che il Cloud Computing necessita. CloudBees supporta lo sviluppatore di un applicazione non solo in fase di esecuzione del progetto, ma anche nelle prime fasi di sviluppo e testing. L ambiente Paas di CloudBees supporta Tomcat, Java EE, Jboss e MySQL database; è possibile, dunque, sviluppare un applicazione web in Java in grado di

28 28 Stato dell arte utilizzare questi servizi e migrare la stessa applicazione da un provider PaaS ad un altro in grado di offrire gli stessi servizi citati in precedenza. Con il framework di CloudBees, è possibile testare e validare la propria applicazione in locale servendosi di un qualsiasi ambiente di sviluppo integrato come Eclipse. Inoltre, il progetto CloudBees non richiedere alcun uso di API proprietarie o librerie Java non standard. Così facendo, ci si assicura del fatto che il codice sviluppato inizialmente sia e rimanga portabile nel Cloud Computing, poiché CloudBees è in grado di fare il deployment su qualsiasi piattaforma IaaS. Un problema noto del Cloud Computing è il costo che si deve sostenere per far si che un applicazione sviluppata in cloud sia affidabile ed efficiente. In particolare, alcune applicazioni necessitano di essere eseguite 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In questa situazione, il Cloud Computing risulta spesso essere una soluzione molto costosa, al punto che un servizio di hosting dedicato sarebbe più economico. Il free-tier di CloudBees cerca di venire incontro a questo problema offrendo agli sviluppatori un livello di servizio gratis, fino a cinque applicazioni e cinque database condivisi; sebbene questo possa sembrare un grande vantaggio soprattutto per i nuovi sviluppatori, esistono molti limiti concernenti questa offerta. Pro: free-tier messo a disposizione anche se con limiti. Contro: framework ristretto al linguaggio JAVA SimpleCloud E un interfaccia comune, in PHP, per l accesso ai servizi di Cloud Computing. Tale interfaccia è volta alla risoluzione degli ormai comuni problemi di portabilità ed interoperabilità della applicazioni all interno dell ambiente cloud. SimpleCloud [6] utilizza il design pattern factory e adapter. Il factory fornisce un interfaccia per creare famiglie di oggetti connessi o dipendenti tra loro, in modo che non ci sia necessità da parte degli utilizzatori di specificare i nomi delle classi concrete all interno del proprio codice. L adapter converte l interfaccia di una classe in una interfaccia diversa. Le API di SimpleCloud offrono un livello di astrazione in grado di poter supportare molti servizi simili offerti dalle differenti piattaforme cloud. La prima

29 2.1 Soluzioni per la portabilità 29 vera implementazione disponibile delle API di SimpleCloud include 3 tipi di servizi: il servizio di file storage che offre la memorizzazione di qualsiasi tipologia di dati; il servizio di document storage che offre la manipolazione di dati strutturati in forma tabulare; Il servizio di simple queue in grado di memorizzare e trasportare messaggi all interno delle code costruite. Il progetto SimpleCloud incoraggia gli sviluppatori PHP ad esplorare il Cloud Computing, scrivendo codice che sfrutta le caratteristiche comuni tra i diversi cloud providers. Inoltre, una volta che gli sviluppatori cominceranno ad avere una certa dimestichezza con ciascuna piattaforma cloud, saranno inclini a sfruttare tutti gli aspetti specifici di ogni provider in modo da trarne ultieriori vantaggi con funzionalità sempre più ricche. Pro: completo per sviluppatori PHP. Contro: supporto solo del linguaggio PHP Cloud Platform Independent Model La logica di Cloud Platform Independent Model [7] è quella di sviluppare un framework per gli sviluppatori JAVA in grado di astrarre le implementazioni specifiche di ciascun cloud vendor per poter offrire alcuni dei servizi che sono comuni ad certo gruppo di piattaforme scelte ed implementate nel framework. Il principio che sta alla base del progetto, è quello di offrire allo sviluppatore dell applicazione un interfaccia in grado di poter effettuare le operazioni di deploy e run su di uno specifico cloud vendor a scelta tra quelli implementati. Una volta, dunque, scritto e validato il codice necessario per poter eseguire l applicazione, non ci sarà alcun bisogno di attuare alcuna modifica sostanziale qualora si volesse cambiare il cloud vendor scelto inizialmente. Questo tipo di risultato è stato raggiunto grazie ad un implementazione specifica del framework, che rende possibile la portabilità e la interoperabilità delle applicazioni e dei suoi servizi all interno del cloud. L approccio di Cloud Platform Independent Model è, quindi, quello di offrire tramite il proprio framework, alcuni dei servizi più significativi in comune tra un certo numero di cloud vendor. Attualmente, le piattaforme implementate sono quelle di Google App Engine e Microsoft Azure. Pro: completo per gli sviluppatori JAVA.

30 30 Stato dell arte Contro: supporto solo del linguaggio JAVA. 2.2 Classificazione e confronto delle soluzioni Dopo aver citato ed introdotto alcune soluzioni esistenti in grado di risolvere, o quanto meno mitigare, il problema dell integrazione tra più provider, può essere utile cercare di evidenziare le caratteristiche comuni e le differenze che esse presentano tra di loro. A tale proposito, viene stilata una classificazione, che non ha come ruolo quello di valutare se una soluzione sia migliore di un altra, ma cerca semplicemente di mettere a fuoco gli aspetti più significativi per ciascuna soluzione. La Tabella 2.1 mette in evidenza, per ogni soluzione, i seguenti aspetti: una breve descrizione di come essa viene offerta agli sviluppatori finali, i tipi di Cloud Computing supportati, il tipo di soluzione adottato per risolvere il problema dell integrazione tra providers, ed, infine, i cloud vendor implementati. Alcune soluzioni, come si nota in tabella, presentano uno o più aspetti simili tra di loro.

31 2.2 Classificazione e confronto delle soluzioni 31 Nome Descrizione Clouds Tipo di soluzione mosaic Open source IaaS Interoperabilità API e portabilità tramite adattatori CloudFoundry Open PaaS IaaS Piattaforma applicativa Cloud4SOA Widgetize services PaaS Interoperabilità semantica CAMP Common interface PaaS Portabilità con for services standardiz- zazione delle operazioni di deploy, run e update tramite REST API CloudBees Integrated PaaS Portabilità tramite and scalable framework platform JAVA SimpleCloud Common interface PaaS Interoperabilità for services e portabilità tramite API PHP Cloud Platform Common interface PaaS Interoperabilità Independent for services e portabilità tra- Model mite framework JAVA Providers Google, Amazon Zoho, CloudFoundry providers Amazon, Azure, Google, Oracle CAMP providers IaaS providers Amazon, Azure, Nirvanix, Rackspace Azure, Google Tabella 2.1: Tabella che evidenza e confronta i punti principali delle soluzioni presentate

32

33 Capitolo 3 Cloud Platform Independent Model Nel capitolo precedente sono state introdotte alcune soluzioni interessanti per il problema della portabilità delle applicazioni ed interoperabilità dei provider nel mondo del Cloud Compting. Si è anche accennato alla soluzione che il progetto di questa tesi intende estendere: Cloud Platform Independent Model (CPIM). In questo capitolo, verranno descritte in maniera più dettagliata e completa le scelte implementative che sono alla base del funzionamento del framework Cloud Platform Independent Model. Inizialmente, viene stesa un introduzione riguardante Cloud Platform Independent Model ed il paradigma con il quale è stato costruito. In seguito, verranno affrontati gli aspetti che riguardano la composizione e la configurazione di un progetto che utilizza il framework CPIM, e come quest ultimo riesca a rendere portabile l applicazione sviluppata. Infine, verranno elencati i singoli servizi offerti da Cloud Platform Independent Model e come essi possono essere utilizzati durante lo sviluppo di un applicazione. 3.1 Introduzione CPIM Cloud Platform Independent Model [7] è, per alcuni aspetti, simile ad una o più soluzioni elencate nel capitolo precedente. La logica di Cloud Platform Independent Model è quella di sviluppare un framework in grado di astrarre le implementazioni specifiche di ciascun cloud vendor per poter offrire alcuni dei servizi che sono comuni ad certo gruppo di piattaforme. In particolare, il progetto cerca quanto più di sfruttare le sinergie e di assottigliare le differenze che le varie implementazioni dei cloud vendor presentano.

34 34 Cloud Platform Independent Model Il principio che sta alla base del progetto, è quello di offrire allo sviluppatore dell applicazione un interfaccia in grado di poter effettuare le operazioni di deploy e run su di uno specifico provider a scelta tra quelli implementati. Una volta, dunque, scritto e validato il codice necessario per poter eseguire l applicazione, non ci sarà bisogno di attuare alcuna modifica sostanziale qualora si volesse cambiare il vendor scelto inizialmente. Figura 3.1: Figura che riassume il paradigma utilizzato da Cloud Platform Independent Model Questo tipo di risultato è stato raggiunto grazie ad un implementazione specifica del framework (Figura 3.1) che rende possibile la portabilità e la interoperabilità delle applicazioni e dei servizi che essa fa uso. Cloud Platform Independent Model utilizza uno dei fondamentali design pattern creazionali della programmazione orientata agli oggetti: l abstract factory. L abstract factory fornisce un interfaccia per creare famiglie di oggetti connessi o dipendenti tra di loro, in modo che non ci sia necessità di specificare i nomi delle classi concrete all interno del proprio codice. In questo modo si permette che un sistema sia indipendente dall implementazione degli oggetti concreti e che il client, attraverso l interfaccia, utilizzi diverse famiglie di prodotti. Questo pattern è utile quando: si vuole un sistema indipendente da come gli oggetti vengono creati, composti e rappresentati;

35 3.1 Introduzione CPIM 35 si vuole permettere la configurazione del sistema come scelta tra diverse famiglie di prodotti; si vuole che i prodotti che sono organizzati in famiglie siano vincolati ad essere utilizzati con prodotti della stessa famiglia; si vuole fornire una libreria di classi mostrando solo le interfacce e nascondendo le implementazioni. Nel nostro caso, non è importante specificare a priori la piattaforma cloud durante la stesura del codice dell applicazione, poiché tale scelta potrà essere effettuata anche in un secondo momento in uno specifico file di configurazione costruito appositamente. È proprio questo l aspetto fondamentale che garantisce l interoperabilità e la portabilità di un applicazione sviluppata con il framework Cloud Platform Independent Model. Il design pattern dell abstract factory (Figura 3.2) è costituito da 5 componenti: AbstractFactory, che dichiara l interfaccia per le operazioni che creano i prodotti astratti; ConcreteFactory, che implementa le operazioni per creare i prodotti concreti; AbstractProduct, che dichiara l interfaccia per un tipo di oggetto prodotto; ConcreteProduct, che implementa l interfaccia AbstractProduct e definisce l oggetto prodotto che deve essere creato dalla factory concreta corrispondente; Client, che utilizza solo le interfacce dichiarate da AbstractFactory e AbstractProduct. In generale si crea una sola istanza di ConcreteFactory a run-time. Questa istanza gestisce la creazione di una sola famiglia di oggetti con un implementazione specifica. Per creare oggetti di un altra famiglia bisogna istanziare un altra factory. Creando ogni ConcreteFactory come singleton, ci si assicura che esista una sola istanza della classe a run-time accessibile pubblicamente. L AbstractFactory, invece, delega la creazione di oggetti prodotto alle sue sottoclassi ConcreteFactory. Poiché AbstractFactory definisce solo l interfaccia, la creazione

36 36 Cloud Platform Independent Model dei prodotti è responsabilità delle classi ConcreteFactory. Si può utilizzare un factory-method per ogni prodotto, ovvero metodi che saranno sovrascritti dalle factory concrete. Figura 3.2: Diagramma che evidenza le principali componenti di un abstract factory Nel framework Cloud Platform Independent Model, questo tipo di design pattern è stato implementato in modo tale che: una AbstractFactory rappresenti uno dei servizio offerti da Cloud Platform Independent Model; una ConcreteFactory rappresenti uno dei cloud vendor supportati dal framework; un AbstractProduct rappresenti l interfaccia dei metodi implementati per uno dei servizi offerti da CPIM; un ConcreteProduct rappresenti la vera e propria implementazione di ogni metodo specificato nell AbstractProduct per uno dei provider supportati da Cloud Platform Independent Model;

37 3.1 Introduzione CPIM 37 il Client rappresenti lo sviluppatore finale che fa utilizzo dei servizi e provider offerti e supportati da Cloud Platform Independent Model. Vista la natura del design pattern stesso, è necessario, dunque, operare una scelta per quanto riguarda i cloud vendor da supportare ed i servizi che il framwork intende offrire. Per quanto riguarda i vendor, Cloud Platform Independent Model implementa Google App Engine e Windows Azure. I servizi scelti, invece, sono: Blob Manager Service, ovvero il servizio adibito alla gestione degli oggetti BLOB (binary large object) all interno del database; Entity Manager Service, ovvero il servizio che si occupa della gestione dei dati in un database non relazionale; SQL Service, ovvero il servizio che si occupa della gestione dei dati in un database relazionale; Mail Service, ovvero il servizio che gestisce l invio delle ; Memcache Manager Service, ovvero il servizio che si occupa della gestione della tecnologia di caching distribuito; Queue Service, ovvero il servizio che si occupa della gestione delle code. Nel contesto dei possibili provider implementabili in Cloud Platform Independent Model, come già anticipato nel capitolo precedente, si inserisce il progetto di questa tesi; essa andrà, per l appunto, ad estendere il numero di piattaforme disponibili per poter sviluppare ed eseguire la propria applicazione. L estensione verrà raggiunta con l implementazione di Amazon Web Services tra i vendor disponibili ed utilizzabili in Cloud Platform Independent Model. Si cercherà, ora, di dare una breve ma esaustiva introduzione riguardo i due vendor già offerti in Cloud Platform Independent Model Google App Engine

38 38 Cloud Platform Independent Model Google App Engine, in sigla GAE o semplicemente App Engine, [8] è un provider PaaS di Cloud Computing per lo sviluppo e l ospitalità (hosting) di applicazioni web. Il servizio consente di creare applicazioni web a traffico elevato senza la necessità di dover gestire l infrastruttura sottostante. Le applicazioni sono incapsulate, per sicurezza, in sandbox ed eseguite su più server. In generale, una sandbox identifica un ambiente in cui possono essere fatte sperimentazioni che potrebbero non portare neppure ad aprire una fase di sviluppo, il cui scopo è quello di investigare sugli effetti di eventuali modifiche o sviluppi che sono ancora nella fase dello studio della fattibilità o dello studio dei costi e benefici. L utilizzo delle sandbox ed il conseguente accesso limitato al sistema operativo sottostante le applicazioni, consente ad App Engine di distribuire le richieste di accesso all applicazione su di una molteplicità di server; inoltre, consente anche di mandare in esecuzione o stoppare uno o più server in modo da servire in maniera intelligente il traffico in entrata. Google mette a disposizione due sandbox collaudate per sviluppare le proprie applicazioni: una in Java e l altra in Python. Inoltre, per Java, Google mette a disposizione anche un suo framework per aiutare la creazione di applicazioni web: Google Web Toolkit. Esiste, infine, una terza sandbox implementata in via sperimentale che consente di programmare in Go. Go è un linguaggio di programmazione semplice, nuovo, estremamente efficiente e nato proprio per lavorare su ambienti cluster e cloud. La piattaforma di Google, quindi, offre una scalabilità automatica per le applicazioni; a seconda del numero di richieste d uso per quella applicazione, alloca in automatico più risorse per gestire la domanda addizionale. Il servizio offerto da Google App Engine è gratuito fino a un certo numero di risorse consumato; viene richiesto un compenso per spazio addizionale, maggiore banda oppure ore di istanza richieste dall applicazione Windows Azure Windows Azure [9] è una piattaforma cloud in grado di eseguire applicazioni Windows distribuite su di un largo numeri di server localizzati nei data center di Microsoft, e di memorizzare i dati

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED

OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED L'ingegneria di Elocal Roberto Boccadoro / Luca Zucchelli OPEN DAY: ELOCAL GROUP RELOADED ELOCAL GROUP SRL Chi siamo Giorgio Dosi Lorenzo Gatti Luca Zucchelli Ha iniziato il suo percorso lavorativo in

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL

IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL IL PRESUPPOSTO DEL SUCCESSO DI OGNI AZIENDA È IL LIVELLO DI SICUREZZA DEL PROPRIO PATRIMONIO INFORMATIVO E DEL PROPRIO KNOW-HOW IMPRENDITORIALE. SERVIZI CREIAMO ECCELLENZA Uno dei presupposti fondamentali

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli