Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali"

Transcript

1 DOCUMENTO DI TRANSCODIFICA DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE VERSO FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Novembre 2012 Versione 2.0 Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 1 di 49 Versione 1.0

2 Indice La validazione e gli strumenti di valutazione...4 Il gruppo di lavoro per la transcodifica dei sistemi di valutazione regionali...5 I sistemi di transcodifica validati dal Mattone AGED Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabelle di transcodifica Area Sociale Tabelle di transcodifica Area Finanziaria RUG Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria SVAMA Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria I sistemi di transcodifica validati dal Gruppo di Lavoro Emilia Romagna Tabelle di transcodifica Tabella di transcodifica Area Finanziaria Lombardia SOSIA Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Tabella di transcodifica Area cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Piemonte Tabella di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 2 di 49 Versione 1.0

3 1.6.3 Tabella di transcodifica Area Cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Toscana Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Tabella di transcodifica Area Cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Bibliografia...45 Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 3 di 49 Versione 1.0

4 La validazione e gli strumenti di valutazione Nell ambito del Nuovo Sistema Informativo (NSIS), è stata istituita, con il decreto del 17 dicembre 2008, la banca dati per il monitoraggio delle prestazioni residenziali e semiresidenziali per anziani o persone non autosufficienti in condizioni di cronicità e/o relativa stabilizzazione delle condizioni cliniche. Coerentemente con quanto previsto nella scheda FAR (Flusso informativo Assistenza Residenziale e Semiresidenziale) elaborata dal Mattone 12 (Prestazioni Residenziali e ) il flusso informativo fa riferimento alle seguenti informazioni: Identificazione della struttura erogatrice Identificazione dell assistito Dati amministrativi relativi all accesso Dati amministrativi relativi alla dimissione Dati relativi alla tariffa giornaliera applicata Valutazione socio sanitaria dell assistito Con particolare riferimento alla Valutazione socio sanitaria dell assistito si è preso atto della notevole eterogeneità degli strumenti utilizzati a livello regionale. Pertanto, si è resa necessaria una transcodifica degli strumenti di valutazione, utilizzati a livello regionale, verso il sistema nazionale FAR; il Mattone, aveva già previsto una transcodifica degli strumenti di valutazione SVAMA, RUG e AGED verso la scheda FAR. Invece, le regioni che utilizzano sistemi di valutazione diversi da quelli indicati, coerentemente con quanto previsto dal DM 17 dicembre 2008, hanno dovuto sottoporre all attenzione del Ministero della Salute, le regole di transcodifica individuate per i propri sistemi. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 4 di 49 Versione 1.0

5 Il gruppo di lavoro per la transcodifica dei sistemi di valutazione regionali Come previsto da decreto, a partire dal 1 gennaio 2010 è stato istituito presso la Direzione Generale del Sistema Informativo del Ministero della Salute il tavolo tecnico Validazione dei Sistemi di Transcodifica per la Valutazione multidimensionale FAR, finalizzato a validare le regole di transcodifica proposte dalle Regioni e Provincie Autonome, mediante opportuni approfondimenti atti a valutare i criteri metodologici definiti per l identificazione di un idoneo sistema di transcodifica dei dati, laddove il sistema adottato di valutazione sanitaria dell assistito non rientri tra i sistemi validati a livello nazionale. Il tavolo tecnico è così costituito: Dott.ssa Lidia Di Minco con funzioni di Coordinatrice Dott.ssa Maria Pia Randazzo con funzioni di segretario Direzione generale del sistema informativo Direzione generale del sistema informativo Dott.ssa Silvia Arcà Direzione generale della programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Dott.ssa Carola Magni Dott. Enrico Brizioli Dott.ssa Elena Ricci Dott. Paolo Fortuna Dott. Vincenzo Pomo Direzione generale della programmazione sanitar livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Regione Marche Regione Liguria Regione Veneto Regione Puglia Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 5 di 49 Versione 1.0

6 I sistemi di transcodifica validati dal Mattone Il Mattone 12 (Prestazioni Residenziali e ) ha reso disponibile la transcodifica dei sistemi di valutazione Aged, RUG e SVAMA. Di seguito vengono riportati i dettagli di ciascuno dei tre sistemi relativamente alle informazioni oggetto di transcodifica. Le ulteriori informazioni ricomprese nel tracciato FAR, essendo specificatamente descrittive con significato universale, vengono prese in considerazione da tutti i sistemi informativi regionali. 1.1 AGED In Francia negli anni 80 è stato sviluppato un sistema con caratteristiche simili, denominato Grille AGIRR (Autonomie gérontologique groupes iso ressources) che definisce 6 gruppi isorisorse assistenziali. La griglia AGIRR è uno strumento molto semplice che stato adottato dal governo francese con un decreto che regola tutti i flussi informativi e la remunerazione delle strutture residenziali (Journal Officiel du 29 mars 2000). In Liguria si è invece proceduto ad una revisione ed adattamento del sistema francese AGIRR, trasformata nelle sua versione italiana con il nome di AGED Tabelle di transcodifica Area Mobilità mobi_letto mob_intern aiuto_deamb valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 6 di 49 Versione 1.0

7 mobi_letto mob_intern aiuto_deamb valore asse Tabelle di transcodifica Area Funzionale aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 7 di 49 Versione 1.0

8 aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 8 di 49 Versione 1.0

9 aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Tabelle di transcodifica Area Cognitiva coerenza orientamento asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 9 di 49 Versione 1.0

10 coerenza orientamento asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio onoff. 0 = assenza di problemi 1 = presenza di problemi gravi o lievi ma imprevedibili Tabelle di transcodifica Area Sociale L ultima versione della scheda AGED (AGED Plus F dicembre allegata) comprende una sezione specifica sul supporto per l assistenza diretta sulla persona da parte dei familiari, privato o vicinato (sez. H.2.5), riconducibile agli items della scheda SVAMA inerenti il supporto della rete sociale. Per la transcodifica ai relativi tre valori della scheda FAR sul supporto sociale, viene utilizzato l algoritmo previsto nello strumento S.Va.M.A. a cui rimanda Tabelle di transcodifica Area Finanziaria Per quanto riguarda la situazione economica rispetto al progetto assistenziale previsto dall UVM, l assistente sociale, in base a una ricognizione complessiva della situazione familiare, registra nella scheda AGED un giudizio sintetico su tre valori: H1.99 GIUDIZIO SINTETICO della situazione economica rispetto al progetto assistenziale Totalmente indipendente Dipendente da parenti o da altre persone Dipendente dall Ente pubblico 1.2 RUG In campo internazionale gli Stati che per primi hanno registrato lo sviluppo dei sistemi residenziali si sono posti da tempo il problema della classificazione delle prestazioni. Negli Stati Uniti esperienze di questo tipo hanno cominciato a maturare già negli anni 70 con alcuni tentativi di sistematizzazione dei flussi informativi. Negli anni 80, su mandato del Medicare, un gruppo di studiosi ha iniziato lo sviluppo del sistema RUG (Resource Utilization Groups), che attraverso diverse evoluzioni (RUG II, RUG T-18, RUG III) è giunto Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 10 di 49 Versione 1.0

11 alla attuale formulazione che individua 7 classi di assistenza, declinabili in 44 gruppi isorisorse (Fries 1985, 1989, 1994, Schneider 1989). Il RUG è parte essenziale del MDS, sistema di valutazione multidimensionale che consente la programmazione dell assistenza e costituisce una piattaforma informativa comune ai sistemi residenziali, di post-acuzie (MDS-PAC), domiciliari (MDS-HC), psichiatrici (MDS-MH e CMH), cure palliative (MDS-PC) (Morris 1990, Hawes 1997). Il sistema RUG è stato validato in Italia su un campione di RSA di 6 Regioni (Brizioli 2000, 2003), ed anche grazie alla sua struttura più leggera ha trovato subito applicazione in diverse realtà regionali Tabelle di transcodifica Area Mobilità Da sezione G Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 11 di 49 Versione 1.0

12 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 12 di 49 Versione 1.0

13 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 13 di 49 Versione 1.0

14 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 14 di 49 Versione 1.0

15 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 15 di 49 Versione 1.0

16 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 16 di 49 Versione 1.0

17 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 17 di 49 Versione 1.0

18 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 18 di 49 Versione 1.0

19 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 19 di 49 Versione 1.0

20 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 20 di 49 Versione 1.0

21 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Nv = non verosimile Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 21 di 49 Versione 1.0

22 1.2.2 Tabelle di transcodifica Area Funzionale Da sezione G mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 22 di 49 Versione 1.0

23 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 23 di 49 Versione 1.0

24 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 24 di 49 Versione 1.0

25 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 25 di 49 Versione 1.0

26 1.2.3 Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Si considerano i seguenti criteri: B1 coma se =1 allora asse 3 B2 memoria se = 0 allora asse 1 B4 capacità di prendere decisioni se collegato a B2 = 1 determina la collocazione negli assi 2 e 3 Inoltre: B2a B4 asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda S.Va.M.A. e la scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio on-off. In tal senso non si è potuto procedere con un analisi di convergenza fra le schede pur essendo il Rug stratificante sul problema comportamentale. SI ritiene pertanto, con la presente sperimentazione, di dover adottare il criterio: Sezione E4 diverso da 0, FAR=1 (Sezione E: umore e comportamento) Tabella di transcodifica Area Sociale Per quanto attiene le aree sociale e finanziaria la Regione Marche ha disposto una scheda che replica direttamente i campi FAR. In seguito si vorrebbe utilizzare la scheda SINA, già impiegata dai servizi sociali dei comuni coordinati dalla Regione, per rilevare gli anziani non autosufficienti che utilizzano i servizi. Tuttavia dovrà essere adattata Tabella di transcodifica Area Finanziaria Per quanto attiene le aree sociale e finanziaria la Regione Marche ha disposto una scheda che replica direttamente i campi FAR. In seguito si vorrebbe utilizzare la scheda SINA, già impiegata dai servizi sociali dei comuni coordinati dalla Regione, per rilevare gli anziani non autosufficienti che utilizzano i servizi. Tuttavia dovrà essere adattata. 1.3 SVAMA Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 26 di 49 Versione 1.0

27 Lo Svama (Scheda di Valutazione Multidimensionale dell Anziano) è un sistema costruito sulla base di singole scale di valutazione, che consente l attribuzione della persona a 17 profili di autonomia. La SVAMA è stata adottata con deliberazione della Giunta Regionale Veneto n del ed è entrata in uso, dopo un periodo di sperimentazione, quale unico e completo strumento di lavoro per l accesso alla rete dei servizi nell obiettivo di consentire la definizione di profili di autonomia dell anziano con correlato carico assistenziale differenziato e offrire uno strumento funzionale ai fini programmatori ed operativi. Tale scheda ha ottenuto la validazione scientifica Tabelle di transcodifica Area Mobilità Mobilità asse Tabelle di transcodifica Area Funzionale Barthel asse Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Cognitivo asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda S.Va.M.A. e la scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio on-off. In tal senso non si è potuto procedere con un analisi di convergenza fra le schede pur essendo il Rug stratificante sul problema comportamentale. Si ritiene pertanto, con la presente sperimentazione, di dover adottare il criterio: 0 = assenza di problemi 1 = presenza di problemi gravi o lievi ma imprevedibili (flag specifico) Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 27 di 49 Versione 1.0

28 1.3.5 Tabella di transcodifica Area Sociale Punteggio Definizione asse S.Va.M.A. 1 ben assistito parzialmente assistito non sufficientemente assistito Tabella di transcodifica Area Finanziaria (solo per FAR residenzialità) Definizione in S.Va.M.A. (quadro sinottico residenzialità) Autonomo e in equilibrio finanziario Riceve aiuto da parenti e/o da altre persone (anche non conviventi In condizione di bisogno economico e senza aiuti da parenti o altre persone asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 28 di 49 Versione 1.0

29 I sistemi di transcodifica validati dal Gruppo di Lavoro 1.4 Emilia Romagna La scelta della Regione Emilia-Romagna sullo strumento di valutazione multidimensionale (VMD) da utilizzare a livello regionale e nel flusso FAR è ricaduta sulla scheda B.I.N.A. (Breve indice di non autosufficienza). Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 29 di 49 Versione 1.0

30 1.4.1 Tabelle di transcodifica AREE sistema FAR scheda BINA indicatore di fragilità correlato trascodifica al sistema FAR ATTIVITA DI VITA QUOTIDIANA 7. mobilità AREA DELLA MOBILITA 8. attività della vita quotidiana (igiene personale, abbigliamento, alimentazione) 8.1 1= autonomo 8.2 1= autonomo 2= parzialmente 8.3 dipendente 8.4 3= totalmente dipendente 8. attività della vita quotidiana (igiene personale, abbigliamento, alimentazione) trascodifica al sistema FAR 7.1 1= si sposta da solo 7.2 1= si sposta da solo = si sposta assistito = non si sposta 7.4 3= non si sposta 4. disturbi comportamentali 5.funzioni del linguaggio e della AREA COGNITIVA comunicazione trascodifica al sistema FAR =lievi 4.2 1= lievi 4.3 5,1 1= lievi = lievi =lievi = moderati = moderati = gravi = gravi = gravi area dei trattamenti 2. necessita' di prestazioni mediche specialistici trascodifica al sistema FAR 1= alimentazione parenterale o mediante CVC; 1= alimentazione parenterale 2= SNG/PEG; 2= SNG/PEG; 3= tracheostomia; 3= tracheostomia; 4= 4= respiratorie/ventilazione assistita; respiratorie/ventilazione assistita; 5= ossigenoterapia; 5= ossigenoterapia; 6= dialisi 6= dialisi 1. medicazioni di tipo chirurgico 1.1 non necessarie 1.2 per ulcerazioni e distrofie cutanee 1.3 per catetere e permanenza 1.4 per piaghe da decubito 7= ulcere da decubito AREA DISTURBI COMPORTAMENTA LI 4. disturbi comportamentali trascodifica al sistema FAR 4.1 1= assenti 4.2 1= assenti 4.3 1= assenti 4.4 2= presenti AREA SOCIALE 10. stato della rete sociale trascodifica al sistema FAR = presenza = parziale / temporanea = parziale / temporanea = assenza AREA SOCIALE 10. stato della rete sociale CONVERGENZA CON SVAMA (SUPPORTO DELLA RETE SOCIALE) trascodifica al sistema FAR ) ben assistito 1= presenza ) parzialmente assistito 2= parziale / temporanea ) parzialmente assistito 2= parziale / temporanea ) non sufficientemente assistito 3= assenza Si rimanda al sistema Bina e alle istruzioni di accompagnamento per l interpretazione delle singole codifiche. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 30 di 49 Versione 1.0

31 1.4.2 Tabella di transcodifica Area Finanziaria L area finanziaria del FAR viene rilevata nel flusso regionale FAR attraverso altre informazioni: campi quota utente e quota comune. Non risulta infatti inerente alla valutazione socio-sanitaria della persona non autosufficiente e non rientra tra gli item della scheda BINA, né tra gli item della scheda RUG. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 31 di 49 Versione 1.0

32 1.5 Lombardia SOSIA Questo strumento rientra tra quelli testati dal gruppo di lavoro del Mattone 12 e validati per l automatica alimentazione della FAR. A differenza di quanto avvenuto per MDS /RUG, SVAMA ed AGED, il percorso di validazione dell alimentazione automatica di SOSIA sul FAR non è stato completato; quindi la Regione Lombardia ha deciso di completare la transcodifica e la validazione dello strumento SOSIA rispetto al MDS/RUG, per poter assumere questo strumento di valutazione multidimensionale. L obiettivo della transcodifica è stato quello di stilare dei profili di paziente facendo convergere i rispettivi valori assunti nei vari items di SOSIA in tre livelli di intensità (1,2,3) che vengono a costituire l asse portante delle rispettive aree del FAR, definendo per ogni scheda la specifica transcodifica. Tutte le possibili combinazioni dovranno quindi essere ricondotte ad una stratificazione a tre livelli Tabelle di transcodifica Area Mobilità SOSIA 47 asse , 3, Tabella di transcodifica Area Funzionale asse Igiene SOSIA Alimentaz ione SOSIA , 3, 4 1 2, 3, , 3, 4 2, 3, ,3, ,3, Tabella di transcodifica Area cognitiva SOSIA 47 asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 32 di 49 Versione 1.0

33 Tabella di transcodifica Area Comportamentale Il sistema SOSIA prevede la codifica di condizioni inerenti il comportamento dei pazienti agli items SOSIA48 (Indicatore cognitività e comportamento, comportamento: irrequietezza) e SOSIA49 (Indicatore cognitività e comportamento, comportamento: irrequietezza). Per la transcodifica è stata scelta la seguente soluzione: il punteggio pari a 4 almeno in uno dei due items, individuerà un soggetto con problemi comportamentali Tabella di transcodifica Area Sociale In Regione Lombardia la dimensione sociale non è rilevabile in quanto non standardizzata a livello territoriale. Nell ambito degli obiettivi regionali è prevista l identificazione dello strumento di valutazione dell area sociale e la sua adozione in modo omogeneo su tutto il territorio regionale. Pertanto la compilazione del campo relativo alla fragilità sociale presente nel FAR2 avverrà in modalità automatica, attribuendo valore 3, per i flussi informativi relativi al passato e per quelli che si genereranno fino all attivazione del nuovo strumento di valutazione della dimensione sociale. Non appena sarà attuato il citato obiettivo regionale, si procederà all invio del flusso FAR comprensivo del dato della valutazione sociale così come richiesto Tabella di transcodifica Area Finanziaria Relativamente all area finanziaria già dal 2008 la Regione ha provveduto ad integrare il flusso SOSIA con un nuovo set di informazioni che riguardano la retta e il soggetto pagatore ; in particolare per adempiere al debito ministeriale circa l area economico-finanziaria è stata prevista la seguente transcodifica: se i campi 8 e 10 del tracciato Sosia5 sono vuoti e campo 9 del tracciato Sosia5 non è vuoto 1 (autonomo finanziatore) se il campo 8 del tracciato Sosia5 non è vuoto 3 (a carico totale o parziale del comune). 1.6 Piemonte Ai sensi della D.G.R del 10 marzo 2008 Cartella Geriatrica, per la valutazione dell autonomia viene adottato l ADL di Katz, costituito da 6 items differenti di cui 5 esplorano l autonomia funzionale e 1 solo l autonomia nella mobilità. L obiettivo della transcodifica è stato quello di stilare dei profili di paziente facendo convergere i rispettivi valori assunti nei vari items in tre livelli di intensità (1,2,3) che vengono a costituire l asse portante delle rispettive aree del FAR, definendo per ogni scheda la specifica transcodifica. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 33 di 49 Versione 1.0

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ricci Elena Data di nascita 03/08/1951 Qualifica Dirigente di Settore Amministrazione Incarico attuale Responsabile- Settore Valutazione, controlo di qualità e Sistema Informativo

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN

Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN 52 Congresso SIGG Firenze 2007 Progetto Mattoni e LEA Nell Assistenza Geriatrica del SSN Enrico Brizioli Responsabile Scientifico Mattone n. 12 (Prestazioni residenziali) Coordinatore sottogruppo Socio-Sanitario

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2010, n. 69-481 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. 42-8390

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

InterRAI nella Regione Lazio

InterRAI nella Regione Lazio InterRAI nella Regione Lazio La suite di strumenti interrai nell ambito del progetto SIAT Gianni Vicario Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria, Regione Lazio Roma, 23 settembre 2015

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106. Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza. LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106. Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza. LA GIUNTA REGIONALE Anno XXXVII - N. 46 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 15.11.2006 - pag. 4157 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106 Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza.

Dettagli

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale

OBIETTIVI, AZIONI, OPPORTUNITA. Firenze 5 ottobre 2011. Ministero della Salute - CCM Area Sostegno a progetti strategici di interesse nazionale Il monitoraggio della qualità dell assistenza in RSA: validazione di un set integrato e multidimensionale di indicatori quality ed equity oriented ad elevata fattibilità di rilevazione e trasferibilità

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente

Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente ARAT (Associazione Residenze Anziani Toscana) Gli standard del personale nel servizio residenziale per l anziano l non autosufficiente Firenze 24 Febbraio 2014 A cura di Giancarlo Girolami Chiara Bartolini

Dettagli

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1

Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010. A. Zagari 1 Il Paziente e la famiglia nella dimissione protetta Bologna 2010 A. Zagari 1 Dimissione protetta Definizione È la dimissione di un utente che necessita di prestazioni sanitarie o socio-sanitarie erogabili

Dettagli

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura.

Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. 07 Febbraio 2014 Le Residenze Sanitarie Assistenziali Lombarde tra chiusura e apertura. Corrado Carabellese Le misure Gli interventi di cui sopra saranno garantiti attraverso le seguenti misure: Buono

Dettagli

ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED

ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED ANALISI RILEVAZIONE PUNTEGGIO AGED ANNO 2014 PREMESSA Il crescente numero di pazienti anziani con importanti bisogni medici e sociali impone una maggiore attenzione nella valutazione e nella scelta dei

Dettagli

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer

Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Giornate Mediche Fiorentine Firenze, 2 3 dicembre 2011 Problemi ancora aperti nella gestione del malato di Alzheimer Manlio Matera Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Atti di indirizzo della Regione

Dettagli

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING

AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING AIDA ADVANCED INTEGRATION FOR A DIGNIFIED AGEING DEFINIZIONE DI LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA RIVOLTA A PERSONE ANZIANE IN CONDIZIONE DI FRAGILITA E A DISABILI GRAVI Presentazione a cura

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO

ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO ASL CASERTA VIA UNITA ITALIANA, 28 CASERTA Curriculum Formativo e Professionale di: LUIGI CATERINO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/Nome CATERINO LUIGI Indirizzo Via Giotto, 87 AVERSA Telefono 081 5001215

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

RESIDENZIALITA E ANZIANI

RESIDENZIALITA E ANZIANI Residenzialità Solidale e Amministrazioni di Sostegno RESIDENZIALITA E ANZIANI Dott. Lorenzo Sampietro Demografia in pillole La Liguria è la Regione che ha la più alta percentuale di anziani 26,8% con

Dettagli

REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI

REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI Art. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso al Progetto per gli anziani certificati non

Dettagli

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte

I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12. Criticità e proposte Appropriatezza clinico-organizzativa nella Regione Lazio I Decreti Commissariali: approfondimenti su DCA 206/2013, DCA 429 e 431 del 24/12/2012, DCA 71/12 I risvolti operativi dei DCA 429/12 e 431/12.

Dettagli

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _F _ Dgr n. del pag. 1/6 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11

La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese. Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 La riorganizzazione delle Cure Domiciliari nella Asl 3 Genovese Loredana Minetti Direttore Distretto Sanitario 11 POPOLAZIONE LIGURE Abitanti: Provincia Totale Maschi Femmine IM 221885 106286 115599 SV

Dettagli

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA

NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA NUOVE STRUTTURE DI CURE INTERMEDIE E RIORGANIZZAZIONE DEI POSTI LETTO DI TEMPORANEITA Dr. Mario Marin Responsabile S.D.D. Residenzialità Extraospedaliera Progetto riordino temporaneità Nell ambito delle

Dettagli

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica

IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica IL PROGETTO PERSONALIZZATO: dalla proposizione alla verifica Cagliari, 10 dicembre 2008 Paola Mele Il PUNTO UNICO D ACCESSO D per la presa in carico Segnalazione Ospedale Front Front Office Office 1 Livello

Dettagli

Il futuro delle Residenze Sanitarie Assistenziali Protagonisti del cambiamento. Dal SOSIA al VAOR: cosa si nasconde dietro un acronimo

Il futuro delle Residenze Sanitarie Assistenziali Protagonisti del cambiamento. Dal SOSIA al VAOR: cosa si nasconde dietro un acronimo SPERIMENTAZIONE VAOR REGIONE LOMBARDIA Il futuro delle Residenze Sanitarie Assistenziali Protagonisti del cambiamento Brescia 1 giugno 2013 Dal SOSIA al VAOR: cosa si nasconde dietro un acronimo Stefano

Dettagli

SIMPOSIO 2 dicembre 2010

SIMPOSIO 2 dicembre 2010 SIMPOSIO 2 dicembre 2010 L evoluzione del VAOR da strumento di gestione clinica a strumento di ricerca e di governo clinico della rete dei servizi di assistenza continuativa all anziano non autosufficiente:

Dettagli

Consorzio Intercomunale di Servizi di Orbassano

Consorzio Intercomunale di Servizi di Orbassano Consorzio Intercomunale di Servizi di Orbassano Progetto SSIS WEB - SI Edizione: prima Data di emissione 5/0/0 Pag. di 6 PREMESSA Il presente progetto ha come finalità principale quella di gestire nell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Il VAOR come strumento per la determinazione del fabbisogno assistenziale: dal RUG all HUG

Il VAOR come strumento per la determinazione del fabbisogno assistenziale: dal RUG all HUG Indicatori di qualità dell assistenza all anziano fragile Il VAOR come strumento per la determinazione del fabbisogno assistenziale: dal RUG all HUG Fabrizia Lattanzio Strumenti di Clinical Governance:

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Strutture residenziali per anziani: lo scenario attuale. Confronto tra le Regioni e con altri Paesi europei

Strutture residenziali per anziani: lo scenario attuale. Confronto tra le Regioni e con altri Paesi europei Strutture residenziali per anziani: lo scenario attuale. Confronto tra le Regioni e con altri Paesi europei Cristiano Gori Unicatt & Irs, Milano, Lse, Londra Seminario Progetto regionale INQUA Bologna,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute

Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Luoghi e strumenti di cura innovativi per i nuovi bisogni di salute Maria Chiara Corti Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Strutture di ricovero intermedie e integrazione socio-sanitaria Le malattie,

Dettagli

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale

L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale L esperienza dell ULSS 16 del Veneto nella Continuità Assistenziale dott. Daniele Donato ULSS 16 Padova Regione Veneto 27 giugno 2008 - Precenicco Premesse-1 Transizione Demografica Maschi Italia 2005

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute

Le cure domiciliari nella programmazione nazionale. Carola Magni Ministero della Salute Le cure domiciliari nella programmazione nazionale Carola Magni Ministero della Salute Alcune evidenze L incremento degli anziani >65 anni (oggi sono il 20% della popolazione, nel 2050 costituiranno il

Dettagli

interrai Home Care nella Regione Lombardia

interrai Home Care nella Regione Lombardia interrai Home Care nella Regione Lombardia Giovanni Daverio Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità - Regione Lombardia Roma, 23 settembre 2015 Modello di Welfare

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Strumenti di valutazione utilizzati per gli anziani o per i soggetti affetti da patologia geriatrica. INFERMIERA Aurora Muraca 19 novembre 2014 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

LE DIMISSIONI PROTETTE

LE DIMISSIONI PROTETTE DOTT.SSA LUCIANA LABATE UOC PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) LE DIMISSIONI PROTETTE LE DIMISSIONI PROTETTE: L invecchiamento della popolazione e la nuova organizzazione sanitaria basata sulla

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino

InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino InterRAI HC integrata con la Medicina Legale Il rispetto per il Cittadino Giancarlo Iannello Direttore Sociale della ASL di Lodi Roma, 23 settembre 2015 Il progetto dell ASL di Lodi: VMD e riconoscimento

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento

Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Rivista SIMG (www.simg.it) Numero 4, 2001 Conoscere l'anziano, l'analisi delle schede gerontologiche Emilio M. Bove, Medico generale, SIMG Benevento Per diventare anziani bisogna vivere a lungo, quindi

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390

Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11. Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Supplemento Ordinario n. 3 al B.U. n. 11 Deliberazione della Giunta Regionale 10 marzo 2008, n. 42-8390 Cartella Geriatrica dell Unita di Valutazione Geriatrica e Linee guida del Piano Assistenziale Individuale.

Dettagli

MODELLO DI CONVENZIONE

MODELLO DI CONVENZIONE MODELLO DI CONVENZIONE In applicazione del Piano Sanitario Regionale 2003/2006 Un alleanza per la salute (D.A. n. 97 del 30.06.2003) e dell atto di indirizzo concernente Sistema dei servizi per gli anziani

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej Commissione per la prevenzione, sorveglianza e trattamento delle lesioni da pressione Presidente dr. Rosolino Trabona S.C. Servizio

Dettagli

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE

Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE Dott.ssa MG Bonavina DIRETTORE GENERALE IL SISTEMA SANITARIO: un sistema adattativo complesso Un sistema complesso adattativo è un insieme di agenti individuali che hanno libertà di agire in modi non sempre

Dettagli

Dottor Pio Pellegrini Nato il 14/05/1959 a Castrocielo (FR) Residente a Castrocielo (FR) in Via Leuciana, 51 Telefono 0776/799938

Dottor Pio Pellegrini Nato il 14/05/1959 a Castrocielo (FR) Residente a Castrocielo (FR) in Via Leuciana, 51 Telefono 0776/799938 Dottor Pio Pellegrini Nato il 14/05/1959 a Castrocielo (FR) Residente a Castrocielo (FR) in Via Leuciana, 51 Telefono 0776/799938 CURRICULUM FORMATIVO-PROFESSIONALE ( GENERALE ) 1978 Maturità scientifica

Dettagli

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS

Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Boll. Farmacodip. e Alcoolis., XXV (1-2) 2002 Considerazioni sull attuazione del programma di assistenza extra ospedaliera ai malati di AIDS Natalia Magliocchetti 1, Marco Spiniello 1, Maria Novella Cordone

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI

L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI L UTILIZZO DELLA BINA-FAR DA PARTE DELLE CASE RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E DEI CENTRI DIURNI PER ANZIANI (servizi accreditati e convenzionati) Prima parte per UVG ed incontri preparatori

Dettagli

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova.

* Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione Invecchiamento - Padova. Indicatori per la valutazione degli esiti dell assistenza Gallina P*, Benetollo PP**, Saugo M, Maggi S * Azienda ULSS 16 - Padova ** Azienda Ospedaliera di Verona Azienda ULSS 4 Alto Vicentino CNR Sezione

Dettagli

I Progetti Regionali sulla fragilità

I Progetti Regionali sulla fragilità I Progetti Regionali sulla fragilità Dr. Antonio Brambilla Dr. Oreste Capelli Assessorato Politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna Il Sostegno alla Fragilità e la Prevenzione della Non Autosufficienza,

Dettagli

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB

SOFTWARE per la gestione degli ospiti. Cartella Utente WEB SOFTWARE per la gestione degli ospiti Cartella Utente WEB MODULO RENDICONTAZIONI SOSIA Le SOSIA ( Scheda di osservazione intermedia assistenza) è stata creata solo per la Regione Lombardia nel 2003, rivista

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE INFERMIERI DI FAMIGLIA CONVENZIONATI 1 / 8 RELAZIONE Egregi colleghi, la legislazione vigente riconosce già all infermiere un ruolo fondamentale in assistenza domiciliare,

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

RELAZIONE RELATIVA ALLA TERZA SCADENZA SEMESTRALE DEL PROGRAMMA A FINANZIAMENTO MINISTERIALE AI SENSI DELL ARTICOLO 12 DEL D.LGS 502/92.

RELAZIONE RELATIVA ALLA TERZA SCADENZA SEMESTRALE DEL PROGRAMMA A FINANZIAMENTO MINISTERIALE AI SENSI DELL ARTICOLO 12 DEL D.LGS 502/92. Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete di osservatori regionali RELAZIONE GENERALE Aprile 2002 RELAZIONE RELATIVA ALLA TERZA SCADENZA SEMESTRALE DEL PROGRAMMA A FINANZIAMENTO

Dettagli

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014

IL GOVERNO CLINICO IN RSA. Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO IN RSA Aggiornamento per Responsabili Sanitari delle RSA Brescia 2014 IL GOVERNO CLINICO in RSA definizione di RSA -SIGG Struttura del territorio destinata ad accogliere gli anziani

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il Punto Unico d Accesso e la presa in carico della persona Cagliari 10 dicembre 2008 La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Nome e Cognome Data di Nascita / /

Nome e Cognome Data di Nascita / / S.VA.M.A. Scheda per la Valutazione Multidimensionale delle persone Adulte e Anziane (strumento per l accesso ai servizi sociosanitari di rete residenziali, semiresidenziali e domiciliari integrati) REGIONE

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014

Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo. Milano, 28 Marzo 2014 Evidenze e innovazioni del Servizio Socio Sanitario Lombardo Milano, 28 Marzo 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI SISTEMA 2014 Nel corso dell ultimo decennio molteplici sono stati i mutamenti

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2537 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FUCCI, DISTASO, SISTO, CIRACÌ, LAFFRANCO Modifiche agli articoli 3-quinquies e 3-sexies del

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 25-02-2010 REGIONE PUGLIA Istituzione del fondo regionale per il sostegno delle persone non autosufficienti e loro nuclei familiari Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

Il Sistema RUGs e la sua adattabilità al SSN italiano.

Il Sistema RUGs e la sua adattabilità al SSN italiano. Il Sistema RUGs e la sua adattabilità al SSN italiano. Enrico Brizioli, *Luigi Ferrucci, *Filippo Masera, **Roberto Bernabei. Azienda ASL 5 Jesi, * INRCA Firenze/Ancona, **Università Cattolica Roma. Premessa

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013

L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce. Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 L assistenza domiciliare integrata nella ASL di Lecce Cabina di regia aziendale Polo didattico 07.2.2013 Definizione (da Flussi informativi ministeriali per la costruzione degli indicatori LEA) Per ADI

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli