Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali"

Transcript

1 DOCUMENTO DI TRANSCODIFICA DEI SISTEMI DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE VERSO FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Novembre 2012 Versione 2.0 Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 1 di 49 Versione 1.0

2 Indice La validazione e gli strumenti di valutazione...4 Il gruppo di lavoro per la transcodifica dei sistemi di valutazione regionali...5 I sistemi di transcodifica validati dal Mattone AGED Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabelle di transcodifica Area Sociale Tabelle di transcodifica Area Finanziaria RUG Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria SVAMA Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabelle di transcodifica Area Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Tabelle di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria I sistemi di transcodifica validati dal Gruppo di Lavoro Emilia Romagna Tabelle di transcodifica Tabella di transcodifica Area Finanziaria Lombardia SOSIA Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Tabella di transcodifica Area cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Piemonte Tabella di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 2 di 49 Versione 1.0

3 1.6.3 Tabella di transcodifica Area Cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Toscana Tabelle di transcodifica Area Mobilità Tabella di transcodifica Area Funzionale Tabella di transcodifica Area Cognitiva Tabella di transcodifica Area Comportamentale Tabella di transcodifica Area Sociale Tabella di transcodifica Area Finanziaria Bibliografia...45 Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 3 di 49 Versione 1.0

4 La validazione e gli strumenti di valutazione Nell ambito del Nuovo Sistema Informativo (NSIS), è stata istituita, con il decreto del 17 dicembre 2008, la banca dati per il monitoraggio delle prestazioni residenziali e semiresidenziali per anziani o persone non autosufficienti in condizioni di cronicità e/o relativa stabilizzazione delle condizioni cliniche. Coerentemente con quanto previsto nella scheda FAR (Flusso informativo Assistenza Residenziale e Semiresidenziale) elaborata dal Mattone 12 (Prestazioni Residenziali e ) il flusso informativo fa riferimento alle seguenti informazioni: Identificazione della struttura erogatrice Identificazione dell assistito Dati amministrativi relativi all accesso Dati amministrativi relativi alla dimissione Dati relativi alla tariffa giornaliera applicata Valutazione socio sanitaria dell assistito Con particolare riferimento alla Valutazione socio sanitaria dell assistito si è preso atto della notevole eterogeneità degli strumenti utilizzati a livello regionale. Pertanto, si è resa necessaria una transcodifica degli strumenti di valutazione, utilizzati a livello regionale, verso il sistema nazionale FAR; il Mattone, aveva già previsto una transcodifica degli strumenti di valutazione SVAMA, RUG e AGED verso la scheda FAR. Invece, le regioni che utilizzano sistemi di valutazione diversi da quelli indicati, coerentemente con quanto previsto dal DM 17 dicembre 2008, hanno dovuto sottoporre all attenzione del Ministero della Salute, le regole di transcodifica individuate per i propri sistemi. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 4 di 49 Versione 1.0

5 Il gruppo di lavoro per la transcodifica dei sistemi di valutazione regionali Come previsto da decreto, a partire dal 1 gennaio 2010 è stato istituito presso la Direzione Generale del Sistema Informativo del Ministero della Salute il tavolo tecnico Validazione dei Sistemi di Transcodifica per la Valutazione multidimensionale FAR, finalizzato a validare le regole di transcodifica proposte dalle Regioni e Provincie Autonome, mediante opportuni approfondimenti atti a valutare i criteri metodologici definiti per l identificazione di un idoneo sistema di transcodifica dei dati, laddove il sistema adottato di valutazione sanitaria dell assistito non rientri tra i sistemi validati a livello nazionale. Il tavolo tecnico è così costituito: Dott.ssa Lidia Di Minco con funzioni di Coordinatrice Dott.ssa Maria Pia Randazzo con funzioni di segretario Direzione generale del sistema informativo Direzione generale del sistema informativo Dott.ssa Silvia Arcà Direzione generale della programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Dott.ssa Carola Magni Dott. Enrico Brizioli Dott.ssa Elena Ricci Dott. Paolo Fortuna Dott. Vincenzo Pomo Direzione generale della programmazione sanitar livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Regione Marche Regione Liguria Regione Veneto Regione Puglia Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 5 di 49 Versione 1.0

6 I sistemi di transcodifica validati dal Mattone Il Mattone 12 (Prestazioni Residenziali e ) ha reso disponibile la transcodifica dei sistemi di valutazione Aged, RUG e SVAMA. Di seguito vengono riportati i dettagli di ciascuno dei tre sistemi relativamente alle informazioni oggetto di transcodifica. Le ulteriori informazioni ricomprese nel tracciato FAR, essendo specificatamente descrittive con significato universale, vengono prese in considerazione da tutti i sistemi informativi regionali. 1.1 AGED In Francia negli anni 80 è stato sviluppato un sistema con caratteristiche simili, denominato Grille AGIRR (Autonomie gérontologique groupes iso ressources) che definisce 6 gruppi isorisorse assistenziali. La griglia AGIRR è uno strumento molto semplice che stato adottato dal governo francese con un decreto che regola tutti i flussi informativi e la remunerazione delle strutture residenziali (Journal Officiel du 29 mars 2000). In Liguria si è invece proceduto ad una revisione ed adattamento del sistema francese AGIRR, trasformata nelle sua versione italiana con il nome di AGED Tabelle di transcodifica Area Mobilità mobi_letto mob_intern aiuto_deamb valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 6 di 49 Versione 1.0

7 mobi_letto mob_intern aiuto_deamb valore asse Tabelle di transcodifica Area Funzionale aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 7 di 49 Versione 1.0

8 aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 8 di 49 Versione 1.0

9 aiuto_alim igiene inf igiene sup abb_sup abb_cent abb_inf cont_anal cont_urin INTU (supporto cont urin) numero casi valore asse Tabelle di transcodifica Area Cognitiva coerenza orientamento asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 9 di 49 Versione 1.0

10 coerenza orientamento asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio onoff. 0 = assenza di problemi 1 = presenza di problemi gravi o lievi ma imprevedibili Tabelle di transcodifica Area Sociale L ultima versione della scheda AGED (AGED Plus F dicembre allegata) comprende una sezione specifica sul supporto per l assistenza diretta sulla persona da parte dei familiari, privato o vicinato (sez. H.2.5), riconducibile agli items della scheda SVAMA inerenti il supporto della rete sociale. Per la transcodifica ai relativi tre valori della scheda FAR sul supporto sociale, viene utilizzato l algoritmo previsto nello strumento S.Va.M.A. a cui rimanda Tabelle di transcodifica Area Finanziaria Per quanto riguarda la situazione economica rispetto al progetto assistenziale previsto dall UVM, l assistente sociale, in base a una ricognizione complessiva della situazione familiare, registra nella scheda AGED un giudizio sintetico su tre valori: H1.99 GIUDIZIO SINTETICO della situazione economica rispetto al progetto assistenziale Totalmente indipendente Dipendente da parenti o da altre persone Dipendente dall Ente pubblico 1.2 RUG In campo internazionale gli Stati che per primi hanno registrato lo sviluppo dei sistemi residenziali si sono posti da tempo il problema della classificazione delle prestazioni. Negli Stati Uniti esperienze di questo tipo hanno cominciato a maturare già negli anni 70 con alcuni tentativi di sistematizzazione dei flussi informativi. Negli anni 80, su mandato del Medicare, un gruppo di studiosi ha iniziato lo sviluppo del sistema RUG (Resource Utilization Groups), che attraverso diverse evoluzioni (RUG II, RUG T-18, RUG III) è giunto Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 10 di 49 Versione 1.0

11 alla attuale formulazione che individua 7 classi di assistenza, declinabili in 44 gruppi isorisorse (Fries 1985, 1989, 1994, Schneider 1989). Il RUG è parte essenziale del MDS, sistema di valutazione multidimensionale che consente la programmazione dell assistenza e costituisce una piattaforma informativa comune ai sistemi residenziali, di post-acuzie (MDS-PAC), domiciliari (MDS-HC), psichiatrici (MDS-MH e CMH), cure palliative (MDS-PC) (Morris 1990, Hawes 1997). Il sistema RUG è stato validato in Italia su un campione di RSA di 6 Regioni (Brizioli 2000, 2003), ed anche grazie alla sua struttura più leggera ha trovato subito applicazione in diverse realtà regionali Tabelle di transcodifica Area Mobilità Da sezione G Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 11 di 49 Versione 1.0

12 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 12 di 49 Versione 1.0

13 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 13 di 49 Versione 1.0

14 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 14 di 49 Versione 1.0

15 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 15 di 49 Versione 1.0

16 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 16 di 49 Versione 1.0

17 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 17 di 49 Versione 1.0

18 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 18 di 49 Versione 1.0

19 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 19 di 49 Versione 1.0

20 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv nv Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 20 di 49 Versione 1.0

21 Asse Mob. Letto A Mob. Letto B Trasferim. A Trasferim B Nv = non verosimile Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 21 di 49 Versione 1.0

22 1.2.2 Tabelle di transcodifica Area Funzionale Da sezione G mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 22 di 49 Versione 1.0

23 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 23 di 49 Versione 1.0

24 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 24 di 49 Versione 1.0

25 mangiare WC WC G1ha G1ia G1ib Asse comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica comb.teorica Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 25 di 49 Versione 1.0

26 1.2.3 Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Si considerano i seguenti criteri: B1 coma se =1 allora asse 3 B2 memoria se = 0 allora asse 1 B4 capacità di prendere decisioni se collegato a B2 = 1 determina la collocazione negli assi 2 e 3 Inoltre: B2a B4 asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda S.Va.M.A. e la scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio on-off. In tal senso non si è potuto procedere con un analisi di convergenza fra le schede pur essendo il Rug stratificante sul problema comportamentale. SI ritiene pertanto, con la presente sperimentazione, di dover adottare il criterio: Sezione E4 diverso da 0, FAR=1 (Sezione E: umore e comportamento) Tabella di transcodifica Area Sociale Per quanto attiene le aree sociale e finanziaria la Regione Marche ha disposto una scheda che replica direttamente i campi FAR. In seguito si vorrebbe utilizzare la scheda SINA, già impiegata dai servizi sociali dei comuni coordinati dalla Regione, per rilevare gli anziani non autosufficienti che utilizzano i servizi. Tuttavia dovrà essere adattata Tabella di transcodifica Area Finanziaria Per quanto attiene le aree sociale e finanziaria la Regione Marche ha disposto una scheda che replica direttamente i campi FAR. In seguito si vorrebbe utilizzare la scheda SINA, già impiegata dai servizi sociali dei comuni coordinati dalla Regione, per rilevare gli anziani non autosufficienti che utilizzano i servizi. Tuttavia dovrà essere adattata. 1.3 SVAMA Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 26 di 49 Versione 1.0

27 Lo Svama (Scheda di Valutazione Multidimensionale dell Anziano) è un sistema costruito sulla base di singole scale di valutazione, che consente l attribuzione della persona a 17 profili di autonomia. La SVAMA è stata adottata con deliberazione della Giunta Regionale Veneto n del ed è entrata in uso, dopo un periodo di sperimentazione, quale unico e completo strumento di lavoro per l accesso alla rete dei servizi nell obiettivo di consentire la definizione di profili di autonomia dell anziano con correlato carico assistenziale differenziato e offrire uno strumento funzionale ai fini programmatori ed operativi. Tale scheda ha ottenuto la validazione scientifica Tabelle di transcodifica Area Mobilità Mobilità asse Tabelle di transcodifica Area Funzionale Barthel asse Funzionale Tabelle di transcodifica Area Cognitiva Cognitivo asse Tabelle di transcodifica Area Comportamentale La scheda S.Va.M.A. e la scheda AGED stratificano i problemi comportamentali in ranghi con il solo criterio on-off. In tal senso non si è potuto procedere con un analisi di convergenza fra le schede pur essendo il Rug stratificante sul problema comportamentale. Si ritiene pertanto, con la presente sperimentazione, di dover adottare il criterio: 0 = assenza di problemi 1 = presenza di problemi gravi o lievi ma imprevedibili (flag specifico) Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 27 di 49 Versione 1.0

28 1.3.5 Tabella di transcodifica Area Sociale Punteggio Definizione asse S.Va.M.A. 1 ben assistito parzialmente assistito non sufficientemente assistito Tabella di transcodifica Area Finanziaria (solo per FAR residenzialità) Definizione in S.Va.M.A. (quadro sinottico residenzialità) Autonomo e in equilibrio finanziario Riceve aiuto da parenti e/o da altre persone (anche non conviventi In condizione di bisogno economico e senza aiuti da parenti o altre persone asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 28 di 49 Versione 1.0

29 I sistemi di transcodifica validati dal Gruppo di Lavoro 1.4 Emilia Romagna La scelta della Regione Emilia-Romagna sullo strumento di valutazione multidimensionale (VMD) da utilizzare a livello regionale e nel flusso FAR è ricaduta sulla scheda B.I.N.A. (Breve indice di non autosufficienza). Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 29 di 49 Versione 1.0

30 1.4.1 Tabelle di transcodifica AREE sistema FAR scheda BINA indicatore di fragilità correlato trascodifica al sistema FAR ATTIVITA DI VITA QUOTIDIANA 7. mobilità AREA DELLA MOBILITA 8. attività della vita quotidiana (igiene personale, abbigliamento, alimentazione) 8.1 1= autonomo 8.2 1= autonomo 2= parzialmente 8.3 dipendente 8.4 3= totalmente dipendente 8. attività della vita quotidiana (igiene personale, abbigliamento, alimentazione) trascodifica al sistema FAR 7.1 1= si sposta da solo 7.2 1= si sposta da solo = si sposta assistito = non si sposta 7.4 3= non si sposta 4. disturbi comportamentali 5.funzioni del linguaggio e della AREA COGNITIVA comunicazione trascodifica al sistema FAR =lievi 4.2 1= lievi 4.3 5,1 1= lievi = lievi =lievi = moderati = moderati = gravi = gravi = gravi area dei trattamenti 2. necessita' di prestazioni mediche specialistici trascodifica al sistema FAR 1= alimentazione parenterale o mediante CVC; 1= alimentazione parenterale 2= SNG/PEG; 2= SNG/PEG; 3= tracheostomia; 3= tracheostomia; 4= 4= respiratorie/ventilazione assistita; respiratorie/ventilazione assistita; 5= ossigenoterapia; 5= ossigenoterapia; 6= dialisi 6= dialisi 1. medicazioni di tipo chirurgico 1.1 non necessarie 1.2 per ulcerazioni e distrofie cutanee 1.3 per catetere e permanenza 1.4 per piaghe da decubito 7= ulcere da decubito AREA DISTURBI COMPORTAMENTA LI 4. disturbi comportamentali trascodifica al sistema FAR 4.1 1= assenti 4.2 1= assenti 4.3 1= assenti 4.4 2= presenti AREA SOCIALE 10. stato della rete sociale trascodifica al sistema FAR = presenza = parziale / temporanea = parziale / temporanea = assenza AREA SOCIALE 10. stato della rete sociale CONVERGENZA CON SVAMA (SUPPORTO DELLA RETE SOCIALE) trascodifica al sistema FAR ) ben assistito 1= presenza ) parzialmente assistito 2= parziale / temporanea ) parzialmente assistito 2= parziale / temporanea ) non sufficientemente assistito 3= assenza Si rimanda al sistema Bina e alle istruzioni di accompagnamento per l interpretazione delle singole codifiche. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 30 di 49 Versione 1.0

31 1.4.2 Tabella di transcodifica Area Finanziaria L area finanziaria del FAR viene rilevata nel flusso regionale FAR attraverso altre informazioni: campi quota utente e quota comune. Non risulta infatti inerente alla valutazione socio-sanitaria della persona non autosufficiente e non rientra tra gli item della scheda BINA, né tra gli item della scheda RUG. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 31 di 49 Versione 1.0

32 1.5 Lombardia SOSIA Questo strumento rientra tra quelli testati dal gruppo di lavoro del Mattone 12 e validati per l automatica alimentazione della FAR. A differenza di quanto avvenuto per MDS /RUG, SVAMA ed AGED, il percorso di validazione dell alimentazione automatica di SOSIA sul FAR non è stato completato; quindi la Regione Lombardia ha deciso di completare la transcodifica e la validazione dello strumento SOSIA rispetto al MDS/RUG, per poter assumere questo strumento di valutazione multidimensionale. L obiettivo della transcodifica è stato quello di stilare dei profili di paziente facendo convergere i rispettivi valori assunti nei vari items di SOSIA in tre livelli di intensità (1,2,3) che vengono a costituire l asse portante delle rispettive aree del FAR, definendo per ogni scheda la specifica transcodifica. Tutte le possibili combinazioni dovranno quindi essere ricondotte ad una stratificazione a tre livelli Tabelle di transcodifica Area Mobilità SOSIA 47 asse , 3, Tabella di transcodifica Area Funzionale asse Igiene SOSIA Alimentaz ione SOSIA , 3, 4 1 2, 3, , 3, 4 2, 3, ,3, ,3, Tabella di transcodifica Area cognitiva SOSIA 47 asse Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 32 di 49 Versione 1.0

33 Tabella di transcodifica Area Comportamentale Il sistema SOSIA prevede la codifica di condizioni inerenti il comportamento dei pazienti agli items SOSIA48 (Indicatore cognitività e comportamento, comportamento: irrequietezza) e SOSIA49 (Indicatore cognitività e comportamento, comportamento: irrequietezza). Per la transcodifica è stata scelta la seguente soluzione: il punteggio pari a 4 almeno in uno dei due items, individuerà un soggetto con problemi comportamentali Tabella di transcodifica Area Sociale In Regione Lombardia la dimensione sociale non è rilevabile in quanto non standardizzata a livello territoriale. Nell ambito degli obiettivi regionali è prevista l identificazione dello strumento di valutazione dell area sociale e la sua adozione in modo omogeneo su tutto il territorio regionale. Pertanto la compilazione del campo relativo alla fragilità sociale presente nel FAR2 avverrà in modalità automatica, attribuendo valore 3, per i flussi informativi relativi al passato e per quelli che si genereranno fino all attivazione del nuovo strumento di valutazione della dimensione sociale. Non appena sarà attuato il citato obiettivo regionale, si procederà all invio del flusso FAR comprensivo del dato della valutazione sociale così come richiesto Tabella di transcodifica Area Finanziaria Relativamente all area finanziaria già dal 2008 la Regione ha provveduto ad integrare il flusso SOSIA con un nuovo set di informazioni che riguardano la retta e il soggetto pagatore ; in particolare per adempiere al debito ministeriale circa l area economico-finanziaria è stata prevista la seguente transcodifica: se i campi 8 e 10 del tracciato Sosia5 sono vuoti e campo 9 del tracciato Sosia5 non è vuoto 1 (autonomo finanziatore) se il campo 8 del tracciato Sosia5 non è vuoto 3 (a carico totale o parziale del comune). 1.6 Piemonte Ai sensi della D.G.R del 10 marzo 2008 Cartella Geriatrica, per la valutazione dell autonomia viene adottato l ADL di Katz, costituito da 6 items differenti di cui 5 esplorano l autonomia funzionale e 1 solo l autonomia nella mobilità. L obiettivo della transcodifica è stato quello di stilare dei profili di paziente facendo convergere i rispettivi valori assunti nei vari items in tre livelli di intensità (1,2,3) che vengono a costituire l asse portante delle rispettive aree del FAR, definendo per ogni scheda la specifica transcodifica. Documento di Transcodifica_v.1.0.doc Pag. 33 di 49 Versione 1.0

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Un po di terminologia

Un po di terminologia La classificazione dei pazienti: non solo DRGs Un po di terminologia Dati: simboli con cui si rappresenta la realtà (numeri, date, caratteri, intere parole). Codifica: è la rappresentazione sintetica del

Dettagli

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità

Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Advancing Integration for a Dignified Ageing Progetto AIDA Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane e disabili in condizioni di fragilità Linee guida sociosanitarie rivolte a persone anziane

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA)

SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) DIREZIONE GENERALE PER L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI 16 SISTEMA INFORMATIVO SUI SERVIZI SOCIALI PER LE NON AUTOSUFFICIENZE (SINA) Indagine pilota sull offerta dei servizi sociali per la non autosufficienza

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI SOMMARIO CRONOLOGIA VARIAZIONI... 3 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO... 7 OBIETTIVI... 7 STRUTTURA DEL

Dettagli

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2

Evoluzione del sistema DRG nazionale. Milestone 1.2.2 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Evoluzione del sistema DRG nazionale Milestone 1.2.2 Superamento dei limiti del sistema di classificazione DRG in specifici settori o per specifiche condizioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti

2 La residenzialità per anziani non autosufficienti LE POLITICHE SOCIO-SANITARIE. PARTE PRIMA. I SERVIZI PER LE PERSONE ANZIANE NON AUTOSUFFICIENTI 2 La residenzialità per anziani non autosufficienti L invecchiamento della popolazione e il progressivo diffondersi

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01419/019 Servizio Anziani e Tutele CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 71 approvata il 2 aprile 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE 8. Disposizioni attuative. Con il decreto ministeriale di cui al precedente punto 3.3. verranno individuate le priorita' cui i progetti strategici dovranno ispirarsi, le modalita' di presentazione degli

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

L assistenza agli anziani

L assistenza agli anziani a cura di N.N.A. Network Non Autosufficienza L assistenza agli anziani non autosufficienti in ITALIA 3 Rapporto Il monitoraggio degli interventi e il punto sulla residenzialità Rapporto promosso dall IRCCS-INRCA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ

BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ PREMESSA BOZZA FUNZIONI DEL SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE IN SANITÀ La SALUTE è uno stato di pieno ben-essere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o di infermità.il godimento

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali)

Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Ausl Roma H UO Assistenza Domiciliare, Senescenza Disabilità Manuale informativo per l accesso alle Cure Domiciliari ed ai servizi integrativi (residenziali e semiresidenziali) Troverai altre utili informazioni

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio

Continuo a preferire. la severa giustiza. alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Continuo a preferire la severa giustiza alla generosa solidarietà. Norberto Bobbio Editoriale DAI POSITIVI RISULTATI DELLA PETIZIONE PER IL FINANZIAMENTO DEI LEA AD UNA NUOVA INIZIATIVA DIRETTA A OTTENERE

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli