Blast. Protocollo di comunicazione seriale. Numero Rev. Data Totale pagine: 19 GRADO DI RISERVATEZZA. Divulgabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Blast. Protocollo di comunicazione seriale. Numero Rev. Data 01 31-07-2001. Totale pagine: 19 GRADO DI RISERVATEZZA. Divulgabile"

Transcript

1 Protocollo di comunicazione seriale Blast Numero Rev. Data Totale pagine: 19 GRADO DI RISERVATEZZA Divulgabile 1

2 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE COLLEGAMENTO FISICO PORTA RS PORTA RS FORMATO DELLA TRAMA INDIRIZZO NODO SERVICE-CODE FLAG N BYTE DATA CRC MODELLO AD OGGETTI MESSAGGI ESPLICITI SERVICE-CODE ESEMPI LETTURA/SCRITTURA DELLE AREE PARAMETRI SERVICE-CODE 11: LETTURA AREA PARAMETRI SERVICE-CODE 12: SCRITTURA AREA PARAMETRI POLLING I/O SERVICE-CODE APPENDICE AREE DI SUPERVISIONE/CONTROLLO BLAST CALCOLO DEL CRC

3 1. Introduzione Questo documento fornisce informazioni sul protocollo di comunicazione implementato sulla porta RS-232 di Blast e sulla scheda opzionale di comunicazione RS-485. Esso riguarda la descrizione del formato delle trame da scambiare tra host esterno e Blast e delle tipologie di messaggi necessari per il controllo e la supervisione del sistema. Il protocollo di comunicazione è di tipo Master/Slave: l host esterno è il master, Blast è lo slave. La regola per lo scambio dati è la seguente: il master (host esterno) invia una richiesta (Request); lo slave (Blast) risponde sempre alla richiesta pervenuta (Response). Blast non invia mai dati spontaneamente al master esterno, ma solo su sollecitazione dello stesso. Il master, da parte sua, può inviare una richiesta a Blast solo dopo aver evaso quella precedente (o dopo essere andato in timeout nell attesa della risposta). Host Req. Req. Req. Resp. Resp. Resp. Blast 2. Collegamento fisico 2.1 Porta RS-232 E necessario montare sull azionamento la scheda di comunicazione opzionale RS232 optoisolata. La connessione è di tipo punto-punto tra host e Blast. Il connettore della porta RS-232 è di tipo standard a 9 poli femmina (DB9F). La piedinatura è la seguente: Pin Funzione 1 +5 V. 2 RXD 3 TXD 4 n.c. 5 GND 6 +5 V 7 RTS 8 CTS 9 GND Il baudrate può essere impostato ai valori 9600, 19200, 38400, Bps. Non viene effettuato il controllo della parità; vengono usati 8 bit dati e 1 bit di stop. 3

4 2.2 Porta RS-485 E necessario montare sull azionamneto la scheda di comunicazione opzionale RS485. La porta è optoisolata e garantisce una maggiore immunità ai disturbi di modo comune; inoltre, la natura multi-drop della linea RS-485 permette di controllare più azionamenti contemporaneamente dallo stesso Host esterno. Il connettore è di tipo 9 poli femmina (DB9F). La piedinatura è la seguente: Pin Funzione 1 GND con dip-switch interno 2 n.c. 3 S- 4 n.c. 5 GND con dip-switch interno 6 n.c. 7 S+ 8 a massa con 47 Ω interna 9 a +5 V con dip-switch interno Il baudrate può essere impostato ai valori 9600, 19200, 38400, 57600, 76800, , Bps. Non viene effettuato il controllo della parità; vengono usati 8 bit dati e 1 bit di stop. 4

5 3. Formato della trama Si riporta di seguito la struttura della trama scambiata durante un ciclo di comunicazione (Request e Response). La trama ha lo stesso formato in trasmissione e in ricezione ed ha una lunghezza massima di 512 byte (compreso Header e CRC). I campi numerici più lunghi di un byte seguono la convenzione Motorola: prima viene trasmesso il byte più significativo (MSB), poi quello meno significativo (LSB). Ind. drive Service Code Flag HEADER (5 byte) N byte DATA (variabile) CRC BOTTOM (2 byte) 3.1 Indirizzo nodo Contiene l indirizzo dell azionamento con cui si vuole comunicare. Nel caso la connessione sia una connessione punto-punto attraverso la porta RS-232, questo campo può contenere un valore qualsiasi: Blast replica nella risposta il valore ricevuto dal master. Il suo valore è invece significativo se si utilizza la scheda di comunicazione opzionale RS-485: in questo caso solo il nodo con indirizzo impostato uguale a quello trasmesso sarà abilitato a rispondere alla richiesta pervenuta. 3.2 Service-Code Definisce il servizio cui si vuole accedere; in pratica dà un significato ai dati contenuti nella parte DATA. Blast replica sempre con lo stesso service-code ricevuto dal master. 3.3 Flag In trasmissione, questo campo non è utilizzato: il master vi deve scrivere 0 (zero). In ricezione il campo contiene un codice di errore che dà l esito del ciclo di comunicazione: il drive informa il master se la trama precedente è stata ricevuta correttamente o se si è verificato un errore di protocollo. I codici gestiti sono i seguenti: 0 RS232_FLAG_ACK Nessun errore, i dati nel campo DATA sono validi 5

6 1 RS232_FLAG_TOO_MANY_DATA Superata la dimensione massima consentita del buffer di trasmissione 2 RS232_FLAG_WRONG_CRC_RECV Blast ha ricevuto una trama con CRC errato 3 RS232_FLAG_SERV_NOT_SUPPORTED Il servizio descritto nel campo Service-code non è supportato 4 RS232_FLAG_WRONG_DATA_LEN La dimensione della parte dati è errata per il servizio richiesto 5 RS232_FLAG_SYSTEM_BUSY Blast impegnato: non può eseguire le operazioni richieste 6 RS232_FLAG_SYSTEM_NOT_READY Blast non è ancora a regime In pratica, la risposta può essere considerata valida se il campo flag ricevuto vale 0 (ACK). 3.4 N byte Contiene il numero di byte di cui è costituta la parte DATA della trama. Prima viene inviato il MSB, poi il LSB. Dato che la trama può essere al massimo lunga 512 byte, questo campo può assumere valori fino a DATA Contiene i dati formattati e con il significato definito dal campo service-code. 3.6 CRC L error-detection sui dati trasmessi viene effettuato utilizzando un algoritmo di CRC (Cyclic Redundancy Check). Il polinomio generatore è quello standard CRC-CCITT: P(x) = X 16 +X 12 +X 5 +1 e il registro di calcolo del CRC viene inizializzato con 0 (zero). Viene calcolato il CRC del buffer composto dall header e dalla parte dati. Il risultato (16 bit) viene trasmesso in fondo alla trama partendo dal bit meno significativo (cioè il Bottom della trama è costituito dall LSB, seguito dal MSB del CRC). In appendice è riportato il codice sorgente in C utilizzato per il calcolo del CRC. fornisce eventualmente anche un file di libreria contenente la funzione di calcolo del CRC, che può essere utilizzata qualora venga utilizzato un Host PC con Windows. 6

7 4. Modello ad oggetti Prima di definire il formato della parte dati della trama, è opportuno accennare all architettura logica interna di Blast, per quanto riguarda i dati esposti all esterno. Si può pensare al sistema Blast come ad una collezione di oggetti logici con i quali si può interagire. Gli oggetti accessibili dall esterno sono 3 e sono i seguenti: 1. Parametri; 2. Dati di supervisione (INPUT); 3. Dati di controllo (OUTPUT). Per convenzione si parlerà in questo documento di Output e di Input dal punto di vista del master esterno (Host); perciò, Output sono le informazioni in senso generico che l Host scrive verso Blast e Input quelle che legge da Blast. Fisicamente gli oggetti parametri possono essere pensati come a delle aree di memoria di 128 word; analogamente gli oggetti supervisione e controllo possono essere pensati come ad altre aree di memoria di grandezza opportuna. Esistono due entità di oggetti parametri : 1. parametri drive 2. parametri automazione Ogni elemento (word) costituisce l attributo dell oggetto in questione. Esso assumerà di volta in volta un significato diverso a seconda dell oggetto di cui fa parte: ad esempio le word dell oggetto Parametri drive saranno i parametri relativi all azionamento; quelle dell oggetto parametri automazione possono definire I parametri per la funzione posizionatore. Le word dell oggetto Supervisione saranno ad esempio i valori delle velocità, stati, allarmi,... ecc.; quelle dell oggetto Controllo saranno i setpoint, i consensi di marcia,...ecc. Infine, è possibile interagire con gli oggetti sopra descritti con delle operazioni (formalmente dette metodi degli oggetti); le operazioni possibili sono le seguenti, per ciascun oggetto: Oggetto Parametri Supervisione Controllo Metodi Scrittura Lettura Salvataggio in eeprom Ripristino da eeprom Lettura Scrittura Lettura 7

8 5. Messaggi espliciti 5.1 Service-code 10 Con questo service-code è possibile interagire esplicitamente con tutti gli oggetti descritti sopra e con tutti i loro attributi, tramite i metodi esposti. La parte dati della trama è costituita da uno o più dei seguenti blocchi: REQUEST RESPONSE TASK TARGET TAG VALUE High Low High Low ERROR TASK TARGET TAG VALUE High Low High Low Ciò significa che in trasmissione il campo N byte dell header sarà sempre un multiplo di 6, mentre in ricezione sarà sempre un multiplo di 7. Blast replica sempre con tanti blocchi (di 7 byte) quanti sono quelli ricevuti (di 6 byte). Il campo TASK identifica l oggetto con cui si vuole interagire e l operazione da effettuare su di esso. I task ammessi sono i seguenti: Task Codice WRITE_PARAM 2 READ_PARAM 3 READ_IN_CYCLIC 5 WRITE_OUT_CYCLIC 6 READ_OUT_CYCLIC 7 STORE_EEPROM 8 RESTORE_EEPROM 9 DRIVE_COMMAND 10 DRIVE_TUNE 13 DRIVE_COMMAND permette di inviare all azionamento dei comandi; DRIVE_TUNE permette di lanciare le sequenze di taratura dell eventuale resolver e delle uscite analogiche. TARGET identifica l entità con cui si vuole comunicare: 1 indirizza i parametri drive H FC indirizza l area parametri di automatione Il campo TAG indirizza l attributo nell oggetto. 8

9 Può assumere i valori per i parametri. Per gli input e gli output si rimanda alle tabelle in appendice. Per il significato dei parametri si rimanda al manuale di Blast. VALUE è il valore della variabile che si vuole scrivere o il valore che viene ritornato in risposta ad una richiesta di lettura. Il campo ERROR è presente nella sola trama in risposta e contiene i codici seguenti: Codice Valore ACK 0 ERR_INVALID_TASK 1 ERR_INVALID_TARGET 2 ERR_INVALID_TAG 3 ERR_DATA_UNAVAILABLE 4 ERR_EEPROM 5 Si riporta di seguito il dettaglio dei Task supportati: Trasmissione (Host Blast) Ricezione ACK (Blast Host) READ_PARAM Target 1, H FC Replica il target richiesto Tag Indice del parametro che si Replica la tag richiesta vuole leggere, tra Value NULL Contiene il valore del parametro richiesto (word) WRITE_PARAM Target 1, H FC Replica il target richiesto Tag Indice del parametro che si Replica la tag richiesta vuole scrivere, tra Value Valore Replica il valore inviato READ_INPUT Target 1 Replica il target richiesto Tag Indice della grandezza sul Replica la tag richiesta buffer in input di supervisione che si vuole leggere. Value NULL Contiene il valore della grandezza richiesta (word) WRITE_OUTPUT Target 1 Replica il target richiesto 9

10 Tag Indice della grandezza sul Replica la tag richiesta buffer in output di controllo che si vuole scrivere. Value Valore Replica il valore scritto READ_OUTPUT Target 1 Replica il target richiesto Tag Indice della grandezza sul Replica la tag richiesta buffer in output di controllo che si vuole leggere. Value NULL Contiene il valore della grandezza richiesta (word) STORE_EEPROM Target 1, H FC Replica il target richiesto Tag 0 127, H FFFF Replica la tag richiesta Indice del parametro che si vuole salvare in EEPROM, tra 0-127; il parametro è trasferito dalla RAM del master all EEPROM; H FFFF salva tutto il buffer Value NULL NULL RESTORE_EEPROM Target 1, H FC Replica il target richiesto Tag 0 127, H FFFF Replica la tag richiesta Indice (0-127) della word in EEPROM che si vuole caricare in RAM al master; H FFFF legge tutto il buffer Value NULL NULL DRIVE_COMMAND Target 1 Replica il target richiesto 0-1 Drive ON/OFF 2 EN1 3 CW/CCW Replica la tag richiesta Tag 4 EN 2 5 Reset allarmi 6-10

11 7 - Value 0 Comando OFF Replica il value inviato 1 Comando ON DRIVE_TUNE Target 1 Replica il target richiesto 0-1 Taratura resolver 2 Taratura AN1 Tag 3 Taratura AN2 Replica la tag richiesta Value NULL NULL 11

12 5.2 Esempi Scrittura del parametro Accelerazione al drive 1, impostando un valore di sec.: Request Response HEADER DATA BOTTOM H 0A H 06 Ind. drive Service-code Flag N byte H 02 Task: WRITE_PARAM Target: drive H 12 Tag 12 hex: Accelerazione H 03 H E8 Value: 1000 dec H 2A H 4E CRC H 0A H 07 ACK H 02 H 12 H 03 H E8 H C2 H 7C Invio del comando di abilitazione dell azionamento 1: Request Response HEADER DATA BOTTOM H 0A Ind. drive Service-code Flag H 06 N byte H 0A Task: DRIVE COMMAND Target: drive Tag: Drive ON/OFF Value: ON H 24 H 55 CRC H 0A H 07 ACK H 0A H CC H 67 12

13 6. Lettura/scrittura delle aree parametri 6.1 Service-code 11: lettura area parametri Con questo service-code è possibile leggere tutta l area parametri (128 word) di ciascuna entità con un singolo messaggio da seriale. La parte dati della trama ha la struttura seguente: REQUEST RESPONSE 0 TARGET ERROR TARGET PARAMETER VALUES (128 word) Presente se ERROR = Contando Header (5 byte) e CRC (2 byte), la trama di richiesta sarà sempre lunga 8 byte. TARGET identifica l entità con cui si vuole comunicare: 1 indirizza l area parametri drive H FC indirizza l area parametri di automazione La parte PARAMETER VALUES della risposta è presente solo se ERROR contiene un ACK (=0), altrimenti non è presente e ERROR contiene il codice di errore. Si rimanda all appendice per la struttura dei parametri. 13

14 6.2 Service-code 12: scrittura area parametri Con questo service-code è possibile aggiornare tutta l area parametri (128 word) di ciascuna entità con un singolo messaggio da seriale. La parte dati della trama ha la struttura seguente: REQUEST RESPONSE TARGET 0 1 ERROR TARGET PARAMETER VALUES (128 word)

15 7. Polling I/O I service-code 31 è utilizzato per la supervisione dell azionamneto. Il campo TARGET in questo caso deve contenere il valore. 7.1 Service-code 31 Quando l Host esterno richiede questo servizio, Blast risponde con tutto il buffer di supervisione di 16 word. TARGET: 1 indirizza l entità drive REQUEST RESPONSE 0 TARGET ERROR TARGET 3 SUPERVISION VALUES (16 word) 66 Si rimanda in appendice per la struttura del buffer di supervisione completo del drive. 15

16 8. Appendice 8.1 Aree di supervisione/controllo Blast Tutte le tag si intendono con accesso in sola lettura. Area supervisione drive (INPUT) Tag Nome Unità Valori ammessi 0 Status - Bit 0 general enable 1 drive ON 2 EN1 3 CW/CCW Set (0=CW, 1=CCW) 4 EN2 5 MSR Alarm 8 Tuning... 9 Actual revolution direction (0=CW, 1=CCW) 10 Setpoint reached 11 Brake 12 Thermal Warning 13 Torqe/Speed 14 Tuning request Alarm - Bit 0 Short circuit 1 thermal alarm 2 Low 24V 3 power thermal alarm Under voltage 6 Over voltage 7 Over current 8 Startup 9 Congruence 10 Autotuning error 11 Over speed 12 Current ref. Error 13 Param. Error 14 Brake over current 15 Startup Under voltage 2 Frequency 1/100 Hz 3 Speed RPM Rpm 4 Current 1/10 Amp 10 IGBT 1/10 temperature 11 DC-Link Volatge Celsius Volt 16

17 Area controllo drive (OUTPUT) Tag Nome Unità Accesso Valori ammessi 0 Rif.1 - R/W (16 bit) 1 Kappa - R/W (16 bit) 2 Rif.2 - R/W (16 bit) 17

18 8.2 Calcolo del CRC Il polinomio generatore utilizzato è quello standard denominato CRC-CCITT: P(x) = X 16 +X 12 +X 5 +1 e il registro di calcolo del CRC viene inizializzato con 0 (zero). Di seguito è riportato in uno pseudo-linguaggio di programmazione l algoritmo che può essere usato per il calcolo del CRC. Siano: POLY una word a 16 bit che contiene la costante 8408 Hex I, J due word da usare come contatore CRC una word a 16 bit che conterrà il risultato NUM_BYTES il numero di bytes di cui si vuole calcolare il CRC BUFFER(.) il buffer di NUM_BYTES byte, su cui si vuole calcolare il CRC Il blocco per calcolare il CRC è: CRC=0 FOR I=0 To (NUM_BYTES-1) DO ; ripete NUM_BYTES volte CRC = CRC XOR_BIT BUFFER(I) ; Xor a bit FOR J=0 To 7 DO ; ripete 8 volte IF (CRC AND_MASK 1) THEN ; test se bit 0 di CRC vale 1 SHIFT_RIGHT CRC, 1 ; shift a destra di 1 bit di CRC CRC = CRC XOR_BIT POLY ELSE SHIFT_RIGHT CRC, 1 END_IF END_FOR END_FOR Alla fine dell algoritmo, la variabile CRC conterrà il valore del CRC calcolato sui byte contenuti in BUFFER(.). Esiste un metodo veloce di calcolo table-driven, che può utilizzare la tabella e la funzione qui sotto riportate in linguaggio C: const unsigned short int CRCTable[256] = { 0x0000, 0x1189, 0x2312, 0x329b, 0x4624, 0x57ad, 0x6536, 0x74bf, 0x8c48, 0x9dc1, 0xaf5a, 0xbed3, 0xca6c, 0xdbe5, 0xe97e, 0xf8f7, 0x1081, 0x0108, 0x3393, 0x221a, 0x56a5, 0x472c, 0x75b7, 0x643e, 0x9cc9, 0x8d40, 0xbfdb, 0xae52, 0xdaed, 0xcb64, 0xf9ff, 0xe876, 0x2102, 0x308b, 0x0210, 0x1399, 0x6726, 0x76af, 0x4434, 0x55bd, 0xad4a, 0xbcc3, 0x8e58, 0x9fd1, 0xeb6e, 0xfae7, 0xc87c, 0xd9f5, 0x3183, 0x200a, 0x1291, 0x0318, 0x77a7, 0x662e, 0x54b5, 0x453c, 0xbdcb, 0xac42, 0x9ed9, 0x8f50, 0xfbef, 0xea66, 0xd8fd, 0xc974, 0x4204, 0x538d, 0x6116, 0x709f, 0x0420, 0x15a9, 0x2732, 0x36bb, 0xce4c, 0xdfc5, 0xed5e, 0xfcd7, 0x8868, 0x99e1, 0xab7a, 0xbaf3, 0x5285, 0x430c, 0x7197, 0x601e, 0x14a1, 0x0528, 0x37b3, 0x263a, 0xdecd, 0xcf44, 0xfddf, 0xec56, 0x98e9, 0x8960, 0xbbfb, 0xaa72, 18

19 0x6306, 0x728f, 0x4014, 0x519d, 0x2522, 0x34ab, 0x0630, 0x17b9, 0xef4e, 0xfec7, 0xcc5c, 0xddd5, 0xa96a, 0xb8e3, 0x8a78, 0x9bf1, 0x7387, 0x620e, 0x5095, 0x411c, 0x35a3, 0x242a, 0x16b1, 0x0738, 0xffcf, 0xee46, 0xdcdd, 0xcd54, 0xb9eb, 0xa862, 0x9af9, 0x8b70, 0x8408, 0x9581, 0xa71a, 0xb693, 0xc22c, 0xd3a5, 0xe13e, 0xf0b7, 0x0840, 0x19c9, 0x2b52, 0x3adb, 0x4e64, 0x5fed, 0x6d76, 0x7cff, 0x9489, 0x8500, 0xb79b, 0xa612, 0xd2ad, 0xc324, 0xf1bf, 0xe036, 0x18c1, 0x0948, 0x3bd3, 0x2a5a, 0x5ee5, 0x4f6c, 0x7df7, 0x6c7e, 0xa50a, 0xb483, 0x8618, 0x9791, 0xe32e, 0xf2a7, 0xc03c, 0xd1b5, 0x2942, 0x38cb, 0x0a50, 0x1bd9, 0x6f66, 0x7eef, 0x4c74, 0x5dfd, 0xb58b, 0xa402, 0x9699, 0x8710, 0xf3af, 0xe226, 0xd0bd, 0xc134, 0x39c3, 0x284a, 0x1ad1, 0x0b58, 0x7fe7, 0x6e6e, 0x5cf5, 0x4d7c, 0xc60c, 0xd785, 0xe51e, 0xf497, 0x8028, 0x91a1, 0xa33a, 0xb2b3, 0x4a44, 0x5bcd, 0x6956, 0x78df, 0x0c60, 0x1de9, 0x2f72, 0x3efb, 0xd68d, 0xc704, 0xf59f, 0xe416, 0x90a9, 0x8120, 0xb3bb, 0xa232, 0x5ac5, 0x4b4c, 0x79d7, 0x685e, 0x1ce1, 0x0d68, 0x3ff3, 0x2e7a, 0xe70e, 0xf687, 0xc41c, 0xd595, 0xa12a, 0xb0a3, 0x8238, 0x93b1, 0x6b46, 0x7acf, 0x4854, 0x59dd, 0x2d62, 0x3ceb, 0x0e70, 0x1ff9, 0xf78f, 0xe606, 0xd49d, 0xc514, 0xb1ab, 0xa022, 0x92b9, 0x8330, 0x7bc7, 0x6a4e, 0x58d5, 0x495c, 0x3de3, 0x2c6a, 0x1ef1, 0x0f78 }; unsigned short int crc_calc(unsigned char *p, unsigned short int nbytes) { unsigned short int crc=0x00; while (nbytes--) crc = CRCTable[(crc ^ *p++ ) & 0x0ff] ^ (crc >> 8); return crc; } La funzione crc_calc() ritorna su una word il CRC del buffer puntato da p e lungo nbytes. La tabella CRCTable[] è stata calcolata con la funzione seguente: #define CRC_CCITT_POLYNOMIAL (unsigned short int)0x8408 // Costruzione della tabella di look-up void BuildCRCTable(void) { int i, j; unsigned short int crc; } for (i=0; i<256; i++) { crc = i; for (j=8; j>0; j--) { if (crc & 0x01) crc = (crc >> 1) ^ CRC_CCITT_POLYNOMIAL; else crc >>= 1; } CRCTable[i] = crc; } 19

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design

QA-TEMP CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE. eed quality electronic design Power Fail Rx Tx Dout QEED www.q.it info@q.it CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger CONVERTITORE DI TEMPERATURA UNIVERSALE Isolato a 4 vie - RS485 MODBUS- Datalogger

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Pd10 Dc motor controll

Pd10 Dc motor controll PD Manuale Utente Pd Dc motor controll manuale utente cps sistemi progetti tecnologici Presentazione Congratulazioni per aver scelto Pd, una affidabile scheda elettronica per la movimentazione di precisione

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Creare una applicazione Winsock di base

Creare una applicazione Winsock di base Creare una applicazione Winsock di base Usiamo le API Winsock incluse in Creare un progetto per una Socket Windows (in Dev C++) Selezionare la file New Projects Selezionare Empty Project Salvare

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento

Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento Controllo Elettronico MACROLogic per Dat Air Manuale 201713A01 Emissione 10.99 Sostituisce --.-- Specifiche tecniche standard MACROLogic per condizionatori con/senza batteria di riscaldamento 1370 Controllo

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

DISTRIBUTORI PER RIBALTABILI DISTRIBUTOR VALVES FOR DUMPERS DEVIATORI E DISTRIBUTORI/VALVE AND DISTRIBUTOR

DISTRIBUTORI PER RIBALTABILI DISTRIBUTOR VALVES FOR DUMPERS DEVIATORI E DISTRIBUTORI/VALVE AND DISTRIBUTOR 07 DISTRIBUTORI PER RIBALTABILI DISTRIBUTOR VALVES FOR DUMPERS DEVIATORI E DISTRIBUTORI/VALVE AND DISTRIBUTOR INDICE INDEX DISTRIBUTORI/DISTRIBUTORS 5 D125 2 SEZIONI/2-WAY VALVES 5 D126 3 SEZIONI/3-WAY

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Inter-Process Communication

Inter-Process Communication Inter-Process Communication C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Introduzione In Unix i processi possono essere sincronizzati utilizzando strutture dati speciali, appartenti al pacchetto IPC (inter-process communication).

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Sistemi Intelligenti Naturali Artificiali Corso di programmazione C/C++

Sistemi Intelligenti Naturali Artificiali Corso di programmazione C/C++ Sistemi Intelligenti Naturali Artificiali Corso di programmazione C/C++ Lorenzo Natale (nat@dist.unige.it) DIST, Università di Genova Introduzione Il linguaggio C nasce negli anni settanta come linguaggio

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

CORSO SERALE (Classe V/STE)

CORSO SERALE (Classe V/STE) CORSO SERALE (Classe V/STE) Area di progetto anno scolastico 2006/2007 Allievo: Lazzari Matteo Tutor: Prof. Zaniol Italo Termostato controllato tramite modulo GSM IL PROGETTO REALIZZATO 1 Indice Introduzione

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS

MANUALE D USO RTSDOREMIPOS MANUALE D USO RTSDOREMIPOS PROGRAMMA DI GESTIONE SCAMBIO IMPORTO E ALTRE FUNZIONI TRA APPLICATIVO GESTIONALE E POS INGENICO PER PAGAMENTO ELETTRONICO (prot. 17) Versione 1.0.0.0 INDICE INDICE... 2 LEGENDA...

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC SPECIFICHE TECNICHE Il Manager BM-MA è un apparato multifunzione antifurto sia per pannelli fotovoltaici che cassette di parallelo,

Dettagli

MANUALE D'USO E DI INSTALLAZIONE DISPOSITIVO RGDAT

MANUALE D'USO E DI INSTALLAZIONE DISPOSITIVO RGDAT Titolo RILEVATORE DI GUASTO DIREZIONALE E DI ASSENZA TENSIONE (RGDAT) A SPECIFICA 1/32 MANUALE D'USO E DI INSTALLAZIONE DISPOSITIVO RGDAT C 07/12/05 Aggiornato secondo specifica Enel DY1059 Ed. Feb. 2004

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli