UN AGENDA DIGITALE PER CAMBIARE IL PAESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN AGENDA DIGITALE PER CAMBIARE IL PAESE"

Transcript

1 UN AGENDA DIGITALE PER CAMBIARE IL PAESE L ICT ridefinisce in profondità i costi, le caratteristiche e le prestazioni di un economia e, di conseguenza, anche le riforme che possono essere realizzate per rendere migliore e più competitiva un economia. Siamo nel XXI secolo. La tecnologia rende possibili molte più cose, e a costi più bassi, di quante non ne immagino comunemente. Pertanto, soprattutto in Italia, dove le riforme sono più difficili da mettere in pratica, non è opportuno discutere soltanto di quali siano le riforme da fare ma anche di come le riforme che vogliamo fare debbano essere implementate, se vogliamo che davvero sortiscano l effetto voluto e non rimangano invece, come troppo spesso accade, inapplicate. Nelle riforme dobbiamo fare una scelta tecnologica. E la scelta di utilizzare l ICT, di farlo in profondità andando ad agire non sulla superficie ma nella sostanza di come le cose funzionano nella nostra economia, questa è la nostra vera agenda digitale. Non basta dire che si vuole lottare contro la burocrazia. Si devono mettere in condizione le imprese di averne meno. In proposito, ad esempio, vogliamo introdurre un principio in base al quale non devono più essere imposti nuovi adempimenti alle imprese che non possano essere adempiuti dietro una scrivania al un computer o con uno smartphone in mano. E in un arco breve di tempo, deve essere così per tutti gli obblighi per le imprese: mai più code per autorizzazioni o certificati. Non basta dire che si vuole lottare contro l evasione fiscale. Si devono creare le premesse perché ci siano meno possibilità per evadere. In proposito, vogliamo rendere obbligatoria la digitalizzazione e la centralizzazione della fatturazione prima per la Pubblica Amministrazione e poi anche nei rapporti tra aziende. Scomparirà in un attimo la piaga delle fatture false ma saranno anche certi e più brevi i tempi di pagamento, anche quando a pagare è una grande impresa. Non basta dire che si vuole ridurre la spesa pubblica. Per ridurla sul serio, si devono implementare nuovi processi di e-procurement che facilitino la realizzazione di risparmi negli acquisti della PA, riducano il numero dei ricorsi al TAR nelle gare di acquisto e rendano più semplici, rapidi e trasparenti i processi di acquisto dello Stato ai suoi vari livelli.

2 Ma questi sono soltanto esempi. In dettaglio, abbiamo elaborato un agenda digitale fatta di 50 proposte raggruppate lungo 4 assi che puntano ad utilizzare l ICT per: 1) creare efficienza: vogliamo utilizzare l ICT per fare risparmiare la PA ma anche le aziende e le famiglie, creando concorrenza, eliminando la burocrazia, snellendo le procedure. Per questo, entro i primi 100 giorni di attività del nuovo governo dovrà essere lanciata una consultazione per identificare le 100 procedure da eliminare o ridurre con priorità assoluta; 2) aumentare la trasparenza: vogliamo migliorare l accesso alle informazioni, permettere i confronti e responsabilizzare le persone e le istituzioni anche grazie all introduzione di un principio generale di trasparenza assoluta della pubblica amministrazione, secondo il modello del Freedom of Information Act degli Stati Uniti e del Regno Unito; 3) incentivare la partecipazione: la gente comune è troppo lontana dallo Stato che sente lontano. Dobbiamo avvicinarli. Da terzi dobbiamo metterli in condizione di rendersi parte attiva e diligente di uno sforzo corale che il Paese deve fare una dimensione concreta alla cosa comune, per percepirla come bene comune e contribuire a conservarla e migliorarla, nelle sue varie forme, tramite opportuni servizi e piattaforme abilitanti il volontariato, i servizi civici, la collaborazione con lo Stato; 4) creare crescita: è il punto di arrivo di ciò che si muove lungo gli altri 3 assi. Direttamente e indirettamente ne è il risultato, è il Graal, quel che tutti vorrebbero ma che è così difficile da creare se non si agisce allo stesso tempo per avere uno Stato e un sistema economico più efficienti, trasparenti e partecipati. In poche parole, competitivo. Questa è la nostra agenda digitale. Non è facile da realizzare ma non è chiusa ad altri contributi, anche il vostro, come a quello di chiunque voglia davvero fare delle riforme in Italia. Questa è anche la strada per la quale a nostro avviso il Paese può salire. Non è una strada facile ma non abbiamo scelta: se non saliamo adesso, non saliremo più. 2

3 Ambiente Edilizia intelligente: Integrazione dei progetti di sviluppo dell edilizia con incentivazione dell adozione di sistemi di edilizia intelligente finalizzati al risparmio di energia e miglioramento della sicurezza degli impianti. Monitoraggio ambientale:definizione degli standard per un sistema multioperatore di raccolta e consolidamento di dati di monitoraggio ambientale crowdsourced; accordi quadro con pool di fornitori per consentire ai cittadini di partecipare ad una rete capillare di rilevamento. Smart cities: continuazione della implementazione del piano per le smart cities avviato dal Governo Monti e sua revisione tramite consultazione pubblica online Divulgazione, istruzione e ricerca Aggiornamento docenti: aggiornamento professionale dei docenti per prepararli all utilizzo efficace delle nuove tecnologie in aula Collegamento scuole: favorire il collegamento di gruppi di scuole ed istituti alla rete GARR ed indirizzo al Consortium GARR in tale senso Computer nelle scuole: predisposizione di un quadro regolamentare semplice che consenta le donazioni di personal computer da parte delle aziende alle scuole, in particolare quelle soggette a maggior disagio; realizzazione di un sistema di raccolta delle esigenze delle scuole e condivisione con le aziende donatrici. Didattica per competenze nelle tecnologie: sperimentazione, con partecipazione dal basso, di modalità didattiche per competenze, utilizzando la tecnologia, promuovendo cocreazione, condivisione, laboratorietà e collaborazione coerentemente con le indicazioni europee. Revisione dei programmi che comprendono nuove tecnologie per l inserimento di competenze di creazione, non solo di utilizzo, sfruttando le migliori pratiche internazionali e l utilizzo di software F/OSS;

4 Divulgazione delle possibilità delle nuove tecnologie: Introdurre nel Contratto di Servizio RAI un preciso obbligo di erogazione multipiattaforma, di produzione di contenuti specifici per la promozione di best practices nelle imprese, di promozione dell uso delle tecnologie con inserimento di messaggi e casi d uso nei principali programmi. Imprenditorialità: Introduzione in alcune scuole secondarie ed università di corsi di preparazione all imprenditorialità (business plan, pitch, principi di gestione aziendale, ecc.) Parchi scientifici e tecnologici: esenzione IMU per i parchi scientifici e tecnologici; promozione della ricerca e della sperimentazione della Stampa 3D in collaborazione con le associazioni imprenditoriali. Sistema nazionale di divulgazione della ricerca: pubblicazione online gratuita dei paper di ricerche finanziate dalla PA. Finanze Scontrino digitale: definizione degli standard relativi agli scontrini digitali; incentivazione con semplificazione fiscale per esercenti che provvedono alla emissione di scontrini digitali. Sviluppo adozione moneta elettronica: Definizione di soglie di importi singoli e soglie di importi cumulativi giornalieri per l utilizzo di bancomat senza digitazione del PIN. Funzione pubblica Applicativi per la PA: repository di software Open Source per la PA, con meccanismi di controllo delle revisioni collaborativo secondo le migliori pratiche internazionali. Predisposizione di un App store, servizio di raccolta e pubblicazione di catalogo di servizi cloud per la PA con certificazione ed auditing dei fornitori, al fine di favorirne il riutilizzo.

5 Autenticazione interoperabile per accesso a servizi della PA: normazione di un sistema nazionale di verifica dell acceso che complementi i provvedimenti abilitanti la digitalizzazione della PA (PEC e Firma digitale) secondo le migliori pratiche internazionali; il prerequisito per il miglioramento del rapporto tra cittadini e PA. Cloud Computing: Incentivazione delle amministrazioni per il consolidamento dei datacenter e migrazione di processi nel Cloud (non solo dell IT) al fine di ridurre l impatto energetico e migliorare la governance IT Open government: Implementazione di un framework regolamentare corrispondente al Freedom Of Information Act (FOIA), per favorire la creazione di un Open government trasparente. Switchover dei servizi amministrativi: creare un programma di switchover dei servizi amministrativi locali che incentivi la Pubblica Amministrazione Locale a rendere i propri servizi accessibili via internet consentendo loro, terminata una fase transitoria, di utilizzarli soltanto via Internet o, in forma assistita, sempre tramite Internet. Giustizia Piattaforma per azioni di civismo: definizione di una piattaforma interoperabile, disponibile in modalità cloud anche alle PA locali, per segnalare, verificare e premiare l'offerta di servizi di civismo in modo facile e trasparente (ad es. segnalazione disservizi, antivandalismo, banche del tempo, etc.). Rettifiche: previsione per le rettifiche disposte a contenuti online che esse avvengano anche tramite inserimento delle stesse, con una formulazione standard, nella medesima pagina del contenuto da rettificare.

6 PEC e Giustizia: L uso della PEC deve essere incentivato come unico strumento valido, sia lato amministrazione giudiziaria sia lato avvocati, per la comunicazione e notificazione degli atti giudiziari nonché per il deposito degli stessi in cancelleria; Previsione che il Registro generale di indirizzi elettronici, istituito, tenuto e tempestivamente aggiornato dal Ministero della Giustizia sia l unico registro a cui gli uffici giudiziari (comprese le giurisdizioni speciali ed amministrative) possano ufficialmente attingere per le comunicazioni e notificazioni a mezzo PEC. Pagamenti telematici giustizia: Incentivazione dei pagamenti telematici di spese di giustizia, diritti e contributi unificati, mediante la sottoscrizione da parte del Ministero della Giustizia di convenzioni con gli istituti di credito e/o direttamente con i circuiti delle carte di credito. Tutela della proprietà intellettuale: definizione di un quadro normativo che fornisca, in aderenza al framework comunitario, gli strumenti atti a perseguire lo sfruttamento economico online della pirateria, con la partecipazione degli intermediari finanziari, salvaguardando la libertà di espressione. Tutela delle comunicazioni: Le regole che definiscono il mercato dell informazione, anche online, non possono essere vincolate agli interessi di nessun operatore; lo scambio delle informazioni deve essere libero e senza condizionamenti Infrastrutture Banda ultralarga: Attuazione di un processo condiviso tra gli stakeholder finalizzato allo sviluppo di infrastrutture a banda ultralarga, coerente con gli obiettivi europei, con partecipazione della Cassa Depositi e Prestiti ed investitori internazionali. Open data accessibilità ad Internet: Censimento dell offerta di accessi ad Internet sul territorio, sia fisso che wireless, e pubblicazione dei dati in formato aperto al fine di fornire un servizio al pubblico ed ottimizzare l erogazione di contributi in aree effettivamente digital divise.

7 Piano frequenze: Previsione di assegnazione delle frequenze, compatibilmente con le indicazioni europee, con maggiore focalizzazione verso un utilizzo TLC (sia in concessione che di libero accesso) rispetto all uso televisivo. Pubblica Amministrazione Nuovo regime legale per i documenti: Per tutti i documenti emessi dalla PA si interviene sulla natura del documento stesso: non è il documento cartaceo rilasciato dall'amministrazione, ma il dato presente nei database sul cloud della PA a fare prova, ove accessibile. Ciò vale per tutte le certificazioni, dall'antimafia alle fatture. L'accesso sarà gratuito e il sistema sarà interoperabile con applicativi gestionali e sistemi basati sul web. Principio di stanzialità: ogni nuovo obbligo per le imprese non deve rendere necessario per le imprese mandare qualcuno in un ufficio pubblico: deve essere possibile adempiervi online. Gradualmente il principio di stanzialità deve essere esteso a tutti gli adempimenti delle imprese. Principio di unicità del dato: i sistemi della PA devono puntare a garantire l'unicità del singolo dato, che non deve essere fornito se già disponibile, e l'interoperabilità automatica dei sistemi. Promozione dell innovazione nei fornitori della PA: revisione dei meccanismi di acquisto; definizione di un quadro di riferimento per un sistema premiale nei bandi pubblici per aziende tecnologiche e per filiere digitalizzate (es: punti in più in graduatoria se la filiera è digitale; o anche inserimento in capitolato di un cruscotto di monitoraggio di esecuzione delle attività (anche per i raggruppamenti) accessibile online con formati definiti, per indurre adozione all interno delle aziende) Sicurezza informatica: Implementazione del piano di protezione delle infrastrutture critiche nazionali, da poco varato, in coerenza con il Programma europeo di protezione

8 Sistema nazionale di Transaction Processing: Definizione degli standard per un sistema multioperatore di raccolta e consolidamento di dati di fatturazione e pagamento con interfacciamento a sistemi gestionali; possibilità di opt-in all alimentazione di un profilo presso agenzia entrate per esenzione predisposizione dichiarazione redditi (a cura dell agenzia). Questo sistema ha degli effetti positivi ulteriori: riduce l'evasione fiscale; incentiva i pagamenti puntuali delle prestazioni evidenziando e punendo automaticamente i ritardi; migliora il rating sistemico del credito; aiuta l'aumento dei prestiti alle imprese da parte delle banche. Startup Agevolazione del mercato delle exit : incentivazione alla acquisizione di startup da parte di aziende consolidate, incentivazione degli investimenti di rischio nelle startup. Attrazione di talenti: predisposizione di un visto di immigrazione con pratiche agevolate e supporto all insediamento per imprenditori stranieri in tecnologie innovative, anche attraverso framework allineati alle migliori pratiche internazionali Internazionalizzazione delle Startup: Incentivi alla internazionalizzazione delle startup made in italy tramite loro inclusione nelle azioni di promozione internazionale promosse dal Governo; definizione ed implementazione di framework di collaborazione ed eventi di promozione con partecipazione di soggetti appartenenti alla filiera del venture capital internazionale. Promozione di role models: Introdurre nel Contratto di Servizio RAI un preciso obbligo di divulgazione e promozione di casi di successo di giovani imprenditori tecnologici da presentare come role models etici, unitamente ad un regolamento di selezione. Supporto pubblico: Allocazione di quota parte della spesa Consip destinata a startup; definizione di un quadro di riferimento per un sistema premiale nei bandi pubblici a raggruppamenti cui partecipino startup. Sviluppo economico

9 Ammodernamento dell offerta turistica: incentivazione all adozione di sistemi wifi nelle strutture ricettive, con credenziali interoperabili. Ecommerce PMI: Predisposizione di piano di sostegno alle PMI che realizzano ecommerce, sia relativamente all aggiornamento tecnologico in collaborazione con le associazioni di categoria sia in termini di incentivi fiscali per l ecommerce con l estero. Interoperabilità dei sistemi di pagamento su dispositivi: obbligo di interoperabilità degli strumenti di pagamento sulle diverse piattaforme tecnologiche, analogamente a quanto già definito dal codice comunicazioni per i ricevitori DTT. Sistema nazionale appalti e finanziamenti:predisposizione di un servizio di raccolta e divulgazione dei dati relativi ad appalti e finanziamenti, definendo gli standard tecnici per la contribuzione dei dati e prevedendone l obbligo per gli appalti pubblici. Sistema nazionale di tutela del "Made in Italy": Tracciatura digitale dei prodotti, riscontrabile via internet, a tutela del "Made in Italy ma anche per la prevenzione delle frodi e la progressiva emersione fiscale di segmenti di filiere. Sistema turistico nazionale: ridare potere di mercato alla nostra offerta turistica attraverso un Sistema Turistico Nazionale che offra la definizione di tracciati di dati, interfacce e protocolli standard per l aggregazione e la diffusione georeferenziata dell offerta turistica, liberamente accessibile tramite API da software gestionali e altre applicazioni web. Editoria e Televisione Sostegno all'editoria: intervenire in Europa per sostenere un riordino IVA favorevole all'industria editoriale nazionale, a cominciare dalla equiparazione di ebook e prodotti editoriali digitali ai libri e prodotti editoriali cartacei Pluralismo e localismo televisivo: revisione della disciplina del mercato televisivo per garantirne il pluralismo e difendere il localismo delle emittenti locali di qualità.

10 Incentivi alla transizione delle televisioni locali verso Internet: definizione di incentivi per la transizione verso Internet delle attività di trasmissione e fruizione dei programmi. Lavoro, Sanità Allineamento tra domanda ed offerta di lavoro: raccolta, normalizzazione, consolidamento e pubblicazione in modalità open data delle informazioni circa le offerte di lavoro e l andamento delle iscrizioni all università per favorire la scelta informata da parte dei giovani e ridurre il gap esistente tra tipi di impieghi offerti e formazione scelta. Predisposizione di un servizio di raccolta e divulgazione di opportunità di lavoro secondo le migliori pratiche internazionali Efficientamento della spesa sanitaria grazie alla Mobile Health: Mobile Hospital per il miglioramento dei processi interni delle strutture; mobile medicine per il supporto alla collaborazione tra medici e specialisti e la formazione in real time; mobile service per un miglior accesso ai servizi ed alle informazioni da parte dei cittadini; mobile care per offrire servizi ai cittadini dovunque. Telelavoro: semplificazione della normativa, che non deve richiedere ulteriori adempimenti al dipendente che la richiede, a parte l'autorizzazione del datore di lavoro e deve dare incentivi per la sua diffusione.

scelta civica e digitale stefano quintarelli 20 febbraio 2013

scelta civica e digitale stefano quintarelli 20 febbraio 2013 scelta civica e digitale stefano quintarelli 20 febbraio 2013 premesse è solo un inizio è un metodo trasversale multistakeholder aperto contiene punti pensati per una legislatura alcuni sono conferme di

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA CASA COMUNE TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE Trasparenza In questi anni il distacco dei cittadini dalla politica ha raggiunto

Dettagli

LA CITTADINANZA DIGITALE

LA CITTADINANZA DIGITALE . 1. LA CITTADINANZA DIGITALE Cambia il rapporto tra cittadini e amministrazione partendo dal principio che i cittadini sono al centro dell azione amministrativa, che essi godono di diritti di cittadinanza

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione

Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione Agenda Digitale Marche ed e-commerce: competenze, progetti ed opportunità nella nuova programmazione L Agenda Digitale Marche Ancona, 13/01/2016 D.ssa Serena Carota PF Sistemi Informativi e Telematici

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione

Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Convenzioni e Mercato Elettronico Dott.ssa Silvia Pibiri Promozione Amministrazioni territoriali - Sardegna Oristano, 12-13

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

GdL e-commerce CABINA DI REGIA

GdL e-commerce CABINA DI REGIA GdL e-commerce CABINA DI REGIA Coordinatore ANTONELLO BUSETTO 0 Il profilo dell Associazione Aderente a: 168 soci effettivi ~ 1.500 Aziende Associate ~ 300 soci di gruppo Tramite le Associazioni di Ancona,

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano

Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione. 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano Il Progetto Italia Digitale Tecnologie e Servizi: un rapporto in continua evoluzione 18 Maggio 2010 - Palazzo Mezzanotte, Piazza Affari - Milano 1 Italia Digitale oggi: Le Famiglie La penetrazione della

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014 SERVIZIO COMUNALI SERVICE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE INFORMATICHE E TECNOLOGICHE 2012-2014 Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n... del././ 1 SERVIZIO COMUNALI SERVICE INDICE

Dettagli

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione Pubblica Amministrazione Principali tematiche il Mercato al Mercato 2/17 Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni nell abilitazione al Mercato e nel suo concreto utilizzo.

Dettagli

Audizione. Assinform

Audizione. Assinform Audizione di Assinform Associazione italiana dell Information Technology presso la 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) del Senato della Repubblica nell ambito dell esame del disegno

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice Dematerializzazione e Transazioni elettroniche: una necessità per lo sviluppo 0 Paolo Angelucci Presidente Assinform Milano, 1 dicembre 2011 Il profilo

Dettagli

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati:

Il giorno, ad ore, presso si sono incontrati: PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO E LA FEDERAZIONE TRENTINA DELLA COOPERAZIONE PER IL RAFFORZAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTRAVERSO IL SISTEMA DELLA COOPERAZIONE TRENTINA

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Bergamo Smart City. Sustainable Community

Bergamo Smart City. Sustainable Community Bergamo Smart City & Sustainable Community 1 Evoluzione delle Smart Cities nei secoli SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è un processo di cambiamento tale per cui lo sfruttamento delle risorse,

Dettagli

Strategia per la banda ultralarga e crescita digitale

Strategia per la banda ultralarga e crescita digitale Martedì 3 marzo 2015 1 / 25 Strategia per la banda ultralarga e crescita digitale Presidenza del Consiglio dei Ministri, AgID, Ministero dello Sviluppo Economico Infrastrutture: dove siamo L Italia è il

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese

IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese NORMATIVA Il Mercato Elettronico della P.A. nasce con il D.P.R. 101/2002 che disciplina lo svolgimento di procedure telematiche

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Premessa La semplificazione è essenziale per recuperare il ritardo competitivo dell Italia, liberare le risorse per tornare a crescere e restituire

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

L'AGENDA DIGITALE DELLA REGIONE BASILICATA. Ufficio Amministrazione Digitale

L'AGENDA DIGITALE DELLA REGIONE BASILICATA. Ufficio Amministrazione Digitale L'AGENDA DIGITALE DELLA REGIONE BASILICATA Ufficio Amministrazione Digitale PERCHÉ UN AGENDA DIGITALE LUCANA Per continuare il percorso già intrapreso con il Piano Basitel, con la Programmazione 2007-2013

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A.

IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. IL RUOLO DEL TESORIERE NEL SUPPORTO ALLA P.A. Claudio Mauro Direttore Centrale Business Genova, 11 Novembre 2010 1 Agenda Scenario Pubblica Amministrazione Locale Ordinativo Informatico Locale Gestione

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

Seminario Processi Innovativi

Seminario Processi Innovativi Seminario Processi Innovativi Agenda Semplificazione Agenda Digitale Fatturazione Elettronica e Split Payment Agenda Semplificazione Settori Strategici Individuati Cittadinanza Digitale Welfare e Salute

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini Linee di intervento della Coalizione Italiana RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini 1 Agenda 1. Obiettivi e linee di intervento 2. Competenze per la cittadinanza digitale 3.

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Fatturazione elettronica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Fatturazione elettronica Roma, 3 dicembre 2014 (ore 20:30) Palazzo San Macuto, via del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2015 2016 2017 1 Il Programma Triennale della Trasparenza e Integrità è strutturato in sezioni relative a: 1) Premessa; 2) Supporto normativo; 3)

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

porta i dati al centro

porta i dati al centro REALIZZA IL cambiamento porta i dati al centro Il mondo che cambia Il digitale abilita una relazione virtuosa tra la Pubblica Amministrazione e la collettività, nonché il ridisegno dei processi a partire

Dettagli

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014

Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 PAGINA 19 Contributi in conto capitale CCIAA Cuneo per l area di information and communication technology Bando anno 2014 Informiamo le aziende che la Camera di Commercio di Cuneo, in collaborazione con

Dettagli

SmartcityItalia. Consigliere Centro Studi CNI http://www.centrostudicni.it/ Ing. Bruno Lo Torto

SmartcityItalia. Consigliere Centro Studi CNI http://www.centrostudicni.it/ Ing. Bruno Lo Torto SmartcityItalia Palermo 27-28-29 Novembre 2014 28.11.2014 SmART City e sviluppo industriale: nuovi nessi logici, nuove dinamiche nei rapporti commerciali Progettare per Cambiare http://www.centrostudicni.it/

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Il programma del PD per l innovazione e l Agenda digitale in Italia

Il programma del PD per l innovazione e l Agenda digitale in Italia L Italia giusta, l Italia digitale Il programma del PD per l innovazione e l Agenda digitale in Italia Scheda di sintesi 1. I DATI. a) Il ritardo. Il divario digitale racconta la distanza tra Nord e Sud,

Dettagli

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n.

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n. Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online Lente sull UE n. 40 Dicembre 2015 Premessa Il 9 dicembre scorso, la Commissione

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Prot. n.8930 A 22 a Torino, 4 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE

Prot. n.8930 A 22 a Torino, 4 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE Prot. n.8930 A 22 a Torino, 4 novembre 2014 IL DIRETTORE GENERALE VISTA VISTA la nota prot. n. 6246 del 1 dicembre 2011 della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi relativa

Dettagli

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato

LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20. Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato 26115 LEGGE REGIONALE 24 luglio 2012, n. 20 Norme sul software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato La seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

Iniziative Consip a supporto della Agenda digitale italiana

Iniziative Consip a supporto della Agenda digitale italiana 1 Iniziative Consip a supporto della Agenda digitale italiana Incontro con le Pubbliche Amministrazioni Centrali Roma 21-09-2015 2 Perimetro potenziale di spesa ICT per il quinquennio 2014-18 La stima

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA 2011-2013 DIREZIONE CENTRALE ATTIVITA PRODUTTIVE POLITICHE DEL LAVORO E DELL OCCUPAZIONE PROGRAMMA: Innovazione e capitale umano Responsabile Ing. Marco Lobina (Direttore

Dettagli

Cloud Computing e Giustizia Digitale. Event Report

Cloud Computing e Giustizia Digitale. Event Report Cloud Computing e Giustizia Digitale Event Report Contents Sintesi dei Lavori (Executive Summary)... 3 Position Paper sul tema 3: Cloud Computing e Giustizia Digitale... 4 Argomenti proposti per Open Talk...

Dettagli

Le comunicazioni obbligatorie on line. - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi

Le comunicazioni obbligatorie on line. - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi Indice Le comunicazioni obbligatorie on line - Che cosa sono le Comunicazioni obbligatorie (CO) - Assunzioni: che cosa cambia - Lavoro: una rete di servizi - Le comunicazioni obbligatorie in pratica -

Dettagli

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali Agostino Ragosa Direttore Agenzia per l Italia Digitale 18 giugno 2014 Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto

Dettagli

POR FESR FVG 2014-2020

POR FESR FVG 2014-2020 { POR FESR FVG 2014-2020 Investimenti a favore { della crescita e dell occupazione 5 assi tematici (231 meuro) Asse 1 Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l innovazione: 77 meuro Asse 2 Promuovere

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2010

Roma, 22 dicembre 2010 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Roma, 22 dicembre 2010 Executive Summary Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro legislativo entro cui deve attuarsi la digitalizzazioneit

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE

COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE Marco Tripi COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE Linee di indirizzo 14 febbraio 2013 Scenario internazionale - Agenda Digitale Italiana A livello globale la internet economy supera i 10.000

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S. PERTINI Via Napoli, n.3-00045 GENZANO DI ROMA Tel.06121125600

Dettagli

Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica

Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica Lo stato dell arte sulla fatturazione elettronica 25 novembre 2011 Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Amministrazione Pianificazione e Controllo a cura di Anna Pia Sassano (responsabile del settore

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 dicembre 2014 INDICE Premessa I contenuti del Programma triennale della trasparenza pag.3 pag.4 Misure

Dettagli

Il Servizio F24 Zero Code - Zero Errori

Il Servizio F24 Zero Code - Zero Errori Il Servizio F24 Zero Code - Zero Errori SIA 1 Chi siamo Sia spa è leader europeo nella progettazione, realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi tecnologici, dedicati alle Istituzioni Finanziarie

Dettagli

21 DPR 633/72 ELETTRONICA

21 DPR 633/72 ELETTRONICA Gli obiettivi Semplificare e riorganizzare i processi attraverso la digitalizzazione (Riduzione degli errori umani tipici, possibilità di implementare procedure, interoperabili fra la fatturapa ed altri

Dettagli

2 Giornata sul G Cloud Introduzione

2 Giornata sul G Cloud Introduzione Roberto Masiero Presidente THINK! The Innovation Knowledge Foundation 2 Giornata sul G Cloud Introduzione Forum PA Roma, 18 Maggio 2012 THINK! The Innovation Knowledge Foundation Agenda Cloud: I benefici

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A

C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A C A T A L O G O A T T I V I T à F O R M A T I V A COOPERAZIONE CATALOGO ISMEA 2014 B A N D O P R O M O Z I O N E D E L L O S P I R I T O E D E L L A C U L T U R A D I M P R E S A PUNTI VENDITA MULTI FUNZIONALITà

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa Il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella pubblica amministrazione Il Presidente del Consiglio di Stato PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Alessandra Sbezzi Direttore Finanza Pubblica Roma 20 gennaio 2011 Alessandra Sbezzi Consip S.p.A. Dal 1998 in Consip o Direttore dei Sistemi Informativi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO N. VACCALLUZZO LEONFORTE (EN) Corso Umberto, 339 - C.A.P. : 94013 - Tel.Direzione: 0935/902257 Tel-Fax Segreteria

Dettagli

CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY ANNO 2013 ART. 1

CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY ANNO 2013 ART. 1 1305 Allegato alla determinazione dirigenziale n. 108 dell 8/2/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI CUNEO CRITERI PER LA CORRESPONSIONE DI CONTRIBUTI PER L AREA DI INFORMA- TION

Dettagli

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma

Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Convenzione per la formazione e certificazione Avvocato telematico Ordine di Roma Carenza del personale presso gli uffici giudiziari e la diffusione degli invii telematici con il PCT La cronica carenza

Dettagli

BANDI EDITORIA LAZIO 2014

BANDI EDITORIA LAZIO 2014 LHYRA srl ROMA (info@lhyra.it) BANDI EDITORIA LAZIO 2014 La Regione Lazio, ha stanziato 1,3 mln per 3 bandi finalizzati alla promozione del libro e dell'editoria. L intento della Regione, con questa iniziativa,

Dettagli

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE

IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE IL MINISTRO PER L INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE VISTO l articolo 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 23 dicembre 2013, n. 28-6947 D.G.R. n. 37-6240 del 2.8.2013. Servizi "on-line" assicurati dal Servizio Sanitario Regionale a favore

Dettagli

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto legge 83/2012, convertito con legge 134/2012

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli