Episodi salienti nei mesi di attività di Ministro dell Agricoltura. (dal diario personale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Episodi salienti nei mesi di attività di Ministro dell Agricoltura. (dal diario personale)"

Transcript

1 Episodi salienti nei mesi di attività di Ministro dell Agricoltura (dal diario personale)

2 21 aprile 1944 Arrivo, verso le ore 18, a Catanzaro, in automobile, insieme con il compagno Paolo Tedeschi (al secolo Velio Spano). Torniamo, entrambi, quali componenti della Direzione Centrale del Partito da un giro di ispezione e di propaganda in Sicilia (Messina e Palermo) e a Reggio Calabria, che ci ha preso quasi una settimana. Imponente il comizio tenuto a Messina per la commemorazione del compagno Francesco Lo Sardo, morto in carcere, vittima del fascismo. Imponente anche il comizio tenuto nella mattinata a Reggio Calabria. In entrambi i comizi ho parlato anche io. Arrivato a Catanzaro, nel momento di scendere dall automobile, il compagno Francesco Maruca mi annunzia d avere poco prima saputo dalla radio la mia nomina a ministro dell agricoltura e delle foreste. La notizia mi arriva assolutamente inaspettata. E mi colpisce sia per il fatto di trovarmi improvvisamente ministro e sia perché mi viene assegnato il dicastero dell agricoltura che è in questo momento oltremodo gravoso e il più difficile per dipendere da esso tutti i servizi dell alimentazione. Ad ogni modo sono orgoglioso che il partito, nel partecipare al primo ministero popolare di questa parte dell Italia liberata dagli eserciti hitleriani, abbia pensato a me, mentre vi erano tanti compagni di me più meritevoli, eleggendomi collega di Palmiro Togliatti che entra nel Governo come ministro senza portafoglio. In realtà la formazione del Governo si deve in gran parte all azione decisiva, svolta dal partito comunista in tal senso, sotto la direzione intelligente ed energica di Togliatti. E si sono dovute vincere non piccole resistenze. Alcune di esse, e le più forti, provenivano da spessi strati reazionari e filofascisti che, appoggiandosi alla monarchia, avrebbero voluto che si prolungasse indefinitamente lo stato di marasma, in cui era caduto il Paese, e che si mostrava il più opportuno al raggiungimento delle loro mete neo-fascista. Altre resistenze, per quanto non forti, provenivano da alcuni nuclei del nostro stesso partito, che hanno durato fatica ad intendere le profonde ragioni della nuova tattica, confondendo la partecipazione attuale al Governo con quella caldeggiata in altri tempi dall ala riformistica del partito socialista. 22 aprile Parto da Catanzaro, dopo aver passato la notte in casa del Generale Fiore, alle ore sei del mattino, in littorina, diretto a Cosenza. Arrivo alle nove e 75

3 mezza. Folla di amici, parenti, non amici, conoscenti, ignoti, autorità, che vengono a congratularsi per la mia nomina a ministro. E tra tanto andirivieni di persone il mio pensiero corre al mio caro e buon Paolo, prigioniero dei tedeschi in Galizia, e mi attraversa la mente l idea, che mi auguro stramba, che egli possa essere vittima di rappresaglie per via di questa nomina, che io non ho cercato e che mi è giunta assolutamente imprevista. Verso le sette di sera arriva a Catanzaro Paolo Tedeschi. Intanto la sezione Comunista aveva annunziato, con manifesti murali, un comizio per le otto di sera: oratori io e Tedeschi. Piazza della Vittoria: una folla di quattro o cinque mila persone. Parla prima Tedeschi. Dopo io. La mia commozione è grande. La cittadinanza non poteva darmi una prova più lusinghiera di benevolenza. 23 aprile A mezzogiorno io e Tedeschi in automobile partiamo per Napoli dove arriviamo alle dieci di sera. Tedeschi trova a casa la moglie, venuta il giorno prima da Tunisi. Immensa la sua gioia. Data l ora tarda, il coprifuoco e l impossibilità di trovare posto in albergo, chiedo ospitalità ad un mio amico al Vomero. Accoglienza cordiale e commovente. 24 aprile Nelle prime ore del mattino resto a Napoli. Verso le otto muovo alla volta di Salerno. Alle dieci prima riunione del consiglio dei ministri, al quale partecipano anche i Sottosegretari. Badoglio ci dà il saluto di prammatica. Si avvisa subito la necessità di pubblicare un proclama e Badoglio espone quale, secondo lui, debba esserne il contenuto, e parla del popolo italiano il quale, finita la guerra, dovrà eleggere una camera, che avrà il compito di fissare l ordinamento istituzionale dello Stato. Chiedo la parola e faccio osservare che nel proclama non si dovrà parlare di una camera, bensì di Assemblea Costituente potendo l omissione di tale espressione, di un così netto significato, far pensare legittimamente ad una inspiegabile restrizione della sovranità popolare. Segue un animata discussione e alla fine si dà mandato ai cinque ministri senza portafoglio (Sforza, Croce, Rodinò, Togliatti e Mancini) di redigere il proclama. Si fissa la nuova riunione del Consiglio al 27 aprile alle ore dieci. Viene in campo la questione del giuramento nelle mani del re. Si approva una dichiarazione collettiva del Gabinetto, con la quale si dice 76

4 che ognuno di noi, pur accettando la tregua resa necessaria dalla gravità tragica del momento, conserva tuttavia le sue proprie convinzioni politiche. Con ciò si toglie ogni importanza al giuramento. Alle quattro pomeridiane saremo ricevuti dal re. Alle 3 e mezzo si parte in varie automobili alla volta di Ravello, dove il re risiede in una villa in cima al paese. Io prendo posto nell automobile del Maresciallo Badoglio, insieme con Mancini, Di Napoli ministro dell Industria e Commercio, e Quintieri, delle Finanze. Durante il viaggio si parla di Mussolini e Badoglio dice di non sapersi spiegare come l ufficiale dei Carabinieri e il Commissario di pubblica sicurezza, cui era demandata la più stretta sorveglianza del tragico istrione, e nei quali egli aveva ragione di riporre ogni fiducia, non l abbiano ucciso al primo apparire dei paracadutisti rapitori. Arriviamo alla villa per i primi. Aspettiamo in una piccola sala a terreno, adibita a biblioteca, l arrivo degli altri ministri. Quando siamo al completo, passiamo nell altra più grande sala dove il re ci riceve. Badoglio fa le presentazioni. Il re, dalla meschina figura, e che mi fa una ben misera impressione, dà la mano ad ognuno di noi. Indi Badoglio legge la dichiarazione concordata. Il re cava dalla tasca un piccolo pezzo di carta e legge una sua dichiarazione di risposta con la quale dice di esser lieto che le persone eminenti, che formano il nuovo governo, abbiano saputo far tacere le competizioni di parte per la salvezza della Patria per la quale egli ha sempre operato!.. Ognuno di noi firma il foglio del giuramento. Finita tale operazione si sta ancora pochi minuti, durante i quali il re parla quasi sempre con Sforza, e dopo si torna a Salerno. 25 aprile Prendo dal mio predecessore, Falcone Lucifero, la consegna del ministero e do così inizio alla mia attività di ministro. Prendo contatto con il capo di Gabinetto, prof. Seghetti e col segretario particolare del vecchio ministro, che rimane in carica fino alla nomina del mio. La sera vado alla Sezione Comunista, dove mi fanno festa. 26 aprile Sono, da quando son qui giunto, ospite di Pasquale Gazzara e di sua moglie e di mia cugina Irma Palaia. Al ministero sono assediato da compagni, 77

5 commissioni, postulanti che non mi lasciano respirare. Bisogna pure che dia un ordine alla esplicazione della mia attività. 27 aprile Mio sottosegretario è il prof. Gino Bergami, di Napoli, ordinario di Fisiologia all Università, giovine di gran valore e di molta attività. Scambievole simpatia. Alle 10 consiglio dei ministri. Si approva il proclama scritto da Benedetto Croce, con qualche emendamento venuto fuori dalla discussione. Nella seduta del Consiglio il Maresciallo Badoglio ha fatto una lunga e interessante relazione sulla situazione militare e politica. Ha anche fatto distribuire a tutti i ministri un grafico a colori sulla distribuzione dei nostri prigionieri fra le varie nazioni ex nemiche e ora alleate e le ex alleate e ora nemiche. I prigionieri inglesi e americani, egli dice, sono ben trattati, specie questi ultimi; nulla o poco si sa dei nostri prigionieri in Russia; quelli in Germania (circa ) stanno male, specialmente gli ufficiali, i quali sono prigionieri appunto per non aver voluto arruolarsi nell esercito fascistarepubblicano. La Germania, anzi, per non rispettare la convenzione di Ginevra li considera internati e non prigionieri. Il pensiero corre al mio caro e buon Paolo... Riferisce anche Badoglio sui nostri battaglioni in linea con gli anglo-americani sul nostro fronte: essi sono stati armati ed equipaggiati tutti ed esclusivamente con nostri mezzi. E augurabile che ora, formatosi il governo a larga base democratica, gli anglo-americani non potranno accampare altri pretesti per non aiutarci nel nostro proposito di cooperare attivamente allo sforzo bellico. Quanto alla situazione politica, Badoglio parla dei nostri rapporti col governo di De Gaulle, che ancora aspettano una precisa definizione. Riferisce sul riconoscimento da parte della Russia, seguito dall invio di un ambasciatore. La cosa ha suscitato le recriminazioni degli anglo-americani, alle quali è stato facile a Badoglio rispondere che egli non poteva né doveva respingere la mano che la Russia ci tendeva, anche perché l armistizio l Italia l ha concluso non solo con l Inghilterra e con gli Stati Uniti ma anche con la Russia. Parla poi di una lettera ricevuta dal Presidente Roosevelt, la quale promette ogni aiuto all Italia che risorge, e la quale può considerarsi una cambiale con sicura scadenza. Data la delicatezza e la complessità delle questioni, il conte Sforza propone che si costituisca un ristretto comitato di ministri, cui ne sia 78

6 demandata la discussione, con l obbligo di riferire periodicamente al consiglio. La proposta è approvata ed entrano a far parte del Comitato Badoglio, Sforza, Tarchiani e Togliatti. Si passa quindi alla discussione sulla festa del 1 maggio. Gli alleati hanno disposto sul territorio da loro controllato che la data si festeggi il 30 aprile, che è domenica, per non interrompere il lavoro il lunedì. Dopo ampia discussione, determinata dal parere di qualcuno il quale non vorrebbe la trasposizione al 30 aprile, viene approvata la proposta di Togliatti, la quale riafferma il significato della celebrazione del 1 maggio come giorno consacrato alla festa del lavoro, e ravvisa per quest anno l opportunità di festeggiarla il 30 aprile, per non pregiudicare alla continuità del lavoro, necessario allo sforzo bellico. 28 aprile Mi dedico al lavoro di preparazione degli ammassi del grano. Gravosa questione. Gli ammassi debbono quest anno riuscire bene ad ogni costo. Preparo il decreto e le norme d attuazione insieme con la Commissione di controllo. 29 aprile Parto in automobile per Cosenza. Viene insieme con me mio cugino Luigi Scarnati. Arrivo verso le otto di sera. Mi fermo alla Sezione Comunista per gli accordi circa la dimostrazione di domani. 30 aprile Alle nove adunata alla Sezione Comunista. Folla enorme. Sono con noi i socialisti e gli iscritti alla Camera del lavoro. Circa diecimila persone. Il lungo corteo si snoda imponente per le vie della città. Sosta nella Piazza lungo Crati. Il colpo d occhio è solenne. Una immensa marea nera su cui spiccano le rosse bandiere. Gli oratori parlano da un balcone. Giacomo Leopardi, operaio; Ubaldo Montalto, segretario generale della Camera del lavoro; l avv. Pietro Serra per il Partito d azione; l avv. Gennaro Cassiani per i democristiani; Pietro Mancini per i socialisti ed io per i comunisti. Quindi si riforma il corteo, proceduto sempre dalla banda musicale, e percorrendo la parte superiore della città si torna alle proprie sedi. Nessun incidente. La sera a casa tra parenti, amici e compagni. 79

7 1 maggio Alle nove del mattino muovo in automobile verso i paesi del mio mandamento. Visito Casole Bruzio, Pedace, Serra Pedace, Spezzano Piccolo, Spezzano Grande e Celico. Ovunque accoglienze entusiastiche. Ritorno verso l una e vado alla sede del Comando della Divisione Militare, per partecipare al pranzo offerto da quegli ufficiali a me, a Mancini e ad altre personalità del mondo politico paesano. Alle cinque partenza per Salerno dove arrivo a mezzanotte. 2 maggio Al Ministero tra mille pratiche e mille richieste di impiego, fatte personalmente e per lettera. Non si immagina quanta gente sia stata sempre antifascista e come siano numerose le vittime del tirannico regime. Ogni giorno resto al Ministero dalle otto del mattino alle nove di sera col breve intervallo per il pranzo. Intanto porto a termine tutte le disposizioni per l ammasso del grano. 15 maggio Passa da me, mentre sta per partire per Bari, il sottosegretario Bergami, il quale mi riferisce che Badoglio ha deciso, in seguito a pressioni della Commissione di controllo, di pubblicare oggi, alle 14 e mezzo, il decreto di fissazione del prezzo del grano (1.000 lire per il grano duro, 900 per il tenero). Vado subito da Badoglio il quale mi conferma la notizia. Ha pronto il comunicato. Non solo non si è riusciti ad ottenere di dire esplicitamente che il prezzo è quello voluto dalla Commissione di controllo, in contrasto con la diversa opinione del Governo italiano, ma nemmeno di inserire la frase d accordo con la Commissione di controllo. Gli è venuto fatto soltanto di ottenere che il comunicato della Commissione, riguardante la provincia di Foggia e le altre non ancora sotto il nostro controllo, venisse pubblicato alle 14, e che il nostro, da pubblicare alle 14 e mezzo, portasse per la necessaria uniformità su tutto il territorio. Mi dice anche Badoglio che Aldisio, ministro dell Interno, ha avuto stamani con lui un colloquio e che ad un certo momento gli avrebbe proposto che il Governo facesse della questione del prezzo un problema di vita o di morte del Governo stesso. Badoglio gli ha fatto subito presente l inopportunità della proposta, soprattutto ora che egli sta trattando con gli Alleati la più complessa 80

8 questione, di indole generale, riguardante i rapporti tra essi e il nostro Governo. A tal proposito Badoglio mi informa che la risoluzione di tale questione è a buon punto. Egli ne ha parlato lungamente col generale Mac- Farlane, il quale gli ha assicurato d aver trasmesso con parere favorevole le nostre proposte al primo ministro Churchill. Ne ha parlato anche con gli ambasciatori inglese e americano, nonché con un generale canadese molto intimo del capo del governo del Canadà, il quale, mi riferisce Badoglio, durante il colloquio si è oltremodo commosso, fino quasi a piangere. Badoglio mira ad ottenere che la posizione del governo e del popolo italiano, di fronte agli Alleati, sia una buona volta definita. Il governo democratico, voluto da costoro, (a quanto almeno dicevano) si è finalmente costituito. Nessun pretesto o ragione è più possibile accampare perché l Italia venga alfine considerata lealmente come alleata e non come colonia conquistata. Senza contare che un si fatto leale trattamento dell Italia avrebbe una sicura e benefica ripercussione sugli altri paesi (Romania, Bulgaria, Finlandia, ecc.) che anelano il momento di liberarsi dal giogo tedesco e che in tanto farebbero in tal senso un azione con maggiore decisione in quanto sapessero che dall altro lato vi sono leali liberatori e non conquistatori. Mi ha detto anche Badoglio di sapere che è per via una lettera a lui diretta da Roosevelt in risposta ad una sua riguardante lo stesso argomento. Così stando le cose Badoglio pensa che non sia il caso di fare della questione del prezzo del grano, per quanto importantissima, una condizione sine qua non per la ulteriore vita del governo. Egli per tale questione si è limitato a scrivere al generale Mac-Farlane una lettera che mi legge, con la quale mette energicamente le cose a posto facendo risalire agli Alleati, e soltanto ad essi, le eventuali disastrose conseguenze del basso prezzo del grano, così come da essi fissato. Approvo incondizionatamente la condotta del Maresciallo e non mi esimo dal dirglielo nella maniera più aperta. Era presente al colloquio il sottosegretario alla Presidenza, Morelli. 16 maggio Ho passato tutta la giornata al Ministero. Ho preparato, insieme col consigliere di Cassazione Luigi Viceconti, capo del mio ufficio legislativo, il testo definitivo dello schema di decreto per la proroga dei contratti agrari e della 81

9 relazione che lo accompagna. Andrò al prossimo consiglio dei ministri che si terrà il 22, e penso che ci sarà dibattito. I proprietari vorrebbero infatti che la proroga si accordasse con l aumento del canone dei fitti, e vi sarà, penso, qualche ministro che ne sosterrà in consiglio il punto di vista. 17 maggio Nulla di notevole. Vado come al solito al Ministero dove sbrigo l ordinario lavoro di ufficio. 18 maggio Verso le 13 ricevo nel mio gabinetto il ministro Mikhail Kostylev, rappresentante del Governo sovietico presso il Governo d Italia. Conversazione interessantissima perché egli sa di parlare oltre che col ministro, anche e soprattutto col compagno. Ciò, s intende, non cancella se non in parte il suo naturale riserbo diplomatico. Si parla delle condizioni dell Italia e delle sue relazioni con gli Alleati. Della guerra e delle condizioni della Repubblica Sovietica, specie in rapporto all alimentazione, la quale, per quanto riguarda l Italia liberata, ha formato oggetto di lungo discorso. Appena congedatosi il ministro, vado a mangiare un boccone e, insieme con Natino La Camera e mio figlio Eugenio, parto in automobile per Cosenza. Viaggio ottimo fino a Morano, dove mi fermo per andare a far visita al vecchio e ottimo compagno Nicola De Cardona, ora sindaco del suo paese. Lo trovo a letto leggermente infermo. Uscendo, trovo sulla piazza raccolta molta folla, la quale, avendo saputo della mia presenza, mi fa festa e chiede che io parli. Breve discorso, col quale invito gli ascoltatori a far di tutto perché i Granai del popolo abbiano pieno successo. Riprendo il viaggio. Dopo poco, primo scoppio di gomma e pronto riparo. Arrivati alla vicina Castrovillari, secondo scoppio. Non ho altra ruota di scorta, né nulla per riparare. E festa e le officine sono chiuse. Ricorro ai carabinieri, e dopo un paio d ore, con l opera di un meccanico pescato in un cinema, la macchina è in condizioni di riprendere la marcia. L autista, che non sa bene il fatto suo, prende con corsa così veloce il breve rettifilo che precede il bivio di Frascineto che, arrivato alla curva, non riesce a dominare la macchina, la quale va così a sbattere violentemente contro un palo telegrafico. Rottura del vetro anteriore, fortunatamente infrangibile. Un piccolo pezzetto, però mi 82

10 colpisce alla fronte e mi provoca una piccola ferita. La macchina non va più avanti. L autista va a piedi a Castrovillari ad avvertire dell infortunio il capitano dei carabinieri, il quale mi procura e mi manda un altra automobile. In conclusione: invece che alle otto di sera, arrivo a Cosenza alle tre del mattino. 19 maggio Sono costretto ad alzarmi per tempo date le molte persone che chiedono di parlarmi. E passo l intera giornata tra postulanti di ogni genere, che non mi lasciano riposare nemmeno un minuto. 20 maggio Ore antimeridiane e pomeriggio: ricevimento continuo. A sera, verso le ore nove, riunione plenaria della sezione comunista nella quale tengo un lungo discorso sulla mia opera di ministro circa i Granai del popolo. Grande entusiasmo. 21 maggio Alle tre del pomeriggio parto per il ritorno a Salerno. Ho deciso, però, di passare la notte a Grassano (Lucania) ospite del compagno Mario Palermo, sottosegretario alla guerra, che mi ha invitato telefonicamente. Per tener dietro ad indicazioni, dimostratesi poi inesatte, sbaglio strada. Percorro circa duecento chilometri senza che nessuno mi sappia precisamente dire dove questo benedetto Grassano si trova. Poco prima d un paesello, chiamato Valsinni ho, uno dopo l altro, due scoppi di gomma. E notte e non posso riparare. E vicino il paese di Colobraro, dove mi si dice essere una stazione dei carabinieri. Va l autista (18 chilometri andata e ritorno). Ritorna alle due di notte, senza però aver trovato nulla. Finalmente albeggia. Per fortuna un cantoniere statale, presso il quale l infortunio ci ha fermati, mi dà da mangiare. A giorno fatto un passante ci informa che a Valsinni c è un officina ben attrezzata. Poiché si tratta di 4 chilometri, riusciamo a porre una ruota in condizione di poterli percorrere. Troviamo infatti l officina e mettiamo a posto la macchina. Alle undici partenza. In definitiva: arrivo a Salerno alle nove di sera, dopo quasi due giorni di viaggio. 83

11 22 maggio Torno al Ministero dopo tre giorni di assenza. Numerose pratiche ammonticchiate che mi adopero a sbrigare. 23 maggio Alle ore dieci consiglio dei ministri. Badoglio riferisce sulla partecipazione delle truppe italiane all offensiva in corso. Nostra richiesta perché tale partecipazione sia ammessa dagli Alleati in maggiore misura. Comunica che il numero di , limite massimo consentito finora, è stato portato a E in tal numero le truppe italiane sono pronte ad entrare in battaglia. Badoglio riferisce poi su un memoriale (a me già noto) inviatogli dal ministro compagno Togliatti, il quale gli fa presente la necessità che il Governo faccia seguire alla dichiarazione sulla politica interna una simile dichiarazione sulla politica estera. Viva discussione e infine si dà mandato al conte Sforza di prepararla includendovi come principale argomento un unione di Stati. Badoglio riferisce sull opera esplicata finora dalla Commissione dei quattro (Badoglio, Sforza, Togliatti e Tarchiani) e sui colloqui avuti con i rappresentanti delle varie potenze da parte dei primi tre. Lunga relazione del Ministro della Guerra sulla situazione militare. Epurazione dell esercito; si posticipa per quanto riguarda gli ufficiali della milizia. Alle ore 14 si riprende il Consiglio interrotto alle 12. Badoglio legge la lettera che egli a nome del Consiglio invia al generale Alexander per il successo delle armi alleate e per l intervento alla battaglia delle nostre truppe. Sforza legge la dichiarazione sulla politica estera, che ha preparato in nome del Governo. Si discute sull accenno circa l impegno dell Italia di punire i crimini commessi contro le nazioni aggredite dal fascismo alleato del nazismo. Si approva la formula suggerita da Badoglio. In ultimo riferisce Arangio-Ruiz sui ritocchi alla legge sulla defascistizzazione. E poiché l ordine del giorno non è esaurito, si rinvia alle ore 10 del maggio Nulla di notevole. La solita e ordinaria vita ministeriale. 84

12 25 maggio Ore 10 consiglio dei ministri. Il Guardasigilli riferisce sulla istituzione in Salerno di due sezioni della Cassazione. Si decide di cambiare il nome di Ministero dell Educazione Nazionale in quello di Ministero della Pubblica Istruzione. Si revoca il divieto di nominare gli stranieri professori delle Università, e l altro di nominare le donne presidi o insegnanti nelle scuole medie superiori. Si inizia la discussione sul mio progetto di decreto legge di proroga dei contratti agrari, che continua poi nel pomeriggio. Lunga e animata discussione, nella quale polemizzo continuamente con Benedetto Croce. Il quale, nonostante la grandezza del suo ingegno, dimostra nel caso un angustia di vedute, che può solo spiegarsi con una valutazione ferocemente classista del progetto in parola. In brevi termini io sostengo che la proroga debba concedersi sic et simpliciter, non essendo opportuno, né politicamente né socialmente, accompagnarla con un aumento del canone di fitto in denaro. Come si potrebbero decentemente migliorare le condizioni dei proprietari terrieri senza aver prima provveduto all aumento dei salari agli operai e degli stipendi agli impiegati? E come si potrebbe non consentire lo stesso aumento ai proprietari di case? E che si direbbe di un governo democratico il quale aumentasse il canone dei fitti di casa? Ma Benedetto Croce non si lascia persuadere e piange sulla sorte dei poveri proprietari! I quali (e lo dico esplicitamente) hanno poi quasi tutti aumentato i canoni facendo giocare a proprio vantaggio la minaccia della disdetta, in quanto lo stato della vigente legislazione è che i canoni sono bloccati ma il proprietario è libero di licenziare il colono!! La discussione si fa sempre più movimentata e vi partecipano quasi tutti i ministri. Temo in un certo momento, nonostante l intervento sempre autorevole del compagno Togliatti, che il progetto debba naufragare. Allora riprendo la parola e insisto sulla portata politica del provvedimento, che è atteso da vasti strati di popolazione agricola, la quale, vedendo deluse le sue giuste aspettative, potrebbe divenire un elemento di pregiudizievole disordine. Rispondono gli avversari, soffermandosi sul fatto che grossi fittuari si arricchiscono e profitteranno quindi della intangibilità del canone. Ed è vero. Ma è vero, d altra parte, che i grossi fittuari sono una minoranza; non solo, ma se si facesse un eccezione a loro carico, si avrebbe l ingiusta conseguenza che i grossi proprietari verrebbero ad essere avvantaggiati, mentre non lo sarebbero i 85

13 piccoli proprietari, dato che questi avrebbero di fronte i piccoli fittuari, quelli, cioè, che si vorrebbero risparmiare. Senonchè, Croce, Rodinò e altri tengono duro e propongono che si istituisca in ogni mandamento una commissione presieduta dal pretore, la quale avrebbe il potere di esaminare l opportunità, caso per caso, dell aumento del canone in denaro. Poiché vedo in pericolo l intero progetto, mi vedo costretto a cedere, ma sostengo che le commissioni debbano anche esaminare il caso del fittuario che chieda eventualmente la diminuzione del canone in generi. A questa mia proposta accade un fatto inverosimile. Benedetto Croce si era trovato all inizio della discussione a dire incidentalmente che egli, da amministratore accorto, aveva provveduto a dare in fitto i suoi beni con canoni in generi. Evidentemente questo fatto deve avergli dato l impressione che, approvandosi la proposta della commissione, egli potrebbe trovarsi nel caso di dover resistere, ed eventualmente senza fortuna, a qualche richiesta di diminuzione del canone da parte di qualche suo fittuario. E allora egli, che fino a quel momento si era battuto come un leone contro la proroga sic et simpliciter, improvvisamente fa macchina indietro e accetta senz altro in pieno il mio decreto, con la sola limitazione proposta da Badoglio e accettata da me, del termine di un anno invece di quello fino alla fine della guerra. E così il progetto viene approvato. Filosofo si, e grande; ma difensore del proprio privilegio capitalistico anche, e come! 26 e 27 maggio Nulla di notevole. Il 27, nel pomeriggio, parto per Cosenza, insieme con Silvio Saraceni. Arrivo a Cosenza alle 11 di sera. 28 maggio Giornata movimentatissima, dato che il giorno prima c è stata una dimostrazione, in massima parte di donne, per l aumento della razione del pane. La dimostrazione, anzi, è avvenuta per il fatto che avendo il Comune, per eseguire un controllo sul numero delle tessere, ritirate queste e dato ai cittadini tre razioni anticipate, i cittadini hanno naturalmente mangiato in una volta ciò che doveva bastare per tre giorni. Onde stomaco vuoto e conseguente dimostrazione. La quale ha ottenuto che per il terzo giorno si distribuisse un altra razione. 86

14 29 maggio Alle nove del mattino parto per Salerno. Arrivo alle sei di sera. Viene con me per proseguire a Napoli, la sorella del collega Quintieri col marito. 30 maggio Nulla di notevole. 31 maggio Riunione dei socialisti e comunisti partecipanti al Governo insieme con i componenti le rispettive direzioni dei partiti. Manca Pietro Mancini. Si discute a lungo sulla situazione e sulla necessità di un azione comune meglio coordinata. Si approva infine un ordine del giorno, che verrà portato alla Commissione Alleata. 1 giugno Ore 10: consiglio dei ministri. Comunicazione di Badoglio sulla partecipazione delle truppe italiane alla battaglia in corso. Sforza legge una dichiarazione, da lui preparata, da far leggere al re appena Roma sarà conquistata. Il re dichiara di lasciare per sempre il potere e di nominare suo figlio luogotenente. La dichiarazione è fissata, ma si è sicuri di quel che avverrà appena la capitale sarà liberata dai tedeschi? I patrioti romani, che hanno tanto sofferto, permetteranno che i Savoia rimangano ancora al potere? Si passa a discutere sulla condizione delle prefetture e sulla necessità di provvedere, ma, data l importanza dell argomento, se ne rinvia la trattazione al pomeriggio. Si dà una definitiva sistemazione all Associazione dei combattenti, nominando presidente l onorevole Viola, contro la nomina del quale, io, per disciplina di partito, non ripeto le obiezioni fatte in una precedente seduta. Si inizia la discussione sul progetto di decreto sulle carriere, col quale si mira ad annullare i privilegi di nomina e di promozione conseguiti dai funzionari durante il ventennio per meriti fascisti. Si sospende la seduta a mezzogiorno e si riprende alle 2. Si riprende la discussione sul decreto delle carriere, ma infine viene rinviata a dopo l applicazione delle leggi sulla defascistizzazione e sulle epurazioni. Si affronta il grave e spinoso problema per l aumento dei salari e degli stipendi, i quali 87

15 sono in misura tale da consentire soltanto di morire di fame. Si approva un forte ordine del giorno, che il Presidente ed altri ministri presenteranno al generale Mac-Farlane, Capo della Commissione Alleata, la quale insiste a non voler permettere che l aumento ci sia. Si passa alla discussione sulla politica generale, con speciale riguardo alle condizioni delle Prefetture. Spinosa situazione, specie in Sicilia, dove il separatismo, aiutato dall opera dell Alto Commissario e di molti prefetti, lavora contro il Governo. Tutto ciò non deve né può durare. Ma il ministro dell interno, siciliano, che pure è o almeno ritenuto un sicuro unitario, non mostra di voler provvedere con la dovuta energia. Si discute anche sul fatto se i prefetti, che converrà nominare per il risanamento del paese, debbano essere di partito o di carriera. Ad ogni modo si fanno insistenze al ministro perché presenti al prossimo consiglio la lista dei prefetti da nominare. Infine il Guardasigilli presenta un progetto di decreto per la nomina di giudici, dato che la mancanza di concorsi negli ultimi anni ha impoverito il personale. 2 giugno Alle nove parto per Napoli. Alle 11 sono a Napoli, e vado subito alla Commissione di controllo per discutere di alcune modifiche da essa proposta per il decreto sulla proroga dei fitti agrari. Dopo lungo dibattito sono costretto ad accettare un articolo aggiunto, il quale del resto, e per fortuna, non modifica la sostanza del decreto. Torno alle quattro a Salerno. Vado da Badoglio, nel cui Gabinetto abbiamo, insieme con i colleghi delle Finanze e degli Interni, un colloquio con il generale Mac-Farlane sull aumento degli stipendi e dei salari. Povera Italia! Non possiamo nemmeno provvedere alla fame dei nostri concittadini!! Maledetto il fascismo! Il Generale promette vagamente, affermando soprattutto che egli cercherà, piuttosto che ottenere l autorizzazione dell aumento dei salari e delle retribuzioni, quella delle razioni. Speriamo. 3 giugno A mezzogiorno parto per Cosenza, dove arrivo verso le 7, insieme con Angiolino Corrado. 88

16 4 giugno Da Salerno mi telefonano la tanto attesa notizia della liberazione di Roma, e quella che domani, data la nuova situazione creatasi, si riunirà il consiglio dei ministri. Necessità quindi di partire immediatamente. E parto infatti alle ore sei del pomeriggio e con me vengono Dora, Luigino, mio figlio, con la moglie Franca, Angiolino Corrado. Si arriva a Salerno verso le tre dopo mezzanotte. 5 giugno Alle ore 10 consiglio dei ministri. Data notizia della comunicazione della liberazione di Roma, Badoglio ricorda che il 12 aprile il re fece la nota solenne dichiarazione con la quale, osservato che fu lui a porre fine il 25 luglio al regime fascista (!!!), prende l impegno di ritirarsi a vita privata e di trasmettere i poteri al figlio Umberto appena liberata Roma. Badoglio continua riferendo che ieri, appena avuta notizia ufficiale da parte degli Alleati della liberazione della capitale, la comunicò al re. In seguito ebbe un colloquio con il generale Mac-Farlane, al quale fece presente il desiderio espresso da Vittorio Emanuele di poter fare la dichiarazione promessa da Roma invece che da Ravello. Ma Mac-Farlane gli obiettò che non era possibile aderire al desiderio del re, per la ragione che, non potendo il re recarsi a Roma se non tra cinque o sei giorni, le opinioni pubbliche inglese e americana non avrebbero compreso il motivo del ritardo e lo avrebbero sfavorevolmente interpretato. Badoglio riferì tale risposta al re. Il quale, in seguito a ciò, ha pensato di preparare una lettera diretta al generale Mac-Farlane, e che Badoglio dovrebbe far sua e firmare, con la quale si chiede al detto generale di consentire che il re vada in aereo a Roma, atterrando all aeroporto di Via Salaria, si rechi da qui a Villa Savoia, senza entrare in città, e dalla Villa possa datare la dichiarazione. In subordinata chiede di poter firmare nell aeroporto stesso la dichiarazione e ripartire immediatamente per Ravello. In caso di diniego, anche nei confronti di questa seconda richiesta, si chiede con la lettera al generale Mac-Farlane che si renda di pubblica ragione la repulsa, in modo che si sappia che il re è stato posto nella impossibilità di andare a Roma. Il Maresciallo Badoglio continua dicendo che, avuta la lettera preparata dal re, egli non ha ritenuto di poterla firmarla senza averne avuto autorizzazione dal consiglio dei ministri, data la evidente portata politica del documento. 89

17 Prende la parola Benedetto Croce il quale afferma che si verrebbe meno a un dovere di cortesia (!!!) negando al vecchio re questa soddisfazione. Tanto il consenso del consiglio avrebbe un valore soltanto platonico, perché si è sicuri che gli Alleati non darebbero in nessun caso il chiesto permesso. Sforza aderisce a quanto dice Croce. Tarchiani manifesta la sua indifferenza che il re firmi la dichiarazione a Ravello o a Roma. Di Napoli fa presente che se il consiglio autorizzasse Badoglio a firmare la lettera, verrebbe a dare un valore ancora maggiore al sicuro diniego degli Alleati; ciò che è da evitare, dato il significato politico dell atto del re. La cortesia, quindi, non c entra per nulla. Croce insiste, facendone una questione di umana gentilezza. Sforza dichiara di essere preoccupato per le giuste osservazioni di Di Napoli. Rodinò si associa a Croce. Tarchiani riprende la parola e si dichiara questa volta contrario ad autorizzare la firma della lettera da parte di Badoglio. Prendo la parola per sottolineare il valore politico della richiesta del re e per affermare che è da escludere ogni considerazione di cortesia. Di Napoli riafferma il suo concetto, e aggiunge che Badoglio in tanto ha portato la cosa al consiglio, in quanto ha ben visto il suo carattere politico. Si associa a ciò Mancini, il quale fa giustamente osservare che è il re stesso a imprimere alla sua richiesta un valore eminentemente politico, dato che egli confessa che fa la richiesta per salvaguardare la monarchia. Poiché, nonostante ciò, Croce insiste, io gli ricordo il verso di Dante: E cortesia fu lui esser villano. Aldisio si esprime favorevolmente a Croce. Interviene Badoglio per precisare che egli ha ritenuto urgente sentire il parere del consiglio, perché ha ben visto il carattere politico della richiesta. Tarchiani propone una via di mezzo: mandi il re direttamente la lettera a Mac-Farlane, escludendo il Governo. Cerabona si associa. Di Napoli è contrario perché il consiglio non deve dire al re cosa debba e possa privatamente fare. Ad esso spetta soltanto dire il suo parere sulla richiesta. Il ministro dell Aeronautica, pensa che un diniego del consiglio farà una pessima impressione sull uomo della strada. Quintieri e il ministro della marina si associano a Croce, e così il ministro della guerra. Mancini ricorda che il re deve, da galantuomo, mantenere l impegno assunto di firmare la dichiarazione di rinunzia al potere, appena le truppe alleate entrano in Roma. Sforza intende l importanza politica della cosa e propone che Badoglio riferisca verbalmente al generale Mac-Farlane il desiderio del re, e poi 90

18 comunichi a questo la risposta, senza che si faccia di nulla comunicato ufficiale. In tale senso Badoglio presenta un ordine del giorno che risulta approvato, avendo votato contro sei ministri: Mancini, Di Napoli, Tarchiani, Omodei, Cerabona ed io. Togliatti è assente. Badoglio comunica che egli ha deciso che vada a Roma prima il governo e sistemi le cose, e che il principe Umberto, che intanto sarà nominato luogotenente, vada dopo. A corte si vorrebbe il contrario. Il consiglio è unanime nell approvare la decisione di Badoglio. Si passa a discutere della persona del luogotenente, dato che Tarchiani presenta una dichiarazione, da lui preparata e che il consiglio dovrebbe far propria, con la quale, considerato che l intervista concessa dal principe al Times è tale atto da rendere impossibile che il principe possa rivestire la carica di capo dello stato, si invita il re a far cadere la nomina su altra persona escludendo che questa possa essere il Duca d Aosta. Croce, pur convinto che il principe Umberto è un incapace, ritiene che non sia opportuno in questo momento sollevare una simile questione. A proposito della incapacità del principe, Croce ricorda che, nella recente visita che Umberto ebbe a fargli, non trovò argomento più opportuno se non quello riflettente vecchie stampe e libri antichi. E avendo Croce cercato di richiamarlo a considerazioni di ordine politico, non gli venne fatto di vincere la opacità politica dell illustre interlocutore. Omodei dà enorme importanza al fatto che il principe nell intervista ha riversato sul popolo italiano la responsabilità della guerra: ciò può portare a conseguenze molto pregiudizievoli per l Italia allorché si sarà al tavolo della pace. Croce si dichiara d accordo sul riconoscere l incapacità del principe il quale si liquiderà certamente da se stesso. Ma oggi è inopportuno sollevare la questione della sua sostituzione, anche per l atteggiamento degli Alleati. Sforza dice che, pur avendo pertinacemente voluto l allontanamento del re, deve però riconoscere che egli non ha mai fatto nulla che possa lontanamente paragonarsi a ciò che ha fatto il principe con l intervista. Anche ad ammettere che lo abbia fatto inconsciamente. Egli quindi propone che si faccia sollecitamente agli Alleati la proposta di consentire al re che rimanga ancora per pochi giorni per poter dar modo al consiglio di esprimere il suo parere sulla persona del luogotenente. Togliatti, che è entrato pochi momenti fa, interviene 91

19 nella discussione sostenendo la inopportunità di suscitare ora la questione del luogotenente. Intanto Badoglio ha notizia che è per arrivare a Salerno, per avere un colloquio con lui, il generale Mac-Farlane. Si sospende quindi la seduta, rimandando alle ore 18. Ore 18: si riprende la seduta: Badoglio dà notizia di un telegramma pervenutogli da Roma da parte del generale Bencivenga, il quale ha assunto, in nome del regio governo e d accordo con gli Alleati, il governo civile e militare di Roma. Dà poi comunicazione del colloquio con Mac-Farlane, il quale lo ha pregato di non sollevare per ora la questione della persona del luogotenente, dato che sono in corso le trattative per migliorare la condizione politica dell Italia. Badoglio pone ai voti la questione. Tarchiani dice di accettare, a patto che contemporaneamente il consiglio rinnovi la condanna del principe per quanto egli ha detto nell intervista. Omodei si associa. Togliatti afferma la inutilità di una tale dichiarazione, dato che il consiglio si è già pronunciato, sia condannando esplicitamente l intervista e sia con la sua dichiarazione di politica estera. Badoglio è contro la dichiarazione. Così Di Napoli, per il quale la dichiarazione sarebbe o troppo o troppo poco. Tarchiani e Omodei insistono. Mancini propone che si risponda in modo solenne al telegramma di Bencivenga e che in tale risposta il consiglio riaffermi la irresponsabilità del popolo italiano nella guerra. Tale proposta è accettata e si procede, da parte di Badoglio, alla formulazione del telegramma. Prendo io la parola per sostenere la necessità che i ministri giurino nelle mani del luogotenente, e ciò per dare all atto del re il significato preciso di rinuncia definitiva al potere. Solo così la nomina del luogotenente può perdere quell ibrido senso che è stato certamente presente nella volontà di Vittorio Emanuele, allorquando questi, non potendo più resistere all unanime volontà popolare di richiedere l abdicazione, ha fatto la dichiarazione del 12 aprile. Di Napoli, che non intende bene la portata della mia proposta, è contrario. Sforza è favorevolmente contrario. E la proposta cade. Badoglio fa noto che il suo segretario per gli affari esteri gli suggerisce l opportunità che il consiglio, per prevenire ogni mossa francese, dichiari decaduto l armistizio del E il consiglio approva. 92

20 6 giugno Alle quattro e mezzo del mattino, insieme con Dora, Luigino e Franca, parto in automobile per Bari, dove arrivo verso mezzogiorno. Immediatamente mi reco in prefettura, dov è una riunione di tutti i sindaci della provincia. Il Prefetto Falcone Lucifero, mi presenta. Parlo ai sindaci sulla loro responsabilità per la riuscita dei Granai del popolo. Mi sbrigo all una. Mangio in fretta e furia e alle due sono al congresso regionale dei contadini. Mi si accoglie con grandi applausi. Assisto alle ultime discussioni e poi faccio il discorso di chiusura del congresso. Alle ore sei ci rimettiamo in macchina alla volta di Cosenza, dove si giunge alle undici. Dopo due nottate quasi bianche e due giornate di gran movimento, mi è dato alfine di riposare. 7 giugno Mi sbrigo in fretta e in furia di tante piccole cose e alle 11 e mezza parto per Salerno. Sono solo. Arrivo alle 6 di sera. Trovo che il governo è dimissionario. Mi si dice che ciò è avvenuto perché gli Alleati e qualche nostro costituzionalista (leggi on. De Nicola) hanno pensato che il luogotenente (entrato in carica ieri, in seguito al decreto di rinunzia e di passaggio dei poteri da parte di Vittorio Emanuele) è da considerare come nuovo capo dello Stato. E la mia tesi; quella cioè che mi aveva suggerito di proporre al consiglio la necessità del giuramento. E così i ministri si trovano dismessi senza che molti di essi ne sappiano nulla. Sostanzialmente, non c è nulla di male, dato che, per la situazione di Roma, alle dimissioni si doveva necessariamente pervenire, per dar modo agli uomini politici, ora rientrati di far parte del nuovo governo. Ma formalmente la cosa è tutt altro che bella. 8 giugno Si dice che stamane, alle ore otto, da Napoli siano partiti in aereo per Roma Badoglio e i sei rappresentanti dei partiti, e cioè Togliatti per i comunisti, Rodinò per i democristiani, Croce per i liberali, Cianca per il partito d azione, Cerabona per i democratici del lavoro e Longobardi per i socialisti. Intanto il ministero dimissionario resta in carica per il disbrigo degli affari di ordinaria amministrazione. A sera so che la partenza di Badoglio e dei rappresentanti dei sei partiti da Napoli per Roma è effettivamente avvenuta stamani. 93

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875)

FRANCIA COSTITUZIONE DEL 1875 LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) FRANCIA LEGGE RELATIVA ALL ORGANIZZAZIONE DEL SENATO (24 FEBBRAIO 1875) Art. 1 Il Senato si compone di 300 membri: 225 eletti dai dipartimenti e dalle colonie e 75 eletti dall Assemblea nazionale. Art.

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

Diritto Internazionale Umanitario. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Diritto Internazionale Umanitario Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone DIRITTO Insieme di regole esterne alla morale o alla religione che disciplinano i rapporti sociali NAZIONALE: insieme di norme

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE

SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE COMUNICATO STAMPA SUL REFERENDUM DI BOLOGNA CHE CHIEDE DI ELIMINARE I CONTRIBUTI ALLE SCUOLE PARITARIE Roma, 11 gennaio Il 26 maggio prossimo i cittadini bolognesi saranno chiamati al voto per un referendum

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Altra causa è il fatto che sono entrate nella compagine azionaria i fondi di investimento, anonimi e gravemente indebitati.

Altra causa è il fatto che sono entrate nella compagine azionaria i fondi di investimento, anonimi e gravemente indebitati. 1 DISCORSO PRONUNCIATO DALL AVV. GIOVANNI VALCAVI ALL ASSEMBLEA DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO TENUTASI A MILANO IL 19 APRILE 2008 SULLA SITUAZIONE ECONOMICA GENERALE CONTRO I PROGETTI DI AGGREGAZIONE

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

OSCURO EPISODIO, LA MARINA AVVISA A NATALE E CACCIA ALL EPIFANIA DAL 7 GENNAIO L ORDINE REGNA A CHIAVARI

OSCURO EPISODIO, LA MARINA AVVISA A NATALE E CACCIA ALL EPIFANIA DAL 7 GENNAIO L ORDINE REGNA A CHIAVARI COMITATO NAZIONALE UTENZA E VALORIZZAZIONE DEMANIO MILITARE DI ABITAZIONE 00153 Roma Via Garibaldi, 3 Tel. 065883981 www.casadiritto.it OSCURO EPISODIO, LA MARINA AVVISA A NATALE E CACCIA ALL EPIFANIA

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Approvazione verbali seduta precedente Buonasera a tutti i cittadini presenti, al signor Sindaco, al segretario Emanuele dott. Mirabile,

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Siamo nel 1938 e la mia famiglia, composta da 5 persone (i miei genitori e noi tre figli), viveva come

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO.

SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. SUL VALORE LEGALE DEI TITOLI DI STUDIO. Paolo Gianni, Università di Pisa Chi fosse interessato ad un quadro chiaro ed esaustivo di cosa significhi valore legale di un titolo di studio, e della evoluzione

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E

PAROLE DI VETRO. Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E PAROLE DI VETRO Conversazioni sui modi di intendere la vita COS E Cos è Ognuno sceglie quello che è per sé. Sono solo parole, dette da persone che non si conoscono e che parlano tra loro. Decidono di mettersi

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Candidato Sindaco di Cava de Tirreni

Candidato Sindaco di Cava de Tirreni E-NEWS A CURA DI STEFANO CICALESE Candidato Sindaco di Cava de Tirreni NUMERO 3 DEL 1 FEBBRAIO 2015 info 089.343305 SAVE THE DATE 1 Domani, 2 febbraio, alle ore 15.00, sulle frequenze di TV OGGI Salerno,

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette morti bianche REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALE Art. 1. (Compiti della

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Questionario n. 7 Diritto penale militare

Questionario n. 7 Diritto penale militare Questionario n. 7 Diritto penale militare 1) Che differenza c è tra codice penale militare di pace (c.p.m.p.) e codice penale militare di guerra (c.p.m.g.)? A) il codice penale militare di pace non si

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 24 CHE invariabile senza preposizioni PRONOMI RELATIVI CHE = Il quale - i quali masch. La quale -le quali femm. Es. Le persone, che vedi, sono i miei amici = Le persone, le quali vedi, sono i miei amici

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 ROMA Diramazione fino a livello di Comando di Corpo MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Viale dell Esercito, 186 00143 Prot. n. M_D GMIL1 II 5 1 0416819 All.: 1; ann.: //. Roma,

Dettagli

A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni

A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni Intervista a Gregorio Arena A proposito di sussidiarietà. Una nuova alleanza fra cittadini e amministrazioni a cura di Francesca Amadori e Federica Frioni L art. 118 u.c. della Costituzione recita Stato,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16

Storia contemporanea. Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 Storia contemporanea Università degli studi di Cagliari Anno accademico 2015/16 GIOLITTI 1892-93 1893 dimissioni scandalo Banca romana 1903-1905 1906-1907 1911-1914 GIOLITTI Liberale, abile e scrupoloso

Dettagli

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus Introduzione alla manifestazione conclusiva del concorso per il miglior manifesto antiracket per l assegnazione del Premio Libero Grassi 2005 Care amiche e cari amici, grazie a tutti per aver voluto partecipare

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI In apertura di serata Alfredo Salzano, chiamato a moderare la conferenza, ha voluto ricordare

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04

STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 PROVINCIA DI ROVIGO STATUTO DISTRETTUALE DISTRETTO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE RO 04 COMUNI DI: BOSARO, CANARO, CRESPINO, FRASSINELLE POLESINE, GAVELLO, GUARDA VENETA, PAPOZZE, POLESELLA, PONTECCHIO

Dettagli

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011

Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 Divergenze: Proposte della Commissione del Consiglio degli Stati del 24 gennaio 2012 Decisioni del Consiglio nazionale del 7 dicembre 2011 e-parl 01.02.2012 07:16 (Retribuzioni nelle società quotate in

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali

ATTI PARLAMENTARI. Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali ATTI PARLAMENTARI Interrogazioni - Nuove direttive sui reparti investigativi speciali DOCUMENTI COMMISSIONE I MERCOLEDÌ 22 MARZO 2000 Presidenza del Presidente ROSA JERVOLINO RUSSO Interviene il Ministro

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni

Lezione 11. Coordinatrice didattica: Paola Baccin. Collaborazione: Sandra Gazzoni Lezione 11 Coordinatrice didattica: Paola Baccin Collaborazione: Sandra Gazzoni ALCUNI VERBI ALL INDICATIVO PRESENTE: RIPASSO Il contrario di accendere (la luce, una candela, il computer, la televisione)

Dettagli

La Convenzione di Dublino

La Convenzione di Dublino La Convenzione di Dublino 2. Convenzione sulla determinazione dello stato competente per l esame di una domanda di asilo presentata in uno degli stati membri delle Comunità Europee. Sua Maestà il Re dei

Dettagli