SAN DONA' SMARTLAB. Agenda per l Innovazione Tecnologica della Città di San Donà di Piave. Pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SAN DONA' SMARTLAB. Agenda per l Innovazione Tecnologica della Città di San Donà di Piave. Pag. 1"

Transcript

1 SAN DONA' SMARTLAB Agenda per l Innovazione Tecnologica della Città di San Donà di Piave Pag. 1

2 1 L'idea guida La strategia Gli obiettivi Obiettivi generali Obiettivi specifici CONTESTO TERRITORIALE La geografia La storia: gli eventi e i fattori che hanno determinato il territorio attuale L ambiente Le infrastrutture Gli insediamenti L industria I servizi Andamento della popolazione nel Sandonatese LE SFIDE A CUI RISPONDE IL PIANO DESCRIZIONE DEL PIANO Collegamento con priorità indicate dall Agenda Digitale Italiana e con i Target dell Agenda Digitale Europea Diffusione e sull uso dei servizi da parte di cittadini, famiglie, aziende, pubbliche amministrazioni Coerenza con le vocazioni industriali, produttive e culturali dei territori Pieno utilizzo delle Reti NGN fisse e mobili Misurabilità ROAD MAP ACCESSO ALLA RETE INTERNET Infrastrutture di telecomunicazioni Situazione attuale Contesto generale Copertura DSL Pag. 2

3 Presenza di altri operatori Interventi pianificati Rete di hot-spot pubblici Reti mobili UltraBroadband Punti di accesso pubblico a internet Razionalizzazione e potenziamento connettività Internet Comune e sedi esterne Predisposizione alloggiamenti cablaggio su nuove realizzazioni ISTRUZIONE E CULTURA Connettività a tutte le scuole AMMINISTRAZIONE DIGITALE Servizi di pubblica utilita' Siti web ufficiali Presenza istituzionale su Social Network Streaming video su Internet Video sorveglianza Informazione al cittadino Servizi di e-government Servizi Demografici On line Modulistica On line Pagamenti On line Tributi On line e Fiscalità Partecipata Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia INNOVAZIONE Informatizzazione Ufficio Commercio Informatizzazione Gestione delle Opere Pubbliche Informatizzazione Acquisizione in economia di beni e servizi Informatizzazione Gestione dei Servizi Sociali Sistema di Identità Digitale per la fruizione dei servizi e-government Protezione Civile Pag. 3

4 6.4.7 Sistema Informativo Territoriale - SIT per la gestione del territorio SIT per la gestione del sottosuolo Disponibilità di infrastrutture per la posa di cavi in fibra ottica Illuminazione pubblica Condotti fognari Rete acqua Condotte acqua dismesse Rete proprietaria in fibra ottica Quadro di insieme Implementazione Catasto Elettronico delle Infrastrutture Nuovo Piano Urbano Generale dei Servizi del Sottosuolo (PUGSS) ACQUISIZIONE INFORMAZIONI GEOSPAZIALI DEL TERRITORIO Dematerializzazione Dematerializzazione degli Archivi demografici Dematerializzazione degli archivi delle pratiche edilizie Introduzione Timbro Digitale, Firma grafometrica e altri strumenti per la sostituzione dei documenti cartacei Miglioramento sistema informativo aziendale Razionalizzazione software gestionali e dei processi aziendali Razionalizzazione dei costi di gestione del sistema informatico e telefonico LIVELLO DI INNOVAZIONE DELLE INIZIATIVE PREVISTE 67 Indice delle figure 69 Pag. 4

5 1 L'idea guida Lo scenario di cambiamento della nostra società è così forte e rapido da stravolgere le fondamenta dell organizzazione dei servizi pubblici. Le trasformazioni in atto nel campo delle tecnologie digitali stanno modificando radicalmente non solo l approccio ai servizi in generale ma le relazioni sociali. Per questa ragione è necessario prima di ogni cosa un cambiamento culturale e mentale da parte di chi ha responsabilità pubblica, sia esso amministratore o dipendente. La necessità di adottare il PIANO DI SVILUPPO DIGITALE nasce proprio da questa consapevolezza. Nel programmare i servizi pubblici ed organizzare la struttura interna, dobbiamo considerare questo contesto di cambiamento, consapevoli che le nostre azioni sono rivolte ad un Cittadino ed a un Imprenditore diversi rispetto a qualche anno fa. Storicamente il Comune pianifica lo sviluppo urbanistico inteso come sintesi di aspetti insediativi, ambientali, sociali e culturali. Oggi i servizi e le infrastrutture digitali sono diventati essenziali al pari di questi e di conseguenza devono trovare una loro identificazione, all interno di una visione strategica della Città. E fondamentale ribadire come il Piano sia uno STRUMENTO necessario al raggiungimento di questa visione strategica. Il Piano si articola strutturalmente su due fronti: quello interno (servizi comunali) e quello esterno (infrastrutture per l accesso a internet). Per la parte interna affronta con decisione tutta la sezione dei servizi comunali storici per orientarli rapidamente da una fruizione on line sistematica, attraverso una progressiva azione di migrazione delle banche-dati dal cartaceo, ai sistemi informativi ed a una loro spinta integrazione. L obiettivo dichiarato è chiaro: offrire SERVIZI a cittadini e imprese. Facili da trovare, semplici da usare, efficaci nelle risposte. Per la parte esterna, in coerenza con la visione strategica di sviluppo dichiarata all inizio del mandato amministrativo, si definiscono le azioni fondamentali che mettono in gioco tutto il patrimonio pubblico delle reti (pubblica illuminazione, videosorveglianza, fognature, strade) al fine di agevolare la realizzazione di nuove autostrade digitali distribuite nell intero territorio comunale. Questo patrimonio, costruito negli anni, deve diventare una risorsa importante sia per la Pubblica Amministrazione sia soprattutto, in una logica di trasparenza e concorrenza positiva, per quelle Aziende private intenzionate ad investire nei servizi di comunicazione digitale. Per questo obiettivo metteremo a sistema le informazioni (catasto digitale del sottosuolo) con la semplificazione delle procedure per le richieste di manomissione e la riduzione drastica dei tempi di autorizzazione. 2 La strategia Promuovere l affermazione delle Tecnologie dell'informazione e della Telecomunicazione - TIC in una logica di open data assumendo due direttrici di intervento: Pag. 5

6 interna all Amministrazione, volta alla più ampia conoscenza e diffusione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nella riorganizzazione dei servizi al cittadino e alle imprese; esterna all'amministrazione, destinata a creare e sviluppare le migliori condizioni di attrattività verso imprese e investitori in una logica di città-laboratorio. 3 Gli obiettivi A primo posto va sicuramente individuato il tema del lavoro. C è lavoro se ci sono imprese. Ci sono imprese se si creano condizioni favorevoli di insediamneto e operatività. Per tale ragione si pongono questi tre obiettivi strategici: 1. La futura Porta Nord, ovvero l area dove si concentreranno i nuovi servizi per il rilancio della città. La nuova stazione SFMR integrata con la stazione degli autobus, la nuova struttura della fiera e i servizi complementari, la nascita della Cantina dei Talenti all interno dell area ex cantina sociale 2. Centro storico: l avvio della pedonalizzazione dell area antistante il municipio come previsto dal PUT e il rilancio del centro cittadino, partendo dalle azioni di sviluppo delle attività commerciali e favorendo tutti gli attrattori culturali per i cittadini (in primis il nuovo Teatro Metropolitano Astra); 3. Riconversione delle aree produttive dismesse, favorendo l insediamneto di attività innovative e specificatamente orientate alle nuove generazioni. 3.1 Obiettivi Generali Valorizzare il ruolo del digitale e delle ICT nell innovazione: dei processi economici (sviluppo della capacità produttiva ICT-based, economia della conoscenza, start-up innovative); dei processi sociali (cittadinanza digitale, innovazione sociale, Ambient Assisted Living crowdsourcing e crowdfunding); dei processi istituzionali ed amministrativi (e-government e open government, framework di interoperabilità). 3.2 Obiettivi specifici 1. diffondere la cultura e l utilizzo degli Open Data nell Ente locale al fine, sia di favorire la partecipazione dei cittadini alla vita delle pubbliche amministrazioni locali, che per incentivare le imprese a sviluppare attraverso gli Open data nuovi servizi digitali; 2. favorire il completamento della dotazione di tecnologie digitali per l apprendimento e la didattica negli Istituti scolastici secondari di II grado e nei Centri FP (istruzione e formazione professionale), dove la grande diffusione delle lavagne Interattive Multimediali e di superfici interattive in generale (tablet, netbook, ebook) avvierà l ampliamento del numero di device tecnologici, che orienteranno l attività didattica sempre più verso la collaborazione, integrando dette tecnologie all ambiente di apprendimento e apportando di conseguenza delle modifiche/cambiamenti alle metodologie didattiche; 3. favorire l accesso alla rete internet, consolidando e sviluppando il network i punti pubblici di accesso, con cui si vuole incentivare un uso attivo e consapevole del web, dei Pag. 6

7 servizi della pubblica amministrazione e della partecipazione da parte della cittadinanza, sostenendo un apertura continuativa di tali centri, un loro potenziamento ed un ampliamento delle funzioni e attività sia dal punto di vista organizzativo che di infrastruttura tecnologica; 4. Consolidare, sviluppare e innovare l Amministrazione digitale attraverso: a. miglioramento costante dei siti web e dei social network istituzionali per favorire la massima diffusione e la trasparenza dell azione amministrativa; b. attivazione nuovi servizi on-line di egovernment inerenti i Servizi Demografici e ai Tributi, che consentano di interagire con l Ente e di effettuare i vari pagamenti dovuti; c. miglioramento dei servizi offerti dallo Sportello Unico della Attività Produttive e dallo Sportello Unico Edilizia; d. miglioramento del sistema di videosorveglianza nel territorio; e. informatizzazione della gestione delle Opere Pubbliche e dell acquisizione di forniture e servizi; f. realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per il sottosuolo, che permetta una gestione efficace ed efficiente di tutte le infrastrutture presenti nello stesso (acqua, illuminazione, gas, reti telematiche), con il contestuale adeguamento dei regolamenti comunali, anche al fine di favorire lo sviluppo delle reti-dati ad alta velocità da parte degli operatori di telecomunicazione; g. razionalizzazione e consolidamento dei servizi gestionali aziendali. 4 CONTESTO TERRITORIALE 4.1 La geografia Il territorio comunale di San Donà di Piave occupa un area di circa 79 Kmq, lungo l asse del Piave, compreso tra i fiumi Sile e Livenza. E' disposto in prossimità del bordo nord/est della provincia di Venezia al confine con la provincia di Treviso. La città appartiene geograficamente sia all area lagunare sia all ambito di pianura e si sviluppa lungo le rive del fiume Piave, sua dorsale ed asse di relazione e che rappresenta nel Veneto orientale l area di cerniera tra l alta pianura ed i territori costieri, un nodo sul quale confluiscono le principali direttrici di collegamento con i centri balneari. San Donà condivide i confini con i seguenti comuni: Noventa di Piave, Salgareda, Cessalto, Chiarano, Ceggia, Torre di Mosto, Eraclea, Jesolo, Musile di Piave, Fossalta di Piave. 4.2 La storia: gli eventi e i fattori che hanno determinato il territorio attuale Gli eventi e i fattori che hanno determinato l'attuale territorio sono sinteticamente riassunti come segue: Pag. 7

8 la Centuriazione: la geometria dell attuale reticolo stradale e dell assetto fondiario, nella parte settentrionale del comune, trae origine dalla centuriazione romana. Una maglia regolare all interno di un triangolo ai cui vertici erano poste le Città di Altino, Oderzo e Concordia, appoggiato alla via Annia; il Piave: da sempre costituisce l asse lungo il quale si sono attestati gli insediamenti e si è costituito il sistema delle relazioni. Il nucleo urbano si sviluppa all incrocio dei percorsi posti in prossimità del fiume. Nell 800 il territorio comunale era ancora per buona parte occupato da paludi, residui del grande lago della Piave; le prime Infrastrutture: la costruzione del ponte sul Piave (1886), il rafforzamento della viabilità Trieste/Venezia e l arrivo della ferrovia, consentono uno sviluppo del centro urbano di San Donà e parallelamente decolla la nuova iniziativa di sfruttamento agricolo del territorio; la Bonifica: avvenuta negli anni correnti tra il 1871 e il 1915 segna la metamorfosi ambientale del territorio, riducendo l area paludosa e consegnando nuovi terreni alla pratica agricola; la Grande Guerra: le vicende belliche avvenute fra il novembre del 1917 ed il novembre del 1918 comportarono la completa distruzione dell abitato, la dispersione forzata dei suoi abitanti e il degrado del territorio; il dopoguerra: vede la città riprogettata con nuovi edifici e nuova viabilità, dando forma ai nuovi isolati urbani ed ai nuovi quartieri giardino; le nuove relazioni: date dal potenziamento del ruolo della SS 14 e dalla costruzione dell autostrada Venezia Trieste che aprono un nuovo periodo di trasformazioni urbane di grande respiro, con la realizzazione di poli funzionali di rilievo territoriale sul versante del terziario avanzato con la presenza di un ospedale, delle attività culturali con la costruzione del complesso scolastico e quelle ricreativo/sportive. 4.3 L ambiente Nel sistema ambientale regionale la città occupa una posizione strategica, quale area di collegamento tra la pianura antica del Trevigiano, il territorio della bonifica, l area della costa e di gronda lagunare, assicurato dai grandi fiumi Piave e Sile e dai canali Piavon, Bidoggia, Grassaga, Brian. 4.4 Le infrastrutture 1. La città di San Donà di Piave è localizzata in corrispondenza di un importante incrocio infrastrutturale di scala europea, che vede il potenziamento del corridoio V. Le componenti sono: 2. il grande asse di relazione est/ovest i cui vettori sono l autostrada A4, la SS 14 e la ferrovia Venezia - Trieste; 3. la direttrice nord-sud che relaziona i territori del nord/est con la città balneare (Cavallino, Jesolo, Eraclea Mare, Caorle); Pag. 8

9 4. il casello autostradale collegato in modo diretto con la rete di San Donà attraverso la SP 83, che congiunge l abitato con Noventa di Piave, e la nuova bretella di circonvallazione, importante poiché costituisce un anello esterno all abitato che incrocia le vie verso il litorale; 5. a scala locale la congiunzione tra i due modelli è rappresentata dalla variante alla SS 14, dalla bretella di collegamento con il casello autostradale di Noventa e dalla Treviso Mare; 6. l arrivo a San Donà del Servizio Ferroviario Metropolitano Regionale, con la nuova stazione prevista a Porta Nord, comporta un sostanziale miglioramento delle relazioni sul versante della mobilità ferroviaria, un ulteriore passo di avvicinamento alla rete di trasporto internazionale quale l aeroporto Marco Polo ed il porto di Venezia. 4.5 Gli insediamenti Nella Venezia Orientale, il comune di San Donà, con i suoi oltre abitanti, è il polo principale di un sistema di centri con circa abitanti. Il tessuto abitativo presente è molto denso, cresciuto prima attorno al nucleo storico, poi sviluppandosi uniformemente lungo tutte le vie che costeggiano il fiume Piave. L organizzazione urbana di San Donà è sinteticamente così riassumibile: un nucleo storico; un sistema periurbano semianulare; un anello di aree agricole periurbane, comprese tra il centro abitato e la nuova bretella di circonvallazione, come spazio di riequilibrio; le vie in trasformazione su cui si agganciano le aree commerciali (Tecnopolis) e quelle produttive, sia di primo impianto (come la zona industriale di via Kennedy) che di nuova formazione (zona di via Bassette, saldata a quella di Noventa di Piave); i nuclei satelliti delle frazioni, distribuiti lungo gli assi viari territoriali che partono dal centro di San Donà; lo spazio agricolo di relazione ambientale. 4.6 L industria Il sistema produttivo di San Donà di Piave, con le sue zone industriali, costituisce un polo di eccellenza a livello provinciale, localizzato proprio all interno del corridoio infrastrutturale V, destinato a diventare uno dei maggiori assi di relazione europei. Lungo la cintura urbana, a ridosso della nuova bretella, le azioni di trasformazione e riqualificazione dei poli commerciali e del terziario, si stanno dirigendo verso la creazione di strutture di grande richiamo territoriale. L attuale sistema è strutturato intorno alle seguenti grandi aree: 1. la zona a prevalenza industriale che si sviluppa a partire da via Kennedy, con l appendice artigianale di via Maestri del lavoro; 2. la zona di via Vittorio Veneto, con l adiacenza del fronte su via Unità d Italia, con una forte incidenza commerciale; Pag. 9

10 3. il complesso di via Noventa, con una forte presenza commerciale in corso di parziale riconversione verso la residenza; 4. la nuova zona produttiva in continuità con quella di Noventa; 5. il centro urbano quale luogo del commercio di qualità, delle attività amministrative e direzionali; 6. di assoluta rilevanza economica, ma anche sociale e territoriale, il magnete commerciale di Tecnopolis con l adiacente zona artigianale. Nella tabella 1 sono riportati i dati in valore assoluto di localizzazioni attive (sedi di impresa ed unità locali) del Comune di San Donà di Piave al 2014, confrontate con gli altri Comuni dell area del Sandonatese (Ceggia, Eraclea, Fossalta Di Piave, Jesolo, Meolo, Musile Di Piave, Noventa Di Piave, Torre Di Mosto), di cui si riportano le variazioni % dell ultimo anno. Pag. 10

11 Tabella 1. Le attività di impresa residenti nel Comune di San Donà di Piave (fonte: CCIAA Venezia) Sandonatese var. % I sem '14/ I sem '13 San Donà di Piave var. % I sem '14/ I sem '13 Agricoltura, silvicoltura e pesca ,8% 427-3,6% Attività manifatturiere ,3% 298-3,2% Fornitura eletticità, gas, vapore e aria condizionata 31 19,2% 14 0,0% Fornitura acqua; reti fognarie, gestione rifiuti 70 7,7% 19 0,0% Costruzioni ,6% 800-1,6% Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione veicoli ,1% ,7% Trasporto e magazzinaggio 304 1,7% 73 5,8% Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione ,1% 267 3,5% Servizi di informazione e comunicazione 225-0,9% 106-5,4% Attività finanziarie e assicurative 341 0,9% 167 0,0% Attività immobiliari 874-0,6% 300-2,0% Attività professionali, scientifiche e tecniche 365-3,2% 173-5,5% Noleggio, ag. di viaggio, servizi supporto alle imprese 388 3,7% 119-2,5% Istruzione 54 0,0% 23 4,5% Sanita' e assistenza sociale 70 1,4% 32 0,0% Att. artistiche, sportive, intrattenimento e divertimento 226 9,2% 42 16,7% Altre attività di servizi 544 0,9% 192 0,5% Imprese non classificate 63-43,2% 18-35,7% Pag. 11

12 4.7 I servizi La posizione strategica e il ruolo di polo attrattore nel territorio hanno portato alla realizzazione di poli funzionali di rilievo sul versante del terziario avanzato. Strutture sanitarie: sono presenti un ospedale civile e la sede dell'azienda Socio Sanitaria n. 10 "Veneto Orientale"; sono presenti un presidio ospedaliero pubblico a indirizzo medico-chirurgico con n. 218 posti letto, una struttura privata accreditata con compiti complementari e integrativi all'interno della rete ospedaliera regionale con n. 103 posti letto; Strutture per anziani: è presente una casa di riposo in grado di accogliere n. 171 pazienti non autosufficienti; Poli scolastici: la città propone un'offerta formativa completa fino alla scuola secondaria di secondo grado con strutture pubbliche e private. In ambito pubblico, sono presenti: n. 3 istituti comprensivi, che comprendono n. 5 scuole dell'infanzia, n. 9 scuole primarie, n. 3 scuole secondarie di primo grado; n. 5 istituti superiori che comprendono liceo classico e linguistico, liceo scientifico, istituto tecnico commerciale, istituto tecnico industriale e istituto tecnico per geometri; n. 1 istituto professionale. In ambito privato, sono presenti: n. 6 scuole dell'infanzia paritarie; n. 1 liceo linguistico; n. 2 istituti professionali, uno a indirizzo meccanico-elettrico-elettronico-motoristico e uno a indirizzo commerciale ed estetico. Polo sportivo: la città offre numerosi impianti sportivi e palestre sparsi nel territorio. Di particolare rilevanza è la Cittadella dello Sport di Via Unità d Italia, dove sono presenti: il Palazzetto dello sport; campi da rugby; campi da calcio; pista di atletica. Associazioni: l'associazionismo è una realtà consolidata con quasi n. 390 associazioni di vario tipo e finalità. 4.8 Andamento della popolazione nel Sandonatese La crescita della popolazione nel tempo è un fattore importante per capire il passato, il presente e soprattutto il futuro di un territorio. Può essere utile inquadrare l andamento demografico del comune di San Donà di Piave nell ambito del più generale sviluppo dei comuni che costituiscono l'area sandonatese, distinguendo tra prima e seconda cintura. Si tratta di un area che tra il 1961 ed il 2006 ha visto Pag. 12

13 crescere la popolazione residente da 90 mila a 125 mila abitanti (+36%), con una forte probabilità che se, entro il 2020 il Veneto raggiungerà i 5,5 milioni di abitanti, l area del sandonatese potrà attestarsi intorno ai 150 mila abitanti e San Donà di Piave intorno ai 50 mila. Dal 2010 ad oggi la popolazione di San Donà di Piave è incrementata dell 1,1%, attestandosi a abitanti con valori che superano la tendenza del Veneto Orientale (che si ferma a +0,4%) e della provincia di Venezia (che registra, invece, un saldo negativo del -0,1%). Tabella 2. Andamento popolazione del Comune di San Donà di Piave (dati DemoIstat) San Donà di Piave ,1% Totale VO ,4% Totale Provincia VE ,1% Osservando l andamento per fasce d età, si nota come nell ultimo quinquennio la popolazione giovane (fino ai 25 anni) osservi un incremento percentuale coerente con la media provinciale (+0,6%), mentre il decremento della fascia anni rispetto al totale della provincia sia meno forte (-8,8% rispetto al -10,9% della provincia). La popolazione in età matura o anziana cresce con tassi leggermente superiori a quelli dell ambito provinciale. Tabella 3. Andamento della popolazione di San Donà di Piave per fasce d'età (fonte DemoIstat) Var. % 0-25 anni ,6% anni ,8% anni ,7% Oltre 65 anni ,7% Tabella 4. Andamento della popolazione della provincia di Venezia per fasce d'età (fonte DemoIstat) Var. % 0-25 anni ,6% anni ,9% anni ,8% Oltre 65 anni ,8% In tutti i comuni del sandonatese, dopo l iniziale flessione demografica degli anni 50, connessa con la radicale trasformazione dell economia agricola, è seguita una ripresa, a partire dagli anni 60, dovuta al consolidarsi del nuovo modello socio-economico centrato sull industrializzazione diffusa, sulla presenza di un forte nucleo di servizi nella città principale e sulla costruzione della città turista costiera. Durante questo processo, la città di San Donà di Piave cresce ad un ritmo superiore a quello degli altri comuni del sandonatese e questo fatto consente all intera area di mantenere una Pag. 13

14 marcia in più rispetto non solo all andatura della provincia di Venezia, ma anche a quella del Veneto. La crescita demografica è determinata soprattutto dal saldo sociale, cioè da un offerta di condizioni ambientali e localizzative favorevoli, sia alla scala territoriale che a quella locale, soprattutto in riferimento all ormai realizzato completamento del sistema infrastrutturale (variante alla SS 14, bretella di collegamento Noventa-San Donà, completamento della Treviso-Mare, avvio del S.F.M.R.) ed alla vicinanza, misurata sia in termini spaziali, che di tempo di percorrenza, con l aeroporto Marco Polo. Le trasformazioni economiche, che hanno interessato questo territorio dopo il compimento della bonifica nella prima metà del secolo scorso, hanno spostato verso la costa l asse dello sviluppo economico del Veneto, tradizionalmente dislocato sulla linea della pedemontana, e che ora si appoggia sempre di più alle infrastrutture del Corridoio V: aeroporto Marco Polo, autostrada A4, ferrovia Venezia-Trieste e SS 14 della Venezia-Giulia. Nell intersezione tra questo corridoio di rango europeo, il territorio San Donà di Piave è contemporaneamente parte significativa della grande piattaforma logistica, produttiva e commerciale del Veneto e forte polarità di servizi per lo spazio residenziale costiero. 5 LE SFIDE A CUI RISPONDE IL PIANO 5.1 DESCRIZIONE DEL PIANO Collegamento con priorità indicate dall Agenda Digitale Italiana e con i Target dell Agenda Digitale Europea Il complesso delle iniziative inserite nella roadmap del Comune di San Donà di Piave, presentate in questo documento, è allineato alle indicazioni ed agli orientamenti espressi a livello nazionale in materia di Agenda Digitale, con particolare riferimento a due testi della Presidenza del Consiglio dei Ministri: 1. Strategia italiana per la banda ultralarga, 2014; 2. Strategia per la crescita digitale , 6 novembre In particolare, si sottolineano i seguenti aspetti. Per quanto riguarda l asse infrastrutturale (Accesso alla rete Internet) viene proposta una visione integrata e sinergica tra accesso fisso e mobile, pienamente condivisa dalla Strategia italiana per la banda ultralarga, in virtù della quale si valorizzano le iniziative già realizzate ed in fase di dispiegamento e si creano le condizioni per la realizzazione di soluzioni che intervengono a livello locale in relazione alle domande specifiche del territorio, in una logica neutrale rispetto alle scelte architetturali e tecnologiche. Sull asse scuola (Istruzione e Cultura), le proposte del Comune sono in linea con la Strategia per la crescita digitale , in quanto mettono a fuoco l opportunità e la necessità di aggiornare e rendere fruibili in logica 2.0 i complessi scolastici, aggregandoli al più ampio sistema della pubblica amministrazione già a partire dalle soluzioni di connettività, con l obiettivo di raggiungere il 100% delle aule scolastiche di primo e secondo livello provviste di collegamento ad Internet. Pag. 14

15 Entrambi gli assi Amministrazione Digitale e Innovazione mettono in chiara evidenza la volontà ed i piani dell Amministrazione per dare concretezza alla Strategia per la crescita digitale , denomina Italia Login La casa del cittadino, secondo la quale ciascun cittadino italiano deve possedere un profilo civico on-line dal quale accedere alle informazioni e ai servizi pubblici che lo riguardano, in maniera profilata. Un luogo di interazione personalizzato con la pubblica amministrazione e le sue ramificazioni, arricchito dalle segnalazioni sulle opportunità e gli obblighi pubblici che il sistema filtrerà in relazione al profilo anagrafico. L intero capitolo dei Servizi di e- government e l iniziativa Sistema di Identità Digitale per la fruizione dei servizi e-gov centrano in pieno questo obiettivo. Bastino questi esempi a dimostrare l ottimo allineamento con lo scenario-quadro dell Agenda Digitale Italiana: ciascuna delle proposte presentate trova corrispondenza in una o più Azioni per la crescita digitale. Analoghe considerazioni valgono a livello europeo. Non ripeteremo il confronto con la Digital Agenda for Europe, dando per acquisito il medesimo esito di buon allineamento, rispetto al quale ci preme solo sottolineare che gli indicatori scelti per misurare il progresso delle iniziative sono scelti tra quelli proposti, tema per tema, a livello comunitario. Tale Agenda sostiene come la piena disponibilità di servizi, contenuti e infrastrutture digitali, abbia una rilevanza strategica in materia di competitività, innovazione e sviluppo della società imperniata sulla conoscenza. Inoltre, le iniziative individuate dal Piano si allineano con gli indirizzi di programmazione definiti a livello regionale, con particolare riferimento all Agenda Digitale e alla Smart Specialisation della Regione Veneto. L Agenda Digitale per il Veneto (DGR 554/2013) individua le direttrici di sviluppo per migliorare l accesso alle tecnologie dell informazione e della comunicazione e promuovere l'economia digitale del territorio. Persegue i seguenti obiettivi strategici: 1. Miglioramento della qualità della vita delle persone e delle famiglie, permettendo l accesso di un maggior numero di cittadini a informazioni, contenuti, servizi digitali evoluti, anche a beneficio di quei soggetti che altrimenti ne risulterebbero esclusi e stimolando dinamiche di partecipazione attiva della società civile alla vita pubblica; 2. Sostegno alla competitività delle imprese del territorio, favorendo l insediamento di nuove imprese innovative, dando nuovo slancio a un industria manifatturiera basata principalmente su micro, piccole e medie imprese e su relazioni distrettuali, parallelamente facendo leva sulla diffusione delle tecnologie digitali per introdurre dinamiche innovative nei prodotti e nei servizi così come nei processi produttivi e di business, al fine di migliorare la capacità di competere nel mercato globale; 3. Accrescimento dei livelli di efficienza ed efficacia della Pubblica Amministrazione locale, sfruttando le ICT quale strumento abilitante per accompagnare il cambiamento in atto all interno della PA, semplificando il quadro amministrativo e regolamentare e privilegiando la trasparenza a favore di cittadini ed imprese. La Smart Specialisation Strategy della Regione del Veneto (DGR 1020/2014), infine, riconosce il digitale e l ICT quali fattori di innovazione congiunto dei processi economici (sviluppo della capacità produttiva ICT-based, economia della conoscenza, start-up innovative...), dei processi sociali (cittadinanza digitale, innovazione sociale, crowdsourcing e crowdfunding), così come dei Pag. 15

16 processi istituzionali e amministrativi (e-government e open government, framework di interoperabilità...) Diffusione e sull uso dei servizi da parte di cittadini, famiglie, aziende, pubbliche amministrazioni Le misure concepite e descritte nel presente documento rappresentano una visione integrata per approdare ad un approccio, a tutti i livelli, del rapporto tra cittadini ed imprese da un lato e pubblica amministrazione dall altro, in cui i primi siano posti in condizione, non solo di accedere ad informazioni e servizi della pubblica amministrazione, ma possano fornire stimoli e contenuti. Dall attuazione delle iniziative proposte, sono attesi i seguenti impatti, espressi in termini qualitativi: 1) per i cittadini, grazie alla maggiore offerta di servizi on-line ed alla maggiore facilità d uso (Sistema di Identità Digitale): a) un guadagno di tempo, reso possibile dalla diminuzione degli spostamenti fisici e dalla traslazione di alcune attività a fasce orarie meno affollate di impegni; b) un ampliamento dello spettro di opportunità per il tempo libero e la crescita professionale, reso possibile da un accesso facilitato a più informazioni strutturate ed alla profilazione dei propri interessi; 2) per le imprese, grazie all offerta di servizi on-line ed alla disponibilità di connettività più pregiata: a) un miglioramento dell efficienza ed una riduzione dei tempi richiesti per le pratiche verso la pubblica amministrazione; b) maggiori opportunità per mostrare la propria competitività; 3) per la pubblica amministrazione, grazie alla razionalizzazione dei processi e delle risorse: a) un miglioramento della qualità dei servizi offerti a cittadini ed imprese; b) un ottimizzazione del tempo impiegato dal personale Coerenza con le vocazioni industriali, produttive e culturali dei territori Le iniziative di natura infrastrutturale (armonizzate e raccolte sotto il capitolo Accesso alla rete Internet) sono tese a dare risposta in primis alle istanze del comparto imprenditoriale, rappresentato dalla presenza sul territorio di numerose aree a destinazione industriale e commerciale. Si ritiene inoltre necessario non limitarsi alla soddisfazione delle esigenze di oggi, ma creare le premesse tecnologiche perché il territorio possa essere competitivo anche di fronte alle sfide del prossimo futuro, che privilegeranno le realtà dotate di connettività a banda ultra larga Pieno utilizzo delle Reti NGN fisse e mobili Il pieno dispiegamento delle iniziative in programma, descritte nel presente documento, richiede la disponibilità pervasiva di infrastrutture a banda larga ed ultralarga, fisse e mobili. Pag. 16

17 È questa una pre-condizione per poter dare completa attuazione alle iniziative presentate, assicurandone la fruibilità da parte degli utilizzatori finali con adeguati livelli di servizio Misurabilità Come specificato in precedenza, per valutare il progresso di ciascuna delle iniziative presentate, si propone l utilizzo di indicatori quantitativi (KPI Key Performance Indicator), la maggior parte dei quali mutuati da documenti di riferimento prodotti a livello comunitario. Gli indicatori sono esplicitati di seguito all interno dei rispettivi obiettivi. 6 ROAD MAP 6.1 ACCESSO ALLA RETE INTERNET In futuro l'economia sarà un'economia della conoscenza basata sulle reti, che ruoterà attorno a Internet. In coerenza con la Strategia Europa 2020, si sottolinea l'importanza della diffusione della banda larga per promuovere l'inclusione sociale e la competitività a livello locale, nazionale ed europeo. Saranno pertanto attuate delle politiche basate su una combinazione di tecnologie e con due obiettivi paralleli: da un lato, favorire la copertura universale della banda larga (combinando reti fisse e senza fili) con velocità di connessione crescenti fino a 30 Mbps e oltre e, nel tempo, favorire la diffusione e l'adozione nel territorio comunale di reti di accesso di nuova generazione (NGA) che consentono connessioni superveloci superiori a 100 Mbps Infrastrutture di telecomunicazioni Situazione attuale Contesto generale L'area geografica del Veneto Orientale (di cui il Comune di San Dona di Piave fa parte) è ancora oggi una delle zone del territorio nazionale che risente di un forte disequilibrio tra richiesta ed offerta di servizi a larga banda. Pur trattandosi di un'area a densità abitativa non particolarmente elevata, il Veneto Orientale ospita tuttavia un tessuto produttivo di significativa importanza ed un settore turistico alberghiero di primo piano, con grande ricettività ed impatto economico. Purtroppo, nonostante la domanda e le potenzialità, l'offerta di servizi a banda larga è stata finora molto al di sotto degli standard europei e nazionali, tanto da ricadere tra le aree emarginate che sono state oggetto di intervento pubblico al fine di ridurre il cosiddetto digital divide, ovvero Pag. 17

18 l'esclusione dei cittadini dall'accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione. Figura 1 - Il Veneto Orientale Negli anni trascorsi tra l'emergere della questione del digital divide ed il suo avvio a risoluzione, l'evoluzione dell'integrazione delle tecnologie dell'informazione con i processi produttivi, amministrativi e con le attività quotidiane dei cittadini, ha significativamente innalzato gli standard di capacità e qualità attesi. A tale proposito l'agenda Digitale Italiana, in sintonia con l'agenda Digitale Europea, afferma che In futuro l'economia sarà un'economia della conoscenza basata sulle reti, che ruoterà attorno a Internet. L'Europa necessita di un accesso a internet veloce e superveloce, a prezzi competitivi e largamente disponibile. La Strategia Europa 2020 ha sottolineato l'importanza della diffusione della banda larga per promuovere l'inclusione sociale e la competitività nell'ue, ribadendo l'obiettivo di portare la banda larga di base a tutti i cittadini europei entro il La strategia è intesa a fare in modo che, entro il 2020, tutti gli europei abbiano accesso a connessioni molto più rapide, superiori a 30 Mbps, e che almeno il 50% delle famiglie europee si abboni a internet con connessioni superiori a 100 Mbps. Il condiviso riconoscimento della rilevanza del tema della banda larga ai fini di garantire l'evoluzione sociale ed economica, ha fatto sì che siano state intraprese importanti iniziative a livello europeo, nazionale e regionale, sia sul piano normativo, che su quello del sostegno finanziario. Le caratteristiche demografiche ed economiche del Veneto Orientale fanno ritenere che esso possa attivamente ed efficacemente partecipare allo scenario evolutivo delle conoscenze e dei servizi progettato per i cittadini europei Copertura DSL Fino al 2012 e per buona parte del 2013 i servizi DSL nel Comune di S.Dona di Piave erano erogati unicamente attraverso l infrastruttura di rete di Telecom Italia. Di seguito si fornisce una fotografia risalente al 2013 dello stato delle linee, dello stato delle centrali e della copertura DSL, in corso di evoluzione. Centrale Telecom Italia ADSL (Mbps) SHDSL (Mbps) KO ADSL KO SHDSL Action owner S.Dona di Piave 7 8 S.Dona di Piave PR 7 8 Passarella 0,64 0 centrale satura centrale satura Infratel + TI Calvecchia 0 8 non disponibile Infratel + TI Pag. 18

19 Isiata 0,64 0 centrale satura non disponibile Infratel + TI Fonte: portale Telecom Italia Wholesale In due centrali su cinque, la copertura DSL fornita da Telecom Italia risulta fortemente condizionata dal livello di saturazione delle centrali coinvolte Presenza di altri operatori Nel corso degli anni sono pervenute all ufficio Opere Pubbliche Manutenzione Ecologia del Comune di San Dona di Piave alcune richieste inerenti la posa di infrastrutture di telecomunicazioni. Di seguito si elencano le informazioni relative alle autorizzazioni che il Comune di San Dona di Piave ha rilasciato per la posa di tali infrastrutture: prot. Società richiedente Strade 42916/2012 ASCO TLC SPA Via Nazario Sauro, Via Biancotto, Via Carozzani, Via Vizzotto, Via Carbonera 7471/2012 INFRATEL ITALIA SPA Via Calvecchia, Via Piveran, Via Calnova 22338/2012 INFRATEL ITALIA SPA Via Argine San Marco 10912/2012 INFRATEL ITALIA SPA Viale Libertà 10352/2012 INFRATEL ITALIA SPA Via Deledda, Via Isiata, Via Tabina 26449/2012 INFRATEL ITALIA SPA Via Armellina, Via San Pio X 111/2012 FASTWEB SPA Via Verdi, Via Baron, Via Auronzo, Via Misurina, Via Pertini, Via Vittorio Veneto, Via Unità d Italia, Via Monte Popera Nella planimetria che segue vengono rappresentate le strade elencate nella tabella precedente e oggetto di richiesta di permesso: ad ogni richiesta di permesso (righe nella tabella precedente) corrisponde un colore differente. Pag. 19

20 Figura 2 - strade oggetto di interventi da parte di operatori di TLC (biennio ) Interventi pianificati VeGAL (l Agenzia di Sviluppo del Veneto Orientale) ha presentato un Piano di Sviluppo Strategico identificando una serie di interventi infrastrutturali prioritari per il proprio sviluppo. Si tratta di un quadro organico, strutturato e concertato, di interventi prioritari da realizzare nel triennio , che si integra con le principali iniziative in corso di realizzazione nell ambito dei programmi comunitari PSR/PSL 2007/13 e POR FERS 2007/13 ed in linea con le previsioni programmatiche per il prossimo periodo 2014/20 per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva del Veneto Orientale. L obiettivo è quello di mettere a disposizione del territorio e soprattutto delle Autorità responsabili della programmazione, in primis la Regione del Veneto, un quadro di interventi cantierabili, concertati a livello locale, inseriti nelle progettazioni in corso e capaci di produrre nel sistema Veneto Orientale il salto di qualità atteso in termini di qualità della vita e prospettive economiche per le imprese. Uno degli obiettivi del Piano si chiama Veneto Orientale Digitale per il quale il tema progettuale di riferimento viene definito Agenda Digitale copertura con banda larga dell area. La creazione delle condizioni di offerta di infrastrutture e servizi a Banda Larga necessari per lo sviluppo della Società dell Informazione è un intervento prioritario per garantire a cittadini, imprese ed amministrazioni la possibilità di scambiare informazioni complesse, creare e ricevere servizi evoluti e comunicare in modo più efficace e continuativo con la pubblica amministrazione. Pag. 20

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli