Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rianimazione Cardiopolmonare. Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma"

Transcript

1 Rianimazione Cardiopolmonare Prof Guido Fanelli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Parma

2 Cenni storici 1543, Vesalio: prima descrizione di tracheotomia e ventilazione artificiale 1774, Society for the Recovery of Persons Apparently Drowned, Londra: primo corso per la rianimazione degli annegati , Baltimora: prime tecniche di rianimazione combinata respiratoria e cardiocircolatoria 1960, Kouwenhoven et al: prime descrizioni del successo ottenuto con compressioni toraciche esterne 1963, Redding e Pearson: prima dimostrazione del miglior outcome ottenuto con la somministrazione di adrenalina e altri vasocostrittori

3 Dimensione del problema La patologia cardiovascolare è la prima causa di morte nei Paesi industrializzati! E responsabile del 50% dei decessi 1 milione/anno di decessi per patologia cardio-vascolare, la metà per eventi coronarici Per lo più si tratta di morte cardiaca improvvisa

4 Arresto cardio-circolatorio Assenza di attività meccanica del cuore arresto circolatorio caduta BP a valori prossimi allo zero Perdita di coscienza: dopo 6-10 secondi Dopo un intervallo di tempo variabile: arresto respiratorio (mancata perfusione centri respiratori) Dopo ~ 4 min: danno neuronale irreversibile Rianimazione cardiopolmonare immediata

5 Rianimazione cardiopolmonare definizione Trattamento sintomatico, finalizzato a mantenere il supporto delle funzioni vitali finchè il cuore non riprenda la sua corretta funzionalità Barash P, et al: Anestesia Clinica, Delfino Editore, IV ed.; pp. 1485

6 Presupposti della RCP In assenza di flusso ematico, l ATP cerebrale viene esaurito in 4-6 minuti La disponibilità di ATP torna a livelli normali dopo 6 minuti di RCP efficace Studi su animali hanno dimostrato che un buon outcome neurologico si può ottenere anche dopo minuti di arresto cardiaco, a condizione che un adeguata circolazione venga prontamente ripristinata

7 La realtà clinica La maggior determinante del successo è la patologia cardiaca di base Una fibrillazione ventricolare prolungata e senza trattamento definitivo e un inadeguata perfusione coronarica e cerebrale durante massaggio sono le maggiori determinanti dell insuccesso Nell arresto extraospedaliero le possiibilità di sopravvivenza migliorano se la RCP è iniziata precocemente, anche da soccorritori occasionali

8 Aspetti organizzativi Contributi organizzativi negli ultimi 30 anni da parte dell American Heart Association, della Croce Rossa Internazionale, dell European Resuscitation Council ed altri ancora Linee guida per la didattica e la pratica vengono redatte periodicamente I corsi di addestramento sono di vari livelli (i.e. BLS, ACLS)

9 Basic life support (BLS) definizione Consiste nelle manovre rianimatorie che possono essere effettuate senza l ausilio di particolari strumenti: apertura delle vie aeree, ventilazione di soccorso, massaggio cardiaco. L approccio alla vittima comunemente utilizzato è l ABC: airway, breathing, circulation

10 Approccio standard al paziente privo di coscienza 1. VERIFICA L ASSENZA DI RISPOSTA 2. ATTIVA IL SISTEMA DI EMERGENZA 3. POSIZIONA LA VITTIMA SUPINA SU UN PIANO RIGIDO 4. APRI LE VIE AEREE 5. VERIFICA L ASSENZA DEL RESPIRO 6. EFFETTUA 2 VENTILAZIONI DI SOCCORSO 7. VERIFICA L ASSENZA DELLA CIRCOLAZIONE 8. INIZIA LE COMPRESSIONI TORACICHE 9. ALTERNA 15 COMPRESSIONI E 2 VENTILAZIONI

11 A- Apertura delle vie aeree 1. Iperestensione della testa oppure sublussazione della mandibola 2. Cannula orofaringea o rinofaringea, utile prima dell intubazione (pericolo di vomito/laringospasmo nella vittima semi incosciente!) 3. Intubazione tracheale, indicata in ogni RCP che si protrae oltre pochi minuti; garantisce il miglior controllo delle vie aeree 4. Presidi alternativi posizionabili senza laringoscopio: maschera laringea, otturatori esofagei, tubi esofago tracheali a due lumi 5. Tracheotomia o accesso transcricotiroideo

12 A- Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo Responsabile dell 1% di tutte le morti improvvise ostruzione totale delle vie aeree: assenza di movimenti respiratori in presenza di sforzi inspiratori, incapacità a parlare e tossire, successivamente cianosi, perdita di coscienza e arresto cardiaco Manovra di Hemlich ostruzione incompleta delle vie aeree: respiro ansimante o rumoroso accompagnato da tosse Trattare come ostruzione completa se la vittima perde le forze o compare cianosi

13 B- Breathing 1. Ventilazione bocca-bocca o bocca-naso (CO24%, O217%) 2. La distribuzione di flusso fra apparato respiratorio e stomaco dipende dalla resistenza offerta dai due compartimenti. P apertura dello sfintere esofageo inf (LES) =20cmH2O (In 15 minuti di arresto senza RCP, P fino a 4cmH2O) Compliance toracopolmonare del 30% dopo i primi 15 minuti di arresto senza RCP Per evitare l insufflazione di aria nello stomaco: P picco vie aeree < P apertura LES Necessari un basso flusso insp e un lungo tempo inspiratorio (1.5-2 sec)!

14 B- Breathing In presenza di due soccorritori: ambu + maschera facciale In presenza di due soccorritori: 1 ventilazione in 1.5-2sec di pausa fra ogni serie di 15 compressioni La IOT garantisce la migliore ventilazione ed è indipendente dalle compressioni toraciche che proseguono senza pause = guadagno netto in termini di GC

15 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche I TEORIA: MECCANISMO DI POMPA CARDIACA La P esercitata sul torace comprime il cuore fra sterno e colonna vertebrale aumento di P intraventricolare chiusura delle valvole A-V eiezione aumento P aorta chiusura valvola aortica e perfusione coronarica Fase di rilasciamento: negativizzazione P intratoracica ritorno venoso favorito apertura valvole A-V riempimento ventricolare

16 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche I TEORIA: MECCANISMO DI POMPA CARDIACA A favore della I teoria: β dimostrazione ecocardiografica di dimensione dei ventricoli e chiusura della mitrale durante compressione β riscontro di flusso ematico > e migliore sopravvivenza a 24h con compressioni toraciche vs tecniche di aumento P intratoracica senza compressione sternale diretta

17 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche I TEORIA: MECCANISMO DI POMPA CARDIACA A sfavore della I teoria: β differenza minima P(distretto arterioso) vs P(distretto venoso) durante compressione β il flusso carotideo è > durante la prima compressione effettuata subito dopo la fine della ventilazione Da qui, formulazione della teoria del meccanismo di pompa toracica!

18 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche II TEORIA: MECCANISMO DI POMPA TORACICA 1. Fase di compressione: tutte le strutture toraciche vengono compresse (P per depressione sternale) uscita di volume ematico dal torace flusso venoso retrogrado impedito dalle valvole di vena succlavia e giugulare e dalla compressione delle cave al loro ingresso in torace

19 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche II TEORIA: MECCANISMO DI POMPA TORACICA 2. Il cuore è un condotto passivo in cui le valvole A-V restano aperte durante la compressione toracica 3. Il flusso cerebrale viene favorito dal significativo gradiente pressorio fra carotide interna e giugulare interna

20 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche II TEORIA: MECCANISMO DI POMPA TORACICA 4. Mancanza di valvole nella cava inferiore: minor resistenza al flusso retrogrado; nei distretti sotto-diaframmatici: P(distretto arterioso) ~ P(distretto venoso) ipoperfusione documentata negli organi sottodiaframmatici!

21 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche II TEORIA: MECCANISMO DI POMPA TORACICA A favore della II teoria: β 1976, Criley et al: pz in FV con accesso di tosse durante cateterismo cardiaco; durante i colpi di tosse: BP RCP autosomministrata (documentato spostamento di mdc angiografico nelle camere sin e in aorta pur senza massaggio cardiaco esterno) β fasciando l addome e ventilando simultaneamente alle compressioni: outcome migliore vs RCP standard

22 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche Distribuzione del flusso ematico durante RCP GC durante massaggio = 10-33% GC fisiologica Quasi tutto il flusso sanguigno è diretto ai distretti sovradiaframmatici Perfusione coronarica = 20-50% della fisiologica Perfusione cerebrale = 50-90% della fisiologica Visceri addominali e distretto sottodiaframmatico = 5% del flusso normale Adrenalina: migliora la perfusione distretto coronarico e cerebrale

23 C- Circulation Fisiologia della circolazione durante compressioni toraciche Scambi gassosi durante RCP Δ CO2 (artero-venosa) vs condizioni fisiologiche per riduzione di GC Durante arresto di circolo: CO2 tissutale + consumo scorte O2 + metabolismo anaerobio acidosi tissutale con alcalosi respiratoria Durante RCP: eliminazione polmonare CO2 < vs normale condizione di circolo; l eliminazione riflette unicamente il metabolismo dei distretti ancora relativamente perfusi! sangue venoso: PvCO2, ph sangue arterioso: PaCO2, ph

24 Advanced cardiac life support definizione (ACLS) Comprende le competenze e le tecniche necessarie per ripristinare la circolazione spontanea là dove il semplice supporto delle funzioni vitali con il BLS non può ottenere lo stesso risultato: Monitorizzazione ECG Assistenza ventilatoria Assistenza circolatoria Accesso venoso Terapia farmacologica

25

26 Arresto cardio-circolatorio da Tachiaritmia Ventricolare: Immediata perdita del polso pressorio BP

27 Defibrillazione Aspetto e durata della fibrillazione ventricolare Ritmo ECG più frequente in adulti in arresto cardiaco Unico trattamento efficace: defibrillazione Impediscono il ripristino del ritmo: > durata FV, patologia cardiaca sottostante, gravi alterazioni metaboliche Importante minimizzare durata FV (> durata = < probabilità di successo della defibrillazione) FV a basso voltaggio: prognosi vs FV ad alto voltaggio Energia: I shock 200J, II shock 300J, III shock J

28 Terapia farmacologica Compressioni toraciche, controllo vie aeree, ventilazione, defibrillazione (quando necessaria) hanno la precedenza I farmaci vengono più frequentemente utilizzati in asistolia e attività elettrica senza polso Via preferenziale di somministrazione: endovena Accesso venoso preferenziale: vena centrale Vene antecubitale e giugulare esterna sono comunque sedi di prima scelta (cateterismo più semplice senza sospensione manovre rianimatorie) Adrenalina, lidocaina, atropina: anche attraverso tubo OT (dosi ev x 2-2,5)

29 Terapia farmacologica ADRENALINA Meccanismo d azione 1. Proprietà α-adrenergiche (vasocostrizione periferica P diastolica perf.miocardio) 2. Proprietà β-adrenergiche: potenziale danno nell arresto ( rapporto perf. endocardica/perf. epicardica + consumo miocardico O2) 4. Vasocostrittore di scelta nell arresto cardiaco in caso di asistolia o attività elettrica senza polso SOMMINISTRARE QUANDO NON SI OTTENGA RIPRESA DEL CIRCOLO CON RCP

30 Terapia farmacologica LIDOCAINA Meccanismo d azione 1. Antiaritmico che deprime l automatismo ventricolare e sopprime l attività ectopica ventricolare 2. Scarsi effetti emodinamici 3. Aumenta la soglia di defibrillazione dopo 30min dalla somministrazione 4. Linee guida più recenti: terapia farmacologica in caso di FV refrattaria SOMMINISTRARE QUANDO FV E TV PERSISTANO O RICORRANO NONOSTANTE BLS, TERAPIA ELETTRICA E ADRENALINA

31 Terapia farmacologica AMIODARONE Meccanismo d azione 1. Bloccante canali Ca ++, Na +, K +, proprietà α e β bloccanti 2. Può provocare ipotensione e bradicardia 3. Innalza la soglia di defibrillazione 4. Linee guida più recenti: trattamento di FV e TV senza polso e trattamento FV refrattaria alla terapia elettrica SOMMINISTRARE QUANDO FV E TV PERSISTANO O RICORRANO NONOSTANTE BLS, TERAPIA ELETTRICA, ADRENALINA E LIDOCAINA

32 Terapia farmacologica BRETILIO TOSILATO Meccanismo d azione 1. Definito in passato l antifibrillatorio per eccellenza 2. Riduce eterogeneità del potenziale d azione fra miocardio normale ed ischemico possibilità di rientro dell aritmia senza soppressione dell automatismo ventricolare 3. Iniziale rilascio di noradrenalina; dopo 45-60min, invece, massimo riassorbimento noradrenalina dalle terminazioni nervose possibile grave ipotensione 4. Lascia invariata la soglia di defibrillazione ESCLUSO DALLE PIU RECENTI LINEE GUIDA

33 Terapia farmacologica ATROPINA Meccanismo d azione 1. Azione vagolitica 2. Spesso somministrata in caso di arresto cardiaco per asistolia o attività elettrica senza polso bradiaritmica 4. Ha scarsi effetti collaterali 5. Dose di 0.04mg/Kg = massima vagolisi midriasi fissa dopo ripresa del circolo (fare attenzione nella valutazione neurologica!) IMPIEGO NELL ASISTOLIA E NELL ATTIVITA ELETTRICA SENZA POLSO DOPO BLS E ADRENALINA

34 Terapia farmacologica SODIO BICARBONATO Meccanismo d azione 1. L acidosi abbassa la soglia di fibrillazione e l acidosi respiratoria ostacola la risposta fisiologica alle catecolamine 2. In realtà l acidosi non appare particolarmente grave nei primi 15-20min di arresto cardiaco 3. Effetti collaterali in caso di arresto (aggraverebbe l acidosi intracellulare e cerebrale) 4. Utilizzo pilotato da emogasanalisi! IMPIEGO LIMITATO AD ARRESTO CARDIACO IPERPOTASSIEMICO, ACIDOSI GRAVE PREESISTENTE, OVERDOSE DA TRICICLICI O FENOBARBITALE

35 Terapia farmacologica Farmaci dell ACLS nell adulto (somministrazione ev) farmaco dose intervallo dose max Adrenalina 1mg 3-5min nessuna (Se non efficace: 3-7mg 3-5min nessuna) Lidocaina 1,5mg/Kg 3-5min 3mg/kg Amiodarone 300mg 3-5min 2g Bretilio tosilato 5mg/kg 5min 10mg/kg Atropina 1mg 3-5min 0,04mg/kg Sodio Bicarbonato 1mEq/kg al bisogno vedi ph

36 Algoritmo 1: trattamento dell emergenza cardiologica Soggetto incosciente con possibile arresto cardiaco Attiva il sistema di emergenza! A: controlla le vie aeree e valuta il respiro B: 2 ventilazioni efficaci C: verifica la circolazione Circolo assente! Non respira! C: inizia le compressioni sternali D: collega il monitor/defibrillatore appena possibile FV/TV Continua la RCP, valuta il ritmo NON FV/TV

37 Algoritmo 1: trattamento dell emergenza cardiologica FV/TV Continua la RCP, valuta il ritmo NON FV/TV Tenta la defibrillazione Fino a 3 scariche se FV persiste Asistolia o attività elettrica senza polso RCP per 1min. RCP per 3min. ABCD della valutazione secondaria A: intubazione B: ventilazione, ossigenazione C: accesso venoso C: adrenalina 1mg, ogni 3-5min. D: diagnosi differenziale (cercare/trattare cause reversibili)

38 Algoritmo 2: trattamento della FV ABCD della valutazione primaria A-B-C: vedi prima D: valuta e defibrilla se FV/TV senza polso, fino a 3 vv FV/TV persistente o ricorrente! ABCD della valutazione secondaria A: controllo strumentale prima possibile B: tubo OT, corretta ossigenazione e ventilazione C: accesso venoso, valutazione ritmo su un monitor D: diagnosi differenziale, trattare cause reversibili Adrenalina 1mg in bolo ev, ripetibile ogni 3-5min! Riprendere i tentativi di defibrillazione Terapia farmacologica: lidocaina, amiodarone, Mg ++ (se ipomagnesemia), procainamide (FV/TV intermittente-ricorrente)

39 Algoritmo 3: trattamento attività elettrica senza polso ABCD della valutazione primaria A-B-C: vedi prima D: valuta e defibrilla se FV/TV senza polso ABCD della valutazione secondaria A-B-C: vedi prima D: cerca eventuali emorragie occulte (pseudo-pea) Ipotesi diagnostiche: ipovolemia, ipossia, acidosi, iper/ipo-k + emia, ipotermia, tamponamento, pnx iperteso, trombosi coronarica, embolia polmonare, farmaci/tossici Adrenalina 1mg in bolo ev ripetibile dopo 3-5min Atropina 1mg ev (se PEA con bradicardia) ripetibile dopo 3-5min (dose max 0.04mg/Kg)

40 Algoritmo 4: trattamento dell asistolia ABCD della valutazione primaria, vedi prima C è qualche ragione per non iniziare la RCP? ABCD della valutazione secondaria, vedi prima Pacing transcutaneo, se appropriato Adrenalina 1mg in bolo ev ripetibile dopo 3-5min Atropina 1mg ev (se PEA con bradicardia) ripetibile dopo 3-5min (dose max 0.04mg/Kg) Asistolia persistente? Astenersi dalla rianimazione o interromperla? E da considerare la fine dei tentativi di RCP? C è una situazione clinica inusuale? Protocolli per la cessazione della RCP?

41 Algoritmo 5: trattamento della bradicardia Assoluta (FC < 60bpm) Relativa (FC < vs FC attesa) ABCD della valutazione primaria (ABC di base, disporre di un monitor/defibrillatore) ABCD della valutazione secondaria (ABC avanzato, O2, accesso venoso, liquidi, monitorizzazione segni vitali, ECG a 12 derivazioni, RX torace, anamnesi, esame obiettivo, diagnosi diff.) sì segni/sintomi di scompenso emodinamico? no Atropina 0.5-1mg/Kg Pacing transcutaneo Dopamina 5-20µg/Kg/min Adrenalina 2-10 µg/kg/min Blocco AV II-III grado? Se sì, preparare il pacing transvenoso; in attesa: pacing transcutaneo

42 Algoritmo 6: trattamento della tachicardia stabile senza segni/sintomi gravi Identificare la tachicardia Fibrillazione atriale Flutter Emodinamica instabile? Funzione cardiaca alterata? Presenza di WPW? Durata > o < 48h? Tachicardia a complessi stretti ECG a 12 derivazioni Raccolta dati clinici Manovre vagali Adenosina Tachicardia stabile a complessi larghi di tipo sconosciuto ECG a 12 derivazioni Derivazione esofagea Raccolta dati clinici Diagnosi tachicardia: Tachicardia ventricolare Trattare i casi instabili - Striale ectopica Tachicardia sopraventricolare Controllare FC Convertire il ritmo - Striale multifocale TRATTAMENTO - Parossistica Sopraventricolare Somministrare anticoagulanti TRATTAMENTO TRATTAMENTO

43 FC > 150bpm Algoritmo 7: trattamento della tachicardia instabile con segni/sintomi gravi FC < 150bpm Cardioversione immediata (può essere preceduta da trattamento farmacologico specifico per il tipo di tachicardia) Generalmente non necessaria la cardioversione immediata saturimetro, aspiratore, accesso venoso, tubo OT Quando possibile, premedicazione Cardioversione sincronizzata: Tachicardia ventricolare Tachicardia sopraventricolare FA, flutter 100J, 200J, 300J, 360J

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

Metodo clinico della medicina d emergenza

Metodo clinico della medicina d emergenza Metodo clinico della medicina d emergenza Luigi Aronne Il primo approccio ad un soggetto in pericolo di vita va sotto il nome di valutazione primaria, nel corso della quale si effettuano, nel minor tempo

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

L arresto cardiocircolatorio

L arresto cardiocircolatorio Michele Gallina L arresto cardiocircolatorio Definizione L arresto della attività cardiaca, dunque del circolo sanguigno, dovuto a condizione patologica meccanica (ischemia, scompenso), aritmica (fibrillazione,

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in

L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in IL SISTEMA 118 E LA RETE CLINICA: una necessaria integrazione tra territorio e ospedale. da incentivare e concretizzare L inquadramento clinico e terapeutico del paziente in arresto, periarresto o con

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010)

A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria. Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) A.R.E.S. Agenzia di Ricerca e di Educazione Sanitaria Corso BLSD Esecutore per personale sanitario (LINEE GUIDA A.H.A. 2010) DEFINIZIONE DI ARRESTO CARDIACO BRUSCA CESSAZIONE DELLA FUNZIONE DI POMPA DEL

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICHE E DELLA RIPRODUZIONE UMANA U.O.C. di CLINICA GINECOLOGICA e OSTETRICA

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

Icorsi di Basic Life Support (BLS)

Icorsi di Basic Life Support (BLS) Le tecniche di rianimazione cardiopolmonare La scienza della rianimazione è in continua evoluzione e le indicazioni devono essere aggiornate per seguire il progresso scientifico e indirizzare il personale

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

BLS Basic Life Support

BLS Basic Life Support BLS Basic Life Support Linee guida Franco Marinangeli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di L AquilaL Dicembre 2005 ILCOR (International( Liaison Committee on Resuscitation) AMERICAN

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

SOCIETA NAZIONALE DI SALVAMENTO VERONA

SOCIETA NAZIONALE DI SALVAMENTO VERONA B.L.S.: EMERGENZE in ambiente acquatico SOCIETA NAZIONALE DI SALVAMENTO VERONA I PROTOCOLLI SALVAVITA Il sostegno delle funzioni vitali Basic Life Support (B.L.S.) è l insieme delle manovre salvavita che

Dettagli

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD?

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD? Basic Life Support Defibrillation - Holistic Square INTRODUZIONE: La morte cardiaca improvvisa è causata nell 80%- 90% dei casi da aritmie ipercinetiche a carico dei ventricoli :tachicardia ventricolare

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE R. Feminò. Definizione di Morte Improvvisa Cardiaca (MIC) ed Arresto Cardiaco (AC)

ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE R. Feminò. Definizione di Morte Improvvisa Cardiaca (MIC) ed Arresto Cardiaco (AC) ARRESTO CARDIACO E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE R. Feminò Definizione di Morte Improvvisa Cardiaca (MIC) ed Arresto Cardiaco (AC) Per morte improvvisa cardiaca (MIC) si intende la morte naturale dovuta a cause

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009 BLS basic life support (supporto di base delle funzioni vitali) PER OPERATORI NON SANITARI Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano Ottobre 2009 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Istruttori: FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Angela Bevilacqua BLSD/PBLSD/METAL/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN) Paolo Dadone BLSD/PBLSD/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN e

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

Grafico sopravvivenza/tempo. -50 Tempo

Grafico sopravvivenza/tempo. -50 Tempo RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NELL ADULTO E NEL BAMBINO secondo le linee AHA-IRC-ILCOR 2005 9.1. Il Basic Life Support (BLS) nel paziente adulto L'arresto cardiaco (AC) L arresto cardiaco improvviso

Dettagli

Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione. AOU Sassari BLS-D. Basic Life Support and Defibrillation

Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione. AOU Sassari BLS-D. Basic Life Support and Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. Anestesia e Rianimazione AOU Sassari BLS-D Basic Life Support and Defibrillation A cura di: Prof. Luca Brazzi Dott.ssa Elena Mannu Dott. Giacinto Staffa Dott. Daniel

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

Importanza del B.L.S.

Importanza del B.L.S. Importanza del B.L.S. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza: Ospedale Buccheri La Ferla FBF, Via Messina

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS

ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Congresso Nazionale IRC Expo Napoli Congress Palace, Napoli 6-7 Giugno 2008 INTEGRAZIONE DELL ECOGRAFIA ECOGRAFIA NELLA GESTIONE DEL PERIARRESTO E NELL ALGORITMO ALS Gian A. CIBINEL Istruttore e Direttore

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico)

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico) CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI REGGIO EMILIA VOLONTARI DEL SOCCORSO VOLONTARI SI NASCE SOCCORRITORI SI DIVENTA! BASIC LIFE SUPPORT -PERSONALE LAICO- ED. 2010 HTTP://WWW.CRI.RE.IT 1 Introduzione

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.

Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n. TITOLO Corso teorico pratico per i lavoratori addetti al Pronto Soccorso Aziendale Aziende di gruppo A (D.Lgs. 626/94 D.M. 15 luglio 2003 n.388) OBIETTIVI GENERALI Saper riconoscere tempestivamente le

Dettagli

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato Rianimazione Neonatale Circa il 10% dei neonati necessita di rianimazione alla nascita Circa l 80% l dei neonati con peso alla nascita < 1500 g. deve essere rianimato La necessita di rianimazione puo essere

Dettagli

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE?

TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? TRASPORTO DEL CARDIOPATICO INSTABILE: IL MEZZO AEREO RAPPRESENTA SEMPRE LA SCELTA OTTIMALE? Dott. Davide Cordero ASL 5 Ospedali Riuniti UOA Anestesia Rianimazione Servizio Regionale Piemonte Elisoccorso

Dettagli

Presentazione Francesco Feoli Massimiliano Gervasi

Presentazione Francesco Feoli Massimiliano Gervasi Copertina Presentazione Insegnando da diversi anni ai volontari del soccorso, abbiamo ritenuto opportuno produrre questo piccolo manuale pratico e di facile consultazione, che definiremmo essenziale a

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

Certificazione Regionale BLSD

Certificazione Regionale BLSD INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio Il razionale della defibrillazione precoce La catena della sopravvivenza BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Principi generali Defibrillatori esterni Il danno

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza BLSD BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Rianimazione Cardio-Polmonare di Base e Defibrillazione precoce per la cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010

Dettagli

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia

Il Ritmo sinusale. La bradicardia. La tachicardia U.O. di Cardiologia Ospedale Civile di Venezia Direttore Dott. Gabriele Risica I RITMI CARDIACI E LE ARITMIE AUTORE: : Diego Giubilato OBIETTIVI: Apprendere i principi generali del sistema di conduzione

Dettagli

Basic Life Support Early-Defibrillation

Basic Life Support Early-Defibrillation QUADERNO DI LAVORO Basic Life Support Early-Defibrillation Secondo le linee guida IRC 2006/ILCOR-ERC 2005 Provincia Autonoma di Trento Servizio Sanitario Provinciale Presentazione Il trattamento tempestivo

Dettagli

Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000

Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000 Anita Antonich Corso di Defibrillazione Precoce Versione 2.0 del 18 aprile 2000 Contenuti del Corso : Defibrillazione Cardiaca Precoce con Defibrillatore Semiautomatico - La catena della sopravvivenza

Dettagli

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E

C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E C R O C E R O S S A I T A L I A N A C O M I T A T O C E N T R A L E ORDINANZA COMMISSARIALE N 528/04 DEL 20.07.2004 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO VISTO lo Statuto della Croce Rossa Italiana approvato con

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE ASSOCIAZIONE INSIEME PER IL CUORE O.N.L.U.S. OSPEDALE SAN GIACOMO ASL RMA ARRESTO CARDIACO E RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE 1 U.O.C. Cardiologia UTIC Ospedale San Giacomo ASL RMA Ospedale San Giacomo ASL

Dettagli

Corso Regionale BLS-D

Corso Regionale BLS-D Corso Regionale BLS-D Corso Regionale BLS-D RegioneLombardia 2006 INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio... Il razionale della defibrillazione precoce... La Catena della sopravvivenza... BASIC LIFE

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino

BRADICARDIE PAULETTO MONICA. Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE PAULETTO MONICA Elettrofisiologia ospedale Mauriziano Torino BRADICARDIE FREQUENZA < 60 bmin CAUSE A B DISTURBO della FORMAZIONE dell IMPULSO Bradicardia sinusale Arresto sinusale DISTURBO

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche)

Corso Base. Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) Corso Base Patologie Neurologiche d urgenza (non traumatiche) DISTURBI DELLO STATO DI COSCIENZA Sono alterazioni neurologiche caratterizzate dalla perdita della consapevolezza di sé e del mondo esterno

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. orso per Operatori P.S.T.I. della ROE ROSSA ITALIANA ARRESTO ARDIAO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio onoscere

Dettagli

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012)

PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) PROGETTO BLSD PER I LAICI (Decreto legge 158 13 settembre 2012) BASIC LIFE SUPPORT AND DEFIBRILLATION (rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione) PREMESSA L arresto cardiaco improvviso è la

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

BLS BASIC LIFE SUPPORT

BLS BASIC LIFE SUPPORT SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI BLS BASIC LIFE SUPPORT pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO

IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO CON ACCREDITAMENTO CPD/ECM DELLA REGIONE LOMBARDIA Corsi di aggiornamento per il personale Medico con esercitazioni pratiche: IL TRATTAMENTO DELL ACC INTRAOSPEDALIERO

Dettagli

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica

BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica 2 CONVENTION DELLE UTIC DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA BLSD e Aspetti giuridici della professione infermieristica Laura Pozzo Laura Pozzo ASL TO2 osp. Maria Vittoria Torino La formazione in emergenza di

Dettagli

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI

LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti. Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Guida ai cambiamenti Croce Rossa Italiana Gruppo Nazionale Formatori BLSD CRI LINEE GUIDA ILCOR 2010 Contenuto della presentazione I principali cambiamenti nei protocolli di BLS

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS CARMINE SPERANZA

ASSOCIAZIONE ONLUS CARMINE SPERANZA ASSOCIAZIONE ONLUS CARMINE SPERANZA BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Supporto di base delle funzioni vitali e defibrillazione precoce (secondo le linee guida ERC/IRC 2010) Manuale Pratico Si s t ema Ce

Dettagli

Capitolo 3a. Aggiornamento ILCOR 2010

Capitolo 3a. Aggiornamento ILCOR 2010 Capitolo 3a Aggiornamento ILCOR 2010 Laboratorio Analisi e Sviluppo FORMAZIONE SOCCORRITORI INDICE PREMESSA L Arresto Cardiocircolatorio Il razionale della defibrillazione precoce La catena della sopravvivenza

Dettagli

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore

Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale. Progetto cuore Associazione per la diffusione della cultura al soccorso e aiuto sociale Progetto cuore Prefazione Il Progetto è nato dalla collaborazione tra CRI e AVIS Sez. Bardolino per sensibilizzare la cittadinanza

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione

Advanced Cardiac Life Support Parte I: Introduzione Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli