Ipotensione ortostatica neurogenica. Figura 1: Neuro imaging cardiaco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ipotensione ortostatica neurogenica. Figura 1: Neuro imaging cardiaco"

Transcript

1 1 INDICE: Ipotensione ortostatica neurogenica pag. 2 7; Effetti emodinamici acuti del Tolvaptan pag. 8 13;Progressi nel trattamento dell'arresto cardiaco pag 14 23; ECG di WPW pag 23; L'umanitarismo contro l'umano. Ai nostri malati non stacchiamo la spina pag Ipotensione ortostatica neurogenica La neuro-scintigrafia cardiaca permette di evidenziare direttamente in vivo la denervazione simpatica noradrenergica in pazienti con ipotensione ortostatica neurogenica (fig.1). Figura 1: Neuro imaging cardiaco. La dopamina marcata (6-[ 18 F]Fluorodopamina) evidenzia mediante la scansione tomografica della emissione di positroni (PET) la presenza o meno dell attività noradrenergica nelle cellule miocardiche. L ammoniaca marcata ([ 13 N]NH 3 ) è un agente rivelatore dello stato di perfusione miocardica in un paziente con atrofia multi-sistemica (MSA) e un paziente con morbo di Parkinson in cui è presente ipotensione ortostatica neurogenica (PD+NOH). Nell immagine centrale, il paziente con PD+NOH mostra assenza di radioattività rintracciabile della dopamina marcata (6-[ 18 F]FDA) nel miocardio del ventricolo sinistro, nonostante la normale perfusione evidenziata (a destra) dalla radioattività dell ammoniaca marcata [ 13 N]NH 3. A sinistra, il paziente con MSA evidenzia normale innervazione noradrenergica del miocardio. 1

2 2 LA NUOVA INFORMAZIONE CARDIOLOGICA (NIC) è inviata gratuitamente secondo una mailing list predisposta; si può essere cancellati o essere iscritti per riceverla, inviando la richiesta a: L archivio dei numeri precedenti si trova nel sito: Direttore Responsabile: Prof. Paolo Rossi - Direttore Scientifico: Dott. Eraldo Occhetta Segretario Scientifico: Dott. Gabriele Dell Era - Ipotensiome Ortostatica Neurogenica I pazienti con ipotensione ortostatica neurogenica (NOH) possono essere classificati in termini fisio-patologici in base alla presenza o assenza di denervazione simpatica noradrenergica, con o senza neuro-degenerazione centrale e indipendentemente dal fatto che la diagnosi clinica neurologica sia definita o incerta. 1 Complessivamente, il profilo neuro-chimico permette di identificare 2 gruppi di pazienti: quelli con denervazione noradrenergica post-gangliare, come si verifica in quei casi di morbo di Parkinson (PD) in cui è presente anche ipotensione ortostatica neurogenica (PD+NOH) e nel puro fallimento autonomico (PAF), e quelli invece con innervazione post-gangliare intatta, come nell atrofia multi- sistemica (MSA). L assunzione della posizione ortostatica determina una riduzione della pressione venosa centrale per effetto del sequestro di sangue negli arti inferiori. Nel soggetto

3 3 normale la conseguente riduzione della gittata cardiaca determina un ridotto stiramento dei barorecettori dell arco aortico e del seno carotideo, che induce una inibizione del vago e una conseguente disinibizione dell ortosimpatico. La presenza di disautonomia o di anomalia funzionale riflessa può compromettere l arco riflesso baro recettoriale e determinare ipotensione in conseguenza di stimoli, quali l ortostatismo, che riducono il ritorno venoso al cuore, e sono normalmente inadeguati a generare ipotensione. L ipotensione ortostatica è definita come una riduzione della pressione arteriosa sistolica di almeno 20 mmhg o della pressione diastolica di almeno 10 mmhg, dopo l assunzione attiva della posizione ortostatica oppure dopo ortostatismo passivo fino ad almeno 60 (head up tilt) 2. Nel 1996 un comitato di consenso ha indicato che l ipotensione ortostatica deve essere rilevata entro 3 minuti dall assunzione dell ortostatismo 3. In circa un terzo dei pazienti con persistente e consistente ipotensione ortostatica, si usa il termine ipotensione ortostatica idiopatica in quanto non ne viene identificata la causa, anche dopo un ampia valutazione di laboratorio. 4 In tutti questi casi, si associano anormalità della regolazione riflessa della circolazione mediata dal sistema simpatico noradrenergico, cioè, è una ipotensione ortostatica idiopatica neurogenica. Il fallimento del sistema nervoso simpatico provoca sempre l intolleranza della postura diritta. Per contro, l ipotensione ortostatica è una prova palese del fallimento simpatico. Tale fallimento produce le caratteristiche anormalità da battito a battito della pressione arteriosa associate con la manovra di Valsalva, illustrate nella figura 2. Figura 2: Risposte della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa nelle 4 fasi della manovra di Valsalva Rispetto al soggetto di controllo (sinistra), la manovra di Valsalva nel paziente con ipotensione ortostatica idiopatica neurogenica (destra) è caratterizzata da una progressiva diminuzione della pressione arteriosa durante lo sforzo della compressione toracica a glottide chiusa in fase II (freccia); dopo il rilascio della manovra, la pressione sistolica aumenta lentamente verso il valore basale, nelle fasi III e IV (poligono grigio) e non si verifica l iper-innalzamento pressorio 5,6, sopra la linea base in fase IV (linea nera spessa). Pazienti con ipotensione ortostatica neurogenica presentano anche un fallimento tipico del baro riflesso cardio-vagale. Ciò spiega perché le risposte della frequenza cardiaca alla manovra di Valsalva o alla respirazione profonda siano subnormali. Tali risposte, tuttavia, sono mediate principalmente dal sistema parasimpatico colinergico, e non dal sistema simpatico noradrenergico. L algoritmo clinico per l approccio clinico al paziente con ipotensione ortostatica è descritto nella tabella I.

4 4 Tabella I. Algoritmo per una valutazione clinica della ipotensione ortostatica. Ipotensione ortostatica: persistente, consistente? No: se episodica & inaspettata = considerare sincope neurogenica Si Causa identificabile? (vedi tabelle in appendice) Farmaci: (vasodilatatori, chemioterapici, fenotiazine) Ipovolemia: (disidratazione, perdite ematiche, insufficienza surrenale) Scompenso cardiaco: (blocco cardiaco, stenosi aortica) Ristagno venoso: (prolungata degenza a letto, varicosità accentuate) Neuropatia periferica: (diabete, amiloidosi, alcol) Lesione del sistema nervoso centrale: (lesioni del midollo spinale, siringomielia) Si = trattare la causa sottogiacente No = Neurogenica? : Risposta battito per battito alla manovra di Valsalva Noradrenalina plasmatica in ortostatismo Resistenze vascolari in ortostatismo No = escludere ipovolemia altre cause non neurogeniche Si = denervazione periferica noradrenalinica? : Scintigrafia simpatica cardiaca Catecolamine plasmatiche in supino Sonde neurofarmacologiche No = diagnosi principali: se evidente neuro-degenerazione centrale, MSA (atrofia multi sitemica) se non evidente neuro-degenerazione centrale, AAG (gangliopatia autonomica autoimmune) Si = diagnosi principali: se evidente neuro-degenerazione centrale: PD+NOH (morbo di Parkinson+ipotensione ortostatica neurogenica), LBD (demenza) se non evidente neuro-degenerazione centrale: PAF (fallimento autonomico puro) Cause L ipotensione ortostatica può essere determinata da numerose cause (tab. II): da farmaci, da cause non-neurogeniche, da cause neurogeniche, o essere primaria neurogenica. Tabella II: Cause dell ipotensione ortostatica Primarie Disautonomia acuta o subacuta Pandisautonomia pura Pandisautonomia associata a segni neurologici Disautonomie croniche Disautonomia cronica pura

5 5 Atrofia multisistemica Malattia di Parkinson con disautonomia Secondarie Congenite (deficit fattore di crescita nervoso) Ereditarie (ad esempio, amiloidosi familiare, sindrome Riley Day) Malattie metaboliche Diabete mellito Malattie croniche epatiche e renali Deficit di vitamina B12 Secondarie ad abuso di alcool Malattie infiammatorie Sindrome di Guillain Barré Mielite trasversa Infezioni (batteriche, virali) Intossicazioni (ad esempio, botulismo) Tumori cerebrali e sindromi paraneoplastiche Connettivopatie (ad esempio, LES) Lesioni midollari Farmaci (ad esempio, alfa litici) Sincope neuro mediata Innanzitutto, dovrebbero essere escluse le cause frequenti e reversibili di diminuzioni ortostatiche della pressione arteriosa, quali l emorragia gastrointestinale e l assunzione di nitroglicerina. Secondo, si dovrebbero ricercare le cause identificabili di ipotensione ortostatica. Probabilmente le più frequenti sono medicazioni, ipovolemia, disidrazione, scompenso cardiaco, e malattie in gran parte irreversibili che sono associate con neuropatie autonomiche (quali, diabete mellito, insufficienza renale cronica, e amiloidosi). Sintomatologia L ipotensione ortostatica può essere un segno asintomatico o manifestarsi con sintomi che variano da lieve obnubilamento del sensorio a perdita della coscienza (Tab.III). Frequentemente accade che i pazienti, pur soffrendo d ipotensione ortostatica, non accusino in modo tipico sincopi ricorrenti perché imparano a riconoscere i sintomi premonitori, quali debolezza generale, vertigini, visione evanescente, o lieve cefalea, e a trattarli assumendo subito la posizione supina. Invece, nei pazienti che presentano l intolleranza ortostatica con cadute ricorrenti, si aggiunge un importante fattore di rischio da fratture dell anca e da traumi cranici.

6 6 Tabella III: Sintomatologie presincopali dell ipotensione ortostatica, che precedono la perdita di coscienza Ipoperfusione cerebrale Capogiro/sensazione di mancamento Disturbi visivi Visione offuscata Visione a cannocchiale Amaurosi Scotomi Disturbi della visione dei colori Confusione o disturbi cognitivi Ipoperfusione muscolare Cervicalgia o dolore occipitale Lombalgia Ipoperfusione cardiaca Angina pectoris (raramente) Ipoperfusione renale Altri Oliguria Debolezza, affaticamento Cadute Ẻ inoltre possibile che, compresente all ipotensione ortostatica, si manifesti ipertensione arteriosa in posizione supina, anche in forma grave. 7 La combinazione di ipotensione ortostatica e ipertensione supina pone uno stimolante dilemma clinico poiché il medico deve bilanciare il rischio di ipertensione arteriosa cronica verso il rischio immediato di cadute e conseguenti eventi morbosi. Indice neurochimico Un indice neurochimico per rilevare l ipotensione ortostatica neurogenica è la risposta della noradrenalina plasmatica all ortostasi. Normalmente, i livelli della noradrenalina plasmatica si raddoppiano in 5 minuti di posizione eretta. Nella ipotensione ortostatica neurogenica, la noradrenalina plasmatica di solito aumenta di <60% o di < 1 nmol/l ( 150 pg/ml). 8 La denervazione simpatica noradrenergica si associa non solo con diminuito ricambio di noradrenalina, (bassi livelli plasmatici di DHPG), ma anche con ridotta assunzione neuronale di noradrenalina dallo spazio extracellulare. Complessivamente, con il profilo neurochimico s identificano 2 gruppi di pazienti: quelli con denervazione noradrenergica post-gangliare, come nel PD+NOH and PAF, e quelli con integra innervazione post-gangliare, come in MSA. 1 Cenni di terapia

7 7 In relazione alla gravità dell insufficenza della funzione baro-riflessa, i pazienti con denervazione noradrenergica periferica presentano risposte più ampie ai farmaci che incrementano l occupazione di adrenorecettori e risposte minori ai farmaci che promuovono il rilasciamento di noradrenalina. Nell ipotensione ortostatica neurogenica con denervazione noradrenergica periferica, una volta accertata la iper-regolazione di adrenorecettori, sembrerebbe appropriato un agonista che agisce direttamente sugli adreno-recettori. La midrodrina (prodotto dalla GUTRON (Nycomed)), è l unico agonista degli α-adrenorecettori attivo per via orale. Pazienti con denervazione noradrenergica potrebbero rispondere bene alla ioimbina o ad una amina simpatico-mimetica indiretta. Se i pazienti con ipotensione ortostatica rimangono sintomatici nonostante il trattamento con questi farmaci possono anche essere trattati con fluidrocortisone, steroide che trattiene il sodio (in dieta con molto sale), octreotide, o desmopressina in quanto tali sostanze svolgono meccanismi di azione separati da quelli dei farmaci che agiscono direttamente o indirettamente su gli adrenorecettori. A causa di una ipertensione supina, farmaci che aumentano la pressione arteriosa dovrebbero essere somministrati soltanto durante le ore di attività. Di notte, i pazienti dovrebbero essere istruiti a dormire con la testa del letto elevata. Stando a letto, i pazienti con ipertensione supina potrebbero assumere medicamenti che includono nitrati o calcio antagonisti come la nifedipina. Questi farmaci dovrebbero essere usati con grande cautela durante le ore di attività perché l insufficienza del baro riflesso simpatico provoca ampie risposte ipotensive in tutti i pazienti con ipotensione ortostatica, indipendentemente dalla diagnosi clinica. Bibliografia 1. Goldstein D S., Sharabi Y. Neurogenic Orthostatic HypotensionA Pathophysiological Approach. Circulation. 2009;119: Mathias CJ, Kimber JR (1999) Postural hypotension: causes,clinical features, investigation, and management. Annu Rev Med 50: The Consensus Committee of the American Autonomic Society and the American Academy of Neurology (1996) Consensus statement on the definition of orthostatic hypotension, pure autonomic failure, and multiple system atrophy. Neurology 46(5): Robertson D, Robertson RM. Causes of chronic orthostatic hypotension. Arch Intern Med. 1994; 154: Goldstein DS, Tack C. Non-invasive detection of sympathetic neurocirculatory failure. Clin Auton Res. 2000; 10: Vogel ER, Sandroni P, Low PA. Blood pressure recovery from Valsalva maneuver in patients with autonomic failure. Neurology. 2005; 65: Goldstein DS, Pechnik S, Holmes C, Eldadah B, Sharabi Y. Association between supine hypertension and orthostatic hypotension in autonomic failure. Hypertension. 2003; 42: Ziegler MG, Lake CR, Kopin IJ. The sympathetic-nervous-system defect in primary orthostatic hypotension. N Engl J Med. 1977; 296: Prof. Paolo Rossi primario cardiologo Novara.

8 8 Effetti emodinamici acuti del Tolvaptan (bloccante dei recettori V2 della Vasopressina ), nei pazienti con scompenso cardiaco sintomatico e disfunzione sistolica. Acute hemodynamic effects of Tolvaptan, a Vasopressin V2 receptor blocker, in patients with symptomatic heart failure and systolic disfunction. Udelson JE., Orlandi C., Ouyang J. et al. JACC 2008; 52: Background. E stato riscontrato che i livelli plasmatici di vasopressina sono aumentati nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica del ventricolo sinistro 1. Ciò può favorire la ritenzione idrica con conseguenti alterazioni della emodinamica. Il Tolvaptan è un antagonista selettivo della vasopressina ed agisce bloccando i recettori V2 a livello renale 2. E stato inoltre dimostrato che l uso di Tolvaptan aumenta la diuresi e provoca riduzione del peso corporeo e, di conseguenza, un rapido miglioramento della sintomatologia, nei pazienti ricoverati per una riacutizzazione di scompenso cardiaco 3. Relativamente poco si sa sugli effetti emodinamici degli antagonisti della Vasopressina. L obiettivo di questo studio è stato quindi di valutare l impatto dell uso del Tolvaptan sui parametri emodinamici, in pazienti con scompenso cardiaco avanzato. Metodi. Lo studio è stato multicentrico, prospettico, randomizzato, in doppio cieco. Sono stati arruolati pazienti con scompenso cardiaco (riscontrato da almeno 3 mesi) in classe NYHA III o IV e con frazione di eiezione inferiore a 40%. I pazienti dovevano assumere una terapia ottimizzata per lo scompenso cardiaco da almeno 1 mese. La presenza di valori di pressione arteriosa sistolica inferiore a 90 mmhg o di creatininemia superiori a 3 mg/dl, era considerata criterio di esclusione. I pazienti venivano sottoposti a cateterismo destro e, dopo un periodo di stabilizzazione, venivano arruolati allo studio in presenza di una pressione capillare polmonare (PCWP) maggiore di 18 mmhg in 2 determinazioni. Successivamente sono stati randomizzati alla somministrazione orale, in doppio cieco, di placebo o di una di tre dosi di Tolvaptan (15, 30 o 60 mg). I parametri vitali, emodinamici e renali sono stati raccolti nelle successive 8 ore, mantenendo la terapia (anche diuretica) in atto e somministrando 250 cc di liquidi ogni 2 ore.

9 9 End point primario è stata la variazione del picco di pressione capillare polmonare a 3-8 ore dalla somministrazione, mentre tra gli end points secondari vi erano le variazioni di altri parametri emodinamici e renali e degli elettroliti serici. Risultati. Nello studio sono stati arruolati 181 pazienti (caratteristiche cliniche in Tabella I). Tabella I: caratteristiche cliniche della popolazione Tutte le dosi di Tolvaptan in studio hanno provocato una significativa riduzione della pressione capillare polmonare e della pressione arteriosa polmonare rispetto al placebo (Tabella II). Tabella II: effetti del Tolvaptan sui parametri emodinamici Inoltre le tre dosi di Tovaptan hanno provocato rispetto al placebo, un incremento significativo e dose dipendente della diuresi nelle 12 ore successive alla

10 10 somministrazione. L osmolalità delle urine è risultata più bassa nei pazienti cui era stato somministrato il farmaco in studio (Figura 1). Figura 1: variazione medie del volume urinario (alto) e dell osmolalità delle urine (basso) rispetto al placebo, delle varie dosi di Tolvaptan (p< per tutti i confronti). Infine l uso di Tolvaptan ha provocato un incremento modesto dei valori di sodiemia. Non si sono evidenziate invece sostanziali differenze per quanto riguarda la funzionalità renale e la potassiemia. Discussione. I risultati dello studio evidenziano che l uso di Tolvaptan in pazienti con scompenso cardiaco avanzato, provoca in acuto un modesto miglioramento dei valori emodinamici associato ad incremento della diuresi. L incremento della diuresi è risultato dose dipendente, mentre gli effetti emodinamici non sembrano legati all incremento della dose di farmaco. Secondo gli Autori, questi risultati spiegano il meccanismo fisiologico alla base dei risultati ottenuti nello studio Everest. In tale studio i pazienti con scompenso cardiaco acuto sono stati sottoposti a terapia con Tolvaptan alla dose di 30 mg o placebo (oltre

11 11 alla terapia standard dello scompenso cardiaco). In acuto si è osservato un significativo miglioramento della dispnea e degli edemi con riduzione del peso corporeo 3. L aumento della diuresi provoca una riduzione del volume circolante con conseguente miglioramento dei dati emodinamici e dei sintomi. Inoltre la ridotta escrezione di sodio causa l aumento della sodiemia. Entrambi i meccanismi sono favoriti dalla inibizione della vasopressina causata dal blocco del recettore V2 a livello renale. Gli effetti emodinamici riscontrati nello studio sono modesti e sicuramente minori di quelli ottenuti con sostanze quali il levosimendan o la nesiritide: gli Autori comunque sottolineano come la maggior riduzione della pressione capillare polmonare riportata con l uso di tali farmaci sottopone i pazienti a maggior rischio di fenomeni ipotensivi che non sono invece segnalati con l uso di Tolvaptan 4. Commento. La vasopressina è un nonapeptide prodotto nell ipotalamo ed immagazzinata nell ipofisi da dove viene secreta in condizioni di disidratazione ed aumentata osmolarità del sangue (soprattutto in presenza di aumentata concentrazione di sodio). L azione dell ormone a livello renale (recettori V2), provoca restrizione della diuresi ed aumentata secrezione di sodio. L ormone, tramite i recettori V1a invece, provoca vasocostrizione a livello arterioso. Inoltre a livello miocardio (sempre tramite i recettori V1a) la vasopressina sarebbe in grado di provocare ipertrofia ventricolare sinistra 2 (Figura 2). Figura 2:Azioni della vasopressina a livello vascolare, cardiaco e renale (da Goldsmith et al. 2 ) Per ragioni ancora poco chiare, nei pazienti con scompenso cardiaco acuto o cronico la vasopressina risulta aumentata 1. Analogo aumento della vasopressina è presente anche nei pazienti con ridotta funzione ventricolare sinistra non ancora clinicamente scompensati. La combinazione di ritenzione idrica (con aumento del precarico) e di vasocostrizione (con aumento del postcarico) contribuirebbe (insieme all azione diretta dell ormone sulle cellule miocardiche) al rimodellamento negativo evidente nello scompenso cardiaco 2. Inoltre la contemporanea presenza di iponatriemia che è facile osservare in questi pazienti, ha un riconosciuto valore prognostico negativo 5. L attuale terapia dello scompenso cardiaco è basata sull uso di ACE inibitori, sartanici, betabloccanti e diuretici. Nella fase acuta dello scompenso cardiaco, la terapia chiave è tuttora rappresentata dall uso di diuretici ad alte dosi per ridurre il volume di liquidi circolanti tramite la stimolazione della diuresi. Ben conosciuti sono gli effetti collaterali

12 12 di tale terapia: peggioramento della funzionalità renale, ipotensione, disturbi elettrolitici (ipopotassiemia o iposodiemia). Il razionale dell uso di antagonisti del recettore V2, si baserebbe sulla necessità di aumentare la secrezione di acqua favorendo al contrario il mantenimento dei valori di sodiemia. Gli studi condotti sull uomo con tali farmaci (p.e. Tolvaptan o Lixivaptan) hanno dimostrato una capacità di aumentare la diuresi senza incrementare la secrezione di sodio (effetto acquaretico ma non saliuretico ). Tali farmaci sono inoltre risultati ben tollerati dimostrando come effetto collaterale più evidente la sete 4. Lo studio Everest 4 (multicentrico, prospettico, randomizzato ed in doppio cieco) prevedeva la randomizzazione di pazienti con frazione di eiezione inferiore a 40% e con riacutizzazione di una scompenso cardiaco cronico, alla somministrazione di placebo o Tolvaptan 30 mg (oltre alla classica terapia dello scompenso cardiaco). Sono stati randomizzati 4133 pazienti. Durante il follow up, non si sono registrate differenze statisticamente significative né per la mortalità totale né per l endpoint combinato di mortalità cardiovascolare + ospedalizzazione per scompenso cardiaco (Figura 3). Figura 3: Curve di Kaplan Meier della mortalità globale ( a sinistra) e di mortalità cardiovascolare + ospedalizzazioni per scompenso cardiaco ( a destra) 4 Due sottostudi sono stati condotti collateralmente per testare gli effetti clinici a breve termine del Tolvaptan 3. Gli Autori hanno dimostrato come l aggiunta di un antagonista dei recettori V2 alla terapia classica dello scompenso cardiaco, provochi nel breve periodo (1 o 7 giorni dall inizio della terapia) miglioramento di alcuni dei segni o sintomi dello scompenso con maggior riduzione di edemi e dispnea e maggior aumento della diuresi e della riduzione del peso corporeo, rispetto ai pazienti a cui era stato somministrato placebo. Inoltre ai pazienti randomizzati al Tolvaptan, è stato possibile utilizzare una dose minore di diuretici dell ansa. Lo studio di Udelson e coll. si prefigge di svelare gli effetti emodinamici che sono alla base di questi miglioramenti acuti conseguiti dalla terapia con Tolvaptan. Lo studio considera 181 pazienti con disfunzione sistolica (frazione di eiezione inferiore a 40%) in classe NYHA III o IV e con elevata wedge pressure (maggiore di 18 mmhg). Le tre dosi considerate di Tolvaptan (15, 30 e 60 mg) hanno provocato una riduzione analoga della wedge pressure e della pressione arteriosa polmonare ed un aumento dose dipendente della diuresi. Inoltre il Tolvaptan ha provocato, rispetto al placebo, un modesto e dose dipendente aumento della sodiemia.

13 13 In definitiva, gli antagonisti della vasopressina sono in grado, mediante l aumento della diuresi (senza contemporaneo aumento della secrezione di sodio), di migliorare l emodinamica del paziente scompensato portando ad un miglioramento acuto di alcuni dei segni o sintomi di scompenso cardiaco. Questo avviene senza manifestare gli effetti collaterali dei farmaci abitualmente utilizzati in queste condizioni (soprattutto i diuretici) ma anzi si sono dimostrati in grado di aumentare i valori di sodiemia nei pazienti iposodiemici 7. Non è stato tuttavia possibile ad oggi, dimostrare che tali farmaci migliorano la sopravvivenza del paziente con scompenso cardiaco acuto o cronico 4. L uso in cronico del Tolvaptan è stato inoltre associato ad effetti collaterali non pericolosi ma fastidiosi come la sete o la secchezza delle fauci (a volte con necessità di sospensione della terapia). L uso dei bloccanti dei recettori V2 quindi, può essere considerato utile, per ora, nelle fasi di riacutizzazione di uno scompenso cardiaco cronico, in associazione alla terapia standard (e non in sostituzione ai diuretici) soprattutto in presenza di iposodiemia. Ulteriori studi, anche con l uso di bloccanti di entrambi i recettori (V2 e V1a), sono attesi nei prossimi anni per verificare le potenzialità di tali molecole anche nel migliorare la prognosi del paziente con scompenso cardiaco cronico. Risulta inoltre necessario valutare l efficace dei bloccanti dei recettori della vasopressina anche in pazienti con scompenso cardiaco acuto di nuova insorgenza, con scompenso cardiaco avanzato o in presenza di scompenso con funzione sistolica conservata. Bibliografia 1. Goldsmith SR,Francis GS, Cowley AW et al. Increased plasma arginine Vasopressin in patients with congestive heart failure.j Am Coll Cardiol 1983; 1: Goldsmith SR, Gheorghiade M. Vasopressin antagonism in heart failure. J Am Coll Cardiol; 2005; 46: Gheorghiade M, Konstam MA, Burnet JC et al. Short term clinical effects of Tolvaptan, an oral Vasopressin antagonist, in patients hospitalized for heart failure: results of the EVEREST clinical status trial. JAMA 2007; 297: Konstam MA, Gheorghiade M, Burnet JC et al. Effect of oral Tolvaptan in patients hospitalized for worsening heart failure: results of the EVEREST outcome study. JAMA 2007; 297: De Luca L, Klein L, Udelson JE et al. Hyponatremia in patients with heart failure. Am J Cardiol 2005; 19L-23L 6. Gheorghiade M, Gattis WA, O Connor CM et al. Effects of Tolvaptan, a Vasopressin antagonist, in patients hospitalized with worsening heart failure: a randomized controlled trial (ACTIV). JAMA 2004; 291: Schrier RW, Gross P, Gheorghiade M et al. Tolvaptan, a selective oral Vasopressin V2- receptor antagonist, for Hyponatremia. N Engl J Med 2006; 355: Dott. Paolo Devecchi Divisione Clinicizzata di Cardiologia A.O.U. Maggiore della Carità. Novara Tel

14 14 Gordon A. Ewy, Karl B. Kern: Recent Advances in Cardiopulmonary Resuscitation Cardiocerebral Resuscitation. J Am Coll Cardiol 2009;53: La rianimazione cardio-cerebrale (CCR, cardiocerebral resuscitation) rappresenta un nuovo approccio alla rianimazione dei pazienti colpiti da arresto cardiaco provocato da fibrillazione ventricolare (FV); tale approccio si è dimostrato in grado di aumentare significativamente la sopravvivenza libera da sequele neurologiche 1-5. La rianimazione cardio-cerebrale presenta tre pilastri fondamentali (tabella 1): esecuzione continua di compressioni toraciche durante la fase di supporto vitale basale (BLS = Basic Life Support); nuovo algoritmo di supporto vitale cardiaco avanzato (ACLS = Advanced Cardiac Life Support); terapia aggressiva post-rianimatoria, che può comprendere l induzione di ipotermia terapeutica ed uno studio di cateterismo cardiaco precoce seguito o meno da un intervento coronarico percutaneo. CCC = compressione toracica continua; CCR = rianimazione cardio-cerebrale; FV non trattata (es. >5 min.); 200 CCCS = 200 compressioni del torace

15 15 Durante l arresto cardiaco in presenza di testimoni, nella rianimazione cardiocerebrale, a differenza della rianimazione cardio-polmonare, le manovre rianimatorie ad opera di astanti non esperti prevedono compressioni continue del torace non accompagnate dalla respirazione bocca a bocca. Per quanto riguarda il supporto vitale cardiaco avanzato, viene raccomandata la defibrillazione immediata oppure ritardata, sulla base del modello trifasico della fibrillazione ventricolare elaborato da Weisfeldt e Becker 6. La defibrillazione immediata è raccomandata se i soccorritori hanno accesso ad un defibrillatore automatico esterno oppure nel caso in cui il personale di emergenza giunga sul luogo durante la fase elettrica della FV, cioè entro 4-5 minuti dalla sua insorgenza 1. Tuttavia, il personale di emergenza spesso giunge sul luogo dopo la fase elettrica, cioè nella fase circolatoria della FV 2. Durante tale fase, il miocardio fibrillante ha già consumato gran parte delle sue riserve energetiche; pertanto la compressione toracica, che è necessaria affinché si abbia perfusione miocardica, deve essere effettuata prima ed immediatamente dopo la defibrillazione 1,7,8. L intubazione endotracheale viene posticipata e va evitata un eccessiva ventilazione, mentre è raccomandata la somministrazione precoce di adrenalina 1,3 (figura 1). Figura 1: Protocollo della rianimazione cardio cerebrale. Il personale di emergenza, all arrivo sul luogo, deve eseguire in prima istanza 200 compressioni toraciche, tranne nel caso in cui esse non siano già state eseguite da soccorritori non esperti che si trovavano sul posto. In questo caso, il personale di emergenza potrà direttamente eseguire l analisi del ritmo cardiaco tramite defibrillatore. Se non sono intervenuti soccorritori prima dell arrivo del personale di emergenza, l analisi del ritmo cardiaco dovrà essere preceduta dall esecuzione di 200 compressioni toraciche. È importante ottenere un completo rilascio della parete toracica dopo ciascuna compressione. Le compressioni devono essere eseguite ad un ritmo di 100/minuto. Se necessario, dopo l analisi del ritmo sarà erogato uno shock elettrico. Dopo l erogazione della scarica, il personale di emergenza dovrà riprendere immediatamente le compressioni toraciche; dopo l esecuzione di 200 compressioni toraciche, verrà eseguita nuovamente l analisi del ritmo cardiaco ed andrà ricercata la presenza del polso. Tale sequenza andrà ripetuta finché il paziente non mostrerà segni di ripresa o il ritmo cardiaco non sarà ritornato regolare. Se ciò non si verifica dopo 3 sequenze ripetute, si procederà con l intubazione del paziente. Durante i 3 cicli di rianimazione cardio cerebrale, non è infatti prevista l intubazione del paziente ma solo l insufflazione passiva di ossigeno ad alto flusso (da 10 a 15

16 16 l/minuto). Nel paziente che rimane incosciente o non respira in modo adeguato, è raccomandata l intubazione prima del trasferimento in ospedale. Per evitare una ventilazione eccessiva, è raccomandato, quale approccio iniziale alla ventilazione, la somministrazione passiva di ossigeno 9,10. La rianimazione cardiocerebrale si è dimostrata in grado di aumentare notevolmente la sopravvivenza nei pazienti con arresto cardiaco in presenza di testimoni e con ritmo defibrillabile 3-5. Nella fase post-rianimazione, nei pazienti in stato comatoso sono raccomandati sia l ipotermia sia il cateterismo cardiaco (in assenza di controindicazioni), anche in assenza dei classici segni elettrocardiografici di infarto o ischemia. La rianimazione cardio-cerebrale non è raccomandata nei pazienti con arresto respiratorio, in quanto tali pazienti richiedono una precoce ventilazione; in questo caso, rimangono valide le raccomandazioni delle linee guida della rianimazione cardiopolmonare (cardiopulmonary resuscitation, CPR) 11. I protocolli di CRP e CCR sono confrontati nella tabella 2. Tabella 2. Confronto tra rianimazione cardiocerebrale e Rianimazione cardiopolmonare. ACLS = advanced cardiac life support Commento alla tabella 2. Per anni la rianimazione cardio-polmonare ha rappresentato il gold standard nell ambito di un complesso contesto clinico, quale è l arresto cardiaco. Tuttavia, nonostante su questo tema l ultimo aggiornamento delle Linee-guida ACC/AHA raccomandi un rapporto compressione/ventilazione di 30:2, le evidenze scientifiche a suffragio di tale schema sono modeste. I modelli sperimentali hanno, diversamente, messo in luce il ruolo della rianimazione cardio-cerebrale, il cui scopo fondamentale è quello di garantire un flusso ematico costante, attraverso continue compressioni. In tal modo, non andrebbero persi i fatidici 16 secondi per le due compressioni, tempo durante il quale l afflusso ematico al distretto encefalico si azzera, causando frequentemente danni irreversibili, accompagnati da sequele neurologiche gravemente disabilitanti. In aggiunta, la rianimazione cardio-cerebrale si è dimostrata, sia nel modello sperimentale che in quello umano, superiore al classico

17 17 schema rianimatorio, in termini di ridotta mortalità ed aumentata sopravvivenza libera da complicanze neurologiche. I pazienti che sembrerebbero maggiormente giovare di questa tecnica sono quelli con fibrillazione ventricolare e ritmo defibrillabile. Resuscitazione cardio polmonare (CPR): deludenti tassi di sopravvivenza. La morte cardiaca improvvisa rappresenta una delle principali cause di morte nei paesi industrializzati 12 ; negli Stati Uniti, ad esempio, essa è, in ordine di frequenza, seconda soltanto alle morti di natura neoplastica 13. I tassi di sopravvivenza nei pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero rimangono tuttora deludenti, dal momento che si attestano appena sopra l 1% 14. I tassi di sopravvivenza aumentano fino a 4 volte nei pazienti che ricevono tempestivamente (particolarmente entro il primo minuto) la resuscitazione cardio-polmonare (CPR) da astanti 15 ; tuttavia, è stato calcolato che ciò si verifica solo in 1 su 4-5 casi. Nello studio di Rea e coll. è stato riportato un aumento del 40% della sopravvivenza nei pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero testimoniato nei quali la defibrillazione veniva immediatamente seguita dalla compressione toracica, omettendo la ricerca del polso o la re-analisi del ritmo postdefibrillazione, in contrasto con quanto precedentemente raccomandato 16. Una possibile spiegazione ai deludenti risultati riscontrati nei pazienti trattati con resuscitazione cardio-polmonare potrebbe provenire dal fatto che tale protocollo di rianimazione è indifferentemente raccomandato in due condizioni molto diverse tra loro: l arresto cardiaco primario, in cui il sangue arterioso è per lo più totalmente ossigenato al momento dell arresto, e l arresto cardiaco secondario ad insufficienza respiratoria, in cui la gittata cardiaca è inizialmente normale in contrasto con la perdita della funzione ventilatoria, che porta ad ipossiemia, ipotensione e, secondariamente, ad arresto cardiaco 1. Data la diversa base fisiopatologica di tali condizioni, sono dunque senza dubbio necessari approcci diversificati. La ventilazione nella fase di supporto vitale basale (BLS), tuttora raccomandata dalle correnti linee guida, rappresenta in realtà una metodica impropria nella rianimazione cardiopolmonare in caso di arresto cardiaco primario, riducendo notevolmente la sopravvivenza proprio nei pazienti che hanno, in teoria, le più alte possibilità di sopravvivenza, cioè coloro colpiti da arresto cardiaco in presenza di testimoni in cui vengano effettuate manovre di primo soccorso da parte degli astanti e con ritmo defibrillabile. Le ragioni di tale fenomeno sono molteplici: la maggior parte degli astanti è restia ad effettuare la ventilazione bocca-abocca per ragioni igieniche e sociali; questo fenomeno non risparmia coloro che hanno ricevuto un training di primo soccorso; ciò spesso determina la rinuncia, da parte dell astante, all effettuazione del primo soccorso; l effettuazione della ventilazione bocca-a-bocca risulta in interruzioni lunghe e scoordinate delle compressioni toraciche 17, determinando così un aumento dell incidenza di danni neurologici permanenti 18 ; le compressioni toraciche sono infatti in grado di fornire un flusso ematico anterogrado appena sufficiente a mantenere la perfusione cerebrale e, di conseguenza, qualsiasi loro interruzione può risultare critica per la funzione neurologica; la ventilazione a pressione positiva, anche se praticata senza interruzione delle compressioni toraciche, determina un aumento della pressione intratoracica, causando così una riduzione del ritorno venoso e quindi della perfusione miocardica e cerebrale 19. Questo fenomeno è aggravato nel caso di insufflazioni vigorose, particolarmente se effettuate a torace compresso 10 ; la ventilazione bocca-a-bocca può determinare insufflazione di aria nello stomaco piuttosto che nelle vie aeree 15, potendo causare la comparsa di rigurgito;

18 18 l evidenza della necessità di ventilare immediatamente il paziente non è basata né su dati clinici, in quanto non esistono studi a questo riguardo, né logici, poiché al momento di un arresto cardiaco indotto da FV, le vene polmonari, le sezioni sinistre del cuore e l intero sistema arterioso sono ricchi di sangue ossigenato. Pertanto, il problema principale non è ossigenare il sangue, bensì far circolare il sangue ossigenato. Inoltre, le ventilazioni raccomandate non determinano un aumento della saturazione arteriosa di ossigeno, ma provocano soltanto un ritardo nell effettuazione delle compressioni toraciche 20 ; la ventilazione bocca-a-bocca non è necessaria in un numero significativo di pazienti, poiché in molti di essi, se le compressioni toraciche iniziano precocemente e non vengono interrotte, la respirazione riprende; la ventilazione fisiologica è caratterizzata dalla diminuzione della pressione intratoracica e, quindi, dall aumento del ritorno venoso, in contrasto con quanto si verifica durante le insufflazioni artificiali. Educazione dei cittadini al primo soccorso. Un motivo plausibile a causa del quale le linee guida continuano ancora oggi a raccomandare l esecuzione sia delle compressioni toraciche che delle ventilazioni è la preoccupazione che i soccorritori laici non siano in grado di distinguere un arresto cardiaco primario, in cui è possibile non eseguire le ventilazioni, da un arresto cardiaco secondario ad insufficienza respiratoria, nel quale invece le ventilazioni sono necessarie. È dunque necessario fornire ai cittadini programmi di educazione al primo soccorso che consentano loro di discernere tra i due tipi di arresto cardiaco ed effettuare dunque gli interventi adeguati. In presenza di individuo colpito da collasso improvviso, un astante non esperto deve innanzitutto valutarne lo stato di coscienza, tramite la tecnica del shake and shout : il soggetto colpito va scosso leggermente per le spalle e chiamato ad alta voce; se non vi è risposta a tali stimoli, il soggetto va definito incosciente. A questo punto è necessario valutare la funzione respiratoria: essa va considerata anormale in caso di assenza del respiro, respiro intermittente o ansimante, gorgoglii. Un soggetto in tali condizioni deve essere considerato vittima di un arresto cardiaco 21. Ecco alcuni casi in cui vi è una chiara compromissione delle vie aeree, facilmente riconoscibile anche dal soccorritore laico, in cui va assolutamente eseguita, in associazione alle compressioni toraciche, la ventilazione: A) paziente che collassa in un ristorante, durante il pasto. In questo caso, la causa più probabile di arresto cardiaco è rappresentata dall ostruzione delle vie aeree ad opera del bolo alimentare; è dunque appropriato innanzitutto tentare la disostruzione delle vie aeree tramite la manovra di Heimlich 1 e quindi iniziare la rianimazione con ventilazione e compressioni toraciche. 1 Una persona esegue la manovra di Heimlich utilizzando le mani per esercitare una pressione sotto il diaframma. Ciò provoca anche la compressione dei polmoni e a sua volta esercita una pressione su qualsiasi oggetto si trovi nella trachea, con lo scopo di provocarne l'espulsione. In sostanza ciò rappresenta un potente e artificiale colpo di tosse. (Dal momento che la vittima del soffocamento ha un'ostruzione alle vie aeree, non riuscendo a riempire i polmoni, non ha nemmeno la possibilità di tossire da sola.). La manovra di Heimlich è una manovra invasiva che può arrecare danni anche se eseguita correttamente. In nessun caso dovrà essere effettuata su una persona che respira o che è in grado di parlare o tossire. L'esercitazione a scopo didattico deve essere effettuata esclusivamente sul manichino e sotto la supervisione di un istruttore esperto.

19 19 B) paziente in stato di incoscienza recuperato dall acqua. In questo caso, saranno necessarie sia le ventilazioni che le compressioni. C) paziente che collassa in seguito ad overdose di sostanze alcoliche o stupefacenti: tale paziente presenterà un sensorio obnubilato e un respiro lento a causa della compromissione dei centri del respiro; sarà dunque necessario, anche in questo caso, associare la ventilazione alle compressioni toraciche. Nuovi protocolli per l emergenza. Parte del razionale della rianimazione cardio-cerebrale è meglio comprensibile considerando il sopracitato modello trifasico dell arresto cardiaco dovuto a FV 6. La fase iniziale, detta fase elettrica, caratterizza i primi 4-5 minuti. Durante tale fase, l intervento terapeutico fondamentale è rappresentato dalla defibrillazione. La seconda fase è definita circolatoria e dura i successivi 10 minuti. Durante questa fase, il mantenimento di un adeguata perfusione cerebrale e coronarica è cruciale per la sopravvivenza libera da sequele neurologiche. Paradossalmente, se durante la fase circolatoria la defibrillazione viene effettuata come primo intervento, le probabilità di sopravvivenza del paziente risultano ridotte 22. Se le compressioni toraciche non vengono eseguite prima dell erogazione dello shock, la defibrillazione in questa fase determina infatti quasi sempre asistolia o attività elettrica senza polso. Per tali ragioni, il protocollo della rianimazione cardio-cerebrale (CCR) raccomanda, nella fase circolatoria, l esecuzione di 200 compressioni toraciche prima dell erogazione di una singola scarica e, successivamente ad essa, l esecuzione immediata di altre 200 compressioni prima dell analisi del ritmo 1,2. Analogamente, durante entrambe le fasi è sconsigliato procedere all intubazione endotracheale, dal momento che quest ultima non solo comporta la sospensione temporanea delle compressioni toraciche, ma determina anche effetti avversi conseguenti alla ventilazione a pressione positiva e alla frequente iperventilazione 10,19. Le conseguenze avverse della ventilazione a pressione positiva sono rappresentate da un aumento della pressione intratoracica, che comporta riduzione del ritorno venoso, determinando, dunque, la diminuzione della perfusione cerebrale e coronarica. Ricerche su modelli animali hanno messo in evidenza che l iperventilazione, condizione piuttosto comune durante le procedure di rianimazione, non solo determina l aumento della pressione intratoracica media e la diminuzione della pressione di perfusione coronarica, ma è associata anche alla riduzione della sopravvivenza ad un ora rispetto ai controlli non iperventilati. Per evitare tali effetti, il protocollo della rianimazione cardio-cerebrale raccomanda l insufflazione passiva di ossigeno, tramite l apertura delle vie aeree con device orofaringeo, il posizionamento di una maschera non-rebreather e la somministrazione di ossigeno ad alto flusso (circa 10 L/min) 3. Primi dati nell uomo. Finora sono due gli studi che hanno pubblicato i risultati delle prime esperienze di rianimazione cardio-cerebrale. Nello studio di Kellum e coll. è stata osservata una maggiore sopravvivenza libera da complicanze neurologiche nei pazienti trattati con rianimazione cardio-cerebrale, rispetto ad un gruppo storico di controllo, in cui la rianimazione è stata eseguita secondo le Linee-guida dell AHA/ACC del 2000 (40% versus 15% rispettivamente, p =0.002) 3. Bobrow e coll. hanno dimostrato un incremento maggiore del 300% nella sopravvivenza alla dimissione ospedaliera nel sottogruppo di pazienti trattati con rianimazione cardio-cerebrale, con ritmo defibrillabile ed arresto cardiaco testimoniato 4. Il terzo pilastro della rianimazione cardio cerebrale. La mortalità intra-ospedaliera dei pazienti inizialmente rianimati da un arresto cardiaco è molto elevata, essendo pari a circa il 75%. Circa un terzo dei decessi è

20 20 causato da una severa compromissione del sistema nervoso centrale; un altro terzo è provocato da insufficienza cardiaca; i casi rimanenti possono manifestarsi in seguito all azione di vari fattori causali, quali, ad esempio, infezioni o insufficienza multiorgano 23. Uno studio clinico norvegese ha per la prima volta evidenziato che il tasso di sopravvivenza dei pazienti rianimati da un arresto cardiaco era significativamente aumentato in coloro che ricevevano un aggressiva terapia postrianimazione. Tale approccio è basato su due trattamenti terapeutici fondamentali: l induzione di ipotermia e l esecuzione di un intervento coronarico percutaneo (PCI). L ipotermia terapeutica veniva indotta in tutti i pazienti che rimanevano in stato di coma dopo la rianimazione, mentre la PCI veniva effettuata in tutti i pazienti in cui si sospettava ischemia miocardica come fattore causale o concausale dell arresto cardiaco). Il tasso di sopravvivenza a lungo termine (follow-up a 1 anno) risultava significativamente superiore dopo l entrata in vigore di tale approccio terapeutico aggressivo rispetto al periodo precedente (26% vs 56%, p=0.001). Inoltre, tra i sopravvissuti a 1 anno trattati con terapia aggressiva, il tasso di sequele neurologiche era molto basso (il 9% presentava deficit neurologici lievi e solo l 1% sequele gravi). Un analisi multivariata di tali dati ha evidenziato che il fattore maggiormente correlato alla sopravvivenza è rappresentato dalla terapia di rivascolarizzazione, sia tramite angioplastica coronarica percutanea (PTCA) che tramite intervento chirurgico di bypass coronarico 24. Importanza dell ipotermia terapeutica. L induzione terapeutica di ipotermia moderata (da 32 a 34 C) nei pazienti che permangono in stato di coma dopo la rianimazione è sostenuta dalla maggioranza dei medici rianimatori. Due trials randomizzati e prospettici, effettuati su ampie popolazioni, hanno dimostrato che tale metodica aumenta il tasso di sopravvivenza assoluto e migliora il tasso di sopravvivenza libera da sequele neurologiche in tale tipologia di pazienti 25,26. Ruolo dell'intervento coronarico percutaneo (PCI) post rianimazione. L esecuzione precoce di intervento coronarico percutaneo dopo la rianimazione dovrebbe essere effettuata in tutti i pazienti in cui esista il sospetto di patologia coronarica, indipendentemente dalla presenza di sintomi e modificazioni elettrocardiografiche indicative di ischemia miocardica. Spaulding e coll. hanno infatti dimostrato che né la sintomatologia, come ad esempio il dolore toracico, né le alterazioni elettrocardiografiche, come l elevazione del segmento ST, durante il decorso post-rianimazione, sono predittori sensibili di un occlusione coronarica acuta 27. L individuazione, tramite la precoce esecuzione del cateterismo cardiaco, e il trattamento di un infarto miocardico con sopraslivellamento del segmento ST (STEMI) mediante intervento coronarico percutaneo hanno determinato un tasso di sopravvivenza alla dimissione pari al 62%; tra i sopravvissuti, il 79% non dimostrava complicanze neurologiche Pertanto, la strategia terapeutica aggressiva post-rianimazione, rappresentata dall induzione di ipotermia terapeutica e da un precoce studio angiografico coronarico percutaneo, si è dimostrata in grado di aumentare la sopravvivenza nei pazienti rianimati dopo arresto cardiaco ed è dunque entrata a far parte del protocollo per la rianimazione cardio-cerebrale. Conclusioni. La perfusione continua coronarica e cerebrale durante un arresto cardiaco è fondamentale per consentire al paziente una sopravvivenza libera da deficit neurologici. Il protocollo della rianimazione cardio-cerebrale ha dimostrato di essere in grado di migliorare la sopravvivenza nei pazienti colpiti da arresto cardiaco che

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope

Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Linee guida GIAC per Volume la diagnosi 5 Numero ed il trattamento 1 Marzo della 2002sincope LAVORO ORIGINALE Linee guida per la diagnosi ed il trattamento della sincope Task Force della Sincope, Società

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

IL PARERE DELL ESPERTO

IL PARERE DELL ESPERTO IL PARERE DELL ESPERTO Nei giorni più caldi e afosi dell estate, molte condizioni di disagio o malessere fisico possono essere ridotte o prevenute mediante una corretta conoscenza dei rischi e sapendo

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli