la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini"

Transcript

1 la Tavola Blu

2 Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini Testi Cecilia Franceschetti Serena Maso Marina Pulcini Maria Rapini la Tavola Foto Marina Pulcini Logo Paolo Capio Progetto grafico e illustrazioni Giulia Maria Valli Hanno collaborato: Carmela Cioffi Paola De Fazio Omar D Incecco Laura Gentile Blu

3 sommario Consumo responsabile Pesca sostenibile Pesca illegale Che pesci prendere Primavera Estate Autunno Inverno Acquacoltura Crostacei Molluschi Ricette Glossario la Tavola Blu è un progetto di Marevivo, realizzato con il contributo del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, specificatamente pensato e destinato agli Istituti Alberghieri, con l obiettivo di veicolare una più efficace e corretta informazione sulla risorsa mare e sulla sua vulnerabilità. La diffusione della conoscenza degli ambienti marini, delle norme di salvaguardia e di gestione responsabile, attraverso un percorso di informazione e di partecipazione attiva degli studenti delle scuole alberghiere, permetterà di diffondere una maggiore consapevolezza sulla ricchezza dell ecosistema mare, ma soprattutto delle più o meno gravi ripercussioni che le scelte alimentari legate ai prodotti ittici possono produrre sull ambiente marino. Visto l interesse crescente dei mass-media rispetto alla tematica dell alimentazione, e in particolare a quella attenta all ambiente il progetto Una Tavola Blu, rivolto a operatori dell enogastronomia, rappresenta una scelta strategica per diffondere nuovi modelli comportamentali di utilizzo consapevole delle risorse naturali e una nuova cultura gastronomica nell ottica di uno sviluppo sostenibile. Il Progetto coinvolge 12 Istituti in 11 Regioni costiere (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Marche, Abruzzo, Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Toscana, Liguria). Gli ambiti territoriali coinvolti, seppur chiaramente eterogenei fra loro, condividono, essendo regioni costiere, un economia del mare di significativa importanza anche in relazione al settore occupazionale. Quale ambito di grande rilevanza ambientale, naturalistico e socio-economico, il mare e soprattutto il settore ittico rappresentano un elemento di coesione fra le diverse Regioni e in tale ambito il progetto si inserisce promuovendo una più approfondita conoscenza delle risorse marine, dell importanza della tutela della biodiversità, la promozione della diversificazione delle attività di pesca e, in generale, di un utilizzo sostenibile del sistema mare. la Tavola Blu per conoscere il mare e imparare ad utilizzare le sue risorse in modo sostenibile

4 consumo responsabile Il cibo è bisogno primario ma è per noi tutti anche un piacere Il cibo rappresenta una scelta che implica responsabilità e consapevolezza. Consapevolezza: perché ciò che mangiamo, specie quando si tratta di carne o pesce ovvero di esseri animali incide sul consumo e sullo sfruttamento delle risorse primarie che sono bene comune di tutti gli uomini. Per questo motivo, se non vengono fornite informazioni dal rivenditore (esiste ormai l obbligo di tracciabilità) è sempre importante chiedere di che prodotto si tratta, dove è stato prelevato/allevato, ecc. Responsabilità: perché in quanto consumatori è nostro dovere (e potere) scegliere di acquistare prodotti sani, buoni ma anche sostenibili, ovvero che rispettino regole di sostenibilità ecologica e ambientale, dalla cattura o allevamento, alla trasformazione fino alla vendita finale. Fare una scelta sostenibile non è un opzione ma una responsabilità che ricade su ogni consumatore. I consumatori, più in generale tutti coloro che acquistano o utilizzano prodotti ittici, si trovano spesso di fronte all impossibilità o all estrema difficoltà di poter scegliere di acquistare specie catturate con sistemi di pesca che non danneggino l ambiente e che non comportino la cattura accidentale di organismi protetti. L etichettatura dei prodotti ittici freschi venduti al banco dei mercati o dei supermercati è molto vaga e poco chiara: il luogo di provenienza, ovvero di cattura del pesce è indicato da un codice FAO (Food and Agriculture Organization) che identifica il mare in cui è stato pescato. Solo raramente e senza obbligo da parte del rivenditore, viene specificato il nome del mare/oceano di provenienza, informazione che sarebbe importante conoscere sia perché alcune specie sono considerate a rischio solo in alcune aree, sia perché l acquisto di un pesce di provenienza locale rappresenta sicuramente la scelta ecologicamente più sostenibile, in quanto si riducono gli impatti (e i costi) relativi al trasporto e alla conservazione del prodotto e si sostiene l economia locale. E infatti importante promuovere e incentivare il consumo di prodotti ittici a miglio zero, pescati e venduti in prossimità dei luoghi di prelievo (vendita dal peschereccio) estendendo così anche alla pesca l esperienza positiva dei prodotti agricoli a km zero e dei farmer s market (ovvero i mercati gestiti direttamente dai produttori), segno di una lenta ma sempre più diffusa attenzione verso le piccole produzioni locali che privilegiano la qualità, la stagionalità e la sostenibilità dei prodotti in contrapposizione alla grande distribuzione. Poco diffusi ma altrettanto interessanti sono i prodotti ittici che si avvalgono di marchi di qualità e tracciabilità, come ad esempio le alici di Menaica, la palamita del mare di Toscana o l anguilla dei laghi della Tuscia (Presidi Slow Food). tonno rosso del Mediterraneo Veloci, instancabili, possenti, misteriosi, ma nello stesso tempo fragili e sfruttati, i tonni sono tra i pesci maggiormente legati alla storia dell uomo. PROIETTILI NEL BLU Tonni, pesci spada e pesci vela si contendono il titolo di campioni di velocità nel mare. Questi proiettili nel blu sono dei viaggiatori instancabili, capaci di coprire distanze sorprendenti in pochi giorni. Mirabilmente progettati per il nuoto veloce riescono a percorrere, una volta lanciati, fino a 15 volte la propria lunghezza in un secondo, il che può significare oltre 50 chilometri all ora ed è stato dimostrato che possono percorrere in media 200 chilometri al giorno. PESCI DA RECORD Oltre che tra i più veloci, il tonno è anche il più grande pesce osseo del Mediterraneo: può arrivare a pesare anche 725 chilogrammi e raggiungere la lunghezza di 4 metri. IL TONNO ROSSO COME L ORO Il tonno rosso rischia di scomparire. E questa la diffusa preoccupazione del mondo scientifico: le specie di tonno sono parecchie, ma alcune sono tanto pregiate da avere sul mercato quotazioni da capogiro come in Giappone, paese con il consumo dei prodotti ittici più elevato al mondo, dove il tonno rosso del Mediterraneo è ricercatissimo e pregiato, utilizzato in particolare per la preparazione del sushi. Il mercato internazionale del tonno è a Las Palmas - Isole Canarie. L ICCAT La gestione delle diverse specie di tonno è affidata ad un organismo internazionale che ne regola la pesca in tutti i mari. E l ICCAT (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas) ovvero un organizzazione tra Stati responsabile della conservazione dei tonnidi dell Oceano Atlantico e dei mari adiacenti, di cui l Unione Europea fa parte, con la funzione di stabilire le quote di pesca per ciascun Paese. Purtroppo nonostante gli studi scientifici da anni suggeriscano di ridurre drasticamente il prelievo di tonno rosso, l UE e altri stati hanno consentito un prelievo di questa specie ben al di sopra (anche di 6 volte) del limite suggerito gli esperti. IL TONNO ROSSO IN PERICOLO Il tonno rosso del Mediterraneo specie già fortemente minacciata dalla pesca - compresa quella illegale - oltre a subire prelievi annui al di sopra dei limiti di sostenibilità, viene ulteriormente sfruttato negli allevamenti di stabulazione. Il tonno, dopo essere stato catturato in mare, viene fatto ingrassare per brevi periodi in gabbie o reti galleggianti, fino a raggiungere il contenuto di grassi richiesto dal mercato giapponese, disposto a pagare prezzi esorbitanti per questi esemplari. Gli impianti di ingrasso, oltre a comportare un impatto sull ambiente marino, rappresentano un danno doppio per la specie: da un lato incidono sullo sforzo di pesca - già al di sopra dei limiti di sostenibilità - dall altro implicano un grave sfruttamento anche del pesce azzurro, necessario a nutrirli. I tonni devono infatti essere alimentati con enormi quantità di sardine e alici, quantità ben superiori a quelle utilizzate per gli allevamenti di acquacoltura: basti pensare che per ottenere un chilo di pesce allevato è necessario utilizzare dai 2,5 fino ai 5 chili di pesce selvatico, nel caso del tonno servono invece oltre 20 chili di pesce azzurro per ottenere un solo chilo di tonno d allevamento. Uno spreco enorme di risorse che certamente non può essere considerato sostenibile. 0 6

5 pesca sostenibile Trovare un equilibrio tra ciò che si pesca e le risorse disponibili La pesca rappresenta una delle attività tradizionali del Mediterraneo e più in generale dei Paesi europei ma decenni di pesca intensiva hanno portato ad un drammatico e preoccupante declino delle risorse ittiche. Il Mediterraneo è un mare unico nel suo genere e ricco di habitat diversificati che favoriscono la presenza di nicchie ecologiche. Caratterizzato da un ampia biodiversità (circa specie conosciute) oggi più che mai questo mare deve affrontare, come altre regioni di pesca in Europa, la difficoltà di conciliare le attività economiche con la sostenibilità degli stock ittici e la conservazione degli habitat. Impatto della pesca sugli stock ittici Più dell 85% degli stock ittici del mondo sono soggetti a sovrasfruttamento, il 68% degli stock commerciali dell Unione Europea utilizzati sono oggetto di pesca eccessiva. Secondo la Commissione Europea alcuni segmenti della flotta da pesca dell UE hanno una capacità di pesca da due a tre volte superiore ai limiti di sostenibilità. Troppi pescherecci, troppo potenti, sono a caccia di troppo poco pesce. Le catture stanno progressivamente diminuendo e di conseguenza le flotte da pesca stanno diventando economicamente poco redditizie. Alcuni scienziati del settore sostengono che negli ultimi 60 anni gli stock di pesci di grandi dimensioni hanno subito un calo del 90% e a causa della pesca eccessiva c è il rischio di arrivare al collasso di tutte le specie pescabili in meno di 50 anni. i rigetti in mare, il by-catch e gli scarti di produzione Molte specie pescate vengono rigettate in mare o trattate come rifiuto in quanto il loro valore commerciale è basso o quasi nullo. In alcune attività di pesca a strascico - che oltretutto rappresenta uno dei sistemi di pesca ad alto impatto ambientale, sia sulla fauna che sulla flora marina i rigetti possono arrivare a rappresentare il 70-90% delle catture totali. Catture indesiderate e rigetti rappresentano una minaccia diretta per la sostenibilità della pesca in quanto il tasso di sopravvivenza dei pesci e degli organismi riversati in mare è estremamente basso. I rigetti sono prima di tutto un grande spreco di risorse che incide direttamente sulla futura produttività dei mari. Oltre alle specie ittiche non commerciabili, i rigetti interessano anche altre specie prelevate come catture accessorie quali tartarughe e mammiferi marini: è questo il cosiddetto fenomeno marino del Bycatch. Ma qualcosa sta cambiando: finalmente all interno della Riforma della Politica Comune della Pesca si sono stabiliti una serie di principi che dovrebbero condurre all eliminazione graduale dei rigetti (con esplicito divieto di tale pratica) attraverso una migliore selettività degli attrezzi da pesca. Anche gli scarti derivanti dalla trasformazione e lavorazione del pesce producono un notevole spreco di risorse: solo il 30% circa del pescato viene utilizzato, mentre il restante 70% finisce nel prodotto di seconda fascia o viene scartato. E necessario sottolineare che la produzione di eccessive quantità di scarto si trasforma anche in una problematica di gestione dei rifiuti. Il progressivo aumento degli scarti alimentari necessita non solo di un ottimizzazione dei sistemi di gestione e smaltimento dei residui, ma anche di una netta riduzione dello spreco di lavorazione e trasformazione dei prodotti ittici. allarme squali : predatori diventati prede Una grave minaccia alla conservazione dell equilibrio dell ecosistema marino è rappresentata dalla pesca eccessiva e indiscriminata in acque profonde e dal prelievo incontrollato dei predatori marini, come squali, tonni e pesci spada. Da questo punto di vista gli squali rappresentano un caso-simbolo degli effetti catastrofici che il prelievo e il depauperamento incontrollato delle risorse ittiche può avere sull intero ecosistema marino. Gli squali, predatori al vertice della catena trofica, sono animali estremamente sensibili agli effetti della pesca eccessiva: hanno una crescita lenta, raggiungono tardi la maturità sessuale, hanno lunghi periodi di gestazione e generano pochi piccoli ed hanno quindi complessivamente un lento rinnovo delle popolazioni. Ogni anno vengono pescati nel mondo circa 100 milioni di squali e nel Mediterraneo la maggior parte degli squali ha subito un forte declino, che in alcuni casi supera il 97%. Il Mediterraneo è il mare con la più alta percentuale al mondo di squali in pericolo di estinzione: il 42% è a rischio di estinzione, il 18% rischia di diventarlo, il 14% è a un limitato livello di pericolo e per il 26% non esistono dati. Nonostante i continui allarmi lanciati da scienziati e ricercatori, in Italia, così come nel resto dell Europa e del mondo, le misure di protezione e recupero delle popolazioni di squali sono del tutto insufficienti. Un immediata inversione di rotta e maggiori investimenti su ricerca, conservazione di queste specie sono da considerare una priorità che non consente all Italia, come al resto dei Paesi del mondo, ulteriori ritardi che potrebbero avere un effetto devastante sull intero ecosistema marino

6 pesca illegale Esistono diverse forme di pesca illegale, quello che è certo è che ogni attività non regolamentata e illegale comporta un grave danno per il mare, le risorse ittiche e la società e per chi pratica la pesca in modo legale. Il problema è estremamente grave, specie in Italia, e in alcune zone dell Unione Europea, dove tale attività può riguardare fino alla metà del totale delle catture effettuate. I continui fallimenti delle misure di controllo e applicazione delle leggi messe in atto a livello globale ed europeo per gestire questa piaga, hanno provocato gravi conseguenze sulle specie ittiche, sull industria della pesca e sulle comunità che dipendono da essa. Tra le forme più diffuse e più dannose di pesca illegale ci sono: - la pesca praticata senza licenza - la pesca in aree vietate o in periodi vietati - la cattura diretta o indiretta di specie protette come delfini, squali, tartarughe marine, ecc. - l utilizzo di attrezzature vietate - la pesca di organismi sottotaglia La pesca illegale non contribuisce solo al depauperamento degli stock ittici ma comporta anche una riduzione dei posti di lavoro nell intero settore, dalla cattura, all industria di trasformazione del prodotto, al turismo oltre ovviamente ad avere effetti negativi e spesso irrimediabili sull ecosistema marino. I costi ambientali, economici e sociali che ne derivano comportano una perdita stimata intorno a 10 miliardi di euro entro il 2020 a causa della riduzione delle catture e la conseguente perdita di oltre posti di lavoro nel settore della pesca e in quello della trasformazione. Perdita di posti di lavoro che ovviamente potrà colpire anche il settore enogastronomico e della ristorazione. Per porre fine alla pesca illegale è pertanto fondamentale che a livello globale ed europeo vengano rafforzate e migliorate le norme e le conseguenti misure di gestione vigenti e intensificati in modo capillare i controlli, sia in mare che a terra, inasprite le sanzioni (che devono diventare davvero deterrenti), ampliati gli osservatori indipendenti a bordo dei pescherecci, create banche dati digitali e centralizzate, sospesi gli aiuti economici comunitari ai trasgressori. il caso delle spadare Le Spadare, dette anche muri della morte, sono reti da posta derivanti, cioè non fisse, usate per la cattura di grossi pesci pelagici, soprattutto pesci spada da cui prendono il nome. Sono reti lunghe anche fino a 20 chilometri e alte fino a 30 metri che provocano il cosiddetto effetto muro catturando tutto ciò che vi finisce dentro: oltre alle specie bersaglio anche tartarughe, delfini, capodogli, balenottere, squali. Contro questo tipo di pesca altamente distruttivo, dopo una tenace battaglia delle associazioni ambientaliste, vi è stata prima la risoluzione 44/225 del dicembre 1989 delle Nazioni Unite, seguita dal Regolamento CEE n. 345/92 del 28/10/1991 e successivamente dal Regolamento 894 del 29/4/1997 che disponeva la messa al bando delle spadare a partire dal 1 gennaio 2002 nei Paesi dell Unione Europea, mentre dal 2005 sono vietate in tutto il Mediterraneo. Dagli anni 90 sono stati varati piani per la dismissione e riconversione delle spadare con notevoli contributi economici a sostegno sia degli armatori che degli equipaggi, ma purtroppo questo tipo di pesca continua ad essere praticata illegalmente e le cause vanno ricercate anche nella mancanza di validi deterrenti. Infatti chi pesca con le spadare rischia al massimo una multa di circa tremila euro e non sempre è possibile procedere al sequestro delle reti. Solo tra il 2005 e il 2009 sono stati sequestrati chilometri di spadare, più della distanza che intercorre tra Palermo e Oslo. Nei primi nove mesi del 2011, invece, sono state accertate ben 93 infrazioni che hanno portato al sequestro di 221 chilometri di reti illegali, mentre nel maggio 2012 la Capitaneria di Porto di Savona ha sequestrato metri di reti spadare. il pesce spada Il pesce spada (Xiphias gladius), è una delle specie più amate dai consumatori, ricorrente nei menù dei ristoranti e nei banchi del pesce. E un pesce di lusso, caro e ricercato, dalle carni saporite e con poche lische, quindi facile da cucinare ma non è certo uno dei pesci da preferire nelle nostre tavole! E fondamentale infatti sapere che il pesce spada è una specie in forte declino a causa dell eccessiva pressione di pesca e spesso può provenire da attività di pesca poco selettive e illegali (le reti spadare) che comportano la cattura di specie protette come delfini, tartarughe e squali. Zifio intrappolato in una spadara 1 1

7 ...che pesci prendere primavera La salute del mare dipende anche dalle nostre scelte Le specie ittiche di interesse commerciale censite dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono 719 ma noi, schiavi di mode culturali e alimentari, ne mangiamo sì e no il 10%. Sui banchi delle pescherie e sulle tavole di casa non arriva che una trentina di varietà. Molte specie, classificate come catture accessorie, dopo essere state pescate non vengono commercializzate per il loro scarso valore commerciale ma rigettate in mare. Eppure diversi tipi di pesce, normalmente trascurati dai consumatori, sono altrettanto buoni sia dal punto di vista gastronomico che nutrizionale. Da questo punto di vista, grande responsabilità hanno anche i ristoratori, che al contrario dei consumatori, sempre più impegnati e con poco tempo per pulire e cucinare il pesce, potrebbero farsi promotori delle specie ittiche dimenticate ma ugualmente sane e buone, educando in tal modo i consumatori a diversificare le loro scelte in materia di pesce e allo stesso tempo proponendo cibi alternativi e sostenibili. Il pesce povero, come il pesce azzurro, è infatti ricco di nutrienti, meno costoso e spesso proveniente da flotte di pesca locali ed artigianali, i cui sistemi di cattura hanno generalmente un minor impatto sull ambiente. Allo stesso modo sarebbe importante eliminare dai propri menù tutte quelle specie che invece hanno ormai raggiunto livelli preoccupanti, se non drammatici, di sovra sfruttamento e le cui popolazioni sono in declino a causa della pesca eccessiva e di un consumo ormai globale. Di seguito alcune delle specie mediterranee da preferire e la loro stagionalità, cioè il periodo in cui non si stanno riproducendo. Sgombro Scomber scombrus taglia minima: 18 cm Palamita Sarda sarda taglia minima: 25 cm Pagello Pagellus acarne taglia minima: 17 cm attenzione alla taglia Esiste una taglia minima al di sotto della quale la maggior parte delle specie ittiche non possono essere pescate né commercializzate. Acquistare pesci troppo piccoli o addirittura neonati (come i bianchetti) significa impedirne la riproduzione e/o la crescita con tutte le ovvie conseguenze che possiamo immaginare: attenzione perciò alla taglia e lasciamo ai giovani il tempo di crescere. Pesce Sciabola (o pesce lama) Lepidopus caudatus taglia minima: 200 cm primavera estate autunno inverno

8 estate autunno Tonnetto (o alletterato) Euthynnus alletteratus taglia minima: 30 cm Triglia Mullus spp taglia minima: 11 cm Sardina Sardina pilchardus taglia minima: 11 cm Rombo chiodato Psetta maxima Orata Sparus aurata taglia minima: 20 cm Gallinella Chelidonichthys lucernus taglia minima: 15 cm Totano Illex coindetti taglia minima: 12cm Cefalo (o muggine) Mugil cephalus, Chelon labrosus, Liza aurata taglia minima: 20 cm primavera estate autunno inverno primavera estate autunno inverno

9 inverno acquacoltura Acciuga o alice Engraulis encrasicolus taglia minima: 9 cm Polpo Octopus vulgaris taglia minima: 450 gr (eviscerato) Sarago pizzuto Diplodus puntazzo taglia minima: 18 cm Zerro Centracanthus cirrus taglia minima: 20 cm L acquacoltura è un attività in forte espansione ed è considerata una delle soluzioni in grado di soddisfare la crescente domanda di pesce delle popolazioni mondiali in continuo aumento, diminuendo il prelievo sugli stock ittici selvatici. Il 47% del pesce destinato al consumo proviene da allevamenti ma molte delle specie d allevamento sono carnivore e si cibano quindi di altri pesci o utilizzano mangimi come la farina e l olio di pesce (derivanti ancora da specie ittiche) o mangimi vegetali provenienti dall agricoltura. Sono necessari circa 5 chili di pesce selvaggio per produrre un chilo di salmone allevato, 20 chili di pesce azzurro per produrne uno di tonno allevato. Inoltre tutti gli impianti di allevamento producono reflui e inquinamenti di vario tipo e forti impatti sull ambiente marino causati dalle deiezioni degli animali, dagli avanzi dei mangimi e dai trattamenti farmacologici utilizzati. L acquacoltura trasforma piccoli pesci di scarso valore economico in pesci più grandi e redditizi, non contribuisce a creare più pesci ma dipende ancora dall attività di pesca e dal prelievo di pesce selvatico. Eco-compatibili possono essere considerati infatti solo quegli impianti che privilegiano l allevamento di specie ittiche ad alimentazione prevalentemente erbivora (che utilizzano mangimi vegetali provenienti da attività agricole altrettanto sostenibili come ad esempio le coltivazioni biologiche) e allevamenti di acquacoltura che garantiscano anche il benessere degli animali. Ciò significa allevare i pesci in spazi adeguati, controllare la qualità delle acque e assicurare il massimo rispetto dei ritmi naturali di crescita. L acquacoltura dovrebbe utilizzare mangimi provenienti da attività di pesca o agricoltura realmente sostenibili e garantire la salubrità degli impianti al fine di assicurare il benessere dell ambiente e delle comunità che dipendono da esso. ATTENZIONE DUNQUE AL PESCE D ALLEVAMENTO CHE COMPRIAMO! primavera estate autunno inverno 1 7

10 crostacei molluschi Gambero rosa Parapenaeus longirostris taglia minima: 2 cm carapace Cozza Mytilus galloprovincialis taglia minima: 5 cm Aragosta Palinurus elephas taglia minima: 30 cm Vongola Chamelea gallina, Ruditapes decussatus, Tapes philipphinarum taglia minima: 2,5 cm Scampo Nephrops norvegicus taglia minima: 7 cm Cannolicchio Solen marginatus taglia minima: 8 cm Astice Homarus gammarus taglia minima: 30 cm Lumachino Nassarius mutabilis taglia minima: 2 cm

11 molluschi ricette ALICI AFFUMICATE E CREMA DI SEDANO RAPA Tartufo di mare Venus verrucosa taglia minima: 2,5 cm Pulire bene le alici. In una padella antiaderente o di ferro mettere le erbe aromatiche: basilico, timo, menta, rosmarino, alloro, origano e bucce d arancia. Scaldare la padella finché le erbe cominciano a carbonizzarsi, aggiungere le alici, mettere il coperchio alla padella e dopo 30 secondi spegnere il fuoco e lasciare cuocere le alici nel fumo aromatico per 5 minuti. Pulire bene il sedano rapa, cubettarlo della stessa grandezza e metterlo in una pentola antiaderente a cuocere nel latte, una volta cotto frullare e filtrare. A questo punto servire le alici affumicate accompagnate dalla crema di sedano rapa. POLPO PAD THAI CON SPAGHETTI DI RISO Ostrica Ostrea edulis taglia minima: 6 cm Pulire bene il polpo e tagliarlo in pezzi uguali. In una padella antiaderente mettere zenzero fresco e olio a soffriggere a bassa temperatura, in seguito aggiungere peperoni e carote tagliati a cubetti e portare a cottura. In un altra padella scottare il polpo per fargli perdere l acqua che contiene, aggiungerlo quindi alle verdure e condire tutto con salsa al coriandolo e lime. Prendere gli spaghetti di riso e metterli in ammollo in acqua calda, una volta ammorbiditi cuocerli 5 minuti con la salsa di polpo e verdure, a fine cottura aggiungere abbondante coriandolo fresco, buccia di lime grattugiata e servire. DATTERI Il dattero di mare (Lithophaga lithophaga) è un mollusco bivalve adattato a vivere all interno delle rocce calcaree in cui ciascun individuo scava una propria galleria attraverso la produzione di un acido che scioglie il calcare. La sua crescita è estremamente lenta e per raggiungere la lunghezza di cm 5 impiega dai 15 ai 30 anni. La loro raccolta che comporta la frantumazione delle rocce è severamente vietata (Decreto n. 401, 20 agosto 1988, Ministero della Marina Mercantile) a causa degli enormi danni all ecosistema marino. Si stima che per la raccolta di 15/20 individui si distrugga in modo spesso irreversibile un metro quadrato di rocce sommerse con tutte le conseguenze che ne derivano. FILETTO DI PALAMITA MARINATO CON RIDUZIONE DI ACETO BALSAMICO E MIRTO Marinare nella Sprite il filetto di palamita per 4-5 ore in frigo con finocchio fresco. In un pentolino preparare una riduzione di aceto balsamico di Modena e liquore di Mirto con un rapporto di 50 a 50, mettere sul fuoco e cuocere fino a ottenere una riduzione compatta che nappi il cucchiaio. Una volta che la palamita è marinata cuocere su piastra o padella antiaderente molto calda, marcando bene il filetto stando attenti a mantenerlo crudo all interno. Una volta cotto scaloppare il pesce e impiattare con la riduzione a specchio. CALAMARO ARANCIO E ZENZERO CON CREMA DI PISELLI Pulire il calamaro, aprirlo di lato e retinare l interno con tagli a 45 gradi su entrambi i lati. In una padella mettere il succo di arance fresche e zenzero fresco in cubetti, cuocere per 10 minuti e qualora il succo risulti un po acido aggiungere 2 cucchiai di zucchero di canna. Preparare un battuto di cipolla rossa o scalogno e cuocere i piselli in una padella antiaderente, quando saranno cotti frullarli e filtrali in modo da ottenere una crema. A questo punto salare il calamaro dalla parte della retinatura, scaldare una padella antiaderente e quanto diventa molto calda mettere un filo d olio evo e il calamaro. Appena il calamaro si attorciglia per effetto della cottura aggiungere la salsa di arancio e zenzero e completare la cottura. Servire decorando con la crema di piselli. Chef Lorenzo D Ettorre

12 glossario Fauna ittica: l insieme degli organismi animali che vivono in acqua. Filiera alimentare: l insieme delle principali attività, le tecnologie, le risorse e le organizzazioni che concorrono alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto finito. Habitat: dal latino hăbĭtāre indica il luogo fisico, l ambiente in cui una specie vive e in cui sussistono le condizioni ottimali per il suo sviluppo e la sua sopravvivenza. Nicchia ecologica: termine che indica la posizione di una specie (o di una popolazione) all interno di un ecosistema, ossia il suo modo di vivere, il suo ruolo e tutte le condizioni fisiche, chimiche e biologiche che ne permettono l esistenza in quel particolare ambiente. Per definizione una nicchia ecologica esiste solo se esiste una popolazione che la occupa. Risorse rinnovabili: risorse sia di materia sia di energia che, per caratteristiche naturali o per effetto della coltivazione dell uomo, si rinnovano nel tempo e risultano, quindi, disponibili per la sopravvivenza umana pressoché indefinitamente cioè non esauribili. Stock ittico: unità di gestione di una singola specie utilizzata dalla pesca, talvolta indipendente dal concetto biologico di popolazione. COMPRA IL PESCE DI STAGIONE E ATTENZIONE ALLA TAGLIA MINIMA! la tavola blu Tracciabilità ed Etichettattura Nella vendita al dettaglio i rivenditori sono tenuti a fornire tutte le indicazioni necessarie per l identificazione del prodotto. Per il pesce venduto al dettaglio il cartellino deve contenere le seguenti indicazioni: Denominazione commerciale (della specie) Metodo di produzione (del pescato) Zona di cattura (per il pescato) Paese di provenienza Prezzo di vendita (per unità di misura) LA PROVENIENZA DEL PESCE Il luogo di provenienza del pesce rappresenta un elemento fondamentale per fare una scelta sostenibile e consapevole. E infatti molto importante scegliere pesce di provenienza locale anzichè specie provenienti da mari lontani. Spesso però è molto difficile individuare chiaramente il mare da cui proviene il pesce che compriamo che nella maggior parte dei casi viene identificato con un numero, ovvero un codice stabilito dalla FAO diverso per ogni area di pesca. Di seguito i principali codici di identificazione FAO che indicano il mare da cui proviene il pesce: Zone FAO n 21 - Atlantico nord-occidentale Zone FAO n 27 - Atlantico nord-orientale Zone FAO n 37 - Mar Mediterraneo Zone FAO n 51 e 57 - Oceano Indiano Zone FAO n Oceano Pacifico Stampa Autenticrom s.r.l

13

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità

i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità i pesci da mettere nel piatto e qvelli da lasciare in mare. Miniguida per combinare piacere e responsabilità sommario prepararsi all acqvisto 4 passi per compilare la lista della spesa 1 ~ Individuare

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

PESCE FRESCO FORSE QUASI

PESCE FRESCO FORSE QUASI PESCE FRESCO FORSE QUASI I Rapporto su sicurezza alimentare e prodotti ittici in Italia Dicembre 2004 Movimento Difesa del Cittadino Progetto Salute&Gusto Pesce fresco...forse quasi I Rapporto su sicurezza

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Quelli che non abboccano

Quelli che non abboccano Quelli che non abboccano Cose da sapere prima di acquistare pesci, molluschi e crostacei d allevamento Indice Perché una guida? 1 Che cos è l acquacoltura? 2 Quanto pesa l acquacoltura sull ambiente? 4

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

PER UN PUGNO DI SEMI

PER UN PUGNO DI SEMI GREEN CROSS ITALIA Tel. 06.36004300-06.45597291 SEGRETERIA PERMANENTE DEL CONCORSO Immagini per la Terra Sito web www.immaginiperlaterra.i 00192 Roma Via dei Gracchi, 187 e-mail concorso@immaginiperlaterra.it

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG)

I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) I prodotti a Denominazione di Origine Protetta (DOP), ad Indicazione Geografica Protetta (IGP), e le Specialità Tradizionali Garantite (STG) EMAA 13/14 XII / 1 DO e IG protette da cosa? Il Regolamento

Dettagli

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone

jui-sì Ingredienti Marchio Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate Jui-sì Ean code Glassatura Dimensione cartone spiedini di mazzancolle tropicali impanate 4x1 kg Mazzancolle tropicali (Penaeus Vannamei allevate in Vietnam), impanate 8001179011424 280 x 130 x 390 270 x 190 x 50 spiedini di calamari e mazzancolle

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO. La qualità dei cibi per la qualità della vita. Prefazione di Francesco Schittulli FRANCO NOBILE GIORGIA ROMEO LA SALUTE VIEN MANGIANDO La qualità dei cibi per la qualità della vita Prefazione di Francesco Schittulli Agli amici paracadutisti della Brigata Folgore Layout e impaginazione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Sono nati per l autoconsumo,

Sono nati per l autoconsumo, Il prodotto bio è fai da te Consumatori Li considerano troppo cari e con una tracciabilità inadeguata. Eppure gli shopper apprezzano sempre di più le referenze biologiche. Così decidono di coltivarle in

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario

UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario UN ALT RA IDEA DI PAS TA ricettario CUCINARE SUPERFACILE cucinaresuperfacile.com BioStory: Il mio nome è Antonella. Sono fatta di esperienza e buonsenso, voglia di vivere e tenacia, il buon cibo è la mia

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione

TITOLO I DELL'ORDINAMENTO DELLA PESCA IN GENERALE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. ARTICOLO 1 Sfera di applicazione D.P.R. n 1639 del 2 ottobre 1968 recante "Regolamento per l'esecuzione della Legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima" (come modificato da vari D.P.R. e Decreti ministeriali)

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria

A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica. Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Mangia con gusto A cura di Franca Pasticci Dottore in Dietistica Unità complessa di Nefrologia e Dialisi Azienda USL 2 dell Umbria Socio fondatore; Comitato Direttivo FIR (Fondazione Italiana del Rene)

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

TRECCIA AL BURRO RICETTE

TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO RICETTE TRECCIA AL BURRO 1 kg di farina bianca 1 cucchiaio di sale (20 g ca.) 1 cubetto di lievito fresco (42 g) 1 cucchiaio di zucchero 120 g di burro 6 dl di latte 1 uovo sbattuto per

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli