la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "la Tavola Blu Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini"

Transcript

1 la Tavola Blu

2 Realizzazione a cura di Marevivo Coordinamento editoriale Maria Rapini Testi Cecilia Franceschetti Serena Maso Marina Pulcini Maria Rapini la Tavola Foto Marina Pulcini Logo Paolo Capio Progetto grafico e illustrazioni Giulia Maria Valli Hanno collaborato: Carmela Cioffi Paola De Fazio Omar D Incecco Laura Gentile Blu

3 sommario Consumo responsabile Pesca sostenibile Pesca illegale Che pesci prendere Primavera Estate Autunno Inverno Acquacoltura Crostacei Molluschi Ricette Glossario la Tavola Blu è un progetto di Marevivo, realizzato con il contributo del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, specificatamente pensato e destinato agli Istituti Alberghieri, con l obiettivo di veicolare una più efficace e corretta informazione sulla risorsa mare e sulla sua vulnerabilità. La diffusione della conoscenza degli ambienti marini, delle norme di salvaguardia e di gestione responsabile, attraverso un percorso di informazione e di partecipazione attiva degli studenti delle scuole alberghiere, permetterà di diffondere una maggiore consapevolezza sulla ricchezza dell ecosistema mare, ma soprattutto delle più o meno gravi ripercussioni che le scelte alimentari legate ai prodotti ittici possono produrre sull ambiente marino. Visto l interesse crescente dei mass-media rispetto alla tematica dell alimentazione, e in particolare a quella attenta all ambiente il progetto Una Tavola Blu, rivolto a operatori dell enogastronomia, rappresenta una scelta strategica per diffondere nuovi modelli comportamentali di utilizzo consapevole delle risorse naturali e una nuova cultura gastronomica nell ottica di uno sviluppo sostenibile. Il Progetto coinvolge 12 Istituti in 11 Regioni costiere (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Marche, Abruzzo, Puglia, Calabria, Sicilia, Campania, Lazio, Toscana, Liguria). Gli ambiti territoriali coinvolti, seppur chiaramente eterogenei fra loro, condividono, essendo regioni costiere, un economia del mare di significativa importanza anche in relazione al settore occupazionale. Quale ambito di grande rilevanza ambientale, naturalistico e socio-economico, il mare e soprattutto il settore ittico rappresentano un elemento di coesione fra le diverse Regioni e in tale ambito il progetto si inserisce promuovendo una più approfondita conoscenza delle risorse marine, dell importanza della tutela della biodiversità, la promozione della diversificazione delle attività di pesca e, in generale, di un utilizzo sostenibile del sistema mare. la Tavola Blu per conoscere il mare e imparare ad utilizzare le sue risorse in modo sostenibile

4 consumo responsabile Il cibo è bisogno primario ma è per noi tutti anche un piacere Il cibo rappresenta una scelta che implica responsabilità e consapevolezza. Consapevolezza: perché ciò che mangiamo, specie quando si tratta di carne o pesce ovvero di esseri animali incide sul consumo e sullo sfruttamento delle risorse primarie che sono bene comune di tutti gli uomini. Per questo motivo, se non vengono fornite informazioni dal rivenditore (esiste ormai l obbligo di tracciabilità) è sempre importante chiedere di che prodotto si tratta, dove è stato prelevato/allevato, ecc. Responsabilità: perché in quanto consumatori è nostro dovere (e potere) scegliere di acquistare prodotti sani, buoni ma anche sostenibili, ovvero che rispettino regole di sostenibilità ecologica e ambientale, dalla cattura o allevamento, alla trasformazione fino alla vendita finale. Fare una scelta sostenibile non è un opzione ma una responsabilità che ricade su ogni consumatore. I consumatori, più in generale tutti coloro che acquistano o utilizzano prodotti ittici, si trovano spesso di fronte all impossibilità o all estrema difficoltà di poter scegliere di acquistare specie catturate con sistemi di pesca che non danneggino l ambiente e che non comportino la cattura accidentale di organismi protetti. L etichettatura dei prodotti ittici freschi venduti al banco dei mercati o dei supermercati è molto vaga e poco chiara: il luogo di provenienza, ovvero di cattura del pesce è indicato da un codice FAO (Food and Agriculture Organization) che identifica il mare in cui è stato pescato. Solo raramente e senza obbligo da parte del rivenditore, viene specificato il nome del mare/oceano di provenienza, informazione che sarebbe importante conoscere sia perché alcune specie sono considerate a rischio solo in alcune aree, sia perché l acquisto di un pesce di provenienza locale rappresenta sicuramente la scelta ecologicamente più sostenibile, in quanto si riducono gli impatti (e i costi) relativi al trasporto e alla conservazione del prodotto e si sostiene l economia locale. E infatti importante promuovere e incentivare il consumo di prodotti ittici a miglio zero, pescati e venduti in prossimità dei luoghi di prelievo (vendita dal peschereccio) estendendo così anche alla pesca l esperienza positiva dei prodotti agricoli a km zero e dei farmer s market (ovvero i mercati gestiti direttamente dai produttori), segno di una lenta ma sempre più diffusa attenzione verso le piccole produzioni locali che privilegiano la qualità, la stagionalità e la sostenibilità dei prodotti in contrapposizione alla grande distribuzione. Poco diffusi ma altrettanto interessanti sono i prodotti ittici che si avvalgono di marchi di qualità e tracciabilità, come ad esempio le alici di Menaica, la palamita del mare di Toscana o l anguilla dei laghi della Tuscia (Presidi Slow Food). tonno rosso del Mediterraneo Veloci, instancabili, possenti, misteriosi, ma nello stesso tempo fragili e sfruttati, i tonni sono tra i pesci maggiormente legati alla storia dell uomo. PROIETTILI NEL BLU Tonni, pesci spada e pesci vela si contendono il titolo di campioni di velocità nel mare. Questi proiettili nel blu sono dei viaggiatori instancabili, capaci di coprire distanze sorprendenti in pochi giorni. Mirabilmente progettati per il nuoto veloce riescono a percorrere, una volta lanciati, fino a 15 volte la propria lunghezza in un secondo, il che può significare oltre 50 chilometri all ora ed è stato dimostrato che possono percorrere in media 200 chilometri al giorno. PESCI DA RECORD Oltre che tra i più veloci, il tonno è anche il più grande pesce osseo del Mediterraneo: può arrivare a pesare anche 725 chilogrammi e raggiungere la lunghezza di 4 metri. IL TONNO ROSSO COME L ORO Il tonno rosso rischia di scomparire. E questa la diffusa preoccupazione del mondo scientifico: le specie di tonno sono parecchie, ma alcune sono tanto pregiate da avere sul mercato quotazioni da capogiro come in Giappone, paese con il consumo dei prodotti ittici più elevato al mondo, dove il tonno rosso del Mediterraneo è ricercatissimo e pregiato, utilizzato in particolare per la preparazione del sushi. Il mercato internazionale del tonno è a Las Palmas - Isole Canarie. L ICCAT La gestione delle diverse specie di tonno è affidata ad un organismo internazionale che ne regola la pesca in tutti i mari. E l ICCAT (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas) ovvero un organizzazione tra Stati responsabile della conservazione dei tonnidi dell Oceano Atlantico e dei mari adiacenti, di cui l Unione Europea fa parte, con la funzione di stabilire le quote di pesca per ciascun Paese. Purtroppo nonostante gli studi scientifici da anni suggeriscano di ridurre drasticamente il prelievo di tonno rosso, l UE e altri stati hanno consentito un prelievo di questa specie ben al di sopra (anche di 6 volte) del limite suggerito gli esperti. IL TONNO ROSSO IN PERICOLO Il tonno rosso del Mediterraneo specie già fortemente minacciata dalla pesca - compresa quella illegale - oltre a subire prelievi annui al di sopra dei limiti di sostenibilità, viene ulteriormente sfruttato negli allevamenti di stabulazione. Il tonno, dopo essere stato catturato in mare, viene fatto ingrassare per brevi periodi in gabbie o reti galleggianti, fino a raggiungere il contenuto di grassi richiesto dal mercato giapponese, disposto a pagare prezzi esorbitanti per questi esemplari. Gli impianti di ingrasso, oltre a comportare un impatto sull ambiente marino, rappresentano un danno doppio per la specie: da un lato incidono sullo sforzo di pesca - già al di sopra dei limiti di sostenibilità - dall altro implicano un grave sfruttamento anche del pesce azzurro, necessario a nutrirli. I tonni devono infatti essere alimentati con enormi quantità di sardine e alici, quantità ben superiori a quelle utilizzate per gli allevamenti di acquacoltura: basti pensare che per ottenere un chilo di pesce allevato è necessario utilizzare dai 2,5 fino ai 5 chili di pesce selvatico, nel caso del tonno servono invece oltre 20 chili di pesce azzurro per ottenere un solo chilo di tonno d allevamento. Uno spreco enorme di risorse che certamente non può essere considerato sostenibile. 0 6

5 pesca sostenibile Trovare un equilibrio tra ciò che si pesca e le risorse disponibili La pesca rappresenta una delle attività tradizionali del Mediterraneo e più in generale dei Paesi europei ma decenni di pesca intensiva hanno portato ad un drammatico e preoccupante declino delle risorse ittiche. Il Mediterraneo è un mare unico nel suo genere e ricco di habitat diversificati che favoriscono la presenza di nicchie ecologiche. Caratterizzato da un ampia biodiversità (circa specie conosciute) oggi più che mai questo mare deve affrontare, come altre regioni di pesca in Europa, la difficoltà di conciliare le attività economiche con la sostenibilità degli stock ittici e la conservazione degli habitat. Impatto della pesca sugli stock ittici Più dell 85% degli stock ittici del mondo sono soggetti a sovrasfruttamento, il 68% degli stock commerciali dell Unione Europea utilizzati sono oggetto di pesca eccessiva. Secondo la Commissione Europea alcuni segmenti della flotta da pesca dell UE hanno una capacità di pesca da due a tre volte superiore ai limiti di sostenibilità. Troppi pescherecci, troppo potenti, sono a caccia di troppo poco pesce. Le catture stanno progressivamente diminuendo e di conseguenza le flotte da pesca stanno diventando economicamente poco redditizie. Alcuni scienziati del settore sostengono che negli ultimi 60 anni gli stock di pesci di grandi dimensioni hanno subito un calo del 90% e a causa della pesca eccessiva c è il rischio di arrivare al collasso di tutte le specie pescabili in meno di 50 anni. i rigetti in mare, il by-catch e gli scarti di produzione Molte specie pescate vengono rigettate in mare o trattate come rifiuto in quanto il loro valore commerciale è basso o quasi nullo. In alcune attività di pesca a strascico - che oltretutto rappresenta uno dei sistemi di pesca ad alto impatto ambientale, sia sulla fauna che sulla flora marina i rigetti possono arrivare a rappresentare il 70-90% delle catture totali. Catture indesiderate e rigetti rappresentano una minaccia diretta per la sostenibilità della pesca in quanto il tasso di sopravvivenza dei pesci e degli organismi riversati in mare è estremamente basso. I rigetti sono prima di tutto un grande spreco di risorse che incide direttamente sulla futura produttività dei mari. Oltre alle specie ittiche non commerciabili, i rigetti interessano anche altre specie prelevate come catture accessorie quali tartarughe e mammiferi marini: è questo il cosiddetto fenomeno marino del Bycatch. Ma qualcosa sta cambiando: finalmente all interno della Riforma della Politica Comune della Pesca si sono stabiliti una serie di principi che dovrebbero condurre all eliminazione graduale dei rigetti (con esplicito divieto di tale pratica) attraverso una migliore selettività degli attrezzi da pesca. Anche gli scarti derivanti dalla trasformazione e lavorazione del pesce producono un notevole spreco di risorse: solo il 30% circa del pescato viene utilizzato, mentre il restante 70% finisce nel prodotto di seconda fascia o viene scartato. E necessario sottolineare che la produzione di eccessive quantità di scarto si trasforma anche in una problematica di gestione dei rifiuti. Il progressivo aumento degli scarti alimentari necessita non solo di un ottimizzazione dei sistemi di gestione e smaltimento dei residui, ma anche di una netta riduzione dello spreco di lavorazione e trasformazione dei prodotti ittici. allarme squali : predatori diventati prede Una grave minaccia alla conservazione dell equilibrio dell ecosistema marino è rappresentata dalla pesca eccessiva e indiscriminata in acque profonde e dal prelievo incontrollato dei predatori marini, come squali, tonni e pesci spada. Da questo punto di vista gli squali rappresentano un caso-simbolo degli effetti catastrofici che il prelievo e il depauperamento incontrollato delle risorse ittiche può avere sull intero ecosistema marino. Gli squali, predatori al vertice della catena trofica, sono animali estremamente sensibili agli effetti della pesca eccessiva: hanno una crescita lenta, raggiungono tardi la maturità sessuale, hanno lunghi periodi di gestazione e generano pochi piccoli ed hanno quindi complessivamente un lento rinnovo delle popolazioni. Ogni anno vengono pescati nel mondo circa 100 milioni di squali e nel Mediterraneo la maggior parte degli squali ha subito un forte declino, che in alcuni casi supera il 97%. Il Mediterraneo è il mare con la più alta percentuale al mondo di squali in pericolo di estinzione: il 42% è a rischio di estinzione, il 18% rischia di diventarlo, il 14% è a un limitato livello di pericolo e per il 26% non esistono dati. Nonostante i continui allarmi lanciati da scienziati e ricercatori, in Italia, così come nel resto dell Europa e del mondo, le misure di protezione e recupero delle popolazioni di squali sono del tutto insufficienti. Un immediata inversione di rotta e maggiori investimenti su ricerca, conservazione di queste specie sono da considerare una priorità che non consente all Italia, come al resto dei Paesi del mondo, ulteriori ritardi che potrebbero avere un effetto devastante sull intero ecosistema marino

6 pesca illegale Esistono diverse forme di pesca illegale, quello che è certo è che ogni attività non regolamentata e illegale comporta un grave danno per il mare, le risorse ittiche e la società e per chi pratica la pesca in modo legale. Il problema è estremamente grave, specie in Italia, e in alcune zone dell Unione Europea, dove tale attività può riguardare fino alla metà del totale delle catture effettuate. I continui fallimenti delle misure di controllo e applicazione delle leggi messe in atto a livello globale ed europeo per gestire questa piaga, hanno provocato gravi conseguenze sulle specie ittiche, sull industria della pesca e sulle comunità che dipendono da essa. Tra le forme più diffuse e più dannose di pesca illegale ci sono: - la pesca praticata senza licenza - la pesca in aree vietate o in periodi vietati - la cattura diretta o indiretta di specie protette come delfini, squali, tartarughe marine, ecc. - l utilizzo di attrezzature vietate - la pesca di organismi sottotaglia La pesca illegale non contribuisce solo al depauperamento degli stock ittici ma comporta anche una riduzione dei posti di lavoro nell intero settore, dalla cattura, all industria di trasformazione del prodotto, al turismo oltre ovviamente ad avere effetti negativi e spesso irrimediabili sull ecosistema marino. I costi ambientali, economici e sociali che ne derivano comportano una perdita stimata intorno a 10 miliardi di euro entro il 2020 a causa della riduzione delle catture e la conseguente perdita di oltre posti di lavoro nel settore della pesca e in quello della trasformazione. Perdita di posti di lavoro che ovviamente potrà colpire anche il settore enogastronomico e della ristorazione. Per porre fine alla pesca illegale è pertanto fondamentale che a livello globale ed europeo vengano rafforzate e migliorate le norme e le conseguenti misure di gestione vigenti e intensificati in modo capillare i controlli, sia in mare che a terra, inasprite le sanzioni (che devono diventare davvero deterrenti), ampliati gli osservatori indipendenti a bordo dei pescherecci, create banche dati digitali e centralizzate, sospesi gli aiuti economici comunitari ai trasgressori. il caso delle spadare Le Spadare, dette anche muri della morte, sono reti da posta derivanti, cioè non fisse, usate per la cattura di grossi pesci pelagici, soprattutto pesci spada da cui prendono il nome. Sono reti lunghe anche fino a 20 chilometri e alte fino a 30 metri che provocano il cosiddetto effetto muro catturando tutto ciò che vi finisce dentro: oltre alle specie bersaglio anche tartarughe, delfini, capodogli, balenottere, squali. Contro questo tipo di pesca altamente distruttivo, dopo una tenace battaglia delle associazioni ambientaliste, vi è stata prima la risoluzione 44/225 del dicembre 1989 delle Nazioni Unite, seguita dal Regolamento CEE n. 345/92 del 28/10/1991 e successivamente dal Regolamento 894 del 29/4/1997 che disponeva la messa al bando delle spadare a partire dal 1 gennaio 2002 nei Paesi dell Unione Europea, mentre dal 2005 sono vietate in tutto il Mediterraneo. Dagli anni 90 sono stati varati piani per la dismissione e riconversione delle spadare con notevoli contributi economici a sostegno sia degli armatori che degli equipaggi, ma purtroppo questo tipo di pesca continua ad essere praticata illegalmente e le cause vanno ricercate anche nella mancanza di validi deterrenti. Infatti chi pesca con le spadare rischia al massimo una multa di circa tremila euro e non sempre è possibile procedere al sequestro delle reti. Solo tra il 2005 e il 2009 sono stati sequestrati chilometri di spadare, più della distanza che intercorre tra Palermo e Oslo. Nei primi nove mesi del 2011, invece, sono state accertate ben 93 infrazioni che hanno portato al sequestro di 221 chilometri di reti illegali, mentre nel maggio 2012 la Capitaneria di Porto di Savona ha sequestrato metri di reti spadare. il pesce spada Il pesce spada (Xiphias gladius), è una delle specie più amate dai consumatori, ricorrente nei menù dei ristoranti e nei banchi del pesce. E un pesce di lusso, caro e ricercato, dalle carni saporite e con poche lische, quindi facile da cucinare ma non è certo uno dei pesci da preferire nelle nostre tavole! E fondamentale infatti sapere che il pesce spada è una specie in forte declino a causa dell eccessiva pressione di pesca e spesso può provenire da attività di pesca poco selettive e illegali (le reti spadare) che comportano la cattura di specie protette come delfini, tartarughe e squali. Zifio intrappolato in una spadara 1 1

7 ...che pesci prendere primavera La salute del mare dipende anche dalle nostre scelte Le specie ittiche di interesse commerciale censite dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali sono 719 ma noi, schiavi di mode culturali e alimentari, ne mangiamo sì e no il 10%. Sui banchi delle pescherie e sulle tavole di casa non arriva che una trentina di varietà. Molte specie, classificate come catture accessorie, dopo essere state pescate non vengono commercializzate per il loro scarso valore commerciale ma rigettate in mare. Eppure diversi tipi di pesce, normalmente trascurati dai consumatori, sono altrettanto buoni sia dal punto di vista gastronomico che nutrizionale. Da questo punto di vista, grande responsabilità hanno anche i ristoratori, che al contrario dei consumatori, sempre più impegnati e con poco tempo per pulire e cucinare il pesce, potrebbero farsi promotori delle specie ittiche dimenticate ma ugualmente sane e buone, educando in tal modo i consumatori a diversificare le loro scelte in materia di pesce e allo stesso tempo proponendo cibi alternativi e sostenibili. Il pesce povero, come il pesce azzurro, è infatti ricco di nutrienti, meno costoso e spesso proveniente da flotte di pesca locali ed artigianali, i cui sistemi di cattura hanno generalmente un minor impatto sull ambiente. Allo stesso modo sarebbe importante eliminare dai propri menù tutte quelle specie che invece hanno ormai raggiunto livelli preoccupanti, se non drammatici, di sovra sfruttamento e le cui popolazioni sono in declino a causa della pesca eccessiva e di un consumo ormai globale. Di seguito alcune delle specie mediterranee da preferire e la loro stagionalità, cioè il periodo in cui non si stanno riproducendo. Sgombro Scomber scombrus taglia minima: 18 cm Palamita Sarda sarda taglia minima: 25 cm Pagello Pagellus acarne taglia minima: 17 cm attenzione alla taglia Esiste una taglia minima al di sotto della quale la maggior parte delle specie ittiche non possono essere pescate né commercializzate. Acquistare pesci troppo piccoli o addirittura neonati (come i bianchetti) significa impedirne la riproduzione e/o la crescita con tutte le ovvie conseguenze che possiamo immaginare: attenzione perciò alla taglia e lasciamo ai giovani il tempo di crescere. Pesce Sciabola (o pesce lama) Lepidopus caudatus taglia minima: 200 cm primavera estate autunno inverno

8 estate autunno Tonnetto (o alletterato) Euthynnus alletteratus taglia minima: 30 cm Triglia Mullus spp taglia minima: 11 cm Sardina Sardina pilchardus taglia minima: 11 cm Rombo chiodato Psetta maxima Orata Sparus aurata taglia minima: 20 cm Gallinella Chelidonichthys lucernus taglia minima: 15 cm Totano Illex coindetti taglia minima: 12cm Cefalo (o muggine) Mugil cephalus, Chelon labrosus, Liza aurata taglia minima: 20 cm primavera estate autunno inverno primavera estate autunno inverno

9 inverno acquacoltura Acciuga o alice Engraulis encrasicolus taglia minima: 9 cm Polpo Octopus vulgaris taglia minima: 450 gr (eviscerato) Sarago pizzuto Diplodus puntazzo taglia minima: 18 cm Zerro Centracanthus cirrus taglia minima: 20 cm L acquacoltura è un attività in forte espansione ed è considerata una delle soluzioni in grado di soddisfare la crescente domanda di pesce delle popolazioni mondiali in continuo aumento, diminuendo il prelievo sugli stock ittici selvatici. Il 47% del pesce destinato al consumo proviene da allevamenti ma molte delle specie d allevamento sono carnivore e si cibano quindi di altri pesci o utilizzano mangimi come la farina e l olio di pesce (derivanti ancora da specie ittiche) o mangimi vegetali provenienti dall agricoltura. Sono necessari circa 5 chili di pesce selvaggio per produrre un chilo di salmone allevato, 20 chili di pesce azzurro per produrne uno di tonno allevato. Inoltre tutti gli impianti di allevamento producono reflui e inquinamenti di vario tipo e forti impatti sull ambiente marino causati dalle deiezioni degli animali, dagli avanzi dei mangimi e dai trattamenti farmacologici utilizzati. L acquacoltura trasforma piccoli pesci di scarso valore economico in pesci più grandi e redditizi, non contribuisce a creare più pesci ma dipende ancora dall attività di pesca e dal prelievo di pesce selvatico. Eco-compatibili possono essere considerati infatti solo quegli impianti che privilegiano l allevamento di specie ittiche ad alimentazione prevalentemente erbivora (che utilizzano mangimi vegetali provenienti da attività agricole altrettanto sostenibili come ad esempio le coltivazioni biologiche) e allevamenti di acquacoltura che garantiscano anche il benessere degli animali. Ciò significa allevare i pesci in spazi adeguati, controllare la qualità delle acque e assicurare il massimo rispetto dei ritmi naturali di crescita. L acquacoltura dovrebbe utilizzare mangimi provenienti da attività di pesca o agricoltura realmente sostenibili e garantire la salubrità degli impianti al fine di assicurare il benessere dell ambiente e delle comunità che dipendono da esso. ATTENZIONE DUNQUE AL PESCE D ALLEVAMENTO CHE COMPRIAMO! primavera estate autunno inverno 1 7

10 crostacei molluschi Gambero rosa Parapenaeus longirostris taglia minima: 2 cm carapace Cozza Mytilus galloprovincialis taglia minima: 5 cm Aragosta Palinurus elephas taglia minima: 30 cm Vongola Chamelea gallina, Ruditapes decussatus, Tapes philipphinarum taglia minima: 2,5 cm Scampo Nephrops norvegicus taglia minima: 7 cm Cannolicchio Solen marginatus taglia minima: 8 cm Astice Homarus gammarus taglia minima: 30 cm Lumachino Nassarius mutabilis taglia minima: 2 cm

11 molluschi ricette ALICI AFFUMICATE E CREMA DI SEDANO RAPA Tartufo di mare Venus verrucosa taglia minima: 2,5 cm Pulire bene le alici. In una padella antiaderente o di ferro mettere le erbe aromatiche: basilico, timo, menta, rosmarino, alloro, origano e bucce d arancia. Scaldare la padella finché le erbe cominciano a carbonizzarsi, aggiungere le alici, mettere il coperchio alla padella e dopo 30 secondi spegnere il fuoco e lasciare cuocere le alici nel fumo aromatico per 5 minuti. Pulire bene il sedano rapa, cubettarlo della stessa grandezza e metterlo in una pentola antiaderente a cuocere nel latte, una volta cotto frullare e filtrare. A questo punto servire le alici affumicate accompagnate dalla crema di sedano rapa. POLPO PAD THAI CON SPAGHETTI DI RISO Ostrica Ostrea edulis taglia minima: 6 cm Pulire bene il polpo e tagliarlo in pezzi uguali. In una padella antiaderente mettere zenzero fresco e olio a soffriggere a bassa temperatura, in seguito aggiungere peperoni e carote tagliati a cubetti e portare a cottura. In un altra padella scottare il polpo per fargli perdere l acqua che contiene, aggiungerlo quindi alle verdure e condire tutto con salsa al coriandolo e lime. Prendere gli spaghetti di riso e metterli in ammollo in acqua calda, una volta ammorbiditi cuocerli 5 minuti con la salsa di polpo e verdure, a fine cottura aggiungere abbondante coriandolo fresco, buccia di lime grattugiata e servire. DATTERI Il dattero di mare (Lithophaga lithophaga) è un mollusco bivalve adattato a vivere all interno delle rocce calcaree in cui ciascun individuo scava una propria galleria attraverso la produzione di un acido che scioglie il calcare. La sua crescita è estremamente lenta e per raggiungere la lunghezza di cm 5 impiega dai 15 ai 30 anni. La loro raccolta che comporta la frantumazione delle rocce è severamente vietata (Decreto n. 401, 20 agosto 1988, Ministero della Marina Mercantile) a causa degli enormi danni all ecosistema marino. Si stima che per la raccolta di 15/20 individui si distrugga in modo spesso irreversibile un metro quadrato di rocce sommerse con tutte le conseguenze che ne derivano. FILETTO DI PALAMITA MARINATO CON RIDUZIONE DI ACETO BALSAMICO E MIRTO Marinare nella Sprite il filetto di palamita per 4-5 ore in frigo con finocchio fresco. In un pentolino preparare una riduzione di aceto balsamico di Modena e liquore di Mirto con un rapporto di 50 a 50, mettere sul fuoco e cuocere fino a ottenere una riduzione compatta che nappi il cucchiaio. Una volta che la palamita è marinata cuocere su piastra o padella antiaderente molto calda, marcando bene il filetto stando attenti a mantenerlo crudo all interno. Una volta cotto scaloppare il pesce e impiattare con la riduzione a specchio. CALAMARO ARANCIO E ZENZERO CON CREMA DI PISELLI Pulire il calamaro, aprirlo di lato e retinare l interno con tagli a 45 gradi su entrambi i lati. In una padella mettere il succo di arance fresche e zenzero fresco in cubetti, cuocere per 10 minuti e qualora il succo risulti un po acido aggiungere 2 cucchiai di zucchero di canna. Preparare un battuto di cipolla rossa o scalogno e cuocere i piselli in una padella antiaderente, quando saranno cotti frullarli e filtrali in modo da ottenere una crema. A questo punto salare il calamaro dalla parte della retinatura, scaldare una padella antiaderente e quanto diventa molto calda mettere un filo d olio evo e il calamaro. Appena il calamaro si attorciglia per effetto della cottura aggiungere la salsa di arancio e zenzero e completare la cottura. Servire decorando con la crema di piselli. Chef Lorenzo D Ettorre

12 glossario Fauna ittica: l insieme degli organismi animali che vivono in acqua. Filiera alimentare: l insieme delle principali attività, le tecnologie, le risorse e le organizzazioni che concorrono alla creazione, trasformazione, distribuzione, commercializzazione e fornitura di un prodotto finito. Habitat: dal latino hăbĭtāre indica il luogo fisico, l ambiente in cui una specie vive e in cui sussistono le condizioni ottimali per il suo sviluppo e la sua sopravvivenza. Nicchia ecologica: termine che indica la posizione di una specie (o di una popolazione) all interno di un ecosistema, ossia il suo modo di vivere, il suo ruolo e tutte le condizioni fisiche, chimiche e biologiche che ne permettono l esistenza in quel particolare ambiente. Per definizione una nicchia ecologica esiste solo se esiste una popolazione che la occupa. Risorse rinnovabili: risorse sia di materia sia di energia che, per caratteristiche naturali o per effetto della coltivazione dell uomo, si rinnovano nel tempo e risultano, quindi, disponibili per la sopravvivenza umana pressoché indefinitamente cioè non esauribili. Stock ittico: unità di gestione di una singola specie utilizzata dalla pesca, talvolta indipendente dal concetto biologico di popolazione. COMPRA IL PESCE DI STAGIONE E ATTENZIONE ALLA TAGLIA MINIMA! la tavola blu Tracciabilità ed Etichettattura Nella vendita al dettaglio i rivenditori sono tenuti a fornire tutte le indicazioni necessarie per l identificazione del prodotto. Per il pesce venduto al dettaglio il cartellino deve contenere le seguenti indicazioni: Denominazione commerciale (della specie) Metodo di produzione (del pescato) Zona di cattura (per il pescato) Paese di provenienza Prezzo di vendita (per unità di misura) LA PROVENIENZA DEL PESCE Il luogo di provenienza del pesce rappresenta un elemento fondamentale per fare una scelta sostenibile e consapevole. E infatti molto importante scegliere pesce di provenienza locale anzichè specie provenienti da mari lontani. Spesso però è molto difficile individuare chiaramente il mare da cui proviene il pesce che compriamo che nella maggior parte dei casi viene identificato con un numero, ovvero un codice stabilito dalla FAO diverso per ogni area di pesca. Di seguito i principali codici di identificazione FAO che indicano il mare da cui proviene il pesce: Zone FAO n 21 - Atlantico nord-occidentale Zone FAO n 27 - Atlantico nord-orientale Zone FAO n 37 - Mar Mediterraneo Zone FAO n 51 e 57 - Oceano Indiano Zone FAO n Oceano Pacifico Stampa Autenticrom s.r.l

13

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare

WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare WWF Italia - Area Marina Protetta di Miramare Osservatori del pescato: progetto educativo sul consumo consapevole dei prodotti del mare Milena TEMPESTA & Francesco ZUPPA C.E.A.M. - Centro di Educazione

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura

Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Fondo europeo per la pesca: Investiamo per un attività di pesca sostenibile UNIONE EUROPEA Assessorato Agricoltura Mangia pesce! Il pesce è un alimento che, secondo le linee guida dei nutrizionisti, dovrebbe

Dettagli

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO

COMUNITÀ CIBO TIPICO IRPINO INFORMAZIONI SUL PESCE È impostante scegliere un buon pescivendolo. Questo implica una serie di considerazioni sul locale: pulizia, ordine, odore di mare, non di ammoniaca o avariato; badate che chi serve

Dettagli

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici

Il salva acquisto. Mini guida all acquisto di prodotti ittici Il salva acquisto Mini guida all acquisto di prodotti ittici Calendario ittico i prodotti ittici di stagione Gennaio:nasello, sardina, sogliola, spigola, triglia Febbraio:nasello, sardina, sgombro, sogliola,

Dettagli

Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente

Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente Considerazioni, innovazioni e sviluppo del settore produttivo dell acquacoltura. Pier Antonio Salvador Presidente Fiera MSE di Rimini 24 febbraio 2008 Dati macroeconomici dati e previsioni FAO - novembre

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA INN NEL MEDITERRANEO Ripercussioni sociali, economiche e ambientali Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.)

Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Prodotti a Km 0 e Gruppi d'acquisto Solidali (G.A.S.) Il viaggio dei prodotti del supermercato La globalizzazione e le attuali logiche di mercato stanno distanziato sempre più i produttori dai consumatori.

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA

LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA LA MISSIONE DEL TURISMO NEI CONFRONTI DELL UOMO E DELLA NATURA Dal momento che il turismo: E la principale attività economica del globo Mobilita più di 5 miliardi di persone ogni anno Occupa milioni di

Dettagli

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Consumo consapevole benefici nutrizionali Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Proprietà nutrizionali Proteine I prodotti della pesca, come

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

EFFETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITÀ E SULL AGROECOSISTEMA BOSCHI-BRIANTI-MELEGA CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SULLA BIODIVERSITA Molti studi affermano che i cambiamenti climatici

Dettagli

Filetti di alici marinate

Filetti di alici marinate Ittico Filetti di alici marinate Filetti di alici marinate in olio. filetti di alici engraulls engrasicholus (alici, acqua, aceto di vino, sale) 65% min, olio di semi di girasole, sale, acido citrico,

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

INCONTRI CON IL MARE

INCONTRI CON IL MARE INCONTRI CON IL MARE Progetti didattici per le scuole 2011-2012 2012 Fondazione Cetacea Onlus Centro di Educazione Ambientale Via Torino 7/A- 47838 Riccione Tel.0541/691557-fax 0541/475830 www.fondazionecetacea.org

Dettagli

WWF: NIENTE E' ORRIBILE COME L'ECCESSO DI PESCA

WWF: NIENTE E' ORRIBILE COME L'ECCESSO DI PESCA PESCA WWF: NIENTE E' ORRIBILE COME L'ECCESSO DI PESCA In vista del cenone di Natale il provocatorio spot della campagna europea WWF Fish Forward solleva l'attenzione sul pesce, anche con ricette anti spreco

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA

GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA GUIDA RAPIDA ALLE SPECIE TUTELATE DI INTERESSE PER LA PESCA MARI ITALIANI VIETATO ANCHE IN CASO DI ESEMPLARI MORTI Tartaruga caretta Caretta caretta #2;5 (e tutte le altre tartarughe marine) Guida all

Dettagli

Prodotti ittici irlandesi -

Prodotti ittici irlandesi - Growing the success of Irish food & horticulture Prodotti ittici irlandesi - una scelta responsabile Migliore tutela dell ambiente Migliore tutela dei consumatori Irlanda la scelta responsabile nel campo

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA. D.S. Patrizia Marini 2015 NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA D.S. Patrizia Marini GLI OBIETTIVI DEL MILLENNIO Il tema Expo Milano 2015 è collegato ad alcuni degli Obiettivi del Millennio fissati dalle Nazioni Unite: Ridurre

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti.

IL MARE IN TAVOLA MENU. Antipasti: 1. Bottarga e pomodori. 2. Cozze alla marinara. 3. Fagioli cannellini e gamberetti. IL MARE IN TAVOLA MENU Antipasti: 1. Bottarga e pomodori 2. Cozze alla marinara 3. Fagioli cannellini e gamberetti Primi piatti: 4. Spaghetti alle cozze e vongole veraci in bianco 5. Spaghetti alla bottarga

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto

Rintracciabilità e tracciabilità strumenti di valorizzazione i del prodotto MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Direzione generale della pesca marittima e dell acquacoltura Aggiornamento in acquacoltura Corso di formazione Firenze 12/04/2013 Rintracciabilità

Dettagli

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione

Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Filiera della Pesca e dell industria di trasformazione Milano, 28 ottobre 2015 Sala Meeting Padiglione Commissione Europea Giovanni Tumbiolo Mazara del Vallo - Italy Distretto Produttivo della Pesca -

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B

BAMPE. Bambini e Prodotti di Eccellenza. P.O. Marittimo Italia Francia IL MARE E I SUOI PRODOTTI. Scuola ELEMENTARE SACRO CUORE 3 B P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza BAMPE IL MARE E I SUOI PRODOTTI Dr. Agr. Paolo Rosatelli Dipartimento per le Produzioni Zootecniche Servizio Risorse Ittiche Scuola ELEMENTARE

Dettagli

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri

Homo Sapiens Sapiens ed Energia. Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri Homo Sapiens Sapiens ed Energia Piero Salinari Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio di Arcetri 1 Il punto di vista energetico... E solo uno degli innumerevoli punti di vista utili per valutare

Dettagli

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto

il Ricettario Primi Spaghetti al Guazzetto Spaghetti al Guazzetto 4 cicale 4 scampi medi 4 pezzi di razza 4 piccole pescatrici calamaretti seppioline prezzemolo, aglio, olio d oliva pomodorini, sale peperoncino a discrezione. tempo di realizzazione

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA

REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA REGOLAMENTO GENERALE PER L UTILIZZO DEL MARCHIO DEL PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA SECONDA BOZZA Premessa Il presente regolamento stabilisce le regole per la concessione, il mantenimento e il rinnovo del

Dettagli

TONNO COLIMENA unico, pugliese e inimitabile

TONNO COLIMENA unico, pugliese e inimitabile TONNO COLIMENA unico, pugliese e inimitabile PALAMITA AFFUMICATA Descrizione: Palamita Affumicata Ingredienti: Palamita, (Sarda sarda) sale Formati a peso variabile da 500-1000 gr.. Valore energetico in

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i

Dal Mare. con Amore. C a t a l o g o P r o d o t t i Dal Mare con Amore C a t a l o g o P r o d o t t i 2 0 0 9 L azienda Iasa nasce a Salerno nel 1969 dalla trasformazione in una moderna società di quella che era l attività di famiglia dei soci fondatori,

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Linee guida per il trasporto e la vendita di prodotti alimentari deperibili a basso impatto ambientale Descrizione estesa del risultato La progettazione, realizzazione e

Dettagli

Il progetto L Università di Bari, con il coordinamento scientifico del Prof. Gregorio De Metrio sta gestendo dal 2007 un programma internazionale per la riproduzione controllata del tonno rosso. Il progetto

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014)

FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) FEAMP FONDO EUROPEO AFFARI MARITTIMI E PESCA (Reg. UE 508/2014) Risorse finanziarie Risorse totali FEAMP 5 miliardi e 750 milioni da dividersi fra 27 Stati Membri Disponibilità per l Italia: 537 milioni

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA

Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA Educazione alla Sostenibilità a Tavola nella Scuola Progetto DAL PIATTO ALLA CIOTOLA, QUI NON SI BUTTA NULLA PREMESSA Le società moderne vivono in una situazione di sazietà e i dati relativi allo spreco

Dettagli

Frutta e verdura, i freschi colori dell estate.

Frutta e verdura, i freschi colori dell estate. Frutta e verdura, i freschi colori dell estate. www.politicheagricole.it più colore alla tua vita www.inran.it Indagini recenti ci confermano un dato purtroppo costante negli ultimi anni: il calo nei consumi

Dettagli

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!!

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!! LEZIONE 3 Rivolta a tutti i ragazzi delle scuole dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Per i docenti: sviluppate la traccia della tematica sotto presentata, adattandola con parole e iniziative,

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA

Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche. Realizzato da So.Svi.Ma. SpA Sviluppo sostenibile partecipato e Progetto Mense Tipiche Scelte alimentari e costi sociali ed ambientali Modello socio economico imperfetto sintetizzato dal sistema dei prezzi cui si affianca il concetto

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba

Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba Training Local Leaders Progetto di educazione alimentare a Itabo, Cuba Un progetto per rafforzare la produzione agricola locale organizzato dalla comunità di Terra Madre Proyecto Comunitario Conservación

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA Al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Al Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Al Ministro dell Economia e delle Finanze Per

Dettagli

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale

Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061. Legnago. il riso. commercio equo e solidale Legnago Via Salieri,, 16 Tel. 0442/601061 il riso commercio equo e solidale Legnago, 18 novembre 2006 La Thailandia Bangkok Come la conosciamo? La produzione di riso La Thailandia è il paese che esporta

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010

SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE. 12 Novembre 2010 AMBIENTE E SVILUPPO SFIDE APERTE E TEMPO DI SCELTE 12 Novembre 2010 LO STATO DEL PIANETA: I FONDAMENTALI Living Planet Report : documento base Viene pubblicato dal 1998 e, a partire dal 2000, ogni due

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 67 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI PER EDUCARE I BAMBINI AD AMARE, RISPETTARE E CONSERVARE IL MONDO E LA NATURA. Elaborazione della figura strumentale per il curricolo

Dettagli

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p

biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p La specie umana è comparsa sulla Terra nel momento in cui la diversità biologica era al culmine. Oggi, man mano che la popolazione umana si accresce aumentano gli p effetti distruttivi nei confronti delle

Dettagli

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.

Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D. Etichettatura dei prodotti ittici L etichettatura del settore ittico è disciplinata da normativa nazionale a carattere generale D.lvo 109/92 e successivi,a carattere speciale DM 27/03/2002, E comunitaria

Dettagli

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale

TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale XV Rapporto LA FILIERA DEL TABACCO IN ITALIA Impatto socioeconomico ed aspetti di politica fiscale DENIS PANTINI Nomisma Roma, 4 aprile 2012 LE VALENZE DELLA FILIERA (2010) Economica Valore delle vendite

Dettagli

Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA. Collezione Autunno 2011. Chef Paolo Dal Bosco

Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA. Collezione Autunno 2011. Chef Paolo Dal Bosco Principe di Lazise Wellness Hotel & SPA Collezione Autunno 2011 Chef Paolo Dal Bosco Risotto con tartufo del Baldo, patate affumicate, trombette nere e gocce di Valpolicella 350 gr riso vialone nano 700

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni

GIAPPONE. Dolce di carote (Gajar Halwa) dosi per 10 porzioni GIAPPONE Dolce di carote (Gajar Halwa) 2 kg di carote 250 g di zucchero 80 g di mandorle pelate 120 g di burro chiarificato 80 g di pistacchi 2 l di latte cardamomo verde pelare e grattuggiare le carote

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

23 aprile 2011. Cucina Zen per Occidentali

23 aprile 2011. Cucina Zen per Occidentali 23 aprile 2011 Cucina Zen per Occidentali 1 Gli ingredienti giapponesi (*) Tofu: é ricavato dalla cagliatura del latte di soia a mezzo del cloruro di magnesio (nigari) e dalla successiva pressatura in

Dettagli

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei

Il prezzo del gasolio a febbraio 2011 ha raggiunto livelli simili a quelli della primavera 2008, anno in cui il sostenuto aumento del prezzo dei Introduzione Nei primi mesi del 2011, l incremento del costo del gasolio sui livelli del 2008 ha compromesso la profittabilità del settore peschereccio, ponendo gli operatori in una situazione di incertezza

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

RICETTARIO APRILE 2015

RICETTARIO APRILE 2015 RICETTARIO APRILE 2015 RISOTTO CON FIORI DI BORRAGINE, MANDORLE E LIMONE GRATTUGIATO DI SORRENTO - 280 g di riso, 2-3 mazzetti di fiori di borragine, - 1 scalogno, - 1 l di Brodo vegetale (per la preparazione

Dettagli

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina

C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 C 500 - Cucina Laboratorio dei servizi enogastronomici: settore cucina DOCENTE: Maria Fatigati Quadro riassuntivo

Dettagli

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca

Action Plan Italia. Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Action Plan Italia Piano di azione per ovviare alle carenze del sistema italiano di controllo della pesca Genesi del provvedimento Il 17 dicembre 2012 la Commissione europea richiama l Italia sulle sue

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

Risotto al Franciacorta, vaniglia e lemongrass con tartare di scampi e melograno

Risotto al Franciacorta, vaniglia e lemongrass con tartare di scampi e melograno Risotto al Franciacorta, vaniglia e lemongrass con tartare di scampi e melograno Risotto al Franciacorta, vaniglia e lemongrass con tartare di scampi e melograno Ingredienti per 4 persone (da moltiplicare

Dettagli

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni!

Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Sedano rapa: un regalo per tutte le stagioni! Tutte le ricette di questo mese sono frutto di esperienza, creatività e. passaparola, e sono redatte da Eleonora Berto, presenza quotidiana al banchetto de

Dettagli

Piccolo ricettario della lumaca

Piccolo ricettario della lumaca Piccolo ricettario della lumaca Di me puoi gustare il meglio solo quando mi chiudo in casa Quando sono opercolate ed è autunno inoltrato, prendi delle belle e grosse lumache, immergile in acqua bollente

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero

Ricette. IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero IIS VIRGINIO DONADIO TURISTICO ALBERGHIERO Via Val Maira,19 tel. 0171905350 Dronero Ricette del menù proposto nella cena promozionale di Star bene a tavola di Venerdì 04 aprile 2014 ore 20,00 Insalatina

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

ACQUICOLTURA IN ALBANIA

ACQUICOLTURA IN ALBANIA ACQUICOLTURA IN ALBANIA L Albania è un piccolo paese dell Europa che copre un area di 28 748 km 2 ed è situato nella parte occidentale della penisola balcanica. L Albania è circondata, nella parte ad ovest

Dettagli

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI

METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI METODOLOGIA DI RILEVAZIONE E ANALISI DEI CONSUMI DOMESTICI DI PRODOTTI ITTICI Per il monitoraggio degli acquisti di prodotti ittici delle famiglie italiane, l Ismea si avvale di un Panel famiglie gestito

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

CROAZIA LUSSINPICCOLO E LUSSINGRANDE NON SOLO ENOGASTRONOMIA MA TANTI DELFINI

CROAZIA LUSSINPICCOLO E LUSSINGRANDE NON SOLO ENOGASTRONOMIA MA TANTI DELFINI CROAZIA LUSSINPICCOLO E LUSSINGRANDE NON SOLO ENOGASTRONOMIA MA TANTI DELFINI Tutti i giorni è possibile assistere alle evoluzioni di una comunità di centocinquanta delfini che nuotano nel tratto di mare

Dettagli