MONITORAGGIO STRUTTURALE DI PANNELLI COMPOSITI FIBRO RINFORZATI MEDIANTE ONDE DI LAMB

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MONITORAGGIO STRUTTURALE DI PANNELLI COMPOSITI FIBRO RINFORZATI MEDIANTE ONDE DI LAMB"

Transcript

1 MONITORAGGIO STRUTTURALE DI PANNELLI COMPOSITI FIBRO RINFORZATI MEDIANTE ONDE DI LAMB A. GIANNEO, M. CARBONI 2, M. GIGLIO 3,2,3 Dipartimento di Meccanica, Politecnico di Milano, Via La Masa, 2056 Milano Tel.: , Fax: , 2 Tel.: , Fax: , 3 Tel.: , Fax: , Introduzione I materiali compositi polimerici fibro rinforzati, consentono la realizzazione di innovativi, leggeri ed allo stesso tempo resistenti elementi strutturali, per via degli elevati rapporti specifici di massa, il più delle volte superiori alle comuni leghe metalliche. Nel merito, gli elevati valori di resistenza meccanica, di rigidezza, l eccellente resistenza alla fatica, l immunità alla corrosione, la flessibilità di design e il basso peso specifico (tipicamente inferiore del 20% rispetto alle leghe d alluminio), ne fanno il materiale di riferimento strutturale. Recenti e rilevanti esempi applicativi risiedono nel campo aeronautico con l introduzione rispettivamente del 25% e 50% in peso di materiali compositi nella struttura primaria dell A380 e del 787 Dreamliner. D altro canto, la suscettibilità di tali materiali agli impatti è ben nota, così come le conseguenti forme di danneggiamento per indentazione, rottura delle fibre e/o della matrice e risultanti delaminazioni. In particolar modo quest ultima forma rappresenta il principale problema di integrità strutturale, soprattutto se prodotta da impatti a bassa velocità (BVID), in quanto quest ultimi lasciano tracce difficilmente individuabili durante le operazioni di ispezione visiva []. Fallire nell individuazione di un BVID può degenerare in una catastrofe. Una soluzione particolarmente efficiente ed efficace, riportata in letteratura, è applicare sistemi di monitoraggio strutturale (SHM) che utilizzino onde ultrasonore guidate (onde di Lamb): quest ultime si sono rilevate in grado di ridurre i costi di manutenzione in strutture tipo piastra, come riportato in [2]. E stato dunque elaborato un piano sperimentale, nella forma 2 k, per studiare l influenza sul processo di monitoraggio strutturale di pannelli aeronautici fibro rinforzati mediante l utilizzo delle onde di Lamb, dei fattori frequenza di eccitazione, posizione e dimensione, rispettivamente a difetti delaminativi, dapprima artificialmente introdotti mediante delle patch di Teflon in fase di laminazione e successivamente ricreati tramite impatti a bassa velocità. Nel dettaglio sono state indagate le due principali configurazioni Pulse-Echo e Pitch-Catch dei trasduttori piezoelettrici, utilizzando come risposta il modo fondamentale di Lamb A 0. Verrà infatti illustrata la possibilità di eccitare selettivamente suddetto modo lavorando nel campo delle basse frequenze, indicativamente [0;50] khz. I dati campionati sono stati analizzati mediante la trasformata discreta wavelet (DWT), per ripulire il segnale dal rumore non correlato, e quella continua (CWT) per estrarre le caratteristiche del segnale con cui valutare l influenza dei fattori precedentemente esposti. Il sistema composito impiegato nella seguente ricerca è un laminato quasi-isotropo, nella forma [0/+45/0/-45/90/-45/0/+45/90] s composta da 7 lamine unidirezionali SAATI EH- 550/T800S, le cui proprietà elastiche sono state determinate sperimentalmente in accordo

2 con la normativa ASTM D3039 [3] e ASTM D358 [4] e riportate in Tabella. Tale sistema è rappresentativo dei laminati ad oggi impiegati in campo aeronautico, come mostrato nel rapporto EASA [5]. Tabella : Costanti elastiche del sistema composito UD SAATI EH550/T800S. E [GPa] v 2 E 22 [GPa] v 2 G 2 [GPa] µ 59,4 0,32 8,2 0,08 4,7 σ 2,5 0,09 0,43 0,00 0,3 CV [%],6 5,8 5,3 7,5 7,3 2. Simulazione semi analitica ad elementi finiti (SAFE) Le costanti sopraelencate sono state successivamente impiegate per ricavare, tramite un approccio semi analitico ad elementi finiti (SAFE), le proprietà dispersive dei modi di Lamb all interno del laminato target dello studio, come esaustivamente illustrato in [6]. I risultati numerici, sono riportati in Figura e rapportano la velocità di fase (C p ) alla frequenza di attuazione (f), per diverse direzioni di propagazione ondosa, in riferimento alla fibra allineata 0. Figura : Curve di dispersione di fase, propagazione ondosa: a) 0 ; b) 30 ; c) 60 ; d) 90. Ne discende l individuazione a 380 khz della frequenza di taglio, al di sotto della quale esistono i soli tre modi fondamentali S 0, A 0 e SH 0. Quest ultima limita il campo di attuazione dei trasduttori PZT a [0; 380] khz: pratica comune è infatti lavorare ben al di sotto di tale parametro per evitare l esistenza contemporanea di più modi di Lamb, oltretutto dal comportamento fortemente dispersivo. Come sarà chiarito successivamente, l interesse sarà focalizzato sul modo fondamentale asimmetrico A 0 eccitato a basse frequenze, pertanto sono riportate in Figura 2 le principali proprietà propagative di questo modo in un ristretto range di attuazione, rispettivamente espresse tramite numero d onda k, e velocità di gruppo C g in funzione della frequenza f.

3 a) b) Figura 2: k(f) a), C g (f) b) per propagazione ondosa del modo A 0 : 0, 30, 60, 90. In aggiunta ai risultati numerici SAFE, in Figura 2b sono sovrapposte le velocità determinate sperimentalmente sulla base del tempo di volo TOF intercorso tra attuazione e ricezione mediante un array di PZT equi spaziati di 30 rispetto la fibra inclinata lungo l asse del laminato (0 ); si faccia riferimento al setup di Figura 3. L evidenza sperimentale risulta essere in accordo con i risultati numerici, conseguentemente il modello SAFE è validato. Figura 3: Setup sperimentale per la validazione dell output numerico SAFE. 3. Progettazione ed Analisi Sperimentale (DOE) L approccio DOE consiste essenzialmente di due fasi sperimentali: una prima preliminare, dal carattere esplorativo, e una seconda dedicata allo sviluppo di un piano sperimentale ed analisi obiettiva dei conseguenti risultati. 3. Stadio preliminare Come asserisce Montgomery [7]: l 80% del successo nel fare una sperimentazione dipende dalle sue fasi pre-sperimentali in cui si cerca di capire qualcosa. Nel caso in esame, ciò include definire il miglior setup sperimentale con cui condurre le prove ed estrarre dei risultati preliminari con cui elaborare un piano sperimentale. La Figura 4 riassume in dettaglio la catena di misura impiegata e il sistema di acquisizione, come discusso altrove [6]. Figura 4: Catena di misura a) e sistema di acquisizione impiegato b).

4 Merita soffermarsi sulla fase di attuazione gestita tramite una coppia di PZT posizionati simmetricamente rispetto l asse medio del laminato: l evidenza sperimentale ha infatti mostrato come sia possibile, attuando a bassa frequenza, eccitare selettivamente il modo A 0 ed incrementarne magnitudine e conseguentemente il rapporto segnale-rumore, attuando la coppia in contro fase. Contrariamente, il modo S 0 tende a nascere via via che ci si avvicina alla soglia, stabilita in 50 khz, oltre alla quale i rapporti scendono sotto ai 20dB, come illustrato in Figura 5 per differenti direzioni di propagazione; la nomenclatura dei PZT è coerente con la Figura 3. Figura 5: Rapporti conseguibili eccitando la coppia PZT in fase e controfase. I rapporti più elevati sono conseguibili energizzando la coppia di PZT controfase piuttosto che in fase, in quanto è introdotto nel laminato un modo flessionale tipico di A 0, in ogni caso è interessante notare che, diversamente da quanto è riportato in letteratura [8], lavorando a bassa frequenza, viene restituito, indipendentemente dalla modalità di attuazione, un modo A 0 di intensità maggiore rispetto a S 0. I rapporti si mantengono superiori agli 0 db fino alla soglia dei 50 khz e bruschi cambiamenti occorrono intorno ai 00 khz, oltre i quali è evidenziato l usuale trend confinato nella banda dei 0 db. Suddetti risultati preliminari forniscono la promettente possibilità di condurre una valutazione NDE, e dunque un processo SHM, tramite dei trasduttori PZT montati sulla superficie di laminati CFRP, utilizzando come onda diagnostica il solo modo A 0. Ciò semplifica notevolmente l interpretazione del segnale di risposta poiché essenzialmente un unico modo propaga ed almeno inizialmente, tralasciando successive eventuali conversioni di modo che possono occorrere, interagisce con la struttura. 3.2 Progettazione del piano sperimentale Un piano fattoriale del tipo 2 k è predisposto per valutare performance e possibili fattori influenti un processo SHM fondato sul solo modo A 0, eccitando una coppia di PZT in contro fase in un ristretto range di frequenze, indicativamente [0;50] khz. I k fattori designati sono: frequenza di eccitazione, posizione e dimensione delle delaminazioni artificialmente ricreate; i rispettivi livelli scelti sono 45, 60 khz, 0.25, 2 mm dalla superficie e 8, 24 mm, successivamente codificati in livelli di alto e basso (+,- ) per eseguire l analisi ANOVA.

5 Nonostante la possibilità di condurre il CND alle minime frequenze del range [0; 50] khz, data l impossibilità di ottenere un segnale di riferimento dai pannelli delaminati artificialmente, la frequenza è volutamente impostata a cavallo dei 50 khz, cosicché siano minimizzate le interferenze tra i difetti e le prossime condizioni al contorno. Inoltre, i livelli scelti sono sufficientemente distanziati gli uni dagli altri in modo da prevenire confusioni nell interpretazione dovute alla varianza. Pertanto due laminati quasi isotropi sono stati predisposti, lungo la propria diagonale laddove sono collocate le patch di Teflon, mediante otto trasduttori PZT, dei quali la metà dedicata alla configurazione PE e l altra a quella PC. Suddetto piano è condotto attuando in contro fase una coppia di trasduttori PZT, in accordo con un impulso di 5,5 cicli sinusoidali, modulato con una finestra Hanning, alla tensione di 30 V picco-picco; i dati sì campionati sono stati successivamente rielaborati digitalmente (DSP) mediante l uso della trasformata wavelet. Nel merito, l utilizzo di quella discreta (DWT, wavelet Daubechies 6th level, db6) ha permesso di ripulire il segnale dal rumore non correlato presente, mentre quella continua (CWT, wavelet Morlet, morl), riassunta nello scalogramma, ben si presta ad evidenziare l evoluzione del contenuto energetico nel dominio delle frequenze e del tempo e quindi alla successiva estrazione della risposta alla frequenza centrale di attuazione dei PZT. In ultimo, è applicata la trasformata di Hilbert in modo da rappresentare la risposta secondo la tipica forma degli A-scan UT. La Figura 6 fornisce un esempio del condizionamento delle onde di Lamb sopradescritto. Figura 6: DSP: a) segnale campionato; b) DWT; c) coefficienti CWT; d) trasf. di Hilbert. Nelle successive sotto sezioni vengono sinteticamente riportati i risultati ANOVA del piano 2 k nelle due diverse configurazioni (PE e PC) in riferimento a delaminazioni artificiali e naturali ricreate tramite prove di impatto; dettagli si trovano in [6] e [9]. Per la modalità PE e PC, la risposta verrà valutata rispettivamente per mezzo del coefficiente di riflessione R e di quello di trasmissione T Analisi dei risultati sperimentali dalla configurazione PE e PC per difetti artificiali Per quanto concerne la modalità PE, gli strumenti di sintesi riportati in Figura 7a e b evidenziano come potenziali fattori chiave la dimensione e la sua interazione con la frequenza. La soggettività di tale conclusione è superata dall analisi ANOVA, che con un livello di significatività imposto α=0%, evidenzia come altamente significativa suddetta

6 interazione, e scarsamente la frequenza in quanto l evidenza sperimentale (p-value) non è sufficientemente forte per affermare una sua certa influenza. I rimanenti fattori e loro combinazioni non evidenziate dall ANOVA non sembrano essere significative in riferimento al processo SHM proposto. Riassumendo, le performance PE sono influenzate dall interazione dimensione-frequenza di attuazione ed in particolare sono indipendenti rispetto a delaminazioni estese, mentre migliorano lavorando ad alta frequenza per quelle minute. Main Effects Plot for Response Interaction Plot for Response Position Position 0.0 a) b) Main Effects Plot for Response Interaction Plot for Response Position Position 0.25 c) Figura 7: Effetti principali ed interazioni per le configurazioni PE a), b) e PC c), d). Contrariamente, l analisi della varianza della configurazione PC, riportata in Tabella 2b mostra come unico fattore degno di nota l estensione del difetto: pertanto, indipendentemente dalla frequenza centrale dell impulso diagnostico e della relativa posizione all interno del laminato, bruschi cambiamenti nella risposta occorrono quando il modo A 0 attraversa la delaminazione. Tabella 2: Report ANOVA per le configurazioni PE a) e PC b). d) La Figura 8 riporta come esempio un segnale campionato in risposta a un difetto artificiale della dimensione di 24 mm sia per la configurazione PE, sia per quella PC.

7 a) b) Figura 8: Segnali di risposta PE a) e PC b) alla delaminazione artificiale da 24 mm. 3.3 Analisi dei risultati sperimentali dalla configurazione PE e PC per difetti BVID Dopo aver valutato i fattori potenzialmente influenti sul processo SHM in risposta a delaminazione artificiali, le performance sono ora valutate rispetto a impatti a bassa velocità (BVID) in grado di arrecare estese aree delaminate, sebbene l unica indicazione superficiale del danneggiamento sia una leggera indentazione. Il laminato CFRP di Figura 9 presenta quattro zone rispettivamente impattate ad energie di 2.8, 8., 3.8 e 20.8 J, di cui è evidenziata la zona a maggiore energia: nessuna delle comuni forme di danneggiamento superficiale [8], come depressioni, cricche,, sono visibili, dunque la condizione BVID si può considerare raggiunta. I test sono stati condotti in accordo con la norma ASTM D736 [0]. Figura 9: Laminato CFRP oggetto di impatti a bassa velocità; dettaglio della zona a 20J. La piastra è analogamente provvista di una coppia centrale di attuatori PZT energizzati fuori fase a 45 e 60 khz ed un array di PZT per effettuare la duplice modalità di monitoraggio strutturale PC e PE. I dati campionati sono stati analizzati nella stessa modalità precedentemente riportata e i risultati in risposta a danneggiamenti BVID sono sintetizzati nei grafici degli effetti principali ed interazioni di Figura 0. Si tenga presente che in questo caso i fattori sono inevitabilmente limitati dai precedenti tre ai seguenti due: energia di impatto e frequenza di eccitazione, pertanto il confronto dei risultati è possibile, assimilando l energia di impatto direttamente con l estensione del danno. Inoltre, non è stato possibile effettuare una rigorosa analisi ANOVA in quanto essendo il numero di repliche per livello limitate a una (una sola è la piastra impattata), non ci sono gradi di libertà con cui stimare la varianza di processo. In ogni caso, elementi di similitudine possono essere individuati nelle due risposte del sistema SHM proposto relativamente alle delaminazioni naturali ed artificiali. Nel

8 dettaglio, la modalità PE evidenzia lo stesso tipo di interazione frequenza-dimensione, o corrispondentemente frequenza-energia, dalla quale la risposta del difetto può essere massimizzata guidando i PZT ad alta frequenza in relazione a difetti minuti, mentre risulta pressappoco insensibile interagendo con estese aree danneggiate. La principale discrepanza consiste nell apparente significatività dell energia e della frequenza come fattori a sé stanti. La loro influenza, sul coefficiente di riflessione, può essere attribuita alle complesse forme di danneggiamento introdotte dagli impatti [], rispetto una semplice delaminazione simulata mediante patch di Teflon: rottura della matrice, delle fibre e delaminazioni concorrono insieme a definire la risposta globale. Main Effects Plot for Response Interaction Plot for Response Energy a) 0.00 Energy b) Main Effects Plot for Response Interaction Plot for Response 0.7 Energy c) Figura 0: Grafico degli effetti principali e delle loro interazioni: PE a), b) e PC c), d). Al contrario, così come evidenziato dall approccio DOE, la configurazione PC, caratterizzata dal coefficiente di trasmissione T, è principalmente influenzata dall estensione del difetto: maggiore l estensione inferiore l energia trasmessa. Pertanto in questo caso la modalità di danneggiamento sembra non influire sulla risposta finale. 4 Conclusioni E stata messa a punto una nuova modalità di attivazione selettiva delle onde di Lamb, in grado di generare un segnale diagnostico basato fondamentalmente sul modo A 0, unendo l attuazione a bassa frequenza, indicativamente nell intervallo [0;50] khz, e l eccitazione in contro-fase di una coppia di PZT. Sicché si è in grado di ottenere come minimo rapporti di 20 db, nonché incrementarne notevolmente il rapporto segnale rumore del modo A 0, fino a 00kHz, oltre i quali perde la proprietà di essere un ordine di grandezza superiore ad S 0 e cessa la semplificazione di poter considerare un solo modo di Lamb nella risposta. In ogni caso, ulteriori ricerche sono necessarie per verificare la possibilità che si verifichino alle basse frequenze conversioni di modo in grado di restituire modi S 0 di intensità elevata. Come conseguenza sono state valutate le performance e i potenziali fattori influenti la risposta del proposto sistema SHM allestito sia nella modalità Pulse-Echo, sia Pitch-Catch, 0. Energy d)

9 in relazione a laminati CFRP quasi-isotropi soggetti a delaminazioni artificiali e naturali, quest ultimi stabiliti tramite prove di impatto a basa velocità. La frequenza di attuazione è stata scelta a cavallo dei 50 khz a causa della vicinanza delle condizioni al contorno che avrebbero mascherato la risposta al difetto. In particolar modo il sistema SHM proposto ben si presta al monitoraggio di vaste strutture tipo piastra in quanto a bassa frequenza sono conseguibili i minimi coefficienti di attenuazione. Sono stati trovati elementi di similarità tra le risposte a difetti naturali ed artificiali: nel merito è possibile asserire che la riposta PC si fonda essenzialmente sull estensione del danno presente all interno del laminato, al contrario quella PE sembra maggiormente condizionata dalla complessa modalità di danneggiamento introdotta all impatto. Ciò apre la promettente possibilità di estrarre informazioni addizionali sulla natura del danno, poiché un impronta caratteristica può essere individuata sulla base della differenza tra la risposta a una delaminazione pura, artificialmente introdotta, e una naturale composta in aggiunta da rotture di fibre e matrice. In aggiunta è presentato uno strumento di analisi sperimentale con cui determinare i principali fattori e come essi stessi interagiscono nel definire la risposta di un processo SHM, informazioni quest ultime necessarie alla definizione del miglior network di sensori PZT in ottica di monitoraggio strutturale. 5 Ringraziamenti Gli autori ringraziano R. Galeazzi per l aiuto fornito nella presente ricerca. 6 Bibliografia [] Allen J. Fawcett, Gary D. Oakes (ATF), Boeing Composite Airframe Damage Tolerance and Service Experience Boeing Commercial Airplanes 787 Program [2] W.J. Staszewski Structural health monitoring using guided ultrasonic waves, J. Holnicki-Szulc, C.A. Mota Soares (Eds.), Advances in Smart Technologies in structural engineering, Springer, Berlin (2004), pp [3] ASTM D3039/D3039M-08, 2008, Standard Test Method for Tensile Properties of Polymer Matrix Composite Materials. [4] ASTM D358/D358M-94, 2007, Standard Test Method for In-Plane Shear Response of Polymer Matrix Composite Materials by Tensile Test of a ±45 Laminate. [5] Toso N., Alastair J., 20, LIBCOS-Significance of Load upon Impact Behavior of Composite Structure, Research Project EASA 2009/3. [6] Gianneo A., 202, Analysis and Experimental Design Applied to Structural Monitoring of CFRP plates by Lamb Waves, MSc. Thesis, Politecnico di Milano, Milano, Italy. [In Italian] [7] Montgomery D. C., 2005, Design and Analysis of Experiment, McGraw-Hill [In Italian] [8] Su Z., Ye L., 2005, Selective Generation of Lamb Waves Modes and their Propagation Characteristics in Defective Composite Laminates, Journal of Materials: Design and Applications 28, 950. [9] M. Carboni, A. Gianneo, M. Giglio, 203, A LOW FREQUENCY LAMB-WAVES BASED STRUCTURAL HEALTH MONITORING OF AN AERONAUTICAL CARBON FIBRE REINFORCED POLYMER COMPOSITE The 2th International Conference of the Slovenian Society for Non-Destructive Testing Application of Contemporary Non-Destructive Testing in Engineering«September 4-6, 203, Ljubljana, Slovenia [0] ASTM D736/D736M2, 2007, Standard Test Method for Measuring the Damage Resistance of a Fiber-Reinforced Polymer Matrix Composite to a Drop-Weight Impact Event [] Abrate S., Castanié B., Rajapakse Y. D. S., 203, Dynamic Failure of Composite and Sandwich Structures Series: Solid Mechanics and Its Applications, Vol. 92 VIII, 643 p

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio

Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Riproduzione della frattura tramite simulazioni numeriche supportate da sperimentazioni di laboratorio Marco Domaneschi Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano Tubi commerciali in

Dettagli

METODOLOGIA DI SVILUPPO DI COMPONENTI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO

METODOLOGIA DI SVILUPPO DI COMPONENTI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO COME INNOVARE CON I MATERIALI INNOVATIVI: MATERIALI E METODOLOGIE PER LO SVILUPPO PRODOTTO Marina di Carrara 22 ottobre 2009 METODOLOGIA DI SVILUPPO DI COMPONENTI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO Marino

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive

I materiali. I materiali. Introduzione al corso. Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza. Le prove meccaniche distruttive I materiali I materiali Introduzione al corso Tecnologia di produzione I materiali La misura della durezza Le prove meccaniche distruttive La meccanica dei materiali 2 2006 Politecnico di Torino 1 Obiettivi

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali

Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali CompositiExpo ModenaFiere 14-15 ottobre 2009 Simulazione crash di modelli full-scale con componenti in composito a partire dalla caratterizzazione dei materiali Ing. L. Ferrero 1. Introduzione alle problematiche

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I)

APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) APPENDICE A: Tabella Process Sigma (I) 203 APPENDICE A: Tabella Process Sigma (II) 204 APPENDICE B: Tipologie di variabili Lo schema sottostante è utile per la corretta scelta degli indicatori durante

Dettagli

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW

All.n.7 GAD PEC RI12 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW All.n.7 GAD PEC RI2 INDAGINE GEOFISICA TRAMITE TECNICA MASW Easy MASW La geofisica osserva il comportamento delle onde che si propagano all interno dei materiali. Un segnale sismico, infatti, si modifica

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura La dinamica degli edifici e le prove sperimentali La Norma UNI 9916 prende in considerazione in modo esplicito il caso della misura delle vibrazioni finalizzata allo: Studio del comportamento dinamico

Dettagli

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE

IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE IL CONTROLLO DEL CALCESTRUZZO IN OPERA CON TECNICHE NON DISTRUTTIVE R. Pucinotti, M.R. Udardi Dipartimento Patrimonio, Architettura e Urbanistica Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

Dettagli

CONVENZIONE UNIVERSITÀ DI PERUGIA DELTATECH. Rapporto Attività di Ricerca. Prove ad impatto su laminati compositi con.

CONVENZIONE UNIVERSITÀ DI PERUGIA DELTATECH. Rapporto Attività di Ricerca. Prove ad impatto su laminati compositi con. CONVENZIONE UNIVERSITÀ DI PERUGIA DELTATECH Rapporto Attività di Ricerca Prove ad impatto su laminati compositi con Ball Drop Tester Prof. L. Torre Fase 1: Terni 18/6/214 METODI Sono stati effettuati test

Dettagli

Funzioni di base del rilevatore di difetti universale GEKKO

Funzioni di base del rilevatore di difetti universale GEKKO GEKKO Descrizione Prodotto Rilevatore di difetti ad ultrasuoni portatile con tecnologia Phased Array, TOFD e tecniche di ispezione con Ultrasuoni convenzionali. Funzioni di base del rilevatore di difetti

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

ESAMI PRELIMINARI SU STRUTTURA E CARATTERISTICHE MECCANICHE DI UN. (*) - Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali, delle

ESAMI PRELIMINARI SU STRUTTURA E CARATTERISTICHE MECCANICHE DI UN. (*) - Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali, delle ESAMI PRELIMINARI SU STRUTTURA E CARATTERISTICHE MECCANICHE DI UN FORGIATO SPERIMENTALE IN LEGA Ti-3Al-8V-6cr-4Mo-4Zr F.Felli*, P.Lingua**, G.B.Festa*, G.Cammarata*. (*) - Dipartimento di Ingegneria Chimica,

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3 SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI 1 DEFINIZIONI Lo scorrimento viscoso o scorrimento plastico permanente (in inglese creep) è la deformazione permanente di un materiale sottoposto, ad alta temperatura,

Dettagli

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995).

Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). ANALISI DI UNA SERIE TEMPORALE Analisi statistica elementare Abbiamo costruito il grafico delle sst in funzione del tempo (dal 1880 al 1995). Si puo' osservare una media di circa 26 C e una deviazione

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves

Indagine sismica. MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves Indagine sismica MASW - Multichannel Analysis of Surface Waves relativa alla determinazione della stratigrafia sismica VS e del parametro VS30 in un'area di Sestri Levanti NS rif 09140SA Dott. Geol. Franco

Dettagli

Procedure di calcolo implicite ed esplicite

Procedure di calcolo implicite ed esplicite Procedure di calcolo implicite ed esplicite Il problema della modellazione dell impatto tra corpi solidi a medie e alte velocità. La simulazione dell impatto tra corpi solidi in caso di urti a media velocità,

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICI TERMICHE DELLA DITTA ATRIA S. r. l. Sperimentazione eseguita LUOGO E DATA DI EMISSIONE:

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5

1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 DI UN SISTEMA DI FISSAGGIO PER FACCIATE CONTINUE 2 INDICE 1 PREMESSE E SCOPI... 3 2 DESCRIZIONE DEI SUPPORTI SOTTOPOSTI A PROVA... 3 3 PROGRAMMA DELLE PROVE SPERIMENTALI... 5 3.1 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA...

Dettagli

DoE - Design of Experiment

DoE - Design of Experiment 3 Tecniche di DoE DoE - Design of Experiment Sequenza di Prove Sperimentali da Effettuare per Studiare e Ottimizzare un Processo Un esperimento programmato è una prova o una serie di prove in cui vengono

Dettagli

TECNOLOGIE DI REALIZZAZIONE DI GIUNTI INCOLLATI IN CAMPO AEROSPAZIALE

TECNOLOGIE DI REALIZZAZIONE DI GIUNTI INCOLLATI IN CAMPO AEROSPAZIALE TECNOLOGIE DI REALIZZAZIONE DI GIUNTI INCOLLATI IN CAMPO AEROSPAZIALE G. Augello Responsabile del CAE Meccanico Dipartimento di Sistemi Meccanici Alenia Spazio S.p.A. - Torino M. Montabone Responsabile

Dettagli

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 1. Avvertenze Generali Questo manuale d uso contiene norme di sicurezza nonché le istruzioni necessarie per l utilizzo del Pull-Out DRG 100. Per trarre il massimo vantaggio

Dettagli

HIGH DYNAMIC TESTING PROGRAM

HIGH DYNAMIC TESTING PROGRAM d MONITORING, TESTING AND STRUCTURAL ENGINEERING HIGH DYNAMIC TESTING PROGRAM 1. DESCRIZIONE DELLA PROVA E DELLA STRUMENTAZIONE La prova dinamica ad alta deformazione viene eseguita su pali di fondazione

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D

MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D MURATURA RINFORZATA CON SRG: PROVE SU TAVOLA VIBRANTE CON MISURA DEGLI SPOSTAMENTI TRAMITE SISTEMA OTTICO 3D G. De Canio 1, M. Mongelli 2, A. Giocoli 3, I. Roselli 4, G. De Felice 5, S. De Santis 6 1,2,3,4

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali

STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali STARTUP innovativa fondata a inizio 2014 Accolta in I3P (incubatore del Politecnico di Torino) Pluripremiata nelle competizioni nazionali Finanziamento europeo nell ambito di HORIZON 2020 Sistema innovativo

Dettagli

Prova ecometrica. Analisi del segnale nel dominio del tempo

Prova ecometrica. Analisi del segnale nel dominio del tempo Prova ecometrica Analisi del segnale nel dominio del tempo La prova ecometrica permette di ricavare informazioni sull integrità della fondazione ed avere una stima della sua profondità. L esecuzione della

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tesi di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Applicazione della banda millimetrica al monitoraggio della superficie marina Relatore Prof. Gaspare Galati

Dettagli

Diagnostica sui compressori alternativi

Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi Diagnostica sui compressori alternativi La diagnostica dei compressori alternativi consente di verificare lo stato di salute

Dettagli

Controlli Non. Distruttivi Ultrasuoni. (Non Destructive Testing) MaGyc Innovation in Engineering GPTI. Gruppo Professionale Tecnica / Industria

Controlli Non. Distruttivi Ultrasuoni. (Non Destructive Testing) MaGyc Innovation in Engineering GPTI. Gruppo Professionale Tecnica / Industria Controlli Non Distruttivi Ultrasuoni (Non Destructive Testing) sia GPTI Gruppo Professionale Tecnica / Industria MaGyc Innovation in Engineering Ultrasuoni Teoria Ultrasuoni Suono la cui frequenza è al

Dettagli

LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO NEL SETTORE AERONAUTICO

LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO NEL SETTORE AERONAUTICO LA TERMOGRAFIA ALL INFRAROSSO NEL SETTORE AERONAUTICO Carosena Meola Dipartimento di Ingegneria Industriale Sezione Ingegneria Aerospaziale Università di Napoli Federico II, Via Claudio,, 85 Napoli Tel.

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

Rilevazione di perdite di fluido da serbatoi per GPL mediante tecnica basata sul metodo di Emissione Acustica

Rilevazione di perdite di fluido da serbatoi per GPL mediante tecnica basata sul metodo di Emissione Acustica Rilevazione di perdite di fluido da serbatoi per GPL mediante tecnica basata sul metodo di Emissione Acustica G. Augugliaro (1), F. Brini (1), C. De Petris (1), P. Lenzuni (2), C. Mennuti (1) (1) INAIL

Dettagli

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale

La tecnologia FBG per il monitoraggio in ambito aeroportuale 9 CONVEGNO Aeroporti: esperienze operative e innovazioni tecnologiche 30 ottobre 2014 - Aeroporto Malpensa Nuove tecnologie per ambiente sicurezza e monitoraggio in aeroporto: La tecnologia FBG per il

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

Materiali compositi e impatto ambientale. A. Ratti Politecnico di Milano, Dipartimento INDACO andrea.ratti@polimi.it

Materiali compositi e impatto ambientale. A. Ratti Politecnico di Milano, Dipartimento INDACO andrea.ratti@polimi.it Materiali compositi e impatto ambientale A. Ratti Politecnico di Milano, Dipartimento INDACO andrea.ratti@polimi.it Argomenti trattati Ø Stato dell arte nell utilizzo di risorse rinnovabili per applicazione

Dettagli

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico

RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero energetico UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE RAPPORTO TECNICO ATTIVITA : OR2/WP3 - Integrazione delle tecnologie a risparmio/recupero

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti

Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi strutturale con il metodo degli elementi finiti Introduzione all uso di un programma per analisi agli Elementi Finiti L analisi di una struttura può essere effettuata attraverso metodi analitici

Dettagli

La verifica di resistenza a fatica dei materiali metallici 1: il provino. Andrea Manes

La verifica di resistenza a fatica dei materiali metallici 1: il provino. Andrea Manes La verifica di resistenza a fatica dei materiali metallici 1: il provino La fatica nei materiali metallici 2 Nel corso della storia dell industria moderna sono avvenute rotture improvvise e inaspettate

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

Il Deskstop dell Energy Manager. Sandra Magnani Presidente Samares Spa

Il Deskstop dell Energy Manager. Sandra Magnani Presidente Samares Spa Il Deskstop dell Energy Manager Efficienza Energetica come processo operativo Sandra Magnani Presidente Samares Spa Il Sistema Energetico Integrato IMPIANTI TERMICI IMPIANTI ELETTRICI STRUTTURE ARCHITETTONICHE

Dettagli

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com

DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS. www.desinnovation.com DIAGNOSTIC ENGINEERING SOLUTIONS CONTROLLI NON DISTRUTTIVI SU MATERIALI COMPOSITI Tecniche NDT La tecniche termografiche per i controlli non distruttivi (NDT) sono basate sulla misura di anomalie termiche

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi

Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi Ing. Giovanni Mannara, IVM Srl Sorrento, 16 Ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Scenario

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Solare Termico

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Impianto Solare Termico ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

Laboratori per la ricerca su ingranaggi e trasmissioni Edoardo Conrado Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica

Laboratori per la ricerca su ingranaggi e trasmissioni Edoardo Conrado Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Laboratori per la ricerca su ingranaggi e trasmissioni Edoardo Conrado Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Banchi di prova e attività di ricerca Banchi di prova Banco CENIT2 Banco Prove Flessione

Dettagli

Macchine e Sistemi Energetici

Macchine e Sistemi Energetici Macchine e Sistemi Energetici Coordinatore: Prof. Roberto Bettocchi Determinazione delle prestazioni per macchine motrici / operatrici Progettazione fluidodinamica di ventilatori, compressori e pompe SIMULAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software

DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software DETERMINAZIONE DI V S30 ReMi software Il calcolo di questo parametro dinamico può essere effettuato attraverso le classiche prove sismiche in foro del tipo DOWN-HOLE oppure con metodi innovativi indiretti.

Dettagli

Innovativo sistema di controllo tubi con tecnica Phased Array di seconda generazione

Innovativo sistema di controllo tubi con tecnica Phased Array di seconda generazione Innovativo sistema di controllo tubi con tecnica Phased Array di seconda generazione C. Gilardoni e collaboratori Gilardoni S.p.A., Via Arturo Gilardoni 1, 23826 Mandello del Lario (LC), tel. (+)39 0341

Dettagli

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche

UNI EN ISO 7218:2007 Microbiologia di alimenti e mangimi per animali Requisiti generali e guida per le analisi microbiologiche elementi innovativi e conseguenti criticità Stefanetti Mariavittoria Roma, 25-26 giugno 2009 1 TEMPI DI ADEGUAMENTO al 30 novembre 2008 (dopo 12 mesi dall emanazione della norma UNI EN ISO 7218-22/11/2007)

Dettagli

VERIFICA DELLA QUALITÀ DI SALDATURE AD INDUZIONE SU PROVINI DI COMPOSITO TERMOPLASTICO TRAMITE C-SCAN

VERIFICA DELLA QUALITÀ DI SALDATURE AD INDUZIONE SU PROVINI DI COMPOSITO TERMOPLASTICO TRAMITE C-SCAN VERIFICA DELLA QUALITÀ DI SALDATURE AD INDUZIONE SU PROVINI DI COMPOSITO TERMOPLASTICO TRAMITE C-SCAN G. Elmo ENEA C.R. Brindisi - SS 7 km 706-72100 Brindisi - Italy tel. +39 0831 201 414 PAROLE CHIAVE:

Dettagli

Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti

Il metodo SonReb per la caratterizzazione meccanica di calcestruzzi estratti da edifici esistenti M.T.Cristofaro,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze A.D Ambrisi,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze M.DeStefano,DipartimentodiCostruzionieRestauro,UniversitàdiFirenze

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni Meccaniche

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA

PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA Associazione Italiana di Acustica Convegno Nazionale Milano, 11-13 giugno 08 PRESTAZIONI ACUSTICHE DI FALDE TETTO IN LEGNO: VALUTAZIONI IN LABORATORIO E IN OPERA L. Parati (1), A. Carrettini (1), C. Scrosati

Dettagli

Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per ingranaggeria al Mn-Cr e Ni-Cr-Mo

Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per ingranaggeria al Mn-Cr e Ni-Cr-Mo AIM - 23 CONVEGNO NAZIONALE TRATTAMENTI TERMICI Verona 19-20-21 Ottobre 2011 Testo della memoria Rif. To N 02 Influenza dell ossidazione intergranularesul comportamento a fatica di acciai cementati per

Dettagli

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA

VALUTAZIONI SPERIMENTALI E QUALITATIVE DELL ISOLAMENTO ACUSTICO DA CALPESTIO DI SOLAI IN OPERA 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 VALUTAZIONI SPERIMENTALI

Dettagli

SCELTA DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CLASSE III CAT a.s. 2014-2015 L1 1 CONCETTO DI QUALITA Un edificio è di qualità se risponde agli scopi per i quali è stato costruito. Passato: Presente: Il riferimento

Dettagli

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI.

TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica TRASMISSIONE DI POTENZA IN AMBITO ELICOTTERISTICO: ANALISI STATICA ED A FATICA DI UNA FUSIONE TRAMITE MODELLI AD ELEMENTI FINITI E PROVE STRUMENTALI. Relatore:

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori

Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ottobre 2014 Controllo del peso dell uovo nei Riproduttori Ali Yavuz, Senior Technical Service Manager and Dr. Antonio Kalinowski, Nutritionist Sommario Il controllo del peso dell uovo nella fase tardiva

Dettagli

COMPANY PROFILE Il Modello TEC Eurolab. www.tec-eurolab.com 1

COMPANY PROFILE Il Modello TEC Eurolab. www.tec-eurolab.com 1 COMPANY PROFILE Il Modello TEC Eurolab www.tec-eurolab.com 1 We make you feel sure Persone, competenze e strumenti per la sicurezza che materiali e processi siano idonei a garantire le prestazioni attese

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI. Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna

SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI. Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna SALDATURA LASER DI MATERIALI DISSIMILI Prof. Alessandro Fortunato DIN-Università di Bologna DIN Il Dipartimento di Ingegneria Industriale svolge le funzioni relative alla ricerca scientifica e alle attività

Dettagli

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione

Linee Guida AICQ Incollaggio Parte 5 Manutenzione e Riparazione Direzione Tecnica Ingegneria Rotabili e Tecnologie di Base Tecnologie Meccaniche e Sistemi Frenanti - Sistemi e Componenti Meccanici - Sistemi Frenanti - Processi Speciali Autori: Nannini Andrea e-mail:

Dettagli

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA

UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA UN NUOVO METODO NON INTRUSIVO PER IL CONTROLLO DELLA CORROSIONE IN LINEA F. Vullo GE Measurement & Control Solutions, Via Cardano 2, 20864 Agrate Brianza (MB) Tel: +39 0396561403 Cell: +39 3494694165 Fax:

Dettagli

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA

Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA Politecnico di Bari I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccanica ENERGIA EOLICA turbine eoliche ad asse verticale VAWT A.A. 2008/09 Energie Alternative Prof.B.Fortunato

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli

Histogram of C1 Normal

Histogram of C1 Normal Soluzioni domande ed esercizi Fondamenti di Affidabilità Capitolo 2. La vita di un cambio ad ingranaggi può essere fortemente influenzata nelle fasi iniziali della sua vita da problemi derivanti principalmente

Dettagli

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE 6. SPERIMENTAZIONE SUI PALI 1 SPERIMENTAZIONE -SCOPI - VERIFICA DELLA ESECUZIONE E DELLE PRESTAZIONI Prove di carico di collaudo Carotaggio Diagrafia sonica Metodi radiometrici

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO

COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO ELABORATO RELAZIONE SUL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI ALCAMO COMUNE DI ALCAMO SETTORE SETTORE SERVIZI SERVIZI TECNICI E TECNICI MANUTENTIVI Programmazione 2007-2013 PON Ambienti per l apprendimento PO-FESR

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

RAPPORTO DI ISPEZIONE

RAPPORTO DI ISPEZIONE RAPPORTO DI ISPEZIONE DATI ANAGRAFICI APPARECCHIO Società Reparto Servizio Posizione Matricola Costruttore N fabbrica Data es. F301 xxxxxxxx xxxxxxxx xxxxxxx SERPENTINO FORNO DATI TECNICI APPARECCHIO Materiale

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli