TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALTRE FATTISPECIE PENALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALTRE FATTISPECIE PENALI"

Transcript

1 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALTRE FATTISPECIE PENALI OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA «1. Chiunque, essendovi tenuto, ome3e di ado3are le misure minime previste dall'ar9colo 33 è punito con l'arresto sino a due anni» art. 31 TU «Art. 31. Obblighi di sicurezza I da9 personali ogge3o di tra3amento sono custodi9 e controlla9, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei da9 e alle specifiche cara3eris9che del tra3amento, in modo da ridurre al minimo, mediante l'adozione di idonee e preven9ve misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei da9 stessi, di accesso non autorizzato o di tra3amento non consen9to o non conforme alle finalità della raccolta» rif. al progresso tecnologico riduzione al minimo > rimane un rischio conceh cari al diriko penale del lavoro > v. art. 169, comma 2 1

2 OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA violazione dell'art. 31 TU > responsabilità civile v. Tribunale di Palermo, fako > A e B erano Vtolari del conto corrente Banco Posta n. X abilitato all'operavvità on line; dal predeko conto è eseguito un bonifico di 6.000,00 a favore di C; tale operazione non è autorizzata dai correnvsv movvazione > il sistema predisposto dalla banca non è adeguato alla tecnologia esistente il PIN richiesto era di sole 4 cifre l'idenvficavvo utente corrispondeva all'indirizzo e mail di poste italiane del cliente (facilmente ricavabile) contrariamente a quanto previsto contrakualmente, la banca non ha dato conferma, a mezzo posta elekronica dell'avvenuto bonifico) esito > condanna al risarcimento di 6.000,00 OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA art. 33 TU «Art. 33. Misure minime 1. Nel quadro dei più generali obblighi di sicurezza di cui all'ar9colo 31, o previs9 da speciali disposizioni, i 9tolari del tra3amento sono comunque tenu9 ad ado3are le misure minime individuate nel presente capo o ai sensi dell'ar9colo 58, comma 3, volte ad assicurare un livello minimo di protezione dei da9 personali» le misure minime (la cui violazione cosvtuisce reato) sono individuate agli ark. 33 e segg. dall'art. 58 2

3 Art. 34. Tra:amen; con strumen; ele:ronici. 1. Il tra3amento di da9 personali effe3uato con strumen9 ele3ronici è consen9to solo se sono ado3ate, nei modi previs9 dal disciplinare tecnico contenuto nell'allegato B), le seguen9 misure minime: a) auten9cazione informa9ca; b) adozione di procedure di ges9one delle credenziali di auten9cazione; c) u9lizzazione di un sistema di autorizzazione; d) aggiornamento periodico dell'individuazione dell'ambito del tra3amento consen9to ai singoli incarica9 ; e) protezione degli strumen9 ele3ronici e dei da9 rispe3o ad accessi non consen99; f) adozione di procedure per la custodia di copie di sicurezza; g) tenuta di un aggiornato documento programma9co sulla sicurezza; OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA art. 58 TU «3. Le misure di sicurezza rela9ve ai da9 tra3a9 dagli organismi di cui al comma 1 sono stabilite e periodicamente aggiornate con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, con l'osservanza delle norme che regolano la materia» solo la violazione delle misure minime cosvtuisce reato problemi di compavbilità cosvtuzionale (art. 25 Cost. riserva di legge): minori per l'art. 34 maggiori per l'art. 58 3

4 problemi di compavbilità cosvtuzionale (oggeko del reato? riserva di legge?) > sono comuni anche all'art. 167, comma 2 TU sanziona la violazione dell'art. 17 TU l'art. 17 TU prevede che «Art. 17. Tra:amento che presenta rischi specifici 1. Il tra3amento dei da9 diversi da quelli sensibili e giudiziari che presenta rischi specifici per i diris e le libertà fondamentali, nonché per la dignità dell'interessato, in relazione alla natura dei da9 o alle modalità del tra3amento o agli effes che può determinare, è ammesso nel rispe3o di misure ed accorgimen9 a garanzia dell'interessato, ove prescris. 2. Le misure e gli accorgimen9 di cui al comma 1 sono prescris dal Garante in applicazione dei principi sanci9 dal presente codice, nell'ambito di una verifica preliminare all'inizio del tra3amento, effe3uata anche in relazione a determinate categorie di 9tolari o di tra3amen9, anche a seguito di un interpello del 9tolare.» problemi ricostruzione del fako Vpico > principio di legalità/determinatezza rispeko del principio di legalità/riserva di legge OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA reato omissivo proprio > consumazione nel momento in cui si inizia il trakamento dei dav personali senza adokare le misure minime di protezione bene giuridico? soggeko ahvo la norma > «chiunque, essendovi tenuto» soggeko ahvo > chi deve adokare le misure di sicurezza > il Vtolare del trakamento art. 28 > «9tolare del tra3amento è l'en9tà nel suo complesso o l'unità od organismo periferico che esercita un potere decisionale del tu3o autonomo sulle finalità e sulle modalità del tra3amento, ivi compreso il profilo della sicurezza» art. 33 > «i 9tolari del tra3amento sono comunque tenu9 ad ado3are le misure minime volte ad assicurare un livello minimo di protezione dei da9 personali» 4

5 OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA art. 169, comma 2 TU all'autore del reato, all'ako dell'accertamento o, nei casi complessi, anche con successivo ako del Garante, è imparvta una PRESCRIZIONE con la prescrizione è fissato un TERMINE PER LA REGOLARIZZAZIONE comunque non superiore a sei mesi nei sessanta giorni successivi allo scadere del termine, se risulta l'adempimento alla prescrizione, l'autore del reato è ammesso dal Garante al PAGAMENTO DI UNA SOMMA PARI AL QUARTO DEL MASSIMO della sanzione stabilita per la violazione amministravva l'adempimento e il pagamento ESTINGUONO IL REATO l'organo che imparvsce la prescrizione e il pubblico ministero provvedono nei modi di cui agli arvcoli 21, 22, 23 e 24 del D. Lgs. n. 758/1994 OMESSA ADOZIONE DI MISURE DI SICUREZZA «Art Altre facspecie 2 bis. In caso di tra3amento di da9 personali effe3uato in violazione delle misure indicate nell'ar9colo 33 o delle disposizioni indicate nell'ar9colo 167 è altresì applicata in sede amministra9va, in ogni caso, la sanzione del pagamento di una somma da diecimila euro a centoven9mila euro. Nei casi di cui all'ar9colo 33 è escluso il pagamento in misura rido3a.» sussidiaterità? 5

6 FALSITÀ NELLE COMUNICAZIONI AL GARANTE «Art Falsità nelle dichiarazioni e no;ficazioni al Garante 1. Chiunque, nella no9ficazione di cui all'ar9colo 37 o in comunicazioni, as, documen9 o dichiarazioni resi o esibi9 in un procedimento dinanzi al Garante o nel corso di accertamen9, dichiara o a3esta falsamente no9zie o circostanze o produce as o documen9 falsi, è punito, salvo che il fa3o cos9tuisca più grave reato, con la reclusione da sei mesi a tre anni.» disvnzione tra comunicazione incompleta (> art. 163 > sanzione amministravva) e comunicazione falsa (> art. 168) clausola di sussidiarietà espressa > impedisce l'applicazione dell'art. 483 cp (falso ideologico del privato) alcuni > reato proprio; tukavia la falsità può essere commessa anche da soggeko diverso dal Vtolare (> art. 169: «chiunque, essendovi tenuto») INSOSSERVANZA DEI PROVVEDIMENTI DEL GARATE «Art Inosservanza di provvedimen; del Garante 1. Chiunque, essendovi tenuto, non osserva il provvedimento ado3ato dal Garante ai sensi degli ar9coli 26, comma 2, 90, 150, commi 1 e 2, e 143, comma 1, le3era c), è punito con la reclusione da tre mesi a due anni.» reato proprio > può essere commesso dai soggeh desvnatari dei provvedimenv del Garante reato istantaneo la tecnica scelta dal legislatore solleva quesvoni soko il profilo della tassavvità e sufficiente determinatezza della fahspecie 6

7 INSOSSERVANZA DEI PROVVEDIMENTI DEL GARATE «Art Altre facspecie 2 ter. In caso di inosservanza dei provvedimen9 di prescrizione di misure necessarie o di divieto di cui, rispesvamente, all'ar9colo 154, comma 1, le3ere c) e d), è altresì applicata in sede amministra9va, in ogni caso, la sanzione del pagamento di una somma da trentamila euro a cento3antamila euro.» il Garante (tra l'altro) ha il compito di: prescrivere ai Vtolari del trakamento le misure necessarie o opportune al fine di rendere il trakamento conforme alle disposizioni vigenv vietare il trakamento illecito o non correko dei dav o disporne il blocco ALTRE FATTISPECIE «Art Altre facspecie 1. La violazione delle disposizioni di cui agli ar9coli 113, comma 1, e 114 è punita con le sanzioni di cui all'ar9colo 38 della legge 20 maggio 1970, n. 300.» violazione dell'art. 113 > vieta di raccogliere dav non pervnenv all'ahvità dei lavoratori violazione dell'art. 114 > divieto di controllo a distanza del lavoratore problema del controllo a distanza del lavoratore controllo del traffico telemavco > controllo del lavoratore vs. divieto di controllo a distanza del lavoratore problema della responsabilità degli env 7

8 RILEVANZA PENALE DELLO SPAM spamming cos'è? > è posta commerciale non richiesta lo scopo > lo spammer vuole guadagnare è un problema perché fa perdere tempo a chi lo riceve > gli utenv (senza protezione an9 spam) devono verificare ogni messaggio e cancellarlo gli utenv possono trascurare o cancellare messaggi importanv, scambiandoli per spam occupa larghezza di banda RILEVANZA PENALE DELLO SPAM «Art Comunicazioni indesiderate 1. L'uso di sistemi automa9zza9 di chiamata senza l'intervento di un operatore per l'invio di materiale pubblicitario o di vendita dire3a o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale è consen9to con il consenso dell'interessato. 2. La disposizione di cui al comma 1 si applica anche alle comunicazioni ele3roniche, effe3uate per le finalità ivi indicate, mediante posta ele3ronica, telefax, messaggi del 9po Mms (Mul9media Messaging Service) o Sms (Short Message Service) o di altro 9po» DireHva 2002/58/CE > modello opt in > modelli possibili modello c.d opt out > diriko del desvnatario di opporsi all'invio > l'invio legihmo salvo che il desvnatario non si opponga modello c.d. opt in > previo consenso dell'interessato 8

9 RILEVANZA PENALE DELLO SPAM «Art Comunicazioni indesiderate 3 bis. In deroga a quanto previsto dall'ar9colo 129, il tra3amento dei da9 di cui all'ar9colo 129, comma 1, mediante l'impiego del telefono per le finalità di cui all'ar9colo 7, comma 4, le3era b), è consen9to nei confron9 di chi non abbia esercitato il diri3o di opposizione, con modalità semplificate e anche in via telema9ca, mediante l'iscrizione della numerazione della quale è intestatario in un registro pubblico delle opposizioni» sistema dell'opt out il registro è tenuto dal Ministro dello Sviluppo Economico v. DPR n. 178 del per le modalità tecniche DATA RETENTION alcuni casi recenv: Olanda la polizia olandese accede ai dav personali sugli spostamenv e la velocità di migliaia di automobilisv che uvlizzano il sistema di navigazione satellitare TomTom, grazie a una impresa intermediaria che glieli vende aprile 2011 Apple afferma che la localizzare gli utenv degli smartphone è colpa di un bug > manca un limite di tempo alla conservazione dei dav annuncia modifiche, ma convnuerà a conservare una banca dav dei punv di contako wi fi e dei cellulari per fornire alcuni servizi, ma senza sfrukarli commercialmente Android Google tuke le informazioni sono condivise in modalità opt in > non possono essere raccolte a meno che l'utente non scelga di ahvare la funzionalità in un'applicazione che propone un servizio di geolocalizzazione alcune info di localizzazione sono memorizzav sul cellulare per un tempo limitato 9

10 DATA RETENTION art. 123 DaV relavvi al traffico i dav relavvi al traffico sono cancellav o resi anonimi quando non sono più necessari ai fini della trasmissione della comunicazione elekronica (salve le disposizioni dei commi 2, 3 e 5) il trakamento dei dav relavvi al traffico strekamente necessari a fini di fakurazione per l'abbonato, è consenvto al fornitore, a fini di documentazione in caso di contestazione della fakura o per la pretesa del pagamento, per un periodo non superiore a sei mesi DATA RETENTION art. 132 Conservazione di dav di traffico per altre finalità tempi dav relavvi al traffico telefonico > 24 mesi dav relavvi al traffico telemavco, esclusi i contenuv delle comunicazioni > 12 mesi dav relavvi alle chiamate senza risposta > 30 giorni finalità accertamento dei reav repressione dei reav modalità di acquisizione decreto movvato del PM indagini difensive ex art. 391 quater cpp 10

11 DATA RETENTION disciplina di origine comunitaria > DireHve 2004/26 e 2002/58 ha introdoko la conservazione dei dav per esigenze di ordine pubblico (> risposta agli akentav terrorisvci di Madrid del 2004 e di Londra del 2005) la direhva parla di «prevenzione, ricerca, accertamento e perseguimento dei rea9, ovvero dell'uso non autorizzato del sistema di comunicazione ele3ronica» recente comunicazione della Commissaria per gli Affari interni > revisione della DireHva DATA RETENTION REPORT Belgium, Bulgaria, Czech Republic, Denmark, Germany, Greece, Estonia, Ireland, Spain, France, Italy, Cyprus, Latvia, Lithuania, Luxembourg, Hungary, Malta, Netherlands, Poland, Portugal, Romania, Slovenia, Slovakia, Finland, United Kingdom > hanno novficato alla Commissione la trasposizione della DireHva Bulgaria > «For discovering and inves9ga9ng severe crimes and crimes under Ar9cle 319a 319f of the Penal Code as well as for searching persons» Ireland > «For preven9on of serious offences [i.e. offences punishable by imprisonment for a term of 5 years or more, or an offence in schedule to the transposing law], safeguarding of the security of the state, the saving of human life» Greece > «For the purpose of detec9ng par9cularly serious crimes» 11

12 DATA RETENTION REPORT Spain > «For the detec9on, inves9ga9on and prosecu9on of the serious crimes considered in the Criminal Code or in the special criminal laws» France > «For the detec9on, inves9ga9on, and prosecu9on of criminal offences, and for the sole purpose of providing judicial authori9es with informa9on needed, and for the preven9on of acts of terrorism and protec9ng intellectual property» Poland > «For preven9on or detec9on of crimes, for preven9on and detec9on of fiscal offences, for use by prosecutors and courts if relevant to the court proceedings pending, for the purpose of the Internal Security Agency, Foreign Intelligence Agency, Central An9 Corrup9on Bureau, Military Counter intelligence Services and Military Intelligence Services to perform their tasks» DATA RETENTION REPORT Decisions of ConsVtuVonal Courts concerning transposing laws Romanian ConsVtuVonal Court (> Decision no 1258 from 8 October 2009) the Court found the transposing law to be ambiguous in its scope and purpose with insufficient safeguards, and held that a 'con9nuous legal obliga9on' to retain all traffic data for six months was incompa9ble with the rights to privacy and freedom of expression in Ar9cle 8 of the European Conven9on on Human Rights 12

13 DATA RETENTION REPORT Decisions of ConsVtuVonal Courts concerning transposing laws German ConsVtuVonal Court (> Bundesverfassungsgericht, 256/08 marzo 2010) data reten9on generated a percep9on of surveillance which could impair the free exercise of fundamental rights Court stressed that the reten9on of such data cons9tuted a serious restric9on of the right to privacy and therefore should only be admissible under par9cularly limited circumstances, and that a reten9on period of six months was at the upper limit of what could be considered propor9onate. Data should only be requested where there was already a suspicion of serious criminal offence or evidence of a danger to public security, and data retrieval should be prohibited for certain privileged communica9ons (i.e. those connected with emo9onal or social need) which rely on confiden9ality. Data should also be encoded with transparent supervision of their use. DATA RETENTION REPORT Decisions of ConsVtuVonal Courts concerning transposing laws Czech ConsVtuVonal Court (> marzo 2011) as a measure which interfered with fundamental rights, the transposing legisla9on was insufficiently precise and clear in its formula9on. The Court cri9cised the purpose limita9on as insufficiently narrow given the scale and scope of the data reten9on requirement. It held that the defini9on authori9es competent to access and use retained data and the procedures for such access and use were not sufficiently clear in the transposing legisla9on to ensure integrity and confiden9ality of the data. The individual ci9zen, therefore, had insufficient guarantees and safeguards against possible abuses of power by public authori9es. 13

14 DATA RETENTION REPORT Decisions of ConsVtuVonal Courts concerning transposing laws Bulgaria > revisione della legge di trasposizione Cipro Ungheria > quesvone pendente Francia > Google, Facebook, ebay e altre 17 aziende ICT hanno presentato ricorso davanv al Consiglio di Stato francese contro le misure adokate dall'eliseo in materia di data reten9on any limita9on must: be formulated in a clear and predictable manner be necessary to achieve an objec9ve of general interest or to protect the rights and freedoms of others be propor9onate to the desired aim preserve the essence of the fundamental rights concerned DATA RETENTION REPORT Ar9cle 8(2) of the European Conven9on of Human Rights also recognises that interference by a public authority with a person's right to privacy may be jus9fied as necessary in the interest of na9onal security, public safety or the preven9on of crime condi9ons for access and use of retained data any limits on the right to privacy must be precise and enable foreseeability any limits on right to privacy must be necessary with minimum safeguards any limits on the right to privacy must be propor9onate to the general interest 14

15 DATA RETENTION GOOGLE STREET VIEW fako Google, durante il passaggio delle vekure che acquisivano immagini per il servizio Street View, ha raccolto sia dav relavvi alla presenza di rev Wi Fi sia frammenv di comunicazioni elekroniche trasmesse dagli utenv su alcune rev Wi Fi non proteke da protocolli sicuri e da cifratura (c.d. payload data) la raccolta è avvenuta per parecchio tempo (aprile 2008 maggio 2010), in modo sistemavco e nell'ambito di un'ahvità svolta su tuko il territorio nazionale > vi è la concreta possibilità che alcune fra le informazioni raccolte abbiano natura di dav personali DATA RETENTION GOOGLE STREET VIEW violazioni ravvisate dal Garante art. 11, comma 1, lek. a) e b) TU > i dav personali devono essere trakav in modo lecito e secondo correkezza e devono essere raccolv e registrav per scopi determinav, espliciv e legihmi art. 15 Cost. art. 617 quater, comma 1 cp > «chiunque fraudolentemente interce3a comunicazioni rela9ve ad un sistema informa9co o telema9co o intercorren9 tra più sistemi ( )» art. 617 quinquies, comma 1 cp > «chiunque, fuori dai casi consen99 dalla legge, installa apparecchiature a3e ad interce3are, impedire od interrompere comunicazioni rela9ve ad un sistema informa9co o telema9co ovvero intercorren9 tra più sistemi ( )» 15

16 DATA RETENTION GOOGLE STREET VIEW provvedimenv del Garante ( ) «A) dispone nei confron9 di Google Inc., ai sensi degli ar3. 143, comma 1, le3. c) e 154, comma 1, le3. d), del Codice, il blocco di qualsiasi tra3amento dei payload data raccol9 sul territorio italiano» «B) dispone la trasmissione di copia degli as del procedimento e del presente provvedimento all'autorità giudiziaria per le valutazioni di competenza in ordine agli illeci9 penali che riterrà eventualmente configurabili» 16

La normativa italiana

La normativa italiana La normativa italiana Qual è la normativa italiana riguardo a questi fenomeni? D.Lgs 30 giugno 2003, n. 196 (Codice della privacy); D.Lgs 9 aprile 2003, n. 70 (Commercio elettronico); D.Lgs 6 settembre

Dettagli

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Articolo 4 Definizioni comma 2 lettera b

Articolo 4 Definizioni comma 2 lettera b EMENDAMENTI AL CODICE PROTEZIONE DATI PERSONALI IN RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2009/136/CE Articolo 4 comma 2 lettera b b) chiamata, la connessione istituita da un servizio di comunicazione elettronica

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Prescrizioni per il trattamento di dati personali per finalità di marketing, mediante l'impiego del telefono con operatore, a seguito dell'istituzione del registro pubblico delle opposizioni - 19 gennaio

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy

La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy La sicurezza del sistema informativo dello studio professionale e la normativa sulla privacy A cura del Dott.: Giuseppe Mantese g.mantese@onlineconsulenza.com Quadro normativo Il 1 gennaio 2004 è entrato

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori

Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Allegato 9) Modello informativa clienti e fornitori Autorizzazione ai sensi del D.Lgs. n.196/2003 sulla Privacy. APEA S.R.L.- PRIVACY POLICY / REV. Del 07/08/2008 Apea s.r.l.. ha come obiettivo la tutela

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli

Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy. Michele Iaselli Privacy e videosorveglianza: novità dal Garante Privacy Michele Iaselli In materia di rapporti fra privacy e videosorveglianza, al di là dei principi generali fissati dal codice in materia di protezione

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

INFORMATIVA PER I CLIENTI

INFORMATIVA PER I CLIENTI INFORMATIVA PER I CLIENTI INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL D. LGS. 196/2003 ( Codice in materia di protezione dei dati personali o anche Codice Privacy ) I) Finalità e Modalità del trattamento cui

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio

un responsabile ti chiamerà al più presto per chiarire ogni dubbio Come implementare o aggiornare il Documento Programmatico per la Sicurezza (DPS) in conformità al Disciplinare Tecnico Gestione della privacy: chiarezza sulle figure, ruoli, compiti e responsabilità Chiedi

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING

LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING LA NUOVA NORMATIVA PRIVACY PER IL TELE-MARKETING Cosa cambia dal 1 Febbraio 2011 Strumenti di tutela amministrativa, civile e penale degli utenti rispetto agli abusi Avv. Alessandro del Ninno adelninno@tonucci.it

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell'art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000; Prescrizioni ai fornitori di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico che svolgono attività di profilazione - 25 giugno 2009 (G.U. n. 159 dell'11 luglio 2009) IL GARANTE PER LA PROTEZIONE

Dettagli

DR. ERIC FALZONE PADOVA 08 GENNAIO 2009 DECALOGO PER L ACQUISTO DI BANCHE DATI

DR. ERIC FALZONE PADOVA 08 GENNAIO 2009 DECALOGO PER L ACQUISTO DI BANCHE DATI DR. ERIC FALZONE PADOVA 08 GENNAIO 2009 DECALOGO PER L ACQUISTO DI BANCHE DATI INDICE 1. Introduzione... 2 2. Quadro Normativo di Riferimento... 2 2.1 Disciplina vigente per banche dati costituite estraendo

Dettagli

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali

Dexia Crediop SpA. Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives. FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali Dexia Crediop SpA Italian Subsovereign Debt and Debt Management Perspectives FABIO VITTORINI Responsabile delle Politiche Commerciali 11 91 316 municipalities in the EU in 2008 80% of municipalities in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLA RETE INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA (HOT-SPOT)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLA RETE INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA (HOT-SPOT) COMUNE DI COLORNO Provincia di Parma REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLA RETE INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA (HOT-SPOT) S:\1 Settore\SEGRETERIA\CONSIGLIO COMUNALE\DELIBERE\2012\037allegatoA.doc

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott.

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA riunione odierna, in presenza del prof. Francesco Pizzetti, presidente, del dott. Giuseppe Chiaravalloti, vice presidente, del dott. Mauro Paissan

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

DICHIARA. che l Impresa è iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di.. per la seguente attività...

DICHIARA. che l Impresa è iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di.. per la seguente attività... Modello Dich.WiFi Al Comune di Monza "GARA ESPLORATIVA PROGETTO WIFI MONZA" Il sottoscritto nato a il Codice Fiscale residente nel Comune di Provincia Stato Via/Piazza n. nella sua qualità di dell Impresa

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati by Boole Server DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati La Soluzione per Avvocati e Studi Legali La realtà operativa degli Studi Legali è caratterizzata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Parte Speciale Sezione Delitti informatici e trattamento illecito di dati ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Dr. Ivan Salvadori Dottorando in Diritto Penale dell Informatica Facoltà di Giurisprudenza di Verona LA STRUTTURA DEL CODICE DELLA PRIVACY 1 PARTE:

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Art. 167. Trattamento illecito di dati

Art. 167. Trattamento illecito di dati Art. 167. Trattamento illecito di dati 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sè o per altri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue:

I dati personali che ORO 24K SRL tratta per fornire i propri servizi online attraverso i siti di ORO 24K SRL riguardano quanto segue: ORO 24K SRL NORME DI TUTELA PER LA PRIVACY Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 -CODICE PRIVACY ( per consultare il testo completo consultare www.garanteprivacy.it. ) E' disponibile per

Dettagli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative Gabriele Faggioli La Tutela dei dati personali: il D.lgs 196 del 2003 Concetti fondamentali: - Dati personali: Dati comuni

Dettagli

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning Pagina 1 di 8 M.2 RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa Pagina 2 di 8 INDICE DOCUMENTO M2. RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO...3 1. Le sanzioni...3

Dettagli

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 ("Codice della Privacy")

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (Codice della Privacy) Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 ("Codice della Privacy") Gentile Utente, IBS Bookshop Italia s.r.l. La informa che i dati da Lei forniti

Dettagli

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003)

LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) LEGGE SULLA PRIVACY (D. Lgs. 196/2003) Indicazioni pratiche per i Centri di Ascolto La legge sulla privacy intende disciplinare il trattamento dei dati personali, ovvero di tutte quelle operazioni di raccolta,

Dettagli

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy

Linux e la sicurezza Computer crimes e tutela della privacy 1 Linux e la sicurezza LL.M. Master of Laws Dottore di ricerca g.gallus@tiscali.it Principali computer crimes secondo il codice penale (introdotti dalla L. 547/1993) Accesso abusivo a un sistema informatico

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 INFORMATIVA SULLA PRIVACY Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 Il sito www.worky-italy.com (di seguito, il Sito ) tutela la privacy dei visitatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI

INDICE. Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Indice VII INDICE Presentazione.... V Parte Prima I PRECEDENTI STORICI: PERCORSI NORMATIVI, DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI Capitolo Primo LE FONTI NORMATIVE DELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 1. Generalità....

Dettagli

ICT SECURITY N. 49 NOVEMBRE 2006 MISURE IDONEE E MISURE MINIME: QUALE SICUREZZA, QUALI RESPONSABILITA. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 49 NOVEMBRE 2006 MISURE IDONEE E MISURE MINIME: QUALE SICUREZZA, QUALI RESPONSABILITA. Autore: Daniela Rocca SOMMARIO Misure minime: il livello minimo di sicurezza Misure idonee: il livello opportuno di sicurezza Le responsabilità A tre anni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D. Lgs. 196/2003 in materia

Dettagli

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Centallo REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 26.07.2006 1 Comune di Centallo REGOLAMENTO PER

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006).

Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). Legge 23 dicembre 2005, n. 266: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006). (Stralcio) Art. 1 (Omissis) 525. Il comma 6 dell articolo 110 del

Dettagli

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori.

Guardie Giurate. Art. 2 Statuto dei lavoratori. Guardie Giurate Art. 2 Statuto dei lavoratori. Il datore di lavoro può impiegare le guardie giurate, soltanto per scopi di tutela del patrimonio aziendale e non possono essere adibite alla vigilanza sull'attività

Dettagli

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014 Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni martedì 14 ottobre 2014 Organizzazione dell intervento I PARTE Le origini della Privacy: trasformazione sociale e adeguamento normativo

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY

INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY Milano, 01 luglio 2015 INFORMATIVA AI SENSI DEL CODICE DELLA PRIVACY (art. 13 D. Lgs.n. 196/03) In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito internet

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE

COMUNE DI PRAMAGGIORE COMUNE DI PRAMAGGIORE PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO Per L Utilizzo dei sistemi di Videosorveglianza per la sicurezza urbana Approvato con deliberazione C.C. n 17, del 05.10.2009 Art. 1 - Oggetto e campo

Dettagli

Il titolare del trattamento dei dati è Gianni Saponara Via Ugo La Malfa 108, 75100 Matera C.F. SPNGNN74R01F053B e P.

Il titolare del trattamento dei dati è Gianni Saponara Via Ugo La Malfa 108, 75100 Matera C.F. SPNGNN74R01F053B e P. Informativa sul trattamento dei dati personali (ai sensi dell Art. 13 D.lgs. 30 giugno 2003 n. 196) Si informa l Interessato (Utente o visitatore del sito) che il D.lgs. n. 196/2003 (cd. Codice in materia

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13

Privacy Policy. Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 Privacy Policy Informativa e consenso per l'utilizzo dei dati personali - D.lgs 30.06.2003 N.196, Art. 13 BE WITH US ONLUS, considera di fondamentale importanza la "privacy" dei propri utenti e garantisce

Dettagli

Modifiche la CdS. Sanzione 38 conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006.

Modifiche la CdS. Sanzione 38 conducente che supera la durata dei periodi di guida prescritti dal Regolamento CE 561/2006. Modifiche la CdS Tempi di guida e di riposo dei conducenti nuove sanzioni previste dall art. 174 c.d.s. Tutti i calcoli e le percentuali delle eccedenze Scheda riassuntiva Comma 4 38 conducente che supera

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi

Particolarità di alcuni trattamenti: Dott. Daniele Gombi Particolarità di alcuni trattamenti: Videosorveglianza, Marketing, Mobile Device Dott. Daniele Gombi ALCUNI DATI 20.000.000000 000 smartphone stimati in Italia +52% Rispetto al 2010 77% utenti che li usano

Dettagli

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Si chiude il capitolo, dopo sette anni dalla sua emanazione, della legge 675 sulla privacy. Questa viene sostituita da un testo di legge unico

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con il decreto legislativo 196 del 30

Dettagli

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE

INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE INFORMATIVA PRIVACY & COOKIE Il presente documento sulla privacy policy (di seguito, Privacy Policy ) del sito www.fromac.it (di seguito, Sito ), si conforma alla privacy policy del sito del Garante per

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE. Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L UTILIZZO DELLA RETE WI-FI DEL COMUNE DI FOSSALTA DI PIAVE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 141 del 17.12.2014 CAPO I PRINCIPI GENERALI, FINALITA E AMBITO

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI. 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali

VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI. 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali VERIFICA DEI REQUISITI DEGLI ESPONENTI AZIENDALI Allegato n. 4 1) Documentazione relativa alla verifica dei requisiti di onorabilità degli esponenti aziendali A) Soggetti italiani o aventi cittadinanza

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 La norma applica a tutti i casi di omicidio colposo o lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla salute e sicurezza sul

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

PRIVACY POLICY. Luogo di trattamento dei dati

PRIVACY POLICY. Luogo di trattamento dei dati PRIVACY POLICY In queste pagine si descrivono le modalità di gestione del presente sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa resa anche

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy A cura di: Cristiano Cavallari Grottaferrata, 27 febbraio 2015 Viale Nazioni Unite 3, 00046 Grottaferrata (Roma)

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona FIRENZE MONTEDOMINI Decreto Presidente Giunta Regionale Toscana. n.246 del 29/12/2010 Allegato n. 4 alla Determinazione n. 214 del 30/12/2013 PROCEDURA APERTA PER L ASSUNZIONE DI UN MUTUO IPOTECARIO VENTENNALE CIG: 55368175ED DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA AI SENSI

Dettagli

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali StudioPro La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali DATI E DOCUMENTI PROTETTI Sempre. Ovunque. La Soluzione per Commercialisti e Consulenti fiscali La realtà operativa degli Studi Commercialisti

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

La recente normativa in tema di data retention

La recente normativa in tema di data retention Security Summit Roma 11 giugno 2009 La recente normativa in tema di data retention Stefano Aterno Docente informatica giuridica La Sapienza di Roma www.studioaterno.it La normativa in vigore: in Italia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003 GLOBAL HUMANITARIA ITALIA ONLUS con sede in Viale Monza 59-20125 Milano, in qualità di "titolare"(1) del trattamento(2) dei dati

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA Indice CAPO I Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Informativa Art. 5 - Accertamenti di illeciti e indagini

Dettagli