Uomo nuovo: il teatro immaginato dalla modernità [parte II]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uomo nuovo: il teatro immaginato dalla modernità [parte II]"

Transcript

1 Modulo di storia del teatro moderno e contemporaneo Età moderna, eredità classica e medievale, evoluzione delle forme nella modernità Università degli studi La Sapienza di Roma Facoltà di lettere e filosofia aa 2010/2011 Cattedra della prof. Mara Fazio Programma delle lezioni del corso a cura del dott. Valerio Iacobini [teatro moderno. Dal Rinascimento ai primi anni dell'ottocento] Uomo nuovo: il teatro immaginato dalla modernità [parte II] Il Cinquecento Luogo, scena, teatro Nell ottica nobiliare il teatro è l artificio che più efficacemente può essere messo in competizione con la Natura (gara Arte Artificio / Natura). Signorie specialisti del divertimento onnicomprensivo, in cui i famigli del signore contribuiscono alla creazione dello spettacolo del potere Carattere effimero dell edificio (che tale deve restare in esibizione di sfarzo, ma anche a sottolineare la straordinarietà dell evento); Solo parziale corrispondenza fra idea del teatro e teatro realizzato. L intermezzo sfugge insomma a qualsivoglia tentativo di formalizzazione in criteri estetici univoci. Il testo che si sviluppa nei primi decenni del 500 richiede si accompagna ad una precisa teorizzazione dello spazio scenico. La ricerca sullo spazio è più unitaria e rettilinea di quanto non fosse in sé l arte drammatica, tanto che lo spazio del teatro rinascimentale diventerà un simbolo del secolo al pari della prospettiva. Fra il 1500 ed il 1589 dal teatro delle mansiones fatto di tende e macchine ancora piuttosto limitate, sebbene più evolute rispetto al Medioevo, si va al teatro meraviglioso ed illusionistico che per tutto il secolo successivo sarà il simbolo stesso dell arte teatrale europea. 1. Il Rinascimento porta a maturazione qualche premessa del teatro medievale, filtrata dalla visione scenica classica. Esistono notevoli differenze di concezione dello spazio a seconda dei vari contesti nazionali; 2. Umanesimo: a. Tensione al passato classico; b. Tendenza al futuro della macchineria (lo abbiamo visto con le invenzioni del Brunelleschi); 3. Teoria in stretta relazione con la pratica per cui i principali scrittori di trattati sono anche i realizzatori pratici dei progetti [Serlio Sette libri dell architettura, in cui quello teatrale è il IV] [Alberti De re aedificatoria] 1

2 Trattato Serliano (di notevole importanza anche perché esportato in tutta Europa, con diverse ristampe in Francia): Sala rettangolare con sedili digradanti a semicerchio: ispirazione classica intessuta di una lettura eminentemente rinascimentale; Ricostruisce la tripartizione dei generi di Aristotele affidandola ai tre fondali tipologici; Palcoscenico stretto e molto largo, con illusione di profondità, esplicitamente ispirato alla frons scenae romana. Dal teatro romano tuttavia il palcoscenico si discosta per due caratteri fondamentali: o Rielaborazione della frons scenae, dalla quale vengono eliminate le colonne. La scena è sostituita da un abile mescolanza di elementi pittorici e scultorei tutti tesi a rendere una impressione di profondità; o Inclinazione del palco in avanti, sempre con finalità prospettica. La recitazione avrebbe dovuto assecondare l illusione prospettica e gli attori si sarebbero dovuti situare di fronte alla meraviglia prospettica, in modo da non romperne l illusione. Il Veneto è l unica regione in cui lo spazio scenico avrà un esito stabile, con l esempio dell Olimpico vicentino (Terminato nel 1585, dallo Scamozzi, il quale realizza attorno al 1590 Sabbioneta, che rappresenta una evoluzione del teatro pur sempre privato a luogo pubblico, che si dà anche come decoro della città). Ma va anche considerato che il teatro di Palladio sarà comunque un esperienza non tanto imprenditoriale quanto accademica. Olimpico di Vicenza Palladio curatore, fra l altro, dell edizione di Vitruvio assieme a Barbaro aveva rapporti di scambio intellettuale e formazione con Giovanni Maria Falconetto, della cerchia di Alvise Cornaro, il quale si era dedicato alla riesumazione filologica del teatro latino. Il teatro di Vicenza è un esempio di perfetta integrazione fra struttura effimera e stabile (è infatti ligneo, a simulare marmo ed altri materiali) ed anche un compromesso integrale fra l idea di spazio effimero della rinascenza e spazio della latinità. Se la visione di Serlio è una libera interpretazione in chiave rinascimentale dello spazio romano, Palladio tenta la strada di un approccio filologico alla realizzazione architettonica, ispirata alle carte romane, a Vitruvio ed anche all esempio ancora esistente del Teatro di Marcello in Roma. Netta imitazione del mondo romano nell Olimpico, che viene realizzato fra il 1580 ed il Frons scenae alla latina; 2. Palcoscenico largo e stretto; 3. Platea semiellittica a gradoni; 4. Alzata fra palco e platea a formare l orchestra. Sui lati della scena compaiono inoltre i palchetti. Maggiore elemento di diversificazione rispetto allo spazio reale della scena romana era l eliminazione del fondale e la sua sostituzione con elementi architettonici reali, sapientemente combinati in prospettiva. Inoltre vengono create delle fosse e degli spazi atti ad ospitare i periatti, la cui descrizione compariva in Vitruvio: sono veri antenati, questi, della quinta mobile o variabile, che nel Seicento diventerà quinta prospettica. Le strade convergenti sul retro della scena sono realizzate dallo Scamozzi. 2

3 Se Serlio aveva concepito la scena prospettica fissa, dunque non mutevole, si arriva ben presto all idea di una scena variabile. È Bastiano Sangallo (detto Aristotele, proprio per la raffinatezza dell ingegno attribuitagli dai contemporanei) il primo a teorizzare una scena mutevole mediante l uso dei periatti. Il celebre architetto immagina la frammentazione dello sfondo prospettico in pianta centrale, da trasferire su congegni disposti ad arte sul palco, in modo da completare il fondale e favorirne il cambio rapido. In questa metà del 1500 la scena classica ha una evoluzione verso il meraviglioso e Vitruvio comincia a sollecitare l immaginazione dei teorici nelle sue descrizioni delle macchine da teatro. Periatti Vitruviani + Quinte serliane sul finire del secolo Joseph Furttenbach concepisce la prima quinta girevole (a partire dai suoi studi approfonditi, spesso, in loco, delle scenografie italiane). Nicola Sabbatini (ma siamo già al Seicento) nella sua Pratica di fabbricar scene sintetizzerà questi metodi scenici ed abbandonerà finalmente il periatto per la assai più funzionale quinta scorrevole o telaro, in modo da coordinare più agevolmente i cambi, che in questo modo possono essere fatti anche a vista 1. L assenza del sipario esigeva cambi di scena immediati, magari adottando qualche espediente per distrarre l attenzione dello spettatore; 2. La scena architettonica limita di molto la versatilità dello spazio scenico, per cui con il tempo si tornerà alla scena bidimensionale, ma supportata da diversi congegni per la resa del meraviglioso. Si va verso la scatola ottica, almeno nella concezione ideale dello spazio. Sempre nel 1585 Buontalenti sviluppa il teatro degli Uffizi, prova definitiva della modernità, attrezzato per rapidi e molteplici cambi di scena. Sarà però il Seicento a fare del teatro una vera e propria machina dei sogni, predisposta a scen proteiformi, esorbitanti e straordinariamente varie. Nella II metà del XVI secolo Venezia si profila come la città dell avanguardia teatrale: vi si sviluppa infatti una rete commerciale dello spettacolo con la costruzione dei primi esempi di teatri pubblici, ma anche con la realizzazione di numerose infrastrutture per la messa in scena di spettacoli a pagamento: le stanze da commedia, che ospitavano gli attori girovaghi. In generale possiamo sintetizzare l attività attorno allo spazio scenico nel XVI secolo in due direttrici fondamentali: Da una parte quella archeologico intellettuale restituzione dello spazio antico Dall altra abbiamo una direttrice pratico romanza intesa a realizzare l autoreferenzialità cortigiana ed in continuità con la pratica medievale della scena Intermezzo scena mutevole L intermezzo, per quanto possa sembrare una forma secondaria di spettacolo, per via del suo carattere intermediale, appunto, di transizione fra un piatto principale e l altro, ricopre in realtà un ruolo importantissimo nello sviluppo sia della scenotecnica che dello spettacolo moderno in toto. Il cambio di scena porta alla ricerca ed all invenzione di macchine complesse per eseguire i cambi a vista. 3

4 Il meraviglioso, ma anche la totale libertà dal canone restrittivo della forma intermediale, porta ad un grado di sperimentazione impossibile in altre forme dello spettacolo. Lo stretto legame dell intermezzo con la musica, la coreografia, il costume, porterà nel volgere di un secolo alla realizzazione delle prime opere musicali. Da un ruolo strettamente riempitivo, inoltre, l intermezzo diventa una sorta di contrappunto all azione principale, presentandone la versione fantastica o parodica, oppure funzionando da contrappunto interpretativo/esplicativo. Sarà tale e tanto il successo dell intermezzo, che col tempo finirà per spostare in secondo piano la commedia regolare, diventando vera e propria estetica a sé stante. L intermezzo richiede l invenzione della scena mutevole. Il sistema prospettico della città si evolve e si sviluppa progressivamente l arco scenico, elegantemente decorato, ma anche connesso all evoluzione della scenotecnica e della semantica dello spettacolo. L arco scenico infatti: Consente la realizzazione di impianti invisibili al pubblico; Realizza una progressiva divisione dello spazio illusorio del palco con quello del pubblico. Nella sua chiusura concreta, architettonica, dello spazio scenico l arco di proscenio definisce anche l arbitrarietà della finzione. L espediente della cornice trae la sua origine proprio dagli archi delle entrate tardo medievali. Ma anche concetto assai rinascimentale dell illusione pittorica: la scena deve essere una simulazione integrale della realtà: come in un quadro di realizzano le scene. Molto indicativo in questo senso il fatto che tutti i primi archi scenici sono rettangolari. Il periatto è la primissima istanza e manifestazione della mutevolezza della scena. Il loro sviluppo è appunto connesso alla pratica degli intermezzi, che alimentavano l esigenza del cambio di scena. Roma, 1513 Pietro Rosselli realizza il teatro del Campidoglio per celebrare la cittadinanza ottenuta dai Medici sotto Leone X. La rappresentazione nel grande teatro ligneo è il Poenulus di Plauto e vedrà le scene dipinte di Baldassarre Peruzzi. Modello scenico unitario + varietà (semantica, formale, tematica, di genere) = panorama rinascimentale Buontalenti: prime macchine e primi giochi illusionistici. La civiltà rinascimentale elegge il teatro a luogo privilegia dell incontro e della meraviglia. Mentre lo spazio nobiliare si configura sul modello classico filtrato da un punto di vista eminentemente rinascimentale, la scena professionale, il teatro della pratica, comincia ad organizzarsi attorno ad una rete di spazi pubblici per la rappresentazione: le stanze da commedia. La commedia Gli anni francesi furono utili all architetto più che per la realizzazione di progetti concreti, per la stesura dei Sette libri sull architettura, che dopo la sua morte conobbero un grande successo europeo fino al 1600 inoltrato. 4

5 Nella prima produzione drammatica umanistica non era ancora in ballo (1) la questione del canone aristotelico né (2) quella della divisione in atti. Finalità didattica: Rigore filologico ancor tenue; Disinteresse per una vera questione della rappresentazione. Per capire quanto l approccio filologico fosse ancora in nuce pensiamo al fatto che le commedie latine venivano riportate in prosa non per una scelta estetica, quanto per una fedeltà alla scrittura dei codici, in cui esse figuravano trascritte come in prosa. Per Paratore: «Ancora nel il prologo della Comedia sine titulo di Girolamo Morlini mostra incertezze sul concetto di commedia e tragedia e l iscrizione di Catullo, Properzio e dell Ovidio dell Ars Amatoria nella categoria dei commediografi (onde meglio si spiegano i durevoli rapporti degli autori drammatici con Ovidio) si registra tuttora nei Genealogiae deorum gentilium libri del Boccaccio, quando già sembrava nettamente stabilita, col Mussato, col Trevet, con Lovato dei Lovati, con l Epistola a Cangrande e col Petrarca, la costituzione culturale del canone esatto degli autori di tragedie e commedie. Ed ecco perciò, proprio riguardo al particolare posto in attenzione dal D Ancona [l utilizzo, cioè delle ottave, che sarebbe derivato dai misteri medievali e dalla letteratura popolare], I due felici rivali di Jacopo Nardi, una delle prime commedie cinquecentesche di rigida derivazione da Plauto e Terenzio, ospitare frequentemente l ottava nelle sue scene; e anch essa, nel prologo affidato plautinamente ad un personaggio simbolico, l Improntitudine, esce nella dichiarazione: Ma la prima cagione perch io son qua venuta è, che avendo veduta una certa comedia, o comedia, o tragedia (dico delle moderne, quale il nome discerne, e non meriti o legge) condotto ho questo gregge di mimi e d histrioni. Dovremo dire che anche nel Nardi è il voluto ricollegamento con la sacra rappresentazione, specie quando il suo linguaggio tecnico sfoggia termini (mimi, histrioni) della più pura tradizione teatrale classica?» Dal semplice ludus rapido, di situazione si arriva ad una costruzione più complessa degli intrecci; Persino la questione della recitazione era ancora di difficile interpretazione, per cui una errata interpretazione di Tito Livio, in cui si racconta che Livio Andronico da anziano si limitava a mimare la parte, mentre altri la cantavano per lui, fece sì che per quasi tutto il Quattrocento si ritenesse che in Roma questa fosse la pratica comune, e che il declamatore (recitator) era diverso dall Hystrio. Si arrivò persino a ritenere che il grammatico Calliopus, grazie al quale ci sono stati trasmessi diversi codici terenziani, fosse appunto un recitator, ed infatti lo vediamo comparire nelle illustrazioni del Terence des Ducs. Il modello filologico del teatro procede lento, ma senza ostacoli, e soprattutto non si pone inizialmente come rifondazione del fatto teatrale, ma esclusivamente in chiave archeologica. Un impulso significativo verso la messa in pratica di una nuova commedia basata sui canoni del classico si avrà con una serie di eventi a catena: Riscoperta della poetica di Aristotele De architectura di Vitruvio Onomasticon del Polluce Commento di Donato a Terenzio (scoperto nel 1433) 1429: 12 nuove commedie plautine Mentre solo fra il 1502 ed il 1518 v è la tiratura a stampa nella collezione aldina delle tragedie greche. 5

6 Sono proprio la Poetica ed il De Architectura a dare un nuovo impulso allo sviluppo dello spettacolo rinascimentale. In questo contesto ricoprono un ruolo fondamentale le accademie, in particolare quella di Pomponio Leto a Roma, che si danno a gare di ricostruzione archeologica dei fasti spettacolari dell antichità. Un ruolo di indiscutibile ridefinizione dello spettacolo sarà inoltre rivestito dalle corti padane di Mantova e Ferrara, che già dal 1486 cominceranno a scrivere le pagine più importanti della grande avventura del teatro di corte. Ariosto, Cassaria Il duca Alfonso, volendo dare in onore di Renata di Valois sposa del suo primogenito Ercole, richiese ad Ariosto [ ] di approntare un volgarizzamento dei Menaechmi allo scopo di agevolarne la successiva traduzione; e Ludovico premise a ciascun atto dei versi italiani. Cosa analoga pare avesse fatto per l Aulularia, forse rappresentata nel Per incarico del duca l Ariosto avrebbe altresì volgarizzato le terenziane Andria ed Eunuco; ma di tutti questi lavori è rimasta solo la mera notizia. È d altra parte un fatto che in quegli anni si assiste ad un revival di interessi plautini e terenziani, che trova riscontro anche nella messa a stampa, ad opera dell editoria veneziana, di vari volgarizzamenti. [pp ] Si tratta dei Menechini (1528), dell Asinara (1528), il Penolo (1520), etc. tutti per i tipi di Pencio da Lecco e Zoppino. Ferrara, 1508, nascita del teatro moderno: Ricerca prospettica in pittura Cassaria di Ariosto Esegesi vitruviana scene: Pellegrino da Udine Edifici allineati non prospettici La critica storica non è concorde nella descrizione delle scene immaginate da Pellegrino da Udine, che per alcuni avrebbe solo sintetizzato le mansiones medievali in una cornice unica, mentre per altri avrebbe già immaginato il fondale dipinto con prospettiva centrale. Emerge nella Ferrara di questo periodo di grande elaborazione della commedia italiana la figura di Ariosto, forse primo uomo di teatro del Rinascimento, materialmente impegnato in tutte le fasi delle splendida messe in scena organizzate per la corte estense. La Cassaria, prima commedia originale in lingua italiana, rappresentata nel marzo del 1508, sarà seguita da I Suppositi (1509), dal Il Negromante (scritto prima del 1520, ma rappresentato nel 1528), e da La Lena (1529). Cassaria e Negromante scritte in prosa, vennero poi riportate in endecasillabi sdruccioli dallo stesso autore. L autore produsse anche una quinta commedia, incompiuta, intitolata I studenti, poi compiuta dal fratello Gabriele (La Scolastica) e dal figlio Virginio (L'Imperfetta). Cassaria: Atto I A Metellino due giovani benestanti, Erofilo e Caridoro, sono innamorati di Eulalia e Corsica, due serve cortigiane al servizio dell avido ruffiano Lucrano, stablitosi da un mese nella casa vicina a quella di Erofilo. 6

7 Erofilo pensa di riscattare l amata Eulalia derubando Crisobolo, suo padre, di una cassa d oro filato data in custodia al fedele servo del padre, Nebbia. Ad aiutarlo troviamo Volpino, servo astuto ed intrigante. Atto II Per riscattare Eulalia Volpino applica il piano del padrone e manda il faccendiere Trappola travestito da mercante, per dare in pegno a Lucrano la cassa al centro delle vicende della commedia. Il piano però è più raffinato di quanto non avesse pensato Erofilo: Volpino ha pensato infatti di accusare Lucrano di Furto per poter così riscattare la cassa ed avere la fanciulla senza spendere il becco di un quattrino. Atto III Trappola si traveste da mercante ed attua il piano di Volpino, ma alcuni servi dello stesso Erofilo, all oscuro del piano, per impedire al falso mercante di avere la fanciulla, bloccano Trappola e lo bastonano, sottraendogli Eulalia. Lucrano intanto progetta di andarsene nel Negroponte. Atto IV Il padre di Erofilo torna inaspettatamente dal suo viaggio. Irrompe in casa di Lucrano per riavere la cassa, ma non riesce e viene cacciato in malo modo. Nonostante Volpino tenti di scaricare la colpa della perdita del patrimonio sul fedele Nebbia, Crisobolo lo fa catturare e punire. Intanto Fulcio, servo dell altro giovane amoroso, Caridoro, intontisce Lucrano con minacce di morte, facendogli credere che una condanna a morte grava sulla sua testa. Atto V Lucrano, terrorizzato, fugge in casa di Caridoro e porta con se la giovane Corisca. Fulcio intanto riferisce a Crisobolo d essere stato accusato di frode per via della vicenda della cassa e gli spiega anche che il ruffiano Crisobolo è disposto a vedere il proprio silenzio. La cifra elargita da Crisobolo sarà usata dai giovani per il riscatto delle fanciulle. Notiamo: Contaminazione di elementi plautini e terenziani: o personaggi padri ricchi e avari, figli smaniosi per amore, servi avidi e più o meno furbi, ruffiani e meretrici o trama, ruotante attorno alla cassa preziosa alla quale (sul modello della Cistellaria di Plauto, la cui trama ruota, analogamente, attorno ad una cesta) allude il titolo, trafugata dal giovane Erofilo al padre mercante su istigazione del servo Volpino, per darla in pegno al lenone Lucrano e riscattare la schiava da lui amata, alle stesse facezie, che invece dovrebbero rappresentare la vera novità della commedia, secondo il Prologo: «piena / Di varii giochi che né mai latine / Né greche lingue recitarno in scena». Non mancano spunti moderni e novellistici: o Lingua ibridata e mescolata di inserti grotteschi, volgari, a simulare la varietà metropolitana dei gerghi. Menzioniamo certe battute furbesche o in lingua zerga (gergo furbesco) del ruffiano al suo servo (I, 7: «Spuleggia de non calarte in solfa per questa marca, che al cordoan si mochi la schioffia»: «rifuggi dall andartene in giro a parlare di questa puttana, cosicché al minchione si possa giocare il tiro»); o Allusione al moderno: in particolare citiamo quella all'insipienza dei governanti (IV, 2: «questi che ci reggono, che quando più [ ] stannosi a grattar la pancia, vogliono demostrare aver più occupazione»). Oppure possiamo citate le amare considerazioni sulla 7

8 condizione del cortigiano, e sulla corruzione della Curia romana. Lo stesso luogo dell'azione, Metellino nell'isola di Lesbo, appartiene come è stato notato più al "Levante" dei traffici veneziani che alla Grecia antica, e serve a contenere altri più evidenti e più o meno voluti anacronismi (ancora una volta, come in Terenzio): nomi di monete contemporanee, di un'osteria ferrarese ecc. Elemento a metà fra il classico, la novellistica e la cultura medievale è certamente l uso dei nomi parlanti. La commedia è una libera rilettura in chiave ricombinante del teatro comico latino, unico modello da seguire per conseguire un divertimento ridanciano ma elegante e raffinato. Accuse di Machiavelli ad Ariosto: artificio della lingua ripiena di (latinismi, idiotismi ferraresi, formule letterarie) e dunque lontana dal volgare parlato (Dialogo intorno alla nostra lingua); edonismo, della trama completamente ludica, solo parzialmente agganciata alla contemporaneità. Cassaria però ha per pregio proprio gli elementi di gratuità, gioco e polimorfismo stilistico criticati da Machiavelli. Sulla recita di Cassaria abbiamo la testimonianza di Bernardino Prosperi dell'8 marzo 1508 a Isabella d'este Gonzaga: «Ma quello che è stato il meglio di tutte queste feste e representatione, è stato la sena dove se sono representate, quale ha facto uno M.ro Peregrino depinctore sta col S.re, ch'è una contracta et prospectiva de una terra cum case, chiesie, torre, campanili e zardini, che la persona non se può satiare a guardarla per le diverse cose che ge sono, tute de inzegno e bene intese, quale non credo se guasti, ma che le salvarano, per usarla del'altre fiate» (Catalano 1930, II: 83 84). Delle recite estensi ricordiamo l enorme sforzo realizzativo da parte dei famigli del signore, che sono un tutt uno con la politica culturale ferrarese, quasi una diretta emanazione del principe. Fra le due polarità dei Menechini (Menaechmi, 1486) nel cortile nuovo di Palazzo, visti già nella nostra precedente lezione (dove si gli spettatori meravigliati video in scena una "fusta", imbarcazione «con diexe persone dentro con remi et vela, del naturale»), all'allestimento della Cassaria di Ariosto nella Sala grande, con apparati di Pellegrino da Udine, si sviluppa l arte matura della scenografia moderna. Elementi antirealistici che qualificano in una struttura stilistica la commedia cinquecentesca, che possiamo derivare proprio da Cassaria e dalle altre commedie di Ariosto: Epicità di alcune enunciazioni dei personaggi, i quali sovente "pensano ad alta voce" e si esprimono per monologhi. Questo procedimento drammatico ha la funzione di riflettere i sentimenti e disegnare gli umori delle situazioni, ma forniscono anche utili informazioni sulla messa in scena ed agli spettatori sulle vicende. Presenze parallele, come nella scena medievale. Nonostante la compresenza in scena i personaggi si incontrano solo quando è utile allo svolgimento della trama. In caso contrario essi agiscono sul medesimo spazio ignorandosi vicendevolmente. Scena fissa, azione in esterni, anche nel caso di conversazioni confidenziali. Spazio della piazza e della città come centrale, oltre che vincolata alla sembianza scenografica. 8

9 Bibbiena, Calandria Urbino, 1513 (in gennaio) Calandria di Genga / Castiglione La scena è qui di sicuro prospettica e dotata di quinte: lo sappiamo dalla minuta descrizione che ne fece il Castiglione stesso in una lettera all amico cardinale Ludovico di Canossa. La recita verrà ripetuta diverse volte: nel gennaio 1515, (scene di Baldassarre Peruzzi), per il Papa e Isabella d'este, e nel 1548, in Lione, per Enrico II e Caterina de' Medici. Commedia regolare Lingua volgare Scena prospettica Scene romane reali in cui la città campeggia come spazio privilegiato delle relazioni interpersonali autoreferenzialità dell élite nello spazio dello spettacolo. Riferimento nel prologo a quello che comincia a diventare un modello: La Cassaria e I Suppositi 1. Commedia nova «in prosa, non in versi; moderna, non antiqua; vulgare, non latina». 2. Scelta del volgare come fatto estetico, che non richiede più le scuse che richiedeva in Ariosto (che comunque in nuce anticipava già le ragioni della difesa del volgare): lingua che Dio ci ha data, il volgare è l'unica dà pieno diletto ad un pubblico di spettatori «che tutti dotti non sono». Collaboratore del Castiglione sul fronte di scene e coreografie troviamo Girolamo Genga, allievo di Raffaello. Soluzioni scenografiche: «v era finta una città bellissima con le strade, palazzi, chiese, torri: strade vere, e ogni cosa in rilievo, ma aiutata ancora da bonissima pittura e prospettiva bene intesa» (Castiglione) ad emulazione dell apparato di Cassaria del Presenza delle moresche a fare da intermezzo fra gli atti: in scena vediamo delle apparizioni da festa profana: o Una favola di Giasone con buoi vomitanti fuoco; o Carri trionfali degli dei tirati da animali esotici e fantastici; o Spazio teatrale totale, in cui la del pubblico è trasfigurata in una riproduzione di Urbino. o Presenza di spettatori cortigiani sul palcoscenico. Chi sta sul palco è altrove, a Roma, chi sta in platea è a Ubino, in particolare nel fossato del palazzo ducale, riprodotto nello spazio del pubblico. Non dimentichiamo che Castigliane è autore del Cortegiano, centro nevralgico della nuova corte come messa in scena totale, fin dentro le relazioni sociali. Legame con il Decameron e i Menaechmi. Ma qui la trama classica è messa in secondo piano rispetto alla citazione boccaccesca. Trama ai limiti del picaresco: «Dopo il saccheggio da parte dei Turchi di Modone nel Peloponneso, due giovani gemelli di quella città, Lidio e Santilla, capitano a Roma all'insaputa l'uno dell'altra: lei, che si fa passare per maschio e ha preso il nome del fratello, vive in casa di un onesto mercante fiorentino, il quale pensa di dare la figlia in moglie a questo supposto Lidio; lui diventa l'amante di una signora romana, Fulvia. Lo sciocco marito di lei, Calandro, avendo notato il ragazzo che viene a trovare Fulvia vestito da donna, e sotto il nome di Santilla, smania di desiderio per lui credendolo femmina, e si affida a un astuto servo per poterla avere. Dopo una vertiginosa 9

10 girandola di scambi di persona, di incantesimi fasulli, di madornali bestialità del vecchio e di ingegnosi espedienti dei servi Fessenio e Fannio, la solita agnizione rimette a posto le cose: il vero Lidio sposerà la figlia del mercante, e Santilla tornata donna avrà come marito il figlio di Fulvia» Oscenità del tema, che si gode delle numerose occasioni di ambiguità sessuale insite nella trama a doppio travestimento; Carattere ludico, convenzionale, raffinato, in una parola cortigiano della composizione; Gioco astratto delle apparenze: i personaggi si vendono ma non si riconoscono, quasi a simulazione dell ambiente della corte in cui il sembiante è sempre uno strato spessissimo applicato alla realtà del carattere; Povertà dei contenuti ideologici ed etici, celebrazione della sensualità; Subito riconosciuta dai contemporanei come un vero modello di sensibilità stilistica e trama perfetta nella conduzione del doppio intreccio: o Teatro come meccanismo, perfetta macchina formale; o Edonismo estetico, perfezione, simmetria, equilibrio aureo; o Arte e vita, nella connessione dell immaginario comico con quello della corte; Intelligenza ed astuzia al centro delle qualità cortigiane (umane). Machiavelli, Mandragola 1518 e il 1520 (ma la datazione è dubbia ed oggetto di numerosi dibattiti), ciò che conta è che la commedia è scritta lontano dalle attività politiche, quando l autore era caduto in disgrazia presso i Medici per via dell esperienza della repubblica fiorentina e dell amicizia col gonfaloniere Pier Soderini prima della caduta della repubblica nel Fu forse rappresentata nel settembre del 1518, per il ritorno dalla Francia di Lorenzo di Piero de' Medici Duca d'urbino con la sposa Maddalena de la Tour d'auvergne, con due commedie di Lorenzo Strozzi: Falargho, e Nutrice o Pisana. Ma rispetto alle atre due commedie appena trattate non abbiamo testimonianze precise circa l allestimento e la sua qualità. Forse allora parte del prologo è dedicata proprio a Lorenzo de' Medici, (già dedicatario del trattatello De principatibus) se questa materia non è degna, Per esser pur leggieri, D'un uom che voglia parer saggio e grave, Scusatelo con questo, che s'ingegna Con questi van pensieri Fare el suo tempo più soave, Perch'altrove non have Dove voltare el viso: Ché gli è stato interciso Mostrar con altre imprese altra virtue, Non sendo premio alle fatiche sue» 10

11 Ed infatti sul frontespizio dell edizione originale (lo stesso dell attuale edizione Einaudi) abbiamo un centauro musicante, un Chirone (centauro saggio, studioso e benevolo) che ha mutato mestiere in menestrello. Trama: Callimaco, giovane fiorentino emigrato a Parigi dopo l'invasione di Carlo VIII, nella capitale francese è stato raggiunto da voci circa la bellezza sconfinata di Lucrezia moglie dello stolto Nicia Calfucci. Egli se ne innamora così per fama (il tema dell innamoramento per fama è appunto un tema di lunghissima persistenza nell immaginario novellistico). Decide così di tornare a Firenze, dove si giova dell aiuto di un parassito Ligurio per avere la donna. Ma Lucrezia è una virtuosa che difficilmente cederebbe alle tentazioni dell adulterio. Così Callimaco deve trovare un espediente per possederla almeno una volta e convincerla della validità del proprio amore (e delle prestazioni d un giovane, rispetto a quelle del vecchio stolto). Così, dal momento che Nicia vuole un da tempo e non riesce ad averlo, Ligurio ordisce un tranello. Callimaco dovrebbe farsi passare da imbonitore e medico e prescrivere alla donna una pozione a base d mandragola che ne farà la fecondità. Unico impedimento della pozione a base di mandragola, raccontano allo stolto Nicia, è che essa fa morire il primo uomo a giacere con la donna. Si concorda dunque con Nicia di far giacere con Lucrezia un giovane preso dalla strada subito dopo l assunzione della pozione. Aiutati anche da Fra Timoteo, confessore avido di limosine, ma anche prontamente gabbato da Ligurio, che con le armi della dialettica lo tenta e poi lo ricatta, Callimaco travestito da vagabondo sarà condotto in camera di Lucrezia, dove svelerà identità ed amore convincendola della stupidità del marito e conquistandola. Fonti: Calandria del Bibbiena Immancabili beffe erotiche del Decameron, (III, 6, in cui il giovane Ricciardo Minutolo riesce con un sotterfugio a diventare l'amante di una donna che non intendeva assolutamente ingannare il marito); Plauto e Terenzio (la cui possibile utilizzazione e modernizzazione Machiavelli aveva già dimostrata traducendo in fiorentino l'andria, non sappiamo quando), Aggiunta a queste classiche fonti di ispirazione della commedia anche gli elegiaci latini (letti all'albergaccio al tempo della stesura del Principe) con cui Machiavelli costruisce gli umori ed il patema di Callimaco innamorato. Diverse le griglie metaforiche che vorrebbero trovare riscontri di attualità politica nelle vicende intricate di Firenze. Tali letture metaforiche vengono soprattutto dall impulso all avido perseguimento dei propri fini che osserviamo in tutti i personaggi (e, paradossalmente, meno di tutti proprio in Callimaco). Lucrezia Firenze, Callimaco di ritorno da Parigi («signore, padrone, guida») Lorenzo de' Medici duca d'urbino, Nicia Pier Soderini (che come lui aveva una moglie giovane e bella, e un vano desiderio d'aver figlioli), confessore Savonarola. In un programma di assecondamento e captatio benevolentiae della signoria fiorentina. Comicità rarefatta, presente non nella trama in sé, ma nell uso della lingua e dal sottile intrecciarsi delle metafore sessuali 11

12 Il fiorentino "dialettale" di Nicia (e le digressioni in una lingua che vorrebbe esser colta ma che riesce a sembrare solo ridicola) il linguaggio da bottegaio e da teologo di Timoteo, a smascherare la profonda volgarità di personaggi socialmente "rispettabili", La scarsa teatralità della Mandragola nel senso tradizionale dell'espressione (movimento di attori, colpi di scena, ecc.) rimpiazzata da teatralità sottile, che privilegia il momento del desiderio e del progetto, oppure le inquietudini continue di Callimaco. Callimaco leader, che innesca l azione, ma ne resta fuori, quasi occupato da più alte inquietudini Lucrezia incarnazione della virtù machiavellica, tendente al bene, ma è pronta ad imparare dal reale che è crudele ed amaro, capace così di adattarsi al tempo ed alle circostanze. «Poi che l'astuzia tua, la sciocchezza del mio marito [...] e la tristizia del mio confessoro mi hanno condotta a fare quello che mai per me medesima arei fatto, io voglio iudicare che e' venga da una celeste disposizione che abbi voluto così, e non sono sufficiente a recusare quello che 'l cielo vuole che io accetti» (V, 4). Alla fine tutti contenti, pure nelle sordide circostanze: Nicia ha il sospirato "naccherino" Callimaco Lucrezia, Lucrezia del sesso vigoroso Timoteo i quattrini per la chiesa, Restano però meschini: «Uno amante meschino, / Un dottor poco astuto, / Un frate mal vissuto...», come ci informa il Prologo. «Il parassita rappresenta così, come la figura del frontespizio, il Chirone che i tempi si meritano: ma la sua sapienza trova ironicamente sul palcoscenico miglior esito di quella di Machiavelli candidato a consigliere dei Medici nel : ristrettosi il campo dalla scena vasta e desolata dell'italia contemporanea alla mediocre cerchia fiorentina di Messer Nicia (ma l'avvertimento del Prologo, «Questa è Firenza vostra; / Un'altra volta sarà Roma o Pisa: / Cosa da smascellarsi per le risa», non riguarda soltanto l'apparato), la virtù politica trionfa ancora dove e come può, cioè nella chiesa bottega di Timoteo e in camera da letto di madonna Lucrezia. Dopo la probabile rappresentazione fiorentina del 1518 o del 1520, e una romana ancora nel 1520 di cui dà notizia il Giovio, la Mandragola (intitolata nella prima stampa Comedia di Callimaco et di Lucretia, ma presto famosa col titolo che le è rimasto) fu replicata a Venezia nel carnevale del 1522 con tale successo che la prima recita non andò oltre il IV atto per la troppa ressa, come ricorda il Sanudo, e di nuovo nel 1526, quando, come abbiamo visto, eclissò i Menaechmi di Plauto rappresentati da una compagnia rivale. A Firenze fu allestita nel 1525 in casa di Bernardino di Giordano al canto di Monteloro dalla Compagnia della Cazzuola, con scene di Andrea del Sarto e di Bastiano da Sangallo detto Aristotile; per il carnevale del 1526 il Guicciardini, presidente della Romagna al servizio del papa, intendeva metterla in scena a Faenza, e scambiò varie interessanti lettere con Machiavelli, che per l'occasione compose quelle cinque canzoni, da dirsi all'inizio e tra un atto e l'altro, che figurano in tutte le edizioni moderne della commedia. Richiamato 12

13 Guicciardini a Roma da Clemente VII, il progetto non andò in porto: esso resta un significativo documento della sua ammirazione per la commedia dell'amico.» Da Ferrara il modello propulsivo del teatro comico italiano: a. Spazio unitario e particolare vs. Lo spazio universale e frammentato del teatro medievale; b. Adozione della lingua volgare; c. Recupero del modello latino, prima pedissequamente e via via con modalità maggiormente ancorate alla realtà; d. Spettacoli privati e legati alle manifestazioni di celebrazione della signoria; e. Progressiva evoluzione dell intermezzo nel contesto dello spettacolo totale della festa, all interno della quale si colloca lo spettacolo teatrale. Sovrapposizioni del continuum storico. Il trentennio a partire dall inizio del secolo (1500/1530) rappresenta il momento di maggiore fertilità dell arte drammatica. [Ricapitoliamo il discorso sulla drammaturgia] Il movimento successivo al revival antico che abbiamo visto nel corso dell Umanesimo, si deve, naturalmente, alla fissazione delle regole dei volgarizzamenti da parte di Ariosto, che infine si spinge ad adattare a quel linguaggio brioso e vagamente classico prodotto dalla fusione trama umanstica / volgare, i frutti della sua fantasia. È il tempo della Cassaria e dei Suppositi. Il passo successivo è l innesto delle tematiche novellistiche e boccaccesche nei nuovi testi drammatici. Apice di questo filone prima toscaneggiante e poi romano è, naturalmente la Calandra del Bibbiena, splendido prototipo di commedia, perfettamente teso in una letterarietà tutta teatrale, in cui alla parola corrisponde sempre l efficacia del gesto e dell allusione. Il successo è enorme e raggiunge il suo apice dopo la morte dell autore, diffondendosi finanche in tutta Europa. La commedia classicheggiante è l unica avanguardia letteraria e si muove sul duplice fronte propagandistico della tiratura a stampa e della rappresentazione. Tipi contrapposti + movimento la scrittura riveste ancora un ruolo subalterno alla pratica scenica. Problema centrale resta ancora la lingua: Dotta; Colloquiale nei numerosi inserti rusticali il dialetto era inteso a rendere più succulenta la messa in scena Commedie del canone (ma in realtà già di per sé esorbitanti dal canone): Ariosto, Cassaria scena e città Machiavelli, Mandragola libertà dell uomo Bernardo Dovizi da Bibbiena, Calandria introduzione del tema novellistico a teatro, fino a quel momento appannaggio del solo genere farsesco, che pure aveva raggiunto un livello ormai al di là della semplice espressione volgare e grottesca, con l importante esperienza senese della Congrega dei Rozzi. 13

14 Nella Calandria l articolazione è tutta interna alla città e l intreccio è di tale compattezza ritmica, da diventare un archetipo della commedia regolare. Venezia: attualità e antichità delle forme e delle pratiche "Ritardo" iniziale della città lagunare nell adesione ad un modello teatrale più maturo, recuperato però facilmente, grazie all importanza commerciale e politica di Venezia ed alle sue condizioni politiche e civili: Patriziato vario e democratico, capace di investire sostanze consistenti nelle rappresentazioni (e, au contraire, nessuna situazione di accentramento del potere e monopolio spettacolare); Scambi commerciali e società della libera impresa; Atteggiamento censorio piuttosto moderato delle istituzioni (censure nel 1508, 1521, 1530), subito ritirate; Meltin pot della città lagunare. Spettacolo veneziano: compagnie della calza, momarie. Compagnie della calza: associazioni di giovani e ricchi patrizi, dotate di regole e statuti; membri caratterizzati calzamaglia con la gamba destra "a quartieri di vari colori" (donde il nome); titoli per attributo : I Reali, i Cortesi, i Fedeli, i Solenni, gli Immortali, i Valorosi, gli Eterni, gli Accesi, i Zardinieri. Carpaccio e Sanudo sono le nostre fonti principali; Celebrazioni di carattere profano e medievale, per accoglienza delle delegazioni, ma anche per occasioni private; Diverse dallo spettacolo medievale soprattutto per la rappresentazione delle momarie. latino Momos, (il satiro) + mumi, (maschere) = pantomime lussuose con consistenti inserti recitativi e l intervento anche di attori professionisti come Zuan Polo o Cherea. Simbologie dell élite, ma esposte in modo così raffinato, da coinvolgere gran parte della cittadinanza in uno spettacolo incantatore ed illusorio. In Venezia il carro diventa talvolta macchina galleggiante. Teatro rotondo delle cronache di Francesco Sansovino per la momaria dei Sempiterni che «rappresentò in Canal Grande la macchina del mondo, nel mezzo del quale essendo vacuo e regalmente addobbato d'oro e di seta, furono 200 elettissime gentildonne, le quali ballando al suono di ben cento stromenti musici, erano tirate dolcemente da palischermi et altri legni per lo corso dell'acqua». Apripista di questa teatralità a metà fra la strada fra la visione letteraria della scena e l istanza festiva e stradaiola è il comico Cherea, il quale recita commedie classiche pur essendo alla base un buffone. Ed è proprio questo l aspetto originale della mercantile Venezia, la varietà dei repertori, per cui questi attori affrontavano qualsiasi testo da Plauto e di Terenzio, appunto fino alle egloghe dialogate, ai contrasti medievali, alle farse. Si profilano le prime figure professionistiche della scena: Domenico Taiacalze e Zuan Polo, oltre che il già citato Cherea. 14

15 Panorama molto fecondo: da una parte lo sviluppo della pavana nell opera letteraria e performativa di Angelo Beolco meglio noto come Ruzzante, dall altra anche la produzione di commedie in dialetto di straordinaria modernità linguistica, compositiva, tematica. La bulesca, commedia di criminali e malavitosi è recitata dai Zardinieri nel 1514; La straordinaria Veniexiana, composta secondo Giorgio Padoan nella seconda metà degli anni trenta, ma di cui non abbiamo notizie di messa in scena. «Bule, innamorato della prostituta Marcolina, è tenuto sulla corda da lei; ed il bravo, spalleggiato da amici, fa una chiassata sotto la casa della donna, dove si trova Fracao, che ha insultato e minacciato un amico di Bule e Bule stesso. La rissa è interrotta dall'arrivo di un autorevole Misser, che obbliga tutti alla pace.» [padoan, p.83] Ambientazione realistica per questo atto unico di situazione: nomi dei personaggi e riscontro in episodi della vita della città lagunare («e tutta pieni di spunti realistici è la sosta all'osteria "da Meneghina a San Martin» (presso l'arsenale), dove i bravi bevono "del bon" e assaggiano "una sonda de melon", un "vuovo duro", "un pezo de murlaco", "un buzolao") Azione povera, ma ricca di spunti teatrali; Tratteggio assai preciso della prostituta, la quale, nell'invaghimento dei clienti ricchi sogna la prospettiva di una vita padrona di se stessa «senza più patire i taglieggiamenti del bordello o lo sfruttamento del protettore» (Oh, tasi, cara Zuana! L'è pur velo / esser so dona, essere in casa soa: / e no scovar e questo e qeul bordelo. / Ché s'ti vadagni una vesta l'è toa; / ma là besogna refonder del terzo, / e soto a questo e quel sempre zoa [suda]. / Trovar me bisognava Alvixe Verzo / tre lire o quatro: edesso tuto è mio, / né 'l partiso per quarto, né per terzo) La Bulesca resta un esempio tuttavia isolato, di cui riteniamo certamente i tratti salienti che poi caratterizzarono un genere di moda, ma assai corrivo, rispetto al prototipo. Interesse documentario, dunque, che testimonia, la moda dell'epoca le fonti ruzantiane il gusto realistico del pubblico veneziano, che sta formando un vero mercato dello spettacolo. Anche la Veniexiana (scoperta solo nel 1928 in un codice marciano) consiste di una situazione molto semplice. Julio, di professione mercenario, è oggetto del desiderio di Valiera, sposata. La donna, attraverso la domestica Oria gli dà appuntamento. Anche Anzola, però, vedova, desidera il giovane e sempre valendosi della serva Nena e di Bernardo, povero cristo bergamasco, riesce ad adescarlo in casa sua proprio nelle ore dell appuntamento con Valiera, che attende Julio invano. La sera dopo Julio tenta di vedere Valiera, che lo scaccia e che poi, pentitasi, lo riattrae a sé la sera seguente, non senza una lunga spiegazione. Siamo distanti, come si vede, dalla commedia ludica prodotta fra Ferrara, Mantova e Firenze: l azione è semplice, quasi elementare, e semmai nella Venexiana riscontriamo una incredibile attenzione per il tratteggio delle relazioni. 15

16 È questa una commedia anomala, d ambiente e di situazione, più che di azione. Ed è davvero stupefacente il modernissimo approccio chiaroscurale, in una situazione sempre notturna e serale, intrisa di umori saturnini e malinconici. Della Venexiana ci rimane anche il tratteggio quasi impressionista della città, finemente abbozzata nei luoghi reali dell epoca (e la commedia sembrerebbe proprio un fatto di cronaca più che di fiction, come viene espressamente dichiarato nel prologo: «Non fabula non comedia ma vera historia»). E poi, ancora, l uso della lingua, intesa a caratterizzare dialettalmente i personaggi. Angelo Beolco, Ruzzante Recita da parte di «nobiles iuvenes patavini»: Studio di Padova (e rapporti stretti con Alvise Cornaro); Origini nobili (padre medico, benestante; Ruzzante è anche amministratore di terre e proprietà) Riapertura dell'università di Padova (1518), dopo la guerra di Cambrai ripresa della tradizione goliardica Poesia pastorale (Arcadia, Sannazzaro del 1502); Lingua maccheronica e mariazi in chiavi di satira antivillanesca; Contrasti dialettali. La Pastoral, del , è commedia alla villana ove si irridono le tendenze del Terzo genere, quello piacevole e pastorale. Nella cornice del sogno d un villano si articola l incontro scontro fra un gruppo di pastori raffinati, sul modello arcadico, i quali si esprimono in terzine ed altri pastori ben più prosaici, ignoranti e buzzurri. Milesio, suicida per amore, Mopso, creduto morto per il suo carattere svenevole, Arpino che tragicamente vuol seppellirli. Sul fronte dei buzzurri troviamo invece Ruzzante e Zilio, (frottola pavana) e un medico bergamasco chiamato da Ruzzante che, rianimato Mopso, aiuterà lo stesso Ruzzante ad ammazzare il padre lamentoso ed avaro con un intruglio, lasciando al figlio tutte le sostanze. Contro: l affettazione pastorale; la rozzezza del contadino; la volgarità del medico. Fin da subito Ruzzante incentra il meccanismo della sua comicità nel comico verbale, in quel particolare tipo di comico, proprio della farsa, in cui il riso scaturisce direttamente dalla confusione di lemmi o dalla sfasatura fra aree semantiche (e.g. Arpino invoca Pan e Ruzzante risponde: «Tu me vuò dar del pan? Mo sù, anagun» ["andiamo"] (Padoan). Molto importante: legame fra autore ed attore. Ruzzante compare anche fuori dalle recite dei suoi drammi come Ruzzante, appunto, personaggio ben caratterizzato del villano ignorante e faceto, in una fusione perfetta fra performer e parte eseguita che sarà tipica della Commedia dell Arte, che proprio in questi anni comincia a svilupparsi. Betìa è invece un mariazo di lunghezza esagerata, con trama assai complicata e tendente alla digressione (nei singoli episodi rinveniamo diversi canovacci farseschi di origine anche francese) ed ha per obiettivo l amor cortese, qui degradato ad una grottesca storia di risse e tradimenti più o meno scoperti, con la 16

17 conclusione del tutto in una unione adultera a quattro, in seno alle nozze celebrate fra questioni di interesse e furti. Sperone Speroni definirebbe quelle di Ruzzante come «commedie di amori e nozze contadinesche, onde ne ridano i gran signori». Me è proprio a partire dalla Prima Oratione e da Betìa (1521 / ) che l istanza comica di Ruzzante non è più una superficiale messa in ridicolo del costume rusticale, ma una vera polemica naturalista, una presa di posizione per il mondo della miseria, all epoca profonda e radicata in una campagna veneta ancora gravata dai resti della lunga guerra di Cambrai. «poetica della snaturalité, baluardo e compenso dei contadini contro «el cancaro» che in varie forme (fame, carestia, guerra, saccheggi dei soldati, angherie dei cittadini) travaglia «el roesso mondo» l'universo, e rovescio, mondo.» La Prima Oratione è composizione occasionale, scritta per accogliere il neocardinale Marco Cornaro nella villa del Barco. Vi si suggeriscono al cardinale una serie di provvedimenti utili a migliorare la vita di quella terra, come la castrazione dei preti Il personaggio di Ruzzante va insomma verso una critica politica, solidale con la condizione contadinesca e con l alienazione dell uomo comune, schiacciato fra le due terribili morse della fame e dell ignoranza cui lo hanno destinato nobili e padroni. Il grottesco del contadino diventa sempre più un riso amaro e si distanzia dall intrattenimento corrivo dei personaggi in farsa. La produzione successiva di Ruzzante è quella più matura dell autore e performer pavano. Tre Dialoghi: Dialogo facetissimo (1529), Bilora e Parlamento di Ruzante che l'era vegnù de campo (1530). Bilora Storia del contadino Bilora che, provato dagli stenti e dalle privazioni della guerra, per recuperare la moglie Dina, fuggita con un ricco usuraio veneziano, Andronico, prima riesce a parlamentare con lei, ottenendo solo la pietosa elargizione di una somma per mangiare. Bilora spenderà le sostanze all osteria, e completamente ubriaco, ucciderà nottetempo Andronico. Qui la lingua multipla della Pastoral è ripresa per mettere però in contrasto il conflitto insanabile fra rustici e nobili: contrasto che emerge in particolare nella scena in cui Pitaro, zio di Bilora, gli descrive come deve comportarsi al cospetto di un cittadino. Città come selva pericolosa per il contadino. Vicenda comica, ma a tratti amara, oscura. Parlamento La trama del Parlamento è analoga a quella di Bilora. Ruzante, si arruola nell esercito sperando di trovare uno stipendio sicuro, ma poi diserta e va in città nella miseria più nera. Cerca Gnua, la compagna che ora vive in città con uno sfruttatore. Allontanato crudelmente dalla moglie («Se me bastasse un pasto a l'anno, te porissi dire. Mo el besogna che a' magne ogni dì», sc.iii). Stavolta il contadino, a tratti beffardo e vanaglorioso, dovrà subire la beffa del bravaccio, che oltre ad averlo fatto cornuto, lo bastona violentemente. La conclusione è tutta incentrata sulla faceta fanfaronaggine di Ruzante, che non vuole ammettere la sua inferiorità fisica. «Alla violenza della storia, che ormai gli preclude ogni possibilità di esistenza normale, Ruzzante oppone, con una specie di autoinganno istintivo e calcolato insieme, la sua propria "contro storia", che tende, almeno nell'immaginazione, a rovesciare il «roesso mondo»: neppure più una commedia dunque, ma un 17

18 sogno di commedia, attraverso il quale il protagonista può accedere dal suo ruolo effettivo di vittima miserabile, a quello, duplice, di derisorio eroe e spettatore.» [Franco Fido] Moscheta (in 5 atti) Nella Moscheta si inizia sempre con una situazione legata alla miseria della guerra. Ruzzante e la moglie Betìa si sono rifugiati a Padova. Fatto cornuto dal compare Menato, Ruzzante, conl suo fare fanfaronesco e vuol provare la fedeltà della moglie. Qui vediamo il capovolgimento del comportamento urbano, cittadino, esposto nelle commedie regolari. Per cui lo strattagemma del travestimento adottato da Ruzzante, che si presenta alla donna parlando moscheto, italiano, ed offrendole denaro per congiungersi con lei, fallisce e la donna prima dimostra di essere disposta a prostituirsi e non appena svelato l inganno si darà a Menato e ad un soldato cui Ruzzante aveva cercato di giocare una truffa. Il villano è insomma obbligato non solo a sopportare la sua condizione, ma deve anche rassegnarsi all idea che ogni tentativo di inurbamento ed affrancamento dalla sua stoltizia non è che un passo verso altro bastonature e corna. Qui Ruzzante torna al canone della commedia regolare, ricomponendolo, però in funzione parodica e citazionale (per cui la scena del fraintendimento fra la moglie e la mula dietro la porta di III, 4, ricorda il dialogo per doppi sensi della chiave che si trova in Calandria III, 10) 1 Lettera ad Ercole d'este duca (1532), ove Ruzzante annuncia di arrivare con la sua compagnia e chiede che le sue commedie siano allestite da Ariosto. Piovana Rudens plautino Vaccaria Asinara plautina Cambia il personaggio, (Garbinelo in una e Truffo nell altra). Anconitana ( ?), commedia urbana ad intreccio regolare dove torna il tipo di Ruzzante, integrato però in una logica drammatica d ambiente, più prossimo alla letterarietà dei servi plautini o della commedia. 1 TONIN Chi è quel? RUZANTE A' son mi. Dè me la mia femena, ch'a' son mi, quel vostro amigo, ch'a' la son vegnúa a tuore. TONIN A' no l'ho ach governada. Aspeta un po'. RUZANTE Mo' che fè vu? Dè mela pur cossí. TONIN A' ghe vòi fà stà bass ol pil. A' ghe 'l sbati. RUZANTE A' no m'intendí. Vegní un po' chialò dall'usso. TONIN A' 'gh vòi metí la gropera, e la no vol stà ferma. Fat in zà, beschia! RUZANTE Poh, el no intende, sto cristian. Aldí vu? O sier soldò! TONIN Oh, l'è fastidiosa! La no 's vol lagà governà. RUZANTE El no m'ha gnan intendú. El cre' che dighe la mula. TONIN Oh, vegni 'l cancher!... RUZANTE Che, an? TONIN L'ha fracassada tuta la bardela denanz. RUZANTE Te 'l dissi che 'l no m'aéa intendú? El cre' che dighe la mula. TONIN Che? Che no v'intendi? A' meti in orden la mula; mo' el besogna che tu 'm laghi ficà u ciod in la bardela, ché l'è tuta fracassada. RUZANTE Pota del'intendere! A' 'l besogna che 'l laghe rivare. A' porae çigare cossí mil'agni, che 'l no intenderae. Moa, vegní vu an? TONIN A' no cati ol bus del'ardigiò dela çengia, che vegni ol cancher... RUZANTE An? Che fèvu? TONIN Ho rivàt ades ades. RUZANTE H 'í vu rivò, ancuò? A' sarae mo' regonò, con disse questú, la noíza. TONIN Làghe m pià u po' de fiat. Cancher a sta beschia! A' besogna ch'a' te la meni a mà, perché l'è fastidiosa. RUZANTE No possé vu mè pí intendere, pota d'i balurdi! TONIN A' vegni ades, mo'. RUZANTE O cancaro ale mule! A' no digo mula, a' dighe mia mogiere de mi. È la chialò da vu? 18

19 Testamento ruzantiano del 1536 Littera a Messier Marco Alvarotto, da recitarsi ad Alvise Cornaro ove si racconta nel pieno della tradizione cuccagnesca e bengodiana di un sogno di felicità. Barba Polo, avrebbe mostrato a Ruzzante il podere di Madonna Allegrezza, i cui abitanti, vivono onestamente in armonia col tempo, di cui sanno godere «un'ora di vita di uno che sappia di esser vivo, è più vita, e più lunga, di quella di uno che viva tutta la sua vita e non sappia mai di esser vivo». 19

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO

IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO IL TESTO TEATRALE STORIA DEL TEATRO Nascita del teatro Nasce come rito legato a celebrazioni di carattere religioso. Cerimonie sacre con cori e danze si svolgevano entro i recinti dei templi. Età antica

Dettagli

STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700

STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700 STORIA DEL TEATRO DAL MEDIOEVO AL 700 Dal IV secolo d.c. inizia il declino del teatro. Accanto alla decadenza degli edifici teatrali, abbandonati già dal tardo impero, la condanna della Chiesa, che si

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica

Programma svolto di Italiano. Classe IV liceo scientifico sez. A. Prof. Paglione Patrizio. L età umanistica Programma svolto di Italiano Classe IV liceo scientifico sez. A Prof. Paglione Patrizio L età umanistica Le strutture politiche, economiche e sociali Centri di produzione e di diffusione della cultura

Dettagli

S C H E D A D I D A T T I C A

S C H E D A D I D A T T I C A Giulietta e Romeo a r 2 TA TE AT RO n a m i t t e In s o l o Andiamo a Giocare in Teatro! D FA N SCHEDA DIDATTICA Questa è una breve biografia del compositore russo Sergej Prokofiev. Nato nel 1891 e morto

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori.

TEATRO. Canovacci: testi che descrivono solo la trama lasciando il dialogo e l azione scenica all improvvisazione degli attori. TEATRO La nascita del teatro è strettamente connessa alla sfera del sacro, in particolare alle pubbliche feste e cerimonie religiose. Tale fu l origine anche del teatro greco, prima di definirsi nei due

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione

Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione Il teatro delle Muse di Ancona Storia, attualità e problemi di gestione In epoca moderna la scelta dello spazio teatrale si è indirizzata verso la definizione e la creazione di edifici particolari, che

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno

SCHEDA DIDATTICA. Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch. 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno SCHEDA DIDATTICA Spettacolo Tentazioni, omaggio a Hieronymus Bosch Compagnia : Il Dottor Bostik/Unoteatro 1. Genere: teatro di figura, animazione a vista di marionette scolpite in legno 2. Testo e regia:

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta

Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta Piero Ferrucci. Introduzione alla psicosintesi. Roma: Edizioni Mediterranee, 2010. Per capire il gioco come modo di essere immaginiamo che qualcuno si metta giocare a ping-pong, o a briscola, o a qualsiasi

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO

Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Ho visto il lupo DOTTOR BOSTIK/UNOTEATRO Liberamente tratto da Pierino e il lupo di Prokofiev Regia, realizzazione marionette e animazione Dino Arru Con Dino e Raffaele Arru HO VISTO IL LUPO Gli ultimi

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15

UU. D. A. Classe 3^ A.S.2014/15 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE ITALIANO - Anno Scolastico 2014 2015 CLASSE 3^ Conoscenze Lingua Radici storiche ed evoluzione della lingua italiana dal Medioevo al sec. XVII Lingua letteraria e linguaggi della

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 ASSOCIAZIONE CULTURALE "IFRATELLICAPRONI" Viale Suzzani, 295 20162 Milano tel 02/6473778 333/4791105 contatto Alessandro Larocca alelarocca@virgilio.it Andrea Ruberti

Dettagli

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia

vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia vivo, scrivo, immagino, rappresento Perugia Un indagine poetica sull anima della città. Testi, disegni, immagini diventano linfa vitale di uno spettacolo. Perugia è la protagonista. Perugia sei tu. www.urbancreactivity.it

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

ANDREA BELLACICCO ATTORE GIOIESE A DISNEY CHANNEL-foto. Scritto da Dalila Bellacicco Venerdì 09 Novembre 2012 07:41

ANDREA BELLACICCO ATTORE GIOIESE A DISNEY CHANNEL-foto. Scritto da Dalila Bellacicco Venerdì 09 Novembre 2012 07:41 Andrea Bellacicco, giovane attore gioiese, su Disney Channel nella serie televisiva Tour, nelle vesti di Justin, ha conquistato nei giorni scorsi, un prestigioso riconoscimento: il Premio Off - Teatro

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 BANDO ARDESIS IDENTITA CULTURALE Protocollo LOM.16.13 IIS TORRIANI LICEO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il Carnevale di Venezia

Il Carnevale di Venezia Il Carnevale di Venezia Adrienn Kádek 11/10/2011 Non sei tu che ti metti la maschera, ma è la maschera a mettersi te... (A. Scarsella) Punti principali Il Carnevale antico Le maschere Le feste Il Carnevale

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

FERMO NEL REGNO DI RE CARNEVALE

FERMO NEL REGNO DI RE CARNEVALE FERMO NEL REGNO DI RE CARNEVALE Viene da lontano il ripristinato Carnevale fermano; dal 1990 una tradizione è ripresa, una delle più belle feste dell'anno ha ritrovato il posto che meritava e tutto sembra

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA " MADRE LINDA LUCOTTI" ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012

SCUOLA DELL'INFANZIA  MADRE LINDA LUCOTTI ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE R.C. A.S. 2011 \ 2012 ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE PREMESSA L incontro con la fiaba è molto stimolante perché sollecita nei bambini esperienze altamente educative, sul piano cognitivo, affettivo, linguistico e creativo. La fiaba

Dettagli

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film

Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film Franco Oppini: I Gatti di Vicolo Miracoli di nuovo insieme in un film di Elisa Guccione - 20, set, 2015 http://www.siciliajournal.it/franco-oppini-i-gatti-di-vicolo-miracoli-di-nuovo-insieme-in-un-film/

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA

BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA BREVE STORIA DELLA LINGUA ITALIANA Introduzione. Nei film del Neorealismo, spesso gli attori non parlano in italiano standard, ma parlano in dialetto. Cosa sono i dialetti? Come sono nati? 1. Dal latino

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura

Prima sala PAOLO RUBBOLI (1838-1890) - Sala della foggiatura IL MUSEO RUBBOLI A GUALDO TADINO Lo scorso 15 gennaio è stato inaugurato a Gualdo Tadino il Museo Rubboli. Allestito negli antichi locali ottocenteschi dell opificio, ospita un importante collezione di

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

FollinFestival. Dal 14 al 23 marzo 2014 TERZA EDIZIONE. Con il patrocinio di: COMUNICATO STAMPA

FollinFestival. Dal 14 al 23 marzo 2014 TERZA EDIZIONE. Con il patrocinio di: COMUNICATO STAMPA FollinFestival Dal 14 al 23 marzo 2014 TERZA EDIZIONE Con il patrocinio di: COMUNICATO STAMPA Il FOLLINFESTIVAL (3 EDIZIONE) Festival Teatrale di Gaggiano Dopo le prime due edizione del FollinFestival

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Giovanni Cena PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SEZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING LINGUA E LETTERATURA ITALIANA DOCENTE GIULIANA PESCA

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba

PRESENTAZIONE. * Laboratori di aggiornamento per insegnanti: Comunicazione verbale e non verbale Dizione Lettura espressiva Narrazione della fiaba PRESENTAZIONE Le Acque compagnia teatrale, che svolge dal 1996 la propria attività in ambito artistico, formativo, scolastico e sociale, presenta dei progetti teatrali-educativi per la Scuola Primaria.

Dettagli

BINGE DRINKING MONDO LIQUIDO

BINGE DRINKING MONDO LIQUIDO BINGE DRINKING MONDO LIQUIDO Progetto Alcol e giovani a cura del Teatro del Buratto Teatro del Buratto teatro stabile di innovazione per l infanzia e giovani Dal 1975 è attivo nella Produzione spettacoli

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO

SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO SPETTACOLO TEATRALE MOTORIO Da alcuni anni effettuo un progetto di educazione motoria nella scuola elementare della mia città e puntualmente le insegnanti mi chiedono di organizzare un momento di verifica

Dettagli

"La libertà e l'amore"

La libertà e l'amore "La libertà e l'amore" Per il lavoro, la riflessione e la preghiera LA SCRITTURA: Gal 5,13-14; Fil 2; Gal 2,20; Gv 15; Rm 7,15; LA LETTERATURA Da Il Piccolo Principe scritto da Antoine de Saint-Exupéry

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO

IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO L opera sarà presentata in anteprima mondiale all Expo di Milano IL CARRO-TEATRO DELL UNIVERSO DI LEONARDO DIVENTA REALTÀ GRAZIE AI COSTRUTTORI DEL CARNEVALE DI VIAREGGIO Il vincitore del concorso dei

Dettagli