PIANO INTERVENTI COMUNITÀ MONTANA DELL ANIENE A CURA DEL CONSIGLIO COMUNITARIO ANNO 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO INTERVENTI COMUNITÀ MONTANA DELL ANIENE A CURA DEL CONSIGLIO COMUNITARIO ANNO 2014"

Transcript

1 PIANO INTERVENTI COMUNITÀ MONTANA DELL ANIENE A CURA DEL CONSIGLIO COMUNITARIO ANNO 2014 Notizie disponibili anche su X^ Comunità Montana dell'aniene cmaniene

2 La presente relazione riguarda interventi progettuali in corso di realizzazione e di programmazione che la Comunità Montana dell Aniene sta realizzando nel territorio comunitario previsti ed approvati nei vari anni dal Consiglio Comunitario. Per quanto di seguito illustrato, riteniamo che la Comunità Montana deve continuare, d intesa con le Amministrazioni Comunali, a programmare ed organizzare interventi ed iniziative che abbiano l obiettivo di associare i comuni nello sviluppo della Valle dell Aniene e nella gestione associata dei servizi; il tutto organizzato in ambiti ottimali per lo svolgimento dei servizi, e ancor di più per difendere, riaffermare, valorizzare e rilanciare una Comunità di Valle nella Valle dell Aniene seguendo le indicazioni legislative nazionali e regionali. In particolare, facciamo riferimento al documento programmatico da parte di questa Comunità Montana ha inviato a Regione Lazio, e Governo Nazionale per la riorganizzazione delle Comunità Montane; in particolare, nello specifico è previsto un unico ambito territoriale Ottimale di Unione Montana ed ambiti locali dove programmare i servizi più immediati e locali. La legge n. 56 del 7 aprile 2014 (cd. Legge Delrio) va in questa direzione cosi come auspichiamo che la legge di riordino emanata dalla Regione Lazio possa definire questo aspetto organizzativo. I programmi della Comunità Europea e l indirizzo dei vari governi prevedono interventi ed iniziative nelle aree interne che soffrono il calo demografico, l invecchiamento ed il forte declino del territorio attraverso il rilancio delle attività agricole e forestali, le ristrutturazioni dei borghi, gli interventi su scuole ed ospedali, le infrastrutture digitali ed i progetti culturali e sociali; interventi ai quali da anni questa Comunità dedica attenzione e per i quali sta lavorando e programmando. Per proseguire in questa iniziativa occorre creare una sinergia vera tra il Pubblico ed il Privato; i privati che operano nel territorio dovranno essere messi in condizione di partecipare alle scelte sulla realizzazione di questo programma. Le azioni pubbliche dovranno essere pronte ad accogliere i fondi comunitari e dare vita ad un QUADRO STRATEGICO COMUNE dove sono ricomprese tutte le opportunità che sono rese disponibili dal territorio, dalla Regione Lazio e dal Governo Nazionale. La Comunità Montana attualmente è impegnata per la realizzazione di interventi finanziati ed approvati dalla Regione Lazio attraverso la L.R. 40/99 Programmazione integrata per la valorizzazione ambientale, culturale e turistica del territorio, il Piano di Sviluppo Rurale ; la L.R. 9/99 Legge sulla Montagna, la L.R. 18/07 Programma straordinario di interventi urgenti nella Provincia di Roma per la tutela e lo sviluppo socio-economico e occupazionale della Valle dell'aniene oltre finanziamenti Regionali, Provinciali condivisi nel Piano di Sviluppo Socio-Economico che questa Comunità Montana ha redatto, approvato e puntualmente aggiornato per il quale questo Consiglio sarà chiamato ancora ad esprimersi per condividere l attuazione con le attuali Amministrazioni Comunali. Il Presidente Luciano Romanzi 2

3 1. SERVIZI IN FORMA ASSOCIATA 1.a Stazione Unica Appaltante In ottemperanza alle nuove disposizioni normative, la Comunità Montana dell Aniene, in collaborazione con le Amministrazioni locali, ha predisposto gli strumenti utili per la costituzione della Stazione Unica Appaltante al fine di ridurre i costi per un maggior servizio a favore dei piccoli comuni della Valle dell Aniene. La S.U.A. - Stazione Unica Appaltante - cura l aggiudicazione di contratti pubblici per la realizzazione di lavori, la prestazione di servizi e l acquisizione di forniture per conto degli enti aderenti, in ambito regionale. È in pratica una centrale di committenza, istituita al fine di assicurare la trasparenza, la regolarità e l economicità della gestione dei contratti pubblici e di prevenire il rischio di infiltrazione mafiose ; ma ha anche la funzione di mettere a disposizione degli Enti gli uffici, il personale, le competenze del Provveditorato, ove questo avvalimento possa favorire il perseguimento di obiettivi di efficienza, economicità, efficacia. 1.b Ufficio Tecnico Forestale L Ufficio Forestale della Comunità Montana dell Aniene gestisce il patrimonio agro-forestale della Valle dell Aniene. Infatti l Ufficio Forestale, è l organo delegato dalla L.R. 39/2002 al rilascio dell autorizzazione all utilizzo forestale. Oltre al rilascio, l Ufficio cura tutto l iter amministrativo che, oltre il rilascio dell autorizzazione prevede sopralluoghi, gestione del bosco e statistiche. L obiettivo che la Comunità Montana dell Aniene si prefigge di raggiungere e pervenire a una gestione razionale e consapevole delle risorse agro forestali, in cui qualsiasi utilizzazione, prelievo, sfruttamento, avvengano in situazioni di garanzia di una rigenerazione naturale delle risorse alle quali si è attinto, di rispetto della funzionalità e della complessità degli ecosistemi, del soddisfacimento delle attese sociali ed economiche, sia delle generazioni presenti sia delle future. Affinché ciò si realizzi, è necessario ed opportuno incentivare, in linea con gli indirizzi della Regione Lazio (L.R. n. 39/2002) e della Provincia di Roma, la gestione boschiva verso forme di razionale governo del patrimonio forestale, mediante la redazione di strumenti di pianificazione quali piani di gestione ed assestamento forestale. Con l entrata in vigore della L.R. n. 39 del 28/10/2002 (Norme in materia di gestione forestale) e del Regolamento Regionale n. 7 del 18 aprile 2005 si è ampliato il ruolo delle Comunità Montane. La competenza delle Comunità Montane in materia agro forestale si applica ad una vasta gamma di interventi, tra cui operazioni di potatura, tagli intercalari, utilizzazioni boschive (tagli di fine turno dei boschi cedui e delle fustaie per superfici superiori a tre ettari), e lavori di miglioramento fondiario. L obiettivo che la Comunità Montana dell Aniene si prefigge di raggiungere e pervenire a una gestione razionale e consapevole delle risorse agro forestali, in cui qualsiasi utilizzazione, prelievo, sfruttamento, avvengano in situazioni di garanzia di una rigenerazione naturale delle risorse alle quali si è attinto, di rispetto della funzionalità e della complessità degli ecosistemi, del soddisfacimento delle attese sociali ed economiche, sia delle generazioni presenti sia delle future. Affinché ciò si realizzi, è necessario ed opportuno incentivare, in linea con gli indirizzi della Regione Lazio (L.R. n. 39/2002) e della Provincia di Roma, la gestione boschiva verso forme di razionale governo del patrimonio forestale, mediante la redazione di strumenti di pianificazione quali piani di gestione ed assestamento forestale. 3

4 1. c Protezione Civile Ufficio di coordinamento della protezione civile e implementazione del servizio di protezione civile intercomunale La Comunità Montana dell Aniene ha progettato di unificare il servizio di Protezione Civile dell intero territorio realizzando un sistema integrato costituito da sedi di rilevazione eventi, ricovero automezzi e materiali, centri di ascolto delle informazioni e richieste che pervengono dal territorio e da strutture di concentramento dei mezzi e della logistica degli interventi, grazie anche al progetto di Piano di Protezione Civile Intercomunale redatto come esempio per la Provincia di Roma in collaborazione con l Università di Tor Vergata: Il progetto è in corso di approvazione da parte dei comuni del territorio comunitario. Videosorveglianza ambientale E stata realizzata la sala eventi e videosorveglianza con una postazione di telerilevamento costituita da sistemi di ripresa nel visibile e nell infrarosso per il rilevamento automatico di principi di incendio. Tale sistema effettua la sorveglianza del territorio fornendo una visualizzazione panoramica a 360 dello scenario osservato. Il sistema ha dato ottimi risultati in fase di prevenzione nell estate del 2007 come risulta dagli interventi archiviati in file di immagini dalla P.C. E stata richiesta per il 2008 una seconda stazione periferica alla R.L. da posizionarsi a Cervara di Roma Piano di intervento per la prevenzione degli incendi boschivi La Comunità Montana dell Aniene è sempre più impegnata nell ambito della Protezione Civile, del suo sviluppo, aggiornamento e valorizzazione delle risorse umane. Progetti di telerilevamento, monitoraggio, numero verde, sono in corso o in fase realizzazione assieme alla attivazione della Sala Operativa presso la nuova sede di questo Ente a Madonna della Pace (Agosta), luogo baricentrico rispetto a tutto il territorio montano. La spesa prevista è supportata dalle richieste di finanziamento e investimenti propri della C.M. In questo ambito la Comunità Montana ha acquisito mezzi come UNIMOG e attrezzature personali, svolto campi scuola estivi con la partecipazione dei ragazzi del territorio comunitario. 1.d Interventi per il ripristino e la manutenzione della Viabilità Rurale La viabilità rurale rappresenta un importante volano per la crescita e lo sviluppo rurale dell intera Valle dell Aniene, in quanto l intera Valle dispone di una vasta rete di strade rurali a servizio di abitazioni isolate montane e aziende agricole dislocate sul territorio; utilizzate a volte anche a scopi escursionistici. Per tale motivo, e per valorizzare una delle risorse più importanti dell intera Valle, la Comunità Montana ha da sempre attivato interventi di miglioramento della rete viaria rurale tramite interventi di viabilità, antincendio boschivo, regimazione delle acque. Interventi programmati ed in corso di realizzazione nei comuni di Sambuci, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Affile, Canterano e Vivaro Romano. 1.e Polo Decentrato del Catasto A seguito della riformulazione degli Uffici dell Agenzia delle Entrate, si è provveduto ad un implementazione di servizio per il cittadino direttamente negli uffici della Comunità Montana dell Aniene. Infatti i cittadini possono richiedere estratti di mappa e visure catastali aggiornate in tempo reale recandosi allo sportello decentrato per il catasto. Infatti, la Comunità Montana dell Aniene, in collaborazione con la Comunità Montana dei Monti Sabini, Tiburtini, Cornicolani, Predestini e con l Agenzia del Territorio, dispone di uno sportello dove è possibile richiede visure ed estratti di mappa di tutti i comuni d Italia. 4

5 I cittadini, le imprese ed i professionisti possono rivolgersi all ufficio del Polo decentrato del Catasto, per fare visure e certificati, cioè per avere informazioni delle banche dati del catasto e dei registri immobiliari su dati censuari (consistenze e redditi), su dati grafici (mappe catastali per le particelle terreni), su dati relativi ai diritti reali sugli immobili da utilizzare a fini fiscali e civilistici, di tutto il territorio nazionale. 1.f Potenziamento e Sviluppo dei corpi di Polizia Locale. Tra gli ambiti individuati e già gestiti in forma parzialmente associata si ritiene indifferibile adoperarsi per integrare gli interventi sinora svolti e, tra l'altro, : prevenzione e repressione coordinata delle infrazioni ai regolamenti di P.L. e delle attività criminose con ampliamento dell'orario di operatività tutela, conservazione e salvaguardia dell'ambiente protezione civile pubblica igiene controllo della viabilità e dell'esercizio venatorio controllo dei pubblici esercizi commerciali miglioramento delle condizioni di sicurezza in prossimità degli edifìci scolastici informatizzazione e coordinamento dei servizi di polizia locale territoriale completamento parco macchine servizi d'ordine e di scorta connessi ai compiti istituzionali. 1.g Agenda 21 Locale Il progetto di attivazione di un Agenda 21 locale della nostra Comunità Montana è riferito al Bando per la concessione di finanziamenti per la realizzazione di Agenda 21 locale della Provincia di Roma, L obiettivo è l attivazione di un processo partecipato, multisettoriale, per raggiungere gli obiettivi dell Agenda 21 a livello locale attraverso la preparazione e la realizzazione di un Piano d Azione strategico a lungo termine, che indirizzi le priorità locali per quanto riguarda lo sviluppo sostenibile, come il suddetto bando richiede. Il progetto è stato realizzato attraverso un partnerariato tra CMA, l Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale del Consiglio Nazionale delle Ricerche e la Protezione Civile Locale (Associazione Centro Radio Soccorso Sublacense). 1.h Corsi formazione professionale in campo agricolo Sono stati realizzati con grande successo corsi di formazione professionale in campo agricolo come per esempio il corso di potatura a cui hanno partecipato oltre 600 cittadini del territorio. Nell ottica di un progetto più ampio, deliberato dall Ente con deliberazione n. 5 del , la Comunità Montana dell Aniene ha avviato un processo per il consolidamento del settore olivicolo, coinvolgendo sia cittadini che aziende del settore per la formazione di una figura specifica riguardo la gestione dell oliveto. Saranno in programma nelle prossime annualità interventi volti allo svolgimento di corsi professionali in campo agricolo per la conservazione e valorizzazione di una delle risorse d eccellenza della Valle dell Aniene. 5

6 1.i Gestione delle risorse tartufigene e del sottobosco La Legge Regionale n. 82/1988 disciplina la raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo, sul territorio della Regione Lazio delegando alle Comunità Montane programmi operativi per la gestione delle tartufaie e altri prodotti del sottobosco. La Comunità Montana sta avviando, in accordo con le Amministrazioni Comunali dei programmi mirati per la regolamentazione e la valorizzazione di una delle risorse enogastronomiche presenti nella Valle dell Aniene. Infatti, l Ente sta predisponendo un progetto ampio volto al riconoscimento delle specie tartufi gene mediante appositi programmi mirati sia per la difesa e valorizzazione del prodotto, sia per la salvaguardia del territorio. 1.j Gestione associata del servizio di Raccolta Differenziata dei Rifiuti Il progetto finanziato dal DOCUP ob /2006 prevede ha previsto i seguenti intereventi: ECOCENTRI sono sta ti realizzati cinque centri di raccolta nei Comuni di Riofreddo, Cerreto Laziale, Mandela Marano Equo ed Olevano Romano i quali, insieme a quello realizzato dal Comune di Arcinazzo Romano, servono sei bacini costituiti da diversi Comuni afferenti ed utilizzatori degli impianti. Attualmente sono in funzione il centro di Raccolta di Mandela, di Rifreddo, di Olevano Romano e Marano Equo mentre è in fase di apertura quello di Cerreto Laziale. Rimane aperta la possibilità di dotare il Comune di Subiaco di un analoga infrastruttura. SERVIZIO RACCOLTA DIFFRERENZIATA PORTA A PORTA: il progetto ha previsto l acquisto di dotazioni tecniche necessarie alla gestione degli eco - centri realizzati e delle utenze domestiche al fine di attivare servizi di raccolta differenziata domiciliare porta a porta. Molte delle dotazioni sono già in esercizio presso i Comuni che hanno provveduto all avvio del servizio di RD. IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO Il trattamento meccanico-biologico (TMB) è una tecnologia di trattamento a freddo dei rifiuti indifferenziati che sfrutta l'abbinamento di processi meccanici a processi biologici quali la digestione anaerobica e il compostaggio. Attraverso un sistema di digestione anaerobica gli impianti saranno in grado di produrre energia elettrica rinnovabile, attraverso la combustione del metano prodotto oltre a trattare la frazione organica proveniente dalla RD. Tale impianto andrebbe a completare una volta realizzato,le infrastrutture necessarie al trattamento di tutte le frazioni provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti compresa quella organica. 2.k Interventi di tutela ambientale La Comunità Montana dell Aniene ha avviato, in collaborazione con la Provincia di Roma, interventi di tutela ambientale relativa ad opere idrauliche di convogliamento delle acque meteoriche, opere di sostegno e/o contenimento, di ripristino, di viabilità secondaria. Infatti, la D.G.P. n. 244/13 del nomina come capofila la Comunità Montana dell Aniene per gli interventi nei comuni di Agosta, Anticoli Corrado, Arsoli, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Jenne, Marano Equo, Roviano e Vallepietra. Inoltre, grazie alla collaborazione con l Amministrazione Comunale di Subiaco è stato approvato il progetto per il ripristino e la regimazione delle acque nella strada Subiaco, Campo d Arco- Colle Alto-Ponte Murato. Comune di Agosta: Ripristino funzionalità dei corsi d acqua e convogliamento acque meteoriche. Comune di Anticoli Corrado: Consolidamento scarpata sovrastante via Carboni 6

7 Comune di Arsoli: Sistemazione spondali del fosso in Loc. Campo sportivo e miglioramento idrogeologico del fosso Pietre Lisce Comune di Camerata Nuova: Recupero dei volubri di montagna Loc. Camposecco Comune di Cervara di Roma: Regimazione acque tratti Via S. Rocco Comune di Jenne: Sistemazione e strada rurale Pascolano-Osso del Prato. Comune di Marano Equo: Riutilizzo di una fonte d acqua minerale Comune di Roviano: Opere di convogliamento delle acque meteoriche via della Pezza Comune di Vallepietra: Sistemazione strada comunale della SS Trinità 2. INTERVENTI TERRITORIALI DI INTERESE COMUNITARIO 2.a Completamento dei centri di raccolta dei rifiuti solidi urbani A seguito del finanziamento della Provincia di ,68 sono iniziati i lavori per il completamento dei centri di raccolta dei rifiuti solidi urbani nella Valle dell Aniene. In particolare, l intervento ha previsto l installazione di pese a ponte con celle di carico negli ecocentri di Riofreddo, Mandela, Cerreto Laziale oltre ad interventi di completamento su altri ecocentri come Marano Equo ed Olevano Romano. 2.b Completamento della Rete Wireless e implementazione mediante rete WIMAX Al fine di superare il Digital Divide nel territorio della Valle dell Aniene, soprattutto in prossimità di quei piccoli borghi che caratterizzano la peculiarità della Valle, la Comunità Montana dell Aniene ha già avviato da tempo un processo per la realizzazione di una Rete Wireless nei comuni per permettere al cittadino e all Amministrazione una corretta e veloce connessione con i più importanti strumenti e canali informatici. Per queste motivazioni, potendo sfruttare una infrastruttura di proprietà dell Ente Montano, collaudata, funzionante e pronta ad essere ampliata e sfruttata sia dal punto di vista della economicità delle realizzazioni che dal punto di vista gestionale, è stato realizzato un sistema di videosorveglianza dei piccoli comuni soprattutto nei suoi punti sensibili. Dopo la realizzazione del primo tratto dell infrastruttura di rete wireless dedicato soprattutto agli Enti Pubblici e alla realizzazione della infrastruttura base di rete, è in corso l ampliamento e il completamento della rete. La connessione è disponibile per l 80% del territorio ed attualmente sono circa 2000 gli utenti del servizio WIFI. Inoltre, la Comunità Montana sta predisponendo l ampliamento e il potenziamento della rete in base alle nuove tecnologie di connessione del sistema Wi-Fi attraverso un nuovo gestore e il passaggio al Wi-MAX la quale risulta essere più veloce ed affidabile. Attualmente anche la sede comunitaria sfrutta la tecnologia wireless dove è possibile collegarsi tramite i più comuni device (smartphone, tablet, pc, ecc.) per essere connessi nel mondo di internet. 2.c Sistema di Videosoveglianza e sicurezza territoriale 7

8 Nel triennio ci sono state (fonte ministero Interno) rapine ad esercizi commerciali. Complessivamente ogni giorno più di 360 negozi sono visitati da malviventi con un danno medio che è stato stimato in modo prudenziale in circa 7000 euro procapite, una proiezione sul totale degli operatori ha consentito di stimare in ben oltre 1,6 miliardi di euro il valore delle merci e del denaro sottratti agli imprenditori ogni anno. Per queste motivazioni, potendo sfruttare una infrastruttura di proprietà dell Ente Montano, collaudata, funzionante e pronta ad essere ampliata e sfruttata sia dal punto di vista della economicità delle realizzazioni che dal punto di vista gestionale, è stato realizzato un sistema di videosorveglianza dei piccoli comuni soprattutto nei suoi punti sensibili. Il progetto è stato finanziato all 80% da contributo della R.L nel gennaio Il sistema è stato completato e nel mese di ottobre verrà collaudato insieme alle Forze dell Ordine. 2.d Semplificazione amministrativa In ottemperanza della nuove disposizioni legislative riguardo l informatizzazione delle PP.AA., la Comunità Montana ha risposto in maniera ottimale e ha predisposto tutti gli atti e servizi previsti dai Decreti e Normative in Materia. L obiettivo è stato raggiunto e si stanno studiando ulteriori servizi a favore delle PP.AA. e dei C ittadini in modo da raggiungere un contatto diretto tra Ente Pubblico e Cittadino. A livello territoriale comunitario tutti sistemi informatici collegati al CADIT saranno collegati in rete e saranno gestiti da un sistema centrale detto Sistema di gestione CADIT, che risiederà presso la sede del CADIT. Il sistema di gestione garantirà la massima interoperabilità tra i sistemi coinvolti nell erogazione dei servizi, il riutilizzo delle strutture esistenti, la possibilità di aggiornare o integrare i servizi offerti e il monitoraggio della rete. In questo ambito La comunità montana ha realizzato e si è dotata di: - Protocollo informatico; - Sito Istituzionale; - Newsletter a disposizione del cittadino; - Albo Pretorio On Line; - Utenze per la richiesta di DURC; - Delibere on line; - Modulistica on line; Al fine di rendere più efficace la comunicazione e nello stesso tempo abbattere i costi ed i tempi, la Comunità Montana dell Aniene ha predisposto, oltre i classici canali di comunicazione, anche strumenti a favore del cittadino e dei comuni del comprensorio. In particolare, e al fine di valorizzare sia l immagine dell Ente che il proprio territorio, l Ente comunica con il cittadino anche sui più comuni social network oltre che creare canali preferenziali per i comuni, come di seguito riportato: - Contatti in generale - PEC - Ufficio Forestale - Stazione Unica Appaltante - Progetto consolidamento oliveto - Promozione Eventi culturali Inoltre, la Comunità Montana dell Aniene mette a disposizione gratuitamente ai comuni interessati una casella di posta elettronica personale del tipo da poter gestire in piena autonomia. Al fine di velocizzare l iter di trasmissione dei documenti tra gli Uffici è possibile collegarsi nel sito ed accedere all area riservata dove ogni comune può scaricare i documenti necessari. 8

9 2.e P.I.T. Programmazione Integrata Territoriale RL 240 Il concetto fondate è quello di paesaggio bioculturale, inteso come insieme di elementi inscindibili, risultato di eventi geologici, storici, socioeconomici ed antropologici di un area omogenea. Attraverso la scomposizione in singoli elementi costituenti è possibile definire azioni strategiche per la loro valorizzazione e dunque le attività utili al loro utilizzo sostenibile per la creazione di indotti economici stabili. L elemento costituente il paesaggio della Valle, ovvero, la risorsa ambientale utilizzata come impalcatura del progetto, è il fiume Aniene ha influenzato l economia rurale della Valle e ne ha determinato il profilo s torico, economico, culturale, geo-morfologico e climatico. Le presenze prima degli Equi e poi dell Impero Romano fino all età medievale, sono dovute alla presenza del corso d acqua e delle altre risorse ambientali che da esso dipendono direttamente. L agricoltura, le attività artigianali e l economia rurale, ne sono state fortemente condizionate. Il progetto ha l obiettivo di aggregare soggetti locali al fine di implementare il livello dell offerta turistica nel territorio e di aumentare la qualità della vita della popolazione. L aumento della fruibilità e della qualità dei servizi legati alle numerose risorse locali, passa attraverso azioni di messa a sistema delle opere e delle attività realizzate nel passato, con la progettazione di interventi di completamento e miglioramento dello stato e del livello d uso delle risorse locali. Obiettivi specifici del progetto il progetto prevede la realizzazione di un anello turistico che ha come oggetto tematico l aspetto naturalistico, storico ed archeologico dell area interessata. Lungo il percorso sono già ubicati info point e si prevede di realizzare strutture per aumentare il grado di fruizione del percorso aree di sosta per camper, campeggi ed aree attrezzate. Le principali risorse territoriali coinvolte, sono: l ecosistema fluviale dell Aniene, Emergenze archeologiche prossime al percorso del fiume quali l Antica Via Valeria, gli acquedotti romani, i Centri storici interessati dal Progetto, ville romane, Monti Lucretili e Simbruini. Gli elementi caratteristici dell area sono lo stesso Fiume Aniene e le risorse naturali e storiche. Gli obiettivi specifici del progetto sono i seguenti: Valorizzare il fiume Aniene potenziamento delle infrastrutture esistenti e di nuova realizzazione, con l obiettivo di incrementare le attività quali la pesca, il rafting, l escursionismo Valorizzare il patrimonio storico che caratterizza la Valle dell Aniene, Creare infrastrutture telematiche e servizi per limitare il digital divide che caratterizza l area, quali reti wifi, portali internet; Creare un tessuto imprenditoriale in grado di creare economie stabili fondate sull utilizzo sostenibile delle risorse storiche, culturali e naturalistiche, Creare sinergia con altri strumenti programmatici quali: Docup ob2, L.R. 40/99, PSR , L.R. 18/2007, POR Grandi Attrattori Culturali (GAC). A tal proposito, la Comunità Montana dell Aniene ha ricevuto un finanziamento di circa ,00 per lo sviluppo del territorio in collaborazione con i comuni che hanno aderito nel progetto e i relativi interventi: - Comune di Anticoli Corrado - Comune di Cineto Romano - Comune di Licenza - Comune di Mandela - Comune di Percile - Comune di Riofreddo - Comune di Roviano - Comune di Sambuci - Comune di Vallinfreda - Comune di Vicovaro - Comune di Vivaro Romano - Università Agraria di Civitella di Licenza - Attori privati partecipanti al progetto. 9

10 Interventi realizzati dalla Comunità Montana dell Aniene sui programmi approvati dal consiglio comunitario 2.f Realizzazione di una Elisuperficie per la sicurezza del Territorio Il progetto dell elisuperficie dell Ospedale Montano e stato approvato dalla Giunta Comunitaria e dalla ASL dell Ospedale di Subiaco. Il progetto è stato visionato e ha avuto le prescrizioni di rito da parte dell ENAC. E stato richiesto il finanziamento dagli Enti Statali, Regionali, Provinciali. Lo stesso Iter è possibile per l area del santuario della SS Trinità mentre è stata realizzata l area di elisuperficie con l annesso hangar per l area di Vicovaro a supporto della Protezione Civile. L area in cui è stata realizzata l elisuperficie e l hangar annesso è già stata oggetto di interventi e completamenti da parte della Comunità Montana. In particolare è stato realizzato parte del locale percorso lungo il fiume Aniene con la discesa al fiume e il punto informativo, la realizzazione del piazzale e con il contributo della valle Ustica i locali con struttura in legno destinati alla vigilanza e servizi sociali. Inoltre nell ambito del polo fieristico la Comunità Montana ha presentato progetti per la realizzazione di un edificio espositivo e uffici annessi L intervento dei realizzazione dell elisuperficie a supporto della Protezione Civile rientra dentro il quadro generale di interventi previsti per l area che rappresenta la Porta alla valle Aniene. 2.g Completamento ed ampliamento del piano parcheggi in prossimità dei nodi di scambio Il progetto realizzato con il contributo della Regione Lazio ha visto la realizzazione di parcheggi in prossimità dei nodi di scambio dei comuni de l comprensorio comunitario al fine di facilitare i pendolari e gli studenti che si recano quotidianamente a Roma sia per motivi di studio che per motivi di lavoro. La Comunità Montana dell Aniene ha realizzato già degli interventi in prossimità di stazioni ferroviarie, fermate e/o capolinea degli autobus adibiti al trasporto pubblico locale, ospedali e punti di snodo realizzando circa 300 posti auto di supporto alla viabilità per diversi comuni della territorio comunitario. Sono in corso di completamento i parcheggi di Riofreddo (bivio con la Tiburtina), Arsoli (centro abitato), Olevano Romano (fermata COTRAL), cerreto Laziale (centro abitato), Anticoli Corrado (centro abitato) oltre ad altri parcheggi nel territorio comunitario a seguito di studi ed analisi per dimensionare ogni singolo intervento. Per tutti i parcheggi si prevede la gestione per la manutenzione ordinaria tramite la realizzazione di impianti fotovoltaici, cartelli pubblicitari, ecc. per avere disponibilità economica diretta nella gestione dei parcheggi stessi. Inoltre, al fine di rendere I parcheggi pienamente funzionali e sicuri per I cittadini, sono in corso di realizzazione interventi mirati per il posizionamento di telecamere di video-sorveglianza e impianti di illuminazione a LED per un corretto utilizzo anche nelle ore serali con conseguente risparmio per i comuni gestori. 2.h Completamento del percorso naturalistico lungo il fiume Aniene Il progetto è stato presentato nell ambito dei finanziamenti DOCUP 2000/2006 e ha visto la qualificazione ed il recupero ambientale delle aree di connessione tra il sistema territoriale antropico e il fiume Aniene nei Comuni attraversati dal fiume dalle sorgenti di Comunque fino al comune di Vicovaro per circa 45 km. L intervento è stato finalizzato alla eliminazione di aree di pericolo ambientale, come piccole frane e sistemazione argini, eliminazione rifiuti, integrazione piantumazione, manutenzione vegetazione ripariale, 10

11 creazione aree sosta, cartellonistica turistico-ambientale, messa in sicurezza percorsi pedonali e accessi al fiume. Il progetto è stato completato anche con fondi propri dell Ente Montano ed è ormai parte delle mete turistico - ricreative degli abitanti e di chi visita il nostro territorio e svolge attività di trekking, mountain bike, percorsi a cavallo attraverso il completamento dell acquedotto di Nerone. 2.i attuazione dei programmi della L.R. 40/99 Il progetto è parte dell accordo di programma definito sulla base della L.R. 40/99. Il progetto relativo per l attuazione del progetto di Piano di marketing complessivo di area è in corso. Nel primo anno di realizzazione del progetto si sono installati i cartelli tematici di percorso e realizzato il logo e il sito web istituzionale della L.R. 40/99. Il secondo finanziamento (annualità 2007) è relativo al progetto dei Percorsi Religiosi (Benedettino Francescano - della Santissima Trinità) è in corso. Anche quello relativo al Percorso archeologico lungo il fiume Aniene è stato assegnato ed è in corso di realizzazione con i progetti appaltati. Sono in corso di completamento i lavori per il miglioramento della fruibilità della Villa d Orazio nel comune di Licenza oltre agli interventi di valorizzazione dei ruderi dell acquedotto di Nerone nei pressi del comune di Saracinesco. 2.j Recupero portali e verde di accesso ai borghi Si tratta del restauro e valorizzazione dei portali e dei luoghi di accesso al borgo antico compreso il recupero di spazi verdi di interesse turistico. Il progetto si divide in due parti sostanziali, distinte sulla base delle esigenze, che i comuni aderenti all iniziativa della Comunità Montana esprimeranno in sede di realizzazione del progetto esecutivo. Il progetto relativo al recupero dei portali di accesso delle parti significative di immobili che caratterizzano l accesso ai centri storici di ogni paese. Al fine di rendere il progetto condiviso da tutte le Amministrazioni Comunali, la Comunità Montana dell Aniene sta predisponendo un completamento di un progetto iniziato nel 2007 intervenendo in quei comuni che necessitano di interventi mirati per il recupero dei centri storici mediante il rifacimento di portali e di verde urbano. 2.k Completamento di Piazza XV Martiri e del Sacrario dei XV Martiri Nell ambito dell intervento relativo al percorso i inserisce il completamento di alcune opere previste dal progetto complessivo dell Ufficio tecnico relativo al percorso del Sacrario dei 15 Martiri ma che possono essere realizzate indipendentemente da esso sia pure in coerenza al progetto generale. In particolare una prima sistemazione di Piazza 15 Martiri con la realizzazione delle quinte di sfondo, illuminazione, accessi alla Comunità Montana stessa e opere necessarie all adeguamento funzionale delle sede. Per l area del Sacrario è stato eseguito un intervento di sostituzione dei cipressi esistenti, un recupero delle alberature in cattive condizioni e il restauro della parte del sacrario vera e propria (lapidi, cappella, cigli, bordi, ecc.) Infine un intervento per la realizzazione di un primo impianto di illuminazione lungo la scalinata del percorso. Il terzo intervento ormai appaltato sarà il completamento della pavimentazione della piazza e la realizzazione della pensilina di attesa della fermata COTRAL esistente nel piazzale. 11

12 2.m L.R. 18/2007 per lo sviluppo della Val d Aniene In relazione alla L.R. 18/2007: Programma straordinario di interventi urgenti nella Provincia di Roma per la tutela e lo sviluppo socioeconomico e occupazionale della Valle dell Aniene, si indicano di seguito i tematismi e gli argomenti generali necessari alla predisposizione e attuazione dei Piani di cui all art. 6 della L.R. 18/2008. OB. 1 - Borghi e attività ricettive Nell ambito di questo obiettivo rientrano tutte quelle proposte volte alla valorizzazione, ristrutturazione, realizzazione di attività e/o infrastrutture legate ai piccoli borghi. OB. 2 - Percorsi In questo obiettivo sono presenti tutti gli interventi legati alla realizzazione di percorsi attrezzati: trekking, ippovie, mountan bike. Gli interventi sono legati a aperture di nuovi percorsi, aree attrezzate, potenziamento dei servizi annessi, publicizzazione, promozione, eventi. OB. 3 - Turismo Interventi legati alla realizzazione di servizi annessi allo sviluppo turistico: sviluppo e gestione degli info point, percorsi organizzati (accoglienza, pullman, ristorazione, animazione, guide turistiche). Sviluppo dell aspetto telematico (portali dedicati, prenotazioni on line, ecc). OB. 4 - Polo fieristico Interventi legati alla realizzazione, integrazioni, sviluppo, promozione, del polo fieristico di S. Cosimato. OB. 5 - Formazione Interventi strutturali riguardanti la realizzazione di corsi di formazione nello spettro più ampio delle attività promosse dalla C.M. (oltre 10 corsi di formazione proposti), promozione del centro CADIT e screditamento dello stesso, organizzazione di un planning annuale dei corsi di formazione. OB. 6 - Interventi Alta Valle OB. 7 - Interventi Olevano R. OB. 8 - Sistema Museale nuovi musei rurali Interventi legati alla promozione, ristrutturazione, valorizzazione del sistema museale della Val d Aniene e in particolare alla realizzazione del nuovo museo di architettura rurale già proposto e approvato nella parte di progetto preliminare. OB. 9 - Attività occupazionali Interventi legati alla promozione, realizzazione, incentivazione di attività legate allo sviluppo occupazionale. In particolare alla realizzazioni dell intervento legato alla filiera degli impianti delle isole ecologiche per il riciclaggio del grigio e delle parti costruttive e recuperabili ad esso connesso. 2.n Sistemazione dei Volubri e Fontanili di Montagna La Comunità Montana dell Aniene, grazie ad un finanziamento della Regione Lazio ha predisposto un progetto per la sistemazione di volubri e fontanili nella Valle dell Aniene. I volubri e fontanili di montagna sono risorse vitali per l economia rurale dell intera Valle dell Aniene e spesso, l incuria e gli agenti atmosferici ne hanno ridotto la funzionalità da parte degli utenti, utilizzati anche per scopi escursionistici. Inoltre, la Comunità Montana dell Aniene sta predisponendo una mappa georeferenziata da fornire ai comuni con l individuazione dei volubri e fontanili nell intera valle per un futuro censimento e un eventuale catalogazione di strumenti rurali utili alla zootecnia e al sistema agrario della Valle. Interventi realizzati nei seguenti comuni: - Rocca Canterano: o Fontanile del Merro o Fontanile di Rocca di Mezzo - Cervara di Roma: o Volubro Le Macchiaiole o Volubro le Pratarelle - Roiate: o Fontanile Roja - Cerreto Laziale: o Volubro Ara della Valle 12

13 2.o Lavori di sistemazione e valorizzazione delle chiese rurali Altro tema importante per l Ente Montano, riguarda la Valorizzazione delle Chiese Rurali della Valle dell Aniene, spesso abbandonate al proprio destino, ma di importanza storica per la cultura e la storia della Valle dell Aniene. A tal proposito, grazie a volte a diversi finanziamenti Regionali e Provinciali, la Comunità Montana dell Aniene ha predisposto iniziative volte al recupero di chiese rurali come: - Roviano: o Chiesa S. Maria dell Oliva - Riofreddo: o Sito monastico di S. Giorgio - Rocca Canterano: o Chiesa Rurale di S. Michele Arcangelo o Chiesa Rurale di S. Giuseppe ai vignali - Licenza: o Chiesa dei SS Filippo e Giacomo - Subiaco: o Chiesa rurale di S.Vito Inoltre, sono in corso progetti per l individuazione e la creazione di una rete di catalogazione delle chiese rurali nella Valle dell Aniene al fine di realizzare un catalogo degli edifici di culto rurali dell intero comprensorio. 2.p Interventi di messa in sicurezza degli impianti sportivi In base alla Legge Regionale n.11/2009 per l annualità 2013 e 2014, la Comunità Montana dell Aniene ha presentato 4 progetti per la messa in sicurezza degli impianti sportivi dei comuni della Valle dell Aniene. In collaborazione con i comuni di Cervara di Roma, Licenza, Marano Equo e Rocca Santo Stefano, l Ente Montano ha presentato 4 proposte progettuali riguardo la messa in sicurezza delle strutture sportive come campi da calcio, campi polivalenti di calcio a 5 e palestre. L investimento massimo di ,00 a comune prevede il miglioramento dei livelli di sicurezza delle zone per l attività sportiva con particolare riferimento ad installazioni di imbottiture e rivestimenti oltre ad interventi per l installazione di sistemi antisdrucciolo sia negli spogliatoi, sia nelle gradinate. Sono inoltre previste le rimozioni o spostamenti di elementi e strutture che possono rappresentare pericolo per gli atleti. Altro punto prioritario delle proposte progettuali riguarda l acquisto di defibrillatori DAE e per la formazione di personale preposto all utilizzo dello stesso defibrillatore. 2.q completamento dei servizi igienico-sanitari nei cimiteri comunitari Dopo gli interventi di creazione dei servizi igienici nei bagni dei cimiteri, la Comunità Montana dell Aniene, nell ottica di realizzazione di una rete di servizi a favore del cittadino ha previsto degli ampliamenti e dei completamenti per rendere effettivo il lavoro svolto fino ad ora. Sono stati realizzati interventi di miglioramento e/o completamento nei cimiteri di Percile, Camerata Nuova, Vicovaro, Riofreddo, Roiate, Arcinazzo e Bellegra. Sono in corso di programmazione ulteriori interventi volti al completamento dei servizi igienico sanitari e realizzazione di nuovi manufatti adibiti a servizi igienici a favore della collettività. 13

14 2.r Realizzazione interventi igienico-sanitari su nuclei abitati isolati La Comunità Montana dell Aniene, al fine di innalzare il livello di sicurezza e della qualità ambientale ha predisposto interventi mirati per la realizzazione di opere igienico-sanitarie in quelle aree periferiche rispetto ai centri abitati mediante la realizzazione di strutture ed attrezzature volte al completamento di un sistema igienico-sanitario esistente e, laddove carente, la realizzazione di adeguate attrezzature (autoclave, collettori fognari, ed altro). La Comunità Montana dell Aniene già sta lavorando con le Amministrazioni Comunali al fine di predisporre gli atti e i studi propedeutici al compimento degli interventi. 2.s PIANO SVILUPPO RURALE Il Programma regionale di sviluppo rurale (PSR) è lo strumento di programmazione regionale con il quale viene data applicazione, per il periodo , alla politica comune di sviluppo rurale, oggetto di sostegno da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR, Regolamento UE 1305/2013). Nel PSR vengono definiti gli obiettivi di sviluppo rurale del Lazio in coerenza con gli obiettivi comunitari, con la strategia di rilancio dell'economia europea Europa 2020 e con l'accordo di Partenariato redatto a livello nazionale e con il coinvolgimento delle parti interessate partecipanti al Tavolo di Partenariato istituito con Deliberazione della Giunta Regionale n del 41 28/01/2014. Con propria deliberazione del 17 luglio scorso la Giunta regionale ha licenziato il testo per il successivo inoltro alla Commissione europea, dando così inizio alla fase di confronto che dovrà concludersi definitivamente entro la fine dell'anno. La Comunità Montana dell Aniene ha gia aderito, in altre annualità ( e ) tramite iniziative ed interventi mirati e volti alla promozione territoriale nei borghi e nella Valle dell Aniene. 3. SERVIZI AL CITTADINO 3.a Home Care Premium La Comunità Montana dell Aniene in qualità di Ente Capofila del distretto sanitario ASL G4 ha aderito al progetto Home care premium 2012 promosso dall'inps gestione ex Inpdap. Il progetto è rivolto esclusivamente agli iscritti all INPS Gestione Dipendenti Pubblici - pensionati della Pubblica Amministrazione - e ai loro familiari, in condizione di non autosufficienza e vengono finanziati attraverso il Fondo Credito e attività sociali, alimentato dal prelievo obbligatorio dello 0,35% sulle retribuzioni del personale della Pubblica Amministrazione in servizio. Home Care Premium ha lo scopo di sostenere e definire interventi diretti assistenziali in denaro o natura ma anche di supportare la comu nità degli utenti nell affrontare, risolvere e gestire le difficoltà connesse allo status di non auto sufficienza proprio o dei propri familiari. Sono previste anche attività di formazione dei care givers e di consulenza familiare sulle tematiche e problematiche afferenti la non autosufficienza. L'avvio del progetto prevede due tipologie di benefici erogabili in relazione al bisogno e alla capacità economica della famiglia: prestazioni prevalenti, ovvero contributi economici, erogati da Inps ex Inpdap direttamente ai beneficiari, fino ad un massimo di 1.300,00 mensili; 14

15 prestazioni integrative, ovvero servizi di assistenza/sollievo domiciliare, frequenza centri diurni, servizi di trasporto e accompagnamento, consegna pasti, installazione ausili e domotica. 3.b Centro Orientamento al Lavoro COL I C.O.L. Centri di Orientamento al Lavoro (Job Guidance Centres / Centres d Orientation au travail / Centros d Orientacion al trabajo) sono un servizio del Dipartimento Attività Economiche Produttive Formazione Lavoro di Roma Capitale, offerto a chi vuole orientarsi in un mercato del lavoro complesso e articolato. All interno della rete integrata dei Servizi per l Impiego i COL svolgono l azione di Orientamento di secondo livello (secondo quanto previsto dalla L.R. 38/98 e dal Masterplan regionale dei servizi per il lavoro) al fine di attuare una strategia mirata e personalizzata sui bisogni del singolo cittadino. Lo scopo è quello di accompagnare la persona nella definizione di un percorso formativo e professionale, sostenendola in un processo di autonomia decisionale e consapevolezza delle scelte secondo un ottica autoorientativa ed esplorativa. 3.c Corsi per Operatori Socio Sanitari La Comunità Montana dell Aniene in collaborazione con la Regione Lazio e l ASL RM G/4 e ASL RM G/8, ha istituito 2 Corsi di Qualificazione per Operatori Socio Sanitari (OSS), autorizzati dalla Regione Lazio. I corsi si sono tenuti presso il polo Ospedaliero di Subiaco e hanno visto la partecipazione di piu di 10 0 allievi. Ogni corso è suddiviso in una parte teorica e una pratica, grazie a tirocini che si svolgono in settori legati sia all'ambito sanitario che sociale. L'operatore socio sanitario svolge attività finalizzate al recupero, al mantenimento e allo sviluppo del livello di benessere delle persone, promuovendone l'autonomia e l'autodeterminazione. Può lavorare nelle strutture sanitarie (ospedali, cliniche, ASL, aziende di erogazione di servizio sanitari pubbliche e private) o sociali (centri diurni integrati, case di riposo, assistenza domiciliare, comunità di recupero, case famiglia, comunità alloggio), fornendo supporto ai professionisti del settore (medici, infermieri, fisioterapisti, assistenti sociali, educatori, ecc.). 3.d Progetto per il consolidamento del settore olivicolo nella Valle dell Aniene Con la delibera n. 5 del la Comunità Montana ha avviato il progetto per il consolidamento del settore olivicolo nei comuni del comprensorio comunitario della Valle dell Aniene. Il progetto prevede la fornitura di piante di olivo per implementare e consolidare lo sviluppo del settore olivicolo in un territorio, come quello della Valle dell Aniene, ad alta vocazione vista la presenza di oliveti. Le domande hanno visto la partecipazione di circa 400 cittadini per un totale di circa piante da implementare nei comuni del territorio. Il progetto più ampio prevede la programmazione di iniziative più mirate per la valorizzazione di una delle risorse enogastronomiche della Valle mediante anche degli studi statistici sulla tipologia e qualità di olio nella Valle dell Aniene. Facendo seguito alla concessione delle piante, la Comunità Montana dell Aniene in collaborazione con As.P.Ol. (Associazione Provinciale Olivicoltori) ha organizzato dei seminari finalizzati ad illustrare le attività 15

16 sul territorio regionale ed i vantaggi che gli olivicoltori potrebbero trarre da una collaborazione con la Comunità Montana dell Aniene e la stessa AS.P.OL. mediante l acquisto di fertilizzanti e di altre dotazioni necessarie alla conduzione dei propri oliveti, a finanziamenti per le potature di riforma, a corsi di formazione per l analisi sensoriale ed altro ancora. 16

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli