IMPORTAZIONE DIRETTA DI UN'AUTOMOBILE NUOVA DALL'ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPORTAZIONE DIRETTA DI UN'AUTOMOBILE NUOVA DALL'ITALIA"

Transcript

1 1 Provvisorio IMPORTAZIONE DIRETTA DI UN'AUTOMOBILE NUOVA DALL'ITALIA Premessa In agosto 2012, l'amico Privato (si chiama così!) ha deciso di acquistare una nuova automobile spendendo al massimo 50'000.- CHF La scelta: una MITSUBISHI PAJERO 3.2 DI-D INSTYLE, a 3 porte, tuttavia questa versione, normale in EU, chissà poi perché, era introvabile in Svizzera e ottenibile solo a partire dal mese di marzo Ha quindi pensato di acquistare quest'automobile all'estero. Considerando che dal 1995 i requisiti tecnici in Svizzera sono stati praticamente allineati a quelli dell'ue, l'importazione diretta di un'automobile per uso proprio dovrebbe essere più facile. L'importazione è limitata a una sola automobile all'anno. Tuttavia, sembra analogamente all'ue, dal 1 luglio 2012, anche la Svizzera ha introdotto le prescrizioni per gli importatori sulle emissioni di CO 2 che entro il 2015 dovranno essere ridotte gradualmente a 130 g/km. In particolare è stata introdotta una sanzione. Si fa una distinzione tra grandi e piccoli importatori. Grandi importatori sono quelli che importano almeno 50 automobili/anno. Piccoli importatori quelli che importano al massimo 49 automobili/anno, i privati rientrano in questa categoria. Calcolo della sanzione per piccoli importatori e privati Nel caso dei piccoli importatori, nel 2012, il valore limite di CO 2 viene calcolato singolarmente per ogni automobile con la seguente formula: Valore limite di CO = ,0457 (peso a vuoto 1453) g CO 2 /km peso a vuoto medio delle automobili immatricolate per la prima volta in Svizzera nel Per l'anno 2013 farà stato il peso a vuoto medio del 2011, ossia 1'465 kg. Valore limite di CO = ,0457 x (peso a vuoto ) g CO 2 /km. Occorre pagare una sanzione se le emissioni sono superiori a 130 gco 2 /km. Sanzione Per i primi tre grammi che superano il valore limite, fino al 2018 si applicano aliquote ridotte: il primo grammo costa fr. 7.50, il secondo fr e il terzo fr , in totale quindi fr 67.50*, ogni grammo ulteriore fr Nel 2012 verrà fatturato il 65% della sanzione calcolata. Nel 2013 verrà fatturato il 75% della sanzione calcolata Nel 2014 verrà fatturato l' 80% della sanzione calcolata 162 /

2 2 Strumento di calcolo della sanzione per piccoli importatori e privati Per trovarlo: in Google digitare: UFE - Strumento di calcolo per piccoli importatori => Ricerca (clic), appare lo strumento Compilate tutti i valori. Carburante Scegliere per favore... Marca Scegliere per favore... Peso a vuoto Emissioni in g CO 2/km Anno di immatricolazione Scegliere per favore... Calcolo della sanzione Esempio 1 MITSUBISHI PAJERO INSTYLE 3 PORTE, 3,2 Diesel, automatico, 200CV/147kW, categoria F Emissioni : 217 g CO 2 /km Peso a vuoto: 2120 kg Carburante Diesel Marca Mitsubishi Peso a vuoto 2120 Emissioni in g CO 2/km 217 Anno di immatricolazione 2012 Calcolo della sanzione Sanzione 2012: CHF

3 3 Con la formula: Valore limite di CO = ,0457 (peso a vuoto 1453) g CO 2/km. = ,0457 x ( ) = g CO 2/km Supero 2012 = = (arrotondare al grammo inferiore) => 56 g CO 2/km Sanzione calcolata = 67,50 + (56-3) x ) = CHF Sanzione 2012 = x 0.65 = CHF (quindi i.o.) N.B. Importazione di questa automobile nel 2013: Valore limite di CO = ,0457 (peso a vuoto 1465) g CO 2/km. = ,0457 x ( ) = g CO 2/km Supero 2013 = = (arrotondare al grammo inferiore) => 57 g CO 2/km Sanzione calcolata = 67,50 + (57-3) x = CHF Sanzione 2013 = x 0.75 = CHF, ossia CHF in più del 2012 (+17.50%) N.B. È più pratico calcolare la sanzione con lo strumento di calcolo. Il 25 ottobre 2012 Privato ha ricevuto dall'ustra la sanzione che tuttavia ammonta a CHF, ha pertanto chiesto spiegazioni. Gli hanno riferito che il calcolo è stato rifatto con i seguenti dati: Emissioni : 216 g CO 2 /km Peso a vuoto: 2180 kg che in pratica corrispondono a quelli che figurano sul catalogo dei consumi TCS Effettivamente con lo strumento si ottengono CHF Con la formula: Valore limite = ,0457 (peso a vuoto 1453) g CO 2/km. = ,0457 x ( ) = g CO 2/km Supero = = (arrotondare al grammo inferiore) => 52 g CO 2/km Sanzione calcolata = 67,50 + (52-3) x ) = CHF Sanzione 2012 = x 0.65 = CHF (quindi i.o.) Esempio 1 ALFA ROMEO Sport 1,8 TBi TI, benzina, 200CV/147 kw, prezzo 54'300 CHF, categoria F Emissioni : 186 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1555 kg Sanzione2012: CHF Esempio 2 ALFA ROMEO Sport 2,0 JTD TI, Diesel, 170CV/125 kw, prezzo 53'100 CHF, categoria B Emissioni : 142 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1615 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 3

4 4 AUDI Q3 2,0 TFSI quattro S-tronic, benzina, 211CV/155 kw, automatico, prezzo 53'900 CHF, categoria F Emissioni : 179 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1640 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 4 AUDI Q3 2,0 TDI quattro S-tronic, Diesel,177CV/130 kw, automatico, prezzo 53'900 CHF, categoria C Emissioni : 156 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1660 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 5 BMW X3 xdrive 20i Steptronic, benzina,184 CV/135 kw, automatico, prezzo 60'100 CHF, categoria E Emissioni : 175 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1997 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 6 BMW X3 xdrive 20d Steptronic, Diesel, 184 CV/135 kw, automatico, prezzo 62'700 CHF, categoria B Emissioni : 147g CO 2 /km Peso a vuoto: 1995 kg Sanzione 2012: CHF 0.00 Esempio 7 FERRARI F458 4,5 V8, benzina, automatico, 566 CV/416 kw, prezzo 285'000 CHF, categoria G Emissioni : 307 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1590 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 8 Ford KUGA 2.5T Individual 4WD, benzina, 200 CV/147 kw, automatico, prezzo 54'300 CHF, categoria G Emissioni : 266 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1653 kg Sanzione 2012: CHF

5 5 Esempio 9 Ford KUGA 2.0T Indiv. 4WD, Diesel, 163 CV/120 kw, automatico, prezzo 54'200 CHF, categoria D Emissioni : 179 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1672 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 10 JEEP WRANGLER UNLIMITED RUBICON 2,8 Diesel, automatico, 200 CV/147 kw, prezzo 54'820 CHF, categoria F Emissioni : 230 g CO 2 /km Peso a vuoto: 2253 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 11 JEEP WRANGLER UNLIMITED SAHARA, 3,6 benzina V6, automatico, 284 CV/209 kw, prezzo 51'610 CHF, categoria G Emissioni : 273 g CO 2 /km Peso a vuoto: 2253 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 12 Mercedes GLK 220 CDI, Diesel, BlueEff 4Matic, 170 CV/125 kw, prezzo 59'200 CHF, categoria C Emissioni : 168 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1880 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 13 Nissan QHSHAI dci, Diesel, 4WD tekna Automatik 150CV/110kW, prezzo 51'400 CHF, categoria E Emissioni : 188 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1784 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 14 Porsche Cayenne Tiptronic, benzina, 300 CV/220 kw, prezzo 82'9009 CHF, categoria G Emissioni : 236 g CO 2 /km Peso a vuoto: 2105 kg Sanzione 2012: CHF

6 6 Esempio 15 Renault 2.0 dci Expression 4x4, benzina, Automatic 150 CV/110 kw, prezzo 49'600 CHF, categoria C Emissioni : 186 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1784 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 16 Skoda YETI 2.0 TDI Experience 4x4 DSG, Diesel, 140 CV/103 kw, automatiprezzo 42'990 CHF, categoria D Emissioni : 169 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1530 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 17 Toyota RAV D-CAT Linea Sol Premium AT, Diesel, 150 CV/110 kw, prezzo 53'700 CHF, categoria E Emissioni : 189 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1725 kg Sanzione 2012: CHF Esempio 18 VW TIGUAN TSI Track&Style 4Motion DSG, benzina, 210 CV/155 kw, prezzo 50'200 CHF, categoria F Emissioni : 199 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1689 kg Sanzione 2012: CHF CHF Esempio 19 VW TIGUAN TDI BlueMot.TechSI Track&Style 4M DSG, benzina, 140 CV/103 kw, prezzo 48'150 CHF, categoria C Emissioni : 158 g CO 2 /km Peso a vuoto: 1664 kg Sanzione 2012: CHF

7 7 Per chi non usa il PC: Grafici 1 e 2 che permettono di determinare facilmente la sanzione

8 I dati delle automobili sono stati rilevati dal Catalogo dei consumi del TCS 8

9 9 Per trovarlo: In Google digita: Catalogo dei consumi 2012 => Catalogo dei consumi 2012 (clic) => Catalogo (clic) => Apri (clic) appare il: Catalogo dei consumi 2012 del TCS Alcuni dati interessanti tratti da questo catalogo: Fattori di conversione Benzina: Densità 0,74 kg/l 1 litro produce 2,34 kg di CO 2 1 l/100 km produce 23,4 g CO 2 /km Diesel: Densità 0,83 kg/l 1 litro produce 2,61 kg di CO 2 1 l/100 km produce 26,1 g CO 2 /km Elettricità: 1 kwh corrisponde a 127 g CO 2 (mix elettrico svizzero) Potenza: 1 kw = CV Dove si può trovare il numero di approvazione del tipo (AT)? Il numero (AT) e indicato alla cifra 24, della licenza di circolazione. Come vengono classificati i veicoli nelle categorie di efficienza energetica da A a G? La ripartizione dei veicoli nelle categorie di efficienza energetica da A a G avviene in base al fattore di valutazione (FDV). Questo fattore e composto per il 30% dal consumo energetico relativo (consumo energetico/peso a vuoto) e per il 70% dal consumo energetico assoluto. Per poter paragonare i vari tipi di propulsione, e applicato l equivalente benzina dell energia primaria (indice well-to-wheel, ovvero dalla fonte energetica alla ruota, vedi pagina 26). Che cos è l equivalente benzina dell energia primaria? Per il calcolo delle categorie di efficienza energetica, a partire dal 2012 i veicoli non saranno più valutati secondo il loro consumo energetico finale, il cosiddetto tank-to-wheel, bensì secondo la catena dei risultati generali, cioè dalla fonte d energia fino alla ruota ( well-to-wheel ). Per fare un paragone fra il consumo energetico delle materie prime di propulsioni con vettori energetici differenti, ad es. benzina, gas, elettricità ecc. bisogna convertirli in equivalenti benzina. Ne risulta l equivalente benzina dell energia primaria. Perché la mia auto elettrica non è nella categoria A? Il rendimento energetico del veicolo elettrico è calcolato in base alle materie prime consumate. Ad esempio, se si fa un paragone del consumo di materie prime tra il vostro veicolo elettrico e quello di n auto a diesel efficiente, allora il vostro veicolo elettrico risulterebbe meno efficiente dell automobile a diesel. La graduatoria delle categorie si riferisce esclusivamente al consumo di materie prime e non agli aspetti ecologici, come ad es. le emissioni di CO 2. Consumo in Svizzera: vendita Per il raggiungimento dell obiettivo, secondo il Protocollo di Kyoto e determinante la quantità di benzina e di diesel venduta nelle stazioni di servizio svizzere. Le divergenze tra questa vendita ed il consumo si spiegano tramite il cosiddetto Turismo del pieno di carburante dovuto alle differenze di prezzo rispetto all estero.

10 10 Grazie al progresso tecnico, l efficienza energetica dei veicoli nuovi e sempre maggiore. Per il fatto che fino al 2007 gli acquirenti preferivano veicoli sempre più grandi e pesanti, il consumo medio dei veicoli nuovi non scendeva più del 1,9% l anno. Nell anno 2010 il consumo medio e sceso a 6,62 l/100 km. Consumo specifico dei veicoli nuovi Il numero di automobili e tuttora in aumento e in certi casi il consumo effettivo e molto diverso dalle indicazioni di fabbrica (climatizzatore, accessori ecc.), fino al 2008 non vi e stata nessuna diminuzione delle vendite di carburante. A partire dal 2009 si risente un leggero calo delle vendite di carburante. Per raggiungere l obiettivo del Protocollo di Kyoto questa inversione di tendenza e necessaria. Vendita di carburante in Svizzera Stato 1990: benzina tonnellate, diesel tonnellate Stato 2010: benzina tonnellate, diesel tonnellate

11 11 Evoluzione della vendita di carburante in Svizzera (indicizzato nel 1990 = 100%) Riduzione sui premi assicurativi e leasing Diverse compagnie di assicurazione auto e le società di leasing concedono sconti sui premi d assicurazione per veicoli ecologici oppure a basso consumo. Informatevi presso la vostra assicurazione o la società di leasing sulle loro condizioni. Sovvenzioni dalle autorità federali La Confederazione non sostiene direttamente l acquisto dei veicoli efficienti in termini energetici. In caso di domande sulle tasse di circolazione cantonali per veicoli a motore, è competente il rispettivo cantone e non l Ufficio federale dell energia. L Ufficio federale dell energia sostiene la promozione di veicoli efficienti in termini energetici concedendo dei contributi a organizzazioni esterne specializzate. Un prospetto generale aggiornato sui vantaggi finanziari sui veicoli a motore in termini energetici accordato tra cantone, assicurazioni, le società finanziarie e disponibile su: Categorie d efficienza Secondo le leggi della fisica, solamente le piccole autovetture sono in grado di raggiungere dei consumi bassissimi. Chiunque, anche chi deve ricorrere ad un auto grande, ad es. una famiglia numerosa o un rappresentate, dovrebbe contribuire al risparmio energetico. Perciò l etichetta Energia e ripartita in sette categorie uguali (barre colorate dalla A alla G). La ripartizione avviene in base ad un fattore di valutazione (FDV). Tale fattore e composto per il 30% dal consumo energetico relativo (consumo energetico/peso a vuoto) e per il 70% dal consumo energetico assoluto. Per poter paragonare i vari tipi di propulsione, e applicato l equivalente benzina dell energia primaria (dalla fonte d energia alla ruota), vedi pagina 23. Posizione dell etichetta Energia In conformità alla direttiva 1999/94/CE, l Ordinanza svizzera sull energia (appendice 3.6) impone ai rivenditori di veicoli nuovi di apporre, in modo ben visibile, l etichetta sui o vicino ai veicoli esposti.

12 Base dei dati Per i dati relativi al consumo e al peso a vuoto e determinante l approvazione del tipo (AT) del modello corrispondente. Se per la stessa approvazione del tipo sono menzionati diversi modelli con un certo margine di peso a vuoto, la categoria d efficienza viene determinata in base al consumo e al peso a vuoto più elevato. Con il numero dell approvazione del tipo, indicato sotto il punto 24 nella licenza di circolazione, si riesce a trovare l etichetta Energia per la proprio auto, scaricandola dal sito 12

13 Valutazione e formula La formula per il coefficiente e la seguente: BWZi = {[(1 - r) * Ei + r * EEi ] + 5} *100 r: Parametro di relativizzazione 0,30 Ei : Consumo energetico assoluto normalizzato del veicolo i in litri dell energia primaria equivalente benzina per 100 km EEi : Efficienza energetica relativa normalizzata del veicolo i Informazioni più dettagliate sulla normalizzazione e il calcolo dell energia primaria equivalente benzina all indirizzo seguente: -> Principi giuridici. Le categorie di efficienza energetica sono verificate e aggiornate ogni due anni. Dal al , la ripartizione e la seguente: 13

14 14 I limiti di categorie sono determinati il giorno di riferimento (31 maggio) in modo che ciascuna categoria contiene lo stesso numero di veicoli. Valutazione del consumo energetico e peso a vuoto Il consumo di carburante e determinato dal 1995 secondo la direttiva dell Unione Europea 80/1268/CEE. Esso e rilevato con il nuovo ciclo europeo di guida (lunghezza del ciclo m, durata 1220s, velocità media 32,5 km/h, velocità massima 120 km/h). Le tre definizioni per il consumo di carburante sono urbano, extra-urbano e misto.

15 15 Nuovo ciclo europeo di guida (NCPE) A 40 km/h, il consumo nella 2a marcia è quasi il doppio di quello nella 4a marcia. Eco-Drive e sostenuto da SvizzeraEnergia e dalla Fondazione Centesimo per il clima ed e una tecnica di guida sicura ed efficace dal profilo energetico. Consente di risparmiare carburante senza dovere viaggiare piu lentamente. Le quattro regole d oro sono: Guidare con la marcia la più elevata possibile ed a basso regime Accelerare rapidamente Passare il più presto possibile alla marcia superiore (a giri/min), scalare tardi Guidare in modo previdente e fluido, evitare le frenate ed i cambi di marcia inutili

16 16

17 Eco-Drive Eco-Drive è sostenuto da SvizzeraEnergia e dalla Fondazione Centesimo per il clima ed è una tecnica di guida sicura ed efficace dal profilo energetico. Consente di risparmiare carburante senza dovere viaggiare più lentamente. Le quattro regole d oro sono: Guidare con la marcia la più elevata possibile ed a basso regime Accelerare rapidamente Passare il più presto possibile alla marcia superiore (a giri/min), scalare tardi Guidare in modo previdente e fluido, evitare le frenate ed i cambi di marcia inutili Informazioni sui corsi del TCS: TCS Sicurezza stradale, Ginevra, tel Test & Training tcs Centro di sicurezza stradale Betzholz ZH tel , Test & Training tcs Centro di sicurezza stradale Stockental BE tel , Test & Training tcs Utilità e successo di Eco-Drive Grazie ad Eco-Drive un numero sempre maggiore di conducenti risparmia carburante, denaro e nervi e contribuisce ad una maggior sicurezza nella circolazione stradale. Eco-Drive consente a un conducente che percorre km all anno di risparmiare circa CHF 215 l anno (10 12% di consumo in meno per 7 l/100 km e CHF 1.70 per un litro di benzina). I conducenti eco viaggiano inoltre in modo più sicuro. L allenamento intensivo del senso per il traffico e della guida previdente contribuisce in modo notevole alla riduzione di incidenti stradali. Elementi di Eco-Drive fanno parte della formazione dei nuovi conducenti. Altri suggerimenti per risparmiare carburante: Avviare il motore senza dare gas Spegnere il motore anche per fermate brevi Pianificare i tragitti, evitare gli ingorghi Controllare la pressione degli pneumatici Acquistare pneumatici a basso consumo energetico Rimuovere i pesi inutili da tetto e portabagagli Utilizzare il climatizzatore solo quando serve A proposito: in un mese la pressione di un pneumatico diminuisce mediamente di 0,1 bar, perciò conviene controllare la pressione preferibilmente una volta al mese, eventualmente ogni due mesi. Una pressione di 0,5 bar superiore a quella raccomandata comporta una riduzione di carburante del 3% circa. La guida e più sicura con gli pneumatici gonfiati alla giusta pressione. Percorso in salita corretto a 60 km/h: Guidare durante i percorsi in salita con la marcia la più elevata possibile a circa 3/4 di gas riduce il consumo di carburante fino al 30%. 17

18 Le spese d esercizio dell automobile si compongono di costi fissi e variabili. Il consumo di carburante fa parte dei costi variabili, che dipendono in larga misura dai chilometri percorsi. In base ai parametri di calcolo del TCS, le spese d esercizio annue per km percorsi sono le seguenti: Valore del veicolo CHF : ca. 52 centesimi/km Valore del veicolo CHF : ca. 72 centesimi/km Valore del veicolo CHF : ca. 81 centesimi/km La guida informativa Costi delle auto può essere richiesta presso ogni Centro tecnico del TCS ( ) oppure online su per 10 franchi (membri del TCS gratuito). 18

19 19

20 20 ALFA ROMEO Fiat ALFA ROMEO Fiat ALFA ROMEO Fiat SA

21 21 Calcolo valore limite di CO 2 per grandi importatori e costruttori Valore limite = ,0457 (peso a vuoto medio automobili immatricolate per la prima volta in Svizzera da un grande importatore nel ) g CO 2 /km peso a vuoto medio di tutte le automobili messe in servizio per la prima volta in Svizzera nel Per l'anno 2013 farà stato il peso a vuoto medio del 2011, ossia 1'465 g. Occorre pagare una sanzione se le emissioni sono superiori a 130 gco 2 /km. Sanzione Per i primi tre grammi che superano il valore limite, fino al 2018 si applicano aliquote ridotte: il primo grammo costa fr. 7.50, il secondo fr e il terzo fr , in totale quindi fr 67.50, ogni grammo ulteriore fr Nel 2012 verrà fatturato il 65% della sanzione calcolata Nel 2013 verrà fatturato il 75% della sanzione calcolata Nel 2014 verrà fatturato l'80% della sanzione calcolata Nota: il calcolo definitivo può essere fatto soltanto alla fine del 2012 ALFA ROMEO Fiat Auto (ALFA ROMEO Fiat Detto tutto questo, su autoscout.eu Privato (sempre lui!) ha trovato offerte interessanti in Germania e in Italia, quindi chiesto e ricevuto un'offerta dettagliata da una concessionaria ufficiale in Italia e, il 21 settembre 2012, ordinato il PAJERO 3.2 DI-D 16V A/T 3P. INSTYLE. Il , tramite banca, ha versato alla concessionaria, IVA esclusa, 31'550 EUR. Corso EUR/CHF 1, '738,07 CHF => 38'740.- CHF Spese operazione bancaria IVA 8%, imposta autoveicoli 4%, dazio CH, operazioni doganali IT-CH, altre tasse Trasporto Collaudo Sanzione CO2 Imprevisti Totale 25.- CHF 5'330.- CHF ca CHF ca CHF ca. 5'000.- CHF CHF ca. 50'000.- CHF

22 22 Premesso che il Pajero è stato importato il 10 ottobre 2012, finalmente, il 6 dicembre 2012, dopo 57 interminabili giorni e una caterva di improponibili intrallazzi, Privato (ancora lui!) ha potuto targare il Pajero. Almeno una soddisfazione l'ha avuta: se avesse comperato in Svizzera questa automobile l'avrebbe pagata 76'000.- CHF, ossia 26'000.- CHF in più (+52%) o, altrimenti detto, in Italia l'ha pagata il 34.2% in meno. Importazione diretta dell'automobile 1. In Google digita: (PDF) Importazione diretta dell'automobile - TCS => Apri (clic) Appare l'articolo Sdoganamento e trasporto Effettuato il versamento, il 10 ottobre 2012 sdoganamento e trasporto Pajero. Indispensabile è che il venditore fornisca tutti i documenti necessari allo sdoganamento: Certificato di origine EUR 1 Fattura o contratto d'acquisto con/senza iiva Licenza di circolazione, certificato di immatricolazione (anche se già annullati) Documento d'identità (passaporto o carta d'identità) Dichiarazione doganale d'importazione Per lo sdoganamento dalla UE è necessaria una dichiarazione di esportazione. il venditore si occupa di fare eseguire la bollatura presso l'ufficio doganale competente (nella località dove ha sede la propria ditta). Per lo sdoganamento in Svizzera è inoltre necessaria una dichiarazione d' importazione (da richiedere presso la dogana svizzera). Privato non ha avuto nessun problema. Trasporto dall'italia alla dogana e da questa a domicilio, su rimorchio. Sdoganamento tramite spedizioniere. Per queste operazioni Privato ha incaricato un amico. Collaudo Per poter collaudare un'auto importata privatamente, è indispensabile trasmettere per posta all' Ufficio federale delle strade, Emissioni CO 2, settore Omologazione dei veicoli, 3003 Berna, la DOMANDA DI ATTESTAZIONE IN RIFERIMENTO ALL'ART 16 o 17 DELL'ORDINANZA SULLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI CO2 DELLE AUTOMOBILI, debitamente compilata, unitamente al Rapporto di perizia ( Formulario A) timbrato dalla dogana svizzera, compreso il numero di matricola assegnato da quest'ultima. È necessario anche il certificato dei gas di scarico, ottenibile dai rappresentanti di marca svizzero al costo di 32.- fr (io l'ho pagato 60.- fr) presso l'associazione degli imprenditori svizzeri di automobili VSAI

23 23 RACCOMANDATA Ufficio federale delle strade Emissioni CO2 Settore omologazione dei veicoli 3003 Berna Biasca, 24 ottobre 2012 Automobile Mitsubishi Pajero - matricola: Egregi signori, Il 12 ottobre 2010 la Sezione della Circolazione, Ufficio Collaudi, mi ha ritornato la documentazione trasmessa intesa ad ottenere un appuntamento per il collaudo di un'automobile importata privatamente. Mi hanno informato che trattandosi di un veicolo nuovo, la documentazione dev'essere prima trasmessa al vostro Ufficio unitamente alla DOMANDA ATTEST. RIF. ART. 16 o 17 ORDINANZA RIDUZIONE CO 2. Pertanto, in ossequio alle nuove normative vigenti, in allegato, vi trasmetto la seguente documentazione, debitamente compilata, alfine di poter targare questa automobile al più presto: - Rapporto di perizia Form A, originale - DOCUMENTO MITSUBISHI MANUTENZIONE GAS DI SCARICO (sistema OBD), copia - Carta di circolazione della REPUBBLICA ITALIANA CE , copia - Documento PRESENTAZIONE IN DOGANA, copia - Certificato di proprietà ACI, copia - Gruppo AUTOTORINO SPA, Fattura commerciale analitica, copia - Gruppo AUTOTORINO SPA, ORDINE DI ACQUISTO No , copia - DOMANDA ATTES. RIF. ART. 16 o 17 ORDINANZA RIDUZIONE CO 2, originale Grazie. Cordiali saluti, Privato Copia a: Sezione della circolazione, 6528 Camorino, Ufficio Collaudi, signora Luisa Bognuda Alcune domande e osservazioni di Privato: -Se il Pajero fosse stato importato da un grande importatore, a quanto sarebbe ammontata la sanzione? -Non son riuscito a trovare le distinte con il numero e il nominativo dei grandi importatori, dei piccoli importatori, piccoli produttori e produttori di nicchia. -Vedo che si reclamizzano le nuove automobili e si citano i 159 gco2/km. Sono le emissioni medie di tutte le auto attualmente in immatricolate in Svizzera?

24 24 -Considerando che dal 1995 i requisiti tecnici delle automobili in Svizzera sono stati ampliamente allineati a quelli dell'ue ritengo che, in generale, la trasmissione all'ufficio federale delle strade (USTRA) della voluminosa documentazione, dispendiosa di tempo e denaro, richiesta per poter ottenere un appuntamento per il collaudo a Camorino, sia inutile. In altre parole, mi sembra che, dal momento che l'automobile è stata sdoganata sia conforme alle norme svizzere e pertanto, una volta pagata la sanzione, dovrebbe poter essere collaudata. -Premesso che il Pajero è stato importato il 10 ottobre 2012, finalmente, il 6 dicembre 2012, dopo 57 giorni interminabili e deprimenti, ho potuto targare il Pajero e adoperarlo. -La prima volta il Pajero non è stato collaudato perché la Dichiarazione del MINISTERO DEI TRASPORTI di Sondrio, del 10 ottobre 2012, secondo le direttive svizzere, non è sufficiente, manca il timbro di questo Ministero sulla copia della CARTA DI CIRCOLAZIONE CE A mio parere invece la dichiarazione sopraccitata con il timbro è più sicura e comunque altrettanto valida che il solo timbro sulla copia della carta di circolazione. Il 4 dicembre 2012 sono andato in Italia a ritirare LA CARTA DI CIRCOLAZIONE CE con apposto il timbro (originale) del MINISTERO DEI TRASPORTI DI SONDRIO. -È assolutamente sbagliato che i proventi delle sanzioni, al netto degli oneri amministrativi, simili alla tassa d'incentivazione sui composti organici volatili (tassa sui COV), siano ridistribuiti mediante riduzione dei premi delle casse malati. Imposta di circolazione nel Canton Ticino: N.B. Formula valida fino al A partire dal Per l immatricolazione di nuove automobili, a questa formula è stato aggiunto un coefficiente bonus/malus (K), secondo i seguenti criteri: Bonus Se l automobile è contrassegnata con l etichetta Energia A, le emissioni di CO2 sono inferiori o uguali a 140 g/km, e (se diesel) ha il filtro antiparticolato di serie paga il 50% dell imposta di circolazione di base e questo anche per i due anni successivi all anno della prima immatricolazione, anche se nel frattempo la categoria energetica del veicolo dovesse cambiare. N.B: Se durante questo periodo il veicolo cambia detentore, la protezione del bonus viene a decadere e di conseguenza se il veicolo ha cambiato categoria energetica, a quest'ultimo verrebbe attribuita la nuova categoria energetica.

25 25 Malus Le automobili contrassegnate con l etichetta Energia F pagano un supplemento d imposta del 20% le automobili contrassegnate con l etichetta Energia G pagano un supplemento d imposta del 50% L imposta delle automobili inserite nelle altre categorie (A senza filtro, oppure CO 2 > 140, B, C, D, E) non subisce modifiche. Strumento di calcolo dell'imposta di circolazione nel Canton Ticino Per trovarlo: in Google digitare: Presentazione-SC (DI)-Cantone Ticino => Effettuare la ricerca (clic) => Imposte di circolazione (clic) Appare lo strumento, seguire le istruzioni: => Selezionare il veicolo (clic) => Automobile (clic)

26 26 Inserire: Data prima immatricolazione del veicolo => Avanti (clic) Inserire: Etichetta energetica => Avanti (clic) Inserire: Peso totale Inserire: Potenza kw => = (clic) Appare l'importo dell'imposta Imposta di circolazione nel Canton Grigioni: Fino a una cilindrata di 685 cm 3 fr. 311,70 da 686 cm 3 fino a 1078 cm3 fr. 331,80 da 1079 cm 3, per ogni ulteriori cm 3, fr. 47,70 Dal 1 o gennaio 2013 fino al 31 dicembre 2014, riduzione dell'imposta di circolazione del 60 % con una emissione massima di 130 gco 2/km dell'80 % con una emissione massima di 110 gco 2/km. Esempio 1 Nel Canton Ticino: MITSUBISHI PAJERO INSTYLE 3 PORTE, 3,2 Diesel aut., 200CV/147kW: x 147 = fr, quello che avrebbe pagato fino al A partire dal fr x 1,2 = fr Nel Canton Grigioni: 311, ,80 + (3' ) x 47,70 = fr 196,35 Alcuni articoli Ordinanza riduzione emissioni CO 2 automobili Art. 10 Emissioni di CO 2 determinanti 1 Gli importatori di automobili il cui tipo è stato approvato possono presentare all Ufficio federale delle strade (USTRA), entro il 5 gennaio dopo la fine dell anno di riferimento, i dati necessari per il calcolo delle emissioni di CO 2 determinanti. Per ogni singola automobile occorrono i seguenti dati: a. il numero d identificazione del veicolo (VIN); b. le emissioni di CO 2 ; c. il peso a vuoto; d. le eventuali tecnologie innovative; e. il numero di approvazione del tipo; e f. il codice del titolare dell approvazione del tipo. 2 Se questi dati non sono forniti, sono determinanti per le emissioni di CO 2 di un automobile i dati contenuti nell approvazione del tipo secondo l articolo 97 OETV4 e nell ordinanza del 19 giugno concernente l approvazione del tipo di veicoli stradali (OATV). 3 Per controllare i dati di cui al capoverso 1, l USTRA può chiedere in qualsiasi momento all importatore che questi presenti un numero adeguato di dichiarazioni di conformità secondo l articolo 18 della direttiva 2007/46/CE6 (Certificate of Conformity,COC). Art. 11 Altra disposizione relativa alle emissioni di CO 2 determinanti 1 Per un automobile esonerata dall approvazione del tipo (art. 4 OATV7) sono

27 27 riconosciute anche le seguenti attestazioni sulle emissioni di CO 2 : a. il COC; b. le valutazioni della conformità e le certificazioni della conformità secondo l articolo 2 lettere m e n OATV; c. le approvazioni rilasciate da Stati esteri secondo il diritto nazionale o internazionale, di cui nell allegato 2 OETV8 o almeno equivalenti alle prescrizioni svizzere; oppure d. i rapporti di perizia che sono stati allestiti dai servizi d esame elencati nell allegato 2 OATV o riconosciuti dall USTRA conformemente all articolo 17 capoverso 2 OATV. 2 Se per un automobile non è stata rilasciata alcuna attestazione di cui al capoverso 1, le emissioni di CO 2 determinanti sono calcolate secondo l allegato 1. 3 Se le emissioni di CO2 di un automobile non possono essere calcolate secondo le formule dell allegato, viene supposto un valore di 300 g CO 2 /km. Art. 14 Obiettivo 1 L obiettivo per le emissioni di CO 2 del parco auto di un grande importatore, oppure della singola automobile nel caso di un piccolo importatore o del costruttore, è calcolato secondo l allegato 2. 2 Se ai costruttori è accordata una deroga secondo l articolo 11 del regolamento (CE) n. 443/200910, l UFE adegua il calcolo dell obiettivo per gli importatori delle rispettive marche di automobili. 3 Gli obiettivi adeguati secondo il capoverso 2 non possono essere compensati con altri obiettivi. 4 Il grande importatore che intende computare separatamente una marca di automobili secondo il capoverso 2 deve comunicarlo all UFE entro il 30 novembre prima dell inizio dell anno di riferimento. Per queste automobili, indipendentemente dal numero di automobili immatricolate per la prima volta, viene considerato come grande importatore separato (art. 6 e 7) o piccolo importatore separato (art. 8). Art. 16 Procedura per gli importatori 1 Per ogni automobile importata, il grande importatore deve compilare il rapporto di perizia (modulo A) e attestare di averla importata. 2 Il piccolo importatore deve compilare il rapporto di perizia (modulo A) e versare l importo della sanzione, ammesso che un tale importo sia dovuto. 3 Per quanto concerne la fatturazione e l incasso, l UFE è competente per i grandi importatori e l USTRA per i piccoli importatori. 9 Regolamento (CE) n. 443/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 apr. 2009, che definisce i livelli di prestazione in materia di emissioni delle autovetture nuove nell ambito dell approccio comunitario integrato finalizzato a ridurre le emissioni di CO 2 dei veicoli leggeri, versione secondo GU L 140 del , pag Cfr. nota all art. 13 cpv. 1. Art. 17 Procedura per i costruttori 1 Dopo aver ottenuto l approvazione del tipo o aver svolto l esame singolo, i costruttori di automobili in Svizzera devono trasmettere all USTRA i dati secondo l articolo 10 capoverso 1. 2 Per ogni automobile immatricolata per la prima volta, l UFE stabilisce singolarmente una sanzione sulla base dei dati dell approvazione del tipo o dell esame singolo. 3 Prima della prima immatricolazione il costruttore deve versare l importo della sanzione, ammesso che un tale importo sia dovuto, al servizio competente per l incasso secondo l articolo 16 capoverso 3.

28 28 Direttiva 2007/46/CE6 Articolo 18 Certificato di conformità (Certificate of Conformity, COC) 1. Il costruttore titolare di una scheda di omologazione CE di un veicolo rilascia un certificato di conformità che accompagna ciascun veicolo completo, incompleto o completato, fabbricato in conformità del tipo di veicolo omologato. Se si tratta di un veicolo incompleto o completato, il costruttore indica alla pagina 2 del certificato di conformità solo gli elementi aggiunti o modificati nella fase in corso dell omologazione e, se necessario, allega a detto certificato tutti i certificati di conformità rilasciati nel corso della fase precedente. 2. Il certificato di conformità è redatto in una delle lingue ufficiali della Comunità. Ogni Stato membro può chiedere che il certificato di conformità sia tradotto nella propria lingua o nelle proprie lingue. 3. Il certificato di conformità è concepito in modo da non poter essere falsificato. A tal fine, la carta utilizzata è protetta da una grafica a colori o dal marchio di identificazione del costruttore apposto in filigrana. 4. Il certificato di conformità è compilato in ogni sua parte e non contiene restrizioni dell uso del veicolo che non siano previste da un atto normativo. Tassa cantonale sui veicoli a motore nei diversi cantoni In Google digita: Tassa cantonale sui veicoli a motore nei diversi cantoni => (PDF) Tassa cantonale sui veicoli - TCS (clic) => Apri (clic) Appare l'articolo, molto interessante, del quale riporto solo le 3 tabelle. Nei quattro sistemi di calcolo dell'imposta di circolazione ogni cantone applica poi formule e tassi differenti, una cosa stomachevole.

29 29

30 30

31 31 Allestire l'etichetta energia......per le automobili nuove (valida fino al 31 dicembre 2012) formulario...per le automobili nuove (valida nel 2013) formulario...per le automobili usate formulario In Gogle digita: UFE- Allestire l'etichetta energia => Effettua la ricerca => UFE- Allestire l'etichetta energia (clic) => Formulario che interessa (clic) A partire da febbraio 2009, può essere creata un etichetta energia anche per le automobili usate conformi alla norma Euro 3 (veicoli successivi al 2000 circa). L etichetta energia per le automobili usate è una misura volontaria. Contrariamente all etichetta energia per le automobili nuove, non è disciplinata da alcuna disposizione di legge. L etichetta viene creata tenendo conto dei dati dell ultima approvazione del tipo. Pertanto sono possibili differenze rispetto ai dati che figurano nella licenza di circolazione. Spetta al rivenditore verificare la correttezza delle informazioni dell etichetta energia. Inserire il numero a sei cifre dell'approvazione del tipo e cliccare su "continua". Occorre conoscere il numero di certificato tipo indicato al n. 24 della licenza di circolazione. Per esempio, per la FIAT Panda TI 5125, nuova, codice d'emissioni B5a (prima messa in circolazione ): N. AT: 1FB546 Marca: FIAT Denominazione commerciale: Panda 1.2 4x4 Cambio: Variante: m5 Variante di base Forma ridotta indietro allestire etichetta => allestire etichetta (clic) Appare l'etichetta (che ho semplificato) Etichetta energia

32 32 Marca FIAT Tipo Panda 1.2 4x4 Carburante Benzina Cambio Manuale, 5 marce Peso a vuoto 1142 kg Livello di emissione EURO5 Consumo di energia 6.0 l / 100 km Emissioni di CO2 139 g / km Efficienza energetica categoria D Valida fino al / 1FB546 (m5) Per la RENAULT Twingo TI , usata, codice d'emissioni B04 (prima messa in circolazione ): chetta energia: automobili usate Marca RENAULT Tipo Twingo V Carburante Benzina Cambio Manuale, 5 marce Peso a vuoto 990 kg Livello di emissione EURO4 Consumo di energia 5.8 l / 100 km Emissioni di CO2 138 g / km Efficienza energetica categoria D Valida fino al / 1RA742 (m5) Per la JEEP WRANGLER CRD TI , usata, codice d'emissioni B04 (prima messa in circolazione ): e Marca JEEP Tipo Wrangler CRD Carburante Diesel Cambio Automatico, 5 Stadi Peso a vuoto 2050 kg Livello di emissione EURO4 Consumo di energia 9.7 l / 100 km Consumo secondo norma UE Equivalente benzina: 10.9 l / 100 km Emissioni di CO2 255 g / km Efficienza energetica categoria G Valida fino al / 1JA873 (a5) m Per la JEEP WRANGLER CRD TI 41773, 147 kw, peso a vuoto 2075 kg, peso totale 2506 kg, importazione diretta, usata, codice d'emissione B5a (prima messa in circolazione ), sulla licenza di circolazione non figura il N. AT. di approvazione del tipo, pertanto non è possibile allestire l'etichetta energia con il formulario sopraccitato, e anche per la

33 33 Per la JEEP WRANGLER CRD TI , 147 kw, peso a vuoto 1933 kg, peso totale 2506kg, importazione diretta, usata, codice d'emissione B5a (prima messa in circolazione ), sulla licenza di circolazione non figura il N. AT. di approvazione del tipo, pertanto non è possibile allestire l'etichetta energia con il formulario sopraccitato. Calcolo dell'efficienza energetica per il 2012 Valutazione e formula La formula per il coefficiente e la seguente: BWZi = {[(1 - r) * Ei + r * EEi ] + 5} *100 r: Parametro di relativizzazione 0,30 Ei : Consumo energetico assoluto normalizzato del veicolo i in litri dell energia primaria equivalente benzina per 100 km EEi : Efficienza energetica relativa normalizzata del veicolo i Informazioni più dettagliate sulla normalizzazione e il calcolo dell energia primaria equivalente benzina all indirizzo seguente: -> Principi giuridici. Le categorie di efficienza energetica sono verificate e aggiornate ogni due anni. Dal al , la ripartizione e la seguente (secondo art.7 OEAA) : I limiti di categorie sono determinati il giorno di riferimento (31 maggio) in modo che ciascuna categoria contiene lo stesso numero di veicoli. Tuttavia il calcolo con la formula è abbastanza lungo. Meglio usare la tabella che è stata fatta per uso interno a Camorino

34 Ordinanza del DATEC concernente le indicazioni dell etichettaenergia per le automobili nuove (OEEA) del 5 luglio 2011 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni (DATEC), visto il numero 4.1 dell appendice 3.6 dell ordinanza del 7 dicembre sull energia (OEn), ordina: Art. 1 Calcolo dell equivalente benzina2 L equivalente benzina è calcolato come segue: a. per le automobili alimentate con diesel: consumo di energia (diesel) in l/100 km 1,12; b. per le automobili alimentate con gas naturale: consumo di energia (gas naturale) in m3/100 km 1,04 l/m3; c. per le automobili alimentate con gas di petrolio liquefatto (GPL): consumo di energia (GPL) in l/100 km 0,77; d. per le automobili alimentate con miscela di carburante (E85): consumo di energia (E85) in l/100 km 0,79; e. per le automobili a propulsione esclusivamente elettrica: consumo di energia in kwh/100 km 0,11 l/kwh. Art. 2 Emissioni di CO2 dei veicoli elettrici Per le automobili a propulsione elettrica le cui batterie possono essere ricaricate mediante la rete elettrica, le emissioni di CO2 generate dalla produzione di energia elettrica si calcolano come segue sulla base del consumo di energia riportato nell approvazione del tipo: consumo di energia in kwh/km 127 g CO2/kWh. RS RS Basi di calcolo conformemente alle indicazioni del Laboratorio federale di prova dei materiali per conto dell Ufficio federale dell energia fornite nel Indicazioni dell etichettaenergia per le automobili nuove RU Art. 3 Quote delle emissioni di CO2 senza incidenza sul clima per le miscele di carburanti 1 Le emissioni di CO2 di origine biogena sono considerate senza incidenza sul clima. 2 La quota di emissioni di CO2 senza incidenza sul clima, generate dalla miscela di gas naturale, è pari al 10 per cento. 3 Per le automobili alimentate esclusivamente con la miscela di carburante E85, la quota di emissioni di CO2 senza incidenza sul clima è pari al 78 per cento. Art. 4 Valore comparativo Per il 2012, il valore medio delle emissioni di CO2 di tutte le automobili nuove immatricolate secondo l appendice 3.6 numero dell OEn (valore comparativo) è di 159 g/km. Art. 5 Valori medi e divergenze standard del consumo energetico assoluto e dell efficienza energetica relativa 1 Per il 2012, il valore medio (E ) del consumo energetico assoluto è di Per il 2012, la divergenza standard (σe) del consumo energetico assoluto è di Per il 2012, il valore medio (E E ) dell efficienza energetica relativa è di Per il 2012, la divergenza standard (σee) dell efficienza energetica relativa è di Art. 6 Calcolo dell equivalente benzina per l energia primaria3 Per l energia primaria l equivalente benzina è calcolato come segue: a. per le automobili alimentate con diesel: consumo di energia (diesel) in l/100 km 1,06; b. per le automobili alimentate con gas naturale: consumo di energia (gas naturale) in m3/100 km 0,88 l/m3; c. per le automobili alimentate con gas di petrolio liquefatto (GPL): consumo 34

35 35 di energia (GPL) in l/100 km 0,68; d. per le automobili alimentate con miscela di carburante E85: consumo di energia (E85) in l/100 km 1,71; e. per le automobili a propulsione elettrica: consumo di energia in kwh/ 100 km 0,24 l/kwh. 3 Basi di calcolo conformemente alla banca dati Ecoinvent (stato dei dati v2.2, 2010); Indicazioni dell etichettaenergia per le automobili nuove RU Art. 7 Classificazione nelle categorie di efficienza energetica Per il 2012 le categorie di efficienza energetica A G sono definite come segue: Categoria di efficienza energetica Coefficiente di valutazione A B > fino a C > fino a D > fino a E > fino a F > fino a G > Art. 8 Diritto previgente: abrogazione L ordinanza dell 8 settembre concernente le indicazioni dell etichettaenergia per le nuove automobili è abrogata. Art. 9 Disposizioni transitorie Per quanto concerne le etichetteenergia ai sensi dell appendice 3.6 dell OEn nella versione dell ordinanza del 9 giugno si applicano, fino al 31 dicembre 2011, le disposizioni dell ordinanza dell 8 settembre concernente le indicazioni dell etichetta Energia per le nuove automobili. Art. 10 Entrata in vigore La presente ordinanza entra in vigore il 1 agosto luglio 2011 Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni: Doris Leuthard 4 RU , , RU RU , , Indicazioni dell etichettaenergia per le automobili nuove RU 2011 Da: Morisoli Rouven Inviato: lunedì, 19. novembre :56 A: 'Giancarlo Beltrami' Oggetto: R: Importazione auto Egregio Signor Beltrami, con riferimento alla sua richiesta, le comunico che la differenza di imposta è dovuta al fatto che la categoria energetica dei 2 veicoli è la stessa. Il Veicolo TI è di categoria energetica G, mentre il TI è di categoria energetica F. Questo è dovuto al fatto che la categoria energetica viene calcolata in base al consumo medio del veicolo (per entrambi i veicoli 8.6 l/100 km), il carburante (entrambi diesel) e il peso a vuoto (per la TI kg 1933 e per la TI kg 2075). Di conseguenza essendo il peso a vuoto differente anche il coefficiente dei veicolo non è lo stesso, ad un veicolo viene assegnata la categoria F e all'altro la G. Il signor Morisoli, Capo Servizio Immatricolazioni, mi ha anche trasmesso le tabelle di calcolo da loro

36 36 utilizzate (vedi Icona Excel). Calcolo dell'efficienza energetica 2012 (estratto).xls => Icona Excel (2clic), appaiono le tabelle TI 41773, consumo diesel 7,7 l/100 km (equivalente benzina 8,6 l/100 km), peso a vuoto 2075 kg => casella H 21 (clic) In alto, a sinistra, nella barra della formula,dopo f x (clic), inserire il consumo, 8,6 => casella H22 (clic) In alto, a sinistra, nella medesima barra,dopo f x (clic), inserire il peso a vuoto, 2075 Appare il coefficiente di valutazione BWZi 539,91253 <570,87 quindi Categoria F TI , consumo 7,7 l/100 km (equivalente benzina 8,6 l/100 km), peso a vuoto 1933 kg Con il medesimo procedimento Appare il coefficiente di valutazione BWZi 588,20838 > 570,87 quindi Categoria G Imposta di circolazione 2012 Siccome l' Imposta di circolazione nel Canton Ticino si calcola con la formula: N.B. Formula valida fino al E inoltre A partire dal Per l immatricolazione di nuove automobili, a questa formula è stato aggiunto un coefficiente bonus/malus (K), secondo i seguenti criteri: Bonus Se l automobile è contrassegnata con l etichetta Energia A, le emissioni di CO2 sono inferiori o uguali a 140 g/km, e (se diesel) ha il filtro antiparticolato di serie

37 37 paga il 50% dell imposta di circolazione di base e questo anche per i due anni successivi all anno della prima immatricolazione, anche se nel frattempo la categoria energetica del veicolo dovesse cambiare. N.B: Se durante questo periodo il veicolo cambia detentore, la protezione del bonus viene a decadere e di conseguenza se il veicolo ha cambiato categoria energetica, a quest'ultimo verrebbe attribuita la nuova categoria energetica. Malus Le automobili contrassegnate con l etichetta Energia F pagano un supplemento d imposta del 20% le automobili contrassegnate con l etichetta Energia G pagano un supplemento d imposta del 50% L imposta delle automobili inserite nelle altre categorie (A senza filtro, oppure CO 2 > 140, B, C, D, E) non subisce modifiche. Per la JEEP WRANGLER CRD TI 41773, 147 kw, peso a vuoto 2075 kg, peso totale 2506kg, importazione diretta, usata, codice d'emissione B5a (prima messa in circolazione ), sulla licenza di circolazione non figura il N x 147 = fr, quello che avrebbe pagato fino al malus 50% per categoria F, ossia fr x 1,5 = fr (quello che ha pagato nel 2012) Per la JEEP WRANGLER CRD TI , 147 kw, peso a vuoto 1933 kg, peso totale 2506kg, importazione diretta, usata, codice d'emissione B5a (prima messa in circolazione ), sulla licenza di circolazione non figura il N. AT. di approvazione del tipo, pertanto non è possibile allestire l'etichetta energia con il formulario sopraccitato x 147 = fr, quello che avrebbe pagato fino al malus 50% per categoria G, ossia fr x 1,2 = fr (quello che ha pagato nel 2012) Energia grigia Si chiama energia grigia l energia nascosta di un prodotto (o di un servizio) che serve per la fabbricazione, l imballaggio, la distribuzione e infine lo smaltimento del prodotto stesso. Più a lungo ci serviamo di un oggetto e meglio ne sfruttiamo l'energia grigia. Il ciclo vitale di un prodotto è quindi d'importanza fondamentale. Prestando attenzione a questo aspetto - ossia acquistando prodotti di lunga durata, facendoli riparare o riciclandoli - possiamo contribuire direttamente alla protezione dell'ambiente.

38 TCS svizzero - Prescrizioni sulle emissioni di CO 2 dal 1 luglio 2012 Ripercussioni sull acquisto di nuovi veicoli «A partire dal 1 luglio 2012 vigeranno regole più severe: se, a decorrere da tale data, le emissioni di CO2 delle automobili di un importatore messe in circolazione per la prima volta supereranno la media dell obiettivo individuale fissato, detto importatore dovrà pagare una sanzione.» Così è sancito nel comunicato stampa dell Ufficio federale dell energia UFE del 5 aprile La Confederazione fattura all importatore, non a chi acquista il veicolo. La sanzione «è da intendersi come tassa incentiva intesa a far sì che l importatore si adoperi per migliorare in tempi brevi la propria flotta di veicoli.» Comunicato stampa UFE, 16 dicembre Per ulteriori informazioni su queste prescrizioni visitare il sito: CO2. L UFE prevede tasse per sanzioni L importatore cercherà di raggiungere il «suo» obiettivo attuando le seguenti misure: importando e off rendo un numero inferiore di modelli con emissioni elevate di CO2; importando determinati modelli non più in parte nella versione con motore nella versione con motore diesel; immatricolando in Svizzera ancora un certo numero di «determinati» modelli con motore a benzina di grossa cilindrata applicando un aumento di prezzo sui modelli con emissioni elevate di CO2, così da scaricare eventuali sanzioni sui clienti. Dal 1 luglio, su alcuni modelli si prevedono aumenti di prezzi. Ripercussioni sull acquisto di veicoli di nuova immatricolazione Il TCS parte dal presupposto che non tutti i grandi importatori raggiungono il valore limite previsto per le emissioni di CO2 e continuano a non essere soggetti al pagamento di sanzioni. Gli importatori, che sono tenuti a (devono) pagare una di sanzione per le emissioni di CO2, cercheranno di scaricarla sui clienti. Certi modelli di SUV, grandi auto familiari o modelli sportivi ad alte prestazioni con emissioni elevate di CO2 diventano ancora più cari. A seconda del peso del veicolo e della fascia di prezzo, il TCS ha previsto aumenti di prezzo a partire dal 1 luglio 2012 per i veicoli con emissioni di CO2 superiori a 200 g/km di fi no al 10% del prezzo del veicolo, in alcuni casi anche maggiori. Presumibilmente, il prezzo dei modelli con basse emissioni di CO2 non aumenterà, in quanto questi modelli non sono soggetti al pagamento di alcuna sanzione, neanche in caso di importazione diretta. L importatore «ufficiale» dovrebbe avere meno interesse che questi modelli necessari per il raggiungimento degli obiettivi vengano importati e immatricolati in Svizzera al di fuori della sua rete commerciale perché in questo modo essi non contribuiscono al raggiungimento dei suoi obiettivi. Nella pratica, il valore limite fisso per le emissioni di CO2 pari a 130 g/km non vale per tutti i veicoli. Per le auto leggere, il valore limite è inferiore, per quelle pesanti è superiore. Quindi, è possibile che per un autovettura con emissioni di CO2 inferiori a 130 g/km debba essere comunque applicata una sanzione. Contratto d acquisto Molti contratti d acquisto per veicoli di nuova immatricolazione contengono una restrizione all adeguamento del prezzo di vendita in caso di tempi di consegna lunghi, cioè nei casi in cui tra la sottoscrizione del contratto e il termine di consegna il prezzo di catalogo del veicolo subisce delle modifiche. Esempio: «in caso di modifiche e se tra la sottoscrizione del contratto e il termine di consegna concordato intercorre un lasso di tempo di più di.mesi (se non specificato, 3 mesi), l azienda ha il diritto e l obbligo di modificare il prezzo in pari misura all aumento o alla riduzione del prezzo di catalogo.» Il prezzo dei veicoli nuovi in Svizzera è diminuito negli ultimi mesi grazie al cambio favorevole fra Euro e franco svizzero. In caso di problemi di stoccaggio, è tuttavia possibile che, a causa di un ritardo nella consegna, il venditore desideri applicare un prezzo maggiorato a causa della sanzione CO 2. Non è chiaro se un aumento di prezzo a posteriori sia sempre conforme alla legge. Altre indicazioni Non sono soggette a sanzioni le autovetture che vengono immatricolate per la prima volta all estero e che vengono importate in Svizzera soltanto dopo 6 mesi. In caso di violazioni, l UFE ha deciso di portare questo lasso di tempo a 1 anno, tuttavia per il momento valgono i 6 mesi. Pertanto, il numero di importazioni dirette di veicoli di nuova immatricolazione dovrebbe diminuire, quello delle importazioni di occasioni di recente immatricolazione dovrebbe aumentare. Sia i privati sia i grandi importatori possono scegliere la via per aggirare la sanzione sulle emissioni di CO2, le cosiddette «vetture dimostrative» o le «auto dell anno». Vi sono anche autofficine aperte, che si confermano come importatori paralleli. 38

39 39 CONCLUSIONE E RACCOMANDAZIONI Chi al momento dell acquisto di un veicolo di nuova immatricolazione emette un cosiddetto «ordine», che quasi sempre è associato ad un termine di consegna di alcune settimane, nel contratto dovrebbe considerare la possibilità di concordare un prezzo d acquisto garantito che non subirà aumenti a posteriori neanche in caso di ritardo della consegna. Chi acquista un veicolo di nuova immatricolazione di importazione diretta, non ancora immatricolato in Svizzera (cioè privo del libretto di circolazione grigio), da un rivenditore dopo il 1 luglio 2012, dovrà chiarire se un eventuale sanzione per le emissioni di CO2 è inclusa nel prezzo d acquisto o è già stata pagata. Determinante a talfi ne non è la data di importazione, bensì la data della prima immatricolazione presso l Ufficio della circolazione. Dal 1 luglio 2012 sono vietati l acquisto e il commercio di auto con emissioni elevate di CO2. Il prezzo di alcuni modelli aumenterà o la loro importazione comporterà costi molto elevati. TCS svizzero g/km di CO 2 nel 2015: obiettivo giusto, legge imperfetta Vernier, 24 maggio Dal 1. luglio prossimo, la vendita di auto nuove verrà scombussolata da grossi cambiamenti. La causa? La nuova legge sul CO 2. Se l'obiettivo di ridurre le emissioni a effetto serra è condiviso da tutti, l'applicazione della nuova legge appare problematica: le conseguenze saranno la mancanza di trasparenza per i consumatori, la limitata scelta del canale di vendita e il rincaro delle vetture familiari. Il mercato dell'occasione sarà il principale beneficiario di questo provvedimento, unitamente al fondo infrastrutturale. Dal 1. luglio 2012, una serie di sorprese attende chi si accinge ad acquistare un veicolo nuovo. Tutte le automobili nuove immatricolate a partire da quella data saranno infatti sottoposte alla nuova ordinanza, secondo la quale le emissioni di CO 2 dei veicoli, dalla fine del 2015, dovrà essere ridotta mediamente a 130 grammi per chilometro. È già sin d'ora stato fissato un valore limite per ogni importatore. Quest ultimo dovrà rispettarlo con la media delle emissioni di tutti i veicoli nuovi da lui immatricolati in Svizzera, se non vorrà pagare una multa. La sanzione scatta per ogni veicolo importato in Svizzera che supera la soglia d'emissioni prevista. Così, per la diffusione nell ambiente del primo grammo supplementare di CO 2 si tratterà di pagare CHF Per il secondo grammo in più si sale a CHF 22.50, per il terzo a CHF e, a partire dal quarto, per ogni grammo in più CHF Gli importatori hanno la possibilità di compensare internamente le maggiori emissioni delle grosse vetture familiari con quelle inferiori delle piccole auto.

40 40 Il TCS sostiene la riduzione del CO 2 Sin dall'inizio, il TCS ha sostenuto il principio di obbligare i costruttori di automobili a ridurre le emissioni di CO 2. Si tratta di un mezzo efficace per lottare contro le emissioni a effetto serra, senza che i consumatori vengano direttamente penalizzati. Di conseguenza, il TCS sosterrà ogni iniziativa della Svizzera volta a un allineamento su un obiettivo più ambizioso dell'unione europea (per esempio 95 g/km di CO 2 nel 2020). In quest'ambito, il TCS avrebbe preferito che il mercato svizzero fosse integrato nel sistema europeo di compensazione del CO 2 (sistema 27+1), ciò che avrebbe permesso ai costruttori, nell'ottica di uno sforzo comune di riduzione delle emissioni di CO 2, di inglobare il piccolo quantitativo di automobili vendute in Svizzera (ca. 300'000 veicoli/anno) nel volume dell'ue (16 milioni veicoli/anno). In questo contesto occorre ricordare che la tendenza verso una forte riduzione del CO 2 è in corso da anni grazie a varie misure incitative (189 g/km nel 2005, 161 nel 2010, 155 nel 2011). Secondo le previsioni del TCS, alla fine del 2015 sarebbe comunque stata raggiunta una media di 132 e 135 grammi di CO 2. Mancanza di trasparenza per il consumatore Il sistema d'applicazione della nuova legge varata in Svizzera lascia tuttavia perplessi. Infatti, sono gli importatori, attraverso le tasse, a dover pagare lo scotto quando i grammi di CO 2 in eccesso non saranno compensati nell'ambito della loro gamma di veicoli o di un gruppo di marche. Di conseguenza, in Svizzera i consumatori non potranno verificare l impatto della tassa sul prezzo del veicolo (mancanza di trasparenza), diversamente, per esempio, dalla tassa per il riciclaggio degli elettrodomestici. Inoltre, non beneficeranno di alcun «bonus» per l'acquisto di un veicolo che emette meno di 130 g/km di CO 2. In questo modo, il nuovo sistema non favorisce gli acquisti ecologici, bensì svantaggia ingiustamente le grandi vetture familiari, poche delle quali, per il momento, emettono meno di 130 g/km di CO 2. Inoltre, secondo il TCS l'applicazione del nuovo regime potrebbe provocare oscillazioni di prezzo più ampie, rispetto a quelle attuali. Per raggiungere il valore limite, gli importatori dovranno infatti adattare la loro offerta in funzione dei risultati di emissione intermedi. Durante l'intero anno, sono prevedibili prezzi di vendita differenziati, come pure promozioni commerciali su vasta scala o, addirittura, l'immatricolazione massiccia di auto nuove a fine anno.

41 41 Restrizione della libera scelta dei consumatori Anche se resterà possibile importare direttamente dopo il 1. luglio, il consumatore sarà costretto a rispettare una procedura burocratica particolarmente lunga e fastidiosa. L'Ufficio federale delle strade (USTRA) fungerà da centrale d'incasso della tassa. Quest'ufficio calcolerà l'importo, invierà la fattura, incasserà i soldi e rilascerà un documento che consentirà l'immatricolazione presso un ufficio cantonale della circolazione. Non va dimenticato che questa procedura (senza il pagamento) è prevista anche per i veicoli che emettono meno di 130 g/km di CO 2 e che la stessa si aggiunge alla prassi attualmente in vigore per l'importazione diretta. Questo percorso a ostacoli scoraggerà più di un consumatore, tanto più che le emissioni eccedentarie non potranno essere compensate con un altro veicolo importato, com'è invece il caso per un importatore ufficiale. È dunque prevedibile un forte calo dell'importazione diretta. Conseguenze per il mercato del nuovo e dell'usato Dato che i consumatori e i costruttori hanno anticipato l'introduzione di questa nuova norma, il mercato delle auto nuove continuerà certamente ad aumentare fino al prossimo in giugno, per poi diminuire nella seconda metà dell'anno. Dal 1. luglio 2012, il mercato delle occasioni registrerà invece un periodo di alta congiuntura. Veicoli con emissioni di CO 2 superiori ai 130 g/km conserveranno infatti un valore elevato sul mercato dell'usato, dato che il veicolo nuovo paragonabile, a partire da tale data, sarà colpito da una tassa di svariate migliaia di franchi. Questo fenomeno si protrarrà per alcuni mesi dall'introduzione delle nuove regole. Consigli per i consumatori Il TCS s'impegna per informare i suoi soci e i consumatori in generale sulle conseguenze di questa nuova legge. Da subito è disponibile una pagina Internet completa con tutte le informazioni del caso, come pure utili link, all'indirizzo La fase transitoria è particolarmente delicata, dato che i veicoli ordinati nel corso del primo semestre 2012 e forniti dopo il 1. Luglio 2012 (per esempio a causa di ritardi nella produzione), saranno inevitabilmente sottoposti alla tassa CO 2. Dato che il prezzo di vendita può variare verso l alto o il basso in funzione del raggiungimento dell obbiettivo di riduzione del CO 2 da parte dell importatore, i consumatori devono decidere al momento della firma del contratto di acquisto se prendono il rischio di avere un aumento o una diminuzione del prezzo di vendita. Inoltre, si consiglia di controllare che la tassa CO 2 sia correttamente percepita anche per l'acquisto di un'automobile d'occasione, che ha meno di 6 mesi. Infatti, i veicoli d'occasione importati direttamente soggiacciono alla tassa fino a 6 mesi dopo la prima immatricolazione. In FAQ

42 42 Unione professionale svizzera dell'automobile UPSA Informazioni utili sulle disposizioni in materia di CO 2 Dal 1 luglio 2012 si fa sul serio, i veicoli leggeri nuovi potranno essere immatricolati solamente se non supereranno il valore auspicato di emissioni di CO 2 oppure previo pagamento di una relativa sanzione. Privati e piccoli importatori dovranno versare tale tassa all Ufficio federale delle strade. I grandi importatori, per contro, riceveranno da parte dell Ufficio federale dell energia un rendiconto complessivo per tutti i veicoli immessi in circolazione. Occorre tenere presente che ogni veicolo e ogni flotta di veicoli presenta un obiettivo di emissioni specifico che in parte differisce notevolmente dal valore medio auspicato di 130 g CO 2 /km. Per ridurre a medio e lungo termine le emissioni di CO 2 prodotte dal traffico individuale motorizzato, la Svizzera ha deciso di fare propri gli obiettivi dell UE per l abbattimento di questo gas serra. In una prima fase, fino al 2015, le emissioni medie di CO 2 dei veicoli leggeri di nuova immatricolazione dovranno essere ridotte a 130 grammi per chilometro. Per raggiungere questo ambizioso obiettivo alla fine del 2010 le emissioni medie di CO 2 in Svizzera erano ancora pari a 161 g/km l introduzione del regolamento avverrà in maniera graduale. Le necessarie basi giuridiche entreranno in vigore già dal 1 maggio e a partire dal 1 luglio 2012 varranno poi per tutti i veicoli nuovi immatricolati per la prima volta in Svizzera. Le tasse eventualmente dovute dovranno essere versate già a metà di quest anno. Quali veicoli sono interessati da una sanzione Fondamentalmente sono tenuti a pagare una sanzione tutti i veicoli leggeri immatricolati in Svizzera a partire dal 1 luglio 2012 che superano il proprio specifico obiettivo di emissioni di CO 2. A essere determinante è la data di immatricolazione e non quella di sdoganamento, motivo per cui saranno interessati anche i veicoli attualmente già importati e disponibili a magazzino ma che verranno immatricolati dopo il 29 giugno I veicoli con emissioni di CO 2 superiori dovrebbero quindi essere registrati presso l ufficio della circolazione entro i mesi di maggio e giugno. Per evitare inutili attese, si raccomanda di provvedere al più presto a questa operazione. La determinazione dell obiettivo specifico di emissioni avviene sulla base del valore auspicato medio di CO 2, pari a 130 g/km, e del peso a vuoto. Per i veicoli leggeri il valore da rispettare è quindi più basso rispetto ai veicoli pesanti. Come valore di riferimento, al momento viene considerato il peso a vuoto medio dell anno 2010, pari a 1453 kg. Grandi importatori e piccoli importatori Sono considerati grandi importatori le società che vantano almeno 50 (25 per il 2012) veicoli leggeri importati e immatricolati in un anno. Per queste ultime l obiettivo specifico di emissioni non viene stabilito sulla base di un singolo veicolo ma considerando l intera flotta immessa in circolazione. In questo modo i veicoli con emissioni di CO 2 relativamente elevate possono essere compensati da quelli con valori più bassi. Le aziende che non raggiungono da sole la soglia di 50 veicoli leggeri importati e immatricolati in un anno possono unirsi con altri piccoli importatori per formare un raggruppamento o farsi cedere da altre concessionarie determinati veicoli. I potenziali grandi importatori possono richiedere di essere registrati provvisoriamente come tali presso l Ufficio federale dell energia entro la fine di maggio Lo stesso vale anche per le concessionarie che, pur importando 50 o più veicoli, non dispongono di un proprio codice di approvazione del tipo. Importante: se un grande importatore registrato non raggiunge la soglia di 50 veicoli leggeri, riceverà un rendiconto posticipato per ciascun singolo veicolo e sarà nuovamente considerato piccolo importatore. In questo modo decade anche la possibilità di compensazione. A quanto ammonta la sanzione? Per il periodo da luglio alla fine del 2012, deve raggiungere l obiettivo specifico per la flotta di un grande importatore il 65% dei veicoli che compongono la stessa, scelto fra quelli con i migliori valori sotto il profilo delle emissioni. In caso di superamento, la sanzione da versare per ciascun veicolo ammonterà a CHF 7.50 per il primo grammo, CHF per il secondo e CHF per il terzo. Per il quarto grammo e per ciascuno dei successivi saranno addebitati CHF Ad esempio, un grande importatore con un totale annuo pari a nuovi veicoli immatricolati e un superamento di 5 grammi dovrà pagare una tassa pari a CHF per veicolo, ovvero un totale di 3,5 milioni di franchi. Per i piccoli importatori la sanzione può essere calcolata direttamente sulla base dei dati sulle emissioni di

43 43 CO 2 e sul peso del singolo veicolo. Diversamente dai grandi importatori, l obiettivo parziale del 65% non si riferisce alle emissioni di CO 2, ma viene considerato sotto forma di "sconto" del 35% sulla sanzione calcolata. Se l obiettivo specifico di emissioni viene superato di 5 grammi, la sanzione per i piccoli importatori ammonta dunque a CHF Procedura di immatricolazione Per quanto riguarda l acquisto di veicoli tramite un grande importatore non vi è alcun cambiamento nella procedura di immatricolazione presso l ufficio della circolazione. Un'eventuale sanzione per il CO 2 sui veicoli immatricolati viene addebitata direttamente al grande importatore. La situazione è invece diversa per i piccoli importatori. Prima dell immatricolazione, i relativi documenti (ad es. modulo A o conferma di conformità CoC) devono essere inviati per posta all Ufficio federale delle strade (USTRA). L USTRA calcola quindi l ammontare dell obiettivo specifico di emissioni e addebita l eventuale sanzione. A pagamento avvenuto, il piccolo importatore riceve il modulo A timbrato. Solo a questo punto è possibile registrare il veicolo presso l ufficio cantonale della circolazione. Caso speciale: piccoli produttori e produttori di nicchia I produttori con meno di veicoli immatricolati all anno sono considerati dall UE come piccoli produttori. In questa categoria rientrano fra gli altri Aston Martin, Ssangyong, Lotus e Ferrari. Per loro valgono requisiti meno rigidi per quanto riguarda le emissioni di CO 2, con valori auspicati compresi fra i 180 e i 400 g CO 2 /km. Sono invece considerati produttori di nicchia Subaru e i gruppi di marchi legati a Tata, Jaguar e Land Rover, che nell UE immatricolano fra i e i veicoli ogni anno. Per questa categoria l obiettivo di emissioni ammonta a 165 o 178 grammi. Per ottenere il riconoscimento di piccolo produttore o produttore di nicchia, i produttori devono presentare un apposita richiesta alla Commissione europea. In caso di immatricolazione in Svizzera vengono parimenti applicati gli obiettivi validi nell UE. Caso speciale: motori alternativi In Svizzera il metano è composto per almeno il 10% da biogas. Tale quota viene detratta dalle normali emissioni di CO 2 del veicolo in questione e confluisce dunque come valore di correzione nel calcolo di un'eventuale sanzione. In caso di immatricolazione di un veicolo a emissioni particolarmente ridotte (inferiori ai 50 g CO 2 /km), un grande importatore può approfittare di un conteggio multiplo dello stesso. Nel 2012 questi veicoli verranno calcolati 3,5 volte e potranno quindi contribuire a ridurre le emissioni medie di CO 2. Per maggiori informazioni: Aperçu sur la taxe CO2 Ribassi sui premi assicurativi per i veicoli energeticamente efficienti Un numero sempre maggiore di assicurazioni concede ai veicoli energeticamente efficienti o a basso consumo dei ribassi sui premi. L Agenzia EcoCar, su commissione di SvizzeraEnergia, ha creato un elenco dei ribassi concessi dalle assicurazioni. Tutti i dati della lista sono senza garanzia. Per domande o informazioni siete pregati di rivolgervi direttamente alle rispettive assicurazioni. Eventuali modifiche riguardanti l elenco sono da segnalare all Agenzia EcoCar: Agenzia EcoCar Via Angelo Maspoli Mendrisio Tel.: +41 (0) Fax.: +41 (0) Ultimo aggiornamento: / infovel.ch

44 44 DATEC,UFE,Sezione Efficienza energetica, luglio 2012 UFE - Calcolo delle sanzioni per i grandi importatori Se l'obiettivo individuale delle emissioni medie di CO2 della flotta di nuove automobili di un grande importatore non è raggiunto, questi è tenuto a pagare una sanzione. Per calcolare l'ammontare delia sanzione, i grandi importatori ufficiali e quelli con statuto provvisorio, come pure i raggruppamenti di importatori, possono utilizzare l'esempio di calcolo sotto "Documenti utili" (vedi sotto). Per i grandi importatori manca attualmente uno strumento di calcolo specifico.

45 45 Esempio di calcolo delle sanzioni per le emissioni di CO2 per i grandi importatori e i raggruppamenti Questo esempio di calcolo vale soltanto per l'anno A. CALCOLO DEGLI OBIETTIVI DI CO2 1. Stilare un elenco di tutte le automobili di un importatore, o di un raggruppamento, immatricolate per la prima volta nell'anno di riferimento 2. Calcolare il peso a vuoto medio. Ogni automobile è presa in considerazione una volta (continuare il calcolo con cifre non arrotondate) 3. Ricavare il valore Mt-2 dall'ordinanza Per il 2012: Mt-2 = M2010 = kg Per il 2013: Mt-2 = M2011 = kg 4. Calcolare l'obiettivo specifico dell'importatore; esempio: ,0457 x (m kg). Continuare il calcolo con cifre non arrotondate! Obiettivo di CO2 = ,0457 x (1410, kg) = 128,056 g/km U:\Teams\CO2_Vollzug\Internet\Berechnungsbeispiel\Berechnungsbsp_GI_it.doc

46 46 B. CALCOLO DELLE EMISSIONI MEDIE DI CO2 DELLA FLOTTA 1. Classificare le automobili immatricolate per la prima volta secondo il livello delle emissioni di CO2 2. Contare le automobili immatricolate di un importatore 3. Determinare la flotta di automobili rilevante per il calcolo delle emissioni medie di CO2 (2012: 65% del numero di automobili) 65% di 110 = 71,5 4. Arrotondare a una cifra intera verso l'alto 71,5 --> Indicare in un elenco separato la quota delle automobili (72) con le emissioni di CO2 più basse U:\Teams\CO2_Vollzug\Internet\Berechnungsbeispiel\Berechnungsbsp_GI_it.doc 6. Adeguare le emissioni di CO2 delle automobili munite di un COC (Certificate of Conformity) valido (incl. la presa in conto delle innovazioni ecologiche approvate dalla Commissione europea), e delle vetture con motore a gas naturale, allo scopo di considerare la quota biogena nella miscela di gas (2012: 10%)

47 47 7. Per il calcolo delle emissioni medie di CO2 tenere conto di automobili ponderate più volte (2012: fattore di ponderazione 3,5 per automobili con CO2 < 50 g/km) 8. Calcolare le emissioni di CO2 medie corrette delle automobili. Continuare il calcolo con cifre non arrotondate! = TOTALE (emissioni di CO2 di tutte le automobili) / TOTALE (numero di automobili (ponderato per CO2 < 50 g/km)) = / 97 = 132,680 Emissioni di CO2 medie corrette = 132,680 g/km C. CALCOLO DELLA SANZIONE 1. Calcolare l'obiettivo non raggiunto Obiettivo non raggiunto = emissioni medie di CO2 - obiettivo specifico Obiettivo non raggiunto = 132, ,056 = 4,624 g/km 2. Arrotondare l'obiettivo non raggiunto a una cifra intera verso il basso Obiettivo non raggiunto = 4 g/km 3. Calcolare la sanzione per veicolo Sanzione per veicolo = 7,5 + 22,5 + 37,5 + (4-3) x 142,5 = 210 fr. 4. Calcolare la sanzione per tutti i veicoli Moltiplicare la sanzione di un veicolo per il numero complessivo di veicoli: Sanzione totale per tutti i veicoli = 210 fr. * 110 automobili = fr.

48 DATEC,UFE 1 marzo 2011 Nel 2012 si applicano obiettivi specifici per le marche di piccoli costruttori e costruttori di nicchia secondo l'articolo 14 capoverso 2 dell'ordinanza del 16 dicembre 2011 sulla riduzione delle emissioni di CO2 delle automobili I piccoli costruttori di automobili che, nell'unione europea (UE), immatricolano per la prima volta meno di automobili all'anno e i costruttori di nicchia che immatricolano per la prima volta un numero di veicoli compreso tra e un massimo di all'anno, nell'ue possono chiedere che venga fissato un obiettivo specifico. Tale obiettivo deve essere approvato dalla Commissione europea. La normativa svizzera prevede di applicare gli obiettivi per costruttori piccoli e di nicchia ai grandi e piccoli imporatori. 1 Costruttori di nicchia 48

49 49 2 Piccoli costruttori Fonte: Decisioni di esecuzione della Commissione europea C(2011) 8336 final del , C(2011) 8334 final del e C(2011) 9345 final del Lodevole Consiglio federale 3003 Berna Petizione (art. 33 della Costituzione federale) Sostituzione delle tasse cantonali di circolazione per veicoli a motore con tasse sulla benzina Onorevole signor Presidente,

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA

COSTI ANNUI NON PROPORZIONALI ALLA PERCORRENZA CONSIDERAZIONI METODOLOGICHE Per "costo di esercizio del veicolo", è inteso l'insieme delle spese che l'automobilista sostiene per l'uso del veicolo, più le quote di ammortamento (quota capitale e quota

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"?

Seggiolini auto: dov è il vantaggio per le famiglie? Ufficio stampa del TCS Vernier Tel +41 58 827 27 16 Fax +41 58 827 51 24 www.pressetcs.ch Comunicato stampa Seggiolini auto: dov è il "vantaggio per le famiglie"? Emmen, 15 novembre 2012. Il test del TCS

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING

STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING STUDIO DELL'UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI SUL CAR SHARING L'Unione Nazionale Consumatori ha condotto uno studio sul car sharing (dall'inglese car, automobile e il verbo to share, condividere ), ossia sull'uso

Dettagli

: il metano ha messo il turbo

: il metano ha messo il turbo Torino, 14 Giugno 2010 Nuovo DOBLO : il metano ha messo il turbo A pochi mesi dal lancio commerciale, Nuovo DOBLO ha già raggiunto la leadership nel segmento delle vetture multi spazio, riscuotendo un

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Accendi le luci. Ora anche di giorno.

Accendi le luci. Ora anche di giorno. Accendi le luci. Ora anche di giorno. Più luce, maggiore sicurezza. I veicoli che circolano con le luci anabbaglianti o di marcia diurna accese vengono riconosciuti prima, riducendo così notevolmente il

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da

LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE PRESTAZIONI. Prodotto e distribuito in Italia da LUBRIFICANTI TOTAL L'INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLE Prodotto e distribuito in Italia da EMISSIONI INQUINANTI: EVOLUZIONE EUROPEA DEI LIMITI REGOLAMENTARI LIMITI ALLE EMISSIONI INQUINANTI HC g/km Euro 2

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr)

Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) 3.6. Accordo intercantonale sui contributi alle spese di formazione nelle scuole professionali di base (Accordo sulle scuole professionali di base, ASPr) del 22 giugno 2006 I. Disposizioni generali Art.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero

Immatricolazione dei veicoli provenienti dall estero Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento Per I Trasporti Terrestri E Per I Sistemi Informativi E Statistici Ufficio di Coordinamento per la Lombardia Circolare interna n. 1 Milano 18/04/2004

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Ufficio delle Dogane di Ferrara Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Relatore: Simona Palazzi Ferrara, 16 settembre 2014 INDICE 1. L agevolazione fiscale - Genesi ed evoluzione

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES. BMW Financial Services Piacere di guidare UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING BMW FINANCIAL SERVICES. CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia da lei riposta in BMW Financial Services

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Nuova Passat Nuova Passat Variant

Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat Nuova Passat Variant Nuova Passat. La più innovativa di sempre. Da sempre punto di riferimento della categoria per tecnologia e funzionalità, Nuova Passat definisce ancora una volta gli standard

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008

08.037. Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo. del 14 maggio 2008 08.037 Messaggio sui contributi della Confederazione per far fronte ai danni causati dal maltempo del 2005 nel Cantone di Obvaldo del 14 maggio 2008 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING.

UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. UN CORDIALE BENVENUTO DAL SUO PARTNER PER IL LEASING. mini financial services CONGRATULAZIONI. Grazie mille per la fiducia riposta in MINI Financial Services e congratulazioni per l acquisto della sua

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli