GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L."

Transcript

1 PROGETTO CO-FINANZIATO DA REALIZZATO DAL CONSULENTE ESTERNO INCARICATO (COME DA BANDO): GREEN INNOVATION S.R.L. DOTT.SSA ING. FEDERICA LUNGHI VERIFICATO DA CERTIQUALITY S.R.L. PROGETTO DI: GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L. TITOLO: CARBON FOOTPRINT PER SACCHETTO BIODEGRADABILE E COMPOSTABILE EXTERNAL COMMUNICATION REPORT DATA I EMISSIONE: 05 DICEMBRE 2013 PROTOCOLLO CFP ER A03 DATA I REVISIONE: 20 GENNAIO 2014

2 INDICE INTRODUZIONE... 4 CONTENUTI... 4 A. INFORMAZIONI GENERALI E CONTATTI... 4 B. NOME E DESCRIZIONE DEL PRODOTTO... 5 C. UNITÀ FUNZIONALE DEL SISTEMA PRODOTTO E FLUSSO DI RIFERIMENTO. 6 D. TIPO DI CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO... 6 E. PCR... 6 F. ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ SULLE RILEVANTI LIMITAZIONI DEI VARI USI POTENZIALI, IN ACCORDO CON L ALLEGATO B ALLA ISO/TS G. DESCRIZIONE DELLE FASI DEL CICLO DI VITA INCLUSA UNA DESCRIZIONE DEI PROFILI DI UTILIZZO SELEZIONATI E DEGLI SCENARI DI FINE VITA, SE RILEVANTE... 7 LO SCHEMA IN FIGURA 2 ILLUSTRA IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO DI SEGUITO SONO DESCRITTE LE FASI DEL CICLO DI VITA G.1 Produzione delle materie prime... 7 G.2 Trasporto materie prime... 7 G.3 Processo Produttivo... 8 G.4 Logistica (Distribuzione del prodotto)... 8 G.5 Uso e Fine vita... 8 H. CONFINI DEL SISTEMA, INCLUSI I CRITERI DI CUT-OFF /17

3 I. ESCLUSIONI E LORO MOTIVAZIONI... 9 J. CONFINI TEMPORALI... 9 K. DESCRIZIONE DEI DATI PRIMARI E SECONDARI... 9 L. RISULTATI DELL INVENTARIO DEL CICLO DI VITA IN UNITA DI CO2E PER UNITA FUNZIONALE DI SISTEMA PRODOTTO CHE INCLUDA TUTTE LE EMISSIONI DI GAS SERRA M. EMISSIONI E RIMOZIONI DI GHG COLLEGATE ALLE FASI DEL CICLO DI VITA IN CUI AVVENGONO INCLUSO IL CONTRIBUTO RELATIVO ED ASSOLUTO DI CIASCUNA FASE DEL CICLO DI VITA M.1 Contributo processi N. O, P, Q, EMISSIONI E RIMOZIONI DI GHG DA FONTI DI CARBONIO, DA FONTI DI CARBONIO BIOGENICO, DA LUC, DA TRASPORTO AEREO R. INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI (ANALISI DI SENSITIVITA ED INCERTEZZA), INCLUSE CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI R.1 Analisi di incertezza del risultato totale con analisi di Monte Carlo R.2 Analisi di sensitività R.3 Interpretazione R.4 Conclusioni e raccomandazioni RACCOMANDAZIONI PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI PROCESSI DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO CHE DESCRIVANO I CONFINI DEL SISTEMA ED IL CONTRIBUTO ALLA CFP GLOSSARIO /17

4 INTRODUZIONE Il presente CFP External Communication Report è basato sul CFP Study Report Prot. N. CFP SR 013-A04 del 30/10/2013 relativo al prodotto Sacchetto biodegradabile e compostabile. La critical review sullo study report è stata condotta contestualmente alla third party verification del presente rapporto a cura di Certiquality S.r.l. in data 10 e 11/12/2013. Critical Review condotta da Certiquality S.r.l. in accordo con la ISO/TS Third party verification condotta da Certiquality S.r.l. in accordo con la ISO/TS CFP External Communication Report e CFP Study Report a cura di: Dott.ssa Ing. Federica Lunghi, Presidente Green Innovation Srl Contatti: Uffici via dei Mugnai n. 1/A Santa Maria degli Angeli di Assisi (PG) tel. (+39) Fax (+39) mobile: (+39) CONTENUTI I contenuti del presente CFP External Communication Report sono quelli stabiliti dalla norma ISO/TS al punto A. INFORMAZIONI GENERALI E CONTATTI Azienda GRUPPO POLIGRAFICO TIBERINO S.R.L. Indirizzo sede amministrativa Via Ponchielli 30 Loc. Ellera, Corciano (PG) CAP: Telefono: (+39) Fax: (+39) Web: Responsabile Ing. Massimiliano Brilli Responsabile CFP Azienda responsabile CFP Ing. Federica Lunghi Green Innovation S.r.l. via dei Mugnai n. 1/A Santa Maria degli Angeli di Assisi (PG) Telefono / mobile: (+39) Fax: (+39) PEC Tabella 1: Informazioni Generali e Contatti 4/17

5 NOME E DESCRIZIONE DEL PRODOTTO NOME: Sacchetto biodegradabile e compostabile. Figura 1 Sacchetto biodegradabile e compostabile per uso alimentare con stampa con inchiostro verde del peso di 4 grammi. 5/17

6 Il Sacchetto biodegradabile e compostabile per uso alimentare del peso di 4 grammi è realizzato con Mater-Bi omissis prodotto da Novamont S.p.A. e su di esso sono riportate alcune informazioni stampate con inchiostro verde. Descrizione materie prime Sacchetto Quantità per u.f. (g) Mater-BI omissis 3.99 Inchiostro omissis Totale 4 Tabella 2: Descrizione materie prime del sacchetto biodegradabile compostabile B. UNITÀ FUNZIONALE DEL SISTEMA PRODOTTO E FLUSSO DI RIFERIMENTO L unità funzionale oggetto di studio è rappresentata dal singolo sacchetto biodegradabile e compostabile del peso di 4 g. C. TIPO DI CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO Completa: dalla culla alla tomba (cradle to grave). D. PCR Non disponibile E. ESCLUSIONE DI RESPONSABILITÀ SULLE RILEVANTI LIMITAZIONI DEI VARI USI POTENZIALI, IN ACCORDO CON L ALLEGATO B ALLA ISO/TS Limitazione derivante dalla focalizzazione su di un singolo indicatore ambientale (CO 2e ) e Limitazione derivante dalla metodologia applicata (ISO ) La carbon footprint è la somma delle emissioni e rimozioni di gas serra di un sistema prodotto, espressa in CO2 equivalente, relative all estrazione delle materie prime, alla produzione, all uso ed al fine vita del prodotto. La CFP è un singolo indicatore e non può rappresentare da solo l impatto ambientale complessivo di un prodotto. 6/17

7 La CFP si basa su di uno studio di Life Cycle Assessment (LCA), un metodo standardizzato a livello internazionale con le norme ISO e ISO I vincoli e le scelte richieste dall applicazione della metodologia possono influenzare i risultati e pertanto la valutazione deve essere accurata e completa. F. DESCRIZIONE DELLE FASI DEL CICLO DI VITA INCLUSA UNA DESCRIZIONE DEI PROFILI DI UTILIZZO SELEZIONATI E DEGLI SCENARI DI FINE VITA, SE RILEVANTE Lo schema in Figura 2 illustra il ciclo di vita del prodotto. CARTONE STRETCH CARTONE LINER DI POLIETILENE STRETCH STRETCH CARTONE (imballaggio, anima rotolo) STRETCH CARTONE (bobine) TANICA SCARTO FILM ESTRUSO CARTONE (imballaggio, anima rotoli) MATERBI (liner, stretch, cartone) Processo di estrusione BOBINE DIFILM ESTRUSO (stretch, cartone) INCHIOSTRO (tanica latta) Processo di stampa, taglio e saldatura ROTOLI DI SACCHETTI (cartone, strecth) Uso nel supermercato SACCHETTI Impianto compostaggio (70%) Discarica (30%) ACQUA ENERGIA ELETTRICA GASOLIO REFRIGERANTE R407C REFRIGERANTE R410A ENERGIA ELETTRICA Figura 2 Schema del ciclo di vita del prodotto Di seguito sono descritte le fasi del ciclo di vita. Premessa Il presente lavoro si riferisce ad una produzione pilota sperimentale e per la distribuzione ed il fine vita ci si riferisce ad uno scenario ipotetico. F.1 Produzione delle materie prime La produzione delle materie prime è a cura dei fornitori selezionati dall azienda. Il fornitore principale è Novamont S.p.A. che fornisce il Mater-Bi. I fornitori hanno sede in Italia. F.2 Trasporto materie prime Sono state indagate le modalità di trasporto e i luoghi di produzione delle materie prime tramite contatti diretti con gli stabilimenti produttivi ed i fornitori delle stesse. 7/17

8 F.3 Processo Produttivo Per la produzione del sacchetto biodegradabile e compostabile il Mater-Bi viene sottoposto a processo di estrusione dal quale si ottiene il film estruso che viene stampato, tagliato e sigillato. F.4 Logistica (Distribuzione del prodotto) La distribuzione del prodotto avviene attraverso un centro di distribuzione che rifornisce i punti vendita dislocati sul territorio. F.5 Uso e Fine vita La fase di uso consiste nell impiego dei sacchetti nel reparti ortofrutta dei punti vendita. Il sacchetto biodegradabile e compostabile viene utilizzato per acquistare frutta e verdura e trasportato dall utente finale. Lo scenario di fine vita ipotizzato nello studio prevede che il 70% dei sacchetti vengano smaltiti tramite raccolta differenziata dell organico e poi trasformati in compost e che il rimanente 30% sia invece smaltito come rifiuto indifferenziato in discarica. G. CONFINI DEL SISTEMA, INCLUSI I CRITERI DI CUT-OFF I confini del sistema sono dalla culla alla tomba (cradle-to-grave) e comprendono i processi di produzione delle materie prime, trasporto delle materie prime, produzione del prodotto, logistica (distribuzione del prodotto), uso del prodotto e fine vita (smaltimento). I confini geografici del sistema sono stati definiti in funzione del luogo di provenienza delle materie prime e per tale motivo sono limitati all Italia. Il prodotto è realizzato e distribuito in Italia. Non è stato necessario escludere alcun processo con regole di cut-off. La figura 3 a pagina seguente illustra graficamente i confini del sistema considerato. 8/17

9 Figura 3: Confini del sistema e indicazione dei flussi in entrata ed in uscita H. ESCLUSIONI E LORO MOTIVAZIONI Nessuna esclusione. I. CONFINI TEMPORALI L anno di riferimento per il calcolo della CFP è il J. DESCRIZIONE DEI DATI PRIMARI E SECONDARI Per questo studio di LCA si utilizzano dati specifici (dati primari) per i processi che riguardano le fasi di lavorazione interne (core process). Per i processi a monte, si utilizzano dati primari forniti dal produttore della materia prima e per integrazione dati settoriali del database per LCA Ecoinvent 2.2. e alcuni dati di letteratura. Per quanto concerne i processi di downstream, essendo questa analisi effettuata su una produzione pilota sperimentale e non ancora a regime, i dati sono secondari, in quanto fanno riferimento ad uno scenario di distribuzione e smaltimento del prodotto. 9/17

10 Il metodo utilizzato per la valutazione d impatto nel software Simapro 7.3 è IPPC 2007 GWP 100a per la quantificazione della carbon footprint. L'analisi di incertezza è stata calcolato con la Monte Carlo Analysis. I dati sono stati raccolti ed elaborati secondo i criteri di rilevanza, completezza, consistenza, coerenza, accuratezza e trasparenza richiesti dalla ISO/TS e secondo i criteri temporali e geografici definiti. Fase Materie prime Trasporto materie prime Produzione Processo considerato Qualità dato inventario Fonte Mater-Bi omissis EPD 2012 Registration number: S-P (3) Ecoinvent, Printing color, Inchiostro omissis Offset, 47.5% solvent, at plant (4) Trasporto con camion Ecoinvent, Transport, lorry 16-32t, EURO3/RER U(4) Trasporto con camion Ecoinvent, Transport Daily van<3.5t/rer U (4) Ecoinvent, Electricity, Energia elettrica 1 medium voltage, at grid/it U (4) Gas refrigerante R407C Ecoinvent, Refrigerant, at plant/rer U(4) Gas refrigerante R410A Secondario Ecoinvent, Refrigerant, at plant/rer U(4) GWP R407C Secondario ISO 14067_Appendice (6) GWP R410A Secondario ISO 14067_Appendice (6) Acqua per processo Gasolio Combustione gasolio Ecoinvent, Tap water, at user/rer U (4) Diesel, at regional storage/rer U(4) IPCC Volume 2: Energy, Chapter 3: Mobile Combustion (5) Qualità dato FE Fonte poco Imballaggi materie prime cartone Ecoinvent, Corrugated board, recycled fibre, single wall, at plant/rer U (4) 1Per lo stabilimento di Palazzo il dato è sito specifico, per quello di Ospedalicchio invece il consumo è stato determinato sulla base delle potenze dei macchinari impiegati e del tempo necessario per la produzione di un sacchetto; in questo caso pertanto il dato è secondario 10/17

11 Imballaggi materie prime film plastico Imballaggio materie prime plastica Imballaggio materie prime: latta Ecoinvent, Packaging film, LDPE, at plant/rer U (4) Polyethylene, LDPE, granulate, at plant/rer U (4) Ecoinvent, Tin, at regional storage/rer U (4) Trasporto bobine film estruso Ecoinvent, Transport van<3.5t/rer U (4) Trasporto rifiuti Primario Ecoinvent, Transport, lorry t, EURO3/RER U (4) Rifiuti: cartone Primario Ecoinvent, Recycling Cardboard/RER U(4) Rifiuti: plastica Rifiuti: imballaggio inchiostro Primario Primario Ecoinvent, Recycling Mixed Plastics/RER U(4) Ecoinvent, Disposal, paint remains, 0% water to Hazardous Waste Inceneration/RER U (4) Trasporto interno scarto fustellatura Ecoinvent, Transport van<3.5t/rer U (4) Trasporto Centro di distribuzione Secondario 1 Ecoinvent, Transport van<3.5t/rer U (4) Distribuzione, uso e fine vita Trasporto ai punti vendita Rifiuti: cartone Rifiuti: plastica Discarica indifferenziata Secondario Secondario Secondario Secondario Ecoinvent, Transport, lorry t, EURO3/RER U (4) Ecoinvent, Recycling Cardboard/RER U(4) Ecoinvent, Recycling Mixed Plastics/RER U(4) Ecoinvent, Disposal, Municipal solid waste 22.9% water, to municipal inceneration/rer U (4) Compostaggio Secondario Ecoinvent, Compost, at plant/rer U (4) Tabella 3: Qualità del dato 1 Si tratta di una proiezione di distribuzione, in quanto la produzione del sacchetto biodegradabile compostabile è sperimentale. I dati relativi a questa fase sono pertanto considerati secondari. 11/17

12 K. RISULTATI DELL INVENTARIO DEL CICLO DI VITA IN UNITA DI CO2e PER UNITA FUNZIONALE DI SISTEMA PRODOTTO CHE INCLUDA TUTTE LE EMISSIONI DI GAS SERRA La valutazione dell'impatto è stata calcolata con il software SimaPro 7.3 applicando il metodo IPPC 2007 GWP 100a, version Un sacchetto biodegradabile e compostabile ha un valore di carbon footprint pari a kg CO2e. L. EMISSIONI E RIMOZIONI DI GHG COLLEGATE ALLE FASI DEL CICLO DI VITA IN CUI AVVENGONO INCLUSO IL CONTRIBUTO RELATIVO ED ASSOLUTO DI CIASCUNA FASE DEL CICLO DI VITA L.1 Contributo processi Le varie fasi del ciclo di vita contribuiscono all impatto complessivo come illustrato di seguito. Unità Upstream process Core process Downstream process Totale kg CO2e 8.736E E E E-2 % Tabella 4: Distribuzione impatto per macro-fasi Si nota che i processi upstream costituiscono oltre il 70% della carbon footprint del sacchetto biodegradabile e compostabile. Il dettaglio dei processi in upstream è il seguente: Unità Refrigeranti Mater-Bi Inchiostro Trasporto materie prime Imballaggi Totale kg CO2e 2.24E E E E E E-03 % Tabella 5: Distribuzione impatto upstream process 12/17

13 Passando alla fase della stampa e produzione sacchetti si nota che anche in questo caso i consumi elettrici abbiano un impatto molto elevato maggiore del 73%; gli imballaggi (cartone anima rotolo sacchetti, cartone imballaggio, stretch, tanica inchiostro) incidono per il 28.59%. Tale impatto è ridotto considerando il riciclaggio di cartone e plastica. Passando al core process, si nota che i consumi elettrici contribuiscono per la quasi totalità dell impatto. Unità Elettricità Combustione gasolio Acqua Perdite refrigeranti Logistica interna Totale kg CO2e 2.28E E E E E E-03 % Tabella 6: Distribuzione impatto core process M. O, P, Q, EMISSIONI E RIMOZIONI DI GHG DA FONTI DI CARBONIO, DA FONTI DI CARBONIO BIOGENICO, DA LUC, DA TRASPORTO AEREO Per la quantificazione della CFP vengono considerati tutti i tipi di GHG con il rispettivo GWP, non solo CO2. Nella tabella seguente sono elencate le componenti specifiche della Carbon Footprint. Per ognuna viene riportato il contributo alla CFP totale in termini di valore assoluto. Le rimozioni di GHG sono pari a zero. Il contributo di CO2 da fonti fossili alla CFP totale è di 3.31 gco2, mentre quello da fonti biogeniche è pari 1.44 gco2. Tali valori sono calcolati con l ausilio di Simapro. Il Mater-Bi non è stato inserito in tale suddivisione non essendo indicata nell EPD la quota di carbone biogenico. Componente Fossil carbon Biogenic carbon dluc Soil carbon change Contributo (valore assoluto) 3.31 gco gco2 non significativo non significativo From aircraft transportation 0 % 13/17

14 Tabella 7: Contributo componenti specifiche CFP R. INTERPRETAZIONE DEI RISULTATI (ANALISI DI SENSITIVITA ED INCERTEZZA), INCLUSE CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI R.1 Analisi di incertezza del risultato totale con analisi di Monte Carlo Con l ausilio del software Simapro è stata eseguita un analisi di Monte Carlo per determinare l incertezza del valore complessivo della carbon footprint del sacchetto. Questo valore di incertezza è l insieme delle incertezze proprie dei singoli dati utilizzati per comporre la CFP. Figura 4: Risultato dell'analisi di Monte Carlo Dall'analisi di incertezza risulta che la CFP ha un valore di media pari a kgco2e, una mediana di kgco2e e una deviazione standard di kgco2e. Il coefficiente di variazione è pari al 2.99%. R.2 Analisi di sensitività Non eseguita in quanto non necessaria. 14/17

15 R.3 Interpretazione I risultati mostrano che nel sacchetto biodegradabile, considerando uno scenario cradleto-grave, l'impatto maggiore sul clima è dovuto all'utilizzo di Mater-Bi ed al consumo di energia elettrica. R.4 Conclusioni e raccomandazioni Trattandosi di progetto pilota sperimentale si sono ancora margini di miglioramento, una volta che la produzione e distribuzione saranno a regime. RACCOMANDAZIONI PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT Si raccomanda di ricordare che la CFP è un singolo indicatore e non può rappresentare da solo l impatto ambientale complessivo di un prodotto. 15/17

16 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI PROCESSI DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO CHE DESCRIVANO I CONFINI DEL SISTEMA ED IL CONTRIBUTO ALLA CFP Figura 5 Ripartizione CFP per macrofasi cradle to grave 16/17

17 GLOSSARIO CFP: Abbreviazione usata per carbon footprint di prodotto, ovvero l impronta climatica di un prodotto. CO2e: I CO2 equivalenti sono la base comune per esprimere l'impatto legato alle emissioni di diversi gas ad effetto serra oltre all'anidride carbonica. La conversione dei singoli GHG in CO2e si effettua per moltiplicazione con il loro valore di GWP. GHG: I GHG (Greenhouse Gases), gas ad effetto serra, sono secondo la Convenzione di Rio sui cambiamenti climatici, i gas di origine naturali o prodotti da attività umane, che fanno parte dell atmosfera e assorbono e riflettono i raggi infrarossi. In accordo a quanto riportato nel IV Rapporto IPCC e contenuto nell allegato II della Direttiva 2003/87/CE e nel D.Lgs. 216/2006 sono da considerarsi tali: Biossido di carbonio (CO2), Metano (CH4), Protossido di azoto (N2O), Idrofluorocarburi (HFC), Perfluorocarburi (PFC) e Esafluoruro di zolfo (SF6). GWP: Il GWP è un indice che rappresenta il contributo di un determinato gas all effetto serra, rispetto a quello caratteristico della CO2, il cui valore di GWP è pari a 1. LCA: La metodologia di Life Cycle Assessment (LCA), ovvero l analisi del ciclo di vita, valuta l impatto di un prodotto in tutto il suo ciclo di vita, dalla culla (estrazione delle materie prime) alla tomba (smaltimento finale del prodotto). 17/17

EXTERNAL COMMUNICATION REPORT

EXTERNAL COMMUNICATION REPORT EXTERNAL COMMUNICATION REPORT A.R. ALIMENTARE S.P.A. CFP ECR 013-A01 CARBON FOOTPRINT PER PIZZA SORRENTO 4 FORMAGGI 120G DI A.R. ALIMENTARE S.P.A. 20 marzo 2013 INDICE INTRODUZIONE... 4 CONTENUTI... 4

Dettagli

CompostLabel POLYCART S.P.A. www.polycart.eu. la collaborazione con Green Innovation, l accordo volontario con il Ministero dell Ambiente

CompostLabel POLYCART S.P.A. www.polycart.eu. la collaborazione con Green Innovation, l accordo volontario con il Ministero dell Ambiente POLYCART S.P.A. www.polycart.eu CompostLabel CFP e riduzione delle emissioni l esperienza Polycart, la collaborazione con Green Innovation, l accordo volontario con il Ministero dell Ambiente Cos è CompostLabel

Dettagli

ISO/TS 14067:2013 EXTERNAL COMUNICATION REPORT EXT CFP STUDY REPORT N CFP/SR-01-14 - RID

ISO/TS 14067:2013 EXTERNAL COMUNICATION REPORT EXT CFP STUDY REPORT N CFP/SR-01-14 - RID ETERNAL COMUNICATION ET CFP STUDY N CFP/SR-01-14 - RID Curatore della dichiarazione Il presente CFP External Communication Report è basato sul CFP Study Report N CFP/SR- 01-14 del 04/11/2014 relativo al

Dettagli

Analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti Consumabili di Stampa. Rigenerati destinati alla vendita al consumatore finale.

Analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti Consumabili di Stampa. Rigenerati destinati alla vendita al consumatore finale. Analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti Consumabili di Stampa Rigenerati destinati alla vendita al consumatore finale. A. INFORMAZIONI GENERALI E CONTATTI Denominazione Azienda

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 PASTA FORMA OK LE ELICHE Analisi dell impronta del prodotto Le Eliche, la pasta della linea Forma OK di Ipafood S.r.l. Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CARBON FOOTPRINT

Dettagli

External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2

External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2 Via Cesare Battisti, 80-24060 Telgate (BG) External Communication Report dell insalatina novella in sacchetti formato da 90 g X 2 secondo la ISO-TS 14067 Analisi dell impronta di carbonio nella filiera

Dettagli

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO STANDARD ISO/TS 14067 LINEA CIALDE BELL CAFFÈ EXTERNAL COMMUNICATION REPORT REVISIONE DATA EMISSIONE MODIFICHE REDATTO DA 0 31/10/2014 Prima emissione AzzeroCO2 1 10/11/2014

Dettagli

S.I.D.E.A. ITALIA Srl Via di Serravalle, 1/3/5 50065 Molino del Piano (FI) www.sideaitalia.com. Rev. 2 del 09/12/14

S.I.D.E.A. ITALIA Srl Via di Serravalle, 1/3/5 50065 Molino del Piano (FI) www.sideaitalia.com. Rev. 2 del 09/12/14 S.I.D.E.A. ITALIA Srl Via di Serravalle, 1/3/5 50065 Molino del Piano (FI) www.sideaitalia.com Rev. 2 del 09/12/14 CF External Communication Report rev. 2 del 09/12/14 S.I.D.E.A. ITALIA Srl Via di Serravalle,

Dettagli

Aldo Iacomelli E-Cube srl. Presentazione dell analisi e del calcolo della Carbon Footprint dei chiusini KIO

Aldo Iacomelli E-Cube srl. Presentazione dell analisi e del calcolo della Carbon Footprint dei chiusini KIO Aldo Iacomelli E-Cube srl Presentazione dell analisi e del calcolo della Carbon Footprint dei chiusini KIO COSA ABBIAMO FATTO Fornitura dati Carbon footprint di prodotto Certificazione ISO (TS) 14067:2013

Dettagli

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO PER IL

CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO PER IL CARBON FOOTPRINT DI PRODOTTO PER IL SETTORE BEVERAGE REPORT RIASSUNTIVO DELLO STUDIO Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. EXTERNAL COMMUNICATION

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. project 2013

CARBON FOOTPRINT. project 2013 1 descrizione del progetto La decisione di partecipare al bando del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra

La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra La valutazione del Carbon Footprint del cuoio: Il caso della lavorazione delle pelli ovine nel Distretto di Solofra Biagio Naviglio a, Massimiliano Fabbricino b, Anna Cozzolino b a. Stazione Sperimentale

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Spinaci Cubello Foglia Più 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Carbon Footprint di un organizzazione

Carbon Footprint di un organizzazione CHE COSA E LA CARBON FOOTPRINT? La Carbon Footprint misura il contributo che le attività umane producono sull effetto serra, espresso in tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO 2 eq). Il tema

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org

PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org PARTNERSHIP LOCALE PER LA PROTEZIONE DEL CLIMA Guida all utilizzo del Greenhouse Gas Protocol Tool www.ghgprotocol.org 1 Questo documento è stato realizzato nell ambito del progetto LIFE07ENV/IT/000357

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

I risultati ottenuti, mostrati nella tabella seguente, hanno evidenziato chiaramente le migliori prestazioni ambientali della nuova confezione:

I risultati ottenuti, mostrati nella tabella seguente, hanno evidenziato chiaramente le migliori prestazioni ambientali della nuova confezione: Con la nuova linea di omogeneizzati Sapori di Natura, Plasmon rinnova il suo storico impegno per la buona crescita del tuo bambino, non solo garantendo i migliori alimenti per la sua dieta, ma anche contribuendo

Dettagli

dalla carbon footprint all ecoprogettazione

dalla carbon footprint all ecoprogettazione Verso gli imballaggi alimentari del futuro: dalla carbon footprint all ecoprogettazione Calcolo del Carbon Footprint relativo a vaschette per alimenti freschi in materiale polimerico Progetto co finanziato

Dettagli

- Edizione Agosto 2014 - 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3. 2. Standard di riferimento... 4

- Edizione Agosto 2014 - 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3. 2. Standard di riferimento... 4 - Edizione Agosto 2014 - Indice generale 1. Descrizione del Prodotto: il Vino Nobile di Montepulciano DOCG... 3 2. Standard di riferimento... 4 3. Categoria di Prodotto... 4 4. Metodologia d'analisi...

Dettagli

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0

Carbon Footprint. A. Contin - Gestione Ambientale VII - 0 Carbon Footprint VII - 0 Gestione delle emissioni di gas serra Settore cogente Settore volontario VII - 1 L impronta climatica Carbon Footprint Carbon Footprint di di azienda azienda Carbon Footprint di

Dettagli

CFP External Communication Report

CFP External Communication Report CFP External Communication Report Novembre, 2014 Progetto co-finanziato dal Ministero dell'ambiente e della Tutela e del Territorio e del Mare nell ambito del Programma per la valutazione dell impronta

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale

Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Il nostro Impegno per la sostenibilità Ambientale Impronta Ambientale Siamo tra le 95 imprese italiane selezionate per l analisi dell impronta di carbonio nel ciclo di vita dei prodotti di largo consumo.

Dettagli

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A.

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A. ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO DI GRAPPE PRODOTTE DA DISTILLERIE BONOLLO UMBERTO S.p.A. Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Dr.ssa Marta Beggio

Dettagli

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO Estrapolato dal bilancio di sostenibilità 2013 IL PROGETTO CARBON FOOTPRINT LA DESCRIZIONE DEL PROGETTO La partecipazione al bando per l accesso al finanziamento (ai sensi del D.M. 468 del 19.05.2011)

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI

LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI LCA DEL SISTEMA RICICLO: RICICLO vs SMALTIMENTO, MONOUSO RICICLABILI vs LAVABILI 28/10/2014 Duccio Bianchi, Ambiente Italia Ambiente Italia, istituto indipendente di analisi e ricerca ambientale, ha analizzato

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2012 2012 Energia elettrica 143 143 Metano 15.195 1.515 16.709 Gasolio 1.901 361 2.263 Climatizzazione - - Totale 17.096 143 1.876 19.115 Auto aziendali - NLT (Noleggio Lungo

Dettagli

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA

ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA ANALISI DELL IMPRONTA DI CARBONIO (CARBON FOOTPRINT OF PRODUCT CFP) DI TRE PRODOTTI DELL INDUSTRIA CONSERVIERA EXTERNAL COMMUNICATION REPORT Committente Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente

Dettagli

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI

LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI LA CARBON FOOT PRINT NEL MONDO DELL OLIO EXTRAVERGINE: LA CASE HISTORY MONINI Temi della presentazione 1. Politica Ambientale e Certificazioni 2. Studio LCA sui prodotti Olio Extra Vergine di Oliva 3.

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

Impatto del riciclo sulla sostenibilità ambientale dei prodotti: uno studio di LCA su carta grafica e imballaggio

Impatto del riciclo sulla sostenibilità ambientale dei prodotti: uno studio di LCA su carta grafica e imballaggio INNOVHUB - STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Carta Daniele Bussini Impatto del riciclo sulla sostenibilità ambientale dei prodotti: uno studio di LCA su carta grafica e imballaggio Milano,

Dettagli

Carbon Footprint Study Report

Carbon Footprint Study Report Carbon Footprint Study Report Carbon Footprint Analysis: Parmigiano Reggiano DOP Made by Caseificio Caramasche Soc. Coop. September 2014 1 Indice 1. Introduzione...5 Definizione della Carbon Footprint

Dettagli

PRODUCT CARBON FOOTPRINT RAPPORTO DI VERIFICA PRODOTTO: 02 Febbraio 2015. TÜV Italia Srl Via Giosuè Carducci 125. 20099 Sesto San Giovanni (MI) Italy

PRODUCT CARBON FOOTPRINT RAPPORTO DI VERIFICA PRODOTTO: 02 Febbraio 2015. TÜV Italia Srl Via Giosuè Carducci 125. 20099 Sesto San Giovanni (MI) Italy PRODUCT CARBON FOOTPRINT RAPPORTO DI VERIFICA AZIENDA: CASEIFICIO CARAMASCHE PRODOTTO: PARMIGIANO REGGIANO DOP RAPPORTO NO. IS-PCF-247069 02 Febbraio 2015 TÜV Italia Srl Via Giosuè Carducci 125 20099 Sesto

Dettagli

Cambiamento climatico. EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione?

Cambiamento climatico. EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione? Cambiamento climatico EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione? La sostituzione dei CFC! Un ruolo chiave è stato quello degli idrofluorocarburi (HFC) I CFC,

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

26 th Winter Universiade Trentino 2013 with "Zero Emissions"

26 th Winter Universiade Trentino 2013 with Zero Emissions Research and innovation project 26 th Winter Universiade Trentino 2013 with "Zero Emissions" prof. ing. Maurizio Fauri ing. Matteo Manica ing. Antonio Visentin November 2013 1 FINALITÀ E ARTICOLAZIONE

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy

La gestione del Carbon Footprint a livello di organizzazione: competitività di impresa nella low-carbon economy Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Prof. Antonio Scipioni Ing. Alessandro Manzardo

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment)

Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Sistemi di riscaldamento domestico a biomassa: applicazione della metodologia LCA (Life Cycle Assessment) Dr. Daniele Cespi Dr. Fabrizio Passarini Dr. Luca Ciacci Dr. Ivano Vassura Prof. Luciano Morselli

Dettagli

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche

Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche Kick off meeting Progetto VIS Vivaismo Sostenibile Analisi ambientale ed economica delle produzioni vivaistiche F. P. Nicese G. Lazzerini Attività previste Task 1 Razionalizzazione dell irrigazione e della

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato

La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato La Certificazione della sostenibilità a supporto dell integrato Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea - CCPB srl Bologna fpiva@ccpb.it ggarcea@ccpb.it Chi Siamo Bologna 1988 Bologna 2004 Certificazione Prodotti

Dettagli

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS

Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS FEDERCHIMICA - 15 MARZO 2011-5 workshop T.A.C.E.C. Come risparmiare energia in un processo produttivo: l esempio dell ANALISI DEL CICLO DI VITA DELL EPS Ing. Marco Piana ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE

Dettagli

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna

Alma Mater Studiorum Universita di Bologna Ecomondo Rimini, 4 Novembre 2010 Valutazione di sostenibilità di tecnologie: quale ruolo per l'lca? LCA di sistemi energetici per la produzione di energia da biomasse: come affrontare il problema dell

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

GreenBoxX & GreenTray

GreenBoxX & GreenTray DICHIARAZIONE AMBIENTALE DI PRODOTTO PER GreenBoxX & GreenTray SCATOLE E VASSOI IN CARTONE ONDULATO CPC CODE: 32153 REVISIONE 1 DEL 13-02-2012 CONVALIDA N. S-P-00221 VALIDA FINO AL 10/1/2014 PRESENTAZIONE

Dettagli

www.eambiente.it www.eenergia.info

www.eambiente.it www.eenergia.info www.eambiente.it www.eenergia.info Progetto CARBOMARK Monitoraggio delle emissioni e metodi di approccio al mercato Dr. Federico Balzan eambiente srl Castellavazzo, 21 marzo 2011 LCA Come si crea l eccellenza

Dettagli

EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA. I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l energia primaria

EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA. I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l energia primaria ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA CO M M I S S I O N E E N E R G I A E I M P I A N T I EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l

Dettagli

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI AMBIENTE ITALIA IN SINTESI Ambiente Italia è un azienda

Dettagli

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067

La gestione del Carbon Footprint di Prodotto: il processo di normazione ISO 14067 Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Ing. Alessandro Manzardo alessandro.manzardo@unipd.it

Dettagli

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta

Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Consumi energetici ed impronta carbonica della mela nella fase di post-raccolta Zanotelli D 1, Ciarapica F 1-2, Fadanelli L 3, Mazzetto F 1, Tagliavini M 1 1. Facoltà di Scienze e Tecnologie, Libera Università

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint

Strumenti per ottimizzare i processi e valorizzare i prodotti. Life-Cycle Assessment e ISO 14064 per la gestione del Carbon Footprint Centro Studi Qualità Ambiente c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova tel +39 049 8275539/5536 www.cesqa.it cesqa@unipd.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore:

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Carbon Reduction and Forestry LA CERTIFICAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE Dott. Marco Ugolini 29 Maggio 2014 Bologna PRESENTAZIONE SOCIETARIA DALL AUTOCONTROLLO ALLE CERTIFICAZIONI VOLONTARIE 29 Maggio

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL

Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL Dichiarazione Ambientale di Prodotto Scatole in Cartone Ondulato CPC CODE: 32153 REVISIONE 0 DEL 15-10-2012 CONVALIDA N. S-P-00368 VALIDA FINO AL L Azienda L Azienda 1 Lean Six Sigma : Combining Six Sigma

Dettagli

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality

Metodologie e vantaggi. Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality GLI STRUMENTI VOLONTARI DI RENDICONTAZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS A EFFETTO SERRA (GHG) Lo standard ISO 14064 Metodologie e vantaggi Ing. Matteo Locati Responsabile Servizi Sostenibilità Certiquality VERSO

Dettagli

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint

Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Alessandra Fusi, Riccardo Guidetti alessandra.fusi@unimi.it Analisi del ciclo di vita della mela in busta: carbon footprint Introduzione all analisi LCA La metodologia LCA è definita come il procedimento

Dettagli

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM

La Gestione del Carbon Footprint in ottica di Filiera L esperienza di PALM Centro Studi Qualità Ambiente Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università di Padova 049 8275536-9 www.cesqa.it Responsabile: Prof. Antonio Scipioni Relatore: Ing. Filippo Zuliani filippo.zuliani@unipd.it

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA

APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA IL RECUPERO ENERGETICO NELLA FILIERA DI PRODUZIONE DEL COMPENSATO - APPLICAZIONI DELLA METODOLOGIA LCA G.L. Baldo*, M. Marino*; S. Rossi*; x ** *Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it

Dettagli

Sostenibilità, Carbon Footprint e Environmental Product Declaration dei materiali da costruzione

Sostenibilità, Carbon Footprint e Environmental Product Declaration dei materiali da costruzione Sostenibilità, Carbon Footprint e Environmental Product Declaration dei materiali da costruzione Cos è la Sostenibilità Il concetto di sostenibilità è stato enunciato per la prima volta nel 1987 nel rapporto

Dettagli

Salcheto fase II riduzione delle emissioni. Fase 2: Individuazione delle possibili misure da attuare per la riduzione delle emissioni.

Salcheto fase II riduzione delle emissioni. Fase 2: Individuazione delle possibili misure da attuare per la riduzione delle emissioni. Salcheto fase II riduzione delle emissioni Fase 2: Individuazione delle possibili misure da attuare per la riduzione delle emissioni. Individuazione delle principali fonti di emissione Salcheto fase II

Dettagli

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA Dichiarazione Ambientale di prodotto delle UOVA FResCHE DA AGRICOLTURA BIOLOGICA CPC code Revisione n. Registrazione n. Valida fino al Anno di riferimento dei dati Area geografica di riferimento 030 Hen

Dettagli

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio

Progetto CARBOMARK. Ruolo delle imprese nel mercato volontario del carbonio Progetto Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Asiago, 29 settembre 2010 COGENTE: La direttiva europea 2003/87/CE istituisce il sistema europeo di scambio delle quote di emissione dei gas-serra

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI

ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Università degli Studi di Trento Dipartimento di Ingegneria Industriale ANALISI DEL CICLO DI VITA (LCA) DI STOVIGLIE PER USI ALIMENTARI Relazione riassuntiva risultati del progetto OBIETTIVI DEL LAVORO

Dettagli

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti

Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti Il primo EPD Process certificato per i tessuti-non-tessuti comunicare dati ambientali oggettivi, accurati e scientificamente dimostrati sui propri prodotti; monitorare gli impatti ambientali connessi

Dettagli

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ DICHIARAZIONE DI VERIFICA (ISO 14064-3) 23 febbraio 2015 Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla

Dettagli

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS)

APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) 1 ANALISI LCA APPLICATA ALLA PRODUZIONE DEL POLISTIRENE ESPANSO SINTERIZZATO (EPS) Presentazione del progetto e dei risultati principali Life Cycle Engineering, Torino 2005 Life Cycle Engineering: Chi

Dettagli

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY

Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare EXECUTIVE SUMMARY Life Cycle Assessment (LCA) comparativo di stoviglie per uso alimentare Piatti monouso in PP, PS, PLA, polpa di cellulosa e piatti riutilizzabili in porcellana Bicchieri monouso in PP, PS, PLA, cartoncino

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio

Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio Esperienza metodologica: servizio di gestione mense scolastiche Scuola elementare "G.Bombonati" di Ferrara Applicazione dell'lca Ferrara, 5 maggio 2004 Nicola Praderio L Analisi del Ciclo di Vita L Analisi

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto Il ruolo delle aziende interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 6 luglio 2010 La certificazione volontaria dei sistemi di gestione

Dettagli

Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi R A P P O R T O 2 0 1 0

Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi R A P P O R T O 2 0 1 0 R A P P O R T O 2 0 1 0 Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi in collaborazione con 1 Indice dei contenuti 3 PERCHÉ QUESTO

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CARBON FOOTPRINT Rapporto 2013 15/04/2014 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITA BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione

23/11/2011. Titolo sezione 1. Agenda. La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione La certificazione ambientale di prodotto LCA & EPD: dall Analisi all Azione Laura Marchelli Barilla HSE&E Manager Agenda 1 Lo strumento LCA e i KPI utilizzati 2 Il percorso verso la sostenibilità 3 Obiettivi

Dettagli

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment)

L analisi del ciclo di vita (Life Cycle Assessment) Progetto SISTER Finanziamento Regione Toscana DOCUP Ob. 2 Anni 2000-2006 Azione 2.8.4. Potenziamento del sistema regionale di servizi telematici e di comunicazione per le PMI L analisi del ciclo di vita

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Servizi per la sostenibilità

Servizi per la sostenibilità Servizi per la sostenibilità Servizi per la sostenibilità Analisi del ciclo di vita o LCA (Life Cycle Assessment) Carbon Footprint di prodotto o impronta di carbonio Water Footprint Inventario delle emissioni

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2014

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2014 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2014 24/03/2015 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITÀ BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

Gli impegni ambientali di BTicino

Gli impegni ambientali di BTicino i Presso la Vostra consueta Agenzia Commerciale. Sito: Questo documento si basa sulla norma ISO 14020 relativa ai principi generali delle dichiarazioni ambientali e sul rapporto tecnico ISO TR/14025 relativo

Dettagli

ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO 14064-1:2012

ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO 14064-1:2012 ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO 14064-1:2012 Organizzazione: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FOLGARIA Anno

Dettagli

Carbon footprint: stato dell arte del lavoro della RRN sulla stima degli impatti sulle emissioni a livello di azienda agricola

Carbon footprint: stato dell arte del lavoro della RRN sulla stima degli impatti sulle emissioni a livello di azienda agricola Carbon footprint: stato dell arte del lavoro della RRN sulla stima degli impatti sulle emissioni a livello di azienda agricola Luogo e data Roma, 13/03/2014 Federico Chiani Motivazioni alla base del progetto

Dettagli

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti

1. Calcolo delle emissioni climalteranti nel settore trattamento rifiuti ALLEGATO B PAES Rosignano M.mo NB. I valori riportati nel presente documento sono espressi in termini di CO 2eq Il Covenant of Mayors tiene conto delle emissioni di CO 2 legate ai consumi energetici dei

Dettagli

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA

Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Progetto di riforestazione TERRA TERZO MONDO ETHIOPIA Perché riforestazione? Il Protocollo di kyoto Accordo internazionale firmato a Rio de Janeiro nel 1992 durante lo storico Summit sulla Terra. Entato

Dettagli

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi

AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi AIM Magazine Pagina 1 di 6 MONOUSO O RIUSO? M. Marino, S. Rossi PREMESSA Il costante incremento dell utilizzo di materiali plastici nel settore alimentare permette innegabili vantaggi di praticità. Trascurando

Dettagli

La terra è un sistema a risorse finite

La terra è un sistema a risorse finite Energia: istruzioni per l uso Trento 13 dicembre 2005 Romano GIGLIOLI Professore ordinario di Sistemi Elettrici per l Energia UNIVERSITA DI PISA La terra è un sistema a risorse finite Per raggiungere l

Dettagli

ABAFOODS S.r.l. Consorzio Universitario di Ricerca Applicata

ABAFOODS S.r.l. Consorzio Universitario di Ricerca Applicata ABAFOODS S.r.l. Consorzio Universitario di Ricerca Applicata c/o Dipartimento di Processi Chimici dell Ingegneria Università degli Studi di Padova Via Marzolo 9, 35131 Padova Tel. + 39 49 8275539 - Fax

Dettagli

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206

Valutazione del ciclo di vita LCA. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Valutazione del ciclo di vita LCA Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Life Cycle Analysis UNI EN ISO 14040-2006: LCA è un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi energetici

Dettagli

Sustainable Cruise. LCA nel progetto Sustainable Cruise. CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo. Genova, 12 dicembre 2012

Sustainable Cruise. LCA nel progetto Sustainable Cruise. CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo. Genova, 12 dicembre 2012 Sustainable Cruise LCA nel progetto Sustainable Cruise CE.Si.S.P. Dott.ssa Michela Gallo Genova, 12 dicembre 2012 Origini e sviluppo del LCA Risalgono agli anni '60 i primi studi sull'analisi del ciclo

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli